N U M E RO 3 R.C. SAN DONATO S E T T E M B R E NEWS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N U M E RO 3 R.C. SAN DONATO S E T T E M B R E 2 0 0 8 NEWS"

Transcript

1 N U M E RO 3 R.C. SAN DONATO NEWS S E T T E M B R E

2 sommario M E S S A G G I O D E L P R E S I D E N T E Carissimi, eccoci rientrati dalla pausa estiva, riposati e pronti,con rinnovate energie, ad immergerci nelle attività del corrente anno rotariano. Come evidenziato nella lettera mensile del Governatore, il mese di settembre è dedicato alle nuove generazioni ed il nostro Club è in assoluta sintonia con questa indicazione: abbiamo dedicato la conviviale del 22 a celebrare un momento importante per noi, per il territorio di San Donato, per le Istituzioni e per i giovani che hanno usufruito della borsa di studio RC SAN DONATO MILANESE dedicata alla memoria di Alberto Montagna, dirigente assicurativo assolutamente attento ai giovani ed alle persone in genere. Il senso di ciò che facciamo ci è stato dato dalla testimonianza di Arber, Stefania e Gianmarco che con semplicità e franchezza ci hanno ringraziato per aver potuto realizzare un sogno che altrimenti sarebbe stato loro difficile perseguire: andare all università. Il più bel ritorno del nostro investimento ci è dato dalla serietà di questi ragazzi che mantengono il loro impegno di studi, dalla gioia che trasmettono e dal senso di attenzione agli altri che stanno assimilando. La serata dell assegnazione delle borse di studio è stata gioiosa, commovente e ci ha fatto sentire orgogliosi di essere rotariani. Grazie alla Vittoria Assicurazioni, ed in particolare al Dr. Vighi ed al Dr. Zuccari che condividono con noi l impegno di questo progetto, grazie alla Famiglia Montagna per la loro costante presenza alla assegnazione Borse di Studio, grazie a Roberto Bertè e Aldo Palumbo che hanno coordinato con maestria il tutto! Questo numero è dedicato alle nuove generazioni con importanti contributi..buona lettura ed una saluto affettuoso. Alberto Occorre un Alleanza Educativa - Paolo Giarrusso intervista il Prof. Gustavo Pietropolli Charmet Una Azione dalla forte valenza sociale - Paolo Giarrusso Soddisfazione e Gratitudine parlano i vincitori delle Borse di Studio - Paolo Giarrusso Ridurre la Mortalità Infantile.L ulteriore scommessa Gianni Jandolo

3 OCCORRE U ALLEA ZA EDUCATIVA Intervista di Paolo Giarrusso Al Professor Gustavo Pietropolli Charmet Le difficoltà e le sfide che hanno di fronte i giovani,sono di quelle che fanno tremare le vene nei polsi.non solo quelle dei ragazzi,ma anche quelle degli educatori, per i quali occorrerebbe davvero una sorta di forte alleanza atta a capirne le problematiche e le esigenze. Parola del Professor Gustavo Pietropolli Charmet,vero proprio esperto e appassionato della questione giovanile e adolescenziale. Docente di psicologia dinamica all Università di Milano dal 1985,è Presidente dell Istituto di Analisi dei Codici Affettivi Minotauro e del Centro di aiuto alla famiglia e al bambino maltrattato,nonché Responsabile Scientifico dell Associazione L Amico Charly e Direttore Scientifico della collana di Franco Angeli Adolescen- za,educazione, affetti. Professor Charmet, a che cosa si trovano di fronte i giovani d - oggi? Devono vedersela con le conse- totalmente diverso rispetto a quello di decenni fa. Da modello etico,fondato su valori,si è trasformato guenze di un modello educativo in affettivo. I giovani di oggi sono sostenuti tantissimo,anche troppo, dalla famiglia e oggetto di aspettative forti nella scuola,nel sociale. Se costruiscono qualcosa,attualmente lo fanno con il dialogo,il sostegno di qualcuno,grazie alla relazione che si poggia su modalità affettive e di obbedienza e non più etiche.il loro problema è valorizzarsi e di molto,anche fuori dalla famiglia,ma ciò non succede nella maggior parte dei casi. Perché la scuola è frustrante,il nucleo dei coetanei è severo e pretende dal giovane che faccia

4 OCCORRE U ALLEA ZA EDUCATIVA Intervista di Paolo Giarrusso Al Professor Gustavo Pietropolli Charmet vedere concretamente le proprie capacità per dimostrare di essere qualcuno. Insomma,il problema principale diventa quello di divenire famosi. Alcuni ci riescono:nell amicizia,nella scuola,nella professione,nel ruolo di genitori, nell amore,raggiungendo quello che, secondo loro,è un buon livello di visibilità e soddisfacendo le proprie aspettative narcisistiche. Per molti altri,però,non è così,ma dato che la priorità è quella di essere famosi,attraverso azioni che conquistino i media,mettono in atto comportamenti delinquenziali,trasgressivi,pericolosi. Professore.e gli educatori? Si trovano a gestire con estrema difficoltà comportamenti attuati da ragazzi apparentemente normali ma in realtà bulli,componenti di gang,dove protagonista è il piccolo gruppo. Spesso un gruppo misto. Non una vera banda giovanile,propria ad esempio del Sudamerica,ma un gruppo di ragazzi normalmente amici,una compagnìa approntata per gestire il tempo libero. Ad un certo punto cerca un nemico,una vittima,vandalizza il territorio e si comporta come una banda, dando vita ad un fenomeno più grave,dove il gruppo raggiunge un potere straordinario nei confronti del singolo:il potere del branco. Il gruppo deresponsabilizza e a questo punto chiede ciò che vuole. Ecco che i ragazzi,allora,si sacrificano per il gruppo in tutti i campi in cui esso opera:nella famiglia, nel sociale,etc. E quando,magari, i carabinieri si presentano dal singolo per la repressione dell atto delinquenziale,cadono dal nulla e dicono: Io? No,assolutamente. Loro, piuttosto.solo con l aiuto dello psicologo,si arriva poi al noi :

5 OCCORRE U ALLEA ZA EDUCATIVA Intervista di Paolo Giarrusso Al Professor Gustavo Pietropolli Charmet Ma il ruolo degli adulti,nei confronti dei giovani qual è e,soprattutto,quale deve essere? E un ruolo complicatissimo. Un esempio: un ragazzo che frequenta la scuola superiore, non vede rappresentato né lo Stato,né il sapere,né alcun valore. Vede solo l edificio in sé,le dimensioni,l architettura,gli arredi. E tanti coetanei. La scuola,quindi,come soggetto educativo composto da adulti,è in seria difficoltà:non conosce bene la mente dell adolescente. Mentre nella scuola italiana,la cultura dell infanzia ha fatto grandi passi avanti,quella dell adolescente ha perso la strada. Ecco allora che non si sa più cosa è bene per un ragazzo e che cosa è male;se la promiscuità a cui ci si abitua è normale o sinonimo di un disagio. E così via. E questo non sapere più nulla, alberga sia nella scuola che in famiglia. E allora la famiglia,la scuola, il Rotary come possono essere di aiuto allo sviluppo e alla crescita dei nostri giovani? Bisogna riscrivere il patto educativo tra scuola,famiglia e comunità sociale. Ma nessuno è più in grado di farlo da solo. Occorre un alleanza a cui partecipino tutti i soggetti. Il Rotary può dare,in questo senso,un forte supporto alla re iscrizione di un patto comune di educazione.

6 OCCORRE U ALLEA ZA EDUCATIVA Intervista di Paolo Giarrusso Al Professor Gustavo Pietropolli Charmet Nella scuola,ad esempio,non c è più da decidere la didattica ma la quotidianità. E necessario,in buona sostanza, cogestire l educazione. Valori e conflitti vanno condivisi in un forte progetto educativo. Questa alleanza ha due pilastri,certamente: la scuola e la famiglia,rimaste le uniche agenzie ad avere un mandato educativo,a cui possono e devono concorrere associazioni e realtà importanti come il Rotary,appunto. Don Gino Rigoldi, proprio da queste colonne, ha detto che i giovani sono orfani di educatori. Lei che ne pensa? Mi permetto di dissentire cortesemente e dolcemente. Mai come ora,per dirne una,la famiglia segue il figlio unico. Su di lui vengono investite tonnellate di aspettative e affetti. Il problema non è quello dell abbandono o dell assenza, ma piuttosto della carenza di competenza. Quando i ragazzi individuano qualche adulto competente, vi si affidano totalmente. Lo dico, attingendo dall esperienza con i ragazzi che seguo. E come se i ragazzi d oggi fossero cresciuti intenditori di relazione e siano quindi alla ricerca,appunto, di modelli di riferimento competenti in cui tuffarsi. Offriamo scarsa competenza educativa, in particolare nell affrontare i temi caldi della questione educativa attuale: il bullismo,il gruppo,la droga,l alcol,etc. Occorre essere competenti,fare i conti con questi fenomeni, intendersi di essi:per capire e far capire.

7 U AZIO E DALLA FORTE VALE ZA SOCIALE di Paolo Giarrusso E quella che il Rotary Club S. Donato Milanese ha avviato sin dal 2005 nell ambito delle attività di supporto alla popolazione giovanile del territorio, varando un progetto finalizzato all assegnazione annuale di una borsa di studio pluriennale per studenti dell ultimo anno di scuola superiore,a S.Donato,che consenta il proseguimento degli studi in ambito universitario. A determinate condizioni e con certi requisiti. Per ottenere la borsa di studio,che consiste in 2500 euro da riconoscere per ciascun anno del corso di laurea scelto dal vincitore, sono necessari :ottimi risultati scolastici, ottima partecipazione alla vita della classe e della scuola;volontà nel proseguire gli studi in ambito universitario e,soprattutto,uno stato economico e familiare che non consentirebbe il proseguimento negli studi universitari. Per il riconoscimento annuale della Borsa di Studio è poi necessario rispettare il piano di studi annuale. Al termine del corso di laurea,il Club si adopererà nei limiti del possibile,al fine di favorire l inserimento di questi giovani nel mondo del lavoro. Se i ragazzi sono i protagonisti principe del progetto, coinvolti in pieno sono i Presidi delle scuole superiori di San Donato che individuano gli studenti meritevoli e li presentano al Club in una serata dove gli studenti stessi si presentano raccontando la loro vita e le loro aspettative. Sarà compito,poi, di un apposita commissione del Rotary Club S.Donato definire il vincitore della Borsa di Studio unitamente ad un numero variabile di premi aggiuntivi, consistenti in stage professionali presso le aziende che i soci del Club rappresentano. Il progetto comporta un impegno economico importante per il Club,condiviso al 50% dallo sponsor,la Vittoria Assicurazioni,che ricorda così la prematura scomparsa, avvenuta nel 2005,di un dirigente, Alberto Montagna,che grande attenzione aveva dedicato alla formazione e allo sviluppo dei giovani. Attualmente sono 3 i giovani,ex studenti delle scuole superiori di San Donato Milanese,ai quali il Club sta fornendo le Borse di Studio: Arber Njiela entrato nel programma nel 200-5,Stefania Torrico nel 2006 e Gianmarco Vacca nel 2007.

8 SODDISFAZIO E E GRATITUDI E Parlano i vincitori delle Borse di Studio di Paolo Giarrusso Gratitudine,soddisfazione,determinazione. Sono questi i sentimenti e gli stati d animo che albergano in chi,negli anni scorsi,ha usufruito delle Borse di Studio per giovani universitari del territorio di San Donato Milanese,iniziativa fortemente voluta dal nostro Club. Nel 2005,il primo a vincere la Borsa di Studio è stato Arber Njiela,albanese di Fier, non lontano da Valona,residente ora a Melegnano. Pochi giorni fa si è laureato con il punteggio di 100,in Ingegnerìa Informatica,al Politecnico di Milano. Non credo ancora ai miei occhi-dice ancora sotto lo choc positivo del conseguimento della laurea-.e lo stesso stupore che ho provato quando mi hanno comunicato ufficialmente che avevo vinto la Borsa di Studio del Rotary Club San Donato Milanese. Da quel momento, è iniziato un percorso universitario di enorme soddisfazione che non ha avuto un attimo di ripensamento e che è già proiettato su di obiettivi futuri. Nel 2006 è toccato a Ste- fania Torrico, che proprio ora sta iniziando il terzo anno di corso in Economia e Gestione dei Beni Cultu- rali e dello Spettacolo, all Università Cattolica di Milano,dopo avere dato 10 esami nel primo anno e 12 nel secondo. Non me l aspettavo- esordisce,facendo riferimento al conseguimento della sua Borsa di Studio-.C erano altri ragazzi molto validi.ciò non toglie che sia rimasta estremamente felice.a distanza di tempo,sono sempre molto contenta.mi sono fortemente impegnata anche per mio padre Armando che, benchè non avesse avuto una solida preparazione culturale, ha sempre capito l importanza della scuola e dello studio. Nel 2007,la Borsa di Studio del Rotary Club San Donato Milanese è stata affidata a Gianmarco Vacca che ha terminato il primo anno ed è all inizio del secondo, alla facoltà di Scienze Statistiche dell Università Bicocca di Milano.

9 SODDISFAZIO E E GRATITUDI E Parlano i vincitori delle Borse di Studio Rotary Club San Donato Milanese Paolo Giarrusso Il parametro della mia gioia attuale-afferma- è identico a quello di un anno fa.così come la convinzione che senza questa Borsa di Studio, non ci sarebbe stata alcuna Università. Quindi, un grazie ancora di cuore e un assicurazione:le aspettative non sono state deluse. Nessun rammarico o disappunto sulla scelta.grande determinazione nel portare a termine il percorso intrapreso per poi abbracciare forse la specialistica e il dottorato. Soddisfattissimo e orgoglioso. A chiudere la nostra rassegna di volti e voci dell azione rotariana del nostro Club in relazione alle Borse di Studio per i giovani, è il Professor Giacomo Paiano,Preside dell Itis di San Donato,grande realtà scolastica del territorio e da sempre coinvolto nella scelta degli studenti più meritevoli. Certamente faccio il tifo perché questa lodevole e meritevole iniziativa prosegua - aggiunge-. Quando si seleziona, il compito è sempre difficile, ma ho la certezza che gli elementi scelti sinora siano stati sempre i migliori.se posso aggiungere qualcosa,un consiglio che è anche un auspicio: creare più stages, perché a questi i ragazzi mirano

10 RIDURRE LA MORTALITA I FA TILE L ulteriore scommessa di Gianni Jandolo Il Rotary come si è avuto occasione di sottolineare più volte, in più di 100anni di vita, non ha modificato di una virgola la sua missione di servizio. Certo, le strategie invece sono mutate perché debbono necessariamente tener conto dell evoluzione del contesto sociale, politico ed economico della società. Queste strategie, aumentate per numero e specializzazione, disegnate da Rotariani appassionati, determi- nati e con una forte leadership, ser- vono per rendere affrontabili te- mi particolarmente difficili da risol- vere. Il Presidente Internazionale del Rotary Dong Kurn Lee, ha posto un accento par- ticolare in questo anno rotariano sulla questione della mortalità in- fantile, intanto parlandone ai 532 Governatori durante l Assemblea Internazionale e poi spingendo in ogni occasione i Club a riflettere, immaginando e realizzando progetti che avessero come finalità quella di ridurre la percentuale di decessi nel mondo. Questa enfasi presidenziale fa un concreto riferimento agli Obiettivi del Millennio Uno di questi, il quarto, è finalizzato alla riduzione di due terzi entro il rispetto ai valori del del tasso di mortalità infantile, definito come il numero di decessi di bambini tra 0 e 5 anni ogni mille nati vivi. Si stima che nel 2006 siano morti 9,7 milioni di bambini prima del quinto anno di vita, il più delle volte per cause facilmente prevenibili. Per la prima volta nella storia, il numero di decessi infantili annui a livello globale è sceso sotto la soglia dei 10 milioni. Globalmente, la mortalità infantile è in declino, ma non ovunque allo stesso passo. La civiltà globalizzata del terzo millennio possiede la ricchezza, la conoscenza e i mezzi per coronare il sogno di un'umanità affrancata dalla miseria e dalla mancanza dei bisogni di base. Questa è la filosofia che spinse i Capi di Stato e di governo di tutti gli Stati membri dell'onu, riuniti dal 6 all'8 settembre 2000 a New York nel "Vertice del Millennio", la più ampia riunione di leader della storia, a porre la propria firma in calce alla "Dichiarazione del Millennio" (United Nations Millennium Declaration). In quell'occasione i leader mondiali affermarono la loro responsabilità non soltanto nei confronti dei rispettivi popoli, ma verso l'intera specie u- mana, definendo una serie di ambiziosi propositi da conseguire entro il (articoli 19 e 20 della Dichiarazione). Da queste affermazioni, attraverso successivi incontri diplomatici con la partecipazione delle principali agenzie delle Nazioni Unite, presero corpo gli otto Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM): otto traguardi misurabili e inequivocabili, vincolanti per l'intera comunità internazionale, che affidavano all'onu un ruolo centrale nella gestione del processo della globalizzazione. Il progresso deve necessariamente accelerare in Africa, in Asia meridionale, nei paesi asiatici dell'ex Unione Sovietica e in Oceania. Dalla campagna di vaccinazioni contro la Polio alla battaglia contro la cecità evitabile, è fiorire di progetti alla portata di tutti. Anche la piaga della mortalità infantile come l analfabetismo non è questione che riguarda Paesi lontani da noi, forse nel

11 RIDURRE LA MORTALITA I FA TILE L ulteriore scommessa di Gianni Jandolo Da un messaggio del Presidente Internazionale: Mentre pianificate come Concretizzare i sogni, vi invito a considerare i milioni di bambini che non hanno neanche la possibilità di sognare. Ogni anno, oltre bambini muoiono a causa di malattie prevenibili. Anche se le cifre sono spaventose, sono già inferiori a quei che avevano colto la mia attenzione. La relazione dell UNICEF sullo Stato mondiale dell infanzia 2008 riporta che nel 2006, per la prima volta, i casi di mortalità infantile mondiale si sono abbassati da 10 milioni a 9,7 milioni. Penso che i risultati vadano attribuiti ai progetti rotariani degli ultimi anni su salute, acqua potabile, interventi contro la fame ed a favore dell alfabetizzazione. Per queste ragioni mi sono chiesto: Cosa potremmo ottenere se 1,2 milioni di Rotariani concentrassero gli sforzi sulla sopravvivenza dei bambini più bisognosi? Sono sicuro che conosciamo già alcune delle risposte. Se i Rotariani forniranno le zanzariere con insetticida, meno bambini contrarranno la malaria. Se scaviamo pozzi e ci occupiamo dei problemi di igiene, più bambini avranno acqua potabile da bere e condizioni di vita più sane. Inoltre, se i Rotary Club realizzeranno progetti sulla nutrizione, potremo salvare quasi cinque milioni di bambini che muoiono, ogni anno, a causa della malnutrizione. L UNICEF ha calcolato che circa due terzi dei 9,7 milioni dei casi di mortalità del 2006 erano prevenibili. Se i Rotariani continuano a fornire vaccini, terapie di reidratazione orale, cure me- diche per madri e neonati ed altri interventi simili, sono certo che molti altri bambini riusciran- no non solo a sopravvivere, ma anche a Concretizzare i loro sogni. Diagramma 2 - descrizione testuale del contenuto Il diagramma presenta i dati assoluti della mortalità infantile, divisi per continente. Le cifre riportate sono in milione di decessi infantili (0-5 anni) annui. Asia meridionale: 3,5 mil. decessi/anno. Africa centrale e occidentale: 2,9. Africa orientale e meridionale: 1,8. Asia orientale e Pacifico: 0,9. America Latina e Caraibi: 0,4. Medio Oriente e Nord Africa: 0,4. Europa orientale e paesi dell'ex URSS: 0,15. Paesi industrializzati (OCSE): 0,1

12 RIDURRE LA MORTALITA I FA TILE L ulteriore scommessa di Gianni Jandolo Diagramma 3 - descrizione testuale del contenuto Il diagramma presenta i dati sulla mortalità infantile in base a determinate caratteristiche socioeconomiche. Le cifre riportate rappresentano la probabilità di decesso prima del quinto anno di vita, stimate in base a dati raccolti in 63 Paesi in via di sviluppo. Nel 40% più ricco della popolazione nei Paesi considerati, il numero di decessi infantili è mediamente di 67 ogni nati vivi, mentre nel 60% più povero è di 107 ogni In ambiente urbano, la probabilità è calcolata su 69 decessi ogni nati, mentre in ambiente rurale è di 105 su mille. Tra le femmine la probabilità è di 93 su mille, mentre tra i maschi è di 96 su mille.

13 RIDURRE LA MORTALITA I FA TILE L ulteriore scommessa di Gianni Jandolo Paesi industrializzati: 6 decessi ogni nati vivi. America Latina e Caraibi: 27 su mille. Europa orientale e paesi dell'ex URSS: 27 su mille. Asia orientale e Pacifico: 29 su mille. Medio Oriente e Nord Africa: 46 su mille. Asia meridionale: 83 su mille. Africa meridionale e orientale: 131 su mille. Africa Subsahariana: 160 su mille. Africa centrale e occidentale: 186 su mille. La media mondiale è di 72 decessi infantili ogni nati vivi. La media in Sierra Leone: 284 per ogni 1000 nati vivi In Italia: 5 ogni 1000 Nel nostro Distretto sono al momento attivi due progetti locali: Prevenzione delle morti in culla (un elevato numero di decessi è causato dal fatto che il neonato si muove nella culla e senza appositi accorgimenti si rovescia senza avere più la possibilità di respirare Prevenzione della morte per abbandono (La ruota degli Innocenti) : Un sistema che consente nei pressi di ospedali di depositare il neonato in una sorta di ruota, appunto, che, garantendo l anonimato, con appositi sensori avvisa il reparto neonatale dell ospedale nel cui muro di cinta è inserito questo presidio. L assistenza viene prontamente assicurata evitando che i piccoli siano abbandonati nei cassonetti (pag. 6 del pdf : anno /notiziario/rotary2050aprile2007.pdf ) Per noi Soci del Club di San Donato potrebbe essere un opportunità comprendere quali siano i numero che riguardano il nostro territorio. Una verifica con il Comune e con l Ospedale di San Donato, potrebbero dare degli spunti utili per azioni di servizio che ci vedano impegnati su un fronte di cui for- se non sospettavamo l esistenza.

14 La lettera mensile Governatore Carlo Vailati Riboni Cari amici rotariani, mi auguro che il mese di settembre vi trovi riposati e sereni. Quest ultimo scorcio di estate, ci accompagnerà fin quasi alla fine del mese, con il ritorno alla piena attività dei nostri Club e con l attuazione dei programmi impostati dai Presidenti assieme ai loro consiglieri e soci. Non sono ancora in grado di trasmettervi le sensazioni che ho raccolto nelle poche visite ai club che ho sino ad ora fatto. Posso però anticipare quello che è stato uno dei punti fermi del messaggio che desidero portare ai club. Ed è l importanza delle nuove generazioni nella vita del Rotary International a tutti i livelli. Lo stesso tema di questo anno, rivolto a ridurre la mortalità infantile, è un invito alla tutela delle nuove generazioni fin dai primi momenti di vita. Molti Club mi hanno già messo a conoscenza delle loro iniziative tese a ridurre la mortalità infantile sia in ambito locale che internazionale e credo che tutti avvieranno progetti in tal senso. C é però anche altro da fare. Il Rotary International ci mette a disposizione programmi rivolti alle nuove generazioni estremamente validi. Penso alle borse di studio che ogni anno bandiamo nel Distretto rivolte a laureati che desiderano specializzarsi o approfondire le loro conoscenze all estero. I borsisti sono i nostri Ambasciatori nel mondo. Sono uomini e donne che vivono nel nostro territorio, e grazie alla sponsorizzazione di un club possono partecipare alla selezione distrettuale per l assegnazione della borsa di studio. Questo costituisce un ritorno di immagine importante per il club sponsor. Cerchiamo pertanto di inviare alla commissione presieduta da Ivo De Lotto, che ringrazio assieme ai suoi collaboratori, il curriculum di laureati che reputiamo meritevoli. Ricordiamoci però che a pesare nella valutazione finale la discriminante non è solo il punteggio di laurea, ma anche la propensione al servizio che il candidato dimostra. Ancora: ci sono gli Scambi Gruppi di Studio. Esponenti delle varie professioni compongono il Gruppo di Scambio che il distretto invia in un altro Stato per vedere una diversa realtà sociale, un diverso modo di lavorare, per allargare i propri orizzonti e maturare una esperienza che qui non potrebbero avere. Anche questa è un opportunità per i club affinché segnalino i possibili candidati a Alberto Dalla Villa, che con il suo gruppo si sobbarca tutto il lavoro preparatorio per la nostra squadra che andrà all estero (l anno prossimo a New Orleans Louisiana), e organizzativo per il gruppo che accogliamo. Grazie anche a lui: diamogli maggior aiuto perché una mano in più serve sempre. Vi è poi tutto il comparto Scambio Giovani, ora gestito a livello distrettuale da una nuova associazione che abbiamo creato appositamente e per la quale è in corso la certificazione prevista dal Rotary International. Il nostro referente è Alessandro Santalucia che, coadiuvato dalla sua commissione, organizza le varie tipologie

15 di scambio giovani previste. Su questo argomento richiamo l attenzione di tutti i rotariani. Lo scambio giovani è rivolto anche ai nostri figli e non solo a ragazzi figli di non rotariani. Questa attività può riuscire solo con la partecipazione e la collaborazione di tutti i club e delle famiglie dei soci. Ospitare un giovane nelle nostre case è una scelta obbligata per chi vuol vivere appieno il senso dell internazionalità del nostro sodalizio. Frequentare in una scuola straniera il penultimo anno di un istituto superiore, è una possibilità offerta non solo da noi ma anche da altre istituzioni. Noi in più diamo la garanzia della supervisione del Rotary e dell ospitalità in famiglie rotariane. Organizzare un Camp sul territorio, richiede il generoso impegno da parte del o dei club promotori, ma ripaga del lavoro la gratitudine e la felicità che i ragazzi ospitati dimostrano verso le famiglie e verso i rotariani. Inoltre per un principio di reciprocità solo organizzando Camp sul nostro territorio potremo vedere accolti i nostri ragazzi che desiderano vivere l esperienza del Camp all estero. I miei figli hanno avuto la gioia di partecipare a vari Camp: in Svizzera, Turchia e Germania. La ricchezza di esperienze e di conoscenze che il Camp offre traspare immediatamente dalle loro parole quando rientrano a casa. Un altra esperienza che oltre ai non rotariani anche i nostri figli possono vivere, è il R.Y.L.A. Il nostro R.Y.L.A. distrettuale, radicalmente diverso dagli quelli organizzati dagli altri Distretti, si distingue per l impostazione motivazionale che gli è stata data. Rinnovatosi negli anni per l opera continua ed instancabile di Wladimiro Valeri, al quale tutti noi siamo grati, è un altra esperienza che i ragazzi vivono intensamente ed in modo estremamente coinvolgente. Anche in questo caso la segnalazione dei partecipanti da parte dei club è fondamentale: anche questo è uno strumento per far conoscere il Rotary alla comunità locale. Vi sono poi tutte le iniziative che la Commissione Distrettuale Scuola, presieduta da Ugo Cecchi, propone e che sono per loro natura dedicate al mondo dei giovani, con particolare riferimento alla sfera dell istruzione. Grazie ad Ugo per la sua collaborazione. Alla fine ho volutamente lasciato Rotaract ed Interact. Sono entrambi normati dal manuale di procedura e pertanto sono parte integrante del mondo rotariano. Come ben sapete si rivolgono a diverse fasce di età, ma hanno in comune l azione di servizio e la promozione della comprensione mondiale. In particolare i Club Rotaract, se ben guidati dai loro Presidenti, possono svolgere un ruolo importante per la divulgazione e la conoscenza del Rotary nella comunità locale. Auspico che i giovani che entreranno nei club Rotaract non siano solo figli di rotariani. Che la forbice di età prevista per il Rotaract, dai 18 ai 30 anni, sia ben distribuita in un club Rotaract: questo garantisce continuità al Club. Il trentenne che deve lasciare il Rotaract deve essere compensato con il nuovo socio diciottenne. Un club Rotaract di coetanei quando tutti i suoi soci arriveranno al trentesimo anno di età si estinguerà. Tutto il lavoro da loro svolto negli anni non avrà seguito. Evitiamo che ciò accada. In ogni club rotariano padrino di un club Rotaract, vi è generalmente almeno un socio che segue il club Rotaract. Abbia ben presente tutto ciò, oltre al fatto che noi rotariani dobbiamo ai Rotaractiani pari dignità. Non consideriamoli solo come "aiutanti" per la gestione degli eventi di un club. Anzi realizziamo assieme a loro un service, da pari a pari. Molte volte i Rotary Club invitano i soci del Rotaract a partecipare a qualche loro conviviale. E un ottima cosa, in particolare se questo invito sarà fatto in occasione di serate durante le quali si discuterà di Rotary. Mi piacerebbe poi che venissero concordati almeno due incontri fra i Rotaractiani ed rotariani dedicati ad illustrare le varie attività del Rotary. Per questo potrete avvalervi anche dei componenti la commissione Formazione Distrettuale presieduta dal bravissimo Renato Rizzini, che è a disposizione dei Rotary Club. Come possiamo vedere le opportunità sono molte, sta a Voi coglierle. Ricordiamoci che il distretto è al servizio dei club e che tutte le commissioni sono a disposizione per chiarimenti e per essere di aiuto nell elaborazione dei progetti. Impariamo ad utilizzare queste risorse. Ci agevoleranno il lavoro ed impareremo ad essere più vicini al distretto, a conoscerlo meglio e mi auguro che così possa nascere in ciascuno di voi la voglia di dedicare in futuro un poco del vostro tempo alla attività distrettuale. Grazie infine al PDG Mario A. Oradini, che accettando l incarico di istruttore distrettuale, ha dimostrato che nel Rotary si è sempre nuova generazione in particolare quando ci si mette in gioco in un ruolo importante e delicato. Buon lavoro e cari saluti. Carlo

16 PROSSIMI APPU TAME TI..2 Edisione Giochi della Grangia Cascina Biblioteca Sabato 04 ottobre 2008 manifestazione che ha lo scopo di offrire un modo nuovo di vivere la Cascina valorizzando le risorse presenti e favorendo l integrazione tra le varie realtà che la compongono. L evento, patrocinato da Anffas e dal R.C. San Donato Milanese ed organizzato da: CFP Cascina Biblioteca, Fondazione Idea Vita, Cooperativa Il Fontanile e Cooperativa Viridalia è totalmente gratuito e vedrà operatori e utenti sfidarsi assieme in varie specialità quali Tiro alla fune, Corsa nei sacchi, Bocce, Calcetto ed altro ancora Ritrovo in Cascina Biblioteca Iscrizione alle competizioni Svolgimento gare Premiazioni e piccolo rinfresco

17 PROSSIMI APPU TAME TI In ultima analisi il Rotary esiste per far crescere l individuo, con lo scopo di aumentare la sua capacità al servizio Paul Harris, Messaggio al R.C. di Buffalo OTTOBRE SERATA DEDICATA AI PROGRAMMI DEL CLUB 20 OTTOBRE SERATA DEDICATA A CUORE FRATELLO 3 NOVEMBRE SERATA DEDICATA AI GIOVANI 17 NOVEMBRE VISITA DEL GOVERNATORE 24 NOVEMBRE SERATA DEDICATA ALLA MUSICA ANNI 70 1 DICEMBRE - SERATA DEDICATA ALLA ROTARY FOUNDATION 13 DICEMBRE - CONCERTO A FAVORE CITY FARM ANFFAS 16 DICEMBRE - PRENATALIZIA ***** Posta del Club? Indirizzi utili:

Fondamenti del Rotary

Fondamenti del Rotary Fondamenti del Rotary www.rotary.org/it/rotarybasics Come farsi coinvolgere nel Rotary Benvenuto al Rotary! Adesso fai parte di una rete globale di imprenditori, professionisti e volontari della comunità.

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org OTTIENI DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. CONNETTITI PER FARE DEL BENE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org La tua affiliazione al Rotary comincia nel tuo club. Il coinvolgimento migliorerà le

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni

Il Presidente CONI Bergamo Valerio Bettoni Il Coni, quale vertice e guida del movimento sportivo italiano, sceglie di potenziare e diffondere la cultura e la pratica sportiva nella scuola attraverso il progetto Giochi della Gioventù a cui è stato

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

ROTARY INTERNATIONAL Presidente RI Sukuji Tanaka. DISTRETTO 2060 Governatore Alessandro Perolo

ROTARY INTERNATIONAL Presidente RI Sukuji Tanaka. DISTRETTO 2060 Governatore Alessandro Perolo ROTARY INTERNATIONAL Presidente RI Sukuji Tanaka DISTRETTO 2060 Governatore Alessandro Perolo ROTARY CLUB TREVISO NORD Presidente Francesco Albrizio Anno rotariano 2012 2013 BOLLETTINO n. 6 Prossimo incontro

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Guida per consiglieri didattici di club Interact

Guida per consiglieri didattici di club Interact Guida per consiglieri didattici di club Interact I consiglieri rotariani e quelli didattici svolgono un ruolo fondamentale di sostegno al programma Interact. Nel caso di un club a base scolastica, il consigliere

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore Area IL VALORE DI UN TEST L equipe orientamento del Centro Studi Evolution propone una serie di di concreta utilità e dall alto valore scientifico. Una valutazione oggettiva è alla base di ogni serio e

Dettagli

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 rotary il rotary è Sedi Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 Rotary International One Rotary Center 1560 Sherman Avenue

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 (reso noto dal DG Lo Cicero nella seduta amministrativa della XXXV Assemblea Distrettuale, tenutasi a Favignana il 25 maggio 2012) Il Distretto è un territorio

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO:

40 miliardi di dollari. 150 paesi. Sconfiggere l estrema povertà nel mondo OBIETTIVO: 40 miliardi di dollari 150 paesi OBIETTIVO: Sconfiggere l estrema povertà nel mondo Obiettivi TARGET: 1 Dimezzare la povertà assoluta e la fame nel mondo 2 Assicurare l istruzione elementare per tutti

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite

Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite Kevin Prince Boateng un calcio alle discriminazioni, dalle periferie berlinesi alle nazioni unite Abbiamo il piacere di rivolgere alcune Il progetto, chiamato Calciastorie, ci atteggiamento nell ambiente

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

ROTARY, ASSOCIAZIONI GIOVANILI E BORSISTI FONDAZIONE ROTARY

ROTARY, ASSOCIAZIONI GIOVANILI E BORSISTI FONDAZIONE ROTARY ROTARY, ASSOCIAZIONI GIOVANILI E BORSISTI FONDAZIONE ROTARY Nella scheda di sintesi della Guida allo sviluppo e conservazione dell effettivo pubblicata a cura del nostro distretto sotto la voce IDENTIFICARE

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale L affiliazione al Rotary si basa sulle capacità professionali dei suoi soci, ed ogni club si sforza di creare un microcosmo del

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

SEMINARIO DI ISTRUZIONI PER I NUOVI SOCI SINS 20 SETTEMBRE 2014 CAMAIORE

SEMINARIO DI ISTRUZIONI PER I NUOVI SOCI SINS 20 SETTEMBRE 2014 CAMAIORE SEMINARIO DI ISTRUZIONI PER I NUOVI SOCI SINS 20 SETTEMBRE 2014 CAMAIORE UN DIALOGO CON I NUOVI SOCI INTRODUZIONE Sono veramente lieto di dare il benvenuto a tutti voi che siete entrati nella grande famiglia

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

Il giro del mondo in 40 giorni

Il giro del mondo in 40 giorni Centro Ricreativo Estivo Qiqajon 2015 Dall 8 giugno al 17 luglio Il giro del mondo in 40 giorni Introduzione Il Progetto Qiqajon è una realtà dinamica, in continua crescita, che si occupa nello specifico

Dettagli

Rotary Club Salerno a.f. 1949

Rotary Club Salerno a.f. 1949 Saluti Nell assumere le insegne presidenziali del club Rotary Salerno, insegne che, per la prima volta nella storia del nostro club, vengono dalle mani di una gentile signora presidente, dalle mani della

Dettagli

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei questo è il rotary servire Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei propri settori di attività economica

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

2070 DISTRETTO ROTARY INTERNATIONAL. Numero 2-20 11 Maggio 2007. Pagina 1 di 9

2070 DISTRETTO ROTARY INTERNATIONAL. Numero 2-20 11 Maggio 2007. Pagina 1 di 9 NOTIZIARIO Pagina 1 di 9 Maggio :: Mese della Cultura Servire al di sopra di ogni interesse personale LE PAROLE E LA SAGGEZZA DI PAUL HARRIS Non ci sono grandi fondamentali differenze tra gli uomini e

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 CLUB DI LOCRI 1961 PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA Lo scopo di questo Piano Strategico consiste nel fornire una guida e linee di indirizzo per il Presidente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

I.D.I.R. - 2014-15. Michele CAPECCHI. Presidente S.Commissione Distrettuale Scambio Giovani - A.R. 2014-15

I.D.I.R. - 2014-15. Michele CAPECCHI. Presidente S.Commissione Distrettuale Scambio Giovani - A.R. 2014-15 I.D.I.R. - 2014-15 Michele CAPECCHI Presidente S.Commissione Distrettuale Scambio Giovani - A.R. 2014-15 I.D.I.R. Istituto Distrettuale di Informazione Rotariana - 7 febbraio 2015 - Vignale Riotorto (LI)

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Newsletter gennaio 2015

Newsletter gennaio 2015 Newsletter gennaio 2015 Anche nel 2014, il nostro Villaggio si è confermato come una realtà in continuo movimento. In questo periodo ancora così difficile, i bisogni si evolvono e il Villaggio si evolve

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale

Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale Da di Charlie Chaplin alle tematiche pedagogiche dell abbandono Elaborato di: Daniela Messina

Dettagli

Distretto 2072 Rotaract Club Lugo Rotary Club Padrino: Rotary Club Lugo A.R. 2014/2015 www.rotaractlugo.org

Distretto 2072 Rotaract Club Lugo Rotary Club Padrino: Rotary Club Lugo A.R. 2014/2015 www.rotaractlugo.org Presidente Jonni Sangiorgi Segreteria Simone Facchini (facchini.sim@gmail.com) Via Medici 10, Lugo (Ra) Sara Savioli (sarinasavio89@yahoo.it) Viale Oriani 30, Lugo (Ra) Email Club: rotaractclublugo@libero.it

Dettagli

ROTARACT CLUB DISTRETTO 2050 - ITALIA Lombardia Sud - Provincia di Piacenza Patrocinato dal Distretto Rotary 2050 DG Anna Spalla

ROTARACT CLUB DISTRETTO 2050 - ITALIA Lombardia Sud - Provincia di Piacenza Patrocinato dal Distretto Rotary 2050 DG Anna Spalla Service Distrettuale Distretto Rotaract 2050 - ITALIA Requisiti e modalità di presentazione delle candidature Dott.ssa - Cell. +39 349 5568997 - Email: ilaria.lanzani@gmail.com Alla C.A. dei Presidenti

Dettagli

S.I.N.S. Seminario Istruzione Nuovi Soci Anno 2013-2014

S.I.N.S. Seminario Istruzione Nuovi Soci Anno 2013-2014 S.I.N.S. Seminario Istruzione Nuovi Soci Anno 2013-2014 * * * Roberto ARIANI Presidente Commissione Supporto e Sviluppo Informatico I Siti in cui dobbiamo navigare per crescere Cari Amici, il titolo del

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità 12 PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16 Scuola Progetti in continuità MST:educazione sanitaria rivolta a studenti della scuola secondaria di secondo grado sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

IL DIRITTO PER TUTTI ALL ISTRUZIONE. il progetto EAS di

IL DIRITTO PER TUTTI ALL ISTRUZIONE. il progetto EAS di IL DIRITTO ALL ISTRUZIONE PER TUTTI il progetto EAS di Sommario Educazione Allo Sviluppo: il perchè del progetto Grafico:la condizione dell infanzia nel mondo Il nostro progetto di educazione allo sviluppo

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA

RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PROGRAMMATICA Autorità rotariane, Autorità civili, Soci, gentili ospiti, come da protocollo siamo qui stasera per la mia relazione programmatica dell anno rotariano 2015 2016. Prima di tutto

Dettagli

con il tuo sostegno costruisco il mio futuro ADOZIONI A DISTANZA

con il tuo sostegno costruisco il mio futuro ADOZIONI A DISTANZA sostegno con il tuo costruisco il mio futuro ADOZIONI A DISTANZA Seguendo le orme di Don Bosco, i missionari salesiani dedicano la loro vita alle persone in difficoltà in terre lontane, in luoghi in cui

Dettagli

IL ROTARY PER I GIOVANI E LA CULTURA CLASSICA A Γ Ω Ν Σ Ο Φ Ο Κ Λ Ε Ι Ο Σ

IL ROTARY PER I GIOVANI E LA CULTURA CLASSICA A Γ Ω Ν Σ Ο Φ Ο Κ Λ Ε Ι Ο Σ IL ROTARY PER I GIOVANI E LA CULTURA CLASSICA A Γ Ω Ν Σ Ο Φ Ο Κ Λ Ε Ι Ο Σ Liceo ClassicoStatale G. Perrotta TERMOLI intitolata a Gennaro Perrotta VIII EDIZIONE Termoli, 21-22 - 23 24 marzo 2013 ROTARY

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

DA CHE MONDO E MONDO!

DA CHE MONDO E MONDO! DA CHE MONDO E MONDO! LA LUCE DELLA CONOSCENZA UNA VOLTA ACCESA NON LA SPEGNI PIU Progetto interculturale promosso dalla Coop. Soc. La Lanterna di Diogene ONLUS I.C. Palombara Sabina Dott.ssa Mara Micolonghi

Dettagli

BOLLETTINO DI INFORMAZIONE ROTARIANA E CULTURA RISERVATO AI SOCI

BOLLETTINO DI INFORMAZIONE ROTARIANA E CULTURA RISERVATO AI SOCI 2070 DISTRETTO Annata Rotariana 2008-2009 - Anno 52 BOLLETTINO DI INFORMAZIONE ROTARIANA E CULTURA RISERVATO AI SOCI PROGRAMMA FEBBRAIO 2009 Mese dell intesa mondiale Presidente Segretario Tesoriere Prefetto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

Il Club. Direttivo A.R. 2014/2015. Presidente: Riccardo Lasagni Manghi. Vice Presidente: Guglielmo Del Sante. Segretario: Veronica Volpi

Il Club. Direttivo A.R. 2014/2015. Presidente: Riccardo Lasagni Manghi. Vice Presidente: Guglielmo Del Sante. Segretario: Veronica Volpi Club News Bollettino del mese di giugno 2014 Ai soci e aspiranti del Rotaract Club Reggio Emilia Al Presidente del Rotary Club Reggio Emilia Al Presidente della Commissione Progetti per i Giovani del Rotary

Dettagli

Diventa ambasciatore dei diritti dei bambini! Partner istituzionali Iniziativa realizzata con Grazie a

Diventa ambasciatore dei diritti dei bambini! Partner istituzionali Iniziativa realizzata con Grazie a Con il Patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri Regione Campania Regione Emilia Romagna Regione Lazio Regione Liguria Regione Lombardia Regione Piemonte Regione Puglia Regione Sardegna Regione

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ROTARY CLUB SARNICO E VALLE CAVALLINA DISTRETTO 2040 - AR 2011/2012. Bollettino n. 13 14 novembre 2011 La ricetta per vivere felici

ROTARY CLUB SARNICO E VALLE CAVALLINA DISTRETTO 2040 - AR 2011/2012. Bollettino n. 13 14 novembre 2011 La ricetta per vivere felici . ROTARY CLUB SARNICO E VALLE CAVALLINA DISTRETTO 2040 - AR 2011/2012 Bollettino n. 13 14 novembre 2011 La ricetta per vivere felici La serata Come sempre numerosi i soci che con i loro ospiti hanno partecipato

Dettagli

ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why.

ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why. Napoli 21 giugno 2011 Cari amici, ci eravamo lasciati con la lettera di comunicazione dell ultimo direttivo della Why. Sono trascorsi tre mesi circa, e da allora, sono state regolarmente effettuate le

Dettagli

PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso

PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso DISTRETTO ROTARACT 2041 - DISTRETTO ROTARACT 2042 - DISTRETTO ROTARACT 2050 PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso INTRODUZIONE Il Rotaract è un Programma formativo del Rotary International.

Dettagli

FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP

FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP Treviso, 6 Settembre 2014 Nota: trovate in questa sezione del sito anche una dettagliata descrizione della metodologia utilizzata, che si chiama World Cafè. Dopo i saluti

Dettagli

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia L esperienza da giovani banchieri dei ragazzi della è cominciata con un invito lanciato dalla loro sempre superattiva referente

Dettagli

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri)

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri) Linee programmatiche per un anno di cammino per Adolescenti PRIMO ANNO TEMA DI FONDO: Il Senso della VITA, qualsiasi essa sia La riflessione su questo tema si sviluppa in quattro tappe per un totale di

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

SCAMBI ANNUALI (16/18 DI ETÀ) SCAMBI BREVI (15/19 DI ETÀ) CAMPS (15/25 ANNI DI ETÀ) SCAMBI DELLE NUOVE GENERAZIONI (18-25 ANNI DI ETÀ)

SCAMBI ANNUALI (16/18 DI ETÀ) SCAMBI BREVI (15/19 DI ETÀ) CAMPS (15/25 ANNI DI ETÀ) SCAMBI DELLE NUOVE GENERAZIONI (18-25 ANNI DI ETÀ) RYLA (Youth Leadership Awards) Si tratta di una progetto istituzionale di formazione. I programmi RYLA si compongono principalmente di presentazioni, attività e seminari che possono essere integrati con

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Liceo Classico Clemente Rebora

Liceo Classico Clemente Rebora Liceo Classico Clemente Rebora Rotary Rotary Club Bollate Nirone Rotary Club Rho Fiera Centenario Rotaract Visconteo 2011-2012 Che cosa è il Rotary? Il Rotary è la prima organizzazione di servizio del

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA

Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA Che emozione in fattoria! Tema: EDUCAZIONE AMBIENTALE-EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI Età: ASILI NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA Periodo: Marzo-Giugno; Settembre-Ottobre Costo,

Dettagli