Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Professor Luca Piergiovanni

By Junior Melo (Own work) [CC-BY-SA-3.0 ( via Wikimedia Commons

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) fax (0546) 25816

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

Insegnare con il blog. Materiale tratto da:

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2015

Artigiani di Podcast. Lezione del 8 febbraio Fabio P. Corti

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi

Istituto San Tomaso d Aquino

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Project plan name: Ipotesi di lavoro con webquest e podcasting

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini.

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

La scuola ha bisogno di cambiare

Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento

ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS

S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

M1 UD1 LO1. Pegaso. Social Network. Obiettivi

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un

Associazione Docenti Italiani

Nasce

PROGETTO AULA DIGITALE

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Relazione finale del progetto

I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki

SEMINARIO NAZIONALE INDICAZIONI PER PROMUOVERE COMPETENZE ABANO TERME MAGGIO 2014

DEFINIZIONE. Ogni aggiornamento è generalmente inserito in ordine cronologico inverso.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter

Cloud Teaching: un metodo innovativo per la didattica nella scuola moderna

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) Facoltà di Scienze

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

La nostra soluzione integrata

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

LIBRI PARLANTI un progetto per le scuole

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

Il corso di italiano on-line: presentazione

ISTITUTO TECNICO STATALE PER RAGIONIERI E GEOMETRI

Formazione in didattica L2 a migranti

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Easy School Net Versione Professional

Sardegna digital library VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI BENI

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE EDU NET

Comunicare la scuola sul web

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

WORDPRESS Crea da subito il tuo sito web!

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

Linee guida per l'attivazione dei moduli di formazione (a cura di Maria Pia Magliokeen, Referente regionale per le lingue)

LAB. L osservatorio web users di SWG. Dai creators ai service users: i web clan. Che cosa fanno in rete gli italiani ESSERE NEL WEB

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Il modello formativo dei progetti PON docenti

RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA. Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006

Piano Nazionale Scuola Digitale Liceo A. Moro

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Wikischool. la scuola della partecipazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. Modulo 5: COLLABORARE E APPRENDERE IN RETE

Open Access o libertà del software

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

MIGLIORARE GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: insegnare, apprendere e valutare con la LIM. Manerbio (16 h) Montichiari (16 h) Orzinuovi (16 h) Tot 64 h

Costruire corsi online con Moodle

didattica da laboratorio

A cura di Claudia Zarabara Gennaio 2013

COME REALIZZARE UN GIORNALE WEB2.0 teoria e pratica

Progetto: Adulti in rete con guide baby

I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative. Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA

WEBINAR DOCENTI ONLINE

Press Kit.

Advertisement
Transcript:

CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che si svolgeranno in un laboratorio informatico. Alle lezioni si aggiungerà un costante tutoraggio mediante una piattaforma online appositamente predisposta. In questa piattaforma i corsisti ritroveranno tutti i materiali delle lezioni e potranno interagire tra di loro e con il tutor nel pieno spirito dell'apprendimento collaborativo. Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. Nelle pagine seguenti troverete una presentazione piuttosto dettagliata di ciascun modulo, così da dare a tutti quanti la possibilità di scegliere il modulo ritenuto più consono al proprio lavoro di docente ed educatore. Prof. Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it cell: 3387594929 skype: lupiergiovanni

Modulo Base svolto da tutti i corsisti Grazie alla semplicità ed immediatezza di utilizzo, il servizio di microblogging Twitter è diventato estremamente popolare: si stima che ogni giorno siano inviati 200 milioni di tweet. I Tweet sono messaggi di 140 caratteri, utilizzati da migliaia di persone per parlare con gli amici, conoscere gente o scambiare idee, ma anche per fare marketing rapido, efficace e soprattutto misurabile; per dare magari opinioni politiche o notizie (Twitter è un mezzo eccezionale per il giornalismo partecipativo ); per cercare lavoro o per offrirlo, per pubblicare un annuncio o per scrivere su una bacheca virtuale e soprattutto globale; per seguire i VIP da vicino. Ma anche per condividere risorse online, articoli di carattere didattico, guide, manuali, per essere sempre in contatto con i più grandi educatori al mondo e costruirsi un corso di aggiornamento su misura. Fra le varie possibilità offerte, con questo modulo: impareremo ad usare Twitter con i suoi principali strumenti: sono molteplici le interazioni che si possono stabilire tra gli utenti; alcuni studiosi hanno formulato fino a 60 modalità diverse di utilizzare Twitter nella didattica: esploreremo quelle più adatte alle nostre esigenze di insegnanti; analizzeremo alcune sperimentazioni di successo realizzate con questo nuovissimo ambiente di apprendimento; ciascuno di noi proverà a costruire il proprio corso di aggiornamento personalizzato sfruttando le potenzialità di Twitter.

Sono trascorsi poco più di cinque anni da quando il termine Podcasting, nato dall unione di ipod, il celebre lettore della Apple, e broadcasting, cioè la trasmissione di informazioni da un trasmettitore a molti ricevitori, è stato definito «parola dell anno» dal dizionario americano New Oxford, eppure oggi si parla già del podcasting come un nuovo e promettente ambiente di formazione. Quest ultimo rientra infatti nella sfera del mobile learning, inteso come uno studiare e apprendere ovunque e in qualsiasi momento, attraverso dispositivi mobili o senza fili, come pc portatili, iphone, ipad o ipod. Con il podcasting l utente si ritrova a propria disposizione lezioni in formato audio da seguire quando e dove vuole e che può ricevere in automatico e gratuitamente sul suo dispositivo mobile. Ma in molti casi sono gli stessi studenti a diventare editori di contenuti e a produrre lezioni di vario tipo se non addirittura vere e proprie trasmissioni radiofoniche che poi i giovani ascoltano con l'ipod. In alcune Università sono infatti i docenti a mettere a disposizione le loro lezioni in formato audio (mp3) per coloro che non possono frequentare i corsi o anche per chi desidera un ripasso o un approfondimento degli argomenti trattati. In molte altre scuole di ogni ordine e grado sparse per il mondo (ottime pratiche scolastiche sono presenti anche in Italia), sono gli stessi alunni a registrare al microfono le lezioni, oppure a dare vita a trasmissioni culturali di svariato argomento, diventando in questo modo veri protagonisti del proprio sapere ed esercitandosi costantemente a lavorare in gruppo e nell'uso della lingua orale e scritta. Tra le varie opportunità offerte da questo modulo: Riscopriremo insieme la dimensione dell'ascolto, molto importante per i giovani di oggi immersi in una società videocentrica: rispetto ad un testo scritto ad esempio, la parola ascoltata può influenzare sia la cognizione (aggiungendo chiarezza e significato ad un concetto) che la motivazione (per il trasporto che creano le parole nell'ascoltatore); Impareremo a ricercare in Rete i podcast didattici e a selezionarli per qualità; Impareremo a strutturare una trasmissione radiofonica a costo zero, oltre alle tecniche base del montaggio audio utilizzando software gratuiti come Audacity.

Il blog, inteso come uno strumento di editoria personale sul web, si contraddistingue per una grande immediatezza e facilità d'uso, tanto che ad oggi si contano soltanto in Italia migliaia di blog aperti e strutturati come diari personali, oppure giornali o magazine, o ancora per scopi narrativi, di progettazione o collaborativi. Ci sono docenti che utilizzano il blog come uno spazio per un periodico aggiornamento dei contenuti della propria formazione oppure come archivio di unità didattiche o di percorsi disciplinari direttamente rivolti agli alunni o ancora come luogo virtuale dove deporre compiti ed esercizi per gli studenti o discussioni stile forum alle quali sollecitare la loro partecipazione. Mediante un blog il docente può inoltre rivolgersi alla comunità educante (famiglie, enti locali, adulti) per esporre problematiche inerenti gli argomenti d'insegnamento e le loro eventuali ricadute socio-culturali. Altri docenti usano il blog per l'intera classe per fare intervenire in maniera interattiva tutti gli studenti o al contrario utilizzano questo ambiente per un singolo alunno per costruire un e-portfolio sempre disponibile, che può essere visitato dalle famiglie. Tra le varie possibilità aperte da questo scenario, con questo modulo: Impareremo a progettare un blog per lavorare in classe secondo il principio del collaborative learning; Impararemo a gestire le principali funzioni del pannello di amministrazione di un blog: inserimento di link, immagini, video, ecc; Conosceremo ottimi esempi di blog scolastici; Studieremo i principali stili di scrittura in Rete.

Nel 1995 Ward Cunningham ideò il sistema wiki, ovvero la possibilità tramite una collezione di documenti ipertestuali, di lavorare collettivamente su pagine web per aggiungere, sviluppare, modificarne il contenuto e pubblicare on line un lavoro di gruppo. Nella didattica l'ambiente wiki è utilizzato per far acquisire agli studenti particolari competenze o conoscenze o per la distribuzione del materiale di insegnamento. Il docente può creare una pagina col programma di studio e per ogni argomento il relativo collegamento. Gli studenti che partecipano al corso possono poi aggiungere integrazioni, precisazioni, nonché correggere eventuali errori, ampliando magari le conoscenze collettive e offrendo spunti di approfondimento. In altri casi il wiki è usato da docenti e professionisti come un raccoglitore della conoscenza in continuo aggiornamento. Un utente può ad esempio inserire in un wiki la sua esperienza in un campo di studio o lavoro, man mano i suoi colleghi aggiungeranno le loro precisazioni, considerazioni o conclusioni pratiche. Ed è in tutto questo che sta il principale punto di forza di questo ambiente didattico, ossia nella totale libertà di interazione cooperativa e nella possibilità di raccogliere le informazioni più significative e di qualità da una gamma ampia di fonti. Frequentando il seguente modulo, fra le varie opportunità offerte: Impareremo ad aprire un wiki e a gestirne le principali funzioni, come ad esempio scrivere una pagina, inserire link, immagini, video, ecc; Progetteremo un utilizzo del wiki con la classe; Rifletteremo sull'interdipendenza positiva e la responsabilità personale che hanno gli utenti che collaborano alla realizzazione di un wiki; Vedremo gli utilizzi didattici di Wikipedia. DIRITTI D AUTORE