RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY"

Transcript

1 RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 1

2 INDICE L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 2 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY Sistema di welfare interaziendale Servizi attivati Progetto in pillole Impressioni e valutazioni sul progetto Dicono di noi Si ringraziano i presidenti, il consiglio di amministrazione e i direttori di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l attenzione dimostrata alle tematiche della conciliazione e al benessere dei collaboratori Si ringraziano tutti i dipendenti di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l ideazione, la realizzazione e la gestione del progetto Well Care Family Il presente documento è stato redatto da Sara Monti, welfare manager del progetto Milano, ottobre 2013 Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 2

3 L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY In Italia la famiglia è ormai da tempo il vero pilastro su cui si basa il welfare. La ricerca Istat di fine 2011 La conciliazione tra lavoro e famiglia fotografa la seguente situazione. Il 38,4% della popolazione tra i 15 e i 64 anni dichiara di prendersi regolarmente cura di figli minori di 15 anni, oppure di altri bambini, di adulti malati, disabili o di anziani. La famiglia si conferma la struttura di welfare per eccellenza nella società italiana. Il 27,7% delle persone tra i 15 e i 64 anni ha figli minori di 15 anni, il 6,7% si prende regolarmente cura di altri bambini e l 8,4% di adulti o anziani bisognosi di assistenza. Sono soprattutto le donne a essere coinvolte nella responsabilità di cura (42,3% contro il 34,5% rispetto agli uomini) e anche per questo risulta più bassa la loro partecipazione al mercato del lavoro. Tra le madri di età compresa tra i anni, la quota di occupate è pari al 55,5%, mentre tra i padri raggiunge il 90,6%. Il 35,8% degli occupati con responsabilità di cura vorrebbe modificare il rapporto tra tempo dedicato al lavoro retribuito e quello impiegato in assistenza ed accudimento. Per quasi 3 persone su 10 gli impegni lavorativi non permettono di trascorrere con i propri cari il tempo desiderato. Ha un orario flessibile soltanto 1/3 delle donne con lavoro dipendente. Il 24% delle persone inattive con figli minori di 15 anni o con altre responsabilità di cura sarebbe disposto a lavorare se potesse ridurre il tempo impegnato nell assistenza e accudimento. La mancanza di servizi di supporto nelle attività di cura rappresenta un ostacolo per il lavoro a tempo pieno al 14,3% delle donne occupate part time e per l'ingresso nel mercato del lavoro dell 11,6% di donne non occupate. Il 37,5% del totale delle madri occupate con figli minori di 8 anni dichiara di aver interrotto temporaneamente l attività lavorativa per almeno un mese dopo la nascita del figlio più piccolo. L'assenza temporanea dal lavoro per accudire i figli continua a riguardare, invece, solo una parte marginale di padri. Anche il congedo parentale è utilizzato prevalentemente dalla donne e riguarda una madre occupata su due a fronte di una percentuale di padri pari al 6,9%. Consapevoli dell importanza di promuovere servizi a favore della conciliazione famiglialavoro, di migliorare il benessere del dipendente sia sul posto di lavoro che in famiglia e di valorizzare il collaboratore anche attraverso un vivere l azienda in una nuova prospettiva, Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl hanno partecipato al bando regionale ai sensi della Dgr , n per la promozione di progetti per sostenere, incentivare e sviluppare politiche regionali volte a favorire la famiglia e la conciliazione. Il progetto Well Care Family è stato riconosciuto vincitore ed ha ricevuto da Regione Lombardia per il biennio un contributo di ,00 per la realizzazione di servizi ed attività finalizzate alla conciliazione tra i tempi del lavoro e i tempi della famiglia Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 3

4 Il progetto prende origine dalla volontà di coinvolgere fin dall inizio i lavoratori delle due aziende in una progettazione partecipata, per meglio rispondere ai reali bisogni manifestati dai collaboratori. Inoltre anche la sostenibilità del progetto può essere garantita solo dalla piena partecipazione dei dipendenti a tutte le fasi di realizzazione delle attività. A settembre 2011 è stato somministrato un questionario volto a rilevare non solo i bisogni dei collaboratori, ma anche possibili soluzioni. Di seguito l analisi dei dati raccolti. A fine 2011 i dipendenti di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl sono 124. Le 90 donne lavoratrici rappresentano il 73% dell intera popolazione aziendale. La risposta dei dipendenti è stata buona e l 86% (107 lavoratori) ha partecipato attivamente alla rilevazione dei bisogni e alla formulazione di proposte. In media, le famiglie dei dipendenti sono costituite da 3 individui (37%); seguono quelle con 4 componenti (29%); quelle composte da 2 individui rappresentano il 17%. I dipendenti che vivono soli sono il 17%. Sono 50 le famiglie con minori e costituiscono il 47% sul totale. Le famiglie con 1 figlio minorenne rappresentano il 26% del totale, mentre quelle con 2 figli sono pari al 19%. Fig. 1. I minori nelle famiglie dei dipendenti Nel complesso i minori sono 74: di questi quasi 1 su 3 (33%) ha tra 0 e 6 anni, mentre il 22% ha tra 6 e 11 anni e il 24% tra 11 e 14 anni. I nuclei familiari in cui sono presenti patologie croniche sono 42, pari a circa il 39% del totale delle famiglie. È interessante sottolineare che in tutte le famiglie ove è presente un anziano ultrasettantacinquenne (il 57% delle famiglie) sono presenti anche patologie croniche. Tra le patologie croniche più diffuse si registrano l asma e le allergie (spesso associate) al 24% (16 famiglie), seguono le cardiopatie e le malattie cardiovascolari (21% - 14 famiglie), le malattie tiroidee (16%- 11 famiglie) e il diabete (15% - 7 famiglie). Il 10% delle famiglie ha componenti con un invalidità riconosciuta. Attualmente i lavoratori che sono impegnati in prima persona in attività di cura e assistenza, anche verso familiari non conviventi, sono 45, pari al 42% del totale. La maggior parte dei dipendenti, il 21% è impegnata in attività di cura rivolte ai minori, mentre il 17% si dedica all assistenza agli anziani e alle persone non autosufficienti e il 47% si occupa contemporaneamente di persone non autosufficienti e minori. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 4

5 Dal momento che tra i figli minorenni dei dipendenti il 32,4% è in età prescolare, l impegno richiesto in termini di tempo per le attività di cura e custodia è molto alto. Fig. 2. Il lavoro di cura e assistenza Mediamente durante la settimana la maggioranza dei lavoratori che assistono persone non autosufficienti dedica fino a 10 ore a questo compito. Sebbene siano una piccola minoranza, vi sono casi in cui i compiti di cura e assistenza richiedono più di 20 ore alla settimana. Nel corso dell anno una buona parte dei dipendenti, circa 1 ogni 4 (27 dipendenti in tutto), ha fatto ricorso ai servizi del territorio per conciliare famiglia e lavoro, anche solo per periodi di tempo limitati. I servizi pubblici e privati a cui i dipendenti si sono rivolti più frequentemente, sono: babysitting (29%), servizi per garantire l igiene personale di individui non autosufficienti (20%), servizi di supporto alle terapie (14%), assistenza domiciliare (11%) e asilo nido (11%). Chi non ricorre ai servizi pubblici e privati del territorio, ma talvolta anche chi ne usufruisce, solitamente fa affidamento sui familiari: ben 22 dipendenti dichiarano di aver fatto ricorso ai familiari per riuscire a conciliare i tempi di lavoro con quelli della famiglia Nel caso invece non ci sia dovuti rivolgere a servizi pubblici e privati per la cura e l assistenza, le motivazioni sono state la possibilità di conciliare lavoro e famiglia (9%), l inesistenza di servizi adatti alle necessità (9%); seguono l eccessivo costo dei servizi (15%); mentre il restante 66% dichiara di avere una rete familiare-amicale che consente di assolvere all interno del nucleo familiare gli impegni di cura (66%). Infine, una quota significativa di dipendenti, il 27%, dichiara di aver avuto difficoltà durante l anno a gestire autonomamente la casa nei momenti di malattia e inabilità. Una difficoltà che è ancora più rilevante per i dipendenti che hanno famiglie numerose, dove raggiunge circa il 30%. La problematica però riguarda anche i dipendenti che vivono da soli e che quindi spesso si trovano a dover gestire le emergenze senza supporti esterni. Grazie all analisi dei bisogni, preliminare alla progettazione dell intervento, è stato possibile raccogliere anche alcune proposte avanzate dai dipendenti per all adozione di misure di conciliazione delle attività di cura con quelle lavorative. Le proposte indicate dai dipendenti sono state: servizi di custodia per l infanzia (babysitting e asilo nido aziendale) servizi di supporto alle terapie e accompagnamento miglioramento dell organizzazione aziendale (introduzione di un orario flessibile el telelavoro) Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 5

6 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY Titolo del progetto: Ente proponente: Ente partner: WELL CARE FAMILY SAF ACLI SRL ACLI MILANO SERVIZI FISCALI SRL Durata del progetto: ANNI Contributo regionale: ,00 Cofinanziamento privato: ,00 OBIETTIVO DEL PROGETTO sviluppare e promuovere il capitale umano di ciascun lavoratore, favorendo la conciliazione tra il tempo del lavoro e il tempo della famiglia OBIETTIVI SPECIFICI 1. supportare i dipendenti nello svolgimento delle attività connesse al doppio ruolo di lavoratori e care-givers, attraverso l attivazione di un sistema di welfare interaziendale e sulla costruzione di un sistema di servizi demandbased, che possa rispondere puntualmente alle molteplici esigenze dei dipendenti, a seconda dei mutamenti delle loro condizioni familiari e lavorative. 2. costruire reti di collaborazione con gli enti locali e i soggetti del privato sociale per favorire l integrazione del sistema di welfare interaziendale con i servizi del territorio 3. promuovere la conciliazione tra i tempi lavorativi con quelli della famiglia, attraverso la sperimentazione di un nuovo modello di organizzazione del lavoro, quali il telelavoro e la flessibilità oraria 4. sostenere la responsabilità sociale di impresa, incentivando la partecipazione attiva dei dipendenti alla progettazione del sistema di welfare interaziendale e promuovendo la formazione e l informazione dei dipendenti su specifiche tematiche connesse al progetto Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 6

7 1. Sistema di welfare interaziendale La partecipazione dei dipendenti sia nella fase preliminare che nelle fasi realizzative del progetto viene considerata componente essenziale ed indispensabile per la buona riuscita dell iniziativa. Questa partecipazione è stata garantita con la creazione di commissioni aziendali e la realizzazione di riunioni e momenti di scambio con i dipendenti. A questi appuntamenti istituzionali si aggiungono le numerose comunicazioni inviate ai dipendenti attraverso mail e intranet a cura dei referenti del progetto. Commissioni aziendali per la gestione del progetto responsabile di progetto welfare manager delle 2 aziende responsabile risorse umane delle 2 aziende responsabile amministrativo responsabile informatico 2 rappresentati dei dipendenti per ogni azienda Riunioni delle commissioni aziendali 29 febbraio aprile aprile aprile maggio luglio novembre novembre aprile aprile 2013 Riunioni del personale per la presentazione e lo stato dell arte del progetto Acli Milano Servizi Fiscali srl febbraio dipendenti partecipanti Saf Acli srl 22 febbraio dipendenti partecipanti Saf Acli srl 21 settembre dipendenti partecipanti + 11 familiari + 11 figli Saf acli srl & Acli Milano Servizi Fiscali 12 aprile dipendenti partecipanti Analisi andamento del progetto e prospettive future Questionario fine primo semestre: 21 settembre risposte Questionario fine primo anno: 12 aprile riposte Questionario fine progetto: ottobre-novembre 2013 Dati non ancora disponibili Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 7

8 2. Servizi attivati Area infanzia: Creazione di un albo baby sitter e reperimento ed invio di babysitter con formazione specifica Pagamento centri estivi, servizi pre e post scuola attraverso la stipula di convenzioni con scuole, istituti e realtà parrocchiali e private del territorio Servizio di ostetrica a domicilio per la cura della neo mamma e del neonato realizzato Area anziani e adulti non autosufficienti: Invio al domicilio di persone malate/non autosufficienti di assistenti domiciliari, ASA ed OSS qualificate per l igiene personale e dell ambiente e servizi di supporto e di accompagnamento alla terapia per persone malate/non autosufficienti. Area salute e benessere: Medico/infermiere/fisioterapista a domicilio Informazione e orientamento a centri medici e diagnostici convenzionati attraverso un numero verde Copertura sanitaria con rimborso fino a /annui dei ticket sanitari pagati dal dipendente per visite specialistiche ed accertamenti medico-diagnostici Formazione sul tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero Formazione sul tema della salute e del benessere sul posto di lavoro Visita specialistica preventiva gratuita, richiesta dal dipendente in orario di lavoro Time saving: S.O.S. casa: attivazione per tutti i dipendenti di una assicurazione casa Collaborazione tra società ACLI per la realizzazione di pratiche fiscali, pratiche di successione, pratiche previdenziali o assistenziali, gestione del personale domestico in orari agevolati Servizi per la gestione delle incombenze domestiche, in particolare per la pulizia della casa Servizio di stireria attivato a Milano con consegna e ritiro dei capi 3 giorni a settimana Consegna in ufficio della spesa effettuata presso un gruppo di acquisto solidale Maggiordomo aziendale per piccole mansioni nella zona centrale di Milano I dati presentati di seguito si riferiscono agli anni 2012 e Per l anno 2012 si considerano 124 dipendenti delle 2 realtà aziendali, per il 2013 si considerano 135 dipendenti delle 2 realtà aziendali. Il periodo preso come riferimento è da febbraio 2012 a ottobre Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 8

9 AREA INFANZIA SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE Baby sitter A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø Centri estivi, pre e post A richiesta Associazioni, comuni, Ø scuola parrocchie del territorio Ostetrica a domicilio A richiesta Associazione Il Velo di Maya Ø Baby sitter Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole che ha realizzato un albo baby sitter per fornire nominativi di personale fidato per la cura e l assistenza dei minori. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato. Il pagamento avviene attraverso i voucher o buoni sociali. Si può richiedere anche la propria baby sitter di fiducia. Centri estivi Cos è: il servizio consente il pagamento di una quota o della quota intera dei centri estivi per minori. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, viene stretta una convenzione con gli enti pubblici o privati che gestiscono i centri estivi e si procede al pagamento della quota stabilita. Pre e post scuola Cos è: il servizio consente il pagamento di una quota o della quota intera del pre e post scuola. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, viene stretta una convenzione con gli istituti scolastici che gestiscono i servizi di pre e post scuola e si procede al pagamento della quota stabilita. Ostetrica a domicilio Nessun dipendente è ricorso al servizio di ostetricia a domicilio Fig. 3. Servizi per l infanzia Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 9

10 AREA ANZIANI E ADULTI NON AUTOSUFFICIENTI SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE ASA ed OSS a domicilio e supporto e di accompagnamento alla terapia A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø ASA ed OSS Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato attraverso il personale stesso della cooperativa. Supporto e di accompagnamento alla terapia Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato attraverso il personale stesso della cooperativa. Fig. 4. Servizi per anziani e non autosufficienti Il servizio è stato attivato da un numero esiguo di dipendenti ma per ben 86 ore in totale di cura ed assistenza. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 10

11 AREA SALUTE E BENESSERE SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE Copertura sanitaria con rimborso fino a /annui Scelto del dipendente Mutua Nuova Sanità - Unisalute Ø (a pagamento solo per coniuge e/o figli) dei ticket sanitari Medico/infermiere/fisioterapi Scelto del dipendente Mutua Nuova Sanità - Ø sta a domicilio Unisalute Informazione/orientamento a centri medici e diagnostici convenzionati Formazione sul tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero Formazione sul tema della salute e del benessere sul posto di lavoro Scelto del dipendente Mutua Nuova Sanità - Unisalute Giornata formativa per i dipendenti e le loro famiglie Giornata formativa per i dipendenti Dipartimento Stili di Vita delle Acli di Milano Consorzio Buon Mercato Centro Medico Sant Agostino Visita specialistica preventiva Scelto del dipendente Centro Medico Sant Agostino Ø Ø Ø Ø Rimborso ticket Cos è: è un assicurazione sanitaria integrativa stipulata con Mutua Nuova Sanità-Unisalute che consente di richiedere il rimborso dei ticket spesi per visite specialistiche ed accertamenti diagnostici. Come si attiva il servizio: il dipendente ogni quadrimestre compila gli appositi moduli per il rimborso e li inoltra al proprio responsabile risorse umane che li invia all assicurazione per le opportune verifiche. Il rimborso, se riconosciuto, viene accreditato direttamente sul conto correte del dipendente. Il rimborso può essere richiesto anche per coniugi e figli dei dipendenti. In questo caso il costo di attivazione dell assicurazione è a carico del dipendente. Fig. 5. Adesioni a Mutua Nuova Sanità Relativamente a questo dato, per motivi legati alla privacy non è stato possibile risalire al numero dei dipendenti che hanno richiesto i rimborsi o l entità di tali rimborsi o il ricorso agli altri servizi, quali la richiesta di medici o infermieri a domicilio e l orientamento a centri convenzionati. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 11

12 Medico/infermiere/fisioterapista a domicilio e centri medici e diagnostici convenzionati Informazione/orientamento a Cos è: con la stipula dell assicurazione sanitaria integrativa Mutua Nuova Sanità-Unisalute viene rilasciata una tessera con la quale il dipendente può richiedere un medico o un infermiere a domicilio o ricevere informazioni relative ai centri medici convenzionati. Come si attiva il servizio: Mutua Nuova Sanità rilascia ad ogni dipendente che ha sottoscritto la polizza una tessera che consente attraverso il numero verde l attivazione dei servizi. Formazione sul tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero Giornata della Famiglia Cos è: stare bene a casa e in ufficio significa anche alimentarsi in modo corretto e consumare energie (spesso non rinnovabili) in modo ragionevole. Saf Acli ha organizzato una giornata dedicata al tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero. La giornata, denominata Giornata della Famiglia si è svolta il 21 settembre 2012 presso la Cascina Didattica Guzzafame a Vigano di Gaggiano e ha visto la partecipazione di 34 dipendenti, insieme a 22 familiari (di cui 11 minori). Formazione sul tema della salute e del benessere sul posto di lavoro - Giornata della salute e del benessere Cos è: Saf Acli ha organizzato una giornata dedicata al tema della salute e del benessere sul posto di lavoro il 12 aprile 2012 presso il Punto Famiglia delle Acli di Milano. La giornata ha visto la partecipazione di 30 dipendenti e gli interventi di un medico internista e di uno psicologo del lavoro del centro medico Sant Agostino. Visita specialistica preventiva Cos è: Ad ogni dipendente è stata offerta la possibilità di effettuare una visita medica preventiva gratuita in orario di lavoro presso il centro medico Sant Agostino. Come si attiva il servizio : il dipendente che desidera effettuare la visita contatta il welfare manager di riferimento che inoltra la richiesta al centro medico. Il dipendente viene infine contattato dal centro medico per effettuare la visita in orario di lavoro e senza richiesta di permesso. Fino ad oggi 33 dipendenti delle 2 realtà coinvolte hanno realizzato la visita medica; nei mesi di novembre e dicembre 2013 i dipendenti di Saf Acli srl potranno usufruire di una seconda visita medica preventiva, estendibile anche ai familiari. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 12

13 TIME SAVING SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE S.O.S. casa Stipulata dalle aziende Allianz Ø per tutti i dipendenti Collaborazione tra società A richiesta Patronato Acli, Saf Acli srl, Ø ACLI Acli Milano Servizi Fiscali Gestione delle incombenze A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø domestiche Stireria A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø Consegna in ufficio della A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø spesa Maggiordomo aziendale A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø S.O.S. casa Cos è: le due aziende hanno sottoscritto con Allianz una polizza assicurativa per tutti i dipendenti attivabili in caso di furti o scassi presso l abitazione del collaboratore e per il pronto intervento in caso di rottura di apparecchiature domestiche. Come si attiva il servizio: il dipendente che necessita del servizio chiama il numero verde e richiede l intervento di cui necessita. Collaborazione tra società ACLI Cos è: sono state stipulate delle convenzioni tra Patronato Acli (Milano), Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali per agevolare i dipendenti delle 2 aziende coinvolte nel progetto alla realizzazione di pratiche (previdenziali, successioni, contabilità, gestione lavoro domestico, fiscali) in orari concordati e senza richiesta di permessi Come si attiva il servizio: il dipendente contatta il referente indicato dalle aziende che hanno sottoscritto la convenzione accordandosi su orari e modalità per il servizio. Gestione delle incombenze domestiche Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio di pulizia della casa al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato attraverso il personale stesso della cooperativa. Fig. 6. Servizi per la cura della casa Colf e manutenzione casa Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 13

14 Stireria Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente consegna i capi lavati nei giorni dedicati presso il locale stireria di Via della Signora e li ritira nel giorno concordato. Il servizio è attivo 3 giorni a settimana. Il servizio è attiva da giugno 2012 Spesa e consegna spesa in ufficio Cos è: il dipendente può fare la spesa attraverso il portale dell associazione Buon Mercato di Corsico che raccoglie numerosi produttori di prodotti biologici e a kilometro zero. La spesa viene poi recapitata in ufficio. Come si attiva il servizio: il dipendente effettua on line la spesa e conseguentemente invia una mail alla cooperativa Città del Sole indicando di avere necessità del servizio di consegna spesa in ufficio. 8 sono i dipendenti di Saf Acli srl che fanno la spesa presso il Consorzio. La consegna in ufficio avviene 2 venerdì al mese (a partire da giugno 2013). Maggiordomo aziendale Cos è: il dipendente può richiedere un maggiordomo per l assolvimento di piccole incombenze nelle zona centrale di Milano. Come si attiva il servizio: il dipendente effettua la richiesta compilando l apposito modulo ed inviandolo alla cooperativa Città del Sole che realizza il servizio. Il servizio è attivo ogni venerdì mattina, la richiesta deve pervenire entro mercoledì sera. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 14

15 Accanto ai servizi attivati nelle 4 aree indicate, bisogna ricordare che il progetto ha come obiettivo anche un ripensamento del modello organizzativo delle aziende coinvolte e l introduzione, dove possibile, di esperienze di flessibilità oraria. Questi obiettivi sono stati realizzati attraverso le seguenti azioni: analisi approfondita, realizzata anche grazie alla consulenza di un esperto di Regione Lombardia, volta ad introdurre in alcune aree di lavoro di Saf Acli srl il monte ore o banca ore per permettere al dipendente maggiore flessibilità in entrata ed uscita e per usufruire in modo più accurato di permessi per motivi di cura ed assistenza attivazione di 3 esperienze di telelavoro (2 per Saf Acli srl e 1 per Acli Milano Servizi Fiscali srl) L ultimo obiettivo indicato, ovvero incentivare la partecipazione attiva dei dipendenti alla progettazione del sistema di welfare interaziendale e promuovere la formazione e l informazione dei dipendenti su specifiche tematiche connesse al progetto è stato il filo rosso dell intero progetto. Well Care Family è stato infatti occasione preziosa per conoscere i temi del welfare aziendale, con un particolare occhio alla conciliazione famiglia-lavoro, ed ha posto le fondamenta per implementare un sistema di welfare che evidenzi la profonda connessione tra lavoro e famiglia e come lo star bene in un ambito influisca positivamente anche sull altro. Un nuovo modo di fare responsabilità sociale d impresa, focalizzata sui primi stakeholder dell azienda: i propri dipendenti e le loro famiglie. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 15

16 3. Progetto in pillole Ore erogate per servizio baby sitter: 87 Ore erogate per servizio ASA/OSS: 86 Ore erogate per colf e manutenzione casa: 438 Attivazione assicurazione casa (S.O.S. casa): 124 nel 2012 e 135 ne 2013 Attivazione assicurazione sanitaria (Mutua Nuova Sanità): 80 Visite mediche preventive: 33 Ore stireria: 1360 (periodo: giugno 2012-luglio 2013) Fig. 7. Risorse economiche spese divise per aree Fig. 8. Risorse economiche spese divise per servizi realizzati 6% 27% 31% 6% 10% 9% 2% 1% 2% 2% 2% 2% Baby sitter Pre e post scuola Mutua Nuova Sanità Giornata della famiglia S.O.S. casa Stireria Centri estivi ASA/OSS Visite mediche preventive Giornata della salute e del benessere Manutenzione casa Maggiordomo aziendale Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 16

17 4. Impressioni e valutazioni sul progetto Risposte al questionario fine primo semestre 30 questionari compilati - dipendenti Saf Acli srl Il 97% dei dipendenti Saf Acli srl dichiara che i servizi attivati rispondono all esigenza della conciliazione vita-lavoro Il 93% afferma di sentirsi coinvolto nel progetto e di aver ricevuto informazioni sufficienti ed adeguate riguardo l obiettivo del progetto e le modalità di accesso ai servizi I servizi offerti sono valutati: 41% ottimo, 35% buono, 24% sufficiente. Nessun giudizio insufficiente. I dipendenti elogiano la puntualità e la qualità dei servizi utilizzati e dichiarano che i servizi rispondono alle reali esigenze di conciliazione e di sostegno alla famiglia Certamente si evidenziano anche alcune difficoltà: una delle più sentite è che alcuni servizi (stireria, maggiordomo aziendale, spesa) sono fruibili solo per i dipendenti che lavorano presso la sede centrale di Milano Prospettive future: alla domanda relativa a quali servizi/attività auspichi che l azienda si proponga di realizzare o realizzi, il telelavoro e la flessibilità oraria hanno raggiunto il gradimento maggiore Risposte al questionario fine primo anno 47 questionari compilati - dipendenti Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl Il questionario ha il duplice scopo di valutare il progetto, ad un anno dalla sua attivazione, e di esprimere un giudizio sullo stato di benessere percepito in azienda Il progetto è valutato positivamente (ottimo e buono) dal 66% dei dipendenti, il 17% lo ritiene soddisfacente, mentre per il 4% è insoddisfacente. Il 13% dei dipendenti non risponde alla domanda Il servizio della stireria è considerato valido dal 51% dei collaboratori; soddisfacente dal 9%. Il 38% non risponde motivando di non aver mai usufruito del servizio offerto Riguardo al tema della salute e delle prevenzione, il 66% valuta positivamente la realizzazione della Giornata della salute e del benessere e le visite mediche preventive Molto buono è considerato anche il servizio offerto dall assicurazione sanitaria Mutua Nuova Sanità-Unisalute, prevalentemente per il rimborso ticket (59% di riposte positive) Riguardo al clima aziendale, si registra che il clima in ufficio è ottimo per il 26% dei dipendenti, buono per il 43%; soddisfacente per il 28%. Il 4% risponde che il clima non è positivo Anche la comunicazione tra responsabili e colleghi è valutata positivamente: il 66% considera positiva la comunicazione con i responsabili, ancora più alta la soddisfazione per il rapporto con i colleghi che raggiunge l 81% Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 17

18 5. Dicono di noi Nel 2012 il progetto Well Care Family ha ricevuto una menzione speciale da Regione Lombardia all interno del Premio Famiglia Lavoro, finalizzato a riconoscere le imprese lombarde, italiane ed internazionali che si sono dimostrate attente alla conciliazione famiglia-lavoro. Inoltre l 8 aprile 2013, all interno del settimanale Eventi (territorio-istituzioni-imprese) de Il Sole 24 Ore è stato pubblicato un articolo dedicato al tema del welfare aziendale, in cui ampio spazio viene dedicato al progetto. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 18

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Introduzione Si ringraziano i presidenti, il consiglio di amministrazione e i direttori di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l attenzione

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3414 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI IORI, GNECCHI, GIUSEPPE GUERINI,

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità Deliberazione legislativa n. 87/2014 2 Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna riconosce e promuove, nell ambito delle politiche del welfare, la cura familiare e la solidarietà come beni sociali,

Dettagli

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

Il valore generato dal welfare aziendale

Il valore generato dal welfare aziendale Il valore generato dal welfare aziendale di Daniele Grandi Produttività e benessere organizzativo: lo studio di McKinsey Italia Negli ultimi anni è andato crescendo il numero degli addetti ai lavori, dal

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE VITA&LAVORO E SUI SERVIZI DEL TERRITORIO PER UNA MIGLIORE QUALITA DI VITA Il questionario rientra in una indagine che il Comune di Pavia sta conducendo,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

Frascati, Cari Colleghi,

Frascati, Cari Colleghi, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Frascati, Cari Colleghi, il nuovo Contratto Collettivo Nazionale Integrativo dell INFN, stipulato in data 3 novembre 2003, prevede, alla lett. e) dell articolo 4,

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI

BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI BUONE PRASSI IN CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO E DEI TEMPI FAMILIARI Una guida utile Giovanna Magistro (a cura di) POR PUGLIA 2000-2006 misura 3.14 azione e) N.E.T.T.IN.G. NUOVE ENERGIE SUL TERRITORIO

Dettagli

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati)

Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Questionario su Welfare Aziendale (in allegato Informativa Privacy ai sensi del D.Lgs 196/03 per il trattamento dei dati) Gent.mo/a. Per WELFARE AZIENDALE si intende un insieme di soluzioni che l'azienda

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona ANZIANI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI (S.A.D.) Cosa offre il servizio SAD L'assistenza domiciliare è un tipo di servizio erogato direttamente

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda

Tempi di vita e tempi di lavoro. La conciliazione fa bene all azienda Tempi di vita e tempi di lavoro La conciliazione fa bene all azienda La conciliazione da impulso allo sviluppo Ci sono tanti modi per crescere in competitività. Ma c è una leva, in particolare, che costituisce

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI FONDO CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO I progetti della cooperazione 16 Maggio 2012 - ore 9..00 Palazzo Cisterna Sala Consiglieri Via Maria Vittoria 12 - Torino QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

Dettagli

Art.1 - Oggetto del regolamento

Art.1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE SPERIMENTALE DI ASSEGNI DI CURA AD ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CARICO ALL UNITA DI VALUTAZIONE GERIATRICA DEL DISTRETTO N.1 DELL A.S.L. 5 Art.1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 16 febbraio 2006 INDICE: Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Destinatari del servizio

Dettagli

Prontoserenità: Un modello integrato di welfare locale. Raul Cavalli Presidente Fondazione Easycare

Prontoserenità: Un modello integrato di welfare locale. Raul Cavalli Presidente Fondazione Easycare Prontoserenità: Un modello integrato di welfare locale Raul Cavalli Presidente Fondazione Easycare Nell ambito del seminario I servizi pr gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie ASSOPREVIDENZA Roma

Dettagli

1. Chi presenta il progetto

1. Chi presenta il progetto Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato B pagine 8 deliberazione n. del SCHEMA TECNICO per la presentazione di progetto da parte di Alleanza locale per l attuazione di obiettivi di conciliazione

Dettagli

LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1

LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1 LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1 ITALIA GERMANIA SPAGNA FRANCIA GRAN CERDITI DI CURA I contributi figurativi per malattia del bambino sono utili per il diritto e per la misura di tutte le

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Più valore alla terza età

Più valore alla terza età Più valore alla terza età UNA RISORSA PER LE FAMIGLIE Le Residenze Anni Azzurri sono nate per dare risposte efficaci a un esigenza sempre più sentita nella realtà di oggi: l assistenza agli anziani. In

Dettagli

Coordinamento Donne Fisac Piemonte

Coordinamento Donne Fisac Piemonte PIEMONTE : un analisi che parte dal Piemonte Partiamo dal presupposto che ad oggi la suddivisione dei ruoli tra donne ed uomini continua ad essere un utopia. Ce lo confermano le recenti statistiche ISTAT

Dettagli

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Allegato 1 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ALLEANZE LOCALI IN MATERIA DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO D.G.R. n. X/1081 del 12 dicembre 2013 e Decreto. n. 2058 del 11 marzo 2014

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

1_ Elenco della Provincia delle Tagesmutter (Mamme Accoglienti) 2_ Elenco della Provincia delle Babysitter

1_ Elenco della Provincia delle Tagesmutter (Mamme Accoglienti) 2_ Elenco della Provincia delle Babysitter Intervento D Realizzazione dell elenco della provincia delle baby-sitter e di un corso di formazione per Tagesmutter con accompagnamento fino all iscrizione all elenco Obiettivi L intervento ha l obiettivo

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio

Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio Bisogni e necessità delle famiglie con almeno un bambino fra 0 e 4 anni Risultati del sondaggio Conferenza stampa Paolo Beltraminelli Direttore DSS 17 marzo 2015 Indice 1. Perché il sondaggio? 2. Questionario

Dettagli

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto

15 Ottobre 2007. Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto 15 Ottobre 2007 Legge 53/2000, art. 9 modalità di richiesta di finanziamento di un progetto Intervento di Anna Gradino al convegno La conciliazione e la flessibilità nelle aziende di trasporto pubblico:

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco PROGETTO MINORI E LORO FAMIGLIE E PROGETTO ADULTI IN DIFFICOLTA LINEE GUIDA SULLA SPERIMENTAZIONE DI INTERVENTI DI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/_55 SCHEDA PROGETTO _55 PROMOTORE Persona Comunità Ente/Istituto X Associazione cognome, nome denominazione (ente / associazione) posta elettronica sito web Breve presentazione (mission, identità, attività,

Dettagli

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO INDICE ART. 1 Definizione e finalità ART. 2 Compiti degli operatori ART. 3 Requisiti di accesso al Registro ART. 4 Modalità di presentazione della domanda ART. 5 Procedimento

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Dott. Andrea Pezzi Direttore Generale Unisalute S.p.A Assistenza sanitaria Integrativa: Quali prospettive?

Dettagli

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO. Report finale. Servizio Gestione Sistema Qualità

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO. Report finale. Servizio Gestione Sistema Qualità COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO 1^ INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il Servizio di Assistenza Domiciliare Dicembre 21 Report finale Servizio Gestione

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali)

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) In Regione Lombardia il tasso di attività delle donne tra i 15 e 64 anni si attesta al 62,8 %contro

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI AVVISO PUBBLICO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI AVVISO PUBBLICO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI Visto: AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DELLE AVVOCATE E DEGLI AVVOCATI CHE USUFRUISCONO DI STRUMENTI DI FLESSIBILITA E RICHIEDONO L ACCESSO AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi di Milano. E' presieduto

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

«FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a:

«FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a: «FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a: Rispondere ai bisogni di conciliazione dei tempi di vita e lavoro proponendo forme di autorganizzazione; Favorire la richiesta di flessibilità

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action HRM Evolution, Vision Knowledge Action paolo.benedetti@etass.org Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB Paolo Benedetti ETAss Avviso Regione Lombardia Anno 2013 Regione Lombardia

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI ROVIGO AVVISO PUBBLICO Comune di Rovigo Perché non c è posto migliore della tua casa Comuni del distretto n.1 : Arquà Polesine, Boara Pisani, Bosaro, Ceregnano, Costa di Rovigo, Crespino, Frassinelle Polesine, Gavello, Guarda

Dettagli

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Federica Danesi federica.danesi@unife.it Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Com è cominciata Ho due bimbe, una di 6 e l altra di 2 anni, mio marito spesso lavora fuori città e da febbraio 2013 IO

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI Definizione del Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani Il Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani è costituito dal complesso di prestazioni

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER SOCIALI ANNO 2013

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER SOCIALI ANNO 2013 CRITERI PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER SOCIALI ANNO 2013 Premessa Il presente definisce le modalità di utilizzo dei voucher nell Ambito della Comunità Montana Valle Brembana, all interno di un sistema integrato

Dettagli

AVVISO Home Care Premium 2012

AVVISO Home Care Premium 2012 INPS Gestione Ex Inpdap Direzione Centrale Credito e Welfare AVVISO Home Care Premium 2012 Per l adesione e la gestione di Progetti Innovativi e Sperimentali di Assistenza Domiciliare per l intervento

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. ART. 2 - Le caratteristiche del servizio

AVVISO PUBBLICO. ART. 2 - Le caratteristiche del servizio PROVINCIA DI NAPOLI Avviso pubblico per la formazione e l addestramento di n. 30 donne da inserire nell Elenco della Provincia delle Baby Sitter Domiciliari AVVISO PUBBLICO Accordi territoriali di genere

Dettagli

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE Piano di zona dei Comuni dell Abbiatense per il sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 328/2000 MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

La vostra salute, la nostra specialità

La vostra salute, la nostra specialità La vostra salute, la nostra specialità UniSalute: la prima assicurazione sanitaria in Italia per numero di clienti gestiti Leader nel mercato dei Fondi nazionali e delle Casse di assistenza. UniSalute

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale Scuola Secondaria Superiore Formazione individuale Servizi scolastici pomeridiani Via Oss Mazzurana n 8 38122 TRENTO Qualificazione professionale Corsi FSE tel. 0461 233043 fax 0461 222441 Presa d'atto

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n.

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. del In ottemperanza alla DGR X/1081 del 12/12/2013 e del Decreto n. 2058 dell 11/3/2014, questa ASL pubblica il seguente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria 2008 2009 2010 Decreti Affidi servizio sociale 172 210 195 Inserimenti in comunità 49 (+15 madri) 33 (+12 madri)

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SINDACI TAVOLO ZONALE DI PROGRAMMAZIONE AMBITO N. 6 MONTE ORFANO

ASSEMBLEA DEI SINDACI TAVOLO ZONALE DI PROGRAMMAZIONE AMBITO N. 6 MONTE ORFANO ASSEMBLEA DEI SINDACI TAVOLO ZONALE DI PROGRAMMAZIONE AMBITO N. 6 MONTE ORFANO Comuni di Adro, Capriolo, Cologne, Erbusco, Palazzolo sull'oglio e Pontoglio UFFICIO DI PIANO C/o Comune di Palazzolo sull'oglio

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

"La famiglia come elemento centrale ed alla base dei servizi comunali"

La famiglia come elemento centrale ed alla base dei servizi comunali 6.1 Famiglia: l amministrazione deve avere un ruolo significativo nell'analisi e nel confronto con le associazioni familiari e con gli enti che a vario titolo si occupano della famiglia per valorizzare

Dettagli

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1

LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA. Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 LA CONCILIAZIONE IN AZIENDA Finanziamenti per soluzioni di conciliazione Legge 53 art.9, comma 1 MONZA, 2011 AGENDA 1. SERVIZI DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA 2. IL BANDO, NUOVI FINANAZIAMENTI PER PROGETTI

Dettagli

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia?

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia? QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA CITTÀ DI MANTOVA QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Progetto CITTÀ DIRE MANTOVA FAMIGLIA Finanziato dalla

Dettagli