4 Blocchi funzionali e parametri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 Blocchi funzionali e parametri"

Transcript

1 Blocchi funzionali e parametri 4 Blocchi funzionali e parametri Funzioni di regolazione Nel Software dei convertitori ed invertitori c'è una quantità di funzioni di regolazione e comando, funzioni di comunicazione, funzioni di diagnosi e di servizio realizzate con l'ausilio di blocchi funzionali. Questi blocchi funzionali sono parametrizzabili e possono essere collegati liberamente tra di loro. La procedura è confrontabile con la tecnica dei circuiti elettrici, dove per le diverse unità funzionali, p.e. circuiti integrati o altri componenti, vengono collegati tra di loro mediante conduttori. Il collegamento dei blocchi funzionali al contrario che nella tecnica degli schemi elettrici tuttavia avviene non attraverso conduttori, ma per software. 4.1 Blocchi funzionali Nei blocchi funzionali sono implementate le funzioni. L'insieme di funzioni dei singoli blocchi funzionali dipende dai suoi compiti specifici. I blocchi funzionali dispongono di ingressi, uscite e parametri e vengono elaborati in suddivisioni di tempo. parametro funzione p reg. n P235.F (1.0) Tn reg. n ms P240.F (100) U = 2 parametro per tabella suddivisione tempo suddivisione tempo numero blocco funzionale parametro connettore diff. regolazione P228.B 0152 p Tn M(rif.) 0153 blocco funzionale connettore ollegamento fisso sblocco regolatore n da comando arresto [460.8] B0310 r238 M(rif.) rimando ad altro schema funzionale [pagina.colonna] parametro visualizzazione connettore binario Fig. 4-1 Rappresentazione di un blocco funzionale SIEMENS AG 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) SIMOVERT MASTERDRIVES Compendio Vector Control 4-1

2 Blocchi funzionali e parametri Numero blocco funzionale Ogni blocco funzionale possiede un numero di blocco funzionale (numero FB), che lo identifica chiaramente. Con l'aiuto del numero FB si può per una quantità di blocchi funzionali definire la suddivisione di tempo, in cui essi devono essere elaborati. Inoltre ad ogni blocco funzionale è abbinato un parametro indicizzato, che nel proprio numero ed indice di parametro contiene il numero FB interessato. Esempio: U codifica il numero FB 001 U codifica il numero FB 250 U codifica il numero FB 299 U codifica il numero FB 374 Negli schemi funzionali viene dato per ogni blocco funzionale il parametro per la scelta della suddivisione di tempo e della relativa taratura di fabbrica. Questi dati sono interpolati in un'ellisse, per sollevarli otticamente dagli altri elementi di un blocco funzionale. Accanto alla suddivisione di tempo per la maggior parte dei blocchi funzionali può essere fissata anche la successione di elaborazione. 4.2 Connettori e connettori binari Connettori Connettori e connettori binari sono elementi, che servono allo scambio di segnali tra i singoloi blocchi funzionali. Essi vengono riempiti dai blocchi funzionali ciclicamente con un valore di segnale ciascuno. Altri blocchi funzionali a seconda della parametrizzazione possono poi richiamare questi valori. I connettori sono confrontabili con i cassetti di archivio, che servono al deposito di segnali "analogici". Essi sono contrassegnati chiaramente. Ogni contrassegno di connettore comprende il nome di connettore, il numero del connettore ed una lettera di riconoscimento. La lettera di riconoscimento dipende dalla rappresentazione numerica: connettore con larghezza di word (16 Bit) connettore con larghezza di doppia word (32 Bit, elevata precisione) Il numero di connettore viene sempre predisposto a quattro posti. nome connettore nome connettore M(rif.,reg. n) 0153 n(rif.,livell) 0150 lettere riconoscim. numero connettore lettere riconoscim. numero connettore Fig. 4-2 Rappresentazione dei connettori con larghezze word 16 Bit e 32 Bit 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) Siemens AG 4-2 Compendio Vector Control SIMOVERT MASTERDRIVES

3 Blocchi funzionali e parametri Campo valori dei connettori Per i valori inseriti nei connettori si tratta con poche eccezioni (p.e. connettori per le word di comando) di valori normalizzati. Il campo valori di questi connettori raggruppa in rappresentazione percentuale il campo valori di: da -200 % (8000H / H per connettori a doppia word) a +199,99 % (7FFFH / 7FFF FFFFH per connettori a doppia word). 100 % corrispondono qui al valore 4000H ( H per connettori a doppia word). 100 % 4000H 100 % H 1H = 0,006 % 1H = 0, % 199,994 % -200 % 7FFFH 8000H 0000H FFFFH 0 % -0,006 % 199, % -200 % 7FFF FFFFH H H FFFF FFFFH 0 % -0, % C000H -100 % connettore con larghezza word (xxxx) C H -100 % connettore con larghezza doppia word (xxxx) Fig. 4-3 Campo valori ed abbinamento dei campi numeri Connettori binari I blocchi funzionali inseriscono le informazioni d uscita binarie (digitali) in connettori binari. I connettori binari sono perciò confrontabili con depositi, che servono all archivio segnali binari. Essi sono chiaramente contrassegnati. Ogni contrassegno di connettore binario comprende il nome del connettore binario, il suo numero ed una lettera di riconoscimento. La lettera di riconoscimento è B. Il numero di connettore binario è sempre predisposto a quattro posti. I connettori binari possono assumere a causa della loro definizione solo i due stati "0" (logica no) e "1" (logica si). nome connett. binario rampa attiva B0201 lettera riconoscim. nr. conn. binario Fig. 4-4 Rappresentazione dei connettori binari SIEMENS AG 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) SIMOVERT MASTERDRIVES Compendio Vector Control 4-3

4 Blocchi funzionali e parametri Parametri Numero parametro sulla PMU Numeri parametro su OP1S I parametri sono punti di accesso per l adattamento dei blocchi funzionali all impiego, per l inserimento dei blocchi funzionali tramite connettori e connettori binari e per la visualizzazione dei segnali interni. I diversi parametri secondo la loro funzione vengono differenziati in: parametri di funzione (leggibili e scrivibili) parametri BICO (leggibili e scrivibili) parametri di visualizzazione (solo leggibili) Ogni parametro è chiaramente contrassegnato. Il contrassegno di parametro comprende il nome di parametro ed il numero di parametro. Attraverso questi ogni parametro è chiaramente identificabile. Accanto al nome di parametro ed al numero di parametro molti parametri presentano anche un indice di parametro. Con l aiuto degli indici è possibile, sotto un numero di parametro riporre più valori per un parametro. Negli schemi funzionali vengono dati per ogni parametro BICO e ogni parametro di funzione la taratura di fabbrica. Per i parametri di funzione sono riportati inoltre i campi di valori. I numeri di parametro per la rappresentazione nella unità di parametrizzazione integrata sull apparecchio (PMU) comprendono una lettera ed un numero di tre cifre. Per le lettere vale: lettere maiuscole (P, U, H ed L) contraddistinguono i parametri variabili BICO e di funzione lettere minuscole (r, n, d e c) contraddistinguono i parametri di visualizzazione non variabili Il numero a tre cifre comprende il campo valori da 000 a 999, dove non vengono usati tutti i valori. L Operation Panel OP1S offre la possibilità, di scegliere parametri direttamente attraverso il loro numero di parametro. Poiché l OP1S possiede solamente una tastiera numerica, nell introduzione la lettera alfabetica del numero di parametro deve essere sostituita da una cifra. È valido il seguente modo di sostituzione: "P"xxx e "r"xxx vengono sostititi con "0"xxx "H"xxx e "d"xxx vengono sostititi con "1"xxx "U"xxx e "n"xxx vengono sostititi con "2"xxx "L"xxx e "c"xxx vengono sostititi con "3"xxx Esempi: scelta di r 004 su OP1S: introduzione di 0004 scelta di P050 su OP1S: introduzione di 0050 scelta di U123 su OP1S: introduzione di 2123 scelta di L411 su OP1S: introduzione di SE7087-2QX60 (Edizione AG) Siemens AG 4-4 Compendio Vector Control SIMOVERT MASTERDRIVES

5 Blocchi funzionali e parametri Parametri di funzione Con i parametri di funzione si fissa il comportamento di un blocco funzionale. Esempi tipici per parametri di funzione sono: normalizzazione di un segnale di ingresso tempo di salita o discesa nel datore di rampa amplificazione proporzionale (p) e tempo di integrazione (Tn) nel regolatore di velocità. I parametri di funzione possono essere indicizzati. Il significato dei valori di parametro che stanno dietro i diversi indici dipende dalla definizione del rispettivo parametro. Formano un gruppo speciale i parametri di funzione, che appartengono ai cosidetti set di dati funzionali. nome parametro T1 elemento DT ms P249.F (0.0) campo valori numero parametro indice parametro taratura fabbrica Fig. 4-5 Rappresentazione dei parametri funzionali Set di dati funzionali (set di dati di riferimento) Nei set di dati funzionali sono riassunti speciali parametri funzionali. Questi parametri sono contrassegnati negli schemi di funzione con l ndice di parametro.f. I parametri interessati sono indicizzati quattro volte. Questo significa, in questi parametri sotto ogni indice di parametro un valore di parametro, quindi sotto un numero di parametro possono essere inseriti quattro valori di parametro. Quale valore sia usato nell istante, lo determina il set di dati funzionali attivo. Se è attivo il set di dati funzionali 1, viene usato il valore di parametro inserito nell indice di parametro 1. Se è attivo il set di dati funzionali 2, viene usato il valore di parametro inserito nell indice di parametro 2, ecc. Esempio: P462.1 = 0.50 P462.2 = 1.00 P462.3 = 3.00 P462.4 = 8.00 In totale sotto il parametro P462 (tempo di rampa) vengono posti 4 valori. Se è attivo il set dati funzionali 1, il tempo di rampa di salita ammonta a 0.50 s. Se è attivo il set dati funzionali 2, esso ammonta a 1.00 s. Per set dati funzionali 3 attivo ammonta il tempo di rampa a 3.00 s e per set dati funzionali 4 esso ammonta a 8.00 s. La scelta dei singoli set dati funzionali avviene tramite i bit di comando 16 e 17 nella word di comando 2 (P576.B e P577.B). La commutazione è possibile in qualunque momento. L'indicazione dei set di dati funzionali attivi avviene tramite il parametro di visualizzazione r013 (set dati funz.att.). SIEMENS AG 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) SIMOVERT MASTERDRIVES Compendio Vector Control 4-5

6 Blocchi funzionali e parametri NOTA Parametri motore Vengono commutati sempre tutti i parametri indicizzati dei set dati funzionali insieme tra gli indici di parametro 1, 2, 3 e 4. Con l aiuto del parametro funzionale P364 si possono copiare le tarature di parametro di un set di dati funzionali (indice 1, 2, 3 o 4) in un altro set di dati funzionali. Con i parametri motore viene intrapreso l'adattamento del convertitore al motore allacciato e l'adattamento della struttura di regolazione e comando. Esempi tipici per parametri motore sono: dati nominali motore dalla targa di tipo specifiocazione del generatore velocità allacciato limiti di corrente e potenza I parametri motore sono indicizzati per 4. numero parametro indice parametrotaratura parametro corrente mass. 0, ,5 A P128.M (~) nome parametro campo valori MIN Fig. 4-6 Rappresentazione dei parametri motore Set di dati motore Nei set di dati motore sono raccolti parametri funzionali scelti. Questi parametri negli schemi funzionali sono contrassegnati con l'indice di parametro.m. I parametri interessati sono indicizzati per quattro. Cioè, in questi parametri sotto ogni indice di parametro può essere inserito un valore di parametro, perciò in tutto quattro valori di parametro. Il set di dati motore (MDS) attivo determina in quale valore sia impiegato nel momento. Se è attivo MDS1, viene usato il valore di parametro inserito nell'indice di parametro 1, se è attivo MSD 2, viene usato il valore di parametro inserito nell'indice di parametro 2 ecc.. Esempio: P100.1 = 4 P100.2 = 3 P100.3 = 1 P100.4 = 1 In totale sotto il parametro P100 (tipo di comando/regolazione) vengono posti 4 valori. Se èattivo il set dati motore 1, l'azionamento lavora in regolazione velocità con generatore di velocità. Se è attivo il set dati motore 2, l'azionamento lavora in regolazione senza generatore di velocità. Per attivi set dati motore 3 e 4 l'azionamento lavora con comando U/f. La scelta dei singoli set dati motore avviene tramite i bit word comando 18 e 19 nella word comando 2 (P578.B e P579.B). La commutazione è possibile solo nello stato di disinserito. 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) Siemens AG 4-6 Compendio Vector Control SIMOVERT MASTERDRIVES

7 Blocchi funzionali e parametri NOTA Parametri BICO Set di dati BICO (set di dati di base / riserva) Vengono commutati sempre tutti i parametri indicizzati dei set dati funzionali insieme tra gli indici di parametro 1, 2, 3 e 4. Con l aiuto del parametro funzionale P362 si possono copiare le tarature di parametro di un set di dati di motore (indice 1, 2, 3 o 4) in un altro set di dati di motore. Con i parametri BICO si fissano le fonti dei segnali di ingresso di un blocco funzionale. Significa che con l aiuto dei parametri BICO si definiscono, da quali connettori e connettori binari un blocco funzionale legge i propri segnali di ingresso. In questo modo si può connettere i blocchi funzionali inseriti negli apparecchi corrispondentemente alla loro esigenze. Questa tecnica viene detta tecnica BICO. Per ogni parametro BICO è fissato, quali tipi di segnali d ingresso (connettore o connettore binario) si possano allacciare agli ingressi. I parametri BICO contengono il seguente riconoscimento: B parametro connettore binario per l allacciamento di connettori binari parametro connettore per l allacciamento di connettori con larghezza word (16 Bit) parametro connettore per l allacciamento di connettori con larghezza doppia word (32 Bit) La connessione lato alternata di connettori binari e connettori non è ammissibile. Infatti si possono allacciare ai parametri di connettore sempre connettori con larghezza word o doppia word. I parametri BICO sono presenti in due varianti, essi possono: essere non indicizzati. essere due volte indicizzati. Nei set di dati BICO sono riassunti parametri BICO scelti. Questi parametri sono contrassegnati negli schemi funzionali con l indice di parametro.b. I parametri interessati sono indicizzati due volte. Questo significa, in questi parametri sotto ogni indice di parametro un valore di parametro, quindi in totale possono essere inseriti due valori di parametro. Quale valore sia usato all istante, è determinato dal set dati BICO attivo. Se è attivo il set dati BICO 1, viene usato il valore di parametro inserito nell indice di parametro 1, se è attivo il set dati BICO 2, viene usato il valore di parametro inserito nell indice di parametro 2. Esempio: P554.1 = 10 P554.2 = 2100 In totale vengono posti sotto il parametro P554 (F. ON/Off1) 2 valori. Se è attivo il set dati BICO 1, arriva l ordine On dall ingresso digitale 1 dell apparecchio base. Se è attivo il set dati BICO 2, arriva l ordine On dal bit 0 della prima word dati, che riceve l interfaccia seriale 1. SIEMENS AG 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) SIMOVERT MASTERDRIVES Compendio Vector Control 4-7

8 Blocchi funzionali e parametri La scelta dei set dati BICO singoli avviene mediante il bit word comando 30 nella word di comando 2 (P590). L'indicazione del set dati BICO attivo avviene tramite il parametro di visualizzazione r012 (set dati BICO att.). NOTA Vengono commutati sempre tutti i parametri BICO indicizzati insieme tra indice di parametro 1 e 2. Con l aiuto del parametro funzionale P363 si possono copiare le tarature di parametro di un set di dati BICO (indice 1 o 2) in un altro set di dati BICO. nome parametro nome parametro fo.usc.digitale1 numero parametro P651.B (0) B indice parametro / taratura fabbrica numero parametro Q.M(soll) P260.B (0) indice parametro / taratura fabbrica connettore binario allacciabile tipo connettore allacciabile ( o ) Fig. 4-7 Rappresentazione dei connettori con larghezze word 16 Bit e 32 Bit Parametri visualizzazione I parametri di visualizzazione servono alla osservazione di grandezze interne (p.e. corrente d uscita del momento). Questi parametri vengono solo indicati e non possono essere variati. Per la diversificazione dagli altri parametri essi vengono contrassegnati con una lettera minuscola (r, n, d e c) nel numero di parametro. numero parametro r006 tens. circuito interm nome parametro Fig. 4-7 Rappresentazione dei parametri visualizzazione 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) Siemens AG 4-8 Compendio Vector Control SIMOVERT MASTERDRIVES

9 Blocchi funzionali e parametri 4.4 Collegamento di blocchi funzionali (tecnica BICO) Come tecnica BICO viene indicata la tecnica, con il cui aiuto vengono formati collegamenti tra blocchi funzionali. Questo accade con l ausilio di connettori binari e connettori. Da queste espressioni trae origine il nome tecnica BICO. Un collegamento tra due blocchi funzionali comprende un connettore o un connettore binario da una parte ed un parametro BICO dall altra parte. Il collegamento avviene sempre dalla vista dell ingresso di un blocco funzionale. Si deve sempre assegnare ad un ingresso un uscita. L assegnazione si ha del tipo, che in un parametro BICO viene introdotto il numero del connettore o del connettore binario da cui i segnali d ingresso necessari vengono letti. E pure ammissibile, di introdurre stessi numeri di connettore e connettore binario più volte in parametri BICO diversi. Con ciò i segnali d uscita di un blocco funzionale possono essere usati come segnali di ingresso per più altri blocchi funzionali. Esempio: nella figura seguente il connettore 0153 viene allacciato al parametro di connettore P260. Inoltre si deve assegnare al parametro connettore P260 come valore il numero di connettore 0153, quindi 153. blocco funzionale A M(rif., reg. n) 0153 blocco funzionale B fo. M(rif.) P260.B p. e.: P = 0153 fo. M(rif.) M(rif., reg. n) P260.B Fig. 4-9 Collegamento di due blocchi funzionali Bxxxx B 4000 H 4000 H H H Bxxxx 4000 H H H 4000 H Bxxxx B B Fig Collegamenti BICO possibili e non possibili SIEMENS AG 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) SIMOVERT MASTERDRIVES Compendio Vector Control 4-9

10 Blocchi funzionali e parametri Connessione di tipi di connettore diversi I connettori mostrano a seconda della versione una larghezza di una word (16 Bit) o di una doppia word (32 Bit). Corrispondentemente i blocchi funzionali dispongono di parametri BICO, che sono adatti per l allacciamento del tipo di connettore relativo. Di principio è tuttavia possibile, all interno dei connettori proporre un miscuglio dei tipi. Ne consegue poi un adattamento automatico della larghezza di word secondo il modo seguente: connessione di un connettore word su connessione di un connettore doppia word su un parametro di connettore word un parametro di connettore doppia word un parametro di connettore word un parametro connet- - tore doppia word il valore rimane inalterato il valore viene assunto in High-Word, Low-Word viene riempito con 0000H il valore viene assunto da High-Word, manca Low-Word il valore rimane inalterato ATTENZIONE Per connessione di un connettore doppia word su un parametro connettore word la risoluzione del segnale scende da 32 bit a 16 bit. Poiché la Low-word viene suddivisa, vanno perdute le informazioni dei 16 bit a valore inferiore del connettore doppia word. 6SE7087-2QX60 (Edizione AG) Siemens AG 4-10 Compendio Vector Control SIMOVERT MASTERDRIVES

01.2001 Dati di processo. Cambio di fianco positivo da L verso H (L H) nello stato PRONTO ALL INSERZIONE (009).

01.2001 Dati di processo. Cambio di fianco positivo da L verso H (L H) nello stato PRONTO ALL INSERZIONE (009). 01.2001 Dati di processo 10 Dati di processo 10.1 Descrizione dei bit word comando Gli stati di servizio sono leggibili nel parametro di visualizzazione r001: p.e. PRONTO ALL INSERZIONE: r001 = 009 Gli

Dettagli

8.1 Interfaccia seriale universale (USS)

8.1 Interfaccia seriale universale (USS) 8.1 Interfaccia seriale universale (USS) Prefazione Questa documentazione descrive l impiego del protocollo di interfaccia seriale universale (USS) per la serie di apparecchi SIMOVERT MASTERDRIVES MC e

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Comandi fermodellistici Pittogrammi, Simboli circuitali, Codifica letterale

Comandi fermodellistici Pittogrammi, Simboli circuitali, Codifica letterale 1 Scopo della norma Con questa si devono definire i pittogrammi tipici del fermodellismo e i simboli circuitali dei comandi fermodellistici. Essi devono servire alla rappresentazione di schemi elettrici

Dettagli

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso.

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. -Introduzione. Il software consente, tramite opportuna interfaccia USB Rowan C426S, di leggere e scrivere i dati presenti

Dettagli

COMANDI PER RIBOBINATRICI SUPERVISORE APPROFONDIMENTO TECNICO

COMANDI PER RIBOBINATRICI SUPERVISORE APPROFONDIMENTO TECNICO COMANDI PER RIBOBINATRICI SUPERVISORE APPROFONDIMENTO TECNICO STRUTTURA SOFTWARE Il sistema si basa sulla gestione di svariate basi di dati, alle quali accede in modo dinamico ed in realtime l interfaccia

Dettagli

Manuale. Disinserzione sicura per MOVIAXIS. Condizioni. Edizione 08/2006 11523042 / IT

Manuale. Disinserzione sicura per MOVIAXIS. Condizioni. Edizione 08/2006 11523042 / IT Motoriduttori \ Riduttori industriali \ Azionamenti e convertitori \ Automazione \ Servizi Disinserzione sicura per MOVIAXIS Condizioni Edizione 08/2006 1152302 / IT Manuale SEW-EURODRIVE Driving the world

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE)

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE) NUOVA OMAS Srl Via Roma, 81/B - 14040 Cortiglione (AT) ITALIA Capitale sociale 60.000 i.v. Registro imprese di Asti - C.F. e P. IVA nr. 01284700059 Http: //www.nuovaomas.it - E-Mail: info@nuovaomas.it

Dettagli

Trasduttori di posizione e velocità.

Trasduttori di posizione e velocità. Trasduttori di posizione e velocità. Tra le innumerevoli categorie di trasduttori di posizione esistono gli encoder ottici digitali che si possono raggruppare in tre tipologie a seconda del segnale fornito

Dettagli

JDICON 401/501 Programmatore/Regolatore universale Programmatore universale

JDICON 401/501 Programmatore/Regolatore universale Programmatore universale M.K. JUCHHEIM GmbH & Co M. K. JUCHHEIM GmbH & Co JUMO Italia s.r.l. Moltkestrasse 13-31 P.zza Esquilino, 5 36039 Fulda, Germany 20148 Milano Tel.: 06 61-60 03-7-25 Tel.: 02-40092141 Bollettino 70.3580

Dettagli

Safety is a SIRIUS business

Safety is a SIRIUS business Dispositivi di sicurezza SIRIUS 3SK Safety is a SIRIUS business Soluzioni per applicazioni di sicurezza compatte Macchine sicure in modo semplice e rapido siemens.it/safety Sicurezza funzionale delle macchine:

Dettagli

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Esame di Stato 2015 Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Il problema proposto riguarda un sistema di acquisizione dati e controllo. I dati acquisiti sono in parte di natura digitale (misura del grado

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

SIMOVERT MASTER DRIVES Filtro anti radiodisturbi Filtro EMC

SIMOVERT MASTER DRIVES Filtro anti radiodisturbi Filtro EMC SIMOVERT MASTER DRIVES Filtro anti radiodisturbi Filtro EMC Istruzioni di servizio Edizione: AC Nr. d ordinazione: 6SE7087-2CX87-0FB0 Di queste istruzioni di servizio sono fornibili edizioni nelle seguenti

Dettagli

PumpDrive. Convertitore di frequenza indipendente dal motore con autoraffreddamento. Guida rapida

PumpDrive. Convertitore di frequenza indipendente dal motore con autoraffreddamento. Guida rapida Guida rapida PumpDrive 4070.801/2--40 Convertitore di frequenza indipendente dal motore con autoraffreddamento Varianti di montaggio: Montaggio su motore (MM) Montaggio a parete (WM) Montaggio in quadro

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta Quiz ecdl primo modulo Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta 1 Che cosa è il Bit? British Information Target Binary Digit La misura dell'informazione DIA 2 DI 67 Che differenza c'è tra

Dettagli

PROGRAMMATORE CENTRALI 2012 - GUIDA RAPIDA AL SOFTWARE 11 luglio 2012

PROGRAMMATORE CENTRALI 2012 - GUIDA RAPIDA AL SOFTWARE 11 luglio 2012 INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE Eseguire il file di SetupCentraliCombivox.exe, selezionando la lingua e la cartella di installazione. SetupCentraliCom bivox.exe Durante l installazione, è possibile creare un

Dettagli

PEGASO SMS PEGASO MEMO. Servizio SMS

PEGASO SMS PEGASO MEMO. Servizio SMS PEGASO SMS PEGASO MEMO Servizio SMS REALIZZATO/PUBBLICATO/PRODOTTO DA: Olivetti S.p.A. con unico azionista Gruppo Telecom Italia Direzione e coordinamento di Telecom Italia S.p.A. Stampato in Italia. Codice

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

M1600 Ingresso/Uscita parallelo

M1600 Ingresso/Uscita parallelo M1600 Ingresso / uscita parallelo M1600 Ingresso/Uscita parallelo Descrizione tecnica Eiserstraße 5 Telefon 05246/963-0 33415 Verl Telefax 05246/963-149 Data : 12.7.95 Versione : 2.0 Pagina 1 di 14 M1600

Dettagli

Nella precarica non è stata raggiunta la tensione del circuito intermedio minima (P071 tens.allacc.conv. x 1,34) di 80 %.

Nella precarica non è stata raggiunta la tensione del circuito intermedio minima (P071 tens.allacc.conv. x 1,34) di 80 %. Guasti ed allarmi Guasti Generalità su casi di guasto Ad ogni caso di guasto è disponibile la seguente informazione: Parametro r947 numero di guasto r949 valore di guasto r951 elenco guasti P952 numero

Dettagli

SIMOVERT MASTER DRIVES Frequency Control (FC)

SIMOVERT MASTER DRIVES Frequency Control (FC) SIMOVERT MASTER DRIVES Frequency Control (FC) Instruzioni di servizio Parte Edizione: AA Nr. d ordinazione: 6SE7087-XX10 Generalità 11.96 Panoramica sulle istruzioni di servizio MASTER DRIVES: Istruzioni

Dettagli

Programmare OB1 in KOP

Programmare OB1 in KOP Come programmare la funzione di memoria in Kop Programmare OB1 in KOP Inseriamo un nuovo segmento utilizzando il tasto destro Programmare FB in KOP Il blocco funzionale (FB) è subordinato al blocco organizzativo.

Dettagli

SOMMARIO. INTRODUZIONE 3 Caratteristiche principali 3 Contenuto della confezione 4 Figura e legenda del prodotto 5 Legenda simboli del display 8

SOMMARIO. INTRODUZIONE 3 Caratteristiche principali 3 Contenuto della confezione 4 Figura e legenda del prodotto 5 Legenda simboli del display 8 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 Caratteristiche principali 3 Contenuto della confezione 4 Figura e legenda del prodotto 5 Legenda simboli del display 8 COME SI INSTALLA 9 Predisposizione 9 Installazione delle

Dettagli

10. Funzionamento dell inverter

10. Funzionamento dell inverter 10. Funzionamento dell inverter 10.1 Controllo prima della messa in servizio Verificare i seguenti punti prima di fornire alimentazione all inverter: 10.2 Diversi metodi di funzionamento Esistono diversi

Dettagli

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI Introduzione ai comandi elettronici e ai controllori logici programmabili L automazione di una qualsiasi operazione di un processo produttivo viene conseguita attraverso

Dettagli

Informazione tecnica Communit

Informazione tecnica Communit Informazione tecnica Communit Communit-TI-A1-it-22 Versione 2.2 ITALIANO Indice SMA Solar Technology AG Indice 1 Note relative al presente documento...............................................3 2 Dettagli

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO

DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO Libretto d istruzioni CLEVER CONTROL & DISPLAY Made in Italy Cod. 31/03/05 DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO AVVERTENZE Prima di usare il prodotto leggere attentamente queste

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli

Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS. Esercitatore: Fabio Palopoli Corso di Introduzione all Informatica MS-WINDOWS Esercitatore: Fabio Palopoli IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware). Il S.O.

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Geass-Link Manuale di istruzione

Geass-Link Manuale di istruzione Geass-Link Manuale di istruzione GEASS S.r.l. - Via Ambrosini 8/2 10151 Torino - Tel. 011.22.91.578 - Fax 011.27.45.418 - info@geass.com - www.geass.com GEASS-LINK V.1.0.4 Software di Gestione e Acquisizione

Dettagli

Systeme Helmholz. TELESERVICE con REX300 PANORAMICA AZIENDA. Febbraio 2011. Buongiorno,

Systeme Helmholz. TELESERVICE con REX300 PANORAMICA AZIENDA. Febbraio 2011. Buongiorno, Febbraio 2011 Buongiorno, siamo lieti di inviarle la presente Newsletter per aggiornarla sulle novità introdotte da Helmholz che riteniamo possano essere di Suo interesse. Nel ricordarle che Sitec è a

Dettagli

electronic Inverter ACM S3 Gamma di potenza 0.75...37.0kW ACM S3 / I / 09.05

electronic Inverter ACM S3 Gamma di potenza 0.75...37.0kW ACM S3 / I / 09.05 electronic Inverter ACM S3 ACM S3 / I / 09.05 Gamma di potenza 0.75...37.0kW ACM S3 L inverter per tutte le applicazioni A distanza di quasi 30 anni dalla presentazione del suo primo inverter per controllo

Dettagli

COME ACQUISTARE E SCARICARE I

COME ACQUISTARE E SCARICARE I COME ACQUISTARE E SCARICARE I PRODOTTI NISSAN Autovelox PRECAUZIONI DI SICUREZZA 3 AVVERTENZA!! Il presente sistema di navigazione non deve essere utilizzato come sostituto della propria capacità di giudizio.

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

REOTRON MEW DP-24. Regolatore di potenza monofase con interfaccia PROFIBUS-DP. Istruzioni d uso

REOTRON MEW DP-24. Regolatore di potenza monofase con interfaccia PROFIBUS-DP. Istruzioni d uso Istruzioni d uso REOTRON MEW DP-24 Regolatore di potenza monofase con interfaccia PROFIBUS-DP REO ITALIA S.r.l. Via Treponti, 29 25086 Rezzato (BS) http:// www.reoitalia.it email: info@reoitalia.it Tel.

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale TITOLO UNITÀ :Utilizzare le tecniche fondamentali della meccanica applicata alle macchine Definire le tecniche per la trasmissione del

Dettagli

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet Istituto Tecnico Commerciale - Liceo Linguistico Liceo Scientifico Liceo Scienze Umane Via Stignani, 63/65 20081 Abbiategrasso Mi PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.2

Manuale Controllo Accesso V 0.2 & Manuale Controllo Accesso V 0.2 Luglio 2012 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO () Generalità Quadro di comando e controllo manuale/automatico () fornito a bordo macchina, integrato e connesso al gruppo elettrogeno. Il quadro utilizza un compatto

Dettagli

SENTRON Powermanager Software per l energy management

SENTRON Powermanager Software per l energy management Powermanager Software per l energy management /2 /3 /7 /8 /9 /10 /11 /12 Informazioni generali Powermanager V 3.0 Powerconfig SIMATIC PCS 7 Powerrate SIMATIC WinCC Powerrate Librerie per SIMATIC PCS 7

Dettagli

B.homelift. Continua >

B.homelift. Continua > B.homelift indice MERCATO DI RIFERIMENTO SOLUZIONE MASS MARKET NUOVA SOLUZIONE: B. HOME LIFT VANTAGGI B. HOME LIFT OPZIONI DI ACQUISTO B. HOME LIFT CARATTERISTICHE TECNICHE OVERVIEW Analisi del mercato

Dettagli

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE COSO DI ODINAMENTO Indirizzo: ELETTONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi del progetto

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.3

Manuale Controllo Accesso V 0.3 & Manuale Controllo Accesso V 0.3 Ottobre 2013 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA Assessorato alla cultura. Corso di catalogazione

PROVINCIA DI PADOVA Assessorato alla cultura. Corso di catalogazione PROVINCIA DI PADOVA Assessorato alla cultura Corso di catalogazione Biblioteca civica di Abano Terme 9 dicembre 2009 Presentazione di Antonio Zanon, Cristiana Lighezzolo, Chiara Masut (Consorzio Biblioteche

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Serie di serrature P R O D O T T I D I S I C U R E Z Z A

Serie di serrature P R O D O T T I D I S I C U R E Z Z A P R O D O T T I D I S I C U R E Z Z A Serie di serrature Le innovazioni hanno bisogno di una buona base Le soluzioni innovative sono il risultato di un processo che inizia con il dialogo con il cliente.

Dettagli

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007

DUEMMEGI. VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso. Versione 1.0 - Gennaio 2007 DUEMMEGI minidisp2 minidisp2 VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI Manuale d'uso Versione 1.0 - Gennaio 2007 HOME AND BUILDING AUTOMATION Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 www.duemmegi.it

Dettagli

tecmet 2000 srl - via Colombo, 7/A - 20094 Corsico (MI) tel +39 02 486 00 385 - fax +39 02 486 00 427 - e mail: tecmet@tecmet2000.

tecmet 2000 srl - via Colombo, 7/A - 20094 Corsico (MI) tel +39 02 486 00 385 - fax +39 02 486 00 427 - e mail: tecmet@tecmet2000. DOCUMENTAZIONE TECNICA SISTEMA DI MISURA E CONTROLLO DA PC (CPC-S) PER HM-D/HM-DS (da tavolo) SISTEMA DI MISURA E CONTROLLO (CPC-S): Consente di ampliare il sistema di controllo della macchina di trazione

Dettagli

Circuiti sequenziali e elementi di memoria

Circuiti sequenziali e elementi di memoria Il Livello Logicoigitale I circuiti sequenziali Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Sommario Circuiti sequenziali e elementi di memoria Bistabile SR asincrono Temporizzazione e clock

Dettagli

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA

PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA PROGRAMMI ACCESSORI A CORREDO CON EUREKA Oltre al programma di gestione EUREKA contenuto nel CD di installazione, altri software complementari vengono installati quando si installa il programma EUREKA.

Dettagli

L interfaccia innovativa per la connessione punto a punto. IO-Link: integrazione ottimale di sensori ed attuatori. Industrial Communication

L interfaccia innovativa per la connessione punto a punto. IO-Link: integrazione ottimale di sensori ed attuatori. Industrial Communication Industrial Communication L interfaccia innovativa per la connessione punto a punto : integrazione ottimale di sensori ed attuatori siemens.com/io-link Comunicazione completa fino all ultimo metro: l interfaccia

Dettagli

Gestione e Progettazione di Strutture di Documenti in Formato Elettronico

Gestione e Progettazione di Strutture di Documenti in Formato Elettronico LATEX Stage di Sicurezza Gestione e Progettazione di Strutture di Documenti in Formato Elettronico Stefano D Amico Typeset by LATEX 2ε Sommario Ho realizzato un sistema per l esame scritto anonimo. Al

Dettagli

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale Quadri elettrici Quadri per uso Industriale I quadri elettrici, erano soggetti alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue: AS Apparecchiatura costruita in serie: ovvero apparecchiatura

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

Semplicemente logica. La centralina di sicurezza configurabile CES-CB

Semplicemente logica. La centralina di sicurezza configurabile CES-CB Semplicemente logica. La centralina di sicurezza configurabile CES-CB Centralina di sicurezza configurabile CES-CB La centralina CES-B completa la serie delle già note centraline CES-AZ con una versione

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

GW 90 796: OROLOGIO 2 CANALI

GW 90 796: OROLOGIO 2 CANALI 1.0 PREFAZIONE Leggere attentamente queste istruzioni d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario digitale, comandato da

Dettagli

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013

I.I.S. Primo Levi Badia Polesine A.S. 2012-2013 LGEBR DI BOOLE I.I.S. Primo Levi Badia Polesine.S. 2012-2013 Nel secolo scorso il matematico e filosofo irlandese Gorge Boole (1815-1864), allo scopo di procurarsi un simbolismo che gli consentisse di

Dettagli

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand!

PredictiOnDemand Manuale Utente 1. Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand Manuale Utente 1 PredictiOn Demand for Windows La predizione quando serve! 1. Panoramica Benvenuti nel mondo della previsione delle parole! Benvenuti in PredictiOnDemand! PredictiOnDemand

Dettagli

Allegato tecnico. Per l invio di documenti elettronici al Comune di Prato

Allegato tecnico. Per l invio di documenti elettronici al Comune di Prato Allegato tecnico Per l invio di documenti elettronici al Comune di Prato 1. Formati ammissibili per l invio di documenti elettronici. Indipendentemente da quale sia il metodo scelto per l invio di una

Dettagli

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC)

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) Un convertitore digitale/analogico (DAC: digital to analog converter) è un circuito che fornisce in uscita una grandezza analogica proporzionale alla parola di n bit

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Encoder 1.60. Encoder 1 su 15. Descrizione. Codifica filo per piano max. 15 piani + 2 frecce + segnale di movimento

Encoder 1.60. Encoder 1 su 15. Descrizione. Codifica filo per piano max. 15 piani + 2 frecce + segnale di movimento Displays ACCESSORI DISPLAY Encoder Encoder 1 su 1 Il dispositivo Encoder è necessario per una codifica 1 filo per piano con display concepiti per codice binario. Il dispositivo Encoder converte i segnali

Dettagli

Etichettatrice di peso Selezionatrice ponderale a funzionamento automatico che appone ai singoli articoli l'etichetta con l'indicazione del peso.

Etichettatrice di peso Selezionatrice ponderale a funzionamento automatico che appone ai singoli articoli l'etichetta con l'indicazione del peso. Allegati Specifici - Allegato MI-006 STRUMENTI PER PESARE A FUNZIONAMENTO AUTOMATICO Agli strumenti per pesare a funzionamento automatico definiti qui di seguito, il cui fine è la determinazione della

Dettagli

AGGIUNTA O SOSTITUZIONE DEL SISTEMA DI SUPERVISIONE SU UN FORNO A RULLI PER PIASTRELLE CERAMICHE.

AGGIUNTA O SOSTITUZIONE DEL SISTEMA DI SUPERVISIONE SU UN FORNO A RULLI PER PIASTRELLE CERAMICHE. AGGIUNTA O SOSTITUZIONE DEL SISTEMA DI SUPERVISIONE SU UN FORNO A RULLI PER PIASTRELLE CERAMICHE. La ditta E.G., operante nel settore ceramico da più di un decennio, ha maturato l'esperienza per la rigenerazione

Dettagli

Compendio. Edizione: AI. simovert. masterdrives. Vector Control

Compendio. Edizione: AI. simovert. masterdrives. Vector Control Compendio Edizione: AI simovert masterdrives Vector Control 03.2001 Definizioni ed allarmi Definizioni ed allarmi Personale qualificato nel senso della documentazione o delle avvertenze di allarme sul

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Leggere le istruzioni prima dell'uso. Questo dispositivo di controllo deve essere installato secondo i regolamenti

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Note applicative OFFICINA ELETTRICA. Compilazione del registro di produzione dell energia elettrica modello Mbis 36

Note applicative OFFICINA ELETTRICA. Compilazione del registro di produzione dell energia elettrica modello Mbis 36 LPReport Note applicative OFFICINA ELETTRICA Compilazione del registro di produzione dell energia elettrica modello Mbis 36 I titolari di licenza di esercizio di Officina Elettrica sono tenuti alla compilazione

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO!

LOGO! Avvio alla programmazione. Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! LOGO! Avvio alla programmazione Versione 1.0 Guida pratica per compiere i primi passi con LOGO! [Digitare il testo] [Digitare il testo] [Digitare il testo] CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 3 2 PRIMI PASSI PER

Dettagli

Introduzione. Pagina: 1 di 8. Data creazione 10/06/2011 10.59.00

Introduzione. Pagina: 1 di 8. Data creazione 10/06/2011 10.59.00 Introduzione Il nuovo Codice del Processo Amministrativo prevede che i difensori costituiti forniscano copia in via informatica di tutti gli atti di parte depositati e, ove possibile, dei documenti prodotti

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

FUNZIONI DEL TIME LOCK KEYPAD TLKP - MASTER PROGRAM CODE A 8 CIFRE

FUNZIONI DEL TIME LOCK KEYPAD TLKP - MASTER PROGRAM CODE A 8 CIFRE 2007 Document 630-749-ITA Time Lock Keypad (TLKP) Modello 6120-420 da utilizzare con i modelli di serrature S&G: 2003 (Z 03 Rotarybolt ), 6124, 6125, 6126 Audit Lock, e 6127 Audit Lock. Informazioni Generali

Dettagli

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872 Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 1 Copyright and Notes Il Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 e la relativa documentazione

Dettagli

Codifiche a lunghezza variabile

Codifiche a lunghezza variabile Sistemi Multimediali Codifiche a lunghezza variabile Marco Gribaudo marcog@di.unito.it, gribaudo@elet.polimi.it Assegnazione del codice Come visto in precedenza, per poter memorizzare o trasmettere un

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1309 Pag.1 di - 111 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI Laurea in Lingue e cultura per l impresa (a. a. 2005/2006) Corso di Informatica GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PROGRAMMA CFU 6 Corso di laurea / anno DU I o II anno, CL4 II anno Professore Roberto

Dettagli

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1 ASA-RT srl -- Strada del Lionetto, 16/a 10146 Torino ITALY Tel: +39 011 796 5360884 333r.a.. Fax: +39 011712 19835705 339 E_mail: info@asa-rt.com Url: www.asa-rt.com ADX Misuratore di coppia Manuale Utente

Dettagli

PRESA HDMI. IW2BSF - Rodolfo Parisio. connettore HDMI

PRESA HDMI. IW2BSF - Rodolfo Parisio. connettore HDMI PRESA HDMI IW2BSF - Rodolfo Parisio connettore HDMI E la sigla che identifica la High-Definition Multimedia Interface uno standard commerciale completamente digitale per l'interfaccia dei segnali audio

Dettagli