PREVENZIONE SECONDARIA DEL CARCINOMA DEL CAVO ORALE E PROPOSTA DI CARTELLA CLINICA ONCOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE SECONDARIA DEL CARCINOMA DEL CAVO ORALE E PROPOSTA DI CARTELLA CLINICA ONCOLOGICA"

Transcript

1 PREVENZIONE SECONDARIA DEL CARCINOMA DEL CAVO ORALE E PROPOSTA DI CARTELLA CLINICA ONCOLOGICA Maurizio Ripari 1, Mario Capogreco 2, Francesco Cianfriglia 3, Giovanni Davide Galeota 4, Emanuela Ortolani 5, Antonio Manieri 5, Andrea Calpicchio 5, Roberto Morello 6, Roberto Becelli 6, Mauro Orefici 5, Maurizio Vergnani 5, Luigi Mastroianni 5, Giovanni Dolci 1 Riassunto 1. Università degli Studi di Roma La Sapienza 2. Università degli Studi de L Aquila 3. Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori 4. Libero professionista 5. Ospedale George Eastman, Roma 6. Azienda Ospedaliera S. Andrea, Roma Il carcinoma squamoso della cavità orale rappresenta una patologia curabile se intercettata in fase precoce, mentre, ancora oggi, a dispetto della facile diagnosticabilità clinica di tale neoplasia, la mortalità e l incidenza risultano essere piuttosto elevate. Sarebbe pertanto necessario un atteggiamento di maggiore attenzione nei riguardi delle patologie cosiddette precancerose delle mucose orali con una attiva opera di exeresi sistematica delle lesioni riscontrate e quindi con un adeguata politica di prevenzione secondaria di tali forme neoplastiche al fine di ottenere un inversione del trend di mortalità. Gli Autori sottolineano l importanza della prevenzione secondaria del carcinoma orale sostenendo la necessità di una più corretta interpretazione e valutazione dei dati desunti dal paziente nell ambito della patologia neoplastica in particolare oro-facciale. Allo scopo di fornire uno strumento utile al clinico e non solo per la valutazione del malato oncologico e dei dati epidemiologici, viene descritta la prima cartella clinica oncologica della S.I.M.O. (Società Italiana Maxillo Odontostomatologica) considerando l enorme importanza di un tale sistema secondo i più aggiornati dettami dell oncologia moderna. INTRODUZIONE Nonostante i notevoli progressi delle terapie oncologiche di questi ultimi anni, a tutt oggi non esiste migliore arma contro il carcinoma umano della prevenzione, fatto reso maggiormente evidente nel caso della cavità orale anche dal riscontro. Tale affermazione appare ancora più vera per le neoplasie del distretto cavo orale, dove a causa della facile diagnosticabilità delle affezioni tumorali con un semplice esame obiettivo risulta incomprensibile come si possa ancora assistere a quel Vol. 3 N 1 MAXILLO ODONTOSTOMATOLOGIA 1

2 fenomeno definito ritardo diagnostico alla base di un gran numero di insuccessi terapeutici (1). Gli stessi dati statistici di mortalità, purtroppo, risultano sempre in crescita, rispecchiando senza dubbio alcuno un approccio culturale a tale forma neoplastica sicuramente da rivedere. Se, pertanto, l unico vero baluardo contro il carcinoma della cavità orale appare la prevenzione, particolare interesse riveste l identificazione in campo odontostomatologico di tutte quelle lesioni, talvolta definite precancerose, rappresentanti il principale fattore di rischio specifico per il cancro della bocca (2). Tra le più importanti precancerosi orali per frequenza e tendenza alla degenerazione risulta essere la leucoplachia che rappresenta il principale fattore specifico di rischio per il cancro della bocca, essendo stato stimato da studi in materia che la sua presenza aumenti di cinque volte la possibilità di ammalare di cancro orale (3) e che il 10-15% possa degenerare in carcinoma squamocellulare (4,5). Se appare difficile od improbabile prevenire quei fattori di rischio quali il fumo di tabacco e l abuso di bevande alcoliche (prevenzione primaria) o effettuare screening di massa assai poco redditizi dal punto di vista costo-beneficio, è invece proponibile ed attuabile il poter individuare il maggior numero di pazienti affetti da quelle lesioni della cavità orale definite precancerose ed indirizzarli a trattamento terapeutico precoce (prevenzione secondaria) (6,7). Da alcuni studi effettuati negli anni passati sul trattamento di lesioni precancerose della bocca è infatti emerso come in neoformazioni clinicamente non sospette per patologia maligna siano state segnalate, all esame istologico definitivo del pezzo asportato in toto, aree di carcinoma a cellule squamose con percentuali variabili fino al 12% (8,9,10). Appare pertanto comprensibile come un atteggiamento di prevenzione attiva e non di vigile attesa (l ormai sorpassato wait and see degli Autori anglosassoni) sia alla base di una diagnosi del carcinoma orale veramente precoce in lesioni a rischio quali la leucoplachia, l eritroplachia, la candidiasi cronica, il lichen orale, il papilloma e molte altre, dove l aspetto clinico non sempre rispecchia la reale natura istopatologica della neoformazione in esame. EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Le lesioni precancerose della cavità orale rappresentano uno dei maggiori fattori di rischio per l'insorgenza del carcinoma della bocca. Facilmente diagnosticabili, ma il più delle volte misconosciute, tali lesioni risultano possedere capacità evolutive dimostrate verso forme neoplastiche maligne tanto da meritare l'appellativo di "precancerosi", "potenzialmente cancerose" o "cancerizzabili". Per tale loro nefasta prerogativa queste lesioni assumono un ruolo di indubbia importanza nella prevenzione secondaria del carcinoma del cavo orale, essendo fondamentale un corretto iter diagnostico e terapeutico per l intercettazione di forme tumorali maligne in fase precoce. Vol. 3 N 1 MAXILLO ODONTOSTOMATOLOGIA 2

3 Il W.H.O. (World Health Organization) Collaborating Centre for Oral Precancerous Lesions nel 1978 ha definito le lesioni precancerose del cavo orale come "alterazioni morfologiche della mucosa riferibili ad espressioni locali di malattie generalizzate (condizioni precancerose), ovvero a reazioni localizzate da fattori irritativi cronici, che hanno una probabilità di degenerare superiore a quella della mucosa normale circostante". L'incidenza delle lesioni precancerose mostra notevoli variazioni da paese a paese e da regione a regione, anche se assai limitrofe, essendo direttamente dipendente dalle abitudini voluttuarie della popolazione del luogo e da altri fattori come le attività lavorative locali, gli agenti climatici, deficit nutrizionali, igiene dentale. Seppure non siano stati elaborati dati di incidenza confermati in tale patologia l impiego di screening di massa effettuati in Germania, India e U.S.A. ha permesso di stabilire frequenze di tali lesioni con punte variabili dal 5 al 15% con distribuzione geografica significativamente speculare a quella del carcinoma della bocca. Dato comune in generale a tutte le forme di precancerosi orali è comunque il loro aumento parallelamente alla progressione dell età. Nel 1978 la W.H.O. indicò la stretta dipendenza delle lesioni tumorali maligne da quelle precancerose elaborando una lista di fattori ritenuti responsabili della trasformazione da cellula normale a cellula maligna nel cancro della bocca. Tra questi agenti furono riconosciuti come eziopatogenetici delle lesioni precancerose e tumorali il consumo di tabacco (sigaretta, sigaro e pipa), di betel e chutta, l assunzione cronica di alcool gli squilibri dietetici in caso di etilismo, le deficienze nutrizionali e, i disordini metabolici (carenze vitaminiche A, B,C, di ferro, S. Plummer-Winson), le radiazioni (ionizzanti, diagnostiche e terapeutiche), la scarsa igiene orale, alcune attività lavorative (pescatori, tessili, idraulici, siderurgici), l'intossicazione da arsenico e metalli pesanti, ed infine, ma con margini di incertezza, la glossite e la sifilide. È interessante evidenziare come la presenza contemporanea di più fattori di rischio aumenti in modo esponenziale il rischio di lesioni precancerose e tumore, mentre un ruolo predominante nella maggioranza dei casi di anamnesi con neoplasie orali occupa ciò che nella cartella clinica del Paziente viene genericamente definito "storia di trauma dentario", "condizioni orali insoddisfacenti" o "protesizzazione incongrua". La presenza di condizioni orali scadenti con residui radicolari infetti, protesi inadeguate e non modificate da decenni, presenza di corone od otturazioni metalliche (bimetallismo) scheggiate e taglienti, elementi dentali malposizionati od ectopici, può assumere vero e proprio valore causale dunque ancor più se associata alle già citate abitudini voluttuarie (tabagismo ed etilismo) o ad altre variabili quali il tipo di occupazione (lavoratori esposti a sostanze irritanti o radiazioni), malattie infettive (candidiasi cronica, sifilide, Herpes). Notevole sviluppo ha avuto la ricerca in questi ultimi anni soprattutto per quegli aspetti immunologici dei pazienti con lesioni precancerose e particolarmente Vol. 3 N 1 MAXILLO ODONTOSTOMATOLOGIA 3

4 a rischio per sviluppo di cancro della bocca, evidenziando in particolari situazioni di patologia la presenza di forme virali (HPV, HSV-1, HIV) così come una alterazione in senso deficitario del sistema autoimmune (lichen planus, epidermolisi bollosa, hair cell leukoplakia). Istologicamente le precancerosi orali si caratterizzano per le alterazioni tipiche a carico delle linee cellulari epiteliali consistenti principalmente in una iperplasia squamosa con o senza cheratosi nei quadri meno gravi, fino alla comparsa di displasie di vario grado e presenza di carcinomi in situ nelle forme più aggressive. L iperplasia squamosa appare caratterizzata microscopicamente da un aumento di spessore degli strati basale e/o spinoso e presenza (paracheratosi) o meno (ortocheratosi) dei nuclei e cheratina (discheratosi) nelle linee cellulari superficiali. La displasia invece é associata a irregolarità della membrana nucleare, aumento di volume del nucleolo e del nucleo, incremento dell'attività mitotica con produzione di cellule immature, pleiomorfismo, riduzione della coesione intercellulare. Tali aspetti sono stati classificati dall'o.m.s. (Organizzazione Mondiale della Sanità), a seconda della gravità della displasia, in tre stadi evolutivi sotto la sigla internazionale di: O.I.N. I (Oral Intraephitelial Neoplasia I = Displasia lieve); O.I.N. II (Oral Intraephitelial Neoplasia II = Displasia moderata); O.I.N. III (Oral Intraephitelial Neoplasia III = Displasia grave). Nel 1978 la W.H.O. (World Health Organization) stabilì come precancerose le seguenti affezioni a carico della cavità orale: 1) Carcinoma in situ, 2) Leucoplachia (omogenea, non omogenea), 3) Leucocheratosi da nicotina, 4) Eritroplachia (eritroplachia, leucoeritroplachia), 5) Lichen Planus, 6) Candidasi, 7) Morsicatura abituale o morsicatio buccorum, 8) Lupus erithematosus, 9) White sponge nevus (nevo spongioso), 10) Fibrosi sottomucosa. Di Scuola Anglosassone-Scandinava è invece la classificazione che suddivide le precancerosi in "lesioni precancerose" e "condizioni precancerose", comprendendo nelle prime la leucoplachia (omogenea e nodulare) e l eritroplachia (omogenea, nodulare e lichen planus) e nelle seconde la sifilide, la disfagia sideropenica, il lupus eritematoso discoide, lo xeroderma pigmentoso, la fibrosi orale sottomucosa. In particolare Axell, Holmstrup, Kramer, Pindborg e Shear nel 1984 indicarono come condizioni precancerose le manifestazioni patologiche a carico delle mucose orali in corso di fibrosi sottomucosa, disfagia sideropenica, lichen planus, sifilide, lupus eritematoso discoide, epidermolisi bollosa. Anche la F.O.N.T.E.C. (Forza Operativa Nazionale sui Tumori della Testa e del Collo) nel 1988 realizzò una guida in argomento di precancerosi della cavità orale con relativa classificazione delle lesioni ed indice prognostico di evoluzione verso forme maligne di malattia variabili dall 1 al 90%. In particolare venivano distinti quattro grandi gruppi di lesioni: "Precancerosi in corso di malattie generali" (S. di Plummer Winson, distrofie mucose in epatopatici ed alcoolisti), "Lesioni locali con significato di precancerosi obbligatoria" (eritroplasia); "Lesioni Vol. 3 N 1 MAXILLO ODONTOSTOMATOLOGIA 4

5 locali con elevata incidenza di cancerizzazione" (leucoplachia omogenea, l. variegata o speckled, l. erosiva o eritroleucoplachia, lichen planus reticolare, lichen ruber planus); "Lesioni locali con scarsa incidenza di cancerizzazione" (fibrosi sottomucosa, papillomi singoli, lupus, glossiti, candidiasi cronica). CARTELLA CLINICA ONCOLOGICA Allo scopo di conoscere la reale incidenza dei tumori della bocca e, di conseguenza, programmare efficaci interventi di prevenzione per diminuire morbilità e mortalità di codeste patologie, è quanto mai utile avere a disposizione una chiara valutazione statistico-epidemiologica del fenomeno. In Italia una possibilità viene fornita dai Registri tumori, dove vengono riportate informazioni circa tipo, sede, numero di casi e relativi tassi di mortalità. Certamente questa non rappresenta la migliore pianificazione per uno studio statistico poiché i dati, peraltro raccolti ogni 5 anni, non danno informazioni su fattori di rischio personali ed ambientali, tempi e modalità di insorgenza, latenze diagnostiche, terapie ed altro ancora. Un gruppo di studio multicentrico afferente alla Società Italiana Maxillo Odontostomatologica (S.I.M.O.), a tale scopo, ha creato una complessa cartella clinica oncologica per raccogliere con modalità omogenee il più ampio numero di informazioni inerenti i tumori del distretto oro-cervico-facciale. Obiettivo di questo progetto è collezionare il più ampio numero di caratteristiche del singolo evento neoplastico, dall anamnesi familiare ai fattori di rischio specifici, dalle modalità diagnostiche con staging TNM e grading a tipo di terapie adottate, dalla dieta ai sintomi soggettivi e così via. Tutte le informazioni provenienti dalle sedi periferiche di raccolta vengono quindi inviate per via telematica al centro di elaborazione dati di Roma per essere inserite in un database dedicato e successivamente sottoposte ad analisi statistica. Attualmente siamo in fase di beta test per la raccolta dati e l inserimento nel database, onde poter migliorare la modalità operative delle sedi periferiche e, al contempo, ottimizzare la fase centralizzata di post-elaborazione. La difficoltà maggiore che il gruppo di studio S.I.M.O. ha incontrato nella pianificazione della cartella clinica oncologica è stata la necessità di oggettivare ed omogeneizzare i dati in fase di inserimento informatico. Per questo sono state riportate entrate fisse da selezionare come, per esempio, sintomi (dolore, sanguinamento, tumefazioni, disgeusia), riscontri diagnostici clinico-strumentali, esecuzione di imaging, staging e grading e, non da ultimo, esatta localizzazione della neoplasia (labbro superiore o inferiore, bordi od altre sedi linguali, pavimento orale, linfonodi ecc.). Tutti questi dati insieme alle succitate informazioni generali (anamnesi, abitudini di vita, dieta, diagnosi, terapia) consentono una valutazione univoca ai fini statistici e, conseguentemente, la realizzazione di adeguati programmi preventivi. Vol. 3 N 1 MAXILLO ODONTOSTOMATOLOGIA 5

6 CONCLUSIONI Numerosi studi succedutisi in questi ultimi anni hanno confermato la stretta correlazione tra lesioni precancerose della cavità orale e successiva insorgenza di carcinoma squamocellulare di tale distretto corporeo (8,12,13). Dati recenti confermano indici variabili di degenerazione neoplastica maligna nel 10-15% delle neoformazioni leucoplasiche della bocca, nel 20-80% in caso di eritroplachia, nel 2-3% di lesioni lichenoidi (4). I risultati ottenuti dalla nostra ricerca ricalcano in linea generale le percentuali di trasformazione osservate per le lesioni precancerose della bocca da altri Autori. D altronde manca una chiara ed affidabile correlazione tra l aspetto macroscopico e la natura istopatologica della lesione tanto che Chiesa (1990), in uno studio sull escissione mediante laser CO 2 di 145 leucoplachie orali all Istituto Nazionale Tumori di Milano, aveva rilevato la presenza di carcinoma a cellule squamose nel 10% delle neoformazioni giudicate clinicamente benigne e negative per neoplasia dopo biopsia preliminare preoperatoria (10). Tale risultato è stato successivamente confermato anche da Cianfriglia (1998), il quale, in una ricerca condotta presso l Istituto Tumori di Roma Regina Elena su leucoplachie clinicamente non sospette e sottoposte comunque ad escissione chirurgica preventiva, dimostrava percentuali di displasia del 16,9% e 1,5% di casi di carcinoma in situ (7). Tali dati dunque non fanno altro che avvalorare la tesi della non affidabilità dell aspetto macroscopico delle lesioni orali quali indice di rischio di promozione o progressione della carcinogenesi. In mancanza di indicatori davvero affidabili pertanto sembra lecito poter affermare che la asportazione sistematica di qualunque precancerosi della bocca possa assumere il significato di una efficace prevenzione secondaria delle neoplasie orali, nel senso della reale diagnosi e cura precoce di forme tumorali in fase iniziale. BIBLIOGRAFIA 1. Cianfriglia F., Manieri A.: Il ritardo diagnostico nelle neoplasie della cavità orale. Minerva Stomatologica,Nov.1991, Vol n.11 - Pag WHO (World Health Organization) Collaborating Centre for Oral Precancerous Lesions: Definition of leukoplakia and related lesions, an aid to studies in oral precancer. Oral Surg. Oral Med. Oral Pathol.,1978, 46: Van der Waal I., Schepman K.P., Van der Meij E.H., Smeele L.E.: Oral leukoplakia: a clinicopathological review. Oral Oncology, 1997,33 (5): FONTEC (Forza Operativa Nazionale sui Tumori della Testa e Collo): Le precancerosi orali, protocollo di diagnosi e terapia. Progetto finalizzato del C.N.R. Settembre Tradati N., Grigolat R., Calabrese L.: Oral leukoplakias: to treat or not? Oral Oncology, 1997,33 (5): Tartaro S., Colella G., Giudice M.: Diagnosi e terapia precoci del cancro orale. Fed. Medica,1986, XXIX (6): Cianfriglia F., Di Gregorio D.A., Morello R., Manieri A.: Il trattamento della leucoplachia come forma di prevenzione secondaria del carcinoma orale. Atti del IV Congresso Nazionale SidCO, Napoli Ott Vol. 3 N 1 MAXILLO ODONTOSTOMATOLOGIA 6

7 8. Pindborg J.J., Jolst O., Renstrup G.: Studies in oral leukoplakia: a preliminary report on the period prevalence of malignant transformation in leukoplakia based on a follow-up study of 248 patients. J.A.D.A.,1968, 76: Banoczy J.: Follow-up studies in oral leukoplakia. J. Maxillofacial Surgery, 1977,5, Chiesa F., Tradati N., Sala L., Costa L., Podrecca S., et al.: Follow-up of oral leukoplakia after carbon dioxide laser surgery. Arch. Otolaryngol. Head Neck Surg., 1990,116: Pindborg J.J.: Oral cancer and precancer. Bristol: John Wright & Sons Ltd, Einhorn J., Wersall J.: Incidence of oral carcinoma in patients with leukoplakia of the oral mucosa. Cancer,1967, 20: Gupta P.C.: Incidence of oral cancer and natural history of oral precancerous lesions in a 10 years follow-up study of Indiana villagers. Community Dent. Oral Epidemiology, 1980,8: 283. Vol. 3 N 1 MAXILLO ODONTOSTOMATOLOGIA 7

NEOPLASIE DEL CAVO ORALE. Fattori di rischio e Prevenzione. Giovanni Ballarani* Benedetto Condorelli**

NEOPLASIE DEL CAVO ORALE. Fattori di rischio e Prevenzione. Giovanni Ballarani* Benedetto Condorelli** NEOPLASIE DEL CAVO ORALE Fattori di rischio e Prevenzione Giovanni Ballarani* Benedetto Condorelli** Il Cavo Orale comprende: le labbra, i due terzi anteriori della lingua, le gengive, la superficie interna

Dettagli

LE 1000 LESIONI DELLA BOCCA QUANDO ALLARMARSI

LE 1000 LESIONI DELLA BOCCA QUANDO ALLARMARSI U.O. OTORINOLARINGOIATRIA U.O. OTORINOLARINGOIATRIA - OSPEDALE DI SAVONA OSPEDALE DI SAVONA LE 1000 LESIONI DELLA BOCCA QUANDO ALLARMARSI Dott. Federico Baricalla PREMESSA I TUMORI DELL OROFARINGE Cancro

Dettagli

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE Silvio ABATI - Università degli Studi di Milano Alessandra MAIORANA - Università degli Studi di Brescia Centro di Collaborazione

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI Esofago Giunzione gastro-esofagea: endoscopicamente è definita come il punto di svasatura tra l esofago tubulare ed il limite prossimale della plicatura gastrica. Linea Z (giunzione

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz I TUMORI DELLA CUTE www.fisiokinesiterapia.biz Ghiandole sebacee Ghiandole sudoripare Annessi cutanei I TUMORI DELLA CUTE 1) DERIVATI DALLE STRUTTURE EPITELIALI 1) BENIGNI (CHERATOSI SEBORROICA) 2) EPITELIOMA

Dettagli

PREVENIRE È PIÙ FACILE CHE DIRE OTORINOLARINGOIATRA.

PREVENIRE È PIÙ FACILE CHE DIRE OTORINOLARINGOIATRA. L Otorinolaringoiatra ospedaliero e la prevenzione CAMPAGNA NAZIONALE DI PREVENZIONE PREVENIRE È PIÙ FACILE CHE DIRE OTORINOLARINGOIATRA. 10 APRILE - 1 a Giornata della Prevenzione AOOI Fumo, alcol, Papillomavirus

Dettagli

TUMORI MALIGNI DEL CAVO ORALE

TUMORI MALIGNI DEL CAVO ORALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA TUMORI MALIGNI DEL CAVO ORALE PROF. G. PECORARI S.C.D.U. ORL I DIRETTORE PROF. C. GIORDANO A.O. CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

DIPARTIMENTO ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA

DIPARTIMENTO ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE I CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO ODONTOIATRIA

Dettagli

9.4.2015 Rassegna Stampa

9.4.2015 Rassegna Stampa 9.4.2015 Rassegna Stampa Ufficio Stampa e Social Media Tumori:cavo orale, al gruppo Idi check up gratuiti il 10/4 (ANSA) - ROMA, 8 - Visite gratuite per prevenzione e diagnosi precoce dei tumori del cavo

Dettagli

Fattori di rischio del carcinoma orale

Fattori di rischio del carcinoma orale Fattori di rischio del carcinoma orale Elisabetta MERIGO AMBULATORIO DI PATOLOGIA E CHIRURGIA ORALE LASER UNIVERSITA DI PARMA 1 mercoledì 12 febbraio 14 Fattore di rischio mercoledì 12 febbraio 14 Agente

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI CANCRO DEL PENE EPIDEMIOLOGIA NEOPLASIA PIUTTOSTO RARA NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI NEI PAESI OCCIDENTALI RAPPRESENTA LO 0,2-2% DI TUTTE LE NEOPLASIE CHE COLPISCONO L UOMO NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E

Dettagli

Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina

Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina Il Melanoma Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina Il melanoma cutaneo è un tumore ad elevata aggressività Crescita di incidenza negli

Dettagli

E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato

E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato IL CARCINOMA LARINGEO Dr.ssa Med. Elena Scotti Otorinolaringoiatria Ospedale Civico Lugano Lugano, 9 Giugno 2011 la laringe E posta nella parte centrale del collo e rappresenta la prima parte dell'apparato

Dettagli

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia)

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia) Intro. Ectoderma Epitelio: Mesoderma 3 strati (foglietti) Endoderma Ossa primarie: o di sostituzione. Sono quelle che si formano dalla cartilagine. Ossa secondarie: o di rivestimento. Si formano direttamente

Dettagli

Risultati della chirurgia per cancro gastrico

Risultati della chirurgia per cancro gastrico Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Dir. prof. F. Caracciolo Risultati della chirurgia per

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test Infezione da HPV Il Papilloma virus umano (HPV) è l'agente virale responsabile del carcinoma della cervice uterina (CCU). Il CCU è il primo tumore riconosciuto dall'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

PREVENZIONE DEI TUMORI MALIGNI DEL CAVO ORALE

PREVENZIONE DEI TUMORI MALIGNI DEL CAVO ORALE e spec. in Ortognatodonzia PREVENZIONE DEI TUMORI MALIGNI DEL CAVO ORALE Il cancro orale in tutte le sue forme (carcinoma del labbro, della lingua, della faringe e della cavità orale), rappresenta nel

Dettagli

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza e Chirurgia Il carcinoma cervicale è il primo tumore ad essere riconosciuto

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

UN POMERIGGIO DEDICATO ALLA CURA E AL BENESSERE DELLA BOCCA

UN POMERIGGIO DEDICATO ALLA CURA E AL BENESSERE DELLA BOCCA UN POMERIGGIO DEDICATO ALLA CURA E AL BENESSERE DELLA BOCCA I PROBLEMI CHE SI POSSONO AVERE A LIVELLO DEL CAVO ORALE Prevenzione della Carie, della Malattia Parodontale e delle Patologie Orali Dott.ssa

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

TESTATA: Il Quotidiano del Molise DATA: 7 maggio 2012 PERIODICITÀ: quotidiano

TESTATA: Il Quotidiano del Molise DATA: 7 maggio 2012 PERIODICITÀ: quotidiano TESTATA: Il Quotidiano del Molise DATA: 7 maggio 2012 PERIODICITÀ: quotidiano TESTATA: il Quotidiano della Basilicata DATA: 7 maggio 2012 PERIODICITÀ: quotidiano TESTATA: Il Denaro DATA: 8 maggio 2012

Dettagli

Cancro del Colon-Retto

Cancro del Colon-Retto Cancro del Colon-Retto Prevenzione, Screening e Sorveglianza Dott. Marco La Torre Dipartimento di Chirurgia Generale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia Il carcinoma colon- rettale (CCR) è al

Dettagli

Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico?

Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico? FAQ COLONPROCTOLOGIA Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico? Sempre! Deve essere sempre formulata

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI

TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI UNIVERSITA DI ROMA LA SAPIENZA CATTEDRA DI CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Prof. Giorgio Iannetti TUMORI MALIGNI DELLE CAVITA NASALI E SENI PARANASALI ANATOMIA

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ENDOSCOPIA DIGESTIVA AD ALTA TECNOLOGIA Responsabile dott. Giorgio Battaglia PROTOCOLLO INFORMATIVO: L

Dettagli

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice)

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori dell apparato genitale femminile ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori del collo dell utero (cervice) Benigni: polipo cervicale Maligni: carcinoma

Dettagli

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA Prof. Giuseppe Martorana Clinica Urologica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Convegno medico UniSalute Appropriatezza ed efficacia degli screening Bologna,

Dettagli

ANNO DI CORSO SEDE DI SVOLGIMENTO DELLE LEZIONI Indicata su sito web del Corso di Laurea ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali

ANNO DI CORSO SEDE DI SVOLGIMENTO DELLE LEZIONI Indicata su sito web del Corso di Laurea ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali SCUOLA MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 0/05 CORSO DI LAUREA LAUREA MAGISTRALE ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia e terapia medico-chirurgica del distretto testa-collo

Dettagli

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014 Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma Medolla, 11-10-2014 Come accedere alla colposcopia quando non inviata da screening Appuntamento telefonico Tel 0535602247 infermiera

Dettagli

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Nelle forme avanzate della malattia compaiono alterazioni epiteliali precancerose -DISPLASIA: : Variazioni di dimensioni, forma e orientamento delle

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

Prevenzione dei tumori del colon-retto

Prevenzione dei tumori del colon-retto Prevenzione dei tumori del colon-retto Il Carcinoma del Colon-Retto (CCR) rappresenta la seconda causa di mortalità neoplastica sia nei maschi, dopo quello del polmone, sia nelle donne dopo quello della

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Oncologia. Lo studio dei tumori

Oncologia. Lo studio dei tumori Oncologia Lo studio dei tumori Cause di morte nel mondo nel 2000 1. Malattie cardiache 2. Cancro 3. Malattie cerebrovascolari 4. Malattie respiratorie croniche 5. Incidenti 6. Diabete 7. Influenza e polmonite

Dettagli

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché?

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Dott. Giannantonio Spena Neurochirurgo Clinica Neurochirurgica Spedali Civili e Università di Brescia

Dettagli

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia Negli ultimi anni nel campo della prevenzione in oncologia si è verificato un processo di profonda maturazione e sviluppo, che ha migliorato

Dettagli

Alterazioni Disembriogenetiche della mucosa orale e Glossiti

Alterazioni Disembriogenetiche della mucosa orale e Glossiti Alterazioni Disembriogenetiche della mucosa orale e Glossiti Dott. Roberto Broccoletti LEUCOEDEMA Affezione cronica BENIGNA asintomatica che conferisce alle mucose un atteggiamento opaco grigio biancastro.

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Oncologia e sigaretta elettronica

Oncologia e sigaretta elettronica Oncologia e sigaretta elettronica Prof. Umberto Tirelli Direttore Dipartimento di Oncologia Medica Istituto Nazionale Tumori di Aviano Il fumo rappresenta il più grande problema sanitario di oggi e lo

Dettagli

EFFICACIA DEI VACCINI BIVALENTI E QUADRIVALENTI NELLA PREVENZIONE DEI CARCINOMI EXTRACERVICALI HPV-CORRELATI. Dr.ssa Federica Fusè

EFFICACIA DEI VACCINI BIVALENTI E QUADRIVALENTI NELLA PREVENZIONE DEI CARCINOMI EXTRACERVICALI HPV-CORRELATI. Dr.ssa Federica Fusè EFFICACIA DEI VACCINI BIVALENTI E QUADRIVALENTI NELLA PREVENZIONE DEI CARCINOMI EXTRACERVICALI HPV-CORRELATI Dr.ssa Federica Fusè CANCRO E HPV Fonte: CENSIS, Le donne italiane e la prevenzione dell HPV

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: STEATOSI E STEATOEPATITE NON ALCOLICA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino FATTORI PROGNOSTICI MELANOMA Dr.ssa Rossana Tiberio Dr.ssa Benedetta Miglino UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE "A. AVOGADRO" FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - NOVARA CLINICA DERMATOLOGICA

Dettagli

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita):

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): *popolazione cellulare di nuova formazione che ha preso origine quasi sempre da una sola cellula somatica dell organismo, colpita da una serie sequenziale

Dettagli

PREVENIRE I TUMORI ALLA TESTA

PREVENIRE I TUMORI ALLA TESTA PRIMO PIANO terapie farmacologiche I tumori della testa e del collo sono in rapido aumento ma manca la consapevolezza a livello sociale. Importante sensibilizzare e informare il cittadino per garantire

Dettagli

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aggiornamenti in Medicina del Lavoro AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aldo Todaro U.O.C. Promozione e protezione salute lavoratori. Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Il cancro della vescica Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 La vescica La vescica La vescica è un organo cavo situato

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO 1 Premessa Le malattie epatiche sono patologie cronico-degenerative che comprendono malattie diverse

Dettagli

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Clinica'di'Mala*e'Infe*ve'' Azienda'Ospedaliera'di'Perugia' 31/10/2014' ' Dr.'Claudio'Sfara' Dr.ssa'Laura'Bernini' Carcinoma anale 2.5% delle neoplasie

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza. Tabagismo e Patologie del Cavo Orale

Università degli studi di Roma La Sapienza. Tabagismo e Patologie del Cavo Orale Università degli studi di Roma La Sapienza Tabagismo e Patologie del Cavo Orale Tabagismo Termine con cui si indica l abitudine a fumare tabacco e la forma di intossicazione cronica derivante da tale pratica.

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001

Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001 Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001 A. Sutera Sardo, A. Mazzei, F. Rizzuto Introduzione Da sempre l epidemiologia può contribuire a misurare lo stato di salute della popolazione,

Dettagli

Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy

Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy Protocollo dello studio Prostate cancer survival patients in Italy Il tumore della prostata è la neoplasia più frequente nella popolazione maschile dei paesi industrializzati, tra cui l Italia. E quindi

Dettagli

Carcinoma spinocellulare

Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Meno frequente ma più maligno del basalioma. Insorge spesso su una precancerosi (cheratosi attinica, leucoplachia, radiodermite, ulcere croniche ecc.).

Dettagli

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 Una grande sfida... 03 02 DOMANDE E RISPOSTE... 05 Quale è la causa del tumore del collo

Dettagli

DEFINIZIONE DI SALUTE O.M.S.

DEFINIZIONE DI SALUTE O.M.S. DEFINIZIONE DI SALUTE O.M.S. "Uno stato di completo benessere fisico,mentale psicologico e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità." (OMS, 1948) Non basta quindi curare

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di EPIDEMIOLOGIA Il tumore del polmone rappresenta la prima causa di morte per neoplasia nei paesi industrializzati. Negli USA rappresenta la principale causa di morte nel sesso maschile ed ha ormai superato

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

BERNARDI ANTONIO VIA ARGELATI 7 Cell. 3332426541. antonio@studio-bernardi.it

BERNARDI ANTONIO VIA ARGELATI 7 Cell. 3332426541. antonio@studio-bernardi.it FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data di nascita BERNARDI ANTONIO VIA ARGELATI 7 Cell. 3332426541 0516448295 ITALIANA 06/11/1985

Dettagli

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale p16ink4a Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale 16 Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione 21-05-2009 Pietro Fiorentino Overview dell azienda mtm laboratories

Dettagli

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi NEVI E MELANOMA DEL BAMBINO : Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi STORIA CLINICA I NEVI MELANOCITARI COMPAIONO NELLA PRIMA INFANZIA E IL LORO NUMERO COMPLESSIVO CRESCE CON IL CRESCERE DELL

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Ambulatorio di diagnostica cutanea

Ambulatorio di diagnostica cutanea Ambulatorio di diagnostica cutanea Il melanoma e i diversi tumori della cute sono facilmente curabili quando la loro diagnosi è precoce. L ambulatorio di diagnostica cutanea allo IEO è attrezzato con le

Dettagli

GLOSSARIO DELLA PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA

GLOSSARIO DELLA PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA GLOSSARIO DELLA PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA A cura del Dott. G.Antonini GLOSSARIO: 1. Ipertrofia dell adolescente 2. Fibroadenoma 3. Fibroadenoma e gravidanza 4. Infarto del fibroadenoma 5. Carcinoma

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria.

Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria. WORKSHOP Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria. 9 10 Novembre 2005 REPV BBLICA ITA LIANA Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena,299 - Roma Infezione da HPV: dalla

Dettagli

Generalità sugli standard di registrazione

Generalità sugli standard di registrazione Corso intensivo di formazione sui controlli di qualità Generalità sugli standard di registrazione C. Buzzoni 1,2 1 ISPO, Firenze 2 Banca Dati AIRTUM Salerno, 10-12 Giugno 2015 Standard di registrazione:

Dettagli

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori Impatto del fumo sui tumori del polmone in provincia di Sondrio In Italia la neoplasia del polmone è il terzo tumore più comune nei maschi, dopo quello della prostata e quelli non melanomatosi delle cute,

Dettagli

Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS)

Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS) Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS) Luciano Riboldi Clinica del Lavoro L. Devoto Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico - Milano CONTESTO

Dettagli

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE)

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) L esercizio delle attività mediche, al pari di tutte le attività umane, è correlato alla possibilità di generare errori.

Dettagli