2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa."

Transcript

1 INDICE 1.PREMESSA 2. FINALITÀ E DESCRIZIONE DELL INTERVENTO. 2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa. 3. ASPETTI GENERALI DEL TERRITORIO IN CUI SONO UBICATI GLI INTERVENTI 3.1 Il contesto territoriale 3.2. Aspetti morfologici e geologici 3.3 L assetto costiero, i fondali e le spiagge 3.4. Clima ondoso 3.5. Il regime evolutivo del litorale. 3.6 Aspetti urbanistici e disponibilità delle aree, collegamenti viari. 4. STIMA DEGLI INTERVENTI E QUADRO ECONOMICO R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 1

2 1.PREMESSA Gli interventi in progetto sono finalizzati alla protezione di un tratto di costa ubicato nel Comune di Monasterace (RC), attualmente soggetto a fenomeni di erosione. La pianificazione delle opere è stata articolata attraverso studi specialistici dell idraulica marittima e costiera, tramite i quali è stata individuata la soluzione progettuale più idonea alla difesa del tratto di costa in esame. Si riporta nel seguito l elenco degli elaborati costituenti il progetto definitivo: ELENCO ELABORATI CODICE ELABORATI DESCRITTIVI R.1 Relazione descrittiva R.2 Relazione geologica e sedimentologica R.3 Relazione idraulico marittima - Studio idraulico marittimo aggiornato R.4 Relazione sulle opere di difesa costiera: scelta tipologica, dimensionamento strutture e ripascimento R.5 Studio sull'evoluzione della linea di costa R.6 Relazione ai sensi del art. 32 del DLgs 152/2006 per la procedura di "Verifica della valutazione di impatto ambientale" R.7 Relazione sul sito di prelievo e modalità di esecuzione del ripascimento R.8 Piano di Monitoraggio e Manutenzione R.9 Relazione Idrologica ed Idraulica della fiumara Silaro ELABORATI GRAFICI T1 Inquadramento territoriale scala 1: Corografia scala 1: Planimetria scala 1: T2 Rilievo topografico dello stato dei luoghi scala 1:500 T3 Sezioni dello stato dei luoghi scala 1:200 T4 Planimetria di progetto scala 1:500 T5 Sezioni di progetto scala 1:200 E.1 Elenco prezzi unitari - Analisi prezzi ELABORATI ECONOMICI E.2 Computo metrico estimativo - Quadro economico E.3 Disciplinare descrittivo e prestazionale R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 2

3 2. FINALITÀ E DESCRIZIONE DELL INTERVENTO. Le opere in progetto saranno realizzate nel territorio del Comune di Monasterace (RC), (fig. 1), in una fascia costiera delimitata a sud dalla Fiumara Stilaro ed a Nord dalla Fiumara Assi (fig.2), e sono finalizzate alla protezione del tratto di litorale situato sulla Marina di Monasterace (RC). Fig.1.- Comune di Monasterace Inquadramento Territoriale. R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 3

4 Fig.2.- Comune di Monasterace La fascia costiera compresa tra le fiumare Stilaro (sud) ed Assi (Nord) Il litorale in parola ha subito intensi fenomeni erosivi, che nell arco di alcuni anni hanno indotto l arretramento della linea di riva di circa di circa m, come illustrato nella fig. 3, tratta dagli studi eseguiti dall Autorità di Bacino Regionale (Piano Stralcio). Detti fenomeni hanno determinano problematiche di difesa degli insediamenti civili, per le quali, nel recente passato, sono state eseguite delle opere di difesa, consistenti in un muro di altezza di circa 3 m, eseguito sul lungomare di Monasterace Marina, ed in una protezione radente in massi naturali disposti alla rinfusa, posta sul limite meridionale del R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 4

5 suddetto lungomare. L ulteriore arretramento della linea di riva ha successivamente indotto fenomeni di instabilità per scalzamento delle fondazioni dell esistente muro posto a sostegno della strada litoranea. Fig.3 Litorale di Monasterace Marina Le superfici evidenziate in rosso indicano l arretramento dlela linea di riva (Piano Stralcio dell A.d:B. Regionale). R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 5

6 Scopo dell intervento che si prospetta è quindi quello di garantire il litorale con un idonea struttura di difesa costiera. Detto obiettivo viene perseguito prospettando la realizzazione di una difesa morbida costituita da un ripascimento artificiale in ciottoli a spigoli arrotondati prelevati dalla vicina fiumara Stilaro attraverso la rimozione dei depositi alluvionali in eccesso dell alveo. E previsto il prelievo di circa mc di ciottoli, che verrà eseguito dopo le necessarie autorizzazioni da parte degli Enti preposti. In secondo luogo si prevede di proteggere adeguatamente il muro di controripa del lungomare con una scogliera in massi di II categoria a completamento ed integrazione di quella esistente. Nella zona di lungomare protetta dalla scogliera radente (che ha dimostrato la sua efficacia) si prevede una risagomatura e ricollocamento in opera dei massi di tale scogliera e la realizzazione di una cella sperimentale costituita da una scogliera sommersa longitudinale e due pennelli trasversali anch essi sommersi (nel tratto terminale). La disposizione planimetrica delle opere in progetto e le sezioni tipo sono riportate negli allegati grafici. In dettaglio gli interventi consistono in: a) realizzazione di un ripascimento con materiale di granulometria media D 50 =10 50 mm realizzato in ciottoli prelevati dalla vicina fiumara Stilaro; b) protezione delle fondazioni del muro di controripa della strada litoranea comunale con una scogliera aderente in massi di II categoria; c) risagomatura e ricollocamento in opera dei massi della scogliera radente; d) realizzazione di opera sperimentale a cella di tipo sommerso (scogliera longitudinale + due pennelli). R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 6

7 La soluzione proposta è scaturita sia dallo studio delle caratteristiche di esposizione al clima ondoso del paraggio di intervento, sia dalla definizione delle caratteristiche delle correnti litoranee connesse al moto ondoso, che governano i flussi dei sedimenti sul litorale. Sulla base dei risultati dei suddetti studi, la soluzione progettuale proposta, garantisce nel contempo: un buon livello di protezione del litorale; la qualità delle acque, in quanto non vi sono ostacoli ai ricambi idrici; la salvaguardia delle caratteristiche paesaggistiche ed ambientali; un idonea difesa costiera; una scarsa interferenza con gli attuali flussi di sedimenti litoranei. Le opere di difesa sono state proporzionate alle sollecitazioni indotte dal clima ondoso secondo le consolidate procedure di calcolo dell Ingegneria Marittima. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla specifica relazione (R.4). 2.1 Ripascimento Nel tratto di costa in esame si realizzerà un ripascimento dell ordine di circa mc da realizzarsi nel primo tratto a partire da Nord (dalla progressiva 0.00 alla progressiva m) e nell ultimo tratto ( dalla progressiva 760,00 alla progressiva ). Si prevede quindi di non realizzare il ripascimento nel tratto già difeso dalla scogliera radente (tranne nel tratto in cui è prevista la realizzazione dell opera di difesa sperimentale a cella) e nel tratto della progressiva 586,50 alla progressiva 760,00 caratterizzato da una spiaggia emersa di soddisfacente ampiezza. R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 7

8 2.2 Nucleo in massi a difesa delle fondazioni del muro di controripa. Il nucleo sarà costituito da massi naturali di seconda categoria disposti in doppia fila, con quota pari a m, e scarpa lato mare sagomata con pendenza 2/1. La quota di imbasamento dei massi sarà pari al livello medio mare, pertanto sarà necessario uno scavo per il loro posizionamento. La realizzazione della protezione del muro non riguarderà il tratto già difeso dalla scogliera radente (nel quale si prevede una risagomatura dei massi per raggiungere la quota di m). 2.3 La struttura sperimentale a cella La struttura di difesa sperimentale è del tipo a cella, in massi naturali, costituita da una scogliera sommersa longitudinale e da due pennelli anch essi sommersi (nel tratto terminale) che costituiscono una cella all interno della quale è previsto il versamento di un ripascimento nella misura di 30 mc/ml. La scogliera sommersa è sagomata con una scarpata 2/1 lato mare e presenta una berma larga 6 m, posta ad una quota di sommergenza rispetto al medio mare pari a 0.50 m per tutto il suo sviluppo. La struttura sarà realizzata con mantellata costituita da massi naturali, disposti in doppio strato. Le caratteristiche geometriche principali delle sezioni tipo della scogliera sono riportate nei grafici allegati. R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 8

9 3. ASPETTI GENERALI DEL TERRITORIO IN CUI SONO UBICATI GLI INTERVENTI 3.1 Il contesto territoriale Percorrendo il litorale jonico calabrese in direzione Sud, lungo la strada statale 106 si entra in territorio di Monasterace, il primo comune della Provincia di Reggio Calabria da cui dista circa 150 Km. Monasterace, come altri centri della costa jonica, è diviso in due distinte zone. Il centro storico è situato nella parte collinare, a circa 138 m sul livello del mare, mentre la zona balneare è posta ad un altitudine di 10 m s.l.m. in una località di rilevante interesse storico ed ambientale. La superficie del territorio comunale è di 16 Kmq e risulta confinante con i comuni di Stilo, Guardavalle e con il Mar Jonio. La costa, bassa e di natura sabbiosa, si estende per circa 4,5 Km 3.2.Aspetti morfologici e geologici La morfologia della fascia costiera in esame è caratterizzata da una serie di dossi collinari, orientati ortogonalmente alla costa ed alla catena montuosa. I luoghi oggetto di intervento sono compresi in una fascia costiera delimitata a sud dalla Fiumara Stilaro ed a Nord dalla Fiumara Assi. Per quanto attiene alla geologia, la successione stratigrafica è caratterizzata da coperture alluvionali attuali e recenti giacenti su pile di depositi Pliopleistocenici. R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 9

10 La Relazione Geologica (R.2) espone in dettaglio le caratteristiche della zona oggetto di intervento. 3.3.L assetto costiero, i fondali e le spiagge Il litorale appartiene ad un unità fisiografica lunga ed aperta (non delimitata da promontori), che si sviluppa con morfologia regolare da Sud-Ovest verso Nord-Est fino a Punta Stilo. La costa è bassa e presenta diffuse morfologie dunali, interrotte da vaste aree urbanizzate, nonché da immissioni di corsi d acqua, che riforniscono l ambiente costiero di apporti di sedimenti terrigeni. Il litorale non presenta opere di difesa costiera né strutture portuali; unica eccezione è rappresentata dalla difesa aderente, costituita da un muro a protezione del litorale di Monasterace, che è disposto a monte della spiaggia emersa e a contenimento della strada litoranea. La morfologia dei fondali appare generalmente regolare, senza punti singolari o complesse discontinuità, con batimetriche che si sviluppano parallelamente alla linea di costa. Il fondale fino alla batimetrica 5 m è caratterizzato dalla presenza di barre e cordoni di frangimento. Le superfici immerse risultano sostanzialmente poco acclivi, infatti la batimetria 5 m s.l.m.m. è situata ad una distanza di circa m dalla linea di riva e la 10 m s. l. m.m. mediamente a m. Nel tratto litoraneo oggetto di intervento le caratteristiche morfologiche dei fondali sono state acquisite tramite rilievi batimetrici e sono illustrate nello specifico allegato grafico. I rilevi sono stati eseguiti relativamente alla fascia compresa tra la linea di riva e la batimetrica m.s.m. R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 10

11 La spiaggia emersa è caratterizzata da sedimenti di granulometria medio-grossa ricadenti mediamente nel campo delle sabbie, con cospicue presenze di ghiaia; il D 50 risulta variabile tra 0.8 mm a 3 mm. La spiaggia sommersa presenta granulometrie minori caratterizzate da un D 50 variabile tra 0.2 mm a 3 mm. 3.4.Clima ondoso Il paraggio oggetto di intervento è esposto al clima ondoso che si genera nel settore di traversia delimitato a Nord-Est dalla direzione 40 N (Punta Stilo 40 N) e a Sud-Ovest dalla direzione 220 N, (Capo Spartivento). I fetches geografici interni al settore di traversia 40 N-220 N sono limitati a Nord- Est dalla penisola Balcanica ( Km), ad Est dalla penisola greca ( Km), a Sud dalle coste dell Egitto e della Libia ( Km), a Sud-Ovest dalle coste della Libia e della Tunisia ( Km). Il settore di traversia risulta molto esposto a mareggiate intense di Scirocco e Grecale. Il paraggio sotto costa si restringe alquanto, in seguito al fenomeno della rifrazione. Infatti i mari provenienti dai sub-settori 40 N - 50 N e 160 N N vengono deviati per effetto della rifrazione e quindi non raggiungono, in corrispondenza dei bassi fondali, il litorale in questione. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla specifica Relazione Idraulico Marittima (R.3), nella quale sono esposti i criteri e i risultati dell analisi condotta per la caratterizzazione del clima ondoso a cui è esposto il paraggio di Monasterace Marina. 3.5.Il regime evolutivo del litorale. R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 11

12 La risultante energetica del clima ondoso di largo è orientata secondo la direzione di 130 N circa. e quindi sostanzialmente presenta una componente prevalente ortogonale alla linea di riva ed una di entità minore parallela alla riva e diretta verso Nord. I risultati esposti circa il clima meteomarino, unitamente alla morfologia del litorale, indicano che il litorale è soggetto ad un regime di modellamento governato da un debole flusso longitudinale, diretto verso nord. Nella Relazione sull evoluzione della linea di costa, (R.6), si è analizzato il trend evolutivo del litorale in assenza ed in presenza delle opere di progetto, tramite opportune simulazioni con modelli matematici. 3.6 Aspetti urbanistici e disponibilità delle aree, collegamenti viari. Il Comune di Monasterace è dotato di Regolamento Edilizio e di P.R.G. (del n.783 del 01/01/1982), con relative Norme di Attuazione. I luoghi oggetto di intervento sono ubicati tutti su suolo demaniale, per cui l intervento non richiede l attivazione di procedure di esproprio e oneri economici connessi. Le principali strade di comunicazione per raggiungere il territorio di Monasterace sono la S.S. 110 e la S.S. 106 Jonica. La prima collega la costa all entroterra aspromontano, mentre la seconda si sviluppa lungo la linea di costa. La viabilità del centro di Monasterace Marina, date le ridotte dimensioni dell abitato, risulta, sostanzialmente, frutto della recente edificazione ascrivibile allo sviluppo turistico balneare che tali aree hanno subito in questi ultimi anni per cui la viabilità principale si sviluppa parallelamente alla linea di costa. R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 12

13 4. STIMA DEGLI INTERVENTI E QUADRO ECONOMICO La stima degli interventi è stata eseguita sulla base del Prezzario Regionale di riferimento per il settore delle Lavori Pubblici della Regione Calabria approvato con deliberazione della Giunta Regionale n del 17 dicembre Per le categorie non riportate nel citato prezzario si è eseguita apposita Analisi Prezzi. Si riporta nel seguito il quadro economico. Quadro Economico ONERI PER LAVORI A1 Totale lavori a base d'asta ,48 A2 di cui oneri per l'attuaz. dei piani di sicurezza (2.% di A1) 19112,66 A -Totale lavori ,14 SOMME A DISPOSIZIONE B1 Spese Tecniche 59717,98 B2 Compensi RUP 19119,66 B2 I.V.A. su spese tecniche (20% di B1) 11943,60 B3 I.V.A. sui lavori (20% di A) ,63 B4 Imprevisti IVA compresa (max 5% di A) 42039,00 B5 Oneri piano di monitoraggio B4 Oneri analisi di laboratorio B -Totale somme a disposizione ,86 Totale A + B R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 13

14 ALLEGATI GRAFICI R.T.P.: Prof.Ing. Benassai, Ing. Linguiti, Ing.Procida Mirabelli di Lauro 14

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Idraulica Marittima VALUTAZIONE DELLA PROPAGAZIONE DEL MOTO ONDOSO DEL LITORALE DELLA FOCE DEL FIUME LATO CALCOLO DEL FETCH EFFICACE

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi ovvero di quantitativo inferiore a 1000 metri cubi 1 Parte

Dettagli

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti:

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti: PREMESSA Tra il 31/10/2012 e il 01/11/2012 il litorale regionale è stato oggetto di un evento meteomarino di eccezionale rilevanza. La concomitanza sfavorevole dei massimi di marea astronomica, di acqua

Dettagli

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona 11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona D. 4 7 SCHEDA n.11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona Tratto: 11 Comuni interessati: Falconara Marittima (4,69 ) Ancona (5,09 ) Lunghezza del

Dettagli

REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO. Dott. Ing. A. Bartoli (progettista)

REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO. Dott. Ing. A. Bartoli (progettista) REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO elaborato: FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE tavola: scala: data: rif.: R10 dicembre 2012 - responsabile

Dettagli

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche Tratto: 18 Comuni interessati: Civitanova Marche (0,52 ) Lunghezza del tratto di costa: 0, 5 2 k m Bacini principali di apporto solido alla spiaggia: in questo tratto

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO INTERSEDE IN SCIENZE COSTIERE APPLICATE

MASTER UNIVERSITARIO INTERSEDE IN SCIENZE COSTIERE APPLICATE Università degli Studi di Parma Dipartimento di Ingegneria e Architettura Dipartimento di Scienze della Terra MASTER UNIVERSITARIO INTERSEDE IN SCIENZE COSTIERE APPLICATE ANNO ACCADEMICO 2010-11 Relazione

Dettagli

Projet BEACHMED Phase C Attività 4: Studio delle Tecnologie d intervento ottimali

Projet BEACHMED Phase C Attività 4: Studio delle Tecnologie d intervento ottimali Attività 4: Studio delle Tecnologie di intervento Ottimali 4. ATTIVITÀ 4: STUDIO DELLE TECNOLOGIE D'INTERVENTO OTTIMALI Generalità L'attività n 4 del progetto è stata dedicata allo studio delle tecnologie

Dettagli

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Inquadramento generale LE COMPETENZE L.r. 28 aprile 1999 n.13 Disciplina delle funzioni in materia di difesa della costa, ripascimento

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO

PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO Provincia di Livorno Unità di Servizio 2.1 Difesa e Protezione del Territorio Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO ATTUAZIONE INTERVENTI P.R.G.I.C. (D.G.R.T. 1214

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 15 Unità fisiografiche Golfo del Tigullio, Baia del Silenzio e Riva Trigoso ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 Relazione Paraggio dal porto

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 15/ 4 DEL 11.3.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 15/ 4 DEL 11.3.2008 DELIBERAZIONE N. 15/ 4 Oggetto: Procedura di verifica ai sensi dell art. 31 della L.R. 18.1.1999 n. 1 e s.m.i. e della Delib.G.R. 15.2.2005 n. 5/11 e s.m.i. relativa al progetto Ampliamento del Porto Turistico

Dettagli

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI INTERVENTO FINALIZZATO ALLA PROTEZIONE DEL LITORALE APPARTENENTE AL COMUNE DI ROCCA SAN GIOVANNI NELLE LOCALITA' "IL CAVALLUCCIO" E "VALLE DELLE GROTTE" - Fondi

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA DEGLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE DELLA FOCE DEL FIUME

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile FACOLTÀ: INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile INSEGNAMENTO: Progettazioni Idrauliche NOME DOCENTE: Prof. Ing. Francesco ARISTODEMO indirizzo e-mail: francesco.aristodemo@uniecampus.it

Dettagli

Il Piano Regionale per le Coste della Puglia nella Gestione Integrata

Il Piano Regionale per le Coste della Puglia nella Gestione Integrata Il Piano Regionale per le Coste della Puglia nella Gestione Integrata della Zona Costiera L approccio della Pianificazione Marittima Regione Puglia Ufficio Parte 1. Gestione integrata del rischio erosione

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO ATTUAZIONE INTERVENTI O.P.G.R. 30/2012 MARINA DI CAMPO: RIPASCIMENTO DA SABBIE ALZI

PROGETTO DEFINITIVO ATTUAZIONE INTERVENTI O.P.G.R. 30/2012 MARINA DI CAMPO: RIPASCIMENTO DA SABBIE ALZI Provincia di Livorno Unità di Servizio 2.1 Difesa e Protezione del Territorio Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse PROGETTO DEFINITIVO ATTUAZIONE INTERVENTI O.P.G.R. 30/2012 PROGETTISTI Dott.

Dettagli

Luigi Stefano Sorvino, Crescenzo Minotta, Filomena Moretta, Massimo Verrone. Autorità di Bacino Destra Sele

Luigi Stefano Sorvino, Crescenzo Minotta, Filomena Moretta, Massimo Verrone. Autorità di Bacino Destra Sele 233 AUTORITÀ DI BACINO DESTRA SELE - IL PIANO STRALCIO DI TUTELA DELLA COSTA Luigi Stefano Sorvino, Crescenzo Minotta, Filomena Moretta, Massimo Verrone Autorità di Bacino Destra Sele 1 - La fascia costiera

Dettagli

Provincia di Livorno Unità di Servizio 3.1 Difesa del Suolo e delle Coste Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse

Provincia di Livorno Unità di Servizio 3.1 Difesa del Suolo e delle Coste Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse PIANO STRAORDINARIO PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO Art. 2, comma 240, Legge 23 dicembre 2009, n. 191 ACCORDO DI PROGRAMMA MATTM-REGIONE TOSCANA 3 NOVEMBRE 2010 Intervento di difesa dell abitato

Dettagli

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione.

COMUNE DI MONDOLFO. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE. Acque di Balneazione. GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI MONDOLFO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW VIALE COLOMBO N. 10 VIALE COLOMBO N. 45 VIALE

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello NR/9343 SPC. -LA-E-8525 Fg. 1 di 14 METANODOTTO: FALCONARA RECANATI DN 15 (42 ), DP 75 bar Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello V. Forlivesi Emissione S. Buccafusca M. Matteucci

Dettagli

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO Il Comune di Rimini con finanziamento della Giunta Regionale dell Emilia Romagna (delibere G.R. n. 2552/2003 del 09/12/2003 e n. 2334/2005 del 29/12/2005)

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI REGIONE CALABRIA AUTORITA DI BACINO REGIONALE ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO DIFESA DEL SUOLO - EROSIONE DELLE COSTE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Catanzaro, Novembre 2006

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

Progetto di Piano Stralcio per la Difesa delle Coste. Relazione Generale

Progetto di Piano Stralcio per la Difesa delle Coste. Relazione Generale Progetto di Piano Stralcio per la Difesa delle Coste Relazione Generale 2 1 INTRODUZIONE.....3 2 IL PIANO STRALCIO DIFESA DELLE COSTE... 5 2.2 Obiettivi dello studio... 7 2.3 Piano di lavoro... 7 2.3.1

Dettagli

INDICE 4. CARATTERIZZAZIONE METEOMARINA DELLE UNITA FISIOGRAFICHE. 4.2.1 Esposizione del paraggio

INDICE 4. CARATTERIZZAZIONE METEOMARINA DELLE UNITA FISIOGRAFICHE. 4.2.1 Esposizione del paraggio INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE pag. 3 3. STATO DEI LUOGHI pag. 4 4. CARATTERIZZAZIONE METEOMARINA DELLE UNITA FISIOGRAFICHE 4.1 UNITÀ FISIOGRAFICA D1. 4.1.1 Esposizione del paraggio

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO Titolo elaborato: ELABORATI PROGETTUALI RELAZIONE "C4" STUDIO DELLA DINAMICA COSTIERA

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEGLI INTERVENTI PROGETTUALI NELLA COSTA DI LADISPOLI

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEGLI INTERVENTI PROGETTUALI NELLA COSTA DI LADISPOLI Università degli Studi di Palermo Meccanica dei Materiali e delle Strutture Vol. 4 (2014), no.1, pp. 85-94 ISSN: 2035-679X Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali - DICAM

Dettagli

Venis Cruise 2.0 Nuovo Terminal Crociere di Venezia Bocca di Lido

Venis Cruise 2.0 Nuovo Terminal Crociere di Venezia Bocca di Lido Venis Cruise 2.0 1 Direttive istituzionali 2 marzo 2012 Decreto Clini-Passera Divieto di transito in Bacino di San Marco per le navi crociera sup. a 40mila t.s.l. 6 febbraio 2014 o.d.g. Senato: compatibilità

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Regione Molise. DIREZIONE AREA IV Servizio Difesa del Suolo, Opere Idrauliche e Marittime

Regione Molise. DIREZIONE AREA IV Servizio Difesa del Suolo, Opere Idrauliche e Marittime PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI COMPLETAMENTO PER LA DIFESA DELLA COSTA MOLISANA LOTTO N. 9 - VARIANTE 1 PREMESSE RELAZIONE GENERALE La costa molisana è stata interessata nell ultimo periodo di tempo

Dettagli

Studio di trasporto solido sul fiume Serchio Il gruppo di ricerca è così composto: - Prof. Geol. Massimo Rinaldi, docente di Geologia Applicata presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW FOCE TORRENTE ALBULA DAVANTI FOSSO

Dettagli

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella Lavagna (GE), 27 marzo 2014 Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella DIST Dipartimento Interateneo di Scienze,

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICO-MARITTIMA

RELAZIONE IDRAULICO-MARITTIMA 1 1. STUDIO DEL MOTO ONDOSO AL LARGO E SOTTOCOSTA...6 1.1. Inquadramento del paraggio...9 1.2. Studio del moto ondoso di largo...9 1.2.1. I metodi spettrali...10 1.3. Studio del moto ondoso sottocosta:

Dettagli

CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE SUL TEMA: DIFESA,RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COSTA DEL COMUNE DI SALERNO

CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE SUL TEMA: DIFESA,RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COSTA DEL COMUNE DI SALERNO CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE SUL TEMA: DIFESA,RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COSTA DEL COMUNE DI SALERNO Indirizzi progettuali di concorso Maggio 2007 INDICE 1- Premessa 2- Oggetto del concorso

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 431 STUDIO METEOMARINO ED ANALISI MODELLISTICA PER LA PROGETTA- ZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO ALLE ISOLE TREMITI Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 1 - Introduzione

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Interventi di messa in sicurezza. 21 dicembre 2009

Interventi di messa in sicurezza. 21 dicembre 2009 Interventi di messa in sicurezza 21 dicembre 2009 La Caratterizzazione di Pian Masino Le risultanze pongono in evidenza: Acque di falda altamente compromesse Criticità elevata per presenza di Cr VI a Pian

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Relazione Finale di Ricerca Studio meteo marino preliminare all intervento di riequilibrio della spiaggia del Pozzale, isola Palmaria.

Relazione Finale di Ricerca Studio meteo marino preliminare all intervento di riequilibrio della spiaggia del Pozzale, isola Palmaria. Università degli Studi di Parma Dipartimento di Ingegneria e Architettura Dipartimento di Scienze della Terra MASTER UNIVERSITARIO INTERSEDE IN SCIENZE COSTIERE APPLICATE ANNO ACCADEMICO 2010-11 Relazione

Dettagli

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana Attività del centro di monitoraggio dell'osservatorio dei Litorali Laziali Ciro Riccardi Capo Settore Centro di Monitoraggio Osservatorio dei Litorali Laziali Regione Lazio Funzioni e compiti dell Osservatorio

Dettagli

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO - IPOTESI ALTERNATIVE ing. Daniele Rinaldo n. 1886 Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell Ogliastra

COMUNE DI TERTENIA Provincia dell Ogliastra COMUNE DI TERTENIA Provincia dell Ogliastra U F F I C I O T E C N I C O L A V O R I P U B B L I C I DOCUMENTO PRELIMINARE ALL AVVIO DELLA PROGETTAZIONE (Art. 15 DPR 554/99 e Art. 93 Dlgs 163/2006) Progettazione

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

4. ATTIVITÀ D INDAGINE A SUPPORTO DEL PIANO D INTERVENTI

4. ATTIVITÀ D INDAGINE A SUPPORTO DEL PIANO D INTERVENTI MARINA DI PISA: DIFESA ABITATO, MODIFICA OPERE ESISTENTI E RIPASCIMENTO ARENILE: LOTTO 2 INTERVENTI URGENTI DI RIPRISTINO CELLE 1 E 2 - INDICE 1. PREMESSE 2. EVOLUZIONE STORICA DEL LITORALE 3. CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Position Paper Analisi della gestione della spiaggia abruzzese nel tratto da Martinsicuro a Giulianova

Position Paper Analisi della gestione della spiaggia abruzzese nel tratto da Martinsicuro a Giulianova Position Paper Analisi della gestione della spiaggia abruzzese nel tratto da Martinsicuro a Giulianova La Regione Abruzzo con il progetto R.I.C.A.M.A. (Rational for Integrated Coastal Area Management)

Dettagli

CALA DEL FORTE ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO

CALA DEL FORTE ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO CALA DEL FORTE ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO inerente le modifiche apportate rispetto al progetto sottoposto a VIA Rel. A Relazione Generale Rel. B Relazione Idraulico Marittima Tav A1 Sintesi del

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

CAPITOLO I Demografia e flussi turistici

CAPITOLO I Demografia e flussi turistici CAPITOLO I Demografia e flussi turistici Demografia e flussi turistici 1.1. Popolazione residente Alla data del 21 ottobre 2001 risultano residenti in Calabria 2.011.466 unità rispetto alle 2.070.203

Dettagli

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN SOTTOPASSAGGIO FERROVIARIO AL Km. 294 + 943 DELLA LINEA BOLOGNA - LECCE PROGETTO ESECUTIVO DICEMBRE 2010 ELENCO DEGLI ELABORATI N. NOME DESCRIZIONE ELABORATO 00 ELENCO ELABORATI

Dettagli

WebGIS Costa Toscana: stato di avanzamento e sviluppi futuri

WebGIS Costa Toscana: stato di avanzamento e sviluppi futuri Provincia di LIVORNO Unità di Servizio 2.1 Difesa e Protezione del Territorio Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse WebGIS Costa : stato di avanzamento e sviluppi futuri Enrica Mori* Giovanni

Dettagli

LAVORI A BASE D'ASTA DOCUMENTAZIONE GENERALE PARTE GENERALE

LAVORI A BASE D'ASTA DOCUMENTAZIONE GENERALE PARTE GENERALE . AUTOSTRADA A14: BOLOGNABARITARANTO Ampliamento alla terza corsia del tratto Rimini NordPedaso Tratto CattolicaFano Opere compensative Comune di Fano Progetto definitivo Codice elaborato STP 001 Elenco

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori

Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Studio di Geologia Applicata - Dott. Geol. Pier Luigi Amadori Viale della Repubblica, 4-47014 Meldola (FC) Tel-Fax. 0543/49 03 36 - C. F. MDR PLG 44L06 A 565 O - P. IVA 00627450406 PREMESSA La presente

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3. Clima e atmosfera 4

PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3. Clima e atmosfera 4 PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3 Clima e atmosfera 4 Biodiversità e paesaggio 4 Qualità del sistema insediativo 4 Uso delle risorse

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

CONVENZIONE. tra. Autorità di Bacino della Puglia. e il. Politecnico di Bari. Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica

CONVENZIONE. tra. Autorità di Bacino della Puglia. e il. Politecnico di Bari. Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica CONVENZIONE tra Autorità di Bacino della Puglia e il Politecnico di Bari Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica Laboratorio di Ricerca e Sperimentazione per la Difesa delle Coste (LIC) con

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Prot. n. 5991 del 29 Novembre 2001 Oggetto : Servizio autorizzativo al cittadino: Linee guida per progetti riguardanti la viabilità montana e rurale Al Presidente della COMUNITA' DEL PARCO VALLO DELLA

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata in località Cavallara presso l abitato di S.Giovanni nel Comune di Ostellato.

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE.

LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Servizio Opere di Competenza Regionale e degli Enti LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE. Art.

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA In seguito agli eventi atmosferici avversi del marzo 2011, la provincia di Biella ha richiesto un finanziamento alla regione Piemonte, al fine di ripristinare

Dettagli

COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone *****

COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone ***** COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone ***** INTERVENTO DI DIFESA DELLA FASCIA LITORANEA DEL COMUNE DI CRUCOLI DAI FENOMENI EROSIVI MEDIANTE RIPASCIMENTO PROTETTO. ---------------------------- PROGETTO

Dettagli

COMPUTO METRICO 1. Num Art. di Indicazioni dei lavori e delle Somministrazioni Quantità Ord. Elenco e sviluppo delle operazioni

COMPUTO METRICO 1. Num Art. di Indicazioni dei lavori e delle Somministrazioni Quantità Ord. Elenco e sviluppo delle operazioni Computo Metrico COMPUTO METRICO 1 Num Art. di Indicazioni dei lavori e delle Somministrazioni Quantità Ord. Elenco e sviluppo delle operazioni REALIZZAZIONE PISTE DI ACCESSO 1 E 2 1 4.18 SALPAMENTO DI

Dettagli

Nota tecnica su metodologia specifica per la redazione delle mappe di pericolosità e di rischio da alluvione marina

Nota tecnica su metodologia specifica per la redazione delle mappe di pericolosità e di rischio da alluvione marina Nota tecnica su metodologia specifica per la redazione delle mappe di pericolosità e di rischio da alluvione marina A cura di: Geol. Parlani S., Ing. Piermattei L., Geol. Scalella G. PREMESSA Fino ad oggi

Dettagli