Periodico di informazione e discussione dell IISS F. Ferrara - Palermo anno 10 n. 1 novembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico di informazione e discussione dell IISS F. Ferrara - Palermo anno 10 n. 1 novembre 2014"

Transcript

1 Periodico di informazione e discussione dell IISS F. Ferrara - Palermo anno 10 n. 1 novembre 2014

2 Quello che state leggendo è il XXXVIII numero del Ferrarino; quando 10 anni fa abbiamo pubblicato la prima edizione, non pensavamo certo di raggiungere questo traguardo. Sapevamo già che l entusiasmo che di solito accompagna un nuovo progetto con il tempo normalmente è destinato a scemare e le difficoltà prendono il sopravvento. Per questo perdonateci un pizzico di orgoglio riteniamo che i dieci anni di vita compiuti dal nostro giornale siano un traguardo non scontato. Ormai il Ferrarino fa parte della vita della nostra scuola ed è un punto fermo nel lavoro di noi educatori e un appuntamento atteso per i nostri lettori. Dall inizio della nostra avventura molto è cambiato in questa scuola, a cominciare dagli alunni e dalla maggioranza dei docenti. Eppure tutti e tre i dirigenti scolastici che da allora si sono alternati alla guida del nostro Istituto hanno sempre incoraggiato il cammino del nostro progetto trovando, non senza difficoltà, le risorse per la stampa del giornale d Istituto. A distanza di 10 anni, il Ferrarino continua ad essere un utile strumento di crescita per gli alunni che così hanno la possibilità di esprimere liberamente le loro opinioni e fornire spunti di discussione sui temi che stanno loro a cuore. Oltre a dare voce alle riflessioni degli studenti, il nostro giornale, raccontando le iniziative, le attività e i progetti 2 Editoriale Buon Anniversario Ferrarino Seguiteci su - Gruppo Il Ferrarino - Pagina ufficiale IISS Francesco Ferrara Palermo In copertina, curata da Luisa Sajola (IV S), alcune immagini relative agli stages linguistici svolti a Londra e Parigi Il nostro giornale compie 10 anni svolti nella nostra scuola, ha sicuramente contribuito a rafforzare il senso di appartenenza alla comunità scolastica da parte degli alunni e del personale tutto dell Istituto ed è riuscito persino a mantenere vivi dei legami anche con coloro che non frequentano più. Ci fa molto piacere sapere che alcuni ex alunni, anche a distanza di molti anni, continuano a leggere il nostro giornale, quasi a sentirsi ancora parte di una comunità che li ha aiutati a crescere. È questo, per esempio, il caso di Antonio Puleo di cui pubblichiamo nella posta dei lettori una toccante lettera di ricordo della cara prof.ssa Giuga. Il Ferrarino vive dei contributi degli alunni e non solo di quelli che collaborano stabilmente con la redazione. Tutti gli allievi possono contribuire a vivacizzare i dibattiti al suo interno, dare conto di eventi pubblici o attività scolastiche scrivendo e inviando alla redazione i propri articoli, il che, oltre a rendere tutti un po più partecipi della vita di Istituto, è un mondo per migliorare le proprie abilità di scrittura e per apprendere qualche prezioso segreto del modo del giornalismo, e ciò, ricordatelo, può sempre tornare utile, anche in occasione dell esame di maturità. Ci teniamo a ricordare che tutti voi potete inviare le vostre proposte editoriali o i vostri lavori; la nostra redazione sarà lieta di accogliere i vostri contributi. Ma il numero del decennale riserva anche una novità. Un ampio inserto, dedicato alle esperienze di stage in Francia e Inghilterra vissute da alcuni allievi e docenti, arricchirà questa storica edizione. L importanza delle attività di formazione realizzate all estero è testimoniata dalle riflessioni e dai racconti degli alunni impegnati nei progetti PON C1 finanziati dal Fondo Sociale Europeo con i cui contributi sosteniamo anche questa edizione. La Redazione La prima redazione del Ferrarino La copertina del primo numero Nella foto in alto, la redazione del corrente a.s. Sommario 3 Ferrara News 4 Il Parlamento della Legalità 5 La mostra sulla grande guerra 6 Il portale della bellezza 7 Il modello Canvas 8-13 Speciale PON C1 14 Giovani in cerca di futuro 15 Agorà 16 Le new entry 17 La posta dei lettori 18 Sportivamente 19 Musicalmente 20 Relax Il Ferrarino Periodico dell IISS F. Ferrara - Palermo Tel Anno 10 n. 1 Nov Comitato di redazione: Vincenzo Baiamonte, Carola Marino VR, Luisa Sajola IIIS, Danilo Aliotta, Alessia. Palmeri V I, Claudia Puccio, Floriana Giuffrida, Eleonora Balistreri IVM, Chiara. Migliore IVQ, Silvia Brena IT Hanno collaborato in questo numero: D. Vaianella, F. Aliotta, U. Peerbocus, D. Caldarella, R. Gulino, C. Mancino, S. Testa, S. Cippo, E. Firdaus, Docenti impegnati nel progetto: G. Calì, A. Li Vigni, V. Muscato, C. Prainito Stampa: Tipolitografia Fiorello Via Castiglia, Partinico (PA)

3 Stop alla violenza sulle donne Botte, abusi fisici, offese, ingiurie e violenze psicologiche sono tutte forme di una diffusa cultura maschilista che schiaccia la donna. Spesso i maltrattamenti sono silenziosi e si nascondono fra le mura domestiche; difficilmente le donne riescono a denunciare. Il pudore, la vergogna, la rassegnazione o l illusione di potercela fare la sole, spinge le vittime degli abusi a tacere sopportando pene indescrivibili. I comportamenti violenti degli uomini distruggono il rapporto in una coppia. A volte un semplice cambio d umore scatena nell'uomo azioni brutali come la violenza verbale, fisica o l assassinio. Ma quali sono le ragioni? Rabbia, pazzia, gelosia, ossessione, e manie di possesso. Il 25 Novembre è la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne. In questi ultimi anni, anche grazie ai mezzi d'informazione, stiamo cominciando a capire come il fenomeno della violenza sulle donne sia radicato e diffuso nella società d oggi, anche più di quello che pensavamo. Per questo, alcune classi della nostra scuola e alcune classi del liceo scientifico B. Croce il A spasso per l Europa con Erasmus + Da Gennaio 2014 ha avuto inizio Erasmus +, il nuovo programma europeo per l educazione, la fomazione, i giovani e lo sport per gli anni Erasmus + raggruppa in un unico programma integrato i preesistenti sette strumenti comunitari (tra i quali Comenius, Leonardo, Erasmus Grundtvig) e consiste in tre tipi di azione: Azione chiave 1: la mobilità ai fini di apprendimento individuale, Azione chiave 2: la cooperazione per l innovazione e le buone pratiche e Azione chiave 3: il sostegno alle riforme negli Stati membri. Nell ambito di tale programma di Daniele Vaianella IV T giorno 25 si sono recate a palazzo Comitini per partecipare ad un dibattito organizzato dalla fondazione Onlus Come una Marea in collaborazione con la Regione Sicilia. Qui numerosi ospiti hanno voluto raccontare le loro esperienze e le loro relazioni in merito all'argomento, tra di essi c'era anche la nostra D. S., Prof.ssa Eliana Romano, che ha illustrato la sua relazione in merito all'educazione all'identità di genere e alle pari opportunità. L educazione infatti è un mezzo per sconfiggere la violenza e la cultura della prevaricazione. E un lavoro duro e faticoso perché sin dall antichità la donna è stata sottomessa e discriminata da una cultura tutta al maschile che è giunta persino a sfruttare economicamente questi comportamenti ignobili. Molte donne A marzo il primo incontro in Spagna europeo, il nostro Istituto è risultato beneficiario di un finanziamento relativo all azione chiave 2 in partenariato con altre cinque istituzioni scolastiche europee: un istituto di Ferrol- Spagna (istituto coordinatore del progetto), un istituto di Bejus-Romania, un altro di Kungsbacka-Svezia, un altro di Bierun-Polonia e un altro ancora di Yalova-Turchia. Il progetto, dal titolo What s New on the News coinvolgerà trenta studenti provenienti dai corsi Turismo e Relazioni Internazionali e un gruppo di docenti del nostro istituto. I mezzi di comunicazione di infatti sono spesso usate anche dalla criminalità organizzata per guadagnare illecitamente denaro e non ci sono limiti morali perché le vittime sono sempre più giovani e spesso minorenni, obbligate a prostituirsi dopo essere state vendute come vere e proprie schiave. In un era di scoperte e cambiamenti scientifici e tecnologici, in un tempo in cui l'informazione e la possibilità di esprimere la propria opinione è sempre più semplice e immediata, è intollerabile che ci sia ancora una società in cui la donna sia definita o pensata come un oggetto e non una persona. Noi ragazzi saremo il futuro di domani e dobbiamo superare questi preconcetti e queste forme di discriminazione contro le donne, perché siamo tutti uguali. massa saranno il tema dominante che sarà studiato e analizzato dagli studenti nei tre anni di svolgimento del progetto. Gli alunni di ciascun paese avranno il compito di analizzare un mezzo di comunicazione di massa, in particolare, gli studenti del nostro Istituto si occuperanno della carta stampata. Il progetto prevede anche la mobilità di 15 studenti e 5 docenti in occasione dei 6 meetings transnazionali che si effettueranno in ciascuno dei paesi coinvolti, che avranno inizio nel marzo 2015 in Spagna e termineranno a Maggio 2018 in Ferrara News Progetto Cinema e Teatro Cinema e teatro costituiscono due appuntamenti imperdibili per noi del Ferrara. Un modo per crescere culturalmente e socializzare fuori dalle aule scolastiche condividendo l'esperienza fascinosa del grande schermo e del palcoscenico. Per avvicinare i giovani all arte anche per quest'anno, con cadenza mensile, gli alunni e i docenti avranno l'opportunità di accedere a prime visioni o film cult presso il cinema Rouge et Noir. Dopo la visione de Il giovane favoloso, l intenso film che ricostruisce la vita e la poetica di Giacomo Leopardi, il 3 dicembre è stata la volta di Divergent: Questi i film che prossimamente saranno proposti: Storia di una ladra di libri, La migliore offerta, Colpa delle stelle. Ma non è solo il cinema a riscuotere successo e consensi, anche la nostra offerta teatrale risulta gradita agli allievi e per questo da quest'anno si arricchisce e diversifica. Grazie agli abbonamenti acquistati dalla scuola, gli alunni potranno assistere gratuitamente non solo alle rappresentazioni organizzate e prodotte dal Teatro Libero ma anche a quelle del Teatro Biondo. Romania. Nel corso di tutta la durata del progetto gli studenti saranno coinvolti in diverse attività che saranno inserite nel blog appositamente creato dal team spagnolo e, al termine di ogni anno, pubblicheranno un giornale online. La referente del progetto, D. Ganci 3

4 Il Parlamento della legalità Insediato il Parlamento della legalità multietnico per a.s. 2014/15 Una festa vissuta con emozione, serietà, professionalità e voglia di proporre una cultura di vita. Con queste motivazione ci siamo ritrovati in tanti nella accogliente aula magna del "Ferrara" per condividere il progetto di ricerca "L'Italia è ancora un Paese bellissimo ma ha bisogno di te". L'augurio e l'incoraggiamento a essere una cosa sola nella "diversità culturale" ha spronato studenti e studentesse a mettersi in gioco e a ricolorare di speranza e di bellezza tutte quelle iniziative che vedono la scuola "palestra di vita". Al dirigente scolastico Eliana Romano è già pervenuto il plauso per questa iniziativa dal MIUR e in modo particolare dal Direttore Generale la dott. Giovanna Boda la quale da anni segue il cammino culturale del Parlamento della Legalità e ne apprezza finalità e contenuti. A tutti i neo parlamentari del "Ferrara" un augurio di cuore per un impegno culturale in difesa dei grandi valori della vita. Nicolò Mannino Nella foto accanto, Il Pres. del Senato P. Grasso, N. Mannino e C. Chinnici. A dx, la lettera che il Pres. del Senato P. Grasso ha indirizzato al Parlamento della L. Nella foto sotto, Mons. Staglianò, N. Mannino e Maria Falcone. Senato della Repubblica Il Presidente Roma, 11 novembre 2014 Prot. Gab. 8034/2014 Gent.mo Presidente In occasione dell insediamento del Parlamento della Legalità Multietnico della scuola Francesco Ferrara desidero esprimere la mia ideale adesione ed il mio più sincero apprezzamento per il lavoro e l impegno che lei ed il dirigente scolastico Eliana Romano svolgete con dedizione e responsabilità nell interesse degli studenti. L iniziativa da voi organizzata e promossa si pone come momento di confronto e di crescita nella formazione di una coscienza etica capace di vedere il fenomeno delle scuole multietniche come risorsa, capace di rispettare le regole e difendere le varie identità culturali, per costruire un reale processo di integrazione. La presenza nelle scuole di tanti bambini di origini straniera rappresenta una ricchezza didattica e culturale ed i progetti di integrazione all interno della scuola stessa sono la risposta aperta ad una situazione tipica dell Italia di oggi e del futuro. Sono convinto che diffondere tra i giovani l idea della fratellanza e dell amicizia, educarli alla legalità ed ai valori non negoziabili di uno Stato di diritto siano la base fondamentale per vivere in una società migliore e per garantire una pacifica convivenza sociale. L occasione è gradita per invitare i miei più cordiali saluti ed auguri di buon lavoro. "Siete Voi il lievito della nuova società che sta nascendo" MARIA FALCONE SCRIVE AI GIOVANI DEL PARLAMENTO DELLA LEGALITA' MULTIETNICO DEL "FERRARA" Gentilissimi, I miei migliori auguri agli studenti che aderiscono all iniziativa dell Inno alla vita in un Parlamento della legalità Multietnico. Questa esperienza vi apre al più importante valore per il vostro futuro: il rispetto delle istituzioni, della giustizia e della vostra diversità senza le quali non vi può essere una democrazia. Siete voi giovani che con le vostre scelte potrete decidere da che parte stare in ogni circostanza. Scegliere la legalità può costare fatica, ma l esempio di Giovanni che non si è arreso neanche nei momenti più duri vi sia di aiuto e di guida per rimanere fedeli al vostro ideale. Siete voi il lievito della nuova società che sta nascendo. Un grazie particolare va al Dirigente Scolastico dell Istituto Francesco Ferrara Prof. Eliana Romano e al Prof. Nicolò Mannino, presidente dell Associazione Parlamento della Legalità, che da anni partecipano alle iniziative di educazione alla legalità proposte dalla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, che ancora una volta si distinguono per il loro impegno educativo sui temi della legalità. Cordialmente, Prof. Maria Falcone 4

5 Ogni momento poteva essere l ultimo La classe V Q alla mostra sulla grande guerra Di FILIPPO ALIOTTA VQ Ogni anno, il 21 novembre si festeggia la giornata nazionale dell albero con la finalità di valorizzare e celebrare gli alberi e il loro indispensabile contributo alla vita. Spesso, infatti, non ce ne rendiamo nemmeno conto, ma gli alberi sono davvero fondamentali nella nostra vita e per il nostro ambiente, ma ad oggi il loro numero sta diminuendo a dismisura, soprattutto perché gran parte di essi viene abbattuta per costruirvi sopra edifici o parcheggi. Ci dimentichiamo che gli alberi assorbono anidride carbonica e restituiscono ossigeno, proteggono la biodiversità, hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione del dissesto idrogeologico. Anche quest anno, allora, numerosi studenti delle scuole italiane, pianteranno centinaia di giovani alberi lungo la penisola per riqualificare le aree degradate e per rendere le città più verdi, belle e vivibili. Oltre a piantare alberi ci sarà un gesto che Giornata nazionale dell albero di Uzaima Peerbocus III M parla al cuore di chi, come noi, ama la natura: abbracciare un albero per un gesto di gratitudine verso i nostri amici che ci regalano aria pulita, ombra, frutti. Nella foto, alcuni alunni del nostro Istituto prendono in affidamento gli alberelli che, su richiesta della prof.ssa L. Di salvo, il corpo forestale di Palermo ha consegnato alla nostra scuola. Ferrara news A distanza di un secolo, ricorre l anniversario della Grande GUERRA. Le nuove generazioni ne conoscono solamente la natura storica, ma è fondamentale non dimenticare, attraverso tutti gli strumenti a nostra disposizione, quello che i nostri predecessori hanno vissuto spesso a prezzo della propria vita. Dovremmo sentirci onorati ad andare a visitare mostre che ricordano la Prima Guerra Mondiale, come quella che abbiamo visitato a palazzo Ziino a Palermo, dove erano esposte fotografie del fronte e della trincea. Questa guerra, dal punto di vista temporale forse sarà distante da noi, ma moralmente e soprattutto umanamente - col sacrificio di una immensa quantità di padri, fratelli, nonni ci è veramente vicina. Grazie alle immagini e ai documenti della memoria possiamo renderci conto degli errori commessi in passato da uomini che hanno fatto la storia: guardare la durezza della vita al fronte deve essere infatti un monito per le nuove generazioni a riflettere sulla guerra. Soffermiamoci a pensare quanto è cambiato oggi il diritto: i giovani non hanno più l obbligo di leva, mentre quei giovani che vissero durante la Grande Guerra venivano strappati alla loro vita e alla loro giovinezza dalla crudele Signora nelle trincee. In trincea la vita era durissima: non potevano permettersi il lusso neanche di sospirare, perché sarebbe bastato semplicemente un attimo per rischiare di prendersi un colpo dritto in fronte da un cecchino. Come dimostra questa fotografia, dal valore emotivo immenso, le condizioni di vita al fronte erano disastrose, si viveva nel quasi totale digiuno e nella scarsissima igiene. Come tutto questo può non farci riflettere? Giovani adolescenti mandati allo sbaraglio, vivevano in uno stato di degrado fisico e psicologico, si lasciavano andare alla disperazione perché ogni momento poteva essere l ultimo. La guerra, come tutti ben sappiamo, esiste da tempo immemore: eppure, dall antichità ad oggi nulla è cambiato perché con i nuovi mezzi bellici ad alta tecnologia per la distruzione di massa, l essere umano è sempre lo stesso, cerca modi sempre più complessi per distruggere e autodistruggersi. Documenti materiali, come fotografie e cimeli, come quelli esposti in mostra, debbono far riflettere ognuno di noi. L orrore vissuto dalle generazioni passate non dovrebbe mai ripetersi. Vogliamo più alberi Vogliamo più alberi perché rappresentano un polmone verde fondamentale per la sopravvivenza del pianeta. Vogliamo più alberi e meno cemento perché il rischio idrogeologico è diventato una minaccia ad ogni pioggia. Vogliamo più alberi per migliorare la qualità della vita nelle città. Vogliamo più alberi per evitare di affrontare problemi ed emergenze ambientali sempre nuovi e su scala globale. Vogliamo più alberi perché nelle foreste, quando i rami litigano per il vento, le radici si tengono per mano. Vogliamo più alberi per riqualificare aree urbane degradate. Vogliamo più alberi perché la loro presenza migliora decisamente il paesaggio urbano e rende più gradevole la permanenza in città. L. Di salvo 5

6 Ferrara news Il portale della bellezza di Dalila Caldarella VQ IL CONSIGLIO DEI RAGAZZI di R. Gulino e C. Mancino III M Bella ed immensa città. La più vasta ed eccelsa metropoli del mondo. Palermo ha edifici di tale bellezza che i viaggiatori si mettono in cammino per ammirarla È così che il geografo Idrisi descrisse la nostra città nel XII secolo. Ed oggi? Che si pensa della nostra Palermo? Di difetti ne ha tanti e tutti li conosciamo, dal degrado urbano alla disorganizzazione pubblica, ma chi di noi si è mai fermato ad ammirare l immensa bellezza di Palermo? Io l'ho fatto e sono rimasta meravigliata dalla grande ricchezza che abbiamo. Una delle tante meraviglie è Porta Felice, la porta d'ingresso dal lato mare al Cassaro (corso Vittorio Emanuele). Prende il nome da Donna Felice Orsini, moglie del vicerè spagnolo Marcantonio Colonna. La porta, costituita da due imponenti strutture architettoniche adornate, fu progettata dall'architetto Mariano Smiriglio e fu terminata nel Le due strutture che compongono la porta hanno caratteristiche sia rinascimentali sia barocche. Io e la mia classe il 17 ottobre 2014, accompagnati dalla professoressa Campanella, abbiamo avuto il piacere di salire in alto sulla porta, e siamo rimasti incantati alla vista di Palermo da quella prospettiva. Dopo questa esperienza, non posso che essere d'accordo con Idrisi, Palermo è un tesoro di arte, cultura e storia e ognuno di noi dovrebbe soffermarsi ad ammirarla. Un giorno a Repubblica Giusto qualche giorno fa, è passata tra le classi una circolare, che informava tutti noi studenti dell Istituto Ferrara della possibilità di partecipare al Consiglio dei ragazzi, ovvero un organo formato da vari ragazzi, selezionati dalla scuola primaria (classi IV-V), dalla scuola secondaria di primo e secondo grado, che abbiano prerogative propositive. A tal fine è stato indetto un concorso, basato sull'elaborazione di un tema, riguardante la Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. La Convenzione ONU, ovvero CRC (Convention on the Rights of the Child), è composta da 54 articoli ed è suddivisa in tre parti: l'enunciazione dei diritti, l'individuazione di organismi preposti, le modalità per l'implementazione, monitoraggio della Convenzione e la procedura di ratifica. Il 12 Dicembre 2014, dalle ore 9:00 alle ore 13:00, nel nostro Istituto e negli altri istituti partecipanti, gli alunni che hanno presentato domanda, svolgeranno la prova scritta, che sarà esaminata da una Commissione di docenti, che deciderà chi farà parte del Consiglio Comunale dei Ragazzi. Gli alunni meritevoli resteranno in carica per 12 mesi e si attiveranno per proporre iniziative per i ragazzi del Comune di Palermo, al fine di migliorare la città e renderla più adeguata alle esigenze dei suoi ragazzi. di Sara Testa III M Nel nostro Istituto, ormai da ben le scuole di Palermo. 10 anni, a chiunque di noi sia "Un giorno a Repubblica" è stata una interessato, viene data la possibilità lezione-spettacolo, nel corso della quale, in di scrivere articoli sul rappresentanza del Ferrarino, io e Sonia Ferrarino, il nostro giornalino. Jerbi, accompagnati dai docenti Calì e Li Questo interesse, se viene coltivato, può Vigni, abbiamo avuto modo di incontrare portarci a fare nuove esperienze nel campo ed ascoltare gli interventi dei più importanti del giornalismo. giornalisti e redattori de La Il quotidiano nazionale "La Repubblica", il Repubblica. 18 Ottobre 2014, nei locali del Teatro Al Abbiamo potuto anche constatare quanto Massimo di Palermo, ha dato luogo ad sia impegnativo lavorare in un giornale di un'iniziativa dal titolo "Next", organizzando grande rilievo. un incontro chiamato "Un giorno a Questo viaggio, all interno delle reda- Repubblica", un evento indirizzato a tutte zioni de La Repubblica, è stato intrapre- 6 so tramite un cortometraggio raccontato dal Direttore Ezio Mauro e integrato, in seguito, da un dibattito con i giornalisti, ai quali abbiamo potuto, tramite interventi, rivolgere alcune domande. segue nella pag. accanto

7 Il Modello Canvas Il Business Model Canvas è un documento flessibile utilizzato per verificare se un idea d impresa è sostenibile. Non richiedendo particolari competenze specifiche, il modello risulta di facile utilizzo per tutti coloro che, anche senza essere in possesso di una formazione tecnica, intendono avviare un attività imprenditoriale. Proprio su questo strumento il collegio docenti del Ferrara ha deciso di puntare per coinvolgere maggiormente gli alunni nell attività formativa proposta dal nostro Istituto. Infatti, stimolando la creatività e lo spirito di iniziativa economica degli allievi, si finisce per rafforzare anche la loro motivazione allo studio. Inoltre, questo approccio sicuramente avvicina la scuola al mondo delle imprese che, insieme all alternanza scuola-lavoro, risulta essere uno degli obiettivi principali della Buona scuola. In particolare, nel nostro Istituto, le classi IV Q, IV S e IV A hanno già partecipato al Corso sulla nuova imprenditoria tenuto dai formatori di UNICREDIT e incentrato proprio sul modello Canvas. La classe IV R, invece, già in precedenza coinvolta nell attività formativa di Unicredit, nel mese di febbraio p.v, approfondirà con un modulo interdisciplinare il tema delle start-up e dell auto imprenditorialità. A giudicare dalla risposta positiva degli alunni, sembra che la strada intrapresa sia quella giusta, considerato che l idea di puntare sull auto impiego e sulla propria creatività comincia a prendere piede fra i nostri ragazzi. Lo testimonia anche l articolo pubblicato sotto che C. Marino ha inviato alla nostra redazione. Il lavoro non si trova, si crea! di C. Marino V R Un giorno da imprenditori A chi non è mai stata posta da bambini la tipica domanda che lavoro vorresti fare quando sarai grande? Chi non ha mai risposto sbizzarrendosi con i mestieri più nobili e più improbabili? E quanti sono riusciti a realizzare il sogno nel cassetto? I giovani, di qualsiasi fascia d età, non riescono più a porsi degli obbiettivi di vita, non riescono ad immaginare il proprio futuro poiché oggi ( in un periodo di profonda crisi) alle idee vengono tarpate le ali ancor prima di spiccare il volo. L uomo è un essere pensante, e come tale è dotato di immaginazione e creatività, così come ci insegna la storia; l uomo è sempre stato autore di innovazioni attraverso una moltitudine di scoperte tecnologiche e scientifiche da cui è condizionato il nostro modo di vivere e pensare. Ma perché quindi non siamo più in grado di pensare oltre ciò che è? Perché non andare oltre la superficialità? La risposta la si può trovare analizzando se stessi: i giovani d oggi mancano di curiosità e diffidano dalle novità. Meglio il male già (Segue dalla pagina precedente) All evento hanno partecipato anche il Sindaco Leoluca Orlando e il Presidente della Regione Rosario Crocetta, i cui interventi hanno sottolineato l importanza della scuola e della cultura. Alla fine ci è stato presentato il progetto il nuovo portale, che consente di interagire direttamente con le scuole di tutta Italia. conosciuto, che il male da conoscere direbbe qualcuno, ma non tutti i mali vengono per nuocere ribatterebbe qualcun altro! I giovani italiani, da ciò che si evince dalle ricerche, hanno idee molto confuse sul tema della creatività. La creatività è una dote umana che si palesa in molti ambiti e contesti, e in quale ambito migliore si potrebbe applicare se non quello del lavoro, specialmente in questi tempi così difficili in cui il lavoro è precario o addirittura inesistente? Bisogna esser capaci di far grandi salti col pensiero, di vedere in grande e dar spazio alle idee. E questa capacità la si può acquisire attraverso le esperienze, da modelli da imitare, dalla conoscenza di nuove culture, nuovi modi di pensare e nuovi ambienti. Il problema della mancanza di lavoro in Italia è una questione non indifferente, ma per ogni problema c è sempre una soluzione. Oggi si può affermare quindi che il lavoro non si trova, si crea! La preoccupazione per la crisi economica non è solamente un problema degli adulti. Per la prima volta, visto che ormai il posto fisso è a rischio di estinzione, ci siamo resi conto di come sia importante creare il proprio lavoro, mettendo in gioco le nostre abilità e la nostra immaginazione. Il 24 novembre scorso abbiamo partecipato al primo incontro del progetto CAN- VAS con i formatori di Unicredit e per cinque ore abbiamo simulato la mentalità imprenditoriale, esponendo le nostre idee e proponendo modelli di imprese per noi innovative che vorremmo un giorno poter creare. Il CANVAS è un modello di business che aiuta l imprenditore a mettere in pratica le sue idee, ponendolo a confronto con i problemi reali della start up. Alcuni di noi hanno proposto vari tipi di impresa, per esempio un atelier di moda casual per ragazzi e una pasticceria specializzata in muffin, tenendo conto di aspetti fondamentali quali i partner-chiave, le attivitàchiave, le risorse-chiave, il valore offerto, le relazioni coi clienti, ecc. Quest esperienza è stata davvero importante per tutti noi, perché ci ha ispirato e ci ha fatto toccare con mano cosa significa realizzare il nostro futuro lavorativo e soprattutto cosa significa crederci. Le ragazze e i ragazzi della IV Q liceo scienze umane indirizzo socio-economico. Nella foto accanto, la IV Q durante l attività formativa di Unicredit. In alto, i formatori di Unicredit e alcuni alunni della IV S con in mano gli attesti di partecipazione al corso. 7

8 Speciale PON C1 Progetti PON. Straordinaria occasione di crescita Grazie a due progetti PON C- 1- realizzati dal nostro Istituto, trenta alunni delle classi quarte e quinte hanno avuto la possibilità di soggiornare gratuitamente all estero per tre settimane. In particolare, grazie al progetto C1-FSE Apprendre avec joie, 15 alunni hanno frequentato a Parigi la scuola di francese per stranieri France Langue per 60 ore. Altri 15 alunni, invece, grazie al progetto C-1-FSE Trip to England hanno frequentato un corso di inglese tenuto dalla Lewiss School presso il Campus New Land Park Academy, alla periferia di Londra. L'obiettivo C specifico di questo Programma Operativo Nazionale, finanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE), è quello di migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani. Nella fattispecie, l'azione C.1 prevede interventi formativi per lo sviluppo delle competenze chiave, vale a dire "Comunicazione nelle lingue straniere" attraverso un percorso formativo realizzato direttamente in uno dei Paesi Europei. 8 L obiettivo perseguito è quello di rafforzare e consolidare le capacità di comprendere, esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta in una gamma appropriata di contesti sociali e culturali. L approccio metodologico è quello della full immersion in un contesto di lingua straniera al fine di far acquisire conoscenze, competenze e abilità fondamentali per facilitare l'acquisizione di forme di comportamento che consentano di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa. Il giudizio complessivo sui risultati ottenuti da entrambi i progetti non può che essere positivo, in considerazione della significativa crescita umana e culturale di cui si sono resi protagonisti gli alunni convolti nei progetti. Ciò è testimoniato anche dalle riflessioni degli stagisti che vi proponiamo nelle pagine seguenti, con l auspicio che questi proficui investimenti possano ripetersi nel futuro. Apprendre avec joie Il gusto di imparare Il titolo del progetto dello stage linguistico nella capitale francese giustifica tutto il programma su cui esso si è basato e lo spirito con cui è stato concepito: Apprendre avec joie (imparare con gioia). Esso interpreta, anche, uno dei fondamenti della didattica più moderna ma affonda le radici nei più classici degli scrittori e dei pedagogisti. Senza volere chiamare a testimonianza gli innumerevoli teorici della buona pratica didattica e della vera buona scuola, e giusto per rimanere in ambito francofono, non posso non pensare allo scanzonato Rabelais che, già nel XV secolo, tra il serio e il faceto, nella sua operazione dissacratoria nonché derisoria della buona scuola di quel tempo, suggeriva, per l educazione e l istruzione dei suoi personaggi giganteschi, la necessità di un metodo di apprendimento basato sul divertimento, sul gusto, sulla voglia di scoprire, in modo personale, l ambiente circostante così ricco di stimoli ancor più dei preziosi contenuti dei libri facendo, soprattutto, appello all intelligenza e alla capacità dell allievo di rielaborare criticamente i dati appresi e non certo alla sua capacità di apprendere mnemonicamente. D altronde Rabelais, da buon umanista, la sapeva lunga se considerava l alunno non un vaso da riempire ma un fuoco da accendere. Dal canto suo, Montaigne, un altro umanista un po più serioso, anch egli preoccupato dell istruzione dei giovani, replicava: non è importante una testa piena ma una testa ben fatta, indicando così la necessità di un metodo fondato sulla curiosità, sul piacere di scoprire che inducano l alunno a maturare un atteggiamento positivo verso l apprendimento più qualitativo che quantitativo. Che cos è dunque questa gioia? È la manifestazione conclamata dell avvenuto apprendimento poiché essa testimonia le motivazioni che l alunno ha trovato per giungere ad un risultato concreto; è il veicolo per un apprendimento efficace. Il Pon in oggetto non ha fatto che sviluppare questi punti programmatici, ponendo gli alunni nella possibilità di cogliere dal vivo le peculiarità della società del paese di cui studiano la lingua, di vivere quotidianamente la civiltà, elaborando in modo immediato, differenze e similitudini con il proprio paese di origine. Gli alunni hanno avuto soprattutto, la possibilità di rivivere episodi storici ripercorrendo la vita e le opere di grandi personaggi o ricercando geograficamente luoghi e testimonianze della storia francese.

9 Lo stage in Francia Essi sono stati accolti dalle famiglie parigine con le quali hanno convissuto per tutto il periodo, avendo così l opportunità di conversare con tutti i membri, conoscerne le abitudini, i gusti culinari, il loro modo di vivere e di interagire con un altra cultura. Con ciò essi hanno avuto la possibilità di travalicare i confini della loro insularità che in molti casi, ancora, è sinonimo di chiusura e di grettezza, per scoprire ciò che una società multiculturale e multirazziale può offrire. C è chi tra i ragazzi ha stabilito rapporti di tipo filiale con la famiglia ospitante parlandone come una famiglia adottiva; chi, ha portato in dono un piccolo souvenir siciliano; chi ancora ha lasciato un piccolo dono in ricordo del proprio soggiorno in segno di riconoscenza e di gratitudine in cambio dell ospitalità offertagli che, certo, va al di là dei finanziamenti europei!! Gli alunni, inoltre, hanno frequentato un corso di 60 ore di lingua e civiltà francese con un docente del luogo che, quotidianamente, li ha messi nella condizione di attivare la loro curiosità ricercando nella metropoli, attraverso monumenti, strade, luoghi, persone e personaggi episodi e fatti curiosi; li ha stimolati a conversare con la gente, a chiedere informazioni o a parlare di sé con i membri della famiglia di accoglienza, favorendo, così, momenti di riflessione col fine ultimo di sviluppare le competenze linguistiche della lingua scritta e orale. Egli ha inoltre approfittato delle loro escursioni, chiedendo loro un resoconto delle loro visite e di quello che li aveva colpiti di più della metropoli e, infine, compilando un simpatico journal de bord, una sorta di diario corredato di foto e di riflessioni degli stessi alunni. È stato veramente divertente, oltre che soddisfacente per un docente, osservare come alcuni alunni hanno attivato immediatamente le loro capacità di intraprendenza. Ricordo con piacere alcuni che, pur con mille difficoltà lessicali e grammaticali, chiedevano informazioni a tutti i passanti pur di praticare la lingua. E ricordo l entusiasmo o la delusione quando trovavano risposta o venivano ignorati da passanti frettolosi. Ciò che mi ha colpito è stato soprattutto la loro capacità di adattamento quando già, dopo pochi giorni, sapevano orientarsi nella complessa rete della metropolitana parigina o ancora quando non si sono lasciati scoraggiare da qualche imprevisto ma hanno vissuto l esperienza parigina gioiosamente e con spirito di avventura! Dopo le lezioni gli alunni hanno avuto modo di conoscere la storia della Francia, e non solo, attraverso visite guidate nei celeberrimi Musée du Louvre e Musée d Orsay, nei quartieri del cuore di Parigi e in quelli più popolari e soprattutto è stato interessante osservare l approccio entusiastico degli alunni alla conoscenza di questa città. Alcuni di essi, infatti, di loro iniziativa, sono ritornati a visitare il Louvre. C è chi ha voluto provare l emozione di fare qualche passo di danza nel celebre teatro dell Opéra; c è chi si è recato nel quartiere di St. Denis per andare a vedere la statua della regina Marie - Antoinette e c è chi ha provato l emozione di sdraiarsi comodamente su una delle tre piramidi davanti al Louvre. Tutto ciò dimostra un appropriarsi entusiasticamente della città, quasi una voglia di farne subito parte, superare il limite della lingua e della cultura e lasciarsi coinvolgere, buttarsi a capofitto per afferrare il più possibile di quanto una città come Parigi può offrire. Parigi, si sa, è una città che affascina, incanta, seduce, è una città che invita ad un modo di vivere pieno e ricco di stimoli culturali. È una città in cui i pregiudizi hanno già da tempo lasciato il campo alla libertà dell individuo il quale viene accettato per quello che è senza che venga stritolato da sguardi indiscreti e da paroline derisorie e se un giudizio vale, vale per l essenza e non per l apparenza. Parigi, infine, è la città in cui tutti i contrasti devono esplodere per ritrovare il naturale equilibrio, ma è anche la città in cui tutti hanno una possibilità di effondere il proprio spirito, cioè di realizzarsi pienamente. Tra gli alunni c è chi ha compreso bene questo concetto se pensa di ritornarvi a breve per potere continuare un sogno che si è interrotto, o chi ha deciso di andarvi a vivere per sempre. Penso che se qualcuno degli alunni, ritornando a casa, si trovi cambiato, al di là delle competenze e delle conoscenze linguistiche acquisite, vuol dire che la buona scuola è riuscita nel suo intento. Per dirla con Piaget: l alunno è una persona che cresce in un processo continuo di adattamento tra maturazione interna e ambiente esterno. Se per altri ciò non è accaduto, poiché hanno lasciato che qualche inconveniente oscurasse del tutto il loro soggiorno, dimostrando così soltanto incapacità di adattamento e incapacità di ampliare i loro orizzonti culturali, al punto da aspettare ansiosamente il momento del ritorno a casa, probabilmente è perché hanno temuto di perdere il loro spirito piuttosto che preoccuparsi di ritrovarne uno nuovo. E in questi casi - io e Piaget - ce ne faremo una ragione! Prof.ssa G. Basile 9

10 Lo stage in Francia Paris, un rêve devenu realité Parigi, una città che merita, indubbiamente, di essere visitata. Il mese scorso abbiamo avuto la fantastica possibilità, grazie alle iniziative proposte e/o accolte dal nostro Istituto e dalla nostra amata Preside, di partecipare ad uno stage della durata di tre settimane. Accompagnati dalle professoresse Varisco, Palazzo e Basile ci siamo recati a Parigi, dove abbiamo avuto l occasione di frequentare una scuola parigina privata e seguire un corso, in modo tale da svolgere l esame DELF di francese, una volta tornati in Italia. Quando siamo arrivati all aeroporto di Parigi-Orly un taxi è venuto a prenderci e ci ha portato presso le famiglie ospitanti. Qui, abbiamo vissuto, a coppie e coloro che ci hanno ospitato sono stati disponibili e cortesi. Dal momento che ci trovavamo in un Paese diverso dal nostro, non potevamo non riscontrare delle "stranezze", delle abitudini diverse dalle nostre. Grazie a questa convivenza abbiamo fatto molti progressi linguistici, che non avremmo fatto se fossimo stati in hotel, infatti parlavamo tantissimo, di qualsiasi argomento, in francese. Ogni mattina ci recavamo nella nostra nuova scuola, sita nei pressi della Cattedrale di Nôtre Dame dove, siamo stati seguiti dal professore Matthieu, durante tutta la nostra permanenza. I corsi sono stati piacevoli e non troppo pesanti e dalle nostre 10 finestre entrava il dolce profumo di Parigi, piuttosto che la puzza di frittura del panellaro! E, signore e signori!, non sentivamo nemmeno "E' nu juorno buono, stammatina m'a scetat' o' sol..." provenire dalle auto che passavano. Dopo ogni lezione ci recavamo al ristorante low cost Flunch, dove consumavamo i pasti giornalieri e, nel pomeriggio, visitavamo i luoghi e i monumenti più celebri della capitale francese. Tra i monumenti che abbiamo visitato ricordiamo: la Tour Eiffel, la Cattedrale di Nôtre- Dame, la Basilica del Sacro- Cuore (quindi il quartiere di Montmartre), il museo del Louvre e quello d'orsay, il quartiere di Belleville, il castello di Versailles e i suoi giardini, Disneyland...e tanto altro ancora! Vedere la Tour Eiffel è stato davvero emozionante, ma anche Disneyland ci ha fatto tornare bambini. A proposito della Tour Eiffel, non ci si rende conto della sua maestosità, fin quando non ce la si trova davanti! Le foto che si vedono sul web non rendono appieno e di presenza è tutta un'altra cosa! E, da bravi siciliani, cosa non poteva mancare? Il CIBO! Baguettes, croissants, quiche Lorraine, crêpes infinite con la nutella, ammirando di sera la "Dama di ferro" illuminata, non capita tutti i giorni. I francesi non sono come li immaginavamo, la maggior parte erano disponibili e gentili Il codice stradale viene rispettato e non c'é alcun problema ad attraversare la strada. Naturalmente, come tutte le grandi metropoli, i furti sono all ordine del giorno e ad una di noi è stato rubato il telefonino. Malgrado qualche inconveniente organizzativo, è stata un'esperienza fantastica, abbiamo realizzato un piccolo sogno, abbiamo migliorato le nostre conoscenze in lingua francese e appreso alcuni usi locali a noi sconosciuti. Siamo soddisfatti dell esperienza e la consigliamo a tutti! Giusy Di Bartolo ed Eleonora Balistreri IV M Lo stage a Parigi è stata un esperienza meravigliosa perché si è realizzato uno dei miei sogni! Sivarajah Sivajeni IV R Amo viaggiare e poter andare in Francia è stata una delle opportunità più belle della mia vita! Xu Ruini Liliana IV R L esperienza a Parigi è stata fantastica perché è stato uno dei viaggi più belli che io abbia mai fatto. Thevantham Dishana IV R Questa esperienza mi ha aiutata molto sia ad apprendere meglio la lingua francese sia a diventare più autonoma e responsabile Chiara Arrivas IV M Questa esperienza è stata per me qualcosa di fantastico! Vivere in famiglia, anche se all inizio ci spaventava un poco, ci ha permesso di fare nuove amicizie e migliorare non poco la lingua: è stato qualcosa di veramente unico! Un esperienza che vorrei senz altro ripetere e che consiglio a tutti. Antonio Campagna IV M E stato un viaggio molto costruttivo che mi ha aperto la mente e mi ha aiutato ad apprezzare le lingue straniere in generale, non solo il francese Nadia Mazzeo IV M

11 Non è stata una vacanza di Alessia Palmeri V I Lo stage in Inghilterra Quando mi hanno detto che un viaggio influisce sulla nostra vita pensavo fosse una banalità. Non credevo che il viaggio avesse questa capacità finché non ho preso parte allo stage in Inghilterra. Non è stata una vacanza. C erano degli orari da rispettare e abbiamo dovuto adattarci a tutto ciò che avevamo a disposizione. I primi giorni sono serviti ad ambientarci nel campus. Durante le lezioni, iniziate il lunedì successivo alla nostra partenza, siamo stati seguiti da giovani insegnanti con i quali abbiamo instaurato una profonda sintonia. Certo non abbiamo solo studiato! Le escursioni, infrasettimanali e nei weekend, ci hanno permesso di visitare i luoghi e i monumenti più importanti di Londra. Che meraviglia prendersi un po di tempo per fare shopping. Durante le ore libere, per tenerci occupati, i tutor della scuola organizzavano per noi delle attività in campus. Sono state tre settimane molto intense. Sebbene il periodo di adattamento sia stato lungo, pian piano abbiamo saputo adeguarci alla nuova cultura. Le giornate trascorrevano fra alti e bassi, magari si passava da momenti divertenti a momenti di impegno intenso per prepararci all esame finale e questo ci teneva un po in tensione. Di questo viaggio però ricorderò sia i momenti belli sia quelli difficili, perché sono proprio questi che hanno influito sulla mia crescita. Consiglio a tutti di approfittare di queste occasioni, anche se pensate di non potercela fare o di non sopportare la mancanza dei vostri cari, che penso possa essere la debolezza più grande di ciascun viaggiatore. Il viaggio insegna ad essere indipendenti e responsabili, consente di apprendere una nuova lingua e fa scoprire nuovi mondi. Si incontrano persone che magari non rivedremo mai più ma che comunque resteranno impresse nella nostra mente per sempre perché ci hanno lasciato un segno che può portare ad un cambiamento di prospettiva. Esperienza indescrivibile di Luisa Sajola IV S Alcune persone ti entrano dentro come se fossero una seconda pelle; difficili da tirar fuori, impossibili da dimenticare. In tre settimane ho imparato che anche una città può varcare la soglia della tua anima e iniziare a far parte di te. Londra è stata un'esperienza incredibile, magnifica, indescrivibile. Non puoi non innamorarti di Londra, ti affascina, ti rapisce e ti conquista al primo sguardo, al primo passo. Camden town, Oxford street e Piccadilly Circus, Baker Street, Big Ben e London Eye, Tower Bridge e Buckingam Palace. Ognuno di noi ha lasciato un frammento del proprio cuore in uno di questi luoghi. Ognuno di noi è cresciuto, lì, tra la gente, gli artisti di strada, la metropolitana e i precoci preparativi natalizi che illuminavano il cielo notturno londinese. Tutti frammenti e immagini che porteremo per sempre con noi, nelle pareti delle nostre camere, negli sfondi dei nostri cellulari, tra le nostre chiavi, nei nostri armadi, ma soprattutto lì, nei nostri cuori. Sul sito del Ferrara: potrete trovare tutte le foto e i video relativi agli stages linguistici realizzati dalla nostra scuola. Nella foto sopra, il gruppo PON davanti al British Museum, uno dei più prestigiosi musei al mondo. Gli alunni, nel corso della loro permanenza a Londra, hanno avuto la possibilità di visitare anche la National Gallery, The Natural History Museum e The Science Museum. 11

12 Lo stage in Inghilterra Un giorno ci ritornerò Quando ero più piccola mi piaceva guardare in tv quei programmi sui viaggi dove anche stando seduta sul divano potevo vedere un sacco di cose intorno al mondo. Un giorno mi capitò di vedere una puntata in cui mostravano Londra e rimasi affascinata; quando vidi la sua architettura ma soprattutto quando vidi il Big Ben e il London Eye, allora decisi che un giorno ci sarei andata. È stata la scuola a realizzare questo mio desiderio, grazie a uno stage di ben tre settimane. Ho avuto l'opportunità di mettere in pratica le mie conoscenze di inglese e di approfondirle. È stato molto bello e divertente perché alternavamo lo studio alle uscite in giro per Londra e dintorni e, anche se il cibo del campus dove alloggiavamo e studiavamo non era un granché, devo dire che le escursioni meritavano tantissimo. Quest'esperienza mi ha dato modo di capire che mi piacerebbe tornare a Londra anche per lavorarci, e una cosa è certa: un giorno ci ritornerò. Chiara Migliore IV Q "Ogni esperienza è un opportunità e soprattutto non va mai sprecata. Lo stage a Londra mi ha reso fiera di me stessa, di quello che ho fatto, di quello che sono capace di fare e di quello che continuerò a fare!" Miriana Cardella IV T Un altro mondo! Sono stato in un paese dove le macchine hanno il volante a destra, dove non c'è l'euro pur essendo in Europa, dove ci sono pochi cestini della spazzatura ma a terra è pulitissimo, dove anche le prese elettriche sono diverse; Sono stato in un paese multietnico dove la diversità delle persone e il loro colore della pelle non conta nulla. Insomma, sono stato in un paese assai diverso dal nostro. Sono stato in Inghilterra e ancora non ci credo! Vittorio Romagnolo IVS. Giocando si impara! Diverse sono state le attività ricreative proposte dagli activity leaders agli alunni nelle serate trascorse al campus, nei giorni in cui non erano previste visite a Londra. Oltre alla discoteca, i ragazzi si sono cimentati in partite di calcetto o di grab football (simile al calcio ma giocato come i granchi, cioè con le mani a terra), in serate zumba o si sono ritrovati attorno ad un falò ad arrostire marshmallows (e non salsicce come avrebbero desiderato! ma anche questo è immergersi nella cultura inglese). Grazie agli ottimi rapporti che i quattro simpatici activity leaders sono riusciti ad instaurare con tutti gli alunni, i momenti di svago o di visita dei monumenti si sono rivelati utilissime occasioni di practice della lingua, poichè gli stagisti erano costretti a comunicare o a rispondere alle sollecitazioni degli accompagnatori, senza timore di essere valutati per il loro inglese. 12

13 Le escursioni Oltre alle visite pomeridiane di Londra effettuate dopo le lezioni, durante i week-end sono state proposte agli alunni tre interessanti escursioni nelle graziose cittadine di Stratford upon Avon, Bath e Oxford. Lo stage in Inghilterra Bath Stratford upon Avon Nella foto sopra, gli alunni davanti la casa di Skakespeare. Stratford, conosciuta in tutto il mondo per essere la città natale di William Shakespeare, ha offerto agli alunni la possibilità di conoscere da vicino la vita del più famoso drammaturgo della cultura occidentale. Oltre al Royal Shakespeare Theatre, situato sulle rive del fiume Avon, e alla casa di Shakespeare, i ragazzi hanno visitato la Holy Trinity Church dove l'autore fu battezzato e dov'è sepolto. Nella foto sopra, la tutor Savatteri insieme ad alcuni alunni con in mano le audioguide sulle particolarità e curiosità riguardanti le terme romane meglio conservate al mondo. Bath, conosciuta già nell'antichità per le sue terme costruite dai romani intorno al 43 d.c., deve il suo nome proprio ai bagni romani, (in inglese "bath"). Le acque sulfuree che scorrono sotto la città vengono chiamate Aquae Sulis. Nel corso degli anni, la città passò per vari conquistatori, finendo infine sotto il dominio dei Sassoni che le diedero il nome attuale. Le Terme di Bath Spa (altro nome della città) sono le più importanti di tutta la Gran Bretagna. Altra curiosità: nella città di Bath è vissuto il pirata più famoso e sanguinario di tutti i tempi: Edward Teach, soprannominato "Barbanera". Oxford Gli alunni all interno del Christ Church, uno dei più grandi collegi di Oxford. Fondato nel 1546, ospita al suo interno la cattedrale della città, che funge da cappella del college. Oxford è la città dell'università più antica del mondo anglosassone, conosciuta come "la città dalle sognanti guglie". Tra le sue vie e gli imponenti edifici, gli alunni hanno avuto la possibilità di conoscere un ambiente particolare del regno Unito. 13

14 Parliamone Giovani in cerca di futuro di Floriana Giuffrida IVM Sono tanti gli avvenimenti che hanno caratterizzato la storia, uno di questi è l immigrazione. Al giorno d oggi sono molti gli immigrati che sbarcano qui in Sicilia, un po per motivi lavorativi, un po per le costanti guerre che ci sono nei loro paesi, ma i veri e propri motivi che causano queste guerre non si sanno. Negli ultimi mesi, soprattutto quest estate, sono stati in tanti a sbarcare sulla nostra bella isola, che purtroppo non può garantire un futuro a tutti. Da quando sono arrivati qua, sono state poche le persone generose disposte ad aiutarli, invece sono state tante quelle pronte a giudicarli, a dire parole sprezzanti. Molti ragazzi pubblicano link su facebook in cui prendono in giro i migranti, in cui giudicano il colore della loro pelle, in cui li screditano giudicando la loro vita, il loro viaggio verso l Europa, senza nemmeno sapere come stanno le cose, senza nemmeno sapere la loro vera vita. Quest estate per mezzo della mia parrocchia ho avuto modo di stare a contatto con loro e vederli spaesati, vederli soli senza la loro famiglia, senza i loro amici, senza vestiti, incapaci di parlare la nostra lingua, mi ha fatto capire quanto io sia fortunata, quanto ognuno di noi sia fortunato ad avere una casa, una famiglia e dei genitori con i quali magari litighiamo spesso. Quel che mi colpisce di più è sapere che nella mente di molti giovani in cerca di futuro ci sia la credenza che un immigrato venga qua a Palermo per rubare il lavoro a noi Italiani, a noi siciliani. Sappiamo tutti che oggi viviamo una situazione economica indiscutibilmente drammatica e sono tante le famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese, sono tante le persone che preferiscono morire invece di affrontare questa difficoltà, ma ciò non significa che noi siamo in questa condizione per colpa degli immigrati. La responsabilità è dello Stato che non sa garantire un futuro a noi giovani, che non sa garantire un posto di lavoro a padri e mamme di famiglia. Molti di questi immigrati sono laureati, diplomati e addirittura con posti di lavoro sicuri in banca. Perché dovrebbero lasciare tutto questo per patire la fame da noi? Varrebbe veramente la pena lasciare il loro lavoro per venire a pulire i lunotti delle automobili ai nostri semafori? Ci sono ragazzi che screditano lavori in cui la paga è misera, a differenza di certi immigrati che farebbero e fanno questi lavori ad occhi chiusi per costruirsi una famiglia in un paese dove non c è guerra, dove c è la pace. Sono persone fantastiche, anche più di alcuni italiani e prima di giudicarli, prima di offenderli, pensiamo a quello che abbiamo noi e a quello che hanno loro e che hanno perso e forse apprezzeremo di più ciò che disprezziamo o sottovalutiamo. Noi a differenza loro, abbiamo ORO. Malala: la ragazza-coraggio di Sara Cippo III M Nel XXI secolo nei Paesi in via di sviluppo, come ad esempio l'africa, uno dei grandi problemi ancora irrisolti, che influisce su gran parte della società è l'istruzione. Essa dovrebbe essere un diritto ed un dovere riconosciuto ad ogni cittadino, ma purtroppo viene negato, soprattutto alle ragazze. Questo accade per diverse motivazioni: spesso i giovani lavorano per aiutare la famiglia, altri, ad esempio, vivono in zone di guerre. Infatti sin da piccoli, vengono addestrati all'uso delle armi per operazioni militari. E in più, oltre al diritto all'istruzione, vi è anche il problema della donna che, soprattutto nell'africa del Nord, non è tenuta in considerazione nella società cui appartiene. Difatti il suo ruolo è solamente quello di essere moglie e madre, senza alcun potere sociale e politico. Recentemente, una ragazza di soli 17 anni, 14 pakistana, di nome Malala, ha ricevuto il premio Nobel per la lotta sostenuta a favore del diritto all'istruzione delle donne in una zona del Pakistan, controllata dai talebani. Questo impegno civile, condotto da una ragazza pakistana, primogenita, ha creato non poco stupore e clamore, cosa che non sarebbe affatto accaduta se si fosse trattato di un maschio. Nel 2012 Malala è stata gravemente ferita in un attentato, mentre stava andando a scuola. Questo avvenimento è stato, per lei, come una motivazione in più per combattere con maggiore determinazione per i diritti all'istruzione delle bambine. La sua forza è stata la dimostrazione concreta che, se si crede nella possibilità di migliorare la vita nel proprio Paese, con l impegno concreto ed il proprio sacrificio è possibile cambiare le cose e lei lo ha fatto nelle circostanze più pericolose, sfidando la morte. Noi ragazzi dei Paesi definiti sviluppati, dobbiamo considerare la scuola come un tempio sacro, un luogo in cui ci viene fornito un bagaglio culturale da spendere nella vita e sede di formazione per la nostra partecipazione concreta nella società. Malala rappresenta per noi un modello da seguire, perché di fronte ad una difficoltà tanto grande, non si è arresa, ma ha continuato a lottare per ottenere ciò che riteneva un diritto inalienabile. Grazie a lei, noi tutti dobbiamo apprezzare le opportunità che la vita ci offre ed essere consapevoli di appartenere ad una società garante del diritto allo studio.

15 Il Marocco è mio padre, l Italia è mia madre! di Erradi Firdaus III R Agorà Il Marocco è mio padre, l Italia è mia madre! Nessuno potrebbe mai togliermi dal cuore uno dei due. Mi chiamo Firdaus (che significa il paradiso), ho 16 anni e sono arrivata in Italia all età di 6 anni. Ho frequentato tutte le scuole a Palermo. Sono una ragazza marocchina-musulmana, quando pronunciavo queste due parole mi sentivo fiera delle mie origini e nello stesso tempo avevo sempre paura che gli altri facessero qualche battuta vabbò nà marocchina. Fin da piccolina sono stata sempre timida e molto sensibile; quando le persone mi mostravano indifferenza dicevo che non avevo bisogno di nessuno ma nel mio cuore sempre la stessa domanda cosa ho di diverso. All età di 14 anni dovevo fare una scelta molto importante per la mia vita: decidere Un sabato da dimenticare di C. Puccio IV M in quale scuola trascorrere 5 anni, anni importanti per costruire il mio futuro. Cercavo, mi informavo, molti ragazzi mi hanno consigliato l Istituto F. Ferrara, perché in esso era presente un gran numero di alunni provenienti da paesi diversi. Ecco, era quello che cercavo, l idea che ci fossero molti ragazzi stranieri mi consolava. Sono andata per iscrivermi. Tanti pensieri: ora mi guarderanno in modo strano; chissà quali battute dovrò sentirmi dire. Ma quando sono entrata per la prima volta al Ferrara la prima frase che mi è stata rivolta che bella sembri una siciliana mi ha immediatamente tranquillizzata, nessuno mi guardava in modo strano, mi sentivo a casa. Al momento dell iscrizione mi è stato chiesto se avvalermi dell ora di religione, con certezza ho risposto di No; ma dopo qualche settimana, conosciuta la prof. di religione Palermo, affascinata Io sono la prima ad odiare gli stereotipi perché non si può generalizzare, come quando, per esempio, dicono che i francesi sono tutti arroganti, che gli inglesi sono sporchi, che gli italiani sono mafiosi, ma adesso anch'io mi ritrovo costretta a dire che purtroppo i palermitani talvolta si comportano in un modo obbrobrioso. Ovvio, non sono tutti, altrimenti lo sarei anch io, ma purtroppo la minoranza (mala carne) prevale sulla maggioranza (persone con un minimo di cervello). Un sabato pomeriggio mi sono recata all UciCinemas con mia madre ed una mia amica e lì siamo state testimoni dello schifo di Palermo. Giustamente gli scanazzati non hanno niente da fare il sabato pomeriggio - come tutti gli altri giorni della settimana - e stanno tutti a bighellonare al Forum come pecore, a pagare il biglietto a matula, per rendere anzi più dolce una delle espressioni utilizzate da una di quelle dolci creature che stavano lì quel giorno.la situazione era questa: ochette che starnazzavano, esseri apparentemente umani che ridevano come animali (senza offesa per i veri animali), ridarella a mai finire, linguaggi osceni, ragazzi che giocavano a calcio dentro la sala... Insomma, le bestie si comportano meglio. E la cosa peggiore è che i dipendenti sapevano che questi tizi non avrebbero permesso di seguire il film e gliel'hanno lasciato fare tranquillamente, in quanto non hanno minacciato di buttarli fuori, ma che dico?! non sono nemmeno entrati per dire di far silenzio! Questa si chiama omertà, se io fossi stata al posto dei dipendenti sarei stata tutto il tempo in sala a controllarli, a dire loro fino allo sfinimento di fare silenzio, minacciandoli di buttarli fuori, sospendendo il film se non ne avessero permesso la visione. Ci vuole rispetto! Non è giusto che la gente paghi il biglietto per non poter seguire il film! E, parlando da cineamatrice, mi sembra anche irrispettoso per i produttori del film, in quanto se tutti coloro che hanno partecipato alla produzione del film avessero assistito alla proiezione di quel giorno a Palermo, sarebbero rimasti stomacati perché è un'offesa al loro lavoro! IL CINEMA È UN'ARTE E COME TALE VA RISPETTATA E NON DATA IN PASTO AI PORCI! In ogni caso io u film mu vitti e mi piacìu puru, a facciazza ri di scafazzati! dalla sua simpatia, dalla sua solarità, dal suo voler bene tutti gli alunni senza distinzione di cultura, religione, lingua e colore ho scelto di rinunciare all esonero e fare religione. Ormai sono 3 anni che con la professoressa Palermo impariamo a conoscere le diverse culture e religioni, a conoscerci ed apprezzare le diversità. Era questa la scuola che cercavo, che desideravo e che ringrazio di aver trovato. Una scuola in cui non si fa differenza di religione, di colore della pelle, di razza. Una scuola di persone che non ti guardano e non ti giudicano per il modo di vestire, di parlare ma guardano e vedono oltre. quello che sei e porti nel cuore. L angolo della poesia Inverno Fuori fa caldo ma dentro di me nevica pensieri di ghiaccio persi nel mio gelo il cuore fermo da tempo come fossi morto dentro un inverno che non finirà sotto una nuvola nera che non passerà cercando calore nella neve e vivere sogni dentro gli incubi. Mi cerco ma trovo solo il nulla con un piede nel fango e l'altro su una stella senza luce. Mi chiedo: sono morto? o sono solo un altro che ha smarrito la strada del ritorno. BLA-X classe 1M 15

16 Le new entry del Ferrara Benvenuti Rispettando quella che ormai è divenuta una tradizione del Ferrarino, nel primo numero del nuovo anno scolastico, pubblichiamo le foto delle prime classi alle quali diamo il nostro più caloroso benvenuto. Vi proponiamo anche le riflessioni di un alunna della prima T sulle prime settimane nella nostra scuola. Sappiamo già che le nuove leve si sono ben inserite nel nostro Istituto, ci auguriamo quindi che, grazie al loro impegno, possano tenere alto il nome della nostra scuola! Dalle scuole medie alle superiori I miei primi 40 giorni al Ferrara Le scuole superiori sono il traguardo della maggior parte dei giovani, oggi. A volte, il passaggio dalle medie può essere davvero difficile, forse perché l'idea creata è davvero diversa dalla realtà, oppure perché si ha semplicemente paura di quel che sarà di noi, soli, nuovi, sperduti, confusi ed un po' intrusi. Non si sa di Silvia Brena 1T cosa si troverà, quale ambiente ci sarà, con quali compagni si dovranno trascorrere cinque anni e di quali professori si dovranno sopportare le urla. Alcuni pensano che l'unica differenza tra le superiori e le medie sia il fatto che bisogna impiegare qualche minuto o qualche ora in più per studiare, oppure entrano pienamente convinti di non fare nulla, non studiare e fare casino in classe con gli amici. Personalmente, non mi aspettavo di approdare all "IISS Francesco Ferrara", nel senso che io ero partita con l'idea di scegliere un liceo classico, ma a causa di vari ostacoli familiari e personali, ho dovuto conservare questo mio sogno in un cassettino e chiuderlo con la chiave. Molti dei miei amici sono degli alunni di questo Istituto e la mia mamma, dopo aver parlato con loro, ha deciso di iscrivere qui anche me. Tutti i miei professori erano contrari a questa scelta "insensata", loro vedevano in me delle doti da liceale, non da studentessa impegnata nel ramo del turismo; hanno provato in tutti i modi a farle capire che qui, al Ferrara, vengono solamente i "nulla facenti", tutti quei ragazzi convinti di frequentare questa scuola per la facilità o per avere un diploma in tasca senza rimboccarsi le maniche e studiare. Io mi sentivo costretta ad iscrivermi qui! Non volevo perché il mio cuore era ed è ancora lì, al liceo classico, con le mie amate lingue morte, con la mia letteratura e con tutta quella poeticità che si respira nell'aria del liceo. Ho passato tutto il mese di agosto in preda ai dubbi, chiedendomi se fossero vere tutte quelle voci che girano sul Ferrara, se questa scuola fosse in grado di soddisfare la mia voglia di studio, di conoscenza, di approfondimento per ampliare le mie conoscenze nelle varie discipline. Per poter far finire quest'ansia, avrei solamente dovuto aspettare e mettere piede, entrare finalmente nel famoso "Ferrara" e fare un'esperienza diretta. Molte delle cose che pensavo non erano vere! Se vuoi studiare, hai da studiare, se non vuoi far nulla, non hai nessun posto dove andare, sarai bocciato e stop. Come in ogni scuola, ci stanno i buoni ed i cattivi elementi. Ovunque ci sono i pro e i contro. I professori sono seri, non sono quegli scansafatiche che si presumeva dovessero essere. L'Istituto è un buon edificio, non sembra trascurato, bisognerebbe solamente vivacizzarlo. Le materie sono belle! Magari la matematica sarà più facile di quella studiata al liceo scientifico. Ma quel che è certo è che questa non è una scuola morta, anzi, si attiveranno molti progetti interessanti per noi, ed è bello, perché s'impara divertendoci. Posso dire di essere soddisfatta di trovarmi qui, ovvio, non è la scuola più indicata per realizzare il mio sogno di diventare una professoressa di latino, ma le idee possono cambiare. Tra cinque anni se ne riparlerà. Ben ven uti- Wil lcom men- Bienv enidos- Welco me-bie nve nus 1 A 1 B 16

17 Inviate le vostre lettere a: Non importa se siamo diversi Mi chiamo Sahifa, ho 14 anni e frequento la classe 1 M dell istituto Francesco Ferrara. Vengo dal Bangladesh e sono di origine musulmana (islamica). Abito a Palermo da quando ero piccola, ho frequentato tutte le scuole. Sono una ragazza molto timida da quando ero piccola, non riuscivo mai a parlare con gli altri se la maestra o il professore /ssa non lo dicevano, perché da quando ho iniziato a frequentare il primo giorno di scuola volevo fare qualche amicizia ma io mi sentivo presa in giro perché se mi avvicino ai compagni di classe loro mi voltavano le spalle e così mi sentivo offesa e tornavo a sedere nel mio banco da una parte. E così è successo alle elementari e alle medie, ma non in questa classe. ( ) Il primo giorno di scuola, quando sono arrivata giù ad aspettare che facessero entrare, mi sono girata attorno e scoppiavo dalla felicità, mi sono messa a ridere perché ho visto tanti ragazzi di origine diversa, ero felice quando ho conosciuto i miei nuovi compagni. Loro erano diversi rispetto ai compagni degli scorsi anni. In questa classe la cosa che mi piace sono i miei compagni, già nel giro di 2 o 3 settimane dopo l inizio della scuola ho già fatto amicizia con tutti, e ora sono molto felice. Loro sono dei compagni socievoli, amichevoli ma la cosa che mi sta molto a cuore è che loro non mi voltano le spalle, mi chiamano o mi avvicino io a loro per parlare o chiacchierare. Questa è la classe che adoro di più. Spero che in questi 5 anni possiamo andare d accordo come dei veri amici. Come il prof. Mannino, anch io ritengo che in questo mondo le persone di origine diversa siano uguali e che si possa essere amici o amiche del cuore per la vita. Non ci importa se siamo diversi nel colore della pelle o non ci importa se siamo diversi per la lingua o cultura o tradizione diversa del proprio Paese, ma la cosa più importate è di essere amici dentro il nostro cuore. Sahifa Chowdhury I M La dei lettori Non dimenticherò mai la prof.ssa Giuga Sono Antonio Puleo, un ex alunno dell'istituto Ferrara, mi sono diplomato nel luglio del Solo un'ora fa, grazie alla lettura del Ferrarino, ho appreso della scomparsa di un angelo, la prof.ssa Pia Giuga. Sono sconvolto e profondamente addolorato. Non è stata per me una semplice docente, bensì una straordinaria figura umana che, forse in maniera inconsapevole (ma proprio per questo del tutto genuinamente), mi ha aiutato ad affrontare con successo un periodo difficile, di transizione. Mi ero infatti trasferito da Milano all'inizio del secondo anno. A 15 anni, in piena adolescenza e con numerose e salde relazioni sociali già costruite, non è un passo facile da compiere. Lei, con i suoi sorrisi, la sua dolcezza quasi materna, la sua disponibilità, il suo modo di fare sempre così pacato, la sua inclinazione al dialogo e al confronto, ha reso la mia permanenza tra le aule del Ferrara piacevole e non ostile, anzi, al contrario, proprio quelle aule sono diventate il mio habitat naturale, grazie a lei e al resto del corpo docente il Ferrara è diventato la mia casa, senza più rimpianti per ciò che avevo lasciato a Milano. Per quattro anni ho avuto la prof.ssa Giuga al mio fianco, anni durante i quali si è instaurato un rapporto estremamente idilliaco. Le sue lezioni non sono mai state soltanto didattica, ma anche e soprattutto educazione alla vita, dialogo, confronto umano. ( ) Spero che possa riposare in pace e ricordarsi di tutti noi, di tutti coloro ai quali ha regalato un sorriso. Non la dimenticherò mai! Vi prego di scusarmi per il lungo messaggio, ma anche l'istituto Ferrara è parte di me, parte della mia vita, e Voi ne rappresentate il legame con l'esterno, oltre che la sua storia, il suo "archivio", la registrazione più fedele di ricordi e momenti condivisi. Avevo davvero bisogno di sfogarmi. Continuate a dare il meglio di Voi stessi, come avete sempre fatto! Vi auguro buon lavoro e porgo cordiali saluti! Antonio Puleo Ben ven uti- Wil lcom men- Bienv enidos- Welco lcome-bie nve nus 1 E 1M 17

18 Sportivamente CUORE PALERMO di Vincenzo Baiamonte IV R Dopo un inizio di campionato con non poche difficoltà, il Palermo nelle ultime 6 giornate ha offerto prestazioni magistrali e ottimi risultati che gli hanno permesso di allontanarsi dalle parti basse della classifica e addirittura di ambire a qualcosa di più importante. La squadra allenata da Iachini infatti ha collezionato 4 vittorie e 2 pareggi di cui la strepitosa vittoria di San Siro 0-2 contro il Milan. I rosanero comunque anche nelle prime sfide dove avevano raccolto poco o niente, avevano sempre messo il cuore in campo e per questo non erano mai stati fischiati dai propri sostenitori ma sempre sostenuti e acclamati. Adesso tutto procede per il meglio e i risultati stanno pagando il duro lavoro fatto in questi mesi dove il cambio di categoria dalla B alla A si è sentito, eccome! Non ci resta che goderci il campionato e sopratutto il nostro gioiello DYBALA, fantasista che sta facendo faville con la nostra maglia e che ha già attirato le attenzioni di mezza Europa. Visitate il SITO del Ferrara: potrete, tra l altro, leggere o scaricare i numeri anche arretrati del Ferrarino. Per i vostri contributi e suggerimenti, potete utilizzare l indirizzo mail: FORZA PALERMO! Il 17 maggio 2014 sono andato allo stadio Renzo Barbera accompagnato dal prof. Cannella per vedere la partita Palermo-Carpi. In avvio dopo 3 minuti c è stato un fallo di Stevanovic sul giocatore del Carpi Mbgoku; l arbitro ha assegnato calcio di rigore al Carpi e Mbgoku non ha sbagliato a trasformare in goal. I rosanero cercano di pareggiare; al 25 Dybala sbaglia un rigore dopo il fallo di un giocatore del Carpi; ma al 39 il Palermo trova il pari con la firma di Bolzoni. Durante l intervallo abbiamo mangiato un gelato ed essendo in tribuna abbiamo visto da vicino il presidente Zamparini ed il comico Salvo Ficarra. Nella ripresa i rosanero sfiorano il vantaggio con un tiro di Belotti dalla distanza ma a pochi minuti dal termine è Pasciuti a segnare il raddoppio del Carpi che infilza il portiere Sorrentino. Qualche minuto dopo Belotti sfiora il 2-2 ma poi finisce l amara partita. Io ero però contento perché da sempre avevo il desiderio di andare allo stadio perché non avevo visto il Palermo e spero di ritornaci anche quest anno. Giuseppe Ferdico III A Ben ven uti- Wil lcom men- Bienv enidos- Welco me-bie nve nus 1 P 1 Q 18

19 Che mondo sarebbe senza la musica? di Danilo Aliotta V I Musicalmente In questa nuova rubrica, oltre a dare qualche notizia sui brani più ascoltati o in uscita, proporremo un testo di una canzone italiana o straniera che cercheremo di commentare. La canzone scelta per voi per inaugurare questa nuova rubrica è Papaoutai (Dove sei papà) di Stromae Dal titolo del testo possiamo dedurre che l'artista racconta l'assenza della figura paterna; egli infatti perse il padre quando era molto piccolo, fatto che gli cambiò la vita. Come dichiarato in un'intervista, Stromae ha visto il padre solo 3 volte nella sua vita. Nel video della canzone, il papà del bambino è rappresentato da un manichino che è presente fisicamente ma non emotivamente, infatti il bambino vede che tutti i genitori ballano con i prori figli, mentre il suo è immobile. Se nella prima parte della canzone emerge questo, nella seconda, invece, il bambino rimprovera il padre in un dialogo mancato, perché il manichino non risponde. È l'artista che spiega al padre come si dovrebbe crescere un figlio. Deluso, in un tentativo estremo di recuperare il loro rapporto, il bambino tenta di coinvolgere il padre nel ballo, immaginando di ballare con lui ma in realtà sta ballando da solo. Il bambino si arrende e diventa manichino come il padre, come a dire che questa è l'unica cosa che il padre è riuscito a insegnargli. Top 10 CD 1. One Direction- Four 2. Vasco Rossi- Sono innocente 3. Pink Floyd- The endless river 4. Modà- Modà L'Origibale 5. Francesco De Gregori- Vivavoce 6. Biagio Antonacci- L'amore comporta 7. U2- Songs of innocence 8. Fiorella Mannoia - Fiorella 9. Emma- E-live 10. Fedez - Pophoolista Top 10 Digital Download 1. Enrique Iglesias - Bailando 2. Fedez ft. Francesca Michelin - Magnifico 3. Marco Mengoni- Guerriero 4. Sia- Chandelier 5. Hozier- Take me to church 6. David Guetta - Dangerous 7. Meghan Trainor - All about that bass 8. Valerio Scanu- Parole di cristallo 9. Lilly Wood - Preyer in C 10. The avener- Fade out lines Papaoutai (Dove sei papà): di Stromae Dites-moi d'où il vient Enfin je saurais où je vais Maman dit que lorsqu'on cherche bien On finit toujours par trouver Elle dit qu'il n'est jamais très loin Qu'il part très souvent travailler Maman dit "travailler c'est bien" Bien mieux qu'être mal accompagné Pas vrai? Où est ton papa? Dis-moi où est ton papa? Sans même devoir lui parler Il sait ce qu'il ne va pas Ah sacré papa Dis-moi où es-tu caché? Ça doit, faire au moins mille fois que j'ai Compté mes doigts Où t'es, papa où t'es? ( x3) Où, t'es où, t'es où, papa où t'es? Où t'es, papa où t'es? ( x3) Où, t'es où, t'es où, papa où t'es? Quoi, qu'on y croit ou pas Y aura bien un jour où on y croira plus Un jour ou l'autre on sera tous papa Et d'un jour à l'autre on aura disparu Serons-nous détestables? Serons-nous admirables? Des géniteurs ou des génies? Dites-nous qui donne naissance aux irresponsables? Ah dites-nous qui, tient, Tout le monde sait comment on fait les bébés Mais personne sait comment on fait des papas Monsieur Je-sais-tout en aurait hérité, c'est ça Faut l'sucer d'son pouce ou quoi? Dites-nous où c'est caché, ça doit Faire au moins mille fois qu'on a, bouffé nos doigts Où t'es, papa où t'es? ( x3) Où, t'es où, t'es où, papa où t'es? Où t'es, papa où t'es? ( x3) Où, t'es où, t'es où, papa où t'es? Où est ton papa? Dis-moi où est ton papa? Sans même devoir lui parler Il sait ce qui ne va pas Ah sacré papa Dis-moi où es-tu caché? Ça doit, faire au moins mille fois que j'ai Compté mes doigts Où est ton papa? Dis-moi où est ton papa? Sans même devoir lui parler Il sait ce qui ne va pas Ah sacré papa Dis-moi où es-tu caché? Ça doit, faire au moins mille fois que j'ai Compté mes doigts Où t'es, papa où t'es? ( x3) Où, t'es où, t'es où, papa où t'es? Où t'es, papa où t'es? ( x3) Où, t'es où, t'es où, papa où t'es? Ben ven uti- Wil lcom men- Bienv enidos- Welco me-bie nve nus 1 T 1 As 19

20 Relax Apostrofi in abbondanza! Commemoriamo la grammatica DIZIONARIO Siculo-Inglese Finora le traduzioni della nostra rubrica sono state quasi sempre letterali e hanno avuto lo scopo di far divertire i nostri lettori. Da questo numero, oltre alla sezione Pi babbiari con traduzioni letterali, ve ne proponiamo un altra in cui, grazie al contributo del conversatore di madrelingua, mister Paul, troverete le espressioni inglese equivalenti ai nostri modi di dire. Sono ben graditi suggerimenti e indicazioni! La sveglia - Dài alzati, devi andare a scuola! - Nooo! - Come no? Forza è tardi! Ora devi alzarti! - No mamma, oggi non mi sento di andare... - Ma perché fai così? Cosa c'è che non va? - Ma', in classe mi odiano tutti... - Ma dài... Tu sei il professore! Pi babbiari Spin, turn and turn around! Gira, vota e firrìa You sure get through your shopping! T a manci a spisa Per imparare By the skin of my teeth M a vitti petri petri I can t be bothered mi siddìa To split hairs cercari u pilu na l uavu He kicked the bucket sa cugghìu I vostri Click Inviate alla redazione i vostri scatti migliori relativi ai progetti, alle attività o alle curiosità della nostra scuola. Pubblicheremo i click più originali We ll miss you! l Alla scoperta del verde in città La classe II B, in giro per le ville e i giardini di Palermo alla scoperta del verde urbano. La classe IV R saluta la compagna Sivasini che si è trasferita in Inghilterra. Bentornata, Preside Auguri di vero cuore! I docenti e tutto il personale del Ferrara salutano calorosoamente il D.S., E. Romano, al suo rientro a scuola dopo un periodo di malattia.

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli