Competenze delle cure infermieristiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Competenze delle cure infermieristiche"

Transcript

1 1. L PROCESSO ASSSTENZALE Anno di Corso Semestre PRMA FASE DEL PROCESSO ASSSTENZALE: accertamento Metodi di accertamento: - osservazione, intervista, strumenti strutturati: scale e questionari Tipologia dei dati: - fonti- qualità - accoglienza di un paziente in regime di ricovero ordinario o di urgenza Esame obiettivo: - preparazione della persona e dell ambiente - strumenti di lavoro - esame testa -piedi COMPETENZE PER L ESAME OBETTVO: - ispezione - palpazione - percussione - auscultazione Aspetto generale e comportamento - altezza e peso - cute, capelli e unghie - testa,faccia e collo - torace, addome e bacino - arti superiori e inferiori SECONDA FASE DEL PROCESSO ASSSTENZALE: ragionamento diagnostico e diagnosi infermieristiche Struttura e tipi di diagnosi infermieristiche Fonti di errore diagnostico TERZA FASE DEL PROCESSO ASSSTENZALE: pianificazione dell assistenza infermieristica Stabilire le priorità dei problemi Stabilire i risultati attesi Pianificare gli interventi infermieristici QUARTA FASE DEL PROCESSO ASSSTENZALE: attuazione delle cure infermieristiche QUNTA FASE DEL PROCESSO NFERMERSTCO: valutazione dei risultati attesi RAGONAMENTO DAGNOSTCO APPLCATO A UN CASO 1

2 2. PREVENZONE E CONTROLLO DELLE NFEZON Anno di Corso Semestre Precauzioni standard per la riduzione delle infezioni correlate all assistenza Raccomandazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità sul lavaggio delle mani - Linee Guida Aziendali ASREM - giene delle mani: lavaggio sociale, antisettico e chirurgico - Caratteristiche dei prodotti: saponi semplici, antisettici e alcoli Dispositivi di Protezione ndividuale o sistemi barriera (guanti, camici, protezioni facciali) - Uso dei guanti sterili e non sterili - Camici e altri indumenti protettivi - Mascherine e protezioni facciali Gestione di strumenti e attrezzature per l assistenza al paziente - Decontaminazione, pulizia, detersione, disinfezione, sterilizzazione - Procedura: decontaminazione e pulizia, confezionamento nei vari contenitori Gestione e smaltimento dei rifiuti sanitari (urbani speciali non pericolosi pericolosi pericolosi a rischio infettivo) Preparazione e allestimento di un campo sterile - Piccoli interventi e/o medicazioni 3. LA SCUREZZA DEGL AMBENT D CURA Anno di Corso Semestre Concetto di rischio - Classificazione dei rischi - Rischi associati all ambiente, ai trattamenti e alle procedure diagnostiche - Sicurezza degli operatori - Rischio chimico - Utilizzo dei disinfettanti e detergenti - Manipolazione dei chemioterapici - Rischi associati ai gas anestetici - Prevenzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi Sicurezza del paziente - Rischi ed eventi avversi - Prevenzione delle cadute negli ambienti di cura - Assistenza al paziente caduto - Contenzione fisica meccanica - farmacologica Smaltimento dei rifiuti 2

3 - Smaltimento dei presidi monouso - Smaltimento dei presidi taglienti - Smaltimento dei materiali biologici 4. PARAMETR VTAL Anno di Corso Semestre LNEE GUDA PER LA MSURAZONE DE PARAMETR VTAL Temperatura corporea - Fattori che incidono sulla TC - Accertamento - Misurare la TC Polso arterioso - Parametri di valutazione del polso - Valutazione e misurazione del polso periferico - Valutazione e misurazione del polso apicale - Alterazioni del polso Pressione arteriosa - Livelli di pressione arteriosa - Misurazione della pressione arteriosa - Misurazione della pressione arteriosa a livello dell arto inferiore - Alterazioni della pressione arteriosa Frequenza respiratoria - Rilevazione della frequenza respiratoria - Accertamento della respirazione (diffusione, perfusione) - Misurazione della saturazione di ossigeno (pulsossimetria transcutanea) Accertamento del dolore Registrazione dei parametri vitali 5. ESERCZO FSCO, MOBLTA E GESTONE DELLE ALTERAZON Anno di Corso Semestre Posture a letto della persona allettata, ausili e prese Posizionamento e trasferimento della persona dopo intervento di chirurgia addominale, toracica e ortopedica Posizionamento e trasferimento della persona emiplegica Mobilizzazione letto/poltrona-poltrona/letto 3

4 Mobilizzazione letto/ carrozzina- carrozzina/letto Mobilizzazione letto/ barella- barella/letto Esercizi di ginnastica passiva: tipologia e funzioni - Applicare un tutore per la mobilizzazione passiva - Applicare sistemi a pressione pneumatica - Applicare un tutore per il braccio Esercizi di ginnastica attiva: tipologia e funzioni - Esecuzione degli esercizi per la mobilizzazione del capo - Esecuzione degli esercizi per la mobilizzazione di un arto superiore - Esecuzione degli esercizi per la mobilizzazione del polso e della mano - Esecuzione degli esercizi per la mobilizzazione di un arto inferiore - Esecuzione degli esercizi della caviglia e del piede Applicare un bendaggio ad otto Mobilizzare il paziente utilizzando un sollevapersone Contenzione: presidi, tecniche, applicazione Tecniche di prevenzione delle cadute Assistere alla deambulazione con bastone, stampelle, deambulatore ascellare e tripode 6. LA SOMMNSTRAZONE DE FARMAC, SANGUE E EMODERVAT Anno di Corso Semestre Responsabilità dell infermiere nel processo di terapia l processo di gestione della terapia farmacologica - La prescrizione farmacologica - Sistemi di distribuzione e conservazione dei farmaci Somministrare dei farmaci per via orale - Farmaci attraverso SNG - Farmaci attraverso PEG Somministrazione farmaci per via iniettiva / - Aspirazione e diluizione di un farmaco da una fiala e da un flacone - Miscelazione di due farmaci in siringa - Somministrazione di un farmaco per via intradermica - Somministrazione di un farmaco per via sottocutanea - Somministrazione di un farmaco per via intramuscolare - Somministrazione di un farmaco per via venosa con accesso periferico e centrale - Somministrazione di un farmaco per via venosa in bolo 4

5 Allestimento della via infusionale / - Preparazione della soluzione da infondere - Posizionamento dell accesso venoso periferico - nserimento e avvio dell infusione - Sostituzione della medicazione di un accesso venoso periferico - Sostituzione della medicazione di un accesso venoso centrale - Somministrazione di farmaci E.V. utilizzando set per infusione continua a doppia via; set a infusioni intermittente; pompe per mini-infusione - Somministrazione di farmaci utilizzando microgocciolatori, rubinetti e fruste Applicazione di cerotti transdermici nstillazione di gocce oculari nstillazione di gocce auricolari nstillazione di gocce nasali Applicazione di crema vaginale, ovuli Farmaci per via inalatoria - nalazione di un farmaco tramite spray dosatore pressurizzato (MD) e distanziatore - nalazione di un farmaco tramite inalatore a polvere secca - nalazione di un farmaco tramite nebulizzatore Somministrazione di supposte rettali Trasfusione ed infusione di emoderivati Abilità di calcolo necessarie per il dosaggio della terapia - Sistema metrico e unità di misura più utilizzate per i farmaci - Calcolo delle dosi - Calcolo delle velocità e tempi di infusione Stupefacenti 7. ASSSTENZA CHRURGCA PREOPERATORA Anno di Corso Semestre nformazione preoperatoria - nformare e acquisire il consenso Valutazione preoperatoria - Valutazione del rischio operatorio - Valutazione del rischio infettivo Gestione della terapia farmacologica nel periodo preoperatorio Profilassi antibiotica 5

6 dentificazione pazienti e del sito chirurgico e Preparazione fisica all intervento - Preparazione della cute - giene del cavo orale e nasale - Preparazione intestinale - Alimentazione preoperatoria - CONTROLLO CARTELLA CLNCA E VERFCA ESAM DA NVARE N SALA OPERATORA Prevenzione delle complicanze tromboemboliche 8. ASSSTENZA CHRURGCA NTRAOPERATORA Anno di corso Semestre Accoglienza dell operando in sala operatoria Sicurezza della persona in sala operatoria Posizionamento dell operando sul letto operatorio Mantenimento della normotermia durante l intervento chirugico Dalla fase di risveglio al trasferimento in reparto 9. ASSSTENZA CHRURGCA POSTOPERATORA Anno di corso Semestre Accoglienza in reparto Vigilanza e sorveglianza dell immediato postoperatorio Gestione delle complicanze postoperatorie - Ritenzione urinaria - potensione - Disturbi cognitivi - Nausea e vomito Gestione del dolore postoperatorio Mobilizzazione e deambulazione precoce - nsegnare a mobilizzare gli arti inferiori - nsegnare al paziente a mobilizzarsi nel letto Tecniche e posture corrette per favorire e mantenere pervie le vie aeree - nsegnare ad utilizzare lo spirometro - nsegnare a tossire e espettorare Fornire informazioni sulle prescrizioni dietetiche - Bere e alimentarsi - Ripresa della peristalsi 6

7 Gestione della ferita e verifica del funzionamento dei drenaggi - Caratteristiche e guarigione della ferita chirurgica - Medicazione della ferita chirurgica - l drenaggio toracico Assistenza durante esecuzione di punture esplorative e biopsie - Preparazione ambiente, materiale e paziente - Prelievo ed invio di campioni per indagini di laboratorio 10. CURA E GENE DEL CORPO Anno di Corso Semestre Cura della cute come protezione tra organismo e ambiente esterno - Attività di igiene e cura del corpo a letto: bagno o spugnatura - giene intima: perineale a letto - giene intima: perineale con il sollevatore - giene degli occhi - giene del cavo orale e dei denti - giene dei capelli Cura del piede nella persona diabetica Cura degli occhi e del cavo orale nel paziente incosciente Rifacimento del letto vuoto, occupato, chirurgico 11. NTEGRTA DELLA CUTE E TRATTAMENTO DELLE LESON CUTANEE Anno di Corso Semestre Ulcere da pressione o da decubito / - Prevenzione, Fisiopatologia e Sviluppo dell ulcera da decubito FOCUS: accertamento del rischio di sviluppo di ulcere da pressione - Scelta della medicazione in base alla stadiazione - Medicazione della lesione da decubito infetta Pulire una ferita e applicare una medicazione sterile Applicare una medicazione umida Applicare una medicazione idrocolloide Competenze infermieristiche nella toilette chirurgica di una lesione da pressione / 12. L COMFORT (caring infermieristico) Anno di Corso Semestre Cure infermieristiche centrate sul paziente e sulla famiglia Promuovere il comfort del paziente - Agire sul microclima degli ambienti di cura 7

8 - Favorire e assicurare la privacy e l intimità del paziente - Vigilanza e controllo per i bambini, anziani e non autosufficienti - Favorire l autodeterminazione - Sostenere l autocura - Rispettare le diversità multiculturali Assistere un paziente con dolore 13. ALMENTAZONE Anno di Corso Semestre Assistenza al pasto del paziente non autosufficiente Alimentazione come terapia - nserimento di un Sondino Naso gastrico - Gestione della Nutrizione Enterale e/o della PEG Assistenza al paziente portatore di SNG/SND/PEG - Medicazione, irrigazione, rimozione 14. ELMNAZONE URNARA Anno di Corso Semestre Le principali alterazioni della funzione urinaria - Segni e sintomi più frequenti nei disturbi urinari - Gestione assistenziale nelle infezioni urinarie - Gestione assistenziale dell incontinenza urinaria - Gestione assistenziale della ritenzione urinaria Assistenza nell utilizzo della padella Assistenza nell utilizzo del pappagallo l cateterismo vescicale nella donna / l cateterismo vescicale nell uomo / Rimozione del catetere vescicale a permanenza Esecuzione di una irrigazione temporanea di un catetere a circuito chiuso Gestione di una irrigazione vescicale continua con catetere vescicale a tre vie in un sistema a circuito chiuso Applicare un catetere esterno tipo condom Assistenza al paziente con catetere urinario sovrapubico giene della stomia e sostituzione della sacca in ambito ospedaliero 15. ELMNAZONE NTESTNALE Anno di Corso Semestre Le principali alterazioni della funzione intestinale - Segni e sintomi più frequenti nei disturbi intestinali 8

9 - Alterazioni delle caratteristiche delle feci - Stipsi e diarrea - ncontinenza fecale - Gestione e assistenza ad un paziente con melena Preparazione della persona alla colonscopia / / nserimento di una sonda rettale / Somministrazione di un enteroclisma di pulizia a basso volume / Somministrazione di un enteroclisma di pulizia ad alto volume Somministrazione di un enteroclisma da ritenzione Rimozione manuale delle feci e/o di un fecaloma Preparazione della persona alla colonstomia - Medicazione, svuotamento e sostituzione di una stomia - rrigazione di una stomia 16. OSSGENAZONE Anno di Corso Semestre Alterazione della respirazione e dell ossigenazione - possia e cianosi - Dispnea - Tosse, emottisi - Ostruzione bronchiale ed espettorato - Respiri patologici - Saper riconoscere e auscultare i rumori respiratori Gestione dell ossigenoterapia a basso flusso - Somministrare ossigeno attraverso una cannula nasale - Somministrare ossigeno attraverso una maschera facciale Gestione dell ossigenoterapia ad alto flusso - Somministrare ossigeno attraverso sistema di CPAP/BPAP Gestione e assistenza ad un paziente portatore di tracheotomia - Medicazione e sostituzione della controcannula - Aspirazione da tracheotomia: sistema a circuito aperto e a circuito chiuso Aspirazione delle secrezioni per via oro-nasofaringea, tracheale o endotracheale Assistenza durante intubazione oro-naso tracheale - Fissare un tubo endotracheale 9

10 - Aspirazione endotracheale utilizzando un sistema aperto - Aspirazione tracheale utilizzando un sistema chiuso Assistenza durante estubazione oro-naso tracheale Posizionamento di Cannula di MAYO (Guedel) Utilizzo della maschera facciale e pallone di AMBU Gestione di un paziente collegato al Ventilatore Meccanico Esecuzione dell Emogasanalisi - nterpretazione clinica dei valori dei gas del sangue 17. BLANCO DROELETTROLTCO E GESTONE DELLE ALTERAZON Anno di Corso Semestre Alterazioni dell equilibrio idroelettrolitico - Disidratazione - povolemia - Squilibrio idroelettrolitico - Eccesso di volume di liquidi o sovraccarico di liquidi Assistenza al posizionamento di un Catetere Venoso Centrale - Preparazione ambiente - Preparazione materiale - Preparazione paziente l bilancio idrico - Rilevazione della Pressione Venosa Centrale con metodo a colonna d acqua Controllo sito di inserzione di un CVP e CVC - Regolare la velocità di infusione - Sostituzione medicazione del sito di inserzione - Chiudere una linea di infusione per il suo utilizzo intermittente - Lavaggio di vie di infusione del CVP e del CVC Gestione e controllo di un catetere totalmente impiantato tipo PORT 18. ASSSTENZA CARDOVASCOLARE Anno di Corso Semestre Monitoraggio attività elettrica cardiaca a tre derivazioni e a cinque derivazioni Esecuzione dell Elettrocardiogramma a 12 derivazioni Monitoraggio dell ECG continuo Monitoraggio della Pressione Cruenta tramite trasduttore Effettuare un prelievo arterioso da un catetere endoarterioso con sistema a chiusura 10

11 Rimuovere linee arteriose anche femorali Esecuzione Rianimazione Cardio Polmonare Effettuare la defibrillazione automatica cardiaca in emergenza Utilizzare un Pacemaker esterno (transcutaneo) 19. ASSSTENZA NEUROLOGCA Anno di Corso Semestre Posizionare un paziente in allineamento corporeo - Ruotare un paziente in allineamento da supino a decubito laterale destro e sinistro Esecuzione di valutazione neurologica in emergenza e in Unità di Terapia ntensiva - Esecuzione della Glasgow Coma Scale (GCS) - Esecuzione della Revised Trauma Score (RTS) - Esecuzione della AVPU - Assistenza durante esecuzione delle prove vestibolari Applicare un collare cervicale a due parti Monitoraggio della Pressione ntracranica (PC) Riconoscere le convulsioni ed applicare gli interventi necessari 20. COMPETENZE SPECFCHE Anno di corso Semestre Assistenza al paziente ustionato - Valutazione dell area ustionata - Trattamento delle ustioni Assistenza al paziente in trattamento dialitico - Cura della fistola artero-venosa - Cura del catetere peritoneale Assistenza al paziente in chemioterapia ciclica Dimostrare capacità nella valutazione del deterioramento delle condizioni generali di un paziente Dimostrare competenza nell attuare tempestivamente la pronta assistenza in caso di emergenza Dimostrare competenza nella gestione, nel controllo e nella verifica dei presidi necessari al pronto intervento 21. PRELEVARE CAMPON D LABORATORO Anno di Corso Semestre Principi generali della Venipuntura - Vene del braccio utilizzabili per il prelievo venoso 11

12 - Prelievo venoso con sistema chiuso autoaspirante - Prelievo di sangue venoso per emocoltura - Prelievo di sangue arterioso per emogasanalisi - Prelievo capillare per glicemia Raccolta di campione di urine per esame completo - Raccogliere un campione di urine nell uomo per l analisi delle urine - Raccogliere un campione di urine nella donna per l analisi delle urine - Raccogliere un campione di urine nell uomo per l urinocoltura - Raccogliere un campione di urine nella donna per l urinocoltura - Raccogliere un campione di urine da un catetere vescicale Raccolta di campione di feci per coprocoltura Raccolta di campione di feci per ricerca sangue occulto Raccolta di secreto bronchiale tramite espettorato Raccolta di secreto bronchiale tramite broncoaspirazione a circuito aperto e a circuito chiuso 12

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008

MODALITA DI SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI TIROCINIO per l a.a. 2007-2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PRESIDENTE PROF. GIAN CARLO AVANZI SEDE DI NOVARA Via Solaroli 17-28100

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari ASIA e GSA Soc. Coop, da molti anni sono impegnate nel campo dell assistenza alla persona. Oggi, ASIA e GSA combinano tutte le proprie conoscenze nel campo dell assistenza domiciliare e attivano un innovativo

Dettagli

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A.

RILEVAZIONE SETTIMANALE TIROCINIO A.S.A. RILEVAZIONE SETTIMANALE A.S.A. SCHEDA DI RILEVAZIONE SETTIMANALE ATTIVITA' DI STAGE C.F.P. ID Progetto Nominativo corsista Azienda ospitante Reparto Periodo dal al Denom. AUSILARIO/A SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Cure Infermieristiche

Cure Infermieristiche Luisa Saiani Anna Brugnolli Trattato di Cure Infermieristiche sorbona Luisa Saiani Anna Brugnolli Trattato di Cure Infermieristiche con 306 figure a colori e b/n e 211 tabelle sorbona Indice generale

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale

Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Insegnamento: INFERMIERISTICA CLINICA I Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Infermieristica in Medicina Interna Infermieristica in chirurgia generale Sigla: 515014 Tipo esame: scritto Valutazione esame: voto

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Revisione n. 7 del 20 GIUGNO 2013 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - II semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO

CONTRATTO DI TIROCINIO Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione 27.01.2014 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - I semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Direttori Attività

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Sede di Ascoli Piceno SCHEDA DI VALUTAZIONE DEL TIROCINIO 2 ANNO a.a. 2011 2012 COORDINATORE AFPTC Dott.Silvano Troiani 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico 17/12/2014

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

Mansionario OSS Allegato 1

Mansionario OSS Allegato 1 Mansionario OSS Allegato 1 Settore di competenza 1 Orientamento dell agire professionale ai clienti, alle persone nel loro contesto relazionale, sociale e culturale Settore di competenza 2 Igiene e sicurezza

Dettagli

Prestazioni erogabili in regime libero professionale

Prestazioni erogabili in regime libero professionale Prestazioni erogabili in regime libero professionale PARTE PRIMA Prestazioni singole di tipo tecnico 01 PRESTAZIONI COMUNI A TUTTE LE ATTIVITÀ ASSISTENZIALI 001 T Assistenza diretta 002 T Valutazione dei

Dettagli

Contratto Formativo. di Tirocinio Clinico

Contratto Formativo. di Tirocinio Clinico UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE ROMA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Anno Accademico 2012/2013 1 CORSO Contratto Formativo di Clinico Studente: 1 1. Conoscenza

Dettagli

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria Preparazione pre operatoria del paziente Dott. Garofoli Rosamaria Per fase pre operatoria si intende quel periodo che va dal momento in cui si stabilisce che è necessario procedere con un intervento chirurgico

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

LINEA GUIDA LA BRONCOASPIRAZIONE NEL PAZIENTE TRACHEOSTOMIZZATO

LINEA GUIDA LA BRONCOASPIRAZIONE NEL PAZIENTE TRACHEOSTOMIZZATO LINEA GUIDA LA BRONCOASPIRAZIONE NEL PAZIENTE TRACHEOSTOMIZZATO SCOPO L aspirazione tracheobronchiale è una procedura che consente la rimozione delle secrezioni presenti nell albero bronchiale, per mezzo

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG Obiettivo: mediante l uso del PEG/SNG all ospite verrà somministrato un apporto dietetico per soddisfare le richieste corporee e promuovere la salute.

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire C.I. Fisiopatologia Applicata All infermieristica Infermieristica Clinica (CFU2) D. Calatozzo, F. Frisone Italiano Lo studente al termine del corso sarà in grado di identificare e definire i bisogni di

Dettagli

INTERVENTO CARDIOCHIRURGICO

INTERVENTO CARDIOCHIRURGICO PREMESSA Informazioni per il paziente in attesa di INTERVENTO CARDIOCHIRURGICO Caro Utente, lo scopo di questo opuscolo è quello di fornire a Lei e alla Sua famiglia tutte quelle informazioni che Le possono

Dettagli

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico.

Vito Ferro. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. L Urgenza in Sala Operatoria: Il punto di vista Infermieristico. Vito Ferro Infermiere Strumentista Blocco Operatorio Ch.Gen. E Ch.Ped. A.O.P.C. Catanzaro Premessa La SIC definisce il Trauma una Malattia

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. Pagina 1 PROFILO PROFESSIONALE E AMBITO DI ATTIVITÀ L Operatore Socio sanitario

Dettagli

ESAMI DI TIROCINIO AVVISO PER GLI STUDENTI SEDE DI NOVARA

ESAMI DI TIROCINIO AVVISO PER GLI STUDENTI SEDE DI NOVARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PRESIDENTE PROF. GIAN CARLO AVANZI SEDE DI NOVARA Via Solaroli 17-28100

Dettagli

Obiettivo: -Indicare le procedure tecnico assistenziali da mettere in atto

Obiettivo: -Indicare le procedure tecnico assistenziali da mettere in atto Obiettivo: -Indicare le procedure tecnico assistenziali da mettere in atto nel paziente sottoposto ad intervento di chirurgia vertebrale cervicale sia durante l esecuzione dell intervento che nell immediato

Dettagli

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Se non può rientrare al domicilio compilare gli item qui a fianco COGNOME: Per inoltrare a Casa di Cura Ambrosiana: FAX 02.4587.6860 DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Nato il: A: NOME: Residente

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO 4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA INIZIO

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it LINEE GUIDA PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI Note di carattere generale: 1. Ogni operatore dovrà essere dotato di ausili, conservati in spazi appositi e separati; 2. ogni operatore deve indossare

Dettagli

- Apparato Cardiovascolare: cateteri venosi centrali / accessi vascolari a medio e a lungo termine, terapia anticoagulante;

- Apparato Cardiovascolare: cateteri venosi centrali / accessi vascolari a medio e a lungo termine, terapia anticoagulante; Allegato B Progetto formativo di educazione ai pazienti portatori di malattie croniche, rare o con percorsi di particolare complessità e ai rispettivi assistenti relativo alle eseguite a domicilio Il razionale

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Direzione dell Assistenza Infermieristica, Tecnica, Sanitaria e della Riabilitazione

Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Direzione dell Assistenza Infermieristica, Tecnica, Sanitaria e della Riabilitazione Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara Direzione dell Assistenza Infermieristica, Tecnica, Sanitaria e della Riabilitazione Scheda di Valutazione dell Operatore Socio Sanitario Dipartimento Unità

Dettagli

Aspetti religiosi, Etici e Monitoraggio, mantenimento e trattamento terapeutico del Donatore di organi e tessuti.

Aspetti religiosi, Etici e Monitoraggio, mantenimento e trattamento terapeutico del Donatore di organi e tessuti. Dott. Nicola Torina, Coordinatore Infermieristico UTIR (Unità di Terapia Intensiva di Rianimazione) Ospedale Buccheri La Ferla F.B.F. Palermo Aspetti religiosi, Etici e Monitoraggio, mantenimento e trattamento

Dettagli

LOTTO 1 FILTRO ANTIMICROBICO PER ANESTESIA, ADULTO E PEDIATRICO 20.000,00

LOTTO 1 FILTRO ANTIMICROBICO PER ANESTESIA, ADULTO E PEDIATRICO 20.000,00 5859129235 LOTTO 1 FILTRO ANTIMICROBICO PER ANESTESIA, ADULTO E PEDIATRICO 20.000,00 5859134654 LOTTO 2 FILTRO ANTIBATTERICO ANTIVIRALE AUTOUMIDIFICANTE PER RIANIMAZIONE, ADULTO E PEDIATRICO 32.000,00

Dettagli

ELENCO DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA-RIANIMAZIONE - CHIRURGIA VOCE DESCRIZIONE PRODOTTO QUANTIT. ANNUALE

ELENCO DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA-RIANIMAZIONE - CHIRURGIA VOCE DESCRIZIONE PRODOTTO QUANTIT. ANNUALE ELENCO DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA-RIANIMAZIONE - CHIRURGIA VOCE DESCRIZIONE PRODOTTO QUANTIT. 1 Aghi per anestesia subaracnoidea (spinale) - sterile - monouso - mis. G22 - G23 -G25 2 Aghi per anestesia

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa:

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa: Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario Premessa: Il corso di OSS - Operatore Socio sanitario -, riguarda tutti coloro che vogliono sviluppare abilità finalizzate all'assistenza socio sanitaria di persone

Dettagli

Insegnamento: METODOLOGIA CLINICA NELLE SCIENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE E NEONATALI. A.A. 2015/2016 Crediti Formativi CFU 6

Insegnamento: METODOLOGIA CLINICA NELLE SCIENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE E NEONATALI. A.A. 2015/2016 Crediti Formativi CFU 6 Insegnamento: METODOLOGIA CLINICA NELLE SCIENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE E NEONATALI A.A. 2015/2016 Crediti Formativi CFU 6 Moduli: Management Ostetrico Ginecologico e Neonatale MED/47 CFU 1 Ostetricia,Ginecologia

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO ASSOCIAZIONE VOLONTARIA REGOLAMENTO SANITARIO Articolo 1 - DIRETTORE SANITARIO Il Direttore Sanitario è l'unico responsabile di fronte alla legge per quanto riguarda i presidi

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD

ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD A La realizzazione delle singole clip è stata progettata non tanto come declinazione in immagini della scheda di prestazione contenuta nel libro, quanto come contestualizzazione

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente Team Nutrizionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare Struttura Complessa. Clinica Medica e Servizio di Dietetica Ospedale di Cattinara - 2

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

REGOLAMENTO VALIDO PER L ANNO 2014 PER FORMULA: A CASA MIA ASSISTENZA DOMICILIARE E OSPEDALIERA AD INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

REGOLAMENTO VALIDO PER L ANNO 2014 PER FORMULA: A CASA MIA ASSISTENZA DOMICILIARE E OSPEDALIERA AD INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MUTUA OSPEDALIERA ARTIGIANI SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Viale Milano 5-21100 Varese Tel. 0332/256111 - Email moa@asarva.org - Fax 0332/256351 REGOLAMENTO VALIDO PER L ANNO 2014 PER FORMULA: A CASA MIA ASSISTENZA

Dettagli

INDICAZIONI PER LA COLLABORAZIONE TRA OPERATORI/OPERATRICI SOCIO-ASSISTENZIALI ED INFERMIERI PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE

INDICAZIONI PER LA COLLABORAZIONE TRA OPERATORI/OPERATRICI SOCIO-ASSISTENZIALI ED INFERMIERI PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE INDICAZIONI PER LA COLLABORAZIONE TRA OPERATORI/OPERATRICI SOCIO-ASSISTENZIALI ED INFERMIERI AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Ressort für Familie, Gesundheit und Sozialwesen PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 CENTRALE OPERATIVA: RICHIESTA DI SOCCORSO MALATTIA DA VIRUS EBOLA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 FINALITA Identificare casi sospetti/probabili di malattia da virus Ebola durante l intervista telefonica; Adottare speciali precauzioni

Dettagli

Igiene delle mani negli ambienti sanitari

Igiene delle mani negli ambienti sanitari LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori UU.OO. Servizio Infermieristico Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev Causale Redazione Verifica Approv. DG 01 14.02.2012 Revisione Gruppo

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli SOMMARIO Introduzione Obiettivi generali Obiettivi specifici Indicazioni

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti II Anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e Tutori del Corso di Laurea in Infermieristica

Dettagli

Paziente neuromuscolare GESTIONE SECREZIONI

Paziente neuromuscolare GESTIONE SECREZIONI IL VALORE DELL INTERDISCIPLINARIETÀ: SPECIALISTI E MEDICI DI MEDICINA GENERALE SI INCONTRANO BARI PNEUM LOGICA Noicattaro (BA) 31 gennaio 2013 Paziente neuromuscolare GESTIONE SECREZIONI Presidenti del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA (PEG) PREMESSA L alimentazione artificiale si rende necessaria per il trattamento di molte condizioni patologiche.

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi SEDE Ospedale di Ivrea (Asl TO 4) Piazza della Credenza Primo piano Blocco B ORGANICO PER TURNO Mattino(6-14): 4

Dettagli

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Le fasi del processo di assistenza ACCERTAMENTO DIAGNOSI OBIETTIVI

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

05. Prestazioni relative alla necessità di muoversi e mantenere una posizione corretta

05. Prestazioni relative alla necessità di muoversi e mantenere una posizione corretta NOMENCLAORE ARIFFARI0 2002 PRESAZIONI DI ASSISENZA INFERMIERISICA La revisione del Nomenclatore tariffario delle prestazioni infermieristiche è stata realizzata in un periodo ricco di significativi cambiamenti

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO CLINICO DEGLI STUDENTI IN SALA OPERATORIA

PROGETTO DI APPRENDIMENTO CLINICO DEGLI STUDENTI IN SALA OPERATORIA PROGETTO DI APPRENDIMENTO CLINICO DEGLI STUDENTI IN SALA OPERATORIA INTRODUZIONE La metodologia adottata nel dell Università di, ha come orientamento pedagogico l apprendimento per problemi, basato sull

Dettagli

IL DIRETTORE Dott. Valentino Martelli

IL DIRETTORE Dott. Valentino Martelli Gentile Ospite, La salutiamo cordialmente e ci auguriamo che il Suo arrivo in questa struttura avvenga nel migliore dei modi e che la Sua permanenza possa essere il più possibile tranquilla e serena: da

Dettagli

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Marta Lazzeri Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda DEFINIZIONE PROCEDURA ATTUATA ALLO SCOPO DI RIMUOVERE SECREZIONI

Dettagli

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico STAFF DIREZIONE SANITARIA Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico DIAGNOSI INFERMIERISTICA: (RISCHIO DI) DEFICIT DELLA CURA DI SÉ alimentazione, bagno, igiene personale, uso dei servizi igienici,

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

ASP Catanzaro Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme U.O. Neonatologia e TIN Direttore: dott. S. A. Canepa Relatore: Filomena Cuda Catanzaro, 07/06/2008 Bambino nelle prime quattro settimane di vita extra-uterina.

Dettagli

Igiene e profilassi. Presentazione

Igiene e profilassi. Presentazione Igiene e profilassi Presentazione Un aspetto particolarmente delicato per chi deve operare all interno di una realtà ospedaliera riguarda le misure di igiene e profilassi che si devono adottare per salvaguardare

Dettagli

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica.

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica. Gestione della PEG Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire, gli esercizi

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome Poletti Massimo Data di nascita 03 Settembre 1961 Codice fiscale Qualifica Amministrazione PLT MSM 61P03 D921 M Incarico attuale Assegnatario di posizione organizzativa

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Check list di sicurezza del paziente chirurgico

Check list di sicurezza del paziente chirurgico Ver 2.0 heck list di sicurezza del paziente chirurgico La corretta compilazione di questo strumento e la completezza delle informazioni sono fondamentali per reperire tutti i dati più importanti di tutte

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

PICCOLA GUIDA DI ACCOGLIENZA IN CARDIOCHIRURGIA

PICCOLA GUIDA DI ACCOGLIENZA IN CARDIOCHIRURGIA U.O. C. di CARDIOCHIRURGIA DIRETTORE DOTT. LUIGI PIAZZA A.O. S. ANNA E S. SEBASTIANO CASERTA PICCOLA GUIDA DI ACCOGLIENZA IN CARDIOCHIRURGIA A CURA DELLA COORDINATRICE INFERMIERISTICA MARIA TERESA PEYER

Dettagli

Esercizi di Fine Unità 7 Per i Capitoli 28, 29 e 30

Esercizi di Fine Unità 7 Per i Capitoli 28, 29 e 30 Esercizi di Fine Unità 7 Per i Capitoli 28, 29 e 30 SEZIONE 1: VERIFICA QUELLO CHE HAI APPRESO Attività A: Trombo. 2. Curativo. 3. Leucocitosi. 4. Idrocolloidali. 5. Mediante sondino. 6. Nasointestinali

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli