ifctsa Commissione medica Commissione medica Atti Medico Delegati dell emergenza preospedaliera fctsa.ch

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ifctsa Commissione medica Commissione medica Atti Medico Delegati dell emergenza preospedaliera fctsa.ch info@fctsa.ch"

Transcript

1 ifctsa Atti Medico Delegati dell emergenza preospedaliera fctsa.ch

2 Indice Introduzione Scopo degli algoritmi Condizioni d utilizzo Crediti I 4 sguardi - Valutazione primaria I 4 sguardi - Valutazione secondaria menclatura Adulto 1 Arresto cardiaco 2 Stato di coscienza alterato 3 Crisi epilettica / stato epilettico 4 ndrome coronarica acuta 4a Triage paziente STEMI 4b Fibrinolisi preospedaliera 5 Analgesia 6 Shock ipovolemico 7 Crisi asmatica / esacerbazione BPCO 8 Edema polmonare / scompenso cardiaco 9 Disturbo del ritmo e della conduzione 10 Reazione allergica 11 Trauma cranio-cerebrale / midollare 12 Stato di agitazione severa 13 Intubazione d urgenza 13a Intubazione d urgenza: indicazioni particolari te Pagina per note personali 14 Ipotermia 15 Ictus acuto 15a Pathway fibrinolisi 16 Parto extra ospedaliero 17 tuazioni particolari 18 Ustione 19 VNI (Oxylog 3000) 20 VNI (Boussignac/casco) 21 Intossicazione CO/CN Pediatria 31 Arresto cardiaco 32 Stato di coscienza alterato 33 Convulsione generalizzata in assenza di trauma 34 Analgesia 35 Crisi asmatica 36 Difficoltà respiratoria grave 37 Reazione allergica 38 Trauma cranico DIM 41 DIM primo equipaggio pretriage Tabelle diverse GCS-NACA-Cincinnati prehospital stroke scale APGAR Broselow e segni vitali pediatria Acronimi te Farmaci e diluizioni

3 Introduzione Questa è la prima versione elettronica della quinta revisione degli atti medico-delegati per l urgenza preospedaliera che era stata pubblicata nel Questa applicazione si propone quale ulteriore strumento per tutti gli addetti ai lavori che operano nel panorama del soccorso preospedaliero ticinese. tratta inoltre di una svolta storica nell ambito delle pubblicazioni della FCTSA che con questa prima applicazione inaugura un nuovo set di strumenti per gli operatori del soccorso sanitario. Questa edizione dal punto di vista strutturale è stata adattata alle nuove tecnologie, alla base rimane sempre il risultato di dell esperienza del personale che se ne serve quotidianamente, tenendo in debito conto le raccomandazioni internazionali e la bibliografia disponibile in materia. I diversi specialisti hanno fornito il loro contributo cercando un linguaggio comune che, ne siamo sicuri, contribuirà ulteriormente ad armonizzare e standardizzare le procedure applicate. Gli operatori sanitari prescrittori (direttori sanitari) non si ritengono responsabili per applicazioni da parte di personale non autorizzato. e collegio dei direttori sanitari della FCTSA La commissione medica (CM) è un istanza nominata dal Comitato della FCTSA. E composta da medici e da operatori che rappresentano le diverse discipline mediche, le strutture sanitarie stazionarie, i soccorritori professionisti (diplomati e specialisti) e gli insegnanti delle formazioni sanitarie. Il collegio dei direttori sanitari (CDS) rappresenta il gremio operativo degli operatori sanitari prescrittori ai sensi della legge sanitaria del Canton Ticino. Scopo degli algoritmi e degli atti medico delegati garantire al paziente in pericolo di vita un trattamento preospedaliero avanzato, omogeneo e unificato sulla base dei più recenti sviluppi e conoscenze della medicina preospedaliera; favorire l adozione di programmi di valutazione della qualità delle cure. Condizioni per l utilizzazione In riferimento alla legislazione esistente nel Canton Ticino i protocolli contenuti in questa pubblicazione possono essere applicati unicamente da personale con formazione professionale specifica nell urgenza, sulla base di un autorizzazione individuale scritta, di durata limitata nel tempo, da parte dell operatore sanitario prescrittore.

4 Crediti Membri della commissione Dr. Med. Beppe Savary, presidente del collegio Dr. Med. Luciano Anselmi, presidente FCTSA Il collegio dei direttori sanitari dei servizi di soccorsi preospedaliero Dr. Med. Michele Bonato Dr. Med. Davide Fadini Dr. Med. Renzo Rigotti Dr. Med. Romano Mauri Dr. Med. Michele Spinelli Dr.ssa Med. Emanuela Zamprogno g.ra Cinzia Cereda, rappresentante del settore formazione della FCTSA g. Mario Colferai, coordinatore formazione per soccorritori diplomati Scuola Specializzata Superiore in Cure Infermieristiche. Sviluppo software ifctsa DOS Group, Besazio ta degli autori: per la realizzazione dei diagrammi di flusso i seguenti schemi sono stati realizzati seguendo la norma ISO 5807 (2003). Informazioni sul conflitto d interesse I membri della commissione medica sono operatori sanitari impiegati presso i servizi di soccorso della FCTSA o l Ente Ospedaliero Cantonale. Gli inserti pubblicitari sono inseriti per il sostegno finanziario della stampa dei testi. La commissione medica Il collegio dei direttori sanitari e: Dr. Med. Brenno Balestra, Dr. Med. Luca Buetti, Dr.ssa. Med. Marilù Guigli, PD Dr. Med. Mattia Lepori, Dr. Med. Renato Tomasetti, Dr. Med. Luca Martinolli, Dr. Med. Christian Candrian. g. Mario Colferai vicedirettore Scuola Specializzata Superiore in Cure Infermieristiche. g. Vincenzo Gianini, rappresentante dei soccorritori professionisti Capo progetto consulenza metodologica, realizzazione grafica diagrammi di flusso: g. Daniel Pasquali Responsabile servizio qualità e ricerca della FCTSA.

5 Tecnica dei 4 sguardi: la scena e il luogo di cura Tempo 1 o sguardo Osservare scena Area evento Pericoli e ostacoli (evidenti-latenti) Vie di fuga Aiuto sul luogo mt. Area globale interno/esterno Reagire Informazioni rilevate Tipo di evento (DIM) Individuare paziente/i, eventi delittuosi, incidenti-infortuni, terreno, sostanze, numero coinvolti, percorso libero, spazi disponibili, astanti e loro segnalazioni, segnali... Proteggere team e scena Allarmare risorse - Anticipare evoluzione Definire avvicinamento scena Considerare l aiuto proposto 2 o sguardo Osservare luogo di cura Area cura Pericoli e ostacoli (evidenti-latenti) Vie di fuga Aiuto sul luogo Spazio a disposizione 1-5 mt. Area circoscritta interno/esterno Reagire Informazioni rilevate Spazio, eventi delittuosi, incidenti infortuni, terreno, sostanze, oggetti pericolosi, percorso libero, astanti, segnali... Proteggere team e scena Allarmare risorse Definire avvicinamento luogo Considerare l aiuto proposto Disposizione materiale Ruoli 3 o e 4 o sguardo

6 Tecnica dei 4 sguardi: valutazione primaria e secondaria Valutazione primaria Arrivo sul paziente Tempo 3 o sguardo 4 o sguardo AVPU ABCDE primario Valutazione secondaria ABCDE secondario Esame testa piedi Anamnesi: SAMPLE OPQRST La situazione mette in pericolo il paziente? La situazione impedisce la valutazione/trattamento del paziente? Pericolo di vita immediato/acr? Funzioni vitali minacciate? Altri disturbi o lesioni? Spostamento/ Evacuazione immediata Confermare SSU C- RCP A- Liberare vie aeree B- Ventilazione D- Defibrillazione 1 Confermare SSU A- Trattamento pervietà vie aeree B- Ossigenare/ventilare C- e farmaci D- Diagnosi differenziale E- Esposizione e protezione termica Log-roll Monitoraggio continuo Considera annullamento SSU SECONDI 3-5 MINUTI ALLARME Anamnesi S intomi e segni A llergie M edicamenti P atologie pregresse L ultima ingestione orale E vento prima dell accaduto Considerare non ricovero O nset (esordio) P alliation/provocation (alleviamento/peggioramento) Q uality (qualità) R adiation (irradiazione) S everity (intensità) T ime (tempo) Scegliere appropriato Monitoraggio Respirazione Polso/ritmo Cute e ricapillarizzazione SpO 2 Pressione arteriosa Glicemia GCS/ sensorio-motorio 4x4/Pupille Temperatura (etco 2 )

7 menclatura Accesso al paziente Inizio e fine Identifica eziologia Informazione rilevabile dalla situazione/anamnesi/esame NaCl 0,9% 500 ml Azione manuale, gesto terapeutico, somministrazione farmaci Direzione del processo domanda?? Decisione da intraprendere Somministrare con aggiunta di Glucosio al 5% Annotazioni, informazioni Collegamento con Identifica eziologia Trattamento/indicazioni attualmente non realizzabili Trattamento effettuato da soccorritore diplomato Trattamento effettuato da operatore specializzato (Medico Infermiere)

8 1. Arresto cardiaco adulto SI ABCDE 2 minuti Accesso al paziente n cosciente n respira o respirazione anomala (solo boccheggi) Attivare allarme Polso presente (in max 10")? NO C Iniziare RCP A Vie aeree B Ventilazione 2 minuti BLS in corso Ossigeno Monitor e defibrillatore collegati Verificare ritmo Cercare defibrillatore Verificare ritmo Erogare scarica se indicato Verificare ogni 2 minuti Se FV/TV defibrillare Terapia farmacologica Accesso venoso IV/IO Dopo secondo shock Adrenalina 1 mg ogni 2 cicli (3-5 min) Amiodarone 300mg ripetibile 150mg per FV/TV refrattaria Considerare supporto avanzato delle vie aeree Capnografia Trattamento post ROSC Qualità della RCP Premere forte (5 cm), rapidamente ( 100/min) e permettere una retrazione toracica completa Ridurre al minimo le interruzioni delle compressioni toraciche Evitare una ventilazione eccessiva Ruotare il compressore ogni 2 minuti Paziente non intubato, rapporto compressioni ventilazioni di 30:2 Energia della scarica Bifasica: dose consigliata dal produttore ( J); se sconosciuta dose massima disponibile. Seconda dose e successive: dosi più elevate Monofasica: 360 J Terapia farmacologica Dose IV/IO adrenalina: prima dose dopo 2 a defibrillazione, 1 mg ogni 3 5 minuti Dose IV/IO amiodarone: prima dose bolo di 300 mg. 2 a dose di 150 mg Supporto avanzato delle vie aeree 8 10 insufflazioni/minuto con compressioni toraciche continue Cause reversibili Ipovolemia Tensione pneumotorace Ipossia Tamponata cardiaca Ioni idrog. (acidosi) Tossine Ipo/iperkaliemia Trombosi polmonare Ipotermia Trombosi coronarica Considerare DNAR/stop REA OBIETTIVI etco 2 / RCP 1,3-2 kpa mmhg ROSC: etco 2 4,5-5 kpa mmhg. PAsist. 90 mmhg Temp C. Glicemia >3 mmol/l SpO 2 94% e <100% ECG 12 derivate Considera trasporto CCT Ipotermia terapeutica PTCA Trattare le cause reversibili

9 2. Stato di coscienza alterato Accesso al paziente Identificare eziologia Ossigenoterapia SpO 2 94% Considerare ventilazione NaCl 0,9% 500 ml Misurare la glicemia Glicemia < 3 mmol/l? GLUCOSIO 40%, 20 ml IV/IO Ripetibile 2 x 20 ml IV se senza effetto Se via venosa non accessibile GLUCAGONE 1 mg IM Intossicazione medicamentosa con difficoltà respiratoria? BZDP oppiacei FLUMAZENIL fino a 0,5 mg IV/IO Solo se monointossicazione BZDP NALOXONE 0,1 mg IV Ripetibile ogni minuto fino a 0,8 mg In assenza di via venosa: 0,4 mg IM ripetibile 1x Misurare la temperatura Temperatura >38 0 C. considerare riduzione della temperatura eziologia => ev. autoprotezione GCS 8? Considerare intubazione Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto 13

10 3. Crisi epilettica/stato epilettico Accesso al paziente Contrazioni tonico-cloniche generalizzate/focalizzate Obnubilamento fino al coma Episodio testimoniato? Ossigenoterapia SpO 2 94% Considerare ventilazione NaCl 0,9% 500 ml Misurare glicemia < 3 mmol/l? GLUCOSIO 40%, 20 ml IV Ripetibile 2 x 20 ml IV se senza effetto Se IV non accessibile: GLUCAGONE 1 mg IM Crisi in corso? Profilassi delle ferite Se via venosa non accessibile: MIDAZOLAM 15 mg IM e considera IO Se ECLAMPSIA: aggiungere SOLFATO DI MAGNESIO 2 g bolus IV DIAZEPAM 5 mg IV Ripetibile 1 x 5 mg IV dopo 2' Nuovo episodio convulsivo o crisi persistente? Conferma SSU se persistente DIAZEPAM 5 mg IV Ripetibile 1 x 5 mg IV dopo 2' GCS 8 Considerare intubazione Ipnotico: MIDAZOLAM 0,05 0,2 mg/kg IV-IO 13 Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

11 4 ndrome Coronarica Acuta Accesso al paziente Dolore toracico oppressivo, costrittivo, suggestivo d ischemia miocardica Manifestazione atipica: Dispnea, capogiri, nausea, vomito, dolori addominali Caratterizzare: Insorgenza, durata, irradiazione (OPQRST) Soccorritore 1 Soccorritore 2 Eseguire ECG 12 derivazioni Contattare MEU di servizio NO SE: Allergia, Antiaggreganti in terapia Ossigenoterapia SpO 2 94% - <100% NaCl 0,9% 500 ml ACIDO ACETILSALICILICO 500 mg IV NaCl 0,9% bolus 500/ 1000 ml NO SE: Viagra, Cialis, Levitra <24-48h. IMA Inferiore PA sist. 90 mmhg? NITROGLICERINA 0,8 mg SL ripetibile ogni 3-5 min (max 3x). con PAsist. 90 mmhg PA sist. 90 mmhg? Riempimento vascolare Bolus ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV Considera infusione (schema) Dolore persistente? MORFINA 2,5 5 mg IV ripetibile ogni 5' (fino 10 mg, max 20mg) con PAsist. 90 mmhg STEMI? Considera TROPISETRON 2mg IV CLOPIDOGREL 300 mg p.os LIQUEMINA 5000 U.I. IV PRASUGREL : 60 mg p.os NO se peso < 60 kg, età>75 anni e/o pregresso ictus: CLOPIDOGREL 600 mg p.os 4A 4B

12 4A Triage paziente STEMI Paziente trattato con 4 STEMI? Invio ECG H EOC di riferimento Invio ECG al CCT ambulanza arrivo CCT >70' Considera 4B Contattare PS - EOC n é necessario ritrasmettere ECG a PS EOC, il tracciato é in rete. Collegamento con cardiologo CCT tramite 144 Paziente accettato? Informazioni da trasmettere: Cognome me Data nascita ID MRX: es. SAM 1 Sesso ID ECG: ultime 6 cifre ANAMNESI A+R Orario/tipologia dolori tuazione attuale Considera elicottero (cave: notte/disponibilità immediata) Pz destinazione H di riferimento Pz destinazione CCT Considera contatto 144 per annuncio della DESTINAZIONE FINALE Continuare 4 Sorveglianza e trasporto Paz accolto da H - EOC Paz accolto dal CCT per terapia invasiva

13 4b Fibrinolisi pre ospedaliera STEMI ambulanza arrivo CCT >70' Tempo di trattamento e trasporto >90'? Intervallo inizio sintomi 3 ore? PA sistolica > 180 mmhg PA diastolica > 110 mmhg Differenza della pressione sistolica tra due arti > 15 mmhg Anamnesi di patologie strutturali del sistema nervoso centrale (Ictus >3 ore oppure < 3 mesi) Trauma cranico/facciale chiuso nei precedenti 3 mesi Recente (6 sett) trauma importante, intervento chirurgico (inclusa terapia oculare Laser) sanguinamento gastrointestinale/urogenitale Coagulopatie o sanguinamenti sotto trattamento anticoagulante RCP in corso da >10 minuti Donna gravida Gravi patologie sistemiche ( es: tumore in fase avanzata, grave patologia epatica o renale) Uno di questi elementi è presente (la fibrinolisi potrebbe essere controindicata)? TENECTEPLASE (Metalyse ) IV <60 kg = 30 mg (6000 UI) kg = 35 mg (7000 UI) kg = 40 mg (8000 UI) kg = 45 mg (9000 UI) 90 kg = 50 mg (10000 UI) 4A

14 5. Analgesia Accesso al paziente OPQRST Dolore SCA? Ossigenoterapia SpO 2 94% 4 NaCl 0,9% 500 ml Valutare intensità dolore SVA (ev. SVS) Cave pz. intossicato da: -alcool -benzodiazepine -oppiacei pz. grande obeso pz. anziano pz. con BPCO severa SVA 3 Pz. incarcerato e/o con accesso difficile alle vie aeree? Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto KETAMINA 0,25-0,5 mg/kg ripetibile ogni min. + MIDAZOLAM 1-2 mg IV (+ ATROPINA 0,5 mg IV ) MORFINA 2.5 mg IV se PA sist >= 90 mmhg ripetibile ogni 5' (max. 10 mg) SVA 6 o SVS >2 MORFINA 0.1 mg/kg e.v.(max 10 mg) se PA sist >= 90 mmhg e SpO 2 90% poi 2.5 mg IV ogni 5' (max 20 mg) oppure FENTANYL 1 µg/kg (max 2 µg/kg) Dolore persistente? 13 Considera anestesia generale dopo liberazione del paziente Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto FENTANYL 2 µg/kg TROPISETRON 2 mg IV Nausea/vomito? Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto 13 Considera anestesia generale dopo liberazione del paziente

15 6. Shock ipovolemico Accesso al paziente Ver 1.13 Obnubilamento, tachipnea, tachicardia, cute pallida, sudorazione fredda, riempimento capillare >2 sec., ipotensione arteriosa. Differenziare trauma. Posizione SUPINA Risalire alla causa EMOSTASI se possibile Considerare laccio emostatico Open book - dubbio d instabilità Trauma? Bacino INSTABILE? Cintura pelvica Solo trauma cranico? 11 LOG-ROLL Ossigenoterapia SpO 2 94% Via/e venosa/e grosso calibro - considera IO NaCl 0,9% flusso veloce PA sist. tra 80 e 90 mmhg Soluzioni calde Considerare giugulare esterna femorale Se eziologia: altro Shock persistente? Se eziologia: trauma e sospetta emorragia importante naca 4 ACIDO TRANEXAMICO 1 gr. IV in 100 ml NaCl Rallentare terapia INFUSIONALE Valutare parametri ogni 5 min. Continuare terapia infusionale Obiettivo: ridurre shock Valutazione costante Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

16 7. Crisi asmatica / esacerbazione BPCO Accesso al paziente Tachipnea, dispnea, espirio prolungato, sibili in espirio fino al silent chest, posizione del paziente. POSIZIONE, TRANQUILLIZZARE, NON SEDARE Ossigenoterapia SpO 2 92% Considera Considera 19 INALAZIONI SALBUTAMOLO 5 mg ripetibile Se non possibile inalazione SALBUTAMOLO 0,5 mg SC/IM 20 NaCl 0,9% 500 ml METHYLPREDNISOLONE 125 mg IV Miglioramento sintomatologia dopo 10'? Considerare ADRENALINA INALAZIONI 2 mg oppure BOLUS 0.1 mg IV oppure 0.3 mg IM Continuare INALAZIONI Aggiungere IPRATROPIO BROMURO 0,5 mg METHYLPREDNISOLONE 125 mg IV SOLFATO DI MAGNESIO 2 g infusione lenta (20') di Gluc. 5% 100 ml Cave: ipotensione Miglioramento sintomatologia? Considerare intubazione Se paziente spossato/incosciente, SpO 2 < 75% 13 Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Ipnotico: KETAMINA 2 mg/kg IV-IO Ventilazione a bassa frequenza e basso volume

17 8. Edema polmonare/ scompenso cardiaco Accesso al paziente Tachipnea, dispnea, rantoli umidi, posizione del paziente. POSIZIONE, TRANQUILLIZZARE, NON SEDARE Ossigenoterapia SpO 2 94% Considera PA 90mmHg? NO SE: VIAGRA/CIALIS/LEVITRA <24-48 h. NaCl 0,9% 500 ml veloce NITROGLICERINA 0,8 MG SL PA 90mmHg? NaCl 0,9% 500 ml Miglioramento sintomatologia? Riempimento vascolare Bolus ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV NITROGLICERINA 0,8 mg SL Ogni 5' se PA 90 mmhg MORFINA 2,5 5 mg IV lentamente Se PA sist 90 mmhg Ripetibile ogni 5 min. MAX 10 mg Considera ADRENALINA in infusione (schema) PA sist. >110 mmhg? Miglioramento sintomatologia? Considerare DINITRATO D ISOSORBIDE 2 mg IV ripetibile con PA sist >120 mmhg Considerare intubazione Se paziente spossato/incosciente, SpO 2 <75%, FR <10 PA sist <75 mmhg Considerare FUROSEMIDE 40 mg IV Considerare NITROGLICERINA 0,8 mg SL Ogni 5-10 min. se PA 90 mmhg Ipnotico: KETAMINA 2 mg/kg IV-IO Ventilazione a bassa frequenza e basso volume 13 Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

18 9. Aritmie e disturbi della conduzione Accesso al paziente 1) Obnubilamento, tachipnea, tachicardia, cute pallida, sudorazione fredda, riempimento capillare >2 sec., ipotensione arteriosa. 2) Comparsa di dolori precordiali 3) Edema polmonare Ossigenoterapia SpO 2 94% NaCl 0,9% 500 ml ntomi causati dall aritmia? Valutare il Paziente non il MONITOR! FC < 60 bpm inadeguata alle condizioni cliniche? FC >150 BPM a QRS LARGHI? FC >150 BPM QRS STRETTI regolari? ATROPINA 0,5 mg IV NO SE: BAV II Mobitz II o BAV III EFFETTO DESIDERATO? ATROPINA 1 mg IV ripetibile max 3 mg CAVE: BAV II Mobitz II BAV III Pace transcutaneo: applicare placche (standby) EFFETTO DESIDERATO? Attivare pace transcutaneo SEDAZIONE MIDAZOLAM 0,05 mg/kg IV Considera analgesia con MORFINA EFFETTO DESIDERATO? ADRENALINA in infusione 2-10 g/min DILUIZIONE STANDARD Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto bolus SEMPRE seguito da 20 ml NaCl 0.9% *CARDIOVERSIONE J o equivalente bifasico sedazione: ETOMIDATE 0.1 mg/kg IV AMIODARONE 150 mg in Gluc. 5% 100 ml in 10' Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Manovre vagali EFFETTO DESIDERATO? ADENOSINA 1 O bolus rapido 6 mg/ IV (1-3 ) ADENOSINA 2 O bolus rapido dopo 5 12 mg/iv n ritardare cardioversione EFFETTO DESIDERATO? Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Considerare: CARDIOVERSIONE* oppure AMIODARONE 150 mg in GLUCOSIO 5% 100 ml in 10'

19 10. Reazione allergica Accesso al paziente Contatto con sostanze, punture imenotteri. Assunzione di sostanze / farmaci OPQRST Se possibile allontanare la causa (allergene) Reazione cutanea severa? Dispnea? PA sist. < 90 mmhg Shock anafilattico Ossigenoterapia SpO 2 94% Ossigenoterapia SpO 2 94% Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Inalazioni con ADRENALINA 5 mg Iniezione IM ADRENALINA 0,5 mg Effetto desiderato? - IO NaCl 0,9% 1000 ml Iniezione IM ADRENALINA 0,5 mg NaCl 0,9% 1000 ml PA sist. > 90 mmhg? NaCl 0,9% 1000 ml Ventilazione sempre compromessa o arresto respiratorio? 13 Se accesso IV IO non possibile ADRENALINA 0,5 mg IM ADRENALINA 0,1 mg IV-IO ogni 1 minuto Obiettivo: ridurre shock CLEMASTINE 2 mg IV lentamente METHYLPREDNISOLONE 125 mg IV Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

20 11. Trauma cranio-cerebrale / midollare Accesso al paziente Evento traumatico - infortunio Stabilizzazione della colonna Obiettivo PA sist. 90 mmhg NaCl 0,9% flusso veloce max 2000 ml Bolus ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV Considera ADRENALINA in infusione (schema) Ossigenoterapia SpO 2 94% Considerare ventilazione NaCl 0,9% 1000 ml PA sist < 90 mmhg? Posizione rialzata 30 0 se TCC Glicemia <3 mmol/l? GLUCOSIO 40%, 20 ml IV Ripetibile 2 x 20 ml IV se senza effetto Se via venosa non accessibile: GLUCAGONE 1 mg IM rmoventilazione etco 2 4,5-5 kpa mmhg 13 GCS 8? Frattura cranica palpabile Sospetta frattura base cranica (liquorrea) Para-/tetraplegia acuta Peggioramento di 2 punti GCS iniziale Sorveglianza e/o trattamento neurochirurgico? SORVEGLIANZA, ANNUNCIO PRECOCE E TRASPORTO IN CENTRO NEUROCHIRURGICO Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

21 12. Stato di agitazione severa Accesso al paziente Disturbo della personalità Atteggiamenti inusuali e/o aggressivi Comportamenti d autodistruzione Patologie internistiche o trauma, Intox? Terapia possibile? Pericoloso per se stesso o per altri? Rifiuto del ricovero? Ricovero coatto Certificato medico obbligatorio / autorità tutoria Informare il paziente sul ricovero e diritto di ricorso Contattare medico n collaborante, aggressivo? Decisione sul ricovero Trasporto Considera Polizia Contatto verbale Tranquillizzare Sedazione necessaria? ALOPERIDOLO mg IM 2.5 mg < 60 kg e/o > 60 anni 5 mg kg e < 60 anni 10 mg > 80 kg e < 60 anni Se agitazione severa e sicurezza compromessa MIDAZOLAM mg IM Se reazione extrapiramidale DIPERIDENE 2,5-5 mg IM/IV Trasporto Considerare accompagnamento POLIZIA

22 13. Intubazione d urgenza Protezione delle vie aeree:. 2, 3, 11 Insufficienza respiratoria:. 7, 8, 10, trauma Stabilizzare la colonna cervicale se trauma Preossigenazione in respiro spontaneo o con ventilazione assistita/controllata Monitoraggio completo Manovra di Sellick dopo perdita di coscienza INDUZIONE RAPIDA FENTANYL 1-2 g/kg IV ETOMIDATE 0,3 mg/kg IV SUCCINILCOLINA 1,5 mg/kg IV Considerare LIDOCAINA 1,5 mg/kg IV KETAMINA 2 mg/kg. 7, 8, 11 MIDAZOLAM 0,05-0,2 mg/kg. 3 Se intubazione FALLITA dopo 3 tentativi e ventilazione con maschera impossibile considerare MASCHERA LARINGEA o CONIOTOMIA Ventilare per 60"-90" Intubare Cave: trauma cervicale Ventilazione controllata FiO 2 al 100% Calibro tubo: Uomo 8,5 hi-low Donna 8,0 hi-low Pediatria: vedi schema Gonfiare cuffia fino a tenuta stagna Controllare posizione del tubo (incluso etco 2 ) e fissare (! Stasi giugulare) EFEDRINA 10 mg IV ripetibile al bisogno Considera: NaCl 0,9% flusso veloce Ipotensione arteriosa? TCC e midollare PAsist. >90 mmhg Considera ADRENALINA 0,01 mg 0,1 mg IV Considera posa collare cervicale MIDAZOLAM 0,02-0,05 mg/kg VECURONIO 0,1 mg/kg oppure ROCURONIO 0,5 mg/kg MORFINA 0,1 mg/kg FENTANYL 2 mcg/kg Proseguire con algoritmo d origine

23 13a. Intubazione d urgenza Gestione del tubo OT Solo dopo aver controllato la corretta posizione del tubo OT interrompere la manovra di Sellick. E' consigliato l uso di fissatubi (attenzione alla stasi giugulare). Intubazione non riuscita Dopo ogni tentativo di intubazione procedere a ventilazione con maschera e pallone con ossigeno ad alto flusso per 60"-90" sotto Sellick È sconsigliata la ripetizione di dosi di succinilcolina Dopo tre tentativi non riusciti A. Ventilazione con maschera-pallone possibile: trasporto in ospedale B. Ventilazione non possibile e/o inefficace: Posa di una maschera laringea (LMA) Se inefficace: coniotomia Gestione delle vie aeree in pediatria (0-7 anni) Intubazione solo se autorizzazione personale specifica (esperienza e training regolare) Ventilazione con maschera-pallone possibile: trasporto in ospedale Ventilazione non possibile e/o inefficace: Dopo tre tentativi non riusciti di intubazione: Posa di una maschera laringea (LMA) Se inefficace: coniotomia

24 14. Ipotermia Esposizione prolungata Valutazione ambiente (vento) Sospetto ipotermia Considerare via venosa Infusioni calde Compresse calde Proteggere da ulteriore raffreddamento ACR? Ossigenoterapia SpO 2 94% Muovere con cautela Misurare temperatura Temp. Centrale >30 0 C.? Coscienza alterata? 1 Temp. Centrale >30 0 C.? n somministrare altri shock n somministrare farmaci IPO IV Trasportare in ospedale con circolazione extracorporea Pericolo di bronco aspirazione? Coscienza alterata? Bradicardia? 9 13 IPO III Pericolo di bronco aspirazione? Considerare intubazione Tremore? IPO I Bevande calde e zuccherate Movimenti isometrici IPO II 13 H con terapia intensiva Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

25 Ver Ictus acuto Accesso al paziente 1) Inizio sintomi < 4.5h e 2) Cincinnati pre-h stroke scale ANORMALE < 4.5h e 3) sospetto crisi epilettica Ossigenoterapia SpO 2 92% e <100% Misurare pressione arteriosa Posizione a zero gradi 2 Le tre condizioni contemporaneamente Esordio obiettivato da testimone affidabile oppure, ultimo momento che è stato visto in condizioni neurologiche normali CAVE: non è l orario di ritrovamento Criteri ictus iperacuto? Considera per lisi 15A Dopo 2a misurazione a 10' PA sist. <110 mmhg? PA sist. > 220 mmhg bilaterale? NaCl 0,9% 1000ml Flusso veloce NaCl 0,9% 500ml Flusso lento LABETALOLO 10 mg IV ripetibile dopo 5' max 100 mg totale Obiettivo: PA 180/100 mmhg Glicemia < 3mmol/l GLUCOSIO 40%, 20 ml IV Ripetibile 2x20 ml IV se senza effetto Se IV non accessibile: GLUCAGONE 1 mg IM Nausea/vomito? TROPISETRON 2 mg IV Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto verso H di riferimento

26 15A Ictus iperacuto Pathway trombolisi Obiettivo < 90' ems-to-needle 15 Ver 5.13 Valutazione Pathway trombolisi Criterio 2 Criterio 1 Conferma inizio sintomi < 4,5h? A) CRITERI INCLUSIONE Valutare se nuovo deficit neurologico con impatto funzionale/ handicappante: PARESI FACCIALE (SEVERA E EVIDENTE) PARESI ARTI SUP. O INF. DISTURBO DELLA PAROLA DISTURBO DELLA VISTA/CAMPO VISIVO Almeno 1 criterio su 4 è presente? Criterio 3 Criterio 4 * mrankin considera la situazione antecedente l evento NIHSS 5 modificato 2? Oppure AFASIA e/o EMIANOPSIA? Età >18 anni e < 80 Oppure >80 anni e mrankin 0-2? B) CRITERI ESCLUSIONE Pz ricoverato in casa anziani con deficit cognitivo o comorbidità severe con impatto sul grado dipendenza (*mrankin >2) oppure Paziente con comorbidità severe o malattie terminali che comportano aspettativa di vita ridotta oppure Miglioramento COMPLETO del deficit (assenza afasia o emianopsia) oppure Operazione chirurgica maggiore <14 gg oppure Ictus ischemico < 6 settimane oppure Emorragia sistemica o intracranica < 6 settimane SCALA mrankin modificata Segnalare il tempo stimato di arrivo 0= assenza di sintomi 1= sintomi senza alcun handicap 2= minimo handicap ma completamente indipendente nelle attività quotidiane 3= handicap moderato (non completamente indipendente) ma puo camminare da solo 4= handicap importante con aiuto necessario per camminare e per l igiene personale 5= handicap severo con nursing continuo 6= decesso Uno di questi criteri è presente? Annuncio numero Urgenze PS OCL con parola chiave ICTUS IPERACUTO 15 Solo per trattamento non per destinazione Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto verso PS MED OCL con TAC/stroke Unit

27 16. Parto extraospedaliero Numero di gravidanze Settimana di gravidanza Perdita liquido amniotico Contrazioni (durata / frequenza) Sollevare parte dx del corpo (ca. 15º) Ossigenoterapia SpO 2 94% Premiti? (spinge) Prepararsi per il parto sul luogo NaCl 0,9% 1000 ml Prepara MATERIALE Pinze forbici per cordone Aspiratore Coperta isotermica Dispositivi per rianimazione neonatale Tocolitico! Considerare: via venosa NaCl 0,9% 1000 ml Considera EXOPRENALINA 1 mcg IV titrato max. 10 mcg Assistere la fase espulsiva Asciugare il neonato Supporto funzioni vitali (ABC) Valutare stato d adattamento neonato (APGAR) Trasporto con protezione termica del neonato CAVE: Emorragia postpartum della madre La placenta segue la madre Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto

28 17. tuazioni particolari Accesso al paziente valutazione Nausea vomito Iperventilazione TROPISETRON 2 mg IV Ripetibile 1x Rebreathing recupero CO 2 LORAZEPAM 1 mg SL ripetibile 1x Sorvegliare Annuncio precoce e trasporto

29 18. Ustione Tipologia dell esposizione del paziente Esplosione-Inalazione-Trauma Ossigenoterapia alto flusso Cave COHb sulla SpO 2 Tempo trascorso dall evento > 10'? Raffreddare con acqua 20 o max 10' Cave ipotermia Considerare set gel x ustionati Considerare raffreddamento Voce rauca, stridor, sibili insp., ronchi Ustione viso e circolare del collo Deposito di fuliggine oro-faringe Espettorato nero, vibrisse bruciate Inalazioni fumo? Intubazione PRECOCE 5 Shock? SVA 3 Superficie ustionata > 20%? Contatto PS per preparazione CYANOKIT 13 Traumatico? Considerare intossicazione da cianidi NaCl 0,9% 1000 ml 6 Via Venosa NaCl 0,9% nella prima ora ml=kg x % superficie ustionata 2 Superficie corporea bambino adulto 18% Considerare se togliere indumenti parte ustionata Usare guanti e materiale sterile di protezione Annotare ora dell evento 18% + 18% + Sorveglianza, annuncio precoce e trasporto 13.5% 13.5% 18 % 18 Informazioni prearrivo: discutere operazioni di trasferimento da H di riferimento al centro specializzato seguendo le sue istruzioni Stadio I: epidermide rossa e dolente Stadio II: flittene, eritemi dolore intenso Stadio III: pelle carbonizzata, cartonata, insensibile

30 19. Ventilazione non invasiva VNI (Oxylog 3000 Dräger ) Indicazioni Esacerbazione BPCO Edema polmonare 7 8 Respiro spontaneo? Collaborante? 1 Consigli per l applicazione Fase iniziale: mantenere la maschera manualmente Supporto (ASB): aumentare supporto gradualmente Limitare perdite: cave consumi elevati (ideale 10 l/min) Controindicazioni assolute ACR o arresto respiratorio Ostruzione delle vie aeree superiori Trauma facciale Incapacità a proteggere le vie aeree (es: GCS <8) Bradipnea Pneumotorace sotto tensione Vomito, ostruzione intestinale NaCl 0,9% 500 ml Morfina 2,5-5 mg i/v Rivalutare collaborazione tentare applicazione VNI EPA Modo: CPAP+NIV FiO2 50%-100% PEEP 5-10 mmbar ASB 8-12 mmbar Trigger 3 L/min Regolare parametri di ventilazione Idealmente PEEP 5 per evitare iperinflazione dinamica BPCO Modo: CPAP+NIV FiO2 50%-100% PEEP 3-7 mmbar ASB 8-12 mmbar Trigger 3 L/min Obiettivo SpO 2 92% Considera: ASB da aumentare 1 mmbar per volta fino a 18 per OBIETTIVO VTe 6/ml/kg/min Sorveglianza efficacia a 15'-30' Migliora coscienza, FR e distress respiratorio? Sorveglianza, allora considera 13 Legenda ASB: Assisted Spontaneous Breathing CPAP: Continuous Positive Airway Pressure PEEP: Positive End Expiratory Pressure NIV: n Invasive Ventilation 7 8 Complicazioni Ingestione di aria con distensione gastrica Inalazione rigurgito gastrico Criteri per interrompere VNI Necessità d intubazione oro-tracheale e proteggere vie aeree Mancato raggiungimento obiettivi

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

EDEMA POLMONARE ACUTO

EDEMA POLMONARE ACUTO EDEMA POLMONARE ACUTO Giuseppe Giancaspro, DEU Policlinico Umberto I, Università " La Sapienza ", Roma I. DEFINIZIONE Gravissima sindrome clinica caratterizzata da un aumento dell' acqua extravascolare

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA y = -10x +10,33 1 atm = colonna di 0.762 m di mercurio (Torricelli) a quanti metri di acqua corrisponde? 0.762 x 13.5 = 10.33 m, ~ 10m (13.5 : approx

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli