Università degli Studi Roma Tre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi Roma Tre"

Transcript

1 Università degli Studi Roma Tre FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti Relazione di fine tirocinio Relatore: Prof. Ing. Marco Petrelli Correlatore: Ing. Francesco Ciaffi Tirocinante: Antonio Ottonelli A.A. 2012/2013

2 Obiettivo tirocinio Il tirocinio svolto aveva come obiettivo la costruzione del database del software OpenTrack in modo tale da poter rappresentare l offerta del trasporto ferroviario simulando poi il movimento dei treni su di essa. In particolare è stata rappresentata sul software la linea ferroviaria FL8 che collega la stazione di Roma Termini alla stazione di Nettuno. Strumento di simulazione OpenTrack OpenTrack è un programma di simulazione delle reti ferroviarie concepito nella seconda metà degli anni 90 come progetto di ricerca del Politecnico Federale di Zurigo ed è in grado di rappresentare l esercizio ferroviario attraverso la simulazione; viene utilizzato per: Pianificare le caratteristiche delle infrastrutture future; Studi sul materiale rotabile; Analizzare la capacità delle linee e dei nodi; Costruire e valutare la robustezza degli orari; Valutare gli effetti di guasti e ritardi; Analizzare diversi sistemi di segnalamento. Di seguito viene riportata una figura che rappresenta l architettura logica di OpenTrack (input simulazione output).

3 Nella figura soprariportata vengono illustrati i principali moduli del software che vengono di seguito elencati: Input Simulazione Output Dati di input Come si può vedere dalla figura riportata precedentemente, OpenTrack gestisce i dati di input in tre moduli: Materiale rotabile; Infrastruttura; Orario.

4 Materiale rotabile Il materiale rotabile è costituito da locomotive e vagoni combinati in modo da formare dei treni; per ognuno di questi vengono inseriti i dati tecnici, tra cui il diagramma di sforzo di trazione/velocità, la massa, la lunghezza e il peso aderente. I dati delle locomotive vengono memorizzati in un database chiamato depot; in questo sono descritti tutti i possibili tipi di locomotive in termini di specifiche tecniche. I treni vengono creati selezionando dal database una o più locomotive da combinare con i dati di lunghezza e peso utilizzati per modellizzare i vagoni del treno. In OpenTrack i treni vengono classificati nelle tre categorie seguenti: Treni veloci (Intercity) Treni regionali Treni merci Il tipo di treno influisce sulla formula utilizzata in OpenTrack per calcolare la resistenza dell aria. Infrastruttura L infrastruttura viene descritta da i dati del layout dei binari; questi dati comprendono l infrastruttura fisica come segmenti di binario (archi), segnali e stazioni, oltre a elementi virtuali come nodi e sezioni. Nella figura sotto riportata viene proposto un layout dei binari nell area di una stazione.

5 I diversi elementi (archi, segnali, ecc..) contengono una serie di attributi che ne rappresentano le principali caratteristiche; ad esempio un arco è caratterizzato dall avere una lunghezza, una pendenza longitudinale e una velocità per i diversi ranghi. Segnali Per quanto riguarda i segnali, in OpenTrack ne vengono utilizzati diverse tipologie: segnali con informazioni variabili (segnali luminosi, ripetitori del segnale in macchina), segnali di indicazione del punto di fermata e segnali con indicazioni speciali (accensione e spegnimento motori, segnali di prestazione). I segnali luminosi si suddividono in segnali di prima categoria (segnali che possono indicare via impedita), segnali di avviso (segnali che non possono indicare via impedita), segnali combinati (una combinazione di segnale di prima categoria e di avviso) e segnali di manovra. È possibile suddividere ulteriormente i segnali di prima categoria (e i segnali combinati) in segnali di protezione in ingresso, segnali di protezione in uscita e segnali di blocco. Gli indicatori del punto di fermata caratterizzano una posizione all interno della stazione o di una fermata in corrispondenza della quale deve fermarsi un treno di una data lunghezza. In OpenTrack è possibile distinguere tra 8 livelli di lunghezza (da 100 a 800 m) nonché un punto di fermata generico per tutti i treni. Durante la simulazione un treno in ingresso in una stazione si ferma in corrispondenza della posizione appropriata in base alla propria lunghezza. Stazioni Per quanto riguarda le stazioni, OpenTrack consente di costruire un database dove vengono racchiuse tutte le informazioni che caratterizzano la stazione ovvero: nome della stazione, abbreviazione, dati del gestore della rete ferroviaria, altitudine, coordinate territoriali e così via.

6 Una volta inserita una stazione e costruito i binari di stazione bisogna definire le aree delle stazioni in modo tale da agevolare la visualizzazione della rete e migliorare la gestione dei dati. Le aree delle stazioni sono costituite da un qualsiasi numero di nodi doppi, archi e segnali e da una sola icona della stazione. In generale l area della stazione comprende l area tra il segnale il segnale di ingresso di un lato e il segnale di ingresso del lato opposto della stazione. Vertici OpenTrack rappresenta le reti ferroviarie mediante un particolare tipo di grafo chiamato Double Vertex Graph; con questa tecnica ogni nodo non appare mai isolato ma sempre associato ad un secondo nodo e quindi, a differenza dei grafi classici (a nodo singolo) i grafi a doppio nodo forniscono informazioni sull arco attraverso cui si è raggiunto il nodo. I vertici rappresentano i punti dell infrastruttura ferroviaria dove cambia almeno un attributo del percorso (velocità, pendenze ecc ) o dove è presente un segnale. Tutti gli elementi del piano schematico della rete vengono riprodotti e descritti con una serie di parametri che permettono durante la simulazione di ricostruirne i comportamenti in qualsiasi situazione di circolazione: Tratte elementari di binario; Segnali; Deviatoi; Stazioni/fermate.

7 Movimento dei treni Non vengono schematizzati solo gli elementi materiali, quindi gli elementi fisicamente individuabili, ma anche quelli immateriali che non rappresentano la struttura fisica del tracciato ma regolano i movimenti dei treni su di esso: Route: le route (o sezioni) sono il primo livello di descrizione del movimento dei treni e sono costituite da una serie di nodi e archi collegati. Possono essere intese come porzioni di binario; Path: i paths (o percorsi) sono il secondo livello e sono costituiti da gruppi di sezioni. Possono essere definiti come un gruppo di porzioni di binario in una determinata area; Itinerary: gli itinerari sono il terzo livello e sono costituiti da gruppi di percorsi. Possono essere definiti come gli itinerari che vengono percorsi dai singoli treni per andare dalla stazione di partenza a quella di destinazione. Orario Nel database dell orario (Timetable) sono racchiuse le informazioni riguardanti il movimento dei treni; queste informazioni sono: Orari di partenza e arrivo desiderato; Dati delle coincidenze; Tempi di fermata minimi; Indicazioni se un treno si arresta ad una determinata fermata o se vi transita senza fermarsi. All orario vengono definiti alcuni termini relativi ai movimenti:

8 Corsa: le corse sono gruppi di itinerari che contengono tutti i dati relativi all itinerario con associati i dati di programmazione (orario, informazioni relative alle fermate del treno presso le stazioni ecc..). Una corsa può essere intesa come un treno che opera in un dato periodo di tempo; Turnaround (Turno di servizio): i turnaround possono essere intesi come gruppi di corse e possono essere utilizzati per mettere in evidenza che la stessa composizione fisica di un treno viene utilizzata per più corse diverse.. Simulazione Durante la fase di simulazione vengono modellati i comportamenti di tutti i treni che circolano sulla rete ferroviaria in base ai vincoli definiti inizialmente (infrastruttura, limitazioni fisiche del materiale rotabile e l orario). Durante la simulazione i treni percorrono l infrastruttura in base agli itinerari che sono stati loro assegnati cercando di rispettare la tabella oraria definita.

9 Per modellizzare il movimento del treno in OpenTrack viene utilizzato un metodo di simulazione mista continua discreta. Il processo continuo è quello che rappresenta il movimento dei treni sulla rete, in particolare il processo continuo è caratterizzato dalla risoluzione di equazioni differenziali del movimento dei veicoli utilizzando come metodo numerico quello di Eulero. Il processo discreto, invece, prevede le modifiche dello stato delle istallazioni di sicurezza (come ad esempio gli aspetti dei segnali) o ritardi. Con l equazione differenziale del moto, si calcola lo spostamento in avanti del treno in base all accelerazione massima possibile per intervallo di tempo (il tasso di accelerazione viene determinato utilizzando le prestazioni del treno e i dati del layout dei binari). Si ottengono la velocità del treno con l integrazione e la distanza percorsa con la reintegrazione. Gli spostamenti del treno sono inoltre governati dai segnali attivi sul layout dei binari. Sezioni di binario occupate, tempi di cambio di stato dei segnali o stati restrittivi dei segnali influiscono sulle prestazioni dei treni. Nel corso della simulazione ogni treno fornisce dati ad un tachigrafo virtuale in cui vengono registrati dati quali accelerazione, velocità e distanza percorsa. Al termine della simulazione è quindi possibile eseguire analisi di varia natura. Output Dopo una simulazione, OpenTrack offre diverse possibilità di rappresentazione ed analisi dei risultati; in particolare si possono estrapolare risultati riferiti al singolo treno, alla singola stazione oppure al singolo binario, ad esempio per ogni treno possiamo ottenere diagrammi come quello spazio/accelerazione o spazio tempo. Altri diagrammi che si possono ottenere sono quelli relativi all orario grafico, alle occupazioni e ai profili di linea. Nell orario grafico è possibile effettuare il confronto tra l orario grafico previsto da orario (rappresentato con una linea tratteggiata) con quello ottenuto dalla simulazione (rappresentato con una linea continua) in modo tale da poterci rendere conto di eventuali anticipi o ritardi di un treno. Inoltre nell orario grafico vengono evidenziate anche le criticità che vengono rappresentate attraverso cerchi colorati. Di seguito verranno riportati, a titolo esemplificativo, i diagrammi relativi all orario grafico, all occupazione dei binari in stazione e diagrammi velocità/distanza.

10

11 Applicazione Per poter rappresentare l infrastruttura ferroviaria su OpenTrack, sono stati presi come riferimento i documenti relativi alla fascicolo di linea 117 e ai piani schematici di stazione, forniti da RFI. Fascicolo di linea Il Fascicolo di linea fornisce tutte le informazioni riguardanti le caratteristiche dell infrastruttura interessata. In particolare il fascicolo di linea è costituito da diversi moduli tra i quali prendiamo in considerazione: Fiancata di linea Fiancata principale

12 Fincata di linea In questa sezione vengono riportate le informazioni, per ogni linea, riguardanti i gradi di frenatura, le velocità massime ammesse sulla linea e le progressive di ogni stazione di servizio. Velocità massime ammesse sulla linea Le velocità massime che si possono avere su ciascun tratto di linea vengono prese in riferimento a quattro ranghi di velocità massime: A, B, C, P. Ogni rango è caratteristico di determinati tipi di circolazione. Gradi di frenatura delle linee Le linee vengono divise in tratti per ciascuno dei due sensi di marcia, in relazione alle rispettive pendenza. Per ogni tratto viene indicato il rispettivo grado di frenatura che viene indicato in una colonna in corrispondenza dell inizio di ogni tratto. In particolare i gradi di frenatura sono 10 e a ciascuno di essi corrispondono determinate pendenze Per le linee che comprendono tratti in salita, bisogna assicurare l immobilità del materiale contro possibili retrocessioni.

13 Fiancata principale In questa sezione vengono riportate tutte le caratteristiche della linea in merito a: Gradi di prestazione Ascese Località di servizio Posti di blocco Indicazioni di servizio e protezione P.L. Numero e capacità dei binari Gradi di prestazione Ogni linea, a seconda della resistenza che oppone alla trazione dei treni per le sue caratteristiche altimetriche e planimetriche, è divisa, in ciascuno dei due sensi di marcia, in sezioni di carico alle quali viene attribuito un grado di prestazione. In particolare i gradi di prestazione sono 31 dove il grado 1 è rappresentativo di un tratto di linea pianeggiante o in discesa. All aumentare del grado di prestazione, aumenta la resistenza alla trazione in relazione alle livellette in salita ed alle curve planimetriche. Per tratti di linea con livellette brevi di acclività superiori a quella caratteristica del tratto stesso, il grado di prestazione è rappresentato da un numero ed un indice, posto in basso a destra. Il numero definisce il grado di prestazione principale mentre il pedice rappresenta il grado di prestazione sussidiario 1. Località di servizio Nella colonna delle località di servizio vengono indicate le caratteristiche delle varie stazioni: vengono indicate, ad esempio, le stazioni capotronco, le stazioni di diramazione, stazioni di linee a dirigenza unica ecc.. 1 PGOS, RFI

14 Posti di blocco Nel colonna relativa ai posti di blocco, viene indicato il numero, affiancato eventualmente da una lettera, dei posti di blocco elettrico manuale e conta assi, o dei segnali di blocco elettrico automatico. Se, nel caso di segnale di blocco elettrico automatico, il segnale è permissivo viene esposta la lettera P seguita dal numero. Se il segnale è permissivo e protegge uno o più passaggi a livello è esposta la sigla P.L. seguita dal numero 2. Indicazioni di servizio e protezione P.L. In questa colonna vengono indicate le caratteristiche della linea in merito ai regimi di circolazione (blocco elettrico manuale, blocco elettrico conta assi, blocco elettrico automatico.) e la tipologia di segnalamento (stazioni munite di doppio segnalamento di protezione e partenza, località munite di solo segnalamento di protezione di 1ª categoria.). Numero e capacità dei binari Sulle linee a semplice binario, in corrispondenza delle stazioni, deve essere indicato il numero dei binari, oltre a quello di corsa, atti agli incroci ed al disotto, tra parentesi, la relativa lunghezza utilizzabile per il ricovero dei treni, espressa in metri. Se il numero di questi binari è superiore a due, in luogo del numero si espone l indicazione < vari > e la lunghezza utilizzabile viene indicata solo per il binario più corto e per quello più lungo. Per le linee a doppio binario, viene esposta solamente l indicazione della lunghezza utilizzabile dei binari di ricovero, relativa al binario più lungo e al binario più corto nel senso dei treni dispari, dei pari o di ambedue i sensi secondo che esistano binari di ricovero per i soli treni dispari o per i soli treni pari. 3 Di seguito vengono riportate le immagini relative ai due moduli che compongo il fascicolo di linea. 2 PGOS, RFI 3 PGOS, RFI

15

16 Come si può vedere la line è suddivisa in due tratte: I tratta: Roma Termini Campoleone a doppio binario con uno sviluppo di 33,5 Km; sfrutta l infrastruttura della linea ferroviaria Roma Napoli (via Formia) II tratta: Campoleone Nettuno a singolo binario con uno sviluppo di 25,62 Km. Piani schematici di stazione Un piano schematico di stazione è la rappresentazione grafica del piazzale di una stazione; in questo documento vengono messi in risalto tutti gli elementi fondamentale per l esercizio (binari, scambi, dispositivi di sicurezza, segnali, ecc..). Di seguito viene riportato, a titolo esemplificativo, un generico piano schematico di stazione.

17 Nel caso preso in esame, i piani schematici di stazione sono stati fondamentali per la rappresentazione di ogni singola stazione sul software; in particolare ci hanno permesso di riportare la chilometrica precisa da assegnare ad ogni vertice rappresentativo dei segnali presenti in stazione (segnali di protezione e partenza). Si mettono in evidenza alcune semplificazioni e modifiche che sono state apportate nella costruzione dell infrastruttura: Per non rendere troppo complicata l analisi dell infrastruttura è stato deciso di troncare la linea in corrispondenza della stazione di Torricola in modo tale da non dover considerare tutti i treni che provengono dal nodo di Casilina che tagliano l infrastruttura Roma Napoli dopo la stazione di Roma Termini; Sulla linea Nettuno, quindi dopo la diramazione di Campoleone, il sistema attuale prevede singolo binario fino alla stazione di Nettuno, che rappresenta la stazione terminale della linea; per la rappresentazione sul software è stato deciso di non considerare questa configurazione ma una configurazione di progetto prevista, ed in fase di realizzazione, da RFI su un orizzonte temporale di medio lungo termine che prevede il raddoppio della linea tra la stazione di Campoleone e la stazione di Aprilia per uno sviluppo complessivo di circa 6 Km e il potenziamento tecnologico tra la stazione di Aprilia e la stazione di Nettuno.

18 Di seguito vengono riportate due figure che rappresentano l infrastruttura tra la stazione di Campoleone e la stazione di Aprilia nella situazione attuale e in quella di progetto (che per questa applicazione verrà considerata come attuale). In questa seconda figura, in rosso sono rappresentate le costruzioni e in giallo le demolizioni. Una volta rappresentata l infrastruttura su OpenTrack, inserendo per ogni arco e per ogni vertice specifici attributi (ad esempio un arco è caratterizzato da una lunghezza, da una velocità di percorrenza diversa per tipologia di rango, ecc.. mentre per ogni vertice bisogna specificare se questo rappresenta un posto di blocco, un segnale, in questo caso bisogna specificare quale tipologia di segnale, ecc..), sono stati inseriti:

19 Materiale rotabile; Routh, path e itinerari; Orario: in questo modo si sono rese visibili le corse ovvero treni con associati dati riguardanti l orario e le informazioni relative alle fermate in ogni stazione. Materiale rotabile Sulla linea FL8 viene utilizzato un materiale rotabile composto prevalentemente da carrozze Doppio Piano (7 pezzi) trainate da locomotori E464. Su alcuni servizi vengono utilizzate carrozze Vivalto (5 pezzi). In particolare i treni che vengono utilizzati maggiormente son i TAF (Treni ad Alta Frequentazione) e i Vivalto; inoltre, in considerazione del fatto che da Roma Termini a Campoleone la FL8 condivide l infrastruttura con la FL7, nel database del materiale rotabile sono stati inserite anche le tipologie di treni caratterizzanti questa linea. In particolare sono stati inseriti treni Intercity e treni merci. Nel particolare sono state cerate prima le locomotive inserendo nel database i dati tecnici relativi allo sforzo di trazione massima, accelerazione massima, peso aderente.. Una volta inseriti i dati tecnici, e quindi una volta costruita la locomotiva, è stato possibile comporre il treno facendo delle combinazioni di locomotive e vagoni. Ad esempio il treno TAF (Treno ad Alta Frequentazione) è composto da due motrici e due carrozze. Itinerari Come detto precedentemente, per poter creare gli itinerari è indispensabile costruire in successione i routes e i paths. Routes Le routes sono costituiti da un numero di nodi da 2 a n. Le routes iniziano e terminano in corrispondenza dei segnali di prima categoria (segnali di protezione in ingresso, segnale di protezione in uscita o segnale di blocco). Quando durante una simulazione un treno richiede di impegnare una sezione, questa viene prenotata solo se non è già prenotata per un altro treno e se un arco che appartiene alla sezione non è già prenotato o occupato. Dopo che la coda del treno ha

20 superato il punto di liberazione della sezione e una volta trascorso il tempo di liberazione, la sezione prenotata viene resa disponibile per un altro treno. Paths Rappresentano il secondo livello del movimento del treno. I paths sono costituiti da una serie di routes consecutive in una direzione del traffico. In un paths è possibile inserire un numero illimitato di routes. Per i paths sono stati creati considerando il passaggio da una stazione ad un altra e il passaggio dal segnale di ingresso al segnale di uscita. Quindi una volta costruiti i routes e i paths è stato possibile definire gli itinerari che poi verranno associati a ciascun treno che circola sull infrastruttura nel periodo di osservazione considerato. Orario Per quanto riguarda l orario, quello caricato sul software OpenTrack, è stato preso dal sito di Treno Nazionale con validità dal 15/12/2013 al 13/12/2014. Insieme all orario sono stati caricati anche tutti i treni che circolano sull infrastruttura ferroviaria nel periodo temporale di osservazione preso in considerazione (5:00/11:00); per ogni treno, quindi, erano legate le informazioni relative agli orari di partenza/arrivo o degli attraversamenti e ai tempi di sosta ad ogni stazione. Per definire le corse è stato poi necessario associare ad ogni treno uno o più itinerari. Nel periodo temporale preso in considerazione, 5:00 11:00, sono state individuate 53 corse. Treni considerati n treno Descrizione Origine/Destinazione IC 501 Formia Sestri Napoli C.LE IC 510 Formia Salerno Torino PN IC 551 Formia Roma T.NI Reggio Calabria IC 582 Formia Salerno Roma T.NI IC 701 Formia Roma T.NI Taranto IC 723 Formia Roma T.NI Palermi C.LE

21 IC 794 Formia Reggio Calabria Torino PN IC 799 Formia Torino Salerno R 1859 Formia Roma T.NI Napoli C.LE IC 1911 Formia Parma Salerno IC 1956 Formia Siracusa Roma T.NI IC 1960 Formia Siracusa Roma T.NI R 2380 Formia Napoli C.LE Roma T.NI R 2382 Formia Napoli C.LE Roma T.NI R 2383 Formia Roma T.NI Villa Literno R 2384 Formia Minturno Roma T.NI R 2385 Formia Roma T.NI Minturno R 2386 Formia Villa Literno Roma T.NI R 2387 Formia Roma T.NI Minturno R 2389 Formia Roma T.NI Minturno R 2391 Formia Roma T.NI Napoli C.LE R 2416 Formia Napoli C.LE Roma T.NI R 2418 Formia Benevento Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Aprilia R Nettuno Aprilia Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Formia Minturno Roma T.NI R Formia Sessa Auruna Roma T.NI

22 R Formia Formia Roma T.NI R Formia Minturno Roma T.NI R Formia Napoli C.LE Roma T.NI R Formia Priverno Fossa Nova Roma T.NI R Formia Priverno Fossa Nova Roma T.NI R Formia Formia Roma T.NI R Formia Latina Roma T.NI R Formia Roma T.NI Latina R Formia Latina Roma T.NI R Formia Roma T.NI Latina TCS TCS TCS Queste 53 corse individuate possono essere suddivise in categorie a seconda della tipologia dei treni: 11 treni InterCity; 39 treni Regionali; 3 treni Merci. Solamente 15 delle 53 corse individuate interessano la linea FL8, tutte le altre sono corse che interessano l infrastruttura Roma Napoli (via Formia) e dovranno essere prese in considerazione in quanto la linea FL8, superata la stazione di Campoleone, va ad interessare proprio questa infrastruttura; quindi queste corse costituiranno un vincolo per la determinazione delle tracce orarie, come vedremo più avanti.

23 Simulazione Il passo seguente è stato quello di lanciare la simulazione; il periodo di simulazione considerato va dalle 4:00 alle 13:00, vengono prese in considerazione 3 ore in più rispetto al periodo di osservazione in modo tale che anche la prima e l ultima corsa venissero prese nella loro interezza. Di seguito viene riportato il diagramma delle tracce orarie che esce fuori dalla simulazione. Si ricorda che su OpenTrack è stato caricato l orario attuale su un infrastruttura in fase di progetto che prevede il raddoppio tra Campoleone e Aprilia e che non è prevista dal sistema attuale. Il sistema attuale è caratterizzato da un orario cadenzato in arrivo alla stazione di Roma Termini (nel nostro caso abbiamo un cadenzamento all arrivo alla stazione di Torricola). Il servizio in partenza da Nettuno è abbastanza irregolare in quanto abbiamo una diversa frequenza per le diverse fasce orarie: 2 corse/h nelle fasce 6:00 7:00 e 7:00 8:00; 1 corsa/h nelle fasce 5:00 6:00, 9:00 10:00 e 10:00 11:00; Nessuna corsa nella fascia 8:00 9:00.

24 Inoltre il servizio prevede una corsa in partenza da Roma Termini con destinazione Aprilia che verrà utilizzata per aumentare la frequenza (da 2 a 3 corse/h) nella fascia orario 7:00 8:00. Per poter analizzare e successivamente confrontare i risultati ottenuti dall analisi dello stato attuale e delle proposte d intervento, è stato necessario munirsi di alcuni parametri che rappresentassero i servizi offerti sulla linea. In particolare è stato deciso di prendere in considerazione i seguenti indicatori: velocità commerciale frequenza Treni Km Posti Km Capacità oraria Numero dei treni necessari per l esercizio % di occupazione dei binari Questi indicatori verranno determinati sia per il sistema attuale che per tutte le ipotesi di intervento che verranno proposte in modo tale da poter fare un confronto tra i vari scenari. Simulazione in condizioni perturbate Un ulteriore passo è stato quello di studiare il comportamento del sistema in condizioni perturbate, ovvero studiare come si comporta il sistema in caso di ritardo dei treni. OpenTrack consente di impostare i ritardi, per ogni categoria di treni, secondo due distribuzioni: distribuzione lineare distribuzione esponenziale negativa

25 Nella prima distribuzione è possibile impostare ritardi diversi per diverse percentuali di treni, ad esempio: il 20 % dei treni subisce un ritardo di 2 minuti mentre il restante 80% subisce un ritardo di 5 minuti. Nella seconda distribuzione, invece, si può impostare un valor medio e un valore massimo del ritardo per un unica percentuale di treni, ad esempio: il 90% dei treni subiscono un ritardo medio di 3 minuti e un ritardo massimo di 9 minuti. In OpenTrack è inoltre possibile impostare valori di prestazioni per i treni in orario e per quelli in ritardo diversi (in valore percentuale). In questo modo il comportamento del treno non raggiunge più il valore limite inferiore, ovvero nel caso di differenze temporali tra orario pianificato ed effettivo, un treno che porta un ritardo inferiore rispetto al valore limite per un ritardo lieve viene considerato puntuale. Per ciascuna categoria di treno è possibile definire delle categorie per i ritardi di tipo lieve, medio e grave impostando un limite in secondi per ciascun tipo di ritardo. In genere un treno è considerato in ritardo se il ritardo raggiunge o supera il valore limite per un ritardo lieve, quindi partendo da questo valore il ritardo viene considerato come un conflitto e viene indicato di conseguenza in una finestra di messaggio di OpenTrack e nell orario grafico. Il ritardo viene indicato evidenziando il numero del treno nell orario: giallo per un ritardo lieve, arancione per un ritardo medio e rosso per un ritardo grave. I valori dei ritardi da considerare sono stati ottenuti mediante osservazione; in particolare sono stati monitorati tutti i treni della linea Roma Nettuno circolanti nel periodo temporale che va dalle 4:00 alle 12:00. Queste osservazioni si sono protratte per un periodo di tre settimane, dal 3 Marzo 2014 al 24 Marzo Da queste osservazioni è emerso che il ritardo massimo subito dai treni in questo periodo è stato di 9 minuti. A causa del valore contenuto del ritardo massimo non è stato possibile definire dei range di ritardi da assegnare a diverse percentuali di treni, quindi non è stato possibile adottare, per la simulazione dei ritardi, una distribuzione lineare; si è deciso di adottare una distribuzione esponenziale negativa.

26 OpenTrack calcola il ritardo effettivo per i singoli treni utilizzando un generatore casuale di numeri. Per questa distribuzione è stato deciso di impostare un ritardo massimo di 9 minuti e un ritardo medio di 3 minuti al 90% dei treni. Prima di lanciare una nuova simulazione, bisogna decidere il numero di perturbate da considerare; nel presente lavoro è stato deciso di considerare 21 perturbate in quanto questo numero è stato reputato un campione abbastanza solido. Come output del sistema perturbato verrà fornito dal software un file di testo che opportunamente elaborato ci fornisce dei grafici che mostrano il numero dei treni con ritardo in ingresso e il numero dei treni con ritardo in uscita; dall analisi di questo grafico è possibile capire se il sistema è stabile o meno. Conclusioni Costruito il database del software è stato possibile fare un analisi del sistema attuale riuscendone quindi ad evidenziare le principali criticità. Conoscendo i principali problemi di circolazione dell attuale sistema ferroviario è stato possibile proporre delle ipotesi di intervento volte a migliorare l offerta del servizio ferroviario sulla linea considerata.

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Algoritmo Spesso, nel nostro vivere quotidiano, ci troviamo nella necessità di risolvere problemi. La descrizione della successione di operazioni

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO 1 DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO Edizione 1987 Ristampa 2005 aggiornata con OS 24/1992-26/1994-10/1997 Disp. 5/2001 33/2001 50/2001 11/2002 16/2002 43/2002 15/2005 40/2005 48/2005 Poligrafica

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Parte II Trasporto Nazionale

Parte II Trasporto Nazionale Parte II Trasporto Nazionale Aggiornata al 1 marzo 2015 1 Indice Capitolo 1 Parte generale Pagina 1. Ambito di applicazione 7 2. Il titolo di viaggio 7 2.1. Le classi 7 2.2. I livelli di servizio AV Frecciarossa

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard ia Descrizione dell' Errore operatore di H1.1.1 - HL.23 F1 Alimentazione sistemi di ) H1.3.1 H2.1.1 Dati sulla alità e configurazione delle apparecchiature di (ERTMS e non) non corretti HL.20 Errore dell'evc

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME

PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME planimetria profili 11 RELAZIONE TRA PLANIMETRIA E PROFILO La correlazione tra andamento planimetrico e altimetrico è molto stretta; variazioni del primo incidono subito sul

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

2 Rappresentazioni grafiche

2 Rappresentazioni grafiche asi di matematica per la MPT 2 Rappresentazioni grafiche I numeri possono essere rappresentati utilizzando i seguenti metodi: la retta dei numeri; gli insiemi. 2.1 La retta numerica Domanda introduttiva

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1. Un auto lanciata alla velocità di 108 Km/h inizia a frenare. Supposto che durante la frenata il moto sia uniformemente ritardato con decelerazione

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli