ESAMI DI STATO a.s.2010/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO a.s.2010/2011"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi Via Otranto 1, angolo Cittadini Milano Tel /8 Fax Sito Cod. Fisc Prot.n 3058/C29 del 16/05/2011 ESAMI DI STATO a.s.2010/2011 Documento del Consiglio di Classe 5O Corso serale Diploma di TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI

2 I n d i c e Frontespizio 1 Consiglio di Classe Elenco candidati e percorsi / tesine....4 Profilo professionale..5 Presentazione della classe.. 6 Contenuti disciplinari.7 Presentazione Area di Professionalizzazione del biennio ( classe 4 e classe 5 ) 21 Criteri di valutazione del Consiglio di Classe..22 Modalità e strumenti di lavoro del Consiglio di Classe Attività integrative ed extra-curricolari 24 Simulazioni prove Esami di Stato (descrizione e tipologia) Prima simulazione Terza Prova Esami di Stato...26 Seconda simulazione Terza Prova Esami di Stato 33 Griglia di Valutazione Terza Prova..39 Prospetto sintetico Valutazione Terza Prova 40 Griglia Valutazione per il Colloquio 41 Griglie di Valutazione per la Prima Prova Scritta 42 Griglia di Valutazione per la Seconda Prova Scritta 46 2

3 COMPONENTI DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^O TUR A.S. 2010/2011 MATERIA DOCENTI FIRMA ITALIANO RENATA LARGHI STORIA GEOGRAFIA INGLESE FRANCESE STORIA DELL ARTE RENATA LARGHI CARMELA CURZIO MARIA D ANNIBALE PAOLO CULTRERA LIUBA PICINI MATEMATICA ROBERTO GUALANO ECONOMIA E TECNICA DELL IMPRESA TURISTICA TECNICA DELLE COMUNICAZIONI E RELAZIONI TECNICA DEI SERVIZI E PRATICA OPERATIVA GIUSEPPINA VALLELONGA ANTONINO SERGI MANUELA SANTANGELO Milano 10 maggio 2011 IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Luca Azzollini)

4 ELENCO CANDIDATI DELLA CLASSE 5^O TUR A.S. 2010/2011 CANDIDATI PERCORSI/TESINE 1) Argentiero Maria Palma SOTTO IL SEGNO DEL MARKETING La segmentazione del mercato turistico in base ai bisogni 2) Carrera Richard LA GRANDE EMIGRAZIONE 3) Crespo Leonardo STRATEGIE DI MERCATO Come combattere la concorrenza 4) D Adamo Giada LA MODA PASSA LO STILE RESTA La vita straordinaria di Coco Chanel 5) Licata Chiara IN VIAGGIO CON L ARTE 6) Volpe Katia VIVERE LA SICILIA. BELLEZZE NATURALI E TURISTICHE Santo Stefano di Camastra: meta turistica e culturale da scoprire 4

5 PROFILO PROFESSIONALE Obiettivi trasversali in riferimento ai profili professionali Il TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI è in possesso di una adeguata cultura di base, di spirito di iniziativa, di senso critico, di capacità di recepire il cambiamento e di adattarsi ad esso, di doti di disponibilità e interesse a comprendere le richieste e le esigenze che provengono dal mondo esterno e conosce in modo approfondito le caratteristiche del fenomeno turistico nelle sue molteplici articolazioni. In particolare possiede: a) IN TERMINI DI CONOSCENZE PROFESSIONALI : un'adeguata ed essenziale cultura di base storica, geografica, giuridico-economica, politica, artistica, etc.; la conoscenza scritta e parlata di due lingue straniere; la consapevolezza del ruolo, delle articolazioni, delle implicazioni economiche del settore turistico; la conoscenza approfondita dei prodotti turistici, delle fasce di possibile utenza, dei modi per accrescere l'interesse e la fruibilità del prodotto senza snaturarlo; la conoscenza degli elementi fondamentali della struttura organizzativa delle varie imprese turistiche; la conoscenza della gestione finanziaria, economica delle imprese turistiche; la conoscenza dei canali di commercializzazione e del marketing; la padronanza delle tecniche operative di base con particolare attenzione all'utilizzo degli strumenti informatici. b) IN TERMINI DI COMPETENZE PROFESSIONALI : la capacità di leggere e di interpretare autonomamente eventi, problematiche e tendenze del mondo circostante; la padronanza dei mezzi espressivi e di comunicazione, parlati, scritti, telematici; buone capacità comunicative, non solo in termini di espressione linguistica ( in italiano o nelle lingue straniere), ma anche di comunicazione non verbale; la flessibilità e disponibilità al cambiamento; la capacità di impegnarsi a fondo per raggiungere un obiettivo; adeguate doti di precisione, attenzione, concentrazione; un comportamento improntato alla tolleranza, all'autocontrollo e al senso della misura; la consapevolezza del proprio ruolo unita a doti di affidabilità. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 5

6 La classe inizialmente composta da dieci studenti ne conta adesso soltanto sei poichè nel corso dell anno quattro di essi si sono ritirati. Essa è caratterizzata da una preparazione eterogenea anche se quattro alunni provengono dalle precedenti classi serali nello stesso istituto Paolo Frisi e due dalle corrispondenti classi del corso diurno. Gli allievi sono tutti studenti lavoratori maggiorenni, che in relazione ai loro impegni familiari e lavorativi, hanno comunque evidenziato un interesse globalmente accettabile per le varie discipline. Il loro atteggiamento è stato aperto e disponibile nell acquisire le competenze necessarie per poter svolgere con professionalità il ruolo di tecnico dei servizi turistici, determinando il completamento del percorso formativo. L esiguo numero dei componenti della classe, ha un po penalizzato la formazione di un gruppo stabile, generatore di dinamiche volte alla promozione delle capacità individuali e di gruppo. Anche gli impegni di lavoro a tempo pieno hanno a volte condizionato la partecipazione degli allievi al dialogo educativo. In definitiva, il metodo di studio ed il livello d apprendimento della maggior parte della classe, se pur diversificato nelle varie discipline anche in virtù delle diverse situazioni personali, è da considerarsi accettabile, buono per pochissimi e discreto per alcuni. Il C.d.C, costituito da 9 docenti, ha garantito la continuità educativo-didattica in tutte le discipline. 6

7 CONTENUTI DISCIPLINARI I contenuti disciplinari sono trattati nelle singole schede di programmazione didattico-disciplinare come segue: MODULO I PROGRAMMA D ITALIANO Sotto il segno del Realismo Il Positivismo Il Naturalismo e il Romanzo Sperimentale di Emile Zola Il Verismo Giovanni Verga: la vita e le opere La prima fase della sua produzione La svolta verista I Malavoglia : la trama e i personaggi Mastro don Gesualdo : la trama e i personaggi Le Novelle Testi: -Lettura della Prefazione ai Malavoglia -Lettera-prefazione a L amante di Gramigna - "La morte di Mastro don Gesualdo -Le Novelle : Nedda ; Libertà ; Fantasticheria ; MODULO II Sotto il segno del Decadentismo La crisi del Positivismo I precursori del Decadentismo: C. Baudelaire L Estetismo Giovanni Pascoli: la vita e le opere L infanzia e la morte del padre 7

8 La critica al Positivismo e la scelta del Simbolismo Il nido domestico e la paura della vita Myricae e lo sperimentalismo linguistico Le prose: Il fanciullino - La Grande Proletaria si è mossa Testi: Analisi di alcune poesie tratte da Myricae: - X Agosto ; Il lampo ; Il tuono ; Il temporale. Gabriele D Annunzio: la vita e le opere Il successo letterario e la vita mondana nella capitale Gli anni ottanta e il mito dell esteta Gli anni novanta e il mito del superuomo Le Laudi (cenni) Alcyone e il sensualismo panico Il Notturno (cenni) Testi: - La - La pioggia nel pineto Luigi Pirandello: la vita e le opere 8 La visione del mondo: maschera/volto La frantumazione dell Io: A. Binet e S. Freud. La frantumazione del personaggio Il relativismo conoscitivo L Umorismo: un arte di scomporre il reale Il fu Mattia Pascal : la costruzione di una nuova identità e la sua crisi. Pirandello e il teatro: Sei personaggi in cerca d autore Testi: - Novelle: Il treno ha fischiato - - Opere teatrali: - Video: Così è se vi pare (Compagnia teatrale di Romolo Valli) - Uscita didattica a teatro: Il fu Mattia Pascal.

9 Italo Svevo: la vita e le opere L impiego, i primi romanzi, l abbandono della letteratura L incontro con la psicoanalisi e il successo tardivo Il tema dell inettitudine: Una Vita; Senilità La coscienza di Zeno Testi: - Il fumo da La Coscienza di Zeno - Il funerale mancato da La Coscienza di Zeno MODULO III Un età di sperimentalismi Il Futurismo e il Crepuscolarismo (Cenni) L Ermetismo Giuseppe Ungaretti Vita d un uomo La poetica L opera Testi : - Porto Sepolto ; Veglia ; San Martino del Carso ; Fratelli ; Mattina ; Soldati ; Sono una creatura ; La madre. N.B. Le correnti letterarie e gli autori sopra elencati sono stati presentati alla classe sino alla data del 9 maggio. Si prevede di poter concludere il programma entro la fine dell anno scolastico, con la trattazione degli argomenti che qui seguono. Eugenio Montale Una lezione di decenza La poetica Testi : - Non chiederci la parola ; Spesso il male di vivere ho incontrato. Salvatore Quasimodo La vita 9

10 La poetica Testi: - Ed è subito sera ; Alle fronde dei salici MODULO IV LA PRODUZIONE SCRITTA Gli alunni sono in grado di produrre testi secondo le diverse tipologie di scrittura previste dagli esami di Stato: analisi testuali, saggi brevi, temi. PROGRAMMA DI STORIA MODULO I L EUROPA AGLI ESORDI DEL XX SECOLO Nazioni e potenze all inizio del Novecento L Italia giolittiana Verso la Prima Guerra Mondiale Mondo Socialista e Mondo Cattolico L Imperialismo: conquiste coloniali in Asia Triplice Intesa e Triplice Alleanza Cause politiche, economiche, territoriali della guerra MODULO II LA PRIMA GUERRA MONDIALE L inizio del conflitto: l attentato di Serajevo Dalla guerra di movimento alla guerra di posizione Il fronte occidentale e il fronte orientale del conflitto L Italia: dalla neutralità all intervento L allargamento del conflitto 1917: la resa della Russia e l intervento degli Stati Uniti 1917: Italia, da Caporetto al Piave 1918: l anno della vittoria Il tragico bilancio della guerra MODULO III LA RIVOLUZIONE RUSSA La caduta dello zar e la Rivoluzione di febbraio La rivoluzione di ottobre La guerra civile MODULO IV 10

11 IL PRIMO DOPOGUERRA E L ASCESA DEL FASCISMO Il Trattato di Versailles I Quattordici Punti di Wilson e la Società delle Nazioni Il Nuovo assetto territoriale europeo L Italia e la vittoria mutilata Conseguenze economiche-sociali della guerra in Italia La paura dei ceti medi : due anni difficili: inflazione e disoccupazione Il Biennio rosso: occupazione delle fabbriche e delle terre La nascita dei Partiti di massa: Partito Popolare e Partito Comunista Dai Fasci di Combattimento al Partito Nazionale Fascista Le elezioni del 1921 e la Marcia su Roma Dal delitto Matteotti alla dittatura fascista Il regime totalitario di massa I Patti Lateranensi La crisi degli anni 30 e l Autarchia La politica estera del Fascismo: la guerra d Etiopia Gli oppositori del regime: gli antifascisti MODULO V IL NEW DEAL La crisi del 1929 Le origini della crisi Il Presidente Roosevelt e il New Deal MODULO VI L ASCESA DEL NAZISMO La repubblica di Weimar L inflazione e la crisi della Democrazia I motivi del successo nazista I nazisti al potere La dottrina del nazismo: il Mein Kampf La persecuzione degli Ebrei Lo sviluppo economico della Germania nazista N.B. Gli argomenti sopra elencati sono stati presentati alla classe sino alla data del 9 maggio. Si prevede di poter concludere il programma entro la fine dell anno scolastico, con la trattazione degli argomenti che qui seguono. MODULO VII LA SECONDA GUERRA MONDIALE Verso la guerra I Patti di alleanza con l Italia L alleanza con il Giappone L espansionismo tedesco: l annessione dell Austria e della Cecoslovacchia Il Patto Molotov-Ribbentrop La Seconda Guerra Mondiale (Cenni) 11

12 La caduta del fascismo La fine della guerra MODULO CONCLUSIVO L UNIONE EUROPEA Sussidi Didattici: Film: Uomini Contro di F. Rosi; "Il Delitto Matteotti". Alcuni capitoli del Testo in adozione e appunti. PROGRAMMA DI GEOGRAFIA a. s. 2010/2011 Materia Docente Testo in adozione Geografia turistica Prof. ssa Curzio Carmela Rossella Kohler - Sandro Moroni - Stefano Bianchi, Passaporto per il mondo, De Agostini, Novara 2006 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI - Organizzazioni internazionali: ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite). 1) Asia Il continente in generale - Conoscere l importanza e il funzionamento dell ONU. 2) Africa - Egitto; - Unione Indiana; - Israele; - Giappone. - Senegal; - Kenya. Conoscere i paesi in esame dal punto di vista fisico, politico, demografico, economico e turistico; 3) America - Stati Uniti; - Cuba; - Perù. 12

13 INGLESE 5 O tur a.s /2011 Docente : Maria D Annibale Testo: Gateway to Tourism Lang Ed. Ripasso - Lessico e fraseologia per descrizione, domande e risposte tours, packages, reservations, meals, transport, itineraries, etc. - Tour Pompei pag domande pag. 245 es. n.1+ oral and written summary - Aeolian Islands tour pag domande pag. 331 es. n.3 + oral and written summary - Corrispondenza : of enquiry pag. 63 (Gucci) + es. n 3 domande of reply pag. 64 es n. 4 letter of enquiry pag domande pag 107/8 + oral and written summary letter of reply su traccia pag. 108 n. 3 Lingua If clauses Corrispondenza - Tipologia di lettere - booking fax pag. 69 mini guide + domande + oral and written summary - booking form pag. 70 mini guide + domande + oral and written summary - booking pag. 71 mini guide + domande + oral and written summary - fax confirming booking pag. 74 mini guide + domande + oral and written summary - confirming booking pag 75 mini guide + domande + oral and written summary - fax cancelling booking pag. 76 mini guide + domande + oral and written summary - cancelling booking pag. 77 mini guide + domande + oral and written summary - complaint letter pag. 81 mini guide + domande + oral and written summary - complaint letter pag. 103 book + domande + oral and written summary - adjustment letter pag. 104 book + domande + oral and written summary o circular letter pag domande pag oral and written summary o CV pag. 296 o cover letter pag. 296 o cover letter pag. 298 Turismo o The United States o New York o Southern Sun Tour pag domande es n. 3 pag. 142 N.B. Gli argomenti contrassegnati con un cerchietto che precede la voce non sono ancora stati svolti ad oggi ( ) 13

14 ù PROGRAMMA DI FRANCESE a. s. 2010/2011 Prof. Paolo Cultrera Libro di testo: Francesca Ponzi, Elisabetta Visintainer, Jean-Claude Rousseau Décriptez le tourisme ediz. Lang. LA GRAMMAIRE Révision des principales structures grammaticales étudiées précédemment, Le futur proche, le passé récent, le présent progressif, Les verbes vouloir, pouvoir, devoir au présent, imparfait, futur, L accord du participe passé, Les pronoms personnels. Les possessifs Les démonstratifs La negation L interrogation CORRESPONDANCE COMMERCIALE Les parties de la lettre commerciale, La lettre commerciale, Demande de conditions, Demande de documentation, Réponse à demande de documentation. La compagnie des wagons-lits Les trains et les horaires Les hôtels PRÉSENTER UNE RÉGION ITALIENNE : L OMBRIE. L histoire, L art, Les manifestations, La gastronomie. PRÉSENTER UNE RÉGION FRANÇAISE : L ILE-DE-France. L histoire, L art, L économie, Les transports et le tourisme, Les manifestations, Le parc hôtelier, La gastronomie. PRÉSENTER PARIS Position géographique, Les parcours dans la ville : le Louvre, les Tuileries, la Concorde, 14

15 les Champs-Elysées, l Arc de Triomphe, la Tour Eiffel, les Invalides. Laboratoire : Vision et traduction du film «La vie en Rose» Ecoute et traduction des chansons françaises Materia: STORIA DELL ARTE Docente: ANTONELLA LIUBA PICINI Programma svolto a.s CLASSE 5O tur Finalità della materia - imparare a leggere un testo visivo - essere consapevoli degli elementi che costituiscono l immagine - acuire il senso della visione e la capacità di osservazione - esplorare la creatività negli artisti e di riflesso in loro stessi - imparare a distinguere diversi cicli storici attraverso la loro differente produzione artistica - acquisire una conoscenza delle principali correnti e dei principali artisti delle varie epoche - acquisire una capacità critica e cognitiva - acquisire un linguaggio specifico della materia - promuovere la conoscenza del patrimonio artistico in Italia e all estero Definizione degli obiettivi - Fornire agli studenti gli strumenti articolati per poter essere in grado di decodificare un testo visivo di ogni ordine e grado. - Conoscere la grammatica dell immagine (spazio-linea-colore-composizione-luce ombra-forze dinamiche dello spazio), dei suoi codici e delle sue icone, applicandoli a opere pittoriche, scultoree, architettoniche, urbanistiche, nonché multimediali, televisive, filmiche. - Avere entusiasmo per le opere d arte prodotte dall uomo nella storia, cercando di analizzarle profondamente per poterne penetrare il contenuto e il mistero. - Saper riconoscere stili architettonici e pittorici presenti nel territorio, per il periodo compreso nell arco storico del programma - Sviluppare capacità di osservazione critica - Riconoscere stili, materiali e tecniche della produzione artistica - Saper fare collegamenti con le altre materie, specialmente con italiano, storia e letteratura straniera 15

16 - Avere delle nozioni base di come operano gli artisti ai nostri giorni Definizione dei Contenuti Modulo Propedeutico Elementi di grammatica visiva: - il concetto di arte - elementi fondanti del linguaggio visivo - la linea: differenti tipologie e significati - il colore -la luce -funzionamento della visione - colori primari/secondari, puri/impuri, saturi/insaturi, caldi/freddi - lo spazio, le sue categorie e i significati - cenni di prospettiva - luce e ombra: valori naturali e simbolici - la composizione e le forze dinamiche, movimento/staticità nelle opere Modulo 1 Il Rinascimento e il Manierismo - Michelangelo: cenni biografici e poetica - La Pietà, Volta della Cappella Sistina, Giudizio Universale, Pietà Rondanini - Raffaello: cenni biografici e poetica Madonne - Stanze Vaticane: Stanza della Segnatura La Trasfigurazione La Deposizione - Il Manierismo: analisi storica e culturale del periodo carattersitche contenutistiche e formali - Le deposizioni di Pontormo e di Rosso Fiorentino Modulo 2 Il Barocco - Caratteristiche generali Le tre correnti del Architettura barocca: struttura, schemi e simbologia - Caravaggio: cenni biografici e poetica Canestra di frutta - La morte della Madonna Deposizione La vocazione di S. Matteo - Comparazione e confronti iconografici fra le Deposizioni di Caravaggio, Raffaello, Giotto, Rosso Fiorentino Modulo 3 Neoclassicismo e Romanticismo - Tratti e caratteri dell illuminismo e del Neoclassicismo - Piermarini a Milano: il Teatro alla Scala - David: cenni biografici e caratteri della pittura neoclassica Il Giuramento degli Orazi, La morte di Marat - Canova: cenni biografici e caratteri della scultura neoclassica Paolina Borghese come Venere, Amore e Psiche - Goya: cenni biografici e poetica La fucilazione del 3 maggio - Il Romanticismo: caratteri generali e caratteristiche - Friedrich: Viandante su mare di nebbia - Gericault: Ritratti di alienati - Delacroix: La libertà che guida il popolo - Hayez: i ritratti, Il bacio, I vespri siciliani Modulo 4 16

17 Realismo e impressionismo - Realismo: caratteri generali della pittura realista - Courbet: Un seppellimento ad Ornans - L impressionismo: cenni storici e caratteri generali - Manet: Colazione sull erba - Olympia - Degas: Lezione di danza - Renoir: Ballo al Moulin de la Galette, Le grandi bagnanti Modulo 5 Il post impressionismo - Caratteri generali e panorama storico - Seurat e il puntinismo Una domenica pomeriggio sull isola della Grande-Jatte - Il Divisionismo italiano: Fattori Lega Segantini - Pelizza da Volpedo: Il Quarto Stato - Gaugin: cenni biografici e poetica Il periodo bretone: Il Cristo Giallo - Gaugin: Il periodo di Tahiti Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? - Van Gogh: cenni biografici e poetica periodo olandese: I mangiatori di patate - Van Gogh: Periodo francese: I girasoli Caffè di notte Campo di grano Autoritratto - Munch: cenni biografici e poetica La bambina malata; l Urlo Modulo 6 Il Art Noveau: cenni storici e geografici caratteristiche stilistiche generali - Gaudì e il Modernismo: Casa Batlò e la Sagrada Familia a Barcellona - Klimt e la Secessione Viennese - I fauves e Matisse: caratteri generali ed espressivi - La stanza rossa, La danza - Il cubismo e Picasso: caratteri generali ed espressivi del Cubismo Guernica - Il futurismo: caratteri generali Boccioni: La città che sale Forme uniche della continuità nello spazio. Programma di Matematica Istituto P. Frisi Anno scolastico 20010/11 Classe V O tur corso serale Docente: Gualano Roberto Contenuti - Ripasso equazioni I e II grado intere; disequazioni di I e II grado intere e fratte. - Funzioni - Definizione di funzione, di dominio e di codominio di funzione; determinazione del dominio di una funzione razionale e di una funzione irrazionale data la loro equazione. - Determinazione del dominio e del codominio di una funzione dato il grafico della funzione. - Intervalli. - Studio del segno di una funzione. - Limiti - Intorni sinistri, destri e completi di un punto e di infinito. - Definizione di funzione continua. 17

18 - Limiti di funzioni: approccio intuitivo al concetto di limite con esempi e rappresentazione grafica. Interpretazione grafica di quattro casi generali: limite per xc di f(x) uguale ad un valore finito; limite per xc di f(x) uguale ad un valore infinito; limite per x di f(x) uguale ad un valore finito; limite per x di f(x) uguale ad un valore infinito. - Calcolo di limiti: forma indeterminata 0/0 e /. - Concetto di asintoto orizzontale e verticale e loro determinazione. -.Lettura di grafici: - saper ricavare dal grafico di una funzione, il dominio, il codominio, i limiti agli estremi del dominio; le intersezioni con gli assi; l insieme di positività; le equazioni degli eventuali asintoti. PROGRAMMI SVOLTI DI: 1) ECONOMIA E TECNICA DELL IMPRESA TURISTICA Docente: Giuseppina Vallelonga 2) TECNICA DEI SERVIZI E PRATICA OPERATIVA Docente: Manuela Santangelo TESTO IN ADOZIONE: I MPRESA TURISMO- Economia e tecnica dell azienda turistica - LATTANZI- PAGANI- SASSI EDIZIONE PARAMOND MOD 1 IL PATRIMONIO DELL IMPRESA TURISTICA UNITA 1 IL CAPITALE Investimenti e Finanziamenti Il Patrimonio Il Patrimonio sotto l aspetto qualitativo Il Patrimonio sotto l aspetto quantitativo La valutazione degli elementi del patrimonio I criteri di valutazione ( del valore nominale, del presunto valore di realizzo, del costo storico ridotto delle quote di ammortamento, del costo medio ponderato, Lifo e Fifo) UNITA 2 L INVENTARIO Il concetto di inventario L inventario di costituzione L inventario di esercizio L inventario delle imprese turistiche L inventario nelle agenzie di viaggi MOD 2 LA GESTIONE AMMINISTRATIVA UNITA 1 LE RILEVAZIONI CONTABILI Il sistema informativo aziendale Le rilevazioni aziendali La classificazione delle rilevazioni aziendali I registri obbligatori secondo la legislazione civile e fiscale Le rilevazioni contabili previste per gli alberghi e ADV Il conto La contabilità generale UNITA 2 IL BILANCIO D ESERCIZIO La funzione del bilancio d esercizio La struttura del bilancio d esercizio La revisione e la certificazione L approvazione del bilancio Il bilancio in forma abbreviata Il bilancio consolidato 18

19 UNITA 3 L ANALISI DI BILANCIO L interpretazione del bilancio e l analisi di bilancio per indici Gli indici di composizione dello Stato Patrimoniale Gli indici finanziari e patrimoniali : gli indici di copertura ( incidenza dei finanziamenti a lungo termine sulle immobilizzazioni - incidenza del PN sulle immobilizzazioni - indice di copertura degli investimenti ), gli indici di liquidità ( current ratio quick ratio) Gli indici di redditività: ROE (Re/PN* 100) ROI ( Ro/TA*100) MOD 3 IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO UNITA 1 LA GESTIONE STRATEGICA Il concetto di strategia La pianificazione strategica: fasi analisi definizione degli obiettivi formulazione UNITA 2 IL BUDGET Il budget come strumento di programmazione Le tipologie di budget I budget settoriali dell impresa alberghiera: il budget Room Division il budget Food & Beverage Il budget nelle imprese di viaggi I budgetary control: l analisi degli scostamenti dei costi variabili e dei costi fissi MOD 4 LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE TURISTICHE UNITA 1 LE FONTI DI FINANZIAMENTO I finanziamenti I finanziamenti interni ed i finanziamenti esterni I mutui passivi Il credito ordinario: L apertura di credito Lo sconto di cambiali - Il portafoglio salvo buon fine I prestiti obbligazionari I finanziamenti pubblici 19 UNITA 2 IL FACTORING E IL LEASING Il Factoring Il Leasing Le diverse forme di leasing: Leasing operativo Leasing finanziario Lease-back MOD 5 IL MARKETING E IL MERCATO TURISTICO UNITA 1 IL MARKETING E IL MERCATO TURISTICO Il marketing Il marketing nel turismo Le ricerche di marketing UNITA 2 IL MARKETING STRATEGICO L analisi della domanda Il comportamento d acquisto del turista La segmentazione del mercato Il posizionamento del prodotto Il piano di marketing UNITA 3 IL MARKETING OPERATIVO Il marketing mix Il prodotto Il prezzo La distribuzione del prodotto turistico UNITA 4 IL MARKETING- MIX: - LA COMUNICAZIONE La comunicazione nelle imprese turistiche Le fasi dello sviluppo di una comunicazione efficace La pubblicità Le pubbliche relazioni La promozione delle vendite MOD 6 - LA GESTIONE DEL FRONT OFFICE IN HOTEL

20 La comunicazione Regole della comunicazione telefonica Il Front Office Il Capo Ricevimento L Addetto al Front Office Il Ciclo Cliente Comportamento dell addetto al front office e dell impiegato di ADV La privacy del cliente PROGRAMMA SVOLTO DI: TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE A.S. 2010/2011 Prof Antonino Sergi A. Tecniche di comunicazione nel gruppo Il concetto di gruppo. Tipologia di gruppi Appartenenza e interdipendenza Gruppo e attrazione interpersonale: la coesione I fattori che favoriscono la coesione di gruppo I fattori che impediscono la coesione di gruppo I risultati negativi della coesione di gruppo La facilitazione sociale: attivazione emotiva e apprensione emotiva B. Le relazioni umane o interpersonali 20 I bisogni e le motivazioni. Le motivazioni turistiche. I nuovi bisogni dei turisti. La segmentazione del mercato turistico. L ascolto di gruppo C. Il fattore umano e la comunicazione in azienda La storia del fattore umano. Il concetto di qualità totale. La comunicazione interna ed esterna all azienda. L immagine aziendale e le pubbliche relazioni.. D. La comunicazione aziendale nel turismo Marketing e marketing mix. Marketing mix e prodotto turistico. Marketing mix e promozione: a) il linguaggio della pubblicità; b) l efficacia comunicativa di un messaggio pubblicitario. c) la pubblicità nel settore turistico d) gli oggetti della pubblicità e) la strategia pubblicitaria e la scelta dei media f) la pubblicità della carta stampata g) la pubblicità in televisione e al cinema h) la pubblicità radiofonica i) le affissioni

21 l) la pubblicità su internet m) il piano media n) la campagna pubblicitaria o) la pubblicità redazionale p) la verifica della pubblicità. AREA DI PROFESSIONALIZZAZIONE a.s. 2009/2010 (corso seguito durante il quarto anno) Blocchi tematici svolti durante l anno Corso di Comunicazione Multimediale BLOCCHI TEMATICI Ore svolte COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE 36 Totale ore svolte 36 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO a.s. 2010/2011 (corso seguito durante il quinto anno) IMPRESA SIMULATA FORMATIVA La classe ha partecipato al progetto di simulazione di un impresa nel settore turistico. L impresa simulata consiste nella costituzione di una S.R.L. di denominazione sociale Reinbow S.R.L. con sede in via Colico Milano, che offre prodotti turistici innovativi ad una clientela d affari e non in vista dell EXPO La simulazione è stata svolta per la durata totale di 66 ore ed ha coinvolto le seguenti discipline: Tecnica Turistica, Inglese, Geografia Economica e Tecnica dei servizi e pratica operativa. 21

22 CRITERI DI VALUTAZIONE Voto 1-2 Giudizio Sintetico Assolutamente insufficiente 3 Scarso Voto Giudizio Sintetico 4 Gravemente insufficiente 5 Insufficiente 6 Sufficiente 7 Discreto 8 Buono 9-10 Ottimo Eccellente Giudizio analitico Non consce i contenuti, non si orienta nell argomento proposto, consegna le prove scritte in bianco, non risponde alle interrogazioni orali Presenta serie lacune nella conoscenza dei contenuti minimi, commette gravi errori nelle prove scritte, non possiede nessuna competenza. Giudizio analitico Conosce i contenuti in modo lacunoso e frammentario; pur avendo conseguito alcune abilità, non è in grado di utilizzarle in modo autonomo, anche in compiti semplici. Conosce i contenuti in modo non del tutto corretto ed è in grado di applicare la teoria alla pratica solo in minima parte. Conosce i contenuti in modo accettabile, ma non li ha approfonditi; non commette errori nell esecuzione di verifiche semplici raggiungendo gli obiettivi minimi. Utilizzo sufficientemente corretto dei codici linguistici specifici. Conosce i contenuti in modo sostanzialmente completo e li applica in maniera adeguata. Commette lieve errori nella produzione scritta e sa usare la terminologia appropriata nelle verifiche orali Conosce i contenuti in modo completo e approfondito e li applica in maniera appropriata e autonoma, sa rielaborare le nozioni acquisite e nella produzione scritta commette lievi imprecisioni. Buona padronanza dei codici linguistici specifici. È in grado di organizzare ed applicare autonomamente le conoscenze in situazioni nuove. Conosce i contenuti in modo completo e approfondito, mostrando capacità logiche e di coordinamento tra gli argomenti anche interdisciplinari. È in grado di organizzare e applicare autonomamente le conoscenze in situazioni nuove è di risolvere casi complessi. 22

23 MODALITA' DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Modalità Italiano Storia Matem. Franc. Ingl. Econ. e Tecn. Tec. Comun. Geo Arte Impresa Tur. e Relaz. Lezione con esperti Lezione frontale x x x x x x x x x Lezione multimediale x Lezione pratica x x x x x Problem solving x x x x Metodo induttivo x x x x x Lavoro di gruppo x x x x x Discussione guidata x x x x x x x x x Simulazioni x x x x x x x Esercitazioni x x x x x x x x x Studio individuale x x x x x x x x x Strumenti di lavoro Strumenti Italiano Storia Mate Franc. Ingl. Econ. e Tecn. Tec. Comun. Geo Arte Impresa e Relaz. Manuale x x x x x x x x x Laboratorio Lavagna x x x x x x x x x Registratore cassetta x Appunti x x x x x x x x x Proiettore diapositive x Materiale fotocopie x x x x x x x x x Carte geografiche x x x Video x x x Strumenti di verifica Attività Italiano Storia Mate Franc. Ingl. Econ. e Tecn. Tec. Comun. Geo Arte Impresa e Relaz. Colloquio x x x X x x x x x Interrogazione breve x x x X x x x x x 23

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016 decima edizione In collaborazione con Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli