Centro di Documentazione Missionaria Francesco Saverio RASSEGNA STAMPA Desio (MI) internet:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro di Documentazione Missionaria Francesco Saverio RASSEGNA STAMPA. 20033 Desio (MI) internet: http://cdmdesio.it"

Transcript

1 Centro di Documentazione Missionaria Francesco Saverio RASSEGNA STAMPA Ottobre 2014 c/o Missionari Saveriani tel. 0362/ via don Milani Desio (MI) internet: Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 1

2 Sommario ARTICOLI... 3 Rivista: Cem Mondialità Ottobre Titolo: Ripartire col bucket filler Titolo: Generalizzare non è educare al genere Titolo: La debole forze messianica dell'insegnante Titolo: E' in arrivo la Buona scuola?... 4 Rivista: Missione Oggi Ottobre Titolo: Il demone nazionalista giapponese Titolo: Gaza, oltre la tregua quale pace? Titolo: Il CongoRD in cerca di pace Titolo: Attenzione alle sfide con qualche limite... 6 Rivista: Nigrizia Ottobre Titolo: Noi che abbiamo visto Ebola Titolo: L Eterno Compaoré Titolo: Spiraglio d Algeri Titolo: Le zanne del terrorismo Titolo: Il futuro dopo le sbarre Titolo: Diritto alla vita... 9 DOSSIER / INSERTI Rivista: Cem Mondialità Ottobre Titolo: Generare, genere e generazioni Rivista: Missione Oggi Ottobre Titolo: Quale cooperazione dopo il 2015? Rivista: Nigrizia Ottobre Titolo: Daniele ci precede ancora Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 2

3 ARTICOLI Rivista: Cem Mondialità Ottobre Titolo: Ripartire col bucket filler Tema: Educazione Area geografica: Generale Autore: Sebi Trovato pag.: 6-7 Sintesi: Scusarsi implica ammettere una colpa e oggi nessuno ammette più di aver sbagliato. Non si scusano gli adulti, tanto meno i bambini, anche perché l'intimazione Chiedi scusa! viene usata pochissimo dai genitori. Oggi il figlio è considerato spesso un prolungamento del genitore, pertanto, se un insegnante riprende un allievo, in realtà è l'adulto che gli sta dietro a sentirsi sgridato, e che è prontissimo a fornirti motivazioni a riprova che a sbagliare è l'insegnante. Le buone maniere stanno scomparendo: un tempo un bambino doveva chiedere per piacere e per favore, si insegnava a raccogliere un oggetto caduto e, in presenza di adulti, doveva tacere ed ascoltare, mentre oggi gli viene dato prima ancora che desideri o chieda (per cui si rende inutile il dover ringraziare), gli si raccolgono le matite e, se è presente un gruppo di adulti, è lui il centro dell'attenzione e si fa di tutto per accontentarlo. Esiste una pedagogia del bucket filler, creata dallo psicologo Donald O. Clifton ( ), che, da metà '900, l'ha utilizzata per aiutare manager, insegnanti, infermieri, studenti, sacerdoti, a migliorare le proprie prestazioni sociali, seguendo le sue linee guida. Ognuno di noi deve immaginarsi con un secchio sul capo. Se è corretto e gentile con gli altri, riempie il proprio e l'altrui contenitore e si sente felice e sereno; al contrario, per ogni comportamento scorretto o egoista, svuota l'altrui ed il proprio e si sente triste e depresso. I docenti con letture, video, drammatizzazioni, questionari, liste di comportamenti, giochi e canzoni (tutto reperibile su devono insegnare ai bambini, ad esempio, come: - ottenere ed esprimere affetto mostrare rispetto ed apprezzamento per l'altro diventare altruisti esprimere i propri sentimenti in modo non distruttivo comprendere da dove nascono i sentimenti, come proteggerli e come non ferirli costruire un elenco di parole ed azioni costruttive e non prepotenti. 2. Titolo: Generalizzare non è educare al genere Tema: Educazione, psicologia Area geografica: Generale Autore: Sara Ferrari pag.: 8-9 Sintesi: Nella Grecia antica alle donne, a meno che fossero sacerdotesse, non era consentito entrare nei templi: la grande democrazia ateniese non era per tutti. Questa e tante altre storie andrebbero riviste con occhio critico. I docenti dovrebbero avere un ruolo attivo e consapevole, rileggere i libri della tradizione, smontarne la visione maschilista che relega maschi in ruoli d'azione e di potere e femmine in ruoli familiari o di comparse. La scuola deve proporre altri modelli di ruoli e fornire gli strumenti adatti a demolire stereotipi e sviluppare pensiero critico. Dobbiamo abituare a ragionare sulla relazione, sui vissuti, sui sentimenti, sulle paure e desideri e, forse per primi, sui pregiudizi. Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 3

4 Rivista: Cem Mondialità Ottobre Titolo: La debole forze messianica dell'insegnante Tema: Educazione, storia Area geografica: Generale Autore: Stefano Curci pag.: Sintesi: Gli insegnanti cercano di stabilire un rapporto con testi e storie del passato e di renderle significanti per gli studenti di oggi. In capo a loro e al loro impegno spiegare che i vinti di ieri, coloro che sono stati sacrificati al corso storico, possono essere in parte riscattati nel ricordo di chi ne rievoca la vicenda. Quando cerchiamo di mediare la grande eredità del nostro passato culturale ai nostri studenti, cerchiamo di far passare l'idea che nessuno è un cominciamento assoluto e può permettersi di disprezzare il nostro lascito culturale in nome della dittatura del presente e del nuovismo a tutti i costi. Senza un corretto rapporto con la nostra tradizione culturale si insegnerebbero solo formule tecniche in stile problem-solving al presente. La forza messianica che gli insegnanti hanno, in virtù del loro legame con la tradizione, è debole non solo per umani limiti ontologici, ma anche perché remano contro vari fattori culturali come il nichilismo e il relativismo dominanti, che svuotano di significato qualsiasi affermazione di verità forte e strutturata; ma anche fattori contingenti come il progressivo depauperamento del significato della figura dell'insegnante a cui si assiste quotidianamente. Per molti il maestro è stato sostituito dall'allenatore e dal tecnico, come la pedagogia è stata sostituita dalla scienza dell'educazione, depauperandola da visioni antropologiche. Scrive giustamente Massimo Borghesi che il vero maestro non può astrarre dalla comunicazione esistenziale. L'educazione mediante la tradizione diviene verifica del rapporto tra passato e presente ( ), il maestro è implicato nei nodi fondamentali della tradizione, nelle domande e risposte che provengono dal passato, nella loro corrispondenza o meno alle esigenze fondamentali dell'io. 4. Titolo: E' in arrivo la Buona scuola? Tema: Istruzione Area geografica: Europa / Italia Autore: Aluisi Tosolini pag. 12 Sintesi: Il progetto La buona scuola lanciato dal premier e della ministra dell'istruzione è un documento ampio, largamente condivisibile che, se realizzato, promette di cambiare in modo radicale la scuola italiana. Ma ci riusciranno, Renzi e Giannini? Il mondo della scuola viene da almeno 25 anni di promesse mancate, di delusioni cocenti, di grandi parole e pochissimi fatti. La ministra della Pubblica Amministrazione Madia, il giorno stesso in cui è stato presentato in pompa magna il piano la Buona scuola, ha comunicato che per il quinto anno consecutivo gli stipendi dei dipendenti pubblici saranno congelati: un paradosso della comunicazione politica. E quale delle due affermazioni sia più vera e facilmente realizzabile (la promessa della Buona scuola o il ferma tutto che non ci sono soldi) il mondo della scuola lo sa da anni. Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 4

5 Rivista: Missione Oggi Ottobre Titolo: Il demone nazionalista giapponese Tema: Politica internazionale Area geografica: Asia / Giappone Autore: Stefano Vecchia pag.: 7-9 Sintesi: Lo tsunami del marzo 2011 ha segnato una frattura in Giappone, minandone la sicurezza e diffondendo un profondo senso di disagio e di instabilità. La volontà di ripresa sembra però passare oggi non solo attraverso la politica e l economia, ma anche attraverso il nazionalismo, la rinuncia al pacifismo e la ricerca di un prestigio internazionale ottenuto con il riarmo. Nonostante gli USA abbiano mantenuto nell arcipelago nipponico militari e numerose basi aeree e navali, i giapponesi si appellano alla necessità di contenere le mire cinesi sui mari e di proteggere le loro isole per ridefinire il ruolo militare del Paese. La Chiesa cattolica non ha esitato a palesare le proprie preoccupazioni, ribadendo, contro le tentazioni militaristiche, come il pacifismo giapponese sia stato dalla fine del secondo conflitto mondiale ad oggi una fonte di orgoglio per l intera umanità. 2. Titolo: Gaza, oltre la tregua quale pace? Tema: Politica internazionale Area geografica: Asia / Israele Autore: Giusy Baioni pag.: Sintesi: Non solo grazie alla presenza di molte troupes straniere, ma anche mediante la diffusione rapidissima nella rete di foto scattate con i cellulari, dell operazione Protective Edge dello Stato di Israele contro la cosiddetta Striscia di Gaza siamo stati tutti aggiornati in tempo reale. Il bilancio è pesantissimo: 50 giorni di bombardamenti intensivi, 2100 morti palestinesi, 69 israeliani, distruzioni che richiederebbero l impiego di 30 milioni di dollari e mesi di lavoro solo la rimozione delle macerie. Il 26 agosto tra l autorità palestinese di Abu Mazen (che nel controllo dei confini della Striscia e nella gestione della ricostruzione si è sostituita a Hamas) e gli israeliani è stata raggiunta una tregua, comportante l immediato cessate il fuoco e l apertura di valichi per aiuti umanitari. Alla tregua dovranno seguire una fase interlocutoria e una fase negoziale più approfondita, in cui verranno presi in considerazioni alcuni punti cruciali tuttora insoluti, quali la liberazione di detenuti politici palestinesi, la costruzione di un porto, la riapertura dell aeroporto di Gaza. Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 5

6 Rivista: Missione Oggi Ottobre Titolo: Il CongoRD in cerca di pace Tema: Politica internazionale Area geografica: Africa / CongoRD Autore: Tarcisio Nardelli, Silvio Turazzi pag.: Sintesi: Durante un pellegrinaggio sulla tomba del vescovo Munzihirwa (ucciso nel 1996) a Bukavu, nel Congo RD, padre Tarcisio Nardelli, direttore del Centro missionario diocesano di Bologna, e padre Silvio Turazzi, missionario saveriano in Congo, hanno incontrato nei campi profughi del Kivu gruppi di famiglie alloggiate in tende e baracche, che sono state costrette da continui scontri armati a lasciare terre ed abitazione. Si stima che negli ultimi 20 anni i morti siano stati 7-8 milioni e che la vita media in queste condizioni di estrema miseria sia di 40/42 anni; le più colpite sono le donne, che, oltre a dover sopportare le maggiori fatiche, sono state oggetto di orribili violenze (i rapporti ufficiali denunciano stupri). Nonostante tutto, qualcosa sta cambiando: anche grazie all intervento dell ONU cresce nella popolazione il coraggio di prendere posizione, di costruire il futuro. Eppure queste vicende paiono lasciare indifferente l opinione pubblica internazionale, nonostante i conflitti locali siano strettamente legati all uscita illegale dal Paese di oro, coltan, tungsteno, petrolio. 4. Titolo: Attenzione alle sfide con qualche limite Tema: Chiesa Area geografica: Generale Autore: Giannino Piana pag.: Sintesi: In funzione del prossimo Sinodo dedicato alla famiglia è stato redatto un testo preparatorio, suddiviso in tre parti: comunicazione del Vangelo della famiglia, illustrazione della pastorale familiare, con particolare riferimento alle situazioni difficili e irregolari, questione educativa. Il punto di partenza è la concezione cristiana della famiglia, comunque valorizzata anche nelle sue componenti più generali, umane, sociali, relazionali. Divorzi, convivenze, uso di contraccettivi, unioni tra persone dello stesso sesso sono viste in rapporto con vari fattori, quali i ritmi lavorativi, il consumismo, la cultura di massa; le posizioni più nette riguardano le unioni omosessuali, che, seppur guardate con atteggiamento rispettoso, sono ritenute incompatibili con il sacramento del matrimonio. Il documento rappresenta, in sintesi, un importante base da cui partire, anche se inevitabilmente si avverte un certo divario tra le posizioni ufficiali del magistero ecclesiastico e il sentire comune degli stessi credenti, praticanti e non. Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 6

7 Rivista: Nigrizia Ottobre Titolo: Noi che abbiamo visto Ebola Tema: Epidemia Area Geografica: Africa / Africa occidentale Autore: Giovanni Putoto pag.: Sintesi: L Africa occidentale sta attraversando la più grave di tutte le epidemie di ebola finora documentate. Il controllo dell epidemia in alcune aree è stata senz altro tardiva e inadeguata anche perché quella in atto è molto costosa e molto complessa da gestire. Per contrastare la malattia occorrono cospicue risorse professionali, materiali e finanziarie, oggi ancora gravemente carenti. Tuttavia oltre a questi provvedimenti occorre coinvolgere e responsabilizzare la comunità in cui si manifesta l epidemia. E necessario spiegare e ancora spiegare ciò che si sta facendo, in modo che la popolazione capisca qual è la posta in gioco. Una comunità che collabora fornisce informazioni decisive che incidono sulla strategia di contenimento dell epidemia. La comunità deve anche arrivare a comprendere la sospensione temporanea dei riti funebri secondo le modalità locali e quindi bisogna essere in grado di rispondere a tutti gli interrogativi e alle preoccupazioni della comunità per non far scattare il rifiuto. L epidemia ha colpito sistemi sanitari fragili, come quelli della Sierra Leone e della Liberia, paesi da poco usciti da lunghi conflitti civili. La sfida a breve termine è continuare a fornire servizi efficaci e sicuri. Se la popolazione fa esperienza di questo reagisce in modo determinato e così convinto che l epidemia viene controllata in modo razionale ed efficace. 2. Titolo: L Eterno Compaoré Tema: Politica Area Geografica: Africa / Burkina Faso Autore: Elio Boscaini pag.: Sintesi: Compaorè è presidente del paese africano da ben 27 anni ma ancora vuole sollecitare un altro mandato, anche se la Costituzione vieta espressamente di rieleggere il presidente per più di un mandato. Per contrastare il tentativo di modifica della Costituzione che vieta al presidente Compaoré di ripresentarsi alle elezioni, all inizio dello scorso anno è sorto un movimento che si batte con l obiettivo di far rimanere la costituzione così com è. Intanto la situazione è confusa perché il regime di Compaore sta vacillando tanto che ha dovuto fare alcune concessioni e nominare un nuovo primo ministro. Il movimento M37 e la popolazione si oppongono al tentativo di modificare la Costituzione in Parlamento. A questo punto Compaoré può ricorrere al referendum ma le forti contestazioni sociali e la posizione altamente critica della Chiesa cattolica lo rendono prudente. Tanti gli appoggi al presidente e diversificati: dal patronato ai capi tradizionali, ai tanti che temono il rischio caos. Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 7

8 Rivista: Nigrizia Ottobre Titolo: Spiraglio d Algeri Tema: Conflitti Area Geografica: Africa / Mali Autore: Andrea De Giorgio pag.: Sintesi: Dopo tre anni di conflitto, per il Mali, tormentato da una guerra penosa e strisciante, si apre forse uno spiraglio di pace. Ad Algeri i rappresentanti dei principali gruppi ribelli del Nord si sono seduti al tavolo del dialogo per discutere con il governo maliano di un accordo di pace che, per la prima volta, pare vicino. Il paese rimane comunque spezzato in due perché a nord la popolazione rimane alla mercé di attacchi terroristici e di crisi alimentari mentre a sud Bamako, la capitale e il resto del paese vivono in apparente tranquillità. Lì la guerra non è mai arrivata perché l intervento della Francia ha bloccato l avanzata dei jihadisti. La pace viene chiesta a gran voce da molti paesi. Sembra che i vari gruppi stiano mettendo da parte le divergenze per cercare una soluzione. Non facile. I gruppi armati che si avvicendano al tavolo del negoziato sono fluidi e ciò non aiuta. Gli osservatori internazionali intanto hanno indicato nei principi d integrità territoriale e della laicità dello stato la linea invalicabile richiesta da Bamako. La difficoltà maggiore sta nel capire come risolvere le istanze indipendentiste tuareg, istanze che potrebbero riemergere ciclicamente. La popolazione maliana è restia a fare ulteriori concessioni ai tuareg perché resta il sospetto che dietro ai gruppi ribelli si celino velleità jihadiste. Il Sahara non può essere controllato militarmente perché troppo vasto e anche se nelle città del nord, liberate dalle truppe francesi, si respira un clima di calma apparente, le popolazioni manifestano il loro malcontento per le promesse di stabilità, non mantenute, da parte della Francia. L unica difesa rimangono i caschi blu dell Onu che sono divenuti il bersaglio preferito degli attentati suicidi. L esercito maliano è ancora troppo debole. 4. Titolo: Le zanne del terrorismo Tema: Terrorismo Area Geografica: Africa / Rd Congo Autore: François Misser pag.: Sintesi: La criminalità organizzata e i gruppi terroristici si finanziano anche con il contrabbando di avorio scambiato con armi, munizioni e cibo. Sempre più spesso i gruppi criminali prendono le armi nella savana e nelle riserve dove le guardie poche e mal pagate non possono arginare il loro strapotere. Il Parco nazionale di Garamba è uno dei luoghi più vulnerabili tanto che la popolazione di elefanti si è ridotta sensibilmente. Dai porti di paesi compiacenti l avorio parte, in gran parte, destinato alla Cina. Nel parco del Virunga fu compiuto un massacro di elefanti da parte dei gruppi ribelli che hanno messo a ferro e fuoco il Darfur e che operano ancora in Niger. Una inchiesta condotta per un anno ha fatto emergere la striscia di sangue che attraversa il bracconaggio, una filiera assai simile al traffico di droga o di diamanti e l organizzazione che si occupa della salvaguardia degli elefanti resta convinta che i terroristi somali abbiano finanziato la loro attività con il traffico d avorio attraverso il Kenya. Da molto tempo il Kenya è un luogo di transito per il contrabbando di avorio ed esiste la certezza di un legame tra i commercianti di avorio illegale e gli Al-Shabaab che potrebbero aver agito attraverso banditi. Cifre elevate attraverso questo commercio arrivano ogni anno nelle casse dei gruppi armati e il numero di elefanti diventa ogni anno più esiguo. Tutto ciò accade nonostante la vendita di avorio sia stata vietata nel 1989 in tutto il mondo. Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 8

9 Rivista: Nigrizia Ottobre Titolo: Il futuro dopo le sbarre Tema: Giustizia, inserimento sociale Area Geografica: Africa / Senegal Autore: Marta Gatti pag.: Sintesi: In Senegal in alcune prigioni da anni sono cominciati progetti di recupero per i detenuti e uno dei più attivi ad opera dell ong Tostan è quello che riguarda un carcere femminile dove sono rinchiuse molte donne condannate per infanticidio. In Senegal la condanna per questo tipo di reato sono i lavori forzati a vita anche se la pena non viene mai applicata. Ma il rischio che queste donne corrono, spesso analfabete, con una scarsa conoscenza del loro corpo e dei loro diritti, è l isolamento perché una volta scontata la pena la famiglia di origine le rigetta e non posso più vedere i loro figli. Così questa ong, da anni, tiene all interno della struttura dei corsi di formazione ed è stringente vedere come queste donne che non conoscono il funzionamento del loro corpo e non hanno accesso alla contraccezione diventino consapevoli e reagiscano impegnandosi per avere un futuro diverso. All interno del carcere viene dato loro un lavoro, offrendo una prospettiva economica alla fine della pena cosicché le attività di reinserimento si sono moltiplicate nel tempo cercando di coinvolgere anche le famiglie di origine. Quando escono le detenute hanno il denaro che è il frutto del loro lavoro e questo permette loro di recuperare la fiducia della famiglia. Il desiderio dell organizzatrice del progetto è di poter attivare questi corsi all interno di tutte le prigioni. 6. Titolo: Diritto alla vita Tema: Pena di morte Area Geografica: Generale Autore: Anna Pozzi pag.: Sintesi: L Italia per rilanciare l impegno del nostro paese sulla moratoria sulla pena di morte ha invitato a parlare all Onu, la yemenita insignita del premio Nobel per la pace, attivista da molti anni per i diritti umani in un paese come il suo, dove il diritto alla vita per troppe persone non ha valore. La giornalista ha ricordato come la battaglia per l abolizione della pena di morte debba essere una battaglia comune affinché si possa ridurre il numero delle nazioni che prevedono tale pena inumana. Bisogna fare in modo che venga eliminata da ogni legislazione la pena di morte e ha ribadito che anche le religioni, compreso l Islam, possono fare molto per proteggere il diritto alla vita. Molti altri hanno portato la loro testimonianza vissuta in ambienti dove non solo la pena di morte è in vigore, ma dove spesso non sono riconosciuti e difesi neppure i diritti umani più basilari. La pena capitale viene spesso usata per controllare e intimidire la popolazione laddove povertà e ignoranza sono largamente diffuse. O come avviene in Pakistan contro le minoranze religiose. Si può però intravvedere qualche spiraglio di speranza soprattutto in Africa dove molti paesi non hanno eseguito sentenze da molti anni o si stanno avviando verso l abolizione della pena di morte. Non si può ancora abbassare la guardia perché in un mondo segnato da guerre, crisi, barbarie e violazione dei diritti umani, ribadire il diritto alla vita non è puro esercizio di retorica. Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 9

10 DOSSIER / INSERTI Rivista: Cem Mondialità Ottobre 2014 Titolo: Generare, genere e generazioni Tema: Educazione, famiglia, società Area geografica: Generale Autori: Autori vari pag.: Sintesi: Secondo alcuni è necessario studiare le differenze di genere, come sostiene gran parte del movimento femminista, che vede il mondo maschile e quello femminile contrapposti, in quanto hanno modi di ragionare e vedere la realtà, oltre che diverse posizioni etiche e di potere; secondo altri bisogna ricercare e valorizzare le somiglianze e i punti in comune. Mentre la nostra lingua conosce un unico termine per designare il sesso, la lingua inglese opera una distinzione tra i termini sex e gender. Il primo è il sesso biologico, che definisce il complesso dei caratteri anatomici fisio-psicologici che distinguono i maschi dalle femmine. Il termine gender invece, è un costrutto sociale e definisce essenzialmente il complesso di ruoli, aspettative e convenzioni costruiti intorno all'identità maschile e femminile. Per questa teoria i ruoli di genere non sono modelli naturali, ma piuttosto costrutti sociali precostituiti ed imposti dalla società. Essi si differenziano all'interno delle singole culture e possono variare nel corso del tempo; i ruoli di genere non sono quindi immutabili, ma si prestano ad essere ridiscussi e ridefiniti. L'acquisizione di certi comportamenti, secondo la teoria dell'apprendimento sociale, avviene per osservazione/imitazione di modelli, per cui la prestazione di un bambino o di una bambina rispetto ad un compito assegnato è influenzata dalla percezione del compito come inappropriato al proprio genere o all'altro. Nell'interazione con i bambini, i genitori e successivamente gli educatori, inviano loro messaggi di diverso tipo inconsapevoli, preverbali, verbali che riproducono ciò che le stesse persone adulte hanno a loro volta sentito dai loro genitori/educatori. Attraverso questi messaggi il/la bambino/a si crea un'idea di se stesso, degli altri e del mondo. Sono inviti a non essere o non fare una determinata cosa attraverso aspettative stereotipate che i maschi siano forti, coraggiosi, furbi, intelligenti, solitari, aggressivi, prepotenti, mentre le femmine devono essere gentili, giudiziose, leali, fedeli, dolci, ecc. A rafforzare questi processi gioca il peso esercitato dai mezzi di comunicazione di massa, i cui messaggi stereotipici affollano i programmi destinati ai bambini e la pubblicità. Su questa base si formano gli stereotipi di genere che sopravvivono ancora e condizionano le idee di gruppi di individui, ma hanno anche conseguenze sul modo di agire e sulla società e conducono alle svariate forme di discriminazione che a tutt'oggi, nonostante la riduzione delle differenze a livello macrosociale, si possono riscontrare sia in ambito professionale che all'interno delle relazioni familiari e di coppia. Generare, genere e generazioni; Rita Roberto; pag.: 17-22, Deka Logous (10 parole). Quale etica per l'umanità? Decalogo, letteratura, cinema ed arti; Antonella Fucecchi e Antonio Nanni; pag.: Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 10

11 Rivista: Missione Oggi Ottobre 2014 Titolo: Quale cooperazione dopo il 2015? Tema: Cooperazione internazionale Area geografica: Generale Autore: AA.VV. pag.: Sintesi: Tra il 2000 e il 2015 l Onu si è prefisso di raggiungere otto Obiettivi di sviluppo del millennio (OSM), volti allo sradicamento della povertà. In vista del 2015 la comunità internazionale ha individuato come traguardo per da qui al 2030 gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). Cosa cambierà? Innanzi il punto di arrivo dei primi sarà il punto di partenza dei secondi, che inoltre includeranno come parte attiva del processo quei Paesi che negli OSM erano indicati come recettori più che come protagonisti. Dovrà anche essere ridefinito con nuovi indicatori l obiettivo, non raggiunto, della riduzione di anidride carbonica e andranno in generale ridefinite le politiche ambientali. Inoltre, poiché la crisi economica in atto ha ridotto i legami commerciali, produttivi e finanziari tra il Nord e il Sud del mondo, quest ultimo dovrà sempre più contare non tanto su investimenti o aiuti esterni, quanto su iniziative proprie, come il micro-credito e lo sviluppo comunitario/cooperativistico. In effetti, stando ai dati dell Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) i fondi stanziati per i Paesi poveri spesso hanno indirettamente alimentato la povertà, considerata da governi locali corrotti come incentivo per ricevere ulteriori aiuti. Si rende pertanto necessario anche un sistema di monitoraggio e di trasparenza, che non può essere disgiunto dal perseguimento degli OSS. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile, Vittoria Cantillo, pag.: La crisi del Nord, Marco Missaglia, pag.: La cooperazione e l ascesa del Sud, Jairo Agudelo Taborda, pag.: Le trappole del reddito medio, Vanessa Barrios Charris, pag.: La cooperazione verso il multilateralismo, Gianmarco Vassalli, pag.: Cooperazione Sud-Sud: il caso Venezuela, Ibelis Blanco, pag.: L efficacia dell aiuto allo sviluppo dopo il 2015, Gustavo Rodriguez, pag.: Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 11

12 Rivista: Nigrizia Ottobre 2014 Titolo: Daniele ci precede ancora Tema: Chiesa, missione Area Geografica: Africa / Generale Autore: AA.VV. pag.: Sintesi: Nel XIX secolo in un contesto pieno di cambiamenti significativi in ogni campo, politico, sociale e tecnologico, compare Daniele Comboni che porta avanti la sua idea di missione, la sua riflessione sul futuro dell Africa partendo dalla constatazione che l evangelizzazione del continente si muoveva su iniziative insufficienti. La Chiesa non era ancora aperta alle novità del secolo e guardava con profonda preoccupazione all idea di valori sociali e di sistemi politici che non dipendono dall alto. Il Piano di Comboni parte proprio dalla presa di coscienza dell insufficienza dell evangelizzazione in Africa. Il Piano affonda le sue radici in un confronto con il mistero di Dio e con le più fertili intuizioni del suo tempo. Elabora modalità del tutto nuove partendo da una visione del mondo in cui il messaggio cristiano è ritenuto fattore determinante per la trasformazione della realtà. Una missione che parte dunque non da volontarismo ma da Dio stesso e che porta veramente verso l altro e il suo bene. Su queste fondamenta si poggia il Piano che prevede di salvare l Africa con l Africa. Gli africani non più visti come destinatari ma coprotagonisti; quindi normale progettare centri di formazione e università. La missione non si fa da soli ma come comunità; la missione africana e di tutta la Chiesa e di tutti nella Chiesa. Infine bisogna partire dall esperienza, dal vissuto, dalla condivisione dell esperienza di ciascuno che arricchisce tutti. E questa una scelta molto moderna. Tuttavia il suo Piano incontra molte resistenze, inconcepibile per la Chiesa dell epoca vedere un comitato costituito da ecclesiastici e laici, da uomini e donne assumere un ruolo centrale nella riflessione e nel coordinamento dell attività evangelizzatrice in tutto il continente africano. La struttura di fondo del Piano rimane profetica e la visione attuale. Se scegliamo come condizione di vita la condivisione anche oggi si aprono davanti nuove vie per condividere la vita e la fede Rigenerazione; Francesco Pierli; pag.: Dal Fallimento all assedio; Elio Boscaini; pag.: Immersi nella storia; Alberto Parise; pag.: Rassegna stampa - Ottobre 2014 pag. 12

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e LA MANIF ITALIA La Manif Italia è un associazione di comuni cittadini senza bandiere di partito, né simboli religiosi che opera per la promozione e la protezione della famiglia. Perché per la famiglia?

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 e-mail: scuolamaternarovetta@virgilio.it Sito: www.asilogallicciolli.191.it Il PROGETTO

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne Che cosa è successo e succede in Afghanistan Che cosa hanno vissuto e vivono le donne Donne speciali: RAWA, HAWCA, OPAWC, Malalai

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

A.S. 2014-2015 P.O.F. UN CURRICULUM PER LA CITTADINANZA GLOBALE (SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO) (3-14 ANNI)

A.S. 2014-2015 P.O.F. UN CURRICULUM PER LA CITTADINANZA GLOBALE (SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO) (3-14 ANNI) ISTITUTO COMPRENSIVO "CESARE BATTISTI" CATANIA Via S. Maria de la Salette n. 76 Tel. 095/341340 E mail: ctic8ab00g@istruzione.it C.F. 80008050876 CODICE M.P.I. CTIC8AB00G A.S. 2014 2015 P.O.F. UN CURRICULUM

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Il caso della Scuola Oliver Twist

Il caso della Scuola Oliver Twist Il caso della Scuola Oliver Twist di Giorgio Vittadini C è un opinione che oggi va per la maggiore: quella secondo cui, per poter essere efficacemente impegnati nella realtà, occorre partire da una visione

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Domande del gioco 1- Amnesty ha come logo una candela avvolta nel filo spinato, sapresti dirne il significato? 2- Esiste la carta dei diritti delle donne? 3- Sai perché è nato il giorno dell 8 marzo? 4-

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo

Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio Contro la povertà e i cambiamenti climatici, uniamoci e facciamo un nodo Caritas Diocesana - Foligno Stand Up 2009 Gli obiettivi del millennio 16/18 ottobre 2009

Dettagli

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE 1 CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE Percorsi educativi per l affermazione di una cultura di genere Contro ogni forma di violenza e discriminazione Piena cittadinanza delle differenze A cura dell Associazione

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli