TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t"

Transcript

1 TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t PROCEDURA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI LIMITI DI LEGGE DI CUI AL DPCM A SEGUITO DELL ATTIVAZIONE DI IMPIANTO PER TELEFONIA MOBILE Palmanova, 21 ottobre 2010

2 1 INTRODUZIONE DEFINIZIONI ITER PROCEDURALE Controllo urbanistico Verifica del rispetto dei limiti di legge tramite misura Indagine preliminare Misura del campo elettrico Stima cautelativa e Valutazione cautelativa Chiusura dell iter di verifica Casi particolari STRUMENTAZIONE BIBLIOGRAFIA...6 APPENDICE A: STIMA CAUTELATIVA E VALUTAZIONE CAUTELATIVA...7 1

3 1 Introduzione Scopo della presente procedura è definire le modalità tecniche adottate dall ARPA FVG per la verifica del rispetto dei limiti di legge di cui al DPCM a seguito dell attivazione di un impianto per la telefonia mobile. 2 Definizioni Ai fini della presente procedura si introducono le seguenti definizioni. Impianti per la telefonia mobile: gli impianti di cui ai successivi 5 punti; Impianto fisso per telefonia mobile: la stazione radio di terra del servizio di telefonia mobile di qualsiasi potenza, escluse le microcelle, destinata al collegamento radio dei terminali mobili con la rete del servizio di telefonia mobile; Impianto mobile per la telefonia mobile: la stazione radio di terra del servizio di telefonia mobile, destinata al collegamento radio dei terminali mobili con la rete del servizio di telefonia mobile, posizionata per sopperire a esigenze di copertura dovute a eventi straordinari che insistano su uno stesso sito per un periodo non superiore a novanta giorni consecutivi; Ponte radio: l apparecchiatura accessoria necessaria, in una data postazione, ad assicurare il collegamento fisso punto-punto e punto-multipunto a servizio della telefonia mobile e fissa; Microcella: la stazione radio di terra del servizio di telefonia mobile destinata al collegamento radio dei terminali mobili con la rete del servizio di telefonia mobile con potenza totale al connettore d antenna non superiore a 5 Watt; Gap-filler: impianto ripetitore con potenza totale al connettore d antenna non superiore a 200 Watt, che funziona sulla stessa frequenza del trasmettitore al quale è collegato, impiegato per coprire le cosiddette zone d ombra ; Sistema trasmissivo: tecnologia impiegata per la ricetrasmissione radio del segnale cellulare di telefonia mobile. Si distingue in seconda generazione (GSM e DCS), terza generazione (UMTS) e quarta generazione (DVB-H). La prima generazione analogica (TACS) non è più utilizzata dai moderni sistemi di telefonia. Parametri di rete: parametri caratteristici di ogni settore per ogni impianto in base al tipo di sistema trasmissivo implementati dal Gestore per la realizzazione della rete cellulare di telefonia mobile (si veda la descrizione di dettaglio nell Appendice A). Simulazione singola: è la simulazione del campo elettrico del solo impianto in esame mediante un software funzionante con l ipotesi di campo lontano e spazio libero. Il risultato della simulazione è rappresentato con sezioni orizzontali od orografiche con una risoluzione massima di 0,50 m sul piano orizzontale e di 0,10 m su quello verticale. Simulazione complessiva: è la simulazione del campo elettrico, nelle stesse modalità della simulazione singola, considerando più di un impianto per la telefonia mobile. Luoghi di interesse: coincidono con le localizzazioni incompatibili di cui all art.8 della L.R. 28/04 per i quali, per la loro destinazione d uso, vi è una particolare sensibilità al tema della tutela dai rischi delle radiazioni non ionizzanti; in particolare sono asili nido, scuole di ogni ordine e grado, attrezzature per l assistenza alla maternità, l infanzia, l età evolutiva, attrezzature per l assistenza agli anziani ed ai disabili, ospedali e altre strutture adibite alla degenza. Punti di interesse: punti di misura, possibilmente almeno uno per ogni direzione di puntamento delle celle, individuati sulla cartografia sulla base delle simulazioni o, nei casi particolarmente semplici, direttamente sul 2

4 territorio sulla base della direzione di puntamento delle celle. Tali punti vengono individuati nel volume di analisi a 0,6 V/m delle SRB in esame o in un raggio al più di 400 m dalla collocazione dell impianto. E opportuno che i punti di interesse siano effettuate in prossimità dei luoghi di interesse, se presenti. Stima cautelativa: è il calcolo del campo elettrico mediante l utilizzo di parametri caratteristici del funzionamento delle tecniche trasmissive, a partire dai valori misurati in Banda Larga. Tale valore viene confrontato direttamente con i limiti di legge (per il suo computo a partire dal campo elettrico misurato, si veda l Appendice A). Valutazione cautelativa: è il calcolo del campo elettrico mediante l utilizzo di parametri caratteristici del funzionamento delle tecniche trasmissive a partire dai valori misurati in Banda Stretta. Tale valore viene confrontato direttamente con i limiti di legge (per il suo computo a partire dal campo elettrico misurato, si veda l Appendice A). 3 Iter procedurale Il Gestore fornisce la comunicazione della data di attivazione dell impianto, oltre che al Comune ai sensi dell art. 5 L.R. 28/04 e s.m.i., anche all Agenzia corredata dei parametri prescritti dal Regolamento di attuazione della LR 28/04 e dell eventuale riferimento del parere preventivo dell ARPA FVG (numero di protocollo). Qualora l impianto sia stato oggetto di parere dell ARPA, si fa riferimento anche ai dati presentati dal Gestore in tal sede ed alle prescrizioni e condizioni eventualmente poste dall Agenzia a corredo del proprio parere. L iter procedurale è costituito da due parti: controllo urbanistico e verifica del rispetto dei limiti di legge tramite misura. E consigliabile che il controllo urbanistico preceda la verifica strumentale. 3.1 Controllo urbanistico Il controllo dei parametri urbanistici dell impianto, delle condizioni d uso delle aree di territorio interessate, del rispetto delle eventuali prescrizioni contenute nell autorizzazione e della presenza del cartello informativo di cui all art. 14 della LR 28/04 sono di competenza del Comune. I parametri significativi dell impianto vengono elencati nella seguente tabella: Posizionamento dell impianto (o delle singole antenne in caso di impianto con antenne dislocate) Altezza del centro elettrico delle celle installate rispetto alla base dell impianto (pari alla quota del centro geometrico delle antenne) Numero di settori (celle) e relativa direzione di puntamento rispetto al Nord Caratteristiche dimensionali dei pannelli radianti Inclinazione delle antenne rispetto alla verticale (tilt meccanico) Numero di parabole installate Gli esiti dei controlli urbanistici effettuati dal Comune dovranno essere comunicati all ARPA. Nel caso di difformità il Comune procede secondo l art. 10 della LR 28/04 ed informa l ARPA sull esito del relativo procedimento. 3.2 Verifica del rispetto dei limiti di legge tramite misura Il parametro radioelettrico soggetto a verifica e controllo è il valore di campo elettrico misurato. 3

5 Considerato che le misure vengono effettuate nella regione di campo lontano, la verifica del rispetto del valore limite per il solo campo elettrico è sufficiente ad assicurare il rispetto dei limiti previsti dalla normativa vigente, in quanto in queste condizioni le intensità dei campi elettrici e magnetici e la densità di potenza sono legate da una relazione costante. Vengono di seguito descritte le modalità per l effettuazione delle misure di campo elettrico e per il loro confronto con i limiti di legge Indagine preliminare Al fine della individuazione sul territorio dei punti di interesse in cui effettuare le misure di campo elettrico, è possibile procedere preliminarmente alla simulazione singola o complessiva del campo elettrico generato dagli impianti nelle condizioni di massima potenza. A tal fine si fa riferimento allo specifico Catasto gestito dall Agenzia, utile anche per individuare l eventuale presenza di siti radio-televisivi in prossimità dell impianto da verificare. In tale fase vengono identificati gli eventuali luoghi di interesse. Per le simulazioni è possibile riferirsi a quelle prodotte in sede di parere preventivo, qualora disponibili. In casi particolarmente semplici è possibile determinare le zone di massimo irraggiamento mediante ispezione visiva in sito. Le misure dovrebbero essere effettuate nel momento di massimo traffico; quando non si conosce il momento di massimo traffico è possibile, a partire dalla misura, utilizzare tecniche di calcolo, quale quella descritta nel seguito. L utilizzo di tecniche di estrapolazione non è necessario se la misura viene effettuata in condizioni di emissione massima; l'indicazione della fascia oraria di massimo traffico in un periodo di 24 ore può essere richiesta al gestore Misura del campo elettrico Le misure vengono effettuate di norma sul suolo pubblico ed esclusivamente in luoghi accessibili alla popolazione. I rilievi sono preceduti da uno screening dell area in banda larga, al fine di individuare i punti cui corrispondono i valori di campo elettrico più significativi. In casi particolarmente semplici, è possibile effettuare misure solamente in banda larga. Nei casi più complessi, come quelli di presenza di altri impianti SRB in contesto urbano o di presenza di impianti radio-televisivi, può essere necessario effettuare anche misure in banda stretta, come meglio specificato di seguito. In ogni caso le misure vanno effettuate secondo norma CEI Stima cautelativa e Valutazione cautelativa Si distinguono due casi: - intervento di verifica eseguito solo con strumentazione in banda larga; - intervento di verifica eseguito con strumentazione in banda larga e banda stretta. Nel caso in cui l intervento di verifica venga eseguito con la sola strumentazione in banda larga, non essendo possibile valutare direttamente lo stato di attivazione dell impianto, dopo aver eseguito l intervento di misura su territorio l Agenzia invia formale richiesta al Gestore interessato affinché comunichi lo stato di attivazione del proprio impianto alla data ed all ora del sopralluogo ARPA FVG. Qualora lo stato di attivazione dell impianto venga verificato tramite analisi spettrale non è necessario richiedere la relativa dichiarazione al Gestore. 4

6 Contestualmente alla eventuale richiesta sopra indicata, qualora il Gestore non abbia già provveduto a comunicarli precedentemente, si procederà anche alla richiesta formale dei dati tecnici caratteristici post installazione (numero di portanti, parametro di rete, frequenze di utilizzo, attivazione o meno del controllo di potenza e trasmissione discontinua, ecc..). E possibile quindi procedere al calcolo della Stima cautelativa del campo elettrico tenendo conto delle caratteristiche di trasmissione delle tecnologie GSM, DCS e UMTS come previsto dalle norme CEI e In particolare, utilizzando i parametri caratteristici post installazione (numero di portanti per i sistemi GSM e DCS e parametro di rete per i sistemi UMTS) è possibile estrapolare, a partire dai valori misurati in banda larga, una stima del campo elettrico prevedibile in condizioni di massimo traffico per il cui calcolo si rimanda all Appendice A. Tale valore è cautelativo e può essere direttamente confrontato con i limiti di legge. Qualora si ottenga un valore per la Stima cautelativa maggiore del 75% del limite di legge è consigliabile effettuare la misura in banda stretta. Nel caso di misure effettuate in banda stretta, dai valori misurati si estrapola il valore del campo elettrico nelle condizioni di massimo traffico secondo gli algoritmi indicati delle norme CEI, basati sulla tipologia di sistema trasmissivo (GSM/DCS e UMTS) e sui dati tecnici caratteristici post installazione già indicati sopra (Valutazione cautelativa). Tale valore può essere direttamente confrontato con i limiti di legge. In caso di compresenza di più sistemi trasmissivi dello stesso impianto, sia nel caso della Stima che della Valutazione cautelativa, il campo elettrico totale si ottiene come somma in quadratura dei singoli contributi. 3.3 Chiusura dell iter di verifica Nel caso in cui si verifichi il rispetto dei limiti di legge secondo le modalità sopra descritte, gli esiti della verifica vengono comunicati al Comune ed al Gestore. La comunicazione è costituita da una relazione tecnica riportante i dati dell impianto oggetto della verifica, l esito delle misure di campo elettrico e le relative valutazioni. La relazione tecnica è integrata con una planimetria riportante la posizione dei punti di misura e degli eventuali luoghi di interesse, una descrizione della strumentazione impiegata e degli errori associati, i parametri di rete forniti dal gestore ed utilizzati per le valutazioni, nonché qualsiasi altra dichiarazione fornita dal Gestore funzionale alla verifica effettuata. Se il valore della Valutazione cautelativa risulta superiore ai limiti di legge, si avviano ulteriori accertamenti al fine di verificare se l impianto dà luogo a superamenti dei limiti di legge. Qualora gli accertamenti rivelino un superamento dei limiti di legge, viene avviata la procedura per le azioni di risanamento di cui all allegato 6 del Regolamento d attuazione della LR 28/2004. Nel caso in cui gli accertamenti non rivelino un superamento dei limiti di legge, è possibile concordare con il Comune ed il Gestore un sopralluogo congiunto in sito per individuare le cause dell anomalia. 3.4 Casi particolari Impianti mobili di telefonia mobile e gap filler: si applicano le procedure descritte. 5

7 Microcelle: si applicano le procedure descritte. In alternativa è possibile utilizzare la simulazione modellistica, in questo caso la verifica del rispetto dei limiti tramite misura è limitata ai casi in cui il volume di analisi risulta accessibile alla popolazione. Ponti radio: date le caratteristiche costruttive e di funzionamento delle parabole (l energia elettromagnetica è concentrata in una regione limitata e priva d ostacoli attorno alla direzione del collegamento e la presenza anche temporanea di ostacoli crea l interruzione della trasmissione del segnale e quindi la caduta del collegamento), il controllo urbanistico delle parabole installate conclude di per sé l iter di verifica senza rendere necessarie le misure. 4 Strumentazione La strumentazione in Banda Larga e Banda Stretta utilizzata dall Agenzia per l effettuazione delle misure quantitative di campo elettrico, oltre ad essere impiegata secondo le norme CEI e , deve essere dotata di un certificato di taratura SIT in corso di validità al momento delle misure. La frequenza della taratura viene indicata con cadenza almeno biennale salvo l indicazione di tempi inferiori da parte del produttore e salvo eventuali incidenti, malfunzionamenti o guasti occorsi alla strumentazione. Per i parametri da impostare sull analizzatore di spettro, si vedano la linea guida dell ANPA e la norma CEI Bibliografia Legge 22 febbraio 2001, n. 36 "Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici"; D.P.C.M. 08 luglio 2003 "Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualita' per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 khz e 300 GHz". Legge Regionale 6 dicembre 2004 n. 28 Disciplina in materia di infrastrutture per la telefonia mobile. Pubblicata nel B.U. Friuli-Venezia Giulia 15 dicembre 2004, n. 50. D.P.Reg n. 094/Pres. Regolamento di attuazione della legge regionale n. 28/2004 (Disciplina in materia di infrastrutture per la telefonia mobile). Pubblicato nel B.U. Friuli-Venezia Giulia 27 aprile 2005, n. 17. Guida CEI "Guida per la misura e per la valutazione dei campi elettrici e magnetici nell'intervallo di frequenza 0 Hz 10 khz, con riferimento all'esposizione umana". Guida CEI Guida alla realizzazione di una Stazione Radio Base per rispettare i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici in alta frequenza. Variante V1 della guida CEI , Metodologie di misura per segnali UMTS Guida CEI Appendice A Centraline di monitoraggio dei campi elettromagnetici a radiofrequenza: procedure e finalità di utilizzo ANPA Guida tecnica per la misura dei campi elettromagnetici compresi nell intervallo di frequenza 100 khz- 3GHz in riferimento all esposizione della popolazione RTI CTN_AGF 1/2000 6

8 Appendice A: Stima cautelativa e Valutazione cautelativa In questa Appendice viene indicato come procedere per ottenere la Stima e la Valutazione cautelativa del campo elettrico, a partire dai valori misurati, al fine del loro confronto con i limiti di legge di cui al DPCM Il Gestore fornisce (come da norma CEI ) le seguenti informazioni per ogni cella o settore, a seconda del sistema trasmissivo implementato nella SRB da verificare: - stato di attivazione dell impianto e delle portanti al momento delle misure; - banda di frequenza ed esatte frequenze di utilizzo per ogni portante; - fattori di attenuazione relativi al Controllo di Potenza α PC ed alla Trasmissione Discontinua α DTX, qualora attivi; - per i sistemi GSM e DCS: N GSM, DCS = numero delle portanti radio abilitate nella cella considerata; - per il sistema UMTS: parametro di rete ρ complessivo e, possibilmente, ρ CPICH, ρ SCH, ρ P-CCPCH, ρ S-CCPCH; Scrambling Code; codici ortogonali dei canali SCH, P-CCPCH e S-CCPCH, qualora disponibili. In base alle prescrizioni contenute nella norma CEI , si ha che: Per i sistemi GSM e DCS: E GSM, DCS = E mis 1 + ( N GSM, DCS 1)α PC α DTX in caso di mancata comunicazione di α PC e α DTX, i loro valori vengono assunti pari ad 1. Il valore di E mis può risultare sia da una misura in Banda Larga che da una misura in Banda Stretta. Nel primo caso rappresenta il valore totale misurato per fornire la Stima cautelativa. Nel secondo caso rappresenta il valore di campo elettrico come somma in quadratura delle portanti attive al momento della misura per fornire la Valutazione cautelativa. Per il sistema UMTS: E UMTS = E mis α PC α ρ DTX in caso di mancata comunicazione di α PC e α DTX, i loro valori vengono assunti pari ad 1. Il valore di E mis può risultare sia da una misura in Banda Larga che da una misura in Banda Stretta. Nel primo caso rappresenta il valore totale misurato per fornire la Stima cautelativa. Nel secondo caso rappresenta il valore di campo elettrico relativo ad una misura condotta in modalità Channel Power oppure relativo al canale pilota CPICH ricavato mediante analizzatore di spettro nel dominio dei codici per fornire la Valutazione cautelativa. Per il sistema DVB-H: DVB H E = Emis quando in tale sistema è assente il controllo di potenza. Il valore di E può derivare da una misura in Banda Larga per fornire la Stima cautelativa oppure da mis una misura in Banda Stretta mediante analizzatore di Spettro in modalità Channel Power per fornire la Valutazione cautelativa. 7

9 Valore complessivo da confrontare con i limiti di legge: In ogni caso il valore del campo elettrico da confrontare con i limiti di legge di cui al DPCM è dato dalla somma in quadratura dei contributi presenti: E TOT = GSM, DCS 2 UMTS 2 DVB H ( E ) + ( E ) + ( E ) 2 Note: 1. È possibile prevedere l esecuzione delle misure in banda larga mediante sonde con filtri selettivi al fine di isolare il solo segnale di telefonia mobile. 2. Lo schema indicato nella presente Appendice è cautelativo, in quanto considera sempre un eventuale segnale di fondo eventualmente presente e non attribuibile alla SRB e considera, in una data direzione, anche i contributi degli altri settori, pertanto: è possibile escludere il contributo di alcune celle o settori, qualora valutazioni sulla disposizione del punto di misura diano sufficienti garanzie della loro ininfluenza; in caso di ottenimento di un valore superiore al 75% del limite di legge o in caso di superamento del limite di legge, è consigliato verificare in dettaglio il contributo delle specifiche sorgenti mediante Banda Stretta facendo riferimento alle singole portanti di controllo per i sistemi GSM e DCS e procedendo nel dominio dei codici per il sistema UMTS. 3. Nel caso del superamento del 75% del limite di legge, ottenuto a partire dalla misura in banda larga, sono allo studio da parte dell Agenzia modalità che consentano di riconsiderare la necessità di effettuare misure in banda stretta nei casi più semplici (ad esempio cositing in ambiente extraurbano), qualora valutazioni sul rapporto delle potenze in campo diano sufficienti garanzie del rispetto dei limiti. 8

10

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di PORTICI (NA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA LARGA 5 COPIA DEI CERTIFICATI

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

Introduzione al catasto

Introduzione al catasto Introduzione al catasto Angela Alberici ARPA Lombardia CASTEL Catasto Informatizzato degli Impianti di Telecomunicazione e Radiotelevisione Sala Riunioni 1 - XXVI piano Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME Oggetto: SRB c/o stadio Richiedente: Comune di Monsummano Terme (PT) Scandicci, 30 novembre 2012 Il Tecnico

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA)

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA STRETTA 5 MISURE

Dettagli

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 30/05/2012 Pagina 1 di 11 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA Indice

Dettagli

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA Report Campagna di misura Abitazione Privata Via Mincio 243/1 Savignano sul Panaro 6 Settembre 16 Ottobre 2013 Le principali sorgenti di campo elettromagnetico ad alta frequenza presenti in questo sito

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MALBORGHETTO VALBRUNA PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) ELABORATO

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

Maria Logorelli - ISPRA

Maria Logorelli - ISPRA Catasto nazionale delle sorgenti fisse e mobili dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici: sviluppi normativi in attuazione dell art.4, comma 1, lettera c della Legge Quadro n. 36/2001 Maria Logorelli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Programma Regionale I.N.F.E.A. Informazione Formazione ed Educazione Ambientale PROGETTO GEO Sensibilizzazione alla sostenibilità ambientale INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Dott. A.Zari - Dipartimento A.R.P.A.T.

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

Radioprotezione in siti critici

Radioprotezione in siti critici Radioprotezione in siti critici 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Legge quadro, 36/2001 2 Il quadro di riferimento italiano in materia di esposizione

Dettagli

CITTA DI GIAVENO. Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici

CITTA DI GIAVENO. Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici CITTA DI GIAVENO Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici Anno 2006 Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici Elaborazione Per l Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata della Città di Giaveno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

L esperienza del Friuli Venezia Giulia

L esperienza del Friuli Venezia Giulia L esperienza del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente CATASTO REGIONALE DELLE SORGENTI FISSE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI E RADIOTELEVISIVI, CON

Dettagli

Il ruolo delle Agenzie in Italia

Il ruolo delle Agenzie in Italia Il ruolo delle Agenzie in Italia Salvatore Curcuruto ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Riferimenti normativi LQ n.36/2001 ( Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni

Dettagli

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano).

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano). Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Milano Via Filippo Juvara, 22 20129 MILANO Tel. 0274872260/61 Fax 0270124857 U.O. Agenti Fisici Milano Prot. N. Da citare nella risposta Class. 3.3.5 Pratica

Dettagli

Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali

Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali Patrimonio Ambiente e Verde Urbano Attività Produttive e Commerciali P.G. N.: 4978/2008 Prog. n.: 1/2008 Data Seduta Giunta : 15/01/2008 Data Pubblicazione : 19/01/2008 Data Esecutivit à: 29/01/2008 Esecutivo

Dettagli

Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici

Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici A cura della Sezione di Fisica Ambientale dell ARPA del Friuli Venezia Giulia La legge quadro n 36 del 2001 istituisce il catasto nazionale che integra

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità

Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità Salvatore Curcuruto ISPRA Romualdo Amodio ISPRA Problemi aperti Essenzialmente legati all attuazione di alcune disposizioni della legge

Dettagli

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Il fenomeno elettromagnetico ad oggi è prodotto dai grandi conduttori di energia elettrica, dai trasmettitori

Dettagli

1 PREMESSA... 3 3 RIEPILOGO DEI RISULTATI... 8 4 CONCLUSIONI... 10

1 PREMESSA... 3 3 RIEPILOGO DEI RISULTATI... 8 4 CONCLUSIONI... 10 Firmato digitalmente da Hermann Kohlloffel O = non presente C = IT 1 PREMESSA... 3 2 EFFETTI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM) SUGLI ESSERI UMANI... 4 2.1 Riferimenti legislativi... 4 2.2 Metodologia di

Dettagli

MANUALE DI CONSERVAZIONE

MANUALE DI CONSERVAZIONE AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA DI SPILIMBERGO Azienda pubblica di servizi alla persona ex L.r. 19/2003 Viale Barbacane, 19-33097 Spilimbergo PN Tel. 0427 2134 Fax 0427 41268 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE)

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE) REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO SETTEMBRE 2011 PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER TELEFONIA MOBILE, I PONTI RADIO E GLI IMPIANTI DVB-H

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 1 5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 5.1 Premessa In questo capitolo si studierà la possibilità di inserire gli impianti radio FM da delocalizzare in alcuni siti sul territorio

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA AERONAUTICA MILITARE ITALIANA TECHNICAL REPORT SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE EMISSIONI E.M. IN BANDA RADAR E RADIO PRESENTAZIONE ED ANALISI DEI DATI Technical Report 2014-10-09 12:45:45 - Pagina 1/47 CONTESTO

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei

Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei Elettromagnetismo Lucca propone un programma comunale della telefonia mobile attraverso un percorso che mette l accento sulla partecipazione dei cittadini e sulla trasparenza e l accesso ai dati e ai monitoraggi

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m)

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m) Report campagne di misura CEM per il sito: Hotel Londra Comune: Cervia Località: Milano Marittima - Periodo: 2003 2008 1. PARAMETRI IDENTIFICATIVI DELLA CAMPAGNA DI MISURA - Luogo dei rilievi: Hotel Londra

Dettagli

Inquinamento da campi elettromagnetici a radiofrequenza dovuti. ad emittenti radiotelevisive

Inquinamento da campi elettromagnetici a radiofrequenza dovuti. ad emittenti radiotelevisive RF_RadioTv Inquinamento da campi elettromagnetici a radiofrequenza dovuti ad emittenti radiotelevisive Provincia di Torino Responsabile del progetto : F. Pavone. Collaboratori scientifici : R. Giovinetto,

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1,

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, 35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, '(// $33/,&$=,21('(//$'*51 3RVL]LRQLGLPLVXUD - Il sensore deve essere posizionato ad un altezza di 1,5 m dal suolo - La misura deve essere eseguita

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI "Regolamento recante disposizioni di attuazione della legge 28 marzo 1991, n. 109, in materia di allacciamenti e collaudi degli impianti telefonici interni." D.M. 23 maggio 1992, n. 314 (Pubblicato nella

Dettagli

Riconfigurazione di impianto esistente Codice Sito. Installazione nuovo impianto di telefonia mobile Codice Sito. Il/La sottoscritto/a

Riconfigurazione di impianto esistente Codice Sito. Installazione nuovo impianto di telefonia mobile Codice Sito. Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO: Prot. Gen. Servizio Attività Produttive SUAP Servizio Edilizia Pubblica e Privata Servizio Urbanistica - SIT Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel. 051 598

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI SAN DANIELE DEL FRIULI PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE (L.R. 6 dicembre 2004, n. 28)

Dettagli

Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione

Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione LEGISLAZIONE Legge Quadro n. 36/01 sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Dettagli

INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI

INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI 1 SCOPO Nell ambito della progettazione preliminare del nuovo elettrodotto a doppia terna in cavo 132kV per l alimentazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CORRETTO INSEDIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E PIANO DI LOCALIZZAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.59 del 05/10/2012 Il Segretario Comunale Il

Dettagli

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Alberto Piacentini Responsabile Wireless Implementation Lombardia Milano, 7 novembre 2006 Realizzazione

Dettagli

Spett.li: Istituto Istruzione Superiore S. D Arzo Montecchio Emilia Dirigente Scolastico Rossana Rossi reis00400d@pec.istruzione.

Spett.li: Istituto Istruzione Superiore S. D Arzo Montecchio Emilia Dirigente Scolastico Rossana Rossi reis00400d@pec.istruzione. Sezione Provinciale di Reggio Emilia Via Amendola, 2-42122 Reggio Emilia Tel. 0522/336011 Fax 0522/330546 e-mail: urpre@arpa.emr.it pec: aoore@cert.arpa.emr.it http://www.arpa.emr.it/reggioemilia Pratica

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda sessione: DATI E INFORMAZIONI INERENTI I FATTORI DI PRESSIONI SULL AMBIENTE La banca dati impianti radio-telecomunicazioni ARPA Piemonte

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007 CENTRO REGIONALE PER LE RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI Struttura Semplice 21.03 Radiazioni Non Ionizzanti Misura di campi elettrici e magnetici ELF Cabina elettrica di trasformazione MT/BT Via

Dettagli

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna www.comune.bologna.it/primopiano/telefonia Giuseppe Paruolo Assessore a Salute e Comunicazione assessoresalute@comune.bologna.it

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DELLA PROVINCIA DI ANCONA RAPPORTO ANNO 2004 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio

Dettagli

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo 5 Impianti televisivi quadro riassuntivo EMITTENTE OBIETTIVI PROPOST E STATO TELENORBA TELEPUGLIA TELEDUE Trasferimento in sito fuori del centro abitato Rimozione antenne radianti non attiv e con conseguente

Dettagli

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati 31 GENNAIO 2013 NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati ARPA Sezione Provinciale di Bologna Direttore Sezione - Dott.ssa M.Adelaide

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

Villalta R.*, Giovani C.**, Moretuzzo M:**, Telesca M.**, Tramontin L.**

Villalta R.*, Giovani C.**, Moretuzzo M:**, Telesca M.**, Tramontin L.** IL CATASTO REGIONALE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI IN FRIULI VENEZIA GIULIA: GEOREFERENZIAZIONE DEGLI IMPIANTI, ANALISI CARTOGRAFICA, VALUTAZIONE TEORICA ED ANALITICA DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI Villalta

Dettagli

P.S.C. Allegato 8 VALUTAZIONE PREVENTIVA RISCHIO RUMORE

P.S.C. Allegato 8 VALUTAZIONE PREVENTIVA RISCHIO RUMORE ELABORATO P.S.C. Allegato 8 VALUTAZIONE PREVENTIVA RISCHIO RUMORE Pagina 1 di 10 1. BIBLIOGRAFIA... 3 2. VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AL RUMORE. 4 2.1 PREMESSA... 4 2.2 FASCE DI ESPOSIZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico"

EDILIZIA, descrizione del servizio Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" Il servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" (detto anche analisi di impatto magnetico o elettromagnetico)

Dettagli

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO CAVOUR Dott.ssa Cristina Volta Dott. Daniele Bontempelli P.i. Simone Colantonio

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

NT-5. Norma Tecnica. per la manutenzione sulle infrastrutture in fibra ottica

NT-5. Norma Tecnica. per la manutenzione sulle infrastrutture in fibra ottica NT-5 Norma Tecnica per la manutenzione sulle infrastrutture in fibra ottica Abstract Questo documento contiene le modalità tecniche per lo svolgimento delle attività di manutenzione degli impianti. Definisce

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana ASSESSORATO ALL'AMBIENTE XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA CHE PRODUCONO INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO come modificato con delibera

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Metodologia dell attività di vigilanza e controllo dell Autorità in relazione agli obblighi di pubblicazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH131 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Normativa di riferimento per installazioni di reti di trasporto Wireless e Access Point Wi-Fi

Normativa di riferimento per installazioni di reti di trasporto Wireless e Access Point Wi-Fi Normativa di riferimento per installazioni di reti di trasporto Wireless e Access Point Wi-Fi In collaborazione con: ARPA PIEMONTE Dipartimento Tematico Radiazioni, Radiazioni Non Ionizzanti DIREZIONE

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema Il modulo Ventilazione Standard permette di effettuare la progettazione integrata (disegno e calcoli) in AutoCAD di reti di canali aria (mandata e ripresa). Il disegno

Dettagli

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 Relazione Tecnica INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 ISPRA - Roma, 18 maggio 2010 SOMMARIO: : 1 PREMESSA 3 2 SITO OGGETTO DI INDAGINI 3 3 NORMATIVA

Dettagli

Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone

Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde Laura Vallone Frequenze in gioco 2 Come si effettuano le misure? Normative tecniche Tipo di sorgente/i

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Bando pubblico per lo sviluppo della rete a Banda Larga nelle aree a fallimento di mercato finalizzato al superamento

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1) Il presente regolamento

Dettagli

GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO

GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO Procedura Operativa GESTIONE VIDEOSORVEGLIANZA NELLA A.O. SAN PAOLO Codice Documento_Edxx AZI_POP_042_Ed00 Pag. 1/7 Data emissione: 03/04/10 Unità Operativa Tipo Documento Numero Locale AZI POP 042 GESTIONE

Dettagli

2 8 O T T. 2013 Cagliari, 25/10/2013

2 8 O T T. 2013 Cagliari, 25/10/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE DELLA SARDEGNA Dipartimento Provinciale di Cagliari Prot. n. -2 & 8 6+ 2 8 O T T. 2013 Cagliari, 25/10/2013 Sig. Sindaco Comune di Seneghe Via Roma, 10

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 01/04/2012 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni AMBITO DI APPLICAZIONE La L. 36/01 1 ha per oggetto gli

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

COMUNE DI TORTORETO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA RADIOMOBILE

COMUNE DI TORTORETO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA RADIOMOBILE REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA RADIOMOBILE APPROVATO con Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 23 marzo 2007 Pagina 1 di 13 INDICE PREMESSA pag. 2 TITOLO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DEGLI IMPIANTI DI INSEGNA LUMINOSA Istruzioni per la compilazione L art. 7 comma 1 del D.M. 37/08 prevede che Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste

Dettagli

Impianti fotovoltaici connessi alla rete

Impianti fotovoltaici connessi alla rete Aspetti tecnici legati alla progettazione e realizzazione di impianti di generazione e alla loro connessione alla rete La Guida CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica

Dettagli

Relazione Tecnica RT_001_14_P. Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra

Relazione Tecnica RT_001_14_P. Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra Relazione Tecnica Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra CLIENTE: Comune di Oliveto Citra COMMESSA: CO_001_14_P del 13/01/2014

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO

COMUNE DI PREMARIACCO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI PREMARIACCO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n.8 L.R. 5/2007 - D.P.R. 086/2008 RELAZIONE ARCH. PIETRO CORDARA progettazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa Ing. Gian Luca Passarini Via Daniele Manin, 20 36061 Bassano del Grappa RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO Comune di Bassano del Grappa Caratteristiche della campagna di misura

Dettagli