Partner istituzionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Partner istituzionali"

Transcript

1 19"72 Progetto pilota sulla corretta alimentazione, il doping, gli aspetti psico-affettivi e di educazione alla sessualità. nel giovane sportivo della scuola calcio.

2 Partner istituzionali

3

4 Presentazione Nel 2005, a seguito di un riassetto Societario della A.S.D. Maiella 84, sono divenuto Presidente della nuova Società denominata A.S.D. MAIELLA. Sotto la mia guida, tale nuova Società, oltre a disputare campionati dilettantistici locali, ha istituito una Scuola Calcio al fine di provare a regalare un emozione alla gioventù di Guardiagrele. In soli cinque anni c'è stata una vera svolta; la Scuola calcio è cresciuta e si è dotata uno Staff qualificato e di una pianificazione delle proprie attvità fino a divenire una delle 12 Scuole Calcio Qualificate F.I.G.C. in Abruzzo. In quest ottica va collocato 19 72, Progetto pilota sostenuto dalla Regione Abruzzo e dalla Fondazione Pietro Mennea, sulla corretta alimentazione, il doping, gli aspetti psico-affettivi e di educazione alla sessualità. nel giovane sportivo della scuola calcio. ovvero nella ricerca del miglioramento continuo nella guida dei ragazzi che ci seguono e nella conferma di principi che vanno oltre il mondo del calcio e si posizionano a pieno titolo in quello dei valori e della educazione alla vita. Il mio sincero ringraziamento va a tutti coloro che hanno collaborato a vario titolo alla concretizzazione del progetto, ed in particolare responsabile tecnico, il mister Enio Di Marzio, al direttore organizzativo, il Sig. Arcangelo Marroncelli, al personale della Regione Abruzzo, l assessore allo sport, l avvocato Carlo Masci, la dottoressa Luigia Calcalario del dipartimento Politiche alla salute, al personale dell Università D Annunzio, la Professoressa Ester Vitacolonna, ai partner, la Fondazione San Nicola Greco e l Associazione Abruzzo TU.CU.R e gli sponsor tutti, i quali hanno reso possibile la realizzazione di tale percorso a vantaggio delle famiglie dei nostri atleti. Il Presidente della A.S.D. Maiella Massimo Torrieri

5

6 Presentazione del Direttore Tecnico Nel momento in cui sono stato investito dal Presidente Massimo Torrieri della Responsabilità Tecnica della Scuola Calcio A.S.D. Maiella, ho immediatamente realizzato che occorreva fare qualcosa di straordinario. Immediata è stata la scelta di entrare a far parte della Juventus Soccer Schools e, divenirne una delle sue Academy. Ciò è stato il passaggio determinante che ci ha permesso, in solo quattro anni, di entrare nel ristretto numero delle Scuole Calcio d'abruzzo Qualificate F.I.G.C. La volontà di offrire ai ragazzi di Guardiagrele e centri limitrofi un servizio sì qualificato, ma anche delle opportunità che vanno ben oltre i servizi offerti normalmente dalle scuole calcio, per far sì che diventi davvero una Scuola di vita, ci ha spinti a richiedere e, quindi, ottenere dall'assessore Regionale allo Sport, Avv. Carlo Masci il patrocinio per il Progetto Pilota Sana e Corretta Alimentazione, Doping ed Educazione Sessuale nei giovani Sportivi Da tutto ciò nasce l'idea ed il Progetto per il quale ci è sembrato doveroso ispirarci e di dedicarlo al grande Pietro Paolo Mennea 19''72 il tempo del primato e del quale mi sento onorato esserne il Responsabile Tecnico e poterlo presentare. Enio Di Marzio Responsabile tecnico

7

8 Il Direttore Sportivo In questo mondo c è un luogo magico. E un posto strano e un po curioso, più o meno grande una trentina di metri quadri. E fornito di docce, appendiabiti e panche. spesso ci si sta stretti e capita che sia anche dolcemente puzzolente di sudore. Li dentro si annullano tutte le distanze. Una volta entra tele persone si siedono una vicino all altra. E da quel momenti il colore della pella, il continente di nascita, la religione, la cultura di ognuno sono accettate da tutti senza problemi. Poi basta indossare una semplice maglietta ed un paio di pantaloncini da pochi euro per sentirsi veramente tutti uguali. Tutto questo avviene, incredibilmente, nel pianeta spogliatoio. A tenere insieme gente diversa per razza, cultura, religione, nazione ci pensano persone che per passione fanno gli allenatori e i dirigenti e i loro unici problemi sono davanti si segna poco oppure chi non si fa la doccia non gioca la prossima volta, non certo quelli che Enea è albanese, Silvio è rumeno o Christian è argentino. Al mister di turno è bastato dire al primo allenamento Ehi ragazzi, poche storie qui dentro siamo tutti uguali, chi si impegna gioca e chi non si impegna sta in panchina. Oppure al dirigente chi non rispetta i compagni, gli indumenti e le strutture societarie, non disputerà la prossima partita di campionato, per cancellare ogni diffidenza ed ogni differenza. Mentre tutta Europa si interroga su come affrontare e risolvere i problemi dell immigrazione e dell integrazione e politici ed esperti continuamente a litigare a disperdersi tra analisi e convegni, noi tecnici e dirigenti appassionati, tutte le settimane continuiamo ad allenare ed a organizzare accogliendo tutti e se possibile con un abbraccio ancor più grande, chi viene da lontano e per chi ha qualcosa di diverso. Per gente aperte come noi, pronti ad accogliere tutti, con il gusto di costruire spogliatoio capaci di contenere mezzo mondo, ben venga questo progetto che è un ulteriore mezzo di coinvolgimento e di aggregazione che tra l altro partendo dal semplice fare sport riuscirà sicuramente a rendere le prossime generazioni un po più sane.e speriamo con meno tensioni e divisioni. Arcangelo Marroncelli Responsabile organizzativo

9

10 Nota metodologica L idea di promuovere un progetto che si occupi della salute dei nostri ragazzi nasce dall evidenza che la scuola calcio non può e non deve rimanere un organo esclusivamente deputato all insegnamento del gioco del pallone, ma al contrario, dovendo raggiungere l obiettivo superiore di dover formare futuri uomini e donne oltre che giocatori, deve ricercare in tale impegno il perfezionamento della sua mission e della sua visione del futuro. Investire risorse e tempo in attività comunemente ritenute accessorie per un organizzazione sportiva giovanile, per di più dilettantistica, è il frutto di numerose riunioni e lavori di gruppo con dirigenti e personale della società, incentrati sul tema della creazione/accrescimento di valore rispetto al servizio erogato, all utenza degli allievi e di tutti i portatori di interesse, cercando al contempo di perseguire il raggiungimento di almeno due fattori critici di successo tra quelli individuati nel piano strategico della società, ovvero, da un lato, l accrescimento qualitativo e quantitativo del rapporto con le famiglie degli allievi e nel coinvolgimento della comunità diffusa sul territorio e degli enti, nella vita della scuola calcio e dall altro nell adozione di un codice di comunicazione ecologico efficace e capace quindi di smussare tutte quelle asperità dovute ed in parte alimentate da abitudini e preconcetti, diffusi nel nostro essere sociale e soprattutto sportivo; Infatti alimentarsi o sovralimentarsi per prepararsi ad una attività atletica o al compimento di uno sforzo, crea una dipendenza intellettuale verso l assunzione di un qualcos altro che sta al di fuori di noi e che, però, non è immediatamente correlato all esercizio ed alla corretta pratica dello sport come tale, così come preconcetta può rilevarsi l idea che il calcio sia un gioco prevalentemente maschile o che ne provochi la mascolinizzazione in certa utenza femminile è il tempo di un primato del mondo di velocità stabilito da Pietro Paolo Mennea sulla distanza dei 200 Mt. piani in occasione delle Universiadi di Città del Messico del A quest uomo, nell anno della sua scomparsa, ci ispiriamo e dedichiamo questo progetto, consci del fatto che il suo insegnamento, in gara come nella vita, debba esser trasferito alle generazioni presenti e future dei giovani sportivi. Alessandro Calabretta marketing project manager

11

12 Progetto Salute e Sport La prevenzione parte da una buona informazione Attività fisica e alimentazione concorrono in maniera determinante alla salute dell intera collettività: il loro connubio è una delle priorità del mondo occidentale. La grande diffusione dello sport rappresenta un importante fenomeno sociale con enormi ripercussioni e potenzialità sulle condizioni psico-fisiche di quanti lo pratichino: queste considerazioni rendono impellenti azioni volte all adeguamento culturale e formativo costante e continuo nel tempo sia in coloro che praticano attività sportiva anche a livello non agonistico, sia, soprattutto, nel personale tecnico (allenatori, preparatori atletici) sia nei familiari. Il dilagare di fenomeni mediatici quali format televisivi dedicati all universo del cibo e della cucina ha messo in secondo piano il motivo principale per cui ci si alimenta, a tal punto che lo stesso cibarsi sembra si sia trasformato in un atto puramente estetico di assaggio finalizzato ad un successivo giudizio. Argomenti come la presenza o meno del cibo in tavola, la giusta quantità da assumere, la sua provenienza, sembrano retaggi del passato! Il dilemma emergente tra etica ed estetica del cibo e dell alimentazione investe più profondamente la nostra vita determinando e in alcuni casi pregiudicando il futuro dei nostri giovani. Come l alimentazione scorretta, anche l uso di sostanze dopanti è diventato un fenomeno sociale preoccupante, non solo più circoscritto alla sola cerchia degli atleti professionisti e non più limitato al giorno prima della gara, ma esteso a vasti strati della popolazione sportiva con il coinvolgimento dilagante dei più giovani. Infine, affinché l informazione su come tutelare il nostro stato di salute sia completo, riteniamo necessario che i giovani atleti siano consapevoli delle diverse caratteristiche somatiche e fisiologiche dei due sessi: uomo-donna. Ciò li condurrà ad acquisire consapevolezza delle proprie ed altrui emozioni e fornirgli le capacità di compiere scelte adeguate e responsabili. La scuola calcio non ha gli strumenti per risolvere tali problemi, ma intende contribuire -sul campo al fine di fornire dei sani principi e costruire un modello esportabile di approcci all informazione/sensibilizzazione sui tre argomenti, anche in altre realtà sportive. Il progetto pilota è uno strumento che prevede l utilizzo, anche sperimentale, di tecniche e metodi riproducibili attraverso azioni di carattere conoscitivo, ovvero di descrizione e studio dei fenomeni legati alla tematiche della sana e corretta alimentazione, del doping e sulla conoscenza del proprio corpo, delle sue funzioni e delle

13 emozioni ad esso connesse. Il progetto ha inoltre l obiettivo di trattare tali argomenti al fine di consentire una perfetta integrazione anche nella pratica dell attività sportiva tra la componente femminile e maschile, attraverso l approfondimento di concetti scientifici senza trascurare la dimensione etico- valoriale, che a nostro avviso, rappresenta anche essa emergenza per tutta la collettività. Le tematiche saranno trattate da esperti riconosciuti nei rispettivi settori, calibrati per fascia di età (verranno privilegiati metodi interattivi) e monitorizzati attraverso la somministrazione di questionari di pre e post valutazione di quanti fruiranno dei corsi. Lo stato di salute e nutrizionale degli atleti verrà seguito attraverso l utilizzo di schede in cui saranno riportati i dati dell atleta (data di nascita, peso, altezza, ecc.) e con rilevazione degli indici antropometrici con cadenze periodiche. Tutte le informazioni saranno trattate secondo la legislazione vigente sulla privacy.

14 Principi di dietetica nello sportivo Corso base per allenatori, preparatori atletici, familiari e atleti Bilancio energetico e nutrienti Indici antropometrici e valutazione dello stato nutrizionale Terapia nutrizionale come terapia del cambiamento di comportamento Disturbi del Comportamento alimentare e attività sportiva I carboidrati nell alimentazione dello sportivo (indice glicemico, carico glicemico) Nutrienti (Quantità, Qualità, Distribuzione dei nutrienti ed attività sportiva). Corretta alimentazione per l esercizio e l allenamento. Per i genitori e gli allenatori: Sport nei giovani- Gli errori da evitare. Percorso didattico-formativo a cura di: Prof.ssa Ester Vitacolonna

15 Informazione sulle principali sostanze dopanti Corso base per allenatori, preparatori atletici, familiari e atleti Sostanze dopanti,definizione, pericoli per la salute Uso degli integratori Per i genitori e gli allenatori: Sport nei giovani- Gli errori da evitare. Percorso didattico-formativo a cura di: Prof.ssa Ester Vitacolonna Comando Carabinieri per la Tutela della Salute/NAS di Pescara

16 Concetti sull affettività/sessualità Corso base per allenatori, preparatori atletici e atleti Conoscenza del corpo, delle sue funzioni nella fase dello sviluppo Riconoscere le proprie emozioni e confrontarli con le reazioni degli altri Conoscenza dell organizzazione sociale e delle strutture sanitarie di riferimento Promuovere la capacità di chiedere aiuto per evitare i rischi connessi alla sessualità Identità di genere, ruolo di genere e orientamento sessuale. Promuovere la cultura della differenza. Rompere gli stereotipi e i tabù della sessualità Promuovere una cultura della prevenzione in riferimento alle Malattie Trasmissibili Sessualmente nell ottica del benessere e promozione della salute affettivo-sessuale. Percorso didattico/formativo a cura di: Prof. Mario Fulcheri, Dott.ssa Roberta Maiella, Dott. Fabrizio Quattrini Dr. Antonio Ravazzolo Dr.ssa Rosella Stampone

17 Obiettivi Rispetto alle famiglie: Rispetto agli allievi: Adottare una corretta alimentazione dentro e fuori casa; Conoscere gli alimenti principali, la loro provenienza, il mercato di rifermento; Conoscere le sostanze dopanti, i loro effetti collaterali, le dipendenze e le malattie che provocano, il mercato che ne alimenta il consumo; Favorire un atteggiamento positivo nei confronti della sessualità dei propri ragazzi potenziare le competenze, gli strumenti e le metodologie di insegnamento concernenti la sessualità intesa come spazio e dimensione; favorire le capacità di relazionarsi ai ragazzi al fine di migliorare il rapporto adulto di riferimento-giovane; creare un clima relazionale positivo che permetta un confronto con gli altri care-giver facilitando l'accettazione delle rispettive diversità; confrontare le nuove acquisizioni con le proprie esperienze, vissuti e realtà personale e sociale. Alimentarsi in maniera sana e genuina; Introduzione di alimenti in relazione ai tempi dell allenamento e delle gare; Distinguere gli alimenti amici da quelli nemici ; Comprendere il valore del farcela con le proprie forze ; Conoscere il proprio corpo e rispettare la propria ed altrui diversità; fornire gli strumenti cognitivi ed emotivi che opportunamente integrati permettano una comprensione della sessualità intesa come dimensione e spazio di vita; comprendere il legame esistente tra comportamento personale e salute come benessere bio-psico-sociale; creare un clima relazionale positivo al fine di facilitare la comunicazione e quindi di star bene con se stessi e con gli altri.

18 Area pilota L area pilota sarà rappresentata dal bacino di utenza di prossimità della scuola calcio Maiella di Guardiagrele (CH) e riguarderà non solo gli allievi della scuola calcio, ma le scuole impegnate nei progetti di attività motoria, e le altre società sportive dilettantistiche che mostreranno interesse all iniziativa; Fascia A Fascia B Guardiagrele Casoli Orsogna Palombaro Filetto Arielli Rapino Pretoro Pennapiedimonte Castelfrentano Casacanditella Altino Fara F. Petri Fara San Martino S. M.sulla Marruccina Casalincontrada Bucchianico Roccamontepiano

19 " IL GIOCO E' VITA!" Progetto di educazione al gioco di squadra ed alla salute Da sempre l'uomo gioca, per conoscere, per mettersi alla prova, per collaborare ed ideare strategie.il gioco è il primo strumento di socializzazione ed apprendimento del bambino, capace di stimolarlo alla scoperta del mondo e degli altri. Tra i giochi più antichi, il calcio è, senz'altro, il più significativo: già nella Roma Imperiale e, successivamente, nell'alto-medioevo i bambini si divertivano con una palla di stracci, in strada, tentando di fare centro in una rete improvvisata. Con questo gioco si apprendono lo spirito di squadra, l'obiettivo comune, le strategie di attacco e difesa. Ma ogni sport va vissuto nella sana competizione, nel rispetto delle regole e del proprio corpo. Il progetto " il gioco è vita" si pone, in tale senso, i seguenti obiettivi socio-educativi: -Educazione al gioco di squadra, come collaborazione reciproca per una meta comune; -educazione alla comunità, attraverso il superamento dei pregiudizi e degli egoismi; -educazione alla salute, intesa come relazione positiva con il proprio corpo, con lo spazio,con i compagni di gioco. La salute personale, come conoscenza dei propri limiti, sana alimentazione e rispetto della propria fisicità, completa il percorso educativo, nell'ottica di sviluppo delle proprie potenzialità e senso di protagonismo. L'itinerario educativo si compone di una serie di laboratori e giochi a tema, per sperimentare lo spirito di squadra. L'impegno è annuale, ripartito in un incontro settimanale della durata di due ore, con l'attivazione delle seguenti proposte: A) LABORATORI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: età 5-7 la scoperta del nostro corpo, in riferimento allo spazio ed al movimento strutturato; età 8-10 le potenzialità fisiche nel gioco e la cura consapevole del corpo; età il rispetto di sè e del corpo, attraverso la conoscenza delle dipendenze ( Doping), per una sana e corretta crescita. B) PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: Una serie di esperienze pratiche e schede didattiche identificheranno i cibi e le regole di vita, che permettono la pratica di una sport e il miglioramento del benessere personale. C) GIOCHIAMO TUTTI INSIEME Partendo dal gioco del calcio, praticato nel rispetto degli altri e delle regole, l'attività prevede l'organizzazione di tornei, gemellaggi, allenamenti sul campo con manifestazione conclusiva. DESTINATARI: bambini e ragazzi dai 5 ai 13 anni. OBIETTIVI SOCIO-EDUCATIVI Dr. Zenone Benedetto Abruzzo Tu.Cu.R.

20 Programma generale PROGRAMMA ATTIVITA DIDATTICA/FORMATIVA Principi di dietetica nello sportivo/doping n. 1 incontro di h.2 ad inizio attività con questionari di ingresso (Prof.ssa Vitacolonna- NAS) n.1 incontro di h. 1 intermedio (Prof.ssa Vitacolonna) n.1 incontro di h.1 a fine progetto con questionari di uscita (Prof.ssa Vitacolonna) Ulteriori incontri in base alle necessità e alle richieste dei ragazzi/genitori/allenatori Concetti sull affettività/sessualità con tre sessioni separate per fascia di età n. 1 incontro di h.2 ad inizio attività con questionari di ingresso (Dr. Ravazzolo- Prof.Fulcheri- Dott.ssa Maiella Dott. Quattrini) n.1 incontro di h.2 intermedio (Prof.Fulcheri-Dott.ssa Maiella Dott. Quattrini-Dr.ssa Stampone) n.1 incontro di h a fine progetto con questionari di uscita(prof.fulcheri-dott.ssa Maiella Dott. Quattrini) Ulteriori incontri in base alle necessità e alle richieste dei ragazzi/genitori/allenatori Ottobre Avvio fas e preparatoria con istruttoricoinv olgimento delle famiglie Novembre inaugurazione del progetto. Aprile raccolta e analisi dei risultati; Giugno evento conclusivo e pubblicazione dei risultati;

21 Comunicazione Artwork 1) immagine coordinata del progetto (logo, corporate); 2) creatività pubblicitaria; 3) allestimento degli stand per eventi; WEB & Tv Radio Stampa 1) Landing page 2) Social media 3) Display banner 4) Rich media 5) Newsletter 6) Video animazione di presentazione del progetto; 7) Trailer spot ; 8) Interviste agli attori del progetto; 9) FAQ 10) collegamento a 1) Spot 2) Interviste 3) Gioco a premi tematico sugli argomenti trattati 1) Brochure del progetto; 2) Depliant sintetico; 3) Cartellonistica 6 x 3 in occasione degli eventi di apertura e chiusura. Merchandising 1) Stand e allestimenti coordinati 2) Oggettistica e abbigliamento sportivo Ufficio Stampa & Media partnership 1) Creazione comunicati 2) Invio cartelle stampa 3) Rapporti con i media

22 Partecipanti al progetto ASD Maiella Scuola calcio qualificata F.I.G.C. Capofila del progetto: Massimo Torrieri, Presidente Enio Di Marzio, direttore tecnico Arcangelo Marroncelli, direttore organizzativo Leo Caramanico, Responsabile della segreteria e rapporti con le istituzioni; Regione Abruzzo Assessorato allo Sport Assessore Carlo Masci Direzione Politiche della Salute Direttore Maria Crocco Servizio Ispettivo e Controllo Qualità Dr. Angelo Muraglia, Dott.ssa Luigia Calcalario Comune di Guardiagrele Assessorato allo sport - Assessorato al commercio - Assessorato alla cultura Università Chieti-Pescara - Scuola di Medicina e Scienze della Salute Dip.to di Medicina e Scienza dell Invecchiamento- Prof.ssa Ester Vitacolonna Dip.to di Scienze Psicologiche Umanistiche e del Territorio Prof. Mario Fulcheri, Dott.ssa Roberta Maiella, Dott. Fabrizio Quattrini Asl Lanciano Vasto Chieti -Ospedale di Chieti Servizio Diabetologia e Nutrizione Clinica Prof.ssa Ester Vitacolonna Servizio Consultoriale di Guardiagrele Dr.ssa Rosella Stampone Asl Pescara Ospedale di Pescara Chirurgia Generale Dr. Antonio Ravazzolo Progetto Ludico Abruzzo Tu.Cu.R. Prodotti alimentari Fondazione S. Nicola Greco Fondazione Mennea Comando Carabinieri per la Tutela della Salute / NAS di Pescara Ideazione e progettazione: Calabretta & ASSOCIATI marketing project management

23 Informazioni Scuola calcio ASD Maiella Presidente, Sig. Massimo Torrieri, Tel Responsabile Tecnico della scuola calcio Sig. Enio Di Marzio tel Responsabile Organizzativo Sig. Arcangelo Marroncelli, Tel Progettazione Calabretta & ASSOCIATI, tel

24

25

26

27

28 Progetto Progetto pilota sulla corretta alimentazione, il doping, gli aspetti psico-affettivi e di educazione alla sessualità. nel giovane sportivo della scuola calcio. ASD Maiella Calcio Regione Abruzzo, ASSESSORATO ALLO SPORT Firma del legale rappresentante Comune di Guardiagrele, ASSESSORATO ALLO SPORT Firma del legale rappresentante Università degli studi Gabriele D Annunzio Firma del legale rappresentante F.I.G.C. Firma del legale rappresentante ASL Lanciano Vasto Chieti Firma del legale rappresentante F.I.G.C. Firma del legale rappresentante Firma del legale rappresentante

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Livelli di Formazione

Livelli di Formazione C.O.N.I. FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA Piano di formazione dei Quadri Tecnici Livelli di Formazione degli Istruttori di Scacchi Compiti, profili di attività, competenze, conoscenze e struttura della

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI Il Table Soccer Club Black Rose 98 Roma regola l attività giovanile per quanto attiene il Subbuteo - Calcio

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

PERCORSO EDUCATIVO ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA

PERCORSO EDUCATIVO ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA PERCORSO EDUCATIVO ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Dott.ssa Daniela Panacci Dott.ssa Karen Manni PERCORSO EDUCATIVO ALL'AFFETTIVITA' E ALLA SESSUALITA' PREMESSA L educazione emozionale affettiva è di

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIA, SALTA RIDI L Educazione Alimentare, oggi ha assunto un ruolo fondamentale nella determinazione

Dettagli

Servizio di Psicologia dello sport

Servizio di Psicologia dello sport Servizio di Psicologia dello sport SCUOLE CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Ente Comitato Regionale Puglia, Federazione Italiana Giuoco Calcio, Lega Nazionale Dilettanti (Bari). Chi siamo Sportivamente

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Dal 3 al 6 aprile 2014 in Fiera a Vicenza, vi aspettano quattro giornate di divertimento alla scoperta del fascino degli sport,

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

CHI SIAMO. Bisogna che ognuno si senta l unico responsabile di tutto

CHI SIAMO. Bisogna che ognuno si senta l unico responsabile di tutto CHI SIAMO Bisogna che ognuno si senta l unico responsabile di tutto LiberaMusica nasce dalla volontà di un gruppo di persone, per lo più donne e per lo più mamme, che vogliono cercare nel loro piccolo

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA

PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA PROGETTI IN RETE PROGETTO LA SCUOLA IN PIAZZA Premessa: Il progetto La Scuola in Piazza, nasce dall esigenza di ricercare forme e momenti di incontro della scuola con il proprio territorio di appartenenza.

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1 Stagione sportiva 2006/2007 Comunicato Ufficilale N 1 4 Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica Corsi di formazione e di informazione Fuoriclasse cup C. ATTIVITA PROMOZIONALE

Dettagli

A.S.D. TOTAL SPORT Stagione Sportiva 2012-2013

A.S.D. TOTAL SPORT Stagione Sportiva 2012-2013 A.S.D. TOTAL SPORT Stagione Sportiva 2012-2013 A.S.D. TOTAL SPORT Contenuti Presentazione Obiettivi pag. 3 pag. 5 A chi si rivolge pag. 6 Progetto Pilota Team Impianti pag. 7 pag. 8 pag. 9 Abbigliamento

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

IL BAMBINO (centralità)

IL BAMBINO (centralità) Il Vero soggetto della Nostra proposta educativa SOCIETA di CALCIO Personalità Scuola Dirigente Educatore Sportivo Allenatore Preparatore Motorio Medico Psicologo IL BAMBINO (centralità) EVOLUZIONE (crescita)

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto Nella Regione Abruzzo sono

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero Scuola dell Infanzia Brezzo di Bedero PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s. 2014-2015 PREMESSA Un viaggio che ha come finalità il generale miglioramento dello stato di benessere degli individui attraverso corrette

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

LA SCUOLA DEL BENESSERE

LA SCUOLA DEL BENESSERE SCUOLA DELL INFANZIA DON MILANI SEZIONE IC ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGETTO : LA SCUOLA DEL BENESSERE PROGETTO LA SCUOLA DEL BENESSERE Premessa: Per l'anno scolastico 2012-13 abbiamo elaborato una programmazione

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Progetto SNaQ Scuola Magistrale

Progetto SNaQ Scuola Magistrale 1 PROGETTO SCUOLA MAGISTRALE ARGOMENTI TRATTATI Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici; Qualifiche e Competenze; Crediti formativi; I Quattro Livelli di Qualifica dei Tecnici Sportivi; Formazione permanente.

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

L' AZIENDA CHE SOSTIENE IL SOCIALE:

L' AZIENDA CHE SOSTIENE IL SOCIALE: L' AZIENDA CHE SOSTIENE IL SOCIALE: La sponsorizzazione come promozione sociale SportABILI ALBA Onlus Asd Associazione Sportiva Dilettantistica senza scopo di lucro e con fini di attività sociale (Onlus

Dettagli

CHE COS E L AUTO MUTUO AIUTO

CHE COS E L AUTO MUTUO AIUTO 1 CHE COS E L AUTO MUTUO AIUTO L Auto Mutuo Aiuto è una metodica semplice e spontanea, un approccio sociale, una cultura, una filosofia, sicuramente una risorsa. E un modo di trattare i problemi che ciascuno

Dettagli

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Un progetto socialmente responsabile in collaborazione tra Assolombarda Coni Lombardia Fondazione Sodalitas Impresa & Sport è un progetto che nasce da

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

La Promozione della Salute e lo sport

La Promozione della Salute e lo sport La Promozione della Salute e lo sport Dott.ssa Chiara Tunini, Referente Pedagogico, Ass 2 Isontina Gorizia Festa dello Sport Monfalcone, 30 maggio 2009 1 La SALUTE è un bene di tutti! SALUTE applicare

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

PROJECT MANAGER BRESCIA CALCIO Giorgio Abeni e Lillo De Grazia. COORDINATORE PUNTI BRESCIA Valentino Cristofalo

PROJECT MANAGER BRESCIA CALCIO Giorgio Abeni e Lillo De Grazia. COORDINATORE PUNTI BRESCIA Valentino Cristofalo Il Progetto Punti Brescia Centro Sud Italia e Malta continua il suo percorso tecnico formativo e dopo tre stagioni sportive si afferma quale esempio di eccellenza nazionale e internazionale nell ambito

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO NOI, VOI. STESSA STRADA, STESSO SUCCESSO Pubblicità o sponsorizzazioni? Ti stai chiedendo cosa dovresti guadagnarci

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO LO SPORT LO SPORT come tempo di crescita personale, come mezzo per educare, come scoperta di valori, come proposta ludica, come attività

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi Primo Anno SCIENZE MOTORIE a) Rielaborazione degli schemi motori propri di varie discipline a carattere sportivo e/o espressivo; b) Sviluppo della consapevolezza di sé; c) Sviluppo delle capacità coordinative

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti "FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT: FORMAZIONE, RICERCA CLINICA, PREVENZIONE E RIABILITAZIONE" FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT FORMAZIONE

Dettagli

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie Acqua T.V.B. TI VOGLIO BERE JUNIOR Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie PREMESSA L ipotesi di progetto è finalizzata ad educare ad un consumo responsabile

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 Progetto Descrizione Destinatari Valorizzazione della matematica Coinvolge tutto L Istituto; in particolare vede coinvolte le classi V^ della

Dettagli

PROGETTO MEDICINA PER STARE

PROGETTO MEDICINA PER STARE ASSOCIAZIONE GERMOGLIO PROGETTO MEDICINA PER STARE UNA MEDICINA MEGLIO INSIEME Le diversità di cultura, di abilità, di genere: limite o ricchezza? promosso dalle Associazioni PerLeDonne - Germoglio - La

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM Tenero, 25-26.01.2013 Prof. Philippe Sarrazin Laboratorio sport e ambiente sociale Università J. Fourier,

Dettagli

LE FINALITA DEL PROGETTO

LE FINALITA DEL PROGETTO AMBITO N 5 LE FINALITA DEL PROGETTO La finalità del progetto è quella di organizzare e realizzare interventi mirati in modo da prevenire stili e comportamento a rischio ed innalzare le capacità di comprensione

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

IL NOSTRO TEAM EMOZIONI IN CAMPO!

IL NOSTRO TEAM EMOZIONI IN CAMPO! IL NOSTRO TEAM SIAMO TRE GIOVANI PSICOLOGHE CON PERCORSI PERSONALI E FORMATIVI DIVERSI; CI SIAMO CONOSCIUTE DUE ANNI FA DURANTE LA NOSTRA ATTIVITÀ DI TIROCINIO POST-LAUREAM PRESSO UN ASSOCIAZIONE ONLUS

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli