RETE REGIONALE PER LA TERAPIA DELLO STEMI (Infarto Miocardico Acuto con sopralivellamento dell'st)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETE REGIONALE PER LA TERAPIA DELLO STEMI (Infarto Miocardico Acuto con sopralivellamento dell'st)"

Transcript

1 RETE REGIONALE PER LA TERAPIA DELLO STEMI (Infarto Miocardico Acuto con sopralivellamento dell'st) Regione Piemonte

2 PREMESSE Cosa è la RETE : La Rete Regionale per la terapia dello STEMI è un sistema organizzativo tra 118 e le Cardiologie della Regione con la collaborazione dei DEA per permettere la più rapida diagnosi e la più efficace terapia riperfusiva per tutti i Pazienti che vivano in qualsiasi area della nostra Regione. Cosa non è la RETE al presente: Non è un insieme di Linee Guida Regionali per la gestione delle Sindromi Coronariche Acute. CARDINI DEL SISTEMA ORGANIZZATIVO 1. Favorire la chiamata del 118 da parte del Paziente 2. Il sistema del 118, possibilmente con Medico, che va dal paziente 3. Pronta effettuazione dell'ecg 4. Trasmissione dell'ecg sospetto per STEMI, mediante sistema ORTIVUS alla centrale 118 che smista sulla Cardiologia UTIC di competenza 5. Copertura ottimale della Regione con sistema ORTIVUS 6. Ricezione e pronta risposta dall'utic (Risposta Si'/NO) sulla diagnosi di STEMI 7. Con risposta affermativa l'ambulanza del 118 si attiva per recarsi all'ospedale più vicino con Emodinamica HUB 8. Durante il percorso viene iniziata la prima terapia 9. La definizione dei Centri EMO HUB è fatta mediante l'applicazione dei criteri Nazionali della Società Scientifica GISE sui questionari compilati da tutti i Direttori di Cardiologia con annesso Laboratori di Emodinamica. 10. L'arrivo al Laboratorio di EMO -HUB avviene mediante molto rapido attraversamento del DEA dell'ospedale interessato 11. Nei primi 6 mesi di attività della Rete la trasmissione dell'ecg verrà fatta a tutte le UTIC. Dopo questo periodo si valuterà l'eventuale opportunità di più diretta

3 trasmissione alle sole UTIC dotate di EMO HUB. PREMESSA ORGANIZZATIVA La caratterizzazione del Paziente con STEMI è importante per la presa in carico da parte del Medico del 118 e PER POTER ottimizzare la immediata ottimale terapia medica. Nell'approccio organizzativo della terapia dello STEMI, tuttavia, gli elementi decisionali più importanti vengono dalla immediata iniziativa di effettuare: 1. LISI e TRASPORTO PER CORONAROGRAFIA / PCI 2. TRASPORTO PER LA PRIMARY PCI In entrambi i casi il trasporto viene fatto verso un Ospedale con EMO - HUB perchè anche nel caso di terapia trombolitica deve essere fatta la coronarografia indipendentemente dal successo della LISI. L'elemento determinante è il tempo di 90 minuti che il Medico del 118 possiede per valutare l'alternativa in modo da avere la riperfusione del vaso coronarico entro questi tempi. Lo STEMI tardivo, oltre le 12 ore, va gestito in relazione ai sintomi; se il Paziente ha sintomi di angor o di insufficienza ventricolare va condotto al Centro EMO- HUB; senza questi sintomi il Paziente va al Centro SPOKE. Ancora una volta va riaffermato che la sintomatologia e il quadro clinico fa prendere la decisione al Medico del 118. La tempestività della decisione operativa del Medico del 118 va favorita dalla uniformità e tempestività interpretativa nella lettura dell' ECG, fatto dal 118 e inviato alla UTIC del Centro EMO - HUB di riferimento territoriale. Si ribadisce che questa UTIC deve essere la stessa del Centro EMO HUB per semplicità di contatto, per uniformità dell'informazione, per predisporre con una sola informazione la operatività del Laboratorio di Emodinamica e il letto UTIC (se è possibile), per ridurre i possibili trasporti secondari e per una pronta comunicazione con il proprio DEA sull'imminente arrivo del Paziente. Quindi l'identificazione del CENTRO EMO HUB autenticamente identifica l'ospedale UTIC di riferimento per la lettura dell'ecg. La lunga gestione della organizzazione della RETE ha portato ad applicare il sistema di ricezione ORTIVUS dell'ecg + scheda in tutte le UTIC della Regione indipendentemente dalla presenza di EMOI-HUB. Per questo motivo, nei primi 6 mesi di attività si prevede una trasmissione a tutte le UTIC e successivamente si analizzerà se questo comporta un allungamento del percorso informativo e quindi del processo terapeutico del Paziente con STEMI.

4 PREMESSA OPERATIVA Obiettivo della RETE PER L INFARTO ( STEMI NET-WORK ) non è semplicemente quello di ricanalizzare un vaso coronarico ma è quello di RIPERFONDERE IL MIOCARDIO ISCHEMICO nella migliore maniera possibile. Tenendo conto che oggi la vera riperfusione del muscolo cardiaco, ( CRITERI: TIMI FLOW, MYOCARDIAL, BLUSH E ST. RESOLUTION) si ottiene nel 35% pazienti trattati in modo ottimale, la RETE deve ottimizzarne le terapie per lo STEMI attraverso 3 punti: 1. DIAGNOSI PRECOCE 2. TERAPIA PRECOCE 3. TERAPIA OTTIMALE La Diagnosi precoce va fatta dal 118 sull Ambulanza appena viene ricevuta la risposta dal centro EMO - HUB di competenza geografica sull ECG fatto dal 118 e ricevuta la risposta diagnostica positiva. Nel momento di ricevimento della diagnosi di STEMI va subito: 1. CALCOLATO IL TEMPO DI POSSIBILE RIPERFUSIONE ENTRO 90 min da quel momento 2. TRASPORTO AL CENTRO PCI-HUB OPPURE INIZIARE LA TROMBOLISI IN AMBULANZA ( Salvo controindicazioni o età molto avanzata > 80.) 3. SOMMINISTRAZIONE: CLOPIDOGREL 600 MG per OS EPARINA U. e.v. non frazionata ASPIRINA e.v. BETA BLOCCANTE se non c è ipotensione o bradicardia Il 118 deve sempre poter portare il Paziente con STEMI al Centro HUB sia per la PRIMARY PCI sia che abbia iniziato la LYTIC THERAPY.

5 Il trasferimento 118-SPOKE può essere utilizzato nel caso di rifiuto di terapia specifica o di impossibilità di trasporto al centro EMO - HUB. Il 118 porta il Paziente al Centro EMO - HUB ( Emodinamica) senza fermarsi nel DEA, che anzi aiuterà la velocizzazione del percorso e non dovrà occuparsi dell esistenza di letto libero in UTIC. Il letto libero in UTIC sarà un problema del Centro HUB che dovrà risolvere e non del 118. Ogni DEA deve organizzarsi per realizzare questo percorso facilitato, tenendo conto del preavviso che il DEA deve ricevere sia dal 118 che dall'utic che ha letto l'ecg PREOSPEDALIERO. Si ricorda che questo Paziente che arriva con il 118 ha gia' un ECG, una diagnosi sicura ed una via venosa oltre al medico che lo ha assistito in Ambulanza. Qualora all'arrivo in UTIC/LAB: - EMO la diagnosi si rivelasse non corretta o non fosse comunque possibile fare una procedura interventistica per qualsiasi motivo, il Paziente resta a carico della Cardiologia che lo ha accettato dal 118, la quale provvederà a rivalutarlo o a trasferirlo in altro Centro o in altro Reparto. ANALISI DELLE STRUTTURE NELLA REGIONE PIEMONTE OSPEDALI IN PIEMONTE: 58 (DATI SDO REGIONE) UTIC IN PIEMONTE: 31 EMODINAMICHE IN PIEMONTE: 24 ( DATI GISE) CENTRI EMODINAMICA HUB IN PIEMONTE: Devono garantire reperibilità 24/24 h tutti i giorni dell anno. 2. Devono avere un minimo di 400 PCI/anno 3. Devono avere almeno 3 Emodinamisti e almeno n 3 Personale Infermieristico sempre in organico: nessun periodo di Blocco nell anno.almeno n 1 Tecnico di Radiologia 4. Impianto radiologico fisso 5. Devono essere integrate in Ospedale con Dipartimento di DEA

6 DATI EPIDEMIOLOGICI REGIONALI FONTE DATI ANALISI DATI del a) DIAGNOSI STEMI: Dalle SDO Regionali Codici: 410 TUTTI ( Eccetto 410.7) Caratteristiche: URGENTE ACCESSO: Diretto Da MMG Programmato Trasferito: da Pubblico, Accreditato, Privato Da 118 Altro b) PROCEDURE: 1. PCI-STEMI: 36.01/02/05/06/09 2. TROMBOLISI: DIMENSIONI DELLO STEMI ( DATI: SDO) DATI PRIMA 2005 STEMI TOTALI Accesso diretto 2736 (49%) (51%) % Accesso (28%) (28%) % RIPERFUSI TOTALI 2602 (47%) (50%) % 2.046

7 DA (27%) 707 (26%) MORTALITA TOTALE 728 (13,2%) 696 (12,6%) MORTALITA RIPERFUSI 153 (5,8% 129 (4,6% 142: M 53 F % 4.4% 7.1% ANGIOPLASTICA PRIMARIA DATI EMODINAMICA PIEMONTE ( DATI: GISE) CORONOG RAFIE TOTALI REGISTRO PRIMA 2005 PCI TOTALI CORO/PCI % (50%) (55%) (55%) (55%) PRIMARY PCI P.PCI/PCI % (15%) (16,7%) (16,5%) (16,6%) PRIMARY PCI SD O GIS E OFF (+ 699) (+ 764) TROMBOLISI Nonostante esista il codice sulle SDO, riferito alla TROMBOLISI, questo è di difficile evidenziamento perchè la procedura può essere effettuata in varie sedi ( territorio, Ambulanza, DEA, UTIC) e la sua comparsa come codice sulle SDO, non è sempre possibile.

8 Avendo richiesto i dati di vendita all'industria( una sola ditta produce due farmaci attualmente in uso) è emerso quanto segue: Nel 2009 la Regione Piemonte ha acquistato, e usato, 520 fiale di METALYSE ( uso esclusivo cardiologico) e 674 fiale di ACTILYSE 50 mg. ( uso cardiologico,neurologico e vascolare generale) che per circa un terzo ha avuto uso cardiologico. Con una molto accettabile approssimazione, ma non esiste alcuna altra fonte, nel 2009 si sono avute 750 trombolisi per STEMI. La distribuzione è quella sottostante: Anno 2009 ACTYLISE 1F 50 MG. Quantità METALYSE 1F 50MG Quantità ALESSANDRIA ASTI BIELLA 1 12 CUNEO NOVARA TORINO VERBANIA VERCELLI PIEMONTE

9 PROBLEMI IL numero di STEMI tende a non aumentare, non solo in Piemonte,verosimilmente per effetto della Campagna di Prevenzione delle Malattie Cardiovascolari. Attualmente il rapporto tra STEMI e POPOLAZIONE è di poco inferiore a 700 per milione di abitante, quindi si prevedono circa STEMI su circa abitanti. Le differenze tra n Pazienti con diagnosi di STEM I e n trattati con PCI PRIMARIA ( dati SDO e GISE ) possono dipendere da : 1. DIAGNOSI ALL'INGRESSO/DIAGNOSI ALLA DIMISSIONE 2. STEMI ARRIVATI DOPO LE 12 ORE E QUINDI NON PIU' TRATTATI CON PCI/LYTIC 3. STEMI NON ARRIVATI N CARDIOLOGIA CIOE' IN UTIC, MA ARRIVATI NEI REPARTI DI MEDICINA CON RICONOSCIMENTO COMUNQUE TARDIVO:DIAGNOSI SOPRATTUTTO DA MOVIMENTI DELLA PROPONINA, QUINDI DIAGNOSI DI DIMISSIONE 4. CONTROINDICAZIONI A PPCI/LYTIC 5. ERRORE ORGANIZZATIVO

10 LABORATORI DI EMODINAMICA CON CARATTERI DI HUB DEFINIZIONI QUALITATIVE E GEOGRAFICHE 1. Le definizioni qualitative, già precedentemente descritte, hanno portato ad evidenziare, ad oggi dicembre 2010, i seguenti Laboratori dei seguenti Ospedali.

11 Legenda : LAB: IDONEITA DEL LABORATORIO PERS: IDONEITA DEL PERSONALE CASI: ALMENO 400 PCI/ANNO Per un totale di 15 Laboratori. Questi ad oggi sono definibili quali EMO-HUB. Si ricorda che la loro nascita è sempre stata spontanea e si ricorda che Savigliano, Biella e Moncalieri sono i laboratori di recentissima attivazione e qualifica, soprattutto per l'attività nel campo dell'acuzie STEMI, quindi bisogna avere delle verifiche di continuità, non tanto per l attività ordinaria, ma per il continuo raggiungimento di parametri di personale e di procedure adeguate ai canoni del GISE. NOTA: i 15 laboratori, nell anno 2009, hanno effettuato n 2057 PPCI ( PRIMARY PCI) con la seguente distribuzione. N PRIMARY PCI N STEMI RICOVERATI NEL PRESIDIO NEL 2008 TO Molinette TO Molinette TO Mauriziano TO G. Bosco TO M.Vittoria Rivoli S.Luigi Moncalieri Biella % TRATTATI

12 Novara Osp/Univ Vercelli Savigliano Cuneo Asti Alessandria LABORATORI DI EMODINAMICA NON H-24 AD OGGI CIRIE : CHIVASSO: IVREA: ALBA: VERBANIA: Carenza infermieristica Carenza infermieristica + Cardiologi Carenza infermieristica + Cardiologi Carenza infermieristica + Cardiologi Non esistenze POPOLAZIONE DI STEMI AFFERENTI AGLI OSPEDALI CON EMO NON H-24 (2008) CIRIE : 124 Stemi CHIVASSO: 174 Stemi IVREA: 116 Stemi ALBA: 180 Stemi VERBANIA: 153 Stemi ANALISI PER QUADRANTI ABITANTI STEMI RIPERFUSI QUADRANTE 1 TO QUADRANTE 3 CN QUADRANTE 2 NO-VC QUADRANTE 4 AL-AT

13 REGIONE PIEMONTE Quadrante 1 - TORINO Abitanti Abitanti Censimento ISTAT % Quadrante 2 - BIELLA - VERCELLI Abitanti - NOVARA - VERBANIA % Quadrante 3 - CUNEO Abitanti % Quadrante 4 - ASTI -Abitanti ALESSANDRIA % CN PROBLEMI PER QUADRANTI 1 TO Ciriè, Chivasso, Ivrea: Queste 3 Emodinamiche sono tutte nella stessa area Canavesana. Una di queste tre è ridondante. Le 2 residue sono sufficienti. Ciriè è già esistente e deve fare un modesto reintegro di personale infermieristico Ivrea avrebbe le caratteristiche per area geografica a coprire l alto Canavese, ma manca completamento di personale medico ed infermieristico Chivasso è molto vicino all area di Torino ed a Cirié. E la meno indicata a iniziare la sua attività. 2 NO-VC Verbania: laboratorio non esistente al momento. L ospedale ricovera circa 150 STEMI/anno e quelli da riperfondere sono ampiamente meno di 100/anno. Al momento non si riconosce l esigenza di apertura. Vercelli: non raggiunge le 400 PCI totali/anno quale minimo di qualità e va potenziata 3 Alba:attualmente non è autonoma come personale mentre Savigliano è autonomo. Il numero di STEMI afferenti ad Alba é comunque superiore rispetto a quelli afferenti a Savigliano. Alba ricovera 180 STEMI (anno 2008) mentre Savigliano ricovera 121 STEMI. Sarebbe sufficiente un solo laboratorio in quella area della 3 per riperfondere circa STEMI/anno. Per area geografica e per numerosità di popolazione si ritiene Alba come polo da potenziare e mantenere Savigliano quale EMO non HUB. Savigliano non raggiunge il minimo di 400 PCI totali/anno. 4 AL-AT Acqui Terme: non esiste laboratorio anche se geograficamente lontana. Gli STEMI afferenti ad Acqui Terme sono stati 76 nel 2008 e quelli da riperfondere sarebbero 40-50/anno. Non si ravvisa che il centro abbia al momento un significato per una nuova EMO HUB.

14

15 SCELTE TERAPEUTICHE DELLA RIPERFUSIONE 1 Indicazione alla trombolisi se prevedibilmente la riperfusione interventistica ritarda oltre i 90 minuti dal FMC 2 Non indicazioni alla trombolisi dopo le tre ore dal FMC 3 Non indicazione alla riperfusione dopo le 12 ore dal FMC ad eccezione di dolore persistente non pericarditico 4 Shock cariogeno: se esiste sospetto diagnostico di rottura di setto, rottura di cuore, insufficienza mitralica acuta, occlusione di tronco comune si deve trasferire il paziente soltanto presso centri EMO-HUB con Cardiochirurgia: Molinette Mauriziano Novara Cuneo Alessandria NOTA: FMC ( FIRST MEDICAL CONTACT) SCHEDA DI RISPOSTA UTIC SAVE ON LINE Questa scheda è ridondante. Si rammenta la risposta sul problema fondamentale: SI/NO per la diagnosi n 1 :IMA con ST sopra livellato. Le altre risposte vanno ad essere valutate in un secondo momento ( tra 12 mesi) quando il sistema sarà ben avviato.

16

17 DEFINIZIONI LOGISTICHE Letto UTIC per STEMI: il Centro UTIC-EMO-HUB deve sempre prevedere un letto libero per il Paziente con STEMI. Il Centro SPOKE deve ugualmente prevedere un letto libero per lo STEMI RIPERFUSO che viene ad esso trasferito dal Centro EMO-HUB. DEFINIZIONI AMMINISTRATIVE 1 Migliorare la definizione di STEMI per SDO Regionale 2 Avere la codifica di Trombolisi Pre Ospedaliera per SDO Regionale 3 Redistribuire il peso del DRG in modo chiaro per i Pazienti che hanno una PPCI in un Centro HUB, ma hanno la degenza e la dimissione in un altro Ospedale. Per questo scopo si allega la valutazione dei costi sostenuti ( Molinette) per la procedura interventistica di un Paziente con STEMI e di costi di degenza sempre per uno STEMI. Costi di un paziente con STEMI

18 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Nella Regione Piemonte il numero complessivo degli Infarti Miocardici (STEMI) si aggira tra i 5200 e 5500 per anno, questi dati si riferiscono agli anni e provengono dalle diagnosi SDO. Questi dati SDO sono più elevati dell' attesa media di STEMI da riperfondere che si aggira sui circa. Le motivazioni di questa discrepanza sono state valutate come molteplici e comunque non hanno una risposta definitiva. I Pazienti riperfusi, quasi tutti mediante PPCI, angioplastica primaria cresciuti dal 47 % del 2007 al 53% del sono La mortalità Ospedaliera dei Pazienti riperfusi è variabile dal 4.6 al 5.8% con distinzione tra i due sessi : le donne hanno mortalità 7.1% e gli uomini hanno il 4.4% (dati del 2009). La mortalità ospedaliera totale di tutti i Pazienti con STEMI è invece circa il 13 % comprendono i non riperfusi e i riperfusi. Il numero delle Angioplastiche primarie (PPCI) valutato con i dati SDO è arrivato intorno

19 alle per anno, mentre secondo i dati GISE (Società Scientifica Cardiologica) sono circa Pazienti. Il dato SDO deriva da una diagnosi conclusiva di un ricovero, in qualsiasi Reparto sia avvenuto, mentre il dato GISE deriva dal registro del Laboratorio di Emodinamica al quale il Paziente giunge. A volte la definizione di STEMI può non giungere al Laboratorio in termini di acuzie e la registrazione nel Laboratorio di Emodinamica può non essere ben definita. Inoltre questa differenza di circa 700 Pazienti trattati con PPCI verosimilmente in maniera.tardiva o senza una classe di categorizzazione inviati ai vari Laboratori di Emodinamica potrebbe spiegare un'anomala allocazione di quei 700 Pazienti riperfusi mediante terapia trombolitica Sicuramente abbiamo una quota di Pazienti TROMBOLISATI, ma di impossibile quantificazione dai dati SDO, perchè la LISI può essere effettuata in sedi diverse ( Ambulanza, DEA, UTIC, Territorio) e quindi non risultare sulla SDO della dimissione. Questo può essere giustificato da : 1. Diagnosi tardiva 2. Età avanzata e non ritenuto idoneo a terapia riperfusiva 3. Controindicazioni a qualsiasi terapia riperfusisa 4. Mancata possibilità di avere accesso al Laboratorio di Emodinamica per vari motivi: trasporto secondario impossibile, Laboratorio con disponibilità temporaneamente limitata, comunicazione scadente. 5. Rifiuto del Paziente alla terapia invasiva 6. Dato amministrativo in qualche maniera impreciso sia nel Laboratorio di Emodinamica, sia nella compilazione della SDO 7. Manca un DATA BASE REGIONALE COMUNE delle Emodinamiche, che permetterebbe di averne un puntuale monitoraggio delle attività, delle procedure, dei flussi di Pazienti. Quasi tutti i Laboratori hanno un data base personalizzato, ma che non entra in rete, quindi non permette valutazioni sulla qualità e sulla entità delle attività dei Laboratori della Regione. Questo problema sicuramente può trovare una soluzione, almeno in gran parte, se la organizzazione diagnostica non è dispersa sui Centri diversi e i trasporti hanno una sicurezza sia di esistenza, sia di riferimento su Emodinamiche che tutti i giorni dell'anno sono funzionanti in modo puntuale. L'altro grande problema è l'attuale sottoutilizzazione del 118, che rimane sul circa 28 % di modalità di accesso.

20 Questo ridotto utilizzo del 118 nei vari anni dimostra che la popolazione non ha avuto nessun stimolo dall'organizzazione della RETE e che i vari Operatori Sanitari ( Medici di famiglia, Ospedali) non hanno ancora la fiducia su un robusto sistema quale il 118 RETE IMA deve avere. Osservando i soli dati del 2009, si osserva che l'incidenza dell'infarto miocardico ha una diversa distribuzione in relazione al sesso e una diversa mortalità sempre in relazione al sesso. Le donne hanno una maggiore incidenza di eventi nell'età più avanzata e ne consegue una aumentata mortalità. In relazione alla aumentata mortalità entra in gioco la più difficile diagnostica dell'infarto nella donna per sintomatologia molto più complessa e a volte più difficile da riconoscere.

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path

EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path EMS and Cardiovascular Events: Management of pre-hospital Path Eventi Cardiologici: Allerta, Approccio, Inquadramento Clinico del 118 Guido F. Villa Direzione Sanitaria AREU AREU e le RETI di Emergenza

Dettagli

Dipartimento di Area Critica. La valutazione della performance: audit clinici interaziendali

Dipartimento di Area Critica. La valutazione della performance: audit clinici interaziendali Dipartimento di Area Critica La valutazione della performance: audit clinici interaziendali Il paradosso delle attività di verifica insite nella professione medica con finalità di ricerca Poco sviluppate

Dettagli

Rete FAST STEMI Piemonte. Programma di Formazione A Distanza (FAD) per il riconoscimento dell ECG dell infarto (AMI) (Programma FAD AMI)

Rete FAST STEMI Piemonte. Programma di Formazione A Distanza (FAD) per il riconoscimento dell ECG dell infarto (AMI) (Programma FAD AMI) Rete FAST STEMI Piemonte. Programma di Formazione A Distanza (FAD) per il riconoscimento dell ECG dell infarto (AMI) (Programma FAD AMI) ll Jingle mostra una rappresentazione del modello per il trattamento

Dettagli

Riforma Sanitaria 2010-2015

Riforma Sanitaria 2010-2015 Riforma Sanitaria 2010-2015 Premessa La Regione Piemonte è soggetta a piano di rientro poiché la quota in carico regionale supera il 5% dei finanziamenti aggiuntivi previsti dal patto Stato-Regioni. In

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA)

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) A cura di Giuseppe Calcagnini Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Respiratorie Università di Roma la Sapienza Premessa

Dettagli

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino.

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino. Sulle sponde del Ticino Novara, 14-15 gennaio 2011 Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: competenze tecnico-professionali ed organizzative dell infermiere Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

La sperimentazione in corso sulle ambulanze dell'usl 5 e il nuovo dispositivo sperimentale di comunicazione

La sperimentazione in corso sulle ambulanze dell'usl 5 e il nuovo dispositivo sperimentale di comunicazione La sperimentazione in corso sulle ambulanze dell'usl 5 e il nuovo dispositivo sperimentale di comunicazione Giuseppe Tartarini, Direttore U.O. Malattie Cardiovascolari H di Pontedera USL5 Pisa Franco Becarelli,

Dettagli

ATLANTE SANITARIO DELLA REGIONE PIEMONTE

ATLANTE SANITARIO DELLA REGIONE PIEMONTE 5. L OFFERTA 5.1. L ASSISTENZA DI BASE Il numero totale di Medici di Medicina Generale (MMG) che operano in Piemonte (anno 2002) è di 4.752, pari ad un tasso regionale di 1,25 su 1000 abitanti di età superiore

Dettagli

La rete cardiologica per la SCA:

La rete cardiologica per la SCA: La rete cardiologica per la SCA: quali vantaggi per le persone con diabete dall organizzazione e dalle innovazioni tecnologiche? Antonio Manari U.O. Cardiologia i Interventistica ti ti Azienda Ospedaliera

Dettagli

La Rete Nazionale Trapianti

La Rete Nazionale Trapianti La Rete Nazionale Trapianti Dott.ssa Anna Guermani LEGGE n 91 del 1 aprile 1999 Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti DGR n. 39-9947 del 14.7.2003 Individuazione della

Dettagli

L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta

L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta 20 febbraio 2008 L esperienza dell Emodinamica presso la Cardiologia del Delta Dott. Gianfranco Percoco Laboratorio di Emodinamica della Provincia di Ferrara Il Laboratorio di Emodinamica L ideale modello

Dettagli

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore IL PIEMONTE E LA LEGGE 38 Dott.ssa Rossella Marzi Coordinatore Commissione Terapia del Dolore Presupposti per la costituzione del modello (Legge 15 marzo 2010 n. 38, Art. 3. all. A) Compiti delle strutture

Dettagli

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA CONFERENZA EPISCOPALE PIEMONTESE CONSULTA REGIONALE PER LA PASTORALE DELLA SALUTE LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA Torino, 10 dicembre 2012 Giovanni MONCHIERO Il Servizio Sanitario

Dettagli

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005

CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 CENSIMENTO DELLE STRUTTURE CARDIOLOGICHE Anno 2005 Denominazione Presidio Ospedaliero: Il Presidio Ospedaliero è a carattere monospecialistico? No Si se SI pediatrico riabilitativo ortopedico cardiologico

Dettagli

Corso di Formazione teorico-pratico in Cardiologia per MMG

Corso di Formazione teorico-pratico in Cardiologia per MMG RESPONSABILI DELL EVENTO Amedeo Bongarzoni - Responsabile Ambulatorio Ecocardiografia Ospedale San Carlo Borromeo Milano Maurizio Marzegalli Direttore Dipartimento Emergenza e Urgenza Ospedale San Carlo

Dettagli

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna

Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Le esperienze italiane. I modelli: Regione Emilia-Romagna Rossana De Palma Convegno Le reti sanitarie Milano 7 Giugno 2010 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Disposizioni legislative regionali Piano

Dettagli

1. Protocollo per la gestione extra-ospedaliera dell infarto miocardico ST sopralivellato da parte

1. Protocollo per la gestione extra-ospedaliera dell infarto miocardico ST sopralivellato da parte ALLEGATO 2 La rete regionale per le Emergenze Cardiologiche: PROTOCOLLI DI GESTIONE E TRATTAMENTO Indice: 1. Protocollo per la gestione extra-ospedaliera dell infarto miocardico ST sopralivellato da parte

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Cluster S.Luigi, Rivoli, Martini, Pinerolo, Susa (Mauriziano)

Cluster S.Luigi, Rivoli, Martini, Pinerolo, Susa (Mauriziano) Ricoveri e interventi per neoplasie. Metodologia: Sono state valutate le tabelle Ricovero medico chirurgico di pazienti affetti da neoplasie, anno 2009, per polo, ASL/ASO, Istituto e tipo di tumore. CPO

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO

ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA DELL UNIVERSITA DI TORINO Città della Salute e della Scienza A.S.O: SAN GIOVANNI BATTISTA - SEDE MOLINETTE DIRETTORE: PROF. GIOVANNI GANDINI Nuove applicazioni

Dettagli

LE AREE VASTE NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA: UNA MODALITA DI INTEGRAZIONE SOVRA AZIENDALE. Area vasta centro. Vito Bongiovanni

LE AREE VASTE NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA: UNA MODALITA DI INTEGRAZIONE SOVRA AZIENDALE. Area vasta centro. Vito Bongiovanni LE AREE VASTE NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA: UNA MODALITA DI INTEGRAZIONE SOVRA AZIENDALE Area vasta centro Vito Bongiovanni PREMESSA Connotare anche in senso sanitario i progetti di area vasta, mediante:

Dettagli

Dr.ssa Aida Andreassi. Importanza delle reti specialistiche: l emergenza pediatrica, neonatale ostetrica

Dr.ssa Aida Andreassi. Importanza delle reti specialistiche: l emergenza pediatrica, neonatale ostetrica Dr.ssa Aida Andreassi Importanza delle reti specialistiche: l emergenza pediatrica, neonatale ostetrica Rete per il trattamento dei pazienti ll sistema a rete Hub and spoke, basato su ospedali e centri

Dettagli

L appuntamento con la Rete: i dati

L appuntamento con la Rete: i dati L appuntamento con la Rete: i dati Dott. Massimo Giammaria Direttore ff SC Cardiologia Ospedale Maria Vittoria ASL TO2 Dott. Silvio Geninatti Responsabile Statistica ed Epidemiologia ASL TO 2 Agenda Il

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

Efficacia della strategia di rete nei pazienti con STEMI. Zoran Olivari

Efficacia della strategia di rete nei pazienti con STEMI. Zoran Olivari Efficacia della strategia di rete nei pazienti con STEMI Zoran Olivari Efficacia della strategia di rete nei pazienti con STEMI TIGULLIO 2010 S. Margherita Ligure 12 febbraio 2010 Zoran Olivari Cardiologia

Dettagli

Terapia endovascolare dello stroke ischemico

Terapia endovascolare dello stroke ischemico Terapia endovascolare dello stroke ischemico Mauro Bergui Neuroradiologia, Università di Torino Ischemia da occlusione basilare L arteria basilare vascolarizza il tronco encefalico ed alcune regioni alla

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera

MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA. Rete ospedaliera MINISTERO DELLA SALUTE: DOCUMENTO COMMISSIONE URGENZA-EMERGENZA Rete ospedaliera Il sistema urgenza-emergenza in Italia, secondo quanto regolamentato dalle linee guida 1/96 in applicazione del DPR 27 marzo

Dettagli

Quali aspettative dei partner e dei fruitori dei servizi riabilitativi: i partner di area vasta

Quali aspettative dei partner e dei fruitori dei servizi riabilitativi: i partner di area vasta Quali aspettative dei partner e dei fruitori dei servizi riabilitativi: i partner di area vasta Dott. LoredanoMilani Direttore Medicina Generale Ospedale di JesoloAz. ULSS 10 San Donà Gorgo al Monticano

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

ALLEGATO A. Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con Infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI)

ALLEGATO A. Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con Infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) ALLEGATO A Protocollo operativo per la gestione dei pazienti con Infarto Miocardio Acuto con sopraslivellamento del tratto ST (STEMI) 1 PREMESSA In Italia, le malattie cardiovascolari rappresentano la

Dettagli

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Prevenzione:due direttrici parallele Gli studi di popolazione Health

Dettagli

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO

CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Il Percorso ICTUS nella Regione Lombardia Fase Preospedaliera Il Percorso Ictus nella Regione Lombardia: CODICE ICTUS E GESTIONE DEL PERCORSO PRE-OSPEDALIERO Dott.ssa Carmen Romeo - *Dott. Guido F. Villa

Dettagli

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E

ANGIOPLASTICA CORONARICA CONSENSO INFORMATO CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA PER EMODINAMICA E Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO PER EMODINAMICA E CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA ANGIOPLASTICA CORONARICA

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 29-4854 Recepimento ed iniziale attuazione dell'intesa del 25.07.2012, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della Legge 5

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES Manifesto FIMEUC per le forze politiche scese in campo per il rinnovo del governo ORGANICI In

Dettagli

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 A seguito del confronto con le Direzioni delle Aziende del Sistema Sanitario Regionale e con alcune Conferenze o Rappresentanze dei Sindaci

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Territorio Pronto soccorso S. Marcello P.se U.O. Medicina III S. Marcello P.se Riferimento alle Linee guida ESC, adattando i percorsi al nostro territorio

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA SCDO Dietetica e Nutrizione Clinica Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità Novara S.D.N.C Regione Piemonte AOU San Giovanni

Dettagli

PROCEDURA PRO. Pagina 1 di 26. Rev. SPERIMENTALE MACROAREA MESSINA Data

PROCEDURA PRO. Pagina 1 di 26. Rev. SPERIMENTALE MACROAREA MESSINA Data CEDURA CEDURA ATTIVAZIONE 1 di INDICE PREMESSA pag. 2 CONTESTO pag. 3 SCOPO pag. 4 CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 5 RISORSE pag. 6 RESPONSABILITA pag. 6 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA pag.8 INDICATORI pag. 13

Dettagli

Direttore U.O. Cardiochirurgia e Centro Trapianti Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, ROMA

Direttore U.O. Cardiochirurgia e Centro Trapianti Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, ROMA L organizzazione per il trapianto cardiaco Francesco Musumeci Direttore U.O. Cardiochirurgia e Centro Trapianti Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, ROMA Prima testimonianza di Trapianto d organo:

Dettagli

IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST. Lantero Patrizia Giovannini Elda

IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST. Lantero Patrizia Giovannini Elda IMPIANTO TRANSCATETERE ( FEMORALE E TRANSAPICALE) DELLA VALVOLA AORTICA : GESTIONE ASSISTENZIALE PRE, INTRA E POST PROCEDURA Lantero Patrizia Giovannini Elda IMPIANTO TRANSCATETERE (FEMORALE E TRANSAPICALE)

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia Dott. A. Gandolfo Sistema Qualità Il Sistema Qualità è un sistema di gestione che ha lo scopo di tenere sotto controllo i processi di una

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna Direzione generale della Sanità Servizio Sistema informativo, Osservatorio epidemiologico umano, controllo di qualità e gestione del rischio Osservatorio Epidemiologico Regionale Il Registro del diabete

Dettagli

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Elisa Rozzi Servizio Presidi Ospedalieri Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Assessorato Politiche

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

DAL 118 ALL UTIC. Relatore: Luigi Giugno Infermiere Emodinamica. AO Polo Universitario San Paolo Milano

DAL 118 ALL UTIC. Relatore: Luigi Giugno Infermiere Emodinamica. AO Polo Universitario San Paolo Milano DAL 118 ALL UTIC Relatore: Luigi Giugno Infermiere Emodinamica AO Polo Universitario San Paolo Milano DAL 118 ALL UTIC DAL 118 ALL UTIC OBIETTIVI Sinergia tra UCC ed EMODINAMICA Continuità assistenziale

Dettagli

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo

La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo La gestione dello Scompenso Cardiaco: il ruolo del Cardiologo LO SCOMPENSO CARDIACO 1-2 % DELLA POPOLAZIONE 14.000.000 IN EUROPA 1.000.000 IN ITALIA LO SCOMPENSO CARDIACO CARDIOLOGIA ELEVATA COMPETENZA

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Il Registro Tumori Piemonte (RTP) raccoglie i casi di neoplasia maligna insorti

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano (CN) Gheorgiade Heart

Dettagli

A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo Attività clinica

A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo Attività clinica Indagine descrittiva sui soggetti con problemi di Gioco d Azzardo Patologico afferenti ai Servizi per le Dipendenze Patologiche del Piemonte (2006 2007) A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO REGIONALE PER L ISTITUZIONE DELLA RETE PER L' INFARTO MIOCARDICO ACUTO IN SICILIA

Allegato 1 DOCUMENTO REGIONALE PER L ISTITUZIONE DELLA RETE PER L' INFARTO MIOCARDICO ACUTO IN SICILIA Allegato 1 DOCUMENTO REGIONALE PER L ISTITUZIONE DELLA RETE PER L' INFARTO MIOCARDICO ACUTO IN SICILIA Premessa In Italia, le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte e il loro impatto

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi SOGGETTO CON CMD NOTA IN COMPENSO PREGRESSO DOLORE TORACICO Quale esame stato richiesto con appropriatezza? SOGGETTO CON

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC

IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC IL NETWORK DEI CENTRI CARDIOLOGICI UNIVERSITARI SIC S. Nodari, R. Poscia e A. Bazzani Centro Studi della Società Italiana di Cardiologia INTRODUZIONE Il Centro Studi ha effettuato un censimento dei Centri

Dettagli

Fase intraospedaliera, reti e percorsi

Fase intraospedaliera, reti e percorsi Fase intraospedaliera, reti e percorsi Parte endovascolare Il neuroradiologo interventista Trattamento endovascolare dello stroke ischemico Trattamento endovascolare dello stroke emorragico Salvatore Mangiafico

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14 IL LAZIO CAMBIA I RISULTATI PIÙ IMPORTANTI DI QUESTI MESI ACCORDO CON I MMG PER PRESA IN CARICO DEI PAZIENTI CRONICI

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A.

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Modello Piemonte Concentrazione dei posti di responsabilità

Dettagli

Bilancio delle attività per la definizione dei PCAE

Bilancio delle attività per la definizione dei PCAE Presentazione dei percorsi Clinico Assistenziali per il Trasferimento del paziente critico nella rete dell Emergenza della regione Lazio Bilancio delle attività per la definizione dei PCAE Gabriella Guasticchi

Dettagli

Il BLITZ 3 in Piemonte: epidemiologia dei ricoveri nelle UTIC e confronto con la realtà nazionale

Il BLITZ 3 in Piemonte: epidemiologia dei ricoveri nelle UTIC e confronto con la realtà nazionale Il BLITZ 3 in Piemonte: epidemiologia dei ricoveri nelle UTIC e confronto con la realtà nazionale Alessandra Chinaglia, Maurizio Dalmasso, Giampaolo Scorcu, Francesco Chiarella, Maria Rosa Conte, Giuseppe

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

24-6-2011 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 27 25

24-6-2011 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 27 25 24-6-2011 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 27 25 DECRETO 9 giugno 2011. Rete per l infarto miocardico acuto in Sicilia. L ASSESSORE PER LA SALUTE Visto lo Statuto della Regione;

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

Come documentare l entità del fenomeno

Come documentare l entità del fenomeno Si stima che in Piemonte i decessi dovuti agli incidenti domestici siano circa 740 morti all anno (Istat, 1996). La popolazione più a rischio per infortunistica domestica è costituita da bambini e anziani,

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento

Terapia chirurgica. Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Terapia chirurgica Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Nel caso di stenosi carotidea sintomatica, la endoarteriectomia comporta un modesto beneficio per gradi di stenosi

Dettagli

MONTEMERLO ELISABETTA

MONTEMERLO ELISABETTA CURRICULUM VITAE formato europeo INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome MONTEMERLO ELISABETTA Telefono 039 233 3027 E-mail e.montemerlo@hsgerardo.org Nazionalità italiana Data di nascita 27/04/1981 Titolo

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una IL DIRETTORE GENERALE Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli Ospedali romani all avanguardia per quanto concerne l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una medicina moderna

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Progetto It.DRG. Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Progetto It.DRG. Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto It.DRG Laura Arcangeli Direzione Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Progetto It.DRG disponibilità di sistemi idonei per la misurazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE Aggiornato 01/01/2014 INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE Aggiornato 01/01/2014 INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE Aggiornato 01/01/2014 INFORMAZIONI PERSONALI Giorgione Anna 12/08/1956 Dirigente Medico I livello ASL DI Staff -Emergenza Sanitaria Territoriale 118 0825873264 0825877206 augusto.laluna@libero.it

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

Linee Guida Regionali e Nazionali sulla Stroke Care. Milena Bernardini UO Medicina Interna e Geriatria

Linee Guida Regionali e Nazionali sulla Stroke Care. Milena Bernardini UO Medicina Interna e Geriatria Linee Guida Regionali e Nazionali sulla Stroke Care Milena Bernardini UO Medicina Interna e Geriatria ESITO DI PATOLOGIE CEREBROVASCOLARI CASI INCIDENTI/ANNO /MILIONE ABITANTI : 500 TIA 2400 ICTUS (75%

Dettagli

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE!

ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! ICTUS: LA CURA E POSSIBILE! Dott. Simone Comelli Dott. Giacomo P. Vaudano Dott. Roberto Cavallo Dott. Daniele Savio Dott. Carlo A. Cametti Ospedale S.G. Bosco Ictus: Definizione Deficit neurologico ad

Dettagli

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont Perugia 2009 Il Trauma Grave e la Rete Clinica Assistenziale 118 Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte C oordinatore 118-em ergenza sanitaria Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte

Dettagli

La Rete per il Trattamento dello STEMI nella Regione Piemonte. Stato dell arte a giugno 2012

La Rete per il Trattamento dello STEMI nella Regione Piemonte. Stato dell arte a giugno 2012 La Rete per il Trattamento dello STEMI nella Regione Piemonte Stato dell arte a giugno 2012 Dott. Massimo Giammaria Cardiologia Ospedale Maria Vittoria, Torino Malattia coronarica Sindrome Coronarica Acuta

Dettagli