JOURNAL STAR-ARCHITEKTEN SEHEN GRÜN L INDUSTRIA DELL OIL&GAS TRA PRESENTE E FUTURO # 09. TÜV Italia. TÜV Italia. journal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JOURNAL STAR-ARCHITEKTEN SEHEN GRÜN L INDUSTRIA DELL OIL&GAS TRA PRESENTE E FUTURO # 09. TÜV Italia. TÜV Italia. journal"

Transcript

1 TÜV Italia TÜV Italia JOURNAL journal #04 #11 NOMISMA alstom ENERGIA 30 anni a 300 all ora, dal TGV a Italo Un 2015 non così nero per il petrolio #07 #15 E.ON ecm la sicurezza sui binari della tecnologia L efficienza energetica fattore di sostenibilità e versatilità #21 far systems #14 PETROLVALVES hi tech ferroviario e sostenibilità Ricercare insieme ai clienti le soluzioni più soddisfacenti #25 trentino trasporti #18 MAX in montagna STREICHER il treno è silenzioso e wi-fi Sicurezza, qualità e programmazione # 09 # 06 IN QUESTO NUMERO: die zukunft des bauens L INDUSTRIA DELL OIL&GAS TRA PRESENTE E FUTURO STAR-ARCHITEKTEN SEHEN GRÜN

2 Indice Caro Lettore, in questo numero della rivista portiamo la tua attenzione verso un settore, quello dell energia, che incide e condiziona tutta l economia: quella dei paesi, delle aziende e dei singoli cittadini. L arena in cui l energia gioca la sua parte è globale non solo per aspetti geografici, ma proprio per la sua capacità di interconnettere e condizionare relazioni economiche, politiche, sociali ed ambientali. Essendo quello energetico un settore ampio e diversificato, abbiamo pianificato l uscita di questo numero della rivista in concomitanza con la presenza di TÜV Italia all Offshore Mediterranean Conference di Ravenna, uno dei momenti di incontro più significativi nel settore ed il focus che proponiamo è quindi sull industria del petrolio e del gas che, nonostante il progressivo sviluppo di altre fonti energetiche, rimane ancora la fonte principale per soddisfare una domanda che continua a crescere, grazie ad innovazione tecnologica da una parte e congiunture favorevoli dall altra, come spiega il Professor Tabarelli di Nomisma Energia nell articolo che apre questo numero della rivista. Un industria, quella degli idrocarburi, che storicamente si struttura sul lungo periodo, attraverso una filiera articolata e complessa che si snoda dall estrazione alla distribuzione di prodotti primari e derivati. In questa supply chain la regia è affidata a grandi gruppi internazionali, che gestiscono progetti impegnativi sia dal punto di vista tecnico che per lo sforzo economico richiesto: solo attraverso una razionalizzazione dei processi, una catena di fornitura affidabile ed una attenta gestione del rischio è possibile portare a termine gli imponenti progetti on- e off-shore presenti in tutto il mondo. In altri termini la peculiare complessità del settore è anche una grande opportunità. Secondo Max Streicher, una delle aziende operanti nelle infrastrutture per il settore Oil&Gas e per quello energetico a livello internazionale, le basi irrinunciabili su cui poggiare questo business sono: sicurezza, qualità e programmazione. Questo vale per un EPC - acronimo che sta per Engineering, Procurement and Construction - come Max Streicher, ma anche per altri fornitori della catena. PetrolValves, ad esempio, ci dimostra come le aziende La peculiare complessità del settore Oil&Gas è anche una grande opportunità per gli operatori italiane siano riuscite a costruirsi una reputazione di affidabili supplier dell Oil&Gas. Il successo, in questo contesto, è dato dall abilità dell azienda nell essere dove si fa il business: PetrolValves ci è riuscita coniugando lo sviluppo di nuovi prodotti, una maggiore flessibilità nella produzione, il potenziamento del servizio e l allargamento della rete commerciale. Se torniamo a guardare al settore in generale, vediamo come negli anni siamo passati da un obiettivo di sfruttamento delle fonti ad uno di efficienza delle stesse. E proprio questa è la direzione, intesa come fattore di competitività e di crescita, presa da E.ON, uno dei principali operatori energetici del nostro paese. E.ON si è dotata di strumenti non solo per ridurre costi e consumi, ma anche per migliorare i suoi processi e la sua competitività. Ed ecco il punto in cui TÜV Italia si inserisce come partner strategico dell industria Oil&Gas, e dove dimostra che il suo non è certo un ruolo secondario. In questo contesto, infatti, il governo ed il controllo della supply chain è fondamentale per aiutare il cliente nella determinante estrazione di valore attraverso la gestione di quella complessità, che è data dalla vastità geografica e dall eterogeneità della catena di fornitura. Esprimendoci secondo i più elevati standard, operiamo affinché il settore sia sicuro ed efficiente per chi ci lavora, per gli utilizzatori e per l ambiente. Buona lettura! Ettore Favia Amministratore Delegato TÜV Italia TÜV Italia Journal #09 FOCUS #04 #07 #14 #18 Un 2015 non così nero per il petrolio E.ON: L efficienza energetica fattore di sostenibilità e competitività PetrolValves: ricercare insieme ai clienti le soluzioni più soddisfacenti Max Streicher: sicurezza, qualità e programmazione EDITORE E PROPRIETARIO: TÜV Italia Srl Via G. Carducci, 125 pal Sesto San Giovanni (MI) DIRETTORE RESPONSABILE: Emilia Pistone - TÜV Italia Srl NEWS #12 #12 #13 #13 #24 #24 #25 Certificazione di servizio per Automobili Lamborghini Consegnata a SACE S.p.A. la relazione pubblica di verifica del Bilancio di Sostenibilità 2013 Un poker di certificazioni per PosteMobile Nuovi accreditamenti INMETRO A Ducati Motor Holding la certificazione ISO Meeting degli auditor dei Sistemi di Gestione 150 anni fa il big bang per il TÜV REDAZIONE E IMPAGINAZIONE: TÜV Italia Srl Via G. Carducci, 125 pal Sesto San Giovanni (MI) Supervisione generale: Emilia Pistone. Copie, inclusi gli estratti, solo su concessione dell editore. La parola.. a.. TUV SUD #26 Energia dalla luna: è possibile? IMMAGINI: Fotolia (7), TÜV SÜD (25), Illustration LULU (26, 27) - Copertina: Getty Images TIPOGRAFIA: Gam Edit Srl - Via Aldo Moro, Curno (BG) 2 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 3

3 Un 2015 non così nero PREZZI DEL PETROLIO NEGLI USA: MEDIE ANNUE, $ 2015 per il petrolio Una prospettiva ottimistica per il settore secondo Davide Tabarelli, Presidente di Nomisma Energia, grazie ad innovazione, efficienza, ed una serie di congiunture favorevoli. Una delle poche cose certe del mercato del petrolio è l instabilità delle sue quotazioni. A fine 2014 e inizio 2015 se n è avuta evidente conferma, con un crollo del prezzo del 50% a meno di 60 dollari per barile, dopo quasi 4 anni di stabilità sopra i 110 dollari per barile. L industria del petrolio e del gas, meglio degli idrocarburi, è un industria di lungo termine, dove gli investimenti durano decenni, con pozzi che costruiti negli anni 50, ancora oggi sono in produzione. La visione deve essere necessariamente di lungo termine, almeno oltre i 15 anni, soglia che, nell attuale contesto dominato dalla finanza del breve termine, sembra un eternità. Era solo il 1998 quando i prezzi crollarono sotto i 10 dollari e l industria sembrava destinata ad affogare, letteralmente sparire, in un mare di petrolio. Fu lì che venne innescata la più profonda ristrutturazione della sua lunga storia, prima con l acquisizione di Amoco da parte di BP nell agosto 1998, poi con le fusioni di Exxon e Mobil e di Total Petrofina a dicembre dello stesso anno. L industria petrolifera invertiva in parte la frantumazione voluta dalla Corte Suprema USA nel 1911 della Standard Oil of New Jersey di Rockefeller, che aveva dato vita a diverse società petrolifere, fra cui le maggiori erano Exxon, Mobil, Amoco e Chevron. In questi giorni ci si chiede se una simile ondata di fusioni possa essere innescata; tuttavia, nonostante la caduta, le cose oggi non vanno così male. Con 60 dollari per barile i profitti sono ancora ben robusti e sarebbe necessario una caduta di proporzioni ben maggiori. Il trend sul lungo termine dei prezzi del greggio evidenzia la forte instabilità che caratterizza tutta la sua storia e l anomalia degli alti prezzi dell ultimo decennio. Guardando indietro, i prezzi nel 1931 furono ancora più bassi di quelli del Negli anni 20 in Texas l applicazione di nuove tecniche sismiche, con l impiego di dinamite da parte di soldati tornati dalla prima guerra mondiale, portò un tale aumento della produzione che i prezzi scesero, nel 1931, a minimi di 13 centesimi di dollaro per barile, 7 dollari al valore del Poi il rallentamento dei consumi, causato dalla grande crisi, spinse addirittura alcuni produttori a pagare chi venisse a svuotare i laghi di petrolio che i pozzi continuavano a riempire. In sostanza il prezzo era negativo. Sono passati 80 anni e i riflettori sono ancora puntati sugli USA, dove la rivoluzione del fracking ha portato un aumento di offerta che non trova paragoni con il passato. In 6 anni, fra minori consumi e maggiore produzione, gli Stati Uniti hanno ridotto le loro importazioni nette di circa 7 milioni barili giorno, più della produzione di Iran e Iraq messi insieme. È questa, assieme alla volontà dell Arabia Saudita di non ridurre la sua quota di mercato, la principale ragione del crollo del prezzo del greggio. Vi sono alcune immutabili regole nella lunga storia dell industria del petrolio e una di queste è la costante crescita della produttività portata dall innovazione nel paese, gli Stati Uniti, che più al mondo consuma petrolio. Ciò avviene con cicli tecnologi che durano decenni. La fratturazione, o fracking, combina due distinte tecnologie che sono state sviluppate parecchi anni prima. Una è la perforazione orizzontale partita negli anni 80, guarda caso dopo la caduta dei prezzi del 1986, per rendere più produttivi i giacimenti e ridurre i costi. I giacimenti convenzionali si dispiegano seguendo i movimenti della crosta terrestre che sono orizzontali. Con pozzi verticali, quelli più semplici, esaurita la pressione di un pozzo, occorre spostarsi di alcune centinaia di metri e rifarne uno nuovo. L innovazione dei pozzi orizzontali ha permesso di seguire le formazioni geologiche dei giacimenti senza dovere moltiplicare le torri e i pozzi in superficie. L altra tecnologia è la produzione assistita, o Enhanced oil recovery, che consente di spremere dalle rocce del giacimento maggiori volumi di petrolio attraverso l iniezione di altri fluidi. Questi possono essere acqua, vapore, CO 2 assieme ad altri composti, il tutto per estrarre, fatto 100 quello che c è sotto, circa il 50-60%, contro il 20-30% delle tecnologie tradizionali. Sono migliaia le imprese americane che da oltre un secolo competono per ridurre i costi, produrre di più, innovare e, insieme, formano un tessuto economico che non ha uguali al mondo. I costi di produzione negli USA da fratturazione erano stimati due anni fa oltre gli 80 dollari, ma oggi molti pozzi possono sopravvivere a lungo con prezzi anche a 40 dollari. La loro velocità di risposta impressiona: un anno fa per fare un pozzo di fracking ci volevano 44 giorni, oggi 22; dalla stessa piazzola, dove viene fatto il primo pozzo, se ne fanno molti altri. Addirittura, qualcuno ha cominciato il re-fracking, ri-fratturazione: nello stesso pozzo, dopo alcuni mesi, viene rifatto un altro passaggio, fratturando e lavando nuovamente la roccia, considerando che lentamente i pozzi tornano a riempirsi di idrocarburi presenti nelle parti immediatamente vicine. Miglioramenti di efficienza, facile accesso al mercato del credito, flessibilità, sono tutti fattori che fanno ritenere che la produzione USA impiegherà del tempo per rallentare la sua crescita e ciò allontana un recupero veloce dei prezzi verso i 100 dollari. Con la fratturazione che cattura gran parte dell attenzione, ci si dimentica di quanto sta accadendo nella produzione convenzionale, dove l innovazione tecnologica e le semplici dinamiche di mercato stanno portando anche qui altra offerta. Nuovi record sono stati battuti nelle acque profonde nel Golfo del Messico mentre l artico è la frontiera su cui si comincerà a produrre nei prossimi anni, non appena i prezzi si riprenderanno. Le riserve mondiali di gas e petrolio convenzionali non sono mai state così alte, con una durata abbondantemente oltre i 50 anni. Solo nel 1933, quando l era del petrolio stava per iniziare, le riserve mondiali accertate erano di 13 anni. Nel Medio Oriente, dove si concentra il 60% delle riserve mondiali di petrolio, le esportazioni di greggio era da anni che non fluivano così abbondanti e regolari, paradossalmente in un periodo di forte instabilità politica. L Arabia Saudita con quasi 10 milioni di barili al giorno di produzione, vuole mantenere la sua quota di mercato e non intende fare posto all Iraq che, nel frattempo, ha toccato nuovi record di produzione vicino ai 4 milioni di barili al giorno, mai raggiunti dalla fine degli anni 80, quando c era ancora Saddam Hussein. Addirittura si prospetta la fine delle sanzioni contro l Iran, dovesse andare in porto il tentativo di accordo sul nucleare. La produzione di Teheran potrebbe raddoppiare velocemente, rispetto agli attuali 2,8 milioni di barili al giorno. Un mondo pieno di petrolio è quello che 4 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 5

4 emerge nel 2015, con prezzi calanti che stanno aiutando l economia mondiale a ripartire. Così finalmente anche la domanda di petrolio riprenderà la sua crescita costante, superiore a 1 milioni di barili giorno ogni anno, come nei precedenti 50 anni. Il mondo ha bisogno di più energia, miliardi di persone tutt ora non sanno cosa sia l energia commerciale, mentre altri 2 miliardi sono in arrivo nei prossimi 40 anni e ne avranno bisogno CONSUMI MONDIALI DI ENERGIA Miliardi di tonnellate equivalenti petrolio 2014: 14,5 mld.tep 2035: 18,7 mld.tep FER Biomasse Idroelettrico Nucleare La prima fonte a copertura della domanda di energia rimane ancora il petrolio, con il 33% del totale, nonostante oltre 40 anni di tentativi di affrancare l economia mondiale, in particolare quella americana ed europea, da tale dipendenza. Non esistono facili alternative al petrolio, capace di concentrare in un volume irrisorio un enorme quantità di energia facilmente trasportabile e stoccabile. È per questo che la quasi totalità dei veicoli a motore nel mondo, usa derivati del petrolio. Se questo connubio esiste è a beneficio dei miliardi di consumatori finali, e se i loro bisogni di mobilità sono soddisfatti, lo devono in gran parte agli sviluppi che l industria del petrolio e del gas è stata in grado di attivare nella sua lunga storia. È per questo che il futuro dell industria del petrolio, a dispetto dei recenti ribassi del prezzo, ha davanti a sé un futuro garantito di crescita per molti anni a venire DAVIDE TABARELLI Economista nato nel 1960, è presidente e co-fondatore di Nomisma Energia, società privata indipendente impegnata nella ricerca e nella consulenza per il settore energetico, e in tutti gli ambiti ad esso connesso. Conseguita la laurea all Ateneo modenese con una tesi sull industria petrolifera internazionale, dopo un breve periodo di docenza presso la stessa Università, nel 1984 inizia la sua carriera professionale in Nomisma Spa, fondata nel 1982, con attività di ricerca sul settore energetico italiano e, in particolare, su quello petrolifero. Da allora tutta la sua attività si concentra su questa area, con consulenze per aziende e istituzioni energetiche nazionali e internazionali, legate principalmente all Oil&Gas. Nel 1995 è nominato assistente del Ministro dell Industria con responsabilità di supporto al Ministero dell Ambiente per le politiche volte a ridurre le emissioni di gas a effetto serra e nell attuazione di altre normative ambientali. Nella sua carriera ha avuto modo di gestire oltre 80 progetti commissionati da aziende energetiche nazionali ed internazionali. Ha affiancato all attività professionale quella accademica: è visiting professor in Economia dell Energia presso il Politecnico di Milano e presso l Università degli Studi di Bologna. È anche editorialista del maggiore quotidiano economico italiano per le questioni energetiche, ed è stato membro di diverse commissioni ministeriali come esperto in ambito energetico Carbone Gas Petrolio L efficienza energetica fattore di sostenibilità e competitività Il punto di vista di E.ON, un importante player del settore, impegnato in soluzioni che promuovono l efficienza energetica in uno scenario di mercato che cambia. O ggi gli operatori energetici si trovano ad affrontare un contesto di mercato complesso e molto diverso dallo scenario di qualche anno fa. Diversi sono i fattori che hanno contribuito a innovare e modificare significativamente questo settore: la crescita del mercato libero e l aumento della concorrenza tra i player; la crescente sensibilità nei confronti della sostenibilità, la prolungata crisi dei consumi e soprattutto la sempre più urgente esigenza dei consumatori, sia domestici che business, di ridurre gli sprechi e risparmiare in bolletta. Con una capacità installata di circa 6 GW, E.ON è uno dei principali operatori energetici in Italia, attivo nella generazione e nella vendita di energia elettrica e gas a circa clienti complessivi, offrendo soluzioni e servizi innovativi orientati all efficienza e al risparmio energetico. Soluzioni di efficienza energetica per la competitività delle imprese Per le imprese l efficienza energetica oggi rappresenta un asset importante per ridurre i consumi, e quindi i costi, contribuendo a migliorare la competitività aziendale quando si tratta di ottimizzare interi processi. E.ON da tempo è impegnata nella messa a punto di servizi e soluzioni innovative attraverso partnership di lunga durata con i propri clienti, indirizzate proprio a individuare interventi durevoli e su misura, che consentano alle aziende di rendere più efficienti i propri consumi. Si va dall audit energetico un analisi utile a mappare le 6 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 7

5 diverse forme d impiego dell energia e a individuare le opportunità di riduzione dei consumi delle imprese alla diagnosi energetica degli edifici, volta alla sostituzione delle tecnologie esistenti con le migliori presenti sul mercato; dai progetti di illuminazione efficienti, all efficient building, ai sistemi per la generazione distribuita. In particolare, operando come ESCo certificata, la società sta proseguendo le attività di sviluppo di progetti di recupero dei Certificati Bianchi, che consistono nell analizzare, misurare e dimostrare i risparmi energetici conseguiti a seguito dell adozione di nuove tecnologie. Questa è un attività di business consolidata che, anche grazie al Dlgs 102 del 4 luglio 2014, recentemente convertito in legge, che ha recepito la Direttiva europea 2012/27/EU imponendo l obbligo di audit energetici per i clienti energivori, potrà continuare a crescere nel prossimo futuro. Tutte soluzioni che consentono di ottenere significativi vantaggi in termini di ottimizzazione dei consumi e delle emissioni, riduzione dei costi energetici e semplificazioni nella gestione delle attività legate all energia. Tra le tecnologie per l energia distribuita, E.ON ha sviluppato un know-how specifico nel campo di sistemi di cogenerazione (CHP Combined Heat and Power, ovvero produzione combinata di elettricità e calore) e trigenerazione (CHCP per la produzione combinata di energia elettrica e termica). Nell ultimo anno importanti aziende attive nel nostro paese come Acqua Minerale San Benedetto, Reckitt Benckiser, Goglio e Beaulieu International hanno scelto la multinazionale energetica per l installazione e la gestione di impianti di cogenerazione presso i loro stabilimenti produttivi. La flotta termoelettrica: alto rendimento e impatto limitato sull ambiente La capacità di generazione attuale di E.ON in Italia è rappresentata da oltre 5 GW termoelettrici, 531 MW idroelettrico, grazie al nucleo di Terni e da una capacità complessiva da fonte rinnovabile (solare e eolico) per circa 379 MW. Le attività di generazione, molto performanti, possono contare su una produzione diversificata e su un contenuto impatto ambientale. Si tratta di asset chiave per garantire la sicurezza energetica in Italia che continueranno a svolgere il loro ruolo centrale anche dopo la vendita annunciata dal Gruppo lo scorso 12 gennaio della flotta termoelettrica al gruppo energetico ceco Energeticky a Průmyslovy Holding (EPH), il cui closing è previsto nel secondo trimestre del E.ON è impegnata nel miglioramento delle performance produttive e ambientali dei propri impianti. L azienda in particolare ha condotto interventi volti ad aumentare l efficienza e il rendimento dei siti produttivi da fonte tradizionale, migliorando la flessibilità degli impianti per ottenere una risposta più efficace alla richiesta di energia che viene dal mercato elettrico, con benefici per la rete e l ambiente. In particolare la centrale di Livorno Ferraris, in provincia di Vercelli, in funzione dal 2008, è stata la prima centrale realizzata da E.ON in Italia. L impianto (75% E.ON, 25% BKW) a ciclo combinato gas-vapore dalla potenza installata pari a 805 MW, rappresenta una delle centrali a gas più efficienti in Europa, con un livello di rendimento pari a circa il 57%. A fianco del territorio: l impegno per la salvaguardia della biodiversità In Italia, accanto agli interventi per migliorare l efficienza degli impianti e ridurre l impatto sull ambiente, l azienda è anche impegnata nella promozione costante di iniziative a favore delle comunità locali e dei territori circostanti, tra cui quelle mirate alla salvaguardia ambientale tramite la tutela e lo sviluppo delle aree naturali. A questo riguardo, nei pressi della centrale di Livorno Ferraris, E.ON ha realizzato un progetto di riqualificazione ambientale avviato nel 2005 insieme ad Arpa Piemonte e durato 7 anni, articolato in interventi di mitigazione e compensazione mediante la creazione di nuovi habitat naturali a favore della biodiversità e il biomonitoraggio di alcune specie faunistiche minacciate a livello europeo. Il progetto, avviato nelle zone direttamente adiacenti la centrale, e su altre in prossimità della stessa, dall area di Mulino Carotole a quella della Collina di San Pietro nel vercellese, ha interessato un totale di circa 45 ettari di terreno. Circa 20 ettari di risaia, pari a 20mila m 2, sono stati convertiti in boschi filtro, con l utilizzo esclusivo di specie arboree e arbustive autoctone, mentre gli interventi di compensazione hanno visto lo sviluppo di un articolato programma di conversione di terreni agricoli in zone umide, boschi e prati umidi con la piantumazione di oltre tra alberi e arbusti collocati a dimora, appartenenti a 35 diverse specie arboree e arbustive autoctone. Per entrambi i progetti E.ON si è fatta carico della piantumazione e dei primi cinque anni di manutenzione delle formazioni forestali. Sono state così ampliate le aree naturali di uno dei principali e più importanti siti naturali di biodiversità d Italia, la Palude di San Genuario, sito di importanza comunitaria oltre che Riserva Naturale Regionale, che ha incrementato la disponibilità di habitat a favore delle tre specie faunistiche minacciate a livello europeo e oggetto di monitoraggio (Direttiva Habitat e Uccelli) quali la testuggine palustre Emys orbicularis, la farfalla Lycaena dispar e il Botarus stellaris, raro airone anche noto come tarabuso. Il progetto di biomonitoraggio ha dato esiti positivi, mostrando un andamento demografico che consente di definire tutte e tre le specie in soddisfacente stato di conservazione a livello locale. In particolare, si è evidenziato che la testuggine ha colonizzato la nuova zona umida con un alto numero di individui, confermando così la perfetta idoneità del sito quale futuro sito riproduttivo. 8 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 9

6 APPROFONDIMENTO SUI RECENTI PROGETTI DI LIVORNO FERRARIS Due domande ad Alberto Barbieri, Capo centrale Livorno Ferraris Sulla centrale di Livorno Ferraris TÜV Italia ha rilasciato la certificazione di conformità PED per alcuni insiemi, quali il ciclo vapore e il fuel supply ed oggi svolge le verifiche periodiche sulle attrezzature da lavoro (recipienti, tubazioni e accessori di sicurezza) presenti nell impianto, per il quale sicurezza e continuità operativa sono aspetti fondamentali. In cosa consistono queste attività e cosa significa per voi potersi avvalere di un soggetto privato come TÜV Italia, quali vantaggi per E.ON? Per ogni parte soggetta a verifica, le attività consistono nel controllo della documentazione, dello stato di conservazione delle apparecchiature, delle condizioni di funzionamento, dell effettiva installazione e funzionalità degli accessori di sicurezza. Le informazioni acquisite da TÜV Italia durante le fasi di certificazione di conformità degli insiemi PED consentono di iniziare le operazioni di verifica avvalendosi di dati, documenti e informazioni sulla centrale già acquisiti, che riducono notevolmente i tempi d intervento, permettendoci di essere sempre in linea con le scadenze previste. Oltre alle attività di verifica legate alle scadenze, TÜV Italia rappresenta per noi un valido supporto nel caso in cui dovessimo effettuare installazioni, riparazioni o modifiche di apparecchiature PED. TÜV Italia inoltre ha di recente effettuato presso la nostra centrale le attività di verifica sulle apparecchiature di sollevamento. Livorno Ferraris è stata la prima centrale realizzata da E.ON in Italia nel Produce 805 MW con un alto rendimento di esercizio e lavora rispettando le rigide prescrizioni ambientali per mantenere il delicato ecosistema della zona. Ci illustra le scelte progettuali fatte per questo impianto, che permettono una sua integrazione sostenibile che soddisfa voi ed i vostri stakeholder? La nostra centrale è a ciclo combinato equipaggiata con due turbine a gas e una turbina a vapore. Grazie all uso combinato dei turbogas e della turbina a vapore l impianto può raggiungere un alto rendimento di esercizio (circa il 57%), con una conseguente emissione di gas serra relativamente bassa. I criteri di progettazione sono stati sin dall inizio molto severi dal punto di vista del rispetto delle condizioni di sicurezza di lavoro e della salvaguardia dell ambiente esterno. Basti pensare, a titolo di esempio, che anche l impatto visivo è stato oggetto di uno specifico progetto architettonico che ne ha consentito un ottimale integrazione nello scenario locale. La centrale conduce, sin da prima della sua realizzazione, campagne periodiche e regolari di monitoraggio dell aria, delle acque sotterranee e superficiali e del rumore esterno. In questi anni di esercizio, nella logica di un miglioramento continuo, si è inoltre lavorato per rafforzare ulteriormente l ottimale integrazione nell ecosistema locale. Sono stati, infatti, realizzati interventi di potenziamento dei sistemi di monitoraggio interni ed è stata ottimizzata la combustione dei turbogas per raggiungere il miglioramento delle emissioni in aria. Forte di questo approccio e del proprio sistema di Gestione Integrato Sicurezza e Ambiente, la centrale, inoltre, ha ottenuto le certificazioni secondo lo schema OHSAS (Sistema di Gestione per la Sicurezza sul lavoro) e la norma UNI EN ISO (ambiente esterno), arrivando nel 2014 a poter chiedere la registrazione secondo il Regolamento Europeo EMAS. ALBERTO BARBIERI Dopo la laurea in Ingegneria Meccanica ad indirizzo energetico conseguita al Politecnico di Milano, lavora inizialmente in una Società di Ingegneria, e poi come insegnante di materie scientifiche. Nel 1988 entra in Enel, dapprima come tecnico presso alcuni impianti nel Nord Italia, e poi in qualità di responsabile della manutenzione della Centrale di Tavazzano e Montanaso in Lombardia, di cui ricopre dal 1999 al 2002 il ruolo di Vice Capo centrale, con responsabilità per l ambiente e la sicurezza, degli appalti e del controllo di gestione. Con il passaggio dell impianto ad Endesa, nel 2002 è nominato General Project Manager con responsabilità di gestione del contratto EPC per le attività di trasformazione dell impianto stesso, ruolo che mantiene fino al Successivamente, e fino al 2008, sempre per Endesa è nominato Vice Capo Centrale dell impianto di Fiume Santo, in Sardegna, con responsabilità anche in ambito Qualità e Ambiente, tra cui in particolare l implementazione della Marcatura CE sul prodotto Coal combustion fly ashes. Nel 2008 è nominato Project Manager del progetto offshore O.L.T. Toscana per la realizzazione di un impianto galleggiante di rigassificazione al largo delle coste livornesi, ruolo che mantiene fino al 2009, mentre nel frattempo, nel 2008, avviene l acquisizione da parte di E.ON delle attività Endesa in Italia. Sempre per E.ON Produzione viene poi nominato responsabile dei servizi di ingegneria, in occasione, tra l altro, del lancio del progetto di revamping della Centrale turbogas di Trapani, collaborando anche con General Electric per la realizzazione di progetti di sviluppo congiunti. Da giugno 2012 ricopre la carica di Capo Centrale dell impianto termoelettrico di Livorno Ferraris in Piemonte, con responsabilità anche della gestione dei contratti con Siemens. Contatto: Gennaro Oliva 10 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 11

7 TÜV Italia News TÜV Italia News Certificazione di Servizio per Automobili Lamborghini In occasione di una cerimonia svoltasi presso la sede dell azienda a Sant Agata Bolognese, Ettore Favia, Amministratore Delegato di TÜV Italia ha consegnato al Presidente e AD di Automobili Lamborghini Stephan Wilkelmann, il certificato relativo alla certificazione di servizio conseguita dalla società, un progetto che nasce dalla volontà dell azienda di rendere l intervento di riparazione sulle vetture in fibra di carbonio, che Automobili Lamborghini effettua ovunque nel mondo, unico ed efficace, basandolo su requisiti particolarmente impegnativi in termini di responsabilità, tracciabilità, affidabilità, tempistica e puntualità. Questi, ed altri criteri, sono stati inseriti in un Disciplinare Tecnico Volontario di proprietà della casa automobilistica emiliana che è stato validato da TÜV Italia, e sulla base del quale l ente ha effettuato l audit di certificazione, durante il quale i tecnici di TÜV Italia hanno affiancato quelli di Lamborghini nelle attività di riparazione. Questa, come tutte le certificazioni di servizio, prevede una visita annuale di mantenimento della certificazione, che attesta il perdurare delle condizioni verificate in occasione della prima certificazione. Contatto: Stefano Bolletta Consegnata a SACE S.p.A. la relazione pubblica di verifica del Bilancio di Sostenibilità 2013 TÜV ITALIA È stata consegnata a SACE S.p.A. la relazione pubblica di verifica del Bilancio di Sostenibilità La Società, costituita nel 1977, offre servizi di export credit, assicurazione del credito, protezione degli investimenti all estero, garanzie finanziarie, cauzioni e factoring, e rappresenta un solido punto di riferimento per le imprese italiane che operano sui mercati internazionali. SACE S.p.A. oggi conta clienti attivi in 189 paesi, e nel 2013 ha erogato premi lordi pari a 399 milioni di euro e raggiunto i 345 milioni di utile netto, ricevendo dall agenzia di rating Fitch fissato in A-. news Nel 2004 SACE S.p.A. da ente pubblico diventa società per azioni, un cambiamento che ha compreso anche il suo modello di business, nel quale vengono integrati i principi di Responsabilità Sociale d Impresa (CSR), richiamati nelle linee guida internazionali dell OCSE e nei principi del suo Codice Etico, dove sono descritti i valori dell azienda. Con l esercizio 2013, per la prima volta SACE S.p.A. ha deciso di rendere pubblici i propri principi di CSR, presenti in azienda da tempo, e di redigere il Bilancio di Sostenibilità in accordo alle linee guida internazionali GRI (Global Reporting Initiative) per la rendicontazione di sostenibilità, dove sono contenute informazioni ed indicatori riguardanti l azienda in ambito economico, sociale ed ambientale. Oltre alla pubblicazione del documento, per sottolineare ulteriormente il suo desiderio di forte trasparenza, SACE S.p.A. ha aggiunto anche la pubblicazione della relazione di verifica esterna ed indipendente rilasciata dal nostro ente, inserita e parte integrante del Bilancio di Sostenibilità, relazione rilasciata da TÜV Italia a conclusione dei controlli, dove si evidenziano anche punti di forza e opportunità di miglioramento nel processo di rendicontazione. Attualmente SACE S.p.A. è impegnata nelle attività di verifica del Bilancio Sostenibilità 2014 che verrà pubblicato a breve in concomitanza con il report finanziario. Un poker di certificazioni per PosteMobile PosteMobile è l operatore mobile del Gruppo Poste Italiane, sul mercato dal 2007 sia nel segmento consumer che in quello business, che conta a oggi circa 3,3 milioni di clienti attivi grazie a un offerta che unisce convenienza nei servizi di comunicazione voce, dati e sms, con un ampia e innovativa gamma di servizi finanziari, informativi e di pagamento, fruibili mediante l associazione della SIM PosteMobile con gli strumenti di pagamento BancoPosta. Il suo distintivo posizionamento sul mercato, che capitalizza ed integra i servizi finanziari e postali di Poste Italiane, ha permesso a PosteMobile di diventare leader nel Remote Financial Service, con oltre un milione di clienti abilitati, utilizzando una tecnologia sviluppata internamente che ha ottenuto il brevetto internazionale dall European Patent Organization (EPO) di Monaco di Baviera. L azienda, che ha forti capacità di innovazione e di creare sinergie, oltre ad aver rinnovato la certificazione integrata ISO 9001 e ISO per i servizi di rete fissa, ha aggiunto due nuove certificazioni: la ISO per la gestione dei servizi basati sull Information Technology, e la ISO per la Business Continuity, uno strumento che supporta l organizzazione nella gestione dei suoi processi, anche nel caso di situazioni critiche o incidenti che potrebbero pregiudicare o interrompere l operatività aziendale. Un poker di certificazioni per PosteMobile, che in questo modo si posiziona fra le prime aziende a livello europeo con un Sistema di Gestione certificato su quattro schemi, e soprattutto la prima azienda italiana del suo settore merceologico a conseguire la certificazione ISO Durante la cerimonia di consegna dei certificati, Ettore Favia, Amministratore Delegato di TÜV Italia, nel congratularsi con PosteMobile ha sottolineato l impegno dell ente nella certificazione ISO sulla continuità operativa, in virtù dell incarico ricevuto dalla Casa Madre TÜV SUD di svolgere sul territorio europeo il coordinamento tecnico ed operativo delle attività certificative relative alla continuità operativa. Fabrizio Virtuani, Amministratore Delegato di PosteMobile, nel ricevere i certificati, ha ribadito come la certificazione della rete fissa, infrastruttura vitale per i servizi e i processi di tutto il Gruppo Poste Italiane, costituisca un valore per PosteMobile, a testimonianza del costante impegno della società nel miglioramento continuo dei processi, delle infrastrutture e degli strumenti operativi a supporto. Ha inoltre sottolineato come i benefici attesi da queste certificazioni siano il punto di partenza su cui PosteMobile evolverà i suoi servizi di Rete Fissa, in un ottica distintiva. Contatto: Stefano Bolletta Nuovi accreditamenti INMETRO per TÜV SÜD Il Brasile è un paese in forte espansione economica e quindi uno sbocco interessante per la commercializzazione di molti prodotti. Le aziende esportatrici che vogliono essere su quel mercato, ma anche i produttori locali, devono affrontare la certificazione INMETRO per poter commercializzare i loro prodotti nel paese. TÜV SÜD, già in possesso di alcuni accreditamenti INMETRO, ne ha acquisiti altri per prodotti in ambito automotive, elettromedicali e per il settore degli elettrodomestici. TÜV SÜD fornisce un supporto completo per il raggiungimento di questa certificazione, dal controllo in fabbrica alle verifiche sui prodotti, fino, nel caso di prodotti importati, alla valutazione dei requisiti del legale rappresentante del costruttore nel paese, oltre naturalmente ai test e alla certificazione. Attraverso questi nuovi accreditamenti TÜV SÜD diventa Ente di certificazione INMETRO, consentendo alla struttura del GMA (Global Market Access) presente anche in Italia, di gestire l intera pratica di certificazione e di poter emettere il certificato TÜV SÜD INMETRO senza avvalersi di alcun intermediario. Nuovo direttore della Divisione Management Service Andrea Coscia, insediatosi lo scorso dicembre in questo importante incarico, è figura nota a chi conosce l ente da qualche anno, essendo stato in passato responsabile delle attività di Sistema per l area lombarda. Quarantatre anni, ingegnere ambientale, pragmatico e determinato, gran tessitore di relazioni, l Ing. Coscia arriva in un momento nel quale la Divisione è impegnata in una razionalizzazione dell offerta servizi. Oltre al consolidamento delle attività di certificazione tradizionali, l Ente sta promuovendo lo sviluppo di attività di assessment volontari nei quali la competenza tecnica del proprio personale combinata alle specifiche esigenze del cliente può contribuire ad aggiungere valore alle aziende. In occasione della sua presentazione ai colleghi, Andrea ha riassunto quali saranno i cardini su cui svolgerà il suo mandato: Intendo puntare sul team, e i driver di crescita su cui lavorerò sono la consapevolezza, la competenza, il senso di responsabilità. TÜV Italia è un azienda che sa cogliere i segnali del mercato e per questo si sta rinnovando molto rapidamente. Nel team Management Service ho trovato persone motivate a raggiungere traguardi di eccellenza che storicamente hanno sempre caratterizzato la nostra Divisione. Auguri ad Andrea per un proficuo lavoro da parte della rivista. Contatto: Andrea Coscia Contatto: Stefano Bolletta Contatto: Angelo Polizzi 12 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 13

8 PetrolValves: Ricercare insieme ai clienti le soluzioni più soddisfacenti Questa è, secondo l esperienza di Daniele Corradi, Presidente del Board dell azienda, la chiave per soddisfare la catena di fornitura Oil&Gas. Fondata in pieno boom economico, a distanza di una sessantina d anni PetrolValves è oggi una media impresa competitiva, con impianti produttivi in Italia ed una presenza diretta nei principali paesi estrattori di petrolio e gas naturale in Europa, Medio Oriente, USA, Far East ed Australia. Illustra ai nostri lettori le tappe salienti che vi hanno portato al successo di oggi? Nella foto a sinistra: valvole a Sfera Top Entry Sottomarine 12x10 con attuatore Helical Spline PetrolValves nasce nel 1956 a Castellanza come azienda metalmeccanica specializzata nella produzione di valvole di piccolo diametro. Grazie alla lungimiranza dei suoi fondatori, sin dall inizio della sua attività, l azienda può contare sull impiego della più moderna tecnologia disponibile sul mercato e su una solida collaborazione con le principali forge e fonderie italiane ed europee, aumentando in pochi anni il range di produzione, sino ad includere un intera gamma di valvole Wedge Gate, Globe e Check fino a 36 di diametro. Nel 1964 PetrolValves si afferma come principale produttore di valvole per il settore Oil&Gas nelle aree Europa e Middle East, con una gamma di prodotti che include valvole Wedge Gate e Swing Check fino a 42, valvole a Sfera fino a 36 e Slab Gate fino a 36 ; nel contempo incomincia a sviluppare nuovi progetti fino a brevettare nel 1968 la prima valvola a Sfera Top Entry. Nello stesso anno vengono progettate una linea completa di prodotti Pressure Seal ed una linea speciale per i servizi con fluidi altamente corrosivi (Alchilazione). Inoltre, il range di produzione arriva ad includere valvole fino al diametro di 56. Il 1970 segna l entrata dell azienda nel mercato internazionale del gas, con la conseguente evoluzione della tecnologia utilizzata sino a quel momento; ne nasce lo sviluppo della valvola a Saracinesca del tipo Double Expanding specificatamente pensata per l impiego nei Gas Pipeline Terminal. Negli anni PetrolValves sviluppa le prime valvole a Sfera a tenuta metallica e, considerata l elevata richiesta dei propri prodotti a livello internazionale, potenzia la sua rete commerciale tramite l apertura dei branch offices di Hampton UK (1986), Stavanger - Norvegia (1990), Singapore (1997), Algeri Algeria, Houston Texas (1999), Dammam Arabia Saudita (2002), Perth Australia (2011). In parallelo, viene creato un servizio postvendita per fornire al cliente un efficace supporto nelle operazioni di installazione e manutenzione di tutti i prodotti tramite l assistenza di una rete di tecnici specializzati e l approvvigionamento veloce ed efficace di parti di ricambio in previsione di shutdown degli impianti. Nel corso degli anni, assistiamo inoltre alla nascita ed allo sviluppo di un dipartimento dedicato alla progettazione ed alla produzione di attuatori idraulici ed elettrici per servizio sottomarino unitamente ad attuatori idraulici e pneumatici per Topside, oggi titolare di importanti brevetti come l attuatore Helical Spline (2000) ed il recente attuatore elettrico sottomarino. PetrolValves lavora su una produzione di base ed una on demand : quanto pesa l una e l altra sul totale del vostro business, quali gli elementi che le differenziano e quali le loro prospettive di mercato? Nel corso dei 60 anni della sua storia, l azienda è sempre stata caratterizzata da una grande attenzione alle esigenze del 14 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 15

9 Nella foto a sinistra: valvole a Sfera Top Entry e a Saracinesca Double Expanding 48 #1500 Nella foto a destra: valvola a Sfera Forgiata Top Entry Sottomarina 42 #1500 cliente e da una straordinaria capacità di creare prodotti nuovi e tecnologicamente avanzati per soddisfare le necessità di un mercato in continua espansione; in questo senso possiamo affermare che il reale core business di PetrolValves sia la capacità di lavorare insieme ai propri clienti per creare la soluzione ideale ad ogni singola richiesta in termini di design e funzionalità. Un importante settore del Dipartimento Tecnico è infatti destinato alla ricerca e sviluppo di nuove tecnologie, e per questa attività l azienda si avvale del supporto di software come Solidworks e Cadra. Inoltre tutti i calcoli FEA e CFD vengono effettuati in-house tramite l impiego di Ansys e Ansys CFX. Un esempio significativo di prodotti tecnologici realizzati da PetrolValves sono le valvole a Sfera forgiate a tenuta metallica 42 #1500, sia sottomarine che topside recentemente progettate e realizzate per la prima volta nella storia del settore, per un importante gasdotto in Australia. Tra le più importanti valvole prodotte, ricordiamo anche le valvole a Sfera ed a Saracinesca 48 #1500 destinate al più grande gasdotto ubicato tra Russia e Germania. Per avere prodotti semilavorati di qualità, evitare resi, rispettare i tempi di lavorazione e di consegna del prodotto finito, il controllo nella catena di fornitura è un elemento determinante nei rapporti di PetrolValves con i suoi fornitori e per questo l azienda applica controlli rigidi e costanti sui suoi supplier. Quali sono i sistemi di verifica adottati? PetrolValves si avvale di una selezionata e ristretta cerchia di fornitori storici e del territorio, al fine di garantire una rete di approvvigionamento affidabile ed articolata, in grado di rispondere alle esigenze qualitative e quantitative dell azienda. I fornitori sono selezionati sulla base di una verifica tecnica corredata da una serie di check relativi alla capacità produttiva, qualifiche e certificazioni in possesso del fornitore. Una volta verificata la prima fase di selezione, il fornitore è soggetto ad un Nella foto: PetrolValves Manufacturing Plant severo audit di qualifica su aspetti tecnici e QHSE, così da definire il suo eventuale inserimento nella lista generale fornitori qualificati PetrolValves. I fornitori presenti nella lista, e dunque qualificati, sono soggetti ad una verifica trimestrale dei tempi di consegna, del numero delle non conformità riscontrate e del numero di certificati di prodotto/ ciclo produttivo acquisiti o persi durante il periodo. Durante l iter di fornitura vengono poi eseguite delle visite di verifica QHSE sull ordine in corso e, settimanalmente, è attivo un servizio di expediting per raccogliere le informazioni sulla fornitura da condividere internamente. Per raggiungere una produzione affidabile e performante i vostri prodotti sono sottoposti ad una serie di prove che ne verificano l impatto ambientale, la resistenza alla corrosione e al fuoco, la durata etc. In che cosa consistono queste prove e come sono realizzate, considerando la dimensione dei manufatti, spesso notevoli? Negli oltre m 2 che costituiscono la superficie della sede dell azienda in Italia, un importante spazio è dedicato all effettuazione di prove di vario tipo. L area dedicata ai test standard include 11 banchi prova adatti a test idropneumatici ed alle prove a gas su valvole da ½ a 80 di diametro e classe ANSI 4500, mentre quella dedicata alle prove speciali include più di 60 banchi prova che consentono di effettuare diversi tipi di test anche su valvole di grandi dimensioni o progettate per lavorare in condizioni critiche. Lo spazio è in continua espansione per poter ospitare tutte le prove richieste su ogni tipologia di prodotto e a breve verrà completata la seconda camera iperbarica che consentirà di testare valvole simulandone il funzionamento fino a 5000 metri di profondità. Tutte le attività sono effettuate seguendo i più rigidi sistemi di sicurezza e seguendo le norme di Sistema di Gestione Ambientale e di Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza, strutturati in accordo alla legge italiana Dlgs 81/08 e certificati in accordo agli standard internazionali ISO e OHSAS Abbiamo visto come i vostri prodotti, sottoposti a stress significativi, debbano garantire performance di sicurezza in accordo alle normative internazionali di riferimento o a specifiche dei vostri clienti. Il ruolo di TÜV Italia è quello di verificare che quanto stabilito sia soddisfatto. Cosa garantisce a voi, ai vostri clienti e al mercato l intervento da parte di un ente di esperienza e fama nel settore come il nostro? L attività ispettiva durante le prove meccaniche sia su materiali che sul prodotto, costituisce un momento importante del processo produttivo ed è un valido supporto per fornire un ulteriore conferma che ogni attività viene effettuata nella più scrupolosa osservanza, sia delle specifiche del cliente che degli standard internazionali. La collaborazione con TÜV Italia, tramite il rilascio di certificati 3.2 secondo la norma internazionale EN 10204, consente a PetrolValves di confermare il proprio elevato livello di qualità e di affidabilità presso il cliente. Ripercorrendo le tappe della storia dell azienda ed esaminando quanto realizzato sino ad oggi, ne emerge che PetrolValves è una realtà sempre più orientata ad investire nella qualità, nella tecnologia del prodotto e nei servizi resi ai propri clienti, oltre che nella sicurezza del proprio personale e dell ambiente. Questo è sempre stato il nostro obiettivo sin dall anno della nostra fondazione e desideriamo che continui ad esserlo anche per il futuro. Contatto: Gennaro Oliva DANIELE CORRADI Nel 1975, dopo aver conseguito il diploma di Ragioneria, entra nel reparto Amministrativo di PetrolValves, anche con l incarico di sviluppare l informatizzazione dell azienda, impegno che porta avanti con successo. Nel lungo periodo trascorso in azienda, matura notevole esperienza nel settore amministrativo, arrivando a ricoprire ruoli chiave ed essere nominato nel 2003 membro del Board di cui è l attuale Presidente. 16 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 17

10 Max Streicher: sicurezza, qualità Fondato in Germania poco più di un secolo fa, oggi il gruppo Max Streicher è un player internazionale nell ambito delle infrastrutture per il settore Oil&Gas, in e programmazione Secondo l Amministratore Delegato Giovanni Muriana Triberio, sono i punti cardini su cui si muove l azienda, senza dimenticare la passione ed un approccio dinamico alla qualità. generale per quello energetico. Racconta ai nostri lettori la storia del gruppo e della sua filiale italiana? Max Streicher è stata fondata a Deggendorf, in Germania, nel 1909 con l obiettivo di realizzare opere di ingegneria civile e infrastrutturale. A partire dal secondo dopoguerra, oltre a consolidare questa attività in considerazione delle necessità legate alla ricostruzione, ha significativamente ampliato il proprio raggio d azione diventando una delle protagoniste anche nel panorama tedesco dell Oil&Gas (EPC, Pipelines, Plant Construction and Drilling) e metalmeccanico (Mechanical Engineering). La storia della filiale italiana invece inizia nel 2002, grazie agli sforzi di Mario Bianchi, attualmente Presidente della società che, sulla base di una notevole esperienza nel settore, ha raccolto e vinto una vera e propria sfida: dare vita a una realtà imprenditoriale capace di portare avanti la tecnologia e il modus operandi di Max Streicher non solo in Italia, ma anche nel Sud Europa e nel bacino del Mediterraneo e dell Africa. Inizialmente si trattava soprattutto di stabilire contatti e di farsi conoscere, poi sono arrivati i primi contratti, gradatamente sempre più importanti e impegnativi, con la conseguente necessità di strutturare maggiormente l azienda. Il primo progetto è stato quello di un pipeline nel nord Italia, a Bressanone. Di seguito, fra le tappe fondamentali della nostra evoluzione vanno annoverati la posa di alcuni gasdotti in Sicilia negli anni , l approccio onshore per il terminale LNG Exxon a Porto Viro ( ) e un altro collegamento onshore per la OLT di Livorno con una condotta DN32 sotto lo scolmatore dell Arno, per collegare il nuovo terminale GNL con la rete SNAM Rete Gas. Per conto di SNAM Rete Gas, abbiamo poi eseguito alcuni tra i più importanti progetti degli ultimi anni (es. il pipeline DN48, lungo 50 km, tra Cremona e Sergnano, ) e attualmente siamo impegnati nella costruzione del più grande metanodotto in Italia, realizzando due tratti del pipeline 56 a sud del lago di Garda per complessivi 96 km di lunghezza, tra Zimella e Cervignano. Per molti anni i nostri uffici sono stati vicino al centro di Parma. Poi, a seguito degli sviluppi e della crescita dell azienda abbiamo acquistato un appezzamento di terreno in un area industriale nella periferia settentrionale della città, il quartiere Spip 2, e abbiamo realizzato un edificio di tre piani, interamente nostro, occupato dagli uffici, un magazzino di m 2 e uno spazio all aperto sufficiente per sistemarvi l attrezzatura. È da circa un anno che ci siamo trasferiti. La sinergia dei servizi è una delle strategie che ha portato al successo il vostro gruppo, che ha sviluppato tecnologie e servizi destinati al settore impiantistico, dell ingegneria meccanica e civile e delle costruzioni, storicamente quello da cui ha mosso i primi passi. Quattro ambiti, un solo obiettivo: la valorizzazione del know how e delle risorse per progetti più performanti e quindi per una maggiore soddisfazione dei clienti. Ci illustra come questi quattro settori di attività si sono sviluppati nel tempo e come oggi pesano sul totale del vostro business? Per oltre 60 anni Max Streicher ha operato unicamente nel settore delle costruzioni civili e infrastrutturali, maturando un vasto patrimonio di competenze e esperienza. Quando si è deciso di sviluppare altre tipologie di attività questo know-how si è chiaramente rivelato prezioso, sia perché trattandosi di ambiti complementari parecchie competenze erano già state acquisite, sia perché esistevano già un organizzazione aziendale e una metodologia sperimentata di lavoro. Il primo ambito avviato al di fuori delle costruzioni è stato, negli anni 70, quello dell Oil&Gas, con la realizzazione dei primi pipelines per il gas nell area di Deggendorf. Questa scelta si è rivelata vincente: dato che nel giro di pochi anni Max Streicher è riuscita a diventare un importante competitor del settore, la diversificazione delle attività è continuata e, negli anni 80, sono stati fondati anche i comparti di Mechanical Engineering e di Raw & Construction Material. La presenza in questi molteplici settori ha creato un circolo virtuoso di sinergia: condivisione delle conoscenze e delle risorse, umane e tecnologiche, finalizzata a poter offrire a chi si rivolge a noi una sorta di filiera completa di servizi. Per quanto riguarda il peso dei diversi comparti sul turnover di Max Streicher, al momento il nostro punto di forza è rappresentato da pipelines, impianti e drilling, che rappresentano all incirca il 50% del totale. Personale qualificato, macchinari di ultima generazione e tecnologie innovative applicate alle caratteristiche dei singoli progetti di pipeline sono le peculiarità che Max Streicher utilizza per essere competitiva. A questi, quali aggiungerebbe? Insisterei sul fattore umano. Non basta che il personale sia qualificato e competente: deve avere anche dedizione, entusiasmo e volontà di sperimentare. La migliore tecnologia e gli strumenti più all avanguardia sono indubbiamente molto importanti, ma restano sterili senza la mano e il cervello umano in grado di utilizzarli con intelligenza. In una sola parola: passione. Solo se c è passione per il proprio lavoro si è inclini a continuare a mettere in discussione le proprie idee, a cercare soluzioni nuove e a non accontentarsi di quanto già ottenuto. Max Streicher è specialista nella costruzione e nella posa di oleodotti, strutture composte da tubi di acciaio di diametro variabile, suddivisi in tronchi saldati che possono essere interrati, o posati in profondità, e dove il fluido viene incanalato attraverso delle pompe distribuite lungo tutta la struttura per velocizzare il trasporto. La semplificazione di un percorso complesso, che ha momenti determinanti nella progettazione e nella verifica dei materiali (anche attraverso le prove NDT), delle saldature, delle attrezzature in pressione, della qualità e sicurezza dell impianto e dei rischi ambientali e della logistica. Quali sono i processi che Max Streicher mette in atto per garantire se stessa, i suoi clienti e tutti gli stakeholder, affinché i requisiti contrattuali, compresa la tempistica, vengano rispettati in uno sviluppo così complesso? Gli aspetti fondamentali dell operato di Max Streicher sono essenzialmente tre: sicurezza, qualità e programmazione. La sicurezza per noi è un concetto ampio, che non corrisponde solo alla necessità 18 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 19

11 La certificazione PED ha previsto una serie di passaggi. Innanzitutto TÜV Italia ha esaminato i fascicoli tecnici delle attrezzature, poi ha ispezionato i materiali e i componenti. È seguita una fase di approdi garantire l incolumità fisica dei nostri operatori attraverso, ad esempio, l acquisto di dispositivi di protezione individuale, bensì una cultura vera e propria che mira alla prevenzione attraverso la formazione. La sicurezza si raggiunge anche attraverso un adeguata organizzazione del lavoro: delle varie mansioni, della tempistica e degli spazi in cui si opera. In questo modo, oltre a tutelare i lavoratori, si riduce fortemente il rischio di incidenti, problemi e ritardi. La qualità è ovviamente un altro aspetto imprescindibile. Nei nostri settori d appartenenza i competitor sono tanti e tutti di alto livello: per riuscire a ottenere buoni risultati è quindi necessario proporre soluzioni e tecniche/tecnologie sempre al top. Un obiettivo che si può raggiungere solo continuando a investire in ricerca e sviluppo e mantenendo, come accennavo prima, quell atteggiamento proattivo di passione per il proprio lavoro: la qualità infatti è un concetto dinamico, sempre in via di definizione. Senza la programmazione infine, non sarebbe possibile rispettare né i capitolati contrattuali né la tempistica. La costruzione e la posa di oleodotti comportano così tanti passaggi e così tante complessità da richiedere uno studio estremamente accurato delle attività sin dalla fase dell offerta. Tutto è pianificato fino ai minimi dettagli, allo scopo di ridurre il più possibile gli imprevisti. Oltre alla costruzione di condotte destinate al trasposto di greggio, gas naturale, acqua e prodotti chimici, attraverso una sua consociata Max Streicher lavora da una decina d anni anche nel settore delle perforazioni verticali profonde per i settori Oil&Gas e geotermico, e in quelle orizzontali, soprattutto per l offshore. Quali sono le maggiori criticità che si presentano nelle due attività e quali i sistemi di sicurezza adottati per diminuirne il livello di pericolosità? In entrambe le attività la criticità maggiore è rappresentata dalle caratteristiche geologiche del sottosuolo. Lavorare in sotterraneo è sempre complesso perché c è un margine inevitabile di rischio: alcune peculiarità del terreno infatti emergono solo nel momento in cui si scava. Premesso questo, però, molti problemi possono essere risolti in fase preliminare attraverso lo studio capillare di analisi e dati geognostici, la conoscenza di tutte le diverse tecnologie disponibili e la scelta di macchine operatrici efficienti ed affidabili. Anche i sistemi di sicurezza adottati sono analoghi. In entrambi i campi d attività infatti Max Streicher ha scelto di investire significativamente nell automazione e di ridurre l intervento umano dove non strettamente necessario: una misura che di per sé ovviamente limita in maniera drastica i pericoli. A questo aspetto è specificamente dedicata una parte del nostro ufficio di ingegneria interna, che si occupa di cercare e di implementare tutte le tecnologie più all avanguardia in materia. Il vostro gruppo ha capitalizzato l esperienza maturata nella costruzione e nella posa di grandi reti per l Oil&Gas nell offerta di servizi per la costruzione di reti locali di trasporto di gas, acqua, teleriscaldamento, TLC, fibre ottiche etc. Quali le analogie e le differenze tra i due tipi di intervento? Il trasporto di fluidi in grandi reti per Oil&Gas comporta il dispiegamento di mezzi importanti e l organizzazione di cantieri ampi ed articolati, sia dal punto di vista delle attività da svolgere che da quello del numero delle persone coinvolte. Sono progetti di media-lunga durata che prevedono un impiego massiccio di risorse. La costruzione di reti locali di trasporto di gas, acqua, teleriscaldamento, TLC o fibre ottiche invece impegna piccole squadre di lavoro, per periodi di tempo generalmente limitati e con un impiego ridotto di risorse. Entrambe le attività riguardano reti interrate, ma il know-how necessario è molto diverso, anche per i differenti contesti ambientali in cui si collocano queste opere. Tipicamente, ad esempio, le grandi reti per Oil&Gas si trovano in aree rurali, mentre le reti locali sono in zone urbane e fortemente antropizzate, dove è necessario scavare senza creare danni alle altre reti di servizi e organizzare il lavoro senza interferire troppo con il traffico. In questa parte dell intervista abbiamo parlato di processi e la filiale italiana di Max Streicher è certificata ISO 9001 con TÜV Italia proprio per le sue attività di perforazione e di costruzione di condutture e impianti, mentre il vostro sito aziendale è certificato ISO 9001 con la nostra casa madre, sotto accreditamento tedesco Dakks. Guardando al vostro sistema di gestione aziendale, come la certificazione ritiene abbia influito sull evoluzione dei vostri processi, soprattutto per quanto riguarda l approccio alla gestione del rischio? Max Streicher GmbH & Co. KG aa ha un sistema di gestione integrato valido per tutte le filiali del Gruppo, inclusa naturalmente anche Max Streicher SpA. Tale sistema di gestione integrata si basa sugli standard ISO 9001, ISO 14001, OHSAS e SCCP che, come noto, sono certificazioni internazionali valide in tutte le nazioni. In generale il sistema di gestione integrata (IMS) di Streicher è identico dappertutto, ma gli organismi di certificazione sono diversi e quindi le certificazioni stesse vengono accreditate da diverse organizzazioni quali DAKKS (Germania) o ACCREDIA (Italia). Per quanto riguarda specificamente il sistema di gestione rischi, si tratta di un elemento fondamentale per avere successo nel nostro ambito di lavoro, in quanto è l unico strumento che consente di valutare con precisione i rischi legati ai vari progetti, evitando situazioni ingestibili. Lo standard ISO in questo caso è estremamente utile, dato che indica le impostazioni e i passi necessari per implementare una gestione ottimale dei rischi. Il vostro gruppo lavora in tutto il mondo, ma rimanendo dentro i confini nazionali, Snam vi ha affidato la costruzione dell impianto di stoccaggio gas di Bordolano, un progetto che vi vede coinvolti nell intera realizzazione della struttura, iniziando dalle opere civili, passando per quelle di estrazione del gas, stoccaggio e distribuzione, un progetto completo dove a TÜV Italia avete affidato il controllo della documentazione tecnica, la certificazione PED delle diverse attrezzature in pressione presenti nell impianto e la qualificazione dei procedimenti e del personale coinvolto nei processi di saldatura. Focalizzando l attenzione sulla verifica documentale e sulla certificazione PED, spiega ai nostri lettori come l ente ha approcciato l intervento e cosa rappresenta per voi ed il vostro cliente una certificazione rilasciata da TÜV Italia? 20 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 21

12 vazione, una di sorveglianza e, infine, in assenza di non conformità, è stata emessa la certificazione. Il contributo ricevuto da TÜV Italia è stato fondamentale e risolutivo per l approccio alla tematica e per la definizione delle corrette procedure che, oltre a permettere l ottemperanza alle disposizioni legislative vigenti, garantiscono anche maggiore sicurezza per gli operatori/utilizzatori. L esperienza e la preparazione dei tecnici che TÜV Italia ha messo a disposizione per il progetto sono state apprezzata anche dal Cliente Snam Rete Gas nonché dalla Direzione Lavori gestita da Saipem. Per strutture che devono sopportare pressioni elevate, la saldatura tra i vari elementi che compongono l impianto è un aspetto fondamentale per garantire sicurezza e operatività. Dal vostro punto di vista e da quello del vostro personale, l intervento di TÜV Italia su questa parte del progetto cosa ha significato in termini di miglioramento delle competenze? Il processo di saldatura è una fase delicata e importante del lavoro, in cui la certificazione aiuta a rispettare i requisiti cogenti previsti dalla normativa europea, a garantire la sicurezza, a mantenere un alto livello qualitativo e a evitare contestazioni da parte del committente. Nel nostro caso specifico la collaborazione con TÜV Italia è stata molto utile anche perché ci ha permesso di giungere a una conoscenza ancora più approfondita e puntuale degli aspetti tecnici della saldatura di elementi critici di elevato spessore per pressioni di progetto molto importanti. Una competenza che arricchisce ulteriormente il know-how di Max Streicher, accrescendo la nostra esperienza e continuando l evoluzione aziendale. Qualità, rispetto dell ambiente, attenzione alla sicurezza sono concetti che Max Streicher mette in pratica. Ne è un esempio la vostra sede di Parma, inaugurata lo scorso anno, classe energetica A, ecosostenibile, alimentata da fotovoltaico e geotermico, un esempio di sostenibilità in edilizia. Quali sono le migliori prassi costruttive adottate dal progettista dell opera per raggiungere un alto standard energetico, quali le motivazioni che vi hanno spinto a richiedere a TÜV Italia il controllo tecnico in fase di costruzione, quali i risultati? Quando si è deciso di costruire la nuova sede di Parma, uno degli obiettivi principali è stato di realizzare un edificio ecosostenibile. Per ottenere questo risultato un team di consulenti e di tecnici ha studiato e proposto diverse soluzioni e infine sviluppato un progetto integrato in cui ogni scelta è stata all insegna del rispetto per l ambiente. Specificamente, gli aspetti su cui abbiamo concentrato la nostra attenzione sono stati: isolamento termico ad alto rendimento; porte, finestre e veneziane a bassissimo valore di trasmittanza termica; realizzazione di impianto geotermico per riscaldamento e climatizzazione degli ambienti; domotica: il controllo dell impianto geotermico, delle veneziane, della temperatura interna e dell illuminazione è gestito da un sistema di automatizzazione che minimizza il consumo energetico; impianto fotovoltaico: la maggior parte dell energia necessaria nell edificio viene fornita da un impianto fotovoltaico da 50 kw collocato sul tetto del magazzino. Utilizzando queste tecnologie di ultima generazione è stato possibile ridurre di oltre il 60% i consumi, ragion per cui l edificio è stato collocato in classe energetica A, con un consumo di 1 kw/mc, molto inferiore al minimo di 8 kw/mc richiesto per rientrare in questa categoria. Abbiamo chiesto a TÜV Italia il controllo tecnico in fase di costruzione per avere il supporto necessario a operare nel migliore dei modi: a partire dal controllo di conformità dei materiali e dei componenti, fino all accertamento dell affidabilità dei metodi, delle procedure e dei mezzi d opera, passando per la verifica del rispetto normativo e tecnico-prestazionale in termini di durabilità. I risultati, come può constatare chi visita la nostra nuova sede, sono stati ottimi. Contatto: Stefano Bolletta GIOVANNI MURIANA TRIBERIO Consegue la laurea in Ingegneria al Politecnico di Torino, dopo aver frequentato per un anno la prestigiosa École Nationale des Ponts et Chaussées, un istituzione francese nell ambito delle scuole di ingegneria, in particolare nell ingegneria civile, ed inizia la sua carriera professionale nella filiale francese di SICIM, un importante EPC Contractor, come Responsabile Controllo & Assicurazione Qualità di una commessa Gaz de France per la costruzione di due gasdotti. Due anni dopo è nominato Cost Engineer, mantenendo il ruolo di RC & RAQ, con responsabilità nella messa a punto delle offerte, sia per la parte tecnica che per quella economica, e di analisi costi, per la realizzazione di gasdotti e di opere civili in Francia e Belgio. Sempre per SICIM, assume il ruolo di Project Manager Assistant per tutte le attività dell azienda in Francia, con responsabilità su tutte le offerte emesse dall azienda. Nel 2005 viene nominato Project Manager e si sposta presso la filiale kazaka dell azienda, dove acquisisce diversi contratti per la realizzazione di impianti nel paese asiatico, gestendo tutte le attività operative nel paese e svolgendo anche un ruolo di raccordo tra i clienti e la casa madre. Nel 2008 è in Germania come Branch Manager e vi rimane un anno, con il compito di aprire la filiale tedesca della società e di mettere le basi per il cantiere di un importante gasdotto. Dal 2009 al 2011 si sposta in Congo per la gestione della filiale dell azienda e la gestione di vari contratti di SICIM con ENI per la realizzazione nel paese di impianti petroliferi e gasdotti, e per aprire alla società nuove opportunità di business nel paese africano. Entra in Max Streicher nel 2011 come Chief Operating Officer ed un anno dopo è nominato Amministratore Delegato dell azienda, ruolo che ricopre ancora oggi. 22 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 23

13 TÜV Italia News TÜV SÜD News Meeting degli auditor dei Sistemi di Gestione 150 anni fa Il big bang per il TÜV Gli oltre 200 auditor sui Sistemi di Gestione di TÜV Italia sono stati ospiti, il 20 febbraio ed il 6 marzo, dell Auditorium di Ducati Motor, dove ha avuto luogo questo tradizionale appuntamento tra i vari tecnici di questa divisione dell ente. Un Auditor Meeting sotto la regia del nuovo Direttore della Divisione Management Service, Ing. Andrea Coscia che, insieme ai suoi più stretti collaboratori, fra i quali il nuovo Direttore Tecnico della Divisione Stefano Parini, ha presentato il punto di vista operativo dell ente relativamente ai fatti normativi più importanti, oggi rappresentati dal passaggio verso la nuova edizione delle norme ISO 9001 e ISO e la nuova ISO 45001, fornendo le linee di condotta comuni da seguire in occasione degli audit, con l obiettivo di mantenere un uniformità di approccio nello svolgimento delle attività. Un momento di confronto molto utile e vivace tra Direttore di Divisione, Direttore Tecnico e gli auditor presenti agli appuntamenti ha preso spunto dalla presentazione dei risultati del survey a cui gli auditor dell ente sono stati invitati a partecipare e che ha avuto un adesione molto elevata. Un confronto critico costruttivo tra i presenti, nello stile di questi incontri tecnici periodici, essenziali sia per i professionisti del settore che per l ente. Contatto: Stefano Parini A Ducati Motor Holding la certificazione ISO Ducati inizia la produzione di motociclette nel 1946, e si è poi distinta per motori particolarmente performanti, design innovativo e tecnologia all avanguardia, caratteristiche che si ritrovano in tutti i modelli della gamma attuale Diavel, Hypermotard, Monster, Multistrada, Streetfighter, Superbike, così come nello Scrambler, nuovo brand presentato quest anno. Le motociclette Ducati, così come l ampia gamma di accessori e di abbigliamento tecnico, sono icone del made in Italy negli oltre 80 paesi dove sono presenti, particolarmente in Europa, Nord America e Far Est. Lo stabilimento bolognese di Borgo Panigale è la storica sede produttiva di Ducati, a cui si sono aggiunti recentemente due siti di assemblaggio, uno in Thailandia ed uno in Brasile. Le vendite della casa bolognese hanno raggiunto nel 2014 il record assoluto di esemplari! Presente nelle competizioni sportive ai più alti livelli, nel 2015 Ducati partecipa al Campionato Mondiale Superbike, dove negli anni ha conquistato 17 titoli costruttori e 14 titoli piloti, e al Campionato Mondiale Moto GP, il cui titolo costruttori e piloti ha conquistato nel Un azienda abituata alle performance ed alle sfide, e proprio in questo ambito si colloca la certificazione ISO raggiunta dall azienda bolognese, che copre i processi svolti nello stabilimento di Borgo Panigale, dalla progettazione fino al collaudo in pista ed in strada, e quelli della Divisione Corse, attività fatte in esterno come i test e le gare sui circuiti. Un impegno in più per l azienda, in particolare per il team Corse, che svolge anche opera di sensibilizzazione sui comportamenti in ambito ambientale che Ducati si è data, sulle parti esterne coinvolte. L aspetto sfidante di questa certificazione è stato sottolineato al momento della consegna del certificato, sia dall AD di TÜV Italia, Ettore Favia, sia da Claudio Domenicali, AD di Ducati Motor Holding, che ha ribadito l impegno di molti settori dell azienda per raggiungere questo obiettivo, che si inserisce nelle politiche di sostenibilità di Ducati. Contatto: Stefano Bolletta Il 28 gennaio 1865 l esplosione di una caldaia nel centro di Mannheim causò una vittima ed alcuni feriti. Quel disastro portò alla fondazione del primo TÜV. La deflagrazione fu come il boato di un terremoto, scrisse due giorni dopo il giornale locale. L esplosione causò uno squarcio di circa un metro nella parete esterna della fabbrica. La gravità dell incidente indusse alcuni proprietari di impianti a pressione di Mannheim ad agire, e sotto la pressione del governo del granducato di Baden, una ventina di operatori del settore decisero di istituire un organismo di controllo per le caldaie. Questa l idea di partenza: così come era accaduto in Inghilterra, il paese europeo da dove è iniziata la rivoluzione industriale, gli operatori tedeschi delle caldaie si convinsero che dovevano unirsi in un iniziativa a carattere privato. I tecnici sarebbero stati pagati dalle autorità e questo avrebbe permesso di garantirne l indipendenza. Il loro compito era quello di controllare regolarmente gli impianti delle aziende associate, identificarne le carenze e rendere disponibili i miglioramenti tecnici per aumentare l efficienza e la sicurezza delle loro attività. Il TÜV Mannheim fu fondato nel Conosciuto oggi come TÜV SÜD, a distanza di quasi 150 anni, l organizzazione ha ancora la mission di garantire la sicurezza di impianti a pressione e di molto altro ancora. Tutto, però, è iniziato con un big bang, 150 anni fa. La tecnologia è difficile da tenere sotto controllo, ma prima della fondazione del TÜV, devastanti esplosioni di caldaie erano eventi molto frequenti. Contatto: Emilia Pistone 24 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 25

14 Le attività di TÜV SÜD Le attività di TÜV SÜD ENERGIA DALLA LUNA: È POSSIBILE? Una società giapponese ha messo a punto la rivoluzionaria idea di garantire un approvvigionamento energetico attraverso la costruzione di un anello di pannelli solari intorno alla luna. Da sempre, il sole e la luna hanno sollecitato l immaginazione ed affascinato il genere umano. Gli europei vedono nei riflessi di luce che arrivano sulla terra dalla rocciosa superficie lunare piena di crateri i lineamenti di un volto umano. Gli africani del Gambia ci vedono un coccodrillo, mentre i giapponesi riconoscono in questi riflessi un coniglio chiamato Tsuki no Usagi. I tecnici della società giapponese Shimizu ora vogliono ingabbiare quel coniglio costruendo un anello sull equatore lunare lungo circa chilometri. L anello fatto di pannelli solari potrebbe produrre energia elettrica da utilizzare sulla terra. Si tratta di un progetto realistico o il prodotto di una forte immaginazione? Non vi è dubbio che i programmi che Shimizu ha annunciato sulla home page del suo sito web siano ambiziosi. L ultima missione umana sulla luna risale al 1972 durante la quale sono stati raccolti campioni di roccia: un lavoro eccezionale a quel tempo. In confronto, la costruzione di un enorme anello fatto di pannelli solari intorno alla luna sembra essere rivoluzionario, ma Shimizu stima che potrebbe realizzarsi entro il Questo progetto energetico chiamato Moon ring, sicuramente molto attraente, consentirebbe di disporre di un energia solare pulita per tutto l arco del giorno. Infatti sia di giorno che di notte, una parte della luna è comunque sempre esposta al sole perché, non essendoci acqua, non si possono formare nuvole o verificare condizioni meteorologiche piovose. Di conseguenza, nulla potrebbe rallentare la produzione di energia tramite l anello di pannelli solari. Se fosse largo anche solo 400 chilometri, Shimizu ha calcolato che potrebbe soddisfare la richiesta di energia elettrica proveniente da tutto il mondo. Ma come possiamo immaginare un sistema di approvvigionamento che colleghi la luna alla terra? I giapponesi hanno già una risposta a questa impegnativa domanda: laser e trasmettitori a microonde potrebbero inviare sulla terra energia sotto forma di raggi, mentre dei convertitori verso i quali questa energia è convogliata e presenti su tutta la superficie terreste, potrebbero trasformare i raggi in elettricità. La dispersione energetica, secondo Shimizu, non dovrebbe superare il 2% perché, per fortuna, esiste il vuoto tra la luna e la terra. Questo è vero, ma c è molto spazio perché un progetto di questa portata possa svilupparsi? Contatto: Emilia Pistone 26 TÜV Italia Journal TÜV Italia Journal 27

15 TÜV Italia partner d impresa in certificazione, ispezione, testing, formazione. ITALIA: TÜV Italia S.r.l. Via G. Carducci, 125 pal Sesto San Giovanni (MI) SEDI INTERNAZIONALI: Headquarter/Europa: TÜV SÜD AG Westendstraße 199 D Monaco Germania America: TÜV SÜD America Inc. 10 Centennial Drive FL2 Peabody, MA USA Asia - Pacific: TÜV SÜD Asia Pacific Pte. Ltd. 3 Science Park Drive #04-01/05 The Franklin Singapore

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

L identità Valenia. VALORE all'energia. Valenia significa. Tecnologia Inverter al servizio dell'ambiente

L identità Valenia. VALORE all'energia. Valenia significa. Tecnologia Inverter al servizio dell'ambiente L identità Valenia Valenia significa VALORE all'energia Diamo valore all'energia con soluzioni innovative per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili Tecnologia Inverter al servizio dell'ambiente Da dove

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli