Partner istituzionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Partner istituzionali"

Transcript

1 19"72 Progetto pilota sulla corretta alimentazione, il doping, gli aspetti psico-affettivi e di educazione alla sessualità. nel giovane sportivo della scuola calcio.

2 Partner istituzionali

3

4 Presentazione Nel 2005, a seguito di un riassetto Societario della A.S.D. Maiella 84, sono divenuto Presidente della nuova Società denominata A.S.D. MAIELLA. Sotto la mia guida, tale nuova Società, oltre a disputare campionati dilettantistici locali, ha istituito una Scuola Calcio al fine di provare a regalare un emozione alla gioventù di Guardiagrele. In soli cinque anni c'è stata una vera svolta; la Scuola calcio è cresciuta e si è dotata uno Staff qualificato e di una pianificazione delle proprie attvità fino a divenire una delle 12 Scuole Calcio Qualificate F.I.G.C. in Abruzzo. In quest ottica va collocato 19 72, Progetto pilota sostenuto dalla Regione Abruzzo e dalla Fondazione Pietro Mennea, sulla corretta alimentazione, il doping, gli aspetti psico-affettivi e di educazione alla sessualità. nel giovane sportivo della scuola calcio. ovvero nella ricerca del miglioramento continuo nella guida dei ragazzi che ci seguono e nella conferma di principi che vanno oltre il mondo del calcio e si posizionano a pieno titolo in quello dei valori e della educazione alla vita. Il mio sincero ringraziamento va a tutti coloro che hanno collaborato a vario titolo alla concretizzazione del progetto, ed in particolare responsabile tecnico, il mister Enio Di Marzio, al direttore organizzativo, il Sig. Arcangelo Marroncelli, al personale della Regione Abruzzo, l assessore allo sport, l avvocato Carlo Masci, la dottoressa Luigia Calcalario del dipartimento Politiche alla salute, al personale dell Università D Annunzio, la Professoressa Ester Vitacolonna, ai partner, la Fondazione San Nicola Greco e l Associazione Abruzzo TU.CU.R e gli sponsor tutti, i quali hanno reso possibile la realizzazione di tale percorso a vantaggio delle famiglie dei nostri atleti. Il Presidente della A.S.D. Maiella Massimo Torrieri

5

6 Presentazione del Direttore Tecnico Nel momento in cui sono stato investito dal Presidente Massimo Torrieri della Responsabilità Tecnica della Scuola Calcio A.S.D. Maiella, ho immediatamente realizzato che occorreva fare qualcosa di straordinario. Immediata è stata la scelta di entrare a far parte della Juventus Soccer Schools e, divenirne una delle sue Academy. Ciò è stato il passaggio determinante che ci ha permesso, in solo quattro anni, di entrare nel ristretto numero delle Scuole Calcio d'abruzzo Qualificate F.I.G.C. La volontà di offrire ai ragazzi di Guardiagrele e centri limitrofi un servizio sì qualificato, ma anche delle opportunità che vanno ben oltre i servizi offerti normalmente dalle scuole calcio, per far sì che diventi davvero una Scuola di vita, ci ha spinti a richiedere e, quindi, ottenere dall'assessore Regionale allo Sport, Avv. Carlo Masci il patrocinio per il Progetto Pilota Sana e Corretta Alimentazione, Doping ed Educazione Sessuale nei giovani Sportivi Da tutto ciò nasce l'idea ed il Progetto per il quale ci è sembrato doveroso ispirarci e di dedicarlo al grande Pietro Paolo Mennea 19''72 il tempo del primato e del quale mi sento onorato esserne il Responsabile Tecnico e poterlo presentare. Enio Di Marzio Responsabile tecnico

7

8 Il Direttore Sportivo In questo mondo c è un luogo magico. E un posto strano e un po curioso, più o meno grande una trentina di metri quadri. E fornito di docce, appendiabiti e panche. spesso ci si sta stretti e capita che sia anche dolcemente puzzolente di sudore. Li dentro si annullano tutte le distanze. Una volta entra tele persone si siedono una vicino all altra. E da quel momenti il colore della pella, il continente di nascita, la religione, la cultura di ognuno sono accettate da tutti senza problemi. Poi basta indossare una semplice maglietta ed un paio di pantaloncini da pochi euro per sentirsi veramente tutti uguali. Tutto questo avviene, incredibilmente, nel pianeta spogliatoio. A tenere insieme gente diversa per razza, cultura, religione, nazione ci pensano persone che per passione fanno gli allenatori e i dirigenti e i loro unici problemi sono davanti si segna poco oppure chi non si fa la doccia non gioca la prossima volta, non certo quelli che Enea è albanese, Silvio è rumeno o Christian è argentino. Al mister di turno è bastato dire al primo allenamento Ehi ragazzi, poche storie qui dentro siamo tutti uguali, chi si impegna gioca e chi non si impegna sta in panchina. Oppure al dirigente chi non rispetta i compagni, gli indumenti e le strutture societarie, non disputerà la prossima partita di campionato, per cancellare ogni diffidenza ed ogni differenza. Mentre tutta Europa si interroga su come affrontare e risolvere i problemi dell immigrazione e dell integrazione e politici ed esperti continuamente a litigare a disperdersi tra analisi e convegni, noi tecnici e dirigenti appassionati, tutte le settimane continuiamo ad allenare ed a organizzare accogliendo tutti e se possibile con un abbraccio ancor più grande, chi viene da lontano e per chi ha qualcosa di diverso. Per gente aperte come noi, pronti ad accogliere tutti, con il gusto di costruire spogliatoio capaci di contenere mezzo mondo, ben venga questo progetto che è un ulteriore mezzo di coinvolgimento e di aggregazione che tra l altro partendo dal semplice fare sport riuscirà sicuramente a rendere le prossime generazioni un po più sane.e speriamo con meno tensioni e divisioni. Arcangelo Marroncelli Responsabile organizzativo

9

10 Nota metodologica L idea di promuovere un progetto che si occupi della salute dei nostri ragazzi nasce dall evidenza che la scuola calcio non può e non deve rimanere un organo esclusivamente deputato all insegnamento del gioco del pallone, ma al contrario, dovendo raggiungere l obiettivo superiore di dover formare futuri uomini e donne oltre che giocatori, deve ricercare in tale impegno il perfezionamento della sua mission e della sua visione del futuro. Investire risorse e tempo in attività comunemente ritenute accessorie per un organizzazione sportiva giovanile, per di più dilettantistica, è il frutto di numerose riunioni e lavori di gruppo con dirigenti e personale della società, incentrati sul tema della creazione/accrescimento di valore rispetto al servizio erogato, all utenza degli allievi e di tutti i portatori di interesse, cercando al contempo di perseguire il raggiungimento di almeno due fattori critici di successo tra quelli individuati nel piano strategico della società, ovvero, da un lato, l accrescimento qualitativo e quantitativo del rapporto con le famiglie degli allievi e nel coinvolgimento della comunità diffusa sul territorio e degli enti, nella vita della scuola calcio e dall altro nell adozione di un codice di comunicazione ecologico efficace e capace quindi di smussare tutte quelle asperità dovute ed in parte alimentate da abitudini e preconcetti, diffusi nel nostro essere sociale e soprattutto sportivo; Infatti alimentarsi o sovralimentarsi per prepararsi ad una attività atletica o al compimento di uno sforzo, crea una dipendenza intellettuale verso l assunzione di un qualcos altro che sta al di fuori di noi e che, però, non è immediatamente correlato all esercizio ed alla corretta pratica dello sport come tale, così come preconcetta può rilevarsi l idea che il calcio sia un gioco prevalentemente maschile o che ne provochi la mascolinizzazione in certa utenza femminile è il tempo di un primato del mondo di velocità stabilito da Pietro Paolo Mennea sulla distanza dei 200 Mt. piani in occasione delle Universiadi di Città del Messico del A quest uomo, nell anno della sua scomparsa, ci ispiriamo e dedichiamo questo progetto, consci del fatto che il suo insegnamento, in gara come nella vita, debba esser trasferito alle generazioni presenti e future dei giovani sportivi. Alessandro Calabretta marketing project manager

11

12 Progetto Salute e Sport La prevenzione parte da una buona informazione Attività fisica e alimentazione concorrono in maniera determinante alla salute dell intera collettività: il loro connubio è una delle priorità del mondo occidentale. La grande diffusione dello sport rappresenta un importante fenomeno sociale con enormi ripercussioni e potenzialità sulle condizioni psico-fisiche di quanti lo pratichino: queste considerazioni rendono impellenti azioni volte all adeguamento culturale e formativo costante e continuo nel tempo sia in coloro che praticano attività sportiva anche a livello non agonistico, sia, soprattutto, nel personale tecnico (allenatori, preparatori atletici) sia nei familiari. Il dilagare di fenomeni mediatici quali format televisivi dedicati all universo del cibo e della cucina ha messo in secondo piano il motivo principale per cui ci si alimenta, a tal punto che lo stesso cibarsi sembra si sia trasformato in un atto puramente estetico di assaggio finalizzato ad un successivo giudizio. Argomenti come la presenza o meno del cibo in tavola, la giusta quantità da assumere, la sua provenienza, sembrano retaggi del passato! Il dilemma emergente tra etica ed estetica del cibo e dell alimentazione investe più profondamente la nostra vita determinando e in alcuni casi pregiudicando il futuro dei nostri giovani. Come l alimentazione scorretta, anche l uso di sostanze dopanti è diventato un fenomeno sociale preoccupante, non solo più circoscritto alla sola cerchia degli atleti professionisti e non più limitato al giorno prima della gara, ma esteso a vasti strati della popolazione sportiva con il coinvolgimento dilagante dei più giovani. Infine, affinché l informazione su come tutelare il nostro stato di salute sia completo, riteniamo necessario che i giovani atleti siano consapevoli delle diverse caratteristiche somatiche e fisiologiche dei due sessi: uomo-donna. Ciò li condurrà ad acquisire consapevolezza delle proprie ed altrui emozioni e fornirgli le capacità di compiere scelte adeguate e responsabili. La scuola calcio non ha gli strumenti per risolvere tali problemi, ma intende contribuire -sul campo al fine di fornire dei sani principi e costruire un modello esportabile di approcci all informazione/sensibilizzazione sui tre argomenti, anche in altre realtà sportive. Il progetto pilota è uno strumento che prevede l utilizzo, anche sperimentale, di tecniche e metodi riproducibili attraverso azioni di carattere conoscitivo, ovvero di descrizione e studio dei fenomeni legati alla tematiche della sana e corretta alimentazione, del doping e sulla conoscenza del proprio corpo, delle sue funzioni e delle

13 emozioni ad esso connesse. Il progetto ha inoltre l obiettivo di trattare tali argomenti al fine di consentire una perfetta integrazione anche nella pratica dell attività sportiva tra la componente femminile e maschile, attraverso l approfondimento di concetti scientifici senza trascurare la dimensione etico- valoriale, che a nostro avviso, rappresenta anche essa emergenza per tutta la collettività. Le tematiche saranno trattate da esperti riconosciuti nei rispettivi settori, calibrati per fascia di età (verranno privilegiati metodi interattivi) e monitorizzati attraverso la somministrazione di questionari di pre e post valutazione di quanti fruiranno dei corsi. Lo stato di salute e nutrizionale degli atleti verrà seguito attraverso l utilizzo di schede in cui saranno riportati i dati dell atleta (data di nascita, peso, altezza, ecc.) e con rilevazione degli indici antropometrici con cadenze periodiche. Tutte le informazioni saranno trattate secondo la legislazione vigente sulla privacy.

14 Principi di dietetica nello sportivo Corso base per allenatori, preparatori atletici, familiari e atleti Bilancio energetico e nutrienti Indici antropometrici e valutazione dello stato nutrizionale Terapia nutrizionale come terapia del cambiamento di comportamento Disturbi del Comportamento alimentare e attività sportiva I carboidrati nell alimentazione dello sportivo (indice glicemico, carico glicemico) Nutrienti (Quantità, Qualità, Distribuzione dei nutrienti ed attività sportiva). Corretta alimentazione per l esercizio e l allenamento. Per i genitori e gli allenatori: Sport nei giovani- Gli errori da evitare. Percorso didattico-formativo a cura di: Prof.ssa Ester Vitacolonna

15 Informazione sulle principali sostanze dopanti Corso base per allenatori, preparatori atletici, familiari e atleti Sostanze dopanti,definizione, pericoli per la salute Uso degli integratori Per i genitori e gli allenatori: Sport nei giovani- Gli errori da evitare. Percorso didattico-formativo a cura di: Prof.ssa Ester Vitacolonna Comando Carabinieri per la Tutela della Salute/NAS di Pescara

16 Concetti sull affettività/sessualità Corso base per allenatori, preparatori atletici e atleti Conoscenza del corpo, delle sue funzioni nella fase dello sviluppo Riconoscere le proprie emozioni e confrontarli con le reazioni degli altri Conoscenza dell organizzazione sociale e delle strutture sanitarie di riferimento Promuovere la capacità di chiedere aiuto per evitare i rischi connessi alla sessualità Identità di genere, ruolo di genere e orientamento sessuale. Promuovere la cultura della differenza. Rompere gli stereotipi e i tabù della sessualità Promuovere una cultura della prevenzione in riferimento alle Malattie Trasmissibili Sessualmente nell ottica del benessere e promozione della salute affettivo-sessuale. Percorso didattico/formativo a cura di: Prof. Mario Fulcheri, Dott.ssa Roberta Maiella, Dott. Fabrizio Quattrini Dr. Antonio Ravazzolo Dr.ssa Rosella Stampone

17 Obiettivi Rispetto alle famiglie: Rispetto agli allievi: Adottare una corretta alimentazione dentro e fuori casa; Conoscere gli alimenti principali, la loro provenienza, il mercato di rifermento; Conoscere le sostanze dopanti, i loro effetti collaterali, le dipendenze e le malattie che provocano, il mercato che ne alimenta il consumo; Favorire un atteggiamento positivo nei confronti della sessualità dei propri ragazzi potenziare le competenze, gli strumenti e le metodologie di insegnamento concernenti la sessualità intesa come spazio e dimensione; favorire le capacità di relazionarsi ai ragazzi al fine di migliorare il rapporto adulto di riferimento-giovane; creare un clima relazionale positivo che permetta un confronto con gli altri care-giver facilitando l'accettazione delle rispettive diversità; confrontare le nuove acquisizioni con le proprie esperienze, vissuti e realtà personale e sociale. Alimentarsi in maniera sana e genuina; Introduzione di alimenti in relazione ai tempi dell allenamento e delle gare; Distinguere gli alimenti amici da quelli nemici ; Comprendere il valore del farcela con le proprie forze ; Conoscere il proprio corpo e rispettare la propria ed altrui diversità; fornire gli strumenti cognitivi ed emotivi che opportunamente integrati permettano una comprensione della sessualità intesa come dimensione e spazio di vita; comprendere il legame esistente tra comportamento personale e salute come benessere bio-psico-sociale; creare un clima relazionale positivo al fine di facilitare la comunicazione e quindi di star bene con se stessi e con gli altri.

18 Area pilota L area pilota sarà rappresentata dal bacino di utenza di prossimità della scuola calcio Maiella di Guardiagrele (CH) e riguarderà non solo gli allievi della scuola calcio, ma le scuole impegnate nei progetti di attività motoria, e le altre società sportive dilettantistiche che mostreranno interesse all iniziativa; Fascia A Fascia B Guardiagrele Casoli Orsogna Palombaro Filetto Arielli Rapino Pretoro Pennapiedimonte Castelfrentano Casacanditella Altino Fara F. Petri Fara San Martino S. M.sulla Marruccina Casalincontrada Bucchianico Roccamontepiano

19 " IL GIOCO E' VITA!" Progetto di educazione al gioco di squadra ed alla salute Da sempre l'uomo gioca, per conoscere, per mettersi alla prova, per collaborare ed ideare strategie.il gioco è il primo strumento di socializzazione ed apprendimento del bambino, capace di stimolarlo alla scoperta del mondo e degli altri. Tra i giochi più antichi, il calcio è, senz'altro, il più significativo: già nella Roma Imperiale e, successivamente, nell'alto-medioevo i bambini si divertivano con una palla di stracci, in strada, tentando di fare centro in una rete improvvisata. Con questo gioco si apprendono lo spirito di squadra, l'obiettivo comune, le strategie di attacco e difesa. Ma ogni sport va vissuto nella sana competizione, nel rispetto delle regole e del proprio corpo. Il progetto " il gioco è vita" si pone, in tale senso, i seguenti obiettivi socio-educativi: -Educazione al gioco di squadra, come collaborazione reciproca per una meta comune; -educazione alla comunità, attraverso il superamento dei pregiudizi e degli egoismi; -educazione alla salute, intesa come relazione positiva con il proprio corpo, con lo spazio,con i compagni di gioco. La salute personale, come conoscenza dei propri limiti, sana alimentazione e rispetto della propria fisicità, completa il percorso educativo, nell'ottica di sviluppo delle proprie potenzialità e senso di protagonismo. L'itinerario educativo si compone di una serie di laboratori e giochi a tema, per sperimentare lo spirito di squadra. L'impegno è annuale, ripartito in un incontro settimanale della durata di due ore, con l'attivazione delle seguenti proposte: A) LABORATORI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: età 5-7 la scoperta del nostro corpo, in riferimento allo spazio ed al movimento strutturato; età 8-10 le potenzialità fisiche nel gioco e la cura consapevole del corpo; età il rispetto di sè e del corpo, attraverso la conoscenza delle dipendenze ( Doping), per una sana e corretta crescita. B) PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: Una serie di esperienze pratiche e schede didattiche identificheranno i cibi e le regole di vita, che permettono la pratica di una sport e il miglioramento del benessere personale. C) GIOCHIAMO TUTTI INSIEME Partendo dal gioco del calcio, praticato nel rispetto degli altri e delle regole, l'attività prevede l'organizzazione di tornei, gemellaggi, allenamenti sul campo con manifestazione conclusiva. DESTINATARI: bambini e ragazzi dai 5 ai 13 anni. OBIETTIVI SOCIO-EDUCATIVI Dr. Zenone Benedetto Abruzzo Tu.Cu.R.

20 Programma generale PROGRAMMA ATTIVITA DIDATTICA/FORMATIVA Principi di dietetica nello sportivo/doping n. 1 incontro di h.2 ad inizio attività con questionari di ingresso (Prof.ssa Vitacolonna- NAS) n.1 incontro di h. 1 intermedio (Prof.ssa Vitacolonna) n.1 incontro di h.1 a fine progetto con questionari di uscita (Prof.ssa Vitacolonna) Ulteriori incontri in base alle necessità e alle richieste dei ragazzi/genitori/allenatori Concetti sull affettività/sessualità con tre sessioni separate per fascia di età n. 1 incontro di h.2 ad inizio attività con questionari di ingresso (Dr. Ravazzolo- Prof.Fulcheri- Dott.ssa Maiella Dott. Quattrini) n.1 incontro di h.2 intermedio (Prof.Fulcheri-Dott.ssa Maiella Dott. Quattrini-Dr.ssa Stampone) n.1 incontro di h a fine progetto con questionari di uscita(prof.fulcheri-dott.ssa Maiella Dott. Quattrini) Ulteriori incontri in base alle necessità e alle richieste dei ragazzi/genitori/allenatori Ottobre Avvio fas e preparatoria con istruttoricoinv olgimento delle famiglie Novembre inaugurazione del progetto. Aprile raccolta e analisi dei risultati; Giugno evento conclusivo e pubblicazione dei risultati;

21 Comunicazione Artwork 1) immagine coordinata del progetto (logo, corporate); 2) creatività pubblicitaria; 3) allestimento degli stand per eventi; WEB & Tv Radio Stampa 1) Landing page 2) Social media 3) Display banner 4) Rich media 5) Newsletter 6) Video animazione di presentazione del progetto; 7) Trailer spot ; 8) Interviste agli attori del progetto; 9) FAQ 10) collegamento a 1) Spot 2) Interviste 3) Gioco a premi tematico sugli argomenti trattati 1) Brochure del progetto; 2) Depliant sintetico; 3) Cartellonistica 6 x 3 in occasione degli eventi di apertura e chiusura. Merchandising 1) Stand e allestimenti coordinati 2) Oggettistica e abbigliamento sportivo Ufficio Stampa & Media partnership 1) Creazione comunicati 2) Invio cartelle stampa 3) Rapporti con i media

22 Partecipanti al progetto ASD Maiella Scuola calcio qualificata F.I.G.C. Capofila del progetto: Massimo Torrieri, Presidente Enio Di Marzio, direttore tecnico Arcangelo Marroncelli, direttore organizzativo Leo Caramanico, Responsabile della segreteria e rapporti con le istituzioni; Regione Abruzzo Assessorato allo Sport Assessore Carlo Masci Direzione Politiche della Salute Direttore Maria Crocco Servizio Ispettivo e Controllo Qualità Dr. Angelo Muraglia, Dott.ssa Luigia Calcalario Comune di Guardiagrele Assessorato allo sport - Assessorato al commercio - Assessorato alla cultura Università Chieti-Pescara - Scuola di Medicina e Scienze della Salute Dip.to di Medicina e Scienza dell Invecchiamento- Prof.ssa Ester Vitacolonna Dip.to di Scienze Psicologiche Umanistiche e del Territorio Prof. Mario Fulcheri, Dott.ssa Roberta Maiella, Dott. Fabrizio Quattrini Asl Lanciano Vasto Chieti -Ospedale di Chieti Servizio Diabetologia e Nutrizione Clinica Prof.ssa Ester Vitacolonna Servizio Consultoriale di Guardiagrele Dr.ssa Rosella Stampone Asl Pescara Ospedale di Pescara Chirurgia Generale Dr. Antonio Ravazzolo Progetto Ludico Abruzzo Tu.Cu.R. Prodotti alimentari Fondazione S. Nicola Greco Fondazione Mennea Comando Carabinieri per la Tutela della Salute / NAS di Pescara Ideazione e progettazione: Calabretta & ASSOCIATI marketing project management

23 Informazioni Scuola calcio ASD Maiella Presidente, Sig. Massimo Torrieri, Tel Responsabile Tecnico della scuola calcio Sig. Enio Di Marzio tel Responsabile Organizzativo Sig. Arcangelo Marroncelli, Tel Progettazione Calabretta & ASSOCIATI, tel

24

25

26

27

28 Progetto Progetto pilota sulla corretta alimentazione, il doping, gli aspetti psico-affettivi e di educazione alla sessualità. nel giovane sportivo della scuola calcio. ASD Maiella Calcio Regione Abruzzo, ASSESSORATO ALLO SPORT Firma del legale rappresentante Comune di Guardiagrele, ASSESSORATO ALLO SPORT Firma del legale rappresentante Università degli studi Gabriele D Annunzio Firma del legale rappresentante F.I.G.C. Firma del legale rappresentante ASL Lanciano Vasto Chieti Firma del legale rappresentante F.I.G.C. Firma del legale rappresentante Firma del legale rappresentante

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato

Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Educatori tra Pari : Fuori le Mura! Mónica Borile borilemonica@gmail.com, Marcela Vidal, Maria Rosa Nicolato Introduzione: Riconoscendo la necessità di sviluppare un nuovo e diverso approccio alle problematiche

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli