Coordinatrice Area Adulti e Disabili. Responsabile Distretto Sanitario Tarcento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coordinatrice Area Adulti e Disabili. Responsabile Distretto Sanitario Tarcento"

Transcript

1 CITTA DI TARCENTO Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Provincia di Udine AREA ASSISTENZIALE AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE 4.2 Servizio Sociale dei Comuni Piazza Roma, 7 Cap Tel.: 0432/783468/ Fax: 0432/ Cod. Fiscale Partita I.V.A.: coord. IBAN: IT68U c.c. postale n p.e.c.: VERBALE N. 1 L anno 2013, addì 21 febbraio, alle ore 18,00 presso la sede dell Ambito socio assistenziale di Villa Pontoni a Tarcento, si è riunita l Assemblea dei Sindaci dell Ambito/Distretto di Tarcento. Sono presenti: FERRARI Giancarlo per il Comune di Tarcento ROCCO Sandro per il Comune di Attimis BAIUTTI Ornella per il Comune di Cassacco SPOLLERO Gilda per il Comune di Faedis BALZAROTTI Luca per il Comune di Lusevera VENCHIARUTTI Andrea per il Comune di Magnano in Riviera TOSOLINI Walter per il Comune di Nimis TRACOGNA Bruna per il Comune di Povoletto MARCOLONGO Attilia per il Comune di Reana del Rojale GRASSATO Claudio per il Comune di Taipana KABLER Andrea per il Comune di Tricesimo TULLIO Luisa MANSUTTI Anna Responsabile Ambito MANSUTTI Marina Coordinatrice Area Adulti e Disabili CARRIERI Cristiana Coordinatrice Area Minori e Famiglie MATTIUSSI Bruna Responsabile Distretto Sanitario Tarcento Sono assenti: - Il Direttore Generale ASS n. 4 Medio Friuli - Il Coordinatore socio-sanitario ASS n. 4 Medio Friuli 1. Approvazione verbale Assemblea dei Sindaci del L Assemblea approva il verbale della seduta del con n. 7 voti favorevoli (Attimis, Faedis, Magnano in Riviera, Reana del Rojale, Taipana, Tarcento, Tricesimo) e n. 3 astenuti (Cassacco Lusevera Povoletto). 2 Destinazione Uffici Informalavoro e Vicini di Casa. Il Presidente illustra l argomento riassumendo i fatti riguardanti la collocazione di alcuni Uffici dell Ambito presso il Polo dei Servizi di Tricesimo. Nel settembre 2009 alcuni servizi/sportelli (Informalavoro, Vicini di casa e l allora denominato Reddito di cittadinanza ) si trovavano collocati da più di un anno presso uno stabile di Piazza Ellero 8 a Tricesimo. Intervenendo la necessità di un loro trasferimento e non potendo contare sulla disponibilità di spazi presso la sede dell Ambito, l allora Presidente dell Assemblea dei Sindaci e l allora Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Tricesimo hanno convenuto di traslocare i suddetti servizi presso la Casa

2 Pelizzari, sita in Piazza Ellero 11 a Tricesimo, a fronte di un contributo per la compartecipazione alle spese di 450 euro ed in attesa della ristrutturazione di un altro fabbricato che avrebbe potuto ospitare a titolo gratuito gli uffici dell Ambito. Il Presidente informa che attualmente esiste una disponibilità di alcuni locali presso la Villa Solero di Tarcento, presso la quale sono già collocati l Ufficio Minori e l ufficio SAD di Tarcento e dove potrebbero essere trasferiti i servizi/sportelli attualmente collocati a Tricesimo, a fronte di un aumento del costo di locazione di 150 euro. Il Consigliere Kabler ritiene che gli sportelli possano continuare ad essere ospitati presso la struttura Pelizzari prevedendo che la costruzione di un nuovo stabile dove spostare gli uffici potrebbe essere ultimata il prossimo mese di luglio. Il Presidente cita un articolo apparso recentemente su un quotidiano locale in cui l Amministrazione Comunale di Tricesimo manifesta l intenzione di dislocare i citati Servizi presso la costruenda cittadella sanitaria e sottolinea che tale decisione è di competenza dell Assemblea dei Sindaci in quanto si tratta di attività coordinate e gestite dall Ambito distrettuale. L Assessore Tullio richiama un verbale dell Assemblea dei Sindaci dell ottobre 2007 in cui si stabiliva che alcuni uffici dell Ambito, allora ospitati presso la sede municipale di Tricesimo, venissero temporaneamente collocati in una sede attigua, perfettamente rispondente alle esigenze organizzative, in attesa della ristrutturazione di alcuni locali prevista per la fine del L Assessore Tullio ribadisce l interesse dell Amministrazione a mantenere i servizi in loco e ritiene di poter assicurare che dal prossimo mese luglio, a conclusione dei lavori di costruzione della nuova cittadella sanitaria, possa essere sensibilmente ridotto il contributo che l Ambito versa al Comune di Tricesimo per l utilizzo dei tre uffici. Il consigliere Kabler ritiene necessario permettere agli Amministratori di approfondire gli argomenti riguardanti la programmazione delle attività dell Ambito, tramite l invio anticipato della documentazione relativa all ordine del giorno dell Assemblea. Sottolinea che le bozze degli Accordi di programma e di partenariato sono state spedite troppo tardi e ciò non ha consentito il necessario approfondimento. La Responsabile afferma che le bozze saranno illustrate nel corso della riunione secondo il previsto o.d.g., e che ogni documento di rilevanza economico finanziaria viene inviato ai Comuni con congruo anticipo per consentire una valutazione da parte delle Giunte. Gli Amministratori presenti dibattono a lungo sull opportunità di accentrare i servizi a Tarcento, ovvero di mantenere la loro collocazione a Tricesimo. Gli Assessori Tracogna, Spollero, e Balzarotti evidenziano l importanza che la decisione venga presa tenendo in considerazione anche le ricadute operative legate alle due opzioni e chiedono alcune informazioni di carattere organizzativo e tecnico alla Coordinatrice Area Adulti, referente per i servizi di cui trattasi. L Assessore Venchiarutti, confermando di voler tralasciare ogni considerazione di carattere tecnico e di organizzazione del lavoro, di competenza degli Uffici dell Ambito, sottolinea che la disponibilità dei nuovi locali di Villa Solero comporta un aumento dei costi di locazione di 150,00 mensili e pertanto la proposta del Comune di Tricesimo appare, dal punto di vista economico, più conveniente. E fondamentale che l Amministrazione formalizzi tale proposta al fine di consentire ai colleghi Amministratori di valutare compiutamente le due alternative. Inoltre, la Villa Solero è di proprietà della Comunità Montana e, con la costituzione dell Unione Montana del Torre, lo scenario e la disponibilità dei locali potrebbero subire dei mutamenti. Quindi l opzione Villa Solero potrebbe risultare provvisioria. Alla fine della discussione si stabilisce di rinviare la decisione ad un momento successivo. Viene consegnata ai presenti una relazione illustrativa sull attività dei servizi attualmente ospitati presso la sede di Tricesimo, comprensiva dei dati riferiti all attività svolta ed all utenza in carico, brevemente illustrati all inizio della discussione, su richiesta del Presidente dell Assemblea. L Assessore Tullio lascia la riunione. Viene quindi richiesto all Amministrazione tricesimana di predisporre una proposta dove si definisce il tipo di contratto di locazione che si intende attuare e che vada a sanare l attuale carenza

3 di un atto ufficiale, il prezzo dell affitto in relazione al periodo di permanenza presso l attuale sede ed in previsione di un eventuale trasloco degli uffici alla fine del prossimo mese di luglio. Ciò consentirà all Assemblea di valutare con maggior cognizione di causa la possibilità di un trasferimento degli uffici presso la nuova sede di Tricesimo o presso la sede di Villa Pontoni nel momento in cui sarà avviata l Unione montana e la struttura verrà posta in disponibilità dell Ambito. Il Consigliere Kabler si allontana dall aula comunicando di non ritenere opportuna la sua presenza ad un dibattito che ha ad oggetto un argomento (illustrazione Accordi di programma e di partenariato - PdZ) che non è stato in grado di approfondire, non avendo ricevuto la documentazione integrativa con congruo anticipo. Ciò suscita il disappunto dei colleghi presenti all incontro. 3. Convocazione Conferenza dei servizi per sottoscrizione Accordo di Programma; Il Presidente propone la convocazione di una conferenza dei servizi volta ad acquisire: il parere dei soggetti istituzionali che sottoscriveranno l Accordo di programma concorrendo alla realizzazione degli obiettivi del PDZ con risorse proprie la condivisione formale degli altri soggetti pubblici e del privato sociale coinvolti a vario titolo nel processo di pianificazione, attraverso la sottoscrizione dell Accordo di partenariato. Per la costruzione del Piano di Zona si è scelto di definire un sistema di governance multilivello, che coinvolga tutti gli attori territoriali che a vario titolo contribuiscono alla realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi e dunque, per sostanziare tale obiettivo, si ritiene strategico formalizzare - oltre all Accordo di programma, che sarà sottoscritto dal Presidente dell'assemblea dei Sindaci, dai Sindaci dei Comuni dell'ambito, dal Direttore generale dell ASS 4 e dal Presidente della Provincia - un Accordo di partenariato, quale concertazione preliminare e propedeutica alla firma dell Accordo di programma che sarà sottoscritto dai diversi attori pubblici e privati a vario titolo coinvolti nell attuazione del PdZ, con la finalità di dare rilievo e ufficializzare il loro apporto al processo di programmazione zonale. La Responsabile richiama l articolo 8 della bozza di Accordo di programma dove si stabilisce che il collegio di vigilanza ha compiti di controllo in merito alla corretta esecuzione dell Accordo di programma e poteri propulsivi in merito alla realizzazione del Piano di Zona. Tale organo sarà presieduto dal Sindaco del Comune di Tarcento, o suo delegato, e sarà composto dai sottoscrittori dell Accordo di Programma. In merito a questo, si è ritenuto di proporre l individuazione di un comitato ristretto che rappresenti i Sindaci dei Comuni dell Ambito in seno al collegio di vigilanza. Il Sindaco Rocco richiede che venga anticipata da marzo a gennaio la data prevista per l approvazione delle risorse (punto 3 dell art. 6 dell Accordo di programma) in modo da dare il tempo ai Comuni di inserire nel bilancio di previsione la propria quota di competenza. La dott.ssa Marina Mansutti precisa che la scelta di prevedere un accordo di partenariato risponde non solo all esigenza di ufficializzare l apporto del terzo settore nella definizione del sistema integrato di interventi e servizi, ma anche a quella di disporre di un albo fornitori che possa supportare l attività dell Ente Gestore nella definizione di procedure ad evidenza pubblica, fermo restando il rispetto della normativa vigente per gli affidamenti di servizi. L Assemblea dei Sindaci, all unanimità, approva la bozza dell Accordo di Programma con una modifica riguardante il punto 3 dell art. 6 Risorse del Piano di Zona dove si stabilisce che le risorse del PAA vengono approvate entro il mese di gennaio per consentire l inserimento della quota di competenza dei singoli Comuni nei rispettivi bilanci di previsione ed approva la bozza dell Accordo di partenariato, quale atto di concertazione preliminare e propedeutico alla firma dell Accordo di programma. 4. Fondo per le risorse decentrate, per lo sviluppo delle risorse umane e per la produttività anno 2013;

4 Il Presidente informa che, come per gli anni precedenti, a seguito di quanto disposto dal D.Lgs. 112/08 non possono più essere destinati al fondo delle risorse decentrate, le economie derivanti dalla concessione dei tempi parziali al personale in posizione di tempo pieno e pertanto il venir meno di tali disponibilità finanziare preclude un più ampio utilizzo del fondo a favore del personale in servizio e in particolare l attribuzione delle indennità per specifiche responsabilità. Propone pertanto all Assemblea di destinare al fondo delle risorse decentrate 3.653,91 (art. 20 del CCRL 2002), ossia fino ad un importo massimo dell 1,3% del monte salari del L Assemblea approva all unanimità di destinare al fondo delle risorse decentrate 3.653,91. 3.Varie ed eventuali a) Comunicazione su applicazione ISEE per la partecipazione ai Centri Estivi; b) Analisi delle modalità di gestione dei rapporti con i Servizi per la Prima Infanzia. a) La Coordinatrice dell Area minori, giovani e famiglie, Cristiana Carrieri, illustra la proposta di prevedere, a partire già dalla prossima primavera, tariffe differenziate in base all indicatore ISEE per la frequenza ai centri estivi. Lo scopo principale sarebbe quello di raccogliere informazioni sui valori ISEE degli utenti di tale servizio al fine di elaborare una proposta ragionata per l anno 2014 in cui differenziare in maniera maggiormente significativa le tariffe secondo quanto disposto dalla normativa vigente per i servizi sociali. In questa prima annualità, pertanto, onde evitare un impatto troppo consistente sulla popolazione, con il rischio di ripercussioni negative sulla fruizione dei servizi, si suggerisce di indicare una quota simbolica ( euro, adottando quella regionale per i servizi per la prima infanzia) al di sopra della quale introdurre una maggiorazione del costo del servizio. Resta naturalmente la facoltà di ciascuna Amministrazione di aderire o meno all invito, in assenza per il momento di linee guida dell Assemblea vincolanti. b) la dott.ssa Carrieri illustra poi brevemente un prospetto di sintesi che fotografa le molteplici e differenti modalità in cui nelle diverse Amministrazioni facenti capo all Ambito vengono gestite le agevolazioni all accesso ai servizi per la prima infanzia. A fronte di questa estrema variabilità viene sottolineata la necessità di elaborare una proposta che inquadri in maniera analoga su tutti i territori gli aspetti amministrativi legati alla concessione di tali agevolazioni. L Assemblea concorda sull elaborazione di una proposta che sarà formulata dalla Coordinatrice Carrieri e successivamente esaminata dagli Amministratori. c) Il Presidente informa che l Amministrazione di Tarcento ha ritenuto di presentare una domanda di contributo relativamente all attivazione di uno sportello antiviolenza/antistalking (progetto proposto dall IRSS di Milano). Ritiene che se il finanziamento verrà concesso, al progetto potranno aderire anche i Comuni dell Ambito e potranno essere attivati due sportelli di ascolto e di consulenza, mentre in caso contrario sarà solo il Comune di Tarcento ad usufruire del servizio. Informerà successivamente gli Amministratori per una valutazione più approfondita circa la possibilità di realizzazione delle attività proposte dall IRSS. L Assemblea termina alle ore 21,30. Il Presidente F. to Giancarlo Ferrari Il verbalizzante F. to Anna Mansutti

5

Coordinatrice Area Adulti e Ufficio di Piano

Coordinatrice Area Adulti e Ufficio di Piano CITTA DI TARCENTO Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Provincia di Udine AREA ASSISTENZIALE AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE 4.2 Servizio Sociale dei Comuni Piazza Roma, 7 Cap. 33017 Tel.: 0432/783468/784724

Dettagli

Responsabile del Distretto Sanitario Tarcento. Coordinatrice Area Minori, Giovani e Famiglie

Responsabile del Distretto Sanitario Tarcento. Coordinatrice Area Minori, Giovani e Famiglie CITTA DI TARCENTO Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Provincia di Udine AREA ASSISTENZIALE AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE 4.2 Servizio Sociale dei Comuni Piazza Roma, 7 Cap. 33017 Tel.: 0432/783468/784724

Dettagli

AREA ASSISTENZIALE AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE

AREA ASSISTENZIALE AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE CITTA DI TARCENTO Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Provincia di Udine AREA ASSISTENZIALE AMBITO SOCIO ASSISTENZIALE 4.2 Servizio Sociale dei Comuni Piazza Roma, 7 Cap. 33017 Tel.: 0432/783468/784724

Dettagli

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4. COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.2 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA Nr. 347 del 31.07.2015

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2015 Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 87 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 4 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Adesione al progetto dell'ambito socio-assistenziale

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 74 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Convenzione tra l'azienda per L'Assistenza

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4. COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.2 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA Nr. 198 del 18.05.2015

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 31 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Autorizzazione istallazione impianto

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

Pordenone 1 Cordenons 1 Porcia 1 Roveredo in Piano 1 S. Quirino 1

Pordenone 1 Cordenons 1 Porcia 1 Roveredo in Piano 1 S. Quirino 1 Servizio Sociale dei Comuni di PORDENONE CORDENONS PORCIA ROVEREDO IN PIANO S. QUIRINO DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO 6.5 N. 233/2014 DEL 21/10/2014 2 L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

Partecipazioni Comunali 2014 02794/064 GP 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 17 giugno 2014

Partecipazioni Comunali 2014 02794/064 GP 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 17 giugno 2014 Partecipazioni Comunali 2014 02794/064 GP 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 17 giugno 2014 Convocata la Giunta presieduta dal Sindaco Piero Franco Rodolfo FASSINO, sono presenti, oltre

Dettagli

Assemblea dei Sindaci dell Ambito. Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013

Assemblea dei Sindaci dell Ambito. Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013 Assemblea dei Sindaci dell Ambito Deliberazione n. 10 del 6 maggio 2013 Oggetto: Ambito Distrettuale 6.1. Sistema di compartecipazione degli utenti ai servizi dell Ambito anno 2013 Approvazione. Il giorno

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 07 MARZO 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MARCHETTI FABIO Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X FALESCHINI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA. Registro delibere di Giunta N. 127

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA. Registro delibere di Giunta N. 127 COPIA Città di Latisana Provincia di Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA Registro delibere di Giunta N. 127 L anno 2013 il giorno 06 del mese di NOVEMBRE alle ore 12:00, nella Residenza Municipale

Dettagli

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 ------- Accordo 16 dicembre 2014 sottoscritto tra Cgil, Cisl, Uil congiuntamente alle Federazioni regionali pensionati Spi, Fnp e Uilp della Lombardia e l

Dettagli

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine medaglia d'oro al valore civile P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 10. Deliberazione di Giunta N. 22

Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 10. Deliberazione di Giunta N. 22 Verbale di deliberazione della Giunta Provinciale seduta n. 10 Deliberazione di Giunta N. 22 OGGETTO: L.R. 41/1996 art. 21. Programma triennale finalizzato alla sperimentazione di modelli organizzativi

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

N. 117 Del 28/07/2015

N. 117 Del 28/07/2015 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 117 Del 28/07/2015 OGGETTO: Approvazione bilancio partecipativo anno 2015 - STANZIAMENTO

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A.

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. www.capelive.it RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE AL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N 8 DEL 9/04/2014

DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N 8 DEL 9/04/2014 DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N 8 DEL 9/04/2014 OGGETTO: RATIFICA DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE TERRITORIALE. IMMEDIATA ESECUTIVITÀ. L anno DUEMILAQUATTORDICI il giorno NOVE

Dettagli

COMUNE DI CASSACCO. Comun di Cjassà. Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere della Giunta COPIA N. 7

COMUNE DI CASSACCO. Comun di Cjassà. Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere della Giunta COPIA N. 7 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere della Giunta COPIA N. 7 OGGETTO: Adesione al progetto: Prevenzione efficace ed orientamento facilitato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013 Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino (CH), Largo Wojtyla, 19 si è riunita l assemblea della società FB

Dettagli

COMUNE DI CIVITA D ANTINO

COMUNE DI CIVITA D ANTINO COMUNE DI CIVITA D ANTINO PROVINCIA DELL AQUILA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/09/2011 OGGETTO: PROGRAMMA INTERVENTI DIRITTO ALLO STUDIO: ANNO 2012. - APPROVAZIONE- L anno

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O M U N E D I A L A (Provincia di Trento) N. 82 Registro delibere Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Approvazione contratto fornitura relativo al servizio Protocollo Federato trentino

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 102 DEL 30/07/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 102 DEL 30/07/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 102 DEL 30/07/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L ACCESSO AI SERVIZI DI REFEZIONE - ANNO 2014-2015 L anno Duemilaquattordici, addì trenta

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015 VERBALE CONSIGLIIO DI ISTITUTO N 2

ANNO SCOLASTICO 2014 2015 VERBALE CONSIGLIIO DI ISTITUTO N 2 ANNO SCOLASTICO 2014 2015 VERBALE CONSIGLIIO DI ISTITUTO N 2 Il giorno 15/10/14 alle ore 16,30, regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio D Istituto; in apertura di seduta sono presenti tutti i

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia COPIA CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 179/2010 Oggetto: DEFINIZIONE DELLE QUOTE DI COMPARTECIPAZIONE DEI CITTADINI AI COSTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Articolo 1 Finalità e forma degli atti di competenza 1. Il

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale

Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 5 DEL 02/01/2015 OGGETTO Nomina Coordinatore Sociosanitario Dott. Paolo Bordon nominato con D.G.R. 2544 del

Dettagli

Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano

Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano OGGETTO : CONSORZIO PER I SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI DEL RHODENSE - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI DA CONFERIRE - ATTO DI INDIRIZZO- Ufficio SERVIZI SOCIALI

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

COMUNE DI OLTRONA DI SAN MAMETTE PROVINCIA DI COMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI OLTRONA DI SAN MAMETTE PROVINCIA DI COMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI OLTRONA DI SAN MAMETTE PROVINCIA DI COMO Deliberazione n. : 14 Data : 3 Maggio 2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Servizio di distribuzione del gas naturale ai sensi

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona Num. 128 del Registro COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: LENEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE. L'anno DUEMILADIECI,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali

PROTOCOLLO D INTESA. per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali PROTOCOLLO D INTESA per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali Distretto Socio-sanitario n.2 Serra S. Bruno, ASL 8 Vibo Valentia L anno 2005 (duemilacinque) addì, negli

Dettagli

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE 53 54 PROGETTO 5.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Promozione di azioni per gruppi di popolazione svantaggiati.

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 180 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Concessione in comodato gratuito

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D.

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. COMUNE DI CARUGATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. DEL COMUNE DI CARUGATE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 62 DEL 25/07/2007 ART. 1 Il Comune di Carugate ha attivato,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 O r i g i n a l e SOGGETTA a comunicazione prefettura. NON SOGGETTA a comunicazione prefettura. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.212 OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO PUBBLICO PER L'ATTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI PADOVA DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD

COMUNE DI PADOVA DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD 1 COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 2 Nord DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD N.54 (quartiere) Seduta del 07.12.2013 N. Reg.Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: COLLABORAZIONE DEL QUARTIERE CON

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 17 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Atto di indirizzo per la realizzazione

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 46 Seduta del 20/03/2012 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 14 del 09/03/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 03797/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti GP

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 03797/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti GP Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 03797/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti GP 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 4.2 Tarcento MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA ORIGINALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 133delReg.Delib. data 27.05.2015 OGGETTO: Distretto Socio Sanitario 44. Erogazione dei Servizi di

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.

Città di Tarcento. Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4. COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Area Assistenziale Ambito Socio Assistenziale 4.2 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA Area Assistenziale

Dettagli

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE 61 62 PROGETTO 5.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Promozione di azioni per gruppi di popolazione svantaggiati.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 58 OGGETTO: Associazione Pro Loco Oulx - progetto per gestione Ufficio informazioni turistiche - approvazione ed erogazione

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE DI OLGINATE Provincia di Lecco

COMUNE DI OLGINATE Provincia di Lecco COMUNE DI OLGINATE Provincia di Lecco COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 64 del 17-06-2015 Oggetto: APPROVAZIONE TARIFFE PER L'ACCESSO AI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE - ANNO 2015 L'anno

Dettagli

LUCISANO MEDIA GROUP S.P.A.

LUCISANO MEDIA GROUP S.P.A. LUCISANO MEDIA GROUP S.P.A. Assemblea ordinaria dei soci del 30 aprile 2015 Il giorno 30 aprile 2015, alle ore 9:00, si è riunita in Via G. Romagnosi n. 20, in Roma, presso la sede sociale, in unica convocazione,

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 12 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Modifiche ed integrazioni al regolamento

Dettagli

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO SEGRETERIA GENERALE UFFICIO AFFARI GENERALI RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO ULTIMA MODIFICA EFFETTUATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 120 DEL 26.06.2007. COORDINAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 153 DEL 06.09.2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: DISTRETTO DIFFUSO DEL COMMERCIO 'VILLE E TORRI DELL' ISOLA' FINANZIAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

Comunità Montana di Scalve

Comunità Montana di Scalve Comunità Montana di Scalve VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA C O P I A DELIBERAZIONE NR. 54 Del 13-06-2011 Oggetto: AFFIDAMENTO A SOCIETA' TRADE LAB S.R.L. DI MILANO REDAZIONE STUDIO FATTIBILITA'

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 382 18/03/2015 Oggetto : Ulteriore proroga, sino al 31 maggio 2015,

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

Direzione Organizzazione 2015 07091/004 GC 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 15 dicembre 2015

Direzione Organizzazione 2015 07091/004 GC 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 15 dicembre 2015 Direzione Organizzazione 2015 07091/004 GC 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 15 dicembre 2015 Convocata la Giunta presieduta dal Vicesindaco Elide TISI sono presenti gli Assessori:

Dettagli

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI N. 535 IN 27/03/2015 RICHIAMATI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA -

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 06/06/2012

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 06/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 06/06/2012 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER SERVIZI SOCIALI A DOMANDA INDIVIDUALE, UTILIZZO IMPIANTI E SALE COMUNALI, ACCESSO AGLI ATTI,

Dettagli

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto.

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata Livorno Sport S.r.l., è retta da questo Statuto. Statuto Art.1 La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto. Art 2 La Società ha sede legale in Livorno, presso il complesso sportivo "La Bastia", in

Dettagli

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ Codice n. 10965 Data: 22/07/2010 GC N. 218 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI SUAP

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 38 OGGETTO: Accordo con l associazione sportiva dilettantistica SUMMERSPORT di Torino per realizzazione della 27^

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 3 in data: 04.02.2015 Soggetta invio capigruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA I COMUNI

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A COMUNE DI BAZZANO Città d arte Provincia di BOLOGNA C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 27/01/2011 OGGETTO: TRASFERIMENTO PRESSO NUOVA SEDE DEL C.I.P. (CENTRO PER L'IMPIEGO) DI ZOLA

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 27 maggio 2014 Convocata la Giunta presieduta

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma 1 Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma Articolo 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l attività economica, finanziaria e patrimoniale del Partito Democratico

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O M U N E D I A L A (Provincia di Trento) N. 182 Registro delibere Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Attivazione iniziativa I diciottenni incontrano le istituzioni L'anno duemilaundici,

Dettagli

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ Codice n. 10965 Data: 21/04/2011 GC N. 121 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 31149/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di lunedì dieci del mese di marzo,

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 OGGETTO: PSR PUGLIA 2007\2013 ASSE IV LEADER - MISURA 313 AZIONE INVESTIMENTI FUNZIONALI ALLA CREAZIONE DI CENTRI

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME

COMUNE DI VALLIO TERME COMUNE DI VALLIO TERME CODICE ENTE : 10444 DELIBERAZIONE N. 141 DEL 28/12/2009 ORIGINALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 141 DEL 28/12/2009 L anno DUEMILANOVE addì VENTOTTO del

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli