Italian Grid. Infrastructure

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Italian Grid. Infrastructure"

Transcript

1 Italian Grid O RGANIZZAZIONE, ATTIVITÀ E FINANZIAMENTO Date: 06/05/2010 Document version: Version 2.1 Document status: Draft Document link: Abstract: Questo documento descrive l Infrastruttura Grid Italiana (IGI), che raccoglie e raccorda le realtà Grid presenti al momento in Italia, sia a livello nazionale sia internazionale con la European Grid Initiative (EGI). Verranno descritte le attività previste per il funzionamento di IGI, il modello organizzativo e lo schema di finanziamento. PUBLIC 1 / 67

2 Italian Grid : Delivery Slip Name Partner Date Signature From Reviewed by Approved by Document Log Issue Date Comment Author/Partner Document Change Record Issue Item Reason for Change PUBLIC 2 / 67

3 Italian Grid : INDICE 1. STRUTTURA DEL DOCUMENTO SCOPI CONTENUTI RIFERIMENTI TERMINOLOGIA INTRODUZIONE IL CONTESTO E GLI ATTORI IN GIOCO L INFRASTRUTTURA GRID EUROPEA L INFRASTRUTTURA GRID ITALIANA COERENZA DI IGI CON GLI OBIETTIVI STRATEGICI DI INNOVAZIONE NAZIONALE CONNESSI ALL ICT Coerenza di IGI con le linee progettuali e gli Obiettivi del MPAI Coerenza di IGI con gli assi di intervento PON del MIUR L ORGANIZZAZIONE DI IGI ATTIVITÀ DI IGI UNITÀ SERVIZI DI SUPPORTO AGLI UTENTI ATTIVITÀ E RISORSE UNITÀ GESTIONE OPERATIVA ATTIVITÀ E RISORSE UNITÀ RICERCA E PIANIFICAZIONE CONTESTO INTERNAZIONALE OBIETTIVI ATTIVITÀ E RISORSE UNITÀ RELEASE MIDDLEWARE ATTIVITÀ E RISORSE UNITÀ FORMAZIONE ATTIVITÀ E RISORSE UNITÀ PORTING DELLE APPLICAZIONI ATTIVITÀ E RISORSE UNITÀ GESTIONE AMMINISTRATIVA E PUBBLICHE RELAZIONI ATTIVITÀ E RISORSE IGI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI: RELAZIONI IGI ED EGI.EU IGI ED I CONSORZI PER LA PRODUZIONE DI MIDDLEWARE IL MODELLO DI FINANZIAMENTO DI IGI CO-FINANZIAMENTO DELLA COMUNITA EUROPEA EVOLUZIONE TEMPORALE DEL FINANZIAMENTO TRANSIZIONE AD EGI-INSPIRE E IGI APPENDICE A APPENDICE B PUBLIC 3 / 67

4 Italian Grid : 1. STRUTTURA DEL DOCUMENTO 1.1. SCOPI Lo scopo di questo documento è delineare il modello gestionale, manageriale e operativo per l Infrastruttura Italiana di Grid (IGI) e fornire una valutazione accurata delle attività e delle risorse necessarie per la gestione e il mantenimento dei suoi servizi CONTENUTI Nel capitolo 2 sono riportate le premesse sulle quali si basa il progetto di costruzione dell infrastruttura IGI e le prospettive di evoluzione delle attuali infrastrutture di calcolo distribuito. Il capitolo 3 fornisce il quadro, sia a livello nazionale che internazionale, in cui si colloca il progetto IGI; il capitolo 4 descrive sommariamente la struttura organizzativa prevista mentre i ruoli e le responsabilità degli organismi previsti saranno descritti in dettaglio nell appendice B. Il capitolo 5 descrive sinteticamente le attività delle sette unità operative all interno delle quali si svolgeranno le attività di IGI, riportando anche una stima del personale necessario. Una descrizione più dettagliata delle attività e del personale previsto è riportata nell Appendice A. Il capitolo 6 è dedicato alle relazioni tra IGI e gli organismi internazionali operanti nel campo delle Grid, mentre il capitolo 7 riporta il modello di finanziamento previsto per IGI. Il capitolo 8, infine, è dedicato alla transizione dalla situazione attuale a EGI-InSPIRE e IGI RIFERIMENTI R 1 R 2 R 3 R 4 R 5 R 6 R 7 R 8 R 9 R 10 R 11 R 12 Quadro strategico i2010 della Commissione Europea: easures/c11328_it.htm Progetto CYCLOPS: Progetto e-nmr: Progetto European DataGrid: Progetto EGEE: Progetto EU-China-Grid: Progetto EU-Med-Grid: Progetto EU-India-Grid: Progetto EU-Asia-Grid: Progetto GRID-CC: Progetto BioInfoGrid: Progetto Grid.It: https://grid.infn.it/modules/italian/index.php?pagenum=4 PUBLIC 4 / 67

5 Italian Grid : R 13 R 14 R 15 R 16 R 17 R 18 R 19 R 20 R 21 R 22 R 23 Progetto EGI-InSPIRE: EGEE-III First Review: Progetto Open Science Grid: Progetto EELA: Progetto Grid.It: Progetto INFNGRID: https://grid.infn.it Progetti del Consorzio SPACI: Progetto SCOPE: Progetto Cybersar: Progetto PI2S2: Progetto CRESCO: R 24 MIUR, PON avviso 68/2002: R 25 MIUR, PON avviso 1575/2004: R 26 R 27 R 28 R 29 R 30 R 31 R 32 R 33 R 34 R 35 Infrastruttura GRISU: MPAI, Piano di e-government 2012: Laboratorio virtuale GILDA: https://gilda.ct.infn.it Progetto Neugrid: Iniziativa Healthgrid: Progetto Lifewatch: Progetto ROSCOE: https://twiki.cern.ch/twiki/pub/lcg/hepsscpreparationwiki/roscoe-abstract-v1.doc Progetto DILIGENT: Progetto D4Science: Progetto Mammogrid: tp%3a%2f%2fwww.infn.it%2fcfett%2finnovaction%2fposter%2fmammogrids.pdf &rct=j&q=mammogrid+infn&ei=_6dns8ysi4lgnapp78c2dq&usg=afqjcngj3iog krbesgwu77vtpnjeabpzsw&sig2=1xkw4aqg1ttro5oxnsprfw PUBLIC 5 / 67

6 Italian Grid : R 36 R 37 R 38 R 39 R 40 R 41 R 42 R 43 R 44 R 45 R 46 Consorzio COMETA: Progetto G-OWS: https://www.g-ows.org Progetto GRID4GIS: f99d7230/scheda_progetto_17bis.pdf Progetto SAFE: materialid=slides&confid=97 Progetto CLIMATE-G: Personale coinvolto nelle attività di supporto agli utenti: Programma RESPECT: GARR-CERT: Progetto EMI: ides&confid=97 Progetto EGI_DS D3.1 Functions: Collaborazione IGI-JRU: TERMINOLOGIA Questo capitolo fornisce una tabella con la definizione dei termini specifici, acronimi e abbreviazioni riportati nel documento. Acronimo AMGA APEL ARC Significato ARDA Metadata Grid Application Accounting Processor for Event Logs Advanced Resource Connector PUBLIC 6 / 67

7 Italian Grid : Acronimo ARDA CERT CONV DCI DGAS EDG EGEE EGI Significato A Realization of Distributed Analysis Computer Emergency Response Team (Obiettivo) CONVergenza Distributed Computing Distributed Grid Accounting System European DataGrid Enabling Grid for E-sciencE European Grid Initiative EGI-InSPIRE European Grid Initiative - Integrated Sustainable Pan-European for REsearchers e-irg EMI ESFRI FAQ FIRB FP FTE GILDA GRID-CC HPC ICT IGI JRU LHC LPP MCB MIUR e- Reflection Group European Middleware Initiative European Strategy Forum on Research s Frequently Asked Question Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base Frame Programme Full Time Equivalent Grid INFN Laboratory for Dissemination Activities Grid enabled Remote Instrumentation with Distributed Control and Computation High Performance Computing Information and Communication Technology Italian Grid Joint Research Unit Large Hadron Collider Laboratori Pubblico-Privati Middleware Coordination Board Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PUBLIC 7 / 67

8 Italian Grid : Acronimo MPAI MU MW NGI OCSE OGF OSG PON PNR PQ QSN ROC ROSCOE SSC SAFE UF UFSC UMD URP VO VRC wlcg WMS Significato Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione Middleware Unit MiddleWare National Grid Initiative Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico Open Grid Forum Open Science Grid Programma Operativo Nazionale Programma Nazionale della Ricerca Programma Quadro Quadro Strategico Nazionale Regional Operations Centre Robust Scientific COmmunities for Egi Specialized Support Centre SSCs for Astronomy & Astrophysics, Fusion & Earth Science User Forum User Forum Steering Committee Universal Middleware Distribution Unità Ricerca e Pianificazione Virtual Organization Virtual Research Community Worldwide LHC Computing Grid Workload Management System PUBLIC 8 / 67

9 Italian Grid : 2. INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è assistito alla crescita e al consolidamento del calcolo distribuito inteso come strumento abilitante per il progresso della conoscenza, che facilita lo sviluppo della scienza, stimola le collaborazioni scientifiche a livello internazionale e ne favorisce l interdisciplinarietà. Le infrastrutture per il calcolo distribuito, denominate Grid, permettono l accesso sicuro a un esteso bacino di risorse informatiche distribuito geograficamente, organizzato in una serie di domini amministrativi indipendenti ma integrati e diffusi a livello pan-europeo e internazionale, dove l accesso grazie all utilizzo di protocolli e middleware standardizzati risulta indipendente dalle specificità locali delle risorse messe a disposizione. Le Grid hanno rivelato tutta la loro potenzialità sopratutto per la ricerca scientifica. Il loro sviluppo (unito a quello della sempre crescente introduzione della virtualizzazione) ha portato da un lato a un consolidamento, a maggiore affidabilità e fruibilità delle infrastrutture Grid, dall altro ha oltrepassato il dominio stesso del paradigma di calcolo distribuito basato su Grid, conducendo alla successiva introduzione di un modello nuovo di computing distribuito - denominato Cloud Computing in cui sia il modello di business che il rapporto client-server precedentemente utilizzato sono mutati profondamente. Il Cloud Computing ha permesso ad aziende come Google e Amazon di offrire servizi per il computing distribuito, fino al punto di diventare degli importanti punti di riferimento per numerosi utenti, sia nel mondo della ricerca che in quello dell industria. Grid e Clouds rappresentano le infrastrutture digitali di primissima importanza per lo sviluppo della scienza collaborativa e applicativa in questo momento storico. A livello europeo è stato riconosciuto, e questo si riflette nella pianificazione delle infrastrutture di ricerca dell Unione Europea (ad es. ESFRI, e-irg), che fornire infrastrutture informatiche distribuite, le cosiddette Infrastrutture Digitali (e-), è fondamentale per supportare attività di ricerca competitive che guardino al futuro. La necessità di un continuo inserimento di nuove comunità di utenti del mondo della ricerca ha già evidenziato l importanza strategica delle Infrastrutture Digitali nel ri-orientare tempestivamente le attività di sviluppo e supporto di nuovi prodotti tecnologici innovativi ICT, come grid e cloud, per fornire robusti servizi infrastrutturali di uso generale. Queste infrastrutture hanno la funzione di agire da motore innovativo accelerando la transizione da nuove applicazioni ICT per la ricerca, a innovazioni consolidate di cui l intera società può beneficiare. L importanza cruciale delle Infrastrutture Digitali per la ricerca e per la competitività europea è stata sottolineata nelle recenti comunicazioni della Commissione al Parlamento europeo e nelle risoluzioni approvate dal Consiglio Europeo per la Competitività del 4 dicembre Tali risoluzioni hanno raccomandato il potenziamento delle attività ICT come motore di innovazione e sviluppo per superare la crisi attuale e rendere l Europa più forte e competitiva PUBLIC 9 / 67

10 Italian Grid : e in particolare hanno evidenziato che le e-infrastrutture partecipano in modo sostanziale agli obiettivi della strategia i2010 [R 1]. Le Infrastrutture Digitali, e in particolare la Grid, basate sulla rete della ricerca che è ormai consolidata, sono costituite da un innovativo insieme di servizi software e di regole comuni che consentono di accedere e condividere risorse di calcolo di varia natura, storage e dati indipendentemente dalla loro localizzazione geografica e dal dominio amministrativo di appartenenza. In un futuro prossimo sarà possibile non solo creare on demand e ospitare su queste risorse ogni sorta di servizio virtuale richiesto dagli utenti (Internet dei servizi) ma anche ampliare l offerta includendo una vasta gamma di servizi pre-esistenti che l e-infrastruttura può rendere disponibili. Oggi l Italia ha una riconosciuta leadership in Europa sia nello sviluppo della tecnologia e del middleware GRID sia nella realizzazione di Infrastrutture Digitali per il mondo della ricerca sia nella loro estensione ad altri settori della società (vedi i progetti CYCLOPS [R 2] con le Protezioni Civili Europee, e-nmr [R 3], etc.). La partecipazione italiana, iniziata nel 2001, ai grandi progetti europei FP5, FP6 e FP7, Datagrid [R 4], EGEE, EGEE II ed EGEE III [R 5] è stata determinante per la realizzazione dell attuale Infrastruttura Digitale (Grid) che oggi include più di 300 centri di calcolo che operano in modo integrato e soddisfano quotidianamente i bisogni di migliaia di ricercatori appartenenti a numerosi settori di ricerca e non solo. L Italia ha partecipato, spesso con ruolo di coordinatore, a numerosi progetti nazionali ed europei come EU-China-Grid [R 6], EU-Med-Grid [R 7], EU-India-Grid [R 8], EU-Asia-Grid [R 9], Grid-CC [R 10] per applicazioni Real Time, CYCLOPS per la Protezione Civile, BioinfoGrid [R 11] e LIBI [R 12] finalizzati a estendere l uso della Grid di EGEE a livello geografico o a renderla anche accessibile a nuove comunità di utilizzatori. In questo contesto la strategia alla base dei progetti Grid che sono stati presentati nell ambito del settimo Programma Quadro dell Unione Europea, il più importante dei quali è sicuramente EGI- InSPIRE (European Grid Initiative - Integrated Sustainable Pan-European for REsearchers) [R 13], e che è anche alla base del progetto Italian Grid (IGI), prevede di capitalizzare l esperienza e la posizione di leadership maturata nel settore delle infrastrutture Grid a livello nazionale e internazionale per raggiungere un duplice obiettivo. Da un lato si vuole consolidare il supporto alle attività di Ricerca, dall altro si persegue l obiettivo di offrire nuovi servizi on demand di nuova generazione a tutto il settore pubblico (e al resto della società). L obiettivo è avere costi sempre più competitivi, per ottenere una razionalizzazione e un miglior sfruttamento degli investimenti pubblici nelle infrastrutture ICT con una notevole semplificazione nella loro gestione da parte di ciascuna Amministrazione (e/o Impresa), una facilitazione nella messa in funzione di nuovi servizi per i cittadini, mettendo così tempestivamente a disposizione della società il know how acquisito dal mondo della ricerca italiano sulle nuove tecnologie (grid e cloud) e sulla virtualizzazione delle risorse. Il modello di riferimento è quello che è stato utilizzato con successo in passato per le infrastrutture di rete. PUBLIC 10 / 67

11 Italian Grid : 3. IL CONTESTO E GLI ATTORI IN GIOCO Negli ultimi anni il calcolo distribuito ha avuto un notevole sviluppo sia per la quantità e dimensione delle infrastrutture realizzate (nel mondo le Grid hanno avuto un enorme crescita sia in termini di risorse disponibili, sia per il numero di utilizzatori sia per l utilizzo effettivo) sia per il consolidamento e la maturità del middleware prodotto ma anche per la nascita di nuovi paradigmi (come ad es. il cosiddetto cloud computing ). In questo capitolo sarà descritto il contesto in cui sono state realizzate le infrastrutture Grid italiana ed europea, la loro interazione e le evoluzioni previste non solo nel quadro europeo ma anche in quello internazionale. Inoltre si cercherà di mettere in luce come il paradigma del grid computing può essere utilizzato per esigenze diverse rispetto a quelle che erano alla base della costruzione dell infrastruttura Grid italiana e, in particolare, come il progetto IGI sia coerente con le linee programmatiche del Ministero dell Università e della Ricerca (MIUR) e del Ministero della Pubblica Amministrazione e l Innovazione (MPAI) L INFRASTRUTTURA GRID EUROPEA L infrastruttura Grid europea è stata studiata, pianificata e realizzata nell ambito di vari progetti finanziati dalla Commissione Europea. European DataGrid (EDG), iniziato nel 2001, è stato il primo progetto in cui il middleware Grid è stato sviluppato e implementato, in un primo tempo, in varie infrastrutture prototipali (i cosiddetti testbed ) e poi in una vera Grid di produzione. I progetti successivi, denominati EGEE (attualmente è in fase di completamento il progetto EGEE-III che si concluderà ad aprile 2010), hanno avuto l obiettivo di consolidare e migliorare il middleware Grid e l infrastruttura di produzione ma anche e soprattutto realizzare attività di formazione e disseminazione in modo tale da aumentare il numero di settori (scientifici e non) coinvolti e quindi il numero di utilizzatori. Questi progetti hanno avuto un notevole successo che è testimoniato dal fatto che l infrastruttura Grid EGEE è costituita (i dati sono stati forniti alla Commissione Europea durante la review del progetto EGEE-III che si è svolta a giugno 2009 al CERN [R 14]) da circa 280 siti distribuiti in 48 nazioni che complessivamente forniscono unità di calcolo (core) e più di 25 Petabyte di spazio disco. Queste risorse sono utilizzate da più di utenti che sottomettono in media job al giorno. La grid EGEE è una delle più grandi infrastrutture Grid a livello internazionale (ne fanno parte anche risorse nella regione Asia Pacifico, in Africa e Australia). A sua volta l infrastruttura Grid EGEE interopera con altre grid a livello internazionale (come ad es. Open Science Grid negli USA [R 15]) rendendo in tal modo possibile, in modo quasi del tutto trasparente (e dopo avere ottenuto le opportune autorizzazioni), l utilizzo di risorse di calcolo e storage distribuite su tutto il pianeta. Inoltre sono stati realizzati, e alcuni sono tuttora in corso, vari progetti finanziati dall Unione europea che hanno lo scopo di diffondere le tecnologie Grid sviluppate in EGEE in altre aree del mondo interessate a infrastrutture di calcolo distribuito: in America Latina con il progetto EELA (E-science grid facility for Europe and Latin America) [R 16], in Asia con i progetti EU-China-Grid, EU-India-Grid ed EU- Asia-Grid, nei paesi del mediterraneo con il progetto EU-Med-Grid. Nella Figura 1 è riportata la crescita dell utilizzo mensile della Grid IGI (in numero di job) negli ultimi tre anni. PUBLIC 11 / 67

12 Italian Grid : Figura 1 - Utilizzo mensile della Grid IGI (numero di job) Alla conclusione del progetto EGEE-III, l infrastruttura Grid Europea continuerà naturalmente ad esistere ma la sua struttura di gestione e controllo evolverà verso un nuovo scenario in cui gli attori principali saranno a livello centrale un nuovo progetto finanziato dalla Commissione Europea (EGI- InSPIRE) e a livello nazionale da vari progetti Grid finanziati a livello nazionale, le cosiddette National Grid Initiatives (NGI). Il compito principale di EGI-InSpire sarà il coordinamento e l armonizzazione delle attività internazionali delle NGI che si esplicherà attraverso un organismo di coordinamento centrale (EGI.eu) che dovrà garantire che complessivamente i servizi erogati alle comunità di utilizzatori dalla struttura di gestione e controllo dell infrastruttura Grid di produzione europea (risultante dalla somma delle strutture di ciascuna NGI) siano di alta qualità. La relazione tra EGI-eu e le varie NGI, nell ambito del progetto EGI-InSPIRE, è schematizzata in Figura 2. PUBLIC 12 / 67

13 Italian Grid : Figura 2 - Relazione tra le NGI ed EGI.eu 3.2. L INFRASTRUTTURA GRID ITALIANA L attuale infrastruttura Grid italiana, nata per soddisfare le esigenze di calcolo e storage di alcune comunità scientifiche (ad es. le comunità della fisica delle Alte Energie, della bioinformatica, delle scienze della terra, ecc.) è attiva da molti anni ed è stata realizzata nell ambito di vari progetti italiani ed europei (DataGrid, EGEE, Grid.It [R 17], INFNGRID [R 18], SPACI [R 19], SCOPE (Università di Napoli Federico II) [R 20], Cybersar (Consorzio Cosmolab) [R 21], PI2S2 (Consorzio Cometa) [R 22], CRESCO (ENEA) [R 23] ecc.). In Italia sono presenti alcune infrastrutture Grid con scopi e ambiti differenti: un infrastruttura Grid nazionale d interesse generale (conosciuta in passato come INFNGRID o GRID-IT) e alcune infrastrutture regionali realizzate nell ambito dei progetti PON finanziati dal ministero con l avviso 68 [R 24] e avviso 1575 [R 25]. L infrastruttura Grid italiana, costituita attualmente da più di 40 siti per un totale di core che forniscono una potenza di calcolo di circa 25 milioni di SpecInt2000 e uno spazio disco di circa 3 PetaByte, è parte integrante dell infrastruttura Grid Europea EGEE. Alcuni siti dei progetti gestiti dai consorzi COMETA, CRESCO, CYBERSAR SCOPE e SPACI, coordinati attraverso l Iniziativa GRISU [R 26], fanno parte anche della Grid Italiana. Nel corso del tempo l infrastruttura è evoluta notevolmente passando da una prima fase prototipale a una fase di vera grid di produzione che ha visto progressivamente aumentare sia il numero dei siti e delle risorse presenti sia il grado di maturità del middleware utilizzato e la stabilità e affidabilità dei servizi. PUBLIC 13 / 67

14 Italian Grid : Nella Figura 3 è riportata la crescita prevista nei prossimi 3 anni del numero di CPU (core) nell infrastruttura Grid IGI, mentre la Figura 4 riguarda la crescita delle risorse di storage (disco e nastro). Figura 3 - Crescita prevista per il numero di CPU (core) della Grid IGI Figura 4 - Crescita prevista per le risorse di storage (disco e nastro) della Grid IGI PUBLIC 14 / 67

15 Italian Grid : Le risorse presenti attualmente nella grid italiana, suddivise per Ente o progetto, sono riportate nella Tabella 1. Tabella 1: Risorse attualmente presenti nella Grid IGI Ente Siti Ruolo # cpu (cores) Potenza di calcolo (KSI2K) CNR 2 produzione GILDA 5 training GRISU-COMETA 7 produzione GRISU-CYBERSAR 2 produzione GRISU-ENEA 1 produzione GRISU-SPACI-LECCE 1 produzione GRISU-SPACI-NAPOLI 1 produzione GRISU-UNINA 1 produzione INFN 31 produzione UNINA-EGEE 1 produzione altri 5 produzione TOTALE Parallelamente alla crescita dell infrastruttura, è aumentato anche il suo utilizzo da parte non solo degli utenti che avevano contribuito alla sua creazione, ma anche di un numero costantemente crescente di nuove comunità di utenti nei più svariati settori scientifici (35 a novembre 2009). L infrastruttura Grid IGI è la naturale evoluzione delle Grid attualmente esistenti in Italia e la sua realizzazione, gestione, controllo e supporto e la sua sostenibilità a lungo termine sono gli scopi principali del Progetto IGI. La transizione dalla situazione attuale a IGI richiede un attenta analisi e pianificazione dal momento che IGI non sarà soltanto un infrastruttura di calcolo e storage costituita dalla somma delle infrastrutture Grid preesistenti, ma dovrà anche essere una struttura organizzativa in grado di gestire efficacemente ed efficientemente l infrastruttura e il suo utilizzo da parte delle comunità di utenti. Questo richiede da un lato l armonizzazione di strumenti e procedure operative, dall altro lo studio delle problematiche di interoperabilità tra sistemi differenti e l individuazione di opportuni meccanismi un grado di rendere l uso della Grid semplice a tutti gli utilizzatori, indipendentemente dalla localizzazione fisica delle risorse e dal modo in cui vengono gestite. Per quanto riguarda l uso dell infrastruttura Grid italiana, i grafici seguenti riportano l uso delle risorse da parte delle varie comunità di utenti. L utilizzo della grid italiana, espresso in ore di CPUtime e WALLtime, negli ultimi tre anni, è riportato nella Figura 5. L aumento di utilizzo in funzione del tempo che si osserva si accompagna a un aumento significativo delle risorse di calcolo dell infrastruttura che sono state messe a disposizione degli utilizzatori nel periodo considerato. PUBLIC 15 / 67

16 Italian Grid : Figura 5 - Utilizzo della Grid IGI negli ultimi tre anni (ore di CPUtime e WALLtime) E importante notare che le comunità di utilizzatori sono cresciute notevolmente negli ultimi anni, anche grazie ai progetti che hanno portato le tecnologie Grid in ambiti diversi rispetto a quelli in cui sono state sviluppate. Oltre ai progetti già menzionati dei progetti PON, avviso 1575, vale la pena menzionare il progetto Grid enabled Remote Instrumentation with Distributed Control and Computation (GRID-CC), finanziato dall Unione Europea, che ha portato l utilizzo delle tecnologie Grid nell ambito dei sistemi di gestione e controllo remoto degli apparati e il già menzionato progetto CYCLOPS che ha realizzato una Grid per le esigenze della Protezione Civile in Italia. Attualmente sulla Grid IGI sono abilitate 34 comunità di utenti, le cosiddette Virtual Organizations (VO), appartenenti a diversi settori scientifici. Questo numero aumenterà sicuramente con l ampliamento dell infrastruttura e grazie anche alle attività di training e disseminazione previste nel progetto. PUBLIC 16 / 67

17 Italian Grid : 3.3. COERENZA DI IGI CON GLI OBIETTIVI STRATEGICI DI INNOVAZIONE NAZIONALE CONNESSI ALL ICT In questo capitolo verranno illustrati sinteticamente i modi, sia in termini concreti che in termini di idee ed esperienza, in cui IGI potrà dare un contributo significativo alle linee progettuali e agli assi di intervento del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione e del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca COERENZA DI IGI CON LE LINEE PROGETTUALI E GLI OBIETTIVI DEL MPAI Il Piano di e-government 2012 [R 27] del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione definisce circa 80 progetti di innovazione digitale, aggregati in 4 ambiti di intervento e 27 obiettivi di Governo da raggiungere entro la legislatura. Il fine del piano è modernizzare, rendere più efficiente e trasparente la Pubblica Amministrazione, migliorare la qualità dei servizi erogati a cittadini e imprese e diminuirne i costi per la collettività, contribuendo a fare della Pubblica Amministrazione un volano di sviluppo dell economia del Paese. L occasione dovuta all istituzione della NGI (National Grid Initiative) italiana IGI, nell ambito dell architettura di calcolo distribuito europeo EGI (European Grid Initiative), potrà consentire significative sinergie e collaborazioni finalizzate a facilitare la voluta transizione infrastrutturale del nostro paese verso un modello a più alta innovazione ed efficienza dove le tecnologie ICT hanno un ruolo primario. Di seguito sono riportati gli ambiti d intervento e gli obiettivi in cui la tecnologia Grid può essere efficacemente utilizzata. a) Il Piano di e-government 2012 pone quattro ambiti d intervento prioritari: 1. settoriali, riferiti alle amministrazioni centrali dello Stato e alle Università: oltre 20 progetti; 2. territoriali, riferiti sia alle regioni sia ai capoluoghi: oltre 40 progetti; 3. di sistema, mirati allo sviluppo di infrastrutture, come il Sistema pubblico di connettività, o di capacità, come i progetti per ridurre il digital divide e migliorare l accessibilità dei servizi: 4 macroprogetti; 4. internazionali, per mantenere un forte impegno sia nella rete europea delle infrastrutture, sia nella rete europea dell innovazione e delle best practice. Ambiti IGI può aiutare? Come? Settoriali Sì Fornendo l expertise necessario Territoriali Parzialmente Nel sostegno ai processi infrastrutturali locali Di Sistema Senz altro sì Assistendo nella definizione e creazione delle infrastrutture ICT grazie alle competenze in ambito reti (GARR), calcolo (INFN) e applicazioni (altri partners) PUBLIC 17 / 67

18 Italian Grid : Ambiti IGI può aiutare? Come? Internazionali Sì Grazie all esperienza di collaborazioni in ambito internazionale. IGI si propone di partecipare alla creazione proprio un'infrastruttura dedicata al calcolo distribuito. Inoltre è parte integrante di un'iniziativa Europea che vede coinvolta la maggior parte dei paesi del continente e promuove l'innovazione e la ricerca. b) I principali interventi previsti: - Scuola e Università: diffusione di strumenti d innovazione nella didattica (lavagne digitali, pc, contenuti digitali, e book), nell interazione scuola famiglia (pagella e registro elettronico, domande d iscrizione, accesso ai fascicoli personali degli studenti e prenotazione colloqui online) anche in modalità multicanale (tv, web, , sms), nei servizi amministrativi e servizi allo studente (wifi nelle università) - Salute: connessione in rete dei medici di medicina generale e fascicolo sanitario elettronico - Giustizia: digitalizzazione e riorganizzazione degli uffici giudiziari, dematerializzazione dei procedimenti e messa in rete dei principali servizi ai cittadini - Anagrafi: unificazione e integrazione delle anagrafi pubbliche - Dematerializzazione: casella elettronica certificata per il dialogo tra PA e cittadini, imprese e professionisti, fattura elettronica e pagamenti on-line - Cooperazione applicativa tra amministrazioni: per consentire alla PA di rivolgersi ai cittadini come un unico interlocutore Interventi IGI può aiutare? Come? PUBLIC 18 / 67

19 Italian Grid : Interventi IGI può aiutare? Come? Scuola e Università Si Fornendo, specificamente all Università, strumenti, competenze, infrastrutture e formazione per l accesso ai nuovi strumenti di calcolo distribuito e ad alta capacità. Uno dei partner di IGI ha maturato una notevole esperienza, sia in campo nazionale sia internazionale, nel settore della formazione e della facilitazione all accesso a un infrastruttura di calcolo distribuito. Per questo scopo è stata realizzata una specifica infrastruttura, denominata GILDA [R 28] Inoltre uno dei partner di IGI (SPACI) ha maturato notevole esperienza su organizzazione di eventi educativi, in campo nazionale ed internazionale, nell ambito del calcolo distribuito; ref. Progetto ICEAGE, e scuole ISSGC, Salute Sì Molti partner di IGI hanno partecipato a progetti europei nel settore delle cosiddette Life Sciences ed hanno maturato quindi competenze dirette nel campo (riferimenti: progetti e-nmr [R 3], NeuGrid [R 29], Bioinfogrid [R 11], Healthgrid [R 30], etc; progetto SIMBIOME connesso all ESFRI Lifewatch [R 31], progetto SSC ROSCOE [R 32]) Giustizia Potenzialmente Con le competenze in ambito di: (a) sicurezza ICT via tecnologie di controllo dell accesso alle risorse basato su certificati digitali e (b) digital libraries Anagrafi No Dematerializzazione Sì Grazie all esperienza nel trattamento/trasferimento di grandi quantità di dati maturata nei progetti Grid cui i partner di IGI hanno partecipato Cooperazione applicativa amministrazioni tra Potenzialmente IGI porta con sé l'esperienza accumulata nello sviluppare procedure a strumenti centralizzati per coordinare varie funzionalità offerte agli utenti di decine di istituzioni di vari paesi Europei (per il supporto, il trouble ticketing, la gestione operativa, etc). c) i seguenti obiettivi: Obiettivi Settoriali: interventi realizzati con le principali amministrazioni centrali PUBLIC 19 / 67

20 Italian Grid : 1. Scuola e Università IGI può offrire ai ricercatori nazionali un infrastruttura di calcolo distribuito che è operativa da quasi dieci anni e nella quale ha sviluppato notevoli esperienze di trasmissione della conoscenza, nella gestione di un infrastruttura dedicata alla formazione, al porting delle applicazioni e al supporto agli utilizzatori (ricercatori, docenti, borsisti e studenti) dei servizi di calcolo distribuito 2. Giustizia IGI può facilitare alla Giustizia il completamento dell infrastruttura ICT con aspetti che riguardano la sicurezza tramite l uso di certificati digitali e la gestione di grandi banche dati. L INFN ha esperienza decennale nella gestione della sicurezza tramite certificati digitali e opportuni database per l autorizzazione; vari partner di IGI hanno inoltre partecipato a progetti sulle Digital Libraries (ad esempio DILIGENT [R 33] e D4SCIENCE [R 34]) 3. Salute IGI è pienamente inserita nei circuiti Grid europei e quindi può raccogliere le migliori esperienze di infrastrutturazione IT delle Life Sciences per la componente pesante dell esigenza (ovvero il trattamento, l interscambio e la memorizzazione dei dati medicodiagnostici e la gestione delle simulazioni in ambito biomedico). Le esperienze principali sono avvenute nell ambito dei progetti europei HealthGrid [R 30], MammoGrid [R 35], e-nmr [R 3], e proseguiranno nei nuovi Grid Specialized Support Centers (SSC) ROSCOE [R 32] e nel progetto SIMBIOME che sono attualmente in fase di preparazione. 4. Imprese IGI può portare esperienze mature di interazione tra pubblico e privato e di accompagnamento delle imprese nei percorsi di innovazione. Un esempio è dato in particolare dall esperienza siciliana del consorzio COMETA [R 36] con il supporto di adattamento di applicazioni (applicativo porting) alla grid. 5. Ambiente L importante comunità di Earth Science, ben rappresentata in IGI, ha maturato significative esperienze di utilizzo delle tecnologie di calcolo distribuito allo scopo di migliorare la capacità di monitoraggio, da una parte, e di reazione rapida, dall altra, in merito alle rilevazioni ambientali. Vale la pena citare il progetto Cyclops [R 2] nell ambito della protezione civile, gli strumenti di gestione di dati geospaziali G-OWS (Grid-enabled Open- Geospatial Web Services) [R 37], il progetto della regione Lombardia GRID4GIS [R 38], il progetto SSC in via di definizione SAFE [R 39]e il testbed CLIMATE-g [R 40]. 6. Turismo e Beni culturali La capacità di gestire grandi quantità di dati, caratteristica della Grid e dei sistemi HPC, consente a IGI di fornire la propria expertise per definire modalità e soluzioni tecniche per la digitalizzazione di alcuni contesti connessi ai Beni Culturali. Queste esperienze sono state maturate in alcune esperienze specifiche come, ad esempio Digital Libraries on the Grid to preserve cultural heritage e i progetti europei Diligent [R 33] e D4Science [R 34]. 7. Infrastrutture IGI è un infrastruttura ICT importante per le DCI (Distributed Computing ) e HPC (High Performance Computing) ed è operativa in ambito nazionale da vari anni. IGI potrebbe aggiungere alle altre infrastrutture ICT della Pubblica Amministrazione elementi complementari di innovazione utili a migliorarne l efficacia complessiva (e soprattutto l efficienza, essendo il modello grid a massimo utilizzo delle risorse IT).Questa infrastruttura è stata realizzata nell ambito di vari progetti sia europei (da DataGrid [R 4] fino a EGEE III [R 5] e a EGI-InSPIRE), sia nazionali, come ad esempio i vari progetti FIRB nazionali nello stesso decennio, di cui uno dei più importanti è stato Grid.IT [R 12]. PUBLIC 20 / 67

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Titolo progetto: ConsoliData Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Altri EPR coinvolti: - Altri organismi e soggetti coinvolti: Descrizione

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE LA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 ACCORDO DI PARTENARIATO 2014-2020 Obiettivo Tematico 1 - Ricerca, Sviluppo Tecnologico e Innovazione Obiettivo Tematico 10 - Istruzione e Formazione IL

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

... 3 Centro regionale di formazione professionale. 4 Impresa e/o associazioni. Altro (specificare)

... 3 Centro regionale di formazione professionale. 4 Impresa e/o associazioni. Altro (specificare) Al Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione - Direzione generale per l istruzione post-secondaria e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse

Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse Il Quadro di riferimento La Commissione europea nella comunicazione Il contributo della politica regionale alla crescita intelligente

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

egovernment e Cloud computing

egovernment e Cloud computing egovernment e Cloud computing Alte prestazioni con meno risorse Giornata di studio CNEL Stefano Devescovi Business Development Executive IBM Agenda Quali sono le implicazioni del cloud computing? Quale

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione.

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione. Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE Azione di sistema numero 2 Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione dell utenza 1 INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi comunicativi...4 3.

Dettagli

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Dott.ssa Maria Pia Giovannini Responsabile dell Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse umane e finanziarie e

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA L azienda pag. 1 Gli asset strategici pag. 2 L offerta pag. 3 Il management Pradac Informatica pag. 5 Scheda di sintesi pag. 6 Contact: Pradac Informatica Via delle

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Le criticità nella gestione dei dati sensibili

Le criticità nella gestione dei dati sensibili Le criticità nella gestione dei dati sensibili Ing.Giovanni Gentili Resp. Agenda digitale dell Umbria Regione Umbria Questo lavoro è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es.

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es. VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Giovanni Cognome Trombetta Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Mario Ciampi

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale ing. Mauro Draoli C O N F E R E N Z A TA L 2 0 1 4 Europa 2020 e Agenda Digitale Strategia Europa 2020 per superare l'impatto della crisi finanziaria

Dettagli

Il piano egov 2012 - obiettivo salute -

Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Ufficio Studi e progetti per l innovazione digitale Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l innovazione tecnologica

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT 2 (A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT Il sistema di monitoraggio in dotazione al MIUR (AdG del Programma) è basato su sistemi già collaudati, completamente autonomi, e in grado di fornire un monitoraggio

Dettagli

EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY

EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY Per Euronics la scelta di intervenire radicalmente sul proprio portale web è frutto di un cambiamento che mette al centro il presidio delle tecnologie

Dettagli

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi Identificazione documento Titolo Tipo Nome file Livelli di servizio Documentazione SIS_sla_v2 Approvazioni Nome Data Firma Redatto da Pollio 25/11/2010 Revisionato da Barone 14/01/2011 Approvato da Barone

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Estensori: Paolo Bruzzi Giorgio Musso GianMario Sambuceti Del Dipartimento Salute: Cristina Grandi Simonetta Oliveri Laura Paleari Gabriella Paoli

Dettagli

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES Dr. Giorgio Martini New cluster concepts for cluster policies in Europe 18th September 2014 Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venice

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

Danais s.r.l. Profilo Aziendale

Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Marzo 2013 Indice Caratteri identificativi della società... 3 Gli ambiti di competenza... 3 Edilizia... 3 Mercati di riferimento... 4 Caratteristiche distintive...

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO per la creazione

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Identificazione documento Titolo Tipo Nome file Livelli di servizio Documentazione SIS_sla_v3 Approvazioni Nome Data Firma Redatto da Pollio 25/11/2010 Revisionato

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica Punto 4 dell ordine del giorno Impatto territoriale e settoriale della crisi economica e attività di contrasto poste in essere nel Programma Operativo Le dimensioni i i globali li della crisi i La crisi

Dettagli

Il Centro Regionale Information Communication Technology CeRICT scrl. Dott. Sergio Betti Direttore Generale CeRICT

Il Centro Regionale Information Communication Technology CeRICT scrl. Dott. Sergio Betti Direttore Generale CeRICT Il Centro Regionale Information Communication Technology CeRICT scrl Dott. Sergio Betti Direttore Generale CeRICT Storia CeRICT Il CeRICT nato nel 2002 come Progetto per la realizzazione di un centro di

Dettagli

«L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN»

«L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN» «L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN» Ing. Stefano van der Byl DIGITAL AGENDA FOR EUROPE Indicator (including breakdown and unit) for acute hospitals Broadband connection > 50Mbps (in % of hospitals)

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

ForumPA 2011 Il piano egov 2012: obiettivo Università 9 Maggio 2011

ForumPA 2011 Il piano egov 2012: obiettivo Università 9 Maggio 2011 ForumPA 2011 Il piano egov 2012: obiettivo Università 9 Maggio 2011 Ing. Paolo Donzelli Direttore Generale Ufficio Studi e progetti per l innovazione digitale Dipartimento per la digitalizzazione della

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ravera Mario e-mail mario_ravera@fastwebnet.it Nazionalità Italiana Data di nascita 04/10/1969 ESPERIENZA LAVORATIVA Esperienze professionali (incarichi ricoperti)

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy Giuliano Taffoni Fabio Pasian Claudio Vuerli Istituto Nazionale di Astrofisica O.A.Trieste Workshop ICT INAF, Pula (Cagliari), 16-19

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Informativa SIURP - Sistema Informativo Unitario Regionale per la Programmazione e Attuazione degli Investimenti Pubblici Punto 4.d all ordine del giorno

Dettagli

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA ESPANSIONE INTERNAZIONALE, MAGGIORE INTEGRAZIONE NELLA GESTIONE DEI DATI E MIGLIORAMENTO DELLA STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE,

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli