Università degli Studi Roma Tre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi Roma Tre"

Transcript

1 Università degli Studi Roma Tre FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti Relazione di fine tirocinio Relatore: Prof. Ing. Marco Petrelli Correlatore: Ing. Francesco Ciaffi Tirocinante: Antonio Ottonelli A.A. 2012/2013

2 Obiettivo tirocinio Il tirocinio svolto aveva come obiettivo la costruzione del database del software OpenTrack in modo tale da poter rappresentare l offerta del trasporto ferroviario simulando poi il movimento dei treni su di essa. In particolare è stata rappresentata sul software la linea ferroviaria FL8 che collega la stazione di Roma Termini alla stazione di Nettuno. Strumento di simulazione OpenTrack OpenTrack è un programma di simulazione delle reti ferroviarie concepito nella seconda metà degli anni 90 come progetto di ricerca del Politecnico Federale di Zurigo ed è in grado di rappresentare l esercizio ferroviario attraverso la simulazione; viene utilizzato per: Pianificare le caratteristiche delle infrastrutture future; Studi sul materiale rotabile; Analizzare la capacità delle linee e dei nodi; Costruire e valutare la robustezza degli orari; Valutare gli effetti di guasti e ritardi; Analizzare diversi sistemi di segnalamento. Di seguito viene riportata una figura che rappresenta l architettura logica di OpenTrack (input simulazione output).

3 Nella figura soprariportata vengono illustrati i principali moduli del software che vengono di seguito elencati: Input Simulazione Output Dati di input Come si può vedere dalla figura riportata precedentemente, OpenTrack gestisce i dati di input in tre moduli: Materiale rotabile; Infrastruttura; Orario.

4 Materiale rotabile Il materiale rotabile è costituito da locomotive e vagoni combinati in modo da formare dei treni; per ognuno di questi vengono inseriti i dati tecnici, tra cui il diagramma di sforzo di trazione/velocità, la massa, la lunghezza e il peso aderente. I dati delle locomotive vengono memorizzati in un database chiamato depot; in questo sono descritti tutti i possibili tipi di locomotive in termini di specifiche tecniche. I treni vengono creati selezionando dal database una o più locomotive da combinare con i dati di lunghezza e peso utilizzati per modellizzare i vagoni del treno. In OpenTrack i treni vengono classificati nelle tre categorie seguenti: Treni veloci (Intercity) Treni regionali Treni merci Il tipo di treno influisce sulla formula utilizzata in OpenTrack per calcolare la resistenza dell aria. Infrastruttura L infrastruttura viene descritta da i dati del layout dei binari; questi dati comprendono l infrastruttura fisica come segmenti di binario (archi), segnali e stazioni, oltre a elementi virtuali come nodi e sezioni. Nella figura sotto riportata viene proposto un layout dei binari nell area di una stazione.

5 I diversi elementi (archi, segnali, ecc..) contengono una serie di attributi che ne rappresentano le principali caratteristiche; ad esempio un arco è caratterizzato dall avere una lunghezza, una pendenza longitudinale e una velocità per i diversi ranghi. Segnali Per quanto riguarda i segnali, in OpenTrack ne vengono utilizzati diverse tipologie: segnali con informazioni variabili (segnali luminosi, ripetitori del segnale in macchina), segnali di indicazione del punto di fermata e segnali con indicazioni speciali (accensione e spegnimento motori, segnali di prestazione). I segnali luminosi si suddividono in segnali di prima categoria (segnali che possono indicare via impedita), segnali di avviso (segnali che non possono indicare via impedita), segnali combinati (una combinazione di segnale di prima categoria e di avviso) e segnali di manovra. È possibile suddividere ulteriormente i segnali di prima categoria (e i segnali combinati) in segnali di protezione in ingresso, segnali di protezione in uscita e segnali di blocco. Gli indicatori del punto di fermata caratterizzano una posizione all interno della stazione o di una fermata in corrispondenza della quale deve fermarsi un treno di una data lunghezza. In OpenTrack è possibile distinguere tra 8 livelli di lunghezza (da 100 a 800 m) nonché un punto di fermata generico per tutti i treni. Durante la simulazione un treno in ingresso in una stazione si ferma in corrispondenza della posizione appropriata in base alla propria lunghezza. Stazioni Per quanto riguarda le stazioni, OpenTrack consente di costruire un database dove vengono racchiuse tutte le informazioni che caratterizzano la stazione ovvero: nome della stazione, abbreviazione, dati del gestore della rete ferroviaria, altitudine, coordinate territoriali e così via.

6 Una volta inserita una stazione e costruito i binari di stazione bisogna definire le aree delle stazioni in modo tale da agevolare la visualizzazione della rete e migliorare la gestione dei dati. Le aree delle stazioni sono costituite da un qualsiasi numero di nodi doppi, archi e segnali e da una sola icona della stazione. In generale l area della stazione comprende l area tra il segnale il segnale di ingresso di un lato e il segnale di ingresso del lato opposto della stazione. Vertici OpenTrack rappresenta le reti ferroviarie mediante un particolare tipo di grafo chiamato Double Vertex Graph; con questa tecnica ogni nodo non appare mai isolato ma sempre associato ad un secondo nodo e quindi, a differenza dei grafi classici (a nodo singolo) i grafi a doppio nodo forniscono informazioni sull arco attraverso cui si è raggiunto il nodo. I vertici rappresentano i punti dell infrastruttura ferroviaria dove cambia almeno un attributo del percorso (velocità, pendenze ecc ) o dove è presente un segnale. Tutti gli elementi del piano schematico della rete vengono riprodotti e descritti con una serie di parametri che permettono durante la simulazione di ricostruirne i comportamenti in qualsiasi situazione di circolazione: Tratte elementari di binario; Segnali; Deviatoi; Stazioni/fermate.

7 Movimento dei treni Non vengono schematizzati solo gli elementi materiali, quindi gli elementi fisicamente individuabili, ma anche quelli immateriali che non rappresentano la struttura fisica del tracciato ma regolano i movimenti dei treni su di esso: Route: le route (o sezioni) sono il primo livello di descrizione del movimento dei treni e sono costituite da una serie di nodi e archi collegati. Possono essere intese come porzioni di binario; Path: i paths (o percorsi) sono il secondo livello e sono costituiti da gruppi di sezioni. Possono essere definiti come un gruppo di porzioni di binario in una determinata area; Itinerary: gli itinerari sono il terzo livello e sono costituiti da gruppi di percorsi. Possono essere definiti come gli itinerari che vengono percorsi dai singoli treni per andare dalla stazione di partenza a quella di destinazione. Orario Nel database dell orario (Timetable) sono racchiuse le informazioni riguardanti il movimento dei treni; queste informazioni sono: Orari di partenza e arrivo desiderato; Dati delle coincidenze; Tempi di fermata minimi; Indicazioni se un treno si arresta ad una determinata fermata o se vi transita senza fermarsi. All orario vengono definiti alcuni termini relativi ai movimenti:

8 Corsa: le corse sono gruppi di itinerari che contengono tutti i dati relativi all itinerario con associati i dati di programmazione (orario, informazioni relative alle fermate del treno presso le stazioni ecc..). Una corsa può essere intesa come un treno che opera in un dato periodo di tempo; Turnaround (Turno di servizio): i turnaround possono essere intesi come gruppi di corse e possono essere utilizzati per mettere in evidenza che la stessa composizione fisica di un treno viene utilizzata per più corse diverse.. Simulazione Durante la fase di simulazione vengono modellati i comportamenti di tutti i treni che circolano sulla rete ferroviaria in base ai vincoli definiti inizialmente (infrastruttura, limitazioni fisiche del materiale rotabile e l orario). Durante la simulazione i treni percorrono l infrastruttura in base agli itinerari che sono stati loro assegnati cercando di rispettare la tabella oraria definita.

9 Per modellizzare il movimento del treno in OpenTrack viene utilizzato un metodo di simulazione mista continua discreta. Il processo continuo è quello che rappresenta il movimento dei treni sulla rete, in particolare il processo continuo è caratterizzato dalla risoluzione di equazioni differenziali del movimento dei veicoli utilizzando come metodo numerico quello di Eulero. Il processo discreto, invece, prevede le modifiche dello stato delle istallazioni di sicurezza (come ad esempio gli aspetti dei segnali) o ritardi. Con l equazione differenziale del moto, si calcola lo spostamento in avanti del treno in base all accelerazione massima possibile per intervallo di tempo (il tasso di accelerazione viene determinato utilizzando le prestazioni del treno e i dati del layout dei binari). Si ottengono la velocità del treno con l integrazione e la distanza percorsa con la reintegrazione. Gli spostamenti del treno sono inoltre governati dai segnali attivi sul layout dei binari. Sezioni di binario occupate, tempi di cambio di stato dei segnali o stati restrittivi dei segnali influiscono sulle prestazioni dei treni. Nel corso della simulazione ogni treno fornisce dati ad un tachigrafo virtuale in cui vengono registrati dati quali accelerazione, velocità e distanza percorsa. Al termine della simulazione è quindi possibile eseguire analisi di varia natura. Output Dopo una simulazione, OpenTrack offre diverse possibilità di rappresentazione ed analisi dei risultati; in particolare si possono estrapolare risultati riferiti al singolo treno, alla singola stazione oppure al singolo binario, ad esempio per ogni treno possiamo ottenere diagrammi come quello spazio/accelerazione o spazio tempo. Altri diagrammi che si possono ottenere sono quelli relativi all orario grafico, alle occupazioni e ai profili di linea. Nell orario grafico è possibile effettuare il confronto tra l orario grafico previsto da orario (rappresentato con una linea tratteggiata) con quello ottenuto dalla simulazione (rappresentato con una linea continua) in modo tale da poterci rendere conto di eventuali anticipi o ritardi di un treno. Inoltre nell orario grafico vengono evidenziate anche le criticità che vengono rappresentate attraverso cerchi colorati. Di seguito verranno riportati, a titolo esemplificativo, i diagrammi relativi all orario grafico, all occupazione dei binari in stazione e diagrammi velocità/distanza.

10

11 Applicazione Per poter rappresentare l infrastruttura ferroviaria su OpenTrack, sono stati presi come riferimento i documenti relativi alla fascicolo di linea 117 e ai piani schematici di stazione, forniti da RFI. Fascicolo di linea Il Fascicolo di linea fornisce tutte le informazioni riguardanti le caratteristiche dell infrastruttura interessata. In particolare il fascicolo di linea è costituito da diversi moduli tra i quali prendiamo in considerazione: Fiancata di linea Fiancata principale

12 Fincata di linea In questa sezione vengono riportate le informazioni, per ogni linea, riguardanti i gradi di frenatura, le velocità massime ammesse sulla linea e le progressive di ogni stazione di servizio. Velocità massime ammesse sulla linea Le velocità massime che si possono avere su ciascun tratto di linea vengono prese in riferimento a quattro ranghi di velocità massime: A, B, C, P. Ogni rango è caratteristico di determinati tipi di circolazione. Gradi di frenatura delle linee Le linee vengono divise in tratti per ciascuno dei due sensi di marcia, in relazione alle rispettive pendenza. Per ogni tratto viene indicato il rispettivo grado di frenatura che viene indicato in una colonna in corrispondenza dell inizio di ogni tratto. In particolare i gradi di frenatura sono 10 e a ciascuno di essi corrispondono determinate pendenze Per le linee che comprendono tratti in salita, bisogna assicurare l immobilità del materiale contro possibili retrocessioni.

13 Fiancata principale In questa sezione vengono riportate tutte le caratteristiche della linea in merito a: Gradi di prestazione Ascese Località di servizio Posti di blocco Indicazioni di servizio e protezione P.L. Numero e capacità dei binari Gradi di prestazione Ogni linea, a seconda della resistenza che oppone alla trazione dei treni per le sue caratteristiche altimetriche e planimetriche, è divisa, in ciascuno dei due sensi di marcia, in sezioni di carico alle quali viene attribuito un grado di prestazione. In particolare i gradi di prestazione sono 31 dove il grado 1 è rappresentativo di un tratto di linea pianeggiante o in discesa. All aumentare del grado di prestazione, aumenta la resistenza alla trazione in relazione alle livellette in salita ed alle curve planimetriche. Per tratti di linea con livellette brevi di acclività superiori a quella caratteristica del tratto stesso, il grado di prestazione è rappresentato da un numero ed un indice, posto in basso a destra. Il numero definisce il grado di prestazione principale mentre il pedice rappresenta il grado di prestazione sussidiario 1. Località di servizio Nella colonna delle località di servizio vengono indicate le caratteristiche delle varie stazioni: vengono indicate, ad esempio, le stazioni capotronco, le stazioni di diramazione, stazioni di linee a dirigenza unica ecc.. 1 PGOS, RFI

14 Posti di blocco Nel colonna relativa ai posti di blocco, viene indicato il numero, affiancato eventualmente da una lettera, dei posti di blocco elettrico manuale e conta assi, o dei segnali di blocco elettrico automatico. Se, nel caso di segnale di blocco elettrico automatico, il segnale è permissivo viene esposta la lettera P seguita dal numero. Se il segnale è permissivo e protegge uno o più passaggi a livello è esposta la sigla P.L. seguita dal numero 2. Indicazioni di servizio e protezione P.L. In questa colonna vengono indicate le caratteristiche della linea in merito ai regimi di circolazione (blocco elettrico manuale, blocco elettrico conta assi, blocco elettrico automatico.) e la tipologia di segnalamento (stazioni munite di doppio segnalamento di protezione e partenza, località munite di solo segnalamento di protezione di 1ª categoria.). Numero e capacità dei binari Sulle linee a semplice binario, in corrispondenza delle stazioni, deve essere indicato il numero dei binari, oltre a quello di corsa, atti agli incroci ed al disotto, tra parentesi, la relativa lunghezza utilizzabile per il ricovero dei treni, espressa in metri. Se il numero di questi binari è superiore a due, in luogo del numero si espone l indicazione < vari > e la lunghezza utilizzabile viene indicata solo per il binario più corto e per quello più lungo. Per le linee a doppio binario, viene esposta solamente l indicazione della lunghezza utilizzabile dei binari di ricovero, relativa al binario più lungo e al binario più corto nel senso dei treni dispari, dei pari o di ambedue i sensi secondo che esistano binari di ricovero per i soli treni dispari o per i soli treni pari. 3 Di seguito vengono riportate le immagini relative ai due moduli che compongo il fascicolo di linea. 2 PGOS, RFI 3 PGOS, RFI

15

16 Come si può vedere la line è suddivisa in due tratte: I tratta: Roma Termini Campoleone a doppio binario con uno sviluppo di 33,5 Km; sfrutta l infrastruttura della linea ferroviaria Roma Napoli (via Formia) II tratta: Campoleone Nettuno a singolo binario con uno sviluppo di 25,62 Km. Piani schematici di stazione Un piano schematico di stazione è la rappresentazione grafica del piazzale di una stazione; in questo documento vengono messi in risalto tutti gli elementi fondamentale per l esercizio (binari, scambi, dispositivi di sicurezza, segnali, ecc..). Di seguito viene riportato, a titolo esemplificativo, un generico piano schematico di stazione.

17 Nel caso preso in esame, i piani schematici di stazione sono stati fondamentali per la rappresentazione di ogni singola stazione sul software; in particolare ci hanno permesso di riportare la chilometrica precisa da assegnare ad ogni vertice rappresentativo dei segnali presenti in stazione (segnali di protezione e partenza). Si mettono in evidenza alcune semplificazioni e modifiche che sono state apportate nella costruzione dell infrastruttura: Per non rendere troppo complicata l analisi dell infrastruttura è stato deciso di troncare la linea in corrispondenza della stazione di Torricola in modo tale da non dover considerare tutti i treni che provengono dal nodo di Casilina che tagliano l infrastruttura Roma Napoli dopo la stazione di Roma Termini; Sulla linea Nettuno, quindi dopo la diramazione di Campoleone, il sistema attuale prevede singolo binario fino alla stazione di Nettuno, che rappresenta la stazione terminale della linea; per la rappresentazione sul software è stato deciso di non considerare questa configurazione ma una configurazione di progetto prevista, ed in fase di realizzazione, da RFI su un orizzonte temporale di medio lungo termine che prevede il raddoppio della linea tra la stazione di Campoleone e la stazione di Aprilia per uno sviluppo complessivo di circa 6 Km e il potenziamento tecnologico tra la stazione di Aprilia e la stazione di Nettuno.

18 Di seguito vengono riportate due figure che rappresentano l infrastruttura tra la stazione di Campoleone e la stazione di Aprilia nella situazione attuale e in quella di progetto (che per questa applicazione verrà considerata come attuale). In questa seconda figura, in rosso sono rappresentate le costruzioni e in giallo le demolizioni. Una volta rappresentata l infrastruttura su OpenTrack, inserendo per ogni arco e per ogni vertice specifici attributi (ad esempio un arco è caratterizzato da una lunghezza, da una velocità di percorrenza diversa per tipologia di rango, ecc.. mentre per ogni vertice bisogna specificare se questo rappresenta un posto di blocco, un segnale, in questo caso bisogna specificare quale tipologia di segnale, ecc..), sono stati inseriti:

19 Materiale rotabile; Routh, path e itinerari; Orario: in questo modo si sono rese visibili le corse ovvero treni con associati dati riguardanti l orario e le informazioni relative alle fermate in ogni stazione. Materiale rotabile Sulla linea FL8 viene utilizzato un materiale rotabile composto prevalentemente da carrozze Doppio Piano (7 pezzi) trainate da locomotori E464. Su alcuni servizi vengono utilizzate carrozze Vivalto (5 pezzi). In particolare i treni che vengono utilizzati maggiormente son i TAF (Treni ad Alta Frequentazione) e i Vivalto; inoltre, in considerazione del fatto che da Roma Termini a Campoleone la FL8 condivide l infrastruttura con la FL7, nel database del materiale rotabile sono stati inserite anche le tipologie di treni caratterizzanti questa linea. In particolare sono stati inseriti treni Intercity e treni merci. Nel particolare sono state cerate prima le locomotive inserendo nel database i dati tecnici relativi allo sforzo di trazione massima, accelerazione massima, peso aderente.. Una volta inseriti i dati tecnici, e quindi una volta costruita la locomotiva, è stato possibile comporre il treno facendo delle combinazioni di locomotive e vagoni. Ad esempio il treno TAF (Treno ad Alta Frequentazione) è composto da due motrici e due carrozze. Itinerari Come detto precedentemente, per poter creare gli itinerari è indispensabile costruire in successione i routes e i paths. Routes Le routes sono costituiti da un numero di nodi da 2 a n. Le routes iniziano e terminano in corrispondenza dei segnali di prima categoria (segnali di protezione in ingresso, segnale di protezione in uscita o segnale di blocco). Quando durante una simulazione un treno richiede di impegnare una sezione, questa viene prenotata solo se non è già prenotata per un altro treno e se un arco che appartiene alla sezione non è già prenotato o occupato. Dopo che la coda del treno ha

20 superato il punto di liberazione della sezione e una volta trascorso il tempo di liberazione, la sezione prenotata viene resa disponibile per un altro treno. Paths Rappresentano il secondo livello del movimento del treno. I paths sono costituiti da una serie di routes consecutive in una direzione del traffico. In un paths è possibile inserire un numero illimitato di routes. Per i paths sono stati creati considerando il passaggio da una stazione ad un altra e il passaggio dal segnale di ingresso al segnale di uscita. Quindi una volta costruiti i routes e i paths è stato possibile definire gli itinerari che poi verranno associati a ciascun treno che circola sull infrastruttura nel periodo di osservazione considerato. Orario Per quanto riguarda l orario, quello caricato sul software OpenTrack, è stato preso dal sito di Treno Nazionale con validità dal 15/12/2013 al 13/12/2014. Insieme all orario sono stati caricati anche tutti i treni che circolano sull infrastruttura ferroviaria nel periodo temporale di osservazione preso in considerazione (5:00/11:00); per ogni treno, quindi, erano legate le informazioni relative agli orari di partenza/arrivo o degli attraversamenti e ai tempi di sosta ad ogni stazione. Per definire le corse è stato poi necessario associare ad ogni treno uno o più itinerari. Nel periodo temporale preso in considerazione, 5:00 11:00, sono state individuate 53 corse. Treni considerati n treno Descrizione Origine/Destinazione IC 501 Formia Sestri Napoli C.LE IC 510 Formia Salerno Torino PN IC 551 Formia Roma T.NI Reggio Calabria IC 582 Formia Salerno Roma T.NI IC 701 Formia Roma T.NI Taranto IC 723 Formia Roma T.NI Palermi C.LE

21 IC 794 Formia Reggio Calabria Torino PN IC 799 Formia Torino Salerno R 1859 Formia Roma T.NI Napoli C.LE IC 1911 Formia Parma Salerno IC 1956 Formia Siracusa Roma T.NI IC 1960 Formia Siracusa Roma T.NI R 2380 Formia Napoli C.LE Roma T.NI R 2382 Formia Napoli C.LE Roma T.NI R 2383 Formia Roma T.NI Villa Literno R 2384 Formia Minturno Roma T.NI R 2385 Formia Roma T.NI Minturno R 2386 Formia Villa Literno Roma T.NI R 2387 Formia Roma T.NI Minturno R 2389 Formia Roma T.NI Minturno R 2391 Formia Roma T.NI Napoli C.LE R 2416 Formia Napoli C.LE Roma T.NI R 2418 Formia Benevento Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Aprilia R Nettuno Aprilia Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Nettuno Roma T.NI Nettuno R Nettuno Nettuno Roma T.NI R Formia Minturno Roma T.NI R Formia Sessa Auruna Roma T.NI

22 R Formia Formia Roma T.NI R Formia Minturno Roma T.NI R Formia Napoli C.LE Roma T.NI R Formia Priverno Fossa Nova Roma T.NI R Formia Priverno Fossa Nova Roma T.NI R Formia Formia Roma T.NI R Formia Latina Roma T.NI R Formia Roma T.NI Latina R Formia Latina Roma T.NI R Formia Roma T.NI Latina TCS TCS TCS Queste 53 corse individuate possono essere suddivise in categorie a seconda della tipologia dei treni: 11 treni InterCity; 39 treni Regionali; 3 treni Merci. Solamente 15 delle 53 corse individuate interessano la linea FL8, tutte le altre sono corse che interessano l infrastruttura Roma Napoli (via Formia) e dovranno essere prese in considerazione in quanto la linea FL8, superata la stazione di Campoleone, va ad interessare proprio questa infrastruttura; quindi queste corse costituiranno un vincolo per la determinazione delle tracce orarie, come vedremo più avanti.

23 Simulazione Il passo seguente è stato quello di lanciare la simulazione; il periodo di simulazione considerato va dalle 4:00 alle 13:00, vengono prese in considerazione 3 ore in più rispetto al periodo di osservazione in modo tale che anche la prima e l ultima corsa venissero prese nella loro interezza. Di seguito viene riportato il diagramma delle tracce orarie che esce fuori dalla simulazione. Si ricorda che su OpenTrack è stato caricato l orario attuale su un infrastruttura in fase di progetto che prevede il raddoppio tra Campoleone e Aprilia e che non è prevista dal sistema attuale. Il sistema attuale è caratterizzato da un orario cadenzato in arrivo alla stazione di Roma Termini (nel nostro caso abbiamo un cadenzamento all arrivo alla stazione di Torricola). Il servizio in partenza da Nettuno è abbastanza irregolare in quanto abbiamo una diversa frequenza per le diverse fasce orarie: 2 corse/h nelle fasce 6:00 7:00 e 7:00 8:00; 1 corsa/h nelle fasce 5:00 6:00, 9:00 10:00 e 10:00 11:00; Nessuna corsa nella fascia 8:00 9:00.

24 Inoltre il servizio prevede una corsa in partenza da Roma Termini con destinazione Aprilia che verrà utilizzata per aumentare la frequenza (da 2 a 3 corse/h) nella fascia orario 7:00 8:00. Per poter analizzare e successivamente confrontare i risultati ottenuti dall analisi dello stato attuale e delle proposte d intervento, è stato necessario munirsi di alcuni parametri che rappresentassero i servizi offerti sulla linea. In particolare è stato deciso di prendere in considerazione i seguenti indicatori: velocità commerciale frequenza Treni Km Posti Km Capacità oraria Numero dei treni necessari per l esercizio % di occupazione dei binari Questi indicatori verranno determinati sia per il sistema attuale che per tutte le ipotesi di intervento che verranno proposte in modo tale da poter fare un confronto tra i vari scenari. Simulazione in condizioni perturbate Un ulteriore passo è stato quello di studiare il comportamento del sistema in condizioni perturbate, ovvero studiare come si comporta il sistema in caso di ritardo dei treni. OpenTrack consente di impostare i ritardi, per ogni categoria di treni, secondo due distribuzioni: distribuzione lineare distribuzione esponenziale negativa

25 Nella prima distribuzione è possibile impostare ritardi diversi per diverse percentuali di treni, ad esempio: il 20 % dei treni subisce un ritardo di 2 minuti mentre il restante 80% subisce un ritardo di 5 minuti. Nella seconda distribuzione, invece, si può impostare un valor medio e un valore massimo del ritardo per un unica percentuale di treni, ad esempio: il 90% dei treni subiscono un ritardo medio di 3 minuti e un ritardo massimo di 9 minuti. In OpenTrack è inoltre possibile impostare valori di prestazioni per i treni in orario e per quelli in ritardo diversi (in valore percentuale). In questo modo il comportamento del treno non raggiunge più il valore limite inferiore, ovvero nel caso di differenze temporali tra orario pianificato ed effettivo, un treno che porta un ritardo inferiore rispetto al valore limite per un ritardo lieve viene considerato puntuale. Per ciascuna categoria di treno è possibile definire delle categorie per i ritardi di tipo lieve, medio e grave impostando un limite in secondi per ciascun tipo di ritardo. In genere un treno è considerato in ritardo se il ritardo raggiunge o supera il valore limite per un ritardo lieve, quindi partendo da questo valore il ritardo viene considerato come un conflitto e viene indicato di conseguenza in una finestra di messaggio di OpenTrack e nell orario grafico. Il ritardo viene indicato evidenziando il numero del treno nell orario: giallo per un ritardo lieve, arancione per un ritardo medio e rosso per un ritardo grave. I valori dei ritardi da considerare sono stati ottenuti mediante osservazione; in particolare sono stati monitorati tutti i treni della linea Roma Nettuno circolanti nel periodo temporale che va dalle 4:00 alle 12:00. Queste osservazioni si sono protratte per un periodo di tre settimane, dal 3 Marzo 2014 al 24 Marzo Da queste osservazioni è emerso che il ritardo massimo subito dai treni in questo periodo è stato di 9 minuti. A causa del valore contenuto del ritardo massimo non è stato possibile definire dei range di ritardi da assegnare a diverse percentuali di treni, quindi non è stato possibile adottare, per la simulazione dei ritardi, una distribuzione lineare; si è deciso di adottare una distribuzione esponenziale negativa.

26 OpenTrack calcola il ritardo effettivo per i singoli treni utilizzando un generatore casuale di numeri. Per questa distribuzione è stato deciso di impostare un ritardo massimo di 9 minuti e un ritardo medio di 3 minuti al 90% dei treni. Prima di lanciare una nuova simulazione, bisogna decidere il numero di perturbate da considerare; nel presente lavoro è stato deciso di considerare 21 perturbate in quanto questo numero è stato reputato un campione abbastanza solido. Come output del sistema perturbato verrà fornito dal software un file di testo che opportunamente elaborato ci fornisce dei grafici che mostrano il numero dei treni con ritardo in ingresso e il numero dei treni con ritardo in uscita; dall analisi di questo grafico è possibile capire se il sistema è stabile o meno. Conclusioni Costruito il database del software è stato possibile fare un analisi del sistema attuale riuscendone quindi ad evidenziare le principali criticità. Conoscendo i principali problemi di circolazione dell attuale sistema ferroviario è stato possibile proporre delle ipotesi di intervento volte a migliorare l offerta del servizio ferroviario sulla linea considerata.

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Scarabeo Angelo, laurea magistrale : Infrastrutture Viarie e Trasporti. Matr : 453643 INTRODUZIONE Nella seguente relazione verrà descritta l attività svolta presso il Laboratorio

Dettagli

Microsimulazione dinamica della circolazione a supporto alla pianificazione ferroviaria

Microsimulazione dinamica della circolazione a supporto alla pianificazione ferroviaria Microsimulazione dinamica della circolazione a supporto alla pianificazione ferroviaria Cosa è Opentrack OpenTrack è uno strumento di supporto alla pianificazione ferroviaria (sia dell infrastruttura che

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Il Tracciato Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido BOZZA Testi di riferimento Lucio Mayer, Impianti ferroviari,

Dettagli

EFFETTI DELLA MANUTENZIONE DEL GESTORE DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA SULLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

EFFETTI DELLA MANUTENZIONE DEL GESTORE DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA SULLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Facoltà di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Orientamento Infrastrutture di trasporto EFFETTI DELLA MANUTENZIONE DEL GESTORE DELL INFRASTRUTTURA

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE Docente: Ing. Marinella Giunta Le linee possono essere a semplice

Dettagli

TPS Transport Planning Service per il trasporto ferroviario

TPS Transport Planning Service per il trasporto ferroviario TRAFFICO > MOBILITÀ > LOGISTICA TPS Transport Planning Service per il trasporto ferroviario Tecnologie per la pianificazione di sistemi ferroviari. Strumenti per la pianificazione di sistemi ferroviari

Dettagli

AdmiRail. Future of Humane Machine Interface. Piattaforma IT a supporto della gestione operativa per l ottimizzazione della circolazione ferroviaria

AdmiRail. Future of Humane Machine Interface. Piattaforma IT a supporto della gestione operativa per l ottimizzazione della circolazione ferroviaria Future of Humane Machine Interface Piattaforma IT a supporto della gestione operativa per l ottimizzazione della circolazione ferroviaria AdmiRail AdmiRail : La sfida di partenza Il progetto AdmiRail nasce

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree in Ingegneria

Dettagli

Analisi di una rete stradale con il software VISUM

Analisi di una rete stradale con il software VISUM Paolo Martinis Preone, 10.07.2004 Università degli Studi di Trieste Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione dei Trasporti Prof. Giovanni Longo Anno Accademico 2003-2004 Analisi di una rete stradale

Dettagli

GALLERIA A SINGOLO BINARIO BIASSA PARI LAVORI DI RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITA IDRAULICA

GALLERIA A SINGOLO BINARIO BIASSA PARI LAVORI DI RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITA IDRAULICA Genova, 6 giugno 2013 GALLERIA A SINGOLO BINARIO BIASSA PARI LAVORI DI RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITA IDRAULICA SCENARI DI INDISPONIBILITA INFRASTRUTTURALI E MODELLI DI ESERCIZIO LAVORI DI RIPRISTINO DELLA

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti Relazione di fine tirocinio Relatore: Prof. Ernesto Cipriani Correlatore:

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

MUOVERSI CON I MEZZI PUBBLICI UTILIZZANDO MAPPE

MUOVERSI CON I MEZZI PUBBLICI UTILIZZANDO MAPPE ObiettivO dell attività COllegamenti COn altre discipline realizzazione Sapersi muovere con i mezzi pubblici, utilizzando mappe dei percorsi e tabelle orarie / Saper scegliere percorsi e mezzi economici

Dettagli

2 - MECCANICA DELLA LOCOMOZIONE Principi fondamentali

2 - MECCANICA DELLA LOCOMOZIONE Principi fondamentali POLITECNICO DI BARI Dip. di INGEGNERIA DELL'AMBIENTE E PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE - II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI A.A. 2006/07 2 - Principi fondamentali PREMESSA

Dettagli

Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software CarSim 7 e BikeSim 3.2

Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software CarSim 7 e BikeSim 3.2 Corso di: Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti Anno Accademico: 2015-2016 "Relazione di fine Tirocinio" Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2010/11 CORSO DI TECNICA DEI TRASPORTI FERROVIARI, MARITTIMI E AEREI

Dettagli

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni La problematica sugli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle

Dettagli

Prova freno di tipo D dalla cabina di guida per locomotive E414

Prova freno di tipo D dalla cabina di guida per locomotive E414 DIREZIONE TECNICA Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione n 375321 Esp. 01 Pagina 1 di 5 Prova freno di tipo D dalla cabina di guida per locomotive E414 Il presente documento è di proprietà

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

Fondamenti di Infrastrutture Viarie

Fondamenti di Infrastrutture Viarie Politecnico di Torino Fondamenti di Infrastrutture Viarie Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Fondamenti di Infrastrutture Viarie Professore: Marco Bassani Esercitatore: Pier Paolo

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Il sistema di segnalamento Che cosa è? Il sistema di segnalamento è

Dettagli

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese.

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. 2. CRITICITÀ 2.1 LA STRUTTURA DELLA RETE Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. Il fatto che essa sia integralmente a

Dettagli

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster)

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster) Documento per la stampa Allegato al Comunicato Stampa n. 45 del 5 novembre 2014 Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento SEF 15-4 Convegno Nazionale Sicurezza ed Esercizio Ferroviario Università La Sapienza Facoltà di Ingegneria Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale DISPOSIZIONE N del Modifiche al Regolamento per la circolazione dei treni ed al Regolamento sui segnali Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753, recante

Dettagli

Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing.

Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing. Nuovo Telecomando del traffico della linea B della Metropolitana di Roma Direzione Servizi Ingegneria del Trasporto Ing. Carlo Scoppola Roma, 18 novembre 2009 Indice La linea B della metropolitana di Roma

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio tra Regione Lazio e Trenitalia S.p.A e Rete Ferroviaria Italiana S.p.A Roma, 1 L anno, il giorno del mese di in Roma,

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e dei Trasporti a.a. 2013 2014 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Laboratorio di simulazione in realtà virtuale CRISS Tirocinante: Cristina Di Pippa

Dettagli

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Caratteristiche della rete AV/AC italiana La rete ferroviaria AV/AC in Italia presenta un assetto e una conformazione ( curve minime

Dettagli

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA PREMESSA: Emanazione norme; Contenuto del Testo Unico PARTE PRIMA: REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI TRASPORTO FERROVIARIO 1. Generalità 2. Infrastruttura:

Dettagli

DEIF n 42.4 del 16/05/2014

DEIF n 42.4 del 16/05/2014 Direzione Tecnica Direttore DEIF n 42.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE A: -DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA REGOLATORE DELLA CIRCOLAZIONE E PERSONALE DEI

Dettagli

COSENZA-UNICAL: IN TRENO IN 15 MINUTI

COSENZA-UNICAL: IN TRENO IN 15 MINUTI COSENZA-UNICAL: IN TRENO IN 15 MINUTI La discussione a proposito del collegamento tra Cosenza ed il suo polo universitario continua ad animare gli animi da ormai diverso tempo. Le proposte sono numerose,

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

INDICE. - Obiettivi del corso pag. 3. - Calendario docenti ed argomenti pag. 4. - Sede del corso pag. 6. - Modalità di partecipazione pag.

INDICE. - Obiettivi del corso pag. 3. - Calendario docenti ed argomenti pag. 4. - Sede del corso pag. 6. - Modalità di partecipazione pag. INDICE - Obiettivi del corso pag. 3 - Calendario docenti ed argomenti pag. 4 - Sede del corso pag. 6 - Modalità di partecipazione pag. 7 - Modulo di iscrizione pag. 8 OBIETTIVI DEL CORSO Il corso di formazione

Dettagli

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di:

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di: RFI DP/DTP_BO Circolare Territoriale CT 9/2014 PAGINA 1 DI 12 In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01 Fascicolo Circolazione Linee di: N fasc. Linea interessata/parte Generale 82 Piacenza - Bologna Salsomaggiore

Dettagli

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI è l abbreviazione di Supervisione Integrata : un sistema di monitoraggio e controllo delle installazioni tecnologiche per la sicurezza

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO Ferrovia Roma - Viterbo Tratta Urbana Roma P.le Flaminio - Montebello ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO DEL BLOCCO AUTOMATICO Approvato dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione USTIF LAZIO Con nota n.

Dettagli

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT 1 di 188 SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA Parte Titolo Volume1 APPENDICE B FUNZIONI DEL SISTEMA SCMT Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione F 04/12/06 QUARTA EMISSIONE S. Rosini

Dettagli

Manuale degli Annunci sonori

Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori DICEMBRE 2007 AGGIORNAMENTO GIUGNO 2011 A cura di RFI - Rete Ferroviaria Italiana SpA Progetto Grafico di Ettore Festa, HaunagDesign Indice Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI 1. DISPOSIZIONI GENERALI. 1.1. Il presente Regolamento e il Regolamento sui segnali contengono le norme di esercizio di competenza dell Agenzia Nazionale per la

Dettagli

Situazione e proposte per i servizi ferroviari valtellinesi.

Situazione e proposte per i servizi ferroviari valtellinesi. Situazione e proposte per i servizi ferroviari valtellinesi. Guido Magenta Anni 20 - Calolziocorte 1986 S. Agata Valtellina Vettori Veloci, ricominciare dalla ferrovia Sondrio, 3 luglio 2009 Fotografie

Dettagli

PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI

PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI prof. Massimo Di Gangi Il sistema della domanda di trasporto Introduzione e metodi di stima dei flussi di domanda 2 Simulazione di un sistema di trasporto Individuazione del

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Edizione 1962 Testo aggiornato, in vigore dal 13/12/2009 (ultimo aggiornamento: decreto ANSF n. 12/2009) Elenco dei provvedimenti che hanno modificato l edizione

Dettagli

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011 Abilitazioni del personale per la Circolazione dei Mezzi d opera utilizzati, esclusivamente in interruzione, per la costruzione e la manutenzione dell Infrastruttura Ferroviaria Nazionale Incontro con

Dettagli

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5.1 SEGNALAMENTO Tenuto conto dell entità del traffico e del prevedibile modello di esercizio, si ritiene sufficiente adottare per la regolazione della circolazione il

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

MONITORAGGIO LINEA 15 Tarvisio-UD-Cervignano TS Periodo di riferimento: gennaio-settembre 2015

MONITORAGGIO LINEA 15 Tarvisio-UD-Cervignano TS Periodo di riferimento: gennaio-settembre 2015 MONITORAGGIO LINEA 15 Tarvisio-UD-Cervignano TS Periodo di riferimento: gennaio-settembre 2015 SITUAZIONE GENERALE: Il quadro generale del trasporto ferroviario del FVG è migliorato sensibilmente nel corso

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE Progetto Figi - Corso in Cotutela SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE ING. ANTONIO COLLA DICEMBRE 2009 ARGOMENTI TRATTATI DECRETO E SPECIFICHE DI

Dettagli

Allegato 7 - Sistema delle Penali

Allegato 7 - Sistema delle Penali Allegato 7 - Sistema delle Penali TRENITALIA S.p.A. si obbliga a raggiungere, attraverso successive tappe di miglioramento, livelli qualitativi in relazione ai seguenti fattori di qualità del servizio

Dettagli

515 IC VENTIMIGLIA 6.33 ROMA TERMINI 14.14 LIMITATO A PISA 10.57

515 IC VENTIMIGLIA 6.33 ROMA TERMINI 14.14 LIMITATO A PISA 10.57 Treno Partenza Arrivo N. Categoria stazione orario stazione orario Note 227 EN DOMODOSSOLA 2.30 ROMA TERMINI 9.51 CONFERMATO 235 EN TARVISIO 0.41 ROMA TERMINI 9.05 CONFERMATO 313 EN DOMODOSSOLA 1.45 ROMA

Dettagli

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario

Segnaletica Ferroviaria. Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario Segnaletica Ferroviaria Segnaletica di linea e articoli complementari per il settore ferroviario LA NOSTRA SOCIETÀ Prealux, società costituita da circa trent anni, è operativa nel settore della segnaletica

Dettagli

il Patentino per il ciclomotore

il Patentino per il ciclomotore Marco Ferrari il Patentino per il ciclomotore Manuale di preparazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida Disposizioni e novità introdotte dai Decreti 1 e 23 marzo 2011 del Ministero

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container. S. Sacone, S.

Corso di Gestione dei sistemi di trasporto. Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container. S. Sacone, S. Corso di Gestione dei sistemi di trasporto Cap. 10 Pianificazione e ottimizzazione di terminal container S. Sacone, S. Siri - DIST Introduzione Negli ultimi anni si è fatta sempre più pressante l esigenza

Dettagli

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE INDICE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE...5 1 GENERALITÀ...5 2 TIPI DI ETICHETTE... 11 2.1 Modello Na... 13 2.2 Modello K... 15 2.3 Modello M... 17 2.4

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE 3 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE XXIII CICLO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE UN NUOVO APPROCCIO PER LA CALIBRAZIONE DELL EQUAZIONE GENERALE DEL MOTO NELLA MODELLAZIONE

Dettagli

NUOVI CRITERI DI PROGETTO E DI VERIFICA PER LE ROTATORIE STRADALI EXTRAURBANE

NUOVI CRITERI DI PROGETTO E DI VERIFICA PER LE ROTATORIE STRADALI EXTRAURBANE NUOVI CRITERI DI PROGETTO E DI VERIFICA PER LE ROTATORIE STRADALI EXTRAURBANE Sascia Canale (1), Salvatore Leonardi (2) (1) Professore ordinario e docente di Teoria delle Infrastrutture Viarie - Università

Dettagli

Allegato 6 bis Regole di utilizzo dei principali impianti viaggiatori

Allegato 6 bis Regole di utilizzo dei principali impianti viaggiatori Allegato 6 bis Regole di utilizzo dei principali impianti viaggiatori PIR 2015 - Agg. Giugno 2014 Scheda n. 1 - Stazione di Alessandria Caratteristiche della stazione Altre condizioni Binari di sosta lunga

Dettagli

Estratto della presentazione dell ing. Roberto Faraguti, su: Strumenti e Processi di Ottimizzazione per la Logistica Distributiva

Estratto della presentazione dell ing. Roberto Faraguti, su: Strumenti e Processi di Ottimizzazione per la Logistica Distributiva Estratto della presentazione dell ing. Roberto Faraguti, su: Strumenti e Processi di Ottimizzazione per la Logistica Distributiva Il caso NUMBER 1 Con i miei più sentiti ringraziamenti all ing. Faraguti

Dettagli

PIANO REGIONALE DEL TRASPORTO MERCI E DELLA LOGISTICA

PIANO REGIONALE DEL TRASPORTO MERCI E DELLA LOGISTICA Assessore On. Franco Dalia Direttore Dott.ssa Arcangela Galluzzo PIANO REGIONALE DEL TRASPORTO MERCI E DELLA LOGISTICA Direttore Ing. Antonio Mallamo Segretario del Piano PRMTL Dott. Elio Mensurati Francesco

Dettagli

Le ore e la data di attivazione dei singoli provvedimenti sono riportate nelle pagine successive

Le ore e la data di attivazione dei singoli provvedimenti sono riportate nelle pagine successive RFI DMO/DCM_FI RFI DMA/DCI_FI Circolare Compartimentale CC 18/2008 PAGINA 1 di 10 Le ore e la data di attivazione dei singoli provvedimenti sono riportate nelle pagine successive Fascicolo Circolazione

Dettagli

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno.

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno. REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA spa trasporti regionali della sardegna Via Zagabria, 54 09129 Cagliari tel (+39) 070 4098 1 fax (+39) 070 4098 237 www.arst.sardegna.it STRALCIO Progetto finanziato dall

Dettagli

Sintesi di Reti Sequenziali Sincrone

Sintesi di Reti Sequenziali Sincrone LABORATORIO DI ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI lezione n 9 Prof. Rosario Cerbone rosario.cerbone@uniparthenope.it a.a. 2007-2008 http://digilander.libero.it/rosario.cerbone Sintesi di Reti Sequenziali Sincrone

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE

ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI STRADE FERROVIE AEROPORTI Studente: Gaetano Passaro Matricola: 278723 ANNO ACCADEMICO 2010-2011 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

Linea FL1 Orte - Fara Sabina - Roma - Fiumicino Aeroporto. e viceversa. Tratta interna al Lazio su cui sono valide le gratuità

Linea FL1 Orte - Fara Sabina - Roma - Fiumicino Aeroporto. e viceversa. Tratta interna al Lazio su cui sono valide le gratuità Linee ferroviarie regionali su cui circolano i treni del Contratto di Servizio tra Trenitalia e la Regione Lazio e su cui di viaggio previste dalla normativa regionale (validità: 14 giugno 2015-12 dicembre

Dettagli

Navigazione Bosch per iphone

Navigazione Bosch per iphone Navigazione Bosch per iphone 1 Indice Navigazione Bosch per iphone... 1 Indice... 2 Menu e vista mappa... 4 Il menu principale... 4 La vista mappa... 5 Modificare sezione, orientamento e scala della vista

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

VerForm: Il programma per la gestione dei dati verifica e formazione treni

VerForm: Il programma per la gestione dei dati verifica e formazione treni Infotrain Tracce: Gestione del personale e dei rotabili VerForm: Il programma per la gestione dei dati verifica e formazione treni Myquality: Il portale per la gestione dei processi di qualità MobileRail:

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014 L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO Roma li, 2 ottobre 2014 L affluenza sui treni MONTEROTONDO LADISPOLI COLLEFERRO CAMPOLEONE APRILIA Un network stazioni ad elevata qualità: progetto 500 stazioni

Dettagli

DIAGRAMMA DELLE VELOCITA ESERCITAZIONE

DIAGRAMMA DELLE VELOCITA ESERCITAZIONE PROGETTI DI INFRSTRUTTURE VIRIE DIGRMM DELLE VELOCIT ESERCITZIONE Il capitolo 5.4 del Decreto Ministeriale del 5/11/2001 prevede che per la verifica della correttezza della progettazione si debba redigere

Dettagli

Categoria Treno REG REG BUS REG REG BUS REG REG BUS REG REG REG REG REG BUS REG REG REG REG REG REG IC REG REG BUS REG REG REG REG

Categoria Treno REG REG BUS REG REG BUS REG REG BUS REG REG REG REG REG BUS REG REG REG REG REG REG IC REG REG BUS REG REG REG REG Categoria Treno REG REG BUS REG REG BUS REG REG BUS REG REG REG REG REG BUS REG REG REG REG REG REG IC REG REG BUS REG REG REG REG Numero Treno 12282 12182 RM170 12286 12442 RM386 21886 12184 RM174 12288

Dettagli

MERCINTRENO 2014 «Si possono ridurre i costi di produzione del ferroviario merci?» Guido Porta, Vice Presidente FerCargo

MERCINTRENO 2014 «Si possono ridurre i costi di produzione del ferroviario merci?» Guido Porta, Vice Presidente FerCargo alle limitazioni dell infrastruttura Occorre investire nell ammodernamento dell Infrastruttura Ferroviaria. Nella rete, infatti, sono ancora presenti ostacoli che impediscono lo sviluppo del sistema ferroviario.

Dettagli

Capitolo 1 Considerazioni generali

Capitolo 1 Considerazioni generali Capitolo 1 Considerazioni generali 1.1 Cenni storici La ferrovia o strada ferrata ha origini remote: gli antichi Egizi trasportavano pesanti carichi su guide di bronzo, mentre i Romani costruivano le vie

Dettagli

TECNICA FERROVIARIA. Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani. Segreteria Tecnica. Programma del 1 corso di. Luogo del corso: Roma

TECNICA FERROVIARIA. Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani. Segreteria Tecnica. Programma del 1 corso di. Luogo del corso: Roma Segreteria Tecnica Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Programma del 1 corso di TECNICA FERROVIARIA Luogo del corso: Roma Date del corso: dal 4 novembre al 3 dicembre 2010 Durata del corso: 40 ore Indice

Dettagli

Ampliamento della Galleria Monte Domini. Nuove tecnologie per lo scavo in presenza di traffico

Ampliamento della Galleria Monte Domini. Nuove tecnologie per lo scavo in presenza di traffico Ampliamento della Galleria Monte Domini. Nuove tecnologie per lo scavo in presenza di traffico Relatore : ing. Francesco Mazzeo Società: Ghella S.p.A. 4 Luglio 2013 Scuola di Ingegneria e Architettura

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

MANUALE VESTE (Aggiornato alla versione 2.9.4)

MANUALE VESTE (Aggiornato alla versione 2.9.4) 1 MANUALE VESTE (Aggiornato alla versione 2.9.4) Sommario PRD-VST-MAN-001 2 1 Introduzione... 4 1.1 Contenuto del presente manuale... 4 1.2 Profili utenze... 4 1.3 Macrofunzionalità... 5 1.4 Prerequisiti...

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il

Dettagli

oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche di cui alla delibera n. 16/2014.

oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche di cui alla delibera n. 16/2014. Classsifica n. TPL 0.1. riferimento allegato Spett.bile Autorità di Regolazione dei trasporti Via Nizza 230, 10126 Torino PEC: pec@pec.autorita-trasporti.it oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche

Dettagli