La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali"

Transcript

1 La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat

2 Forte incremento dell informazione statistica ufficiale I bambini e i ragazzi al centro delle rilevazioni statistiche Una strategia che parte dagli anni 90 ora è potenziata dalla collaborazione Istat Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Infanzia non più invisibile ma soggetto sociale

3 Quali sforzi sono stati fatti in questi anni? CAPIRE: Come cambia la qualità della vita dei bambini e dei ragazzi Come cambiano le condizioni di vita Come cambiano le relazioni sociali e il rapporto con vecchie e nuove tecnologie Oggi possiamo rispondere ad alcuni interrogativi di fondo attraverso le rilevazioni Multiscopo e gli approfondimenti di EU SILC

4 Cambiano le famiglie in cui vivono i bambini? Elevata la quota di figli unici (25,4%) Più bassa quella con 2 o più fratelli (19,9%) Aumentano i minori con entrambi i genitori che lavorano, soprattutto nel Centro: dal 45,4% del 1998 al 52,1% del 2008 e al Nord dal 53,5% al 55,6% Aumentano i minori con i genitori separati, divorziati, che vivono con un solo genitore da (6%) del 1998 a (9,4%) del 2008 Aumentano i minori che vivono in coppie non coniugate : da (1,7%) del 1998 a (4,4%) del 2008

5 Bambini e ragazzi collaborano in casa Permane una divisione dei ruoli nelle attività che svolgono maschi e femmine all interno della casa 6-17 anni(2008) Le ragazze puliscono di più (35,5% contro 13,7%), si rifanno di più il letto (43,3% contro il 22,9%) I ragazzi fanno più riparazioni (20,8 % contro 7,5%), vanno di più a buttare la spazzatura (38,7% contro il 24,2%) Maschi e femmine vengono educati ai ruoli di genere come piccoli uomini e piccole donne.

6 Sta cambiando l educazione ai ruoli di genere? Le differenze di genere nel coinvolgimento nel lavoro familiare diminuiscono, si avvicinano ragazze e ragazzi nei comportamenti anche se si mantengono le differenze Diminuisce il numero delle ragazze che puliscono la casa (dal 40,8% del 1998 al 35,5% del 2008) Aumenta il numero dei ragazzi che si fanno il letto (dal 17,8% del 1998 al 22,9% del 2008), apparecchiano e sparecchiano (dal 40,8% al 48,3%), e riordinano le loro cose (dal 42,6% al 54,8%). Riordinare le proprie cose aumenta anche per le ragazze (dal 62,8% al 67,3%) Si attenua la divisione dei ruoli più passato rigida nel

7 A chi vengono affidati i più piccoli? I piccoli da 0 a 2 anni sono affidati ai nonni nel 67,8% dei casi La frequenza con cui si vedono con i nonni è molto elevata: Il 56,9 % li vede tutti i giorni Il 27,6% una o più volte a settimana L incontro giornaliero con i nonni è elevato fino ai 10 anni L affidamento ai nonni rimane alto anche al crescere dell età Classe di età % , , ,8 Solo il 4,5% è affidato a persone retribuite (0-13 anni) La rete di aiuto informale svolge un ruolo fondamentale

8 Cresce l esperienza del nido, ma la diffusione è ancora scarsa Dal 9,6% del 1998 al 15,3% del 2008 (fascia 0-2 anni) (con oscillazione campionaria tra il 12,8% e 17,8%) Il 40,1% frequenta un nido privato era il 35,6% La maggioranza dei bimbi che frequenta il nido ha la mamma che lavora (79,9%) Nido come opportunità educativa e di socializzazione e non area di parcheggio Esperienza importante da un punto di vista educativo Da 34,9% a 42,6% Il 44,4% dei bambini non va al nido perché considerati troppo piccoli

9 La scuola dell infanzia E frequentata dall 88,9% dei bambini di 3-5 anni (2008) I genitori percepiscono il ruolo fondamentale da un punto di vista educativo (71,7%), più del nido, e danno un grande valore anche alla socializzazione (25,6%) Chi non frequenta è perchè preferisce che il bimbo sia seguito da un membro della famiglia (45,7%) e perché il bimbo è troppo piccolo (26,8%)

10 L utilizzo dei servizi: scuola primaria Forti differenze territoriali nell utilizzo di servizi nell ambito della scuola, soprattutto nella scuola primaria (2008) Mensa più del 60% nel Nord contro il 20,1% nel Sud e 11,6% nelle Isole Palestra più dell 82% nel Nord contro il 52,9% nelle Isole Biblioteca più del 44% nel Nord meno del 15% nel Sud e nelle Isole Laboratorio computer più del 57% nel Nord, meno del 35% nel Sud e nelle Isole Laboratori di varia natura sono frequentati da una minoranza di bambini e sempre meno al Sud

11 L utilizzo dei servizi: scuola media e superiori Le differenze territoriali diminuiscono rispetto alle scuole primarie (2008): Più del 20% dei ragazzi delle superiori non utilizza la palestra Circa il 40% non utilizza il laboratorio scientifico o la sala computer Quasi il 70% non utilizza la biblioteca

12 I risultati scolastici dipendono dall estrazione sociale dei genitori Tra i ragazzi di anni nel 2008 il 16,9% aveva conseguito la licenza media con ottimo, quota che sale al 28,7% dei ragazzi se il capofamiglia è dirigente/imprenditore o libero professionista contro il 13,1% di coloro che vivono nelle famiglie operaie Emergono anche differenze di genere molto forti Maschi: ottimo 11,7% Capofamiglia dirigente/imprenditore o libero professionista: 20,6% Capofamiglia operaio: 6,9% Femmine: ottimo 22,3% Capofamiglia dirigente/imprenditore o libero professionista: 37,2% Capofamiglia operaio: 19,6% Le differenze di genere permangono anche nelle classi sociali più elevate, MA LE DISTANZE SOCIALI SONO MINORI PER LE RAGAZZE

13 I giochi: il mix del vecchio e nuovo (2008) 3-5 anni In testa i giocattoli più tradizionali Le bambole per le femmine (85,6%) Automobiline e trenini per i maschi (76,1%) Maschi Femmine disegnare (70,9%), costruzioni, puzzles (68,9%), pallone (63,4%), giochi di movimento (47,6%), plastilina (33,2%) disegnare (78,8%), costruzioni, puzzles (56,8%), pupazzi (50,2%), giochi di movimento (49,7%),giochi in attività domestiche (43,2%),

14 I giochi: il mix del vecchio e nuovo (2008) 6-10 anni Emergono differenze di genere più nette Le bambole per le femmine (73%) Giocare a pallone per i maschi (72,9%) Maschi Femmine videogiochi (70,4%), giochi di movimento (51,2%), figurine (50,5%), disegnare (44,1%), automobiline (43,6%) disegnare (72,3%), giochi di movimento (62,5%), pupazzi (42,8%), videogiochi (39,9%), giochi in attività domestiche (38,4%) Tutti i tipi di gioco sono cresciuti rispetto al 1998

15 I giochi con la mamma e il papà (2008) Riflettono i ruoli e le preferenze di genere sia dei figli sia dei genitori I bambini di 3-10 anni fanno più giochi con la madre (in media 3,1 giochi) che con il padre (in media 2,4) Maschi più giochi di movimento più videogiochi con il padre più disegno, più attività domestiche con la madre Femmine più giochi di movimento più videogiochi con il padre più giochi di ruolo, disegno, attività domestiche e giocattoli con la madre Fiabe ed attività legate alla musica più con la mamma: cantare, ballare, suonare, ascoltare Andare a spettacoli sportivi più con il papà

16 Le nuove tecnologie Il rapporto con le nuove tecnologie è cruciale nell esperienza delle nuove generazioni E il grande elemento di novità rispetto alle passate generazioni. Nella fascia 6-17 anni nel 2008: il 68,9 % utilizza il cellulare il 70,7 % utilizza il pc il 49,2% utilizza internet Ma emergono differenze sociali e territoriali nel possesso e nell utilizzo

17 Pc e internet: possesso crescente ma non egualitario Famiglie con minori con Pc 74,3% con internet 60,9% Famiglie con adulti con Pc 56,8% con internet 48,5% Famiglie con anziani con Pc 7,1% con internet 5,5% Differenze sociali nel possesso del PC capofamiglia imprenditore libero professionista dirigente 89,9% capofamiglia operaio 64,2% Differenze territoriali Nord Ovest 80,9% Isole 63,5%

18 Le differenze nell utilizzo Lo sviluppo dell uso delle nuove tecnologie tra i bambini e ragazzi: è il trionfo del fai da te Sono più esclusi i figli degli operai e i residenti nel Sud Nella fascia 6-17 anni usano il PC nel 2008: 80,8% dei figli di dirigenti imprenditori liberi professionisti 64,7% dei figli di operai 79,2% dei bambini residenti nel Nord Ovest 60,2% dei bambini residenti nel Sud Differenze sociali e territoriali in diminuzione rispetto al 2000 MA CONTINUANO AD ESISTERE. La scuola non riesce ad agire come riequilibratore delle disuguaglianze.

19 Pochi bambini utilizzano il PC a scuola Bambini e ragazzi di 6-17 anni nel 2008 Solo a scuola 3,7% A scuola e altrove ma non a casa 1,9% A casa e a scuola ma non altrove 19,2% Ovunque 16,4% Solo a casa 18,9% A casa e altrove ma non a scuola 5,5% La scuola potrebbe agire nel senso del riequilibrio delle differenze sociali e territoriali nell uso del PC, con l incremento della voce solo a scuola,, ma non lo fa.

20 Bambini e ragazzi più attivi e più in rete dal 1998 al 2008 (6-17 anni) Cresce socializzazione e frequentazione amici comunque alta dal 81,5% al 86,4% Bambini più sportivi dal 55,8% al 63,1% Più lettura di libri dal 49,0% al 56,9% Più cinema dal 64,7% al 78,3% Più teatro dal 22,8% al 30,2% Più musei-mostre dal 41,7% al 42,4% Più musica classica dal 6,4% al 8,1% Più spettacoli sportivi dal 40,2% al 41,6% Discoteche per ragazze anni al 2 posto dopo il cinema e per ragazzi al 3 posto dopo cinema e spettacoli sportivi

21 PC e TV non schiacciano le altre attività L uso delle nuove tecnologie si associa ad una più ampia fruizione culturale nel 2008 Bambini e ragazzi di 6-17 anni Chi usa il PC e vede la TV, fa anche più sport, va più al cinema, legge più libri di chi vede solo TV I bambini multimediali vedono meno la tv (il 32,8% vede la tv per 3 ore e più al giorno contro il 40,4% di coloro che guardano solo la tv) Nel tempo diminuisce il numero di ore passate davanti alla tv (i bambini di 6-17 che guardano la tv per 3 ore e più al giorno passano dal 43,1% del 1998 al 33,5% del 2008 Multimedialità e multidimensionalità emergente

22 Una criticità emergente: nuovo stile di vita con il consumo di alcol Si consolida il consumo precoce di alcol tra i giovanissimi di anni (8%) nel 2008 Cresce il consumo di alcol tra i giovani di anni: dal 40,6% del 1998 al 42% del Uno stile di vita nuovo non tipico del nostro paese abituato ad un consumo moderato di alcol durante i pasti emerge per anni - sia dal consolidarsi del binge drinking (5,3%) - sia soprattutto dalla crescita del consumo di alcolici fuori pasto: dal 12,6% del 1998 al 18,7% del Un comportamento che coinvolge anche quote crescenti di ragazze di 14-17anni: dal 9,7% del 1998 al 14,4% del Questo si associa spesso a comportamenti non salutari come l abitudine al fumo: il binge drinking tra i ragazzi di anni passa dall 1,9% dei non fumatori al 28% dei fumatori.

23 Un altra criticità : i fattori di deprivazione materiale per bambini e ragazzi I minori poveri assoluti cioè quelli che non sono in grado di acquistare un paniere di beni e servizi essenziali che garantisca una vita dignitosa,sono 610 mila, il 6% del totale nel Nel 61,3% dei casi vivono al Sud. Tentativo di studiare i fattori di deprivazione materiale di bambini e ragazzi. 18 indicatori per valutarli (indagine EU SILC 2007) Difficoltà economiche per garantire un alimentazione adeguata garantire il vestiario necessario visita dentistica altra visita specialistica comprare libri extrascolastici andare a cinema, teatro, mostre comprare giochi non elettronici comprare giochi elettronici partecipare a gite/uscite scolastiche acquistare materiale scolastico acquistare PC per i minori frequentare centri sportivi, palestre, piscine frequentare corsi extrascolastici festeggiare ricorrenze fare regali di compleanno ad amici recarsi a feste di amici ricevere a casa amici per una merenda, pranzo, cena dare piccole somme di denaro ai figli (es. paghetta settimanale)

24 Quanto è diffusa la deprivazione materiale tra i minori? 1 milione e 762 mila bambini e ragazzi presentavano 5 o più di queste deprivazioni (16,8%) Le più frequenti TRA QUESTI: per motivi economici. Su quelli che hanno segnalato 5 o più deprivazioni Non frequentare centri sportivi, palestre, piscine 78.5 Non festeggiare ricorrenze 76.8 Non avere garantito il vestiario necessario 70.3 Non poter comprare giochi elettronici 68.3 Non poter fare regali di compleanno ad amici 67.8 Non frequentare corsi extrascolastici 64.5 Non poter acquistare PC per minori 63.8 Non poter recarsi a feste di amici 55.3 Non poter andare a cinema, teatro, mostre 55.2 Non poter comprare giochi non elettronici 54.7 Non poter comprare libri extrascolastici 51.1 Non sempre queste dimensioni si sovrappongono alla povertà monetaria

25 Dove si concentrano le difficoltà? Circa 1 milione di minori con almeno 5 deprivazioni risiede al Sud e nelle Isole (60% dei minori con 5 o più deprivazioni ) 937 mila minori con almeno 5 deprivazioni vivono in famiglie dove il principale percettore di reddito è operaio (53%) Attenzione alle criticità più forti: alimentazione adeguata (6% di tutti i minori) visita dentistica (4%) altra visita specialistica (2%) Impossibilità di ricevere a casa amici per una merenda, pranzo, cena (3%)

26 Il mondo variegato dei 14-17enni 7 gruppi della cluster condotta sull indagine multiscopo Le caratteristiche vanno considerate come orientative 1. Ragazzi del Centro Nord di estrazione sociale alta che frequentano licei,iper-attivi sul fronte culturale (21%) Risorse familiari adeguate, capofamiglia con laurea o diploma superiore, risultati scolastici ottimo o distinto alle medie, frequentano corsi, vanno al cinema, teatro,musei, concerti, leggono libri, fanno sport, usano pc e internet, sono coinvolti in associazioni, soddisfatti delle relazioni familiari, amici, tempo libero, situazione economica, guardano la tv meno di 3 ore. Vivono in un contesto culturale vivace e si attivano in linea con il contesto 2. Ragazze del Sud di estrazione sociale bassa che investono in cultura e negli studi e hanno ottimi risultati (21,1%) Il capofamiglia ha nella maggioranza dei casi la licenza elementare o media,molto collaborative in casa,frequentano licei o psicopedagogico, leggono molto, vanno al cinema, usano pc e internet, non bevono alcol, non frequentano corsi perché non possono permetterselo,sono soddisfatte di tutti gli aspetti della vita, anche di quello economico (si accontentano). Il rendimento scolastico ottimo è qui frutto della determinazione delle ragazze e non del contesto culturale in cui vivono.

27 Il mondo variegato dei 14-17enni 3. Ragazzi del Nord Est di estrazione sociale media, internauti, che socializzano molto ma hanno comportamenti a rischio di alcool (21%) Frequentano tecnici o professionali, leggono quotidiani ma poco i libri, vanno soprattutto a concerti di musica e al cinema, visitano musei e frequentano corsi di formazione, non leggono,vedono amici tutti i giorni, frequentano, bar,pub,discoteche, pizzerie fast food. Hanno comportamenti a rischio di alcol. Collaborano in casa apparecchiando e sparecchiando.. Vedono videocassette almeno una volta a settimana, hanno una loro stanza per sé. Rendimento scolastico sufficiente o buono. Hanno più opportunità del gruppo delle ragazze del Sud ma le sfruttano meno. 4. Ragazzi del Sud informatizzati che socializzano molto con amici, praticano sport, scarsa fruizione culturale (23,1%) Frequentano scuole tecnico-professionali, non fruiscono di spettacoli se non qualche volta al cinema, giocano a videogiochi tutti i giorni, usano pc e internet, si vedono quotidianamente con amici, frequentano strada, pizzerie, sale giochi, campi sportivi, non collaborano in casa. L istruzione del capofamiglia è almeno superiore. Rendimento scolastico sufficiente o buono

28 Il mondo variegato dei 14-17enni 5. Ragazze del Sud con risorse familiari scarse escluse da tutto (12,2%) Non usano pc né vanno su internet, una parte è ancora iscritta alla scuola media, insoddisfatte della situazione economica, socializzano poco, non fruiscono di nessun tipo di spettacolo, non giocano a videogiochi,vanno raramente in pizzeria o al cinema 6. Ragazzi che frequentano ancora le medie inferiori di risorse familiari scarse (4,5%) 7. Ragazzi che non sono iscritti a scuola, non usano pc e internet e non hanno nessun tipo di fruizione culturale, né praticano sport, insoddisfatti della situazione economica (5,2%)

29 Le bambine e le ragazze il soggetto più dinamico In sintesi: Ragazze e bambine segmento particolarmente dinamico Lo svantaggio femminile non esiste quasi più perché le femmine superano i maschi su tutto tranne sport e PC Le differenze di genere diminuiscono anche nei lavoretti in casa: meno attività tipicamente femminili per le femmine e più per i maschi Le ragazze investono di più in cultura e nello studio anche in ambienti sociali svantaggiati

30 Le differenze sociali e di opportunità ancora alte Le diverse opportunità da superare 80,9% famiglie con minori ha il Pc nel Nord-Ovest contro il 63,5% Isole 89,9% famiglie con minori con capofamiglia imprenditore-libero professionista-dirigente ha il Pc contro il 64,2% operai Più del 50% del Centro-Nord frequentano corsi; 39,7% Sud, 40,1% famiglie operaie 2/3 bambini (6-17 anni)leggono libri al Nord, 41,2% alle Isole, 51,4% famiglie operaie Tra Nord e Sud circa 20 punti di differenza nella fruizione di teatro, 11 per il cinema, 28 per musei e mostre (6-17 anni) Il rendimento scolastico dipende ancora molto dall estrazione sociale, seppure con l eccezione di un segmento di ragazze specie del Sud (14-17 anni)

INFANZIA E VITA QUOTIDIANA

INFANZIA E VITA QUOTIDIANA 18 novembre 2011 Anno 2011 INFANZIA E VITA QUOTIDIANA Cambia il contesto di vita familiare di bambini e ragazzi: tra il 1998 e il 2011 la quota di minori senza fratelli sale dal 23,8% al 25,7%; i minori

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

La vita quotidiana di bambini e ragazzi

La vita quotidiana di bambini e ragazzi CENTRO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE E ANALISI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali La vita quotidiana di bambini e ragazzi Anno 2008 Le indagini Multiscopo

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA. Come cambia la vita dei bambini Indagine statistica multiscopo sulle famiglie IL COMMENTO AI DATI TAVOLE STATISTICHE

SOMMARIO PREMESSA. Come cambia la vita dei bambini Indagine statistica multiscopo sulle famiglie IL COMMENTO AI DATI TAVOLE STATISTICHE SOMMARIO V PREMESSA Come cambia la vita dei bambini Indagine statistica multiscopo sulle famiglie IL COMMENTO AI DATI 3 14 18 28 32 38 41 50 62-1. Bambini in famiglia: la cura, il loro contributo in casa

Dettagli

Come cambia la vita dei bambini

Come cambia la vita dei bambini CONVEGNO L eccezionale quotidiano Come cambia la vita dei bambini Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Giornata per i diritti dell infanzia e dell adolescenza Firenze, Istituto degli Innocenti,

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

LA SCUOLA E LE ATTIVITÀ EDUCATIVE

LA SCUOLA E LE ATTIVITÀ EDUCATIVE 3 ottobre 2012 Anno 2011 LA SCUOLA E LE ATTIVITÀ EDUCATIVE Il 18,7% dei bambini di 0-2 anni frequenta un asilo nido pubblico o privato. La quota è maggiore nel Centro-nord, con un picco del 27,1% nel Nord-est,

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico FOTOGRAFIE DEI RAGAZZI DI OGGI Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico Cosa ha cambiato la TV? La comunicazione in famiglia La diversa diffusione dei valori Valore al possesso L oggetto

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Padri e madri dedicano più tempo ai figli Seminario. Analisi e riflessioni a partire da una ricerca Istat sui padri in Italia Padri e madri: tempi e ruoli Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Università Cattolica del Sacro Cuore Milano,

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 27 dicembre 2005 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2005 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA

L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA 5 aprile 2011 Anno 2010 L USO E L ABUSO DI ALCOL IN ITALIA Nel 2010 la quota di popolazione di 11 anni e più che ha consumato almeno una bevanda alcolica l anno è pari al 65,7%, in diminuzione rispetto

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

I tempi della vita quotidiana

I tempi della vita quotidiana I tempi della vita quotidiana Relazione Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Roma, 20 dicembre 2005 Aula Magna - Istituto nazionale di statistica L uso del tempo in Italia e in Europa:

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Principali trasformazioni dell uso del tempo in Italia

Principali trasformazioni dell uso del tempo in Italia Andare a tempo L uso quotidiano del tempo e le politiche urbane Principali trasformazioni dell uso del tempo in Italia Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Maria Clelia Romano Ricercatore Istat

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

L integrazione sociale delle persone con disabilità

L integrazione sociale delle persone con disabilità 4 luglio 2005 L integrazione sociale delle persone con disabilità Anno 2004 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Tempi, salute, risorse e dimensioni del vivere. Cosa è cambiato in una prospettiva di genere e sviluppo umano Primi risultati dell indagine ICESmo3

Tempi, salute, risorse e dimensioni del vivere. Cosa è cambiato in una prospettiva di genere e sviluppo umano Primi risultati dell indagine ICESmo3 Tempi, salute, risorse e dimensioni del vivere. Cosa è cambiato in una prospettiva di genere e sviluppo umano Primi risultati dell indagine ICESmo3 Tindara Addabbo*e Anita Chiarolanza** *CAPP - Dipartimento

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 12 aprile 2007 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2006 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, con particolare riguardo

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania I LAVORI MINORILI NELLE GRANDI CITTA ITALIANE Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania Indagine Ires Cgil 2006 Ipotesi della nuova indagine Ires Si possono individuare

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali Quadro di confronto tra le attività di tempo libero praticate negli anni Attività del tempo libero praticante almeno una volta nei tre mesi precedenti all'intervista

Dettagli

Il disagio economico delle famiglie

Il disagio economico delle famiglie delle famiglie Cristina Freguja Dirigente Servizio Condizioni economiche delle famiglie Cagliari, 17 settembre 2010 Gli indicatori di deprivazione materiale L indagine reddito e condizioni di vita EU-SILC

Dettagli

Esperienze di sicurezza alimentare

Esperienze di sicurezza alimentare Esperienze di sicurezza alimentare Progetto Abitudini e stili alimentari ISIS Andrea Torrente - Casoria Classe V B indirizzo Enogastronomia Docente: Paola Cinque Tutor: Maria Marino, Istat Napoli, 22 ottobre

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

TRENDS Q U A N T I F I G L I...

TRENDS Q U A N T I F I G L I... PULSE MAMME D'ITALIA FATTI E NUMERI SULLA MATERNITA' IN ITALIA. UN INVITO DEL CIRCOLO LE MAMME DI AZIONE NAZIONALE AD APRIRE UNA RIFLESSIONE, PER DAR VOCE E RAPPRESENTANZA POLITICA ALLA MATERNITÀ IN ITALIA

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli IL PROFILO DEL FUMATORE REATINO Dati Progetto PASSI - Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Nella

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

LE BIBLIOTECHE NELLE DIETE DI CONSUMO CULTURALE Un esperimento metodologico

LE BIBLIOTECHE NELLE DIETE DI CONSUMO CULTURALE Un esperimento metodologico L ILIOTH NLL IT I ONSUMO ULTURL Un esperimento metodologico Introduzione La nozione di dieta di consumo multimediale L uso della biblioteca come dimensione del consumo multimediale La biblioteca oggi:

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze Comune di Cervia Comune di Ravenna Comune di Russi QUESTIONARIO Per alunni neo-arrivati Fonte: COSPE Firenze 1 Ciao! Sei appena arrivato in questa scuola e anche nella nostra città. Sappiamo che per te,

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

8CULTURA E TEMPO LIBERO

8CULTURA E TEMPO LIBERO 8CULTURA E TEMPO LIBERO Nel 2013, gli istituti museali statali hanno registrato oltre 38 milioni di presenze, di cui quasi il 65 per cento nel Centro Italia, concentrate in particolare in Toscana, regione

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT)

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Immigrazione e salute in Italia e Trentino Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Migranti, salute e accesso ai servizi sanitari: alcune considerazioni di partenza (I) Parliamo

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

Le differenze di genere nelle attività del tempo libero

Le differenze di genere nelle attività del tempo libero 26 aprile 2006 Le differenze di genere nelle attività del tempo libero Anni 2002-2003 L indagine Multiscopo sulle famiglie Uso del tempo fornisce informazioni sulle attività di vita quotidiana e sul modo

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

INDAGINE SULLA LETTURA, IL TEMPO LIBERO E I CONSUMI CULTURALI NELLA CITTÀ DI AVELLINO

INDAGINE SULLA LETTURA, IL TEMPO LIBERO E I CONSUMI CULTURALI NELLA CITTÀ DI AVELLINO CITTADINI PER LE BIBLIOTECHE AVELLINESI PRESIDIO DEL LIBRO AVELLINO Associazione senza scopo di lucro INDAGINE SULLA LETTURA, IL TEMPO LIBERO E I CONSUMI CULTURALI NELLA CITTÀ DI AVELLINO Ti chiediamo,

Dettagli

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore

Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore Il consumo di latticini e formaggi: i cambiamenti nel tempo e l identikit del consumatore 11 Febbraio 2014 Isabella Cecchini Direttore Dipartimento Ricerche sulla Salute - GfK Eurisko GfK Eurisko Milano,

Dettagli

La relazione adulto-giovane: le risorse esterne Annella Bartolomeo

La relazione adulto-giovane: le risorse esterne Annella Bartolomeo Servizio di Psicologia dell'apprendimento e dell'educazione in Età Evolutiva Universi a confronto: adulti e bambini-ragazzi nei contesti di crescita La relazione adulto-giovane: le risorse esterne Annella

Dettagli

La lettura di libri in Italia

La lettura di libri in Italia La lettura di libri in Italia 10 maggio 2007 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie. Le informazioni presentate

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 16 gennaio 2008 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2007 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Le questioni di genere nei processi, negli approcci e negli strumenti di valutazione delle politiche pubbliche

Le questioni di genere nei processi, negli approcci e negli strumenti di valutazione delle politiche pubbliche Le questioni di genere nei processi, negli approcci e negli strumenti di valutazione delle politiche pubbliche Intervento: La valutazione ex ante: l importanza delle Indagini sociali dell Istat Relatore:

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 20 aprile 2006 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2005 Con l indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana si rilevano ogni anno numerose informazioni sulle famiglie, in particolare vengono studiati

Dettagli

Le famiglie e le festività natalizie Monza e Lombardia

Le famiglie e le festività natalizie Monza e Lombardia Le famiglie e le festività natalizie Monza e Lombardia con il coordinamento scientifico di Metodologia e caratteristiche: il campione Somministrazione telefonica di un questionario a 900 responsabili degli

Dettagli

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE.

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. Carla Ge Rondi Dipartimento di Statistica ed Economia applicate L. Lenti Università di Pavia Premessa. Nel mio intervento ho ritenuto di portare l attenzione

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Benessere equo e sostenibile 2015: principali risultati

Benessere equo e sostenibile 2015: principali risultati Benessere equo e sostenibile 2015: principali risultati Linda Laura Sabbadini Direttore dipartimento statistiche sociali e ambientali 2 dicembre 2015 Veniamo da qui ci teniamo a questo percorso Indagine

Dettagli

Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali

Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali Stili di vita insalubri: diseguaglianze sociali e territoriali Laura Iannucci Lidia Gargiulo * Emanuela Bologna * Elena Demuru ** Diego Moretti * Valeria Qualiano ** Roberto Zoffoli ** *ISTAT ** Servizio

Dettagli

Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo. A cura del Centro Studi ALSPES

Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo. A cura del Centro Studi ALSPES Indagine sul rischio di morosità 2011 Analisi dei servizi scolastici del Comune di Melzo A cura del Centro Studi ALSPES 1 Struttura della presentazione Parte I Il quadro dell utenza dei servizi di refezione

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume Convegno su La paternità in Italia Roma, ottobre 5 - ISTAT Come e quando si diventa padri Alessandro Rosina Istituto di studi su popolazione e territorio Università Cattolica Milano alessandro.rosina rosina@unicatt.itit

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

I CONSUMI CULTURALI DEI CITTADINI DEI COMUNI DEL CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST - presentazione dei risultati -

I CONSUMI CULTURALI DEI CITTADINI DEI COMUNI DEL CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST - presentazione dei risultati - Cosa vediamo? I CONSUMI CULTURALI DEI CITTADINI DEI COMUNI DEL CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST - presentazione dei risultati - Nobody s Unpredictable METODOLOGIA UTILIZZATA Universo di riferimento:

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012) San Marino, 26 Giugno 2013 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2012) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

PUNTI LUCE Settembre 2015

PUNTI LUCE Settembre 2015 PUNTI LUCE Settembre 2015 ILLUMINIAMO IL FUTURO DEI BAMBINI CHI SIAMO Save the Children è la più importante organizzazione internazionale indipendente, dedicata dal 1919 a salvare i bambini in pericolo

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

I risultati dei questionari allegati alle domande d iscrizione al servizio dei nidi d infanzia

I risultati dei questionari allegati alle domande d iscrizione al servizio dei nidi d infanzia I risultati dei questionari allegati alle domande d iscrizione al servizio dei nidi d infanzia Indagine conoscitiva sulla condizione socio-occupazionale dei genitori che hanno fatto domanda al nido d infanzia

Dettagli