ifctsa Commissione medica Commissione medica Atti Medico Delegati dell emergenza preospedaliera fctsa.ch

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ifctsa Commissione medica Commissione medica Atti Medico Delegati dell emergenza preospedaliera fctsa.ch info@fctsa.ch"

Transcript

1 ifctsa Atti Medico Delegati dell emergenza preospedaliera fctsa.ch

2 Indice Introduzione Scopo degli algoritmi Condizioni d utilizzo Crediti I 4 sguardi - Valutazione primaria I 4 sguardi - Valutazione secondaria menclatura Adulto 1 Arresto cardiaco 2 Stato di coscienza alterato 3 Crisi epilettica / stato epilettico 4 ndrome coronarica acuta 4a Triage paziente STEMI 4b Fibrinolisi preospedaliera 5 Analgesia 6 Shock ipovolemico 7 Crisi asmatica / esacerbazione BPCO 8 Edema polmonare / scompenso cardiaco 9 Disturbo del ritmo e della conduzione 10 Reazione allergica 11 Trauma cranio-cerebrale / midollare 12 Stato di agitazione severa 13 Intubazione d urgenza 13a Intubazione d urgenza: indicazioni particolari te Pagina per note personali 14 Ipotermia 15 Ictus acuto 15a Pathway fibrinolisi 16 Parto extra ospedaliero 17 tuazioni particolari 18 Ustione 19 VNI (Oxylog 3000) 20 VNI (Boussignac/casco) 21 Intossicazione CO/CN Pediatria 31 Arresto cardiaco 32 Stato di coscienza alterato 33 Convulsione generalizzata in assenza di trauma 34 Analgesia 35 Crisi asmatica 36 Difficoltà respiratoria grave 37 Reazione allergica 38 Trauma cranico DIM 41 DIM primo equipaggio pretriage Tabelle diverse GCS-NACA-Cincinnati prehospital stroke scale APGAR Broselow e segni vitali pediatria Acronimi te Farmaci e diluizioni

3 Introduzione Questa è la prima versione elettronica della quinta revisione degli atti medico-delegati per l urgenza preospedaliera che era stata pubblicata nel Questa applicazione si propone quale ulteriore strumento per tutti gli addetti ai lavori che operano nel panorama del soccorso preospedaliero ticinese. tratta inoltre di una svolta storica nell ambito delle pubblicazioni della FCTSA che con questa prima applicazione inaugura un nuovo set di strumenti per gli operatori del soccorso sanitario. Questa edizione dal punto di vista strutturale è stata adattata alle nuove tecnologie, alla base rimane sempre il risultato di dell esperienza del personale che se ne serve quotidianamente, tenendo in debito conto le raccomandazioni internazionali e la bibliografia disponibile in materia. I diversi specialisti hanno fornito il loro contributo cercando un linguaggio comune che, ne siamo sicuri, contribuirà ulteriormente ad armonizzare e standardizzare le procedure applicate. Gli operatori sanitari prescrittori (direttori sanitari) non si ritengono responsabili per applicazioni da parte di personale non autorizzato. e collegio dei direttori sanitari della FCTSA La commissione medica (CM) è un istanza nominata dal Comitato della FCTSA. E composta da medici e da operatori che rappresentano le diverse discipline mediche, le strutture sanitarie stazionarie, i soccorritori professionisti (diplomati e specialisti) e gli insegnanti delle formazioni sanitarie. Il collegio dei direttori sanitari (CDS) rappresenta il gremio operativo degli operatori sanitari prescrittori ai sensi della legge sanitaria del Canton Ticino. Scopo degli algoritmi e degli atti medico delegati garantire al paziente in pericolo di vita un trattamento preospedaliero avanzato, omogeneo e unificato sulla base dei più recenti sviluppi e conoscenze della medicina preospedaliera; favorire l adozione di programmi di valutazione della qualità delle cure. Condizioni per l utilizzazione In riferimento alla legislazione esistente nel Canton Ticino i protocolli contenuti in questa pubblicazione possono essere applicati unicamente da personale con formazione professionale specifica nell urgenza, sulla base di un autorizzazione individuale scritta, di durata limitata nel tempo, da parte dell operatore sanitario prescrittore.

4 Crediti Membri della commissione Dr. Med. Beppe Savary, presidente del collegio Dr. Med. Luciano Anselmi, presidente FCTSA Il collegio dei direttori sanitari dei servizi di soccorsi preospedaliero Dr. Med. Michele Bonato Dr. Med. Davide Fadini Dr. Med. Renzo Rigotti Dr. Med. Romano Mauri Dr. Med. Michele Spinelli Dr.ssa Med. Emanuela Zamprogno g.ra Cinzia Cereda, rappresentante del settore formazione della FCTSA g. Mario Colferai, coordinatore formazione per soccorritori diplomati Scuola Specializzata Superiore in Cure Infermieristiche. Sviluppo software ifctsa DOS Group, Besazio ta degli autori: per la realizzazione dei diagrammi di flusso i seguenti schemi sono stati realizzati seguendo la norma ISO 5807 (2003). Informazioni sul conflitto d interesse I membri della commissione medica sono operatori sanitari impiegati presso i servizi di soccorso della FCTSA o l Ente Ospedaliero Cantonale. Gli inserti pubblicitari sono inseriti per il sostegno finanziario della stampa dei testi. La commissione medica Il collegio dei direttori sanitari e: Dr. Med. Brenno Balestra, Dr. Med. Luca Buetti, Dr.ssa. Med. Marilù Guigli, PD Dr. Med. Mattia Lepori, Dr. Med. Renato Tomasetti, Dr. Med. Luca Martinolli, Dr. Med. Christian Candrian. g. Mario Colferai vicedirettore Scuola Specializzata Superiore in Cure Infermieristiche. g. Vincenzo Gianini, rappresentante dei soccorritori professionisti Capo progetto consulenza metodologica, realizzazione grafica diagrammi di flusso: g. Daniel Pasquali Responsabile servizio qualità e ricerca della FCTSA.

5 Tecnica dei 4 sguardi: la scena e il luogo di cura Tempo 1 o sguardo Osservare scena Area evento Pericoli e ostacoli (evidenti-latenti) Vie di fuga Aiuto sul luogo mt. Area globale interno/esterno Reagire Informazioni rilevate Tipo di evento (DIM) Individuare paziente/i, eventi delittuosi, incidenti-infortuni, terreno, sostanze, numero coinvolti, percorso libero, spazi disponibili, astanti e loro segnalazioni, segnali... Proteggere team e scena Allarmare risorse - Anticipare evoluzione Definire avvicinamento scena Considerare l aiuto proposto 2 o sguardo Osservare luogo di cura Area cura Pericoli e ostacoli (evidenti-latenti) Vie di fuga Aiuto sul luogo Spazio a disposizione 1-5 mt. Area circoscritta interno/esterno Reagire Informazioni rilevate Spazio, eventi delittuosi, incidenti infortuni, terreno, sostanze, oggetti pericolosi, percorso libero, astanti, segnali... Proteggere team e scena Allarmare risorse Definire avvicinamento luogo Considerare l aiuto proposto Disposizione materiale Ruoli 3 o e 4 o sguardo

6 Tecnica dei 4 sguardi: valutazione primaria e secondaria Valutazione primaria Arrivo sul paziente Tempo 3 o sguardo 4 o sguardo AVPU ABCDE primario Valutazione secondaria ABCDE secondario Esame testa piedi Anamnesi: SAMPLE OPQRST La situazione mette in pericolo il paziente? La situazione impedisce la valutazione/trattamento del paziente? Pericolo di vita immediato/acr? Funzioni vitali minacciate? Altri disturbi o lesioni? Spostamento/ Evacuazione immediata Confermare SSU C- RCP A- Liberare vie aeree B- Ventilazione D- Defibrillazione 1 Confermare SSU A- Trattamento pervietà vie aeree B- Ossigenare/ventilare C- e farmaci D- Diagnosi differenziale E- Esposizione e protezione termica Log-roll Monitoraggio continuo Considera annullamento SSU SECONDI 3-5 MINUTI ALLARME Anamnesi S intomi e segni A llergie M edicamenti P atologie pregresse L ultima ingestione orale E vento prima dell accaduto Considerare non ricovero O nset (esordio) P alliation/provocation (alleviamento/peggioramento) Q uality (qualità) R adiation (irradiazione) S everity (intensità) T ime (tempo) Scegliere appropriato Monitoraggio Respirazione Polso/ritmo Cute e ricapillarizzazione SpO 2 Pressione arteriosa Glicemia GCS/ sensorio-motorio 4x4/Pupille Temperatura (etco 2 )

7 menclatura Accesso al paziente Inizio e fine Identifica eziologia Informazione rilevabile dalla situazione/anamnesi/esame NaCl 0,9% 500 ml Azione manuale, gesto terapeutico, somministrazione farmaci Direzione del processo domanda?? Decisione da intraprendere Somministrare con aggiunta di Glucosio al 5% Annotazioni, informazioni Collegamento con Identifica eziologia Trattamento/indicazioni attualmente non realizzabili Trattamento effettuato da soccorritore diplomato Trattamento effettuato da operatore specializzato (Medico Infermiere)

8 1. Arresto cardiaco adulto SI ABCDE 2 minuti Accesso al paziente n cosciente n respira o respirazione anomala (solo boccheggi) Attivare allarme Polso presente (in max 10")? NO C Iniziare RCP A Vie aeree B Ventilazione 2 minuti BLS in corso Ossigeno Monitor e defibrillatore collegati Verificare ritmo Cercare defibrillatore Verificare ritmo Erogare scarica se indicato Verificare ogni 2 minuti Se FV/TV defibrillare Terapia farmacologica Accesso venoso IV/IO Dopo secondo shock Adrenalina 1 mg ogni 2 cicli (3-5 min) Amiodarone 300mg ripetibile 150mg per FV/TV refrattaria Considerare supporto avanzato delle vie aeree Capnografia Trattamento post ROSC Qualità della RCP Premere forte (5 cm), rapidamente ( 100/min) e permettere una retrazione toracica completa Ridurre al minimo le interruzioni delle compressioni toraciche Evitare una ventilazione eccessiva Ruotare il compressore ogni 2 minuti Paziente non intubato, rapporto compressioni ventilazioni di 30:2 Energia della scarica Bifasica: dose consigliata dal produttore ( J); se sconosciuta dose massima disponibile. Seconda dose e successive: dosi più elevate Monofasica: 360 J Terapia farmacologica Dose IV/IO adrenalina: prima dose dopo 2 a defibrillazione, 1 mg ogni 3 5 minuti Dose IV/IO amiodarone: prima dose bolo di 300 mg. 2 a dose di 150 mg Supporto avanzato delle vie aeree 8 10 insufflazioni/minuto con compressioni toraciche continue Cause reversibili Ipovolemia Tensione pneumotorace Ipossia Tamponata cardiaca Ioni idrog. (acidosi) Tossine Ipo/iperkaliemia Trombosi polmonare Ipotermia Trombosi coronarica Considerare DNAR/stop REA OBIETTIVI etco 2 / RCP 1,3-2 kpa mmhg ROSC: etco 2 4,5-5 kpa mmhg. PAsist. 90 mmhg Temp C. Glicemia >3 mmol/l SpO 2 94% e <100% ECG 12 derivate Considera trasporto CCT Ipotermia terapeutica PTCA Trattare le cause reversibili

9 2. Stato di coscienza alterato Accesso al paziente Identificare eziologia Ossigenoterapia SpO 2 94% Considerare ventilazione NaCl 0,9% 500 ml Misurare la glicemia Glicemia < 3 mmol/l? GLUCOSIO 40%, 20 ml IV/IO Ripetibile 2 x 20 ml IV se senza effetto Se via venosa non accessibile GLUCAGONE 1 mg IM Intossicazione medicamentosa con difficoltà respiratoria? BZDP oppiacei FLUMAZENIL fino a 0,5 mg IV/IO Solo se monointossicazione BZDP NALOXONE 0,1 mg IV Ripetibile ogni minuto fino a 0,8 mg In assenza di via venosa: 0,4 mg IM ripetibile 1x Misurare la temperatura Temperatura >38 0 C. considerare riduzione della temperatura eziologia => ev. autoprotezione GCS 8? Considerare intubazione Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto 13

10 3. Crisi epilettica/stato epilettico Accesso al paziente Contrazioni tonico-cloniche generalizzate/focalizzate Obnubilamento fino al coma Episodio testimoniato? Ossigenoterapia SpO 2 94% Considerare ventilazione NaCl 0,9% 500 ml Misurare glicemia < 3 mmol/l? GLUCOSIO 40%, 20 ml IV Ripetibile 2 x 20 ml IV se senza effetto Se IV non accessibile: GLUCAGONE 1 mg IM Crisi in corso? Profilassi delle ferite Se via venosa non accessibile: MIDAZOLAM 15 mg IM e considera IO Se ECLAMPSIA: aggiungere SOLFATO DI MAGNESIO 2 g bolus IV DIAZEPAM 5 mg IV Ripetibile 1 x 5 mg IV dopo 2' Nuovo episodio convulsivo o crisi persistente? Conferma SSU se persistente DIAZEPAM 5 mg IV Ripetibile 1 x 5 mg IV dopo 2' GCS 8 Considerare intubazione Ipnotico: MIDAZOLAM 0,05 0,2 mg/kg IV-IO 13 Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

11 4 ndrome Coronarica Acuta Accesso al paziente Dolore toracico oppressivo, costrittivo, suggestivo d ischemia miocardica Manifestazione atipica: Dispnea, capogiri, nausea, vomito, dolori addominali Caratterizzare: Insorgenza, durata, irradiazione (OPQRST) Soccorritore 1 Soccorritore 2 Eseguire ECG 12 derivazioni Contattare MEU di servizio NO SE: Allergia, Antiaggreganti in terapia Ossigenoterapia SpO 2 94% - <100% NaCl 0,9% 500 ml ACIDO ACETILSALICILICO 500 mg IV NaCl 0,9% bolus 500/ 1000 ml NO SE: Viagra, Cialis, Levitra <24-48h. IMA Inferiore PA sist. 90 mmhg? NITROGLICERINA 0,8 mg SL ripetibile ogni 3-5 min (max 3x). con PAsist. 90 mmhg PA sist. 90 mmhg? Riempimento vascolare Bolus ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV Considera infusione (schema) Dolore persistente? MORFINA 2,5 5 mg IV ripetibile ogni 5' (fino 10 mg, max 20mg) con PAsist. 90 mmhg STEMI? Considera TROPISETRON 2mg IV CLOPIDOGREL 300 mg p.os LIQUEMINA 5000 U.I. IV PRASUGREL : 60 mg p.os NO se peso < 60 kg, età>75 anni e/o pregresso ictus: CLOPIDOGREL 600 mg p.os 4A 4B

12 4A Triage paziente STEMI Paziente trattato con 4 STEMI? Invio ECG H EOC di riferimento Invio ECG al CCT ambulanza arrivo CCT >70' Considera 4B Contattare PS - EOC n é necessario ritrasmettere ECG a PS EOC, il tracciato é in rete. Collegamento con cardiologo CCT tramite 144 Paziente accettato? Informazioni da trasmettere: Cognome me Data nascita ID MRX: es. SAM 1 Sesso ID ECG: ultime 6 cifre ANAMNESI A+R Orario/tipologia dolori tuazione attuale Considera elicottero (cave: notte/disponibilità immediata) Pz destinazione H di riferimento Pz destinazione CCT Considera contatto 144 per annuncio della DESTINAZIONE FINALE Continuare 4 Sorveglianza e trasporto Paz accolto da H - EOC Paz accolto dal CCT per terapia invasiva

13 4b Fibrinolisi pre ospedaliera STEMI ambulanza arrivo CCT >70' Tempo di trattamento e trasporto >90'? Intervallo inizio sintomi 3 ore? PA sistolica > 180 mmhg PA diastolica > 110 mmhg Differenza della pressione sistolica tra due arti > 15 mmhg Anamnesi di patologie strutturali del sistema nervoso centrale (Ictus >3 ore oppure < 3 mesi) Trauma cranico/facciale chiuso nei precedenti 3 mesi Recente (6 sett) trauma importante, intervento chirurgico (inclusa terapia oculare Laser) sanguinamento gastrointestinale/urogenitale Coagulopatie o sanguinamenti sotto trattamento anticoagulante RCP in corso da >10 minuti Donna gravida Gravi patologie sistemiche ( es: tumore in fase avanzata, grave patologia epatica o renale) Uno di questi elementi è presente (la fibrinolisi potrebbe essere controindicata)? TENECTEPLASE (Metalyse ) IV <60 kg = 30 mg (6000 UI) kg = 35 mg (7000 UI) kg = 40 mg (8000 UI) kg = 45 mg (9000 UI) 90 kg = 50 mg (10000 UI) 4A

14 5. Analgesia Accesso al paziente OPQRST Dolore SCA? Ossigenoterapia SpO 2 94% 4 NaCl 0,9% 500 ml Valutare intensità dolore SVA (ev. SVS) Cave pz. intossicato da: -alcool -benzodiazepine -oppiacei pz. grande obeso pz. anziano pz. con BPCO severa SVA 3 Pz. incarcerato e/o con accesso difficile alle vie aeree? Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto KETAMINA 0,25-0,5 mg/kg ripetibile ogni min. + MIDAZOLAM 1-2 mg IV (+ ATROPINA 0,5 mg IV ) MORFINA 2.5 mg IV se PA sist >= 90 mmhg ripetibile ogni 5' (max. 10 mg) SVA 6 o SVS >2 MORFINA 0.1 mg/kg e.v.(max 10 mg) se PA sist >= 90 mmhg e SpO 2 90% poi 2.5 mg IV ogni 5' (max 20 mg) oppure FENTANYL 1 µg/kg (max 2 µg/kg) Dolore persistente? 13 Considera anestesia generale dopo liberazione del paziente Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto FENTANYL 2 µg/kg TROPISETRON 2 mg IV Nausea/vomito? Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto 13 Considera anestesia generale dopo liberazione del paziente

15 6. Shock ipovolemico Accesso al paziente Ver 1.13 Obnubilamento, tachipnea, tachicardia, cute pallida, sudorazione fredda, riempimento capillare >2 sec., ipotensione arteriosa. Differenziare trauma. Posizione SUPINA Risalire alla causa EMOSTASI se possibile Considerare laccio emostatico Open book - dubbio d instabilità Trauma? Bacino INSTABILE? Cintura pelvica Solo trauma cranico? 11 LOG-ROLL Ossigenoterapia SpO 2 94% Via/e venosa/e grosso calibro - considera IO NaCl 0,9% flusso veloce PA sist. tra 80 e 90 mmhg Soluzioni calde Considerare giugulare esterna femorale Se eziologia: altro Shock persistente? Se eziologia: trauma e sospetta emorragia importante naca 4 ACIDO TRANEXAMICO 1 gr. IV in 100 ml NaCl Rallentare terapia INFUSIONALE Valutare parametri ogni 5 min. Continuare terapia infusionale Obiettivo: ridurre shock Valutazione costante Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

16 7. Crisi asmatica / esacerbazione BPCO Accesso al paziente Tachipnea, dispnea, espirio prolungato, sibili in espirio fino al silent chest, posizione del paziente. POSIZIONE, TRANQUILLIZZARE, NON SEDARE Ossigenoterapia SpO 2 92% Considera Considera 19 INALAZIONI SALBUTAMOLO 5 mg ripetibile Se non possibile inalazione SALBUTAMOLO 0,5 mg SC/IM 20 NaCl 0,9% 500 ml METHYLPREDNISOLONE 125 mg IV Miglioramento sintomatologia dopo 10'? Considerare ADRENALINA INALAZIONI 2 mg oppure BOLUS 0.1 mg IV oppure 0.3 mg IM Continuare INALAZIONI Aggiungere IPRATROPIO BROMURO 0,5 mg METHYLPREDNISOLONE 125 mg IV SOLFATO DI MAGNESIO 2 g infusione lenta (20') di Gluc. 5% 100 ml Cave: ipotensione Miglioramento sintomatologia? Considerare intubazione Se paziente spossato/incosciente, SpO 2 < 75% 13 Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Ipnotico: KETAMINA 2 mg/kg IV-IO Ventilazione a bassa frequenza e basso volume

17 8. Edema polmonare/ scompenso cardiaco Accesso al paziente Tachipnea, dispnea, rantoli umidi, posizione del paziente. POSIZIONE, TRANQUILLIZZARE, NON SEDARE Ossigenoterapia SpO 2 94% Considera PA 90mmHg? NO SE: VIAGRA/CIALIS/LEVITRA <24-48 h. NaCl 0,9% 500 ml veloce NITROGLICERINA 0,8 MG SL PA 90mmHg? NaCl 0,9% 500 ml Miglioramento sintomatologia? Riempimento vascolare Bolus ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV NITROGLICERINA 0,8 mg SL Ogni 5' se PA 90 mmhg MORFINA 2,5 5 mg IV lentamente Se PA sist 90 mmhg Ripetibile ogni 5 min. MAX 10 mg Considera ADRENALINA in infusione (schema) PA sist. >110 mmhg? Miglioramento sintomatologia? Considerare DINITRATO D ISOSORBIDE 2 mg IV ripetibile con PA sist >120 mmhg Considerare intubazione Se paziente spossato/incosciente, SpO 2 <75%, FR <10 PA sist <75 mmhg Considerare FUROSEMIDE 40 mg IV Considerare NITROGLICERINA 0,8 mg SL Ogni 5-10 min. se PA 90 mmhg Ipnotico: KETAMINA 2 mg/kg IV-IO Ventilazione a bassa frequenza e basso volume 13 Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

18 9. Aritmie e disturbi della conduzione Accesso al paziente 1) Obnubilamento, tachipnea, tachicardia, cute pallida, sudorazione fredda, riempimento capillare >2 sec., ipotensione arteriosa. 2) Comparsa di dolori precordiali 3) Edema polmonare Ossigenoterapia SpO 2 94% NaCl 0,9% 500 ml ntomi causati dall aritmia? Valutare il Paziente non il MONITOR! FC < 60 bpm inadeguata alle condizioni cliniche? FC >150 BPM a QRS LARGHI? FC >150 BPM QRS STRETTI regolari? ATROPINA 0,5 mg IV NO SE: BAV II Mobitz II o BAV III EFFETTO DESIDERATO? ATROPINA 1 mg IV ripetibile max 3 mg CAVE: BAV II Mobitz II BAV III Pace transcutaneo: applicare placche (standby) EFFETTO DESIDERATO? Attivare pace transcutaneo SEDAZIONE MIDAZOLAM 0,05 mg/kg IV Considera analgesia con MORFINA EFFETTO DESIDERATO? ADRENALINA in infusione 2-10 g/min DILUIZIONE STANDARD Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto bolus SEMPRE seguito da 20 ml NaCl 0.9% *CARDIOVERSIONE J o equivalente bifasico sedazione: ETOMIDATE 0.1 mg/kg IV AMIODARONE 150 mg in Gluc. 5% 100 ml in 10' Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Manovre vagali EFFETTO DESIDERATO? ADENOSINA 1 O bolus rapido 6 mg/ IV (1-3 ) ADENOSINA 2 O bolus rapido dopo 5 12 mg/iv n ritardare cardioversione EFFETTO DESIDERATO? Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Considerare: CARDIOVERSIONE* oppure AMIODARONE 150 mg in GLUCOSIO 5% 100 ml in 10'

19 10. Reazione allergica Accesso al paziente Contatto con sostanze, punture imenotteri. Assunzione di sostanze / farmaci OPQRST Se possibile allontanare la causa (allergene) Reazione cutanea severa? Dispnea? PA sist. < 90 mmhg Shock anafilattico Ossigenoterapia SpO 2 94% Ossigenoterapia SpO 2 94% Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Inalazioni con ADRENALINA 5 mg Iniezione IM ADRENALINA 0,5 mg Effetto desiderato? - IO NaCl 0,9% 1000 ml Iniezione IM ADRENALINA 0,5 mg NaCl 0,9% 1000 ml PA sist. > 90 mmhg? NaCl 0,9% 1000 ml Ventilazione sempre compromessa o arresto respiratorio? 13 Se accesso IV IO non possibile ADRENALINA 0,5 mg IM ADRENALINA 0,1 mg IV-IO ogni 1 minuto Obiettivo: ridurre shock CLEMASTINE 2 mg IV lentamente METHYLPREDNISOLONE 125 mg IV Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

20 11. Trauma cranio-cerebrale / midollare Accesso al paziente Evento traumatico - infortunio Stabilizzazione della colonna Obiettivo PA sist. 90 mmhg NaCl 0,9% flusso veloce max 2000 ml Bolus ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV Considera ADRENALINA in infusione (schema) Ossigenoterapia SpO 2 94% Considerare ventilazione NaCl 0,9% 1000 ml PA sist < 90 mmhg? Posizione rialzata 30 0 se TCC Glicemia <3 mmol/l? GLUCOSIO 40%, 20 ml IV Ripetibile 2 x 20 ml IV se senza effetto Se via venosa non accessibile: GLUCAGONE 1 mg IM rmoventilazione etco 2 4,5-5 kpa mmhg 13 GCS 8? Frattura cranica palpabile Sospetta frattura base cranica (liquorrea) Para-/tetraplegia acuta Peggioramento di 2 punti GCS iniziale Sorveglianza e/o trattamento neurochirurgico? SORVEGLIANZA, ANNUNCIO PRECOCE E TRASPORTO IN CENTRO NEUROCHIRURGICO Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

21 12. Stato di agitazione severa Accesso al paziente Disturbo della personalità Atteggiamenti inusuali e/o aggressivi Comportamenti d autodistruzione Patologie internistiche o trauma, Intox? Terapia possibile? Pericoloso per se stesso o per altri? Rifiuto del ricovero? Ricovero coatto Certificato medico obbligatorio / autorità tutoria Informare il paziente sul ricovero e diritto di ricorso Contattare medico n collaborante, aggressivo? Decisione sul ricovero Trasporto Considera Polizia Contatto verbale Tranquillizzare Sedazione necessaria? ALOPERIDOLO mg IM 2.5 mg < 60 kg e/o > 60 anni 5 mg kg e < 60 anni 10 mg > 80 kg e < 60 anni Se agitazione severa e sicurezza compromessa MIDAZOLAM mg IM Se reazione extrapiramidale DIPERIDENE 2,5-5 mg IM/IV Trasporto Considerare accompagnamento POLIZIA

22 13. Intubazione d urgenza Protezione delle vie aeree:. 2, 3, 11 Insufficienza respiratoria:. 7, 8, 10, trauma Stabilizzare la colonna cervicale se trauma Preossigenazione in respiro spontaneo o con ventilazione assistita/controllata Monitoraggio completo Manovra di Sellick dopo perdita di coscienza INDUZIONE RAPIDA FENTANYL 1-2 g/kg IV ETOMIDATE 0,3 mg/kg IV SUCCINILCOLINA 1,5 mg/kg IV Considerare LIDOCAINA 1,5 mg/kg IV KETAMINA 2 mg/kg. 7, 8, 11 MIDAZOLAM 0,05-0,2 mg/kg. 3 Se intubazione FALLITA dopo 3 tentativi e ventilazione con maschera impossibile considerare MASCHERA LARINGEA o CONIOTOMIA Ventilare per 60"-90" Intubare Cave: trauma cervicale Ventilazione controllata FiO 2 al 100% Calibro tubo: Uomo 8,5 hi-low Donna 8,0 hi-low Pediatria: vedi schema Gonfiare cuffia fino a tenuta stagna Controllare posizione del tubo (incluso etco 2 ) e fissare (! Stasi giugulare) EFEDRINA 10 mg IV ripetibile al bisogno Considera: NaCl 0,9% flusso veloce Ipotensione arteriosa? TCC e midollare PAsist. >90 mmhg Considera ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV Considera posa collare cervicale MIDAZOLAM 0,02-0,05 mg/kg VECURONIO 0,1 mg/kg oppure ROCURONIO 0,5 mg/kg MORFINA 0,1 mg/kg FENTANYL 2 mcg/kg Proseguire con algoritmo d origine

23 13a. Intubazione d urgenza Gestione del tubo OT Solo dopo aver controllato la corretta posizione del tubo OT interrompere la manovra di Sellick. E' consigliato l uso di fissatubi (attenzione alla stasi giugulare). Intubazione non riuscita Dopo ogni tentativo di intubazione procedere a ventilazione con maschera e pallone con ossigeno ad alto flusso per 60"-90" sotto Sellick È sconsigliata la ripetizione di dosi di succinilcolina Dopo tre tentativi non riusciti A. Ventilazione con maschera-pallone possibile: trasporto in ospedale B. Ventilazione non possibile e/o inefficace: Posa di una maschera laringea (LMA) Se inefficace: coniotomia Gestione delle vie aeree in pediatria (0-7 anni) Intubazione solo se autorizzazione personale specifica (esperienza e training regolare) Ventilazione con maschera-pallone possibile: trasporto in ospedale Ventilazione non possibile e/o inefficace: Dopo tre tentativi non riusciti di intubazione: Posa di una maschera laringea (LMA) Se inefficace: coniotomia

24 14. Ipotermia Esposizione prolungata Valutazione ambiente (vento) Sospetto ipotermia Considerare via venosa Infusioni calde Compresse calde Proteggere da ulteriore raffreddamento ACR? Ossigenoterapia SpO 2 94% Muovere con cautela Misurare temperatura Temp. Centrale >30 0 C.? Coscienza alterata? 1 Temp. Centrale >30 0 C.? n somministrare altri shock n somministrare farmaci IPO IV Trasportare in ospedale con circolazione extracorporea Pericolo di bronco aspirazione? Coscienza alterata? Bradicardia? 9 13 IPO III Pericolo di bronco aspirazione? Considerare intubazione Tremore? IPO I Bevande calde e zuccherate Movimenti isometrici IPO II 13 H con terapia intensiva Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

25 Ver Ictus acuto Accesso al paziente 1) Inizio sintomi < 4.5h e 2) Cincinnati pre-h stroke scale ANORMALE < 4.5h e 3) sospetto crisi epilettica Ossigenoterapia SpO 2 92% e <100% Misurare pressione arteriosa Posizione a zero gradi 2 Le tre condizioni contemporaneamente Esordio obiettivato da testimone affidabile oppure, ultimo momento che è stato visto in condizioni neurologiche normali CAVE: non è l orario di ritrovamento Criteri ictus iperacuto? Considera per lisi 15A Dopo 2a misurazione a 10' PA sist. <110 mmhg? PA sist. > 220 mmhg bilaterale? NaCl 0,9% 1000ml Flusso veloce NaCl 0,9% 500ml Flusso lento LABETALOLO 10 mg IV ripetibile dopo 5' max 100 mg totale Obiettivo: PA 180/100 mmhg Glicemia < 3mmol/l GLUCOSIO 40%, 20 ml IV Ripetibile 2x20 ml IV se senza effetto Se IV non accessibile: GLUCAGONE 1 mg IM Nausea/vomito? TROPISETRON 2 mg IV Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto verso H di riferimento

26 15A Ictus iperacuto Pathway trombolisi Obiettivo < 90' ems-to-needle 15 Ver 5.13 Valutazione Pathway trombolisi Criterio 2 Criterio 1 Conferma inizio sintomi < 4,5h? A) CRITERI INCLUSIONE Valutare se nuovo deficit neurologico con impatto funzionale/ handicappante: PARESI FACCIALE (SEVERA E EVIDENTE) PARESI ARTI SUP. O INF. DISTURBO DELLA PAROLA DISTURBO DELLA VISTA/CAMPO VISIVO Almeno 1 criterio su 4 è presente? Criterio 3 Criterio 4 * mrankin considera la situazione antecedente l evento NIHSS 5 modificato 2? Oppure AFASIA e/o EMIANOPSIA? Età >18 anni e < 80 Oppure >80 anni e mrankin 0-2? B) CRITERI ESCLUSIONE Pz ricoverato in casa anziani con deficit cognitivo o comorbidità severe con impatto sul grado dipendenza (*mrankin >2) oppure Paziente con comorbidità severe o malattie terminali che comportano aspettativa di vita ridotta oppure Miglioramento COMPLETO del deficit (assenza afasia o emianopsia) oppure Operazione chirurgica maggiore <14 gg oppure Ictus ischemico < 6 settimane oppure Emorragia sistemica o intracranica < 6 settimane SCALA mrankin modificata Segnalare il tempo stimato di arrivo 0= assenza di sintomi 1= sintomi senza alcun handicap 2= minimo handicap ma completamente indipendente nelle attività quotidiane 3= handicap moderato (non completamente indipendente) ma puo camminare da solo 4= handicap importante con aiuto necessario per camminare e per l igiene personale 5= handicap severo con nursing continuo 6= decesso Uno di questi criteri è presente? Annuncio numero Urgenze PS OCL con parola chiave ICTUS IPERACUTO 15 Solo per trattamento non per destinazione Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto verso PS MED OCL con TAC/stroke Unit

27 16. Parto extraospedaliero Numero di gravidanze Settimana di gravidanza Perdita liquido amniotico Contrazioni (durata / frequenza) Sollevare parte dx del corpo (ca. 15º) Ossigenoterapia SpO 2 94% Premiti? (spinge) Prepararsi per il parto sul luogo NaCl 0,9% 1000 ml Prepara MATERIALE Pinze forbici per cordone Aspiratore Coperta isotermica Dispositivi per rianimazione neonatale Tocolitico! Considerare: via venosa NaCl 0,9% 1000 ml Considera EXOPRENALINA 1 mcg IV titrato max. 10 mcg Assistere la fase espulsiva Asciugare il neonato Supporto funzioni vitali (ABC) Valutare stato d adattamento neonato (APGAR) Trasporto con protezione termica del neonato CAVE: Emorragia postpartum della madre La placenta segue la madre Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

28 17. tuazioni particolari Accesso al paziente valutazione Nausea vomito Iperventilazione TROPISETRON 2 mg IV Ripetibile 1x Rebreathing recupero CO 2 LORAZEPAM 1 mg SL ripetibile 1x Sorvegliare Annuncio precoce e trasporto

29 18. Ustione Tipologia dell esposizione del paziente Esplosione-Inalazione-Trauma Ossigenoterapia alto flusso Cave COHb sulla SpO 2 Tempo trascorso dall evento > 10'? Raffreddare con acqua 20 o max 10' Cave ipotermia Considerare set gel x ustionati Considerare raffreddamento Voce rauca, stridor, sibili insp., ronchi Ustione viso e circolare del collo Deposito di fuliggine oro-faringe Espettorato nero, vibrisse bruciate Inalazioni fumo? Intubazione PRECOCE 5 Shock? SVA 3 Superficie ustionata > 20%? Contatto PS per preparazione CYANOKIT 13 Traumatico? Considerare intossicazione da cianidi NaCl 0,9% 1000 ml 6 Via Venosa NaCl 0,9% nella prima ora ml=kg x % superficie ustionata 2 Superficie corporea bambino adulto 18% Considerare se togliere indumenti parte ustionata Usare guanti e materiale sterile di protezione Annotare ora dell evento 18% + 18% + Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto 13.5% 13.5% 18 % 18 Informazioni prearrivo: discutere operazioni di trasferimento da H di riferimento al centro specializzato seguendo le sue istruzioni Stadio I: epidermide rossa e dolente Stadio II: flittene, eritemi dolore intenso Stadio III: pelle carbonizzata, cartonata, insensibile

30 19. Ventilazione non invasiva VNI (Oxylog 3000 Dräger ) Indicazioni Esacerbazione BPCO Edema polmonare 7 8 Respiro spontaneo? Collaborante? 1 Consigli per l applicazione Fase iniziale: mantenere la maschera manualmente Supporto (ASB): aumentare supporto gradualmente Limitare perdite: cave consumi elevati (ideale 10 l/min) Controindicazioni assolute ACR o arresto respiratorio Ostruzione delle vie aeree superiori Trauma facciale Incapacità a proteggere le vie aeree (es: GCS <8) Bradipnea Pneumotorace sotto tensione Vomito, ostruzione intestinale NaCl 0,9% 500 ml Morfina 2,5-5 mg i/v Rivalutare collaborazione tentare applicazione VNI EPA Modo: CPAP+NIV FiO2 50%-100% PEEP 5-10 mmbar ASB 8-12 mmbar Trigger 3 L/min Regolare parametri di ventilazione Idealmente PEEP 5 per evitare iperinflazione dinamica BPCO Modo: CPAP+NIV FiO2 50%-100% PEEP 3-7 mmbar ASB 8-12 mmbar Trigger 3 L/min Obiettivo SpO 2 92% Considera: ASB da aumentare 1 mmbar per volta fino a 18 per OBIETTIVO VTe 6/ml/kg/min Sorveglianza efficacia a 15'-30' Migliora coscienza, FR e distress respiratorio? Sorveglianza, allora considera 13 Legenda ASB: Assisted Spontaneous Breathing CPAP: Continuous Positive Airway Pressure PEEP: Positive End Expiratory Pressure NIV: n Invasive Ventilation 7 8 Complicazioni Ingestione di aria con distensione gastrica Inalazione rigurgito gastrico Criteri per interrompere VNI Necessità d intubazione oro-tracheale e proteggere vie aeree Mancato raggiungimento obiettivi

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

Francesconi Federica (U.O. Pronto Soccorso Faenza) Ravenna, 7 novembre 2012 Triage L infermiere triagista deve essere in grado di riconoscere nel più breve tempo possibile un dolore di origine cardiaca

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

"#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!

#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0! "#$%''(#)$'$**+%,''(-./0 "#$%'()#*'+,))#+,--,.#--'/0#+'0"0*'))#*01,(0),*0$2'2,$#'3$#4#5%'--#+0 )*,3'))'*'-'#+060$2'('-)*,)),'()#+'--7,**'3)#$,*+0,$#,04*#6'330#(03)0+'-3#$$#*3# ('-.,()#(80$0(#9 "#$%%"#%'$()*"'.#'34'$060$,)#('--,*,$$#-),:;">?

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in IL SISTEMA 118 E LA RETE CLINICA: una necessaria integrazione tra territorio e ospedale. da incentivare e concretizzare L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in arresto, periarresto o con

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche)

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) Corso Base Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) DISTURBI DELLO STATO DI COSCIENZA Sono alterazioni neurologiche caratterizzate dalla perdita della consapevolezza di sé e del mondo esterno

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA CORSO INFERMIERI 30 NOVEMBRE - 2013 ENNA DR LUIGI RUSSO COME PUOI DESCRIVERE A PAROLE L ANATOMIA DEL CUORE SENZA RIEMPIRE UN LIBRO INTERO? ANCORA, PIU DETTAGLI SCRIVI,

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1

PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO. Diagnosi di ALI o ARDS da virus H1N1 PAZIENTE CON INFLUENZA A (H1N1) SOSPETTA O CERTA E SEGNI DI SCOMPENSO CARDIORESPIRATORIO SpO2 < 90% con O 2 in maschera a 10 l/min Acidosi respiratoria con ph < 7.25 Evidenza clinica di imminente distress

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

EMOCLINIC SYMPOSIUM Sulle sponde del Ticino Il PAZIENTE CRITICO CPAP/NIV STRESA 9 MAGGIO 2014 CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA VCO CPSE MIRELLA CERUTTI

EMOCLINIC SYMPOSIUM Sulle sponde del Ticino Il PAZIENTE CRITICO CPAP/NIV STRESA 9 MAGGIO 2014 CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA VCO CPSE MIRELLA CERUTTI EMOCLINIC SYMPOSIUM Sulle sponde del Ticino Il PAZIENTE CRITICO CPAP/NIV STRESA 9 MAGGIO 2014 CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA VCO CPSE MIRELLA CERUTTI NIV: Non invasive ventilation Definizione: forma di ventilazione

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria 1 Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria Marco Confalonieri Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Dipartimento di Emergenza e di Accettazione S.S. 118 Tigullio Soccorso S.S Formazione e Aggiornamento. Dr. Stefania Marchelli

Dipartimento di Emergenza e di Accettazione S.S. 118 Tigullio Soccorso S.S Formazione e Aggiornamento. Dr. Stefania Marchelli Dipartimento di Emergenza e di Accettazione S.S. 118 Tigullio Soccorso S.S Formazione e Aggiornamento APPROCCIO AL PAZIENTE INCOSCIENTE EMERGENZE NEUROLOGICHE Dr. Stefania Marchelli COMA Stato di non responsività

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

La rianimazione neonatale

La rianimazione neonatale Linee guida SIN Campania La rianimazione neonatale Gruppo di Studio Coordinatore: dott. F Spagnuolo Componenti: dott.ssa M.P. Capasso, dott. G. Furcolo, dott.ssa M. Internicola,, dott. A. Piccirillo, dott.ssa

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

REPARTO DI TERAPIA INTENSIVA PEDIATRICA

REPARTO DI TERAPIA INTENSIVA PEDIATRICA BRONCODILATATORI CASSETTO 1 FARMACI SALBUTAMOLO: BRONCOVALEAS soluzione da 500 mg / 100 ml 1 flac. BRONCOVALEAS aerosol dosato 1 fl VENTOLIN 0,5 mg/ 1ml 10 fl VENTOLIN 2 mg 10 cp SODIO BICARBONATO 1 meq/ml

Dettagli

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato Rianimazione Neonatale Circa il 10% dei neonati necessita di rianimazione alla nascita Circa l 80% l dei neonati con peso alla nascita < 1500 g. deve essere rianimato La necessita di rianimazione puo essere

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

Cenni di anatomia e fisiologia

Cenni di anatomia e fisiologia APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Cenni di anatomia e fisiologia L'apparato cardiocircolatorio è come un sistema idraulico formato dal cuore, che funziona come una pompa, e da un complesso sistema di vasi che

Dettagli

Comitato Locale Catania Hinterland

Comitato Locale Catania Hinterland Comitato Locale Catania Hinterland LEZIONE N 6 Apparato respiratorio Turbe del respiro Apparato cardiocircolatorio Turbe del sistema cardiocircolatorio LA CELLULA nucleo ribosomi citoplasma mitocondrio

Dettagli

Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale. periarresto. dott.ssa E. Minelli

Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale. periarresto. dott.ssa E. Minelli Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale BLS: arresto cardio-respiratorio e periarresto dott.ssa E. Minelli La vita è breve, l arte è lunga, l occasione è fugace, l esperienza è fallace, il giudizio

Dettagli

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI La vita di un organismo è assicurata da TRE funzioni essenziali

Dettagli

PROCEDURE INFERMIERISTICHE EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 REGIONE TOSCANA

PROCEDURE INFERMIERISTICHE EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 REGIONE TOSCANA PROCEDURE INFERMIERISTICHE EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE 118 REGIONE TOSCANA Negli ultimi decenni si è realizzata una radicale riforma della professione infermieristica, in linea con le raccomandazioni

Dettagli

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA NIV 08 MAGGIO 2013 Serena Soldini Infermiere pediatrico Dipartimento Medicina Pediatrica UOC Broncopneumologia- Ospedale Pediatrico

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato SVT Supporto Vitale al Traumatizzato Il Soccorso Vitale di base al Traumatizzato, abbreviato anche con SVT (in inglese BTLS, Basic Trauma Life Support o PTC, Pre-hospital Trauma Care), è una tecnica di

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz BLS Basic Life Support www.fisiokinesiterapia.biz Obiettivo e struttura OBIETTIVO DELLA LEZIONE E E ACQUISIRE: conoscenze teoriche (presupposti, ambito,finalità) abilità pratiche nell esecuzione delle

Dettagli

La complicanza del trasporto ordinario

La complicanza del trasporto ordinario La complicanza del trasporto ordinario Obiettivo della lezione I trasporti ordinari più frequenti Le possibili complicanze Come intervenire in modo corretto I trasporti ordinari più frequenti I trasporti

Dettagli

Coordinatore infermieristico Pronto Soccorso AOSMA PORDENONE

Coordinatore infermieristico Pronto Soccorso AOSMA PORDENONE GESTIONE DELLE VIE AEREE NEL TRAUMATIZZATO Cristina Venier Coordinatore infermieristico Pronto Soccorso AOSMA PORDENONE AVELLINO 19-20-21 Novembre 2009 La possibilità di controllare e gestire le vie aeree,

Dettagli

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA Dr. Paolo Bertolazzi U.O. 118/Pronto Soccorso/Medicina d Urgenza Az. Ospedaliera-Universitaria di Ferrara Dir. Dr. Roberto Melandri INGESTIONE CAUSTICI

Dettagli

L arresto cardiocircolatorio

L arresto cardiocircolatorio Michele Gallina L arresto cardiocircolatorio Definizione L arresto della attività cardiaca, dunque del circolo sanguigno, dovuto a condizione patologica meccanica (ischemia, scompenso), aritmica (fibrillazione,

Dettagli

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base BLS Basic Life Support per operatori esperti Supporto Vitale di Base Corso BLS esecutore OBIETTIVO E STRUTTURA OBBIETTIVO DEL CORSO E ACQUISIRE conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) abilità

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA Furio Zucco Responsabile Sevizio Sanitario Stadio S. Siro Milano Convegno: In campo con il Cuore 17 maggio 2014 Milano UN PROBLEMA

Dettagli

Protocollo Assistenziale

Protocollo Assistenziale Protocollo Assistenziale Gestione del paziente sottoposto a Redatto da Infermiere Tiziano Mazzoni Infermiera specialista* Paola Lorenzani * master I liv Area Critica Verificato Approvato 1 Indice Finalità

Dettagli

VENTILAZIONE NON INVASIVA PROTOCOLLO INTRA ED EXTRAOSPEDALIERO Obiettivi Ridurre i tempi di processo Definire ruoli, funzioni e responsabilità Definire un percorso certo e condiviso Migliorare la qualità

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D.

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D. A.P.E.T. onlus Associazione Professionisti Emergenza Territoriale Via Montagna Spaccata 594, Napoli. Tel. 3334431558 http://www.apet118.it info@apet118.it C.F. 095063610638 in collaborazione con la SOCIETA

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

03/03/2009. -Diuretici -Morfina -Inotropi

03/03/2009. -Diuretici -Morfina -Inotropi Insufficienza cardiaca in cui il cuore non è più in grado di assicurare un apporto di ossigeno adeguato alle esigenze dei tessuti 6 Congresso Nazionale Emergenza Urgenza - Qualità e Prospettive in Emergenza

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006)

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) IL SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (B.L.S.) Consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare ad una persona che: Non è cosciente Ha un ostruzione delle

Dettagli

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane

Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane Protocolli di attivazione delle Eliambulanze Regionali Toscane (Si definiscono come: "centrali operative 118 di riferimento" semplificate in C.O. di riferimento quelle centrali sul cui territorio è posta

Dettagli

TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE?

TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE? TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE? Dott. Davide Cordero ASL 5 Ospedali Riuniti UOA Anestesia Rianimazione Servizio Regionale Piemonte Elisoccorso

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

Urgenze neurologiche

Urgenze neurologiche CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso- TERME EUGANEE Urgenze neurologiche Soccorso preospedaliero alle principali turbe del sistema nervoso OBIETTIVI: cenni di anatomia e fisiologia del sistema nervoso

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Anamnesi EON Diagnostica Strumentale 60% ISCHEMICO 30% EMORRAGICO ANALISI CLUSTER DI PROBABILITA Età M > F Familiarità Fumo Estroprogestinici Ipertensione

Dettagli

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA.

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. IPOVOLEMIA VASODILATAZIONE PERIFERICA INSUFFICIENZA CARDIACA SHOCK IPOVOLEMICO

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

GUIDA ALL ACQUISTO DI UN DAE

GUIDA ALL ACQUISTO DI UN DAE GUIDA ALL ACQUISTO DI UN DAE Introduzione Acquistare un DAE (defibrillatore semiautomatico esterno) per uso professionale o personale è una prassi che si sta consolidando grazie alla legge n 120 del 2001

Dettagli

Sistema cardiocircolatorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia

Sistema cardiocircolatorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Tema 05 Sistema cardiocircolatorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Articolo n. 1402 Csocc Tema 05 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Infarto In generale In un infarto del miocardio l afflusso di

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

Data: Sabato 17 Ottobre 2015 dalle 8 alle 17:30 e Domenica 18 Ottobre dalle 8 alle 19

Data: Sabato 17 Ottobre 2015 dalle 8 alle 17:30 e Domenica 18 Ottobre dalle 8 alle 19 provider accreditato ministero della salute n. 2847 Educazione Continua in Medicina per tutte le professioni sanitarie Legale Rappresentante Sig.ra Laura Bimbati Responsabile Comitato Scientifico Dott.

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone

STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone In questo lavoro retrospettivo sono stati inseriti i casi di Intossicazioni da Monossido di Carbonio in Piemonte

Dettagli