Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network"

Transcript

1 Tecnica GPS RTK Multi-Reference Station: Sperimentazione sulla rete test Campania GPS Network Giovanni PUGLIANO (*), M. Elizabeth CANNON (**), Gérard LACHAPELLE (**) (*) Università degli Studi di Napoli Parthenope, Via Amm. F. Acton, 38, Napoli, (**) Department of Geomatics Engineering, University of Calgary, Canada, web site Riassunto In questa nota vengono presentati i risultati relativi all implementazione di un sistema avanzato multi-reference station, denominato MutiRef, su una rete test installata nella regione Campania. L indagine sperimentale ha avuto come obiettivo primario la valutazione del miglioramento apportato al dato GPS dall applicazione del metodo MultiRef. I risultati sono stati ottenuti a partire dal calcolo delle correzioni alle misure di fase tramite l approccio multi-reference station, e confrontati dunque con lo schema classico di singola stazione di riferimento. In particolare l analisi riguarda le precisioni e i tempi di calcolo ottenibili in funzione dello schema di rete. Abstract This paper presents the results of an implementation of the one advanced multiple reference station method, known as MultiRef, on a regional test network established in the Campania Region of Italy. The primary objective of the processing and analysis of the results was to evaluate the improvements made in GPS data following application of the MultiRef method. The results were obtained by an initial calculation of corrections to carrier-phase observables through the multireference station approach and subsequently compared with the standard mode of differential positioning whereby only one station with known coordinates is used as a reference station located in the vicinity of the rover. In more specific terms, the analysis involves the obtainable accuracy and calculation times in variations of network configuration. Introduzione L uso dell approccio multi-reference station è stato proposto per superare le limitazioni delle tecniche GPS tradizionali con singola stazione di riferimento. Il posizionamento differenziale GPS in tempo reale di livello centimetrico si raggiunge utilizzando brevi intervalli di osservazioni, non appena le ambiguità di fase vengono risolte come valori interi. Tuttavia questo procedimento diventa via via più complicato con l aumentare della distanza tra il ricevitore utente e la stazione di riferimento, in seguito alla perdita di correlazione spaziale tra gli errori di misura GPS. La lunghezza della baseline corrispondente ad una adeguata riduzione degli errori dipendenti dalla distanza viene generalmente limitata a 10 km o anche meno, soprattutto se si considerano periodi di intensa attività della ionosfera. Per poter dunque effettuare un posizionamento OTF (on-the-fly) di livello centimetrico in corrispondenza di distanze più elevate, la soluzione consiste nel generare per l utente correzioni alle misure di fase attraverso una rete di stazioni di riferimento utilizzando contemporaneamente in blocco i dati provenienti dalle stazioni. Proceedings of Conferenza Nazionale ASITA, Verona, Italy, October /6

2 Posizionamento GPS Network RTK I recenti metodi per il posizionamento GPS RTK basati sull utilizzo delle reti di stazioni di riferimento definiscono una classe nuova di tecniche GPS a cui si dà il nome di Network RTK (Lachapelle, Pugliano, 2002). Questo approccio comprende essenzialmente tre fasi fondamentali: nella prima fase vengono stimati gli errori di misura in corrispondenza delle stazioni di riferimento utilizzando le osservazioni provenienti dalla rete; successivamente si procede all interpolazione di questi errori in un generico punto all interno della rete; una terza fase implica infine la trasmissione delle correzioni al ricevitore rover. Nell ambito delle tecniche Network RTK, il sistema MultiRef costituisce il risultato di un programma di ricerca avviato, a partire dal 1996, presso il Dipartimento di Ingegneria Geomatica dell Università di Calgary, in Canada. Nella formulazione definitiva, il metodo MultiRef è stato derivato sulla base del metodo della collocazione. In questo caso specifico le misure sono gli errori differenziali corrispondenti a tutte le differenze doppie linearmente indipendenti fra le stazioni della rete. Le equazioni 1 rappresentano la formulazione finale del metodo MultiRef, e vengono utilizzate per correggere le misure effettuate rispettivamente dal ricevitore utente e dalle stazioni di riferimento: T T 1 δˆl r = Cδl,δlB (BCδlB ) (BΦ λ N) r [1] T T 1 δˆl = C B (BC B ) (BΦ λ N) dove lˆ δ è il vettore delle correzioni, δl δl C δl r,δl è la matrice di crosscovarianza, B è la matrice delle differenze doppie, C δl è la matrice di covarianza per le misure effettuate dalle stazioni di riferimento, Φ è il vettore delle misure provenienti dalla rete, e λ N è il vettore delle differenze doppie delle ambiguità di fase. Per poter applicare le formule 1, oltre alle coordinate precise delle stazioni, è necessario conoscere a priori le differenze doppie delle ambiguità intere fra le stazioni di riferimento, nonché le matrici di covarianza. Campania GPS Network Il sistema MultiRef è stato implementato su di una rete test in Italia, istituita con lo specifico obiettivo di poter disporre di un infrastruttura ad hoc per la sperimentazione multi-reference (Pugliano, 2002). Come zona test per l implementazione in Italia è stata scelta la Campania. Si è realizzata quindi una rete di dodici stazioni di riferimento GPS estesa su tutto il territorio della regione (fig. 1). Figura 1 - Campania GPS Network. Ubicazione delle stazioni di riferimento GPS Proceedings of Conferenza Nazionale ASITA, Verona, Italy, October /6

3 La campagna di misure è stata condotta nel febbraio Per le elaborazioni presentate in questa nota sono stati utilizzati sei giorni consecutivi di misura, corrispondenti al periodo di osservazione che va dal 7 al 12 febbraio I dati sono stati acquisiti 24 ore su 24, in contemporanea dalle dodici stazioni, con un intervallo di campionamento di 1 s. Si osserva che le prove sono state condotte in concomitanza col verificarsi del picco dell attuale ciclo solare, in presenza quindi di uno stato della ionosfera particolarmente attivo. Alla base del metodo MultiRef si pone l'ipotesi fondamentale dell'uso di stazioni di riferimento di coordinate note e precise. In questa ricerca il calcolo delle coordinate per la rete Campania Network è stato pertanto effettuato tramite l'utilizzo del software Bernese. In particolare le operazioni di calcolo sono state condotte adoperando le effemeridi precise del tipo IGS final, una decimazione a 30 s e un angolo di elevazione di 15. Dopo aver generato per ogni giorno di misura le soluzioni di sessione, si sono ricavate le coordinate finali della rete effettuando una compensazione in blocco delle sei sessioni giornaliere. Dal confronto tra le diverse soluzioni di sessione rispetto alla soluzione finale, i risultati hanno mostrato una elevata ripetibilità con scarti di livello millimetrico. I trattamenti MultiRef sono stati effettuati su sei configurazioni di rete, in modo da sperimentare una quanto più ampia varietà di scenari. Ogni configurazione è costituita da misure di stazioni scelte fra le dodici complessivamente disponibili. Di volta in volta è stata rimossa dalla rete una specifica stazione di riferimento, da utilizzare come ricevitore utente. In particolare le diverse configurazioni, oltre a fornire differenti geometrie di rete, corrispondono a differenti lunghezze di baseline tra l utente e la più vicina stazione di riferimento, assumendo tale parametro particolare importanza nel confronto tra il metodo MultiRef e la tecnica RTK tradizionale. La figura 2 riassume le principali caratteristiche delle sei configurazioni di rete. Scenario Stazione di riferimento più vicina Baseline (km) Stazioni di riferimento della rete BENE-22 AVEL 21,6 ARIA AVEL BATT CASE CAST CERR ISCH PADU PORT SESS VLUC CASE-28 PORT 27,9 ARIA AVEL BATT CAST CERR ISCH PADU PORT SESS VLUC AVEL-33 ARIA 32,9 ARIA BATT CASE CAST CERR ISCH PADU PORT SESS VLUC PADU-35 VLUC 35,1 ARIA AVEL BATT CASE CAST CERR ISCH PORT SESS VLUC ISCH-38,5 PORT 38,5 ARIA AVEL BATT CASE CAST CERR PADU PORT SESS VLUC BATT-39 AVEL 39,0 ARIA AVEL CASE CAST CERR ISCH PADU PORT SESS VLUC Figura 2 - Caratteristiche delle sei configurazioni di rete Risultati nel dominio delle osservazioni Il livello base di analisi riguarda il dominio delle osservazioni. In particolare sono stati esaminati gli errori di misura differenziali: questo tipo di indagine è infatti fondamentale dal momento che il metodo MultiRef ha come obiettivo primario proprio la riduzione degli errori differenziali, finalizzata al raggiungimento di significativi miglioramenti per quanto riguarda sia le precisioni, sia la risoluzione delle ambiguità intere di fase. Adottando quindi come osservabili le differenze doppie di fase, l analisi si basa sul confronto tra gli errori differenziali ricavati a partire dai dati grezzi e quelli ottenuti utilizzando le misure generate dal trattamento multi-reference station mediante la stima delle correzioni MultiRef. Con riferimento alla configurazione di rete AVEL-33 la figura 3 riporta gli errori differenziali nelle ventiquattro ore del 7 febbraio 2002 utilizzando sia i dati grezzi che le misure corrette. In particolare il confronto delle soluzioni mostra in modo evidente l effetto dell applicazione del metodo MultiRef. Come si può vedere, l andamento nel tempo degli errori differenziali manifesta una minore dispersione in presenza delle correzioni MultiRef: si osserva un miglioramento in Proceedings of Conferenza Nazionale ASITA, Verona, Italy, October /6

4 termini di RMS che raggiunge il 52%. In corrispondenza delle ore diurne si rilevano le riduzioni più significative dei valori assoluti, riconoscendo quindi un impatto prevalente del metodo sull effetto della ionosfera. Figura 3 - Confronto fra gli errori differenziali ottenuti con i dati grezzi e quelli ottenuti con le misure corrette MultiRef per la baseline ARIA-AVEL (33 km) L andamento nelle ventiquattro ore degli errori differenziali è stato osservato per le sei diverse configurazioni di rete. Nella figura 4 vengono riportati i risultati relativi ai confronti effettuati per il giorno di misura del 7 febbraio 2002, in funzione della lunghezza delle baseline. Figura 4 - Andamento dei valori di RMS degli errori differenziali Gli andamenti dei valori di RMS nel caso dei dati grezzi sono indicativi di una riduzione della correlazione spaziale al crescere della distanza. Si osserva che questo comportamento risulta attenuato in seguito all applicazione del metodo MultiRef per quanto riguarda in particolare le prime tre baseline. Le soluzioni PADU-35 e ISCH-38,5 si riferiscono a due scenari caratterizzati da un particolare disegno della rete: in entrambi i casi infatti il ricevitore utente è localizzato all esterno dell area di copertura della rete di riferimento corrispondente. Sebbene i valori di RMS per queste due configurazioni si discostino dall andamento rilevato per gli schemi più regolari, con il MultiRef si raggiunge comunque un miglioramento di circa il 20% rispetto ai valori ottenuti a partire dai dati grezzi. Proceedings of Conferenza Nazionale ASITA, Verona, Italy, October /6

5 Risultati nel dominio delle posizioni Verificato l apporto del sistema MultiRef nel dominio delle osservazioni, è importante tuttavia analizzarne l effetto per quanto riguarda il dominio delle posizioni: occorre cioè valutare l entità con cui la riduzione degli errori differenziali si riflette sull accuratezza della posizione utente. Per ognuno dei sei scenari è stata stimata, con un analisi epoca per epoca, la posizione del ricevitore utente tramite il software FLYKIN per il posizionamento cinematico: il calcolo è stato effettuato prima con i dati grezzi, ed è stato quindi ripetuto utilizzando le misure corrette MultiRef. In particolare la valutazione dei risultati si è basata sulla determinazione degli scostamenti di entrambe le soluzioni rispetto alle coordinate di riferimento ottenute con i trattamenti Bernese. Esaminando la posizione AVEL (fig. 5), si può vedere, in linea con i risultati relativi al dominio delle osservazioni, che l effetto del metodo MultiRef si riflette sugli scarti in latitudine, longitudine e quota, con una riduzione degli RMS rispettivamente da 6 a 3 cm, da 6 a 2 cm, da 8 a 5 cm. Figura 5 - Scarti in latitudine, longitudine e quota per le soluzioni raw e MultiRef del ricevitore AVEL Nella figura 6 viene riportata una sintesi dei risultati nel dominio delle posizioni relativi alle sei configurazioni complessive, per il 7 febbraio RMS Raw RMS MultiRef Variaz. ϕ 7,3 cm 3,4 cm 53% AVEL BENE λ 3,0 cm 1,8 cm 40% (21,6 km) h 8,1 cm 4,2 cm 48% ϕ 7,6 cm 3,8 cm 50% PORT CASE λ 3,4 cm 2,5 cm 26% (27,9 km) h 7,9 cm 5,1 cm 35% ϕ 6,4 cm 3,2 cm 50% ARIA AVEL λ 6,2 cm 2,4 cm 60% (32,9 km) h 7,7 cm 5,4 cm 30% ϕ 4,5 cm 4,5 cm 0% VLUC PADU λ 7,7 cm 3,6 cm 53% (35,1 km) h 7,9 cm 7,2 cm 9% ϕ 5,6 cm 4,7 cm 16% PORT ISCH λ 8,7 cm 5,3 cm 39% (38.5 km) h 9,5 cm 7,9 cm 17% ϕ 10,7 cm 6,7 cm 37% AVEL BATT λ 5,1 cm 3,5 cm 31% (39,0 km) h 11,1 cm 8,1 cm 27% Figura 6 - RMS degli scarti delle soluzioni raw e MultiRef Proceedings of Conferenza Nazionale ASITA, Verona, Italy, October /6

6 Risultati nel dominio delle ambiguità L analisi dei risultati sviluppata per il dominio delle osservazioni e per quello delle posizioni culmina nell esame degli effetti del metodo MultiRef sulla risoluzione dell ambiguità di fase in modalità OTF (on-the-fly). L analisi epoca per epoca si è focalizzata in particolare sui due aspetti fondamentali legati alla risoluzione delle ambiguità: tempi di inizializzazione e affidabilità dei risultati. Sono state condotte le elaborazioni per tre differenti distanze dalla stazione base. Il processamento è avvenuto tramite il software FLYKIN Suite, effettuando diverse iterazioni finalizzate a forzare il procedimento di ricerca delle ambiguità in modo da generarne più soluzioni nell arco delle 24 ore. Nella figura seguente si riportano i risultati ottenuti per i tre scenari, relativamente al giorno di misura 7 febbraio Scenario Percentuale di ambiguità fissate correttamente Tempo medio per il fissaggio delle ambiguità Tempo massimo per il fissaggio delle ambiguità Singola Staz. MultiRef Singola Staz. MultiRef Variaz. Singola Staz. MultiRef Variaz. BENE-22 93% 97% 46 s 19 s 58% 565 s 135 s 76% AVEL-33 93% 95% 77 s 25 s 68% 1150 s 290 s 75% BATT-39 km 83% 93% 80 s 49 s 39% 630 s 345 s 45% Figura 7 - Prestazioni nel dominio delle ambiguità I benefici derivanti dall applicazione del MultiRef oltre a manifestarsi in termini di affidabilità della soluzione e tempi medi di inizializzazione, diventano ancor più significativi nella riduzione dei tempi massimi. La figura 8 visualizza i risultati per lo scenario AVEL-33. Figura 8 - Tempi di fissaggio delle ambiguità di fase per la configurazione AVEL-33 Conclusioni I risultati ottenuti in questo lavoro hanno mostrato che sia per l accuratezza che per quanto riguarda i tempi di risoluzione delle ambiguità intere di fase emerge il miglioramento apportato dall applicazione del sistema MultiRef rispetto alla tecnica tradizionale RTK con singola stazione di riferimento. Bibliografia Lachapelle G., Pugliano G. (2002), Posizionamento GPS Network RTK: il metodo MultiRef, Bollettino della SIFET, 3/2002: Pugliano G. (2002), Tecnica GPS Multi-Reference Station: Principi e Applicazione del Sistema MultiRef, Tesi di dottorato, Università degli Studi di Napoli Parthenope. (www.geomatics.ucalgary.ca/links/gradtheses.html) Proceedings of Conferenza Nazionale ASITA, Verona, Italy, October /6

I prodotti per il tempo reale

I prodotti per il tempo reale I prodotti per il tempo reale Scopo di questo documento è illustrare brevemente le differenze tra i vari prodotti di correzione in tempo reale (RTK e DGPS) offerti dalla rete S.P.IN. GNSS, così da facilitarne

Dettagli

Metodi di Posizionamento

Metodi di Posizionamento Metodi di Posizionamento Modi di posizionamento Determinazione di una posizione mediante GPS dipende: Accuratezza del dato ricercato Tipo di ricettore GPS Modi: Posizionamento assoluto Posizionamento relativo

Dettagli

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Primo Corso Regionale in Lombardia su Servizi GPS di Posizionamento per il Territorio e il Catasto Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Giovedì 16 Febbraio 2006 prof.. Giorgio Vassena Schema

Dettagli

Struttura del sistema GPS. Introduzione

Struttura del sistema GPS. Introduzione Introduzione Il sistema di posizionamento GNSS (Global Navigation Satellite System) è un sistema di navigazione basato sulla ricezione di segnali radio emessi da una costellazione di satelliti artificiali

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR)

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR) Geodesia Dal greco Γεωδαισια: divisione della Terra Discipline collegate alla geodesia: 1. studio della forma del pianeta; 2. studio del campo di gravità del pianeta. Misure geodetiche: misure legate e

Dettagli

Test di lunga durata dalla rete di stazioni permanenti UNIPA della Sicilia

Test di lunga durata dalla rete di stazioni permanenti UNIPA della Sicilia Atti 1 a Conferenza Nazionale ASITA - Brescia 9-1 novembre 1 Test di lunga durata dalla rete di stazioni permanenti UNIPA della Sicilia Gino Dardanelli, Vincenzo Franco, Antonio Rotondi Dipartimento di

Dettagli

14. Tecniche di rilievo cinematiche

14. Tecniche di rilievo cinematiche . Tecniche di rilievo cinematiche UNITÀ Come si è visto, nelle procedure statiche i ricevitori rimangono fermi sugli estremi della baseline per tutta la sessione di misura e sono spenti durante le fasi

Dettagli

APPLICAZIONI IN POST-PROCESSAMENTO E IN REAL-TIME SU RETI LOCALI DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS

APPLICAZIONI IN POST-PROCESSAMENTO E IN REAL-TIME SU RETI LOCALI DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS APPLICAZIONI IN POST-PROCESSAMENTO E IN REAL-TIME SU RETI LOCALI DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS Fabio RADICIONI*, Aurelio STOPPINI* * Università degli Studi di Perugia, D.I.C.A., Via G.Duranti 93-06125

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE TECNICA GPS MULTI-REFERENCE STATION

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE TECNICA GPS MULTI-REFERENCE STATION UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE GEODETICHE E TOPOGRAFICHE XV Ciclo TESI DI DOTTORATO TECNICA GPS MULTI-REFERENCE STATION PRINCIPI E APPLICAZIONE DEL SISTEMA

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

LA RETE GPS PERMANENTE INGV

LA RETE GPS PERMANENTE INGV LA RETE GPS PERMANENTE INGV SECONDA RELAZIONE sullo stato di avanzamento a cura di: M. Anzidei, G. Casula, A. Galvani, G. Pietrantonio e F. Riguzzi U.F. Laboratorio di Geodesia e Telerilevamento Sezione

Dettagli

Reti Geodetiche e Stazioni Permanenti GPS - GNSS

Reti Geodetiche e Stazioni Permanenti GPS - GNSS Reti Geodetiche e Stazioni Permanenti GPS - GNSS Ludovico Biagi, Fernando Sansò Politecnico di Milano, DIIAR c/o Polo Regionale di Como ludovico.biagi@polimi.it fernando.sanso@polimi.it Perugia, 13 Dicembre

Dettagli

APPENDICE 4.1 ESPERIMENTO RTK1: VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DEL POSIZIONAMENTO NRTK

APPENDICE 4.1 ESPERIMENTO RTK1: VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DEL POSIZIONAMENTO NRTK PRIN 2004: I Servizi di posizionamento satellitare per l e-government APPENDICE 4.1 ESPERIMENTO RTK1: VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DEL POSIZIONAMENTO NRTK Ludovico Biagi (1), Mattia Crespi (2), Stefano Gandolfi

Dettagli

Rilievo di precisione Real time e Reti NRTK

Rilievo di precisione Real time e Reti NRTK Rilievo di precisione Real time e Reti NRTK Maurizio Barbarella DISTART -Università di Bologna maurizio.barbarella@unibo.it Rilievo di precisione GPS Le modalità di rilievo che consentono di raggiungere

Dettagli

TECNICHE DI RILEVAMENTO INTEGRATO TRIMBLE

TECNICHE DI RILEVAMENTO INTEGRATO TRIMBLE TECNICHE DI RILEVAMENTO INTEGRATO TRIMBLE T. LEMMON & L. WETHERBEE TRIMBLE SURVEY, WESTMINSTER, COLORADO, USA SINTESI La soluzione di rilevamento integrato Trimble fu introdotta nel 1998 con un controller

Dettagli

Federico Antolini 1, Alberto Beinat 1 Paolo Fabris 2, David Zuliani 2. GPS-RTK: un servizio di posizionamento in tempo reale nel Friuli Venezia Giulia

Federico Antolini 1, Alberto Beinat 1 Paolo Fabris 2, David Zuliani 2. GPS-RTK: un servizio di posizionamento in tempo reale nel Friuli Venezia Giulia GPS-RTK: un servizio di posizionamento in tempo reale nel Friuli Venezia Giulia Venzone (UD), 18 ottobre 2011 Il posizionamento NRTK ai margini di una rete di stazioni permanenti: verifiche sperimentali

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

GNSS DAL GPS AL PER LA

GNSS DAL GPS AL PER LA Alberto Cina DAL GPS AL GNSS (Global Navigation Satellite System) PER LA GEOMATICAA I siti internet citati sono stati visitati nel febbraio 2014 In copertina: misure GNSS su ghiacciaio, in Valle d Aosta

Dettagli

Procedure e risultati di verifica relativi ai nuovi ricevitori GPS Navcom con correzione differenziale STARFIRE DGPS

Procedure e risultati di verifica relativi ai nuovi ricevitori GPS Navcom con correzione differenziale STARFIRE DGPS Procedure e risultati di verifica relativi ai nuovi ricevitori GPS Navcom con correzione differenziale STARFIRE DGPS Andrea Bortuzzo B&B Engineering s.r.l. Udine 1. Riassunto Si illustra di seguito una

Dettagli

Tipi di servizi offerti

Tipi di servizi offerti Tipi di servizi offerti Tiziano Cosso tiziano.cosso@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova Seminario Formativo REALIZZAZIONE DELLA RETE REGIONALE GNSS

Dettagli

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Laser scanner GBC5000 batteria a colonna Leica GPS Leica TPS Profiler 100 FX Colonna portaprisma GPC100 Radio modem

Dettagli

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni F. Gallo 1, G. Jona Lasinio 1, A. Orasi 2 1 Università di Roma La Sapienza, Roma 2 Università degli

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PIERO CALAMANDREI < GEOMETRI > LA STAZIONE PERMANENTE GNSS NELLA RETE DI POSIZIONAMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE

ISTITUTO SUPERIORE PIERO CALAMANDREI < GEOMETRI > LA STAZIONE PERMANENTE GNSS NELLA RETE DI POSIZIONAMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE ISTITUTO SUPERIORE PIERO CALAMANDREI < GEOMETRI > LA STAZIONE PERMANENTE GNSS NELLA RETE DI POSIZIONAMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE fig. 1: La MONOGRAFIA del sito al 16 giugno 2011 da http://gnss.regione.piemonte.it

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 CONVENZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS NEL

Dettagli

Presentazione del Servizio GNSS e principi di funzionamento

Presentazione del Servizio GNSS e principi di funzionamento Presentazione del Servizio GNSS e principi di funzionamento Domenico Sguerso domenico.sguerso@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova SERVIZIO REGIONALE

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Prospettive dei servizi di posizionamento

Prospettive dei servizi di posizionamento Politecnico di Milano Polo Regionale di Como Prospettive dei servizi di posizionamento Ludovico Biagi, Stefano Caldera, Fernando Sansò Presentazione della Rete di Stazioni Permanenti GNSS dell Emilia Romagna

Dettagli

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana XV Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE ENEA Roma, 29 aprile 2010 Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: scala globale, regionale e locale della geodinamica,

Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: scala globale, regionale e locale della geodinamica, Il rilievo topografico e geodetico in generale Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: applicazioni di cartografia a piccola scala; applicazioni di cartografia a grande scala;

Dettagli

Prof. Alessandro Capra. Dip. DIMeC - Università di Modena e Reggio Emilia

Prof. Alessandro Capra. Dip. DIMeC - Università di Modena e Reggio Emilia Laboratorio di Geomatica DIMeC Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Reti GNSS pubbliche e private in Italia Prof. Alessandro Capra Dip. DIMeC -

Dettagli

Giovedì 29 e Venerdì 30 Settembre 2011 CAGLIARI c/o CESAR S Hotel

Giovedì 29 e Venerdì 30 Settembre 2011 CAGLIARI c/o CESAR S Hotel Giovedì 29 e Venerdì 30 Settembre 2011 CAGLIARI c/o CESAR S Hotel Corso Teorico Pratico sull utilizzo del GPS finalizzato all utilizzo del Rover GPS S9 in modalità NTRK appoggiato alla rete di stazioni

Dettagli

riparazioni pc in laboratorio

riparazioni pc in laboratorio mail amministrativa: amministrazione@tecnodesign.biz sito web ufficiale: nei cicli formativi, ci proponiamo di perseguire l obiettivo di creare una mentalità della MISURA, per trasformare il modus operandi

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID Docente: Luigi Ferrigno GPS Il sistema GPS (Global Positioning

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

La Rete GPS della Regione Friuli Venezia Giulia: Progettazione e Servizi Offerti. insiel

La Rete GPS della Regione Friuli Venezia Giulia: Progettazione e Servizi Offerti. insiel La Rete GPS della Regione Friuli Venezia Giulia: Progettazione e Servizi Offerti Alessandra Chiarandini Reparto Sistemi Territoriali, Insiel Spa Lorenzo Tommasoni Servizio SIT e Cartografia, Regione Friuli

Dettagli

ISTITUZIONE DI UNA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS IN UMBRIA

ISTITUZIONE DI UNA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS IN UMBRIA ISTITUZIONE DI UNA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS IN UMBRIA Fabio RADICIONI*, Aurelio STOPPINI* * Università degli Studi di Perugia, D.I.C.A., Via G.Duranti 93-06125 Perugia Tel. 075/5853765 - Fax

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*) STUDIO RELATIVO AL RILEVAMENTO DI DETTAGLIO DI UNA PORZIONE DEL TRANSETTO NORD DELLA CHIESA DI SAN PAOLO A RIPA D ARNO AL FINE DI PROCEDERE AL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE. Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Dettagli

Introduzione al sistema di posizionamento GPS. Cartografia numerica e GIS Bianca Federici

Introduzione al sistema di posizionamento GPS. Cartografia numerica e GIS Bianca Federici Introduzione al sistema di posizionamento GPS Cartografia numerica e GIS Bianca Federici Il sistema GPS Il sistema di navigazione NAVSTAR GPS (NAVigation Satellite Timing And Ranging Global Positioning

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni M. Crespi, V. Baiocchi, A. Mazzoni, G. Reina Area di Geodesia e Geomatica

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Stefano De Corso e Daniele Magrì IPT - Informatica per il Territorio, via Sallustiana,

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

SurvCE: configurazione del ricevitore S9III per utilizzare reti RTK/NTRIP

SurvCE: configurazione del ricevitore S9III per utilizzare reti RTK/NTRIP SurvCE: configurazione del ricevitore S9III per utilizzare reti RTK/NTRIP Attenzione deve essere presente all interno del ricevitore una scheda SIM abilitata alla connessione Internet a cui è stato preventivamente

Dettagli

Esaminiamo un caso pratico.

Esaminiamo un caso pratico. VALUTAZIONE DEL PESO DELL'INCERTEZZA DI TARATURA DI UNO STRUMENTO PER MISURAZIONE In un processo di misura, particolare attenzione deve essere posta nella corretta valutazione dell incertezza propagata

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE E DELL APPROCCIO CLASSICO : a) Fa riferimento essenzialmente al dominio

Dettagli

Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con. deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle

Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con. deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle previsioni in materia di gas non contabilizzato nelle reti di trasporto

Dettagli

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1 GPS Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA Sokkia 1 Che cos è il GPS Un sistema di posizionamento estremamente preciso Creato e gestito dal Ministero della Difesa Americano Nato per

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A.

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas) Verona,

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

Metodologia di monitoraggio Impianti fotovoltaici

Metodologia di monitoraggio Impianti fotovoltaici Metodologia di monitoraggio Impianti fotovoltaici Per effettuare il monitoraggio degli impianti fotovoltaici è stato scelto il metodo di acquisizione dati proposto dal Dott. Ing. F. Spertino, Dott. Ing.

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Ing. Marco Gatti Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

Valutazione delle caratteristiche cinematiche di percorsi tipici urbani per auto e moto

Valutazione delle caratteristiche cinematiche di percorsi tipici urbani per auto e moto XIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Sede ENEA Roma, 4 ottobre 2007 Valutazione delle caratteristiche cinematiche di percorsi tipici urbani per auto e moto Giorgio Zamboni, Chiara

Dettagli

Il beneficio delle reti di stazioni permenenti per ricevitori a basso costo

Il beneficio delle reti di stazioni permenenti per ricevitori a basso costo POLITECNICO DI TORINO DITAG Dipartimento di Ingegneria del Territorio, dell Ambiente e delle Geotecnologie Il beneficio delle reti di stazioni permenenti per ricevitori a basso costo Autori: Alberto Cina

Dettagli

Corso di Metrologia applicata alla Meteorologia 20 Marzo 2013 Nozioni di metrologia Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica INRiM Torino g.lopardo@inrim.it Sommario Riferibilità Metrologica Incertezza

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Dipartimento di Ingegneria Industriale MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO La parola ai software Verona - 9 ottobre 2013 INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Roberto Zecchin

Dettagli

L INTEGRAZIONE DEI SENSORI PER IL CONTROLLO ED IL MONITORAGGIO AMBIENTALE E STRUTTURALE

L INTEGRAZIONE DEI SENSORI PER IL CONTROLLO ED IL MONITORAGGIO AMBIENTALE E STRUTTURALE xxxxxxxxx 16 Maggio 2008 L INTEGRAZIONE DEI SENSORI PER IL CONTROLLO ED IL MONITORAGGIO AMBIENTALE E STRUTTURALE Relatore : Marco Meroni Indice Chi siamo Panoramica sulla sensoristica Sistemi Periodici

Dettagli

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m)

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m) Report campagne di misura CEM per il sito: Hotel Londra Comune: Cervia Località: Milano Marittima - Periodo: 2003 2008 1. PARAMETRI IDENTIFICATIVI DELLA CAMPAGNA DI MISURA - Luogo dei rilievi: Hotel Londra

Dettagli

Test sul Sistema di posizionamento RTK-X Extended Pagina

Test sul Sistema di posizionamento RTK-X Extended Pagina IL SISTEMA DI POSIZIONAMENTO RTK-X EXTENDED TEST OPERATIVI SU SISTEMI BASATI SULLA NUOVA TECNOLOGIA Introduzione La presentazione sul mercato delle strumentazioni topografiche dotate di tecnologia RTK-X

Dettagli

ASITA 2005, Catania. Linee guida per la realizzazione di reti di stazioni permanenti di servizio

ASITA 2005, Catania. Linee guida per la realizzazione di reti di stazioni permanenti di servizio ASITA 2005, Catania Linee guida per la realizzazione di reti di stazioni permanenti di servizio Battista Benciolini, Ludovico Biagi, Mattia Crespi, Ambrogio Manzino, Marco Roggero Università di Trento

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, CHIMICA, AMBIENTALE E DEI MATERIALI CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA

Dettagli

SqueezeX. Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali

SqueezeX. Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali SqueezeX Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali SqueezeX Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali SQUEEZEX è una macchina d ispezione visiva per il

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA Scan&Go è una nuova metodologia per il rilievo topografico del territorio che utilizza strumentazione laser scanner abbinata a ricevitori GPS. Il sistema, installato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

SCAN&GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA. www.scan-go.it www.scan-go.eu V.03.1213

SCAN&GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA. www.scan-go.it www.scan-go.eu V.03.1213 SCAN&GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA V.03.1213 www.scan-go.it www.scan-go.eu SCAN&GO SYSTEM IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA Scan&Go è una nuova metodologia per il rilievo topografico del territorio

Dettagli

IL SERVIZIO DI POSIZIONAMENTO GNSS PER LA REGIONE PUGLIA

IL SERVIZIO DI POSIZIONAMENTO GNSS PER LA REGIONE PUGLIA IL SERVIZIO DI POSIZIONAMENTO GNSS PER LA REGIONE PUGLIA Ludovico BIAGI (*), Alessandro CAPRA (**), Cristina CASTAGNETTI (**), Tina CAROPPO (***), Michele MUSCHITIELLO (***), Antonio BELLANOVA (***), Angelo

Dettagli

EDIZIONE 1.2015. Programma di riferimento del MiniMaster Introductory in Project Management 2015

EDIZIONE 1.2015. Programma di riferimento del MiniMaster Introductory in Project Management 2015 MINIMASTER INTRODUCTORY IN PROJECT MANAGEMENT UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA EDIZIONE 1.2015 L Obiettivo del MiniMaster è quello di fornire agli studenti una serie di nozioni sulle metodologie di Project

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre ad indagini geologico-strutturali di terreno M. Rinaldi (*), C.R. Perotti (*), F. Zucca (*) (*) Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Scienze

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

WorldView-1 Analisi comparativa con i dati QuickBird

WorldView-1 Analisi comparativa con i dati QuickBird WorldView-1 Analisi comparativa con i dati QuickBird Di Philip Cheng e Chuck Chaapel Worldview-1, è un satellite con sensore pancromatico che produce immagini alla risoluzione di 50 centimetri. Con una

Dettagli

CERTIFICARE e ANALIZZARE la REDEMPTION e la provenienza del cliente

CERTIFICARE e ANALIZZARE la REDEMPTION e la provenienza del cliente CERTIFICARE e ANALIZZARE la REDEMPTION e la provenienza del cliente Mission: Il servizio è espressamente rivolto a tutte quelle aziende che utilizzano lo strumento del door to door come principale canale

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

ENERGY HUNTERS. dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico

ENERGY HUNTERS. dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico ENERGY HUNTERS dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico ENERGY HUNTERS E IL VENTO Il core business di Energy Hunters, nonchè la risorsa e l idea che ci ha motivato è il vento, e in particolare

Dettagli

La Rete Dinamica Nazionale e il sistema di riferimento geodetico nazionale

La Rete Dinamica Nazionale e il sistema di riferimento geodetico nazionale Laboratorio di Geomatica DIEF Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia La Rete Dinamica Nazionale e il sistema di riferimento geodetico nazionale Prof. Alessandro

Dettagli

CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE

CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE CENSIMENTO DELLE CADITOIE STRADALI DI ROMA CAPITALE Dott.ssa Rita Di Domenicantonio, Roma Capitale Dott.ssa Antonella Daidone, AMA S.p.a. Maria Marsella, D.I.C.E.A. - La Sapienza Università di Roma Marianna

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Universita degli Studi di Napoli Federico II. Scansione Tridimensionale con Metodi a Luce Debolmente Strutturata

Universita degli Studi di Napoli Federico II. Scansione Tridimensionale con Metodi a Luce Debolmente Strutturata Universita degli Studi di Napoli Federico II Facolta di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Elettronica Tesi di Laurea Scansione Tridimensionale con Metodi a Luce Debolmente Strutturata Relatore:

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli