Trieste, 25 ottobre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trieste, 25 ottobre 2006"

Transcript

1 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei cominciare ricordando come quest anno il premio Nobel per la Pace sia stato assegnato all economista Muhammad Yunus. E un economista particolare, non è un teorico, ma è uno studioso estremamente pratico e illuminato. Portando il sistema del microcredito nella regione del Bangladesh, una delle più povere del mondo, ha contribuito ad affrancare dallo stato di povertà almeno dieci milioni di persone. Io credo che Muhammad Yunus si sia soprattutto posto il problema di come evitare che il capitalismo, sistema in cui evidentemente crede, possa creare infelicità e povertà, e di come possa invece diventare un capitalismo sostenibile. Sono partito da questa premessa per dirvi che per Generali la sostenibilità non è una moda, ma un valore che ha contraddistinto la Compagnia lungo la sua storia. E un valore storico, dunque, ma anche geografico. Prendiamo ad esempio i rapporti con il territorio: ovunque si sia stabilita, Generali ha reso partecipe dei propri successi la popolazione locale. Gli organici delle società sono sempre costituiti da persone del posto, anche a livelli manageriali, con un chiaro riconoscimento e valorizzazione del contributo che esse possono dare in termini di conoscenza del mercato. C è inoltre una costante attenzione ai bisogni delle collettività di riferimento, dove il Gruppo svolge un ruolo importante di presenza sul territorio dando con continuità il proprio contributo per la realizzazione di numerose iniziative locali, soprattutto in campo culturale. Abbiamo scelto di illustrare il nostro Bilancio di sostenibilità con le fotografie che documentano i progressi del recente investimento agricolo del Gruppo in Romania, un azienda agricola attorno alla quale cerchiamo di costruire un futuro migliore per la popolazione locale: sui terreni da tempo incolti che avevamo acquistato nel 2001 già da alcuni anni si raccolgono cereali, e si sta lavorando per introdurre nuove colture. E un investimento moderno, ma che ha radici nella nostra tradizione: nel 1851 le 1

2 Generali acquisirono un vasto terreno acquitrinoso nella provincia di Venezia che, dopo un importante opera di bonifica durata quasi trent anni, è diventata l azienda agricola modello di Ca Corniani. Oltre agli impianti produttivi, sulla proprietà furono costruite case per gli agricoltori, strade, scuole e servizi, che hanno portato benessere alla comunità locale. Per Generali, dicevo, la sostenibilità è un valore originario. Solo di recente però si è deciso di esplicitarlo. Nel 2005 è nato il Codice Etico, adottato da tutte le principali società del Gruppo, che oltre a enunciare formalmente i valori in cui crediamo, manifesta la volontà di Generali di rafforzare il proprio impegno anche sotto il profilo etico. E stato quindi avviato un progetto finalizzato alla pubblicazione, avvenuta un anno fa, del primo Bilancio di sostenibilità, con il quale si è iniziato a render conto a tutte le parti interessate all attività dell azienda i cosiddetti stakeholder dei risultati raggiunti, oltre che sul piano economico-finanziario, anche su quello socioambientale. E il pensiero portante di questa decisione per noi è che non c è contrapposizione tra obiettivi socio-ambientali ed economici, perché i primi possono essere raggiunti solo congiuntamente ai secondi. In questo senso, l ambiente in cui è immersa ogni impresa, grande o piccola, è cambiato, si è evoluto ed è migliorato, facendo emergere istanze sempre più forti. E un mondo fatto di investitori che chiedono di impiegare le loro risorse in società che soddisfino requisiti etici e di governance, di clienti che chiedono trasparenza contrattuale e qualità del servizio, di cittadini sensibili ai problemi sociali e dell ambiente che si aspettano di ricevere sostegno dalle imprese nella realizzazione delle loro iniziative a favore della collettività. Ed è infine un mondo dove anche le istituzioni sollecitano le aziende ad impegnarsi nel campo della responsabilità sociale. Ricordiamo che in Europa la Commissione Europea e in Italia il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali da anni sono impegnati nella diffusione della cultura della Responsabilità Sociale d Impresa. Il Gruppo Generali ha raccolto questo invito. Il Bilancio di sostenibilità per noi rappresenta uno strumento di dialogo, per far conoscere ciò che facciamo e misurarci 2

3 con nuovi obiettivi in campo socio-ambientale. E anche un agenda di impegni, perché indichiamo puntualmente gli obiettivi specifici che ci proponiamo di raggiungere nell anno successivo per ciascuna categoria di stakeholder. Rispetto a questi sappiamo di dover rendere conto, così come sappiamo che è importante costruire un dialogo fattivo con tutti gli interlocutori per condividere linee di sviluppo e obiettivi. Negli ultimi due anni il Gruppo ha compiuto numerosi passi che testimoniano la concretezza dell impegno assunto. Tra questi va innanzitutto citata l implementazione della struttura organizzativa deputata alla definizione delle politiche ambientali a livello di Gruppo. E stato costituito l Eco-Committee, organo in cui sono rappresentate tutte le strutture aziendali maggiormente coinvolte su queste problematiche, posto alle dirette dipendenze del Direttore Generale del Corporate Centre. Sono stati inoltre individuati dei referenti in ciascuno dei principali paesi in cui siamo presenti, che dovranno farsi carico dell attuazione delle decisioni assunte dall Eco-Committee nelle società dei rispettivi territori. L Eco-Committee si occupa sia degli impatti ambientali diretti sia di quelli indiretti. Se in un attività come la nostra i primi sono indubbiamente piuttosto limitati, quelli indiretti vengono ad assumere una notevole importanza in relazione al nostro ruolo di investitori istituzionali. In considerazione di ciò, recentemente abbiamo deciso di adottare le linee guida etiche del Fondo Pensioni Governativo Norvegese nell investimento delle risorse in gestione a tutte le società del Gruppo. E una decisione importante. Nel fondo il cui patrimonio ammonta a 175 miliardi di euro, di cui è responsabile il Ministro delle Finanze norvegese e la cui gestione è affidata alla Banca di Norvegia sono investite le ingenti risorse derivanti dal petrolio per destinarle alla copertura delle spese sociali e assistenziali della popolazione, tendenzialmente in crescita, in un futuro in cui tali risorse si esauriranno. Il Comitato Etico è composto da esperti di chiara fama, a cui il Fondo ha demandato il compito di monitorare e segnalare le società che non rispondono ai criteri etici di investimento che il Fondo si è dato, proponendone l esclusione dall universo investibile. Aderendo a tali criteri riteniamo quindi di evitare di contribuire al finanziamento di società che violano i diritti umani 3

4 fondamentali o arrecano gravi danni all ambiente, pur riuscendo a garantire rendimenti adeguati agli assicurati e agli investitori che ci hanno affidato la gestione dei loro capitali. Un altro passo di rilievo nel campo della responsabilità sociale d impresa è rappresentato dal Codice Etico dei Rapporti con i Fornitori che, sulla base dei principi contenuti nel Codice Etico del Gruppo Generali, definisce le politiche nei confronti dei fornitori. Questo Codice è già stato adottato da tutte le società italiane del Gruppo ed è prevista la sua estensione anche alle controllate estere. Venendo al nostro Bilancio, rimarcherei innanzitutto il fatto che fin dall inizio abbiamo voluto realizzarlo a livello di Gruppo. Tenuto conto della dimensione e della diffusione a livello mondiale di Generali (siamo presenti in circa 40 paesi, con differenze notevoli per quanto riguarda lo sviluppo economico e le normative vigenti) è facile comprendere come questa decisione abbia reso più difficile l organizzazione delle attività connesse con l elaborazione del Bilancio e l elaborazione stessa. Poiché dobbiamo confrontarci con competitor internazionali, per quanto riguarda i contenuti abbiamo scelto di adottare gli standard della Global Reporting Initiative (GRI), gli unici riconosciuti a livello internazionale, ma anche quelli del Gruppo Bilancio Sociale (GBS), in particolare per quanto riguarda il calcolo del valore aggiunto, e gli AccountAbility 1000, per quanto concerne il processo di raccolta delle informazioni e la stesura del documento. Nella realizzazione del nostro Bilancio di sostenibilità ci siamo avvalsi della consulenza del professor Mario Molteni dell Università Cattolica di Milano, a cui rivolgo i più sentiti ringraziamenti per la preziosa collaborazione. La quantità di informazioni richieste da questi standard ci ha spinto a seguire un approccio graduale per quanto riguarda i paesi a cui applicarli integralmente. L anno scorso la cosiddetta area del Bilancio di sostenibilità comprendeva i quattro paesi in cui siamo maggiormente presenti (Italia, Germania, Francia e Spagna), ai quali quest anno abbiamo aggiunto Austria, Svizzera e Israele, raggiungendo una rappresentatività del 90,8% in termini di premi assicurativi e del 78,7% in termini di numero di dipendenti. 4

5 Nell ambito di questi paesi è stato scelto di circoscrivere l analisi al core business: pertanto sono state prese in considerazione solo le compagnie di assicurazione e le società di servizi strettamente connessi al business principale. Anche in questo caso c è stato un allargamento dell area considerata rispetto al bilancio 2004: mentre nella prima edizione erano state di norma incluse solo le società di maggiori dimensioni, quest anno sono state prese in esame tutte. Per quanto riguarda i dati, l arco temporale considerato comprende il 2004 e il 2005, consentendo la possibilità di confronto; limitatamente alle informazioni di tipo descrittivo in alcuni casi si è ritenuto importante inserire dati e considerazioni già relative all esercizio 2006, conferendo così una maggiore significatività al documento. Per organizzare le attività correlate alla redazione del bilancio, abbiamo costituito nella Capogruppo una funzione dedicata, che si occupa di richiedere ed elaborare le informazioni quantitative e qualitative delle società incluse nell area del Bilancio di sostenibilità. Sono stati individuati dei referenti in ciascuna società italiana del Gruppo e uno per ognuno dei paesi considerati, cui compete di organizzare in loco la raccolta delle informazioni. Il Bilancio di sostenibilità 2005 ricalca, con qualche modifica, la struttura della prima edizione. A una prima parte che descrive il nostro Gruppo nella sua identità, strategia e nelle sue performance economiche e finanziarie, fa seguito il calcolo del valore aggiunto creato dal Gruppo, ossia della ricchezza che le attività svolte nel corso del 2005 hanno generato a favore delle diverse classi di stakeholder. Tale valore è risultato superiore a 11 miliardi di euro, con un incremento del 2,7% rispetto all esercizio precedente. Si passa poi ad esaminare in dettaglio i vari stakeholder, che sono stati suddivisi in tre distinte categorie con l obiettivo di mettere in evidenza il diverso tipo di rapporto che li lega alla Società. Così abbiamo definito stakeholder diretti quelli che sono più vicini alla Compagnia e a vario titolo ne costituiscono parte integrante: i dipendenti, gli agenti e le altre reti di vendita, gli azionisti. Tra gli stakeholder competitivi 5

6 abbiamo incluso quegli interlocutori che sono maggiormente legati al business: quindi i clienti, innanzitutto, e i fornitori. Abbiamo fatto rientrare in questa categoria anche i soggetti in cui investiamo le risorse che assicurati e risparmiatori ci affidano in gestione, per il ruolo essenziale che l attività di investimento assume nella conduzione del business assicurativo. Infine abbiamo chiamato stakeholder socioambientali le ampie realtà esterne: la comunità fatta di persone e l ambiente fisico circostante in cui operano le nostre società. Per ogni stakeholder vengono forniti: una descrizione, le politiche del Gruppo, le modalità di dialogo attivate e i risultati ottenuti nel periodo considerato, oltre agli obiettivi di miglioramento stabiliti per il 2006, di cui ho parlato in precedenza. Dal punto di vista grafico, la novità del Bilancio di sostenibilità 2005 è rappresentata dalla mappa che illustra la struttura del documento accompagnando il lettore lungo tutto il volume. La stessa mappa costituisce anche il punto di partenza della versione interattiva che è stata realizzata quest anno per la prima volta che è pubblicata sul sito istituzionale Cliccando sulla mappa, infatti, è possibile navigare all interno del documento. Quest anno risulterà più agevole scaricare il bilancio dal sito, in quanto è possibile farlo, oltre che per il documento intero, anche limitamente a singole parti. Per ovviare ad un altro inconveniente segnalato relativamente alla prima edizione del Bilancio, accanto alla versione a colori ne è stata predisposta un altra ottimizzata per la stampa in bianco e nero. Più in generale abbiamo posto una grande attenzione alle critiche che frequentemente vengono avanzate, soprattutto dai consumatori, sulla leggibilità del Bilancio che, per sua natura, è destinato ad un pubblico molto vasto ed eterogeneo. Per tale motivo, nella stesura si è fatto ricorso a vari accorgimenti, quali ad esempio un linguaggio per quanto possibile semplice, in cui si è cercato di limitare l uso di termini stranieri; per chiarire i termini più tecnici il volume è stato corredato di un glossario. E stato fatto ampio uso di grafici e tabelle, anche questi improntati a una grande semplicità, per un immediata e chiara comprensione dei dati esposti, favorita anche dai brevi commenti di cui sono provvisti. 6

7 Si è cercato di contenere il numero delle pagine, che è stato ridotto rispetto alla prima edizione, anche se rimane piuttosto elevato. In parte ciò è dipeso dalla volontà di riportare in questo volume informazioni non presenti in altri documenti del Gruppo e, soprattutto, dalla scelta di fornire una serie di spiegazioni volte a cercare di avvicinare maggiormente il vasto pubblico a una realtà quella assicurativa che per la sua complessità dall esterno non è facilmente comprensibile. Per tale motivo riteniamo che un ulteriore alleggerimento del Bilancio potrà essere realizzato l anno prossimo, anche grazie alla possibilità di arricchire con informazioni di maggior dettaglio l area dedicata sul sito istituzionale. Per concludere vorrei riallacciarmi a ciò che dice il Presidente Bernheim nella lettera che apre il Bilancio. Siamo impegnati a costruire progressivamente un identità di Gruppo forte e basata sulla condivisione di valori e comportamenti orientati alla responsabilità sociale. Lo facciamo con progetti e iniziative coerenti e impegni concreti, rendendoci conto che tutto questo aumenta le aspettative dei nostri stakeholder. Tale consapevolezza rappresenta per noi un ulteriore stimolo a far bene e ad accrescere l impegno con azioni che, a partire dal management, coinvolgano tutta la Società e puntino a migliorare nel complesso i vari aspetti della Responsabilità Sociale d Impresa. Per fare questo siamo consci della necessità di condividere obiettivi e percorsi con tutti coloro che da Generali si aspettano qualcosa, della necessità di avviare con loro un dialogo fattivo e di contribuire, con il nostro operato, a diffondere i concetti e le pratiche di responsabilità sociale. Per questo motivo ci è piaciuto presentare in anteprima qui, a un pubblico di giovani che rappresentano la società del futuro, questo nostro Bilancio, che mi auguro sfoglino, o scarichino da internet, e leggano nelle parti per loro più interessanti. Potranno così cominciare fin d ora ad avvicinarsi ad una logica di conduzione degli affari più attenta alla tutela dei diritti e delle esigenze di tutti, ambiente compreso, che, quando entreranno nel mondo del lavoro, potranno contribuire a diffondere a loro volta. 7

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015 La responsabilità sociale delle imprese 08 ottobre 2015 Agenda 1. EticaSgr 2. Impresa:cos èequalèilsuoobiettivo 3. Responsabilità d impresa e CSR 4. Reportistica ambientale, sociale, di sostenibilità 5.

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Tavola Rotonda CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Mauro Cicchinè,, Presidente Dexia Crediop S.p.A. Milano 14 Luglio 2005 Capitalismo Sostenibile e CSR fra globale e locale : dai

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato L esperienza del Rapporto Annuale Integrato Angelo Bettinzoli Amministratore Delegato Sabaf S.p.A. Roma, 24 ottobre 2006 Chi è Sabaf Sabaf è il principale produttore mondiale di componenti per apparecchi

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

Linee guida regionali per il bilancio di sostenibilità delle PMI Toscane (rendicontazione socio-ambientale)

Linee guida regionali per il bilancio di sostenibilità delle PMI Toscane (rendicontazione socio-ambientale) Linee guida regionali per il bilancio di sostenibilità delle PMI Toscane (rendicontazione socio-ambientale) Premessa Le motivazioni ed il processo La decisione di elaborare le linee guida per il bilancio

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali La socialità: un valore nel contesto aziendale Roma, 28 maggio 2013 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Obiettivo Una nuova logica dell operare: il

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità

Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità Proposta formativa per le Organizzazioni non profit della Provincia Autonoma di Bolzano Premessa Con grande piacere presentiamo questo nuovo

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Bologna, 01 Giugno 2016

Bologna, 01 Giugno 2016 Via Toscana 19/a 40069 Zola Predosa (BO) Tel. +39 051 31 60 311 Fax +39 051 31 60 399 e-mail: info@improntaetica.org www.improntaetica.org Bologna, 01 Giugno 2016 Oggetto: Consultazione pubblica per l

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

La Sostenibilità in Acea

La Sostenibilità in Acea La Sostenibilità in Acea Seminario organizzato da Rotary Club Castelli Romani e Università di Roma Tor Vergata Etica ed Economia Quale tutela per i cittadini e i risparmiatori? Monte Porzio Catone, 29

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE 1 Bilancio e comunicazione aziendale Vi sono diverse tipologie di bilanci: Obbligatori: quando sono previsti da norme di legge (bilancio d esercizio,

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Inquadramento concettuale - l esigenza di ricondurre gli interventi a un

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

Corporate Storytelling

Corporate Storytelling Storytelling L ago e il filo del racconto d impresa Indice Business e Narrazione pagina 3 Uno Strumento Strategico per l Impresa pagina 4 Il Storytelling per... pagina 5 Cosa Puoi Fare con il pagina 6

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02

Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Valori. Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 Techint Engineering & Construction Missione, Visione e Codice: FR-MA-MNG-001-01 R02 September 18, 2013 Missione La nostra missione consiste nel dare valore ai nostri azionisti e clienti attraverso la prestazione

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Rapporto di Sostenibilità in Intesa Sanpaolo Le novità dell edizione 2013 Unità CSR Milano, 10 giugno 2014 Gli elementi caratterizzanti il Reporting di

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia L Osservatorio Socialis L Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE SANITARIE CONCETTI GENERALI, LINEE GUIDA ED ESPERIENZE APPLICATIVE

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE SANITARIE CONCETTI GENERALI, LINEE GUIDA ED ESPERIENZE APPLICATIVE FIRENZE www.health-management.it PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE SANITARIE CONCETTI GENERALI, LINEE GUIDA ED ESPERIENZE APPLICATIVE SCELTE STRATEGICHE E PERCORSO OPERATIVO

Dettagli

Sintesi del Bilancio Preventivo di Sostenibilità 2013

Sintesi del Bilancio Preventivo di Sostenibilità 2013 Sintesi del Bilancio Preventivo di Sostenibilità 2013 Oltre al Bilancio Consuntivo di Sostenibilità, Unicoop Tirreno utilizza dal 2009 un altro strumento formalizzato di gestione della responsabilità sociale

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo

Dettagli

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Nel

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL MINISTRO VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante le disposizioni legislative

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3

UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3 UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3 G E N - M A R 2 0 1 3 In questo numero parliamo di... S O M M A R I O : Talent & Performance management... Carissime Iscritte, Carissimi Iscritti, in

Dettagli

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale Università degli Studi dell'insubria Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013 FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti Simonetta Bono Novembre 2013 Investimento socialmente responsabile 2. L Investimento socialmente responsabile (SRI,

Dettagli

RAEcycle, uno dei. Come misurare le prestazioni logistiche in una società non-profit. sostenibilità RAEcycle

RAEcycle, uno dei. Come misurare le prestazioni logistiche in una società non-profit. sostenibilità RAEcycle Come misurare le prestazioni logistiche in una società non-profit 52 GIUGN0 2013 Sotto la lente di questa indagine,, Sistema Collettivo per la gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150)

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) 1 INDICE Introduzione pag 3 1. Caratteristiche del Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona?

La finanza sostenibile. Cos è e come funziona? La finanza sostenibile Cos è e come funziona? Alberto Stival,, 13.01.2016 in breve (SSF) rafforza la posizione della Svizzera sul mercato globale per la finanza sostenibile, fornendo informazioni e formazione

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese Ordine Dottori Commercialisti di Milano Scuola di Alta Formazione Il bilancio sociale nelle piccole e medie imprese Milano, 25 ottobre 2007 Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT Ad uso degli operatori sociali, è ora disponibile il MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NON PROFIT, Edizioni Ebook

Dettagli

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra COMUNI EST MILANO - CGIL CISL UIL - AFOL EST MI ASSOLOMBARDA, COLDIRETTI, CONFCOMMERCIO, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFEDERAZIONE NAZIONALE ARTIGIANATO E PICCOLA

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO Le ipotesi di miglioramento individuate lo scorso anno nel nostro primo Bilancio Sociale tracciano le linee di un percorso che abbiamo intrapreso nel 2002 e che intendiamo proseguire

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Massimo Carrozzo Roma, 4 maggio 2010 1 Agenda Contesto economico

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla SAAS Gestioni Aziendali Srl Unipersonale Sede Legale: 80127 Napoli - Via D. Cimarosa, 89 - P.IVA 06744501211 REA (NA) 837375 Uffici Amministrativi:

Dettagli

Esperienze di integrated reporting in Italia e nel mondo

Esperienze di integrated reporting in Italia e nel mondo Esperienze di integrated reporting in Italia e nel mondo Riccardo Stacchezzini Professore Associato di Economia aziendale nell Università degli Studi di Verona Gaia Melloni Dottoranda di Ricerca in Economia

Dettagli

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano

Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale. Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing La necessità di una disciplina legale internazionale Matteo Manfredi Neolaureato in giurisprudenza Università Cattolica di Milano Land Grabbing Un attività ambigua: Consiste in acquisizioni

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Approvato con delibera di C.C. n. 22 del 12.03.2012 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 17-23 aprile 2000. Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato

Newsletter. Notiziario settimanale 17-23 aprile 2000. Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato Newsletter Notiziario settimanale Marketing pubblicitario: viola la privacy l archivio non aggiornato Riccometro: il Garante chiede maggiore chiarezza su flussi di dati Controlli sui lavoratori che accedono

Dettagli