Registro Interregionale delle Malattie Rare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Registro Interregionale delle Malattie Rare"

Transcript

1 Registro Interregionale delle Malattie Rare Report 2008 PAG 1

2 La Rete Interregionale per le malattie rare del Piemonte e della Valle dʼaosta La rete piemontese per le Malattie Rare è stata disegnata per sviluppare un modello di assistenza che, garantita la qualità della prestazione diagnostica presso istituzioni di eccellenza, favorisca la presa in carico del paziente nelle strutture territoriali più vicine al luogo di residenza. Il modello si fonda sulla promozione di protocolli diagnostici condivisi, la tempestiva diffusione di informazioni sanitarie e legislative al personale sanitario, ai pazienti ed alle associazioni, e l utilizzazione del Registro Regionale come strumento di identificazione di criticità, parametro non autoreferenziale di attività di assistenza dei presidi della Rete ed indicatore potenziale di investimento di risorse. La Rete delle Malattie Rare della Regione Piemonte sta emergendo come un esperienza unica in Italia. Il modello Piemonte, fondato sui principi del decentramento, è inteso ad ottimizzare l accessibilità dei pazienti alle cure ed è governato da consorzi assistenziali che elaborano, per gruppi di patologie affini, protocolli diagnostici e terapeutici condivisi per una gestione dei pazienti ottimale ed uniforme nel territorio regionale. Dall'aprile 2008 le Regioni Piemonte e Valle d Aosta hanno costituito un unico bacino di utenza ed, in associazione, hanno istituito un Centro interregionale di coordinamento per le malattie rare disciplinato dalla delibera Deliberazione della Giunta Regionale 17 marzo 2008, n , e diretto da un coordinatore interregionale. Congiuntamente è stato realizzato anche un registro interregionale delle malattie rare. PAG 2

3 Introduzione La Rete Regionale Piemontese per le malattie Rare è stata istituita ufficialmente nel marzo del 2004 con il Decreto della Giunta Regionale n La Regione si è posta in primis l obiettivo di fornire un assistenza sanitaria diffusa capillarmente. In questo senso modello Piemonte si sta rivelando esperienza unica in Italia: fondato sul principio dell agevolazione dell accesso alle strutture di eccellenza per la fase diagnostica, favorisce il decentramento delle attività terapeutiche e riabilitative presso le Aziende Sanitarie territoriali, soprattutto nel caso di interventi assistenziali non episodici. Il modello organizzativo si basa sull identificazione di percorsi ottimali anche attraverso l attività di consorzi clinico-assistenziali, gruppi di lavoro polispecialistici capaci di elaborare per patologie omogenee protocolli diagnostici e terapeutici condivisi ai fini di una gestione del paziente conforme alle linee guida delle Società Scientifiche ed uniformemente garantita nel territorio regionale. Riferimenti normativi nazionali La Rete Regionale Piemontese per le malattie rare si inserisce organicamente nella rete nazionale disegnata in base alla normativa del Decreto del Ministero della Sanità n 279 del maggio 2001 (DM 279/2001). La definizione di malattia rara formulata dal legislatore è coerente con lo spirito del Programma d azione comunitario sulle malattie rare (3) -che identifica come rare le patologie con prevalenza < 5 su abitanti della Comunità Europea- e si avvale dei criteri indicati nel decreto legislativo 124/1998 relativo al riordino della disciplina sulle esenzioni (gravità clinica, grado di invalidità associato, onerosità della quota di partecipazione al costo del trattamento). PAG 3

4 Dimensioni del problema nella Regione Piemonte Grazie anche alle iniziative ed alla collaborazione di operatori sanitari direttamente coinvolti con le problematiche delle malattie rare che si sono costituiti in un gruppo di pressione (cosiddetto gruppo degli autoconvocati ) che si riunisce con frequenza mensile, la Regione Piemonte ha avviato uno studio su modelli organizzativi che nel particolare contesto regionale offrissero le maggiori garanzie di assistenza in ottemperanza alle indicazioni del DM 279/2001. Assetto epidemiologico e distribuzione dei servizi nel territorio regionale sono stati definiti sulla base di censimenti sui volumi delle prestazioni diagnostico-assistenziali (circa nel quinquennio ) documentate su Scheda di Dimissione Ospedaliera: ne è risultato uno scenario di assistenza diffusa sia pure con una prevalenza di attività diagnostica complessa nei principali nosocomi regionali per l adulto ed il bambino: l Ospedale Molinette e l Ospedale Infantile Regina Margherita di. Ambiti legislativi nella Regione Piemonte Sulla base dei risultati delle indagini sull attività diagnostica ed assistenziale la Regione Piemonte ha tradotto le indicazioni del DM 279/2001 in due Delibere di Giunta. La prima, n del 2 marzo 2004, istituisce una Rete Regionale per prevenzione, sorveglianza, diagnosi e terapia delle Malattie Rare, formalmente composta da tutte le aziende sanitarie regionali, e identifica nell'asl 4 di il Centro Regionale di Coordinamento con funzioni di gestione del Registro, promozione dell'informazione agli utenti e della formazione degli operatori e di collaborazione con l'istituto Superiore di Sanità, le Regioni e le Associazioni di Volontariato. La seconda, n del 12 aprile 2005, istituisce un Tavolo tecnico-specialistico, che si avvale dei referenti delle Aziende Sanitarie PAG 4

5 Ospedaliere regionali, al fine di supportare il Centro di Coordinamento nell'attività di monitoraggio delle segnalazioni, l approfondimento dell'appropriatezza degli approcci diagnostici e terapeutici e la proposta di percorsi assistenziali condivisi. Contestualmente, recependo le proposte di un gruppo multidisciplinare di esperti, i benefici del DM 279/2001 sono stati estesi ad una cinquantina di malattie non incluse nell elenco del DM 279. Gran parte di queste patologie è compresa in un elenco di Malattie Rare per le quali si sta completando un faticoso iter di riconoscimento anche a livello nazionale. Alcune di esse, al momento esentate solo in Piemonte, quali la sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi e la sclerosi sistemica, sono tra quelle più frequentemente segnalate nel Registro che dal gennaio 2006 sta censendo in maniera prospettica le Malattie Rare in Piemonte. Al 31 dicembre 2008 il Registro Interregionale per le Malattie Rare censisce le schede relative 6773 pazienti affetti da malattia rara e 1037 schede relative a pazienti in cui si sospetta una malattia rara ma che necessitano di ulteriori accertamenti per giungere ad una diagnosi definitiva. Un modello di rete diffusa La Rete Piemontese delle Malattie Rare è diffusa sul territorio Regionale e prevede il coinvolgimento di tutti gli specialisti del Sistema Sanitario Regionale, sia al momento della diagnosi che, soprattutto, durante il follow-up e l erogazione delle terapie. La scelta di questo modello, inusuale nel panorama nazionale, si basa sia sui risultati dei censimenti di attività effettiva non autoreferenziale sia sui bilanci di precedenti esperienze di Rete diagnostico-assistenziale, che hanno sottolineato il ruolo critico della presa in carico dei pazienti nei Centri più vicini al luogo di residenza. Allo scopo è richiesta un uniformità di approccio diagnostico-terapeutico sul territorio Regionale basata sulla realizzazione di protocolli assistenziali condivisi da parte di specifiche commissioni di opinions PAG 5

6 leader (i consorzi assistenziali e di ricerca clinica ) validati dal Tavolo tecnico-specialistico. Il Registro Regionale delle Malattie Rare Il Registro Interregionale Informatizzato delle Malattie Rare, accessibile tramite una rete virtuale denominata Rupar- che connette le pubbliche amministrazioni regionali e garantisce uno standard di sicurezza nel trattamento dei dati di livello assoluto, è strumento critico della rete, funzionale non solo alla raccolta di dati epidemiologici, ma anche alla validazione e all accreditamento delle attività dei presidi. Questi sono tenuti, nei settori identificati come di interesse strategico dal Tavolo tecnico-specialistico, alla sistematica applicazione di protocolli diagnostici e terapeutici ispirati a consensus statement nazionali o internazionali e condivisi dagli specialisti coinvolti nel trattamento di gruppi omogenei di patologie rare. Il Registro prevede l obbligatorietà della segnalazione ai fini del rilascio dell esenzione. Prevede siano indicati i criteri diagnostici applicati e sia stilata una scheda di programma terapeutico, nel caso di prescrizioni farmacologiche, che consenta l analisi di efficacia, di effetti avversi e di costo di trattamento di singole patologie. Il Registro interregionale delle Malattie Rare rappresenta quindi uno strumento di identificazione di criticità, un parametro non autoreferenziale di attività di assistenza dei presidi della Rete ed un indicatore potenziale di investimento di risorse. Il Registro consente ovviamente di estrapolare i dati richiesti dall Istituto Superiore di Sanità che vengono sistematicamente inoltrati con frequenza semestrale. Le cure La Regione Piemonte ha recepito le istanze degli operatori maggiormente coinvolti con i complessi problemi assistenziali delle Malattie Rare, e, con la Circolare Assessorile 1577 del 12 ottobre 2005, PAG 6

7 ha sancito l erogabilità, in regime di esenzione totale, di tutti i farmaci, anche in fascia C, prodotti esteri e galenici salvavita. Condizione necessaria è la compilazione del piano terapeutico informatizzato collegato alla scheda di segnalazione di Malattia Rara. In linea con i programmi ministeriali che hanno acquisito tra i punti qualificanti l assistenza, in tutte le forme possibili, dei pazienti con Malattie Rare, è al vaglio della Regione l eventuale estensione dell esenzione ad alcuni parafarmaci indicati dal Tavolo tecnico-specialistico e ad alcuni presidi non farmacologici indispensabili alla cura di specifiche Malattie Rare. Informazione e Formazione Al fine di diffondere le informazioni sulle Malattie Rare e le attività regionali ad esse rivolte la Regione ha promosso la realizzazione di un portale web dedicato. L utente (singoli pazienti, associazioni, medici di famiglia) vi può trovare informazioni sul volume di prestazioni per singola patologia di ogni presidio della Rete, può accedere a consulti di secondo livello, trovarvi aggiornamenti legislativi in tema di Malattie Rare. Le attività educazionali includono corsi di formazione promossi o sostenuti dalla Regione su malattie rare metaboliche, neurologiche, reumatologiche, immunologiche, e pneumologiche. Le problematiche legislative attinenti le Malattie Rare vengono sistematicamente diffuse nei corsi di laurea ad indirizzo sanitario. Presso l'università di è stato istituito, a cura del Centro di Ricerche di Immunopatologia e Documentazione su Malattie Rare di -Coordinamento Regionale, in collaborazione con l Assessorato alla Sanità, l'istituto Superiore di Sanità, l'istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri ed il Centro di Ricerche sulle Malattie Rare di Ranica, un Master di Secondo Livello sulle Malattie Rare per la formazione di operatori esperti nella gestione delle principali problematiche assistenziali e normative delle malattie rare. PAG 7

8 Ricerca ed innovazione Sviluppo e innovazione nel campo delle malattie rare sono favoriti dalla promozone di attività consortili pluridisciplinari dedicate alla ricerca applicativa e la preparazione e la diffusione di consensus statement su malattie rare specificamente indicate dal tavolo tecnico-scientifico come di interesse prioritario per il Sistema Sanitario Regionale. Il modello organizzativo cui si ispirano questi gruppi di lavoro è rappresentato dalla rete di assistenza respiratoria domiciliare per l età evolutiva, un iniziativa assistenziale di grande contenuto innovativo, unica in ambito nazionale. PAG 8

9 Report del Registro: dati aggiornati al 31 dicembre 2008 Patologie esentate a livello nazionale ACALASIA ACROCEFALOSINDA TTILIA ACRODISOSTOSI ADAMS-OLIVER ADRENOLEUCODIST ROFIA ALAGILLE ALPERS MALATTIA DI ALPORT SINDROME DI ALSTROM ASL VCO (ex ASL 14) () PAG 9

10 ALTERAZIONI CONGENITE DEL METABOLISMO DEL FERRO ASL TO 4 ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Novara (ex ASL 13) ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) PAG 10

11 ALTERAZIONI CONGENITE DEL METABOLISMO DELLE LIPOPROTEINE ALTRE ANOMALIE CONGENITE MULTIPLE RITARDO MENTALE AMILOIDOSI PRIMARIE E FAMILIARI () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) IRCCS Centro Auxologico Italiano ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL TO 4 ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) 6 PAG 11

12 ANEMIE EREDITARIE () ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) PAG 12

13 ANGELMAN ANGIOEDEMA EREDITARIO ANIRIDIA ANO IMPERFORATO ANOMALIE CONGENITE DEL CRANIO E/O DELLE OSSA DELLA FACCIA ARNOLD-CHIARI ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 () PAG 13

14 ARTERITE A CELLULE GIGANTI ASL TO 4 ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASO C.T.O. Maria Adelaide () () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Vercelli (ex ASL 11) 2 2 ASL Asti 2 PAG 14

15 ARTROGRIPOSI MULTIPLE CONGENITE ATRESIA BILIARE ATRESIA DEL DIGIUNO ATRESIA ESOFAGEA E/O FISTOLA TRACHEOESOFAGE A () PAG 15

16 ATRESIA O STENOSI DUODENALE ATROFIA DENTATO RUBROPALLIDOLUY SIANA ATROFIA OTTICA DI LEBER ATROFIE MUSCOLARI SPINALI Report Registro Interregionale Malattie Rare Piemonte e Valle dʼaosta Versione 0.9 ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti PAG 16

17 BECKWITH- WIEDEMANN BEHÇET MALATTIA DI BUDD-CHIARI CAMPTODATTILIA FAMILIARE ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL VCO (ex ASL 14) () ASL TO 4 PAG 17

18 CARENZA CONGENITA DI ALFA1 ANTITRIPSINA CAROLI MALATTIA DI CHARGE ASSOCIAZIONE CHERATOCONO ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) PAG 18

19 CHURG-STRAUSS CISTITE INTERSTIZIALE () ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL VCO (ex ASL 14) () ASL TO 4 ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL Novara (ex ASL 13) PAG 19

20 COCKAYNE COGAN SINDROME DI COLANGITE PRIMITIVA SCLEROSANTE COLOBOMA CONGENITO DEL DISCO OTTICO CONDRODISTROFIE CONGENITE CONNETTIVITE MISTA ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASO C.T.O. Maria Adelaide () () ASL TO ASL Asti ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) PAG 20

21 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL Biella (ex ASL 12) ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) 4 4 ASL Asti () ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL TO 4 ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) PAG 21

22 COREA DI HUNTINGTON ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) PAG 22

23 CORNELIA DE LANGE SINDROME DI CRIOGLOBULINEMI A MISTA DARIER MALATTIA DI DE MORSIER DENYS-DRASH ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL VCO (ex ASL 14) () ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) PAG 23

24 DERMATITE ERPETIFORME DERMATOMIOSITE DIABETE INSIPIDO NEFROGENICO DIFETTI EREDITARI DELLA COAGULAZIONE ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Biella (ex ASL 12) ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) PAG 24

25 DISCHERATOSI CONGENITA DISORDINI DEL METABOLISMO DELLE PURINE E DELLE PIRIMIDINE ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Asti ASL Biella (ex ASL 12) ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti () PAG 25

26 DISPLASIA OCULO- DIGITO-DENTALE DISTONIA DI TORSIONE IDIOPATICA DISTROFIE EREDITARIE DELLA CORNEA DISTROFIE MIOTONICHE DISTROFIE MUSCOLARI ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) PAG 26

27 DISTROFIE RETINICHE EREDITARIE DISTURBI DA ACCUMULO DI LIPIDI ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Asti ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL Asti ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) () PAG 27

28 DISTURBI DEL CICLO DELL'UREA DISTURBI DEL METABOLISMO E DEL TRASPORTO DEGLI AMINOACIDI ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) PAG 28

29 DISTURBI DEL METABOLISMO E DEL TRASPORTO DEI CARBOIDRATI ESCLUSO: DIABETE MELLITO ASL Novara (ex ASL 13) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) 4 4 ASL Asti () ASL Biella (ex ASL 12) PAG 29

30 DOWN EEC SINDROME EHLERS-DANLOS () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL CN 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) PAG 30

31 EMOGLOBINURIA PAROSSISTICA NOTTURNA ENDOCARDITE REUMATICA EPIDERMOLISI BOLLOSA EPILESSIA MIOCLONICA PROGRESSIVA FASCITE EOSINOFILA FIBROSI EPATICA CONGENITA ASO C.T.O. Maria Adelaide () ASL Novara (ex ASL 13) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL CN 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL TO 4 () PAG 31

32 FIBROSI RETROPERITONEAL E GANGLIOSIDOSI GASTROENTERITE EOSINOFILA GASTROSCHISI GERSTMANN GOLDENHAR GOODPASTURE GRANULOMATOSI DI WEGENER ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) PAG 32

33 ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL Biella (ex ASL 12) ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) PAG 33

34 HIRSCHSPRUNG MALATTIA DI IMMUNODEFICIENZE PRIMARIE IPERALDOSTERONI SMI PRIMITIVI () ASL CN 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Asti ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) () ASL TO PAG 34

35 ISAACS SINDROME DI ISTIOCITOSI CRONICHE ITTIOSI CONGENITE JOUBERT KABUKI SINDROME DELLA MASCHERA () ASL TO 4 ASL Novara (ex ASL 13) ASL TO 4 ASL Biella (ex ASL 12) PAG 35

36 KALLMANN KARTAGENER KAWASAKI KEARNS-SAYRE KLINEFELTER ASL CN 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL VCO (ex ASL 14) ASL Asti ASL Vercelli (ex ASL 11) PAG 36

37 KLIPPEL-FEIL KLIPPEL- TRENAUNAY LANDAU-KLEFFNER LEIGH MALATTIA DI LENNOX GASTAUT () Presidio sanitario Gradenigo ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL VCO (ex ASL 14) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) PAG 37

38 LEUCODISTROFIE LICHEN SCLEROSUS ET ATROPHICUS LINFANGECTASIA INTESTINALE LINFOANGIOLEIOMI OMATOSI LISSENCEFALIA LYME MALATTIA DI MALATTIA DEL FEGATO POLICISTICO MALATTIA GRANULOMATOSA CRONICA ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Asti ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 PAG 38

39 SPINOCEREBELLAR I MARFAN SINDROME DI MECKEL SINDROME DI MELAS SINDROME ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Asti PAG 39

40 MICROANGIOPATIE TROMBOTICHE MIOPATIE CONGENITE EREDITARIE ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti ASL Biella (ex ASL 12) ASL Asti PAG 40

41 MOEBIUS MUCOLIPIDOSI MUCOPOLISACCARI DOSI NARCOLESSIA NEUROACANTOCIT OSI NEUROFIBROMATO SI ASL Biella (ex ASL 12) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASO C.T.O. Maria Adelaide () PAG 41

42 NEUROPATIE EREDITARIE NEUTROPENIA CICLICA () ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) IRCCS Centro Auxologico Italiano () PAG 42

43 NOONAN SINDROME DI OLOPROSENCEFALI A OSTEODISTROFIE CONGENITE PACHIDERMOPERIO STOSI () () PAG 43

44 PARALISI NORMOKALIEMICHE, IPO E IPERKALIEMICHE PEARSON PEMFIGO ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) PAG 44

45 PEMFIGOIDE BENIGNO DELLE MUCOSE PEMFIGOIDE BOLLOSO PEUTZ-JEGHERS PFEIFFER PIASTRINOPATIE EREDITARIE ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Biella (ex ASL 12) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) () () ASL TO 4 2 PAG 45

46 POEMS SINDROME POLAND SINDROME DI POLIANGIOITE MICROSCOPICA ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) () PAG 46

47 POLIARTERITE NODOSA POLICONDRITE POLIENDOCRINOPA TIE AUTOIMMUNI ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL VCO (ex ASL 14) () PAG 47

48 POLIMIOSITE POLINEUROPATIA CRONICA INFIAMMATORIA DEMIELINIZZANTE () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL VCO (ex ASL 14) () ASL Asti ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) PAG 48

49 POLIPOSI FAMILIARE PORFIRIE ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) () () PAG 49

50 PORPORA DI HENOCH- SCHONLEIN RICORRENTE PRADER-WILLI PSEUDOERMAFROD ITISMI PSEUDOXANTOMA ELASTICO PUBERTA' PRECOCE IDIOPATICA () ASL Vercelli (ex ASL 11) PAG 50

51 RACHITISMO IPOFOSFATEMICO VITAMINA D RESISTENTE REIFENSTEIN RENE CON MIDOLLARE A SPUGNA RETT RIEGER SINDROME RUBINSTEIN-TAYBI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti PAG 51

52 SCLEROSI LATERALE PRIMARIA SCLEROSI TUBEROSA ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) IRCCS Fondazione Maugeri ASL VCO (ex ASL 14) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 PAG 52

53 SECKEL SINDROME DI SINDROME ALCOLICA FETALE SINDROME BRANCHIO-OCULO- FACCIALE SINDROME DA PSEUDO- OSTRUZIONE SINDROME DA X FRAGILE SINDROME EMOLITICO UREMICA SINDROME UNGHIA- ROTULA SINDROMI ADRENOGENITALI CONGENITE ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL Novara (ex ASL 13) ASL Vercelli (ex ASL 11) PAG 53

54 SINDROMI DA ANEUPLOIDIA CROMOSOMICA SINDROMI DA DUPLICAZIONE/ DEFICIENZA CROMOSOMICA SJÖGREN-LARSONN SMITH-MAGENIS () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Biella (ex ASL 12) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) PAG 54

55 SPRUE CELIACA ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL TO 5 (ex ASL 8) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Novara (ex ASL 13) ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) () Presidio sanitario Gradenigo PAG 55

56 STEELE- RICHARDSON- OLSZEWSKI STURGE-WEBER TAKAYASU MALATTIA DI TELEANGECTASIA EMORRAGICA EREDITARIA ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) 2 2 ASL Asti () ASL VCO (ex ASL 14) 2 PAG 56

57 TOWNES-BROCKS TROMBOCITOPENIE PRIMARIE EREDITARIE TURNER SINDROME DI VACTERL ASSOCIAZIONE VON HIPPEL-LINDAU ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL Vercelli (ex ASL 11) PAG 57

58 WAGR WEST WHIPPLE MALATTIA DI WILLIAMS WILMS TUMORE DI WILSON MALATTIA DI WOLF-HIRSCHHORN ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL Biella (ex ASL 12) ASL TO 4 ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) PAG 58

59 WOLFRAM XERODERMA PIGMENTOSO Totale PAG 59

60 Patologie esentate solo in Piemonte e in Valle dʼaosta NOME MALATTIA O AGENESIA- IPOPLASIA DEL CORPO CALLOSO ISOLATA ANEMIA APLASTICA ANEMIA REFRATTARIA CADASIL CARDIOPATIE ARITMOGENE GENETICHE ASL Asti Maggiore della carità (Novara) e Carle () Maggiore della carità (Novara) Battista di 3 5 ASL Asti Arrigo di () 2 PAG 60

61 NOME MALATTIA O CISTICERCOSI COLESTASI GENETICHE Report Registro Interregionale Malattie Rare Piemonte e Valle dʼaosta Versione 0.9 ECHINOCOCCOSI EPIDERMODISPL ASIA VERRUCIFORME FIBRODISPLASIA OSSIFICANTE PROGRESS. FIBROSI POLMONARE IDIOPATICA ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) Battista di Arrigo di Battista di ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) Battista di ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) ASL VCO (ex ASL 14) 2 ASL Asti ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) Battista di PAG 61

62 NOME MALATTIA O GRAVI ANOMALIE CONGENITE SENZA RITARDO MENTALE GRUPPO DELLE POLINEUROPATIE CRONICHE DISIMMUNI (OLTRE ALLA CIDP) Maggiore della carità (Novara) Arrigo di IRCCS Fondazione Maugeri ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti Battista di Maggiore della carità (Novara) e Carle Arrigo di PAG 62

63 NOME MALATTIA O INIBITORI ACQUISITI ANTI FATTORE INSUFFICIENZA INTESTINALE CRONICA BENIGNA IPERTENSIONE POLMONARE PRIMITIVA ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) Battista di Arrigo di ASL TO 4 Maggiore della carità (Novara) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Asti ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti Battista di Arrigo di ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) Battista di PAG 63

64 NOME MALATTIA O NEUROLOGICHE PARANEOPLASTI CHE PRIONICHE MIASTENIE DISIMMUNI E CONGENITE e Carle IRCCS Fondazione Maugeri ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 5 (ex ASL 8) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) Battista di () PAG 64

65 NOME MALATTIA O NEFRITE TUBULOINTERSTI ZIALE E UVEITE (TINU SYNDROME) NEFROPATIA EREDITARIA IPERURICEMICA (NEFROPATIA IPERURICEMICA GIOVANILE FAMIGLIARE) NEUTROPENIA IDIOPATICA CRONICA GRAVE PARALISI BULBARE PROGRESSIVA PIODERMA GANGRENOSO POLMONITE EOSINOFILA IDIOPATICA POLMONITI DA IPERSENSIBILITA ASL Vercelli (ex ASL 11) Maggiore della carità (Novara) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) Maggiore della carità (Novara) Maggiore della carità (Novara) e Carle Battista di IRCCS Fondazione Maugeri ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) PAG 65

66 NOME MALATTIA O PORPORA TROMBOCITOPE NICA IDIOPATICA CRONICA SARCOIDOSI POLMONARE PERSISTENTE O EXTRAPOLMONA RE ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL TO 4 2 ASL TO 4 ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) Battista di Maggiore della carità (Novara) e Carle () ASL Asti ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Vercelli (ex ASL 11) 2 PAG 66

67 NOME MALATTIA O SCLEROSI SISTEMICA PROGRESSIVA ASL Biella (ex ASL 12) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) 4 4 ASL Asti Battista di Maggiore della carità (Novara) e Carle IRCCS Fondazione Maugeri ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL Biella (ex ASL 12) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL TO 4 2 ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL Biella (ex ASL 12) PAG 67

68 NOME MALATTIA O SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI ASL VCO (ex ASL 14) ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) ASL Asti ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) Battista di Maggiore della carità (Novara) e Carle Arrigo di () ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) ASL TO 4 (ex ASL 6 + ASL 7 + ASL 9) ASL Vercelli (ex ASL 11) ASL VCO (ex ASL 14) PAG 68

69 NOME MALATTIA O ALBRIGHT GORLIN LARON REFETOFF SOTOS ASL Cuneo 2 (ex ASL 18) Battista di Maggiore della carità (Novara) e Carle () ASL Asti Battista di Arrigo di Maggiore della carità (Novara) ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) 1 3 PAG 69

70 NOME MALATTIA O SIRINGOMIELIA E SIRINGOBULBIA STILL DELL'ADULTO TUBULOPATIE RENALI CONGENITE ASL TO 4 ASL Cuneo 1 (ex ASL 15 + ASL 16 + ASL 17) ASL (ex ASL 20 + ASL 21 + ASL 22) Battista di ASO C.T.O. Maria Adelaide () Maggiore della carità (Novara) e Carle () ASL TO 3 (ex ASL 5 +ASL 10) Battista di Maggiore della carità (Novara) Arrigo di () PAG 70

71 NOME MALATTIA O Totale ASL TO 1 (ex ASL 1 + ASL 2) Maggiore della carità (Novara) Arrigo di PAG 71

PRESIDI DI RIFERIMENTO REGIONALE (D.G.R. n. 205/2005 D.G.R. n. 395/2004) Tumori

PRESIDI DI RIFERIMENTO REGIONALE (D.G.R. n. 205/2005 D.G.R. n. 395/2004) Tumori PRESIDI DI RIFERIMENTO REGIONALE (D.G.R. n. 205/2005 D.G.R. n. 395/2004) Tumori Tumore di Wilms RB0010 Pediatria Ospedale Silvestrini Malattie delle ghiandole endocrine, della nutrizione, del metabolismo

Dettagli

RETE REGIONALE DELLE MALATTIE RARE

RETE REGIONALE DELLE MALATTIE RARE RA0010 HANSEN MALATTIA DI 3 - Nuoro S. Francesco Dermatologia RA0010 HANSEN MALATTIA DI 8 - Cagliari SS. Trinità Dermatologia RA0010 HANSEN MALATTIA DI Sassari Azienda ospedaliero universitaria di SS Clinica

Dettagli

RA0010 Hansen malattia di 7 2 9 RA0020 Whipple malattia di 0 2 2 RA0030 Lyme malattia di 2 0 2

RA0010 Hansen malattia di 7 2 9 RA0020 Whipple malattia di 0 2 2 RA0030 Lyme malattia di 2 0 2 1. MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE (cod. ICD9-CM da 001 a 139) 2.TUMORI (cod. ICD9-CM da 140-239) 3. MALATTIE DELLE GHIANDOLE ENDOCRINE, DELLA NUTRIZIONE, DEL METABOLISMO E DISTURBI IMMUNITARI (cod.

Dettagli

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento;

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento; DGR 2725 DD 12.9.2003 LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che con deliberazione G.R. n. 3277 del 27 settembre 2002 sono stati individuati i Presidi regionali per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi delle

Dettagli

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento;

ATTESO che il medesimo provvedimento regionale stabilisce i criteri per detto riconoscimento; DGR 2725 DD 12.9.2003 LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che con deliberazione G.R. n. 3277 del 27 settembre 2002 sono stati individuati i Presidi regionali per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi delle

Dettagli

MALATTIE RARE (MR) IN PROVINCIA DI BERGAMO ANALISI DEI DATI DI ESENZIONE 2014

MALATTIE RARE (MR) IN PROVINCIA DI BERGAMO ANALISI DEI DATI DI ESENZIONE 2014 MALATTIE RARE (MR) IN PROVINCIA DI BERGAMO ANALISI DEI DATI DI ESENZIONE 2014 a cura di Alberto Zucchi Servizio Epidemiologico Aziendale - Dipartimento PAC ASL di Bergamo Premessa Questo report non rappresenta

Dettagli

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PREVISTE NEL DM n.279/2001

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PREVISTE NEL DM n.279/2001 ALLEGATO 1 RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PREVISTE NEL DM n.279/2001 RA0010 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE HANSEN MALATTIA DI RA0020 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE WHIPPLE MALATTIA DI RA0030

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. 1359 del 18/5/2007 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE RD0131

Allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. 1359 del 18/5/2007 MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE RD0131 LA GIUNTA REGIONALE - visto il decreto legislativo 29 aprile 1998, n. 124 Ridefinizione del sistema di partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie e del regime delle esenzioni, a norma dell articolo

Dettagli

Allegato B Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 1 GRUPPO Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Veneto Provincia

Dettagli

RA0030. Malattia di Lyme RA0030 AOU Udine (ped) (adu) RA0010 AOU Trieste RB0010 RB0020 RB0040 RB0050 RBG010

RA0030. Malattia di Lyme RA0030 AOU Udine (ped) (adu) RA0010 AOU Trieste RB0010 RB0020 RB0040 RB0050 RBG010 Allegato C Strutture ed Unità Operative di riferimento (Centri di riferimento) dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 *= Malattie con esempi

Dettagli

SÜDTIROLER OPERATIVE EINHEITEN FÜR DIE DIAGNOSE UND AUSSTELLUNG DES PERSÖNLICHEN THERAPIEPLANES

SÜDTIROLER OPERATIVE EINHEITEN FÜR DIE DIAGNOSE UND AUSSTELLUNG DES PERSÖNLICHEN THERAPIEPLANES Hautkrankheiten und en des Unterhautgewebes (Kindesalter und Erwachsene) en des Knochen- und Muskelsystems sowie des Bindegewebes (Erwachsene) Dermatologie Malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo

Dettagli

Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001

Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per gruppi di patologie di cui al D.M. 279/2001 ALLEGATOB alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/10 Strutture di riferimento dell area vasta interregionale per le malattie rare per

Dettagli

ALLEGATOC alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/76. ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/76. giunta regionale 8^ legislatura

ALLEGATOC alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/76. ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/76. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOC alla Dgr n. 2046 del 03 luglio 2007 pag. 1/76 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/76 Strutture ed Unità Operative di riferimento (Centri di riferimento) dell area vasta

Dettagli

La rete delle Malattie Rare del Piemonte e della Valle d Aosta: stato dell arte Dario Roccatello e Simone Baldovino

La rete delle Malattie Rare del Piemonte e della Valle d Aosta: stato dell arte Dario Roccatello e Simone Baldovino La rete delle Malattie Rare del Piemonte e della Valle d Aosta: stato dell arte Dario Roccatello e Simone Baldovino CMID, Centro di Coordinamento Rete per le malattie Rare del Piemonte e della Valle d

Dettagli

Tabella 2 - Esenzioni attive nella Regione Lazio al 15.03.2013 per ordine alfabetico malattia rara/gruppo - Fonte LAIT

Tabella 2 - Esenzioni attive nella Regione Lazio al 15.03.2013 per ordine alfabetico malattia rara/gruppo - Fonte LAIT RN0790 AARSKOG SINDROME DI MALATTIA 4 RI0010 ACALASIA MALATTIA 166 RC0120 ACERULOPLASMINEMIA CONGENITA MALATTIA 3 RNG030 ACROCEFALOSINDATTILIA GRUPPO 2 RC0010 ACTH DEFICIENZA DI MALATTIA 8 RN0340 ADAMS-OLIVER

Dettagli

ALLEGATO A alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 178 del 20 maggio 2011_

ALLEGATO A alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 178 del 20 maggio 2011_ ALLEGATO A alla Deliberazione della Giunta Regionale n. 178 del 20 maggio 2011_ Aggiornamento Rete Regionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare.- RETE REGIONALE

Dettagli

CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE

CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE Referente regionale: Dr.ssa Rosalba BARONE Funzionario incaricato: Avv. Domenico GULLÀ TEL. 0961/856565 ~ FAX 0961/856570 AZIENDA OSPEDALIERA ANNUNZIATA DI COSENZA 1- CENTRO

Dettagli

Portale Web Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA ORDINE MAURIZIANO DI TORINO

Portale Web Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA ORDINE MAURIZIANO DI TORINO ) Informazioni generali: PUNTI ACCOGLIENZA Portale Web Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA ORDINE MAURIZIANO DI TORINO Ufficio relazioni con il pubblico ASO Ordine Mauriziano Umberto I - Responsabile:

Dettagli

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Elisa Rozzi Servizio Presidi Ospedalieri Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Assessorato Politiche

Dettagli

RETE REGIONALE delle MALATTIE RARE

RETE REGIONALE delle MALATTIE RARE RETE REGIONALE delle MALATTIE RARE CENTRO REGIONALE MALATTIE RARE Referente regionale: Dr.ssa Rosalba BARONE Funzionario incaricato: Dr Domenico GULLÀ TEL. 0961/856565 ~ FAX 0961/856584 AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

ASSISTENZA. Le Malattie Rare nel Distretto di Poggiardo dell ASL di Lecce

ASSISTENZA. Le Malattie Rare nel Distretto di Poggiardo dell ASL di Lecce ASSISTENZA Le Malattie Rare nel Distretto di Poggiardo dell ASL di Lecce Poter gestire e aggiornare il Registro delle MR anche a livello distrettuale può consentire, attraverso l applicazione di analisi

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Articolo 1 (Premesse)

TUTTO CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Articolo 1 (Premesse) CONVENZIONE TRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E LA REGIONE PIEMONTE PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO INTERREGIONALE DI COORDINAMENTO PER LE MALATTIE RARE. TRA la Regione Piemonte, codice fiscale 800876770016,

Dettagli

Rete Regionale Malattie Rare. AZIENDA OSPEDALIERA SAN LUIGI Offerta assistenziale

Rete Regionale Malattie Rare. AZIENDA OSPEDALIERA SAN LUIGI Offerta assistenziale Rete Regionale Malattie Rare AZIENDA OSPEDALIERA SAN LUIGI Offerta assistenziale Offerta assistenziale per le singole Malattie Rare dell Azienda Sanitaria Ospedaliera San Luigi Struttura Complessa a Direzione

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 61 del 10/03/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 61 del 10/03/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 61 del 10/03/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Il case manager del territorio nel bambino con disabilità complessa. Dr. Giorgio Conforti SAVONA 10 maggio 2008

Il case manager del territorio nel bambino con disabilità complessa. Dr. Giorgio Conforti SAVONA 10 maggio 2008 Il case manager del territorio nel bambino con disabilità complessa Dr. Giorgio Conforti SAVONA 10 maggio 2008 TRE PERPLESSITA 1. LA NORMATIVA 2. LA COMPETENZA 3. LE REALI RISORSE SUL TERRITORIO SCOPRIAMO

Dettagli

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2015 e confronto con altri flussi informativi - SETTIMA EDIZIONE - Redazione a cura di Matteo Volta, Maria

Dettagli

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna

Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Il Registro regionale per le malattie rare dell Emilia-Romagna Analisi dei dati di attività 2007-2014 e confronto con altri flussi informativi - SESTA EDIZIONE - Redazione a cura di Matteo Volta, Maria

Dettagli

Il ruolo delle reti terziarie: la collaborazione con Orphanet-Italia

Il ruolo delle reti terziarie: la collaborazione con Orphanet-Italia Il ruolo delle reti terziarie: la collaborazione con Orphanet-Italia La Raccomandazione 2009/C 151/02 della Commissione Europea ha invitato gli Stati Membri ad adottare piani/strategie nazionali per le

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. N. (OSP/03/28044) ---------------------------------------------------------- --- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto il D.M. n. 279 del 18 maggio 2001 di istituzione e regolamentazione della

Dettagli

La tutela dei pazienti affetti da malattie rare

La tutela dei pazienti affetti da malattie rare La tutela dei pazienti affetti da malattie rare Isabella Quinti Responsabile Centro di Riferimento Immunodeficienze Primitive Sapienza Università di Roma La tutela Sociale: Non sentirsi solo Legislativa

Dettagli

Ritenuto pertanto, atteso quanto sopra:

Ritenuto pertanto, atteso quanto sopra: Prot. N. (OSP/03/28044) ------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto il D.M. n. 279 del 18 maggio 2001 di istituzione e regolamentazione della

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

RETE INTERREGIONALE PER LE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

RETE INTERREGIONALE PER LE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA RETE INTERREGIONALE PER LE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA REPORT 2012 DI SEGNALAZIONE AL REGISTRO INTERREGIONALE DELLE MALATTIE RARE DEL PIEMONTE E DELLA VALLE!D AOSTA! A cura del Centro

Dettagli

ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA

ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA - Dicembre 2014 - Centro Territoriale Malattie Rare INTRODUZIONE Vengono definite Malattie Rare quelle patologie con prevalenza inferiore ad una soglia stabilita

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 09-02-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.90 del 09-02-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 09-02-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.90 del 09-02-2009 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 09-02-2009 (punto N. 16 ) Delibera N.90 del 09-02-2009 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 31.05.2011)

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 31.05.2011) LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO (esenzioni attive al 31.05.2011) L archivio delle esenzioni per Malattia Rara (MR) è stato fornito dalla Lazio Innovazione Tecnologica (LAIT), Ente di

Dettagli

CONDIZIONE DI ESENZIONE I09.G INVALIDI CIVILI CON RIDUZIONE DELLA CAPACITA' LAVORATIVA SUPERIORE AI 2/3

CONDIZIONE DI ESENZIONE I09.G INVALIDI CIVILI CON RIDUZIONE DELLA CAPACITA' LAVORATIVA SUPERIORE AI 2/3 INVALIDITA' CODICE DI ESENZIONE CONDIZIONE DI ESENZIONE I09.G INVALIDI CIVILI CON RIDUZIONE DELLA CAPACITA' LAVORATIVA SUPERIORE AI 2/3 I09.S I10.G I11.G I11.S I43.G I43.P INVALIDI CIVILI AL 100% SENZA

Dettagli

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta LA FONDAZIONE La Fondazione L Istituto Neurologico Carlo Besta, fondato nel 1918 e classificato dal 1981 come Istituto di Ricerca e

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 2.03.2012)

LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO. (esenzioni attive al 2.03.2012) LE ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELLA REGIONE LAZIO (esenzioni attive al 2.03.2012) Nel documento viene presentata una analisi descrittiva delle esenzioni per Malattia Rara basata sui dati dell archivio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

Elenco dei dati. Definizione malattia e/o gruppo (comprende i sinonimi) AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI

Elenco dei dati. Definizione malattia e/o gruppo (comprende i sinonimi) AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI Elenco dei dati AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI ACALASIA ACERULOPLASMINEMIA CONGENITA ACROCEFALOSINDATTILIA ACRODERMATITE ENTEROPATICA ACRODISOSTOSI ADAMS-OLIVER SINDROME DI ADIPOSI DOLOROSA

Dettagli

[ Elenco alfabetico delle malattie rare esenti incluse nei gruppi ] Elenco dei dati

[ Elenco alfabetico delle malattie rare esenti incluse nei gruppi ] Elenco dei dati [ Elenco alfabetico delle malattie rare esenti incluse nei gruppi ] Definizione malattia e/o gruppo AARSKOG SINDROME DI AASE-SMITH SINDROME DI ACALASIA ACERULOPLASMINEMIA CONGENITA ACROCEFALOSINDATTILIA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

CODICE NOME MALATTIA RARA/GRUPPO TIPO N. %

CODICE NOME MALATTIA RARA/GRUPPO TIPO N. % RDG020 DISORDINI EREDITARI TROMBOFILICI AFFERENTE 1.613 9,4 RBG010 NEUROFIBROMATOSI GRUPPO 1.002 5,9 RF0280 CHERATOCONO PATOLOGIA 588 3,4 RMG010 CONNETTIVITI INDIFFERENZIATE GRUPPO 518 3,0 RDG020 EMOFILIA

Dettagli

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini L UTENTE Si rivolge al Presidio di Rete per ottenere: -Il percorso diagnostico appropriato -La certificazione

Dettagli

Celiachia: da malattia rara a malattia sociale

Celiachia: da malattia rara a malattia sociale Mastering the coeliac condition from medicine to social sciences and food technology 29-31 marzo 2012 FIRENZE Celiachia: da malattia rara a malattia sociale Marco Silano Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

La ricerca che allunga la vita: come nasce un vaccino. San Marino, 24 marzo 2006 Claudio Buttarelli vicepresidente Uniamo FIMR

La ricerca che allunga la vita: come nasce un vaccino. San Marino, 24 marzo 2006 Claudio Buttarelli vicepresidente Uniamo FIMR . La ricerca che allunga la vita: come nasce un vaccino. San Marino, 24 marzo 2006 Claudio Buttarelli vicepresidente Uniamo FIMR Chi è Uniamo? Uniamo è l alleanza nazionale che riunisce le associazioni

Dettagli

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva L.PINELLO CENTRO REGIONALE SPECIALIZZATO PER L IPOVISIONE INFANTILE E DELL ETA EVOLUTIVA Dip.

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

PUNTO DI ASCOLTO TRA MALATI NEUROMUSCOLARI, MEDICI E RICERCATORI

PUNTO DI ASCOLTO TRA MALATI NEUROMUSCOLARI, MEDICI E RICERCATORI PUNTO DI ASCOLTO TRA MALATI NEUROMUSCOLARI, MEDICI E RICERCATORI La legislazione per le malattie rare Policlinico San Donato, 19 settembre 2015 Galdino Cassavia - Dipartimento Cure Primarie dell' ASL Milano

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 749 del 26-10-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 749 del 26-10-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 749 del 26-10-2015 O G G E T T O Istituzione Commissione per la valutazione della richiesta di farmaci non erogabili

Dettagli

Malattie Neurologiche Rare: problemi organizzativi ed assistenziali

Malattie Neurologiche Rare: problemi organizzativi ed assistenziali Malattie Neurologiche Rare: problemi organizzativi ed assistenziali A. FEDERICO, A. SPERDUTO, C. GAUDIANO e MT. DOTTI Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Comportamento, Università degli Studi di

Dettagli

Il Registro Regionale Malattie Rare del Friuli Venezia Giulia Relazione dell attività al 31 gennaio 2015

Il Registro Regionale Malattie Rare del Friuli Venezia Giulia Relazione dell attività al 31 gennaio 2015 Il Registro Regionale Malattie Rare del Friuli Venezia Giulia Relazione dell attività al 31 gennaio 2015 Il documento rappresenta il report dell attività del Registro Regionale Malattie Rare della Regione

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

PROGETTO OSSERVATORIO MALATTIE RARE. Gruppo A: Focus sulla legislazione

PROGETTO OSSERVATORIO MALATTIE RARE. Gruppo A: Focus sulla legislazione PROGETTO OSSERVATORIO MALATTIE RARE Torino, 5 giugno 2015 Gruppo A: Focus sulla legislazione D.ssa Elena Galfrascoli Area Legislazione SIFO D.ssa Laura Poggi Direttore SOC FARMACIA ASL VCO Omegna GROUP

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali N. 2739

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali N. 2739 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2739 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali Presentata

Dettagli

NUOVE ESENZIONI 2005 CODICI SISR NUOVE ESENZIONI 2005

NUOVE ESENZIONI 2005 CODICI SISR NUOVE ESENZIONI 2005 NUOVE ESENZIONI 2005 GRUPPO ESENZIONE: (CODICE=0) PATOLOGIE CRONICHE "0A02" "MAL.CARDIACHE E CIRCOLO POLM." "MALATTIE CARDIACHE E DEL CIRCOLO POLMONARE" "0A31" "IPERT.ARTERIOSA" "IPERTENSIONE ARTERIOSA"

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze XIX Congresso Nazionale SICP Torino 9 12 Ottobre 2012 Focus on: Fisioterapia in Cure Palliative: quali esperienze e quale formazione specifica? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007 DELIBERAZIONE N. 44/ 12 Oggetto: Aumento del numero massimo di strisce per autocontrollo della glicemia concedibili gratuitamente ai pazienti diabetici in età pediatrica e adolescenziale. L Assessore dell

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

1 001 Soggetti affetti da patologie croniche e invalidanti esenti ai sensi del D.M. 28/05/1999 n. 329 e succ. modi 2 002 Soggetti affetti da patologie croniche e invalidanti esenti ai sensi del D.M. 28/05/1999

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PERVISTE NEL DM n. 279/2001

RETE DEI PRESIDI PER LE MALATTIE RARE PERVISTE NEL DM n. 279/2001 RA0010 RA0010 RA0020 RA0020 RA0030 RA0030 RA0030 RA0030 INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE INFETTIVE E PARASSITARIE

Dettagli

TUMORI MALATTIE DELLE GHIANDOLE ENDOCRINE

TUMORI MALATTIE DELLE GHIANDOLE ENDOCRINE CODICE MALATTIA MALATTIA E/O GRUPPO STRUTTURA MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE RA0020 RA0030 RBG010 RC0010 RC0020 RCG010 RCG020 RC0021 RC0022 RCG030 RCG031 RC0040 RC0280 RCG162 RCG040 RCG060 RCG061 RCG070

Dettagli

LE UNITA VALUTATIVE ALZHEIMER (UVA) DELLA REGIONE MARCHE

LE UNITA VALUTATIVE ALZHEIMER (UVA) DELLA REGIONE MARCHE LE UNITA VALUTATIVE ALZHEIMER (UVA) DELLA REGIONE MARCHE Attività e caratteristiche organizzative Il Progetto Cronos, promosso nel settembre del 2000 dal Ministero della Salute in collaborazione con l

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Il progetto regionale di ricerca MACONDO

Il progetto regionale di ricerca MACONDO Il progetto regionale di ricerca MACONDO Reggio Emilia, 12-12 12-20082008 Relatrice: Cristina Pedroni Cos è MACONDO? Un progetto multicentrico di Ricerca Oncologica(di durata triennale) che coinvolge la

Dettagli

Allegato A. Apparato digerente ATRESIA ESOFAGEA E/O FISTOLA TRACHEOESOFAGEA

Allegato A. Apparato digerente ATRESIA ESOFAGEA E/O FISTOLA TRACHEOESOFAGEA Allegato parte integrante - 1 Allegato A Apparato digerente RN0160 Malattia RN0170 Malattia RN0180 Malattia RN0190 Malattia RN0210 Malattia RN0220 Malattia RN0320 Malattia RN0200 Malattia RN0230 Malattia

Dettagli

La rete per i malati rari in provincia di Trento

La rete per i malati rari in provincia di Trento La rete per i malati rari in provincia di Trento Luciano Flor Direttore Generale Azienda Sanitaria Trento COSA HANNO IN COMUNE LE MR? 70-75% esordiscono in età pediatrica 80% di origine genetica croniche

Dettagli

REGIONE COD_ESENZIONE DESCRIZIONE SPESA Nota

REGIONE COD_ESENZIONE DESCRIZIONE SPESA Nota REGIONE COD_ESENZIONE DESCRIZIONE SPESA Nota 190 001 28/05/1999 N. 329 Si veda elenco prestazioni correlate esenti 190 003 28/05/1999 N. 329 Si veda elenco prestazioni correlate esenti 190 0031 IPERTENSIONE

Dettagli

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie Oggetto: Aggiornamento della determinazione 1875 del Modalità di erogazione dei farmaci classificati in regime di rimborsabilità in fascia H e in regime di fornitura OSP2, così come modificata dalla determinazione

Dettagli

Situazione a livello regionale

Situazione a livello regionale Situazione a livello regionale Ignota la prevalenza complessiva delle malattie rare, la distribuzione per patologia e l impatto di utilizzo delle risorse fisiche e finanziarie Studio Regione Lombardia,

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

PROGETTO OSSERVATORIO MALATTIE RARE

PROGETTO OSSERVATORIO MALATTIE RARE PROGETTO OSSERVATORIO MALATTIE RARE Torino, 5 giugno 2015 IL PUNTO DI VISTA DEL PAZIENTE Ugo VIORA Presidente AMaR Piemonte Onlus Malattia Tot Reu RGG110 Alterazioni congenite metabolismo Fe 745 14 RG0080

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall et età evolutiva all et età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 Paolo Bailo, Marina Gandione Ricerche recenti hanno indicato una prevalenza dei DPS

Dettagli

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 REGOLAMENTO CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA: IL NORD OVEST DAL 1850 ARTICOLO 1 Obiettivi e finalità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO

LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO LA CONSULENZA GENETICA PRENATALE Fare Dr. Renato clic per Scarinci modificare lo stile del sottotitolo dello schema GENETICA CLINICA Costituisce la parte applicativa

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Oggetto: Prodotti senza glutine ai soggetti celiaci. Ampliamento delle modalità di erogazione. LA GIUNTA REGIONALE

Oggetto: Prodotti senza glutine ai soggetti celiaci. Ampliamento delle modalità di erogazione. LA GIUNTA REGIONALE Oggetto: Prodotti senza glutine ai soggetti celiaci. Ampliamento delle modalità di erogazione. LA GIUNTA REGIONALE Su proposta del Presidente della Regione Lazio, VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

MALATTIE RARE NELL ASL di BRESCIA

MALATTIE RARE NELL ASL di BRESCIA MALATTIE RARE NELL ASL di BRESCIA Relazione epidemiologica al 31 Dicembre 2010 Dipartimento Cure Primarie Centro Territoriale Malattie Rare PAZIENTI AFFETTI da MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA Relazione

Dettagli

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO DEL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI PRODUTTIVI E LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 271 2014 OGGETTO: Approvazione del documento

Dettagli

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Dr. Luigi Barbero Distretto di Cuneo Borgo San Dalmazzo CARD Piemonte Ma, che cos è il Distretto?

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA PATOLOGIA DIABETICA IN RAPPORTO AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ED ALLE CONNESSIONI CON LE MALATTIE NON TRASMISSIBILI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA PATOLOGIA DIABETICA IN RAPPORTO AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ED ALLE CONNESSIONI CON LE MALATTIE NON TRASMISSIBILI 1 INDAGINE CONOSCITIVA SULLA PATOLOGIA DIABETICA IN RAPPORTO AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ED ALLE CONNESSIONI CON LE MALATTIE NON TRASMISSIBILI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ Aree

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

Invalidi del lavoro con riduzione della capacità lavorativa < 2/3 - dall 1% al 66% di invalidità - (ex art. 6 comma 2 lett. b del D.M. 01.02.

Invalidi del lavoro con riduzione della capacità lavorativa < 2/3 - dall 1% al 66% di invalidità - (ex art. 6 comma 2 lett. b del D.M. 01.02. - Campo 43.0 - identificativo esenzione del tracciato della specialistica ambulatoriale e altre prestazioni - Campo 78.0 - malattie croniche/invalidanti e rare del tracciato SDO. Nota bene: per la compilazione

Dettagli

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA SCDO Dietetica e Nutrizione Clinica Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità Novara S.D.N.C Regione Piemonte AOU San Giovanni

Dettagli

D.M. 28 maggio 1999, n.329. (Supplemento Ordinario alla G.U. 25 settembre 1999, n.226.) NOTE ESPLICATIVE

D.M. 28 maggio 1999, n.329. (Supplemento Ordinario alla G.U. 25 settembre 1999, n.226.) NOTE ESPLICATIVE D.M. 28 maggio 1999, n.329. (Supplemento Ordinario alla G.U. 25 settembre 1999, n.226.) Regolamento recante norme di individuazione delle malattie croniche e invalidanti NOTE ESPLICATIVE Novembre 1999

Dettagli