Strategie e incentivi per la riduzione delle emissioni di CO2 a livello locale. Giuseppe Gamba Presidente AzzeroCO2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie e incentivi per la riduzione delle emissioni di CO2 a livello locale. Giuseppe Gamba Presidente AzzeroCO2"

Transcript

1 Strategie e incentivi per la riduzione delle emissioni di CO2 a livello locale Giuseppe Gamba Presidente AzzeroCO2

2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini Spesso il locale coincide con la città, poiché è: un area amministrata da un Governo Locale luogo di concentrazione demografica, di funzioni economiche, politiche e amministrative, del consumo e di emissioni di scarti rappresenta il modello insediativo e di consumo pervasivo (anche nelle aree a vocazione turistica) Le aree urbane occupano il 2% della superficie, rappresentano il 75% dei consumi energetici globali, dell 80% della CO2 e di quote significativa di GHG Però alcune città moderne hanno consumi energetici procapite inferiori alla media del loro paese, ovvero un efficienza maggiore

3 Urban Density and Energy Consumption Adapted from Newman, P. and J. Kenworthy (1999) Sustainability and Cities: Overcoming Automobile Dependence, New York: Island Press. There is an intricate relationship between urban density and energy (fuel) consumption. North American cities are among the most energy intensive while Asian cities are highly energy friendly

4 Campi di intervento Margini di miglioramento Il settore civile assorbe in Italia circa il 40% dell energia totale, soprattutto nella gestione energetica degli edifici. Il 70% del patrimonio edilizio nelle regioni del nord Italia presenta consumi di energia primaria più che doppi rispetto alla classe di efficienza energetica da standard normativi

5 Campi di intervento Margini di miglioramento Densità urbana - Peso della mobilità e dei trasporti Il settore dei trasporti rappresenta oltre un terzo dei consumi energetici globali Il traffico urbano è responsabile del 35% delle emissioni di CO2 da mobilità veicolare (65% extra urbano!) Il 95% dei consumi energetici della mobilità è prodotto da moto, auto e veicoli commerciali privati La temperatura media in Italia è aumentata negli ultimi 50 anni di 1,4 gradi. Nelle città la temperatura media supera di 1-2 gradi quella delle aree rurali circostanti, con punte anche maggiori

6 Ruolo dei Governi Locali Rio de Janeiro, AGENDA 21 - Capitolo 28 INIZIATIVE DELLE AUTORITÀ LOCALI A SUPPORTO DI AGENDA 21 Basi per l azione 28.1 Poiché molti dei problemi e delle soluzioni cui si rivolge Agenda 21 hanno origine in attività di livello locale, la partecipazione e la cooperazione delle autorità locali sarà un fattore determinante per il raggiungimento dei suoi obiettivi. Le autorità locali: - costruiscono, gestiscono e mantengono infrastrutture economiche, sociali ed ambientali, - sovrintendono ai processi di pianificazione, stabiliscono le politiche e le regole in materia ambientale a livello locale, - ed assistono e attivano le politiche ambientali nazionali e regionali Come livello di governo più vicino ai cittadini, svolgono un ruolo vitale nell istruire, mobilitare e rispondere al pubblico per promuovere lo sviluppo sostenibile

7 IL CONTESTO EUROPEO Nel 2008 la Commissione Europea approva il pacchetto clima energia Obiettivi : 20% di riduzione emissioni CO2eq 20% di energie rinnovabili 20% di efficienza energetica Il Piano di Azione dell UE per l efficienza energetica include tra le priorità la creazione di un Patto dei Sindaci (COM 2006/545) L approccio deve essere: trasversale, integrato, con visione a lungo termine e basato sulla partecipazione di attori sociali e cittadini Il Piano d'azione per l'energia Sostenibile (SEAP/PAES) entro un anno dalla ratifica del Patto. Verifica biennale delle azioni intraprese dai Comuni per l'attuazione delle politiche ambientali adottate.

8 Nelle sue Premesse afferma vigorosamente che i governi regionali e locali condividono, unitamente ai governi nazionali, la responsabilità della lotta al riscaldamento globale l impegno a ridurre le emissioni sarà raggiunto solo se gli stakeholder locali, i cittadini e i loro raggruppamenti lo condividono; i governi locali e regionali, in qualità di amministrazioni più vicine ai cittadini, devono coordinare le azioni e mostrare esempi concreti; molte delle azioni necessarie per contrastare il cambiamento climatico ricadono nelle competenze dei governi locali gli Stati Membri dell UE possono beneficiare di una reale azione decentralizzata a livello locale al fine di raggiungere. E pertanto l impegno sarà superare gli obiettivi fissati per l UE al 2020, riducendo le emissioni di CO2 nelle rispettive città di oltre il 20% attraverso il PAES

9 Energia, clima e ruolo dei Governi Locali consumatore, produttore e fornitore di beni e servizi Gestione di edifici fortemente energivori Fornitura servizi ad alta intensità energetica pianificatore, promotore e regolatore di attività Pianificazione territoriale e sistema trasporti locali Ruolo di regolatori, es. standard energetici consigliere, incentiva e offre il modello di intervento Informare e motivare cittadini, professionisti e imprese Coinvolgere l intera comunità Fornire l esempio tramite azioni concrete produttore e fornitore di energia Promuove la produzione e utilizzo energia rinnovabile Fornisce assistenza finanziaria alle iniziative locali

10 LA STRATEGIA ENERGETICA LOCALE Politica energetica locale = intervento integrato sul territorio che coinvolge: 1. I servizi pubblici, gli edifici e le infrastrutture 2. I cittadini (proprietari di immobili, consumatori, utenti dei servizi) 3. Le imprese pubbliche e private del territorio 4. La realizzazione di impianti energetici da fonti rinnovabili Gli strumenti: 1. Audit energetica e inventario delle emissioni 2. Piani di Azione integrati per l'energia Sostenibile (PAES) 3. Adeguamento dei Regolamenti Locali (edilizia, urbanist., rifiuti, ) 4. Gruppi d acquisto, promozione, sensibilizzazione, educazione 5. Risorse Finanziarie..

11 SCELTE DI FINANZIAMENTO E VISIONE STRATEGICA fare ciò per cui esiste un finanziamento è un approccio perdente, perché: - Impedisce la programmazione degli interventi - Annulla la dimensione strategica - Mette l Ente in balia di fatti/opportunità esogeni - Oscura la dimensione gestionale successiva alla realizzazione spesso diventa: fare solo ciò per cui esiste un finanziamento

12 LE SCELTE DI FINANZIAMENTO Le scelte di finanziamento, al pari della politica energetica, richiedono strategia : 1. Analisi delle possibilità di autofinanziamento e delle capacità residue di indebitamento 2. Analisi delle spese correnti e potenziali riduzioni (bolletta energetica dell Ente, potenziali risparmi, royalties e tariffe) 3. Distinguere tra: 1. azioni e interventi senza costo 2. investimenti in efficienza o azioni, con ritorno economico 3. interventi costosi o motivati da benefici generali o di lungo periodo

13 LE SCELTE DI FINANZIAMENTO Azioni e interventi senza costo: - Razionalizzazione degli utilizzi in corso - Verifica delle forme di acquisto e approvvigionamento energia - Verifica e rinegoziazione dei contratti - Interventi gestionali e comportamentali (adeguamento delle procedure e delle motivazioni) - (Possono comportare costi amministrativi, azioni interne per migliorare la partecipazione, costi di formazione e aggiornamento, ecc.)

14 LE OPZIONI DI FINANZIAMENTO - Fondi propri, dismissioni patrimoniali,. - Indebitamento tramite mutui (Agevolati CDDPP; Fondi dedicati, Sistema del credito,.) o emissioni obbligazionarie, - Azionariato popolare o delle imprese del territorio - Partecipazione a Bandi, Fondi Nazionali o Comunitari (Ministeriali, Regionali, Provinciali, Europei) - Finanziamento Tramite Terzi - Leasing finanziario ( in costruendo ) E LE OPPORTUNITA OFFERTE DAGLI INCENTIVI (conto energia, tariffa unica, certificati bianchi,... )

15 Studio SDA-Bocconi, Lega Autonomie, Unicredit, EGEA Ed., Ottobre 2009

16 Studio SDA-Bocconi, Lega Autonomie, Unicredit, EGEA Ed., Ottobre 2009

17 Le fonti classiche di finanziamento Bandi Regionali e delle Province Diversi ed episodici, contro il bisogno di stabilità nel tempo e certezza attuativa Presenti in settori diversi: edilizia pubblica, scolastica, OOPP, agricoltura, sport e turismo, ricerca. Bandi POR Fesr, Sviluppo Rurale, FSE.. Reperibili su: Siti WEB istituzionali (Ministeri, Regioni, Province..)

18 Le fonti classiche di finanziamento L indebitamento (problemi di capienza e di rispetto del Patto di stabilità) - Cassa Depositi e Prestiti e Banche specializzate (Dexià Crediop ) - Banche del territorio (Credito Cooperativo e Banche Popolari) - Le banche per le rinnovabili:

19 Forme innovative di finanziamento Il Leasing in costruendo per gli interventi energetici (rata del canone, risparmio in bolletta e tariffe incentivanti) L azionariato diffuso: le famiglie e le imprese partecipano con quote di investimento e godono pro quota dei benefici Cessione a terzi e titolo oneroso dei diritti di superficie o altri asset energeticamente valorizzabili (noleggio, comodato d uso oneroso, ecc.)

20 Strumenti esistenti poco utilizzati ESCo (Energy Service Company) Realizzano gli interventi con proprie risorse finanziarie, recuperano l investimento con i proventi / risparmio Consentono l accesso degli EELL all utilizzo dei Titoli di Efficienza Energetica Aziende pubbliche e le partecipate in funzione strategica Dispongono di risorse finanziarie e adeguati cash flow Data-base di bollettazione: profilo dei consumatori Hanno la giusta mission?

21 Il SEAP e finanziamenti speciali e coordinati (1) La Commissione europea sta man mano adeguando e creando meccanismi finanziari specifici che consentano alle autorità locali di affrontare il costo degli impegni presi con il Patto e il SEAP Il Presidente Miguel Barroso ha recentemente annunciato la decisione di destinare risorse fino a 400 M /anno a partire dal 2010, per costituire un fondo speciale a disposizione degli EELL. Un fondo aperto alla partecipazione di altri investitori istituzionali (BEI e KfW ad bes.) e investitori privati. Tale fondo si aggiungerà alle risorse del Recovery Package (4 G ) che risulteranno inutilizzate e che secondo l accordo tra Parlamento Eu e Stati membri dovranno essere ridestinati a investimenti nell efficienza energetica.

22 Il SEAP e finanziamenti speciali e coordinati (2) Esistono altri strumenti finanziari e/o di assistenza tecnica disponibili ordinariamente per il supporto dei governi locali che investono nel campo dell energia rinnovabile e dell efficienza energetica. ELENA (EUROPEAN LOCAL ENERGY ASSISTANCE) Programma di assistenza finanziaria e tecnica per consentire alle autorità locali e regionali di sviluppare gli investimenti necessari sviluppato da Commissione EU e BEI tramite il quale sono stati finora mobilitati 600 milioni di euro (l obiettivo é di arrivare a 2 miliardi) contatto Covenant ofmayor (Sito della UE) Nel sito sono illustrati i principali programmi europei disponibili per il finanziamento di progetti in materia di energia sostenibile a livello di autorità locali eumayors.eu/about_the_covenant/funding_it.htm

23 Schema di finanziamento Progetti del SEAP European Commission ELENA funds EIB ELENA - Advise supporting entity - Follows ELENA EIB Lending - Financing to Interm. Banks - Combining subsidies&loans Intermediary Banks Finance projects (incl. on-lending of EIB funds) Supporting entity - Leads the operation - Manages TA and assists municipalities Private companies / Households - Implement projects - May receive or provide remuneration to municipalities Municipalities - Provide projects - Delegate some aspects to supporting entity - May receive or provide remuneration to private companies

24 IL PERCORSO AZZEROCO 2 DOCUMENTO di ANALISI (territorio risorse consumi e criticità) PROGETTI di RIQUALIFICAZIONE (FER, EE, MOBILITA, RIFIUTI) ovvero il SEAP <--> se aderente al Patto d. Sindaci COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI (, REGOLAMENTI, gruppi d acquisto, ) REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI (bandi, progetti e capitolati d appalto)

25 Finalità Promuovere la realizzazione di un percorso di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra del territorio comunale portando nel 2020 il comune ad un abbattimento tra il 20% e il 50% in linea con gli obiettivi stabiliti dal Patto dei Sindaci. Il percorso virtuoso parte da efficienza, rinnovabili, uso razionale dell acqua e dei materiali coinvolgendo il settore pubblico, i privati cittadini, le aziende del territorio.

26 IL PERCORSO AZZEROCO 2 PETRALIA SOTTANA

27 IL PERCORSO AZZEROCO 2 PETRALIA SOTTANA 1 DOCUMENTO di ANALISI Petralia Sottana (PA) è un comune di abitanti e dista da Palermo 99 Km. Il territorio si sviluppa nella fascia altimetrica che va dai 1900 ai 400 m slm, dalla zona montana sudest del complesso delle Madonie alla zona collinare confinante a sud con la provincia di Caltanissetta. Il clima, tipicamente mediterraneo - montano, presenta una variazione di temperature che vanno dai minimi invernali di 9 C ai massimi estivi di 25 C. Irraggiamento totale annuo: 1692 kwh/m2 Gradi Giorno: Zona Climatica: E Sul territorio di Petralia Sottana: 200 ha di boschi cedui, da cui si possono ricavare mediamente t/anno di raccolta (secondo una stima di 2-3,5 t/ha/anno). Studio effettuato dalla Società per lo Sviluppo delle Madonie.

28 IL PERCORSO AZZEROCO 2 PETRALIA SOTTANA 1 Audit energetici leggeri sugli edifici pubblici individuati con l Amministrazione L Analisi comprende tutti gli edifici pubblici contemplati dal Piano Triennale e dal Progetto di AzzeroCO2. Si esclude dal raffronto il centro ospedaliero in quanto energeticamente fuori scala rispetto agli altri edifici DOCUMENTO di ANALISI Stima sui consumi energetici degli edifici privati La stima si basa sui dati ISTAT e consumi medi di elettricità e gas stimati per il sud Italia Analisi dei consumi elettrici per l illuminazione pubblica L analisi comprende il rilievo dei lampioni esistenti sul territorio comunale (numero, potenza, tipologia di lampade) e consumi (bollette)

29 IL PERCORSO AZZEROCO 2 PETRALIA SOTTANA 1 DOCUMENTO di ANALISI Alla luce delle analisi eseguite ed in base alle esigenze esplicitamente dichiarate dall Amministrazione Comunale sono stati proposti i seguenti interventi: Scuola Elementare Impianto Fotovoltaico da 5 kwp Parcheggio Pubblico Pensilina Fotovoltaica da 6 kwp Piscina Pubblica Telo Diatermico Illuminazione Pubblica Impianto d illuminazione a LED Pulmino scuola Scuolabus ibrido elettrico + diesel Pizzo Corcò Forestazione Edifici Privati Gruppi d Acquisto per Impianti Fotovoltaici e Solari Termici Ad ogni intervento proposto corrisponde una scheda che ne visualizza la localizzazione, potenza e dimensioni, specifiche tecniche, potenziali di risparmio (energia, CO2, ), costi, incentivi e tempi di ritorno.

30 IL PERCORSO AZZEROCO 2 PETRALIA SOTTANA 1 Per ogni intervento sono stati valutati i potenziali di riduzione di CO2 e messi a confronto con gli interventi già inseriti nel Piano Triennale e per cui era già stato richiesto un finanziamento ministeriale partecipando al Bando Parchi nel 2008: DOCUMENTO di ANALISI

31 IL PERCORSO AZZEROCO 2 PETRALIA SOTTANA 2 Realizzazione degli Interventi di riqualificazione energetica: REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI Impianti Fotovoltaici 280 kwp Impianti a Biomasse n.7 caldaie Centrale Idroelettrica Museo delle Rinnovabili Impianto di illuminazione a LED Impianto di Cogenerazione studio di fattibilità Bando di Gara per la realizzazione degli impianti fotovoltaici in concessione sui tetti di proprietà del Comune (unica impresa per tutti gli impianti) Finanziamento Parziale dal Bando Parchi (MATTM) Finanziamento Parziale dal Bando Parchi (MATTM) Finanziamento Parziale dal Bando Parchi (MATTM) Finanziamento Parziale dal Bando Sicilia Fondi POR dalla Regione Sicilia Progetto di forestazione studio di fattibilità Fondi POR dalla Regione Sicilia

32 IL PERCORSO AZZEROCO 2 PETRALIA SOTTANA Previsto per giugno 2010 il primo incontro per l Organizzazione di Gruppi d Acquisto COMUNICAZIONE ai CITTADINI Supporto all intero percorso di realizzazione degli impianti, dalla scelta dell impresa all allacciamento in rete!

33 IL PERCORSO AZZEROCO 2 GERENZAGO

34 IL PERCORSO AZZEROCO 2 GERENZAGO 1 DOCUMENTO di ANALISI Il Comune di Gerenzago si trova nella zona cosiddetta del Pavese, è sito in prossimità dell incrocio tra la Strada Statale n. 412 (della Val Tidone) e la Strada Statale 235 (Pavia- Lodi), lungo il confine est tra la Provincia di Pavia e quella di Lodi. Ha una superficie di 5,36 kmq e una popolazione residente di abitanti. Il terreno è pianeggiante, con superfici lievemente ondulate, più accentuate nei pressi dei corsi d acqua (rogge). Irraggiamento totale annuo: 1276 kwh/m2 Gradi Giorno: Zona Climatica:D Il territorio comunale 58% 5% 1% 0% 34% 2% 0% Superficie aree edificate Superficie aree inedificate (vuoti urbani) Superficie aree destinate a parcheggio Superficie industriale Superficie aree destinate a parco urbano Superficie aree boschive Superficie aree agricole

35 IL PERCORSO AZZEROCO 2 GERENZAGO 1 Audit energetici leggeri sugli edifici pubblici individuati con l Amministrazione L Analisi comprende tutti gli edifici pubblici di Gerenzago. Si è focalizzata l attenzione sui quattro edifici più energivori: municipio, centro sportivo,scuola elementare e scuola materna. DOCUMENTO di ANALISI Stima sui consumi energetici degli edifici privati La stima si basa sui dati ISTAT e consumi medi di elettricità e gas stimati per il nord Italia Analisi dei consumi elettrici per l illuminazione pubblica L analisi comprende il rilievo dei lampioni esistenti sul territorio comunale (numero, potenza, tipologia di lampade), dei consumi (bollette) e lo sviluppo di un progetto preliminare per la riqualificazione dell illuminazione pubblica con la tecnologia a LED Gerenzago

36 IL PERCORSO AZZEROCO 2 GERENZAGO 1 DOCUMENTO di ANALISI Alla luce delle analisi eseguite ed in base alle esigienze esplicitamente dichiarate dall Amministrazione Comunale sono stati proposti i seguenti interventi: Edificio municipale Impianto Fotovoltaico (5 kwp) Scuola elementare Efficienza Energetica (cappotto, isolamento copertura e sosituzione serramenti) Campo sportivo Impianto Solare Termico per ACS Scuola materna Impianto Fotovoltaico (5 kwp) Illuminazione Pubblica Sostituzione lampioni esistenti con armature a LED Edifici Privati Gruppi d Acquisto per Impianti Fotovoltaici e Solari Termici Ad ogni intervento proposto corrisponde una scheda che ne visualizza la localizzazione, potenza e dimensioni, specifiche tecniche, potenziali di risparmio (energia, CO2, ), costi, incentivi e tempi di ritorno.

37 IL PERCORSO AZZEROCO 2 GERENZAGO 1 Per ogni intervento sono stati valutati i potenziali di riduzione dei consumi energetici e CO2 e messi a confronto: DOCUMENTO di ANALISI

38 IL PERCORSO AZZEROCO 2 GERENZAGO 2 Realizzazione degli Interventi di riqualificazione energetica: REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI Impianti fotovoltaici: 7 kwp sul centro sportivo 10kWp sul municipio 7kWp sulla scuola materna 4kWp sulla scuola elementare Impianto solare termico: 20mq a servizio del centro sportivo Illuminazione a LED: Adeguamento dell'impianto d'illuminazione pubblica prevedendo la sostituzione di tutte le lampade al mercurio con apparecchiature a LED, e l'utilizzo di dispositivi regolatori di tensione e di flusso luminoso ove necessari. Organizzazione di Gruppi d Acquisto per i cittadini Bando Regione Lombardia e Finanziamenti Banche Gli impianti fotovoltaici otterranno la massima tariffa incentivante del conto energia perché installati su edifici pubblici, inoltre gli impianti sulle due scuole godranno di un ulteriore incremento della tariffa, pari al 5%. Bando il sole negli enti pubblici MATTM Problema: 75% di ENEL Sole Bando Bike sharing Rinnovabili e Fonti

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

AZZEROCO 2 : CHI SIAMO

AZZEROCO 2 : CHI SIAMO CAMPAGNA ENTI ++ L EFFICIENZA IN COMUNE COMUNE DI PETRALIA SOTTANA AZZEROCO 2 : CHI SIAMO AzzeroCO 2, creata da Legambiente, Kyoto Club e dall Istituto di ricerche Ambiente Italia, è una società che offre

Dettagli

DIREZIONE ENTI LOCALI. 06/05/2010 Fiera di Verona Solarexpo 1

DIREZIONE ENTI LOCALI. 06/05/2010 Fiera di Verona Solarexpo 1 DIREZIONE ENTI LOCALI 06/05/2010 Fiera di Verona Solarexpo 1 La campagna ENTI ++ Enti ++ nasce con l intento di realizzare concretamente un percorso mirato all ottimizzazione energetica del territorio,

Dettagli

IL PROGRAMMA ELENA. Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010

IL PROGRAMMA ELENA. Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010 IL PROGRAMMA ELENA Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010 03/05/2010 Banca europea per gli investimenti / Programma ELENA 1 Indice 1. Introduzione 2.

Dettagli

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Moduli di sviluppo delle competenze CAMBIAMENTI CLIMATICI E SVILUPPO SOSTENIBILE IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI 14 15 16 17 ottobre 2013 Messina Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Castellana

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio pubblico L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente

Dettagli

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi CITTA DI LODI Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi I comuni, l'energia, l ambiente e la tutela del cittadino: esperienze, innovazioni e finanziamenti Simone Uggetti Assessore

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Olbia, 6 maggio 2011 Marcello Antinucci AESS - Agenzia per l Energia di Modena

Olbia, 6 maggio 2011 Marcello Antinucci AESS - Agenzia per l Energia di Modena Olbia, 6 maggio 2011 Marcello Antinucci AESS - Agenzia per l Energia di Modena Firmare il Patto significa impegnarsi a: Per che cosa si è aderito al Patto dei Sindaci? Ruoli: la Commissione Europea Ruoli:

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

RespEt, Roma 19/12/2007. Interventi di riduzione dei consumi e di compensazione delle emissioni climalteranti: il ruolo delle ESCO

RespEt, Roma 19/12/2007. Interventi di riduzione dei consumi e di compensazione delle emissioni climalteranti: il ruolo delle ESCO RespEt, Roma 19/12/2007 Interventi di riduzione dei consumi e di compensazione delle emissioni climalteranti: il ruolo delle ESCO ing. Annalisa Corrado, Direttore tecnico AzzeroCO2 La società ing. Annalisa

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani

Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Progetto di adeguamento e

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010)

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) WORKSHOP Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) Politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici alla scala locale:

Dettagli

PROGRAMMA QUADRO PER L INNOVAZIONE E LA COMPETITIVITÀ

PROGRAMMA QUADRO PER L INNOVAZIONE E LA COMPETITIVITÀ PATTO DEI SINDACI e P.A.E.S. (Pianod Azionedell Energia dazione dell Sostenibile) CRITICITA E PROSPETTIVE PER LE CITTA DEL FUTURO Corrente in Movimento Ciclo di Convegni e Seminari sul Patto dei Sindaci

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 L applicazione della Direttiva 2012/27/UE Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 Indice Il contesto La normativa di riferimento Programmi Europei Programmi Nazionali

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Mauro Brolis Divisione Energia INFRASTRUTTURE LOMBARDE SPA Green house ed altri esempi virtuosi per lo sviluppo della

Dettagli

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica LA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014 2020 Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica ing. Piergabriele Andreoli Alessandria, 25 Maggio 2015 1 AESS è una associazione no profit per lo sviluppo

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile RAGGRUPPAMENTO DEI COMUNI DI OSNAGO E LOMAGNA Comune di Osnago PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo area ambiente bando 2011 PAES Piano d Azione per l Energia

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

UTEE. Patto dei Sindaci e Smart Cities, rigenerare le città e riqualificare gli edifici. La sostenibilità per uscire dalla crisi

UTEE. Patto dei Sindaci e Smart Cities, rigenerare le città e riqualificare gli edifici. La sostenibilità per uscire dalla crisi Patto dei Sindaci e Smart Cities, rigenerare le città e riqualificare gli edifici UTEE UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA La sostenibilità per uscire dalla crisi arch. Gaetano Fasano Firenze 17 maggio

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

Progetto Green Communities e i sistemi di rating dei territori montani. Salvatore Leto

Progetto Green Communities e i sistemi di rating dei territori montani. Salvatore Leto Progetto Green Communities e i sistemi di rating dei territori montani Salvatore Leto Consorzio Natura Energia Territorio Polo di Innovazione Regione Calabria per l Energia e l Ambiente TERRITORI OGGETTO

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Gruppo di Lavoro 3 Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Bozza di indice Quadro internazionale e nazionale L efficienza energetica rappresenta il principale strumento per ridurre le emissioni

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

Lo strumento «ELENA» per l assistenza tecnica agli investimenti energetici della Pubblica Amministrazione

Lo strumento «ELENA» per l assistenza tecnica agli investimenti energetici della Pubblica Amministrazione Lo strumento «ELENA» per l assistenza tecnica agli investimenti energetici della Pubblica Amministrazione Ing. Piergabriele Andreoli Trieste, 14 febbraio 2014 1 INDICE Introduzione al risparmio nella Pubblica

Dettagli

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International srl Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International > Ascor International è una società di intermediazione e consulenza

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale L esperienza del PAES congiunto dell Isola d Elba 11 febbraio 2014 Roberto Bianco

Dettagli

L efficienza energetica, volano per la crescita e lo sviluppo. Torino, 10 marzo 2015

L efficienza energetica, volano per la crescita e lo sviluppo. Torino, 10 marzo 2015 L efficienza energetica, volano per la crescita e lo sviluppo Torino, 10 marzo 2015 Il trilemma dell energia L efficienza energetica è un key driver per la risoluzione del trilemma dell energia: certezza

Dettagli

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA L energia è quella risorsa di cui ogni organismo ha bisogno per vivere e per svolgere qualsiasi attività. Per muoverci, come per pensare, utilizziamo infatti l energia immagazzinata nel nostro corpo. Anche

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli

Il pacchetto clima energia, Obiettivi 20 20 20 e il Patto dei Sindaci. Ripartire dalle comunità locali.

Il pacchetto clima energia, Obiettivi 20 20 20 e il Patto dei Sindaci. Ripartire dalle comunità locali. Il ruolo della P.A. e degli enti locali nella riduzione delle emissioni di CO2. Strategie e incentivi. Il pacchetto clima energia, Obiettivi 20 20 20 e il Patto dei Sindaci. Ripartire dalle comunità locali.

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Valle d Aosta verso il 2020, una Regione sostenibile Aosta, 31 marzo 2010 Marcello Antinucci, AESS Modena Perchè le città Le aree

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA

Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 15.06.2011 1 INDICE Introduzione Energia e lotta

Dettagli

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della Liguria La Liguria svolge una importante funzione

Dettagli

La Sostenibilità Finanziaria dei progetti per una Amministrazione Virtuosa

La Sostenibilità Finanziaria dei progetti per una Amministrazione Virtuosa иoiros La Sostenibilità Finanziaria dei progetti per una Amministrazione Virtuosa Risorse Comuni 24 Novembre 2011 Obiettivo Diventare Amministrazioni Virtuose sempre più al servizio del cittadino, nel

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Patto dei Sindaci: iniziative per i privati e le imprese del territorio

Patto dei Sindaci: iniziative per i privati e le imprese del territorio Patto dei Sindaci: iniziative per i privati e le imprese del territorio Focus: PadovaFIT! Federico De Filippi Genova, 13 Gennaio 2016 Empowering Covenant of Mayors Coordinators and Supporters to assist

Dettagli

Strumenti e politiche finanziarie a sostegno dell efficienza energetica

Strumenti e politiche finanziarie a sostegno dell efficienza energetica Strumenti e politiche finanziarie a sostegno dell efficienza energetica Milano, 20 marzo 2014 Mauro Conti BIT Servizi per l investimento sul territorio, chi è? Società di servizi tecnico-finanziari per

Dettagli

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Convention Credito al Credito Angela Mancinelli Roma, 26 novembre 2010 INDICE 1. 2. 3. 4. BEI Quadro generale ENERGIA Contesto operativo ENERGIA Strumenti

Dettagli

LA CAMPAGNA PROVINCIA ETERNIT FREE

LA CAMPAGNA PROVINCIA ETERNIT FREE LA CAMPAGNA PROVINCIA ETERNIT FREE La campagna Provincia Eternit Free prevede la bonifica delle coperture in eternit e l installazione di impianti fotovoltaici su capannoni agricoli ed industriali, sfruttando

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d per l Energia l e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente Dino De Simone Giuseppe Maffeis Punti Energia - Regione Lombardia

Dettagli

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Le politiche della Commissione per l Energia Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Indice Il contesto Gli obiettivi Art. 194 TFUE Quadro generale Obiettivo EE Le

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Ecomondo Fiera di Rimini 5 novembre 2014

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli Disegno di Legge n. 1541 conversione in legge del Decreto Legge 24 giugno 2014, n.91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

Il PPP: esperienze e prospettive dell'amministrazione Comunale di Ragusa. ing. Carmelo LICITRA Energy Manager - COMUNE DI RAGUSA -

Il PPP: esperienze e prospettive dell'amministrazione Comunale di Ragusa. ing. Carmelo LICITRA Energy Manager - COMUNE DI RAGUSA - Il PPP: esperienze e prospettive dell'amministrazione Comunale di Ragusa ing. Carmelo LICITRA Energy Manager - COMUNE DI RAGUSA - Argomenti trattati Procedimenti avviati e casi di successo PORTO TURISTICO

Dettagli

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Premessa R. Lanzafame Con la recente istituzione dell Agenzia per l Energia e l Ambiente, APEA 1 S.r.l. l Amministrazione provinciale

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali ALLEGATO INCENTIVI E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali Programmi UE: ELENA (European Local

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici COMUNE DI POLVERARA Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici relatore: ing. Davide Fraccaro IL CONCETTO DI ENERGIA ENERGIA: capacità di un corpo di compiere lavoro ENERGIA E LAVORO SONO CONCETTI

Dettagli

PEP (PIANO ENERGETICO

PEP (PIANO ENERGETICO ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO PER LE PP.AA. PIANIFICAZIONI ENERGETICHE LOCALI ED OPPORTUNITA PER L ENTE PUBBLICO E LA COMUNITA PEN (PIANO ENERGETICO NAZIONALE) PER (PIANO ENERGETICO REGIONALE)

Dettagli

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Scheda P Azione P.1 Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Ristrutturazione del parco edilizio pubblico Obiettivi Quelli che sono stati gli Obiettivi prefissati quali : riduzione dei consumi di

Dettagli

IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011

IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011 IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI PER LE POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Milano, 24 novembre 2011 Proprio in questi giorni è in discussione presso il Parlamento europeo la proposta di una nuova direttiva sul

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Gli Enti Locali e la transizione energetica verso l Europa del 2050 Fonti Energetiche e sviluppo sostenibile Imola, 10 novembre

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

PadovaFIT! Un progetto Mobilitare e Finanziare la Riqualificazione Energetica degli Immobili Residenziali Privati di Padova PADOVA IN FORMA!

PadovaFIT! Un progetto Mobilitare e Finanziare la Riqualificazione Energetica degli Immobili Residenziali Privati di Padova PADOVA IN FORMA! PadovaFIT! Un progetto Mobilitare e Finanziare la Riqualificazione Energetica degli Immobili Residenziali Privati di Padova PADOVA IN FORMA! Padova FIT! - PREMESSA Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it

Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it Milano 24 novembre 2011 IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Settimana della Bioarchitettura e della Domotica Modena, 14 novembre 2012 Paola Laiolo Intesa Sanpaolo Eurodesk Sprl

Dettagli