L antropologia è lo studio del genere umano, saperi, scienze, psicologia e sociologia; noi studiamo il genere umano dal punto di vista culturale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L antropologia è lo studio del genere umano, saperi, scienze, psicologia e sociologia; noi studiamo il genere umano dal punto di vista culturale."

Transcript

1 Natura e origini dell antropologia L antropologia è lo studio del genere umano, saperi, scienze, psicologia e sociologia; noi studiamo il genere umano dal punto di vista culturale. Quali furono le condizioni della comparsa dell antropologia? Erodoto parla di una diversità tra greci e barbari. L umanesimo e la scoperta dell America pongono nuovi stimoli. L umanesimo europeo pose l umanità al centro della riflessione filosofica e della produzione artistica, ispirato però ai classici del passato. Con la scoperta dell america si pongono nuovi quesiti Fine del XVIII secolo, teoria unitaria del genere umano, nel corso dell ottocento l interesse per i popoli esotici nelle maggiori potenze coloniali. Nelle colonie e nelle riserve lavorano i primi antropologi. Dominio di società verso altre società. Cosa fanno gli antropologi? Detti anche etnografi, studiano Popoli contemporanei ma geograficamente lontani Istituzioni sociali e politiche Culti, credenze religiose Tecnologia delle costruzioni e arte Importante è lo studio dei popoli primitivi rappresentanti di fasi arcaiche della storia. L antropologia studia oggi ogni aspetto sociale dell uomo. Oggetto e metodo dell antropologia culturale Che cos è la cultura? Scambio di cappelli e bastoni tra spagnoli e Arè - Arè nelle isole salomone. Gli isolani credevano che possedere cappelli simili a quelli dei loro capi avrebbe dato loro potere, allo stesso modo gli spagnoli credevano che ottenendo finto oro avrebbero avuto ricchezza. Chi era ingenuo, rispetto a chi? Entrambi leggono la novità in termini già noti. (ricchezza / potere) La cultura è un complesso di idee, simboli, azioni e disposizioni storicamente tramandati, acquisiti, selezionati e largamente condivisi da un certo numero di individui, mediante i quali questi ultimi si accostano al mondo in senso pratico e intellettuale. Vi sono delle differenze e affinità nel modo che le diverse culture hanno di vedere il mondo. La natura della cultura L uomo nasce nudo, la cultura va oltre il genoma umano. Studi di Jean Piaget ( ) sull età dello sviluppo. Ciò che il nostro gruppo sa e ci insegna è a sua volta frutto di una lunga storia di rapporto con l ambiente. Importanza dei modelli stabiliti dalla tradizione. Importanza dell apprendimento del linguaggio nei primi anni dello sviluppo. I codici di comportamento pratici e mentali condizionano le nostre scelte. Il processo di formazione degli individui non cessa con il raggiungimento della maturazione psichica. 1

2 Caratteristiche principali della cultura Complesso di modelli (idee, simboli, azioni, disposizioni) Operatività (l uomo agisce sul suo habitat) Selettività (modelli aperti / chiusi) Dinamicità (incontri / scontri tra culture) Differenziata, stratificata (ricchi e poveri); l immagine che abbiamo di una cultura è spesso quella che i dominatori vogliono trasmetterci (cultura dominante / subalterna). Comunicazione e creatività (la cultura esiste nella capacità di trasmettersi dei messaggi) Olistica (tutti questi aspetti formano un complesso integrato olos intero) Dov è la pelle di una cultura? Dove comincia e dove finisce una cultura? È strettamente connessa con l identità. La ricerca antropologica Come si fa a studiare tutta una cultura? Adottare una prospettiva che ci predispone a stabilire collegamenti tra i vari aspetti di vita di coloro che fanno parte di una determinata cultura. Malinowski argonauti del pacifico occidentale ricerca effettuata sul campo nelle isole trobriand. Nella ricerca si studia l intero campo tribale in tutti i suoi aspetti, anche quelli che possono apparire banali. Non si può analizzare il singolo aspetto di una cultura estrapolandolo dal suo contesto olistico. L etnografia e la raccolta dei dati Elemento chiave della ricerca antropologica, raccolta dati: Storie e miti relativi alla comunità studiata Aneddoti, proverbi Norme comportamentali Riti, matrimoni, credenze Uso delle risorse Vivere all interno della comunità studiata, mangiare il loro cibo, partecipare ai loro riti questo permette di raggiungere importanti informazioni che una semplice intervista non può ottenere. osservazione partecipante. Vedere il mondo dal loro punto di vista, capire come i nostri ospiti vedono se stessi nel proprio mondo L antropologo si immedesima nei suoi ospiti. Quando noi raccogliamo dei dati teniamo conto di elementi che riteniamo importanti, mentre ne scartano degli altri. Noi senza volerlo stiamo interpretando i dati in funzione di idee già presenti in noi. 2

3 Gli assunti fondamentali del ragionamento antropologico La prospettiva olistica (si prediligono piccole comunità, si tiene conto del contesto) La prospettiva contestuale (Max Weber concetto di predestinazione / capitalismo) La cultura non è un monolite L universalismo (contro l etnocentrismo dei colonialisti) Lo stile comparativo (variabili tra società vicine; studio di fenomeni simili tra società lontane) Non esistono culture superiori Vocazione dialogica (punto comune, ascoltare) Antropologia come traduzione (punto di vista concettuale tabù ) Ascoltare tenendo conto dei concetti Inclinazione critica (mai idealizzare pratiche e valori dei popoli studiati) Approccio relativista (secondo Levi Strauss l antropologia deve essere critica a casa propria ma conformista a casa degli ospiti) Comprendere non giustificare L impianto pluri paradigmatico (concetto / idea che funge da punto di riferimento; rispetto alla scienza, qui i paradigmi abbondano) Condizione riflessiva (le esperienze altre ci permettono di comprendere meglio la nostra cultura). Decentramento dello sguardo (dobbiamo osservare noi stessi attraverso lo sguardo degli altri. Vedere noi stessi come gli altri ci vedono). Unità e diversità nel genere umano Siamo apparentemente diversi ma del tutto simili, le differenze somatiche tra gli esseri umani sono superficiali e relativamente recenti. Studi sul DNA mitocondriale e sul cromosoma Y hanno rivelato che tanto maggiore è la distanza tra due popoli tanto grande sarà la differenza genetica. La razza è una costruzione culturale che si fonda su nessuna base scientifica. Tutte le lingue sono caratterizzate da una stessa complessità. Popolazioni genetiche e famiglie linguistiche: (famiglia indoeuropea) Latino Greco Celtico Gotico (famiglia semito-camitica) Arabo Aramaico Berbero (famiglia uralica) Finnico 3

4 Ungherese Queste tre famiglie potrebbero derivare dal sanscritto degli indù. Si ipotizza che, sulla base di ricorrenze fonetiche e morfologiche, tutte le lingue morte fossero riconducibili a grandi super famiglie. Oggi si parla di un ipotetico ceppo comune. La distinzione linguistica sembra coincidere con il progressivo allontanamento delle popolazioni da / AF ad oggi. La presenza di una lingua può essere frutto di quattro fattori: Occupazione di una regione disabitata (vedi i popoli della Polinesia) La divergenza (conflitti e migrazioni) La convergenza (prestito linguistico / creolo) La sostituzione (impero romano /ellenismo) Geni, lingue e culture La diffusione di alcune famiglie linguistiche fu una conseguenza della diffusione dell agricoltura. Interessa diverse aree in tempi differenti. I baschi (euskaldunak) discendono da popolazioni pre-indoeuropee. (popolazione paleolitica preesistente). Il mistero dei baschi dimostra come geni e lingue cambiano a una velocità infinitamente minore rispetto a quella con cui mutano le culture. Le aree culturali Sono regioni geografiche al cui interno sono compresi una serie di elementi sociali, culturali, linguistici, ecc relativamente simili. Questo tipo di suddivisione è puramente indicativo. Prende infatti in rilievo solo società indicative di una certa area, trascurando le altre. (rischio di essenzializzazione ). Forme storiche di adattamento: le società acquisitive Homo sapiens, sapiens (il colonizzatore) AC (diversificazione) 4

5 AFRICA EUROPA ASIA AREE CICUMPOLARI PACIFICO AMERICHE Durante questi anni l uomo ha elaborato strategie di adattamento altamente diversificate. Queste forme di adattamento, sono il risultato di un processo, che ha al suo centro il lavoro umano. Per 4/5 della sua storia l uomo praticò la caccia / raccolta come unica opzione. Si tratta di società acquisitive, realizzano la propria sussistenza attraverso il prelievo di risorse spontanee dall ambiente. Nel AC avviene la rivoluzione agricola: Interessa la valle del Nilo, la Mesopotamia, l Indo, la Mesoamerica e la Cina Modificazioni nella vita sociale del genere umano La rivoluzione agricola comportò un incremento demografico straordinario Una nuova forma di adattamento è la pastorizia nomade. Caratteristiche delle società acquisitive nessun intervento sulla natura attività a rendimento immediato la mobilità in piccoli gruppi è d obbligo (bande / orde) società egualitaria parità dei sessi assenza di risorse accumulabili La banda non è un unità stabile a causa del fenomeno del flusso. L incremento demografico, dovuto alla possibilità di accumulare le risorse, hanno posto le basi per la formazione di una società stanziale con divisioni sociali di classe (nobili, liberi, schiavi) fondata sulla divisione del lavoro. I cacciatori / raccoglitori della preistoria europea, vissero in un certo periodo in aree ricche di selvaggina che resero superflui gli spostamenti. Forme storiche di adattamento coltivatori e pastori Con il domesticamento delle piante e degli animali gli esseri umani operarono le prime vere modifiche sui processi di crescita e riproduzione degli organismi naturali. 5

6 Investimento lavorativo Rendimento differito Questo tramite l agricoltura e l orticoltura Orticoltura (consiste nel disboscamento, dove si ricavano aree per l impianto di talee di alberi adulti da frutto) Agricoltura (il terreno viene lavorato, con cure continue nell ambito di un ciclo produttivo) Le società che fondano la propria sussistenza sull agricoltura contengono in se le premesse per la comparsa dell autorità politica e della stratificazione sociale. Popoli pastori e società peripatetiche Stadio dell evoluzione economica che si sviluppa di pari passo con l agricoltura, conseguenza anch esso del fenomeno dello stanziamento. Allevamento (animali stanziali, nutriti con prodotti agricoli) Pastorizia (animali da pascolo, nutriti con ciò che si trova in natura) Sistemi di pensiero e cosmologie Caratterizzati da una ricerca della coerenza. Rappresentazioni dello spazio / tempo Credenze religiose Magia / stregoneria Rapporto natura / cultura Relazioni tra i sessi Differenze e somiglianze Robin Horton confronta nel 60 i sistemi di pensiero occidentale e africano, concludendo che avessero qualcosa in comune, la medesima funzione esplicativa. Entrambi i sistemi sono alla ricerca di una spiegazione del mondo, dove spiegare significa cogliere la regolarità dei fenomeni oltrepassando il senso comune. Esiste un analogia tra forze divine e forze fisiche, entrambi appunto, hanno una funzione esplicativa. La difficoltà con cui gli occidentali tendono ad occuparsi di questi sistemi dipende dal fatto che non li considerano per quello che sono: tentativi di prendere le distanze dal senso comune. L uso delle analogie esplicative L AIDS oltre a essere una malattia spiegata in termini empirici è anche il segno di un male che trae origine dal malfunzionamento dell ordine sociale, che diventa l elemento esplicativo principale. Nei sistemi africani le analogie esplicative sono personalizzate cioè date in termini di relazioni sociali e interpersonali. La vera causa della malattia viene ricondotta a un comportamento che minaccia l ordine sociale. 6

7 Sistemi chiusi e aperti Luria smentisce Levy Brull sulla questione del pensiero primitivo Oralità diffusa; il ragionamento è privo di alternative (dire = fare) Scrittura; il ragionamento è ricco di varianti Pensiero metaforico e magico il sole tramonta e sorge gli spiriti stanno sugli alberi tu sei una volpe noi bororo siamo arara rossi La magia e le sue interpretazioni Un atto magico è un azione compiuta da un soggetto nell intento di esercitare un influenza di qualche tipo su qualcuno o qualcosa. (magia bianca / nera). Magia imitativa (imitare la natura) Magia contagiosa (oggetti a contatto) Concetto di sviluppo del pensiero. La religione (sistema chiuso) [da certezze] La magia (sistema pratico) [opera sugli eventi affermando la presenza] La scienza (sistema aperto) [analisi della natura] Magia e presenza Secondo l etnologo Ernesto De Martino studia il mezzogiorno d Italia e vede la magia come angoscia della perdita della presenza ; la presenza è una condizione che l essere umano non cessa di costruire per sottrarsi all idea angosciosa di non esserci. L esigenza di affermare la presenza è tipica del mondo subalterno, povero e illetterato che avendo ancora preso coscienza dell identità di classe è legato a forme di affermazione della propria presenza nel mondo. Il pensiero mitico I miti possono variare I riti sono sempre identici La celebrazione di un rito è collegata al racconto di un fatto accaduto nel passato, ritenuto responsabile dello stato attuale delle cose. È venuto prima il mito o il rito? Pare che i riti vengano prima dei miti. Il mito e forme di narrazione storica convivono in tutti i popoli; il mito disegna una situazione originaria come caratterizzata da una profonda unità iniziale degli elementi (equilibrio cosmico) Il mito autorizza certi riti Giustifica l ordine esistente 7

8 Levi Strauss riconosce nei miti una struttura composta da mitemi i quali sono simili in ogni popolo. Il pensiero mitico si assume il compito di risolvere le contraddizioni tra spirito e corpo, bene e male attraverso un mediatore simbolico. Costruzione di se e dell altro I confini del se e la rappresentazione dell altro (identità / alterità) Corpi Chi siamo noi? Chi sono loro? Cos è un uomo cos è una donna? Cos è un bambino? Cos è un adulto? Il corpo è un mediatore tra il se e il mondo circostante alle cui regolarità siamo stati esposti fin dalla nascita cosi da prevederle. (conoscenza incorporata). Concetto di habitus, complesso di atteggiamenti psico-fisici mediante cui gli esseri umani stanno nel mondo. Questo essere nel mondo è culturalmente orientato ed è stato oggetto di attenzioni fin dalla antichità. Il corpo è infatti culturalmente disciplinato, è il luogo della messa in scena del se, la società educatrice imprime nei corpi dei segni di appartenenza, come i tatuaggi. Corpi sani e corpi malati Gli individui incorporano il disagio sociale dando luogo a disturbi psico somatici di vario genere; si può parlare di un sapere incorporato. Crisi nervose Attacchi di panico Paralisi nervose Manifestazioni patologiche di questo tipo possono essere una forma di resistenza a determinate situazioni di stress collettivo. Paradigma biomedico occidentale (il malato viene isolato dalla comunità per diventare un soggetto altro) Sistemi medici locali (è impensabile separare il malato dal suo contesto sociale) Persone Ereditarietà paterna / materna Reincarnazione Animismo Bioetica In generale bisogna fare una distinzione tra individuo e persona, il primo è un soggetto indipendente, il secondo è un soggetto integrato ad un determinato contesto sociale. i componenti della persona secondo i Samo: 1. corpo 2. sangue 3. ombra 4. sudore 8

9 5. soffio 6. vita 7. pensiero 8. doppio 9. mere (doppio abbandona il corpo durante il sonno) 10. lepere (destino individuale legato a quello della madre). Alle nove componenti elencate si aggiungono gli attributi nome potenza extra umana antenato incarnato coppie di spiriti del bosco o domestici incarnati. Sesso, genere, emozioni Femminile e maschile È il confine identitario più netto, l identico che si oppone al diverso ; costruzione sociale dei ruoli, vedi gli inuit. Sesso e genere Il caso degli inuit ci serve per capire come non vi sia alcuna corrispondenza tra sesso e genere, tra ciò che siamo e ciò che dovremmo essere. Il sesso è una condizione fisica, il genere una costruzione culturale. Sesso genere e relazioni sociali Sulla base di un vasto complesso di elementi (aborto, anticoncezionali, ecc.) risulta impossibile considerare la procreazione umana come un dato naturale. Il controllo delle capacità produttive è una prova del fatto che le relazioni di potere non sono separabili dai rapporti tra i sessi. Quasi sempre il modo di esporre il corpo è connesso ad una precisa concezione della sessualità e delle libertà sessuali. Emozioni la rabbia del guerriero l ansia del novizio la felicità di una madre che ha partorito sono elementi costitutivi della persona e della sua maniera di essere al mondo. Sentimenti (concetti culturali di uno stato d animo) [essere innamorati] Emozioni (amore) Gli stati d animo non sono universali e non sono espressi ovunque nella stessa maniera. Essi sono espressi da soggetti culturali in base ai modelli inculcati dalla società fin dalla nascita. 9

10 Caste, classi, etnie Le popolazioni indù sottoposte ai principi (raja) sono divise in varna (sacerdoti, guerrieri, commercianti, contadini); oltre che ai parià che sono gli intoccabili fuori casta. I varna si dividono in jat e sotto jat. Si tratta di categorie chiuse in se stesse. La funzionalità economica di questa divisione in caste tipica dei popoli di religione induista è economicamente funzionale e ancora largamente diffusa. Tutta via la gerarchia castale non si basa su principi di potere economico ma sulla purezza rituale, il re (raja) appartiene al varna dei guerrieri (ksatryia) che è inferiore a quella dei sacerdoti (brahman); non è detto che un parià debba essere povero, cosi come non è detto che un brahman debba essere ricco. Furono gli inglesi a irrigidire il sistema dei jat congelandoli col termine di caste. Classi Concetto di casta Concetto di totemismo Karl Marx ( ); la storia della società è caratterizzata da lotte di classe Folklore di contestazione (subalternità inconscia) Coscienza di classe (subalternità consapevole) A differenza delle caste non ci sono divieti per chi fa parte di una classe subalterna di accedere per capacità o matrimonio ad una classe superiore. Etnie ed etnicità La parola etnia si attribuisce ad un gruppo umano con medesime caratteristiche Culturali Linguistiche Tradizionali l etnicità è invece il sentimento di appartenenza ad una etnia. Vedi anche le conseguenze dell uso politico del concetto di etnicità e l esasperazione di differenze tralasciando i numerosi punti in comune tra gruppi considerati altri. Dimensione religiosa, esperienza rituale Concetti e culti Cos è la religione? Complesso di credenze fondato su dogmi e riti. Vi sono religioni però dove non vi sono dei, altre che non anno figure sacerdotali o luoghi di culto, altre ancora non possiedono dogmi. Tutte le religioni hanno in comune un complesso di potere e verità al loro interno; c è chi può parlare dei dogmi e chi deve rispettarli. 10

11 In definitiva esiste nelle religioni una dimensione del significato e una del potere; il significato è l insieme dei valori che esprimono i fini ultimi della società, il potere è quello di chi è autorizzato a parlarne. La religione ha dunque una duplice funzione integrativa e protettiva dei valori. Gli elementi della religione e le forme di culto Preghiera (rivolgersi direttamente al divino) Musica (produce stati di trance ed estasi) Prova fisica (astinenza, auto flagellazione) Esortazione (guide spirituali) Recitazione del codice (testi sacri) Mana (sostanza divina) Tabù (proibizioni) Convivio (la condivisione di un pasto) Sacrificio (offerte al divino) Congregazione (riunione di credenti) Ispirazione (riguarda gli stati interiori) Simbolismo (veicolano i concetti) Tipi di culto Individuale (praticato dal singolo) Sciamanico (i fedeli riconoscono una figura che fa da tramite con il divino) Comunitari (gruppi elitari di individui) Ecclesiastici (prevede una elite di individui specializzati nel culto) Simboli e riti I simboli sacri e la loro efficacia Alla base di ogni rappresentazione religiosa vi sono dei simboli sacri, che servono a sintetizzare gli aspetti di un popolo. I simboli significano concetti che rinviano ai valori ultimi di una società. Per questo essi sono sacri accessibili solo a chi è stato preparato a farlo. Come fanno i simboli a diventare sacri per gli esseri umani? Gli esseri umani, per poter riconoscere il carattere sacro di un simbolo devono essere stati addestrati allo scopo. Ora, tale addestramento si realizza attraverso i riti. I riti della religione Il rito è un complesso di azioni, parole, gesti la cui sequenza è prestabilita da una formula fissa. È l ordine fisso delle sequenze verbali e gestuali a far si che dal rito scaturisca una forma di autorità religiosa. La varietà dei riti È impossibile elencare una tipologia di riti, i quali si riferiscono ad una infinità di valori diversi, ne sono stati però studiati alcuni in particolare che si distinguono dagli altri per determinate caratteristiche. 11

12 Riti di passaggio (ogni cambiamento nell ambito della scala sociale di tipo politico, religioso, lavorativo, produce una perdita di equilibrio che deve essere compensato in modo simbolico) Riti funerari (per continuare a vivere le società devono rendere ragionevole la morte) Riti di iniziazione (sanciscono il passaggio degli individui da una condizione sociale, religiosa ad un altra). Religioni e identità nel mondo globalizzato Secolarizzazione e nuove religioni Oggi sono gli squilibri tra le aree del pianeta a essere all origine di nuovi culti. I movimenti di revitalizzazione (miglioramento delle condizioni di vita) Millenaristici (attendono l avvento d un epoca di pace e prosperità) nativistici (rivendicano la cultura nativa rispetto a quella dominante) messianici ( si costituiscono attorno ad una figura carismatica) Le religioni nella globalizzazione (vedi il culto di El tio ) Attività creativa ed espressione estetica La creatività come aspetto costitutivo della cultura La creatività culturale consiste nella capacità di creare sempre nuovi significati a partire dagli elementi culturali a disposizione. Coca cola usata a scopi rituali Ombrelli della birra guinnes che sponsorizza riti funebri Donne di una setta femminile che si vestono all occidentale quando devono confrontarsi coi maschi; ecc La festa come dimensione creativa La creatività consiste nell accostamento inedito di pratiche e significati allo scopo di produrre nuovi modi di vedere la realtà. Oltre che nei giochi e nei riti la festa è un luogo dove la creatività si manifesta, e mette in moto comportamenti finalizzati ad una collettività. L espressione estetica L arte Definire qualcosa come arte dipende dalla traduzione del medesimo nel suo significato che dipende dal contesto in cui è stato fatto. Arti visive (scultura, intaglio, ceramica) Arti non visive (scrittura, musica) 12

13 Per parlare di arte bisogna fare comunque riferimento all espressione estetica. (aisthesis: percezione). La natura culturale dell espressione estetica La produzione estetica di una cultura dipende dai valori e dal modo di vedere il mondo che una certa società possiede. L arte, in quanto manifestazione dell espressione estetica, non è disgiunta dal contesto sociale, politico, culturale ed economico in cui viene prodotta. L arte tribale nel contesto occidentale Musei e arti primitive Arte moderna Oggetti selvaggi Sono stati decontestualizzati e inseriti nella categoria di arte pur ignorandone il significato originale. Potere delle risorse e risorse del potere La risorsa è qualunque cosa il cui controllo permette di perseguire degli scopi materiali o simbolici; il controllo delle risorse è correlato al controllo del potere. Malinowski ebbe modo di studiare nelle trobriand un determinato scambio rituale (kula). Lo scambio rituale dei bracciali è definito keda, i bracciali acquisiti sono il segno del numero di transazioni effettuate, non tutti hanno accesso al keda; maggiore è il numero di transazioni tanto grande sarà il prestigio, il potere acquisito. Le nature del potere Il potere è l attività esercitata da parlamenti funzionanti in qualità di comitati d affari della borghesia (Marx). Il potere, non ha solo facce esplicite, ma si annida nei modelli culturali che intromettiamo e che ci determinano in ogni modo, a nostra totale insaputa (Foucault; 1977). Il potere è la probabilità che un soggetto, nel quadro di una determinata relazione sociale, ha di realizzare i propri scopi nonostante le possibili resistenze (Weber; 2002). Arena politica, attori politici e prospettiva processuale Individui e gruppi agiscono politicamente nella misura in cui possono gestire delle risorse che, se adeguatamente impiegate allo scopo, conferiranno ad essi il potere di controllare altre e più importanti risorse. Nell arena politica, tutte le risorse che determinano il controllo del potere vengono manovrate dagli attori politici ; motivazioni e interessi trovano espressione nell applicazione di determinate strategie da parte degli attori politici (prospettiva processuale). 13

14 Forme di vita economica La produzione e la circolazione delle risorse (teoria di Polany) È la conoscenza, il possesso dei beni immateriali come la scrittura o l arte oratoria che permette ad alcuni gruppi di controllare le risorse materiali. Il principio di reciprocità Concetto di dono (dare, ricevere, ricambiare) importante figura di reciprocità; esso è solo apparentemente disinteressato. Forme di circolazione dei beni Principio di reciprocità /simmetria (società di parentela) Ridistribuzione /centralità (l autorità incamera le corvè e le ridistribuisce secondo criterio) Scambio / mercato (nel mercato si incontrano la domanda e l offerta dei beni) La produzione sociale dei beni e il concetto di modo di produzione (teoria di Marx) Quali sono gli elementi di un oggetto che sono entrati al suo interno in quanto prodotto? Quali condizioni sociali hanno contribuito a far si che certi elementi abbiano contribuito alla formazione dell oggetto medesimo? Modo di produzione secondo Marx: Mezzi di produzione (materia prima) Manodopera (energia umana) Rapporti di produzione (relazione sociale tra i due precedenti concetti) Analisi antropologica delle forme di vita economica La comunità domestica (comunità agricole di consanguinei dove sono gli anziani a controllare le risorse) [la terra è tanta, sono le donne la risorsa primaria] L articolazione dei modi di produzione (si basa ormai sullo sfruttamento delle comunità domestiche mentre in occidente entra in crisi il patriarcato) Economie dell affezione (tipiche di comunità fondate sulla reciprocità / simmetria, inquadrate da un dominante che ha un modello di ridistribuzione / centralità. Ciò causa gravi squilibri) politiche dello sviluppo (sono funzionali ai colonizzatori e oggi la globalizzazione continua a creare incomprensioni) le strutture della dipendenza ( economie del centro /economie della periferia; mercato industriale che subordina quello sottosviluppato con manodopera a basso costo) razionalità e irrazionalità (l economia in generale si basa sul calcolo e sul guadagno, il concetto di razionalità /irrazionalità delle economie è puramente relativo) 14

15 Tipi di organizzazione politica Attività politica e organizzazione politica L attività politica è il comportamento individuale e collettivo, dove si manipolano secondo certi interessi le regole e le istituzioni di una società. L organizzazione politica è l insieme di istituzioni e regole nell ambito del quale si svolge l attività politica. Classificazione tipologica SISTEMI POLITICI CENTRALIZZATI NON CENTRALIZZATI STATI NAZIONALI POTENTATI TRIBU BIG MAN BANDE Sistemi non centralizzati bande (antica forma di vita sociale, egalitaria, sottoposta al flusso, composta da cacciatori / raccoglitori nomadi non esistono capi) tribù 1. le ambiguità del termine tribale (nel senso comune tribale riguarda il selvaggio ) 2. caratteristiche delle società tribali (ne fanno parte più gruppi di famiglie che si riconoscono originarie di un comune antenato, sono acefale e guidate dai gruppi di discendenza, tipiche dei popoli agricoli e pastorali) 3. lignaggi segmentati (gruppi di discendenza lineari costitutivi di una tribù) 15

16 ANTENATO COMUNE LIGNAGGIO X LIGNAGGIO Y LIGNAGGIO ALFA LIGNAGGIO BETA LIGNAGGIO GAMMA LIGNAGGIO DELTA A1 A2 B1 B2 C1 C2 D1 D2 4. stratificazione rituale (si basa sulle funzioni politiche / religiose attribuite ai vari lignaggi) 5. consigli di villaggio (dove vi è una popolazione sedentaria e numerosa ogni gruppo parentale ha il suo rappresentante nel consiglio di villaggio) 6. sodalizi (gruppi di persone non basati sul lignaggio, come i sodalizi di guerrieri ecc.) 7. classi di età (ripartizione dei diritti / doveri in base alla fascia di età a cui si accede mediante rituali, fondamentale nelle società acefale) 8. società segrete (potenti centri di aggregazioni, finalizzate di solito a tenere uniti gruppi di uguale cultura) big man (massima figura delle società non tribali in quanto prive di un lignaggio, il big man deve continuamente dimostrare la sua generosità) Sistemi centralizzati Nel mondo esistono quasi duecento stati nazionali, si tratta di una forma di organizzazione politica comparsa in Europa all inizio dell età moderna e che dopo la decolonizzazione si è affermata in tutto il pianeta. Un mondo di stati Il fatto che lo stato nazionale oggi sia ufficialmente riconosciuto come istituzione preposta a governare le società, non vuol dire che sia sempre esistito. Oggi la globalizzazione minaccia l equilibrio di quegli stati sorti dopo la decolonizzazione. Prima degli stati: i potentati Sono un tramite tra la società tribale e quella nazionale. I potentati rappresentano il dominio di un lignaggio su tutti gli altri. Differenziazione dell accesso alle risorse (comparsa degli aristocratici) Principio di ridistribuzione (circolazione dei beni regolata dal potere centrale) Il capo è una carica vera e propria 16

17 Gli stati autorità altamente centralizzata apparato burocratico prerogativa esclusiva di emanare le leggi monopolio della forza per far rispettare le leggi e confrontarsi con popoli ostili presentano inoltre un accesso alle risorse più differenziato, stratificazione sociale, accesso alle cariche su base personale anziché di parentela. Continuano comunque a esistere forme di stato dinastico, riconosciuti come nazionali perché sono entrati a far parte dell ONU. Lo stato e le altre forme di organizzazione politica In alcuni paesi lo stato presenta al suo interno potentati, bande e tribù; è il caso dei paesi comparsi dopo la decolonizzazione. 17

18 18

Cosmologia: Conoscenza del cosmo (narrazione di come è il mondo, come gli esseri umani stanno nel mondo, come ne usciranno per andare

Cosmologia: Conoscenza del cosmo (narrazione di come è il mondo, come gli esseri umani stanno nel mondo, come ne usciranno per andare Cosmogonia: Modo di nascere del cosmo Cosmologia: Conoscenza del cosmo (narrazione di come è il mondo, come gli esseri umani stanno nel mondo, come ne usciranno per andare dove ) 1 MITO Letteralmente racconto.

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

STORIA CONTENUTI E TEMPI

STORIA CONTENUTI E TEMPI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA CLASSE 1ª Z TUR DOCENTE SERRACCHIOLI IRENE STORIA COMPETENZE DISCIPLINARI Conoscenza

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane Mary Douglas Mary Douglas (1921 2007), antropologa inglese, allieva di Evans Pritchard, appartiene alla scuola funzionalista rinnovata nel dopoguerra dal pensiero di Evans Pritchard Mary Douglas Purezza

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI

IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI IL SACRO TRA SIMBOLI E RITI SENSO DEL SACRO FONDAMENTO ANTROPOLOGICO COMUNE A TUTTE LE RELIGIONI NATURA AMBIVALENTE QUALCOSA DEGNO DI VENERAZIONE MA ANCHE TREMENDO INTERPRETAZIONI DEL SACRO SOCIOLOGICA

Dettagli

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA Sulla base delle Indicazionii Nazionali (L.53/2003) si individuano i seguenti obiettivi formativi per le diverse classi e discipline attraverso i quali gli insegnanti

Dettagli

La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia. Roberto Pedersini

La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia. Roberto Pedersini La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia Roberto Pedersini Differenze di genere: Essenzialismo e costruzionismo Dualismo assoluto dei due sessi, differenze naturali, universali, immodificabili Somiglianza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI STORIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO STORIA - Ambito disciplinare STORIA Storia Scuola Primaria CLASSE

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

I LUNGHI PERIODI DELLA STORIA MONDIALE (DALLA PROTOSTORIA AD OGGI)

I LUNGHI PERIODI DELLA STORIA MONDIALE (DALLA PROTOSTORIA AD OGGI) Flavia Marostica MODUL0/UNITÀ DI APPRENDIMENTO DI STORIA CLASSE I di Istituto Superiore Modulo n. 1 I LUNGHI PERIODI DELLA STORIA MONDIALE (DALLA PROTOSTORIA AD OGGI) Standard di Riferimento STANDARD EDA

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

Elementi di psicologia transculturale etnopsicologia etnopsichiatria e psichiatria transculturale

Elementi di psicologia transculturale etnopsicologia etnopsichiatria e psichiatria transculturale Elementi di psicologia transculturale etnopsicologia etnopsichiatria e psichiatria transculturale Dove e come nasce l etnopsicologia e l etnopsichiatria? Il problema dell incontro tra due saperi problematici:

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno

Australia: le genti aborigene Per conoscere il popolo del sogno Quando centinaia di navi, alcune guidate dal grande James Cook, gettarono le ancore nei vari porti naturali del territorio australiano, in nome del re d Inghilterra, non fecero altro che razziare le coste,

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA La Cooperativa Solidarietà Onlus di Treviso ha alle spalle una storia di 38 anni basata sull obiettivo dell inclusione sociale, con una particolare attenzione nei confronti della disabilità. È radicata

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Le transizioni familiari La conciliazione famiglia lavoro Quali sono le caratteristiche delle

Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Le transizioni familiari La conciliazione famiglia lavoro Quali sono le caratteristiche delle Come leggere le trasformazioni della famiglia oggi? Le transizioni familiari La conciliazione famiglia lavoro Quali sono le caratteristiche delle reti di famiglie? Come promuovere le reti di famiglie oggi?

Dettagli

Capitolo VII. Trasmissione, conservazione e cambiamento culturale

Capitolo VII. Trasmissione, conservazione e cambiamento culturale I processi comunicativi Uno dei veicoli più importanti di diffusione della cultura è il linguaggio, al cui proposito occorre rilevare che: tra linguaggio e pensiero esiste un complesso processo di interazione

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Classe positiva, gli alunni partecipano vivacemente alle lezioni dimostrando spiccato senso

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA Un progetto di Ricerca-Azione CRT Teatro-educazione Centro Ricerche Teatrali Scuola Civica di Teatro, Musica, Arti visive e Animazione Comune di Fagnano Olona (Va) www.crteducazione.it info@crteducazione.it tel. 0331-616550 PROGETTO

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A.

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A. 1 Abbiamo visto che: Appunti Forze sociali e istituzioni si influenzano a vicenda e danno vita a una data regolazione sociale Il capitalismo ha assunto diverse forme. Col capitalismo industriale, in particolare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola.

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola. INTERCULTURA accoglienza, inclusione, educazione e didattica interculturale Corsi di formazione per dirigenti scolastici, insegnanti, personale non docente e operatori sociali che collaborano con le scuole

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Scienze umane 119 119 149 149 149

Scienze umane 119 119 149 149 149 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 119 119 149 149 149 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE

PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE PROGRAMMA DI FORMAZIONE in ENNEAGRAMMA INTEGRALE PRESENTAZIONE Enneagramma Integrale si dedica allo sviluppo della consapevolezza e al sostegno dei processi di trasformazione personale, collettiva e spirituale.

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014

ISTITUTO S. GIULIANA FALCONIERI Anno Scolastico 2013-2014 I LICEO EUROPEO FINALITA FORMATIVE: L alunno deve riconoscere che la domanda di assoluto è presente in ogni uomo e quindi come la religione sia fortemente ancorata alla dimensione esistenziale dell uomo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso Scuola dell infanzia di via Roma ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 1. SITUAZIONE INIZIALE Non c è crescita senza l opportunità di fare esperienza (M. Bernardi) Nel corso di questi

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

IDENTITA' DI GENERE E DISUGUAGLIANZE IA PARTE

IDENTITA' DI GENERE E DISUGUAGLIANZE IA PARTE IDENTITA' DI GENERE E DISUGUAGLIANZE IA PARTE SESSO, ORIENTAMENTO SESSUALE E GENERE SESSO: Insieme di differenze anatomiche e biologiche che distinguono corpi maschili da quelli femminili. GENERE: Differenze

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE I II III IV V. Pedagogia Pedagogia Pedagogia Pedagogia Pedagogia. LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale

LICEO DELLE SCIENZE UMANE I II III IV V. Pedagogia Pedagogia Pedagogia Pedagogia Pedagogia. LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale Metodologia Metodologia Metodologia Metodologia LICEO DELLE SCIENZE UMANE Lo studente comprende, in correlazione con lo studio

Dettagli