Poli di Innovazione FESR. Elementi strategici per innovare la politica industriale in Piemonte. fondi strutturali europei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poli di Innovazione FESR. Elementi strategici per innovare la politica industriale in Piemonte. fondi strutturali europei 2007-2013"

Transcript

1 fondi strutturali europei fondo europeo di sviluppo regionale FESR Poli di Innovazione Elementi strategici per innovare la politica industriale in Piemonte Innovation Hubs - Strategic Industrial Policy Innovators in Piemonte

2

3 Poli di Innovazione Elementi strategici per innovare la politica industriale in Piemonte Innovation Hubs - Strategic Industrial Policy Innovators in Piemonte Cofinanziato con Fondo Europeo Sviluppo Regionale UNIONE EUROPEA

4 Poli di Innovazione Elementi strategici per innovare la politica industriale in Piemonte Pubblicazione a cura della - Published by REGIONE PIEMONTE Direzione Attività Produttive - Productive Activities Management direttore Giuseppe Benedetto 4 Coordinamento editoriale - Editing by Giovanni Amateis Riccardo Lombardo Alice Magrin Maite Manzi Clara Merlo Selenia Grossi Fotografi e - Photographs - Creativa (Massimo Vaccariello ) - Archivio Immagini Poli di Innovazione - immagini fornite dalle aziende, dettaglio a pag 94 Progetto grafi co - Graphic design Creativa - Torino Tradotto da - Translated by Jane Marinoni per Geolink Stampa - Printed by G.Canale & C. spa Iniziativa promossa in collaborazione con Direzione Comunicazione Istituzionale Promoted in collaboration with the Institutional Communications Management direttore Luciano Conterno Si ringraziano i Poli di Innovazione del Piemonte, Finpiemonte e tutti soggetti pubblici e privati che hanno consentito, con la loro collaborazione, la realizzazione di questo volume. Thanks to the Piemonte Innovation Hubs, Finpiemonte and all the private and public organisations which contributed to the writing of this volume Iniziativa di comunicazione istituzionale nell ambito del piano di informazione e pubblicità POR FESR Institutional communication in the scope of the POR FESR information and advertising plan

5 INDICE CONTENTS Prefazioni istituzionali Institutional Forewords 9 Il sistema piemontese The System in Piemonte 16 Il modello Piemonte The Piemonte Model 18 I numeri Some Numbers 22 I Poli di Innovazione piemontesi Innovation Hubs in Piemonte verso una dimensione extra regionale Towards an Extra-Regional Dimension 26 Il contributo del FESR The FESR Funding 28 Un modello di eccellenza nazionale A National Execellence Model 29 6 Il sistema dei Poli The Hub System 30 I progetti più signifi cativi The Most Signifi cant Projects 56 I progetti Interpolo Inter-hub projects 80 Conclusioni e approfondimenti Conclusions and Further Reading 88

6 7 Agroalimentare Agrifood 32 Biotecnologie e Biomedicale - BiopMed Bio-Technologies & Bio-Medical - BiopMed 34 Chimica sostenibile Sustainable Chemistry 36 Nuovi Materiali - Innomat New Materials - Innomat 38 Creatività digitale e multimedialità Digital Creativity & Multimedia 40 Architettura sostenibile e idrogeno - Polight Sustainable Architecture & Hydrogen - Polylight 42 Energie rinnovabili e biocombustibili - Polibre Renewable Energy & Bio-Fuels - Polibre 44 Impiantistica, sistemi e componentistica per le energie rinnovabili Renewable Energy Systems & Components 46 Energie rinnovabili e Mini hydro - Enermhy Renewable Energy & Mini-Hydro Plants - Enermhy 48 Information & Communication Technology Information & Communication Technology 50 Meccatronica e Sistemi Avanzati di Produzione Mechatronics & Advanced Manufacturing Systems 52 Tessile - Po.in.tex Textile - Po.in.tex 54

7 Con i Poli di Innovazione la Regione Piemonte ha dimostrato che si può affrontare il tema dell innovazione con una visione strategica di medio-lungo periodo, in chiave di competitività dei sistemi e delle fi liere, di collaborazione pubblico-privato, valorizzando e supportando gli aspetti della ricerca e dello sviluppo produttivo. Il lungo percorso evolutivo e di consolidamento dei Poli evidenzia la costruzione di un modello Piemonte effi cace ed effi ciente, che ha i suoi punti di forza nella logica della concentrazione delle risorse, limitando la dispersione degli interventi e contribuendo alla costruzione di un sistema di innovazione regionale caratterizzato da un trasferimento di conoscenze più effi cace e della condivisione e costruzione di reciproci vantaggi competitivi. Questo volume si incarica di raccontare questa eccellenza regionale, di valorizzarne gli aspetti peculiari e di trasferire i risultati e gli stimoli innovativi in chiave di buona prassi replicabile in altre realtà europee, nel più puro spirito di utilizzo dei Fondi comunitari per lo sviluppo dei territori. Lo facciamo con orgoglio e con spirito di servizio, consapevoli che il ruolo di regia e di propulsione che la Regione Piemonte ha svolto e svolge non sarebbe stato un successo senza la collaborazione e l attiva partecipazione delle imprese, grandi, medie e piccole e delle loro associazioni di rappresentanza, delle Università, dei centri di ricerca pubblici e privati, a testimonianza che solo i sistemi integrati possono vincere le sfi de della competitività e dell innovazione. La sfi da futura sarà quella di impedire che questi facilitatori di innovazione diventino passivi o privati di un ruolo chiave, agevolando al contrario le condizioni affi nché si auto-sostengano e continuino a offrire alle imprese servizi a valore aggiunto e competenze. Roberto Cota Presidente della Regione Piemonte President of Regione Piemonte The innovation hub experience in Piemonte proves that innovation issues can be tackled within the framework of a medium-to-long-term strategic vision of public and private collaboration to increase the competitiveness of industries and supply chains and to support research and manufacturing development. The long growth and consolidation process of hubs points to the construction of an effective, effi cient Piemonte Model, the strengths of which lay in concentrating resources to limit dispersions and contributing the formation of a regional innovation system capable of transferring knowledge more effectively and sharing mutual competitive benefi ts. This volume tells about this regional excellence. By focusing on specifi c aspects and on the transfer of results and innovative ideas into good practices, a system which can be replicated in other areas across Europe - in the purest spirit of usage of the European Committee regional development funds - is described. We do so with pride and commitment, well aware that the directing and propelling role of Piemonte could not be successful without the collaboration and active participation of enterprises - large, medium and small - and their unions, universities, and public and private research centres, this being further proof that that only integrated systems are capable of overcoming today s competitiveness and innovation challenges. The future challenge will be to prevent these innovation facilitators from becoming passive or deprived of a key role, promoting on the contrary the conditions for them to become self-sustaining and continue to offer added-value services and skills to establishments. 9

8 I Poli di Innovazione elemento strategico per innovare la politica industriale Il Piemonte è stata la prima regione italiana ad avere formalmente istituito sul proprio territorio i Poli di Innovazione: nuovi strumenti di politica industriale a sostegno della capacità innovativa e della competitività dei diversi attori del sistema regionale della ricerca. I Poli di Innovazione sono raggruppamenti di imprese indipendenti ( start-up innovatrici, piccole e medie imprese, grandi imprese, organismi di ricerca, ecc.) attivi in un particolare settore o ambito territoriale di riferimento. Sono destinati a stimolare l attività innovativa incoraggiando l interazione intensiva, l uso comune di installazioni e lo scambio di conoscenze ed esperienze, nonché contribuendo in maniera effettiva al trasferimento di tecnologie, alla messa in rete e alla diffusione delle informazioni tra i soggetti aggregati al Polo. Essi agiscono pertanto a sostegno della competitività delle aziende e a favore dell aggregazione di piccole e medie imprese, grandi imprese e organismi di ricerca, per la condivisione della conoscenza e la convergenza degli investimenti su traiettorie progettuali e linee di sviluppo comuni relative a prodotti o servizi innovativi. Agostino Ghiglia Assessore Ricerca, innovazione, energia, tecnologia delle comunicazioni, artigianato commercio e fi ere, rapporti con società a partecipazione regionale Councillor for Research, Innovation, Energy, ITC, Crafts, Trade and Trade Shows, Relationships with Regional- Controlled Enterprises. 10 Innovation Hubs - Strategic Factors For Innovating Industrial Policies Piemonte was the fi rst Italian region to formally establish innovation hubs as new industrial policy tools to support the innovative skills and competitiveness of regional research system players. Innovation hubs are groups of independent undertakings (innovative start-ups, small and medium enterprises, large enterprises, research organisations etc.) operating in a particular sector or geographic reference area. Their objective is to boost innovation by promoting intensive interaction, common use of installations and exchange of knowledge and experiences, as well as effectively contributing to transferring technologies, networking and disseminating information between hub members. They support industrial competitiveness and promote the aggregation of small and medium enterprises, large companies and research organisations to share knowledge and make innovative product and service investments converge along common design and development lines.

9 Nel defi nire le caratteristiche dell intervento si è partiti da una rilettura del caso francese dei Poli di Competitività e dall analisi dei punti di forza e di debolezza della fi liera produttiva piemontese sulla base della letteratura e degli studi disponibili, a seguito della quale la Giunta Regionale ha individuato dodici domini tecnologici ciascuno associato ad una particolare area di riferimento - che hanno tenuto conto delle differenti e specifi che vocazioni di ciascun territorio e che sono stati declinati nei settori strategici dell economia regionale: ICT, Agroalimentare, Creatività digitale e Multimedialità, Chimica sostenibile, Energie rinnovabili e biocombustibili, Architettura sostenibile e idrogeno, Impiantistica, sistemi e componentistica per le energie rinnovabili, Meccatronica e sistemi avanzati di produzione, Energie rinnovabili e mini hydro, Tessile, Biotecnologie e biomedicale e Nuovi materiali. Nel 2009 la Regione Piemonte ha attivato dodici Poli di Innovazione - uno per ogni ambito tecnologico tra quelli in precedenza elencati - ciascuno dei quali guidato da uno Soggetto Gestore. In tutto il Piemonte sono attualmente coinvolte circa 1500 imprese - di cui oltre il 70 per cento è composto da Piccole e medie Imprese - gli Atenei piemontesi, i Parchi scientifi ci e tecnologici, gli incubatori di impresa e i principali centri di ricerca pubblici e privati. Oltre alle piccole e medie imprese, i Poli di Innovazione si fregiano della partecipazione di alcune grandi aziende di rilevanza internazionale che hanno potuto costituire elemento trainante nella attività di progettazione collaborativa. I Poli di Innovazione, concepiti con l obiettivo di sostenere un processo di rispecializzazione, di costruire nuove fi liere produttive, di incoraggiare i processi di internazionalizzazione e di attrarre investimenti produttivi, anche stranieri, nella regione, si sono dimostrati capaci di valorizzare al massimo le potenzialità presenti sui territori e di sfruttare le nuove opportunità tecnologiche e di ricerca. The call was defi ned in the wake of the French Competitive Hub experience. Available literature and studies were analysed to pinpoint the strengths and weaknesses of the local supply chain. The Regional Council consequently identifi ed twelve technology domains, each associated to a particular geographic reference area taking the specifi c vocations of the areas and the strategic sectors of regional economy into account: ICT, agrifood, digital creativity and multimedia, sustainable chemistry, renewable energies and bio-fuels, sustainable architecture and hydrogen, renewable energy systems and components, mechatronics and advanced manufacturing systems, renewable energies and mini-hydro plants, textile, biotechnologies and biomedical and new materials. Twelve innovation hubs were activated in Piemonte - one for each of the identifi ed technological areas - in An Executive Body ( Soggetto Gestore in Italian) was appointed for each one. Currently, about 1500 undertakings - over 70 percent of which are small and medium enterprises - are involved together with universities, science and technology parks, company incubators and major public and private research centres. In addition to small and medium enterprises, innovation hub members include several international level companies who joined up to benefi t from the drive offered by collaborative design activities. With the goal of supporting a re-specialisation process, innovation hubs have successfully created new production supply chains, encouraged internationalisation, attracted national and international investments and proven their worth in maximising local potentials and exploiting new technological and research opportunities. 11

10 I Poli piemontesi: un laboratorio virtuoso per il Sistema d innovazione nazionale I Poli di Innovazione sono stati introdotti nel SIN (Sistema d innovazione nazionale) italiano grazie alla Regione Piemonte che con lungimirante decisione di politica pubblica - ne ha deliberato l istituzione. I Poli, mutuati dall esperienza transalpina, trovano nella Regione piemontese un ecosistema unico, almeno per quanto concerne il nostro Paese, per poter concretamente assumere il ruolo di strumenti strategici di politica neo industriale a precipuo sostegno della competitività delle imprese. È utile chiedersi il motivo per cui, oggi, il Piemonte rappresenta l ecosistema strutturalmente più pronto a sperimentare percorsi virtuosi di crescita di questo tool di intermediazione della conoscenza. Se guardiamo ai fondamentali dell economia reale, il Piemonte è tra le regioni più ricche d Italia, quinta nella produzione del PIL nazionale a cui contribuisce per l 8,07%, che corrisponde ad un PIL pro capite di euro, a fronte di un PIL pro capite nazionale di euro. Ma al di là dei dati della contabilità regionale, la reale ricchezza del territorio piemontese risiede nei processi di produzione e diffusione di conoscenze e competenze di carattere scientifi co e tecnologico che in esso si consumano, auto-alimentandosi. In ragione di ciò, non stupisce la presenza di sei parchi scientifi ci e tecnologici e dodici Poli di Innovazione, sorti non solo grazie alla secolare attività di ricerca e sviluppo portata avanti da Massimiliano Ferrara Visiting Professor Department of Economics Northeastern di Boston MA, USA - Università Mediterranea di Reggio Calabria, Italy Visiting Professor Department of Economics Northeastern University, Boston (MA), USA - Mediterranea University of Reggio Calabria, Italy 12 The Hub Experience In Piemonte: a Virtuous Workshop For The National Innovation System Innovation Hubs were introduced into the Italian National Innovation System and established a result of a visionary public policy of the Piemonte Region. Loaned from France, the hub ecosystem in Piemonte is one-of-a-kind in Italy and has allowed the hubs to play an instrumental part as neo-industrial policy strategy tools for driving economic competitiveness. It is interesting to ponder the reason why Piemonte is the structurally most ready ecosystem for putting the virtuous growth potentials of this knowledge intermediation tool to the test. Taking the fundamental of real economy into account, Piemonte is one of the richest regions in Italy, standing fi fth in the national GDP ranking with a 8.07% contribution corresponding to a per capita GDP of 28,720 euro, compared to a national per capita GDP of 25,237 euro. Besides regional accounting data, the real asset of Piemonte is the production and dissemination of scientifi c and technology knowledge and skills which are used and self-sustained within the regional boundaries. Consequently, it is not surprising that the region is home to six science and technology parks and twelve innovation hubs springing from FIAT s century-long R&D endeavours and more

11 FIAT e di quella più recente di altre imprese ad alto contenuto tecnologico situate nel torinese, ma anche all azione attrattiva degli Atenei piemontesi, che ogni anno richiamano centinaia di studenti brillanti da tutta Italia e, in misura crescente, dal resto mondo. In generale si verifi ca un rapporto sinergico tra i parchi tecnologici e i Poli di Innovazione, con la conseguenza che la maggior parte di quest ultimi è andata a collocarsi all interno dei parchi tecnologici che hanno obiettivi e ambiti di studio strettamente affi ni. Una sinergia che esalta la complementarietà e la interdipendenza delle iniziative. La seconda ondata di investimenti sull innovazione è maggiormente orientata alla creazione di progetti, non a realizzare strutture in cui ospitare suddetti Poli. Non si creano strutture ma ambienti, contesti, in una parola un ecosistema dell innovazione. Da ciò discende che spesso siano proprio le società amministratrici dei parchi chiamate ad occuparsi della gestione dei Poli, anche per ragioni legate al ricco palinsesto di know-how e alle fruttuose esperienze ivi sviluppate e stratifi cate negli anni. L importanza dei Poli di Innovazione si sostanzia nella costruzione di un sistema di innovazione regionale, nella promozione e intensifi cazione tecnologica dell economia locale, nel trasferimento di conoscenze più effi cace e nella condivisione e costruzione di reciproci vantaggi competitivi. Dall analisi delle esperienze di eccellenza maturate in Piemonte, è emerso che il sistema di governance dei Poli di Innovazione dovrebbe presentare alcuni requisiti specifi ci, tra i quali un coordinamento effi cace all interno della rete regionale di innovazione e la riaffermazione della centralità delle imprese e della domanda di innovazione. In passato i parchi scientifi ci e tecnologici si basavano su un processo di trasferimento tecnologico lineare: dai centri di produzione della ricerca alle imprese. Nella realtà, solo in pochi casi si è osservato un effettivo impiego da parte delle imprese dei risultati della ricerca di alto livello prodotta nei parchi. Al contrario, i Poli di Innovazione piemontesi riescono effettivamente a stimolare l attività innovativa, incoraggiando l interazione tra gli attori che vi partecipano, a partire dalla domanda di innovazione delle imprese, ma anche dall offerta resa disponibile dai centri di ricerca. Questo ed altri aspetti fanno dei Poli piemontesi un esempio virtuoso a cui guardare per cercare di orientare, modifi care ed adattare alle continue sollecitazioni al cambiamento le politiche pubbliche research oriented dell intero panorama nazionale. recently that of other high-tech companies in addition to the power of universities to attract hundreds of brilliant students from all over Italy - and increasingly from all over the world - every year. In general, there is a synergy between technology parks and innovation hubs, with the consequence that most of the latter are located within technology park facilities and have allied objectives and areas of study. A synergy this which enhances the complementary and interdependent nature of the actions. The second wave of innovation investments is mostly oriented towards creating projects instead of facilities. The objective it to create contexts and environments - an innovation ecosystem, in other words. As a result of this, the executive bodies of parks are often called to manage the hubs for reasons determined by the richly structured know-how and fruitful experiences developed and deposited over the years. The relevance of innovation hubs is essentially in the capability of constructing of a regional innovation system, promoting and intensifying the local economy technology, very effectively transferring knowledge and sharing and building mutual competitive advantages. By analysing the experiences of excellence in Piemonte, it arises that hub innovation governance should possess a number of specifi c features, such as effective coordination within the regional innovation network and reasserting of the centrality of companies and of the demand for innovation. Science and technology parks in the past implemented a linear technology transfer process: from research production centres to companies. In actual fact, the high-level research produced by the parks was seldom used. On the contrary, the Piemonte innovation hubs have actually stimulated innovation by encouraging interaction between members and starting from the innovation demands of companies in addition to the skills made available by research centres. These and other aspects make the Piemonte hubs a virtuous example to be learnt from for orienting, modifying and adapting research-oriented public policies in Italy to the continual urge to change. 13

12 Le politiche per l innovazione in Italia: dai Poli di Innovazione ai Cluster Tecnologici Nazionali In Italia, l investimento pubblico per la ricerca e l innovazione è oggi al centro di importanti processi riorganizzativi. Negli ultimi anni, la politica nazionale è passata da un modello di intervento molto frammentato e incentrato sul fi nanziamento di un ampia gamma di soggetti, settori e sistemi produttivi (distretti manifatturieri tradizionali, distretti high-tech, cluster, fi liere produttive ecc.) a un modello che mira a sostenere una massa critica di progetti collaborativi su pochi temi ritenuti di interesse strategico per l intero sistema industriale nazionale. In quest ottica, sul fi nire del 2012 il Miur ha varato la politica dei Cluster Tecnologici Nazionali per il sostegno di progetti di ricerca industriale nei comparti della fabbrica intelligente, della chimica verde, dell energia, delle scienze della vita, dei mezzi di trasporto e mobilità, dell agroalimentare, dell aerospazio, delle tecnologie per le comunità intelligenti e quelle dei cosiddetti ambienti di vita. Rispetto a questa nuova politica il Piemonte ha manifestato evidenti elementi di vantaggio competitivo. Da un lato, per ciascuno degli ambiti tecnologici e produttivi che il Ministero identifi ca come destinatari dei fi nanziamenti pubblici, nel sistema piemontese esistono attori, relazioni e competenze consolidate. Dall altro, esiste una forte sovrapposizione tra questi ambiti e quelli che la Regione Piemonte ha a sua volta identifi cato come settori prioritari verso cui indirizzare i fondi regionali per la ricerca e l innovazione. Mario Calderini Politecnico di Torino - Dipartimento di Ingegneria gestionale e della produzione Torino Polytechnic - Department of Administration & Production Engineering 14 Innovation Policies in Italy: from Innovation Hubs to National Technology Clusters Public investments for research and innovation are undergoing major reorganisations in Italy. Over the past years, the national policy has shifted from a highly fragmented model based on fi nancing a high number of recipients, sectors and production systems (traditional manufacturing districts, high-tech districts, clusters, manufacturing supply chains etc.) to a model aimed at sustaining a critical mass of collaborative projects in a few areas deemed strategic for the national industrial system as a whole. In this perspective, at the end of 2012 MIUR launched the National Technology Cluster Policy to support industrial research in the areas of smart factories, green chemistry, energy, life sciences, transport and mobility, agrifood, aerospace, smart community technologies and living environment technologies. Piemonte was quick to pick up on the obvious competitive advantages of the new policy. Firstly, this was determined by the presence of players, relationships and consolidated skills in the region for each of the technology and manufacturing areas identifi ed by the ministry. Secondly, there was a considerable overlap between these areas and those identifi ed as top priority for destining regional research and development fi nances by the region itself.

13 Nel 2009, ben prima che il Miur lanciasse la politica dei Cluster Nazionali, la Regione Piemonte aveva deliberato l istituzione dei Poli di Innovazione quale iniziativa volta a riformulare le prassi pubbliche di sostegno alla ricerca. Rispetto al passato, i Poli di Innovazione hanno rappresentato un fondamentale passo verso una maggiore specializzazione degli investimenti e, soprattutto, verso una diversa concezione delle procedure di ingaggio tra pubblico e privato. Nell ottica dei Poli, infatti, il destinatario dell investimento non è più la singola impresa, il singolo ente o la singola università, ma un sistema più coeso e coerente di progetti e reti progettuali. La logica sinergica e collaborativa adottata dai Cluster Nazionali, tesa ad esaltare, anche in chiave trans-settoriale e trans-territoriale, la complementarietà e l interdipendenza tra le iniziative fi nanziabili, trova nell esperienza dei Poli piemontesi un importante antecedente. Analoga è anche la volontà di concentrare i fi nanziamenti in poche direzioni, riportando la forte frammentazione che caratterizzava l intervento in favore dei distretti tecnologici italiani entro un quadro più circoscritto, unitario e organico di specializzazioni o, per utilizzare il termine introdotto dall Unione europea, di specializzazioni intelligenti. In questo la Regione Piemonte ha tracciato la strada mostrando, nella concretezza degli interventi varati, la necessità di attivare sul territorio grandi aggregati progettuali pubblico-privati capaci, da un lato, di intercettare e tradurre in domanda di innovazione quanto sul territorio si concretizza in termini di opportunità, istanze e esigenze disattese; dall altro lato, capaci di raggruppare le imprese, i centri di ricerca, i parchi tecnologici e gli altri soggetti attivi sul territorio attorno a un sistema di progetti industriali destinati a stimolare, per tutto il sistema regionale, l attività innovativa, il trasferimento di tecnologie, la messa in rete degli attori e l attrazione di fi nanziamenti su specifi ci settori emergenti di sperimentazione industriale. Il Polo di Innovazione è infatti la concreta manifestazione del disegno strategico con cui la Regione Piemonte ha riportato ad una più coerente e corretta attività di stimolo e promozione della vocazione innovativa del territorio le diverse e variegate realtà presenti sul territorio, ad esempio in termini di parchi scientifi ci e tecnologici, incubatori, distretti. Un disegno che è stato in grado di infl uenzare anche il più ampio quadro delle politiche nazionali e che da queste ultime oggi riceve, di ritorno, un ricco bagaglio di possibilità e opportunità di fi nanziamento. Su questa strada occorre continuare a lavorare. In 2009, well ahead of MIUR s National Cluster Policy, Piemonte reformulated the research-oriented public policies and approved the creation of innovation hubs. With respect to the past, innovation hubs were an important leap towards more specialised investments and, above all, towards a new concept of public and private ventures. The recipient of the investment was now a more cohesive, coherent system of projects and project networks instead of single undertakings, organisations or universities. The synergetic, collaborative logic implemented by the National Clusters Policy aimed at placing the accent on complementarity and interdependence between fi nanced actions also in cross-sector and cross-territory perspective is found in the important prior experience of the Piemonte hubs. Similar is also the decision to concentrate fi nances in a few key directions to draw the high degree of fragmentation, which characterised the past Italian technology districts, back to a more circumscribed, unitary, organic framework of specialisations - or smart specialisations to use a term introduced by the European Union. In this perspective, the concrete actions launched in Piemonte blazed the trail showing the need to activate major public-private project aggregations capable, on one hand, to pick up and translate the demand for innovation opportunities, issues and disappointed needs, and, on the other hand, to bring together enterprises, research centres, technology parks and other organisations operating in the geographic areas around an industrial project system intended to promote innovation, technology transfer, networking among players and to attract fi nancing for specifi c new industrial experimentation sectors across the region. Innovation hubs are the practical manifestations of the strategic plan used by Piemonte to lead the region s diverse and varied experiences (in science and technology parks, incubators and districts) back to a more coherent, correct activity for simulating and promoting the local innovative vocation. A policy which infl uenced the broader national policy framework and ultimately is receiving an array of possibilities and fi nancing opportunities back. This is road to take in the future. 15

14 IL SISTEMA PIEMONTESE THE SYSTEM IN PIEMONTE

15 IL SISTEMA PIEMONTESE THE SYSTEM IN PIEMONTE Il modello Piemonte I numeri Dai Poli ai Cluster di innovazione Il contributo del FESR Un modello di eccellenza nazionale The Piemonte Model Some Numbers Innovation Hubs in Piemonte. Towards an Extra-Regional Dimension The FESR Funding A National Execellence Model 17

16 Il modello Piemonte L avvio della Misura Poli di Innovazione è avvenuto nel 2008 con l emanazione di un Bando per la costituzione, l ampliamento e il funzionamento di Poli di Innovazione - nell ambito del P.O.R. F.E.S.R. 2007/2013 Asse I Innovazione e transizione produttiva - Attività I.1.2 Poli di Innovazione fi nalizzato a sollecitare le candidature per l attivazione di dodici Poli di Innovazione, uno per ciascuno dei dodici ambiti tecnologici individuati dalla Giunta Regionale. Nella prima parte del 2009, in esito all esame delle candidature pervenute, sono stati attivati i dodici Poli di Innovazione Piemontesi, con la contestuale ammissione a fi nanziamento dei corrispondenti Soggetti Gestori. I Poli di Innovazione - costituiti in forma di Associazione Temporanea di scopo avente come soggetto mandatario il Gestore del Polo, o in forma di Consorzio tra le imprese e gli organismi di ricerca aggregati ai Poli - sono stati confi nanziati attraverso due modalità: 1. il sostegno alle spese di investimento e di funzionamento sostenute dai Soggetti Gestori per l attuazione dei Programmi quinquennali di attività dei rispettivi Poli di Innovazione; 2. il sostegno alla realizzazione in forma collaborativa, da parte delle imprese e degli organismi di ricerca aggregati ai Poli di Innovazione, di studi di fattibilità e di progetti di ricerca e innovazione, nonché all acquisizione di qualifi cati e innovativi servizi per la ricerca e l innovazione. 18 The Piemonte Model The Innovation Hubs Project kicked off in 2008 with the publishing of a Call for the creation, expansion and operation of innovation hubs - in the scope of POR FESR 2007/2013, Line I Innovation and production transition - Activity I.1.2 Innovation hubs - aimed at collecting candidatures for activating twelve innovation hubs, one of each of the technological areas identifi ed by the Regional Council. After having examined the candidatures, the twelve innovation hubs were activated at the beginning of 2009 and the Executive Bodies were funded at the same time. The innovation hubs, established either as temporary associations of enterprises with the hub executive body as C.E.O. or as consortiums of hub member companies and research organisations, were co-fi nanced in two manners: 1. support for the investment and running costs sustained by Executive Bodies for implementing the fi ve-year plans of their respective innovation hubs; 2. collaborative support of hub member companies and research organisations, feasibility studies and search and innovation projects, as well as the acquisition of qualifi ed, innovative services for research and innovation. During the candidature process, Executive Bodies submitted a fi ve-year plan which included

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Terni, 12 Marzo 20115

COMUNICATO STAMPA. Terni, 12 Marzo 20115 COMUNICATO STAMPA Terni, 2 Marzo 205 TERNIENERGIA: Il CDA della controllata Free Energia approva il progetto di bilancio al 3 Dicembre 204 Il CEO Stefano Neri premiato a Hong Kong per la sostenibilità

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli