Codici per la statistica delle infermità e delle prestazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codici per la statistica delle infermità e delle prestazioni"

Transcript

1 Codici per la statistica delle infermità e delle prestazioni Validi dal 1 o gennaio 2009 Stato: 1 gennaio i 01.14

2 2 di 54 Modifiche 14 Modifiche al 1º gennaio 2014 Capitolo Prestazioni 7. Mezzi ausiliari dell AI N 153 Soppresso: gli apparecchi di riproduzione per supporti sonori sono stati stralciati dalla Lista dei mezzi ausiliari (allegato OMAI) 10. Progetti pilota N 916 Nuovo: terapia intensiva per l autismo infantile

3 3 di 54 Modifiche 13 Modifiche al 1º gennaio 2013 Capitolo Prestazioni 4. Provvedimenti d intervento tempestivo N 567 Correzione del rimando alla CRIT N 568 Correzione del rimando alla CRIT 7. Mezzi ausiliari dell'ai N 041 N 042 N 043 N 044 N 055 N 070 N 111 N 114 N 115 N 117 N 142 N 145 N 151 Aggiunta di «inclusi i costi di produzione» «Modifiche o rifiniture ortopediche costose di scarpe confezionate o scarpe speciali ortopediche» è stato sostituito con «Modifiche o rifiniture ortopediche di scarpe confezionate o scarpe speciali ortopediche» Aggiunta di «ortopediche» «scarpe fabbricate in serie» è stato sostituito con «scarpe confezionate» Aggiunta di «se costituiscono un complemento importante di provvedimenti sanitari d'integrazione» Accorciato «Bastoni lunghi per ciechi» è stato sostituito con «Bastoni bianchi e navigatori per pedoni» «Apparecchi di riproduzione per supporti sonori» è stato sostituito con «Apparecchi per la riproduzione di supporti sonori destinati ai ciechi e alle persone fortemente menomate alla vista per riprodurre testi registrati su nastro magnetico» «Apparecchi di riproduzione per supporti sonori» è stato sostituito con «Apparecchi per la riproduzione di supporti sonori destinati ai ciechi e alle persone fortemente menomate alla vista, se l'invalidità rende necessari tali apparecchi per svolgere un'attività lucrativa o per compiere le mansioni consuete» Aggiunta di ««binocoli e lenti filtranti» Aggiunta di «per l uso a domicilio» «Carrozzelle cingolate per salire su scale» è stato sostituito con «Montascale» Soppresso: le richieste per macchine da scrivere inoltrate all'ufficio AI dopo il 1º gennaio 2013 non possono più essere accolte

4 4 di 54 Modifiche N 156 «Apparecchi telefonici scriventi e videofoni» è stato sostituito con «Videotelefono SIP» 8. Mezzi ausiliari dell AVS N 759 Correzione del rimando alla CMAV 10. Progetti pilota N 911 Soppresso: il progetto pilota «Budget d assistenza» è terminato N 912 Soppresso: il progetto pilota «Budget d assistenza» è terminato N 913 Soppresso: il progetto pilota «Budget d assistenza» è terminato N 915 Nuovo: progetto pilota «Fornitura di personale a prestito» N 916 Nuovo: codice di riserva per futuri progetti pilota N 917 Nuovo: codice di riserva per futuri progetti pilota

5 5 di 54 Modifiche 12 Modifiche al 1 gennaio 2012 Capitolo Richieste di prestazioni Tipo di richiesta N 0 Nuovi numeri marginali: Richiesta per adulti: contributi per l'assistenza dell'ai; Richiesta per minori: contributo per l'assistenza dell'ai Capitolo prestazioni 1. Provvedimenti di accertamento N 290 Accertamenti SAM sostituiti dalle perizie multidisciplinari 3. Provvedimenti professionali N 541 Nuovo: lavoro a titolo di prova con rendita N 542 Nuovo: lavoro a titolo di prova senza rendita N 545 Adeguamento alla modifica dell'articolo LAI N 551 Adeguamento alla modifica dell'articolo LAI 4. Provvedimenti di intervento tempestivo N 563 Soppresso: sostituito dai numeri 567/568 N 567 Nuovo: servizio di collocamento nell'ambito della ricerca di un nuovo posto di lavoro N 568 Nuovo: servizio di collocamento e consulenza costante al fine di conservare il posto di lavoro 5. Reinserimento e reintegrazione dei beneficiari di rendita N 595 Nuovo: consulenza e accompagnamento dei beneficiari di una rendita e dei loro datori di lavoro 6. Contributo per l'assistenza e assegno per grandi invalidi, supplemento per cure intensive per i minorenni N 665 Nuovo: contributo per l'assistenza N 666 Nuovo: prestazioni di consulenza e sostegno per i beneficiari di un contributo per l'assistenza

6 6 di 54 Modifiche N 675 N 676 N 677 Soppresso: dal 1 gennaio 2012 i minorenni che vivono in un istituto non hanno più diritto all'assegno per grandi invalidi Soppresso: dal 1 gennaio 2012 i minorenni che vivono in un istituto non hanno più diritto all'assegno per grandi invalidi Soppresso: dal 1 gennaio 2012 i minorenni che vivono in un istituto non hanno più diritto all'assegno per grandi invalidi 7. Mezzi ausiliari dell'ai N 57 Rimando alla CMAI soppresso N 59 Numero marginale ampliato; aggiunta di «parte esterna»; soppressione di «componente» e rimando alla CMAI N 61 Nuovo: regolamentazione dei casi di rigore per la protesizzazione con apparecchi acustici N 62 Nuovo: apparecchi acustici per assicurati di età inferiore ai 18 anni 8. Mezzi ausiliari dell'avs N 757 Rimando alla CMAV soppresso N 759 Numero marginale ampliato; aggiunta di «parte esterna»; soppressione di «componente» 9. Codici supplementari Rz 901 Nuovo: comunicazione di dati alle autorità cantonali competenti 11. Codice aggiuntivo N 0 Nuovo: Nessuna reintegrazione di beneficiari di una rendita N 1 Nuovo: Reintegrazione dei beneficiari di una rendita Capitolo decisioni Ai codici di revisione viene aggiunto il sottotitolo: revisioni senza diritto a prestazioni transitorie

7 7 di 54 Modifiche Revisioni di rendita secondo le disposizioni particolari introdotte dalla 6 a revisione dell'ai N 5 Nuovo: revisione di rendita con diritto a una prestazione art. 32 LAI N 6 Nuovo: prestazione transitoria art. 32 LAI N 7 Nuovo: revisione di rendita ai sensi dell art. 34 LAI N 8 Nuovo: revisione di rendita disposizione finale della 6 a revisione dell'ai Codici delle revisioni A scopo illustrativo è stata introdotta una tabella d'aiuto Codice reddito da lavoro N 1 Nuovo: reddito conseguito sul mercato del lavoro primario N 2 Nuovo: reddito conseguito in ambiente protetto N 3 Nuovo: nessun reddito da lavoro N 4 Nuovo: sconosciuto Rifiuto della richiesta di prestazioni N 13 Aggiunta di «rifiuto del contributo per l'assistenza» Rz 70 Aggiunta di «interruzione per altri motivi» Autore della comunicazione N 12 Nuovo: assicuratore-malattie Casse di compensazione L'elenco delle casse di compensazione è stato aggiornato

8 8 di 54 Modifiche 11 Modifiche al 1 gennaio 2011 Capitolo prestazioni N 297 L'aggiunta che questo codice può essere utilizzato solo per la valutazione del diritto alla rendita è stata soppressa. Capitolo decisioni Codici dei gradi della grande invalidità I codici degli assegni per grandi invalidi dell'avs corrispondono in linea di massima ai codici degli assegni per grandi invalidi che vivono in istituto, poiché i montanti giornalieri dei beneficiari di una rendita AVS sono applicabili a prescindere dal fatto che l'assicurato viva in un istituto o a domicilio (eccezione: gli assicurati affetti da un'invalidità di grado lieve che vivono in un istituto non hanno diritto a un assegno per grandi invalidi dell'avs) N 1 Vale per gli istituti AI e AVS (a domicilio) N 2 Vale per gli istituti AI e AVS (in istituto e a domicilio) N 3 Vale per gli istituti AI e AVS (in istituto e a domicilio) Capitolo Settori/attività 1. Settore N 36 N Funzione N 8 N 9 «Economie domestiche private» è stato sostituito con «Impiego in economia domestica» «Formazione» sostituito con «senza attività lucrativa» «Economie domestiche private» è stato sostituito con «senza attività lucrativa» «Sconosciuto» è stato sostituito con «nessuna informazione» 3. Professione esercitata N 37 «Economie domestiche private» è stato sostituito con «senza attività lucrativa»

9 9 di 54 Modifiche 10 Modifiche al 1 gennaio 2010 Capitolo infermità Infermità congenite N 401 Soppresso: sostituito dai numeri 405/406 N 405 Nuovo: Disturbo dello spettro dell'autismo N 406 Nuovo: psicosi primarie infantili Capitolo prestazioni 3. Provvedimenti professionali N 425 Nuovo: formazione pratica INSOS, avviamento professionale AI N 430 Aggiunta di «formazioni» N 440 Soppresso: preparazione a un'attività in un laboratorio protetto N 475 Nuovo: formazione pratica INSOS, avviamento professionale AI N 480 Aggiunta di «formazioni» N 490 Soppresso: preparazione a un'attività in un laboratorio protetto N 548 Nuovo: servizio di collocamento nell'ambito della ricerca di un nuovo posto di lavoro N 549 Nuovo: servizio di collocamento e consulenza costante al fine di conservare il posto di lavoro N 550 Soppresso: sostituito dai numeri 548/549 I seguenti numeri marginali sono stati adeguati alle nuove denominazioni ufficiali delle professioni 401, 402, 410, 420, 451, 452, 460, Mezzi ausiliari dell'ai N 146 Nuovo: Consegna di un case d'accompagnamento per disabili motori 10. Progetti pilota Il seguente numero marginale è stato introdotto per il progetto pilota «Capitale di partenza» degli uffici AI di San Gallo e Vaud. 921, 922, 923, 924, 931, 932, 933, 934

10 10 di 54 Indice Indice Infermità Infermità congenite Malattie e traumatismi Disfunzioni Richieste di prestazioni Prestazioni Provvedimenti d'accertamento (art. 43 LPGA e art. 72 bis OAI) Provvedimenti sanitari (art. 11, 12 e 13 LAI) Provvedimenti professionali (art LAI) Provvedimenti d intervento tempestivo (art. 7d LAI) Provvedimenti di reinserimento (art. 14a LAI) e reintegrazione di beneficiari di una rendita (art. 8a LAI) Contributo per l'assistenza (art. 42 quater LAI) e assegno per grandi invalidi, supplemento per cure intensive per i minorenni (art. 42, 42 bis e 42 ter LAI) Mezzi ausiliari dell AI (art. 21 e 21 bis LAI) Mezzi ausiliari dell AVS (art. 43 ter LAVS) Codici supplementari Progetti pilota Codice aggiuntivo Decisioni Domanda di prestazioni respinta Autore della comunicazione (art. 3b cpv. 2 LAI) Piano d'integrazione Decisione di principio Settori/funzioni/professione esercitata/formazione più elevata conseguita Settore Funzione Professione esercitata Formazione più elevata conseguita Uffici AI... 51

11 11 di 54 Indice Casse di compensazione cantonali Casse di compensazione della Confederazione Casse di compensazione professionali... 52

12 Infermità 1. Infermità congenite I. Pelle 13 di 54 Infermità congenite Cicatrici cutanee congenite, per quanto sia necessaria un operazione (v. N. 112) 102 Pterigio e sindattilie cutanee 103 Cisti dermoidi congenite dell'orbita, della radice del naso, del collo, del mediastino e della regione sacrale 104 Displasia ectodermale 105 Malattie bullose congenite della pelle (epidermolisi bullosa ereditaria, acrodermatite enteropatica e pemfigo cronico benigno familiare) 107 Malattie ittiosiformi congenite e cheratosi palmo-plantari ereditarie 109 Naevi congeniti, quando presentano una degenerazione maligna o quando non è possibile una semplice escissione a causa della grandezza o della localizzazione 110 Mastocitosi cutanee congenite (urticaria pigmentosa e mastocitosi cutanea diffusa) 111 Xeroderma pigmentoso 112 Aplasie tegumentarie congenite, per quanto sia necessaria un'operazione o una cura ospedaliera 113 Amastia congenita e atelia congenita II. Scheletro A. Affezioni sistemiche dello scheletro 121 Condrodistrofia (per es.: acondroplasia, ipocondroplasia, displasia epifisaria multipla) 122 Encondromatosi 123 Disostosi congenite 124 Esostosi cartilaginea, per quanto sia necessaria un'operazione 125 Emiipertrofie ed altre asimmetrie corporee congenite, per quanto sia necessaria un'operazione 126 Osteogenesi imperfetta

13 127 Osteopetrosi 128 Displasie fibrose 14 di 54 Infermità congenite B. Malformazioni regionali dello scheletro a. Testa 141 Difetti ossei del cranio 142 Sinostosi del cranio, per quanto sia necessaria un'operazione 143 Platibasia (impressione basale) b. Colonna vertebrale 152 Malformazioni vertebrali congenite (vertebra fortemente a cuneo, vertebre saldate a blocco tipo Klippel-Feil, aplasia della vertebra, forte displasia della vertebra) c. Costole, torace e scapole 161 Costole cervicali, per quanto sia necessaria un'operazione 162 Fessura sternale congenita 163 Torace a imbuto 164 Torace carenato 165 Scapola alata congenita e anomalia di Sprengel 166 Torsione congenita dello sterno, per quanto sia necessaria un'operazione 167 Deformazioni congenite laterali della parte toracica, per quanto sia necessaria un'operazione d. Estremità 170 Coxa vara congenita, per quanto sia necessaria un'operazione 171 Coxa antetorta aut retrotorta congenita, per quanto sia necessaria un'operazione 172 Pseudoartrosi congenita delle estremità 176 Amelie, dismelie e focomelie congenite 177 Altri difetti congeniti e malformazioni congenite delle estremità, per quanto sia necessaria un'operazione, un'apparecchiatura o una cura con apparecchio gessato 178 Torsione tibiale interna ed esterna, a contare dal compimento di 4 anni, per quanto l'operazione sia necessaria

14 15 di 54 Infermità congenite III. Articolazioni, muscoli e tendini 180 Piede addotto o piede metatarso varo congenito, per quanto sia necessaria un'operazione 181 Artromiodisplasia congenita (artrogriposi) 182 Piede varo equino congenito 183 Lussazione congenita dell'anca e displasia congenita dell'anca 184 Distrofia muscolare progressiva e altre miopatie congenite 185 Miastenia grave congenita 188 Torcicollo congenito, per quanto sia necessaria un'operazione 189 Miosite ossificante progressiva congenita 190 Aplasia e forte ipoplasia dei muscoli striati 191 Tendovaginite stenosante congenita 192 Adinamia episodica ereditaria 193 Piede piatto congenito, per quanto sia necessaria un'operazione o una cura con apparecchio gessato 194 Lussazione congenita del ginocchio, per quanto sia necessaria un'operazione, un'apparecchiatura o una cura con apparecchio gessato 195 Lussazione congenita della rotula, per quanto sia necessaria un'operazione IV. Viso 201 Cheilo-gnatho-palatoschisis (fessura labiale, mascellare, palatina) 202 Fessure facciali mediane, oblique e trasversali 203 Fistole congenite del naso e delle labbra 204 Proboscis lateralis 205 Displasie dentarie congenite, nella misura in cui ne sono colpiti in modo grave almeno 12 denti della seconda dentizione dopo che sono spuntati. In caso di odontodisplasia (ghost teeth) è sufficiente che siano colpiti due denti in un quadrante 206 Anodontia congenita totale o anodontia congenita parziale, per assenza di almeno due denti permanenti contingui o di quattro denti permanenti per ogni mascella ad esclusione dei denti del giudizio

15 16 di 54 Infermità congenite 207 Iperodontia congenita, quando il o i denti soprannumerari provocano una deformazione intramascellare o intramandibolare per cui sia necessaria una cura a mezzo di apparecchi 208 Micrognatismo inferiore congenito, se, nel corso del primo anno di vita, provoca delle turbe di deglutizione e di respirazione che rendono necessaria una cura o se l'esame craniometrico rivela dopo la crescita degli incisivi permanenti una discrepanza dei rapporti sagittali della mascella misurata con un angolo ANB di 9 o più (rispettivamente con un angolo di almeno 7 combinato con un angolo mascellobasale di almeno 37 ) o se i denti permanenti, ad esclusione dei denti del giudizio, presentano una nonocclusione di almeno tre paia di denti antagonisti nei segmenti laterali per metà di mascella 209 Mordex apertus congenito, se provoca una beanza verticale dopo la crescita degli incisivi permanenti e se l'esame craniometrico rivela un angolo mascello-basale di 40 e più (rispettivamente di almeno 37 combinato con un angolo ANB di 7 e più). Mordex clausus congenito, se provoca una sopraocclusione dopo la nascita degli incisivi permanenti e se l'esame craniometrico rivela un angolo mascello-basale di 12 o meno (rispettivamente di 15 o meno combinato con un angolo ANB di 7 e più) 210 Prognatismo inferiore congenito, quando l'esame craniometrico rivela dopo la crescita degli incisivi permanenti una divergenza dei rapporti sagittali della mascella misurata con un angolo ANB di almeno 1 e quando almeno due paia di denti antagonisti della seconda dentizione si trovano in posizione d'occlusione incrociata o a martello, o quando esiste una divergenza di +1 e meno combinato con un angolo mascello-basale di 37 e più, o di 15 o meno 211 Epulis del neonato 212 Atresia delle coane (uni o bilaterale) 213 Glossoschisi 214 Macroglossia e microglossia congenite, per quanto sia necessaria un'operazione della lingua 215 Cisti e tumori congeniti della lingua 216 Affezioni congenite delle ghiandole salivari e dei loro canali escretori (fistole, stenosi, cisti, tumori, ectasie e ipoplasia o aplasia di tutte le grandi ghiandole salivari)

16 17 di 54 Infermità congenite 218 Ritenzione congenita o anchilosi dei denti, nella misura in cui sono interessati diversi molari o almeno due premolari o molari della seconda dentizione posti uno accanto all'altro (esclusi i denti del giudizio); l'assenza di abbozzi (esclusi i denti del giudizio) è equiparata alla ritenzione e all'anchilosi dei denti. V. Collo 231 Gozzo congenito 232 Cisti congenite del collo, fistole e fessure cervicali congenite e tumori congeniti (cartilagine di Reichert) VI. Polmoni 241 Bronchiectasie congenite 242 Enfisema lobare congenito 243 Agenesia parziale e ipoplasia dei polmoni 244 Cisti e tumori congeniti dei polmoni 245 Sequestro polmonare congenito 247 Sindrome delle membrane ialine 248 Sindrome di Mikity-Wilson 249 Discinesia primaria delle ciglia (se l'esame al microscopio elettronico è eseguito al di fuori di un periodo d'infezione) VII. Vie respiratorie 251 Malformazioni congenite della laringe e della trachea VIII. Mediastino 261 Tumori e cisti congeniti del mediastino

17 18 di 54 Infermità congenite IX. Esofago, stomaco e intestini 271 Atresia e stenosi congenite dell'esofago, fistole esofagotracheali 272 Megaesofago congenito 273 Stenosi ipertrofica del piloro 274 Atresia e stenosi congenite dello stomaco, dell'intestino, del retto e dell'ano 275 Cisti, tumori, duplicature e diverticoli congeniti del tubo digerente 276 Anomalie del sito intestinale, cieco mobile escluso 277 Ileo del neonato 278 Aganglionosi e anomalie delle cellule ganglionari dell'intestino crasso o dell'intestino tenue 279 Celiachia conseguente all'intolleranza congenita alla gliadina 280 Riflusso gastro-esofageo congenito, per quanto sia necessaria un'operazione 281 Malformazioni congenite del diaframma 282 Enterocolite necrotizzante dei prematuri aventi un peso alla nascita inferiore a 2000 o dei neonati, a condizione che si manifesti nelle quattro settimane che seguono la nascita X. Fegato, vie biliari e pancreas 291 Atresia e ipoplasia congenita delle vie biliari 292 Ciste congenita del coledoco 293 Cisti congenite del fegato 294 Fibrosi congenita del fegato 295 Tumori congeniti del fegato 296 Malformazioni e cisti congenite del pancreas XI. Parete addominale 302 Onfalocele e laparoschisi 303 Ernia inguinale laterale

18 19 di 54 Infermità congenite XII. Cuore, vasi e sistema linfatico 311 Emangioma cavernoso o tuberoso 312 Linfangioma congenito, linfangectasia congenita 313 Malformazioni congenite del cuore e dei vasi 314 Linfangectasia intestinale congenita XIII. Sangue, milza e sistema reticolo-endoteliale 321 Anemie, leucopenie e trombocitopenie del neonato 322 Anemie ipoplastiche o aplastiche, leucopenie e trombocitopenie congenite 323 Anemie emolitiche congenite (alterazioni degli eritrociti, degli enzimi o dell'emoglobina) 324 Coagulopatie e trombocitopatie congenite (emofilie ed altri difetti dei fattori di coagulazione) 325 Iperbilirubinemia del neonato di diversa causa, per quanto sia stata necessaria un'exanguino-trasfusione 326 Sindrome congenita di deficienza immunitaria (IDS) 327 Angioedema ereditario 329 Leucemia del neonato 330 Istiocitosi (granuloma eosinofilo, morbo di Hand-Schüller- Christian e Letterer-Siwe) 331 Poliglobulia congenita, per quanto sia stato necessario un prelievo terapeutico di sangue (salasso) sostituito con plasma 333 Malformazioni congenite e ectopie della milza XIV. Sistema uro-genitale 341 Glomerulopatie e tubulopatie congenite 342 Malformazioni, duplicature ed alterazioni congenite dei reni, comprese l'ipplasia, l'agenesia e la distopia 343 Tumori e cisti congeniti dei reni 344 Idronefrosi congenita 345 Malformazioni congenite degli ureteri (stenosi, atresie, ureteroceli, distopia, megauretere) 346 Riflusso vescico-ureterale congenito

19 20 di 54 Infermità congenite 348 Malformazioni congenite della vescica (p. es.: diverticolo della vescica, megavescica congenita) 349 Tumori congeniti della vescica 350 Estrofia della vescica 351 Atresia e stenosi congenite dell'uretra e diverticolo dell'uretra 352 Ipospadia ed epispadia 353 Fistola vescico-ombelicale congenita e ciste congenita dell'uraco 354 Fistola retto-uro-genitali congenite 355 Criptorchismo (unilaterale o bilaterale), per quanto sia necessaria un'operazione 356 Idrocele del testicolo e del funicolo spermatico congenito e cisti del legamento rotondo, per quanto sia necessaria un'operazione 357 Palmura e curvatura congenita del pene 358 Atresia congenita dell'imene della vagina, del collo uterino o dell'utero e stenosi congenita della vagina 359 Ermafroditismo vero e pseudoermafroditismo 361 Duplicatura degli organi genitali femminili (utero bicorne a unicollo o bicollo, utero unicollo e utero doppio con o senza doppia vagina) XV. Sistema nervoso centrale, periferico e autonomo 381 Malformazioni del sistema nervoso centrale e del suo rivestimento (encefalocele, ciste aracnoide, mielomeningocele, idromielia, meningocele, diastematomielia e tethered cord) 382 Turbe centrali di ipoventilazione dei neonati 383 Affezioni eredodegenerative del sistema nervoso (p. es.: atassia di Friedrich, leucodistrofie ed affezioni progressive della materia grigia, atrofie muscolari di origine spinale o neurale, disautonomia familiare, analgesia congenita, sindrome di Rett) 384 Medulloblastoma, ependimoma, glioma, papilloma del plesso corioideo, cordomi 385 Tumori e malformazioni congenite dell'ipofisi (come il craniofaringioma, la ciste di Rathke e la tasca di Rathke persistente) 386 Idrocefalo congenito

20 21 di 54 Infermità congenite 387 Epilessia congenita 390 Paralisi cerebrali congenite (spastiche, atetosiche, atassiche) 395 Leggeri disturbi motori cerebrali (cura fino al compimento del secondo anno di età) 396 Simpatogonioma (neuroblastoma simpatico), simpaticoblastoma, ganglioneuroblastoma e ganglioneuroma 397 Paralisi e paresi congenite XVI. Malattie mentali e gravi ritardi dello sviluppo Soppresso al 1 gennaio 2010; le IC autismo e psicosi primarie infantili sono rappresentate ai numeri 405 e Oligofrenia congenita (solo per la cura del comportamento eretistico o apatico) 404 Turbe cerebrali congenite con conseguenza preponderante di sintomi psichici e conoscitivi nei soggetti d'intelligenza normale, per quanto esse siano state diagnosticate e curate come tali prima del compimento del nono anno di età (sindrome psico-organica, sindrome psichica dovuta a una lesione diffusa o localizzata del cervello e sindrome psicoorganica congenita infantile); l'oligofrenia congenita è classificata esclusivamente al N Disturbi dello spettro dell'autismo, per quanto i loro sintomi si siano manifestati prima del compimento del quinto anno di età Psichosi primarie infantili, per quanto i loro sintomi si siano manifestati prima del compimento del quinto anno di età XVII. Organi di senso a. Occhio 411 Malformazioni delle palpebre (coloboma e anchiloblefaroma) 412 Ptosi congenita della palpebra 413 Aplasia dei canali lacrimali 415 Anoftalmia, buftalmia e glaucoma congenito

21 22 di 54 Infermità congenite 416 Opacità congenita della cornea con acuità visiva di 0,2 o meno a un occhio o 0,4 o meno ai due occhi (dopo correzione del vizio di rifrazione) 417 Nistagmo congenito, per quanto sia necessaria un'operazione 418 Anomalie congenite dell'iridie e dell'uvea con acuità visiva di 0,2 o meno a un occhio o 0,4 o meno ai due occhi (dopo correzione del vizio di rifrazione) 419 Opacità congenite del cristallino o del corpo vitreo e anomalie di posizione del cristallino con acuità visiva di 0,2 o meno ad un occhio o 0,4 o meno ai due occhi (dopo correzione del vizio di rifrazione) 420 Retinopatia dei prematuri e pseudo glioma congenito (compreso il morbo di Coats) 421 Retinoblastoma 422 Degenerazioni tapetoretiniche congenite 423 Malformazioni e affezioni congenite del nervo ottico con acuità visiva di 0,2 o meno a un occhio o 0,4 o meno ai due occhi (dopo correzione del vizio di rifrazione) 424 Tumori congeniti della cavità orbitale 425 Anomalie congenite di rifrazione con acuità visiva di 0,2 o meno a un occhio o 0,4 o meno ai due occhi (dopo correzione del vizio di rifrazione) 427 Strabismo e microstrabismo concomitante unilaterale, se esiste un'ambliopia di 0,2 o meno (dopo correzione) 428 Paresi congenite dell'occhio b. Orecchio 441 Atresia congenita dell'orecchio, compresa l'anotia e la microtia 443 Rime congenite nella regione auricolare, fistole congenite dell'orecchio medio, anomalie congenite del timpano 444 Malformazioni congenite dell'orecchio medio con sordità parziale uni o bilaterale con una perdita dell'udito di almeno 30 db all'audiogramma tonale in due delle seguenti frequenze: 500, 1000, 2000 e 4000 Hz 445 Sordità congenita totale 446 Sordità congenita neurosensoriale con una perdita dell'udito di almeno 30 db all'audiogramma tonale in due delle seguenti frequenze: 500, 1000, 2000 e 4000 Hz 447 Colesteatoma congenita

22 23 di 54 Infermità congenite XVIII. Metabolismo e ghiandole endocrine 451 Turbe congenite del metabolismo degli idrati di carbonio (glicogenosi, galactosemia, intolleranza al fruttosio, ipoglicemia di McQuarrie, ipoglicemia di Zetterstroem, ipoglicemia sensibile alla leucina, iperosaluria primaria, anomalie congenite del metabolismo del piruvico, assorbimento difettoso del lattosio, assorbimento difettoso del saccarosio e diabete mellito se questi è constatato nelle prime quattro settimane di vita o se si è manifestato senza alcun dubbio durante questo periodo) 452 Turbe congenite del metabolismo degli aminoacidi e delle proteine (p. es.: fenilchetonuria, cistinosi, cistinuria, oxalosi, sindrome oculocerebrorenale di Lowe, anomalie congenite del ciclo dell'urea e altre iperamoniemie congenite) 453 Turbe congenite del metabolismo dei lipidi e delle lipoproteine (p. es.: idiozia amaurotica, morbo di Niemann- Pick, morbo di Gaucher, ipercolesterinemia ereditaria, iperlipemia ereditaria, leucodistrofie) 454 Turbe congenite del metabolismo dei mucopolisaccaridi e delle glicoproteine (p. es.: morbo di Pfaundler-Hurler, morbo di Morquio) 455 Turbe congenite del metabolismo delle purine e delle pirimidine (xantinuria) 456 Turbe congenite del metabolismo dei metalli (morbo di Wilson, emocromatosi e sindrome di Menkes) 457 Turbe congenite del metabolismo della mioglobina, dell'emoglobina e della bilirubina (porfiria, mioglobinuria) 458 Turbe congenite della funzione epatica (itteri ereditari non emolitici) 459 Turbe congenite del metabolismo della funzione pancreatica (mucoviscidosi e insufficienza primaria del pancreas) 461 Turbe congenite della funzione del metabolismo delle ossa (p. es.: ipofosfatasia, displasia diafisaria progressiva di Camurati-Engelmann, osteodistrofia di Jaffé-Lichtenstein, rachitismo resistente alla vitamina D) 462 Turbe congenite della funzione ipotalamo-ipofisaria (microsomia ipofisaria, diabete insipido, sindrome di Prader- Willi e sindrome di Kallmann) 463 Turbe congenite della funzione tiroidea (atireosi, ipotireosi e cretinismo)

23 24 di 54 Infermità congenite 464 Turbe congenite della funzione paratiroidea (ipoparatiroidismo, pseudoipoparatiroidismo) 465 Turbe congenite della funzione surrenale (sindrome adrenogenitale e insufficienza surrenale) 466 Turbe congenite della funzione delle gonadi (malformazioni delle gonadi, anorchidia, sindrome di Klinefelter e resistenza agli androgeni; v. anche N. 488) 467 Difetti congeniti enzimatici del metabolismo intermedio manifestantesi nel corso dei primi cinque anni di vita 468 Feocromocitoma e feocromoblastoma XIX. Malformazioni interessanti diversi sistemi d'organi 481 Neurofibromatosi 482 Angiomatosi cerebrale e retinica (von Hippel-Lindau) 483 Angiomatosi encefalo-trigeminea (Surge-Weber-Krabbe) 484 Atassia teleangiectatica (Louis Bar) 485 Distrofie congenite del tessuto connettivo (p. es.: sindrome di Marfan, sindrome di Ehlers-Danlos, cutis laxa congenita, pseudoxanthoma elastico) 486 Teratomi e altri tumori delle cellule germinali (p. es.: disgerminoma, carcinoma embrionale, tumore misto delle cellule germinali, tumore vitellino, coriocarcinoma, gonadoblastoma) 487 Sclerosi cerebrale tuberosa (Bourneville) 488 Sindrome di Turner (solo turbe della funzione delle gonadi e della crescita) XX. Altre infermità 490 Infezione congenita per HIV 491 Tumori del neonato 492 Malformazioni duplici (p. es.: fratelli siamesi, epignato) 493 Postumi di embriopatie e di fetopatie (l'oligofrenia congenita è classificata al N. 403), malattie infettive congenite (p. es.: lue congenita, toxoplasmosi, tubercolosi, listeriosi, citomegalia) 494 Prematuri aventi un peso alla nascita inferiore a 2000 g sino al raggiungimento di 3000 g

24 25 di 54 Infermità congenite 495 Infezioni neonatali gravi, per quanto si manifestino nel corso delle prime 72 ore di vita e sia necessaria una cura intensiva 496 Farmacodipendenza neonatale, per quanto sia necessaria una cura intensiva 497 Gravi turbe respiratorie d'adattamento (p. es.: asfissia, sindrome da affanno respiratorio, apnea), per quanto si manifestino nel corso delle prime 72 ore di vita e sia necessaria una cura intensiva 498 Turbe metaboliche neonatali gravi (ipoglicemia, ipocalcemia, ipomagnesiemia), per quanto si manifestino nel corso delle prime 72 ore di vita e sia necessaria una cura intensiva 499 Gravi lesioni traumatiche dovute alla nascita, per quanto sia necessaria una cura intensiva XXI. Infermità congenite non incluse nell'allegato OIC 501 Sindrome di Down 502 Oligofrenia (idiozia, imbecillità, debilità, v. anche N. 403) 503 Altre infermità congenite non incluse nell'oic

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Ordinanza del DFI sulle prestazioni dell assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie

Ordinanza del DFI sulle prestazioni dell assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie Ordinanza del DFI sulle prestazioni dell assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (Ordinanza sulle prestazioni, OPre) 1 832.112.31 del 29 settembre 1995 (Stato 1 gennaio 2015) Il Dipartimento

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Rimborso delle spese di viaggio nell AI

Rimborso delle spese di viaggio nell AI 4.05 Stato al 1 gennaio 2008 Rimborso delle spese di viaggio nell AI In generale 1 L assicurazione invalidità (AI) rimborsa le spese di viaggio giudicate appropriate e necessarie all attuazione dei provvedimenti

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

ICD-10 CLASSIFICAZIONE STATISTICA INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE E DEI PROBLEMI SANITARI CORRELATI DECIMA REVISIONE

ICD-10 CLASSIFICAZIONE STATISTICA INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE E DEI PROBLEMI SANITARI CORRELATI DECIMA REVISIONE ISBN88-240-3591-4 9 7 8 8 8 2 4 0 3 5 9 1 0 Prezzo dei 3 volumi CLASSIFICAZIONE STATISTICA INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE E DEI PROBLEMI SANITARI CORRELATI ICD-10 MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO PER

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Assicurazione invalidità 6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure (revisione. Rapporto esplicativo

Assicurazione invalidità 6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure (revisione. Rapporto esplicativo Assicurazione invalidità 6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure (revisione 6b) Rapporto esplicativo 2010 0162 1 Compendio La 5 a revisione dell'ai è entrata in vigore all'inizio del 2008. Grazie

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Riconoscimenti RICONOSCIMENTI Il marchio MedDRA è proprietà di IFPMA per conto di ICH. Dichiarazione di responsabilità e copyright Questo documento è protetto

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f giugno 2010 orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma novembre 2011 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2.

Dettagli

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS 3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 In breve I beneficiari di rendite di vecchiaia e di prestazioni complementari all AVS/AI che risiedono in Svizzera e sono

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli