IL MONITORAGGIO COSTIERO MEDITERRANEO: PROBLEMATICHE E TECNICHE DI MISURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MONITORAGGIO COSTIERO MEDITERRANEO: PROBLEMATICHE E TECNICHE DI MISURA"

Transcript

1 Quinto Simposio Internazionale IL MONITORAGGIO COSTIERO MEDITERRANEO: PROBLEMATICHE E TECNICHE DI MISURA RIASSUNTI Livorno giugno 2014

2 INDICE DEI LAVORI PRESENTAZIONI ORALI Prima giornata martedì 17 giugno 2014 Sessione Gestione e tutela integrata delle coste: profili economici e giuridici Esperienze di pianificazione dei litorali per la gestione degli usi turistico-ricreativi del demanio marittimo in Sardegna P. Bagliani, M. Costa, M. Sodde Il turismo sostenibile nelle aree naturali costiere. L applicazione dello strumento della Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) nel Parco Naturale Regionale litorale di Ugento M. Dadamo, S. D Ambrosio, S. Zecca, L. Liviello Le concessioni demaniali marittime come strumenti di tutela dell'ambiente costiero C. Paoli Nuovi scenari e nuove opportunità per una gestione integrata della costa. Possibili sinergie fra la pianificazione paesaggistica e la pianificazione costiera della Regione Puglia C. Piscitelli, F. Selicato La gestione integrata delle zone costiere. Incertezze definitorie I. Lolli Sessione Geografia della fascia costiera: usi, processi e dinamiche del territorio Land cover changes to enhance the sustainable development of the Sele coastal plain (Southern Italy) I. Alberico, E. Anzalone, R. Barra, A. Dal Piaz, V. Di Fiore, M. Fagnano, L. Ferraro, L. Giordano, E. Marsella A journey along the coast of the Regional Park of Riviera di Ulisse (Latium, Italy) A. Valente Approccio metodologico per una stima ex ante dei servizi ecosistemici derivanti dalla realizzazione di aree umide costiere. Un caso studio nel bacino idrografico della Sacca di Goro A. Bonometto, R. Boscolo Brusà, A. Capriolo, A. Feola, F. Oselladore, C. Antonini, E. Ponis, F. Cacciatore, R. Mascolo, C. R. Ferrari, L. Palumbo Public perception of coastal risk landscape in Catalonia M. Villares, E. Roca, L. Oroval Il porto come generatore di territorio. Sostenibilità e capacità integrativa tra dinamiche portuali, realtà urbane e territoriali F. Canessa La resilienza delle regioni costiere: la costruzione di indicatori multi-settoriali G. Lombardini Costa de Barbate: Usos y dinámica del territorio M. Castillo Guerrero III

3 Seconda giornata mercoledì 18 giugno 2014 Sessione Il paesaggio costiero: forme di antropizzazione di ieri e di oggi Landscape changes in North Coastal Tuscany: the Vada Volaterrana Project C. Baroni, M. Bini, S. Menchelli, M. Pappalardo, M. Pasquinucci, A. Ribolini, M. C. Salvatore, P. Sangriso Erosione costiera ed erosione sociale. L'evoluzione degli insediamenti nella costa del Sinis E. Campus, M. Obinu Il territorio costiero nel nuovo Piano Paesaggistico della Regione Molise D. Cialdea, A. Maccarone L altra prospettiva del porto P. Burlando Les projets d aménagement du front de mer à Alger : une nouvelle baie en 2030 pour une réconciliation de la ville avec la mer F. Z. Mohamed Chérif, D. E. Sahnoun Effetti dei cambiamenti climatici e dell attività antropica sulle zone costiere campane F. Ortolani, S. Pagliuca The cultural landscape of the Porto Mediceo in Livorno as project palimpsest P. Talà Sessione Misure per l ambiente e produzione energetica in zone costiere Satellite observations and in situ measurements for mapping bathymetry, sea bottom types and water quality in the Gulf of Oristano (Sardinia, Italy) M. Aiello, E. Matta, M. Bresciani, M. Musanti, M. Gianinetto, A. Satta, G. De Falco, C. Giardino Energetic and environmental assessments about the possible use of different intake systems for desalination plants E. Casti, M. Marini Underwater localization problem for a robotic swarm to explore and protect marine coast R. dell Erba, C. Moriconi Dispositivi radar per il monitoraggio costiero G. Ludeno, A. Natale, D. Arturi, D. Vicinanza, E. Pugliese Carratelli, F. Reale, F.Soldsovieri, F. Serafino The use of water basing storage system to balance the user demand and desalination plant production, when the plant is powered by renewable energy sources. Asinara Island, a case study for the development of a participatory process A. Marcia, M. Paderi, C. Palomba, P. Rizzi Oil Spills Detection through a Marine Environment Monitoring System D. Moroni, G. Pieri, O. Salvetti, M. Tampucci MOCA Monitoraggio Costiero ambientale. Prospettive di monitoraggio per la gestione integrata dei territori costieri e realizzazione di un software dedicato M. Selicato, C. M. Torre, G. Latrofa IV

4 Terza giornata giovedì 19 giugno 2014 Sessione Morfologia ed evoluzione delle coste e dei fondali La rimozione selettiva e non invasive dei sedimenti contaminati: Il dragaggio senza draghe convenzionali nel rispetto dell ambiente D. Benedetti, G. Gabbani Tecnologie innovative per lo studio della morfologia delle coste e dei fondali S. Cappucci, M. Del Monte, S. Donati, D. Sammartano, M. Paci Innovative Methodologies for Coastal Environmental Monitoring and Analysis. MIRAMar project E. Casella, A. Rovere, M. Vacchi, L. Mucerino, A. Pedroncini, M. Ferrari, M. Firpo Megaclast deposits on the south-east coast of Malta: signature of storm or tsunami event? J. Causon Deguara, R. Gauci Valutazione dello stato di equilibrio nei campi dunari della Sardegna Occidentale mediante applicazioni GIS S. Ginesu, S. Sias, M. Pilloni The marine storm of March 2012 in the Sahel (Eastern Tunisia): Consequences and lessons A. Oueslati Groundwater characterization of the low coastal Adriatic dunes N. Greggio, M. Antonellini, M. Pifferi Coastal dynamic along physiographic unit between Capo Linaro and Capo Anzio in Latium Coast F. Paladini de Mendoza, S. Bonamano, M. Marcelli Sedimentologic and geochemical interaction of river, beach and shallow sea recent sediments in Mersin Gulf (South of Turkey) F. Yücesoy Eryilmaz, S. Onat Sessione Flora e Fauna del sistema litorale: dinamiche e protezione Monitoring the Mediterranean coastal wetlands: experience from the GlobWetland II project C. Beltrame Ripristino naturalistico dell area di cantiere Approdo di Bacoli Marina del Fusaro mediante conservazione, produzione ex situ, semina e reimpianto del germoplasma ecotipico nell'area dunale del SIC Fusaro (IT ) F. Carucci, S. Mastrullo Un nuovo indice ecologico basato sui popolamenti coralligeni per l implementazione delle direttive europee per le acque E. Cecchi, P. Gennaro, L. Piazzi, E. Ricevuto, F. Serena Birds and noise: the MoSE s yards case (Lagoon of Venice, Italy) C. Dabalà, N. E. Baldaccini, P Campostrini, P. Fausti, A. Santoni, C. Soldatini Gli habitat dunali del litorale pisano tra erosione e antropizzazione A. Bertacchi, T. Lombardi CIGESMED or how to integrate combined scientific and amateur large sets of heterogeneous data on coralligenous habitats for the effective evaluation of the "Good Environmental Status" of the Mediterranean Sea? R. David, C. Arvanitidis, A. Chenuil, M.E. Çinar, A. Fremaux, S. Sartoretto, J.P. Féral Monitoring the sea water intrusion and the impact on the coastal vegetation by means of C and O stable isotope approach - The case study of Castel Volturno (Caserta, Italy) R. Esposito, T. Bertolini, V. Di Fiore, M. Lauteri, M. Punzo, M. Sarti, A. Scartazza, D. Tarallo, C. Calfapietra La desertificazione della Penisola del Sinis, indagini paleoambientali a Tharros (Oristano) e alcune zone circostanti A. Lentini Dinamica della vegetazione forestale nel complesso dunale di Porto Pino (Sardegna sud-occidentale) in relazione alla pressione turistica M. Puxeddu, G. Citterio, R. Giannini V

5 PRESENTAZIONI POSTER Sessione Gestione e tutela integrata delle coste: profili economici e giuridici Il consumo di energia elettrica in Sardegna come indice della decadenza delle attività produttive del territorio F. Benincasa, M. De Vincenzi, G. Fasano Sessione Geografia della fascia costiera: usi, processi e dinamiche del territorio Amorce d une stratégie de développement du tourisme durable dans une aire protégée ; cas du Parc national de Taza (Algérie) Naïma Aït-Iftène Socio-economic analysis and stakeholder involvement: the case of the Bue Marino Caves tourist valorization G. Benedetto, D. Carboni, G. L. Corinto Potenzialità e limiti geografici per la maricoltura italiana M.L. Bianchini, E. Pigliarien, L. Argenti, E. Rambaldi Tourisme, Aires protégées, conflits d usages et développement des territoires littoraux sud- Méditerranéens : cas de l Algérie S. Chaouki Chakour, S. Makhlouf Tutela, protezione e valorizzazione della spiaggia della Pelosa (Comune di Stintino - SS) M. Costa, P. Chiavaccini, S. Tonini Esperienze e risultati degli interventi di recupero e salvaguardia dei sistemi dunari di Villasimius e Chia nella Sardegna Merdionale M. Costa, F. Etzi, P. Falqui, A. Pitzalis The spatial organization of the westernmost coast of Sicily between tradition and modernity E. Di Blasi, A. Arangio Maltese coastal salt pans: Measurement, Mapping and Management of Xwejni Salt Pans at Marsalforn, Gozo R. Gauci, J.A. Schembri Il sistema dunale campano-laziale antropizzazione e protezione: un'ipotesi di conservazione - gestione di alcuni lembi del litorale dunale G. N. M. Giudici Territori elastico. Sviluppo sostenibile delle località costiere mediterranee E. Nan Linee guida per la realizzazione dello scuttling in Italia G. Piccioli Resta, M. Melgiovanni Le aree marine protette: un inquadramento per lo sviluppo compatibile G. Piccioli Resta, M. Melgiovanni L Alto Adriatico: Articolazione geografica di uno spazio costiero E. Poli Sessione Il paesaggio costiero: forme di antropizzazione di ieri e di oggi Teams of Underwater Autonomous Vehicles for Coastal Monitoring and Underwater Archaeology B. Allotta, F. Bartolini, R. Conti, R. Costanzi, J. Gelli, E. Meli, N. Monni, M. Natalini, L. Pugi, A. Ridolfi Il sistema difensivo costiero in Sardegna: architettura e paesaggio B. Billeci, G. Zini, M. Dessì Asinara. Island in the Island. From the Island of Hercules to the Island of unemployed A. Boninu, F. Nurra, E. Petruzzi Monitoraggio morfodinamico e modifiche antropiche, di ieri e di oggi, del paesaggio costiero flegreo P. Caputo, R. Santanastasio, F. Boccaloro, G. Gomez de Ayala, A. Trocciola Il patrimonio culturale della Costiera Amalfitana: tutela e tecniche di misura L. Corniello, G. D'Angelo Metodologie e prospettive di ricerca per la ricostruzione di un paesaggio funerario costiero: il caso della necropoli meridionale di Tharros fenicia e punica (OR) A. C. Fariselli, F. Boschi, M. Silani Modelli di sviluppo socio-economico di comunità inserite in aree naturali protette: studio della fascia costiera fra Punta Licosa e Punta degli Infreschi nel Cilento F. Jannuzzi, S. Patrizio, C. Tesauro VI

6 L antropizzazione costiera come pericolo e come suscettività: il paesaggio e l uso della fascia costiera M. Marchetta, D. Cazzaniga, P.L. Aminti, E.Carnieri, E.Mori P.Baldari, S.Corradini, C.Masini, F.Caputo, T.Geti Prime indagini sull interazione tra aspetti naturali, ambientali e storico-archeologici nella Penisola del Sinis (Sardegna centro-occidentale) P. Pinna, F. Di Gregorio, C. Ferrara, P. Frongia, S. Naitza, M. Poddi Il piano ottocentesco di illuminazione delle coste: i fari della provincia di Salerno M. Russo TIPOlogie in costa. La pianificazione del turismo in Sardegna S. Serra L'evoluzione del paesaggio costiero nella Sardegna nord-occidentale - Bosa e il suo fiume P. G. Spanu, I. G. M. Lucherini Planning Process of the Istanbul Bosporus Area, Conflicts and Challenges R. Yildiz, N. Senlier, P.O. Kucukyagci Sessione Misure per l ambiente e produzione energetica in zone costiere Early detection method for PAHs content in seawater used by desalination plant of Giglio Island L. Angeli, R. Costantini, R. Ferrari, L. Innocenti, F. Sabatini, A. Ortolani, M. Bellatalla Influenza della densità e della distribuzione dei punti di rilevamento pluvio-idrometrici sulle prestazioni di un modello idrologico nel Bacino del fiume Magra P. Battista, B. Rapi, M. Romani, C. Conese Storia dell elettrificazione della Sardegna dall unità d Italia al 1970 F. Benincasa, D. Carboni, M. De Vincenzi, G. Fasano Indagine sperimentale per la verifica del funzionamento idraulico e strutturale del porto turistico di Fiumicino (RM) M. Di Natale, S. Di Ronza, C. Eramo La sensoristica nelle misure di temperatura effettuate nei pozzetti termometrici nelle esplorazioni geotermiche G. Gabbani, E. Pandeli, S. Valentini, S. Bellani Nuove metodologie di acquisizione dati in remoto per il monitoraggio di inquinanti in ambiente marino G. Lacava, L. Lupi, A. Tonacci, V. Piermattei, F. Giardi, S. Fenu, M. Cocco, L. Gualdesi, M. Marcelli, C. Domenici, O. Salvetti Studio di un sistema fotovoltaico con accumulo di acqua marina e pompe reversibili per l'autonomia energetica di un'area naturale G. Manfrida, E. Caporali, V. Chiarello, R. Secchi Microclimatic monitoring of coastal caves: the example of Bue Marino P. Marcia, M. Menichetti, L. Sanna, Q. A. Cossu, J. De Waele CASI-1500 hyperspectral remote sensing data and in situ measurements within the IOSMOS project activities for coastal water bio-optical properties assessment S. Pignatti, N. Pergola, G. Bernini, A. Palombo, S. Pascucci, F. Santini, T. Lacava, E. Ciancia, V. Tramutoli, S. Liandro, M. Mancini, G. Pacci, S. D'Andrea, S. Iacullo, A. Madonia, V. Piermattei, M. Marcelli Gaming simulation in participatory process for desalination plants powered by renewable energies. San Pietro and Asinara islands case studies P. Rizzi, S. Careddu, A. Marcia Generation of freak waves by wave focusing method in the presence of current B. Stachurska, D. Majewski Sessione Morfologia ed evoluzione delle coste e dei fondali Mitigation measures for Gaza coastal erosion Abu Nema Taher Experiments, modeling and field measurements of salt marsh erosion due to wind waves M. Bendoni, S. Francalanci, L. Solari Profiler 3.1 XL, un logiciel gratuit pour la construction et le l analyse de profils topographiques dans Microsoft Excel O. Cohen Bilan de 35 ans d évolution et de rechargement de plage à Nice, Côte d Azur :Une approche statistique O. Cohen Underwater morphology, oceanography and recent sediment distribution of Kuşadasi Bay (West of Turkey) M. Eryilmaz, F. Yücesoy Eryilmaz VII

7 Mapping coastlines using Google Earth satellite information. Case study: Hersonisos (N. Crete - Greece) G. P. Farangitakis, C. Anagnostou, P. Drakopoulou, K. Harikleia Le coste adriatiche della provincia di Brindisi: dinamica e prevenzione F. Loiacono, A. Potenza, A. Sorrentino Il dragaggio di sabbie relitte per il ripascimento dei litorali in erosione: effetti sulle caratteristiche granulometriche dei sedimenti del fondo O. Nonnis, D. Paganelli, L. Nicoletti, M. Gabellini Modificazioni morfologiche recenti nel Golfo di Policastro (Cilento) causate da interventi antropici costieri F. Ortolani, S. Pagliuca Modificazioni morfologiche recenti nel tratto terminale del fiume Mingardo e nella Cala del Cefalo (Cilento) F. Ortolani, S. Pagliuca Bathymetric surveys and study of coastal dynamics on the beaches of Favignana F. Pasanisi, C. Tebano, S. Grauso Coastal typology and related seabed sediments along the eastern Adriatic coast (Croatia) K. Pikelj, M. Juračić Geological control of beach sediment in the Kaštela-Ploče flysch zone (Adriatic Sea, Croatia) K. Pikelj, M. Kovačić, B. Cvetko Tešović Un confronto tra due applicazioni di calcolo del rischio di erosione costiera sul litorale adriatico e jonico-lucano G. Ranieri, M. Greco, G. Martino Use of aerial photograph interpretation and Geographic Information Systems to study tidal channel changes: an example from the Venice Lagoon (Italy) F. Rizzetto Un sistema modellistico per il controllo degli effetti ambientali della risospensione durante la movimentazione dei sedimenti: il caso studio di Rada di Augusta A. Salmeri, A. Feola, I. Lisi, A. Pedroncini, E. Romano, F. Venti The Morphodynamics of Shingle Beaches in the Maltese Islands A Temporal and Spatial Perspective S. Sammut, R. Gauci Erosion rate measurements in gypsum coastline of Sardinia L. Sanna, A. Arca Estrazione di linee di riva mediante classificazione multispettrale di immagini satellitari ad alta risoluzione I. Sekovski, F. Stecchi, F. Mancini, G. Gabbianelli L'evoluzione della costa nel breve e lungo periodo: il caso di Senigallia (AN) L. Soldini, M. Postacchini, A. Mancinelli Cliff retreat along the coast of Ponza Island (Italy) A. Valente, S. Ginesu Sessione Flora e Fauna del sistema litorale: dinamiche e protezione Sustainable management of tourism in Cinque Terre MPA V. Alessandro, I. Lavarello, M. Barbieri, G. Biagioli Progettazione, esecuzione e monitoraggio di interventi di difesa dunale con tecniche innovative di ingegneria naturalistica e riqualificazione della vegetazione M. Bacci, S. Corsi, L. Lombardi, M. Giunti Caractérisation et devenir de la contamination métallique des eaux marines par les activités portuaires à Annaba (Littoral Nord Est Algérien) Belabed Bourhane-Eddine, Meddour Abderrafik, L. Aleya Long term monitoring of coccolithophores biocoenosis and thanatocoenosis at the Volturno river mouth (Gulf of Gaeta - Central Tyrrhenian Sea) S. Bonomo, A. Cascella, I. Alberico, L. Ferraro, F. Lirer, M. Vallefuoco, E. Anzalone, E. Marsella Monitoring of Posidonia oceanica meadows in a protected environment characterized by limited human activities: the case of Pianosa Island A. Caligiore, V. Ventra, F. Galeano, P. Puri, A. Masini Structural dynamics and re-naturalization practices in pine plantations on the coasts of Sardinia: the case of Arborea (Italy) S. Campus, R. Scotti, I. Piredda, M. d'angelo VIII

8 Studio delle condizioni chimico-fisiche dei sedimenti di un area costiera dell Alto Adriatico in relazione alla valutazione della qualità dell habitat della risorsa Chamelea gallina C. Cantaluppi, F. Ceccotto, M. Natali Struttura multifunzionale in fibra naturale biodegradabile per riqualificare i litorali ed il fondo marino S. Cappucci. C. Creo, M. Del Monte, S. Donati, M. Maffucci, M. Russo, I. Simoncelli Il ripristino degli ambienti costieri della Riserva Naturale Regionale Sentina: una buona pratica da diffondere S. Chelli, P. Rigoni, S. Trevisani Integrazione di dati convenzionali e telerilevati per la modellizzazione dell accumulo di carbonio in ecosistemi costieri M. Chiesi, L. Bottai, L. Arcidiaco, F. Maselli Distribuzione e stato di conservazione degli habitat di interesse comunitario lungo le coste dell Abruzzo meridionale M. de Chiro, M.L. Carranza, S. Ciabò, L. Di Martino, A.R. Frattaroli, A. Giannelli, A. Stanisci The role of naturalness and seral stage in the assessment and management of coastal sites S. Dunlop, S. Lanfranco, P. J. Schembri Monitoraggio di tratti di costa bassa in Provincia di Napoli L esperienza flegrea E. Esse, S. Mastrullo, D. Mastronardi Studi preliminari sulla colonizzazione di poriferi da parte di alghe alloctone nella Area Marina Protetta Capo Caccia-Isola Piana R. Fazzi, S. Bortolu, R. Manconi Living benthic foraminiferal assemblages at the mouth of the Volturno River (Gulf of Gaeta, Central Tyrrhenian Sea, Italy) L. Ferraro, I. Alberico, S. Bonomo, A. Cascella, F. Lirer, E. Anzalone, M. Vallefuoco, E. Marsella Conservazione e recenti variazioni del paesaggio vegetale delle isole dell Arcipelago Toscano B. Foggi, R. Benesperi, L. Dell'Olmo, G. Ferretti, L. Lastrucci, L. Lazzaro, D. Viciani The importance of disturbance and environmental stress on sand dune vegetation in two areas included in the The Roman Coast State Nature Reserve L. Gratani, M. F. Crescente, A. Bonito, L. Varone, E. Gini I piani di gestione dei SIC costieri del Molise: proposte di indicatori per la valutazione e il monitoraggio dello stato di conservazione degli habitat comunitari e delle specie floristiche. C. F. Izzi, S. Fusco, A. Stanisci Does the presence of Branchiostoma lanceolatum in a hypoxic bay (Amvrakikos Gulf - Greece) points a good environmental condition of this ecosystem? G. Kehayias État de la diversité biologique algale de la côte de STIDIA-Côte Ouest de Mostaganem F. Kies, A. Kerfouf État de la diversité phytoplanctonique de la côte de STIDIA -Côte Ouest de Mostaganem F. Kies, A. Kerfouf Comment évaluer et sensibiliser les acteurs de la pêche sur l état actuel et d avenir du milieu marin Mostaganémois pour un développement durable? F. Kies, A. Kerfouf L'environnement littoral algerois : biodiversite et conservation R. Meddour Trend demografico ed ecologia dei popolamenti di Calendula maritima Guss., specie-chiave delle fitocenosi costiere della Sicilia occidentale S. Pasta, G. Garfì, F. Grammatico, L. Scuderi, S. Ferrante, F. Carimi Caratterizzazione morfologica e fenologica di alcune specie polifunzionali della macchia mediterranea nella penisola di Capo Caccia, Sardegna A. Piga, P. Pirino, P. Duce, C. Cesaraccio Conflicts between uses and sustainability in maritime port areas in the Mediterranean Sea. The MAPMED Project C. Rossano, F. Scapini Ripristino delle aree costiere a macchia foresta di sclerofille sempreverdi e a pinete artificiali di Pinus halepensis percorse da incendi, grazie ad un progetto di Cooperazione Territoriale Grecia Italia : Vol.Net. R. Serra, C. Rugge, M. Rosati, A. Scarselletta, M. Erroi, N. De Santis IX

9 PRESENTAZIONI ORALI

10 PRIMA GIORNATA martedì 17 giugno 2014

11 SESSIONE GESTIONE E TUTELA INTEGRATA DELLE COSTE: PROFILI ECONOMICI E GIURIDICI

12 ESPERIENZE DI PIANIFICAZIONE DEI LITORALI PER LA GESTIONE DEGLI USI TURISTICO-RICREATIVI DEL DEMANIO MARITTIMO IN SARDEGNA Paolo Bagliani, Maurizio Costa, Marcella Sodde Criteria srl., via P. Cugia 14, Cagliari, tel , fax , ABSTRACT Gli interessi turistici ed economici relativi all utilizzo dei litorali e l elevata valenza paesaggistica-ambientale delle spiagge della Sardegna, richiamano l esigenza di un approccio pianificatorio degli usi del demanio marittimo rigorosamente calibrato sulle peculiarità e complessità del sistema costiero sardo, che persegua scelte localizzative, dimensionali e tipologiche delle attività turistico-ricreative differenti rispetto agli scenari orientati esclusivamente alla gestione dei servizi alla balneazione. Nel presente lavoro, attraverso le esperienze condotte in diversi contesti mediante la redazione e l attuazione dei Piani comunali di Utilizzo dei Litorali (PUL) per finalità turistico-ricreative, vengono sviluppate le tematiche che riguardano il ruolo del Piano stesso nella risoluzione dell inevitabile dicotomia tra le esigenze di conservazione e valorizzazione ambientale e paesaggistica dei sistemi marino-litorali e le esigenze di fruizione turistica e sviluppo economico dei territori costieri. A questo si aggiunge il ruolo, insito nella natura stessa del Piano, di governo del conflitto tra interesse pubblico e privato della risorsa spiaggia: il demanio marittimo rappresenta infatti una risorsa di pubblico interesse della quale deve essere assicurata la libera fruizione, ma la presenza di strutture ricettive che basano la loro attrattività turistica sulla possibilità di assicurare ai propri clienti l utilizzo esclusivo di tratti di spiaggia, crea inevitabili contrasti, in particolare in un contesto come quello della Sardegna in cui la maggior parte delle spiagge manifestano sviluppo limitato e percepiti come ambiti di elevata naturalità. La struttura e il percorso metodologico del Piano è stato articolato in funzione dell ambito giuridico di applicazione. Oltre al problema fortemente dibattuto sull interpretazione normativa di demanio marittimo (art Codice della Navigazione), esiste una difficoltà oggettiva legata al fatto che, la stessa definizione del CdN, porta alla individuazione di componenti ambientali, quali lidi sabbiosi, dune e zone umide, la cui perimetrazione esula i limiti ufficiali del demanio marittimo stesso. Ciò comporta che il PUL, pur avendo come ambito giuridico di applicazione il demanio marittimo, sia stato strutturato in modo da declinare le norme tecniche sulle componenti ambientali, in funzione della loro effettiva suscettività all uso compatibile delle risorsa ambientale anche in ambiti esterni al demanio stesso (Figura 1). I PUL si inseriscono in un contesto pianificatorio complesso che vede la Sardegna come prima regione italiana a essersi dotata di un Piano Paesaggistico Regionale (PPR). La fase di trasferimento delle competenze per la redazione dei PUL dal livello regionale a quello comunale ha visto la Regione Sardegna mantenere l onere di definire le direttive regionali per la redazione dei PUL. Tali Direttive hanno subìto, con il succedersi dei diversi Governi Regionali, e sotto le pressioni dei forti interessi in gioco, continue e sostanziali modifiche che, dal 2008 a oggi, hanno reso difficoltoso e dispendioso per i Comuni dotarsi di uno strumento pianificatorio aggiornato e attuabile. Ulteriori difficoltà nella attuazione dei PUL sono legate all incertezza normativa, che ha portato la Giunta Regionale della Sardegna ad apportare diverse modifiche nelle Direttive Regionali. Infatti, se da una parte le continue modifiche minano, di fatto, l effettiva efficacia dei PUL sulla possibilità del Piano di perseguire efficacemente i suoi obiettivi, dall altra, il mancato recepimento della Direttiva Bolkestein, che prevede che le concessioni demaniali previste nel PUL siano affidate mediante una procedura di selezione pubblica, determina una mancata opportunità di far diventare gli stessi bandi di selezione degli efficaci strumenti per la gestione e valorizzazione dei beni demaniali, attraverso i quali coinvolgere i portatori di interesse nella tutela e valorizzazione dei beni demaniali. 1

13 Figura 1 Esempio di zonizzazione del sistema spiaggia-duna-zona umida a Villasimius, funzionale alla regolamentazione degli utilizzi turistico ricreativi del litorale 2

14 IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE NATURALI COSTIERE. L APPLICAZIONE DELLO STRUMENTO DELLA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE (CETS) NEL PARCO NATURALE REGIONALE LITORALE DI UGENTO Dadamo Marco(*), Sabrina D Ambrosio, Simone Zecca, Leonardo Liviello * cell Ente di gestione del Parco Naturale Regionale Litorale di Ugento Piazza Adolfo Colosso Ugento (LE) Dadamo Marco: Le zone costiere sono caratterizzate da un elevata fragilità ambientale e diversità ecologica e nel contempo da un alto livello di pressione antropica e necessitano di strategie integrate di sviluppo, capaci di bilanciare tutela attiva e valorizzazione dei territori anche attraverso il coinvolgimento delle comunità insediate. Il turismo rappresenta un opportunità di sviluppo socio economico dei territori costieri che, se non adeguatamente pianificato e regolamentato in un ottica di sostenibilità, può generare numerose pressioni ed impatti sulle componenti ambientali e culturali. Obiettivo di questa pubblicazione è la presentazione dei risultati dell applicazione dello strumento della CETS nel Parco Naturale Regionale (PNR) Litorale di Ugento al fine di: (i) evidenziare l importanza dell applicazione di strumenti partecipativi nella realizzazione di politiche e strategie di azione condivise di turismo sostenibile (ii) mettere in luce come l avvio di strategie sostenibili di sviluppo generi, al tempo stesso, un miglioramento della qualità dell ambiente e dei suoi servizi ecosistemici. Il PNR Litorale di Ugento è un parco costiero della Provincia di Lecce caratterizzato da elevati valori di biodiversità, dalla presenza di numerose ed importanti strutture turistico- ricettive e da un elevata intensità turistica. Al fine di implementare le proprie politiche di turismo sostenibile, l ente di gestione, grazie ad un finanziamento della Regione Puglia, ed in collaborazione con Federparchi, ha attivato il percorso di certificazione europeo della CETS. Questo processo ha previsto l utilizzo di strumenti partecipativi (forum, seminari, ecc.) con lo scopo di attivare una più incisiva collaborazione tra gli stakeholders e realizzare una strategia comune ed un piano d'azione condiviso di sviluppo turistico. La formulazione del Piano e delle sue strategie è stata supportata dai risultati di un indagine, realizzata nell estate 2012, tramite la somministrazione nei centri turistici del PNR, di un questionario rivolto ai turisti balneari ed ai portatori d interesse. Tale indagine ha consentito di mettere in evidenza informazioni utili circa la percezione dei portatori di interesse sulla qualità dell ambiente e sui servizi turistici offerti nel Parco e dal Parco. L applicazione delle azioni del Piano ed in particolare quelle inerenti il miglioramento della fruibilità turistica del litorale, ha consentito per le annualità 2012 e 2013, di attivare sinergie e collaborazioni tra l ente di gestione del PNR e gli imprenditori balneari che hanno permesso il recupero delle biomasse spiaggiate (Posidonia oceanica), sugli arenili per la realizzazione di cordoni dunali. Lo strumento della CETS si è dimostrato efficace nel PNR oggetto di studio. L utilizzo di strumenti partecipativi e consultivi ha consentito la realizzazione di un Piano di azione turistico condiviso e ancorato alle necessità e specificità del territorio e del suo tessuto socio economico. L applicazione delle strategie in esso contenute, consentirà di tutelare i servizi eco sistemici ed i beni ambientali del Parco ed, al tempo stesso, garantirne sviluppo ed opportunità economiche.

15 Le concessioni demaniali marittime come strumenti di tutela dell'ambiente costiero Caterina Paoli Il tema che intendo sviluppare riguarderà l'antropizzazione delle coste ad opera delle attività balneari: nello specifico, si tratterà di studiare la tutela dell'ambiente costiero con riferimento alla disciplina italiana riguardante le concessioni demaniali marittime rilasciate a coloro che esercitano attività c.d. turistico-ricreativa (balneari), e che dovrebbero essere intese come strumento giuridico per la gestione e l uso sostenibili delle zone costiere, in grado di tenere conto nel medesimo tempo della fragilità degli ecosistemi e dei paesaggi costieri e della diversità di usi e attività dell'ambiente costiero. Lo spunto viene dalla recente novella legislativa (Legge di Stabilità 2013) che ha prorogato di altri cinque anni la durata delle concessioni vigenti, portandole, quindi, sino al : una proroga percepita dagli operatori di settore come un ulteriore boccata di ossigeno per i propri investimenti, di certo non risolutiva dei molti problemi esistenti, in grado però di ridare vigore alle aspettative sopite e di rimettere in discussione, di nuovo, l annosa questione, dibattuta a livello nazionale ed europeo, circa l applicazione della Direttiva Servizi (Direttiva 123/2006/CE) alle concessioni demaniali marittime. Come noto, tale Direttiva Servizi (Direttiva Bolkestein), nel consentire la libera circolazione dei servizi e nell assicurare la libertà di stabilimento (art. 1), individua nel regime concorrenziale il criterio attraverso cui erogare servizi e svolgere le attività commerciali e intellettuali, nell ottica di una competizione trasparente e transnazionale. La Direttiva ritiene il servizio erogato dalle imprese balneari un servizio del settore turismo (destinato al consumatore), in quanto tale assoggettabile a gara, con conseguente applicazione delle norme che sovrintendono le procedure ad evidenza pubblica. La materia delle concessioni marittime balneari si presenta in un contesto non chiaro, caratterizzato da una produzione normativa alluvionale e da pronunce giurisprudenziali che tentano di razionalizzare l'attuale tessuto normativo in modo tale da renderlo conforme ai principi comunitari. Il proposito del lavoro è quello di fare il punto della situazione in ordine alla attuale disciplina delle concessioni demaniali marittime (limiti minimi e massimi di durata delle concessioni; criteri e modalità di affidamento; determinazione dell importo del canone; modalità per la riscossione e per la suddivisione dei proventi derivanti dai canoni tra comuni, province e regioni; l equo indennizzo del concessionario nei casi di revoca della concessione ai sensi dell art. 42 del Codice della Navigazione; decadenza delle concessioni, nonché criteri e modalità per il subingresso nelle ipotesi di vendita o affitto d azienda) ed alla lettura che di essa ne dà la giurisprudenza più recente, con il fine ultimo di mettere a fuoco se e come le concessioni demaniali possano assolvere al ruolo di strumenti giuridici di protezione dell'ambiente costiero

16 NUOVI SCENARI E NUOVE OPPORTUNITA PER UNA GESTIONE INTEGRATA DELLA COSTA. POSSIBILI SINERGIE FRA LA PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA E LA PIANIFICAZIONE COSTIERA DELLA REGIONE PUGLIA Claudia Piscitelli, Francesco Selicato I territori costieri da sempre assumono la connotazione di linea di frontiera per la società; sono luoghi dove le popolazioni si accalcano, la domanda di attività ricreative è elevata e le risorse paesaggistiche ed ambientali vengono spesso saccheggiate (Forman, 2010). La pianificazione costiera può costituire dunque fertile campo di sperimentazione nel definire scenari progettuali che riescano a coniugare tutela del paesaggio, fruibilità sociale e valorizzazione economica. D altra parte si può ritenere che la fascia costiera sia il luogo in cui è più evidente l interferenza fra territorio e paesaggio, dove si può capire quale delle due nozioni sia più capiente a cogliere le inquietudini ma anche il respiro della contemporaneità (Mininni, 2010). Proprio queste ultime accezioni, sul senso delle inquietudini che generano spesso tensioni e situazioni di conflittualità, si prestano a diverse riflessioni, tese a comprendere difficoltà, tempi e modi per risolvere e ricomporre, soprattutto in ambito comunale, le diverse istanze sociali e ambientali. Con l approvazione del Piano Regionale delle Coste, la Regione Puglia ha disciplinato la tutela e l uso della costa, dettando regole per la gestione integrata del litorale, tese a perseguire due obiettivi fondamentali: porre freno all utilizzo indiscriminato del litorale e permettere un uso adeguato del litorale in modo da far convivere le necessità legate alle attività turistico-ricreative, e più in generale di tipo economico, con quelle connesse agli aspetti di carattere ambientale, favorire la fruizione della costa da parte della collettività in termini di eco compatibilità. D'altro canto, il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale della Regione Puglia, ad oggi solo adottato, si configura come piano paesaggistico a valenza appunto territoriale, tale da fornire, cioè, indirizzi e direttive in campo ambientale, territoriale e paesaggistico ai differenti piani di settore. Le sue finalità, alquanto complesse, sono non solo di tutela e mantenimento dei valori paesistici esistenti, ma soprattutto di valorizzazione, recupero e riqualificazione dei paesaggi compromessi, nonché di realizzazione di nuovi valori paesistici. Nei due Piani regionali la progettualità viene affrontata con approcci differenti, l uno nel PRC più orientato alla corretta utilizzazione e gestione della fascia costiera e di quella demaniale in particolare, l altro nel PPTR volto essenzialmente alla tutela e alla valorizzazione del paesaggio, così come inteso nell odierna concezione sancita dalla Convenzione Europea del Paesaggio.

17 Le finalità del presente contributo mirano, dunque, da un lato, a sottolineare il ruolo di rilievo che la pianificazione costiera comunale può assumere nella fase di attuazione del Piano Regionale delle Coste (PRC) e, dall altro, a prospettare sinergiche opportunità che in ambito comunale possono essere colte, in questa stessa fase, a valle della recente adozione del nuovo Piano Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR). Riferimenti: Forman T.T.R. (2010), Coastal Regions: spatial patterns, flows and a people nature solutions from the lens of landscape ecology, in Mininni M. (ed), La costa obliqua. Un atlante per la Puglia, Donzelli Editore, Roma, pp Mininni M. (ed, 2010), Paesaggi costieri. Un atlante provvisorio, in Mininni M. (ed), La costa obliqua. Un atlante per la Puglia, Donzelli Editore, Roma, pp

18 LA GESTIONE INTEGRATA DELLE ZONE COSTIERE. INCERTEZZE DEFINITORIE. Ilaria Lolli Dipartimento di Giurisprudenza Università di Pisa Quello di «gestione integrata delle zone costiere» è concetto ormai risalente, dato che già nel 1973, con la Risoluzione (73) 29 sulla protezione delle aree costiere, il Consiglio d Europa, preso atto del degrado in cui versa la maggior parte delle coste europee, sottoposte a pressioni antropiche crescenti, in grado di compromettere l equilibrio di ecosistemi particolarmente fragili, sottolineerà la necessità di predisporre una serie di strumenti per la loro tutela. Sulle coste, si legge infatti nella risoluzione, insiste una molteplicità di interessi (mantenimento dell equilibrio ecologico e biologico, tutela del paesaggio, conservazione delle risorse naturali, ma anche promozione dello sviluppo economico e salvaguardia del retroterra), che devono essere presi contestualmente in considerazione, attraverso l azione coordinata delle varie autorità pubbliche coinvolte. Cosa debba oggi intendersi per «gestione integrata delle zone costiere» (Gizc) è desumibile da una molteplicità di documenti a livello sia internazionale che comunitario, basti qui citare, fra i tanti, il Protocollo alla Convenzione di Barcellona sulla gestione integrata delle zone costiere nel Mediterraneo (Madrid, 2008) o la Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo su «Gestione integrata delle zone costiere: una strategia per l Europa» (Com/2000/0547 def). Dal complesso di tali documenti è possibile ricavare che quello di «gestione integrata» è concetto complesso che indica non solo un risultato (quello che la Raccomandazione 2002/413/CE riassuntivamente individuerà in una gestione «sostenibile a livello ambientale, equa a livello economico, responsabile a livello sociale, sensibile a livello culturale»), ma anche, ed in conseguenza di ciò, un procedimento che, in funzione del raggiungimento dell obiettivo, deve essere strutturato in modo da consentire l emersione e la corretta ponderazione di tutti gli interessi in gioco. Non vi è dubbio, quindi, che l introduzione del concetto di «gestione integrata delle coste» abbia rappresentato una tappa fondamentale nel riconoscimento della specificità dell ambiente costiero, in cui le pressioni antropiche, qui solitamente maggiori che in altre zone del territorio, rischiano di compromettere ecosistemi particolarmente fragili. E però, a distanza di più di 40 anni da quel primo documento del Consiglio d Europa, la Gizc stenta ancora a trovare attuazione concreta nel nostro ordinamento. La prima difficoltà appare con tutta evidenza già da una sommaria ricognizione delle norme che, a vario titolo, si riferiscono alle zone costiere. Frutto di una stratificazione di decenni, manca infatti, nel nostro ordinamento, una definizione univoca di zona costiera. Se infatti le disposizioni codicistiche (Codice civile e Codice della navigazione) richiamano concetti quali quello di lido e di spiaggia, le diverse normative di settore per la tutela dell ambiente

19 fanno uso di locuzioni diverse ( costa, ambiente costiero, territori costieri, per citarne alcuni). La questione non si esaurisce peraltro sul piano lessicale, perché a tutte queste locuzioni, che rappresentano gli ambiti spaziali di riferimento dei diversi interventi di tutela, corrispondono porzioni di territorio non coincidenti fra di loro. Affidata ad una molteplicità di soggetti attraverso una pluralità di strumenti scarsamente coordinati fra di loro (non fosse altro, come si è detto, per la non coincidenza del territorio cui si riferiscono), la tutela integrata delle zone costiere appare ancora un obiettivo non raggiunto. Le difficoltà sono peraltro destinate ad aumentare nel momento in cui a ciò si somma anche la necessità, in un quadro di reale integrazione, di coordinare gli strumenti per la tutela dell ambiente costiero con quelli che mirano a promuovere lo sviluppo urbanistico, sociale ed economico dei territori costieri e che quindi sono volti al soddisfacimento di una molteplicità di interessi diversi, connessi ai diversi ambiti di svolgimento delle attività umane (industria, insediamenti urbani, energia, pesca, turismo, navigazione, infrastrutture, e così via), il cui perseguimento è affidato, anche in questo caso, a soggetti diversi e ad una congerie di strumenti differenti, in particolare, ma non esclusivamente, di tipo pianificatorio. Detto questo, ci si chiede se ed in quali termini sia ancora possibile parlare di «gestione integrata delle zone costiere». Nella oggettiva impossibilità di una reductio ad unum, ormai svanito, cioè, il mito della pianificazione unica, ricordando che la gestione integrata è, prima ancora che un risultato, un procedimento, forse l unica via percorribile è quella della introduzione di meccanismi che consentano la emersione e la conseguente ponderazione degli interessi coinvolti all interno dei diversi procedimenti. Alla individuazione di tali meccanismi sarà dedicata l indagine.

20 SESSIONE GEOGRAFIA DELLA FASCIA COSTIERA: USI, PROCESSI E DINAMICHE DEL TERRITORIO

21 Land cover changes to enhance the sustainable development of the Sele coastal plain (Southern Italy) Alberico I. (1), Anzalone E. (1), Barra R. (2), Dal Piaz A. (3), Di Fiore V. (1), Fagnano M (4)., Ferraro L. (1), Giordano L. (1), Marsella E. (1) (1) Istituto per l Ambiente Marino Costiero (IAMC), Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Calata Porta di Massa, Naples, Italy (2) Associazione Comitato Ev-K2-CNR Via Nuova Villa 96, Naples, Italy (3) Dipartimento di Progettazione Urbana e di Urbanistica, Universita` degli Studi di Napoli Federico II, Via Forno Vecchio 36, Naples, Italy (4) Dipartimento Ingegneria Agraria e Agronomia del Territorio, Università degli Studi Federico II di Napoli, Via Università` 100, Portici, Italy Coastal zones have always been chosen by humans as a good place to live, these areas host a population whose average density is three times major than the global one. Over the last forty years the human pressure has caused a strong variation of land use, wild areas have been consumed by agriculture, roads and settlements. The main causes of the ecosystem loss are the coastal erosion (about 65%) and the sprawl of infrastructures and economic sites (16%). This model of urban growth is dominant in several regions, where it favors the fragmentation of the landscape, damaging the natural environment, and leads to the loss of naturalness. This paradigm is partly due to delays in the development of Territorial Plans giving a relevant importance to the conservation and to a better management of ecosystems, whose healthy status possess the full potential of goods and services affecting the human well-being (MEA, 2005; Teeb, 2010; Liquete et al., 2013). Within a global framework characterized by the need to guarantee stable and affordable food supply for a growing global population and the increasing biomass demand to achieve the EU bioenergy targets for 2020, we aim to illustrate through several scenarios, how is possible to promote the coexistence of natural places and human activities changing the land cover and using low input farming systems and 'ecological infrastructures'. In areas with a good degree of naturalness as the Sele coastal plain, the use of scenarios is particularly important to understand the possible effects of these changes on the territory during different timewindows. The Sele river plain (Campania Region, Southern Italy) is one of the widest alluvial coastal plains of the Central-Southern Italy and the Sele river, about 75 km long drains a catchment area of about km 2. This area is characterized by large untouched zones, it hosts two Sites of Community Importance (Directive, 92/43/CEE), one Protected Zone (Directive, 79/409/CEE), the natural reserve of the Sele-

22 Tanagro river mouth and several oasis. The naturalness of this area is however threatened by the fragmentation of settlements, infrastructures and also productive activities, as the intensive cultivations and large commercial and tertiary sectors close to the road junctions. Starting from the work of Giordano et al. (2013), which defines the territorial status of Sele coastal plain through the spatial analysis available in a Geographic Information System framework, and a global assessment of the degrees of naturalness associated to the different land-covers, we aim to recognize which of the cultivations should be changed to improve the territorial biodiversity. This analysis suggests to change the grain cereals and the vegetable plants, which show a medium degree of naturalness and the highest distributions in the study area (75%), in order to improve the biodiversity. Several scenarios were performed to illustrate the effects of territorial changes over time through synoptic maps, representing some valuable tools to inform stakeholders and to involve them in the whole implementation of a management plan (Fraser et al. 2006; Stringer et al. 2006; Hoffmann 2009). References Directive, 92/43/CEE On the conservation of natural habitats and of wild fauna and flora LexUriServ.do?uri=CELEX:31992L0043:EN:NOT. Accessed 5 May Directive, 79/409/CEE On the conservation of wild birds. ec.europa.eu/environment/nature/legislation/birdsdirective/.accessed: 26 Mar Accessed 5 May Fraser EDG., Dougill A., Mabee W., Reed MS., McAlpine P. (2006) Bottom up and top down: analysis of participatory processes for sustainability indicator identification as a pathway to community empowerment and sustainable environmental management. J Environ Manag 78(2): Giordano L., Alberico I., Ferraro L., Marsella E., Lirer F., Di Fiore V. (2013) A new tool to promote sustainability of coastal zones. The case of Sele plain, southern Italy. Rend. Fis. Acc. Lincei 24, DOI /s Hoffmann J (2009) Indicators for an ICZM. Experience with a problem-oriented approach. J Coast Conserv 13: Liquete C., Piroddi C., Drakou EG., Gurney L., Katsanevakis S., Charef A., Egoh B. (2013) Current Status and Future Prospects for the Assessment of Marine and Coastal Ecosystem Services: A Systematic Review, PLOS ONE 8(7) 1- MEA (2005) Ecosystems and Human Well-Being: Synthesis Report. Island Press, Washington, DC. Stringer LC., Dougill AJ., Fraser E., Hubacek K., Prell C., Reed MS. (2006) Unpacking participation in the adaptive management of social ecological systems: a critical review. Ecol Soc 11(2):39 (online). URL: Accessed: 13 Mar Teeb (2010) in: Kumar, P. (Ed.), The Economics of Ecosystems and Biodiversity: Ecological and Economic Foundations. Earthscan, London.

23 A JOURNEY ALONG THE COAST OF THE REGIONAL PARK OF RIVIERA DI ULISSE (LATIUM, ITALY) VALENTE ALESSIO Dipartimento di Scienze e Tecnologie - Università degli Studi del Sannio Via dei Mulini 59a, Benevento - - tel fax The Regional Park of Riviera di Ulisse is located along the southern coast of Lazio in central Italy. The park is named by the Homeric hero who moored his ships in today's Gulf of Gaeta, as we read in the Odyssey. It does not extend without interruption from Sperlonga to Minturno due to the increasing urbanization of the municipalities of Gaeta and Formia, and therefore concentrated in three coastal areas, from north to south: the Promontory of Tiberius' villa and the coast between Torre Capovento and Punta Cetarola, Monte Orlando and, finally, Gianola and Mount Scauri. Despite the physical discontinuity, however, is clearly identifies a unit of coastal landscape, but differs in detail in each of the protected areas. This diversity is expressed by a wide variety of landforms in these zones, which was superimposed on a particular vegetation cover and a heritage of historical and archaeological importance. In the northern protected area, near Sperlonga, the wide and suggestive cave near to the present sea level is certainly to be related to the nearby settlement belonging to the emperor Tiberius. In fact, the cavity is occupied largely by a circular tank, once covered in marble, with seats carved into the walls. In this cavern, took place the episode narrated by Suetonius and confirmed by Tacitus, according to which, while Tiberius feasted fell from the vault some boulders that killed some of those present. Continuing along this stretch of coast, it is possible to observe cliffs alternate with suggestive coves in which sandy beaches were formed. Behind them, despite numerous tourist facilities diffuse in this stretch, are still present limbs of dune. Such limbs are preserved favored by the protection for some native plant species. On headlands that bordered these beaches stand numerous towers of the sixteenth century, made in defense of pirate raids, unfortunately not all have remained intact till now. The promontory of Monte Orlando is characterized by a series of faults present at its southwestern extremity. These faults, would be formed as a result of latest tectonic phases of the Pleistocene, although according to a deep-rooted popular tradition would be generated at the moment of Christ's death. In one of these faults, the most easterly, the slow dissolution of the limestone has joined to the "destructive" action of the sea waves, and then for subsequent collapses of the vault, it is so extended as to give rise to a large cave called of the Turkish. This name was conferred because the ships of the Turks found shelter inside it in the Early Middle Ages.

24 Over the centuries there arose numerous works of military architecture such as battlements, gunpowder, ammunition depots and so on. Of these works is now clearly visible inside this area of the park as well as the testimony of numerous archaeological remains from the Roman period, including a mausoleum in perfect condition. Unforgettable dives to the bottom of marine protected stretch of water in front of the impressive cliffs, with a wide variety of wildlife and geological structures of great interest. Finally, in the southern protected area of Gianola and Mount Scauri there is a considerable wealth of plant species. The predominant form of vegetation consists of the Mediterranean macchia that has evolved to become a real forest. Next to this biotic factor outcrops of Pliocene conglomerates are well visible. Such limestone conglomerates, being made up of pebbles and cement of the same composition, can well preserve the traces of paleo sea levels (marine abrasion terraces, sea notches). In addition, there are, even if they have been heavily affected by the bombings of the last war, the ruins of structures belonging to the first century AD, described by Catullus to magnify the owner. Despite the state of the structures is evident their distribution on three main levels in a pattern typical of Roman architecture. Among these structures, rather interesting, are the wellknown piscinae, which allow to reconstruct the position of the sea level at that time.

Fifth International Symposium Monitoring of Mediterranean Coastal Areas: problems and measurement techniques Livorno (Italy) 17-18-19 June 2014

Fifth International Symposium Monitoring of Mediterranean Coastal Areas: problems and measurement techniques Livorno (Italy) 17-18-19 June 2014 Fifth International Symposium Monitoring of Mediterranean Coastal Areas: problems and measurement techniques Livorno (Italy) 17-18-19 June 2014 PROGRAM First day Tuesday 17 th June 2014 9.00 Symposium

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLA TARTARUGA CARETTA CARETTA NELLA SPIAGGIA DEI CONIGLI DI LAMPEDUSA Protection of Caretta caretta on Conigli Beach in Lampedusa

LA CONSERVAZIONE DELLA TARTARUGA CARETTA CARETTA NELLA SPIAGGIA DEI CONIGLI DI LAMPEDUSA Protection of Caretta caretta on Conigli Beach in Lampedusa LA CONSERVAZIONE DELLA TARTARUGA CARETTA CARETTA NELLA SPIAGGIA DEI CONIGLI DI LAMPEDUSA Protection of Caretta caretta on Conigli Beach in Lampedusa Elena Prazzi Lampedusa, Italia Legambiente Comitato

Dettagli

Fifth International Symposium MONITORING OF MEDITERRANEAN COASTAL AREAS: PROBLEMS AND MEASUREMENT TECHNIQUES ABSTRACTS

Fifth International Symposium MONITORING OF MEDITERRANEAN COASTAL AREAS: PROBLEMS AND MEASUREMENT TECHNIQUES ABSTRACTS Fifth International Symposium MONITORING OF MEDITERRANEAN COASTAL AREAS: PROBLEMS AND MEASUREMENT TECHNIQUES ABSTRACTS Livorno (Italy) 17-18-19 June 2014 INDEX ORAL PRESENTATIONS First Day Tuesday 17 th

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE

Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE XXIII Congresso della S.It.E. Ancona, 16-18 settembre 2013 Formazione Ambientale: le esperienze del progetto LIFE MAESTRALE Fusco S. 1, Iannotta F. 1, Izzi F. 2, Stanisci A. 1 1 Dipartimento di Bioscienze

Dettagli

L'estensione dell'approccio "Atlante" all'adriatico nel progetto Adriplan Alessandro Sarretta, Andrea Barbanti (CNR-ISMAR)

L'estensione dell'approccio Atlante all'adriatico nel progetto Adriplan Alessandro Sarretta, Andrea Barbanti (CNR-ISMAR) L'estensione dell'approccio "Atlante" all'adriatico nel progetto Adriplan Alessandro Sarretta, Andrea Barbanti (CNR-ISMAR) L'Atlante della laguna di Venezia: l'interoperabilità dei dati per la gestione

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Co.R.E.M. COOPERAZIONE DELLE RETI ECOLOGICHE

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

BIOCOSTRUZIONI MARINE IN PUGLIA RTI CONISMA CNR

BIOCOSTRUZIONI MARINE IN PUGLIA RTI CONISMA CNR La sottoscritta Simonetta Fraschetti Cognome e Nome Fraschetti Simonetta Nata a Milano Il 19.08.1965 Codice fiscale FRSSNT65M59F205E Attuale posizione ricoperta Professore Associato in Ecologia Altre funzioni

Dettagli

Beach dune system interaction and evolution. E. Pallottini, V. Campo, S. Cappucci, L. Rossi, G.B. La Monica

Beach dune system interaction and evolution. E. Pallottini, V. Campo, S. Cappucci, L. Rossi, G.B. La Monica Beach dune system interaction and evolution E. Pallottini, V. Campo, S. Cappucci, L. Rossi, G.B. La Monica Spiaggia e duna sono due distinte componenti dello stesso sistema. La loro evoluzione nel tempo

Dettagli

Programma di Difesa dell Ambiente

Programma di Difesa dell Ambiente ACCADEMIA DELL AMBIENTE ROMA 11 marzo 2013 - I contratti di fiume per la difesa del suolo 12 marzo 2013 - La prevenzione idrogeologica per la difesa delle coste 18 marzo 2013 - L interazione fra il consolidamento

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

IGeS VINCE LA GARA DI VIBO VALENTIA (Italian version)... 2-5 IGeS WON VIBO VALENTIA PROJECT (English version)... 6-9

IGeS VINCE LA GARA DI VIBO VALENTIA (Italian version)... 2-5 IGeS WON VIBO VALENTIA PROJECT (English version)... 6-9 IGeS VINCE LA GARA DI VIBO VALENTIA (Italian version)... 2-5 IGeS WON VIBO VALENTIA PROJECT (English version)... 6-9 1 IGeS VINCE LA GARA DI VIBO VALENTIA Nel 2012 la Amministrazione Provinciale Di Vibo

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA tra IL PARCO DEL DELTA DEL PO dell Emilia Romagna (ITALIA) e L AGENZIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIOSFERA DEL DANUBIO (ROMANIA) relativamente a cooperazione

Dettagli

SHAPE tra costa e mare

SHAPE tra costa e mare SHAPE tra costa e mare Lignano Sabbiadoro 17 Ottobre 2013 Katia Raffaelli Direzione Generale Ambiente, Difesa del Suolo e della Costa Regione Emilia-Romagna Shaping an Holistic Approach to Protect the

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino Antonio Pusceddu Dipartimento di Scienze della Vita e dell

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli

IL PERCHÉ DI UNA SCELTA

IL PERCHÉ DI UNA SCELTA IL PERCHÉ DI UNA SCELTA IL CORSO DI LAUREA ILLUSTRATO AGLI STUDENTI A.A. 2015-2016 2 IDEE GUIDA 2 ESIGENZE DELLA SOCIETÀ 2 PROSPETTIVE PROFESSIONALI IL TERRITORIO ITALIANO È PREZIOSO E FRAGILE: DEVE ESSERE

Dettagli

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Attività Area Natura 2000 e Osservatorio

Dettagli

LE CITTA DA CONSUMATRICI A PRODUTTRICI DI ENERGIA Sinnai, 4 Marzo 2009, Sala Consiliare REPORT

LE CITTA DA CONSUMATRICI A PRODUTTRICI DI ENERGIA Sinnai, 4 Marzo 2009, Sala Consiliare REPORT Comune di Sinnai Unione dei Comuni del Parteolla e basso Campidano Comune di Burcei LE CITTA DA CONSUMATRICI A PRODUTTRICI DI ENERGIA Sinnai, 4 Marzo 2009, Sala Consiliare REPORT INDICE 1 Premessa... 2

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

Il progetto Riserva della Biosfera UNESCO INDICE. 1. Il Programma MAB e le Riserve della biosfera UNESCO

Il progetto Riserva della Biosfera UNESCO INDICE. 1. Il Programma MAB e le Riserve della biosfera UNESCO Il progetto Riserva della Biosfera UNESCO Locca (Ledro), 22 agosto 2013 Claudio Ferrari INDICE 1. Il Programma MAB e le Riserve della biosfera UNESCO 2. La Rete mondiale, europea, italiana delle riserve

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Conoscenze ambientali e Valutazione Ambientale Strategica: appunti 1

Conoscenze ambientali e Valutazione Ambientale Strategica: appunti 1 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FSE REGIONE PUGLIA 2007-2013 ASSE VII Capacità Istituzionale PROGRAMMA INTEGRATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLA REGIONE PUGLIA Laboratorio

Dettagli

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione

Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI. una prima riflessione Analisi di contesto, SWOT e identificazione dei fabbisogni per le TEMATICHE AMBIENTALI una prima riflessione Sabrina Speciale - Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Un work in progress Gli indicatori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) COMPETENZE 1.Comprendere il legame uomo/territorio, origine della cultura antropologica. 2. Riconoscere l importanza culturale e sociale delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

IL PROGETTO DREPANCOAST

IL PROGETTO DREPANCOAST IL PROGETTO DREPANCOAST La Provincia Regionale di Trapani, nell ambito di un progetto POR, ha affidato al Gruppo Gifaco dell Istituto per l Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO Cerro al Lambro Melegnano Opera Rozzano San Donato Milanese San Giuliano Milanese Vizzolo Predabissi PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

Dettagli

Riunione del Gruppo Politiche Marittime

Riunione del Gruppo Politiche Marittime Riunione del Gruppo Politiche Marittime Priorità del gruppo di lavoro per il 2008-2009 La Programmazione europea 2007-2013 e la cooperazione territoriale tra le Regioni Mediterranee progetti marittimi

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento climatic

Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento climatic Patto dei sindaci: incontro con gli stakeholder e buone pratiche dal territorio Provincia di Treviso Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento

Dettagli

1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1. Enti centrali

1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1. Enti centrali REPORT n. 8-07/01/2014 1. Set di metadati di dati e servizi territoriali presenti nel RNDT, per Amministrazione responsabile 1 Amministrazione Enti centrali Agenzia per l'italia Digitale Dati (serie e/o

Dettagli

Bozza di un nuovo Piano di Gestione per il sito UNESCO Pompei, Ercolano, Torre Annunziata

Bozza di un nuovo Piano di Gestione per il sito UNESCO Pompei, Ercolano, Torre Annunziata Bozza di un nuovo Piano di Gestione per il sito UNESCO Pompei, Ercolano, Torre Annunziata Sommario Premessa 1. I precedenti strumenti di gestione, i bisogni e gli obiettivi del nuovo Piano di Gestione

Dettagli

5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE

5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE PERDITA FISICA 5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE Nella sottoregione Mar Adriatico sono state scelte 2 assessment area o AA (A1PL, A2PL). Per la scelta delle aree di assessment si è tenuto conto

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI

SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI SERVIZI ECOSISTEMICI E TERRITORI AGROFORESTALI Pierluca GAGLIOPPA 1 Rossella GUADAGNO 2 SUNTO I territori agricoli e forestali hanno un indiscutibile valore per quanto producono in termini di biomasse

Dettagli

Liceo di Sachem Nord

Liceo di Sachem Nord Liceo di Sachem Nord 1 La Geografia d Italia In this unit the students will review the more salient points of Italy s geography. By the end of the unit, the students will be able to: 1. Discuss the geographic

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Copia Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 4 - Urbanistica, Assetto del Territorio e Ambiente N. 512 Registro Generale N. 65 Registro del Settore Oggetto : Concorso

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette Introduzione alla CETS Stefania Petrosillo - Responsabile CETS Federparchi Europarc Italia Gli scopi dei parchi sono contraddittori? E possibile

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

impresa, ambiente, territorio

impresa, ambiente, territorio impresa, ambiente, territorio Galileo Ingegneria: impresa, ambiente, territorio Galileo Ingegneria è una società di servizi di ingegneria, nata nel 1999, che si propone al mondo produttivo con prestazioni

Dettagli

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING La progettazione sostenibile della residenza Dialogo tra design ed innovazione nell architettura residenziale

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING La progettazione sostenibile della residenza Dialogo tra design ed innovazione nell architettura residenziale SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING La progettazione sostenibile della residenza Dialogo tra design ed innovazione nell architettura residenziale Il contributo dell ordine degli ingegneri della provincia

Dettagli

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico Facoltà di Architettura Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione Pag. 1 Programma didattico Titolo del corso: Corso Integrato di Tecnica Urbanistica e Laboratorio (mod. A+B) Settore

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico IN COLLABORAZIONE CON SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO Comune di Cabras PHOINIX percorso archeologiconaturalistico Report dell incontro di presentazione del 10 aprile 2015 Progettisti: Arch. Pier Paolo

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE

LA SIMULAZIONE NUMERICA COME STRUMENTO DI ANALISI DEL MOTO ONDOSO SULLE BARRIERE SOFFOLTE DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO X Ciclo - Nuova Serie (2008-2011) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO LA SIMULAZIONE NUMERICA

Dettagli

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia

Siccità, Acqua e Coste. Studio Pilota. L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia C E N T R O T E M AT I C O l Siccità, Acqua e Coste Studio Pilota L impatto dei cambiamenti climatici sulla produzione idroelettrica in Trentino, Italia Il Centro Tematico Siccità, Acqua e Coste del progetto

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2009-2010 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Rho - Malpensa Pipeline

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli