LA VITA QUOTIDIANA DEGLI ETRUSCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VITA QUOTIDIANA DEGLI ETRUSCHI"

Transcript

1 LA VITA QUOTIDIANA DEGLI ETRUSCHI Cap. 3: un caso emblematico per la ricerca olfattiva relativa al mondo antico [1] edito su La ricerca degli ambiti olfattivi relativi al mondo etrusco ha determinato da subito, a causa dei molteplici potenziali settori di indagine, la necessità di una scelta mirata. Si è cercato cioè di approfondire quegli argomenti che, da un lato, offrissero dati importanti e storicamente accertati relativi all'ambito olfattivo; dall'altro che fossero il più possibile connessi, dal punto di vista storico-documentario, con alcuni reperti conservati all'interno del Museo locale della città di Cortona, con i monumenti funerari del Parco Archeologico, e, in generale, con la storia del territorio, inteso come paesaggio che interagisce con l'attività umana [2]. In particolare la ricognizione storica si è appuntata sui seguenti temi: - alcuni aspetti del carattere agricolo della società etrusca, facendo attenzione a tutti quei prodotti derivati da pratiche di coltivazione, che possono avere avuto una parte importante sia come alimenti a sè stanti, sia come ingredienti nella preparazione di pietanze più complesse; ancora, i prodotti dell'allevamento e delle attività predatorie (caccia e pesca) ed il rituale del banchetto; - l'utilizzo di piante medicinali storicamente attestato da parte degli Etruschi; - i rituali di sepoltura; - profumi e tecniche di profumazione degli ambienti Carattere agricolo della società etrusca La società etrusca, come ogni altra società dell'antichità, ebbe una base economica fondamentalmente agricola e per prima realizzò, nella nostra penisola, una forma agraria organizzata e stabile del paesaggio, frutto di una costante azione selettiva o distruttiva sulla vegetazione spontanea. Se si percorrono a ritroso almeno cinquemila anni, la configurazione ambientale dell'italia non presenta alterazioni macroscopicamente apprezzabili rispetto al sistema orografico ed idrografico odierno: le pianure attuali erano già formate, i vulcani toscani e laziali già spenti e solo i profili delle coste erano molto diversi. Le pianure asciutte erano però ricoperte, molto più che adesso, da boschi di olmi, tigli, aceri, allori, querce e, nella fascia costiera, da pini. La sedimentologia non mostra particolari irrigidimenti climatici

2 per questo periodo, con variazioni di poco più di un grado, per nulla incidenti sulle coltivazioni agricole. Dal Neolitico in poi, fino all'apparire attorno al IX secolo a.c. della prima facies culturale della civiltà etrusca, denominata villanoviana, l'uomo-agricoltore privilegiò dunque, proteggendole e diffondendole tenacemente, le specie di piante "economiche", utili per il suo sostentamento o per la sua cura [3]. L'Etruria, nome latino della regione in cui si sviluppò la civiltà etrusca, corrisponde approssimativamente all'attuale Toscana, con i confini orientale e meridionale segnati però dal corso del Tevere ed il confine occidentale segnato dal Mar Tirreno, incluse le isole. Il confine settentrionale era probabilmente costituito dalla valle dell'arno; comunque non va dimenticato che, alla fine del VI secolo a.c., l'espansione etrusca raggiunse la pianura padana e la Campania, e la tradizione letteraria vuole che, nelle nuove terre, fossero fondate dodecapoli come nell'etruria propria [4]. Quest'ultima presenta un certo frazionamento geologico: a sud, terreni di origine vulcanica punteggiati da antichi crateri, ora divenuti bacini lacustri; ad ovest, al paesaggio del tufo si contrappone quello della Maremma, con pianure estese lungo la costa, interrotte dalla collina calcarea dove sorge Tarquinia, dai Monti della Tolfa, dalle alture di Cosa, del Monte Argentario e dell'uccellina. Le terre rosse, originate dalla decomposizione dei calcari, caratterizzano tali territori in parte coperti dalla macchia mediterranea. Se il tufo ed i calcari offrono un buon grado di fertilità, più poveri sono i terreni sabbiosi alluvionali delle pianure fluviali. Prima delle bonifiche la presenza di argille poco permeabili sotto i depositi sabbiosi provocava estesi fenomeni di impaludamento e, già al tempo di Catone, la zona doveva essere malsana, se egli spiegava che il nome di Gravisca, colonia romana fondata nel 181 a.c. per essere porto di Tarquinia, aveva tale etimologia quia aer gravis est [5]. La terza area, corrispondente all'attuale Toscana con l'appendice perugina, si distingue per un paesaggio per lo più collinare, con un grande lago di origine tettonica, il Trasimeno, ed ampie vallate fluviali interne sparse per tutto il territorio (Valli del Tevere, del Chiana, del Cecina, dell'arno). Includiamo, in questa analisi, anche la pianura padana, di origine alluvionale, con un paesaggio quasi ovunque piatto ed uniforme, alla cui formazione ha contribuito l'opera plurisecolare di disboscamento e messa a coltura dell'uomo. L'esistenza in epoca antica di zone boschive, oggi limitate ai soli boschi di Carrega presso Collecchio e, nel ferrarese, ai boschi Panfilo e della Mesola, è testimoniato, oltreché dai rinvenimenti paleobotanici, dal nome dei borghi di origine medievale, come Cerreto, Querceto, Frassineto, Rovereto, Saliceto, Castenaso. La leggera pendenza della pianura, con altitudine degradante da ovest verso est e dai bordi verso il centro, permette alle acque di scorrere verso il mare invece di fermarsi e ristagnare in paludi. Se i terreni ai piedi delle Alpi e degli Appennini, estremamente permeabili, rendono i terreni aridi e poco favorevoli alla vegetazione, quelli della bassa pianura sono invece più compatti ed impermeabili, trattengono le acque e le assorbono poco per volta: per questo si prestano maggiormente all'agricoltura. I "granai d'etruria", evidenziati da uno studio pedologico e climatico, sono riconducibili dunque alla Val di Chiana, alla zona del Valdarno inferiore presso Pisa, alla Maremma, ai terreni tufacei dell'alto Lazio, alla Valle del Paglia, all'area sud-padana.tutte queste aree offrono una precisa corrispondenza di reperti archeologici collegabili con l'agricoltura [6] (depositi votivi con attrezzi agricoli; modellini bronzei d'aratro, di buoi e di animali domestici; contenitori per derrate alimentari) e di cariossidi carbonizzate di cereali e legumi ritrovati negli scavi degli abitati etruschi; né sono da sottovalutare i precisi riferimenti, se pur tardi, delle fonti letterarie greche e latine alla fertilità e ai prodotti di queste terre [7].

3 3.1.1 Le produzioni alimentari I cereali Gli Etruschi furono grandi produttori di cereali, vino ed olio. La coltivazione dei cereali fu assai precoce, come testimoniano numerosi reperti paleobotanici provenienti da siti dell'età del Bronzo (Luni sul Mignone, Sorgenti della Nova) [8], ed un bronzetto villanoviano rappresentante un contadino che guida un aratro trainato da due buoi, pertinente ad un carrello bruciaprofumi da Bisenzio [9]. Lo sfruttamento sistematico del suolo a partire dal IX secolo a.c. e la grande disponibilità di metalli, di cui il sottosuolo era estremamente ricco, presto utilizzati per la fabbricazione di uno strumentario agricolo di prim'ordine portò, nel giro di pochi secoli, a produrre una quantità in eccesso di cereali. Dionigi di Alicarnasso e Livio raccontano che Roma stessa, nel corso del V secolo a.c., in concomitanza con alcune carestie, non esitò a rifornirsi di cereali sia dalle città dell'etruria interna che da quelle costiere [10] Non è un caso che sempre alla fine del V secolo a.c. la zecca di Tarquinia batté monete con effigiato l'aratro [11].Tali frumentationes assisteranno i Romani anche due secoli dopo. Nel 205 a.c., alla vigilia della spedizione di Scipione in Africa contro Annibale, le città etrusche di Cerveteri, Roselle,Volterra, Chiusi, Perugia, Arezzo procureranno numerosi moggi di frumento: in particolare Arezzo ne inviò [12]. La coltivazione cerealicola fu in particolare quella che impresse forma definitiva al paesaggio agrario, frazionato in campi di forme geometriche regolari, spesso delimitati da aceri maritati a vite, come ancora si poteva vedere nelle nostre campagne antecedentemente alla meccanizzazione agricola del secondo dopoguerra. Quanto all'alimentazione, i cereali avevano un doppio uso: quelli nudi erano impiegati per ricavare farina da pane, come la famosa siligo, grano tenero prodotto a Chiusi e ad Arezzo per confezionare pane fine, come sappiamo da Plinio [13]; quelli vestiti, fra cui il Triticum monococcum e l'hordeum vulgare, erano usati predisponendoli nell'alimentazione mediante torrefazione, cui seguivano battiture e macinazione [14]. Con il grano frantumato si preparavano poi pappe e polente, in latino puls, termine che, secondo i glottologi [15], sarebbe stato trasmesso dall'etrusco: di qui l'epiteto pultiphagi attribuito dagli orientali ai romani ed italici in genere, nomignolo ricorrente nelle commedie

4 di Plauto [16]. Con il grano si preparavano anche farinate, in latino farratae, che Giovenale [17] specifica essere il piatto nazionale etrusco. Tali pultes potevano poi essere mescolate con ingredienti diversi, come uova e miele, unico dolcificante conosciuto. Nell'area di Pisa era apprezzata una specie di pasta-polenta ottenuta con un tipo di semola (alica) mescolata con vino e miele [18]. Diffuse in genere presso le popolazioni italiche erano le mescolanze fra farina di cereali e farina di legumi, in particolare le fave [19]. Gli stessi cereali dovevano essere presenti con diverse specie in tali piatti, come ci indica il termine latino farrago che, secondo Festo [20], indicava una miscela di cereali coltivati per il bestiame, ma la pratica doveva in origine riferirsi a colture miste per l'alimentazione umana.tale attività è ancora oggi attuata in alcune regioni alpine a clima rigido dove si seminano miscele di frumento e segale o anche avena, così che, a seconda dell'andamento stagionale, prevale l'uno o l'altro cereale, assicurando il raccolto. Con la farina di farro (Triticum dicoccum) si facevano anche focaccette impastate con olio, miele, oppure latte o fegato di pecora [21] Il vino Se non è da escludere che fin da epoca micenea il vino della Grecia, sia pure in forma sporadica, potesse essere conosciuto, tramite contatti commerciali, dalle popolazioni della penisola italica, fu soprattutto a seguito delle frequentazioni greche del IX secolo e della fondazione delle prime colonie greche nella penisola italica, a partire dalla fine dell'viii secolo a.c., che la vite fu impiantata largamente nelle regioni meridionali, e che il vino venisse proposto su larga scala agli esponenti di rilievo dei grandi centri preurbani villanoviani [22]. Già alla fine del IX secolo a.c. giunsero infatti dall'area euboica, in area veiente e romana, i primi vasi greci di importazione, che si collegano indiscutibilmente al consumo di vino importato, diffusi all'interno di sepolture di individui che si pongono ai vertici delle società [23]. Recentemente è stata proposta l'ipotesi che fosse noto, almeno nel Lazio meridionale ma probabilmente anche in area etrusca, già un vino indigeno, indicato dalla parola latina temetum [24]. L'esistenza di un simile prodotto e di una ritualità ad esso connessa, precedente dunque l'introduzione dei riti simposiaci di origine greca, potrebbe essere confermata anche da altre due categorie di indizi. La prima riguarda il mondo della ceramica, nel quale si ritrovano due forme vascolari autoctone molto probabilmente connesse con il vino: se il legame è probabile per la capeduncola con ansa bifora, esso è accertato per l'anforetta a spirale, fossile-guida delle necropoli laziali e sud-etrusche di età orientalizzante, la cui imitazione darà, come esito, l'anforetta attica nicostenica sicuramente connessa al vino, nel VI secolo a.c. [25] La seconda riguarda il mondo paleobotanico, con le attestazioni di Vitis vinifera e di vinaccioli presso l'abitato del Gran Carro (VIII secolo a.c.), località per la quale si è proposta l'ipotesi di un primo tentativo di sfruttamento indigeno della vite [26] o con la presenza di vinaccioli d'uva nelle tombe della necropoli laziale del Foro a Roma [27] Ma il nuovo prodotto, conosciuto attraverso l'osmosi culturale con i Greci, doveva presentarsi di qualità superiore, sia perché frutto di specie di vitis selezionate nel tempo, sia perché realizzato con le più progredite tecniche di coltura e di preparazione: il suo

5 successo fra gli Etruschi sarà pertanto inarrestabile. Con la fine dell'viii secolo a.c. il cerimoniale del simposio si strutturò alla maniera greca specialmente in Etruria meridionale, quando a Tarquinia si stabilirono ceramisti greci che produssero, per le aristocrazie etrusche, interi gruppi di vasi per i momenti salienti del simposio: l'oinochoe e lo skyphos a decorazione geometrica, preposti rispettivamente per l'attingitura ed il trasporto del vino il primo, il vaso per bere dei simposiasti il secondo, il grande calderone in bronzo su sostegno o alto piede, ben attestato nei corredi delle tombe principesche orientalizzanti. Che la pratica simposiastica sia ormai largamente diffusa tra le classi principesche è testimoniato anche dalla lastre delle regiae di Murlo ed Acquarossa, della metà del VI secolo a.c. Per ciò che concerne più propriamente il vino, fino alla metà del VII secolo a.c., all'interno dei corredi delle tombe degli aristocratici etruschi si trovano anfore prodotte unicamente in regioni greche (Attica, Eubea, Grecia orientale) o fenicie, insieme con materiali da mensa euboici, rodii o corinzi [28]. Fino a quell'epoca dunque il vino era un prodotto esotico, raro e alla portata di pochi. Lo stesso mito di Dioniso che trasforma in delfini i pirati etruschi che avevano cercato di rapirlo, cantato nel VII inno omerico e più volte raffigurato nella ceramografia etrusca, sembrerebbe adombrare tale sudditanza commerciale [29]. Dall'ultimo quarto del VII secolo a.c. comincia invece, probabilmente nella prima fase per iniziativa dei grandi principes proprietari terrieri, una produzione di vino locale, anche grazie alle grandi masse di servi sulle quali poter contare [30]. In questo stato sociale numerosi gruppi di persone sono interamente destinati alla coltivazione di una coltura specializzata come la vite, che necessita di un'assidua cura. I primi emblematici segnali compaiono a partire dall'ultimo venticinquennio del VII secolo a.c. e riguardano la ceramica da mensa. Cominciano ad apparire diffusamente grandi servizi da simposio in bucchero, ceramica etrusca che imita per lo più le forme greche, anche se conserva anche alcune forme autoctone [31]. Ma l'indizio più importante di una locale produzione di vino, che presto arriverà all'esportazione, è fornito da città come Cerveteri e Vulci, dove sono state localizzate botteghe che fabbricavano i contenitori da trasporto della bevanda. È attestata infatti una graduale diffusione delle anfore prodotte dalle due città sia nelle tombe che in numerose località dell'italia e dei paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. Pensiamo in particolare ai rinvenimenti dei relitti lungo le coste francesi, ad esempio quelli di Cape d'antibes e Bon Porté, che trasportavano assieme anfore (il vino) e il vasellame da mensa (vasi di bucchero necessari per il suo consumo e forse dono di rappresentanza). In generale i numerosi rinvenimenti di anfore indicano che ambito privilegiato per l'esportazione del vino etrusco fu, oltre all'intera costa tirrenica fino alla Sicilia orientale, lo specchio nord-occidentale del Mediterraneo fino a Marsiglia e ad Ampurias. Il mercato era indirizzato dunque sia verso le colonie greche, che verso i Celti (odierna Francia), fino alla Spagna. Altri luoghi che hanno restituito sporadicamente vasellame di bucchero e di imitazione corinzia sono la Sardegna, la Sicilia occidentale, Cartagine e la

6 Spagna meridionale, ambito geografico dove opera la marineria punica e dove il vino etrusco non può trovare accoglienza, a significanza di quella spartizione della influenza diretta tra le due potenze e di quell'alleanza di difesa del Mediterraneo occidentale in funzione antiellenica testimoniata anche dalla battaglia di Alalia e dalla lamina di Pyrgi iscritta in lingua punica [32]. A partire dalla fine del VI secolo a.c. si canonizzano altre forme ceramiche da impiegare nel simposio: dal kyathos, forma vascolare etrusca con origini che affondano nell'età del Bronzo e che è riprodotta nel Ceramico di Atene, a tutte quelle forme nate e direttamente prodotte in Grecia, a figure nere prima, e rosse poi: kantharoi, skyphoi, olpai, oinochoai, kylikes, crateri, anfore. L'Etruria sarà l'acquirente più importante della produzione ceramica attica, pur continuando a produrre, in parallelo, anche serie ceramiche locali. Nei casi più raffinati abbiamo anche servizi realizzati in metallo. Basta pensare all'area dell'adriatico settentrionale che, fra il VI e il V secolo a.c., è caratterizzata dalla produzione di eleganti situle in bronzo per il consumo di vino [33]. Oppure ai non rari servizi in bronzo che, oltre alle consuete olpai e oinochoai, possono annoverare anche grattugie, colini, a seconda di esigenze di consumazione (probabile associazione, in alcuni casi, del formaggio grattugiato con la bevanda vino, filtraggio dello stesso o di decotti di cui poteva costituire base essenziale) [34]. Le esportazioni di vino etrusco verso le coste della Francia continuano anche dopo la disfatta di Cuma, del 474 a.c., sia pure con una progressiva contrazione, almeno fino all'inizio del IV secolo a.c. Dal III secolo a.c. le anfore di produzione vulcente e ceretana vengono sostituite dalle anfore cosidette greco-italiche, provenienti dall'italia meridionale, che ebbero una larghissima diffusione nel III-I secolo a.c. e che dovettero presto essere prodotte anche nell'italia centrale [35]. Anche l'etruria interna con i centri di Arezzo, Cortona e Chiusi sembra ora promuovere diffusamente una produzione vinicola, come è adombrato dalla serie monetale fusa ruota-ancora, riferita a tali città, che può presentare, al rovescio, anche il cratere o l'anfora [36]. Le testimonianze paleobotaniche relative a questo orizzonte cronologico hanno restituito rami di Vitis vinifera a Pyrgi (in pozzi colmati verso il 270 a.c.) [37] e vinaccioli della stessa a Blera, presso l'insediamento agricolo Le Pozze (III secolo a.c.) [38]. Le fonti letterarie relative alla produzione di vino, uve e vigneti risalgono quasi tutte all'età ellenistica e alla romanizzazione, pur facendo riferimento, in alcuni casi, ad epo-

7 che precedenti. Secondo Dionigi di Alicarnasso, abbondanti ed eccellenti erano i prodotti dei vigneti della regione etrusca, albana e falerna [39]. Sia Dionigi [40] che Livio [41] ricordano l'importanza del vino di Chiusi come attrattiva per i Celti a proposito del celebre passo sulla vicenda di Arrunte. Lo stesso Ateneo conferma come i vini etruschi fossero conosciuti ed apprezzati anche in Grecia [42]. Plinio il Vecchio ricorda alcune qualità note di vitigni etruschi, che forse riflettono aree di produzione rinomate anche in epoca precedente: si tratta dell'uva di Todi, che ha due varietà piantate nel territorio di Arezzo e di Firenze [43]. Plinio rammenta anche un tipo di uva di Chiusi, impiantato anche a Pompei e nell'area del Vesuvio e da cui deriva il nome di Pompeiana [44], il vino di Pisa [45], i vini di Adria, Gravisca, Statonia, Luni [46].A Caere sono dati come presenti vini di qualità [47] e vigneti [48]. I vitigni di Perugia, con uva dai chicchi neri, che in quattro anni forniva vino bianco, erano stati impiantati anche nell'area di Modena [49]. Un pessimo vinello dell'area di Veio è testimoniato da molti poeti [50] L'olio Non si hanno documentazioni letterarie significative relative alla presenza di olivi e dell'olio in Etruria. Secondo Fenestella e Plinio il Vecchio [51], la coltura dell'olivo sarebbe stata introdotta da Tarquinio Prisco, proveniente dall'etruria, ma figlio del greco Demarato. Sappiamo poi che Arrunte, a detta di Dionigi di Alicarnasso [52], fra i prodotti che portò ai Celti per convincerli ad invadere le campagne di Chiusi offrì "molti otri di vino ed olio". In questo caso dobbiamo affidarci largamente alla documentazione archeologica, paleobotanica ed epigrafica. Fino a tutto il VII secolo a.c. l'olio fu importato dalla Grecia per quattro scopi principali: alimentare, ginnico, di illuminazione, estetico. Nell'alimentazione l'olio era impiegato sporadicamente (dovevano trovare un consumo più largo i grassi animali), mentre più diffuso era il consumo delle olive; nell'ambito sportivo era comunemente utilizzato dagli atleti, specialmente dai lottatori, per sfuggire all'avversario, come nella famosa scena dipinta nella Tomba degli Auguri, a Tarquinia; spesso si vede l'aryballos contenente l'olio legato al braccio dell'atleta (come nella Tomba della Scimmia a Chiusi). Notevole doveva essere il suo impiego nell'illuminazione, da piccole lucerne fino ad arrivare a esempi eclatanti come il lampadario di Cortona, che presenta bocchette per accogliere l'olio che poi bruciava tramite uno stoppino. Nel mondo della bellezza femminile l'olio era impiegato, unitamente a sostanze profumate, dalle aristocratiche etrusche. Il prezioso liquido doveva accompagnare anche l'ultimo atto della vita umana, nella pratica di profumare il defunto con unguenti. Fino alla metà del VII secolo a.c. l'olio era importato dalla Grecia già stivato all'interno di contenitori diversi a seconda dei vari usi. Per le grandi quantità si utilizzavano le anfore; per gli unguenti odorosi, in cui entrava come componente essenziale l'olio d'oliva, i contenitori erano i piccoli aryballoi, gli alabastra e gli askoi.

8 Le anfore greche olearie, rinvenute in gran numero specialmente a Spina, provenivano particolarmente dall'attica. Invece i vasetti da profumi erano prodotti essenzialmente da Corinto. Questi ultimi, ricchi di decorazioni e raffinati, entravano nel corredo della matrona etrusca, come si può apprezzare da alcune scene incise su specchi. Di norma tra i mercanti greci e l'acquirente etrusco poteva frapporsi un rivenditore, che offriva l'olio dentro il contenitore o sfuso: è lecito supporre ciò osservando una scena su un vaso attico a figure nere, dove un uomo sta versando con un imbuto una piccola quantità di olio in un vasetto tenuto in mano dall'acquirente [53]. L'importazione perdura per tutto il VII secolo a.c. (dall'attica, Eubea, Corinto, Grecia orientale e Fenicia), ha come naturale conseguenza il fatto che in questo periodo non si coltivava l'olivo in Etruria. Successivamente, a partire dal terzo quarto del VII secolo a.c., cominciano alcune produzioni anforacee etrusche che inizialmente imitano i tipi fenici elaborati in Occidente (esempi a Vulci e a Chiusi) e imitazioni in bucchero dei vasi da profumi. È il momento in cui si inizia a far concorrenza all'olio e ai profumi greci, attraverso una produzione locale. Le conoscenze tecniche sulla coltivazione dell'olivo furono probabilmente acquisite dalla Magna Grecia, regione dove già da tempo la coltura era praticata. L'olio, insieme al vino, comincia a comparire largamente nei corredi, testimoniato dai suoi contenitori specifici. Conferma di tale processo è anche la terminologia olearia etrusca, prestito dal greco, e successivamente passata al latino. Basti citare la parola latina amurca, designante la morchia, che testimonia un chiaro passaggio del greco amorgon attraverso l'etrusco. Altrettanto significativa è l'iscrizione etrusca aska mi eleivana, presente in un aryballos di bucchero della fine del VII secolo a.c., che documenta, sia nel nome del vaso (aska da askòs), che nel contenuto (eleivana da elaion, olio in greco), l'origine greca di tali termini. È chiaro che l'introduzione della coltivazione dell'olivo e della vite comportò da un lato una sicura trasformazione del paesaggio agrario, e dall'altro uno sfruttamento razionale delle campagne, che dovette toccare l'apice con l'affermazione della civiltà urbana. Affiancare ad una generale coltivazione estensiva (i cereali) una intensiva (quella dell'olivo e della vite) sottointende la presenza di manodopera specializzata, e un'attesa di molti anni prima di poter effettuare la raccolta. Oltre all'olio si utilizzavano, a fini alimentari, i frutti: ne è un esempio la Tomba delle Olive di Cerveteri, del a.c., all'interno della quale si sono rinvenuti numerosi noccioli in una sorta di caldaia, assieme ad un servizio di vasi bronzei per il banchetto. Noccioli di olive sono stati recuperati anche nelle anfore del relitto dell'isola del Giglio. Attestazioni paleobotaniche sulla coltivazione dell'olivo in età etrusca provengono dalla zona portuale di Pyrgi, il porto di Cerveteri, all'interno di pozzi colmati verso il 270 a.c.; rametti di Olea europaea risalenti al IV-III secolo a.c. Da Blera, presso l'insediamento agricolo di Le Pozze, provengono invece un nocciolo intero ed uno frammentario di Olea europaea, insieme a materiali inquadrabili in un arco cronologico che spazia dalla metà del IV agli inizi del III secolo a.c. I due noccioli però non consentono di riconoscere caratteri discriminativi tra l'olivastro e l'olivo coltivato [54] La frutta Scarse sono le attestazioni letterarie, a differenza della vite e dei cereali, sulla presenza di alberi da frutto in Etruria. Una generica notizia tramandata da Diodoro Siculo [55] ricorda come l'etruria pullulasse di alberi. Arrunte di Chiusi, a detta di Dionigi di Alicarnasso [56], fra i prodotti che portò ai Celti per convincerli ad invadere le campagne di Chiusi offrì (oltre al vino e all'olio) anche "molti cesti di fichi".

9 I rapporti stretti con Cartagine, dove l'agricoltura era perfezionata, e il gran numero di schiavi orientali che entravano nelle loro familiae, fecero sì che gli Etruschi contribuissero all'importazione di alcune piante esotiche, come una particolare varietà di ciliege originaria del Ponto, dai frutti più rossi, il Cerasum apronianum, il cui diffusore, un certo Apronio, era originario delle parti di Perugia [57]. Ma è chiaro che dovevano essere diffuse molte altre varietà di frutta, probabilmente anche il cedro (il cui nome latino citrus implicherebbe secondo alcuni una mediazione etrusca), e sicuramente i meli e i peri, che necessitano di un'attenta conduzione agricola. Importanti e diffuse le attestazioni paleobotaniche [58]. Il pero (Pyrus sp.) è attestato a Blera. Recentissimi scavi relativi alla necropoli etrusca orientalizzante di Casale Marittimo hanno restituito resti di mela, vinaccioli, melograna, numerosi oggetti in legno di pero e un favo d'api, che attesta il consumo del miele. Quest'ultimo alimento poteva essere usato per dolcificare, ma anche come componente fondamentale per impiastri e medicine [59]. Esisteva poi tutta una serie di alberi da frutto o arbusti che erano interessati da una raccolta sistematica dei frutti spontanei che, stagionalmente, integravano la dieta. La paleobotanica ha attestato la presenza al Gran Carro del fico (Ficus carica) del corniolo (Cornus mas), del nocciolo (Corylus avellana), del pruno selvatico (Prunus spinosa), del damasceno (Prunus insititia) e del rovo (Rubus sp.).a Blera sono testimoniati il fico, il corniolo ed il nocciolo. Alcune pitture tombali mostrano anche l'uva da tavola e le melograne (ad esempio la Tomba Golini di Orvieto). Facevano probabilmente parte dell'alimentazione degli strati più umili della popolazione anche le ghiande di quercia, dopo essere state bollite per togliere loro il contenuto tannico, ed i frutti del faggio.tale abitudine si è mantenuta fino ad epoca recente in ambiente appenninico e nella Sardegna. Le ricerche polliniche attestano poi che all'inizio dal I secolo d.c., in piena età imperiale romana, ebbe grande sviluppo l'introduzione del castagno che sostituì, nelle aree collinari, la quercia [60] La verdura Relativamente al consumo di verdura presso il popolo etrusco, non vi sono fonti letterarie significative. Almeno sulla base del confronto con la tradizione letteraria romana si dovevano coltivare cipolle, aglio, carote, rape, cavoli, finocchi, il Phaseolus (non l'attuale fagiolo, di origine americana, ma il Dolichos unguiculata), il pisello, la veccia, la lenticchia, il cece, il lupino, e, diffusamente, la fava (Vicia faba). Quest'ultima è largamente attestata nei reperti paleobotanici a Sorgenti della Nova, Narce, Gran Carro, Luni sul Mignone,Torrionaccio, Mezzano [61], ed è stata trovata in forma carbonizzata, stipata all'interno di vasi accanto a cariossidi di cereali, nell'abitato etrusco del Forcello, presso Mantova [62]. La fava poteva essere seccata e conservata a lungo oppure poteva offrire una farina da unirsi ad acqua, latte e frumento tostato, formando quelle farinate di cui gli Italici erano famosi consumatori. Essa era inoltre utilizzata per essere alternata ai cereali nella coltivazione dei campi. Il legume, una volta fiorito, era reciso e interrato ed andava ad arricchire il terreno di azoto, sostanza nutritiva che era stata sottratta dal grano l'anno precedente.tale tecnica del sovescio era diffusamente praticata dai Saserna, proprietari terrieri etruschi del Piacentino [63]. Altre attestazioni paleobotaniche riguardano per Narce il Pisum sp. e il Lathyrus sp., per Acquarossa una specie di pisello (Pisum o Cicer arietinum) o la veccia, per Luni sul Mignone il Lathyrus sp. [64].

10 La carne e il pesce Accanto agli alimenti di origine vegetale, frutto di un'agricoltura assai sviluppata, non dovevano mancare sulla tavola etrusca prodotti derivati dall'allevamento animale. Fin dall'età del Bronzo, i bovini erano stati scelti per il traino dell'aratro e del carro per la maggiore resistenza al lavoro rispetto agli altri animali, come ad esempio i cavalli.tale originaria preferenza non fu che il primo stadio della selezione - perfezionata facendo riprodurre solo gli esemplari migliori - che porterà alla formazione delle razze chianina e maremmana, esaltate già nei bronzetti votivi di VII secolo a.c. [65] e ricordate ancora ai tempi di Ovidio [66] e Columella [67] per la loro muscolatura e la loro resistenza al traino dell'aratro. Ma proprio per l'importanza che tali animali rivestivano nella vita rurale, essi godevano di una sorta di sacra protezione: il loro sacrificio era limitato alle cerimonie religiose più importanti e la consumazione delle loro carni nel quotidiano avveniva solo al termine del loro ciclo lavorativo [68]. È un dato di fatto che tutte le popolazioni che hanno operato una selezione dei bovini a scopo alimentare-agricolo mostrino una tolleranza al lattosio non riscontrabile nei popoli che non hanno conosciuto il carro e l'aratro, o hanno utilizzato animali diversi o addirittura altri uomini per il traino delle due "macchine agricole", quali i cinesi, alcune popolazioni africane, i nativi americani, i nativi australiani. Le fonti letterarie, i rinvenimenti osteologici e l'arte figurativa ricordano inoltre allevamenti di ovicaprini e di suini, questi ultimi in particolare nell'etruria padana. Fra tutti, il maiale era l'animale più consumato [69]. Per i ceti meno abbienti un contributo notevole ad una dieta poco ricca di proteine e di grassi animali era costituito dalla selvaggina [70]. Le colline ricoperte da boschi e le zone pianeggianti, talora paludose, erano un ambiente ideale per cinghiali, lepri, caprioli, uccelli acquatici. Difficile dire però quale fosse il reale peso della cacciagione nell'alimentazione quotidiana etrusca, se cioè tale pratica non fosse relegata, almeno fra gli aristocratici, al ruolo di attività sportiva. Fra le più significative iconografie venatorie ricordiamo la decorazione pittorica della Tomba del Cacciatore di Tarquinia, riservata ad un personaggio di alto rango: in un paesaggio idilliaco sono appesi per le zampe, all'interno di una tenda, alcuni daini ed anatre selvatiche [71].

11 In genere la carne poteva essere bollita in calderoni bronzei sostenuti da treppiedi sopra il fuoco, oppure veniva arrostita su spiedi metallici. Per conservarla, in modo specifico quella di suino, si usava salarla o affumicarla [72]. Un altro settore importante era quello dei derivati dai prodotti animali: uova, latte e prodotti caseari. Plinio [73] e il poeta Marziale [74] parlano di enormi forme di formaggio fabbricate a Luni, al confine fra la Liguria e l'etruria. Le città costiere e quelle vicino ai laghi dovevano far largo uso della pesca, anch'essa testimoniata da evidenze archeologiche. Ami e pesi da rete da Cerveteri, fiocine, modellini fittili di imbarcazioni [75], figurazioni pittoriche come la Tomba della Caccia e della Pesca di Tarquinia [76], mostrano almeno quattro tecniche specifiche di cattura: con la rete, il tridente, la canna con la lenza ed il cesto di vimini. Vi erano sui promontori di Populonia e del Monte Argentario sopra Orbetello alcuni thynnoscopeia, posti d'osservazione da cui si spiava l'arrivo dei branchi di tonni e pesci spada [77]. Strabone [78] e Columella [79] ricordano che, nelle acque lagunari ed interne, si pescavano capitoni, anguille, spigole, orate, cefali, gamberi, triglie. Molto apprezzati erano anche i molluschi, rinvenuti negli scavi di Populonia ma anche in abitati non costieri, come quello del Forcello La tavola dei ricchi e la tavola dei poveri: la dieta alimentare Nella società etrusca estremamente diversa doveva essere l'alimentazione delle classi meno agiate da quelle più ricche. Le prime consumavano essenzialmente vegetali (cereali, legumi, frutta) o formaggio con verdure ed aglio, come il contadino descritto nel Moretum di Virgilio. Le proteine potevano essere ricavate da grano, uova, pecorino, fave secche; i grassi dall'olio d'oliva; il fabbisogno di vitamina A e C era per lo più coperto dal consumo di rape, evitando così xeroftalmia e scorbuto (non va dimenticato che gli agrumi furono introdotti dagli Arabi in Sicilia solo nel Medioevo). La pratica diffusa dell'allattamento materno diminuiva l'incorrere del rachitismo; il grano copriva il fabbisogno di vitamina B1, evitando così il beri-beri. La vitamina B2 era offerta da fave secche, latte intero, pecorino, pesce, evitando così distrofie di cute o mucose. Uova, formaggio e pesce fornivano anche la B12, scongiurando anemia e patologie neurologiche a tale deficit collegate. Il grano copriva anche il fabbisogno di PP, scongiurando la pellagra, ed inoltre offriva anche calcio e ferro. Gli elementi menzionati fornivano anche le minime quantità necessarie di acido folico. La loro bevanda era essenzialmente l'acqua; raramente doveva essere consumato vino; magnesio e zinco, occorrenti in quantità minimali, si ricavano da qualsiasi dieta mista [80]. Si è già accennato al fatto che molti di questi alimenti, in particolare i cereali ma anche i legumi e i formaggi, erano prodotti in eccedenza e rifornivano il mercato romano. Non c'è ragione di dubitare quindi che i grandi proprietari terrieri etruschi fossero ben attenti ad alimentare la loro manodopera, come più avanti insegnerà la precettistica agronomica di Catone o Columella. Non dissimile doveva essere il regime alimentare delle classi libere più umili, piccoli proprietari terrieri che riusciamo a identificare bene solo dall'età ellenistica, quando colonizzano capillarmente i territori di Chiusi, Perugia e Volterra. Essi si fanno deporre in urnette cinerarie di fabbricazione corsiva, dove per lo più compare un eroe che, con l'aratro, fracassa la testa ad alcuni soldati: mito ignoto nella sua esegesi, ma probabil-

12 mente polemico contro i vecchi possidentes etruschi spalleggiati da Roma. Ben diversa era l'alimentazione degli aristocratici, deliziati nei banchetti da portate ricche di carne e soprattutto rallegrati dal vino, la bevanda che, per eccellenza, li qualificava socialmente. Un esempio di dispensa per la carn,e costituita da un bue, un capriolo, una lepre e alcuni anatidi, con servi intenti a cucinare per i loro signori, compare nella Tomba Golini di Orvieto [81], del IV secolo a.c. Scene di simposiasti sono presenti, come già accennato, fin dalla metà del VI secolo a.c.: ricordiamo solo le lastre di terracotta eseguite a stampo da Murlo [82] o il frontone dipinto della Tomba della Caccia e della Pesca di Tarquinia. Se dunque, per gli humiliores, il problema poteva essere un'alimentazione scarsa o ipoproteica, altri erano gli inconvenienti della dieta per i ceti abbienti. La possibilità di studiare uno scheletro antico conservato in tutte le sue parti è di fondamentale importanza anche dal punto di vista della ricerca paleonutrizionale. Negli ultimi anni le analisi si sono concentrate su una serie di microelementi, che vengono considerati degli indicatori della nutrizione. Rilevando ad esempio l'assorbimento di stronzio o di zinco nelle ossa si può risalire ad una alimentazione rispettivamente più ricca di vegetali o di carne rossa, frutta secca o latte. Un'indagine specifica volta alla ricerca di tali elementi è stata condotta sugli inumati della necropoli del Ferrone e su quelli della necropoli di Monterozzi di Tarquinia. I primi sono risultati possedere una dieta variata (valori di zinco e stronzio simili), i secondi una dieta più ricca di prodotti vegetali e, probabilmente, data la vicinanza con il mare, di pesce (alti picchi di stronzio) [83]. Vi è poi il tema della rappresentazione di aristocratici etruschi obesi su numerosi sarcofagi di Tarquinia,Tuscania, Cerveteri, dagli inizi del IV secolo a.c. in poi, dove ben Paola appare la volontà di esprimere, tramite l'obesità, uno status symbol di ricchezza e dignità, riservata solo a chi se la può permettere [84]. Quanto sia rispondente alla realtà la rappresentazione di tale classe e quanto sia invece voluta non è dato di sapere. Sta di fatto che, al tempo di Catullo [85], lo stereotipo dell'obesus Etruscus era ormai un dato diffuso, e d'altra parte anche Virgilio [86] parla del pinguis Tyrrenus. Ad ogni modo, le rappresentazioni fortemente realistiche dei coperchi dei sarcofagi mostrano prominenza del ventre, tratti cadenti del viso, doppio mento, ginecomastia. Nel mondo greco o romano invece l'obesità è caricaturale, o ha una connotazione morale tipica dei cattivi ricchi, dei tiranni, degli imperatori abusivi. La letteratura medica ippocratica riconduceva, fra i mali derivanti dall'obesità, la sterilità, sia per l'uomo che per la donna [87]. In periodo tardoromano, il medico Celio Aureliano [88] la considera una vera e propria malattia, e per combatterla consiglia il dimagrimento. Se ormai è acquisito che l'obesità è il risultato di un fenomeno biologico in cui si combinano fattori esogeni (sovralimentazione) ed endogeni (fattori ereditari, ormonali, neurologici, psicosomatici), va specificato che il mondo etrusco ha fabbricato obesi anche per uno scopo mirato, ad esempio sovralimentando gli atleti di disci-

13 pline pesanti, come i lottatori, o i pugili dal ventre enorme e la corporatura estremamente tozza e robusta della Tomba degli Auguri [89] di Tarquinia, anch'essi appartenenti all'aristocrazia (si tratta di ludi funebri in onore di un defunto ai quali partecipa la jeunesse dorée tarquiniense); la loro dieta doveva consistere, se si accetta il paragone con le diete alimentari degli atleti greci, in grandi quantità di carne, uova, fichi secchi e formaggio. Abbiamo accennato al largo uso del vino da parte delle famiglie aristocratiche, durante la cerimonia del simposio, in cui schiere di servi sono indaffarate a servire la bevanda di Dioniso ai loro signori in vasi in metallo prezioso (come ancora nel frontone dipinto della Tomba della Caccia e della Pesca). Il largo utilizzo del vino, oltre che dall'evidenza archeologica, è testimoniato storicamente da Diodoro [90] e altri autori antichi. Pur ammettendo che esso fosse diluito secondo la moda greca (tre parti di acqua per ogni parte di vino) ciò non sopprimeva l'alcool contenuto, ed è chiaro che, dal punto di vista tossicologico, conta solo la quantità di etanolo introdotta nell'organismo e la capacità degli individui di metabolizzarlo [91]. Gli effetti di tale alcoolizzazione intermittente e di carattere essenzialmente festivo sulle aristocrazie etrusche potevano variare da caso a caso, visto che differenti sono le reazioni e la sensibilità dei singoli individui all'alcool. Se, sul momento, l'etanolo poteva esercitare sul sistema nervoso un'azione euforizzante (rilevabile ad esempio in scene orgiastiche di danze o amplessi nella Tomba delle Baccanti o nella Tomba della Fustigazione di Tarquinia), col tempo le conseguenze potevano essere molteplici: alcuni, nonostante una notoria intolleranza, potevano condurre una vita felice, altri potevano presentare turbe e disturbi viscerali, ma anche nevrosi mentali dopo solo qualche anno di intossicazione. Poiché è provato che le donne sono più sensibili in media alla tossicità dell'etanolo, e visto che la donna etrusca, molto emancipata, partecipava a pieno titolo con il marito al simposio - cosa che aveva fatto gridare allo scandalo il greco Aristotele [92] - non è escluso che le nobili etrusche soffrissero largamente di questi disturbi. È chiaro poi che vi sono grandi difficoltà nel riconoscere, anche nel ben più documentato mondo greco e romano, il percorso naturale della malattia alcolica, perché, in genere, il danno epatico di tipo cirrotico è tardivo: è probabile che gli Etruschi, in media, non avessero il tempo di contrarre la cirrosi, perché morivano prima del suo manifestarsi, dato che la loro speranza di vita alla nascita era di circa 20 anni. Quanto poi alla coscienza che poterono avere del rapporto causa-effetto fra l'alcool e questa malattia che minacciava i bevitori ultraquarantenni, è difficile fare affermazioni certe; tuttavia, sulla scorta del fatto che il filone medico ippocratico ha ignorato questo legame (accertato sicuramente solo nel XIX secolo d.c.), è ragionevole pensare che lo stesso valesse per gli Etruschi, e che si imputassero ad altre cause tali disturbi. A titolo di curiosità, precisi studi sull'argomento sono stati condotti solo per la figura di Alessandro Magno [93], per il quale l'abbondanza di dati riportati dai biografi è enorme. Nelle turbe mentali e nel comportamento squilibrato degli ultimi anni di regno del re macedone si sono voluti vedere precisi effetti legati all'esagerato consumo di vino. Ad ogni modo, il costo e la preziosità del vino, con tutte le sue conseguenze nefaste, lo

14 relegavano in un preciso entourage sociale. È probabile che, almeno da quando iniziò una produzione locale su larga scala, qualità inferiori del prodotto fossero consumate dalle classi più umili, con analoghe complicazioni collaterali; forse, considerato l'effetto euforizzante che la bevanda arrecava, un uso moderato della stessa era permesso anche ai soldati. Il largo abuso dei prodotti della mensa poteva causare fenomeni dismetabolici, gastroenterici e stomatologici. Alcuni ex voto raffiguranti l'apparato digerente possono senz'altro riferirsi ad una richiesta di guarigione alla divinità per questi tipi di disturbi [94]. Un'altra conseguenza della buona tavola dovevano essere le frequenti malattie dell'apparato masticatorio, testimoniate dall'alto numero di apparecchi protesici dentari, rinvenuti in tombe di famiglie agiate. Gli insegnamenti di Pitagora di Samo, passato nel VI secolo a.c. a Crotone, dove fondò una setta esoterica, furono in parte resi pubblici fra i Greci. L'alone di leggenda che circondava il saggio era ben condiviso fra i Romani, ed è molto probabile che anche le classi elitarie del mondo etrusco, in continuo contatto culturale e commerciale con la Magna Grecia, ne conoscessero il pensiero. Fra i prescritti sicuramente genuini, uno dei più famosi, e sicuramente dei meno compresi fu l'interdizione di "astenersi dalle fave" [95] e di "camminare su un campo di fave" [96]. La leggenda voleva che Pitagora fosse stato ucciso da alcuni soldati perché impedito, nel tentativo di fuga, dalla presenza di un campo di fave che egli preferì non attraversare [97]. Il legume è la Vicia faba, originaria dell'area geografica al sud del Caspio e dell'africa del nord, che esisteva in Persia e nel Maghreb allo stato selvatico, ed il cui uso alimentare, la coltivazione ed espansione lungo le coste del Mediterraneo, risalgono alla preistoria. Varie furono le ipotesi di spiegazione, fin dall'antichità, dell'interdizione, che dimostrano però come già pochi anni dopo la morte del maestro si fosse persa la cognizione della causa reale. Per alcuni era la somiglianza del baccello ai testicoli umani che ne impediva il consumo: mangiarlo sarebbe stato come praticare una sorta di cannibalismo, "tanto più che" - aggiungeva Luciano [98] - "se le fave sono esposte per un certo numero di giorni alla luna esse si coprono di macchie sanguigne e quindi, essendo considerate una sorta di animali, sono interdette ai Pitagorici che non possono consumare carne". In effetti, l'accettazione da parte dei Pitagorici della trasmigrazione dell'anima negli esseri appartenenti al mondo animale li obbligava a nutrirsi di soli vegetali. Per Cicerone [99] le fave provocavano flatulenze e gorgoglii che potevano disturbare il pensiero notturno. Il problema è che la medicina ufficiale dell'antichità, a partire dagli ippocratici fino a Dioscuride, medico a Roma nel I secolo d.c., non vedeva controindicazioni nel consu-

15 mo di fave, e anzi venivano prescritte cotte per curare alcune forme dissenteriche, il vomito e la tosse, e per questo si riconoscevano solo alcuni disturbi (come la flatulenza) derivati dalle fave crude. La medicina moderna conferma per l'essenziale la fondatezza di queste osservazioni dietetiche e di queste indicazioni terapeutiche [100] : le fave in effetti contengono degli oligosaccaridi difficili da digerire che, da un lato, provocano flatulenze, dall'altro possono avere un'azione benefica nella cura di alcune diarree di origine infettiva. Quanto poi all'innegabile influenza dell'ingerimento della fava sull'attività psichica essa non è da tributarsi al meteorismo, ma al fatto che le fave contengono, in concentrazione abbastanza elevata, il levodopa (L-DOPA), una sostanza utilizzata oggi per la cura del morbo di Parkinson. La somministrazione di tale sostanza aumenta la quantità della dopamina che precorre l'adrenalina, nel sistema nervoso centrale, provocando insonnie, ansie o allucinazioni. In sostanza quindi i medici ippocratici non riportavano alcun inconveniente derivato dall'ingerimento delle fave. Semmai era per un altro legume da foraggio, la Vicia ervilia, che essi raccontavano un caso di intossicazione generale per gli abitanti di una città della Tracia presa d'assedio: nutrendosi per molti mesi con il pane derivato da questa pianta furono colpiti da paralisi finale degli arti inferiori (latirismo) [101] È invece dalla fine dell'ottocento che è stata introdotta la parola "favismo" per designare gli inconvenienti, provocati in soggetti particolarmente sensibili, dall'ingerimento delle fave o dall'inalazione del polline della Vicia faba. La reazione è di tipo ittero-emoglobinurica acuta: nelle ore successive all'ingestione delle fave crude si scatena una gastroenterite con violenti dolori addominali, seguiti da emoglobinuria, anemia grave, ittero. L'anemia conseguente alle crisi di favismo, durante l'infanzia, può provocare lesioni croniche che somigliano all'iperostosi porotica di origine talassemica. I soggetti a rischio sono oggi stati riconosciuti avere un deficit ereditario di G6PD (glucosio 6-fosfato deidrogenasi), un enzima che protegge l'emoglobina nella sua funzione di trasporto gassoso, ed avere un siero privo di fattore protettivo. Gli studi moderni hanno anche localizzato il principale focolaio storico del favismo nella Magna Grecia (Italia del sud e Sicilia), la Sardegna, alcune zone della Grecia attuale (specie le isole, come Rodi), la Corsica, l'anatolia, le sponde mediterranee dell'africa. Prima della recente mescolanza delle popolazioni e della migrazione massiccia degli abitanti del meridione, nell'italia del centro e del nord la frequenza del favismo era minima e, in sostanza, si può dire che le antiche dimore degli Etruschi sono state toccate da questa affezione solo in epoche recenti. Il pericolo del favismo mediterraneo, che si anniderebbe molto probabilmente dietro la proibizione pitagorica di mangiare fave, non riguardava gli Etruschi [102]. Gli Etruschi anzi, come abbiamo già accennato, furono grandi produttori di questi legumi, se si considera che, ovunque si siano fatti scavi facendo attenzione ai reperti paleobotanici (Acquarossa, Forcello, San Giovenale, Gran Carro), se ne sono trovati in gran quantità (la condizione perché si mantengano fino ad ora è che si siano carbonizzati). L'ultimo paradosso da risolvere è il fatto che la fava fu coltivata anche in Magna Grecia, dove il pericolo di morbilità e mortalità era reale. Si è supposto, ma manca a tutt'oggi la conferma sperimentale, che il rischio di favismo fosse controbilanciato da

16 un nascosto vantaggio biologico. Più precisamente si è constatato che parecchi tipi di composti attivi della fava accrescono negli individui sani la sensibilità dei globuli rossi agli ossidanti, con accresciuta resistenza alla malaria, piaga dell'antichità. È possibile che, inconsciamente, i Greci dell'italia meridionale e gli Etruschi che abitavano in quelle aree in cui era quotidiana la convivenza con il flagello trasmesso dalla zanzara anofele, abbiano tratto vantaggio da tali principi [103] Le erbe medicinali La vegetazione dell'etruria La prima terapia che l'uomo ha escogitato è stata ricercare quanto offerto dalla natura, traendo insegnamento dall'utilizzo, esterno ed interno, delle sostanze contenute nelle erbe e nelle piante di cui l'etruria di oltre 2000 anni fa era ricchissima. In effetti, nonostante il grande sviluppo agricolo, il territorio ridotto a paesaggio agrario in età etrusca era una porzione molto esigua rispetto ai nostri tempi e le fonti letterarie ricordano l'esistenza di grandi boscaglie, vere e proprie "miniere" di vegetali medicamentosi. Già nella tradizione delle origini di Roma sappiamo di quella silva Maesia che ai tempi di Anco Marzio venne sottratta ai Veienti [104]. Chiusi, Perugia, Roselle,Volterra contribuirono inoltre con legname di abete alla flotta di Scipione nel 205 a.c. [105] mentre la nuova Volsinii, costruita dopo la distruzione della vecchia da parte di Fulvio Flacco nel 264 a.c., sorgeva, ancora ai tempi di Giovenale, fra monti selvosi [106] ; nota era anche la silva Arsia ai confini fra il territorio di Roma e di Veio, dove si scontrarono i Romani con gli Etruschi di Tarquinia e di Veio [107]. Ma la foresta più famosa per la sua impenetrabilità era la silva Ciminia, che si estendeva sulla regione di Viterbo dai monti Cimini fino a Perugia e che, solo alla fine del IV secolo a.c., fu attraversata da Quinto Fabio Rulliano, condottiero dell'esercito romano

17 in lotta con gli Etruschi [108]. Fitti boschi dovevano essere presenti anche intorno a Vetulonia se, nel 225 a.c., diecimila Galli Boi li sfruttarono per tendere un agguato, sventato poi all'ultimo momento, al console Paolo Emilio [109]. Famoso era l'abete bianco di Cerveteri, impiegato nella cantieristica navale e ricordato da Virgilio [110]. Anche le aree attorno a Modena erano ricordate per le fitte estensioni di querce [111] e molto nota era la silva Litana, nei dintorni di Bologna, che servì per un agguato dei Galli Boi all'armata di Lucio Postumio [112]. Esistevano boschi anche lungo la via Emilia, presso Forum Gallorum (Castelfranco) ancora nel 43 a.c. [113]. Strabone ricorda infine "molto e lungo legname" trasportato sulle acque dei fiumi d'etruria [114]. Altre fonti ci ricordano, sia pure in contesti isolati, la presenza della Quercus ilex, del corniolo, della Quercus suber, dell'abete dell'appennino, del pino, del larice per la regione padana, del corniolo, del carpino, dell'orniello, del salice, del pioppo, del tiglio, dell'acero, del trifoglio, dell'acanto, della rosa, del lauro, del bosso, dell'edera, del platano e del cipresso per l'etruria propria [115]. La toponomastica attesta inoltre una maggiore estensione del manto boschivo. Basti pensare ai numerosi cerreto, frassineto, rovereto diffusi in Toscana ed in Emilia Romagna, fossili linguistici di concentrazioni arboree gradualmente scomparse. Anche la paleobotanica conferma l'estensione delle aree boschive, sia nell'etruria propria che in quella padana. Fra le specie attestate ricorderemo: Quercus semperviridens, Quercus caducifolia, Abies alba, Ostrya Carpifolia, Populus sp., Alnus sp., Cupressus sp., Salix sp., Acer campestre, Sorbus sp., Fraxinus ornus, Fraxinus excelsior, Fagus sylvatica, Ficus carica,tilia platyphyllos, Pinus sp., Buxus sp. [116]. Si tratta di un mondo vegetale non molto dissimile da quello attuale [117]; i boschi erano però di tipo primario, selve vastissime con alberi giganteschi, tutti nati da seme, poche specie lianose e scarso sottobosco, prevalentemente erbaceo o con muschi: qui dovevano abbondare numerose le erbe medicinali. Immaginandoci dunque una flora molto più rigogliosa, con distribuzioni anche diverse da quelle attuali, possiamo ipotizzare, partendo dalle isole toscane e muovendo verso gli Appennini, una serie di vegetazioni fondamentali [118]. Vegetazione dell'arcipelago toscano Le isole di Montecristo, Gorgona, Capraia ed Elba hanno una vegetazione caratterizzata da macchia mediterranea e lecceta in generale impoverita da tagli dei boschi, incendi, ovini. La pianta più significativa di quest'area è la linaria della Capraia (linaria capraria), della famiglia delle Scrofulariacee (le comuni "bocche di leone"). Altra specie significativa è l'arenaria delle Baleari (Arenaria balearica), cariofillacea dai fiorellini bianchi, che si rinviene alle Baleari, in Corsica, Sardegna e nell'isola di Montecristo, testimonianza di un antichissimo ponte di terre emerse che collegava tali regioni ora separate dal mare. Vegetazione delle dune Le spiagge rappresentano una fascia di suolo sabbioso inospitale, sia per essere sempre battuto dal vento, sia per la continua salinizzazione ad opera delle acque marine. Le piante, che possono sopravvivere in tale habitat, resistono agli ambienti salinizzati e hanno sviluppato un forte apparato radicale nonché forma strisciante o cespugliosa per resistere all'azione eolica. Fra le più note ricordiamo la verga d'oro delle sabbie marine (solidago virgareua) e due centauree (centaurea paniculata, varietà cosana e varietà maremmana).vi sono anche piante erbacee a foglie spinose come la calcatreppola marina (Eryngium maritimum), il convolvolo delle sabbie (Calystegia soldanella) con grandi fiori rosa ad imbuto, il giglio di mare (Pancratium maritimum). Allontanandosi dalla battigia ed arrivando

18 sulla duna, troviamo le prime piante consolidatrici delle sabbie (grazie al loro robusto apparato radicale): in particolare lo sparto pungente o cannizzola (Ammophila litoralis) dal colore verde tenero delle foglie. Vegetazione mediterranea Al di là delle prime dune consolidate e sulle pendici delle colline prospicienti il mare, appare la vegetazione mediterranea, sotto le sembianze di macchia. Le essenze legnose, arboree ed arbustive che la compongono, sempre di modeste dimensioni, sono il ginepro coccolone (Juniperus oxycedrus), la scopa marina (Erica multiflora), il cisto (Cistus salvifolius e monspeliensis), la salsapariglia (Smilax aspera), la ginestra (Spartium junceum), il mirto (Myrtus communis), il lentisco (Pistacia lentiscus), l'alaterno (Rhamnus alaterno), il corbezzolo (Arbutus unedo) con le sue bacche rosse; fra le piante erbacee la margherita delle sabbie (Anthemis maritima) con fiori bianchi, le codine di topo (Lagurus ovatus), le numerose orchidee. Camminando a ritroso, man mano che il terreno sabbioso prende più consistenza, troviamo il bosco di leccio, il pino marittimo (Pinus pinaster), l'orniello (Fraxinus ornus), il viburno (Viburnum tinus) ed il pino domestico (Pinus pinea) che però deve essere stato introdotto. Vegetazione palustre La vegetazione palustre è formata da piante che si insediano con le radici nelle paludi, nei laghi e nei fiumi. Laghi e paludi possono essere salmastri in prossimità del mare, con acque dolci nelle zone interne.tollerano bene il sale i giunchi pungenti (Juncus maritimus), la cannuccia di palude (Phragmites australis), le tamerici (genere Tamarix). Negli ambienti di acqua dolce troviamo i giunchi, il lino d'acqua (Salmolus valerandi), il crescione selvatico (Ranunculus repens), la lisimachia (Lysimachias vulgaris), dai fiori gialli, la salicaria (Lythrum salicaria) comune in tutti i fossi e con fioritura rosso-violacea. Dove l'acqua si fa più profonda si trovano la cannuccia di palude e la mazzasorda (Typha latifolia e angustifolia), mentre in mezzo ai laghi, dove le acque sono ferme, troviamo le bellissime ninfee dai fiori bianchi e rosati (Nymphaea alba) e i fiori di loto (Nuphar lutea), le castagne d'acqua (Trapa natans), i ranuncoli d'acqua (Ranunculus aquaticus). Gli alberi di tale ambiente sono essenzialmente la farnia (Quercus robur), i salici (Salix viminalis e alba), gli ontani, i pioppi (genere populus). Fra gli arbusti la frangola (Frangula alnus). Vegetazione di caducifoglie delle basse colline Tutte le aree collinari non coltivate, che dalla pianura arrivano fino a quote di metri, sono ricoperte da foreste di caducifoglie; nelle parti più basse si insediano la roverella (Quercus pubescens), più in alto l'orniello, il carpino nero (Ostrya carpinifolia), poi il cerro (Quercus cerris). Accompagnano i boschi di caducifoglie arbusti quali il biancospino (Crataegus monogyna), la rosa selvatica (Rosa canina), il rovo (Rubus ulmifolius) dalle more gustosissime, il susino selvatico (Prunus spinosa), la ginestra, il corniolo sanguinello (Cornus sanguinea). Fra le piante erbacee, oltre alle graminacee, la pratolina (Bellis perennis), l'erba querciola (Teucrium chamaedrys), il garofano selvatico (Dianthus carthusianorum), lo sferracavallo (Hippocrepis comosa). I boschi di carpino nero hanno come rappresentanti più significativi del sottobosco l'edera (Hedera helix), l'emero (Coronilla emerus), il maggiociondolo (Laburnum anagyroides). I boschi di cerro hanno ancora nel sottobosco edera, emero e in più erba laurina (Daphne laureola), anemone dei boschi (Anemone nemorosa), erba trinità (Hepatica nobilis), occhio di civetta (primula vulgaris). Vegetazione di caducifoglie montane

19 La vegetazione submontana e montana è costituita dai castagneti e, ad altitudini maggiori, dai faggeti. I castagneti, di origine antropica, ospitano la ginestra dei carbonai (Cystus scoparius), la fragola di bosco (Fragaria vesca), la radicchiella (varie specie del genere Hieracium), la verga d'oro (Solidago virgaurea); sul suolo muschi e, nel periodo autunnale, i deliziosi porcini (Boletus edulis). Il sottobosco delle faggete è povero e formato da poche specie: oltre alla fragola il mirtillo (Vaccinium myrtillius), la stellina odorosa (Asperula odorata), il maggiociondolo della montagna (Laburnum alpinum) con le sue infiorescenze dorate. Nella faggeta manca lo strato di muschi, ma sono abbondanti i funghi. Vegetazione di essenze sempreverdi montane Nella parte più alta delle montagne la vegetazione di essenze sempreverdi è per lo più formata da conifere impiantate da frati (come a Camaldoli o alla Verna) o dalla guardia forestale (essenzialmente l'abete bianco, il pino nero, il pino silvestre). Fra i sempreverdi ormai rari è il tasso (Taxus baccata) altresì detto "albero della morte" per le sue foglie velenose. Il suo legno, usato nell'antichità e nel Medio Evo per fabbricare archi, ne ha causato il sistematico abbattimento. Nel sottobosco di tale regione segnaliamo il ginepro comune (Juniperus communis). Vegetazione dei prati cacuminali Sulla sommità delle più alte montagne appenniniche della Toscana, oltre i 1000 metri, incontriamo un tappeto omogeneo di graminacee. La causa di tale tipo di vegetazione è da ricercarsi nei secolari disboscamenti e nelle avverse condizioni atmosferiche. Fra le piante erbacee le più importanti sono le avenule (genere Avenula), le festuche (genere Festuca), le poe (genere Poa), i ranuncoli (genere Ranunculus), le margherite (Leucanthemum vulgare), le genziane (genere Gentiana), le campanule (genere campanula) Le fonti letterarie sui medicamenti di origine vegetale Già Esiodo, vissuto tra la fine dell'viii e gli inizi del VII secolo a.c., ricorda la discendenza dei principi etruschi Agrio, Latino e Telegono da Ulisse e dalla maga Circe e, in quanto tali, depositari di una profonda conoscenza nella preparazione di filtri magici [119] Alla fine del IV secolo a.c.,teofrasto di Ereso, discepolo e successore di Aristotele nella conduzione del Peripato, affermava che Etruria e Lazio erano feconde di piante medicinali; a suffragio di ciò riportava due versi tratti da una elegia ormai persa di Eschilo, poeta di V secolo a.c., nei quali l'etruria era sempre celebrata per offrire gran copia di

20 erbe medicamentose e gli Etruschi erano presentati come popolo fabbricatore di farmaci [120]. Sappiamo che sul Monte Soratte, prima che il console Fulvio vi erigesse il tempio di Apollo, vi era un collegio di sacerdoti etruschi che possedevano i segreti per la fabbricazione di sostanze atte a togliere il dolore o a rendere temporaneamente insensibili al fuoco [121]. La fama era ancora viva nel V secolo d. C., giacché Marziano Capella ripeteva che l'etruria era nota come terra di origine dei medicinali [122] Il fatto che Teofrasto usi la parola "farmaci" è un tipico esempio della labilità terminologica che entrava in gioco ogni volta che si parlava di medicamenti: si definiva infatti così ogni sostanza che provocasse un effetto che, variando le dosi, poteva essere la guarigione o la morte. Non a caso, poco oltre,teofrasto parlerà della energica velenosità dell'efèmero o elleboro, dicendo che di esso erano profondi conoscitori i Tirreni di Eraclea, città non ben localizzabile dell'etruria, che comunque doveva avere alcuni centri con questo nome, se consideriamo, ad esempio, la sopravvivenza onomastica nell'attuale Porto Ercole [123]. Secondo Teofrasto tale pianta, dalle foglie di giglio, doveva subire una sapiente preparazione per riuscire velenosa. Da una commedia di Plauto si intende che poteva essere usato come sedativo nelle forme di eccitazione psichica [124]; Esichio lo identificava con la cicuta [125], Dioscuride [126] e Galeno [127] ritenevano fosse il nome del colchico o di un'altra gigliacea, l'iride selvatica, dal fiore candido e grossa radice. Notizie più precise ci provengono dalla dottrina ippocratica degli umori che prevedeva l'utilizzo dell'elleboro come purgante, onde liberare il corpo degli "umori nocivi". D'altro canto l'espressione "elleborizzare" faceva ormai parte del linguaggio corrente. Si distinguevano due varietà, l'elleboro nero e l'elleboro bianco. Il primo corrisponde alla nota "rosa di natale" (Helleborum niger), pianta della famiglia delle Ranunculacee, nel cui rizoma si ha la maggior concentrazione dei due principi attivi, comunque presenti nelle altre parti della pianta: l'elleboreina, che irritando la mucosa provoca lo starnuto e il vomito, e l'elleborina, un cardiotonico. L'elleboro bianco invece è una pianta della famiglia delle Liliacee, nota anche con il nome di veratro bianco (Veratrum album); il suo rizoma contiene alcaloidi che provocano energici effetti sulla funzione cardiaca, sul sistema respiratorio, vascolare e nervoso. Usato come farmaco l'elleboro provoca violente reazioni nel fisico dei pazienti; il rischio di un esito mortale della "terapia" era scongiurato dal vomito, che liberava lo stomaco dal farmaco e quindi veniva recepito solo l'effetto vigoroso del medicamento. È probabile tuttavia che non si avesse sempre chiaro il dosaggio adeguato e quindi la demarcazione fra veleno e rimedio. Attualmente l'elleboro nero nasce in Toscana sui boschi dell'appennino oltre i 1000 metri, la varietà bianca è tipica dei pascoli. Altra pianta medicinale in uso presso gli Etruschi era il myriophillon o millefolium, il cui succo, unito a grasso di maiale, formava una pomata efficace per curare le ferite e consolidare i tendini dei buoi tagliati dal vomere [128].Ai fiori e alle foglie del millefoglio (Achillea millefolium), erba perenne rizomatosa della famiglia Compostae Asteroideae, si riconoscono oggi anche proprietà antispasmodiche, diuretiche e toniche. Se applicato localmente è effettivamente cicatrizzante ed è decongestionante delle mucose. Lo si trova diffuso fino a metri di quota. Della pianta del lino (genere Linum) gli Etruschi usavano probabilmente il seme, che serviva come farmaco con proprietà emollienti e antiinfiammatorie (di solito si facevano tamponi di burro di lino destinati ad arrestare le emorragie nasali) [129]. Esso era sicuramente prodotto su scala industriale in alcune città, per la fabbricazione di vesti, vele, reti da pesca, supporti scrittori e, non ultimi, bendaggi [130]. Il lino è attualmente presente dalla zona marina a quella submontana. Strabone mentre descrive la vegetazione palustre dei laghi dell'etruria, citando quelli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE Le fonti letterarie conservateci che trattino

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli