1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.regione.piemonte.it/sanita 1"

Transcript

1 1

2 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio di queste sindromi identificano l infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) e l angina instabile ad alto rischio/infarto miocardico con ST non sopraslivellato (NSTEMI). Il presente documento rappresenta, in sintesi, le linee guida nella gestione del paziente che manifesti una sindrome coronarica acuta e che, preso in carico dal Sistema di Emergenza-Urgenza 118, debba seguire un percorso diagnostico terapeutico che coinvolge il Sistema 118, i DEA, le UTIC ed i Servizi di Emodinamica regionali. DEFINIZIONI: STEMI: (ST-segment elevation myocardial infarction) Dolore toracico associato a: ST sopraslivellato > 1 mm (0,1 mv) in almeno due derivazioni periferiche contigue e/o > 2 mm (0,2 mv) in almeno due derivazioni precordiali contigue; blocco di branca sx (BBS) di nuova insorgenza (documentato con ECG recente). NSTEMI: ( non ST-segment elevation myocardial infarction) Dolore toracico associato a: depressione ischemica segmento ST > 0,5 mm (0,05 mv) o inversione onda T o tracciato ECG non specifico o normale. CLASSE di KILLIP: I- Assenza di rantoli alle basi polmonari e di terzo tono. II- III- IV- Presenza di rantoli polmonari in meno del 50% dei campi polmonari. Rantoli polmonari su più del 50% dei campi polmonari. Shock cardiogeno (PA <90 mmhg, FC >100, segni di vasocostrizione periferica) TEMPO DI INIZIO SINTOMATOLOGIA DOLOROSA: in caso dolore intermittente comparso nelle ultime ore, va considerato l ultimo periodo di dolore continuo. La ricomparsa di dolore acuto persistente dopo dolore protratto nelle ore precedenti va attentamente considerata quale possibile sintomo sospetto per rottura di cuore post - infartuale. 2

3 TEMPO DIAGNOSI 118 ANGIOPLASTICA : tempo first medical contact - to - balloon (in seguito FMC) comprende, all interno di questo intervallo temporale, in media 30 minuti che intercorrono dall arrivo al DEA del Centro Hub alla ricanalizzazione della coronaria con l angioplastica. CENTRO HUB : centro con UTIC ed emodinamica operativa H 24. CENTRO SPOKE : centro con UTIC senza emodinamica o con emodinamica non operativa H 24. TRASMISSIONE ECG E DATI PAZIENTE: i dati paziente e l ECG vengono trasmessi dal mezzo di soccorso MSA MSAB alla Centrale Operativa 118 e da questa in tempo reale all UTIC di competenza per completezza diagnostica. TERAPIA CON B-BLOCCANTE IV SIC = secondo indicazione clinica Controindicazioni all uso del b-bloccante E.V.: 1. segni di insufficienza ventricolare (classe Killip > 1) 2. evidenza clinica di uno stato di bassa portata 3. aumentato rischio di evoluzione di shock cardiogeno: a. età > 70 anni b. pressione arteriosa < 120 mmhg c. frequenza cardiaca > 100 o < 60 b/min d. lungo intervallo di esordio dell infarto 4. intervallo PR > 0,24, BAV II e III 5. asma bronchiale o malattia reattiva delle vie respiratorie 3

4 SITUAZIONI CLINICHE STEMI < 2 ORE (tra insorgenza sintomi e diagnosi 118) - Età > 75 anni - IMA esteso ( sopraslivellamento 6 derivazioni) A) IMA ad alto rischio - Killip 2 - PAS < FC >100 a) SE TEMPO FMC - TO BALLOON 90 minuti (tempo diagnosi arrivo in DEA centro Hub < = 60 minuti). TRATTAMENTO TERAPEUTICO (NON TROMBOLISI PREOSPEDALIERA) Nitroglicerina Aspirina Morfina Clopidogrel Eparina ß bloccanti SIC TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA b) SE TEMPO FMC TO BALLOON > di 90 minuti (tempo diagnosi 118-arrivo in DEA centro Hub > di 60 minuti). TRATTAMENTO TERAPEUTICO ( TROMBOLISI PREOSPEDALIERA) Nitroglicerina: Aspirina: Morfina: Clopidogrel: Eparina Trombolitico ß bloccanti SIC TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER EVENTUALE PTCA 4

5 B) IMA a rischio medio-basso a) SE TEMPO FMC TO BALLOON 120 minuti (tempo diagnosi 118-arrivo in DEA centro Hub < = 90 minuti). TRATTAMENTO TERAPEUTICO (NON TROMBOLISI PREOSPEDALIERA) Nitroglicerina Aspirina Morfina Clopidogrel Eparina ß bloccanti SIC TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA b) SE TEMPO FMC TO - BALLOON > di 120 minuti (tempo diagnosi 118-arrivo in DEA centro Hub > di 90 minuti). TRATTAMENTO TERAPEUTICO (TROMBOLISI PREOSPEDALIERA) Nitroglicerina Aspirina: Morfina Clopidogrel Eparina Trombolitico ß bloccanti SIC TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER EVENTUALE PTCA 5

6 STEMI > 2 < 12 ORE (tra insorgenza sintomi e diagnosi 118) a) SE TEMPO FMC TO - BALLOON 120 minuti (tempo diagnosi 118-arrivo in DEA centro Hub < = 90 minuti). TRATTAMENTO TERAPEUTICO (NON TROMBOLISI PREOSPEDALIERA) Nitroglicerina Aspirina Morfina Clopidogrel Eparina ß bloccanti SIC TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA b) SE TEMPO FMC TO - BALLOON > di 120 minuti (tempo diagnosi 118-arrivo in DEA centro Hub > di 90 minuti). TRATTAMENTO TERAPEUTICO ( TROMBOLISI PREOSPEDALIERA) Nitroglicerina Aspirina: Morfina Clopidogrel Eparina Trombolitico ß bloccanti SIC TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER EVENTUALE PTCA 6

7 STEMI > 12 < 24 ore (tra insorgenza sintomi e diagnosi 118) TRATTAMENTO TERAPEUTICO: TRASPORTO DEA CENTRO SPOKE Aspirina IN PRESENZA DI : a) scompenso cardiaco severo ( classi Killip 2/3); b) instabilità elettrica (aritmie ventricolari maggiori o BAV II/III ). c) sintomi di ischemia persistente (dolore toracico persistente con ST sopraslivellato). TRATTAMENTO TERAPEUTICO: Morfina Aspirina Clopidogrel Nitroglicerina Eparina ß bloccanti SIC TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA STEMI > 24 ore (tra insorgenza sintomi e diagnosi 118) TRATTAMENTO TERAPEUTICO: Aspirina TRASPORTO DEA CENTRO SPOKE Se compromissione emodinamica: Killip > 1; F.C. >100/min P.A. sistolica <100 mmhg. TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER EVENTUALE PTCA 7

8 CONTROINDICAZIONI ALLA TROMBOLISI TRATTAMENTO TERAPEUTICO: Aspirina Nitroglicerina Morfina ß bloccanti SIC 1. TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA se tempo tra insorgenza sintomi e diagnosi 118 compreso tra 0 e 12 ore e indicazione a PTCA primaria 2. TRASPORTO DEA CENTRO SPOKE se tempo tra insorgenza sintomi e diagnosi 118 > 12 ore 3. TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA in caso di STEMI > 12 < 24 ore con scompenso cardiaco severo, instabilità elettrica o quadro clinico di ischemia persistente SHOCK CARDIOGENO (terapia riperfusiva indicata fino a 36 ore da insorgenza STEMI o 18 ore da esordio di shock cardiogeno) TRATTAMENTO TERAPEUTICO: Aspirina Nitroglicerina Morfina TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA Sospetto diagnostico di aneurisma disseccante dell aorta / rottura di cuore: invio presso DEA Centro Hub fornito di cardiochirurgia. 8

9 ANGINA INSTABILE / NSTEMI: TRATTAMENTO TERAPEUTICO: Aspirina TRASPORTO DEA CENTRO SPOKE Nitroglicerina ß bloccanti SIC Se compromissione emodinamica: Killip > 1; F.C. >100/min P.A. sistolica <100 mmhg. TRASPORTO DEA CENTRO HUB PER PTCA 9

10 NOTE DI TRATTAMENTO: : 4 L al min (mantenere S a O2 > 90% - Classe I). E ragionevole somministrare Ossigeno a tutti i pazienti con SCA (classe II a). Aspirina: somministrazione di 250 mg i.v. di ac. Acetilsalicilico (1/2 f i.v. di Flectadol 500 mg). Clopidogrel: somministrazione di 600 mg per os (2 co da 300 mg). Nitroglicerina: In presenza di dolore ischemico somministrare 1 puff ad intervalli di 3-5 min fino ad un massimo di 3 puff. La nitroglicerina E.V. è indicata (classe I) in caso di dolore toracico ischemico prolungato e refrattario, nel trattamento di crisi ipertensive associate, nel trattamento dell edema polmonare acuto. Non somministrare nitroglicerina se: - PAOS < 90 mmhg, - calo pressorio > 30 mmhg in paziente iperteso, - bradicardia <50 bpm, - tachicardia (>100 bpm); - IMA parete inferiore con possibile interessamento ventricolo dx (esegui derivazioni destre!). Morfina: analgesico di scelta se dolore persistente o non risponde a nitrati. Iniziare con 2 mg e.v. Se dolore persiste possibile ulteriori analoghe dosi ogni 5 minuti fino ad un max di 0,15 mg./kg. Non somministrare morfina se: - ipovolemia (venodilatatore, attenzione nell IMA dx). 10

11 ß bloccanti E.V.: metoprololo 5 mg in bolo endovenoso lento (> 5 min) seguiti da altri 5 mg dopo 15 min, in assenza di effetti collaterali. Controindicazioni ai ß bloccanti: - moderata/severa insufficienza ventricolare sin con stasi/edema polmonare; - bradicardia < 60 bpm; - ipotensione sistolica < 100 mmhg; - segni di scarsa perfusione periferica; - blocchi di conduzione atrio-ventricolare di I (se PR > 0,24 ), II o III grado; - malattie reattive delle vie aeree. Eparina sodica: da somministrare a tutti i pazienti con indicazione alla terapia riperfusiva farmacologica (trombolisi) o meccanica (PTCA primaria). In caso di trombolisi (tenecteplase) l eparina deve essere somministrata prima del farmaco trombolitico. Dosaggio: bolo di eparina di 60 Unità/Kg fino ad un massimo di Unità Fiale da 1 ml = 5000 U (unità) Diluire la fiala di Eparina da 1 ml con 9 ml di soluzione fisiologica utilizzando una siringa da 10 ml; in tale diluizione 1 ml contiene 500 unità di eparina. PESO (Kg) BOLO INIZIALE DI EPARINA Unità BOLO INIZIALE DI EPARINA ml >

12 Trombolisi: Nel presente protocollo viene descritto l uso del Tenecteplase (Metalyse), farmaco trombolitico in uso per la trombolisi coronarica preospedaliera. La somministrazione del Tenecteplase deve essere preceduta dalla somministrazione di Eparina sodica. Flacone: tenecteplase in polvere Unità = 50 mg da diluire con 10 ml di solvente contenuto nella confezione. A diluizione avvenuta: 1 ml = Unità = 5 mg La dose necessaria deve essere somministrata come singolo bolo endovenoso in circa 10 sec. Peso corporeo del Tenecteplase Volume in ml da Tenecteplase (mg) paziente (Kg) (Unità) somministrare Fino a >60 fino a < >70 fino a < >80 fino a < > Monitoraggio paziente durante trombolisi: Monitoraggio continuo a 5 derivazioni con particolare attenzione alle aritmie da riperfusione. ECG 12 derivazioni registrato ogni 15 min. Parametri vitali (frequenza cardiaca e respiratoria, pressione arteriosa, saturazione ossigeno). Condizioni cliniche del paziente. Eventuali complicanze correlate agli effetti indesiderati del trombolitico (sanguinamenti). 12

13 Controindicazioni alla trombolisi Assolute: Emorragia intracranica (di qualunque tipo, in qualunque periodo) Lesione vascolare cerebrale nota (ad es. malformazione artero-venosa) Neoplasia maligna intracranica nota (primitiva o secondaria) Ictus ischemico nei 3 mesi precedenti Sospetto di dissezione aortica Emorragia in atto (escluse le mestruazioni) o diatesi emorragica Trauma cranico o facciale nei 3 mesi precedenti Relative: Storia di ipertensione grave, scarsamente controllata Ipertensione (PAS >180 mmhg o PAD >110mmHg) alla presentazione, non controllata da farmaci Ictus ischemico prima dei 3 mesi precedenti, demenza o altra patologia intracranica non citata tra le controindicazioni assolute Manovre di rianimazione cardiopolmonare traumatiche protratte (>10 minuti) Chirurgia maggiore nei 3 mesi precedenti Emorragia interna recente (< 2-4 settimane) Puntura vascolare non comprimibile Gravidanza Ulcera peptica attiva Uso corrente di anticoagulanti orali 13

14 14

15 15

16 16

17 17

18 SCHEDA SAVE ON LINE R ISPOSTE UTIC CENTRALE OPERATIVA 118 A) SELEZIONE IPOTESI DIAGNOSTICA 1. IMA con ST sovraslisvellato (STEMI) 2. Angina instabile ad alto rischio/ima ST non sovraslivellato (NSTEMI) 3. Angina instabile a rischio intermedio basso 4. Altra patologia cardiaca acuta 5. Altra patologia non cardiaca B) SELEZIONE AZIONE CONSIGLIATA 1. Terapia convenzionale e ricovero in DEA centro Spoke 2. Terapia convenzionale e ricovero in DEA centro Hub 3. Trombolisi e ricovero in DEA centro Hub 4. Terapia convenzionale e ricovero centro Hub con CCH. 18

19 PERCORSO OPERATIVO : 19

5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic. Torino 15-16 ottobre 2009. Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici

5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic. Torino 15-16 ottobre 2009. Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici 5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic Torino 15-16 ottobre 2009 Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici ASOU San Giovanni Battista di Torino Pronto Soccorso di Medicina Elisabetta Vacca - Franco

Dettagli

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Territorio Pronto soccorso S. Marcello P.se U.O. Medicina III S. Marcello P.se Riferimento alle Linee guida ESC, adattando i percorsi al nostro territorio

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale.

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale. IL PAZIENTE CARDIOPATICO: STABILIZZAZIONE E TRATTAMENTO P. Rosi, F. Marian SUEM Treviso Emergenza Ospedale S.Maria dei Battuti - Azienda ULSS 9 Treviso Introduzione: Se da un lato molti dei pazienti cardiopatici

Dettagli

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre A. Einstein Esecuzione di un tracciato elettrocardiografico a 12 derivate 08 ottobre 2011 Scopo della giornata Aggiornare i partecipanti all

Dettagli

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA)

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) A cura di Giuseppe Calcagnini Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Respiratorie Università di Roma la Sapienza Premessa

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE Dolore coronarico: gravativo, oppressivo, costrittivo, retrosternale, a morsa, in crescendo,con irradiazioni anche extratoraciche Dolore da dissecazione aortica: lacerante, precordiale e/dorsale, andamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Francesconi Federica (U.O. Pronto Soccorso Faenza) Ravenna, 7 novembre 2012 Triage L infermiere triagista deve essere in grado di riconoscere nel più breve tempo possibile un dolore di origine cardiaca

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO Poggiardo, 12 Ottobre 2013 Relatore Inf. Marco Loderini DOLORE TORACICO Sindrome caratterizzata da sensazione dolorosa a carico del torace,

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

ALLEGATO A. Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con Infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI)

ALLEGATO A. Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con Infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) ALLEGATO A Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con Infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) 1 PREMESSA In Italia, le malattie cardiovascolari rappresentano la

Dettagli

FiO2: fraction of inspired oxygen WWW.SLIDETUBE.IT

FiO2: fraction of inspired oxygen WWW.SLIDETUBE.IT FiO2: fraction of inspired oxygen CAUSE NON ATEROSCLEROTICHE DI ISCHEMIA MIOCARDICA - Stenosi aortica - Miocardiomiopatia ipertrofica - Aortite luetica - Coronariti - Angina variante di Prinzmetal -

Dettagli

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Barbara Narduzzi O Obnubilamento Offuscamento delle facoltà sensitive D Dispnea Difficoltà respiratoria D Dolore toracico

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

L Infarto miocardio acuto alla luce delle nuove linee guida

L Infarto miocardio acuto alla luce delle nuove linee guida Emodinamica 2001; 27: 12-21 L Infarto miocardio acuto alla luce delle nuove linee guida È attualmente uso comune riunire l infarto acuto del miocardio (sia non-q che Q) e l angina instabile sotto la definizione

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

RETE REGIONALE PER LA TERAPIA DELLO STEMI (Infarto Miocardico Acuto con sopralivellamento dell'st)

RETE REGIONALE PER LA TERAPIA DELLO STEMI (Infarto Miocardico Acuto con sopralivellamento dell'st) RETE REGIONALE PER LA TERAPIA DELLO STEMI (Infarto Miocardico Acuto con sopralivellamento dell'st) Regione Piemonte PREMESSE Cosa è la RETE : La Rete Regionale per la terapia dello STEMI è un sistema organizzativo

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino.

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino. Sulle sponde del Ticino Novara, 14-15 gennaio 2011 Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: competenze tecnico-professionali ed organizzative dell infermiere Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia

Dettagli

Allegato 2 1. PREMESSA

Allegato 2 1. PREMESSA Linee guida per la codifica SIO e SIES delle condizioni oggetto del RAD-ESITO e degli interventi e procedure ad esse correlati (Determinazione n. D4118 del 9/11/2007) Edizione aggiornata Roma, settembre

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica ANMCO/SIMEU Position Paper Percorso di valutazione del Dolore Toracico Settembre 2007 Dolore toracico: qualsiasi dolore, dalla base del naso all ombelico anteriormente e dalla 12 vertebra posteriormente,

Dettagli

Percorso Dolore Toracico (PDT) per il territorio della Montagna Pistoiese e del Presidio Ospedaliero di S. Marcello P.se.

Percorso Dolore Toracico (PDT) per il territorio della Montagna Pistoiese e del Presidio Ospedaliero di S. Marcello P.se. 1 Percorso Dolore Toracico (PDT) per il territorio della Montagna Pistoiese e del Presidio Ospedaliero di S. Marcello P.se. OBIETTIVI ED ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO Il presente lavoro si propone di definire

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

Sindromi coronariche acute Diagnosi e Terapia Dott. Francesco De Santis I Divisione di Cardiologia Osp. S. Camillo

Sindromi coronariche acute Diagnosi e Terapia Dott. Francesco De Santis I Divisione di Cardiologia Osp. S. Camillo Master I livello area critica per Infermieri 9 settembre 2014 Sindromi coronariche acute Diagnosi e Terapia Dott. Francesco De Santis I Divisione di Cardiologia Osp. S. Camillo Il Cuore UNA POMPA cavità

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA

LA PRESSIONE ARTERIOSA LA PRESSIONE ARTERIOSA La pressione arteriosa è quella forza con cui il sangue viene spinto attraverso i vasi. Dipende dalla quantità di sangue che il cuore spinge quando pompa e dalle resistenze che il

Dettagli

EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path

EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path Eventi Cardiologici: Allerta, Approccio, Inquadramento Clinico del 118 Guido F. Villa Direzione Sanitaria AREU AREU e le RETI di Emergenza

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Il progetto regionale

Il progetto regionale Il dolore toracico La gestione extraospedaliera del paziente con Sindrome Coronarica Acuta Roberto Faccioli PRIMA RER PRogetto sull IMA nella Regione Emilia Romagna Ridefinizione dei percorsi di tempestivo

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

Linee Guida per il Management del Dolore Toracico Iadanza A. Angori P. Grattacaso V.

Linee Guida per il Management del Dolore Toracico Iadanza A. Angori P. Grattacaso V. Linee Guida per il Management del Dolore Toracico Iadanza A. Angori P. Grattacaso V. Feber D. Sandoiu D. Vichi F. Il dolore toracico è un sintomo comune e molto spesso causato da condizioni benigne. Nelle

Dettagli

NITROGLICERINA. www.slidetube.it

NITROGLICERINA. www.slidetube.it NITROGLICERINA E un vasodilatatore che agisce sui vasi coronarici e sistemici: riduce il dolore da ischemia, determina positive modificazioni emodinamiche ( aumenta la vasodilatazione venosa, riduce il

Dettagli

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Maia De Luca Scenario Bambino di 7 anni condotta in DEA per dolore toracico, respiro corto, palpitazioni VALUTAZIONE: impressione iniziale Stato di coscienza: AVPU:

Dettagli

1. Protocollo per la gestione extra-ospedaliera dell infarto miocardico ST sopralivellato da parte

1. Protocollo per la gestione extra-ospedaliera dell infarto miocardico ST sopralivellato da parte ALLEGATO 2 La rete regionale per le Emergenze Cardiologiche: PROTOCOLLI DI GESTIONE E TRATTAMENTO Indice: 1. Protocollo per la gestione extra-ospedaliera dell infarto miocardico ST sopralivellato da parte

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Il Percorso ICTUS nella Regione Lombardia Fase Preospedaliera Il Percorso Ictus nella Regione Lombardia: CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Dott.ssa Carmen Romeo - *Dott. Guido F. Villa

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova

CROCE ROSSA ITALIANA. Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova CROCE ROSSA ITALIANA Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Palmanova 1 SALUTE-MALATTIA Definizione dell OMS: La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente

Dettagli

Dottorato di ricerca in Fisiopatologia dell Insufficienza Cardiaca Coordinatore Prof. Angelo Branzi IL RITARDO EVITABILE NELLA DIAGNOSI DI SINDROME

Dottorato di ricerca in Fisiopatologia dell Insufficienza Cardiaca Coordinatore Prof. Angelo Branzi IL RITARDO EVITABILE NELLA DIAGNOSI DI SINDROME ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA Dottorato di ricerca in Fisiopatologia dell Insufficienza Cardiaca Coordinatore Prof. Angelo Branzi IL RITARDO EVITABILE NELLA DIAGNOSI DI SINDROME AORTICA ACUTA:

Dettagli

Sintomi e segni differenziali

Sintomi e segni differenziali Cause di dolore toracico non dovute ad ischemia miocardica Malattia Sintomi e segni differenziali Esofagite da reflusso o spasmo esofageo Embolia polmonare Battiti ectopici pneumotorace Dissezione aortica

Dettagli

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. PARLIAMO DI ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Lettura di Elettrocardiogramma a dodici derivazioni! Lettura di Elettrocardiogramma

Dettagli

Percorsi per l'organizzazione delle reti assistenziali per l emergenza cardiologica, per il trauma grave e neurotrauma, per l ictus cerebrale acuto

Percorsi per l'organizzazione delle reti assistenziali per l emergenza cardiologica, per il trauma grave e neurotrauma, per l ictus cerebrale acuto DIREZIONE SANITARIA Percorsi per l'organizzazione delle reti assistenziali per l emergenza cardiologica, per il trauma grave e neurotrauma, per l ictus cerebrale acuto PREMESSA 1. AREA-1: POPOLAZIONE RESIDENTE

Dettagli

LA SINDROME CORONARICA ACUTA PERCORSO TERRITORIALE

LA SINDROME CORONARICA ACUTA PERCORSO TERRITORIALE LA SINDROME CORONARICA ACUTA PERCORSO TERRITORIALE Nelle emergenze/urgenze territoriali di pazienti con dolore toracico suggestivo di ischemia è importante effettuare una diagnosi precoce di danno del

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. ABBREVIAZIONI 5. APPROCCIO TERAPEUTICO FASI NOME/COGNOME (Funzioni) FIRMA DATA Redazione Verifica Approvazione Pagina 2 di 7 1.

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio

LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio LA CARDIOPATIA ISCHEMICA 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio LA CARDIOPATIA ISCHEMICA INFARTO MIOCARDICO SINDROMI ACUTO (IMA) CORONARICHE ACUTE (SCA) ANGINA INSTABILE LA CARDIOPATIA ISCHEMICA

Dettagli

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA ANGIOPLASTICA CORONARICA

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE!

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! Dott. Simone Comelli Dott. Giacomo P. Vaudano Dott. Roberto Cavallo Dott. Daniele Savio Dott. Carlo A. Cametti Ospedale S.G. Bosco Ictus: Definizione Deficit neurologico ad

Dettagli

PROCEDURA N. 01 AAT LODI GESTIONE DELL INFARTO MIOCARDICO ACUTO CON SOPRASLIVELLAMENTO DEL TRATTO ST (STEMI)

PROCEDURA N. 01 AAT LODI GESTIONE DELL INFARTO MIOCARDICO ACUTO CON SOPRASLIVELLAMENTO DEL TRATTO ST (STEMI) allegato n. 1 alla deliberazione n. 340 dell 11/12/2012 PROCEDURA N. 01 AAT LODI GESTIONE DELL INFARTO MIOCARDICO ACUTO CON SOPRASLIVELLAMENTO DEL TRATTO ST (STEMI) 1. Oggetto e campo di applicazione La

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

IL DOLORE TORACICO ACUTO: UPDATE 2012

IL DOLORE TORACICO ACUTO: UPDATE 2012 INCONTRI PITAGORICI DI CARDIOLOGIA IX EDIZIONE 2012 4 5 6 OTTOBRE 2012 CROTONE Hotel CASAROSSA IL DOLORE TORACICO ACUTO: UPDATE 2012 Vincenzo Amodeo U.O.C. Cardiologia Azienda Ospedaliera. B.B.M. Reggio

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

Linee Guida per il trattamento dell infarto miocardico acuto nell anziano

Linee Guida per il trattamento dell infarto miocardico acuto nell anziano 03-Marchionni-4B 11-01-2002 16:56 Pagina 13 GIORN GERONT 2001; 49: 13-31 LINEE GUIDA Linee Guida per il trattamento dell infarto miocardico acuto nell anziano Guidelines of acute myocardial infarction

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

Dipartimento di Area Critica. La valutazione della performance: audit clinici interaziendali

Dipartimento di Area Critica. La valutazione della performance: audit clinici interaziendali Dipartimento di Area Critica La valutazione della performance: audit clinici interaziendali Il paradosso delle attività di verifica insite nella professione medica con finalità di ricerca Poco sviluppate

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test TILT TEST Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test Dal 1986 TILT TEST Ricorso all ortostatismo sotto monitoraggio per riprodurre le sincopi neuromediate,

Dettagli

(Ital Heart J Suppl 2003; 4 (12): 981-1016)

(Ital Heart J Suppl 2003; 4 (12): 981-1016) Linee guida Trattamento dell infarto miocardico acuto in pazienti con sopraslivellamento del tratto ST all esordio della sintomatologia Task force sulla gestione dell infarto miocardico acuto della European

Dettagli

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina SHOCK DOTT. Nicola Menestrina DEFINIZIONE SINDROME CARATTERIZZATA DA UNA IPOPERFUSIONE TISSUTALE SISTEMICA ACUTA CHE CONDUCE AD UNA IPOSSIA DEI TESSUTI E ALLA DISFUNZIONE DEGLI ORGANI VITALI SHOCK SETTICO

Dettagli

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO Descrizione, definizione e richiami anatomici e fisiopatologici www.fisiokinesiterapia.biz Emoftoe o emottisi Si tratta dell emissione

Dettagli

03/03/2009. -Diuretici -Morfina -Inotropi

03/03/2009. -Diuretici -Morfina -Inotropi Insufficienza cardiaca in cui il cuore non è più in grado di assicurare un apporto di ossigeno adeguato alle esigenze dei tessuti 6 Congresso Nazionale Emergenza Urgenza - Qualità e Prospettive in Emergenza

Dettagli

Aritmie peri-arresto (4f)

Aritmie peri-arresto (4f) Aritmie peri-arresto (4f) Nota dei curatori Questa sezione delle guidelines 2005 descrive i principi di trattamento delle aritmie periarresto e sostituisce il capitolo13 del precedente manuale ALS. Introduzione

Dettagli

Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA PIANO DI ADDESTRAMENTO PROFESSIONALIZZANTE A.A.

Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA PIANO DI ADDESTRAMENTO PROFESSIONALIZZANTE A.A. Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA Direttore: Prof. Peter J. Tel: 0382.0367 Fax:0382.03002 e-mail: peter.schwartz@unipv.it Segreteria: Elisa Scarparo Tel: 0382.26061

Dettagli

Linee Guida ESC STEMI e NSTEMI e destinazione appropriata in base alla realtà territoriale

Linee Guida ESC STEMI e NSTEMI e destinazione appropriata in base alla realtà territoriale SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Linee Guida ESC STEMI e NSTEMI e destinazione appropriata in base alla realtà territoriale

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

La sperimentazione in corso sulle ambulanze dell'usl 5 e il nuovo dispositivo sperimentale di comunicazione

La sperimentazione in corso sulle ambulanze dell'usl 5 e il nuovo dispositivo sperimentale di comunicazione La sperimentazione in corso sulle ambulanze dell'usl 5 e il nuovo dispositivo sperimentale di comunicazione Giuseppe Tartarini, Direttore U.O. Malattie Cardiovascolari H di Pontedera USL5 Pisa Franco Becarelli,

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

ESAME DEGLI ATTI Cartella clinica di P.S.

ESAME DEGLI ATTI Cartella clinica di P.S. Io sottoscritto Dott. AM, specialista in Medicina Legale, ho preso visione della documentazione sanitaria relativa ai ricoveri del Sig. BL, al fine di verificare eventuali profili di responsabilità professionale

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz INCIDENZA IN AUMENTO NEI PAESI OCCIDENTALI AUMENTO DELL ETA MEDIA AUMENTO SOPRAVVIVENZA ALL IMA INCIDENZA POPOLAZIONE GENERALE EUROPEA 0,4 % 2,0 % INCIDENZA OVER 75 anni 5 %

Dettagli

ARITMIE IPOCINETICHE

ARITMIE IPOCINETICHE KROTON 2010 ARITMIE IPOCINETICHE D.Monizzi Cardiologia Territoriale ASP KR 18/09/2010 Cenni sull Attività Elettrica del Cuore Aritmie Ipocinetiche D.Monizzi 2010 Il Cuore atrio sx atrio dx valvola mitrale

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE,

PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Medicina d urgenza Prof. G. Vendemiale PANCREATITE ACUTA, TROMBOSI VENOSA PROFONDA EMBOLIA POLMONARE, Dott. G. Serviddio Medicina Interna Universitaria Secrezione pancreatica Il pancreas esocrino produce

Dettagli

Dr.ssa Aida Andreassi. Importanza delle reti specialistiche: l emergenza pediatrica, neonatale ostetrica

Dr.ssa Aida Andreassi. Importanza delle reti specialistiche: l emergenza pediatrica, neonatale ostetrica Dr.ssa Aida Andreassi Importanza delle reti specialistiche: l emergenza pediatrica, neonatale ostetrica Rete per il trattamento dei pazienti ll sistema a rete Hub and spoke, basato su ospedali e centri

Dettagli

Percorso di valutazione del Dolore Toracico (PDT) nel Dipartimento di Emergenza-Urgenza

Percorso di valutazione del Dolore Toracico (PDT) nel Dipartimento di Emergenza-Urgenza 1 di 17 INDICE 1. PREMESSA 2. SCOPO 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 4. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 6.bis DIAGRAMMA DI FLUSSO 7. RIFERIMENTI 8. ARCHIVIAZIONE 9.

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Tenecteplase Boehringer Ingelheim Pharma KG 6.000 unità Polvere e solvente per soluzione iniettabile 2. COMPOSIZIONE

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO. Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Divisione : Cardiologia 2 Dr. S. Marra CPSI FARRIS Barbara GALLONE Giuseppe OLLINO Nadia Dott.ssa ANDRIANI Monica 2 C. M. Maschio 58 anni

Dettagli

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE Gruppo eterogeneo di condizioni, nelle quali i riflessi cardiovascolari, utilizzati normalmente nel controllo della circolazione diventano momentaneamente inappropriati, in risposta ad una causa scatenante

Dettagli

L Emergenza Cardiologica In Pronto Soccorso

L Emergenza Cardiologica In Pronto Soccorso L Emergenza Cardiologica In Pronto Soccorso Gianfranco Antonelli CARDIOLOGIA D URGENZA Azienda Ospedaliera Policlinico Bari DOLORE TORACICO-le 7 domande 1-Intensità? 2-Durata? 3-Localizzazione? 4-Irradiazione?

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 01/014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA MAGISTRALE) Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica

Dettagli

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO Gli aggiustamenti cardiocircolatori all esercizio fisico possono essere distinti in: Periferici: riguardano la ridistribuzione del flusso sanguigno a livello

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Febbraio 2010 IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL Nuove informazioni di sicurezza relative ai medicinali contenenti

Dettagli