ISTRUZIONE OPERATIVA Raccolta, identificazione e conservazione SCO presso CdR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONE OPERATIVA Raccolta, identificazione e conservazione SCO presso CdR"

Transcript

1 REGIONE ABRUZZO ASL PESCARA Ospedale Spirito Santo U.O.C. di Immunoematologia e medicina trasfusionale - Dir f.f. P. Accorsi Banca Regionale Sangue Cordone Ombelicale - Responsabile Medico: Dott.ssa T. Bonfini Tel Fax web site: Organizzazione con Sistema Gestione per la Qualità certificata secondo UNI EN ISO 9001: Reg. N 4268 A ISTRUZIONE OPERATIVA Raccolta, identificazione e conservazione SCO presso CdR COPIA N Ediz. Rev Descrizione/ Natura della modifica Introduzione nuove IOP Revisione procedura e aggiornamento modulistica Revisione procedura e aggiornamento modulistica Revisione generale Redazione Resp. Lab/Servizio/ Delegato Verifica RSGQ Approvazione Direttore SIMT Emissione SGQ T. Bonfini T. Bonfini A. Iacone T. Bonfini T. Bonfini T. Bonfini A. Iacone T. Bonfini T. Bonfini T. Bonfini A. Iacone T. Bonfini T. Bonfini T. Bonfini A. Iacone T. Bonfini Revisione I Di Marzio T. Bonfini Dir f.f. P. Accorsi T. Bonfini adeguamenti FACT 25/11/ /11/ /11/ /12/2013 Ediz Rev. Verifica QMS E.Liberatore PROGRAMMA NETCORD-FACT Approvazione Responsabile CBB T. Bonfini 26/11/ /11/2013 Ediz. Rev. Validità Dicembre 2015 Riesame/ rivalidazione RSGQ/QMS Obsolescenza/ Ritiro RSGQ/QMS BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 1 di 11

2 SOMMARIO 1. SCOPO OBIETTIVI CAMPO DI APPLICAZIONE DEFINIZIONI/SIGLE/ABBREVIAZIONI/SIMBOLI DOCUMENTI DI RIFERIMENTO LEGGI, NORME STANDARDS LETTERATURA PROCEDURE DI RIFERIMENTO RESPONSABILITA SICUREZZA CAMPIONE/PRODOTTO/PAZIENTE/DONATORE/ENTITA MATERIALI/REAGENTI/KIT APPARECCHIATURE/STRUMENTAZIONE/PRESIDI/SUSSIDI GENERICI METODI/MODALITA OPERATIVE/CONTROLLI INTRAPROCEDURA VERIFICHE E CONTROLLI DEL PROCESSO STATISTICHE ARCHIVIAZIONE DOCUMENTI/DATI ALLEGATI E MODULI UTILIZZABILI FLUSSO OPERATIVO...11 BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 2 di 11

3 1. SCOPO Questa procedura descrive le responsabilità, la documentazione e le modalità operative relative alla raccolta di sangue di cordone ombelicale (SCO), all identificazione e etichettatura dell unità, all esecuzione del prelievo di sangue periferico (SP) materno, presso i Centri di Raccolta (CdR) afferenti alla rete della banca SCO Abruzzo. Descrive inoltre le modalità di conservazione del prodotto fresco, a breve termine, presso il CdR (UO Ostetricia e Centro trasfusionale). 2. OBIETTIVI Obiettivo della presente istruzione è garantire la corretta esecuzione della raccolta di SCO, la corretta identificazione dell unità e delle provette del prelievo di SP materno e le relative registrazioni, nonché la corretta conservazione a breve termine dell unità SCO presso il CdR. 3. CAMPO DI APPLICAZIONE Questa istruzione viene applicata alla raccolta di SCO effettuata: - da parto vaginale dopo il taglio del cordone ombelicale, prima del secondamento della placenta (raccolta con placenta in situ ) - da parto cesareo dopo il taglio del cordone ombelicale e dopo il secondamento manuale della placenta, dal medico ginecologo o dal personale ostetrico - da parto cesareo dopo il taglio del cordone ombelicale, con la placenta in situ, dal medico ginecologo 4. DEFINIZIONI/SIGLE/ABBREVIAZIONI/SIMBOLI Vedi glossario. 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 5.1 Leggi, Norme Standards Vedi PO 01 Donazione SCO. 5.2 Letteratura Tipo documento Titolo Applicabilità The impact of intrapartum factors on umbilical cord blood stem cell banking. Aufderhaar U. et Al. J Perinat Med. 2003;31(4): Cord blood units collected at a remote site: a collaborative endeavor to collect umbilical cord blood through the Hawaii Cord Blood Bank and store the units at the Puget Sound Blood Center. Wada RK. et Al Transfusion Jan;44(1): Analysis of maternal and neonatal factors that influence the nucleated and CD34+ cell yield for cord blood banking. Nakagawa R. et Al Transfusion Feb;44(2): Umbilical cord blood banking: implications for perinatal care providers.j Obstet Gynaecol Can Mar;27(3): Armson BA, Maternal/Fetal Committee, Society of Obstetricians and Gynaecologist of Canada. ACOG committee opinion number 399, Umbilical cord blood banking February Obstet Gynecol 2008 Feb 111 (2Pt) Presence of meconium-stained amniotic fluid in cesarean deliveries increases the total nucleated cell content of umbilical cord blood units Pilar Solves, Alfredo Perales, Manuel Fillol, Fernando Bonilla, Vicente Mirabet, Roberto Roig Transfusion Vol. 49, Issue 2, February 2009, Pages: Umbilical cord blood donation during caesarean section does not lead to increased maternal blood loss. Zaiss I, Kehl S, Petri E, Helbig K, Sufferlin M, Siemer J. In vivo 2010 May-Jun; 24(3); Umbilical cord blood collection, storage and use: ethical issues. Petrini C. Unità di Bioetica, Presidenza, Istituto Superiore di Sanità, Rome Italy Blood Transf Jul; 8(3) Fry LJ, Giner SQ, Gomez SG, Green M, Anderson S, Horder J, McArdle S, Rees R, Madrigal JA. Avoiding room temperature storage and delayed cryopreservation provide better postthaw potency in hematopoietic progenitor cell grafts. Transfusion Dec 11. BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 3 di 11

4 5.3 Procedure Tipo documento Titolo Applicabilità IOP Gestione Informatica SCO CDR - SACOM obbligatorio PGQ 74-1 Procedura Gestione Approvvigionamento obbligatorio PGQ 74-2 Procedura di gestione Audit di parte seconda obbligatorio PGQ 83-1 Procedura Gestione Non conformità obbligatorio 6. RESPONSABILITA Attivita /Funzioni Resp. / Delegati CdR (operatori sanitari) Organizzazione Definizione/verifiche /controlli Corretta esecuzione Procedure Definizione /validazione Corretta esecuzione Gestione documentazione Definizione procedure/ Gestione archivi cartacei ed informatici Gestione archivi 7. SICUREZZA Si fa riferimento al D.Lgs n 81 del 9/04/2008 e successive integrazioni. 8. CAMPIONE/PRODOTTO/PAZIENTE/DONATORE/ENTITA Questa procedura si applica alla raccolta e identificazione di SCO da parto spontaneo e da parto cesareo e al prelievo di sangue periferico materno necessario per l esecuzione degli esami infettivologici di legge. 9. MATERIALI/REAGENTI/KIT Kit raccolta SCO Sacca di raccolta Macopharma Salvietta alcool 70% monouso Provetta da siero (prive di anticoagulante) Provetta con litio eparina Provette con EDTA (1 da 3 ml, 1 da 9 ml) Soluzione fisiologica sterile Iodio polivinilpirrolidone Ciotole sterili Camici sterili Guanti sterili monouso Visiera Soprascarpe monouso Mascherine monouso Copricapo monouso Teli sterili Garze sterili 10. APPARECCHIATURE/STRUMENTAZIONE/PRESIDI/SUSSIDI GENERICI Si fa riferimento anche alla Scheda Apparecchiature. Apparecchiature Descrizione del suo utilizzo Carrello attrezzato Riporre materiali e attrezzature per la raccolta SCO Tavolino/carrello servitore Approntare campo sterile per raccolta SCO Saldatore dielettrico Si utilizza per saldare i tubi della sacca di raccolta SCO Frigoemoteca +4 C Conservazione delle unità SCO raccolte fino al momento del BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 4 di 11

5 Bilancia basculante Bilancia tecnica trasporto alla Banca Agitazione della sacca durante la raccolta; non è utilizzata per la pesata della sacca Pesare le unità SCO 11. METODI/MODALITA OPERATIVE/CONTROLLI INTRAPROCEDURA A. Raccolta di SCO da parto vaginale La raccolta di SCO nel parto vaginale viene eseguita secondo i seguenti step ed adottando i criteri di attenzione sotto enunciati: 1. all accoglienza della madre presso Ostetricia accertarsi che la coppia abbia effettuato il colloquio di idoneità e che sia stata dichiarata idonea (modulo comunicazione idoneità inviato da C.T a UO Ostetricia) 2. visionare la copia del Consenso informato in possesso della MD; se la madre non è stata precedentemente idoneizzata e non ha sottoscritto il C.I. adottare il consenso breve alla raccolta (All BSCO Informativa Raccolta e Mod BSCO Consenso informato Raccolta) 3. chiedere di nuovo alla MD se acconsente alla donazione di SCO, apporre sulla cartella di reparto il timbro dichiaro di aver preso visione della Scheda Informativa sulla donazione di Sangue di Cordone ombelicale, di aver compreso quanto in essa descritto, e di sottopormi pertanto volontariamente alla donazione e chiedere alla MD di firmare nell apposito spazio 4. chiedere alla MD referti esami infettivologici/strumentali effettuati durante la gravidanza e fotocopiare 5. sottoporre la MD a breve ricontrollo anamnestico (come da cartella ostetrico-neonatale) 6. prendere un kit di raccolta e verificare la presenza di tutti gli elementi (sistema di etichettatura, sacca raccolta, provette, buste trasporto a tenuta) e di eventuali difetti o alterazioni; in caso di kit danneggiato/incompleto, non utilizzare e rinviare il kit alla banca compilato il Mod BSCO Modulo restituzione kit raccolta ; 7. compilare i campi di identificazione della cartella ostetrica e del sistema di etichettatura con scrittura leggibile e inchiostro indelebile 8. seguire il travaglio e il parto 9. se non sono evidenti criteri di esclusione alla donazione procedere alla raccolta (cfr Criteri di selezione per la donazione allogenica solidaristica di SCO All BSCO ) 10. operatore che effettua la raccolta: indossare camice sterile, guanti sterili, soprascarpe, mascherina, copricapo e visiera 11. con l aiuto di personale fuori campo preparare un carrello servitore con materiale sterile (telini, garze sterili, ciotola sterile per soluzione fisiologica e ciotola sterile per iodiopovidone; il sistema di etichettatura deve essere conservato in prossimità della sacca, fuori dal campo sterile) 12. controllare l integrità dell imballo esterno e della sacca prima del suo utilizzo (check kit di raccolta) 13. controllare lotto e scadenza della sacca e registrare sulla cartella ostetrica 14. preparare la sacca di raccolta priva dell involucro esterno (non sterile - a cura del personale fuori campo) 15. chiudere con il morsetto blu le vie di raccolta 16. allentare leggermente il cappuccio dell ago della via che si intende utilizzare per la raccolta 17. il personale fuori campo prepara la bilancia basculante e il saldatore 18. Il primo operatore assiste il neonato e la madre (fase espulsiva) 19. Dopo la nascita del neonato posizionare un telo sterile al di sotto dei glutei della madre in modo da ricreare un campo pulito 20. Verificare l assenza dei criteri di idoneità ostetrico-neonatali (vedi documento Criteri di selezione per la donazione allogenica solidaristica SCO All BSCO ) 21. Chiedere alla MD nome e cognome e data di nascita e la conferma dell intenzione a donare; verificare la congruenza dei dati anagrafici trascritti sull etichetta di identificazione 22. afferrare con la mano sinistra la pinza kocher con il capo distale del CO (passaggio dal primo operatore all operatore della raccolta), pulire il CO con una garza sterile imbevuta di soluzione BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 5 di 11

6 fisiologica, procedendo in un unica direzione, dal basso verso l alto, in modo da asportare il sangue eventualmente presente 23. disinfettare l area della venipuntura con la salvietta imbevuta di soluzione alcolica al 70% e aspettare circa 15 secondi 24. disinfettare il CO con una garza sterile imbevuta di iodio polivinilpirrolidone procedendo in un unica direzione dal basso verso l alto evitando di arrivare alla zona perineale 25. disinfettare la sede della venipuntura nella immediata prossimità del capo distale, sfregando per 15 secondi con una garza sterile imbevuta di iodio polivinilpirrolidone; 26. tamponare con garza sterile asciutta 27. prendere la sacca di raccolta mantenendo l ago di prelievo; 28. posizionare la sacca sulla bilancia basculante e apporre una etichetta barcode piccola sulla sovrasacca (a cura del fuori campo) 29. rimuovere il cappuccio dell ago della sacca facendo un movimento di rotazione 30. incannulare la vena ombelicale nella immediata prossimità del capo distale seguendo l asse longitudinale del vaso, con la sezione dell ago rivolta verso il basso 31. aprire il morsetto della via di raccolta 32. effettuare una leggera manovra di spremitura del cordone a partire dal capo iuxtaplacentare 33. verificare lo svuotamento della vena ombelicale e il riempimento della sacca 34. quando il flusso si arresta chiudere il morsetto blu della via di raccolta, retrarre l ago dalla vena e incappucciarlo con il dispositivo di sicurezza autobloccante 35. poggiare la sacca sul servitore, rompere la membrana della sacca satellite, spremere l anticoagulante nella sacca di raccolta, portare verso la sacca il morsetto blu della via di raccolta e chiudere 36. saldare il tubolare a circa 10 cm dalla sacca di raccolta, mediante tre saldature consecutive, a tutto spessore, parallele al piano della sacca 37. staccare la sacca in corrispondenza della 3 saldatura 38. identificare l unità raccolta mediante apposita etichetta/barcode prestampata (Mod. BSCO Accettazione SCO CDR SACOM ), che deve essere compilata in ogni sua parte in maniera leggibile e con inchiostro indelebile; effettuare la congruenza con l etichetta barcode della sovrasacca. 39. Riportare sull etichetta i seguenti dati: nome e cognome, data di nascita, luogo di nascita della MD data e ora del parto numero progressivo parto settimane di gestazione sesso del neonato peso sacca (peso lordo) firma leggibile dell operatore che effettua la raccolta N.B.: I dati anagrafici della madre devono essere richiesti direttamente alla stessa e contemporaneamente trascritti sull etichetta. L unità deve essere identificata immediatamente dopo essere stata raccolta al fine di evitare gravi errori (es. scambio di sacche in caso di parti espletati in contemporanea ). La responsabilità della corretta identificazione dell unità è dell operatore che ha effettuato la raccolta. N.B.: L etichetta va adesa alla superficie anteriore della sacca in modo tale da lasciare libera una superficie che permette di ispezionare la sacca stessa, al suo arrivo presso la. 40. dopo il secondamento, porre la placenta sul servitore, ispezionarla e pesarla 41. apporre sulla cartella della madre donatrice il timbro Effettuata raccolta sangue cordone ombelicale, completo della data della raccolta e della firma dell operatore. L apposizione di tale timbro deve essere successivo alla raccolta dell unità ed è a cura del personale che effettua la raccolta. BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 6 di 11

7 42. compilare l etichetta-testimone in ogni sua parte in maniera leggibile e con inchiostro indelebile e apporla nell apposito spazio sul modulo cartella clinica donazione 43. compilare la cartella ostetrico-neonatale in ogni sua parte, apporre il corrispondente bar code e firmare; in particolare il personale che effettua la raccolta deve riportare il giudizio di idoneità ostetrica nell apposito spazio e, in caso contrario, segnalare i criteri di non idoneità/motivi di non raccolta; riportare nello apposito spazio eventuali complicanze/eventi avversi durante/dopo la raccolta, specificando nello spazio note; 44. registrare la raccolta sul registro sala parto raccolta SCO e apporre il corrispondente barcode 45. apporre il barcode sul registro dei parti 46. apporre il corrispondente barcode sulla cartella clinica della MD 47. apporre il corrispondente barcode sulla cartella clinica del ND 48. compilare il foglio di movimentazione unità SCO, Mod BSCO , per la parte di propria competenza e apporre il barcode 49. conservare la sacca nella transbag presente nel kit di raccolta nella frigoemoteca del Punto nascita 50. conservare la documentazione, fino all invio al CT, nella busta portadocumenti chiusa presente nel Kit di raccolta, nell apposito cassetto del carrello dedicato 51. il personale del Nido (medico/caposala/infermiera/puericultrice), al momento del controllo della cartella clinica della madre, è informato dell avvenuta donazione di sangue del cordone ombelicale attraverso il timbro rosso apposto sulla cartella stessa Effettuata raccolta sangue cordone ombelicale 52. il medico pediatra/neonatologo verifica l idoneità del ND (cfr Criteri di selezione per la donazione allogenica solidaristica SCO, All BSCO ) e completa l apposito modulo Idoneità neonatale. 53. il personale del Nido segnala l avvenuta raccolta sulla cartella e sulla lettera di dimissione del neonato attraverso l apposito timbro Neonato donatore inoltre, appone sul registro dei Neonati il timbro Neonato donatore SCO. Idoneità SI/NO 54. in caso di patologie a carico del neonato-donatore, subito dopo la nascita o comunque entro il periodo di degenza presso il Nido, il medico responsabile dell U.O. di Neonatologia/ Pediatria ne informerà la, prima via telefono e, entro due giorni, attraverso l apposito modulo Comunicazione patologie materno-neonatali post-donazione. 55. Il personale del Nido, alla dimissione del ND, consegnerà alla MD il modulo All BSCO Comunicazione al pediatra di libera e scelta e fac-simile del Certificato del pediatra follow-up del neonato Mod BSCO , in modo da informare il pediatra che seguirà il ND circa le finalità della donazione di SCO e della necessità di produrre un certificato, all eventuale Follow-up, riguardo il normale sviluppo psico-fisico del ND e l assenza di segni/sintomi riconducibili a patologie genetiche sulla base dell evidenza clinica. ATTENZIONE: È opportuno ricordare che: I kit di raccolta SCO devono essere conservati nel contenitore termoisolato a temperatura ambiente fino al momento del loro impiego (T di stoccaggio tollerata da 0 C a 35 C) I kit di raccolta SCO devono essere conservati in un area/magazzino definita e pulita la fornisce il kit di raccolta ai Centri di Raccolta (CdR) dietro specifica richiesta, utilizzando l apposita modulistica per l approvvigionamento ( Richiesta Materiali CdR SCO PGQ rev 01) ogni CdR deve mantenere una scorta minima fissa di kit pari a 10; qualora tale scorta venisse intaccata prima dell approvvigionamento, il CdR stesso inoltra richiesta urgente mediante modulistica di sistema (Richiesta Materiali CdR SCO PGQ rev 01); in caso di urgenza è possibile inoltrare richiesta telefonica all'interno 2374 seguita sempre, appena possibile, da richiesta scritta i kit contenenti materiale scaduto (sacche, provette, sistema di etichettatura) dovranno essere restituiti alla B. Parto Cesareo (con placenta in situ, a cura del ginecologo che effettua l intervento / personale BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 7 di 11

8 addestrato alla raccolta) 1. procedere alla vestizione dell operatore secondo le modalità in uso 2. procedere al lavaggio chirurgico delle mani 3. chiedere alla MD i dati anagrafici e la conferma dell intenzione a donare 4. compilare l etichetta di identificazione (duplice) e verificare la congruenza dei dati anagrafici trascritti sull etichetta di identificazione 5. dopo la nascita del bambino e il taglio del cordone ombelicale, prima del secondamento, si procede alla raccolta del SCO ponendo particolare attenzione alle procedure di detersione del cordone ombelicale, in modo tale da asportare il più possibile il sangue materno N.B.: - nella procedura di raccolta sul campo operatorio non utilizzare l alcool. - Se il taglio cesareo è eseguito in anestesia loco-regionale i dati anagrafici della madre devono essere richiesti direttamente alla madre stessa e contemporaneamente trascritti sull etichetta; se il taglio cesareo viene eseguito in anestesia generale i dati vanno richiesti alla madre prima dell induzione dell anestesia stessa, se possibile, o vanno controllati sulla cartella di Reparto della MD. C. Raccolta di SCO da parto cesareo dopo il secondamento 1.seguire la procedura di raccolta come descritto sopra fino alla preparazione della sacca 2.dopo il secondamento della placenta da parte del medico ginecologo prelevare la placenta con telino sterile e identificare con etichetta barcode piccola 3.posizionare la placenta sul carrello servitore adeguatamente preparato il cordone ombelicale deve essere posizionato pendente verso il basso 4.per la pulizia/disinfezione del cordone utilizzare solo soluzione fisiologica, alcool al 70%e iodio polivinilpirrolidone (come da parto vaginale). 5.eseguire l incannulamento della vena ombelicale e la raccolta come sopra descritto 6.per l identificazione e le registrazioni procedere come descritto sopra D. PRELIEVO DI SANGUE PERIFERICO MD Dopo la raccolta il personale sanitario esegue prelievo di SP materno (circa 25 ml), necessario per l esecuzione degli esami infettivologici di legge (HBsAg, anti-hbc, HCV-Ab, HIV 1-2 Ab, Ab anti Treponema Pallido, CMV-Ab, Trinat HBV-HCV-HIV, HTLV 1-2), per l allestimento della sieroteca/plasmateca e per lo stoccaggio del DNA per la verifica della segregazione dell aplotipo HLA materno al rilascio dell unità. Il prelievo viene eseguito secondo le procedure in uso presso il punto-nascita, in un momento in cui la madre è disponibile e dopo che ha recuperato dallo stress psico-fisico del parto. Devono essere utilizzate le seguenti provette: 2 provette EDTA (1 da 3 ml e 1 da 9 ml volume nominale) 1 provetta da siero 1 provetta Litio Eparina L identificazione deve avvenire prima dell effettuazione del prelievo e comunque chiedendo alla MD i dati anagrafici. Le provette devono essere identificate con il corrispondente codice a barre e con etichetta prestampata contenente i seguenti dati: Cognome e Nome della Madre Donatrice Data di nascita Data del prelievo L operatore che ha effettuato il prelievo di sangue venoso procede alla registrazione dei lotti delle provette e del prelievo, indicando data, ora, nome e firma del prelevatore, nell apposito spazio della cartella ostetriconeonatale. Le provette devono essere conservate nella transbag, insieme alla sacca, nella frigoemoteca del puntonascita a +4 C e inviate al CT insieme all unità e alla documentazione. Tutte le unità SCO raccolte devono essere inviate al C.T. in tempo utile per far pervenire le unità alla Banca entro le 36 ore dalla raccolta. Ogni unità deve essere accompagnata dai seguenti documenti: 1. sistema di identificazione SCO, con le etichette residue 2. cartella clinica donazione SCO 3. cartella ostetrico-neonatale 4. idoneità neonatale BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 8 di 11

9 5. copia degli esami infettivologici e del tampone vaginale della MD, nonché di ogni altro referto che il medico/ostetrico reputi importante per la valutazione dell idoneità 6. foglio di movimentazione unità SCO Mod BSCO (che può essere unico per le unità inviate nel singolo trasporto) che deve essere apposto all esterno della busta portadocumenti. E. Trasporto presso il CT del CdR e conservazione a breve termine Il trasporto dell unità SCO, delle provette e della documentazione dall UO Ostetricia al Centro Trasfusionale (CT) del CdR avviene a mezzo del personale di Reparto, in modo tale da garantire l arrivo delle unità alla Banca entro 36 h dalla raccolta. Il trasporto deve essere eseguito con contenitore rigido termoisolato per il trasporto di emocomponenti e la documentazione deve essere segregata nella busta portadocumenti del kit di raccolta. Il foglio di movimentazione deve essere allegato all esterno della busta stessa. All accettazione presso il CT il TSLB deve: 1. compilare e firmare il foglio di movimentazione SCO 2. registrare il carico dell unità sul Registro Accettazione unità SCO CT e apporre il corrispondente codice a barre 3. controllare l integrità di sacca (saldature) e provette 4. controllare la completezza e congruenza dell identificazione di sacca e provette 5. controllare la completezza e congruenza della documentazione allegata 6. in caso di Non Conformità (NC) segnalare sul Registro Accettazione unità SCO CT e sul Registro Note Accettazione unità SCO CT 7. provare a risolvere la NC; comunque segnalare la NC alla Banca, anche se è stata risolta, sulla modulistica di trasporto (foglio di movimentazione SCO e check list di trasporto) 8. pesare l unità SCO su con bilancia tecnica e riportare il peso in grammi sulla Check List Campionamento SCO (Mod BSCO ), riquadro CDR 9. calcolare il volume dell unità come da esempio riportato su Check List Campionamento SCO (Mod BSCO e riportare su Check List Campionamento SCO (Mod BSCO ) riquadro CDR 10. risospendere accuratamente l unità SCO (per circa 20 su agitatore) e campionare dalla camicia della sacca, in provetta EDTA identificata con l anagrafica della MD e l apposito codice a barre, il volume minimo necessario per l esecuzione della conta emocitometrica. 11. calcolare contenuto cellulare totale dell unità (TNC x 10 8 ) come da esempio riportato su Check List Campionamento SCO (Mod BSCO ) 12. firmare Check List Campionamento SCO (Mod BSCO ), riquadro CDR 13. vanno inviate alla banca le unità con TNC 14 x le unità con TNC < 14 x 10 8 possono essere smaltite presso il CT CDR (preventivamente abilitato dall banca mediante validazione della conta emocitometrica e periodicamente controllato) 15. le unità SCO non idonee all invio devono essere smaltite secondo la normativa vigente e le procedure in uso presso il CT, registrando sul Mod BSCO Registro Accettazione unita SCO CT, nella colonna stato sacca, la data di eliminazione 16. in ogni caso la documentazione relativa alle unità smaltite deve essere inviata alla banca con il primo trasporto utile 17. tutte le unità idonee per l invio devono essere conservate, insieme alle provette, nell apposita transbag, in frigoemoteca a +4 C, nel cassetto dedicato e identificato. L emoteca deve essere fornita di registratore della temperatura e di allarme remotizzato in luogo presidiato h allegare il consenso informato donazione SCO e i questionari anamnestici della coppia donatrice 19. allegare copia cartacea della conta emocitometrica firmata 20. fotocopiare tutta la documentazione clinica e archiviare secondo la normativa vigente in materia di privacy e protezione dei dati personali sensibili. Per le modalità di confezionamento del prodotto, provette e documentazione, per le modalità di preparazione del contenitore di trasporto e per le opportune verifiche e controlli, che sono sempre a carico del TSLB del CT si rimanda alla IOP-BANCA-SCO Trasporto. 12. VERIFICHE E CONTROLLI DEL PROCESSO La raccolta e identificazione delle unità SCO nonché il prelievo di SP della MD e la conservazione del prodotto fresco presso il CdR sono processi estremamente critici e a forte impatto sulla qualità del prodotto. La raccolta di SCO viene eseguita dal personale ostetrico e medico dei CdR, dopo specifica formazione da parte della Banca. L elenco del personale abilitato alla raccolta è conservato presso la Banca. La Banca controlla periodicamente gli operatori mediante test di sterilità quindicinale eseguito sulle unità all accettazione, valuta semestralmente i volumi e le cellularità raccolte e le eventuali Non Conformità rispetto all identificazione delle unità e delle provette di SP nonché della documentazione (report semestrale, cfr PO- BANCA SCO-07 Monitoraggi e CQ di processo). La conduce attività di Audit presso i CdR allo scopo di verificare le condizioni strutturali, igieniche, la gestione delle attrezzature e materiali e l aderenza alle procedure riguardo tutti gli aspetti del processo. Per le attività specifiche di auditing si rimanda alla procedura gestionale specifica (PGQ-74-2 Gestione Audit di parte seconda). BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 9 di 11

10 13. STATISTICHE Si fa riferimento alla PO-BANCA SCO-06 Statistiche e Reporting e alla PO-BANCA SCO-07 Monitoraggi e CQ di processo. 14. ARCHIVIAZIONE DOCUMENTI/DATI Documento/ file Titolo Tempo Archiviazione Cartaceo Cartella donazione 30 aa dopo uso Cartaceo Cartella ostetrico-neonatale 30 aa dopo uso Cartaceo Idoneità neonatale 30 aa dopo uso Cartaceo Sistema di etichettatura 30 aa dopo uso Cartaceo Foglio di movimentazione SCO 30 aa dopo uso Cartaceo Check List Campionamento SCO 30 aa dopo uso Ubicazione Resp. Archiviazione 15. ALLEGATI E MODULI UTILIZZABILI Allegati 1 All BSCO Lettera comunicazione Pediatra di libera scelta Modulo adottati 1 Mod. BSCO Accettazione SCO CDR SACOM 2 Mod BSCO Check list campionamento SCO 3 Mod BSCO Modulo restituzione kit raccolta Moduli prodotti 1 Mod BSCO _Formato timbri donazione SCO 2 Mod BSCO _Registro sala parto raccolta SCO 3 Mod BSCO Comunicazione Patologie Neonatali 4 Mod BSCO _ Registro Accettazione CT Unità SCO 5 Mod BSCO _Registro Note accettazione CT SCO 6 Mod BSCO Timbri Nido BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 10 di 11

11 16. FLUSSO OPERATIVO Raccolta ed Identificazione SCO Coppia Donatrice Ginecologi Ostretriche Personale Infermieristico Documenti di Registrazioni Note INVIO da Idoneità Donatore SCO Rif. Procedura Operativa Raccolta SCO Accoglienza MD e identificazione 1. Timbro e firma Consenso informato MD su Cartella Clinica Allestimento carrello, predisposizione KIT e controllo sacca di raccolta Allestimento attrezzature e campo operativo Valutazione idoneità ostetrico-neonatale Richiesta conferma donazione Identificazione MD FINE NO Conferma? SI Disinfezione sede venipuntura Raccolta SCO Saldatura tubatismi e verifiche Identificazione unità SCO 1. Sistema Etichettatura unità Controllare dati anagrafici della madre donatrice (cognome, nome, data di nascita, codice fiscale) Registrazioni avvenuta raccolta 1. Registro sala parto 2. Registro donazione SCO 3. Timbro e firma ostetrica su Cartella Clinica Esecuzione ed Identificazione prelievo sangue periferico MD Conservazione della sacca e delle provette in frigoemoteca 1. Etichettature provette 2. Identificazione madre donatrice 3. Effettuazione prelievo 4. Registrazioni su Cartella Ostetrico Neonatale L unità SCO e le provette vanno conservate a +4 C in frigoemoteca fornita di registratore della temperatura. La documentazione va adeguatamente segregata. Invio dell unità SCO, delle provette e della documentazione presso il CT/SIT 1. Foglio di movimentazione unità SCO INVIO a Transito, Confezionament o e Trasporto Unità SCO BANCA SCO IOP Ed 00 Rev 04 Dicembre 2013 Pagina 11 di 11

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Lettera progressiva: B Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 10 D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Premessa....

Dettagli

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

La modulistica fornita dalla BSC (vedi doc. allegati) è da compilare per gli aspetti di competenza.

La modulistica fornita dalla BSC (vedi doc. allegati) è da compilare per gli aspetti di competenza. Banca del Sangue Cordonale Responsabile: Dott. Marino Argiolas Data prima emissione: 1/07/2010 Revisione n : 6 Pagina 1 di 9 I 74 - ATTIVITÀ OPERATIVA DEI CENTRI RACCOLTA Pag Paragrafo 2 Premessa, scopo/campo

Dettagli

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Pr eparazion e Referente GdL C. Contessa Verifica Verifica sostenibilità organizzativa UOC Qualità

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE L AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI BOLOGNA (CF 92038610371), con sede in Bologna - via Albertoni n. 15, nella persona del Dirigente Responsabile

Dettagli

Protocollo Operativo

Protocollo Operativo Protocollo Operativo Rete Regionale Interaziendale per la raccolta di Cellule Staminali Cordonali SCO Rev. 1.0 Premessa... 2 Promozione e informazione su donazione SCO... 2 Unità operative coinvolte...

Dettagli

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PR/AD/03 IO/AD/117 PR/AD/02 Gestione unità di degenza Medicina Interna Scheda di processo unità di degenza Medicina Interna Gestione unità di degenza Medicina d Urgenza Ciclo Degenza Accettazione sanitaria

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Provinciale Roma. Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano

Provinciale Roma. Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano UNITA DI RACCOLTA SANGUE Requisiti Minimi Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano UNITA DI RACCOLTA Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261, articolo 2, comma 1, lettera

Dettagli

PUNTO DI RACCOLTA SANGUE CORDONALE

PUNTO DI RACCOLTA SANGUE CORDONALE Il Punto di Raccolta del Sangue Cordonale (PRSC) è la struttura del Percorso Nascita in rete, inteso come UO di Ostetricia e Ginecologia pubblica o privata, in cui è attivata la donazione e l invio del

Dettagli

I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali

I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali Dr.ssa Lucia Cretti Azienda Spedali Civili di Brescia Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale LA NUOVA ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

ERCB. La rete e l accreditamento dei Centri Nascita. Cristiana Vaselli

ERCB. La rete e l accreditamento dei Centri Nascita. Cristiana Vaselli ERCB La rete e l accreditamento dei Centri Nascita Cristiana Vaselli Punti Nascita: 29 Ostetricie pubbliche E-R S.Orsola-Malpighi BO O.BorgoValdiTaro(PR) Osp. Guastalla (RE) Osp. Maggiore BO Osp. Ravenna

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue 1 1 2 1 SCOPO. Descrivere le caratteristiche e le modalità di invio dei campioni inviati da soli, in associazione alle richieste trasfusionali o allo scopo di eseguire esami immunoematologici anche sulla

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA AZIENDA OSPED ALIERA UN IVERSITA DI PADOVA PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità

Dettagli

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione 2015: una realtà. I nuovi requisiti minimi per l autorizzazione e l accreditamento

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

MACO BIOTECH. Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali. Sangue da Cordone Ombelicale

MACO BIOTECH. Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali. Sangue da Cordone Ombelicale MACO BIOTECH Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali Sangue da Cordone Ombelicale MACO BIOTECH: SACCHE PER PRELIEVO DI SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Le cellule ematopoietiche, la loro

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

SIMT-IO 052 GESTIONE ATTIVITA IN CASO DI BLOCCO DEL SISTEMA GESTIONALE EMONET

SIMT-IO 052 GESTIONE ATTIVITA IN CASO DI BLOCCO DEL SISTEMA GESTIONALE EMONET 1 Prima Stesura Data: 15/02/2014 Redattori: Rizzo, Mastrocola SIMT-IO 052 GESTIONE ATTIVITA IN CASO DI BLOCCO DEL SISTEMA GESTIONALE EMONET Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 5 3 BIBLIOGRAFIA...

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC 1 SIMT POS 035 REV 1 Trasporto EMC Prima Stesura 16/12/2014 Revisione 1 20102015 Redattori: Gasbarri, Rizzo SIMTPOS 035 REV 1 TRASPORTO EMC Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti 1 1 2 1 SCOPO Lo scopo della seguente procedura è descrivere le modalità di esecuzione della validazione finale e dell etichettatura degli emocomponenti derivanti dalla donazione di sangue intero o di

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda Angela Mazzi, Dirigente Medico Servizio di Medicina Trasfusionale Cosa conserviamo c/o il SIMT Emocomponenti

Dettagli

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE.

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE. REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZION E EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi- Dirigente Medico U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Dott Alessandro

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio Marina Buzzi BO S.ORSOLA BO MAGGI BENTIVOGLIO PORRETTA IMOLA PARMA FIDENZA BORGOTARO

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto DI. Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM UdR CQB SGQ BSCS SGA LAB CRIO CAR X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P.A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa M. Ferraro APPROVATO Dott. F. Buscemi

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Requisiti relativi alla documentazione

Requisiti relativi alla documentazione Unità emittente Unità destinataria CRT CRT X P42 Emesso RGQ il 30.11.12 Revisione 0 Approvato DUO Pag. 1/16 INDICE 0. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. RESPONSABILITÀ 4. MODALITÀ

Dettagli

PO-TR-003/2 CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO SANGUE ED EMOCOMPONENTI

PO-TR-003/2 CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO SANGUE ED EMOCOMPONENTI Requisiti O.79, O.80 e O.80.1 Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL Lab UdR CQB SGQ BSCS SGA DS CRIO CAR CR Trasf X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P. A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa

Dettagli

OFFERTA DI PRESTAZIONI

OFFERTA DI PRESTAZIONI S.S.D. MEDICINA TRASFUONALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La struttura di Medicina Trasfusionale è un organizzazione che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa, sia in termini di raccolta

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

R E G I O N E P U G L I A. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Programmazione Assistenza Ospedaliera

Dettagli

PO75-1-CRT Criteri di selezione per i pazienti da sottoporre a trapianto renale

PO75-1-CRT Criteri di selezione per i pazienti da sottoporre a trapianto renale Unità emittente CRT Unità destinataria RNCTR RXCTR RCDP LTT CA CL ND X X X X X X X Emesso RGQ il 29/10/2012 Revisione 0 Approvato DUO CRT Pag. 1/8 INDICE 0. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ

Dettagli

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016 Decreto Ministero della Salute 2.11.2015 pubblicato su GURI SG n.300 del 28.12.2015 "Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti" Coordinatore del Comitato

Dettagli

INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI

INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI FRANCESCO ZINNO CARATTERISTICHE STRUTTURALI DI UNA BANCA DEL SANGUE PLACENTARE; PROCEDURE DI PRELIEVO, TRASPORTO, MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO DELLE UNITÀ DI CELLULE STAMINALI DA CORDONE OMBELICALE INDICE

Dettagli

~WV\I. Gestione Non Conformità, Azioni Correttive e Azioni Preventive F!"O!; li ;,'\ l""":~' CRT. Unità emittente CRT. Unità destinataria

~WV\I. Gestione Non Conformità, Azioni Correttive e Azioni Preventive F!O!; li ;,'\ l:~' CRT. Unità emittente CRT. Unità destinataria P8b - F!"O!; li ;,'\ l""":~' (>.~~TRO H!;t"I),"'.\,u: 'T~ '~d'j \~..:r' I Unità emittente Unità destinataria CRT CRT ~~ REDATTO: Dr. G. A. Gallo (RGQ) D.ssa C. Degli Espositl EMESSO: Dr. G. A. Gallo (RGQ)

Dettagli

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Via Sallustiana, 26 00187 Roma Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Roma, 14 giugno 2011 Conservazione del SCO -Conservazione pubblica per uso allogenico (da donazione

Dettagli

PROCEDURA CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE

PROCEDURA CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE Pagina 1 di 11 CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE Rev. data Causale della modifica 00.01 28/12/2012 Revisione Revisionata da Dr. F. Parrinello Dr. G. Famà C.I. M. Donia Condivisa/Valutata da Dr. F. Parrinello

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

DONAZIONE, RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DI TESSUTO MUSCOLO-SCHELETRICO DA DONATORE VIVENTE

DONAZIONE, RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DI TESSUTO MUSCOLO-SCHELETRICO DA DONATORE VIVENTE DONAZIONE, RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DI TESSUTO MUSCOLO-SCHELETRICO DA DONATORE VIVENTE Procedura Specifica PS BO/01 Rev.6 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI UO Servizio di Immunoematologia

Dettagli

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata Pag.: 1 di 7 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Referente del documento: Referente Sistema Qualità (Dott. I. Cerretini) Indice delle revisioni Codice Documento Revisione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III. RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA.

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. Pagina 1 di 13 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. REV. DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 20-01-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per l effettuazione di indagini e valutazioni retrospettive relative

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prelievo di urine per urinocoltura OBIETTIVO Ottenere un campione

Dettagli

DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Servizio Assistenza Farmaceutica PA7.513/S423

DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Servizio Assistenza Farmaceutica PA7.513/S423 DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Servizio Assistenza Farmaceutica GESTIONE DELLA RICHIESTA RDAWEB DEI BENI PA7.513/S423 Sommario 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 DEFINIZIONI E SIGLE...2 2.1 Definizioni...2

Dettagli

Dott.ssa Daniela Adorni Dirigente Medico

Dott.ssa Daniela Adorni Dirigente Medico REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE Dott.ssa Daniela Adorni Dirigente Medico APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE Dott. Alessandro Formentini Dirigente Medico. Responsabile

Dettagli

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ 1 Prima Stesura Data: 15-02/2013 Redattori: Gasbarri, De Agelis, Rizzo SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 10 3 BIBLIOGRAFIA... 10 4 INDICATORI...

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce la modalità della Compilazione, Tenuta, Conservazione e Archiviazione del

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE Pag. 1 di 8 Indice 1. Oggetto e scopo.... 2 2. Campo di applicazione.... 2 3. Responsabilità.... 3 4. Bibliografia.... 3 5. Contenuto.... 3 5.1. Introduzione... 3 5.2 Punti di smistamento Aziendali....

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità. Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B

Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità. Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B Aspetti normativi LEGGE SANGUE 219 DEL 21-10-2005 (nuova disciplina

Dettagli

Il sistema qualità in una Unità di Raccolta

Il sistema qualità in una Unità di Raccolta Il sistema qualità in una Unità di Raccolta Bologna, 22 dicembre 2012 Relatrice: Ivana Menichini (UO.1) L Unità di Raccolta deve istituire e mantenere un Sistema di gestione per la qualità, in raccordo

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA)

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA) REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Funzione di Staff Risk Management Responsabile Dr.ssa Manuela Serva PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK-

Dettagli

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA LOTTO 1

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA LOTTO 1 SCHEDA TECNICA INFORMATIVA LOTTO 1 FORNITURA DI UN SISTEMA COMPLETO PER LA RACCOLTA, LA SEPARAZIONE E LA PRODUZIONE DI EMOCOMPONENTI AD USO TRASFUSIONALE (SACCHE IN PLASTICA, ACCESSORI ED APPARECCHIATURE)

Dettagli

I Materiale monouso Q.TA CAMPIONATURA DESCRIZIONE

I Materiale monouso Q.TA CAMPIONATURA DESCRIZIONE Le disposizioni contenute nel presente allegato al Capitolato hanno ad oggetto la fornitura di materiale monouso, il noleggio e l assistenza tecnica delle apparecchiature per prelievo, separazione e lavorazione

Dettagli

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO

NOTE INFORMATIVE CAMPIONAMENTO PRELIEVO Pag. 1 di 5 PRELIEVO Il campione portato in laboratorio deve essere RAPPRESENTATIVO dell intera massa da cui è tratto. Esistono al riguardo, a seconda dei prodotti e delle finalità per cui vengono effettuate

Dettagli

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia Protocollo Aziendale Catena di Custodia Data emissione: 08/06/15 Revisione: 01 Responsabile: Dr. Stefano Venarubea Pag. 0 di 7 Pag. 1 di 7 1.1 Introduzione Il prelievo del campione è il primo passo della

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

SOMMARIO: PRAOS 90 PROCEDURA DI SICUREZZA NORME DI SICUREZZA NEL TRASPORTO DI CAMPIONI BIOLOGICI. Azienda Ospedaliera FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

SOMMARIO: PRAOS 90 PROCEDURA DI SICUREZZA NORME DI SICUREZZA NEL TRASPORTO DI CAMPIONI BIOLOGICI. Azienda Ospedaliera FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Presso l Ospedale Manzoni di. Confezionamento dei dispositivi medici da sterilizzare: revisione critica delle istruzioni operative.

Presso l Ospedale Manzoni di. Confezionamento dei dispositivi medici da sterilizzare: revisione critica delle istruzioni operative. 01 Confezionamento dei dispositivi:il dolore da procedura nel bamb 28/06/11 11:04 Pagina 185 ARGOMENTI VARI Confezionamento dei dispositivi medici da sterilizzare: revisione critica delle istruzioni operative

Dettagli

Per Qualificato con riserva (B) si intende che il fornitore è in grado di soddisfare solo parzialmente le esigenze del SIMT e delle AVIS.

Per Qualificato con riserva (B) si intende che il fornitore è in grado di soddisfare solo parzialmente le esigenze del SIMT e delle AVIS. Capitolo 7 Approvvigionamento e Magazzino Lo scopo del presente capitolo del manuale, come dettagliato dalle procedure APP e MAG, è quello di definire le modalità utilizzate dal SIMT di Ragusa per la corretta

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI Elaborato con il contributo di: - U.O. Prof. Assistenza - Coordinatrice U.O. Rianimazione Giardi Silvana - Coordinatrice UFSM Sforzi Chiara -

Dettagli

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Quadro Normativo Oggi. Sicurezza Trasfusionale Preanalitica Analitica Postanalitica Input Output Outcame Efficienza Efficacia Economicità complessiva

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti PROTOCOLLO DI SEGNALAZIONE DI EVENTI AVVERSI Processo di donazione-trapianto (Incident reporting) Redazione AUTORIZZAZIONI Redazione / Aggiornamento Verifica Approvazione 20/07/10 Il Coordinatore del Centro

Dettagli

Identificazione del paziente all atto della richiesta di determinazione del gruppo sanguigno e prelievo di campioni di sangue INDICE

Identificazione del paziente all atto della richiesta di determinazione del gruppo sanguigno e prelievo di campioni di sangue INDICE Pag. 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. DEFINIZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. DIAGRAMMA DI FLUSSO 7. DESCRIZIONE ATTIVITA' Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 11-12-2012

Dettagli

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO 17.01.2013 1 di 5 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis Il trasporto, la conservazione e l etichettatura degli Emocomponenti Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis L ETICHETTATURA, IL CONFEZIONAMENTO, LA CONSERVAZIONE E IL TRASPORTO DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

Dettagli

Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti.

Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2015 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE.

RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE. RUOLO DELL INFERMIERE D ANESTESIA E PRESIDI NECESSARI PER LE DIVERSE TECNICHE ANESTESIOLOGICHE. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Procedura Operativa APPROVVIGIONAMENTO E GESTIONE MAGAZZINO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 00 OTTOBRE 2015 INDICE Farmacista Specializzando Dott. Cataldo Procacci

Dettagli

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI Pg 1/ 10 MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI Redazione Verifica Approvazione Data Funzione Visto Data Funzione

Dettagli

S.I.M.T. VERCELLI ALL. Standard di Servizio: Guida all'autodonazione mediante Predeposito. Approvata da: DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA

S.I.M.T. VERCELLI ALL. Standard di Servizio: Guida all'autodonazione mediante Predeposito. Approvata da: DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA Pagina 1 di 6 FIRMA PER REDAZIONE CAMISASCA GIOVANNI _FIRMATO IN ORIGINALE FIRMA PER APPROVAZIONE MARI RAFFAELE _FIRMATO IN ORIGINALE EMESSO IL : 15/04/2010 SOMMARIO: SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2

Dettagli