Schema dei punti salienti toccati nel corso tenuto dal professor Cozzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schema dei punti salienti toccati nel corso tenuto dal professor Cozzi"

Transcript

1 MARKETING m-z Schema dei punti salienti toccati nel corso tenuto dal professor Cozzi Anno accademico È una scaletta per lo studio, una traccia da integrare con slides, libro e appunti

2 CAPITOLO 1 Valore per il cliente: Multidimensionale Soggettivo Differenziale Percepito Sperimentato dai clienti attuali - Importante il differenziale percepito dai potenziali e il differenziale percepito e sperimentato dai clienti attuali Valore di scambio: è influenzato dalle forme di mercato e dagli stati della concorrenza. Nei mercati rilevanti per il mrkt (concorrenza imperfetta, oligopolio, monopolio contendibile) il prezzo dipende da 3 fattori: fattori interni, fattori di mercato, fattori esogeni. Processi decisionali delle imprese orientate al mercato: 1. Analisi aspettative domanda e concorrenza 2. Determinazione strategia mercati di sbocco 3. Gestione mrkt mix 4. Controllo di efficacia Processo di mrkt: per il suo successo offrire a mercati obiettivo definiti e sufficientemente ampi, sistemi di prodotto che assicurino ai clienti un valore differenziale percepito, basando l offerta di tale valore su un vantaggio competitivo significativo, originato da capacità distintive difendibili riguardanti fattori critici di successo Iter del processo 1. Analisi x identific del valore 2. Progettaz del valore 3. Produzione del valore 4. comunicaz e trasferimento del valore 5. Valutazione e misurazione del valore 6. Approccio olistico: le scelte di mrkt non possono essere disgiunte dalle scelte più generali riguardanti il modello complessivo di business. Le politiche di mercato non possono essere disgiunte dal complessivo sistema operativo dell impresa. NEI DIVERSI SETTORI Piccole imprese: no manageriale imprenditoriale. Si modelli ibridi B2B: omogeneità delle finalità caratteristiche, possibilità cooperazione, network di relazioni, clienti diversi dai consumatori, rileva il posiz nel network, la domanda deriva cmq dal mercato, interazioni cooperative, concentrazione, equilibrio dinamico potere di mercato, ting diffuso, approcci positivi ai problemi Servizi: si fa mrkt relazione e interno x formare il personale Tecnologico: modello di moor, consumatori visionari poi adottanti precoci, clienti conservatori e scettici. Turistico: divergenza degli interessi degli stake holder 2 approcci 1. Territorio =impresa 2. Modelli usati nel b2b CAPITOLO 2: fattori economici: keynes, Friedman reddito permanente, duesenberry, katona e le aspettative KOTLER (dal basso):bisogni fisiologici, sicurezza, appartenenza, stima e autostima, autorealizzazione Aspetti Psicologici HOWARD SHEET: input informativi simbolici, significativi, sociali; variabili esogene psicologiche, socio- demografiche, situazionali; output learn (attenzione alle informazioni: selettiva, distorsione = interpretare ritenzione ricordare), feel (intenzione attitudine atteggiamento) do (intenzione di acquisto acquisto ) Quota di mercato: composta da copertura, fedeltà, intensità Sociologici:gruppi di riferimento vebleriani: consumi imitativo ostativi dusenberriani: consumi di cittadinanza

3 Life style analysis: individua gli stili di vita, cluster di individui simili Kotler: domanda sottodimensionata o negativa = resistenze o inesistente o latente o insufficiente adeguata o regolare o irregolare sovradimensionata o eccessiva o nociva o Ciclo di vita: introduzione, sviluppo maturità declino. BCG (tasso di crescita Y quota di mercato Alta Bassa) : 1 stelle 2 enigmi 3 vacche da mungere 4 cani (da sin alt a dx bas) MC KINSEY: attrattività e competitività sugli assi CAPITOLO 3 micro segmentazione topdown 1.basi di segmentazione: a. criteri descrittivi, b. comportamenti di acquisto e consumo (clienti ostaggi, apostoli terroristi mercenari), c. benefit segmentation (+ discriminante, complessità, chi sono i clienti, unitario affrontare segmentazione e posizionamento del prodotto). 2. descrizione profilo segmenti ottenuti: quant, quali quant, potenzialità 3. valut attrattività e praticab segmenti (grafico) merc potenziale beni largo consumo ( n pers * chi se lo può permettere * occ d uso * q ottimale usata in ogni occ), beni durevoli (tasso rinnovo + primo acquisto + acquisti addiz) 4. strategia: di copertura completa (indifferenziata: stessa off x tutti differenziata), di specifiche porzioni (su segm multipli, concentrata su pochi, focalizzata come su una nicchia, one to one personalizza mrkt mix mass customizer personalizzazione) Inversa: parto dal prodotto Value elements: beneficio (psic, funzionali, soc, esperenziali) sacrificio (apprend, transazionali, economici, psic) Catena mezzi fini: prodotti mezzi x raggiungere fini: attributi (concreti/astratti) benefici (funz/psicosociali, impliciti/espliciti) valori individuali (terminali/strumentali) Attributi: basic, exciting one dimensional. Relazione attributo soddisfaz non è lineare. Creare valore: leadership di prodotto, vicinanza al cliente, efficienza Posizionamento:definire e far percepire gli attributi differenziando l offerta da quella dei concorrenti in modo da creare una stabile preferenza. Tecniche empiriche (associazione marche attributi) statistiche multivariate (mappa di posizionamento singole marche e prodotti ideali in base agli attributi) Strategie di posizionamento: conservative, riposizionamento, affiancamento, spostamento preferenze, modifica basi

4 INNOVAZIONE PRODOTTO E MERCATO innovazione di prodotto: breakthourght, nuove linee, estensioni di linee, miglioramenti, riduzioni di costo per innovazione di valore è necessario ricercare opportunità di innovazione approccio strategico volto alla sperimentazione, Evitare ipersegmentazione, modelli di business innovativi co-creazione fattori di rischio: di mercato, tecnologico (fattibilità e malattie) strategico fattori di successo: area sviluppo nuovi prodotti (velocità, integraz funzionale e effettiva, lavoro in team integrazione con esterni) fasi del processo 1. Generazione selezione idee, 2. definizione concept e strategia, 3. sviluppo di prodotto e test di mercato 4. gestione del lancio popolazione vs innovazione: innovatori, adottati precoci, magg anticipatrice, magg ritardataria, pigri gamma: ampiezza (n linee) profondità (n varianti) lunghezza (n tot prodotti) coerenza strategie di gamma: ampliamento (+ linee) allungamento (estensione linee) completamento linea, revisione Mrkt esperienziale: leve (punti vendita monomarca, prodotto e design, packaging, comunicazione, eventi). Moduli: sense, feel, think, act, relate Tribe mrkt: legame iinfluenza analisi di merc, segmentazione e posizionamento, gestione gamma e innovazione, comunicazione, distribuzione, prezzi RELAZIONALE obiettivi: sfruttare mass customisation, offrire > valore, basi x la fedeltà Fedeltà cliente: comportamentale (pref acquisti) cognitiva (pregiudizio + sul venditore) lealtà (commitrment, equità) nel modello dinamico di custode loyality CRM 1. Progettazione e uso information file, 2. Classificaz. Clientela 3. Scelta strategie 4. Attività operative 5. Controllo risultati. Classifico i clienti in base a priorità di investimento in verticale ho alta/bassa custode equità, in orizzontale bassa/alta fedeltà Partnership: con rapporto diretti o via web. Oggetto: giudizi, recensioni, generazione e selezione idee, proposte x innovazione, progettare comunicazione

5 CAP 4: PRODUZIONE DEL VALORE Per webster il marketing 3dimensioni: d. tattica (decisioni operative, risultati nel breve), d. strategica (strategia di mrkt parte integrante della strategia di impresa, d. culturale (contribuisce al consolidamento di valori distintivi che guidano i comportamenti definiz strategia). Quindi abbiamo il passaggio da impresa reattiva (def. Il marketing mix in base alla domanda) a impresa proattiva (condiziona il mercato). Vantaggio competitivo: ottenere in maniera continuativa una redditività superiore. Esterno di differenziazione /interno di costo (economie di scala, effetto esperienza, economie di scopo, varietà..) Strategie competitive: differenziazione (prodotto unico), leadership di costo, focalizzazione/concentrazione (si compete in un segmento anziché nell intero mercato) Strategie cooperative: relazioni con altre imprese. È sia collaborazione che competizione (co-opetition): da selezione (tra imprese simili), da apprendimento (incremento di conoscenze col partner), da multidimensionalità (1to1, tra concorrenti diretti o cliente e fornitore) Strategie di sviluppo: crescita in senso stretto [penetrazione del mercato (prodotto e mercato attuale, vendere di +), sviluppo del mercato (prodotti attuali in nuovi segmenti), sviluppo del prodotto (nuovo prodotto in mercato attuale)] integrazione, diversificazione[concentrica (attività complementari sul piano tecnologico o commerciale)conglomerata (attività slegate dalle attuali)] IMPRESA PROATTIVA: progetta il futuro governando il presente, è definita dal paradigma delle 6c: clienti (asset fondamentale) concorrenza(basata su cambiamento tecnologico) capacità(analitiche + coordinare le risorse) cambiamento(agente di cambiamento) perché sia attuabile consenso (internamente accettato) commitment (impegno, assunzione responsabilità).l impresa deve essere frattale(nodi di interazione no piramidale)virtuale (articolata in team che si aggregano a seconda delle necessità) etarchica (governare la diversità, team intrerfunzionali) Risorse critiche e vantaggio : cos è fonte di vantaggio? 4 paradigmi. RESOURCE BASED VIEW = la diversa dotazione di risorse di competenza e di fiducia (soddisfare i clienti). Il par. delle dinamic capabilities dice che non basta il possesso è importante lo scambio e l utilizzo combinato. COMPETITION B.V = capacità di interpretare i giochi competitivi, perseguire strategie competitive in modo efficace. CUSTOMER B.V= i clienti, relazioni e soddisfazione. I flussi generati dal cliente (custode equity), vengono reinvestiti per accrescere la proposta di valore e di conseguenza i ricavi e la custode equità (ricavi costi di gest della relazione) che viene reinvestita KNOWLEDGE B.V = risorse immateriali e conoscenze. Il marketing crea linguaggi condivisi di interfaccia che riducano le asimmetrie cognitive e informative. La conoscenza può essere codificata (trasferibile per chi sa decodificarla), codificabile, tacita (non trasferibile). La fiducia è importante: riduce il fabbisogno di informazioni necessario a interpretare il comportamento altrui. Per le PMI: approccio relazionale, con distributori e altre imprese del network. Il marketing è un processo di apprendimento continuo che identifica le fonti del vantaggio, i segmenti, attiva e sviluppa relazioni coi clienti, ascolta il mercato per migliorare l offerta. Gestione strategica del mercato: strategia emergente (da processi di apprendimento collettivo, tipica del mrkt relazionale, mintzberg, quinn e normann) o pianificazione strategica (procedimento analitico per definire la strategia, mrkt manageriale; Iter: raccolta di info, valutazione, elaborazione strategia, attuazione;ansoff e Larange dicono che servono schemi articolati per agire. Presenta limiti: eccessiva attenzione all attrattività di mercato, ricerca motivi dei gap tra previsioni e risultati effettivi, marginalizzazione del problema delle risorse necessarie corretti con 1.focalizzazione su acquisizione di vantaggi soddisfacendo il consumatore e svilupp. Capacità distintive (nuovi equilibri tra adattamento all ambiente e controllo, analisi

6 outside-in [prospettive di mercato] e outside-out [capacità interne], processi sia top bottom che bottom up, strategie che cerchino di valorizzare sinergie e capacità trasversali a più asa), 2.pianificazione duale di Abell delle capacità (sviluppo nuove capacità) 3.attenzione all implementazione delle strategie (marketing interno a sostegno del cambiamento), 4.più flessibilità e velocità di risposta (gestione per eventi strategici) Piano marketing: sommario, orientamenti strategici alta direzione, situaz di mercato attuale, prospettive, swot, [inizio parte quantitativa che definisce i margini di contribuzione e la scelta tra marketing mix] obiettivi del piano, strategie di mrkt, piano d azione per il 1 anno, previsioni in CE, controlli. Il piano marketing è vincolato da obiettivi di sviluppo perseguiti (strategia di crescita/sopravvivenza), obiettivi economico-finanziari, ampiezza business e modalità di perseguimento obiettivi, vantaggi competitivi ricercati, condotte competitive. I margini di contribuzione possono essere calcolati con logica direct costing [margine di contrib lordo = fatturato costi diretti] o full costing imputando una quota di costi indiretti. La scelta tra marketing mix diversi avviene 1.valutazione q vendibili tramite aree test o negozi pilota 2.determinazione del mg di contr unitario [prezzo costo var unitario], 3 det quantità di pareggio [costi fissi/mg contr unitario] 4. Det margine netto [(q vendibile q pareggio)* mg contr unitario], 5. Det redditività attesa [margine netto/costi fissi tot] 6.ponderazione per il grado di rischio. È minore tanto più è ampia la distanza tra q di pareggio e q vendibile. Vantaggi: il piano mrkt è uno strumento di coordinamento, pianificazione, consente di monitorare gli scarti tra previsioni e risultati, misure preventive, controllo rigoroso. Svantaggi: troppo affidamento, rigidità decisionale, deresponsabilizzazione Analisi gamma di prodotti: 8 indicatori quota di mercato, dinamica, fatturato, età del prodotto, % sul fatturato tot, % mg di contr, indice di contribuzione (prezzo/costi variabili), redditività investim specifici. Distinguiamo quindi tra prodotti fondamentali (alta redditività, maturità), di supporto (media età, poca incidenza, dinamica costante), del passato (media quota in calo, età avanzata, pochi investimenti) da eliminare, speranza (quota crescente, molti investimenti, età bassa) CAP 5 : politiche di prezzo Criticità: influenza la domanda, gravato dai margini di distribuzione, segnali di valore, price competition pericolosa, riduzione potere d acquisto, volatilità prezzi materie prime. Nrl determinarlo consideriamo domanda, concorrenza e costi. Il target price può essere definito con due metodi, il target return pricing [costo variabile unitario diretto + (costi fissi e var indiretti/vol produz) + ((tasso di ritorno * capitale)/vol produz)]o il cost plus pricing [costo medio unitario + profitto unitario]. Questi metodi fanno derivare il prezzo dalla domanda e non viceversa possono determinare solo il target price, utile x valutare effetti degli sconti, analisi di posizionamento, effetti sulla redditività di alcune scelte, simulazione guerre di prezzo. CONFIGURAZIONI DI PREZZO: prezzo di cessione del prodotto a terzi[= costi di input + diretti di prod/marketing + indiretti imputati + spese generali + profitto] prezzo al consumo[=prezzo di cessione + margine di distribuzione] prezzo di trasferimento[semilavorati trasferiti tra reparti]prezzo limite inferiore [costo variabile unitario incrementale] prezzo psicologico[prezzo massimo medio che son disposti a pagare] prezzo limite superiore[costo totale pieno + profitto + extraprofitto; mai > prezzo psicologico] prezzo tecnico [costo medio pieno in q di pareggio] tariffa[imposto da un regolatore] prezzo di cartello prezzo barometrico[definito da price maker] prezzo scrematura [premium price x innovazione] prezzo penetraz. [prezzo lancio basso x ottenere rapidamente elevati volumi] DISCRIMINAZIONE: variano al variare dei clienti/potere contrattuale dei distributori. DIFFERENZIAZIONE: i prezzi variano in ragione di extracosti sostenuti per servire il cliente STIMARE L ELASTICITA DELLA D: metodo cieco (per tentativi), market survey, market testing in aree pilota, simulazione in laboratorio (college), simulazione reale in punti vendita pilota.

7 Meno elasticità se tanta qualità distintiva percepita, scarsa sostituibilità, monopolio, non nota qualità dei sostituti, elevato rischio percepito, scarsa rilevanza economica (del prodotto stesso o complementare). Si analizza il rapporto tra prezzo e valore percepito incrociando le rilevazioni per marche e attributi, con la rilevazione ponderata dei prezzi. Nei mercati oligopolistici il prezzo è stabilito con condotte cooperative(price maker e price takers), adattive(variazioni x conservare posizioni) Opportunistiche(manovre a proprio vantaggio) offensive (scatenare guerre di prezzo). In oligopolio differenziato il leader fissa il prezzo in base alla differenziazione estensiva, nell omogeneo fissa un prezzo barometrico a cui gli altri si adeguano. Guerre di prezzo: in oligopolio omogeneo, domanda non espandibile, cap. produttiva non satura. CHI? Imprese minori efficienti (non conviene difendersi), imprese con vantaggi assoluti di costo, imprese con costi prevalentemente fissi CAPITOLO 5 politiche di prodotto differenziazione + parte sul brand tenuta da Dott. Bruzzo La diff. Può essere sostanziale (funzioni materiali) o marginale. Accresce i benefici percepiti quindi riduce l elasticità e accresce la domanda. Obiettivi (evoluzione): identificaz. Del produttore ridurre il potere di mercato degli intermediari sfuggire alla price competition arricchire il prodotto x segmentare sostenere le vendite in caso di eccesso di offerta La marca è un importante elemento di differenziazione. Il brand è l insieme degli elementi distintivi e simbolici che evoca un insieme di attributi funzionali e immateriali. Per l impresa è difesa dalle imitazioni, posizionamento, aumento valore di scambio, rafforzamento del potere di mercato, asset. Per il cliente è garanzia di qualità, di corrispondenza offerta/attributi di marca, riconoscibilità, autorealizzazione. brand equity. La notorietà della marca positiva è la base della brand equity. Nella seconda fase si costruisce un significato di marca in termini di performance e immaginario di marca. I consumatori sviluppano risposte cognitive in termini di giudizio e risposte effettive, base su cui creare un legame tra marca e cliente, ultimo step della brand equity. La notorietà, su cui incidono identità, immagine, posizionamento e fedeltà alla marca determina il valore della marca. Un elevato valore accresce l efficienza e l efficacia del mrkt mix, la fedeltà del consumatore, i margini, il potere contrattuale col trade. Il cliente ha maggiore fiducia e soddisfazione d uso TIPI DI MARCHE: marche prodotto, marche linea, marche degli stilisti, marche universali, marche ombrello (diverse linee), cobranding, brand extension, marche commerciali [di primo prezzo/di insegna/di fantasia]. Notorietà: effetto della comunicazione. Può essere spontanea o sollecitata. La notorietà totale cresce al crescere della notorietà spontanea. IMMAGINE DI MARCA: associazione di valori condivisi al brand, impressione complessiva, associazione basate su caratteristiche, stile di vita rispecchiato, posizione sociali,uso del prodotto, luoghi di consumo, punto vendita, ecc. costruire l immagine = attribuire alla marca caratteristiche uniche, riconoscibili, persistenti, rilevanti, distinguibili. L immagine di marca è data da potenzialità(unicità, rilevanza) e forza (qualità percepita, considerazione, stima, adesione, familiarità). Gestione dinamica dell immagine di marca: il modello brand concept management non è dinamico, non considera situazioni di discontinuità. Criticità causate da decisioni di risegmentazione e riposizionamento

8 che possono rendere inutilizzabile la vecchia immagine e dagli utilizzatori (banalizzazione o individualizzazione) Il posizionamento di marca è l immagine considerata con riferimento agli attributi rilevanti. Può essere definito in base al territorio (dove all interno della categoria di prodotti?) in base ai modelli di riferimento (testimonial, simboli culturali) in base all offerta al consumatore (benefit, plus di prodotto) Fedeltà di marca: convolgimento/empatia/soddisfazione abituale e voglia di evitare costi di cambiamento/non insoddisfazione sono i vari livelli di fedeltà. Essa si misura con tasso di riacquisto, quota di acquisti, numero marche acquistate nella classe prodotti CAPITOLO 5: politiche di Comunicazione (Bruzzo) Mix comunicazionale composto da: pubblicità (obiettivo cognitivo = farsi conoscere, obiettivo atteggiamenti = suscitare preferenze, comportamentale = indurre all acquisto), promozione vendite, sponsorizzazione, comunicaz interna, comunicaz personale interattiva. Processo di comunicazione: sulla codifica incidono l industria culturale primaria e l industria culturale secondaria. Dagli stimoli esterni l individuo percepisce alcune informazioni, elabora delle credenze sul prodotto/marca e assume un certo atteggiamento, detto agire di consumo. Esso risente del vissuto del prodotto/marca [consumer involvement, coinvolgimento economico, psicologico, rischio: schema di joice i due iter diversi] e dell intenzionalità del singolo [brain specialization, consumo razionale o emotivo]. In base a come si combinano questi parametri variano il ruolo della comunicazione, l approccio creativo e il media conta l audience per una comunicazione efficace: a chi parlare? Al target group. Si fa l analisi CRP: essa è pari alle reach (%persone del target raggiunte, copertura del target) * OTS (opportunity to see, frequenza media con cui gli appartenenti alla reach hanno contatto col medium del messaggio), ed è integrata da analisi sulla decodifica del messaggio. Reach*OTS è pari alla GRP, misura della pressione pubblicitaria. la campagna è valutata in base a grp, reach, ots. Alte reach per consumi razionali ad alto coinvolgimento, alto ots per consumi raz. A basso coinvolgimento, molta GRP per consumi ad alta emotività CAPITOLO 5: Politiche di distribuzione Funzioni della distribuzione: coprire i gap spaziale, temporale, quantitativo, qualitativo ( assortimenti), finanziam, informativo, assistenza, promozione vendite. Politiche di distribuzione: 1. COPERTURA [estensiva per i convenience goods, selettiva per i beni shopping, esclusiva per gli specialities goods] 2. CANALE [indiretto lungo, indiretto breve, diretto, franchising, integrazione verticale a base succursalistica; si scelgono con criterio economico(il meno caro)/ controllo(brevi)/ flessibilità (meno investimenti)] 3. SCELTE PULL [incentivi ai distributori x tenere il prodotto] o PUSH[comunicaz perché i consumatori chiedano il prodotto ai distributori] 4. LOGISTICA Il marketing nella grande distribuzione: c è un evoluzione delle tipologie commerciali, anche a seguito della crisi. Nel grocery abbiamo in crisi i superette tradizionali, gli ipermercati(>5000 mq, se troppo lontani risentono del caro benzina) in fase di ammodernamento i supermercati di piccolo ( ) e medio

9 formato ( offrono servizi aggiuntivi, reparti discount, promozioni), i supermercati di grande formato ( ), in sviluppo i discount, i cash and carry, i punti vendita di prossimità e i drive Cambiamenti: nuovo modello di filiera, logiche di category management, logica sell out, centralizzazione acquisti, instore marketing, cambiamenti organizzativi (orizzonte temporale di medio termine, gestione per progetti, accreditare le marche coerentem al categoryu management, integrazione marketing e commerciale, elevata informatizzazione cambiano le responsabilità non la struttura) Scontistica: sconti canale/cliente, riduz termini di pagamento, logistici (se logistica integrata), transfer delivery(ai consorzi), canvass (periodo limitato), premi a fine anno Contributi: promozionali (x promozioni), per acquisire info dal pos scanner, per merchandising, per nuovi punti vendita che trattino il prodotto in assortimento, per cobranding. Prima della rivoluzione commerciale: poca gdo, circuiti indiretti brevi in cui l impresa fungeva da grossista e raggiungeva il dettagliante per un > controllo sul mrkt mix, l industria era il leader, logica push, massimizzare il sell in, sconti canvass, alti tassi di inflazione rendono convenienti i sovra stoccaggi. dopo della rivoluzione commerciale: dominio della gdo, circuiti indiretti brevi in cui la gdo integra la distribuzione all ingrosso, minimizzare i costi logistici, gdo è il leader, logica pull massimizzare il sell out, trade marketing, bassi tassi di inflazione rendono conveniente la scorta zero logistica integrata VMI (Vendor management inventory): il cliente definisce scorta minima e massima, il venditore elabora una proposta d ordine, i flussi fisici procedono di conseguenza, cercando di fare spedizioni a pieno carico, con correzioni stagionali/promozionali. ECR: ha suggerito protocolli di logistica integrata molto articolate. Funzionano bene! CAPITOLO 6 CUSTOMER SATISFACTION Metodi di rilevazione indiretta: misurazione in base a variabili ipotizzate come correlate (n di reclami). Non si individuano le motivazioni, inoltre la correlazione non sempre è buona. Sono da prediligere quindi i Metodi di rilevazione diretta: basati sul paradigma della conferma/disconferma delle aspettative. Si prevede che i soggetti si formino un opinione preacquisto che verrà poi confermata o smentita. Da questa valutazione comparata si desume la soddisfazione dei clienti. Abbiamo alcuni problemi metodologici: quali standard per definire la qualità attesa?(aspettative=qualità previste o desideri = qualità auspicate?)quali sistemi per misurare la qualità attesa? (metodi analitici attributo per attributo, o sintetici di giudizio complessivo? Ci sono effetti sinergici o sostitutivi, relazioni tra attributi)quale arco temporale considerare?(singola transazione o ampio periodo temporale?) MODELLO SERVQUAL: lo scostamento tra servizio atteso (dipende da comunicazione, passaparola, esperienze passate, esigenze) e percezione del servizio (caratteristiche, personale di contatto, comunicazione, progettazione, prestazioni effettive) [gap 5] dipende dalla somma di 4 gap: gap 1 [ tra servizio atteso e percezione da parte dei dirigenti delle aspettative (progettazione), il servizio va riprogettato+ gap 2 *tra progettazione e caratteristiche del servizio: riportare l offerta effettiva ai livelli della programmata] gap 3 [tra caratteristiche e prestazioni effettive: personale di contatto] gap 4 [ tra prestazioni effettive e comunicazione] MODELLO VALDANI-BUSACCA: abbiamo 5 gap. Valore desiderato-pianificato [gap di sintonia, tra valore progettato e ciò che cercano i consumatori. È il gap 1 e 2]Valore pianificato- recepito [gap di allineamento e coinvolgimento, scostamento tra pianificato e offerto è il gap 3]Valore recepito -offerto[gap di

10 progettazione e realizzazione, carenze nella progettazione è il gap 1] Valore offerto- percepito [gap di percezione (4), causato da politiche di comunicazione inadeguate] Valore percepito- desiderato [gap di valore, errata comprensione della catena mezzi-fini, inadeguatezza conoscenze, è il gap 5 ]. CUSTOMER EQUITY E VALORE DELLA CLIENTELA: valore degli acquisti in t % margine sulle vendite t attualizzazione [ spese di gestione della relazione t. attual costi di acquisizione in t0] Incidono sulla customer equità la durata del rapporto (t di attualizzazione), le caratteristiche del cliente (intensità d uso, ecc), possibilità di accrescere gli acquisti con brand extention, tasso di attualizzazione applicato, spese di gestione e fidelizzazione che possono aumentare all improvviso. Il valore totale della clientela è la somma delle custode equità per ogni cliente: è un cash flow atteso attualizzato.

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino POLITICA DI PREZZO 1 Definizione: il prezzo è la somma di denaro pagata dal compratore al venditore in cambio di ciò che riceve come prestazione (corrispettivo del valore ricevuto). Le politiche di prezzo:

Dettagli

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco IL MARKETING E il processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi Benevento, 20 aprile 2007 La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI Fare i prezzi sui mercati internazionali è una delle attività più complesse - elevata quantità di informazioni interne ed esterne all impresa - molte variabili da considerare

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE Per prodotto s intende tutto ciò che può essere offerto ai consumatori per soddisfare un loro bisogno IN BASE ALLE ABITUDINI DEL CONSUMATORE I PRODOTTI

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Marketing Operativo: Prezzo

Marketing Operativo: Prezzo Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Prezzo Dott. Mario Liguori Fattori che influenzano il pricing Fattori Interni -Obiettivi di marketing:

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso.

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso. DOMANDE CHIUSE CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECONDA PARTE) LA PALESTRA 1. L attività di pianificazione, gestione e controllo dei flussi fisici dei materiali (m.p., semilavorati, e prodotti

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Definizione di Strategia Modelli di Analisi Strategica (e della concorrenza) Modelli di Formulazione della Strategia (Processo

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

Marketing, vendite e servizi post-vendita

Marketing, vendite e servizi post-vendita Marketing, vendite e servizi post-vendita L attività di marketing include: a) tutte le azioni che spingono il consumatore ad acquistare un dato prodotto Marca, pubblicità, promozione (servizi di assistenza

Dettagli

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese 1 1 Cos è un business game?!"!#$%&%'( )*(+,-./0(!"!#$%&%'(/.(1.23-,4.0*5(/5--,(+.6,(/.(.27851,( 9%'$'( )*( 9%'$'(.*( :3,*60( 785+5/5( -;51.165*4,(

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Product, Place, Price, Promotion.

Product, Place, Price, Promotion. Rif. 13.1.1 RELATIVITA DEL MODELLO DELLE 4 P E lo schema maggiormente consolidato per sintetizzare e memorizzare le politiche di mercato (Marketing mix) che, in modo integrato e sinergico, dovrebbero comporre

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

Customer Value. Soddisfazione, fedeltà, valore. Bruno Busacca. Dean, SDA Bocconi School of Management Full Professor of Marketing, Bocconi University

Customer Value. Soddisfazione, fedeltà, valore. Bruno Busacca. Dean, SDA Bocconi School of Management Full Professor of Marketing, Bocconi University Customer Value Soddisfazione, fedeltà, valore Bruno Busacca Dean, SDA Bocconi School of Management Full Professor of Marketing, Bocconi University 17ma Giornata ticinese del Marketing - Lugano - 22 maggio

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

8.1.2 Gli strumenti finanziari... 211

8.1.2 Gli strumenti finanziari... 211 Indice Prefazione... 13 La struttura del volume... 17 1 La creazione di valore in impresa... 23 1.1 La teoria della creazione di valore: origini e significati... 23 1.2 Non è tutt oro quel che luccica

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) dott. Matteo Rossi La politica di prezzo Determinare ed amministrare i prezzi assume una rilevanza fondamentale nell elaborazione del programma di

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Scaletta della lezione: 1. Evoluzione del concetto di pianificazione strategica 2. Alcuni significati di strategia 3. Il processo decisionale strategico: la SWOT analysis 4.

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Marketing Operativo: Distribuzione

Marketing Operativo: Distribuzione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Distribuzione Dott. Mario Liguori Comunicazione Martedì 14 e Mercoledì 15 no lezione 1 Canali distributivi

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2007 The Companies srl CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1 TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE COMMERCIALI Powerpoint Templates Page 1 MATERIALE CONSULTATO Daniele Fornari Trade marketing-relazioni di filiera e strategie commerciali Egea 2009. Consultazioni

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

Marketing Mix. Marketing Mix. La politica di prodotto

Marketing Mix. Marketing Mix. La politica di prodotto fase analiticoconoscitiv a fase decisionale e operativa Concorrenz a e settore Analisi quantitativa della domanda Strategie concorrenziali Politica di prodotto Consumo e domanda Sviluppo aziendale Comport.

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore)

PROGRAMMA. WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) PROGRAMMA WARM UP (44 ore): Presentazione (4 ore) Introduzione all analisi dei ricavi e dei costi (16 ore) - Il comportamento dei costi aziendali: costi variabili vs. costi fissi, costi diretti vs. costi

Dettagli

Cap.8 Strategie di marca. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.8 Strategie di marca. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.8 Strategie di marca Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it 2 Brand Management Costruzione del sistema della brand identity Definizione del

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale Lezione L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2006-2007 Le attività d impresa Il portafoglio prodotti è l insieme delle

Dettagli

Sostenibilità e servizi in farmacia

Sostenibilità e servizi in farmacia Milano, 22 Aprile 2013 Università Commerciale L. Bocconi Stefano Casati Andrea Misticoni Michele Popolo Angelica Vallarino Gancia Agenda 1 2 3 4 Introduzione Analisi e Market Overview Linee di sviluppo

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile:

Il concetto di strategia ha subito nel tempo un'evoluzione, così sintetizzabile: La pianificazione strategica nelle Pmi: criticità e prospettive L'innovazione è un fattore critico di successo e di competitività: per il lancio o il restyling di prodotti possono essere utilizzate tecniche

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli