Modello di sviluppo industriale del Sistema Italia in Brasile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modello di sviluppo industriale del Sistema Italia in Brasile"

Transcript

1 Modello di sviluppo industriale del Sistema Italia in Brasile Seconda Edizione* *aggiornamento a settembre 2012

2 Indice Indice Indice dei grafici, delle figure e delle tabelle pag. 2 Indice delle sigle pag. 6 Ringraziamenti pag. 8 Prefazione di Gherardo La Francesca, Ambasciatore d Italia in Brasile pag. 10 di Paolo Zegna, Vice Presidente di Confindustria per l Internazionalizzazione pag. 11 Introduzione a) Obiettivo del lavoro e considerazioni metodologiche pag. 13 b) Aspetti generali e caratteristiche del Brasile pag. 16 Capitolo 1. Relazioni economiche bilaterali e censimento delle aziende italiane in Brasile Capitolo 2. Mappatura delle opportunità: 2.1 Visione territoriale pag Profilo settoriale pag Piani di investimento pubblici e privati nell infrastruttura pag. 85 Capitolo 3. Incentivi e strumenti finanziari offerti dall'italia e dal Brasile pag. 96 Capitolo 4. Strategie di entrata sul mercato pag. 103 Conclusioni pag. 106 Appendice I Internazionalizzazione delle imprese brasiliane e investimenti del Brasile in Italia Appendice II Il sistema fiscale brasiliano Appendice III Guida alle esportazioni Appendice IV - Elenco delle imprese italiane censite ordinate per settori 1

3 Indice dei grafici e delle figure Pag. Grafico 1 - Evoluzione delle classi sociali 19 Grafico 2 - Composizione della popolazione brasiliana per classi di età (2010) 19 Grafico 3 - Composizione della popolazione brasiliana per classi di età (2030) 19 Grafico 4 Evoluzione del PIL reale 20 Grafico 5 - Evoluzione del reddito disponibile e del tasso di disoccupazione 20 Grafico 6 - Evoluzione dei consumi e del tasso di inflazione 20 Grafico 7 - Evoluzione del Debito Sovrano in % del PIL e del cambio R$/US$ 20 Grafico 8 - Tipologia di imprese brasiliane 20 Grafico 9 - Visione di insieme dell export italiano in Brasile 25 Grafico 10 Evoluzione del censimento della presenza italiana in Brasile e composizione 27 Grafico 11 - Ripartizione per Stati 28 Grafico 12 - Ripartizione per settori 29 Grafico 13 - Composizione del PIL per settori SP 29 Grafico 14 - Composizione del PIL per settori RJ 34 Grafico 15 - Composizione del PIL per settori MG 35 Grafico 16 - Composizione del PIL per settori BA 36 Grafico 17 - Composizione del PIL per settori SC 37 Grafico 18 - Composizione del PIL per settori PE 38 Grafico 19 - Composizione del PIL per settori ES 39 Grafico 20 - Composizione del PIL per settori PA 40 Grafico 21 - Composizione del PIL per settori AM 41 Grafico 22 - Composizione del PIL per settori MA 42 Grafico 23 - Composizione del PIL per settori MS 43 Grafico 24 - Composizione del PIL per settori DF 44 Grafico 25 - Valore del mercato Apparel in Brasilia (in Euro/mln) 45 Grafico 26 - Canali di distribuzione in Brasile 48 Grafico 27 - Fatturato segmento luxury (in US$/miliardi) 48 Grafico 28 - Partecipazione al mercato per segmento (dati 2010) 49 Grafico 29 - Composizione media dei RSU 50 Grafico 30 - Quote di mercato gen-apr Grafico 31 - Evoluzione dei volumi di vendita ( ) 58 Grafico 32 - Tassi di crescita reale del settore 61 Grafico 33 - Contributo del settore al PIL brasiliano 63 Grafico 34 - Previsione investimenti abitativi Grafico 35 - Ricavi dei principali players del mercato della costruzione civile - segmento residenziale (in miliardi di R$, 2010) 63 2

4 Indice dei grafici e delle figure Grafico 36 - Matrice energetica del Brasile (2010) Pag. Grafico 37 - Offerta di potenza di generazione elettrica in GW/anno (2010) 64 Grafico 38 - Privatizzazioni 65 Grafico 39 - Evoluzione bilancia commerciale 65 Grafico 40 - Produzione di petrolio (in miglialia di barili /gg) 68 Grafico 41 - Riserve di petrolio (in milioni di barili) 71 Grafico 42 - Quota di mercato - Telefonia mobile Grafico 43 - Quota di mercato - Pay TV Grafico 44 - Investimenti realizzati tra il 2003 e il 2009, settore per settore, separati per fonte, (pubblici e privati) e in numeri relativi 82 Grafico 45 Investimenti necessari vs pianificati 83 Grafico 46 - Investimento totale pubblico e privato in strade e autostrade (in R$ milioni) 86 Grafico 47 - Investimenti previsti dal PAC2 ( ) (Totale = US$ miliardi) 87 Grafico 48 - Crediti erogati da AOI/BNDES (miliardi di R$) 89 Grafico 49 - L andamento degli IED del Brasile nell ultimo decennio - Flussi in entrata e uscita in mld di USD 100 Grafico 50 - Principali Paesi investitori (mld di USD) 115 Grafico 51 - Principali destinazioni di IED (mld di USD) 116 Grafico 52 - Flussi di investimenti Brasile-Italia e Italia-Brasile Fig. 1- Suddivisione regionale e importanza economica relativa62 18 Fig. 2 - Articolazione territoriale delle industrie alimentari in Brasile 53 Fig. 3 - Articolazione territoriale delle aziende automobilistiche in Brasile 59 Fig. 4 - Principali player di mercato 62 Fig. 5 Evoluzione della Matrice Energetica brasiliana (part.%) 66 Fig. 6 - Consumo di Energia Elettrica per Segmento (base 1995 =100) 67 Fig. 7 - Consumo nazionale di Energia Elettrica (GWh) 67 Fig.8 - Localizzazione giacimenti di Campos, RJ 80 Fig, 9 - Investimenti in infrastrutture 86 Fig Mappa del traffico aeroportuale 87 Fig. 11 Porti brasiliani 88 Fig Sistema ferroviario brasiliano 88 Fig Investimenti in infrastrutture per Fifa Fig Investimenti in stadi e arene per Fifa Fig Aree di Rio de Janeiro interessate dalle Olimpiadi Fig Sistema bancario italiano in Brasile - Esposizione consolidata (mld di US$) 99 Fig Diffusione multinazionali brasiliane a livello mondiale 122 3

5 Indice delle tabelle Pag. Tab. 1 - Principali Stati del Brasile 18 Tab. 2 - Classificazione del reddito familiare 19 Tab. 3 - Principali imposte e tributi del sistema fiscale brasiliano 21 Tab. 4 - Bilancia dei pagamenti Brasile Italia 27 Tab. 5 - Segmentazione geografica del mercato americano dell abbigliamento Tab. 6 - Ranking marchi luxury preferiti dai brasiliani 48 Tab. 7 - Numeri del mercato aerospaziale brasiliano 49 Tab. 8 - Indicatori del settore alimentare 50 Tab. 9 - Principali segmenti del settore alimentare 52 Tab Principali progetti nello Stato di S. Paolo 53 Tab Opportunità di sviluppo per imprese italiane 56 Tab Quadro generale del settore automobilistico in Brasile 58 Tab Localizzazione e tipologia degli stabilimenti 59 Tab. 14 -Top 10 società di costruzione edile in Brasile 64 Tab Aziende italiane di settore presenti in Brasile 64 Tab Parchi eolici in Brasile 66 Tab Investimenti per la generazione di energia ( ) 69 Tab. 18: Paesi di origine per l esportazione di macchinari 71 Tab. 19: Paesi di origine per l importazione di macchinari 71 Tab. 20: Macchinari e attrezzature industriali (valori espressi in milioni di reais) 72 Tab Produzione materiali lapidei (in tonnellate) 73 Tab Evoluzione del mercato brasiliano di materiale lapideo (in tonn.) 74 Tab Previsione di consumo di combustibili derivati dal petrolio in Brasile 80 Tab Proiezione dell entrata in produzione delle nuove piattaforme in Brasile ( ) 80 Tab I più importanti gruppi di telecomunicazioni presenti in Brasile 81 Tab Movimento in alcuni dei principali porti 88 Tab Investimenti previsti dal PAC2 nel settore dell energia 89 Tab Investimenti previsti dal PAC2 Minha Casa, Minha Vida 90 Tab Investimenti previsti dal PAC2 Cidade Melhor 90 Tab Investimenti previsti dal PAC2 Luz para Todos 91 Tab Investimenti previsti dal PAC2 Comunidade Cidadã 91 Tab Investimenti previsti dal PAC2 nel settore della logistica 92 Tab Investimenti classificati per dimensione 93 Tab Investimenti previsti in occasione delle Olimpiadi

6 Indice delle tabelle Pag. Tab Le convenzioni SACE per le PMI 98 Tab Principali prodotti e programmi del BNDES per le PMI 101 Tab. 37 Applicazione del modello di sviluppo 109 Tab. 38 Altri esempi 112 Tab IED del Brasile classificati per settore 118 Tab M&A del Brasile classificate per settore 119 Tab Incidenza settori 119 Tab Principali M&A America Latina Tab IED del Brasile classificati per Paese Tab.44 - Principali multinazionali brasiliane 122 Tab. 45, 46 e 47 - Imprese brasiliane in Italia, caratteristiche 123 Tab. 48 Principali imposte e tributi brasiliani 127 Tab. 49 Esempi di modifiche in attesa di conferma 132 Tab. 50 Regimi speciali 134 5

7 Indice delle sigle ABC Regione metropolitana di San Paolo - deriva dalle località di Santo Andrè, São Bernardo do Campo e São Caetano do Sul ABDID Associazione brasiliana dell'infrastruttura e delle industrie di base ABIA Associazione brasiliana delle industrie dell'alimentazione ABIQUIM Associazione brasiliana industrie petrolchimiche ABIT Associazione brasiliana dell'industria tessile e della confezione ACOBAR Associazione brasiliana di costruttori di imbarcazioni ANATEL Agenzia nazionale per le telecomunicazioni (Brasile) ANFAVEA Associazione nazionale di produttori di automobili (Brasile) ANTT Agenzia nazionale per i trasporti terrestri (Brasile) AOI / BNDES Area di operazioni dirette automatiche della BNDES APL Assetto di produzione locale ATA Ammissione temporaria in base alla convenzione doganale di Bruxelles (1961) BAHIAPLAST Programma di sviluppo dell'industria di trasformazione plastica dello Stato di Bahia BCB Banco Central do Brasil - Banca Centrale brasiliana BH-TEC Parco tecnologico di Belo Horizonte BID Banca interamericana di sviluppo BNDES Banca nazionale per lo sviluppo economico e sociale (Brasile) BOT Build, operate and transfer BRIC Paesi BRIC: Brasile, Russia, India e Cina BRT Bus rapid transit CAGR Compound annual growth rate CIF Cost, insurance and freight (Codice Incoterms) relative ai costi di trasporto, assicurativi e doganali IDC Internet data center CITES Convenzione per il commercio interazionale per specie in via di estinzione CNI Confederazione nazionale delle industrie (Confindustria brasiliana) CNC Torni multifunzionali automatici CNH Case New Holland (Gruppo FIAT) CNPq Consiglio nazionale dello sviluppo tecnologico CNS Compagnia siderurgica nazionale COFINS Contribuzione per il finanziamento della sicurezza sociale CPS Centro di politiche sociali della FGV DATec Direttiva di autorizzazione tecnica (MCMV) DESENVOLVE Programma di sviluppo industriale e di integrazione economica dello Stato di Bahia DI Dichiarazione di importazione DSE Dicharazione semplificata per l'esportazione (SISCOMEX) DSI Dichiarazione semplificata per l'importazione (SISCOMEX) EPE Impresa di ricerca energetica ERP Pianificazione delle risorse d'impresa (enterprise resource planning) ETA Stazione di trattamento delle acque F&A Fusioni e acquisizioni FDE Fondo di sviluppo economico (Stato del Parà) FGI / BNDES Fondo di garanzia per le operazioni di credito delle PMI FGV Fondazione Getúlio Vargas - centro studi economici di eccellenza (Brasile) FIESP Federazione industrie dello Stato di San Paolo FIFA Federazione internazionale del calcio FOB Free on board (Codice Incoterms) relative ai costi di trasporto, assicurativi e doganali FUNTTEL Imposta per il fondo per lo sviluppo tecnologico delle telecomunicazioni FUST Imposta per il fondo di universalizzazione dei servizi di telecomunicazioni GDO Grande distribuzione organizzata GEI Gruppo Esponenti italiani (rappresentano le principali imprese italiane in Brasile) GSTP Paesi com accordo daziario preferenziale com il Brasile GW Gigawatt HT Trattamento termico per il legno grezzo IADB Inter-American Development Bank - Banca di Sviluppo Interamericana IAS / IFRS International Accounting Standards / principi contabili internazionali International Financial Reporting Standards / principi redatti dal comitato IASC IASC International Accounting Standars Committee - Comitato relativo IBC Indici della Banca Centrale brasiliana IBGE Istituto brasiliano di geografia e statistica (simile all'istat) ICMS Imposta sulla circolazione delle merci e dei servizi (simile all'iva) IDE Investimenti esteri diretti/fdi IDH Indice di sviluppo umano IEMI Istituto di studi e marketing industriale II Imposta di importazione IIC Inter-American Investment Corporation - Corporazione interamericana per gli investiemnti INFRAERO Impresa brasiliana di infrastruttura aeroportuale INVEST-ES Programma di incentivi agli investimenti dello Stato di Espirito Santo IOF Imposta sulle operazioni finanziarie IPCA Indice dei prezzi al consumo (inflazione) IPI Imposta sui prodotti industrializzati IPPC / FAO International plant protection convention - marchiatura fitosanitaria sugli imballaggi in legno IPTU Imposta sulla proprietà territoriale urbana ISPM Standard internazionali per le misure fitosanitarie ISS Imposta sui servizi ITA Istituto di valutazione tecnica (MCMV) LAIA Latin American Integration Association - Associazione di integrazione Latinoamericana LASEF Linea di attività per la promozione del finanziamento alle PMI LEG Linea speciale di credito - linha especial de giro nello Stato di San Paolo LEP Linea speciale di credito rateizzato - linhea especial parcelada nello Stato di San Paolo LRT Light rail transit - sistema di treni leggeri LTE Long term evolution M&A Mergers & acquisitions MB Trattamento con bromuro di metile per il legno grezzo MCMV Minha Casa Minha Vida - programma per l'edilizia popolare all'interno dello schema PAC MDIC Ministero per lo Sviluppo, industria e commercio (Brasile) MFN Most favourite Nation - clausola della Nazione piú favorita MIF Multilateral investment fund - Fondo multilaterale per gli investimenti MISE Ministero per lo sviluppo economico (Italia) MMA Ministero dell ambiente brasiliano MP Decreto legge (medida provisória) NCM Nomenclatura comune mercosud NPPO Organizzazione nazionale per la protezione fitosanitaria ONIP Industria para-petrolifera del Brasile PAC Programma di accelerazione della crescita ( ) PAC 2 Programma di accelerazione della crescita - seconda fase ( ) PBQP-H Programma brasiliano di qualità e produttività del settore abitativo (MCMV) PCH Piccole centrali idroelettriche PII Programma di incentivi all'innovazione PIL Prodotto interno lordo PIS Imposta federale per il programma di integrazione sociale PIS COFINS Imposta federale per il programma di integrazione sociale e contributo per il finanziamento della sicurezza sociale PIS/Pasep Programma di formazione per il patrimonio dei lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato PMI Piccole e medie imprese PNBL Programma nazionale banda larga (Brasile) PNUD Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo PPP Partecipazione pubblica e privata (gare) PROAUTO Programma speciale di incentivi al settore autoveicoli dello Stato di Bahia PROCOBRE Programma di sviluppo dell'estrazione dei minerali e trasformazione del rame dello Stato di Bahia PRODEC Programma di sviluppo dell'impresa dello Stato di Santa Catarina PRO-EMPREGO Programma a favore della creazione di posti di lavoro 6

8 Indice delle sigle PROGEREN / BNDES PROINFA Pro-Informatica Projeto Inventiva PROMARANHÃO PROMINP Pro-trens Pro-Veiculo PTN RADAR REI REIDI RIOINDUSTRIA RIOINVEST RIOTECNOLOGIA RMR ROE RSU RSUI SABESP SACE SCF SELIC SENAI SEP SEPLAN SIMEST SINAT SINDIPECAS SISCOMEX SNEA Programma per il finanziamento della crescita dei posti di lavoro delle PMI Programma di incentivi alle fonti alternative di energia elettrica Programma di incentivi all'investimento di prodotti per il processamento elettronico di dati nello Stato di San Paolo Progetto incentivi all'innovazione Programma incentivi alle attività industriali e tecnologiche nello Stato del Maranhão Mobilitazione dell'industria nazionale del petroli e del gas naturale Programma di incentivi al settore ferroviario nello Stato di San Paolo Programma di incentivi all'investimento per il produttore di veicoli automotori nello Stato di San Paolo Accordo commerciale tra alcuni paesi in via di sviluppo / Protocol relating to trade negotiations Sistema di individuazione dell'attuazione delle pratiche doganali Registro importatori e esportatori Regime speciale di incentivi per lo sviluppo dell infrastruttura Finanziamento di progetti industriali nello Stato di Rio de Janeiro Finanziamento per investimenti infrastrutturali nello Stato di Rio de Janeiro Finanziamento per trasferimento di teconologia e per i parchi e poli tecnologici nello Stato di Rio de Janeiro Regione metropolitana di Recife (Pernambuco) Return on equity - indice di redditività del capitale Residui solidi urbani Residui solidi urbani e industriali Società mista responsabile per la fornitura e il trattamento delle acque in 364 municipi dello Stato di San Paolo Società italiana per l'assicurazione al credito per l'esportazione Structured and Corporate Finance Department - Dipartimento del BID per la copertura del rischio del credito e del rischio politico. Indice di tassi di interesse di mercato, utilizzato quale punto di riferimento per la politica finanziaria del Brasile Servizio nazionale di apprendistato industriale (dipende dalla CNI) Segreteria speciale dei porti (Brasile), della Presidenza della Repubblica Segreteria di Stato per la pianificazione (ogni Stato brasiliano ne ha una) Società italiana per le imprese all'estero Sistema nazionale di valutazione tecnica dei prodotti innovativi (MCMV) Sindacato nazionale dell'industria di componenti per automotive Sistema integrato di commercio estero del MDIC Sindacato nazionale delle imprese aeroviarie 7

9 Ringraziamenti Questo lavoro, coordinato da Cristiano Musillo, Consigliere Economico e Commerciale dell Ambasciata d Italia a Brasilia e da Marco Curatella, Partner KPMG Advisory in Brasile, e stato realizzato mediante la collaborazione di: Ambasciata d Italia a Brasilia Donatella Di Virgilio, Addetto Economico e Commerciale Confindustria Marco Felisati, Vice Direttore Area Politiche Industriali Europa e Internazionalizzazione Annalisa Bisson, Coordinatrice Missioni Internazionali Giovanni Dioguardi, Responsabile America Latina KPMG Brasile Salvatore Milanese, Partner Lorenzo Atzeni, Senior Manager Audit Rosamaria Nicotra, Consultant Uno speciale ringraziamento a: Antonio Alessandro, già Consigliere Economico dell Ambasciata d Italia a Brasilia, per gli inputs iniziali Giorgio Trebeschi, Addetto Finanziario della Banca d Italia in Brasile, per i dati macroeconomici Giovanni Sacchi, Direttore Sez. Distaccata del Dip. Economico dell Ambasciata - ex Ufficio ICE San Paolo, per le informazioni settoriali Biagio Monzo, per l aggiornamento del censimento delle aziende italiane in Brasile Carlo Manconi, già CEO LatAm, Value Team Giovanna Bruno, già Consultant, Value Team Si ringraziano: Paolo Cussotto, Esperto della Guardia di Finanza in Brasile, Guido Grattapaglia, Assistente Commerciale Ambasciata d Italia a Brasilia, Giacomo Guarnera, Studio Legale Guarnera, Graziano Messana, GM Venture, Marco Contardi, EUPolis Lombardia, SACE, SIMEST, BID, BNDES, CNI, SENAI, SEBRAE, FIESP, Stato di Pernambuco, Adler Group, Azimut Benetti, Enel Green Power, ENI, Ferrero, Fiat Group, Fondazione Case Popolari, Impregilo, Intesa San Paolo, Saipem, TIM, Ubi Banca, Unicredit Group. 8

10 Prefazione

11 Prefazione E con enorme piacere che presento questo rinnovato lavoro frutto di una sinergica collaborazione tra attori importanti del sistema Italia impegnati in Brasile, coordinati dal Ministero degli affari esteri: Confindustria, rete consolare, l Ufficio ICE di San Paolo, l addetto finanziario della Banca d Italia, in collaborazione con la società di consulenza e revisione KPMG. Lo studio costituisce un format di analisi dei mercati esteri e delle opportunità presenti per il nostro sistema imprenditoriale in grado di essere replicato in altri Paesi. Il modello che ne scaturisce si compone, infatti, di una fotografia delle imprese italiane presenti, di un analisi del territorio (regioni o Stati che partecipano in modo più significativo alla formazione del PIL) e dei settori traino dell economia, di una rassegna dei principali piani di sviluppo e di investimento nazionali, di un contributo sugli incentivi e sulle linee di credito disponibili per le nostre PMI. Nelle conclusioni si procede poi a un matching tra regioni e stati economicamente più promettenti e le eccellenze che presenta il nostro tessuto imprenditoriale in modo da identificare, anche attraverso l analisi dei cluster industriali consolidatisi nel tempo, possibili linee di ulteriore sviluppo industriale. Il modello, poi, trova una prima applicazione nel settore automobilistico con l obiettivo di accompagnare le aziende dell indotto Fiat che si stanno installando nella regione nord est del Brasile al fine di seguire l investimento del gruppo torinese nello stato di Pernambuco. Il progetto pilota si concentra sui settori della formazione, tecnico-professionale e post lauream, che prevede la costituzione di un centro di alta performance da parte dell ente per la formazione imprenditoriale brasiliano (il SENAI), e identifica, in collaborazione con la Banca Interamericana di Sviluppo, la SACE, la Simest, il BNDES e il Banco do Nordest, linee di credito disponibili per le nostre PMI. Attraverso tale approccio replicabile, come detto, sia in altri settori dell economia sia in altri Paesi si affrontano, quindi, due gap fondamentali del sistema economico brasiliano, formazione e accesso al credito, e si fornisce un sostegno istituzionale di riferimento alle nostre PMI che costituiscono l esperienza più tradizionale e al contempo innovativa della storia e della realtà economica italiana. Gherardo La Francesca, Ambasciatore d Italia in Brasile 10

12 Prefazione L internazionalizzazione delle imprese italiane, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni, necessita di strumenti sempre più aggiornati, efficaci e mirati alle loro esigenze. La collaborazione tra Confindustria, il Ministero degli Affari Esteri, l Ambasciata d Italia in Brasile, il sistema consolare e l Ufficio ICE di San Paolo, assistiti da KPMG, risponde a questa esigenza fornendo loro uno strumento ad alto valore aggiunto per aiutarle a cogliere appieno le opportunità commerciali, di investimento e di collaborazione industriale in Brasile. L analisi non si ferma all individuazione dei settori in cui si concentrano gli investimenti italiani ma va oltre, verificando l esistenza di reti di imprese italiane, osservando in che misura le grandi aziende abbiano fatto da traino alle PMI ed esplorando l interesse del mercato brasiliano in maniera prospettica al fine di individuare per ciascun settore industriale italiano la destinazione più adatta per ubicazione geografica, agevolazioni fiscali, doganali, vocazione del tessuto industriale e programmi di sviluppo economico. Il caso di studio sul settore dell automotive, e le sue potenzialità per l indotto di PMI italiane fornitrici, rappresenta efficacemente l approccio concreto e pragmatico di questo lavoro. L auspicio di Confindustria è che tale metodologia venga affinata per essere applicata anche ad altri paesi ed aree economiche di interesse strategico per sostenere gli sforzi delle tante imprese nazionali che guardano all estero. Paolo Zegna, Vice Presidente di Confindustria per l Internazionalizzazione. 11

13 Introduzione

14 Obiettivo del lavoro e considerazioni metodologiche

15 Obiettivo del lavoro e considerazioni metodologiche L obiettivo di questa Seconda Edizione dell E-Book è offrire agli imprenditori italiani uno strumento semplice e di rapida consultazione, il piú possibile completo, ma non esaustivo e, al contempo, concretamente utile per le loro decisioni strategiche all interno dei mercati brasiliani. La versione di settembre 2012 contiene nuovi aggiornamenti nel corpo del documento e in sezioni separate alla fine di alcuni capitoli. Il contenuto di questo documento è meramente informativo e di riferimento, quindi qualsiasi implementazione di una strategia di entrata sul mercato brasiliano, per quanto motivada dai contenuti qui presentati, dovrà essere supportata da analisi specifiche e dettagliate, non potendo i redattori assumere qualsivoglia responsabilità su tali decisioni. Le possibilità di investimento per le aziende italiane, e soprattutto PMI, sono presentate attraverso una visione territoriale e un focus settoriale, che agevolano il lettore nella formulazione di spunti di riflessione per opportunità future. La breve descrizione degli aspetti salienti che hanno caratterizzato il contesto socio-economico brasiliano degli ultimi anni, è funzionale ad introdurre la fotografia dell attuale presenza italiana in Brasile (aggiornata ad agosto 2012). L Ambasciata d Italia a Brasilia, com l aiuto di KPMG, ha ricercato, contattato e censito 524 imprese italiane che, con le loro filiali sul territorio (oltre 700 stabilimenti in totale), hanno contribuito negli anni all offerta di posti di lavoro, know how, prodotti e servizi di qualità, partecipando attivamente alla crescita economica del Paese. Il censimento delle imprese prende in considerazione aziende aventi una controllante produttiva in Italia e, quindi, non trading companies o imprese costituite in Brasile da italiani emigrati. La concentrazione della presenza italiana è qui presentata solo in termini di numero di aziende e non di volume di capitale investito o fatturato. Il contributo informativo principale è stato fornito da molte delle imprese italiane contattate, alle quali è stata proposta un intervista telefonica che ha consentito una definizione più comprensibile della presenza del nostro Paese in Brasile, offrendo uno stimolo per sviluppare un ulteriore approfondimento dell analisi. A partire dalle informazioni fornite dalle stesse imprese che hanno aderito al progetto di mappatura, è stato possibile tracciare un quadro degli Stati e dei Settori che storicamente hanno attratto maggiori capitali italiani. Un campione di 53 imprese di diverse dimensioni che rappresentano complessivamente un fatturato superiore ai 40 miliardi di reais (oltre i 17 miliardi di euro) nel 2011 e quasi 60 mila dipendenti permette di tracciare un quadro obiettivo sui rischi e le opportunità di sviluppare un attività produttiva o una presenza in Brasile Considerando la dimensione territoriale brasiliana, gli Stati del Sud e Sudest (São Paulo, Minas Gerais, Rio de Janeiro, Espírito Santo, Santa Catarina e Rio Grande do Sul), tradizionalmente più industrializzati, sono apparsi anche come le principali mete degli investimenti italiani. 14

16 Obiettivo del lavoro e considerazioni metodologiche (cont.) È posta, poi, l attenzione su alcuni Stati del Nordest (Bahia, Cearà, Rio Grande do Norte e Pernambuco) e sul Distretto Federale, i quali presentano una crescita significativa in termini di PIL, oltre a offrire incentivi e agevolazioni per le imprese intenzionate a investire nei loro territori e sviluppare una serie di progetti relativi alla formazione di nuovi distretti industriali. Secondo un profilo settoriale, invece, emerge una presenza significativa di aziende italiane nell ambito della meccanica, con i suoi svariati segmenti, del settore automobilistico e dei sevizi, in generale. L insediamento di alcuni grandi gruppi, indicativamente uma ventina, come Fiat, Pirelli, Ferrero, Finmeccanica, Telecom Italia, Azimut Benetti, Ternium, Techint, Eni, Enel, Mossi&Ghisolfi, Impregilo, Atlantia, Luxottica, Generali, Marcegaglia, Danieli, Maire Tecnimont, Campari, Alitalia, Almaviva, Ghella, Natuzzi, Maccaferri, Prysmian, consolida il panorama industriale verso settori in cui l effetto made in Italy riveste un ruolo fondamentale. Infine, vengono presentati altri settori con prospettive interessanti per le aziende italiane nell ambito di competenze specifiche o di nicchia. Degno di nota il ruolo di rappresentanti dei principali gruppi italiani in Brasile, i quali hanno partecipato alla revisione delle schede settoriali. Il documento continua offrendo un quadro descrittivo dei piani di investimento pubblici nell infrastruttura e dei progetti in corso legati ai grandi eventi sportivi del 2014 (FIFA World Cup) e del 2016 (Olimpiadi estive di Rio de Janeiro). Per far fronte alla necessità di sostegno finanziario all investimento in Brasile, si è voluta dedicare una sezione alle linee di credito e agli strumenti offerti da istituzioni finanziarie italiane e brasiliane. Inoltre, in questa edizione si è voluto introdurre una visione pratica di un approccio strutturato verso il mercato brasiliano, fondamentale per dimensionare e confermare gli aspetti potenziali dello stesso e altresí orientare strategicamente le aziende interessate ad entrarvi. Come complemento ai contenuti proposti è stata inserita in appendice un analisi degli investimenti brasiliani all estero, a cura di Confindustria, volta a delineare l incipit di una tendenza di espansione di aziende e istituzioni di questo Paese verso l Europa, mostrando un ulteriore segnale di rafforzamento della sua economia. Infine, sono presentate in appendice una breve guida alle esportazioni, come vademecum per la distribuzione di prodotti in Brasile, una guida fiscale, con l obiettivo di fornire un overview sul complesso sistema di imposte e tributi brasiliano e, per ultimo, ma non di minore importanza, la lista delle aziende censite. Le informazioni necessarie all elaborazione di questo testo, oltre al contatto diretto con le aziende sono state ottenute grazie alla consultazione di oltre 600 siti web specializzati e alla collaborazione di organi istituzionali, enti e associazioni che hanno reso disponibili dati e pubblicazioni. 15

17 Aspetti generali e caratteristiche del Brasile

18 Brasile: caratteristiche e aspetti generali E il quinto più grande Paese al mondo, con una superficie di 8,5 milioni di km Stati e distretti municipali. Capitale: Brasilia. Sistema politico: Repubblica Federale, presieduta dal gennaio 2011 da Dilma Rousseff. Moneta: Real (R$/US$ medio = 2,03 ago/12). PIL Nominale (2011): US$ miliardi - sesta economia mondiale nel 2011 secondo la World Economic League Table del CEBR. Composizione PIL: agricoltura 5,5%, industria 27,5%, servizi 67%. Il tasso di interesse benchmark è il tasso SELIC, che si muove nell intorno del 7,5% (al 31/08/12). Tasso di inflazione: 5,2%, in progressiva diminuzione verso l obiettivo di 4,5%. Tasso di disoccupazione: 5,8% nel maggio 2012, il più basso nella storia del Paese. Riserve valutarie: US$ 376 miliardi, sesta maggiore al mondo (al 31/08/12). Saldo bilancia dei pagamenti (2011): +US$ 29,1 miliardi (al 31/08/12). Popolazione (2011): 192,8 milioni - è il quinto Paese più popolato al mondo dopo Cina, India, Stati Uniti e Indonesia. Key Facts Key Facts Il tasso di cambio e l inflazione sono state tenute sotto controllo per oltre dieci anni Sistema di mercato finanziario e mercato dei capitali in forte sviluppo (Market Cap: US$ miliardi decima maggiore al mondo secondo la World Federation of Exchanges, luglio 2012; Numero sportelli bancari: BCB, 2011) Promosso Paese investment grade nel 2008 da Standard & Poor s (BBB-), Fitch Ratings (BBB-) e nel 2009 da Moody s (Baa3). Attualmente il rating è BBB. Parco industriale è sviluppato, con tecnologie di punta in settori specifici (es. petrolio, biodiesel, aeronautica, etc) La stabilità economica ha prodotto una classe media consistente e dedita al consumo, principalmente nei grandi agglomerati urbani. In qualità di grande produttore di commodities, sta beneficiando del boom mondiale dei prezzi delle materie prime. La scoperta di riserve petrolifere offshore degli ultimi anni permetterà di raggiungere l'autosufficienza energetica del Paese. Nonostante tali prospettive, la matrice energetica è diversificata e fortemente basata su alternative rinnovabili. È stato sede, nel giugno 2012, la Conferenza di Rio sullo Sviluppo Sostenibile (Rio + 20) e ospiterà la Coppa delle Confederazioni e la Giornata Mondiale della Gioventú nel 2013, la FIFA World Cup nel 2014 e i Giochi Olimpici nel Ha una rete di accordi fiscali internazionali, anche con l Italia. I codici civile e commerciale appartengono alla tradizione del diritto romano. Si osserva una tendenziale convergenza con i principi contabili internazionali (IAS/IFRS). Non è un Paese membro dell OCSE e, pertanto, alcune regole fiscali (es.transfer pricing) non sono del tutto allineate agli standard internazionali. Possiede un buon livello di automazione finanziaria e di controlli fiscali. Il Sud Est è la zona che presenta la maggiore concentrazione in termini di attività industriali e finanziarie Fonte: EIU, ICE, SACE, IBGE, Banca Centrale del Brasile 17

19 I principali Stati del Brasile Fig.1: Suddivisione regionale e importanza economica relativa Tab.1: Principali Stati del Brasile Nord Popolazione: 16 milioni (8%) PIL pro-capite: US$ 6,880 5% del PIL Nord-Est Popolazione: 54 milioni (28%) PIL pro-capite: US$ 5, % del PIL Stato Area (mila km 2 ) Popolazione (milioni di ab.) PIL (milioni di US$) PIL pro capite (migliaia di US$) Tasso di crescita del PIL San Paolo 248,2 41, ,86% Rio de Janeiro 43,8 16, ,56% Centro-Ovest Popolazione: 14 milioni (7%) PIL pro-capite: US$ 14, % del PIL Sud Popolazione: 28 milioni (14%) PIL pro-capite: US$ 12,963 16,5% del PIL Sud-Est Popolazione: 80 milioni (42%) PIL pro-capite: US$ 15, % del PIL Minas Gerais 586,5 19, ,60% Bahia 564, ,43% Santa Catarina 95,7 6, ,75% Pernambuco 98,2 8, ,20% Principali aree metropolitane São Paulo (19.7 milioni) - São Paulo Rio de Janeiro (11.6 milioni) - Rio de Janeiro Belo Horizonte (5.1 milioni) - Minas Gerais Porto Alegre (4.1 milioni) - Rio Grande do Sul Salvador (3.8 milioni) - Bahia Recife (3.8 milioni) - Pernambuco Fortaleza (3.6 milioni) - Cearà Brasília (3.5 milioni) - Distretto Federale Curitiba (3.3 milioni) - Paranà Espírito Santo 46,1 3, ,89% Parà , ,80% Amazonas , ,18% Maranhão 331,9 6, ,48% Mato Grosso do Sul 357,1 2, ,60% Fonte: IBGE,Síntese de Indicadores Sociais 2010 Nota: I Dati di PIL sono stati calcolati a partire dal PIL 2009, corretto per il tasso di crescita medio delle aree e considerando il cambio medio atteso per il

20 Aspetti demografici Graf.1: Evoluzione delle classi sociali Tab. 2: Reddito medio mensile per classi sociali 54% 55% 49% 50% 45% 47% 40% 42% 38% 27% 27% 27% 26% 25% 24% 24% 28% 25% 23% 19% 18% 21% 20% 16% 15% 14% 13% 8% 8% 8% 9% 10% 10% 11% 12% 12% Classe Sociale Media Reddito Familiare (R$) Media Reddito Familiare (US$) A/B 6,745-5,174 4,324-3,317 C 5,174-1,200 3, D E A/B C D E Graf. 2 e 3: Composizione della popolazione brasiliana per classi di età > % -5% 0% 5% 10% Donne Uomini > % -5% 0% 5% 10% Donne Uomini Fonte: Fonte: IBGE,Síntese de Indicadores Sociais

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Ambasciata d Italia Ufficio Commerciale 1. Repubblica Federativa del Brasile

Ambasciata d Italia Ufficio Commerciale 1. Repubblica Federativa del Brasile ** BRASILE ** Repubblica Federativa del Brasile Capitale: Brasilia Superficie: 8,5 milioni di Km² Lingua: Portoghese Moneta: Real (R$/US$ 3,06; R$/Euro 3,60) Forma istituzionale: Repubblica Federativa

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli