Gestione finanziaria dei fondi pensione contrattuali dopo la riforma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione finanziaria dei fondi pensione contrattuali dopo la riforma"

Transcript

1 Gestione finanziaria dei fondi pensione contrattuali dopo la riforma Andrea Mariani Mefop CGIL Camera del Lavoro di Milano Milano 06/06/2008

2 Agenda Introduzione alla gestione finanziaria dei fondi pensione contrattuali Processo di costruzione della gestione finanziaria secondo le regole del D. Lgs. 252/05 e dei diversi provvedimenti previsti dalla Covip - le diverse fasi Le possibili evoluzioni della gestione finanziaria dei fondi pensione contrattuali alla luce dell emanando Decreto Ministeriale sui limiti agli investimenti e sui conflitti di interesse I costi della previdenza complementare e l Indice Sintetico di Costo (ISC) La delibera COVIP del per la redazione del Progetto Esemplificativo: stima della pensione complementare

3 Introduzione alla gestione finanziaria dei fondi pensione contrattuali

4 La previdenza complementare dopo il D. Lgs. 252/05 Tacito conferimento del Tfr Equiparazione delle forme pensionistiche complementari per il conferimento del Tfr Omogeneizzazione delle regole di trasparenza e di informazione verso gli iscritti Effetti rilevanti sui modelli organizzativi e gestionali dei Fpc

5 Rivisitazione della disciplina dei limiti agli investimenti Art. 6 co 5-bis D. Lgs. 252/05 Con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e della Previdenza sociale, sentita la Covip, sono individuati: a) le attività nelle quali i fondi pensione possono investire le proprie disponibilità, avendo presente il perseguimento dell interesse degli iscritti, eventualmente fissando limiti massimi di investimento qualora siano giustificati da un punto di vista prudenziale; b) i criteri di investimento nelle varie categorie di valori mobiliari; c) le regole da osservare in materia di conflitti di interesse tenendo conto delle specificità dei fondi pensione e dei principi di cui alla direttiva 2004/39/CE, alla normativa comunitaria di esecuzione e a quella nazionale di recepimento

6 Quote di mercato per Andp gestito nei Fpc

7 Numero dei comparti dei Fpc gestiti

8 Confronto fra gli obbl. puri Fpc 5% 10 mesi obbligazionari puri obbligazionari puri 8,0% 4% obbligazionari puri 4% 3% 2% 1% 0% I quartile II quartile III quartile IV quartile 7,0% 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0% 0,0% 3% 2% 1% 0% Cometa Monetario Plus 0,10% Fonchim Moneta 0,15% Fondenergia Conservativo 0,04% Fopen Monetario 0,07%

9 Confronto fra gli obbl. misti Fpc 10 mesi % 10% 8,0% 4% 3% 2% 1% 6,0% 4,0% 2,0% 8% 5% 3% 0% 0,0% Cometa Sicurezza 0,15% Cometa Reddito 0,10% Cooperlavoro Bilanciato 0,13% Fopen Obbligazionario 0,24% Fopen Bilanciato Obbligazionario 0,21% Pegaso Conservativo 0,16% Previcooper Sicuro 0,23% Previcooper Bilanciato 0,10% Previvolo Prevalentemente obbligazionaria 0,17 Quadri e Capi Fiat Bilanciato Obbligazionario 0,22% Solidarietà Veneto Prudente 0,07% Solidarietà Veneto Reddito 0,07% Telemaco Conservativo (blue) 0,10% Telemaco Prudente (green) 0,11% 0%

10 Confronto fra i bilanciati Fpc 10 mesi % 4% 3% 2% 1% 21,0% 18,0% 15,0% 12,0% 9,0% 6,0% 3,0% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% 0,0% 0% Cometa Crescita 0,14% Cooperlavoro Dinamico 0,18% Fonchim Stabilità 0,12% Fondenergia Bilanciato 0,09% Fopen Bilanciato 0,10% Pegaso Bilanciato 0,15% Pegaso Dinamico 0,16% Previambiente Bilanciato 0,17% Previcooper Dinamico 0,12% Previvolo Bilanciata o mista 0,20% Priamo Bilanciato "Sviluppo" 0,13% Quadri e Capi Fiat Bilanciato Azionario 0,25% Solidarietà Veneto Dinamico 0,15% Telemaco Bilanciato (yellow) 0,12%

11 Le scelte degli iscritti ai Fpc Distribuzione degli aderenti per tipologia di comparto ( ) Bilanciato 32,06% Azionario 1,97% Obbligazionario puro 6,35% Obbligazionario misto 59,62%

12 Processo di costruzione della gestione finanziaria secondo le regole del D. Lgs. 252/05 e dei diversi provvedimenti previsti dalla Covip - le diverse fasi

13 Premessa Il ruolo degli organi di amministrazione nella valutazione dei gestori, assume sempre maggiore incisività sia nell ambito dei processi di selezione che durante l espletamento del mandato. Ne sono una testimonianza i casi di cambiamento dei team di gestori in occasione della scadenza naturale delle convenzioni e il ricorso a revoche anticipate di mandati. (Covip, Relazione per l anno 2004, p. 156)

14 In che senso un processo ciclico? 1. Analisi dei bisogni della popolazione 5. Controllo e monitoraggio della gestione 4. Definizione delle convenzioni di gestione I fondi pensione definiscono gli obiettivi e i criteri della propria politica di investimento, anche in riferimento ai singoli comparti eventualmente previsti, e provvedono periodicamente, almeno con cadenza triennale, alla verifica della rispondenza degli stessi agli interessi degli iscritti (art. 6, co. 5 ter D. Lgs. 252/05) 2. Definizione dell AAS 3. Processo di selezione dei gestori

15 Riferimenti normativi Art. 6 D. Lgs. 252/05 (Regime delle prestazioni e modelli gestionali) DM MEF 62/07 (Decreto di adeguamento dei Fpp) Delibera Covip 11 dicembre 1999 (Istruzioni per il processo di selezione dei gestori delle risorse dei fondi pensione) Delibera Covip 7 gennaio 1998 (Schema di convenzione per la gestione delle risorse dei fondi pensione in regime di contribuzione definita) Delibera Covip 4 dicembre 2003 (Semplificazione procedure) DM 703/96 (Limiti agli investimenti) Regolamento Consob Intermediari 11522/98

16 Analisi dei bisogni della popolazione. Definizione dell AAS. La scelta del benchmark

17 Definizione dell AAS È la fase alla base dell intero processo di investimento Viene definita dal CdA, che individua gli obiettivi di lungo periodo della gestione finanziaria Presuppone: - individuazione delle caratteristiche del FP (demografiche, reddituali, ) - individuazione dei profili di rischio-rendimento (numero e tipologia dei comparti) - individuazione delle politiche di investimento e dei singoli incarichi di gestione

18 Individuazione delle caratteristiche del FP Dati necessari: - caratteristiche della popolazione di riferimento* - relativi bisogni previdenziali - dimensione del patrimonio - prospettive di crescita dello stesso Possibili fonti informative: - statistiche settoriali - statistiche relative agli aderenti - indagine campionaria tra i lavoratori che sono coperti da un determinato FP * Pur essendo un tratto distintivo dei FPc, anche nel caso di piani previdenziali, quali Fpa e PIP, si può scegliere un bacino preferenziale cui rivolgere l offerta del piano

19 Individuazione dei profili di rischiorendimento L analisi della popolazione di riferimento permette di analizzare bisogni, esigenze e aspettative della popolazione di riferimento In base a tali informazione è possibile individuare classi di rischio-rendimento, sulle quali impostare le successive decisioni circa le politiche di investimento Offrire un numero insufficiente/eccessivo di comparti o non individuare le tipologie di comparti adatte alla propria popolazione può comportare una riduzione della soddisfazione degli aderenti

20 Individuazione delle politiche di investimento Presuppone che il CdA: - abbia scelto tra una struttura mono e una multicomparto (e in questo caso se è ammissibile o meno la suddivisione della posizione su più comparti) - nel caso multi abbia scelto il numero di comparti - per ogni comparto abbia individuato l obiettivo gestionale - replica del benchmark - massimizzazione della probabilità di raggiungere un rendimento minimo - garanzia di un rendimento minimo - - abbia delineato le caratteristiche della gestione, quali ad esempio: - gestione per quote o per asset class (mandato generalista vs. mandato specialista) - orizzonte di investimento - tipologia degli investimenti (classi di attività finanziarie, aree geografiche, categorie di emittenti) - stili di gestione (passivo vs. passivo) - eventuali garanzie di risultato - ogni altro elemento utile ai fini di qualificare in modo più chiaro la gestione Coerentemente a tale scelte, il CdA definirà l AAS, ovvero la ripartizione delle risorse finanziarie tra le diverse opportunità di investimento disponibili

21 Il benchmark nella normativa sui Fp Verifica dei risultati di gestione da parte del FP anche mediante l adozione di parametri oggettivi e confrontabili inseriti nella convenzione gestoria (DM. 703/96) Benchmark come parametro oggettivo di riferimento per la verifica dei risultati di gestione (Delibera Covip 30/12/98) Valutazione delle performance realizzate, al netto e al lordo delle commissioni di gestione e degli oneri amministrativi, e dell effetto degli oneri di negoziazione sulle performance (delibera Covip 17/06/98) Benchmark come parametro oggettivo di riferimento coerente con i rischi connessi alla gestione al quale commisurarne i risultati (Regolamento Consob 01/07/98) Costruzione del benchmark con riferimento ad indicatori finanziari elaborati da soggetti terzi e di comune utilizzo (Regolamento Consob 01/07/98)

22 Definizione del benchmark Definita l AAS, il CdA individua il benchmark di riferimento Tale benchmark presenta una duplice funzione: - ex-ante, è rappresentativo del profilo di rischio-rendimento - ex-post, è il parametro attraverso il quale valutare i risultati della gestione finanziaria Risulta pertanto individuato il legame tra il benchmark, l AAS e l asset allocation tattica (AAT) Ex-ante Ex-post Individuazione del benchmark coerentemente ai profili di rischio-rendimento e alle politiche di investimento definite dall AAS Valutazione dei risultati conseguiti attraverso l AAT mediante il confronto con il benchmark fornito dall AAS

23 Criteri per la costruzione di un benchmark Rappresentatività Replicabilità Oggettività Trasparenza Stabilità nella composizione Di particolare importanza per i FP Coerenza rispetto alla politica di investimento Compatibilità con normativa/regolamenti ed eventuali codici deontologici

24 Una considerazione sul benchmark Non esiste un unico benchmark al quale far riferimento Un benchmark infatti può essere adeguato per valutare un aspetto, ma inappropriato per fornire valutazioni in merito ad un elemento diverso Di qui l esigenza di costruire confronti coerentemente alle finalità che si vogliono perseguire e di definire il benchmark riflettendo su cosa si intenda misurare e su cosa vada preso come riferimento

25 Alcuni esempi Peer-group benchmark - riflettono l andamento di un insieme di portafogli considerati simili rispetto ad una determinata caratteristica - sono particolarmente adatti per effettuare analisi di tipo competitivo, piuttosto che a fornire valutazioni in merito alla gestione adottata - tendono a distorcere il comportamento dei gestori, inducendoli a non discostarsi troppo gli uni dagli altri e a distribuirsi attorno ai valori medi del peer-group Benchmark nel caso di una gestione con garanzia di rendimento minimo - non definisce l effettiva composizione del portafoglio - la composizione azioni/obbligazioni del portafoglio di copertura dovrebbe essere continuamente ricalibrata in funzione dell andamento del mercato

26 Processo di selezione dei gestori: teoria, esperienza e prassi. Il ruolo dei GIPS

27 Le fasi del processo di selezione Deliberazioni preliminari Definizione dei criteri, del bando e del questionario Pubblicazione bando e raccolta delle offerte Valutazione delle offerte e individuazione dei vincitori Richiesta di autorizzazione preventiva alla stipula delle convenzioni Autorizzazione Covip alle convenzioni di gestione Stipula delle convenzioni di gestione Avvio della gestione finanziaria operativa

28 Istruzioni per il processo di selezione dei gestori finanziari I principi fondamentali espressi dall art.6, co. 6-8, D. Lgs.252/05: 1. la trasparenza del procedimento 2. la coerenza tra obiettivi e modalità gestionali, decisi preventivamente dal CdA, e i criteri di scelta dei gestori 3. per garantire tali principi, è opportuno che le deliberazioni del CdA siano dettagliate ed esaurienti nella descrizione di tutte le fasi del processo di selezione Delibera Covip

29 La definizione dei criteri Delibera Covip 09/12/1999, art. 3 comma 3 In relazione ai singoli Incarichi, devono inoltre essere coerentemente definiti i requisiti quantitativi e qualitativi che i Candidati devono possedere, la durata degli Incarichi, l eventuale ammissibilità di deleghe gestionali e gli elementi che saranno presi in considerazione ai fini della valutazione delle candidature, nonché i relativi criteri di valutazione, da definire avendo anche riguardo all opportunità di facilitare le comparazioni tra le diverse categorie di intermediari. Nel definire i citati criteri, potrà essere utile prevedere una griglia di punteggi da assegnarsi ai vari elementi oggetto di valutazione. (Art.3, comma 3, Delibera Covip 9/12/1999)

30 La tipologia dei criteri In base a quanto prescritto nella delibera Covip, è possibile individuare tre distinti criteri per la valutazione dei gestori: - requisiti per accedere alla gara - criteri qualitativi - criteri quantitativi Nella stessa delibera la Covip individua alcuni elementi rilevanti, quali: - informazioni generali sul Candidato - organizzazione dell attività di gestione - patrimonio netto - volumi di risparmio gestiti - rendimenti conseguiti nella gestione di portafogli coerenti (i risultati devono essere presentati nel rispetto dei criteri di cui all art.4 della stessa delibera) - stili di gestione - modalità di reporting - modalità di gestione dei conflitti di interesse -

31 La presentazione dei risultati di gestione I risultati conseguiti dai diversi gestori rappresentano uno dei criteri più rilevanti in base al quale il FP può individuare il gestore cui affidare in gestione le risorse È pertanto necessario che i dati relativi alle performance siano uniformi e confrontabili La Covip ha pertanto individuato (art. 4 comma 1 della suddetta della delibera) una serie di criteri in base ai quali presentare i risultati, al fine di rendere maggiormente oggettive le valutazioni dei dati quantitativi e pertanto più facilmente confrontabili Alcuni dei criteri indicati dalla Covip sono coerenti con i requisiti necessari per una certificazione secondo gli Standard GIPS (Global Investment Performance Standard)

32 Un analisi dei questionari Da un analisi di alcuni bandi e questionari, è emerso che questi ultimi sono strutturati in due sezioni: - una di tipo qualitativo - informazioni generali della società partecipante - organizzazione della società - descrizione del personale impiegato - modalità di gestione dei conflitti di interesse - - una di tipo quantitativo - rendimenti e misure di rischio - volume di risparmio gestito - rendimenti - valore aggiunto della performance rispetto al benchmark atteso dall asset allocation, dalla country allocation, dalla sector allocation, dalla gestione del rischio cambio -

33 La presentazione dei rendimenti Alcuni FP si sono limitati a seguire le indicazioni della delibera Covip Altri, invece, hanno posto come criterio di valutazione la presentazione dei risultati secondo gli standard GIPS di valutazione delle performance o l impegno di adesione agli stessi entro un determinato orizzonte temporale I GIPS costituiscono un requisito essenziale per garantire: - l uniformità e la confrontabilità - la trasparenza - una maggiore qualità dei servizi offerti dai gestori

34 Come ponderare i diversi aspetti? Organizzazione Performance valutazione Punti valutazione punti ranking 1 Eccellente 100 Pessimo Pessimo 0 Eccellente Media 50 Media QUALITÀ PREZZO valutazione Punti valutazione punti ranking 1 Eccellente 100 Elevato Pessimo 0 Basso Media 50 Media

35 Definizione delle convenzioni di gestione e vincoli di Definizione delle convenzioni di gestione e vincoli di controllo ex-ante. Limiti agli investimenti

36 Che cosa controllare? Verifica dei limiti di legge - D.Lgs. 252/05 - DM 703/96: presto nuovo DM come previsto da art. 6 co. 5-bis D. Lgs. 252/05 Con decreto del Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sentita la COVIP, sono individuati: a) le attività nelle quali i fondi pensione possono investire le proprie disponibilità, avendo presente il perseguimento dell interesse degli iscritti, eventualmente fissando limiti massimi di investimento qualora siano giustificati da un punto di vista prudenziale; b) i criteri di investimento nelle varie categorie di valori mobiliari; c) le regole da osservare in materia di conflitti di interesse tenendo conto delle specificità dei fondi pensione e dei principi di cui alla direttiva 2004/39/CE, alla normativa comunitaria di esecuzione e a quella nazionale di recepimento. Verifica dei limiti di convenzione - Dipende dal contenuto della convenzione

37 Chi controlla? Vincoli di legge - Banca depositaria La banca depositaria esegue le istruzioni impartite dal soggetto gestore del patrimonio del fondo, se non siano contrarie alla legge, allo statuto del fondo stesso e ai criteri stabiliti nel decreto del Ministro dell'economia e delle finanze di cui all'articolo 6, comma 5- bis (art. 7 co. 2 D. Lgs. 252/05) - Fondo pensione Vincoli di mandato - Banca depositaria (?) - Fondo pensione

38 I limiti del D.Lgs 252/05 azioni o quote con diritto di voto, emesse da una stessa società se quotata - max 5% del valore nominale complessivo di tutte le azioni o quote con diritto di voto emesse dalla società medesima se quotata (max 10% se non quotata) - azioni o quote con diritto di voto per un ammontare tale da determinare in via diretta un'influenza dominante sulla società emittente azioni o quote emesse da soggetti tenuti alla contribuzione o da questi controllati direttamente o indirettamente, per interposta persona o tramite società fiduciaria, o agli stessi legati da rapporti di controllo ai sensi dell'art. 23 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n % nel caso di fondo di categoria - 5% nel caso di fondo aziendale - 10% nel caso di fondo di gruppo il patrimonio del fondo pensione deve essere investito in misura predominante su mercati regolamentati. Gli investimenti in attività che non sono ammesse allo scambio in un mercato regolamentato devono in ogni caso essere mantenute a livelli prudenziali

39 I limiti del DM 703/96 liquidità (titoli del mercato monetario ovvero altri titoli di debito con vita residua non superiore a sei mesi, aventi requisiti di trasferibilità ed esatta valutabilità, ivi compresi i depositi bancari a breve) - max 20% Fondo chiuso (i fondi comuni di investimento mobiliare e immobiliare chiusi) - 20% del patrimonio del fondo pensione - 25% del fondo chiuso titoli di debito e di capitale non negoziati in mercati regolamentati dei Paesi dell'unione europea, degli Stati Uniti, del Canada e del Giappone, purché emessi da Paesi aderenti all'ocse ovvero da soggetti ivi residenti - max 50% - entro tale limite max 10% del patrimonio in titoli di capitale - max 20% titoli di debito e di capitale emessi da soggetti diversi dai Paesi aderenti all'ocse o dagli organismi internazionali, cui aderiscono almeno uno degli Stati appartenenti all'unione europea

40 I limiti del DM 703/96 titoli di debito e di capitale emessi da soggetti diversi dai Paesi aderenti all'ocse ovvero residenti in detti Paesi purché negoziati in mercati regolamentari dei Paesi dell'unione europea, degli Stati Uniti, del Canada e del Giappone. - max 5% titoli di debito e di capitale, ivi compresi i prodotti derivati che danno diritto all'acquisto di tali titoli, emessi da uno stesso emittente o da soggetti facenti parte di un medesimo gruppo; - max 15% nell'ambito di tale limite, i titoli non negoziati in mercati regolamentati dai Paesi dell'unione europea, degli Stati Uniti, del Canada e del Giappone - max 5% Sono esclusi dai limiti del presente comma i titoli di debito emessi da Stati aderenti all'ocse. min 1/3 in una valuta congruente con quella nella quale devono essere erogate le prestazioni del fondo pensione. La congruenza è valutata tenuto conto degli effetti di copertura valutaria posti in essere.

41 Limiti di convenzione Vincoli di rating Vincoli geografici Vincoli valutari Vincoli di rischiosità

42 Aspetti economici da considerare Commissioni di gestione Commissioni di overperformance Costi di negoziazione Limite a derivati Limite a OICVM Benchmark Limiti di TE

43 Commissioni di gestione Di norma vengono fissate come una % del patrimonio gestito ES: - 0,01333% mensile del patrimonio pari allo 0,16% annuo - Liquidazione trimestrale Necessario definire: - Base imponibile => patrimonio gestito (chi lo certifica?) - Meccanismi di liquidazione - Accantonamento dei ratei - Liquidazione del saldo - Eventuale scalettatura in funzione della size del patrimonio gestito

44 Commissioni di overperformance Possibile prevedere commissioni dovute solo in caso di risultati superiori al benchmark/obiettivo Obiettivi - Creare schema di incentivo per gestore - Sintonia tra finalità del fondo e del gestore (massimizzazione dei rendimenti) -

45 Se si verifica questo? 140,00 135,00 BMK GESTORE ,00 130, ,00 120, ,00 115,00 115, ,00 110, ,00 105, ,00 100,00 100,00 95,00 90,00 T0 T1 T2 T3 T4 T5 T6

46 Commissioni di overperformance Problemi - Funzionamento simmetrico - Il gestore guadagna se rendimento> del benchmark - Il gestore paga paga se rendimento < al benchmark - Funzionamento asimmetrico - Il gestore guadagna se rendimento> del benchmark - Il gestore non guadagna se rendimento < al benchmark - Si crea uno schema di incentivo ad assumere rischio se non vengono fissati limiti - Se viene fissato un corridoio per il livello del rischio, il gestore sarà incentivato a collocarsi sul livello massimo

47 NAV vs rendimento 150,00 130,00 Indice BMK Indice GESTORE Delta Rendimento 13,18% 15,0% 10,0% 110,00 5,00% 5,0% 90,00 70,00-0,45% -0,24% 0,0% 50,00-5,0% 30,00 10,00-13,70% -12,69% -10,0% -15,0% -10,00 T0 T1 T2 T3 T4 T5 T6-20,0%

48 COP asimmetriche 135,00 130,00 BMK Remunerazione GESTORE 125,00 120,00 115,00 110,00 105,00 100,00 T0 T1 T2 T3 T4 T5 T6

49 Quanto valgono? BMK GESTORE COP COP Fees su simmetriche su asimmetriche patrimonio rendimento su rendimento T0 100,00 100,00 266,67 0,00 - T1 105,00 110,00 293, , ,00 T2 110,25 115,00 306, ,18 - T3 115,76 105,00 280, ,61 - T4 121,55 110,00 293,33-952,38 - T5 127,63 130,00 346, , ,27 T6 134,01 120,00 320, ,23 - Totale 2.106, , ,27 Saldo , ,94 Ipotesi: Lunghezza periodo: 2 mesi Patrimonio: Fees su patrimonio: 16bp annui COP: 40% dell overperformance periodale Che faccio? Simmetriche? HWM Tetto alle COP? Orizzonte più ampio?

50 Costi di negoziazione Di norma vengono fissati dei limiti massimi per i costi di negoziazione Distinti per tipologia di titoli (azioni, obbligazioni, ) Opportuno evitare/disincentivare utilizzo di società del gruppo Opportuno analizzare numero di transazioni - In valore assoluto - In numero - In frequenza - Rispetto a controparti (tanto più se si utilizza società del gruppo)

51 Costi di negoziazione In fase di cambio del gestore interessante la possibilità di utilizzare un intermediario specializzato nelle fasi di transition management Capace di minimizzare i costi di negoziazione - In presenza di ordini di segno opposto provenienti da diversi clienti può effettuare negoziazione senza andare sul mercato MKT 0 Manager Cliente A Cliente B

52 Limite a derivati Art. 5. DM 703/96 Limiti ai contratti derivati 1. le operazioni in contratti derivati possono essere effettuate, nel rispetto dei principi [a) diversificazione degli investimenti; b) efficiente gestione del portafoglio; c) diversificazione dei rischi, anche di controparte; d) contenimento dei costi di transazione, gestione e funzionamento del fondo; e) massimizzazione dei rendimenti netti], purché siano riconducibili ad una della seguenti tipologie: a) generano un'esposizione al rischio finanziario equivalente a quella risultante da un acquisto a pronti degli strumenti finanziari sottostanti il contratto derivato; b) eliminano il rischio finanziario degli strumenti sottostanti il contratto derivato; c) assicurano il valore degli strumenti sottostanti contro fluttuazioni avverse dei loro prezzi; d) assicurano maggiore liquidità dell'investimento negli strumenti finanziari sottostanti senza comportare l'assunzione di rischi superiori a quelli risultanti da acquisti a pronti. 2. Ai fini della verifica del rispetto dei criteri previsti all'articolo 2 la Commissione di vigilanza detta le modalità di segnalazione delle predette operazioni, anche con riferimento alla correlazione tra le caratteristiche tecnico finanziarie dell'attività coperta e quella del contratto di copertura.

53 Utilizzo di derivati a) generano un'esposizione al rischio finanziario equivalente a quella risultante da un acquisto a pronti degli strumenti finanziari sottostanti il contratto derivato - Non può sussistere effetto leva b) eliminano il rischio finanziario degli strumenti sottostanti il contratto derivato - Operazione corta sul mercato (vendo) - È possibile però solo su bene detenuto - Altrimenti => vendita alla scoperto - Es. opzione put protettiva - Fisso oggi il prezzo futuro- di vendita del bene

54 Utilizzo di derivati c) assicurano il valore degli strumenti sottostanti contro fluttuazioni avverse dei loro prezzi - Operazione di hedging d) assicurano maggiore liquidità dell'investimento negli strumenti finanziari sottostanti senza comportare l'assunzione di rischi superiori a quelli risultanti da acquisti a pronti - Ricorso a mercati più liquidi - Presenza di un market maker

55 Limite a OICVM "OICVM": gli organismi di investimento collettivo rientranti nell'ambito di applicazione della direttiva 85/611/CEE [cfr. art. 1 DM 703/96] Sì No Fondi comuni di investimento aperti armonizzati Fondi comuni di investimento chiusi mobiliari Fondi comuni di investimento chiusi immobiliari Sicav armonizzate Hedge fund Fondi comuni di investimento aperti non armonizzati Sicav non armonizzate

56 OICVM Problema legato alla gestione di: - Conflitti d interesse (disclosure su titoli posseduti) - Esercizio dei diritti di voto - Titolarità delle risorse al fondo - Storno delle commissioni di gestione - Le commissioni di gestione devono essere restituite al fondo pensione acquirente Credito d imposta - Sui risultati di gestione il fondo vanta un credito d imposta del 15% (al fine di sterilizzare la differenza di tassazione)

57 OICVM: alcune suggestioni Un altra area di intervento riguarderà l ampliamento del novero dei prodotti OICR nei quali è possibile l investimento, in linea con le modifiche intervenute nella disciplina di settore successivamente all emanazione del DM Tesoro 703/1996. [Relazione Annuale Covip 2003, pag. 42] Possibile introduzione di: - Hedge Fund - Fondi aperti non armonizzati - Fondi esteri

58 Benchmark È opportuno oltre che indicare benchmark specificarne il: - Ticker - Eventuale regola di conversione valutaria, comprensiva di tasso da utilizzarsi - Convenzione di rilevazione

59 Benchmark: attenzione a Investibilità e replicabilità Continuità Costi legati al turnover Trasparenza Accuratezza dei dati e conseguente copertura dell universo investibile Completezza nella gamma di prodotti (ETF, Derivati, valori dell indice in tempo reale) Importante anche in funzione delle masse gestite

60 Benchmark obbligazionario Necessario definire - Tipologia emittente (government, corporate) - Tipologia tasso (fisso, variabile) - Area geografica - Valuta - Duration -

61 Limiti di TEV Trackingerror dover ptf t R bck = volatility rend. del = rend. del t = N t= 1 ( R portafoglioal benchmarkal ptf t N R bck t tempot tempot ) 2

62 TEV: critiche Misura simmetrica Presuppone che il benchmark sia efficiente Risente dell orizzonte e della frequenza Sensibile alle differenze tra misurazione del rendimento del ptf e del bck

63 TEV: alcune difficoltà In alcune convenzioni si fa riferimento a vincoli di TEV su serie storiche settimanali del NAV (t = fine settimana) Nella quasi totalità dei casi il NAV è mensile Quale è il NAV da utilizzarsi ai fini del calcolo della TEV? Chi la calcola? Chi la certifica? L introduzione della TEV richiede un attenta specificazione in fase di stesura delle convenzioni

64 Procedure autorizzative Procedimento formale: invito ad offrire (bando) nella forma della cd. pubblicità notizia relativamente ad ogni tipologia di servizio offerto, rivolto ad almeno tre diversi soggetti abilitati Principi che sorreggono il procedimento di selezione: - trasparenza del procedimento - coerenza tra obiettivi e modalità gestionali decisi preventivamente dal CdA del FP e regole di determinazione dei criteri di scelta dei gestori Delibera Covip 9 dicembre 1999: precisi adempimenti a carico del CdA, oggettivizzazione del procedimento Un coerente e trasparente procedimento di selezione facilita e supporta il CdA anche in fase di redazione delle convenzioni, accrescendo il suo potere contrattuale. Tuttavia il processo di selezione costituisce un momento giuridicamente distinto dalla convenzione di gestione o meglio uno degli elementi di una fattispecie a formazione progressiva È possibile che alcune delle richieste utilizzate per la selezione non compaiano nel contratto di gestione

65 Procedure autorizzative Vecchia procedura (Delibera Covip 28 luglio 1999) Presentazione di apposita istanza - Bozza delle Convenzioni (testo concordato con le altre parti stipulanti) - Verbale della riunione del CdA che ha deliberato le Convenzioni Autorizzazione alla stipula delle convenzioni entro 90 giorni - Se documentazione incompleta o insufficiente: richiesta di integrazione e interruzione del termine - Se Covip formula rilievi o ulteriori informazioni sulla documentazione prodotta: sospensione del termine Entro 60 giorni dalla comunicazione di autorizzazione delle convenzioni, i Fondi devono trasmettere alla Covip copia degli atti sottoscritti Nuova procedura (Delibera Covip 4 dicembre 2003) Presentazione di apposita istanza - Relazione illustrativa delle scelte di AAS - Impegno a stipulare le Convenzioni secondo lo schema-tipo (cfr. art. 17, co. 2, lett. e), D.Lgs. 124/93) Autorizzazione preventiva alla stipula della Convenzione entro 90 gg. dalla richiesta - Se richiesta di integrazione dei documenti o formulazione di rilievi o richiesta di ulteriori informazioni sulla documentazione prodotta: sospensione o interruzione del termine - Possibile proroga del termine sino a un massimo di 120 giorni Trasmissione degli atti sottoscritti entro 20 giorni dalla stipula

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli