RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY"

Transcript

1 RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 1

2 INDICE L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 2 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY Sistema di welfare interaziendale Servizi attivati Progetto in pillole Impressioni e valutazioni sul progetto Dicono di noi Si ringraziano i presidenti, il consiglio di amministrazione e i direttori di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l attenzione dimostrata alle tematiche della conciliazione e al benessere dei collaboratori Si ringraziano tutti i dipendenti di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l ideazione, la realizzazione e la gestione del progetto Well Care Family Il presente documento è stato redatto da Sara Monti, welfare manager del progetto Milano, ottobre 2013 Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 2

3 L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY In Italia la famiglia è ormai da tempo il vero pilastro su cui si basa il welfare. La ricerca Istat di fine 2011 La conciliazione tra lavoro e famiglia fotografa la seguente situazione. Il 38,4% della popolazione tra i 15 e i 64 anni dichiara di prendersi regolarmente cura di figli minori di 15 anni, oppure di altri bambini, di adulti malati, disabili o di anziani. La famiglia si conferma la struttura di welfare per eccellenza nella società italiana. Il 27,7% delle persone tra i 15 e i 64 anni ha figli minori di 15 anni, il 6,7% si prende regolarmente cura di altri bambini e l 8,4% di adulti o anziani bisognosi di assistenza. Sono soprattutto le donne a essere coinvolte nella responsabilità di cura (42,3% contro il 34,5% rispetto agli uomini) e anche per questo risulta più bassa la loro partecipazione al mercato del lavoro. Tra le madri di età compresa tra i anni, la quota di occupate è pari al 55,5%, mentre tra i padri raggiunge il 90,6%. Il 35,8% degli occupati con responsabilità di cura vorrebbe modificare il rapporto tra tempo dedicato al lavoro retribuito e quello impiegato in assistenza ed accudimento. Per quasi 3 persone su 10 gli impegni lavorativi non permettono di trascorrere con i propri cari il tempo desiderato. Ha un orario flessibile soltanto 1/3 delle donne con lavoro dipendente. Il 24% delle persone inattive con figli minori di 15 anni o con altre responsabilità di cura sarebbe disposto a lavorare se potesse ridurre il tempo impegnato nell assistenza e accudimento. La mancanza di servizi di supporto nelle attività di cura rappresenta un ostacolo per il lavoro a tempo pieno al 14,3% delle donne occupate part time e per l'ingresso nel mercato del lavoro dell 11,6% di donne non occupate. Il 37,5% del totale delle madri occupate con figli minori di 8 anni dichiara di aver interrotto temporaneamente l attività lavorativa per almeno un mese dopo la nascita del figlio più piccolo. L'assenza temporanea dal lavoro per accudire i figli continua a riguardare, invece, solo una parte marginale di padri. Anche il congedo parentale è utilizzato prevalentemente dalla donne e riguarda una madre occupata su due a fronte di una percentuale di padri pari al 6,9%. Consapevoli dell importanza di promuovere servizi a favore della conciliazione famiglialavoro, di migliorare il benessere del dipendente sia sul posto di lavoro che in famiglia e di valorizzare il collaboratore anche attraverso un vivere l azienda in una nuova prospettiva, Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl hanno partecipato al bando regionale ai sensi della Dgr , n per la promozione di progetti per sostenere, incentivare e sviluppare politiche regionali volte a favorire la famiglia e la conciliazione. Il progetto Well Care Family è stato riconosciuto vincitore ed ha ricevuto da Regione Lombardia per il biennio un contributo di ,00 per la realizzazione di servizi ed attività finalizzate alla conciliazione tra i tempi del lavoro e i tempi della famiglia Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 3

4 Il progetto prende origine dalla volontà di coinvolgere fin dall inizio i lavoratori delle due aziende in una progettazione partecipata, per meglio rispondere ai reali bisogni manifestati dai collaboratori. Inoltre anche la sostenibilità del progetto può essere garantita solo dalla piena partecipazione dei dipendenti a tutte le fasi di realizzazione delle attività. A settembre 2011 è stato somministrato un questionario volto a rilevare non solo i bisogni dei collaboratori, ma anche possibili soluzioni. Di seguito l analisi dei dati raccolti. A fine 2011 i dipendenti di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl sono 124. Le 90 donne lavoratrici rappresentano il 73% dell intera popolazione aziendale. La risposta dei dipendenti è stata buona e l 86% (107 lavoratori) ha partecipato attivamente alla rilevazione dei bisogni e alla formulazione di proposte. In media, le famiglie dei dipendenti sono costituite da 3 individui (37%); seguono quelle con 4 componenti (29%); quelle composte da 2 individui rappresentano il 17%. I dipendenti che vivono soli sono il 17%. Sono 50 le famiglie con minori e costituiscono il 47% sul totale. Le famiglie con 1 figlio minorenne rappresentano il 26% del totale, mentre quelle con 2 figli sono pari al 19%. Fig. 1. I minori nelle famiglie dei dipendenti Nel complesso i minori sono 74: di questi quasi 1 su 3 (33%) ha tra 0 e 6 anni, mentre il 22% ha tra 6 e 11 anni e il 24% tra 11 e 14 anni. I nuclei familiari in cui sono presenti patologie croniche sono 42, pari a circa il 39% del totale delle famiglie. È interessante sottolineare che in tutte le famiglie ove è presente un anziano ultrasettantacinquenne (il 57% delle famiglie) sono presenti anche patologie croniche. Tra le patologie croniche più diffuse si registrano l asma e le allergie (spesso associate) al 24% (16 famiglie), seguono le cardiopatie e le malattie cardiovascolari (21% - 14 famiglie), le malattie tiroidee (16%- 11 famiglie) e il diabete (15% - 7 famiglie). Il 10% delle famiglie ha componenti con un invalidità riconosciuta. Attualmente i lavoratori che sono impegnati in prima persona in attività di cura e assistenza, anche verso familiari non conviventi, sono 45, pari al 42% del totale. La maggior parte dei dipendenti, il 21% è impegnata in attività di cura rivolte ai minori, mentre il 17% si dedica all assistenza agli anziani e alle persone non autosufficienti e il 47% si occupa contemporaneamente di persone non autosufficienti e minori. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 4

5 Dal momento che tra i figli minorenni dei dipendenti il 32,4% è in età prescolare, l impegno richiesto in termini di tempo per le attività di cura e custodia è molto alto. Fig. 2. Il lavoro di cura e assistenza Mediamente durante la settimana la maggioranza dei lavoratori che assistono persone non autosufficienti dedica fino a 10 ore a questo compito. Sebbene siano una piccola minoranza, vi sono casi in cui i compiti di cura e assistenza richiedono più di 20 ore alla settimana. Nel corso dell anno una buona parte dei dipendenti, circa 1 ogni 4 (27 dipendenti in tutto), ha fatto ricorso ai servizi del territorio per conciliare famiglia e lavoro, anche solo per periodi di tempo limitati. I servizi pubblici e privati a cui i dipendenti si sono rivolti più frequentemente, sono: babysitting (29%), servizi per garantire l igiene personale di individui non autosufficienti (20%), servizi di supporto alle terapie (14%), assistenza domiciliare (11%) e asilo nido (11%). Chi non ricorre ai servizi pubblici e privati del territorio, ma talvolta anche chi ne usufruisce, solitamente fa affidamento sui familiari: ben 22 dipendenti dichiarano di aver fatto ricorso ai familiari per riuscire a conciliare i tempi di lavoro con quelli della famiglia Nel caso invece non ci sia dovuti rivolgere a servizi pubblici e privati per la cura e l assistenza, le motivazioni sono state la possibilità di conciliare lavoro e famiglia (9%), l inesistenza di servizi adatti alle necessità (9%); seguono l eccessivo costo dei servizi (15%); mentre il restante 66% dichiara di avere una rete familiare-amicale che consente di assolvere all interno del nucleo familiare gli impegni di cura (66%). Infine, una quota significativa di dipendenti, il 27%, dichiara di aver avuto difficoltà durante l anno a gestire autonomamente la casa nei momenti di malattia e inabilità. Una difficoltà che è ancora più rilevante per i dipendenti che hanno famiglie numerose, dove raggiunge circa il 30%. La problematica però riguarda anche i dipendenti che vivono da soli e che quindi spesso si trovano a dover gestire le emergenze senza supporti esterni. Grazie all analisi dei bisogni, preliminare alla progettazione dell intervento, è stato possibile raccogliere anche alcune proposte avanzate dai dipendenti per all adozione di misure di conciliazione delle attività di cura con quelle lavorative. Le proposte indicate dai dipendenti sono state: servizi di custodia per l infanzia (babysitting e asilo nido aziendale) servizi di supporto alle terapie e accompagnamento miglioramento dell organizzazione aziendale (introduzione di un orario flessibile el telelavoro) Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 5

6 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY Titolo del progetto: Ente proponente: Ente partner: WELL CARE FAMILY SAF ACLI SRL ACLI MILANO SERVIZI FISCALI SRL Durata del progetto: ANNI Contributo regionale: ,00 Cofinanziamento privato: ,00 OBIETTIVO DEL PROGETTO sviluppare e promuovere il capitale umano di ciascun lavoratore, favorendo la conciliazione tra il tempo del lavoro e il tempo della famiglia OBIETTIVI SPECIFICI 1. supportare i dipendenti nello svolgimento delle attività connesse al doppio ruolo di lavoratori e care-givers, attraverso l attivazione di un sistema di welfare interaziendale e sulla costruzione di un sistema di servizi demandbased, che possa rispondere puntualmente alle molteplici esigenze dei dipendenti, a seconda dei mutamenti delle loro condizioni familiari e lavorative. 2. costruire reti di collaborazione con gli enti locali e i soggetti del privato sociale per favorire l integrazione del sistema di welfare interaziendale con i servizi del territorio 3. promuovere la conciliazione tra i tempi lavorativi con quelli della famiglia, attraverso la sperimentazione di un nuovo modello di organizzazione del lavoro, quali il telelavoro e la flessibilità oraria 4. sostenere la responsabilità sociale di impresa, incentivando la partecipazione attiva dei dipendenti alla progettazione del sistema di welfare interaziendale e promuovendo la formazione e l informazione dei dipendenti su specifiche tematiche connesse al progetto Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 6

7 1. Sistema di welfare interaziendale La partecipazione dei dipendenti sia nella fase preliminare che nelle fasi realizzative del progetto viene considerata componente essenziale ed indispensabile per la buona riuscita dell iniziativa. Questa partecipazione è stata garantita con la creazione di commissioni aziendali e la realizzazione di riunioni e momenti di scambio con i dipendenti. A questi appuntamenti istituzionali si aggiungono le numerose comunicazioni inviate ai dipendenti attraverso mail e intranet a cura dei referenti del progetto. Commissioni aziendali per la gestione del progetto responsabile di progetto welfare manager delle 2 aziende responsabile risorse umane delle 2 aziende responsabile amministrativo responsabile informatico 2 rappresentati dei dipendenti per ogni azienda Riunioni delle commissioni aziendali 29 febbraio aprile aprile aprile maggio luglio novembre novembre aprile aprile 2013 Riunioni del personale per la presentazione e lo stato dell arte del progetto Acli Milano Servizi Fiscali srl febbraio dipendenti partecipanti Saf Acli srl 22 febbraio dipendenti partecipanti Saf Acli srl 21 settembre dipendenti partecipanti + 11 familiari + 11 figli Saf acli srl & Acli Milano Servizi Fiscali 12 aprile dipendenti partecipanti Analisi andamento del progetto e prospettive future Questionario fine primo semestre: 21 settembre risposte Questionario fine primo anno: 12 aprile riposte Questionario fine progetto: ottobre-novembre 2013 Dati non ancora disponibili Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 7

8 2. Servizi attivati Area infanzia: Creazione di un albo baby sitter e reperimento ed invio di babysitter con formazione specifica Pagamento centri estivi, servizi pre e post scuola attraverso la stipula di convenzioni con scuole, istituti e realtà parrocchiali e private del territorio Servizio di ostetrica a domicilio per la cura della neo mamma e del neonato realizzato Area anziani e adulti non autosufficienti: Invio al domicilio di persone malate/non autosufficienti di assistenti domiciliari, ASA ed OSS qualificate per l igiene personale e dell ambiente e servizi di supporto e di accompagnamento alla terapia per persone malate/non autosufficienti. Area salute e benessere: Medico/infermiere/fisioterapista a domicilio Informazione e orientamento a centri medici e diagnostici convenzionati attraverso un numero verde Copertura sanitaria con rimborso fino a /annui dei ticket sanitari pagati dal dipendente per visite specialistiche ed accertamenti medico-diagnostici Formazione sul tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero Formazione sul tema della salute e del benessere sul posto di lavoro Visita specialistica preventiva gratuita, richiesta dal dipendente in orario di lavoro Time saving: S.O.S. casa: attivazione per tutti i dipendenti di una assicurazione casa Collaborazione tra società ACLI per la realizzazione di pratiche fiscali, pratiche di successione, pratiche previdenziali o assistenziali, gestione del personale domestico in orari agevolati Servizi per la gestione delle incombenze domestiche, in particolare per la pulizia della casa Servizio di stireria attivato a Milano con consegna e ritiro dei capi 3 giorni a settimana Consegna in ufficio della spesa effettuata presso un gruppo di acquisto solidale Maggiordomo aziendale per piccole mansioni nella zona centrale di Milano I dati presentati di seguito si riferiscono agli anni 2012 e Per l anno 2012 si considerano 124 dipendenti delle 2 realtà aziendali, per il 2013 si considerano 135 dipendenti delle 2 realtà aziendali. Il periodo preso come riferimento è da febbraio 2012 a ottobre Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 8

9 AREA INFANZIA SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE Baby sitter A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø Centri estivi, pre e post A richiesta Associazioni, comuni, Ø scuola parrocchie del territorio Ostetrica a domicilio A richiesta Associazione Il Velo di Maya Ø Baby sitter Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole che ha realizzato un albo baby sitter per fornire nominativi di personale fidato per la cura e l assistenza dei minori. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato. Il pagamento avviene attraverso i voucher o buoni sociali. Si può richiedere anche la propria baby sitter di fiducia. Centri estivi Cos è: il servizio consente il pagamento di una quota o della quota intera dei centri estivi per minori. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, viene stretta una convenzione con gli enti pubblici o privati che gestiscono i centri estivi e si procede al pagamento della quota stabilita. Pre e post scuola Cos è: il servizio consente il pagamento di una quota o della quota intera del pre e post scuola. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, viene stretta una convenzione con gli istituti scolastici che gestiscono i servizi di pre e post scuola e si procede al pagamento della quota stabilita. Ostetrica a domicilio Nessun dipendente è ricorso al servizio di ostetricia a domicilio Fig. 3. Servizi per l infanzia Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 9

10 AREA ANZIANI E ADULTI NON AUTOSUFFICIENTI SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE ASA ed OSS a domicilio e supporto e di accompagnamento alla terapia A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø ASA ed OSS Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato attraverso il personale stesso della cooperativa. Supporto e di accompagnamento alla terapia Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato attraverso il personale stesso della cooperativa. Fig. 4. Servizi per anziani e non autosufficienti Il servizio è stato attivato da un numero esiguo di dipendenti ma per ben 86 ore in totale di cura ed assistenza. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 10

11 AREA SALUTE E BENESSERE SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE Copertura sanitaria con rimborso fino a /annui Scelto del dipendente Mutua Nuova Sanità - Unisalute Ø (a pagamento solo per coniuge e/o figli) dei ticket sanitari Medico/infermiere/fisioterapi Scelto del dipendente Mutua Nuova Sanità - Ø sta a domicilio Unisalute Informazione/orientamento a centri medici e diagnostici convenzionati Formazione sul tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero Formazione sul tema della salute e del benessere sul posto di lavoro Scelto del dipendente Mutua Nuova Sanità - Unisalute Giornata formativa per i dipendenti e le loro famiglie Giornata formativa per i dipendenti Dipartimento Stili di Vita delle Acli di Milano Consorzio Buon Mercato Centro Medico Sant Agostino Visita specialistica preventiva Scelto del dipendente Centro Medico Sant Agostino Ø Ø Ø Ø Rimborso ticket Cos è: è un assicurazione sanitaria integrativa stipulata con Mutua Nuova Sanità-Unisalute che consente di richiedere il rimborso dei ticket spesi per visite specialistiche ed accertamenti diagnostici. Come si attiva il servizio: il dipendente ogni quadrimestre compila gli appositi moduli per il rimborso e li inoltra al proprio responsabile risorse umane che li invia all assicurazione per le opportune verifiche. Il rimborso, se riconosciuto, viene accreditato direttamente sul conto correte del dipendente. Il rimborso può essere richiesto anche per coniugi e figli dei dipendenti. In questo caso il costo di attivazione dell assicurazione è a carico del dipendente. Fig. 5. Adesioni a Mutua Nuova Sanità Relativamente a questo dato, per motivi legati alla privacy non è stato possibile risalire al numero dei dipendenti che hanno richiesto i rimborsi o l entità di tali rimborsi o il ricorso agli altri servizi, quali la richiesta di medici o infermieri a domicilio e l orientamento a centri convenzionati. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 11

12 Medico/infermiere/fisioterapista a domicilio e centri medici e diagnostici convenzionati Informazione/orientamento a Cos è: con la stipula dell assicurazione sanitaria integrativa Mutua Nuova Sanità-Unisalute viene rilasciata una tessera con la quale il dipendente può richiedere un medico o un infermiere a domicilio o ricevere informazioni relative ai centri medici convenzionati. Come si attiva il servizio: Mutua Nuova Sanità rilascia ad ogni dipendente che ha sottoscritto la polizza una tessera che consente attraverso il numero verde l attivazione dei servizi. Formazione sul tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero Giornata della Famiglia Cos è: stare bene a casa e in ufficio significa anche alimentarsi in modo corretto e consumare energie (spesso non rinnovabili) in modo ragionevole. Saf Acli ha organizzato una giornata dedicata al tema del consumo responsabile e dell alimentazione a kilometro zero. La giornata, denominata Giornata della Famiglia si è svolta il 21 settembre 2012 presso la Cascina Didattica Guzzafame a Vigano di Gaggiano e ha visto la partecipazione di 34 dipendenti, insieme a 22 familiari (di cui 11 minori). Formazione sul tema della salute e del benessere sul posto di lavoro - Giornata della salute e del benessere Cos è: Saf Acli ha organizzato una giornata dedicata al tema della salute e del benessere sul posto di lavoro il 12 aprile 2012 presso il Punto Famiglia delle Acli di Milano. La giornata ha visto la partecipazione di 30 dipendenti e gli interventi di un medico internista e di uno psicologo del lavoro del centro medico Sant Agostino. Visita specialistica preventiva Cos è: Ad ogni dipendente è stata offerta la possibilità di effettuare una visita medica preventiva gratuita in orario di lavoro presso il centro medico Sant Agostino. Come si attiva il servizio : il dipendente che desidera effettuare la visita contatta il welfare manager di riferimento che inoltra la richiesta al centro medico. Il dipendente viene infine contattato dal centro medico per effettuare la visita in orario di lavoro e senza richiesta di permesso. Fino ad oggi 33 dipendenti delle 2 realtà coinvolte hanno realizzato la visita medica; nei mesi di novembre e dicembre 2013 i dipendenti di Saf Acli srl potranno usufruire di una seconda visita medica preventiva, estendibile anche ai familiari. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 12

13 TIME SAVING SERVIZIO ATTIVAZIONE FORNITORE COSTO/ DIPENDENTE S.O.S. casa Stipulata dalle aziende Allianz Ø per tutti i dipendenti Collaborazione tra società A richiesta Patronato Acli, Saf Acli srl, Ø ACLI Acli Milano Servizi Fiscali Gestione delle incombenze A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø domestiche Stireria A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø Consegna in ufficio della A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø spesa Maggiordomo aziendale A richiesta Cooperativa Città del Sole Ø S.O.S. casa Cos è: le due aziende hanno sottoscritto con Allianz una polizza assicurativa per tutti i dipendenti attivabili in caso di furti o scassi presso l abitazione del collaboratore e per il pronto intervento in caso di rottura di apparecchiature domestiche. Come si attiva il servizio: il dipendente che necessita del servizio chiama il numero verde e richiede l intervento di cui necessita. Collaborazione tra società ACLI Cos è: sono state stipulate delle convenzioni tra Patronato Acli (Milano), Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali per agevolare i dipendenti delle 2 aziende coinvolte nel progetto alla realizzazione di pratiche (previdenziali, successioni, contabilità, gestione lavoro domestico, fiscali) in orari concordati e senza richiesta di permessi Come si attiva il servizio: il dipendente contatta il referente indicato dalle aziende che hanno sottoscritto la convenzione accordandosi su orari e modalità per il servizio. Gestione delle incombenze domestiche Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente richiede il servizio di pulizia della casa al proprio responsabile risorse umane che inoltra la richiesta alla commissione aziendale. Se la richiesta è accettata, questa passa al responsabile della cooperativa ed il servizio è attivato attraverso il personale stesso della cooperativa. Fig. 6. Servizi per la cura della casa Colf e manutenzione casa Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 13

14 Stireria Cos è: il servizio viene gestito dalla cooperativa sociale Città del Sole con i propri dipendenti. Come si attiva il servizio: il dipendente consegna i capi lavati nei giorni dedicati presso il locale stireria di Via della Signora e li ritira nel giorno concordato. Il servizio è attivo 3 giorni a settimana. Il servizio è attiva da giugno 2012 Spesa e consegna spesa in ufficio Cos è: il dipendente può fare la spesa attraverso il portale dell associazione Buon Mercato di Corsico che raccoglie numerosi produttori di prodotti biologici e a kilometro zero. La spesa viene poi recapitata in ufficio. Come si attiva il servizio: il dipendente effettua on line la spesa e conseguentemente invia una mail alla cooperativa Città del Sole indicando di avere necessità del servizio di consegna spesa in ufficio. 8 sono i dipendenti di Saf Acli srl che fanno la spesa presso il Consorzio. La consegna in ufficio avviene 2 venerdì al mese (a partire da giugno 2013). Maggiordomo aziendale Cos è: il dipendente può richiedere un maggiordomo per l assolvimento di piccole incombenze nelle zona centrale di Milano. Come si attiva il servizio: il dipendente effettua la richiesta compilando l apposito modulo ed inviandolo alla cooperativa Città del Sole che realizza il servizio. Il servizio è attivo ogni venerdì mattina, la richiesta deve pervenire entro mercoledì sera. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 14

15 Accanto ai servizi attivati nelle 4 aree indicate, bisogna ricordare che il progetto ha come obiettivo anche un ripensamento del modello organizzativo delle aziende coinvolte e l introduzione, dove possibile, di esperienze di flessibilità oraria. Questi obiettivi sono stati realizzati attraverso le seguenti azioni: analisi approfondita, realizzata anche grazie alla consulenza di un esperto di Regione Lombardia, volta ad introdurre in alcune aree di lavoro di Saf Acli srl il monte ore o banca ore per permettere al dipendente maggiore flessibilità in entrata ed uscita e per usufruire in modo più accurato di permessi per motivi di cura ed assistenza attivazione di 3 esperienze di telelavoro (2 per Saf Acli srl e 1 per Acli Milano Servizi Fiscali srl) L ultimo obiettivo indicato, ovvero incentivare la partecipazione attiva dei dipendenti alla progettazione del sistema di welfare interaziendale e promuovere la formazione e l informazione dei dipendenti su specifiche tematiche connesse al progetto è stato il filo rosso dell intero progetto. Well Care Family è stato infatti occasione preziosa per conoscere i temi del welfare aziendale, con un particolare occhio alla conciliazione famiglia-lavoro, ed ha posto le fondamenta per implementare un sistema di welfare che evidenzi la profonda connessione tra lavoro e famiglia e come lo star bene in un ambito influisca positivamente anche sull altro. Un nuovo modo di fare responsabilità sociale d impresa, focalizzata sui primi stakeholder dell azienda: i propri dipendenti e le loro famiglie. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 15

16 3. Progetto in pillole Ore erogate per servizio baby sitter: 87 Ore erogate per servizio ASA/OSS: 86 Ore erogate per colf e manutenzione casa: 438 Attivazione assicurazione casa (S.O.S. casa): 124 nel 2012 e 135 ne 2013 Attivazione assicurazione sanitaria (Mutua Nuova Sanità): 80 Visite mediche preventive: 33 Ore stireria: 1360 (periodo: giugno 2012-luglio 2013) Fig. 7. Risorse economiche spese divise per aree Fig. 8. Risorse economiche spese divise per servizi realizzati 6% 27% 31% 6% 10% 9% 2% 1% 2% 2% 2% 2% Baby sitter Pre e post scuola Mutua Nuova Sanità Giornata della famiglia S.O.S. casa Stireria Centri estivi ASA/OSS Visite mediche preventive Giornata della salute e del benessere Manutenzione casa Maggiordomo aziendale Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 16

17 4. Impressioni e valutazioni sul progetto Risposte al questionario fine primo semestre 30 questionari compilati - dipendenti Saf Acli srl Il 97% dei dipendenti Saf Acli srl dichiara che i servizi attivati rispondono all esigenza della conciliazione vita-lavoro Il 93% afferma di sentirsi coinvolto nel progetto e di aver ricevuto informazioni sufficienti ed adeguate riguardo l obiettivo del progetto e le modalità di accesso ai servizi I servizi offerti sono valutati: 41% ottimo, 35% buono, 24% sufficiente. Nessun giudizio insufficiente. I dipendenti elogiano la puntualità e la qualità dei servizi utilizzati e dichiarano che i servizi rispondono alle reali esigenze di conciliazione e di sostegno alla famiglia Certamente si evidenziano anche alcune difficoltà: una delle più sentite è che alcuni servizi (stireria, maggiordomo aziendale, spesa) sono fruibili solo per i dipendenti che lavorano presso la sede centrale di Milano Prospettive future: alla domanda relativa a quali servizi/attività auspichi che l azienda si proponga di realizzare o realizzi, il telelavoro e la flessibilità oraria hanno raggiunto il gradimento maggiore Risposte al questionario fine primo anno 47 questionari compilati - dipendenti Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl Il questionario ha il duplice scopo di valutare il progetto, ad un anno dalla sua attivazione, e di esprimere un giudizio sullo stato di benessere percepito in azienda Il progetto è valutato positivamente (ottimo e buono) dal 66% dei dipendenti, il 17% lo ritiene soddisfacente, mentre per il 4% è insoddisfacente. Il 13% dei dipendenti non risponde alla domanda Il servizio della stireria è considerato valido dal 51% dei collaboratori; soddisfacente dal 9%. Il 38% non risponde motivando di non aver mai usufruito del servizio offerto Riguardo al tema della salute e delle prevenzione, il 66% valuta positivamente la realizzazione della Giornata della salute e del benessere e le visite mediche preventive Molto buono è considerato anche il servizio offerto dall assicurazione sanitaria Mutua Nuova Sanità-Unisalute, prevalentemente per il rimborso ticket (59% di riposte positive) Riguardo al clima aziendale, si registra che il clima in ufficio è ottimo per il 26% dei dipendenti, buono per il 43%; soddisfacente per il 28%. Il 4% risponde che il clima non è positivo Anche la comunicazione tra responsabili e colleghi è valutata positivamente: il 66% considera positiva la comunicazione con i responsabili, ancora più alta la soddisfazione per il rapporto con i colleghi che raggiunge l 81% Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 17

18 5. Dicono di noi Nel 2012 il progetto Well Care Family ha ricevuto una menzione speciale da Regione Lombardia all interno del Premio Famiglia Lavoro, finalizzato a riconoscere le imprese lombarde, italiane ed internazionali che si sono dimostrate attente alla conciliazione famiglia-lavoro. Inoltre l 8 aprile 2013, all interno del settimanale Eventi (territorio-istituzioni-imprese) de Il Sole 24 Ore è stato pubblicato un articolo dedicato al tema del welfare aziendale, in cui ampio spazio viene dedicato al progetto. Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 18

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family

Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Rapporto agli stakeholder Progetto Well Care Family Introduzione Si ringraziano i presidenti, il consiglio di amministrazione e i direttori di Saf Acli srl e Acli Milano Servizi Fiscali srl per l attenzione

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

Contrattazione e welfare

Contrattazione e welfare Contrattazione e welfare D.g.r. 25 ottobre 2012 - n. IX/4221 Misure a sostegno del welfare aziendale ed interaziendale e della conciliazione Famiglia - Lavoro in Lombardia, in riferimento alla LR 7/2012

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action

Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB. Paolo Benedetti ETAss. HRM Evolution, Vision Knowledge Action HRM Evolution, Vision Knowledge Action paolo.benedetti@etass.org Finanziamenti e servizi a sostegno della formazione e della WLB Paolo Benedetti ETAss Avviso Regione Lombardia Anno 2013 Regione Lombardia

Dettagli

1. Chi presenta il progetto

1. Chi presenta il progetto Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato B pagine 8 deliberazione n. del SCHEMA TECNICO per la presentazione di progetto da parte di Alleanza locale per l attuazione di obiettivi di conciliazione

Dettagli

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione L intento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sulle politiche di conciliazione

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco PROGETTO MINORI E LORO FAMIGLIE E PROGETTO ADULTI IN DIFFICOLTA LINEE GUIDA SULLA SPERIMENTAZIONE DI INTERVENTI DI

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Sociali Servizio Lavoro LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R.

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia Franca De Battista Definizione di voucher Strumento di conciliazione vita lavoro Supporto nei percorsi di politiche attive del lavoro Bonus spendibile per

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1

LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1 LE POLITICHE DI WELFARE FAMILIARE IN EUROPA 1 ITALIA GERMANIA SPAGNA FRANCIA GRAN CERDITI DI CURA I contributi figurativi per malattia del bambino sono utili per il diritto e per la misura di tutte le

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli

Relazione illustrativa del progetto o iniziativa

Relazione illustrativa del progetto o iniziativa CHIEDE ai sensi e per le finalità di cui alla Legge 136/2010 che tutti i pagamenti riguardanti il contributo assegnato per il sopra citato progetto, siano effettuati esclusivamente tramite lo strumento

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R. 2007/2013 OBIETTIVO 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE ASSE II, OBIETTIVO SPECIFICO

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Chi è Assidai Assidai è un fondo no-profit che fornisce servizi sanitari integrativi, dal carattere innovativo,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Allegato 2) Bando per la costituzione di Alleanze Locali per la Conciliazione Famiglia Lavoro D.G.R 1081/13 e Decreto attuativo n. 2058/14 Titolo del progetto FAMIGLIA E LAVORO:

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI

ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI Le presenti disposizioni hanno lo scopo di definire le modalità e le procedure per la gestione del voucher alla

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

Bando FAMILY FRIENDLY

Bando FAMILY FRIENDLY Bando FAMILY FRIENDLY Provincia di Siena in collaborazione con Camera di Commercio I.A.A. di Siena e il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Siena 1 ART.1 OGGETTO Il presente bando

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI AVVISO PUBBLICO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI AVVISO PUBBLICO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI Visto: AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DELLE AVVOCATE E DEGLI AVVOCATI CHE USUFRUISCONO DI STRUMENTI DI FLESSIBILITA E RICHIEDONO L ACCESSO AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI

ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI ASL provincia di Mantova Progettazione art.9 Legge 53/2000 PRESENTAZIONE ATTIVITA PROGETTUALI PREMESSA: CONTESTO E ASPETTI TEORICI PREMESSE LEGGE 53/2000 Disposizioni per il sostegno della maternità e

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

Àncora Servizi e la rete assistenziale

Àncora Servizi e la rete assistenziale Àncora Servizi e la rete assistenziale IL TERRITORIO COME LABORATORIO DELLE COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO PER UN ADEGUATO SISTEMA DI WELFARE Torino 13 Dicembre 2013 Àncora Servizi in pillole La cooperativa

Dettagli

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio

Riteniamo che questa indagine possa fornire un utile contributo per il raggiungimento di tale obiettivo. Modalità per l invio vembre 2013 QUESTIONARIO di rilevazione dei bisogni di conciliazione lavoro/famiglia a cura del Comitato Unico di Garanzia e del Servizio Pari Opportunità del Comune di Chioggia. Il Comitato Unico di Garanzia

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER

REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER ALLEGATO 1 REGOLAMENTO OPERATIVO DELL ELENCO PROVINCIALE PER BABYSITTER INDICE 1. Definizione e finalità 2. Soggetti che possono presentare domanda di iscrizione all Elenco 3. Modalità di presentazione

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

1_ Elenco della Provincia delle Tagesmutter (Mamme Accoglienti) 2_ Elenco della Provincia delle Babysitter

1_ Elenco della Provincia delle Tagesmutter (Mamme Accoglienti) 2_ Elenco della Provincia delle Babysitter Intervento D Realizzazione dell elenco della provincia delle baby-sitter e di un corso di formazione per Tagesmutter con accompagnamento fino all iscrizione all elenco Obiettivi L intervento ha l obiettivo

Dettagli

proposta di legge n. 165

proposta di legge n. 165 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 a iniziativa del Consigliere BUGARO presentata in data 10 aprile 2007 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE FAMIGLIE MARCHIGIANE

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona ANZIANI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI (S.A.D.) Cosa offre il servizio SAD L'assistenza domiciliare è un tipo di servizio erogato direttamente

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 All. A DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 FONDO SOCIALE EUROPEO OB. 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE

Dettagli

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne DONNE, LAVORO E FAMIGLIA IN PROVINCIA DI PISTOIA QUESTIONARIO SEZ. 0 - CONDIZIONE UNICA O PREVALENTE D1. Qual è attualmente la sua condizione prevalente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 16 febbraio 2006 INDICE: Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Destinatari del servizio

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione dell'assemblea n.14 del 29/04/2010 ART.1 FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di assistenza domiciliare, ai sensi delle vigenti

Dettagli

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI BARANZATE Provincia di Milano Area Servizi alla Persona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione del Commissario Straordianrio con i poteri

Dettagli

AVVISO Home Care Premium 2012

AVVISO Home Care Premium 2012 INPS Gestione Ex Inpdap Direzione Centrale Credito e Welfare AVVISO Home Care Premium 2012 Per l adesione e la gestione di Progetti Innovativi e Sperimentali di Assistenza Domiciliare per l intervento

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

Welfare Aziendale Moderno: le risposte innovative della tecnologia applicata all HRM

Welfare Aziendale Moderno: le risposte innovative della tecnologia applicata all HRM by Welfare Aziendale Moderno: le risposte innovative della tecnologia applicata all HRM Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata WELFARE AZIENDALE a 360 Copertura e gestione

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA ALLEGATO A) ISTITUZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENTI DI ETA INFERIORE A 65 ANNI. La Regione Piemonte

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE - SAD - Servizio di assistenza domiciliare - ADH - Servizio educativo domiciliare disabili - SED - Servizio educativo minori Art.

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

Welfare Aziendale: finalità

Welfare Aziendale: finalità Progetto WELFA-RE Welfare Aziendale: finalità Il Welfare Aziendale (WA) è un insieme di misure consistenti in beni, servizi e prestazioni che l Azienda offre ai Dipendenti in via unilaterale o bilaterale

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech. Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata

Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech. Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata by Welfare Aziendale 2.0: il punto di vista di un Provider hi-tech Welfare Company Srl - Strettamente Confidenziale Riproduzione vietata Copertura e gestione dell intera gamma dei servizi di supporto al

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

AVVISO. Home Care Premium 2014. per la ricerca e il convenzionamento. di Ambiti Territoriali Sociali disponibili alla gestione convenzionata di

AVVISO. Home Care Premium 2014. per la ricerca e il convenzionamento. di Ambiti Territoriali Sociali disponibili alla gestione convenzionata di Direzione Centrale Credito e Welfare AVVISO Home Care Premium 2014 per la ricerca e il convenzionamento di Ambiti Territoriali Sociali disponibili alla gestione convenzionata di Progetti Innovativi e Sperimentali

Dettagli

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale.

Gli interventi sono gestiti nel rispetto del principio di libera scelta del cittadino, attraverso l utilizzo del voucher sociale. REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI PROFESSIONALI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI ED INTERVENTI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI IN FAVORE DI ANZIANI, DISABILI E MINORI E LORO FAMIGLIE DELSERVIZIO DI

Dettagli

Audit. Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler

Audit. Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler Il Family Audit in Trentino e l esperienza della Fondazione Bruno Kessler 2014 Family Audit: cos è? Linee Guida Aiuta le organizzazioni a realizzare un efficace, consapevole, duraturo ed economicamente

Dettagli

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ENTE PROPONENTE: C.I.D.E.S. Centro Internazionale dell Economia Sociale Consorzio di Cooperative Sociali SEDE ACCREDITATA: Via Cervellati, 1/f Bologna (BO) 40122 TITOLO

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

Carta del Servizio. CdS 02 Ed. 01-29/04/13

Carta del Servizio. CdS 02 Ed. 01-29/04/13 Carta del Servizio CdS 02 Ed. 01-29/04/13 Chi siamo 2 Cooperativa Sociale ACLI, senza fini di lucro, opera da più di venticinque anni nel territorio provinciale fornendo servizi socio-assistenziali ed

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

Permesso? Avanti! Quaderno dei nuovi strumenti per conciliare maternità/paternità e lavoro

Permesso? Avanti! Quaderno dei nuovi strumenti per conciliare maternità/paternità e lavoro Permesso? Avanti! Quaderno dei nuovi strumenti per conciliare maternità/paternità e lavoro Gli strumenti qui presentati, che traggono spunto da modalità già sperimentate in realtà aziendali private e pubbliche,

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

BANDO PUBBLICO. Premessa

BANDO PUBBLICO. Premessa BANDO PUBBLICO Per il sostegno allo start up di iniziative di rete che sviluppino azioni di conciliazione tempi di vita tempi di lavoro e sperimentazione di modelli innovativi di welfare aziendale e interaziendale.

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01.

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. 200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. I permessi retribuiti per la tutela dell handicap sono stati introdotti dalla legge n. 104/1992, come

Dettagli

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta Ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità o di disagio. Progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ai sensi della legge

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore -

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Assemblea Nazionale Anffas Onlus 23 Maggio 2015 Direzione Vita e Previdenza - Sviluppo Offerta Vita e Previdenza 1 SOCIETÁ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 Nella mensilità di maggio, come noto, è stato attivato on line un questionario sull orario di lavoro al fine di raccogliere elementi informativi utili

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli