Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia"

Transcript

1 Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/ Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07 Progetto pilota Studio di fattibilità per la realizzazione di un nido aziendale o di eventuali altri servizi per l infanzia accessibili a tutte le lavoratrici e i lavoratori del Comune di Varese Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia a) Il quadro normativo di riferimento - Leggi nazionali Legge 28 agosto 1997, n. 285 Disposizioni per la promozione di diritti ed opportunità per l infanzia e l adolescenza Ha istituito un Fondo nazionale con cui finanzia diverse tipologie di interventi a livello nazionale, regionale e locale per favorire la promozione dei diritti, la qualità della vita, lo sviluppo, la realizzazione individuale e la socializzazione dell infanzia e dell adolescenza, tra cui progetti finalizzati all innovazione e alla sperimentazione di servizi socio-educativi per la prima infanzia non sostitutivi degli asili nido quali: servizi flessibili con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale per bambini da 0 a 3 anni che prevedano la presenza di genitori, familiari o adulti che quotidianamente si occupano della loro cura; servizi di assistenza, con caratteristiche educative e ludiche, per bambini da 18 mesi a 3 anni per non più di 5 ore giornaliere e privi di mensa e riposo pomeridiano; servizi ricreativi ed educativi per il tempo libero; interventi che facilitano l uso del tempo e degli spazi urbani e naturali. Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali Promuove la programmazione e la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali per garantire la qualità della vita, pari opportunità, non discriminazione e diritti di cittadinanza. La pluralità dell offerta deve essere tale da consentire il diritto di scelta fra i servizi e favorire il ruolo attivo delle persone e delle famiglie nella formulazione di proposte, nell organizzazione e nella valutazione dei servizi medesimi. Nell ambito del sistema integrato hanno la priorità, tra gli altri, servizi di sollievo per affiancare o sostituire chi, all interno delle famiglie, è più impegnato nella gestione delle responsabilità di conciliazione. 1

2 Lo strumento indicato dalla legge per l attuazione di quanto prescritto è il Piano di zona, il quale deve favorire la formazione di sistemi locali di intervento fondati su servizi e prestazioni complementari e flessibili, stimolando in particolare le risorse locali di solidarietà e di auto-aiuto, nonché responsabilizzando i cittadini nella programmazione e nella verifica dei servizi (art. 19). Legge 28 dicembre 2001, n. 448 Disposizioni per la predisposizione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2002) art. 70 Disposizioni in materia di asili nido Istituisce un Fondo, nell ambito dello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, per finanziare asili nido e micro-nidi nei luoghi di lavoro, definendo i nidi quali strutture dirette a garantire la formazione e la socializzazione delle bambine e dei bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni e a sostenere le famiglie e i genitori e i micro-nidi strutture destinate alla cura e all accoglienza dei figli dei dipendenti, aventi una particolare flessibilità organizzativa adeguata alle esigenze dei lavoratori stessi. Legge 27 dicembre 2002, n. 289 Disposizioni per la predisposizione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2003) art. 91 Asili nido nei luoghi di lavoro Prevede il finanziamento dei datori di lavoro che realizzano, nei luoghi di lavoro, servizi di asilo nido e micronidi e definisce le modalità di presentazione delle domande di finanziamento e le modalità di rimborso. Legge 27 dicembre 2006, n. 296 Disposizioni per la predisposizione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2007) comma 630 Offerta formativa infantile Permette l attivazione di progetti di servizi educativi per i bambini al di sotto dei tre anni di età anche mediante la realizzazione di iniziative sperimentali di qualità pedagogica, flessibili, rispondenti alle caratteristiche della specifica fascia di età e articolati secondo diverse tipologie. 2

3 b) Il quadro normativo di riferimento - Leggi regionali Regione Lombardia Legge Regionale 7 gennaio 1986, n. 1 Riorganizzazione e programmazione dei servizi socioassistenziali della Regione Lombardia Disciplina obiettivi, criteri e modalità per la programmazione, l organizzazione e l erogazione dei servizi. Piano regionale socio-assistenziale per il triennio 1988/1990 Strumento attraverso il quale la Regione stabilisce, come previsto dalla L.R. 1/86, obiettivi, criteri e priorità di intervento, risorse finanziarie e di personale, requisiti tecnici e gestionali per il funzionamento dei servizi socio-assistenziali. Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia Promuove politiche organiche e integrate di sostegno al nucleo familiare attraverso diverse tipologie di intervento e agevolazione, tra cui il potenziamento dei servizi socio-educativi e la promozione dell associazionismo familiare: nidi famiglia, banche del tempo, convenzioni per aumentare la ricettività degli asili nido, elenchi di persone qualificate disponibili ad accudire bambini a domicilio, nidi aziendali, spazi di aggregazione educativo-ricreativa a favore dei minori. Legge Regionale 14 dicembre 2004, n. 34 Politiche regionali per i minori Stabilisce i compiti di Regione, Province e Comuni nella gestione dei servizi sociali per i minori, definisce le attività in cui si articolano la Rete dell offerta sociale (attività educative, di aggregazione e ricreative in particolare: servizi e interventi socio-educativi per la prima infanzia e ludico-ricerativi per l infanzia) e la Rete sanitaria e socio sanitaria. Dgr 11 febbraio 2005 n. VII/20588 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia Identifica come servizi sociali per la prima infanzia (0-3 anni) nidi, micro-nidi, centri prima infanzia e nidi famiglia fornendo di ciascuno definizione, requisiti organizzativi generali e requisiti strutturali. Dgr 16 febbraio 2005 n. VII/ Scheda dell iniziativa FRISL (Fondo ricostituzione infrastrutture sociali Lombardia) 2005/2007 Realizzazione di asili nido e servizi per la prima infanzia Stabilisce condizioni di ammissibilità al finanziamento, spese ammissibili, criteri di valutazione dei progetti, documentazione da presentare per ottenere contributi per la realizzazione di asili nido (o similari) e servizi per la prima infanzia. 3

4 Circolare n. 11 del 22 febbraio 2005 Modalità per l accesso ai contributi FRISL 2004/2006 iniziativa Eliminazione barriere architettoniche, FRISL 2005/2007 iniziativa Realizzazione di asili nido e servizi per la prima infanzia e iniziativa Interventi a favore degli ospedali Illustra la natura dell iniziativa FRISL (Fondo ricostituzione infrastrutture sociali Lombardia) e le relative schede illustrative dei progetti, strumento finanziario diretto a sostenere e promuovere lo sviluppo e l ammodernamento delle strutture sociali in Lombardia, attraverso l erogazione di contributi in conto capitale da rimborsare alla Regione in 20 anni senza interessi e, in via straordinaria, di contributi a fondo perso. Circolare n. 35 del Primi indirizzi in materia di autorizzazione, accreditamento e contratto in ambito socio-assistenziale Specifica la natura di autorizzazioni al funzionamento, accreditamento e contratti, funzionali al progressivo riordino del sistema socio-saniario regionale. Circolare n. 45 del Attuazione della DGR dell «Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia»: indicazioni, chiarimenti, ulteriori specificazioni Fornisce specificazioni in merito all autorizzazione al funzionamento e alle caratteristiche di nidi, micro nidi, nidi famiglia e centri prima infanzia. Circolare n. 25 del Ulteriori indicazioni per i servizi per la prima infanzia Fornisce specificazioni in merito agli operatori dei centri prima infanzia e ai tempi minimi di apertura annuale dei nidi, sottolineando la possibilità di adeguamento di orari e periodi di apertura a quelli delle Scuole d Infanzia per i nidi collocati all interno i strutture che offrano più servizi, al fine di conciliare esigenze lavorative e familiari. 4

5 c) Studio di fattibilità per lo sviluppo dell offerta di servizi all infanzia La Rete per l Infanzia della Commissione Europea, istituita nel 1986 dalla Commissione stessa per favorire il dibattito transnazionale sulla qualità nei servizi alla prima infanzia, ha elaborato nel 1995 un documento che potesse costituire un quadro di riferimento per la discussione avviata a partire dai primi anni 90: Quaranta obiettivi di qualità nei servizi per la prima infanzia 1. Gli obiettivi sono organizzati in nove blocchi (aree tematiche): Obiettivi per una politica quadro Obiettivi finanziari Obiettivi per i livelli e le tipologie di servizi Obiettivi educativi Obiettivi relativi al rapporto numerico adulto/bambini Obiettivi per il personale e la formazione Obiettivi in rapporto all ambiente e alla salute Obiettivi per i genitori e la comunità locale Obiettivi di valutazione del funzionamento dei servizi offerti Come dimostra l esperienza di altri Paesi europei 2 portare l attenzione su tali obiettivi (o su altri documenti analoghi) può avere un impatto significativo sia sui responsabili delle politiche, sia sugli operatori del settore, contribuendo allo sviluppo e all innovazione dell offerta di servizi all infanzia anche a livello locale. Il presente Studio di fattibilità non intende entrare nel merito dei dettagli degli Obiettivi proposti dalla Rete per l infanzia, ma ne raccoglie alcuni spunti in particolare l indicazione secondo cui (Obiettivo 12) i servizi dovrebbero essere flessibili negli orari e nelle modalità di frequenza, coprendo orario e calendario di lavoro dei genitori, se richiesto, e l offerta di servizi dovrebbe essere diversificata per offrire ai genitori una pluralità di scelte possibili (Obiettivo 13) per impostare il confronto tra diverse tipologie di servizi per la prima infanzia e fornire all Amministrazione Comunale e alla Città elementi di valutazione per l eventuale ampliamento o la differente articolazione e/o integrazione dell offerta locale. La sottolineatura dell importanza della flessibilità e della differenziazione come principi-cardine che dovrebbero caratterizzare l offerta di servizi all infanzia nei Paesi europei viene ribadita da una 1 Commissione Europea - Rete per l Infanzia, Quaranta obiettivi di qualità nei servizi per la prima infanzia, 1995, in: Bambini in Europa, Anno IV n. 3 Il ruolo dell Europa nei servizi per l infanzia. Dobbiamo mettere in comune i nostri valori nella ricerca della qualità?, Edizioni Junior, Azzano San Paolo (BG), novembre 2004), pp Cfr. Jan Peeters, Quaranta obiettivi ispirano la politica di assistenza per l infanzia nelle Fiandre, in Bambini in Europa, op. cit, pp

6 Raccomandazione del Consiglio d Europa del Essa invita i governi degli Stati membri a promuovere servizi all infanzia accessibili da ogni punto di vista (strutture, costi, comunicazione, attenzione alle differenze, ecc.) e flessibili, in modo tale che la differenziazione dell offerta possa rispondere alla varietà di situazioni in cui i bambini crescono e ai rispettivi bisogni, senza che ciò implichi alcun giudizio sul maggiore o minor valore di una tipologia di servizio rispetto ad un altra. La flessibilità, in particolare, viene indicata come elemento da applicare a tutti i livelli del sistema, dalla diversità di servizi disponibili alle modalità di funzionamento dei singoli servizi operanti a livello locale. Questi ultimi devono essere sensibili alle particolari condizioni del contesto in cui si collocano, adeguandovi la propria organizzazione (ad esempio riguardo agli orari di apertura e alle tipologie di servizio offerte) e mantenendo un elevato livello qualitativo. 3 Council of Europe, Committee of Ministers, Recommendation Rec(2002)8 of the Committee of Ministers to member states on child day-care (Adopted by the Committee of Ministers on 18 September 2002 at the 808th meeting of the Ministers Deputies). 6

7 d) Le tipologie di servizi per l infanzia previste dalla normativa esistente Alla luce di tali considerazioni proponiamo un quadro descrittivo delle principali tipologie di servizi all infanzia perché le rispettive caratteristiche possano essere comparate e vengano prese in considerazione, insieme alle informazioni raccolte su domanda e offerta cittadina di servizi all infanzia, per valutare la possibilità di ampliare l offerta territoriale degli stessi. Non va dimenticato che l analisi condotta ha lo scopo di fornire all Amministrazione Comunale gli elementi necessari a decidere se ed in che termini possano essere effettivamente attivati servizi all infanzia rivolti ai bisogni delle proprie lavoratrici e dei propri lavoratori con figli piccoli. La prima considerazione da fare è che l apertura di un nido aziendale, da cui lo studio di fattibilità aveva preso le mosse, non sembra essere una soluzione sostenibile, sia per i costi che comporterebbe, sia in relazione alla domanda effettivamente espressa dalle/dai potenziali beneficiari. Più opportuna sembrerebbe essere l ipotesi di aumentare le forme di convenzione che il Comune potrebbe attivare con i servizi già esistenti alcuni dei quali hanno già dato la loro disponibilità o di ampliare le forme di flessibilità di orari e tipologie di servizi offerti su tutto il territorio, andando così incontro alle necessità sia di chi lavora per l Amministrazione Comunale nelle sue diverse sedi, sia delle famiglie residenti a Varese 4. Per ogni tipologia di servizio è stata costruita una scheda nella quale viene fornita una definizione che mira a metterne in evidenza la natura, la capacità ricettiva e le modalità/responsabilità di gestione e finanziamento. Viene inoltre proposto uno schema di comparazione delle possibili voci di costo dei diversi servizi, affinché si possa valutarne l effettiva sostenibilità in rapporto alle risorse disponibili e alla domanda espressa o potenziale. Rimandiamo infine alla mappatura dei servizi all infanzia realizzata dal Progetto Pilota (Doc. 2) per la descrizione di come funzionano in concreto le diverse tipologie di servizio che già operano a Varese. 4 Per maggiori dettagli circa le proposte di lavoro nate a partire dal Progetto Pilota si veda il Doc. 6 Proposte per continuare 7

8 ASILO NIDO Struttura diretta a garantire la formazione e la socializzazione delle bambine e dei bambini di età compresa fra 3 e 36 mesi e a sostenere famiglie e genitori. Si tratta di un servizio diurno con finalità educative e sociali assicurato in forma continuativa attraverso personale qualificato presso strutture, anche aziendali (Nido aziendale). Collabora con le famiglie alla crescita e formazione dei minori, nel rispetto dell identità individuale, culturale e religiosa. Svolge anche servizio di mensa e riposo. Capacità ricettiva: da 11 a 60 bambine/i da 3 a 36 mesi, con possibilità di integrare le compresenze di bambini fino al 20% in più dei posti autorizzati, per consentire la migliore saturazione dei posti disponibili (es. 15 posti autorizzati > possibilità di compresenza fino a 18 bambini). Possibili forme di finanziamento e/o convenzione: finanziamento pubblico (comunale) o privato, anche aziendale. Riferimenti normativi Circolare n. 25 del Ulteriori indicazioni per i servizi per la prima infanzia Circolare n. 45 del Attuazione della DGR dell «Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia»: indicazioni, chiarimenti, ulteriori specificazioni Dgr 11 febbraio 2005 n. VII/20588 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia Legge 28 dicembre 2001, n. 448 Disposizioni per la predisposizione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2002) art. 70 Disposizioni in materia di asili nido Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia art. 4 comma 2.b 8

9 MICRO NIDO Servizio diurno continuativo con finalità educative e sociali, assicurato in forma continuativa attraverso personale qualificato presso strutture, anche aziendali (Micro nido aziendale). Collabora con le famiglie alla crescita e formazione dei minori, nel rispetto dell identità individuale, culturale e religiosa. Svolge anche servizio di mensa e riposo. Capacità ricettiva: max. 10 bambine/i da 3 a 36 mesi Possibili forme di finanziamento e/o convenzione: finanziamento pubblico o privato (anche aziendale) o promosso e gestito da associazioni di famiglie. Riferimenti normativi Circolare n. 45 del Attuazione della DGR dell «Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia»: indicazioni, chiarimenti, ulteriori specificazioni Circolare n. 35 del Primi indirizzi in materia di autorizzazione, accreditamento e contratto in ambito socio-assistenziale Dgr 11 febbraio 2005 n. VII/20588 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia Legge 28 dicembre 2001, n. 448 Disposizioni per la predisposizione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2002) art. 70 Disposizioni in materia di asili nido 9

10 NIDO AZIENDALE Servizio nido/micro nido collocato presso le sedi di imprese pubbliche e private, a favore dei figli di lavoratrici e lavoratori. Possono essere organizzati direttamente dall impresa o, previa convenzione con questa, da associazioni e/od organizzazioni del privato sociale, con una particolare flessibilità organizzativa adeguata alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori stessi. Capacità ricettiva: come nidi e micro nidi, con almeno 51% del posti riservati ai figli delle/dei dipendenti dell azienda. Possibili forme di finanziamento e/o convenzione: gestione diretta o indiretta (tramite organizzazioni del privato sociale o società di servizi) da parte di Comuni e/o aziende, con possibilità di incentivi regionali. Riferimenti normativi Circolare n. 45 del Attuazione della DGR dell «Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia»: indicazioni, chiarimenti, ulteriori specificazioni Dgr 11 febbraio 2005 n. VII/20588 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia art. 4 comma 2.f 10

11 NIDO FAMIGLIA Nido domiciliare, con finalità educative e sociali, svolto senza fini di lucro, promosso da famiglie utenti associate e/o associazioni familiari scegliendo il modello educativo e gestionale ritenuto più idoneo nel rispetto dell identità individuale, culturale e religiosa. Si tratta di una forma di auto-organizzazione e mutualità familiare che prevede attività di cura autogestita dalle famiglie utenti (direttamente, attraverso l individuazione della persona che si occupa dell accudimento dei bambini o tramite l affidamento di tutte o parte delle prestazioni a terzi, quali professionisti, cooperative, etc ). Capacità ricettiva: max. 5 bambine/i da 0 a 36 mesi Possibili forme di finanziamento e/o convenzione: finanziamento regionale (L. 23/99), dichiarazione di inizio attività da presentare al Comune di ubicazione e per conoscenza all Asl. Riferimenti normativi Circolare n. 45 del Attuazione della DGR dell «Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia»: indicazioni, chiarimenti, ulteriori specificazioni Circolare n. 35 del Primi indirizzi in materia di autorizzazione, accreditamento e contratto in ambito socio-assistenziale Dgr 11 febbraio 2005 n. VII/20588 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia Legge 28 dicembre 2001, n. 448 Disposizioni per la predisposizione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2002) art. 70 Disposizioni in materia di asili nido Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia art. 4 comma 2.a 11

12 CENTRO PRIMA INFANZIA Struttura simile all asilo nido che offre un servizio temporaneo (max. 4 ore consecutive) di assistenza e socializzazione, accogliendo in maniera non continuativa bambine e bambini da 0 a 36 mesi, eventualmente con la presenza di genitori e/o adulti di riferimento (la responsabilità dell accudimento dei bambini spetta comunque al personale educativo). Non prevede la somministrazione di pasti. Capacità ricettiva: max. 30 bambine/i da 0 a 36 mesi Riferimenti normativi Circolare n. 25 del Ulteriori indicazioni per i servizi per la prima infanzia Circolare n. 45 del Attuazione della DGR dell «Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia»: indicazioni, chiarimenti, ulteriori specificazioni Dgr 11 febbraio 2005 n. VII/20588 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia art. 4 comma 2.c 12

13 BABY-PARKING, LUDOTECA, TEMPO PER LE FAMIGLIE Servizi con finalità esclusivamente ludica e di socializzazione destinati a bambini accompagnati sempre da un adulto di riferimento che ne è responsabile. Possibili forme di finanziamento e/o convenzione:finanziamento pubblico o privato. Riferimenti normativi Circolare n. 45 del Attuazione della DGR dell «Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia»: indicazioni, chiarimenti, ulteriori specificazioni Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia art. 4 comma 2.c 13

14 ELENCO BABY-SITTER QUALIFICATE PER INTERVENTI A DOMICILIO Elenchi di persone qualificate e disponibili a svolgere attività di cura di bambini a domicilio posti c/o luoghi pubblici e volti a facilitarne la ricerca da parte delle famiglie. Possibili forme di finanziamento e/o convenzione: gestione diretta da parte di altri servizi (es. c/o asili, Pubblica Amministrazione), finanziamento regionale (L. 23/99). Riferimenti normativi Dgr 11 febbraio 2005 n. VII/20588 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi di autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per la prima infanzia Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia art. 4 comma 2.e 14

15 BANCA DEL TEMPO Forma di organizzazione mediante cui persone disponibili ad offrire gratuitamente parte del proprio tempo per attività di cura, custodia e assistenza vengono poste in relazione con soggetti e famiglie in condizioni di bisogno, con l intermediazione di associazioni senza scopo di lucro. Possibili forme di finanziamento e/o convenzione: finanziamenti privati (associazionismo) e contributi regionali/comunali (Piani Territoriali degli Orari). Riferimenti normativi Legge Regionale 28 ottobre 2004, n. 28 Politiche regionali per il coordinamento e l amministrazione degli orari, art. 6 comma 4.e Legge 8 marzo 2000, n. 53" Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città" art. 27 Legge Regionale 6 dicembre 1999, n. 23 Politiche regionali per la famiglia art. 4 comma 2.d e art. 5 commi 1 e 6 15

16 SCHEDA DI SINTESI DELLE TIPOLOGIE DI SERVIZI IDENTIFICATE Voci di costo Nido Micro nido Nido famiglia Centro prima infanzia Elenco babysitter Banca del tempo PERSONALE Coordinamento Operatrici/tori socio-educativi Cuoca/o (se previsto) Addette/i ai servizi 1:8 bambini 1 1, con possibilità di affidamento a profess. o cooperative 1 1 Possibilità di affidamento a profess. o coop. 1:30 posti di ricettività STRUTTURE E ATTREZZATURE Spazi 20m 2 sup. tot. netta Locale per igiene bambini Cucina (se prevista) scaldavivande Spazi per il personale Spazi esterni (se previsti) ALTRO + 6m 2 :posto 1 lavabo + wc:10 posti 1 vasca:10 posti fasciatoi Cucina e dispensa o scaldaviv. 1 spogliatoio + servizio: fino a 3 addetti compresenti Servizio aggiuntivo da 4 a 15 addetti compresenti Attrezzati e piantumati secondo norme igieniche e di sicurezza 1 Possibilità di affidamento a profess. e/o coop. 20m 2 sup. tot. netta + 5,5m 2 :posto (c/o appartamento ad uso esclusivo, spazi distinti dentro strutture polifunzionali, azienda) 1 lavabo 1 wc 1 vasca Cucina ad uso civile abitazione o scaldaviv. 1 servizio igienico/ spogliatoio Attrezzati e piantumati secondo norme igieniche e di sicurezza Caratteristiche abitative meglio se di residenza, in uso di una delle fam. o associaz. di fam. (requisiti di civile abitazione) Bagno con vasca/doccia, accorgimenti di sicurezza senza obblighi di modifiche strutturali Cucina ad uso civile abitazione 2 Numero variabile babysitter volontari m 2 sup. tot. netta 4m 2 :posto 1 lavabo + wc:15 posti 1 vasca Area ristoro per merende 1 spogliatoio 1 servizio igienico Attrezzati e piantumati secondo norme igieniche e di sicurezza Servizio erogato a domicilio Ufficio di appoggio per la gestione dell elenco -- Possibile sostegno da parte dei Comuni 16

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA Approvati dall Assemblea Distrettuale dei Sindaci deliberazione n. 3 del 9.2.2011 Premessa L accreditamento può essere richiesto

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 19.06.2008 INDICE Art. 1 - Finalità generali

Dettagli

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Responsabili degli Uffici di Piano Per tramite delle ASL Ai responsabili degli Uffici Autorizzazione al

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

Allegato A. 5. Servizi integrativi

Allegato A. 5. Servizi integrativi Allegato A 5. Servizi integrativi Il "Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali" del CISIS (Centro interregionale per i sistemi informatici, geografici e statistici) definisce le tipologie

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

PICCOLI PASSI VERSO GRANDI DIRITTI

PICCOLI PASSI VERSO GRANDI DIRITTI PICCOLI PASSI VERSO GRANDI DIRITTI La CGIL e L INFANZIA 0-3 anni Il NIDO 3-6 anni La scuola dell Infanzia La legge 285 del 1997, disposizioni per la promozione dei diritti dell infanzia e dell adolescenza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI D.G.R. n. 20763 del 16 febbraio 2005 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per le

Dettagli

Strutture per la prima infanzia. Asili nido e servizi innovativi: integrazione e complementarietà

Strutture per la prima infanzia. Asili nido e servizi innovativi: integrazione e complementarietà Strutture per la prima infanzia. Asili nido e servizi innovativi: integrazione e complementarietà Gianna Savaris e Jolanda Bulgarelli Presidente Comitato Lombardo Forum Associazioni Familiari e Dirigente

Dettagli

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia

Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia Allegato alla Delib.G.R. n. 50/ 12 del 16.9.2008 Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia 1. REQUISITI GENERALI DELLE STRUTTURE E DEI

Dettagli

I Servizi per l infanzia in Emilia-Romagna. Bologna, 10 settembre 2014

I Servizi per l infanzia in Emilia-Romagna. Bologna, 10 settembre 2014 I Servizi per l infanzia in Emilia-Romagna Bologna, 10 settembre 2014 Valore ed importanza dei servizi educativi In Emilia-Romagna il sistema educativo è stato: elemento di evoluzione sociale; motore di

Dettagli

Sommario C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

Sommario C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI REPUBBLICA ITALIANA Anno XXXV - N. 59 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b - Legge n. 662/1996 - Filiale di Varese BOLLETTINO UFFICIALE ` MILANO - LUNEDI, 7 MARZO 2005

Dettagli

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Sport; lo Statuto della Regione Lazio; la L.R. 6 agosto

Dettagli

Allegato B. (Corrisponde al soggetto proponente) (Indicare anche la qualifica)

Allegato B. (Corrisponde al soggetto proponente) (Indicare anche la qualifica) AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI ASILI NIDO E MICRO-NIDI COMUNALI E DI PROGETTI DI CREAZIONE DEI SERVIZI INTEGRATIVI, INNOVATIVI E SPERIMENTALI FORMULARIO Nome identificativo dell intervento Beneficiario

Dettagli

ELENCO REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO DELLE UNITA D OFFERTA SOCIALI INDIVIDUATE DALLA GIUNTA REGIONALE

ELENCO REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO DELLE UNITA D OFFERTA SOCIALI INDIVIDUATE DALLA GIUNTA REGIONALE ELENCO REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO DELLE UNITA D OFFERTA SOCIALI INDIVIDUATE DALLA GIUNTA REGIONALE Con la D.G.R 13 giugno 2008, n 7437: Determinazione in ordine

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Pag. 128 di 700 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 403 Approvazione dell'iniziativa

Dettagli

Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING

Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING ART. 1 - Definizione. 1. Il centro di custodia oraria (C.C.O.), denominato comunemente Baby Parking, è un servizio socio-educativo-ricreativo che accoglie

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4 1. NIDO D INFANZIA 1 1.1. L attività 1 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1 1.3. Il personale 4 1.4. Autorizzazione al funzionamento ed accreditamento 5 2. SERVIZI INTEGRATIVI 6

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO UNITA D OFFERTA SOCIALI

REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO UNITA D OFFERTA SOCIALI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO E CRITERI REGIONALI DI ACCREDITAMENTO UNITA D OFFERTA SOCIALI Di seguito sono riportati i requisiti minimi di esercizio ed i criteri regionali di accreditamento per le Unità

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA C PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Tel. 079/679974 079/679949-9985 Fax 079/679949 I V I T A S T E M P L I BANDO DI SELEZIONE MAMMA ACCOGLINTE

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore BORELLI FEDERICA. Responsabile del procedimento BORELLI FEDERICA

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore BORELLI FEDERICA. Responsabile del procedimento BORELLI FEDERICA REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA E AI MINORI DETERMINAZIONE N. B8709 del 17/11/2011

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA VISTA VISTA PRESO ATTO VISTA VISTO

CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA VISTA VISTA PRESO ATTO VISTA VISTO INTESA BIENNALE PER GLI ANNI SCOLASTICI 2015/2016 E 2016/2017 TRA L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA E LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE COMPLESSIVA DELLE SEZIONI

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 07/10/2014 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 07/10/2014 145

Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 07/10/2014 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 07/10/2014 145 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 07/10/2014 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 07/10/2014 145 94827 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2014 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

DGR. n. 11497 del 17.3.2010

DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL'UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI". (PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER L ESPRESSIONE

Dettagli

COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO A COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE ED IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE FRUITRICI DEL SERVIZIO SOCIO-EDUCATIVO SPERIMENTALE DENOMINATO NIDO IN FAMIGLIA

Dettagli

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014 MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(I).0013937.12-11-2014 INTESA BIENNALE aa.ss. 2013/2014 2014/2015 TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE E REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE COMPLESSIVA

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA L'anno duemilasette, addì 6 del mese di luglio TRA la Regione Puglia, di seguito indicata come Regione, con sede in Bari, Via Caduti di Tutte le Guerre 15 (C.F. ), rappresentata dagli

Dettagli

Linee di indirizzo per l attivazione dei servizi per la prima infanzia (0-36 mesi) nell ottica della conciliazione tra tempi di vita e di lavoro

Linee di indirizzo per l attivazione dei servizi per la prima infanzia (0-36 mesi) nell ottica della conciliazione tra tempi di vita e di lavoro Assessorato alle Politiche Sociali e Pari Opportunità Linee di indirizzo per l attivazione dei servizi per la prima infanzia (0-36 mesi) nell ottica della conciliazione tra tempi di vita e di lavoro A

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

GIUNTA REGIONALE. Omissis

GIUNTA REGIONALE. Omissis Pag. 60 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XLIII - N. 38 (11.07.2012) GIUNTA REGIONALE Omissis DELIBERAZIONE 25.06.2012, n. 393: D.G.R. n. 935 del 23.12.2011: DISCI- PLINA PER LA SPERIMENTAZIONE

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0616 PROGETTO DI LEGGE N. 0014. di iniziativa dei Consiglieri

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0616 PROGETTO DI LEGGE N. 0014. di iniziativa dei Consiglieri REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0616 PROGETTO DI LEGGE N. 0014 di iniziativa dei Consiglieri Valmaggi, Penati, Alfieri, Alloni, Barboni, Borghetti, Brambilla, Cavicchioli, Civati,

Dettagli

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di

Dettagli

SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Quadro normativo Con l approvazione della Legge Regionale n. 3 del 12/03/2008 Governo della rete degli interventi e dei

Dettagli

***************************************

*************************************** CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E L ISTITUTO FIGLIE DEL SACRO CUORE DI GESU DI CREMONA PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO SACRO CUORE DI VIA G. DA CREMONA N. 19 IN CREMONA PER L ANNO SCOLASTICO 2014/2015.

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE Asili nido (C. 172 Burani Procaccini, C. 690 Turco, C. 891 Valpiana, C. 1783 Mussolini, C. 2003 Briguglio e C. 2020 Governo). TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE ART. 1. (Finalità).

Dettagli

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 Identificativo Atto n. 1188 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto PROSECUZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLE PER L ANNO SCOLASTICO. IMPEGNO E CONTESTUALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CITTÀ DI COLLEGNO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA TITOLO I OGGETTO ART. 1 OGGETTO ART. 2 DISCIPLINA DEI SERVIZI TITOLO II SISTEMA LOCALE DEI SERVIZI SOCIO

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

ASILI NIDO E MICRONIDI AZIENDALI

ASILI NIDO E MICRONIDI AZIENDALI ASILI NIDO E MICRONIDI AZIENDALI FINANZIAMENTI REGIONALI DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE VII/12454 del 21.03.2003 Sintesi a cura della Direzione di Progetto Spazio Privati Comune di Milano - Direzione Centrale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 125 del 29/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORZINUOVI E LA SOCIETA BABY BIRBA di BENEDUCI

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

COMUNE DI GAMBOLO ACCREDITAMENTO DI SERVIZI DI ASILI NIDO, MICRONIDO, NIDO FAMIGLIA E CENTRO PRIMA INFANZIA SITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GAMBOLO

COMUNE DI GAMBOLO ACCREDITAMENTO DI SERVIZI DI ASILI NIDO, MICRONIDO, NIDO FAMIGLIA E CENTRO PRIMA INFANZIA SITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GAMBOLO COMUNE DI GAMBOLO ACCREDITAMENTO DI SERVIZI DI ASILI NIDO, MICRONIDO, NIDO FAMIGLIA E CENTRO PRIMA INFANZIA SITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GAMBOLO IL DIRETTORE GENERALE in esecuzione della Delibera

Dettagli

Il sistema educativo e il sistema socioassistenziale, il principio che regola la loro integrazione. Insegnamento di Didattica A a.a.

Il sistema educativo e il sistema socioassistenziale, il principio che regola la loro integrazione. Insegnamento di Didattica A a.a. Il sistema educativo e il sistema socioassistenziale, il principio che regola la loro integrazione Insegnamento di Didattica A a.a. 2012-2013 Dove si colloca l azione educativa che si realizza in campo

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

C I T T A D I A L G H E R O

C I T T A D I A L G H E R O C I T T A D I A L G H E R O PROVINCIA DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI I Ambito Politiche per la promozione del Benessere delle nuove Generazioni PROGETTO Servizi socio-educativi per la prima

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 36/I-II del 04/09/2012 / Amtsblatt Nr. 36/I-II vom 04/09/2012 112

Bollettino Ufficiale n. 36/I-II del 04/09/2012 / Amtsblatt Nr. 36/I-II vom 04/09/2012 112 Bollettino Ufficiale n. 36/I-II del 04/09/2012 / Amtsblatt Nr. 36/I-II vom 04/09/2012 112 80776 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 DIREZIONE FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 Data aggiornamento 13/05/2014 BREVE DESCRIZIONE DEL CON INDICAZIONE DI TUTTI I RIFERIMENTI ASILI DI CASEGGIATO D.Lgs.

Dettagli

LINEE GUIDA PER l ACCREDITAMENTO. Premessa

LINEE GUIDA PER l ACCREDITAMENTO. Premessa LINEE GUIDA PER l ACCREDITAMENTO Premessa Il presente documento nasce dalla necessità di definire e standardizzare l offerta del territorio relativamente al servizio di accoglienza in strutture residenziali

Dettagli

VIII. Delibera 7433 del 13 giugno 2008 ROBERTO FORMIGONI

VIII. Delibera 7433 del 13 giugno 2008 ROBERTO FORMIGONI Delibera 7433 del 13 giugno 2008 VIII ROBERTO FORMIGONI VIVIANA BECCALOSSI Vice Presidente GIAN CARLO ABELLI DAVIDE BONI LUCIANO BRESCIANI MASSIMO BUSCEMI RAFFAELE CATTANEO ROMANO COLOZZI MASSIMO CORSARO

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI

DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI DIREZIONE CENTRALE WELFARE E SERVIZI EDUCATIVI Affari Generali e Controlli interni 1) affari generali: a. gestione amministrativa di tutto il personale della Direzione Centrale, sulla base delle attestazioni

Dettagli

COMUNE DI PAVIA SETTORE ISTRUZIONE

COMUNE DI PAVIA SETTORE ISTRUZIONE COMUNE DI PAVIA SETTORE ISTRUZIONE ACCREDITAMENTO DI SERVIZI DI ASILI NIDO, MICRONIDO, NIDO FAMIGLIA E CENTRO PRIMA INFANZIA SITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI PAVIA IL DIRIGENTE in esecuzione della Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. ART. 1 Oggetto del Regolamento TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento disciplina la gestione ed il funzionamento

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli