Spese sostenute ante costituzione di una società: gli studi di fattibilità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spese sostenute ante costituzione di una società: gli studi di fattibilità"

Transcript

1 Costi di start-up Spese sostenute ante costituzione di una società: gli studi di fattibilità Nella prassi commerciale può accadere che i soci fondatori sostengano delle spese finalizzate allo studio ed alla fattibilità di un progetto che sarà poi condotto e realizzato tramite una società all uopo costituita. Il presente lavoro si propone di analizzare il trattamento contabile e fiscale di tali spese, una volta che la società venga effettivamente costituita e la stessa si accolli tale spese liberando i soci fondatori o i soggetti che per tale finalità hanno agito. di Raffaele Artina, Dottore commercialista in Bergamo Descrizione Normativa civilistica Il procedimento di costituzione di una società di capitali è molto complesso ed articolato e si completa con l iscrizione dell atto costitutivo nel registro delle imprese. È pacifico che la società possa compiere operazioni dopo la costituzione, ancorché la stessa non abbia ancora la personalità giuridica che viene acquisita a seguito dell iscrizione nel registro delle imprese. Ma quale trattamento deve essere riservato a quegli atti che vengono posti in essere ancora prima che sia formato l atto costitutivo? Il problema crea alcune perplessità per ciò che riguarda il corretto trattamento contabile di tali spese. Anche il trattamento tributario delle stesse non appare così lineare, sia per quanto riguarda la disciplina delle imposte sui redditi, sia per ciò che riguarda l IVA. Per circoscrivere il campo dell analisi con una possibile fattispecie di spesa sostenuta ante costituzione, si pensi ad uno studio inerente la fattibilità di un determinato progetto per lo sviluppo di un impresa. Lo studio risulta come atto prodromico per permettere ai soci di valutare se l attività che si vorrà esercitare possa essere profittevole e quindi, rendere possibile la costituzione di una società che darà esecuzione materiale all attività. Appare evidente come tali spese assumano per l investimento un importanza rilevante e molto spesso gli importi richiesti per tali studi sono considerevoli, per il rilievo cruciale che assumono per il business considerato. Da ciò deriva che la corretta valutazione del loro trattamento, nell ipotesi in cui la società alla fine venga costituita, appare di notevole importanza. Secondo l orientamento della giurisprudenza sono direttamente riferibili alla società (a condizione che si proceda con l iscrizione nel registro delle imprese) le operazioni strettamente necessarie per la costituzione, purché l atto costitutivo indichi tali spese espressamente (art. 2328, comma 2, n. 12). Tra le spese sostenute prima della costituzione rientrano senza dubbio le spese dell atto (onorari del notaio e dei consulenti intervenuti, le imposte dovute per l atto ecc.). Vi possono essere, inoltre, spese sostenute dopo la costituzione, ma antecedentemente all iscrizione nel registro delle imprese. Il secondo comma dell art del Codice civile prevede la responsabilità illimitata e solidale verso i terzi delle persone che hanno agito per tutti gli atti compiuti prima della dell iscrizione ed inoltre la responsabilità, egualmente illimitata e solidale, per coloro i quali abbiano deciso, autorizzato e consentito il compimento dell operazione. Quindi, per le operazioni compiute prima della nascita della società, la responsabilità delle stesse ricadrà sull autore materiale del fatto. La società potrà tuttavia accollarsi la responsabilità per tutti gli atti compiuti prima dell iscrizione ai sensi del comma 3, art del Codice civile mediante approvazione dell operato di chi ha agito. Secondo parte della giurisprudenza l istituto della ratifica può essere applicato anche per gli atti posti in essere antecedentemente alla costituzione della società (in tal senso Cass. civile, sez. I, sent. 12 marzo 1981, n. 1408). Con la ratifica si sostiene che l atto posto in essere diventa attribuibile direttamente alla società. La disciplina degli atti posti in essere da soggetti privi della rappresentanza sono disciplinati dal- 14 5/2008 IPSOA

2 l art del Codice civile. In particolare il secondo comma di tale articolo prevede che qualora l interessato ratifichi l operato di colui che ha agito, gli effetti di tale ratifica sono retroattivi. Tuttavia la disposizione in commento (secondo la giurisprudenza appena citata) non può essere invocata per gli atti posti in essere antecedentemente alla costituzione, in quanto la società era inesistente al momento dell atto. Si pone allora il problema di individuare il rapporto che si instaura in virtù della ratifica dell assembla, posto che non è possibile sostenere che la società possa far parte dell atto sin dalla sua stipula. Secondo parte della dottrina la soluzione del problema è rinvenibile ancora nella disciplina della «rappresentanza» (Ferrara-Corsi, Gli imprenditori e le società, Milano, 2001, p. 389; Frè, Società per azioni, Roma-Bologna, 1989, p. 98), in quanto la rappresentanza non richiede l esistenza attuale del rappresentato (perché può rappresentarsi anche un nascituro artt. 643 e 784 Codice civile). Sarebbe quindi possibile pensare che gli atti vengano posti in essere nell interesse della società sotto la condizione che la società venga ad esistere. Questo implicherebbe che gli atti stessi producano sin dall origine effetti nei confronti della società. Secondo un altro orientamento dottrinale (Cavanna, Il nuovo diritto societario, Tomo I, Bologna, 2004, p ), in linea con l orientamento giurisprudenziale citato, si esclude che lo schema della rappresentanza possa essere applicato al caso in questione, in quanto si assisterebbe ad una «scissione» tra le posizioni attive del contratto (che opererebbero direttamente nei confronti della società) e posizioni passive nelle quali la società entrerebbe solo a seguito della ratifica. La soluzione proposta distingue tra contratti ancora in corso al momento dell iscrizione e contratti già conclusi a tale data. Per i contratti ancora in corso, lo schema proposto è quello della cessione del contratto, ove il terzo contraente avrebbe già implicitamente accondisceso alla cessione, in quanto a conoscenza che la controparte agiva per conto della futura società. In questa ipotesi l approvazione della società vale a perfezionare il subingresso nella posizione di chi ha agito. Per i contratti conclusi, lo schema proposto è quello del mandato senza rappresentanza, per il quale la società otterrà il trasferimento dei diritti e delle aspettative acquistate. Applicando questi principi all ipotesi dello studio di fattibilità demandato ad un consulente, si osserva come possano essere notevolmente diversi gli effetti prodotti per la società. In particolare secondo lo schema della rappresentanza, lo studio risulterebbe eseguito «direttamente a favore della società». Di converso, adottando la tesi che esclude l applicazione dei principi di rappresentanza, si pone in primo luogo il problema di stabilire se il contratto alla data della ratifica sia in corso, ovvero lo stesso sia già concluso. Si è propensi a ritenere che il contratto relativo allo studio di fattibilità possa ragionevolmente ritenersi concluso alla data di iscrizione della società, ed eventualmente risulti ancora aperto il debito nei confronti dell esecutore di tale studio. In base a questa impostazione il rapporto che si instaura tra il soggetto che ha agito e la società è configurabile come un mandato senza rappresentanza. Principi contabili Nazionali Per ciò che attiene ai principi contabili, provvederemo ad una breve analisi dei principi di iscrizione in bilancio delle spese per studio e fattibilità di un dato progetto, senza distinguere se lo studio sia stato eseguito prima o dopo la costituzione (distinzione peraltro non presente nei principi contabili). Gli studi di fattibilità di un progetto, come gli studi di insediamento nel territorio, le perizie e le progettazioni di impianti, le ristrutturazione di immobili e similari possono in generale essere ascritte alla categoria delle spese di «start-up» individuate all interno del Documento OIC n. 24 tra le spese di impianto e di costituzione. La gamma di costi che possono essere sostenuti nella fase di start-up è decisamente vasta e varia in relazione alla tipologia d impresa che si intende costituire; tra tali costi ricordiamo: IPSOA 5/

3 le spese di costituzione della società; gli studi di fattibilità; le ricerche di mercato; l acquisizione di brevetti; le spese di pubblicità; i costi per l acquisto di know-how; i costi per la ricerca e sviluppo. Per tale tipologia di costi è consentito al redattore del bilancio di scegliere tra l imputazione in conto economico tra i costi d esercizio o a stato patrimoniale tra le immobilizzazioni immateriali. Tale scelta deve però essere effettuata in relazione all utilità di tali spese ed alla valutazione della durata delle stesse, laddove termini nel corso dell esercizio di sostenimento o si riverberi negli esercizi futuri. Caratteristica fondamentale, infatti, per l iscrizione tra le immobilizzazioni immateriali è che tali costi non esauriscano la loro utilità in un solo periodo, ma manifestino i benefici economici lungo un arco temporale di più esercizi. Peraltro il comma 1, n. 5), art del Codice civile prevede che l iscrizione sia subordinata al preventivo consenso del collegio sindacale, ove esistente e che l ammortamento debba avvenire comunque in un arco temporale non superiore a 5 anni. Inoltre fino a quando tali costi non siano interamente ammortizzati, non è possibile procedere alla distribuzione di utili se non residuano riserve sufficienti a coprire il costo non ammortizzato. Laddove venga capitalizzata la spesa è richiesta la verifica dell utilità futura dell investimento effettuato in sede di chiusura di ogni bilancio e, qualora si ravvisasse una variazione in termini di utilità futura, si dovrà procedere al conseguente adeguamento del piano d ammortamento. Internazionali I principi contabili internazionali (nello specifico lo IAS 38) adottano un approccio totalmente differente alla materia: le attività immateriali sono infatti attività monetarie, identificabili, prive di consistenza fisica e possedute per essere utilizzate nella produzione o fornitura di beni o servizi, per affitti a terzi o per fini amministrativi. Per l iscrizione a bilancio di tali spese non sono rilevanti considerazioni inerenti l utilità futura derivante dalla spesa effettuata ma viene richiesto, dal principio contabile, l imputazione diretta a conto economico nell esercizio nel quale le spese sono sostenute, senza consentire dunque la capitalizzazione di tali spese. Normativa fiscale Imposte sui redditi Ricollegandoci alla duplice qualificazione giuridica operata dalla dottrina in relazione alla ratifica delle operazioni ante costituzione, ci proponiamo a questo punto di evidenziare gli effetti emergenti dal punto di vista tributario delle due tesi contrapposte, sempre in relazione agli studi di fattibilità. È importante sottolineare che l Agenzia delle entrate nella R.M. 20 marzo 2002, n. 93/E ha evidenziato come in virtù della ratifica la società subentra nel rapporto posto in essere «a suo nome». Tale impostazione sembrerebbe dimostrare che l Agenzia delle entrate accetti la tesi della «rappresentanza», che come abbiamo evidenziato fa si che gli effetti dei contratti posti in essere si dispieghino direttamente nei confronti della società. Peraltro in tale risoluzione, emanata in ordine ai requisiti di operatività per l applicazione della Tremonti-bis, l Agenzia suffraga la sua tesi citando la sentenza della Cassazione Civile n. 1408/1981 citata in precedenza, che in realtà non sembra aderire alla tesi della «rappresentanza». In ogni caso, ai fini della nostra analisi, l Agenzia delle entrate individua una riferibilità diretta delle spese ante costituzione alla società per effetto della ratifica. In tale risoluzione, tuttavia, non viene affrontato il tema della deducibilità delle stesse. L impostazione assunta dovrebbe comunque far 16 5/2008 IPSOA

4 propendere per la deducibilità delle stesse nella misura in cui risultino inerenti e rispettino il requisito di competenza previsto dall art. 109 TUIR. In relazione al requisito della competenza, aderendo alla tesi del «mandato senza rappresentanza», si pone in evidenza che le stesse assumono rilievo per la società con la ratifica (in quanto in tale momento si realizza il trasferimento dei diritti previsto dallo schema negoziale adottato), indipendentemente dall esecuzione del fornitore. Qualche problema si pone, invece, per la fattispecie delle spese per studi di fattibilità ultimate ante costituzione aderendo alla tesi della rappresentanza. In particolare si pone il problema di conciliare la natura di tali spese con il disposto dell art. 109, comma 2, lett. b), che lega la competenza delle spese per prestazioni di servizi alla loro ultimazione. Se l ultimazione di tali spese è avvenuta prima della costituzione, allora in base al disposto dell art. 109 non potrebbero essere dedotte nel primo esercizio della società, in quanto lo stesso inizia nella data in cui è effettuato l atto costitutivo. Da ciò deriverebbe quindi l indeducibilità delle stesse. Per salvaguardare la deduzione si potrebbe forse invocare il disposto dell art. 108, comma 4, TUIR che permette, in deroga all art. 109, di rinviare la deduzione per le spese sostenute dalle imprese di nuova costituzione a partire dall esercizio in cui sono conseguiti i primi ricavi. Invocando tale principio si potrebbe quindi «trasferire» nel primo esercizio, o in un esercizio successivo, anche le spese sostenute ante costituzione in dipendenza del conseguimento dei primi ricavi. Ricordiamo, infine, che ai sensi dell art. 108, comma 3, del nuovo TUIR «le altre spese relative a più esercizi sono deducibili nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio». Inoltre, a tale proposito, particolare importanza riveste la C.M. del 27 maggio 1994, n. 73/E e la C.M. 3 maggio 1996 n. 108/E che specificano che l art. 109 del D.P.R. n. 917/1986 non stabilisce uno specifico criterio di deducibilità delle altre spese relative a più esercizi, ma ne dispone la deducibilità nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio in base ai criteri civilistici. Imposta sul valore aggiunto Anche per ciò che riguarda la disciplina dell imposta sul valore aggiunto possono sorgere problemi di interpretazione. Per ciò che riguarda la tesi della «rappresentanza», poiché essa implica che la società subentri nel contratto sin dall origine, il fornitore potrà emettere legittimamente fattura alla società stessa. È bene ricordare, tuttavia, che se fosse prevista la corresponsione di acconti o del saldo anteriormente alla costituzione, il fornitore dovrebbe fatturare al committente, ad esempio al socio fondatore che ha conferito mandato. L art. 6, comma 3, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 individua nel pagamento il momento di effettuazione dell operazione ai fini IVA per le prestazioni di servizi. Da ciò deriva necessariamente l obbligo di emissione di fattura con applicazione dell imposta, la quale, essendo addebitata verosimilmente ad una persona fisica non soggetto passivo, rappresenterà un costo ulteriore. Difficile anche ipotizzare un correttivo a questa eventualità, in quanto se da un lato è vero che il contratto è sottoposto a condizione sospensiva, tale condizione riguarda solo il soggetto contraente, essendo pacifico che, se la società non sarà costituita, colui che ha conferito mandato dovrà necessariamente assolvere all obbligazione di pagamento, in quanto in tale ipotesi il contratto avrà efficacia diretta nei suoi confronti. La controparte, versimilmente, nel caso dello studio di fattibilità avrà anche eseguito la propria prestazione ed è quindi difficile sostenere che il pagamento non assume rilevanza immediata, sulla base di una supposta sospensione del contratto fino alla data di iscrizione della società. Appare dubbia anche l ipotesi che, a seguito dell iscrizione della società, il fornitore possa emettere una nota di variazione ai sensi dell art. 26 D.P.R. n. 633/1972, sostenendo che con l iscrizione della società il rapporto tra il socio fondatore ed il fornitore sia venuto meno, in quanto sostituito dal rapporto tra socie- IPSOA 5/

5 tà e fornitore. In realtà manca tale presupposto tra quelli espressamente elencati dal comma 2, del citato art. 26 D.P.R. 633/1972. A conclusioni diametralmente opposte si giunge, invece, nell ipotesi in cui si segua la tesi del mandato senza rappresentanza per contratti già conclusi. In tale ipotesi, infatti, il fornitore sarebbe tenuto comunque a fatturare la propria prestazione al socio fondatore, in quanto il rapporto risulterebbe in essere con tale soggetto. La fatturazione diretta alla società, in tale ipotesi, violerebbe le norme previste dall art. 21 D.P.R. n. 633/1972 in ordine alla corretta individuazione dei soggetti tra i quali è posta in essere l operazione, con conseguente impossibilità per la società di detrarre l IVA addebitata. Rilevazioni contabili La differente valenza giuridica attribuibile agli atti posti in essere ante costituzione ha anche riflessi dal punto di vista contabile. Aderendo, infatti, alla tesi della rappresentanza, il rapporto contrattuale si intenderà sorto direttamente con la controparte del contratto, nella fattispecie, il consulente che ha eseguito lo studio di fattibilità. Nella contabilità generale la rappresentazione di tale operazione vedrà quindi iscritto, a fronte di un costo per servizi, un debito nei confronti del fornitore del servizio, che si chiuderà con il pagamento diretto a questo soggetto, qualora chi ha agito non abbia ancora provveduto al pagamento, ovvero con l apertura di un debito nei confronti del soggetto che ha agito, nell ipotesi in cui questi abbia già anticipato la spesa. Seguendo l impostazione del mandato senza rappresentanza, nella contabilità generale sarà necessario iscrivere direttamente un debito nei confronti del soggetto che ha agito, come contropartita delle spese per servizi ricevute. Le scritture contabili Come si è avuto modo di evidenziare precedentemente le possibilità di contabilizzazione delle spese per studi e fattibilità è correlata alle valutazione inerenti l utilità futura del bene sull attività aziendale. Qualora si ritenga che la spesa esaurisca la propria utilità nel corso dell esercizio nel quale la stessa è stata sostenuta, sarà necessario imputare tale costo interamente a conto economico in tale esercizio. Al ricevimento della fattura intestata alla società ed inerente una prestazione che può essere stata effettuata anche antecedentemente l iscrizione della società nel registro delle imprese, la scrittura sarà la seguente: CE B.7 Costi di start-up ,00 SP C.II.5 IVA a credito 2.000,00 SP D.6 Fornitori ,00 Qualora alternativamente si ravvisi nella spesa un utilità pluriennale si potrà invece procedere alla capitalizzazione della stessa che darà luogo negli anni successivi all ammortamento al fine di ripartire il costo anche nei successivi conti economici e correlarlo con i ricavi che sono determinati anche dall utilità derivante dall investimento effettuato. Rilevazione della spesa di start-up (in analogia a quanto sopra): CE B. 7 Costi di start-up ,00 SP C.II.5 IVA a credito 2.000,00 SP D. 6 Fornitori ,00 Capitalizzazione della spesa di start-up: SP B.I.7 Costi di start-up capitalizzati ,00 CE A.4 Capitalizzazione costi diversi , /2008 IPSOA

6 Ammortamento della spesa di start-up: CE B. 10.a Ammortamento costi di start-up 2.000,00 SP B.I.7 Fondo ammortamento costi di start-up 2.000,00 Si evidenzia che nell esempio proposto il valore dell «ammortamento costi di start-up» pari a è il valore minimo che tale voce può assumere: tale valore coincide con la rata in un piano di ammortamento a rata costante che si sviluppa lungo l arco temporale di 5 anni (massimo consentito). Laddove si riscontrasse un utilità decrescente nel corso dei successivi anni della spesa tale valore dovrebbe essere superiore, essendo ammessa (e consigliata) dai principi contabili la possibilità di effettuare un piano di ammortamento della spesa a rata decrescente ed anche in un arco temporale inferiore ai 5 anni; da un punto di vista fiscale l adozione di un siffatto piano d ammortamento comporterebbe comunque la totale deducibilità della spesa imputata a conto economico dato il riferimento ai criteri civilistici. IPSOA 5/

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a Agenzia delle Entrate Ufficio controlli fiscali - Direzione Regionale

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2015

NOTA OPERATIVA N. 11/2015 NOTA OPERATIVA N. 11/2015 OGGETTO: Il trattamento contabile e fiscale di software e siti web aziendali - Premessa La presente nota operativa riguarda un tema complesso e di non facile applicazione pratica:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 216/E

RISOLUZIONE N. 216/E RISOLUZIONE N. 216/E Roma 09 agosto 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello - Afa S.p.a. - Applicazione dei principi contabili internazionali - Deduzione di costi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

RISOLUZIONE N. 301/E

RISOLUZIONE N. 301/E RISOLUZIONE N. 301/E Roma, 18 ottobre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello Art. 109 TUIR, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, come modificato dal d.

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011 La costituzione delle spa I finanziamenti dei soci 23 marzo 2011 1 le fonti di finanziamento Possono essere a titolo di: capitale proprio o di rischio (patrimonio netto) capitale di debito o di terzi (passività)

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

OGGETTO: articolo 30, comma 3, lett. c) del d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 rimborso IVA per acquisto di beni ammortizzabili

OGGETTO: articolo 30, comma 3, lett. c) del d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 rimborso IVA per acquisto di beni ammortizzabili RISOLUZIONE N. 179/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 dicembre 2005 OGGETTO: articolo 30, comma 3, lett. c) del d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 rimborso IVA per acquisto di beni ammortizzabili

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

COSTI DI PUBBLICITÀ. Attivo SP B.I.2

COSTI DI PUBBLICITÀ. Attivo SP B.I.2 4 COSTI DI PUBBLICITÀ Attivo SP B.I.2 Prassi Documento OIC n. 24; Comitato consultivo per le norme antielusive, pareri 19.2.2001 n. 1; 24.2.2004 n. 1; 5.5.2005 n. 8 e 7.3.2006 n. 5; R.M. 5.11.74 n. 2/1016;

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 Oggetto: Interpello n../2001 - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Deducibilità degli ammortamenti relativi a

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti).

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti). Ai Gentili Clienti Gli omaggi natalizi Considerato l avvicinarsi delle festività natalizie, in occasione delle quali costituisce una prassi diffusa tra gli operatori economici effettuare omaggi a clienti

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO *************************************

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* Verbale di riunione dei componenti della commissione del 14 maggio

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

PCN 24 IAS 38 attività immateriali

PCN 24 IAS 38 attività immateriali PCN 24 IAS 38 attività immateriali 1 Art. 2424 B I 1) Costi di impianto e di ampliamento 2) Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità 3) Brevetti industriali e di utilizzo di opere dell ingegno 4) Concessioni,

Dettagli

Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili

Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili Ridimensionato l appeal fiscale della rivalutazione degli immobili SINTESI L art. 15 del D.L. 29/11/2008 n. 185, nella formulazione adottata con la conversione in legge, consente alle imprese di procedere

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELL ONORARIO CORRISPOSTO AL DIFENSORE DELLA PARTE VITTORIOSA IN GIUDIZIO

IL TRATTAMENTO FISCALE DELL ONORARIO CORRISPOSTO AL DIFENSORE DELLA PARTE VITTORIOSA IN GIUDIZIO IL TRATTAMENTO FISCALE DELL ONORARIO CORRISPOSTO AL DIFENSORE DELLA PARTE VITTORIOSA IN GIUDIZIO intervento a cura di Danilo Sciuto danilosciuto@libero.it In questo scritto si analizzano i risvolti pratici

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

NOTA OPERATIVA N.12 /2015

NOTA OPERATIVA N.12 /2015 NOTA OPERATIVA N.12 /2015 OGGETTO: Le spese di manutenzione. - Introduzione Con la presente nota operativa si affronterà il tema delle spese di manutenzione e del loro corretto trattamento contabile. Saranno

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma 14 gennaio RISOLUZIONE N. 10/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso 2008 Roma 14 gennaio Oggetto: Istanza di interpello - Alfa - Rilevazione dei ricavi e dei costi relativi all attività di raccolta e accettazione

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 08 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Spese di ristrutturazione nell ambito della determinazione del reddito di lavoro autonomo

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

Anno 2010 N. RF196. La Nuova Redazione Fiscale RIADDEBITO SPESE PROCESSUALI E RITENUTA

Anno 2010 N. RF196. La Nuova Redazione Fiscale RIADDEBITO SPESE PROCESSUALI E RITENUTA ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF196 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO RIADDEBITO SPESE PROCESSUALI E RITENUTA RIFERIMENTI RM 106/2010; CM 203/1994; RM 106/2006; RM 91/1998

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

2. IL TRATTAMENTO FISCALE DEL RIMBORSO DELLE SPESE A CARICO DELLA PARTE SOCCOMBENTE IN GIUDIZIO

2. IL TRATTAMENTO FISCALE DEL RIMBORSO DELLE SPESE A CARICO DELLA PARTE SOCCOMBENTE IN GIUDIZIO Dario Dellacroce via Orazio Antinori n. 6 dottore commercialista 10128 TORINO revisore contabile consulente del giudice Telefono 011-50.91.524 Telefax 011-50.91.535 Alberto Miglia E-mail: info@dellacroceeassociati.it

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile

conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile FURTI ED AMMANCHI DI BENI AZIENDALI conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile 1 FURTI - DISCIPLINA DI BILANCIO La normativa civilistica distingue tra: perdita di beni-merce perdita di altri

Dettagli

L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D

L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D Art. 13, comma 3, DL n. 201/2011 Art. 5, comma 3, D.Lgs. n. 504/92 DM 18.4.2013 Circolari MEF 18.5.2012, n. 3/DF e 23.5.2013, n. 2/DF Sentenza Corte Cassazione 9.2.2011,

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 17 /2014. OGGETTO: Trattamento contabile e fiscale dei rimborsi spese ai professionisti.

NOTA OPERATIVA N. 17 /2014. OGGETTO: Trattamento contabile e fiscale dei rimborsi spese ai professionisti. NOTA OPERATIVA N. 17 /2014 OGGETTO: Trattamento contabile e fiscale dei rimborsi spese ai professionisti. Introduzione Il Decreto Legislativo 175 del 2014, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 novembre

Dettagli

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società

Dettagli

Svalutazione, ammortamento e ripristino di valore di un immobilizzazione: una questione anche di tempi

Svalutazione, ammortamento e ripristino di valore di un immobilizzazione: una questione anche di tempi Svalutazione, ammortamento e ripristino di valore di un immobilizzazione: una questione anche di tempi di Tiziano Sesana (*) La valutazione dell esistenza di difficoltà a recuperare il valore netto contabile

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEL LEASING E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA. Dott. Gianluca Odetto

LA NUOVA DISCIPLINA DEL LEASING E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA. Dott. Gianluca Odetto E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA Dott. Gianluca Odetto DEDUCIBILITÀ CANONI LEASING Per i contratti di leasing stipulati sino al 28.4.2012 deducibilità subordinata alla durata contrattuale Previgente

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI Il leasing finanziario a cura di Roberto Protani IL LEASING FINANZIARIO Il leasing finanziario è un contratto atipico non disciplinato dal Codice civile che consente all'impresa

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 50 27.05.2015 Spese di manutenzione e riparazione Profili contabili e compilazione modello Unico Categoria: Ires Sottocategoria: Determinazione

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3 MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Spese di rappresentanza Nota n. 1 del 01 aprile 2009 Nozione e nuovi criteri

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI TRIBUTARI DEL IL BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara I beni aziendali in uso ai soci Beni ai soci e spesometro

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 30.05.2014 I canoni di leasing in Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico-Società di capitali Con specifico riferimento

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 24 Aprile 2009, ore 08:08 Immobili - patrimonio Deducibili gli interessi di finanziamento Rientrano nel novero degli interessi soggetti all art. 96 TUIR quelli di finanziamento relativi agli immobili-patrimonio.

Dettagli

OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003.

OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003. RISOLUZIONE N. 22/E Roma, 28 gennaio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO:Istanza di Interpello - Art. 7, comma 2, d. lgs. vo n. 387 del 29 dicembre 2003. Con istanza d interpello, concernente

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

B) partner nello svolgimento del progetto

B) partner nello svolgimento del progetto L IVA sui progetti di ricerca finanziati dall Unione Europea L'art. 72 del DPR 633/72, come regola generale, prevede che siano non imponibili le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese alle Comunità

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario 1 modulo Classificazione codice civile La classe B-I dell art. 2424 C.C. individua 7 categorie di immobilizzazioni

Dettagli

MARCO BODO LE OPERE D ARTE NEL REDDITO D IMPRESA

MARCO BODO LE OPERE D ARTE NEL REDDITO D IMPRESA MARCO BODO LE OPERE D ARTE NEL REDDITO D IMPRESA SOMMARIO: 1. Premessa - 2. Le opere d arte e la loro collocazione in bilancio 3. L acquisto di opere d arte e rilievi fiscali 4. La vendita di opere d arte

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI

RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI Società RISTRUTTURAZIONE dei DEBITI RIFLESSI FISCALI sul SOGGETTO EMITTENTE di Emanuele Rossi QUADRO NORMATIVO Nel corso di aprile 2010 è stata diffusa da parte dell Organismo italiano di contabilità (Oic),

Dettagli

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000 TEMI D ESAME N.1 QUESITO In data 1 gennaio 2005 Alfa S.p.A. ha acquistato una partecipazione dell 80% in Beta S.p.A., pagando un prezzo pari a euro 60.000. Il patrimonio netto contabile di Beta alla data

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2013

NOTA OPERATIVA N. 8/2013 NOTA OPERATIVA N. 8/2013 OGGETTO: La correzione degli errori contabili - Introduzione Malgrado l ausilio di sistemi informatici sempre più avanzati e l affinamento della tecnica professionale rimane quasi

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli