Conferenza del Prof. Massimo De Felice 9 gennaio L assicurazione contro i rischi sul lavoro, tra storia e innovazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conferenza del Prof. Massimo De Felice 9 gennaio 2014. L assicurazione contro i rischi sul lavoro, tra storia e innovazione"

Transcript

1 ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Conferenza del Prof. Massimo De Felice 9 gennaio 2014 L assicurazione contro i rischi sul lavoro, tra storia e innovazione Sommario 1. Un dibattito lungo più di un secolo: I rischi sul lavoro. Il risk management all attenzione degli Stati 2. Numeri e compiti dell Inail, innovare l organizzazione: Alcuni numeri. Missioni e programmi. Aspetti innovativi e potenzialità della ri-organizzazione 3. Il progetto dati, primo passo per radicare la cultura informatica: Il primo passo. Intersezioni e sviluppi. La teoria, la storia 4. La ricerca, per migliorare assistenza e prevenzione, per contribuire alla gestione: Una storia lunga e gloriosa. Ri-organizzare il governo della ricerca 5. Fare formazione: Il valore della formazione. L importanza dello stile: insegnare per problemi. La formazione interna 6. Richiami storici e osservazioni tecniche per il dibattito politico sull assicurazione obbligatoria di Stato : La critica all assicurazione obbligatoria di Stato. Sul calcolo del premio. Questioni sulla riserva. Qualche altro aspetto. L importanza per l assicurazione delle attività non-assicurative. L auspicio di Keynes. 1. Un dibattito lungo più di un secolo I rischi sul lavoro Il tema dei rischi sul lavoro che portano infortuni e malattie professionali percorre la storia dell industrializzazione e della previdenza sociale. Ha sollecitato dibattiti e approfondimenti disciplinari : negli ambiti della medicina e della sanità, dell organizzazione dei processi produttivi, del ruolo dello Stato (pro e contro lo Stato sociale ); sul principio di responsabilità e sui principî dell assicurazione (per la definizione di premi e prestazioni); sull informazione e sulla formazione (professionale), con specifica finalità di prevenzione; ha posto problemi alla statistica: di rilevazione e di lettura dei dati, di costruzione di indici, sulla misurazione dei rischi. Come nota al margine va ricordato che all inizio del Novecento gli infortuni sul lavoro sono stati argomento per l incontro elegante tra assicurazione e letteratura, per via delle Relazioni che Franz Kafka scrisse tra il 1908 e il 1916 quando lavorava a Praga nell Arbeiter-Unfall-Versicherungs-Anstalt für das Königreich Böhmen, l Istituto di 1

2 assicurazione contro gli infortuni sul lavoro per il Regno di Boemia (dopo essere stato impiegato ausiliario della compagnia triestina Assicurazioni generali) 1. L Istituto nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (l Inail) è stato da più di un secolo, e attivamente al centro del dibattito. Il risk management all attenzione degli Stati Oggi il perimetro di questo dibattito è stato esteso. I rischi sul lavoro sono inquadrati nell ambito generale del risk management ; sono visti nella correlazione con altri rischi che i Governi si trovano a dover gestire (rischi da eventi naturali, rischio di povertà, rischi ambientali, sanitari, da terrorismo); il controllo del rischio è stato posto all attenzione degli Stati, come strumento per salvare vite umane, per la tutela della stabilità sociale, come opportunità per lo sviluppo. L ultimo report 2014 della Banca Mondiale su Risk and Opportunity. Managing risk for Development definisce con chiarezza i termini del problema: il rischio non può essere eliminato; l incertezza domina il campo d azione, (spesso è deep uncertainty ) per fronteggiarla deve essere reperita e interpretata l informazione rilevante ; i soggetti non riescono a agire in modo completamente razionale, perciò per migliorare i comportamenti in condizioni di incertezza è fondamentale l educazione e la formazione; molte azioni cruciali sono collettive, dipendono da decisioni di gruppo, quindi richiedono capacità di coordinamento. Bisogna dare istruzioni per disciplinare il falso senso di sicurezza : anche per i sinistri rari non bisogna lasciar assopire l attenzione alla vigilanza. Le tecniche di risk management debbono sfruttare l innovazione tecnologica, perciò vanno sostenute con la ricerca e mantenute sulla frontiera della tecnologia. L azione politica deve coordinare decisioni individuali e decisioni pubbliche (delle istituzioni); deve avere la forza di fronteggiare gli interessi dei gruppi di pressione (il report richiama come emblematico a pagina 18 il ruolo delle lobby dell amianto ). Non si deve cedere alla vista corta : i costi di prevenzione vanno valutati correttamente, con il criterio del trade-off; sono spesso investimento con rendimento ragguardevole (per lavoratori, imprese e Stati), sono componente essenziale della produttività di medio-lungo termine (una recente metaanalisi citata anche nel report a pagina 171 misura un risparmio di 3,27 dollari sulla voce cure mediche per ogni dollaro investito nella tutela della qualità dei luoghi di lavoro, e di 2,73 dollari sulla voce assenteismo, sempre per un dollaro investito 2 ). La prevenzione va coordinata con le politiche di assicurazione, ma il coordinamento deve essere effettuato con accortezza, per evitare gli effetti della selezione avversa e del moral hazard. Riemergono i grandi temi della teoria: il ruolo degli incentivi, l informazione asimmetrica, la razionalità limitata. Per tutto questo il report della Banca Mondiale fornisce un quadro di insieme prezioso, e indicazioni particolari, utili e numerose; ma il messaggio più importante viene dai riferimenti bibliografici: si risale a Bernoulli allo Specimen Theoriae Novae de Mensura Sortis, si citano von Neumann e Morgenstern, Hurwicz e Kuznets, Knight e Schumpeter, Merton Miller, Maurice Allais, Kahneman e Tversky, Elinor Ostrom e Buchanan, Ronald 1 Kafka, F., Relazioni, Torino, Einaudi, Baicker, K., Cutler, D., Song, Z., Workplace Wellness Programs Can Generate Savings, Health Affairs 29(2010), 2. 2

3 Coase e Duncan Black. E un modo subliminale per riaffermare l importanza della teoria e dell alta tecnica come base per l azione politica consapevole e per il governo delle Istituzioni (e delle imprese). L Inail si trova a dover rispondere a queste sollecitazioni. 2. Numeri e compiti dell Inail, innovare l organizzazione Alcuni numeri L Inail è un istituto grande e complesso. Ha circa dipendenti (tra il personale, oltre ai ruoli amministrativi, ci sono i corpi tecnici: medici, avvocati, statistici e attuari, architetti e geologi, ingegneri e tecnologi, chimici e biologi). La struttura operativa è distribuita in 215 sedi locali, 131 ambulatori, 3 centri di riabilitazione, 19 laboratori di ricerca. Per valutare i volumi di attività si consideri che nel 2012 l Inail ha trattato circa 750 mila denunce di infortunio e 47 mila di malattia; dopo il lavoro di istruttoria ha riconosciuto circa 500 mila infortuni sul lavoro e circa 18 mila malattie professionali; ha erogato circa 800 mila rendite; ha emesso circa 4 milioni di DURC (il Documento Unico di Regolarità Contributiva ) 3 ; sono state controllate circa 23 mila aziende e regolarizzati circa 54 mila lavoratori; ha sostenuto circa 14 mila e 500 procedimenti legali; ha effettuato circa 83 mila servizi di omologazione e certificazione di attrezzature; sono state prestate circa 613 mila prestazioni per prime cure agli infortunati e 7 milioni di prestazioni sanitarie. Missioni e programmi Se si usa il linguaggio del bilancio per missioni e programmi di spesa 4, le azioni caratteristiche che l Inail svolge oltre ai servizi generali e istituzionali sono rappresentate con quattro raggruppamenti: 1 previdenza (è il nucleo dell attività propriamente assicurativa: raccolta dei premi, pagamento delle prestazioni); 2 assistenza sanitaria (prestazioni diagnostiche e curative per gli infortunati sul lavoro; prestazioni riabilitative post infortunio, per il recupero della capacità lavorativa; interventi per la fornitura di protesi); 3 tutela contro gli infortuni sul lavoro (interventi per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro; reinserimento degli infortunati nella vita di relazione; prestazioni istituzionali di certificazione e verifica); 4 ricerca (nei campi della medicina e igiene del lavoro, delle tecnologie di sicurezza e innovazione tecnologica, nella protesica, nella statistica). Aspetti innovativi e potenzialità della ri-organizzazione Da qualche anno, i vincoli alla spesa pubblica hanno imposto anche all Inail restrizioni sulle disponibilità di mezzi e competenze 5. In ottemperanza alla norma e per mantenere l efficienza è stato necessario definire un nuovo regolamento di organizzazione. 3 Il Documento Unico Regolarità Contributiva (DURC) è stato introdotto dalla legge 266/2002 per gli appalti pubblici e dal D. Lgs. 276/2003 per i lavori privati in edilizia; attesta la regolarità contributiva dei datori di lavoro e il rispetto degli obblighi previdenziali e assistenziali nei confronti di Inps, Inail e Casse edili. 4 La classificazione del bilancio per missioni e programmi è stata introdotta con la legge 31 dicembre 2009, n.196; precisazioni e commenti sull impostazione sono in Monorchio, A., Mottura L.G., Compendio di contabilità di Stato, Bari, Cacucci Editore, 2014, pp Legge 135 del 7 agosto 2012 (sulla Spending review); legge 125 del 30 ottobre

4 Nella ri-organizzazione, c è l opportunità di sfruttare tre azioni innovative: partire dalle (nuove) potenzialità dell informatica per ri-disegnare i processi di lavoro; indirizzare l attività di ricerca anche per finalità gestionali e strategiche; dare un (nuovo) stile alla formazione professionale (verso l interno e da svolgere all esterno). Sono azioni con una trama che si interseca, e che vanno coordinate; potranno inciampare sui vincoli delle norme, essere frenate dalla mentalità burocratica; pongono perciò, innanzitutto, una sfida culturale. Tornano alla mente come viatico le parole con cui Giorgio Fuà descriveva la sua idea di servizio studi dell ENI (ai giovani ricercatori che stava selezionando): costruire e far funzionare un organizzazione pensante, il cui scopo sia dato dalla partecipazione quotidiana alla determinazione della strategia dell Ente (e non principalmente da pubblicazioni ) Il progetto dati, primo passo per radicare la cultura informatica Il primo passo Il primo passo per radicare nell organizzazione la cultura informatica è stato compiuto col progetto dati, avviato dall Inail lo scorso anno. Il progetto ha una finalità tattica: rendere pubbliche (nel senso dell open data ) le informazioni su infortuni e malattie professionali; si inquadra nel piano governativo che vuol dare trasparenza alla pubblica amministrazione, per l esercizio del controllo democratico. Oggi sono disponibili sul portale dell Inail informazioni sui casi di infortunio, a livello di massima granularità (caso per caso) e rappresentate col modello di lettura (composto da 58 tabelle, corredato da un vocabolario e un thesaurus); entro giugno saranno resi pubblici i dati sui casi delle malattie; poi e questo sarà il risultato più innovativo i dati sulla consistenza economica dei fenomeni (l analisi finanziaria dei flussi di pagamenti generati da infortuni e malattie professionali). Già la realizzazione della prima fase del progetto ha consentito di individuare caratteristiche e azioni utili per qualificare la cultura e lo stile di gestione in generale. Possono essere raccolte in cinque osservazioni principali. 1 Costruire un modello di lettura dei dati è un esercizio di disciplina: richiede di definire la finalità della lettura, individuare le grandezze caratteristiche per la rappresentazione significativa del fenomeno che si deve analizzare (o gestire), il livello di dettaglio a cui operare (l approssimazione). Il modello non deve essere né troppo semplice né troppo complesso, ma solo adeguato allo scopo. Questi stessi principî vanno tenuti in conto per differenziare i flussi informativi necessari per la gestione, ai diversi livelli di responsabilità (strategica, operativa). 2 E stato necessario avviare la costruzione di un vocabolario del linguaggio speciale dell Inail, che renda precise le definizioni delle grandezze rilevanti per la gestione (garantendo coerenza tra vocaboli e espressioni polirematiche provenienti dai ceppi settoriali: amministrativo, assicurativo, contabile, giuridico, medico-legale, normativo, statistico); che sia di riferimento per la costruzione e la manutenzione dei data model di 6 La citazione è riportata da Antonio Pedone, nel saggio I primi incontri, in Luigi Spaventa economista civile, Torino, Nino Aragno Editore, 2013, pagina 5. 4

5 settore e renda sicura in senso semantico, con la tecnica del thesaurus l inter-operabilità tra database gestionali. 3 Si è colta l importanza di definire una politica dei dati a tutela della data quality, che sia in linea con i principî sanciti dagli International Standard 7, e formalizzi le azioni finalizzate alla tutela della qualità in protocolli di comportamento: ove siano specificate le tecniche di misurazione (della qualità), i criteri da applicare per validare i dati, i ruoli di responsabilità nel processo di validazione (come richiesto dalla normativa europea per banche e assicurazioni 8 ). 4 Si è confermato importante che il controllo sulla qualità dei processi sia indipendente dalla struttura operativa: anche questo punto è sancito nelle norme europee sulla governance di banche e assicurazioni, ove la funzione di internal audit è prescritto sia alle dipendenze del consiglio di amministrazione (l unità di auditing, costituita dall Inail col nuovo regolamento di organizzazione, segue questo principio). 5 La logica degli open data potrebbe essere utilizzata per costruire un grappolo di dati aperti all uso per la pubblica amministrazione. Con modelli di lettura definiti su finalità condivise potrebbero essere selezionati i dati di interesse, i metadati potrebbero garantire l effettiva interoperabilità (compresa la coerenza temporale), vocabolario e thesaurus la coerenza delle analisi. E un approccio che potrebbe dare vigore alle attività cosiddette di intelligence amministrativa ; alla gestione del Sistema informativo per la prevenzione nei luoghi di lavoro (il SINP 9 ); che potrebbe essere proposta anche nel progetto di armonizzazione delle statistiche europee degli infortuni sul lavoro (finalizzati a costruire un insieme di informazioni utili per l elaborazione di nuove e maggiormente mirate politiche di prevenzione 10 ). Insomma, la logica dell open data potrebbe essere il mezzo per rendere operativo nella sua interezza quel grafo tra banche dati (di amministrazioni ed enti, statali, parastatali e privati ) disegnato da de Finetti, che progettava già nel 1962 un sistema informativo nazionale, con collegamenti europei 11. Intersezioni e sviluppi Il progetto dati ha consentito anche di avviare intersezioni con la ricerca e la formazione. 7 Nelle norme Software engineering Software product Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) Data quality model, International Standard ISO/IEC 25012:2008(E) sono individuate 15 caratteristiche rilevanti per la qualità dei dati: 1 accuracy, 2 completeness, 3 consistency, 4 credibility, 5 currentness, 6 accessibility, 7 compliance, 8 confidentiality, 9 efficiency, 10 precision, 11 traceability, 12 understandability, 13 availability, 14 portability, 15 recoverability. Le caratteristiche da 1 a 5 sono soltanto specifiche del dato ( inherent ); le 13, 14 e 15 dipendono soltanto dal sistema informatico di riferimento (sono system dependent ) ; le caratteristiche da 6 a 12 hanno entrambe le qualificazioni: inherent e system dependent. Commenti ai principî necessari per tutelare la qualità degli open data (sulla base dell impostazione della Open Knowledge Foundation) sono in Formez PA, Open Data. Come rendere aperti I dati delle pubbliche amministrazioni, Roma, 2011, pagine Per le imprese di assicurazione: Directive 2009/138/EC of the European Parliament and of the Council of 25 November 2009 on the taking-up and pursuit of the business of Insurance and Reinsurance (Solvency II), Official Journal of the European Union, L335/1, , articoli 86.f e Il SINP è istituito (con l articolo 8 del Decreto legislativo n. 81 del 2008) al fine di fornire dati utili per orientare, programmare pianificare e valutare l efficacia della attività di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, relativamente ai lavoratori iscritti e non iscritti agli enti assicurativi pubblici, e per indirizzare le attività di vigilanza, attraverso l utilizzo integrato delle informazioni disponibili negli attuali sistemi informativi, anche tramite l integrazione di specifici archivi e la creazione di banche dati unificate. Costituiscono il SINP il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero della salute, il Ministero dell interno, le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, l Inail. 10 Eurostat, Statistiche europee degli infortuni sul lavoro (ESAW). Metodologia, 2001, doc. ESTAT/E3/HSW/2001/1130, pagina de Finetti, B., Sull opportunità di perfezionamenti e di estensione di funzioni dei servizi anagrafici, Istituto di Demografia della Facoltà di Scienze Statistiche, Demografiche e Attuariali dell Università di Roma, Roma, 1962, pagina 2. 5

6 Spoglio bibliografico, collocamento dei temi del progetto nella letteratura, motivazioni delle scelte metodologiche e tecniche, risultati hanno dato corpo al primo quaderno di ricerca dell Inail 12. Il processo di lavoro sta definendo un itinerario di formazione ispirato alla tecnica del fare e formare cioè dell imparare facendo e alla logica dell insegnamento per problemi, già sperimentata altrove su temi di risk management 13. La componente economica del modello di lettura (da realizzare nello sviluppo della terza fase del progetto), oltre a dare informazioni pubbliche, sarà strumento per sostenere quella che le Istituzioni vigilanti (su banche e assicurazioni) definiscono gestione sana e prudente. In particolare servirà a arricchire la struttura informativa del bilancio attuariale dell Inail: consentirà di potenziare il processo di verifica delle basi tecniche (in particolare delle tavole di mortalità) e il processo di calcolo della riserva, potrà rendere più stringenti con la realizzazione di nuovi processi di calcolo i criteri di controllo della solvibilità. Sarà preziosa anche per ottemperare alla verifica di sostenibilità economica, finanziaria e attuariale, asseverata dal Ministero dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, che l Inail dovrà effettuare a decorrere dall anno 2016 a seguito della riduzione di premi e contributi prescritta dalla legge di stabilità La teoria, la storia Molte scelte tecniche alla base del progetto hanno filtrato dibattiti correnti con l esperienza storica. L impostazione del modello di lettura richiama, in grande, il problema fondamentale dell inferenza statistica. Bruno de Finetti lo sintetizzò argomentando su una frase di Pirandello (amata da Giuseppe Pompilj), che diceva: un fatto è come un sacco; vuoto, non si regge ; per giudicare i fenomeni (e utilizzare i dati che li descrivono) serve altro, occorre in più anche una qualche opinione per interpretarli e per utilizzarli sensatamente 15. Si va contro l idea dell agnostic statistics (cioè il tirare fuori da grandi quantità di dati informazione senza avere opinione iniziale ), recentemente rilanciata a proposito del trattamento dei big data, per sottoscrivere di fronte a questa epistemologia con la forza bruta la domanda (retorica): con una ricerca guidata da nessuna ipotesi teorica, non ispirata da alcuna intuizione, che conoscenza possiamo ottenere? 16. Nella redazione dei lemmi del vocabolario si è riscoperta l efficacia della definizione operazionale (come definita da Bridgman nel 1927 e che de Finetti ha messo alla base del suo probabilismo), fondata sui criteri di rilevazione misurazione e calcolo 17. Il concetto di 12 Ciriello, G., De Felice, M., Mosca, R., Veltroni, M., Infortuni sul lavoro. Un modello di lettura (della numerosità) su open data dell Inail, Inail, Quaderni di ricerca n. 1, maggio De Felice, M., Moriconi, F., Una nuova finanza d impresa. Le imprese di assicurazione, Solvency II, le Autorità di vigilanza, Bologna, il Mulino, 2011, capitolo 1 e pagine Legge 27 dicembre 2013 (Legge di stabilità 2014), art.1, comma de Finetti, B., Probabilità di una teoria e probabilità dei fatti, in AA.VV., Studi di probabilità, statistica e ricerca operativa in onore di Giuseppe Pompilj, Gubbio, Oderisi, 1971, pagina La domanda è posta in Casati, R., Prima lezione di filosofia, Bari, Laterza, 2011, pagina Per dare effettivamente senso a una nozione (e non una parvenza di senso metafisico-verbalistica) occorre una definizione operativa (operazionale), cioè basata su un criterio che permette di misurarla (de Finetti, B., Teoria delle probabilità, Torino, 6

7 adeguatezza allo scopo, che deve pilotare la costruzione del modello di lettura, diventa più direttamente percepibile se si richiama la definizione di media come riassunto esaustivo 18. Anche la scelta delle grandezze caratteristiche per descrivere il fenomeno degli infortuni ha considerato lontane esperienze: lo specchio delle cause di infortunio realizzato da Ulisse Gobbi sui dati raccolti nei registri del Patronato per gli infortuni sul lavoro di Milano (relativi agli anni 1883, 1884, 1885); il nuovo e più ampio studio pubblicato nel 1937 dall Infail (l Istituto nazionale fascista per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, che fu l Inail anteguerra) proseguendo le rilevazioni annuali iniziate nel 1935 ; la relazione tenuta da Luigi Fournier alla IX Riunione della Società italiana di demografia e statistica (nel 1947) La ricerca, per migliorare assistenza e prevenzione, per contribuire alla gestione Una storia lunga e gloriosa L attività di ricerca, svolta tradizionalmente dall Inail nei campi della riabilitazione e del reinserimento degli infortunati, traccia una storia lunga e gloriosa, segnata da tecniche e protocolli d azione innovativi. La storia si può far iniziare nel 1943, con l acquisto della Villa Zanardi di Budrio, utilizzata come luogo di convalescenza. Nel 1961 il convalescenziario viene trasformato in Centro di rieducazione funzionale, e integrato con l officina ortopedica. Inizia la ricerca medica e tecnologica a sostegno delle protesi e delle ortèsi; si sviluppano i protocolli di riabilitazione e di reinserimento (gestiti con équipe multidisciplinari, cui partecipano tecnici ortopedici, medici, fisioterapisti, psicologi e assistenti sociali, infermieri). Intanto, alla fine degli anni cinquanta furono avviate da Antonio Maglio, direttore del Centro paraplegici dell Inail di Villa Marina a Ostia le pratiche della sport-terapia; nella testimonianza di un giovane infortunato paralizzato c è tutto il senso del ruolo dell attività sportiva: l interesse per ciò che facevi era maggiore rispetto alla riflessione su ciò che eri. Nell autunno del 1960 Roma fu sede dei primi Giochi Paralimpici (nella storia delle Olimpiadi), sulle magliette degli atleti si leggeva il logo dell Inail. Intanto si sviluppa la ricerca nel campo della protesica: è del 1962 la prima mano cinematica in legno ; dal 1963 si avvia il progetto per la realizzazione delle protesi mioelettriche, che porteranno riconoscimenti e premi (il Bell Grave Memorial ; il brevetto della protesi mioelettrica sarà donato dall Inail negli anni settanta alla Organizzazione Mondiale della Sanità). L ultimo atto di questa ricerca eccellente è nella collaborazione con l Istituto italiano di tecnologia (l IIT) di Genova, per lo sviluppo di un esoscheletro motorizzato per la deambulazione di soggetti paraplegici e di una mano poliarticolata. E Einaudi, 1970, pagina 93); occorre indicare un procedimento (sia pure idealizzato, ma non svisato), un esperimento (effettivo o concettuale) per la sua misurazione (de Finetti, B., La probabilità: guardarsi dalle contraffazioni!, Scientia, 111(1976), 5-8, pagina 269). Il termine operazionale è di Bridgman, che lo utilizzò in The Logic of Modern Physics (New York, 1927); operationalism è stato ripreso successivamente (ne La critica operazionale della scienza, Torino, Boringhieri, 1969, alle pagine 232, ), nel senso di dare la descrizione delle condizioni d'uso della parola, il sapere come usarla ( know how with regard to its usage ). 18 de Finetti, B., Teoria delle probabilità, Torino, Einaudi, 1970, pagina Gobbi, U., Gli infortuni del lavoro, Giornale degli economisti, I, 1886; Infail, Indagini statistiche sugli infortuni degli operai sul lavoro, Rassegna della previdenza sociale, I, 1938; Fournier, L., Sulle statistiche degli infortuni sul lavoro, Rivista degli infortuni e delle malattie professionali, II,

8 una collaborazione di grande prospettiva: coordina l esperienza clinica e riabilitativa dell Inail con l esperienza nella robotica umanoide dell IIT. E una forma di artigianato a alta tecnologia. L incorporazione nell Inail dell ISPESL (l Istituto Superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro) avviata nel è una nuova opportunità; ha portato l ampliamento degli ambiti di ricerca: alla medicina e igiene del lavoro, alle tecnologie di sicurezza e innovazione tecnologica; ha portato altre competenze, altre banche dati. Ri-organizzare il governo della ricerca Nel disegno di ri-organizzazione dell Inail la ricerca dovrebbe dare sostegno anche alla definizione delle strategie; non solo come diceva Fuà producendo pubblicazioni : ma, dopo aver studiato i temi strategici, contribuendo operativamente alle realizzazioni. Oltre ai temi tradizionali, c è bisogno di ricerca applicativa per migliorare i processi gestionali: per il controllo economico (verifiche contabili automatiche, verifiche dei metodi di costruzione e proiezione delle tavole attuariali per il calcolo delle riserve, procedure automatiche di calcolo della riserva sotto ipotesi sulle basi tecniche e sulle prestazioni, procedure per il calcolo dei premi sotto diverse ipotesi di incentivo); per fronteggiare l evasione contributiva (sfruttando interoperabilità tra banche dati e tecniche statistiche); per il potenziamento degli indici statistici (per portare a esempio l indice di sinistrosità a essere adeguatamente risk adjusted 21 ); per l analisi dei fattori causali dell infortunio e delle loro interazioni significative (la cui importanza è già segnalata in un interessante lavoro del 1983, auspicando più statistiche per la prevenzione 22 ). E una sfida ardua da condurre, ma sarebbe essenziale per interloquire in modo consapevole con l autorità politica. Potrebbe dare contributo anche al rinnovamento della pubblica amministrazione di cui parlava de Finetti sempre in quel seminario del 1962 (sebbene con qualche scetticismo 23 ). Dalla ricerca potranno venire contenuti innovativi e utilizzabili per i piani di formazione. 5. Fare formazione Il valore della formazione L educazione tecnica (all utilizzazione corretta dei macchinari e delle infrastrutture) è un mezzo fondamentale della prevenzione degli infortuni; in generale contribuisce al miglioramento dei processi di produzione, allo sviluppo 20 Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78 (convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122), art Sarebbe espressivo rapportare il numero di infortuni (per gruppo di infortunati ritenuti omogenei ) al periodo di esposizione al rischio. Le prassi di calcolo in vigore della frequenza degli infortuni sono in Eurostat, Statistiche europee degli infortuni sul lavoro (ESAW). Metodologia, 2001, doc. ESTAT/E3/HSW/2001/1130 (pagina 21), dove già si notava che il metodo di standardizzazione dovrà essere migliorato in futuro (pagina 22). 22 Coppini, M.A., Serio, A., Più statistiche per la prevenzione, Atti del Convegno di studi sull assicurazione infortuni e malattie professionali, Milano, de Finetti (Sull opportunità di perfezionamenti e di estensione di funzioni dei servizi anagrafici, Istituto di Demografia della Facoltà di Scienze Statistiche, Demografiche e Attuariali dell Università di Roma, Roma, 1962) riporta uno stralcio di un suo articolo del 1953, riguardo alla riforma della Pubblica amministrazione: non illudersi che gli uffici attuali col personale attuale avvezzo a vecchi sistemi e continuando a svolgere le attuali attribuzioni possano avvantaggiarsi [ ] mediante introduzione di nuovi macchinari e sistemi! (pagina 22), e poi sintetizzando: perché la riforma abbia successo sarebbe necessario porre in liquidazione l intera amministrazione esistente, trasformandola in ufficio stralcio per gli affari pendenti, nelle more del graduale trasferimento di competenze alla nuova amministrazione in corso di istituzione (pagina 23). 8

9 dell economia. E un fattore critico su cui investire. Formazione dei lavoratori, abilità manageriali e capacità organizzative rappresentano risorse fondamentali nell ambito del cosiddetto capitale basato sulla conoscenza misurato dall OCSE (assieme a altre risorse intangibili come il software, le banche dati, l attività di ricerca e sviluppo, i brevetti, il design). L incidenza sul PIL di questi investimenti oscilla nell area OCSE tra l 11% degli Stati Uniti e il 2% della Grecia; l Italia è nelle ultime posizioni (prima di Norvegia e Grecia), al 4% 24. D altra parte l effetto degli infortuni ha un incidenza economica rilevante: dal modello di lettura dei dati dell Inail, risulta che nel 2012 gli infortuni sul lavoro hanno provocato più di 12 milioni di giornate di inabilità, poco meno di 3 milioni sono relative a infortuni caratterizzati da un grado di menomazione permanente (maggiore di 6), per cui sono erogate prestazioni economiche 25. Anche per l educazione tecnica, insomma, non si deve cedere alla vista corta (criticata nel report della Banca mondiale); vale la valutazione per cui an investment in knowledge pays the best interest, come scriveva ormai quasi tre secoli fa nel suo celebre Almanacco Benjamin Franklin 26. L importanza dello stile: insegnare per problemi L Inail, con la costituzione recente del polo di formazione cerca di contribuire allo sviluppo, potenziando il coordinamento delle esperienze formative rivolte a imprese e lavoratori, nell ambito delle strategie di prevenzione. Anche per questo progetto c è bisogno di invenzione e innovazione. Sebbene possa apparire marginale (rispetto al tema della sicurezza nei posti di lavoro) il dibattito sull educazione finanziaria offre spunti interessanti per innovare la politica della formazione; l Inail vi partecipa nell ambito del comitato sicurezza costituito in collaborazione con l UNI (l Ente Nazionale Italiano di Unificazione) col sottocomitato sicurezza finanziaria e previdenziale 27. Le avvertenze critiche costruttive di Thaler e Willis 28 ai programmi di financial literacy tornano utili: invece di piani di formazione completi e preliminari, occorre realizzare interventi educativi puntuali, centrati sul problema da risolvere e al momento opportuno. Riecheggiano e rilanciano la tecnica dell insegnamento per problemi : partire dal problema, ricostruire la base di conoscenza (in genere multidisciplinare) necessaria alla risoluzione compresi i lemmi del linguaggio da utilizzare per descrivere i fenomeni, definire gli itinerari risolutivi, suggerire diffidenze e precauzioni per giungere con successo alla soluzione. Le norme tecniche dell UNI e le buone prassi alla cui definizione l Inail contribuisce possono rappresentare utili tracce didattiche, da arricchire con nozioni tecniche, con esempi e contro-esempi di comportamento. La 24 OECD, Raising the Returns to innovation: Structural Policies for a Knowledge-Based Economy, OECD Economics Department Policy Note No. 17, May 2013, pagina I dati di dettaglio sono nella tabella B7.1, in 26 Con la frase di Franklin si apre la relazione molto interessante di Ignazio Visco, Investire nella conoscenza, al X Forum del Libro Passaparola Investire in Conoscenza, Cambiare il Futuro, Bari, ottobre De Felice, M., Contribuire alla sicurezza finanziaria e previdenziale, Relazione al IV Forum Internazionale della Consulenza ed Educazione Finanziaria, Milano, dicembre Thaler, R.H., Financial Literacy, Beyond the Classroom, New York Times, October 5, 2013; Willis, L.E., The Financial Education Fallacy, American Economic Review, 101(2011), 3. 9

10 tecnologia dell e-learning (peraltro già sperimentata dall Inail) può essere utilizzata, ma richiede, a tutela dell efficacia, attente verifiche degli esiti: per individuarne le debolezze e sfruttare gli antidoti più adeguati (per i quali oramai sono disponibili vasti repertori) 29. Insegnare i modi della risoluzione è comunque arte difficile, è la conquista di un modo di fare; come ha scritto George Pólya: il risolvere i problemi è un arte pratica, come il nuotare, o lo sciare o il suonare il piano: potete impararlo solo con l imitazione e la pratica 30. Non basta perciò per dare successo al polo di formazione la conoscenza dei contenuti tecnici; è necessario definire uno stile per la formazione, costruito con schemi di comunicazione ritagliati per livelli di utenza 31. Quindi è impegno fondamentale realizzare piani di formazione di chi forma. La formazione interna C è poi il tema della formazione interna, collegato al governo dei cambiamenti organizzativi (e della transizione), il cosiddetto change management. E un tema rilevante per lo sviluppo economico, che le grandi imprese curano con attenzione; andrebbe affrontato con forza anche nella Pubblica amministrazione. Un punto è essenziale: il processo di formazione per governare il cambiamento deve partire dall alta dirigenza. E emblematico che nelle Disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche la Banca d Italia confermi l obbligo a realizzare piani di formazione per assicurare l aggiornamento delle competenze dei componenti del consiglio di amministrazione 32 (già affermato nella direttiva europea sui Capital requirements 33 ); e che richieste di qualificazione delle competenze dell alta direzione aziendale siano nella normativa sulla vigilanza delle imprese di assicurazione (rafforzate dopo l approvazione della Direttiva Solvency II ). Per la formazione interna finalizzata a fronteggiare il cambiamento l insegnamento per problemi è tecnica ancora più naturale. I piani di formazione possono essere integrati con il processo risolutivo dei problemi gestionali: possono utilizzare la linea di documentazione dei processi; educare alla motivazione teorica delle scelte; nel caso di soluzione per via informatica consentono di acquisire consapevolezza dei flussi di elaborazione (quali input sono necessari e perché, come si trasformano in output, quali sono le chiavi di lettura dei risultati); consentono di mantenere coerente e diffuso il linguaggio speciale con cui si gestisce l istituzione (o l impresa). 29 Un analisi originale e profonda dei pericoli dell utilizzazione dell informatica nella didattica (col suggerimento di antidoti) è in Casati, R. Contro il colonialismo digitale. Istruzioni per continuare a leggere, Bari, Laterza, 2013, in particolare nelle pagine 12, 38, 63-64, 94, Polya, G., La scoperta matematica. Capire, imparare e insegnare a risolvere i problemi, Milano, Feltrinelli, 1971, p. xi. 31 L insieme dei lavoratori (a cui i corsi di formazione a fini di prevenzione sono rivolti) è vario: per ambiti di lavoro, livello culturale, livello di specializzazione, velocità di innovazione di strumenti da utilizzare e processi da seguire, possesso linguistico (nel 2012 circa 111 mila denunce di infortunio hanno riguardato lavoratori nati all estero). 32 Banca d Italia, Disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche, Documento per la consultazione, Dicembre 2013, pagina 20 (box n. 6). 33 Directive 2013/36/EU of the European Parliament and of the Council of 26 June 2013 on access to the activity of credit institutions and the prudential supervision of credit institutions and investment firms, Articolo 91, par

11 6. Richiami storici e osservazioni tecniche per il dibattito politico sull assicurazione obbligatoria di Stato Il dibattito sulla scelta tra assicurazione obbligatoria di Stato com è oggi in Italia quella contro gli infortuni e le malattie professionali e assicurazione privata si è svolto (anche in Italia) sin dagli ultimi decenni dell ottocento; ha andamento carsico : le ri-emersioni, anche recenti, ripropongono comunque antiche posizioni e persistenti ambiguità, si trascurano troppo spesso premesse e conseguenze tecniche. La critica all assicurazione obbligatoria di Stato Si può dare per scontato che l assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali debba essere obbligatoria. Anche Einaudi, dopo aver scritto che l organizzazione statale dei più svariati rami di assicurazione sociale è [ ] un ideale che si muove entro una bassura: l esistenza di masse umane le quali hanno bisogno di essere costrette alla previdenza, alla organizzazione alla solidarietà 34, nel paragrafo 39 delle Lezioni di politica sociale dedicato proprio a l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro arriva alla conclusione che poiché gli uomini non sono né perfetti né previdenti, giova che l assicurazione sia obbligatoria 35. La critica al fatto che sia di Stato si incentra sul problema della commisurazione del premio al rischio. Come riferimento (storico e di contesto) si può citare Antonio Salandra, che nel criticare Lo stato assicuratore, nel 1881 scriveva: i premi si commisurano ai rischi. Se di fatto il premio è il corrispettivo della susceptio periculi [ ] esso deve crescere e diminuire in ragion diretta del rischio. Tutto il magistero delle tariffe sta nel classificare, sopra i dati approssimativi forniti dall esperienza, i rischi secondo la gravità loro, e nel proporzionarvi i premi : nelle tariffe il fine morale, o educativo, non ha a che vedere. [ ] Non possono essere subordinate a un fine, perché sono conseguenze di un calcolo, mutabili solo quando gli elementi del calcolo mutino. Il contributo dell assicurato dev essere proporzionato alla probabilità che il pericolo diventi danno. Se non è, l assicurazione non può sussistere. E questione di matematica e di logica, non di sentimento o di morale. 36. Sul calcolo del premio In linea di principio, nella determinazione del premio (individuale) commisurato all assicurazione di una rendita da infortunio entrano diverse componenti: la probabilità del sinistro (che attiva la rendita), il livello della prestazione economica, la probabilità di durata in vita dell assicurato, la struttura per scadenza dei tassi di interesse, e quello che in Solvency II è definito risk margin (il caricamento per il rischio necessario a compensare l avversione al rischio dell assicuratore). La stima di queste basi di calcolo non è agevole; in particolare è critica l elicitazione della probabilità del sinistro (considerato che sono da valutare anche sinistri rari e i sinistri in itinere ): se non si dispone di una vasta e appropriata base di dati e di adeguati giudizi esperti si è in una condizione (che il report della Banca mondiale definiva) di 34 Einaudi, L., Gli ideali di un economista, Quaderni della Voce raccolti da Giuseppe Prezzolini, Firenze, Pubblicazione della Soc. An. Ed. La Voce, Quaderno 50-51, 1921, pagina Einaudi, L., Lezioni di politica sociale, Torino, Einaudi, 2002(1949), pagina Salandra, A., Un caso di socialismo di stato. Lo stato assicuratore, Nuova antologia, LVII(1881), pagina

12 deep uncertainty. Anche nell assicurazione privata in questi casi si ricorre a aggregazioni per classe di rischio ; e vengono in soccorso i principî di mutualità (passaggio di risorse finanziarie provenienti dai premi tra assicurati appartenenti alla stessa classe di rischio) e solidarietà (trasferimento di fondi tra le diverse classi di rischio). Il calcolo dei premi nell assicurazione di Stato com è quella dell Inail valuta il rischio per via indiretta: si basa (sostanzialmente) su dati contabili retrospettivi (degli oneri per prestazioni economiche e sanitarie fornite dall Inail), riferiti a ciascuna voce di lavorazione cui sono associati gruppi di lavoratori; è prescritta la revisione periodica del premio, per garantirne l allineamento agli oneri; sono previsti incentivi (riduzione del premio per singola impresa ) in funzione dell andamento infortunistico osservato e dell adozione da parte dell impresa di protocolli di prevenzione. Il grande vantaggio tecnico dell assicurazione di Stato è nella disponibilità di dati sull intero universo nazionale: è garanzia in linea di principio di massima adeguatezza possibile della valutazione. L adeguatezza ovviamente è condizionata dalla significatività (nel tempo) delle voci di lavorazione, e dall appropriatezza dell attribuzione dei gruppi di lavoratori alla voce. E questa la leva che qualifica il pricing. Il collegamento tra premio e andamento infortunistico con la logica del bonus-malus è il mezzo che spinge l impresa all autotutela della sicurezza (che quindi non è prerogativa come spesso si afferma soltanto dell assicurazione privata). Questioni sulla riserva Nelle assicurazioni private la riserva tecnica (come definita nell articolo 76 della Direttiva Solvency II) corrisponde all importo attuale che le imprese di assicurazione [ ] dovrebbero pagare se dovessero trasferire immediatamente le loro obbligazioni di assicurazione [ ] ad un altra impresa di assicurazione. La riserva che è appostata nel bilancio dell Inail non rappresenta il valore attuale complessivo delle prestazioni in rendita (obbligazioni, o meglio: obblighi) dovute ai lavoratori infortunati. La riserva misura il valore della rendita base (valore iniziale); gli adeguamenti per aggravamento, e/o indicizzazione economica sono coperti a ripartizione, ricorrendo a una quota di premi incassati nell anno (è il sistema tecnico-finanziario cosiddetto a capitalizzazione attenuata ). Le proposte di passaggio da assicurazione di Stato a assicurazione privata dovrebbero considerare il problema della gestione delle rendite inessere, e l impossibilità di trasferimento degli obblighi corrispondenti tramite la riserva. Qualche altro aspetto Altri aspetti (caratteristici dell assicurazione pubblica) pongono allo schema privatistico questioni tecniche non facili da risolvere. Come gestire la cosiddetta automaticità delle prestazioni (per cui i lavoratori infortunati hanno diritto alle prestazioni anche in caso di mancata dichiarazione dell attività lavorativa o di mancato pagamento dei premi da parte del datore di lavoro) 37 ; come gestire gli effetti del ritardo di insorgenza delle malattie (attribuibili a attività lavorative svolte lontano nel tempo) e il riconoscimento con effetto retroattivo di nuove malattie professionali; come risolvere i 37 L automaticità delle prestazioni, l iscrizione obbligatoria e l assenza di scopo di lucro sono caratteristiche giudicate difficilmente conciliabili con la nozione di impresa nel senso di cui alle norme comunitarie in materia di concorrenza nella sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee, decisione del 22 gennaio 2002 in C-218/2000 (CISAL v INAIL). 12

13 problemi tipici di un assicurazione privata obbligatoria (come gestire l effetto di adverse selection, che porta a escludere dall assicurazione le imprese più rischiose ). L importanza per l assicurazione delle attività non-assicurative C è poi da valutare l effetto di efficienza che può derivare (ai processi di assicurazione) da attività non-assicurative assolte dall assicurazione di Stato (com è organizzata in Italia). La verifica di impianti e macchinari, la ricerca, le azioni di formazione alimentano conoscenze e cultura tecnica utili per gestire l attribuzione dei gruppi di lavoratori alle classi di rischio, e potenzialmente per controllare l adeguatezza delle voci di lavorazione. La gestione dei processi di riabilitazione ha effetto sui tempi di recupero: se ben realizzata è una leva per ridurre i costi da inabilità. E sono tutte azioni svolte su un volume di casi massimo, che copre la quasi totalità dei lavoratori italiani 38. Certo il livello di efficienza che si può raggiungere dipende dall interazione delle esperienze tra ruoli professionali, che per essere proficua va coordinata con processi organizzativi efficaci; ma ciò non toglie pregio alla potenzialità. L auspicio di Keynes Nella Fine del laissez-faire Keynes scriveva: Credo che in molti casi la dimensione ideale per l unità di controllo e di organizzazione è in un punto intermedio tra l individuo e lo Stato moderno. Io opino perciò che il progresso sta nello sviluppo e nel riconoscimento di enti semiautonomi entro lo Stato enti il cui criterio di azione entro il proprio campo sia unicamente il bene pubblico come essi lo concepiscono, e dalle cui deliberazioni siano esclusi motivi di vantaggio privato [ ] enti che nel corso ordinario degli affari siano di massima autonomi entro le proprie prescritte limitazioni, ma siano soggetti in estrema istanza alla sovranità della democrazia quale è espressa attraverso il parlamento 39. Alle poche considerazioni tecniche svolte in margine al dibattito sulla scelta tra assicurazione obbligatoria di Stato e assicurazione privata è utile aggiungere questa opinione illustre. 38 Sono esclusi, in particolare, agenti di commercio, giornalisti, personale di volo, vigili del fuoco, personale delle forze di polizia e delle forze armate. 39 Keynes, J.M., The end of laissez-faire, London, Hogarth Press, 1926; in The Collected Writings of John Maynard Keynes, IX, London, MacMillan Cambridge University Press, 1972; traduzione italiana: Keynes, J.M., La fine del laissez-faire e altri scritti, Torino, Bollati Boringhieri, 1991, pagina

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli