Preventivo In milliardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Preventivo 2016. In milliardi"

Transcript

1 Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate soltanto grazie a misure correttive sostanziali che determinano una crescita delle uscite pari a zero nonostante una crescita economica nominale dell 1,4 per cento. Questa inevitabile stagnazione delle uscite rispecchia la netta correzione al ribasso delle entrate che è stata necessaria rispetto all ultimo piano finanziario. Per il 2016 è prevista una riduzione del debito lordo di circa 200 milioni.

2 Entrate Entrate ordinarie del 2016 Quote in percento Imposta federale diretta mio. 29,0 34,8 Imposta sul valore aggiunto mio. Imposta preventiva mio. 8,5 Entrate non fiscali mio. 6,5 7,3 Rimanenti entrate fiscali mio. 3,2 7,2 3,5 Imposta sugli oli minerali mio. Tasse di bollo mio. Imposta sul tabacco mio. Imposta sul valore aggiunto: milioni Le entrate dell imposta sul valore aggiunto (IVA) sono in gran parte influenzate dall evoluzione del prodotto interno lordo (PIL) nominale e rispetto alla stima per il 2015 presentano una crescita del 2,4 per cento. Questo incremento sproporzionato nei confronti della creazione di valore aggiunto (+1,4 %) è legato ai processi di adeguamento dell anno in corso dovuti all abbandono del tasso di cambio minimo (vedi anche evoluzione delle entrate). La quota dell IVA alle entrate totali è del 34,8 per cento, per cui è la principale fonte di entrate della Confederazione. Imposta federale diretta: milioni L imposta federale diretta fornisce il 29 per cento delle entrate totali ed è quindi quella che genera più entrate per la Confederazione dopo l IVA. È prelevata sul reddito delle persone fisiche (quota: ca. 52 %) e sugli utili netti delle persone giuridiche (quota: ca. 48 %). La dinamica risulta contenuta (+1,0 %). Imposta preventiva: milioni La quota dell imposta preventiva rispetto alle entrate totali è di circa l 8,5 per cento. Le entrate provenienti dall imposta preventiva sono soggette a forti fluttuazioni perlopiù imprevedibili. Per questo motivo il prodotto dell imposta preventiva è stimato tramite un metodo di livellamento esponenziale. A breve termine ciò comporta scostamenti (inevitabili) dal valore preventivato; a medio termine viene però raggiunta una maggiore precisione delle stime. Imposta sugli oli minerali: milioni Da alcuni anni le entrate provenienti dall imposta sugli oli minerali registrano un evoluzione molto contenuta. Dal loro valore massimo nel 2008 (5222 mio.) le entrate tendono a diminuire a seguito, tra l altro, delle prescrizioni sulla riduzione delle emissioni di CO 2 delle automobili.

3 Entrate Tasse di bollo: milioni I ricavi delle tasse di bollo del 2016 superano la stima per il 2015 e la loro quota rispetto alle entrate totali è del 3,5 per cento. La tassa di negoziazione fornisce oltre il 60 per cento del totale delle tasse di bollo e influenza quindi fortemente la loro evoluzione. Le variazioni sono in particolare dovute alle turbolenze nei mercati azionari. Anche la tassa d emissione applicata alla costituzione di capitale proprio è una fonte di entrate estremamente volatile che dipende dalla costituzione di nuove società e dal fabbisogno di rifinanziamento delle società esistenti. Terzo elemento delle tasse di bollo è infine costituito dalle entrate provenienti dalla tassa sui premi di assicurazione, che si sviluppano in modo relativamente stabile. Imposta sul tabacco: milioni La quota dell imposta sul tabacco ammonta al 3,2 per cento e nel 2016 i ricavi diminuiranno del 2,1 per cento. Questa evoluzione è in linea con il calo della domanda degli anni precedenti (ca. 2 %). Rimanenti entrate fiscali: milioni Le rimanenti entrate fiscali ammontano al 7,3 per cento e sono del 4,5 per cento superiori al livello dell anno precedente. L evoluzione è caratterizzata dall aumento dell aliquota della tassa sul CO 2 e dall introduzione della tassa sulle acque di scarico. Entrate non fiscali: milioni La quota delle entrate non fiscali rispetto alle entrate totali aumenta al 6,5 per cento. L incremento dei ricavi (+14,3 %) è dovuto principalmente alla preventivazione dell ordinaria distribuzione dell utile della Banca nazionale svizzera (BNS). Per il 2015 è stata iscritta solo la metà della distribuzione dell utile.

4 Entrate Variazione delle entrate 2016 In milioni e in percento Entrate ordinarie ,0 Imposta sul valore aggiunto 550 2,4 Imposta federale diretta 184 1,0 Imposta preventiva 176 3,2 Imposta sugli oli minerali 100 2,1 Tasse di bollo 75 3,3 Imposta sul tabacco -44-2,0 Variazione rispetto all anno precedente in mio. Tasso di crescita rispetto all anno precedente in % Crescita del PIL nominale 1,4 % Entrate ordinarie Secondo le stime, le entrate del 2015 resteranno ampiamente al di sotto dei valori di preventivo (-2,1 mia.). Partendo da questa ipotesi, per il 2016 è attesa una crescita effettiva delle entrate del 2,0 per cento. A questa crescita contribuiranno principalmente l imposta federale diretta e l IVA. Rettificate dei fattori straordinari, le entrate aumentano (+1,2 %) in misura lievemente inferiore al PIL nominale (+1,4 %). Imposta sul valore aggiunto A seguito dell abbandono del corso minimo dell euro deciso dalla BNS, il gettito dell imposta sull importazione è diminuito. Con un lieve ritardo ciò comporta maggiori entrate a titolo di imposta sulle prestazioni eseguite sul territorio svizzero per via delle deduzioni dell imposta precedente più basse. Questo effetto si ripercuote solo parzialmente sull anno in corso e fa quindi sì che nell anno di preventivo 2016 la crescita delle entrate dell IVA sarà superiore rispetto al PIL nominale. Imposta federale diretta Secondo le stime del mese di maggio, il risultato per l anno corrente dovrebbe essere di 1,2 miliardi inferiore alle attese. Di conseguenza, nel Preventivo 2016 la crescita determinante delle entrate ammonta a circa l 1 per cento ed è dunque inferiore alla prevista crescita dell economia. La modesta progressione delle entrate fiscali è da attribuire al rallentamento congiunturale dettato dalla forza del franco e riguarda sia imposta sul reddito che l imposta sull utile. Imposta preventiva Nel Preventivo 2016 le entrate dell imposta preventiva ammontano a 5,7 miliardi. Rispetto alla stima per il 2015 ciò corrisponde a un aumento di 176 milioni. A causa dell elevata volatilità delle entrate fiscali, l esattezza delle previsioni a breve termine è minima; una stima a medio termine priva di distorsioni è dunque fondamentale.

5 Entrate Imposta sugli oli minerali Nel 2015 i valori di preventivo non dovrebbero essere raggiunti (-310 mio.). La forza del franco determina un sensibile calo del turismo della benzina. Inoltre, le prospettive economiche per l anno in corso sono state corrette al ribasso. Per il 2016 è prevista una parziale ripresa del turismo della benzina con una conseguente lieve crescita delle entrate. Due effetti opposti dovrebbero nel complesso compensarsi: la prevista evoluzione congiunturale dovrebbe comportare un aumento dei ricavi, ma nel contempo è attesa una perdita di entrate a seguito dell ulteriore riduzione del consumo medio di carburante dei veicoli circolanti in Svizzera per via delle prescrizioni sulle emissioni di CO 2. Tasse di bollo Rispetto alla stima, le entrate dalle tasse di bollo aumentano del 3,3 per cento. Questa evoluzione è dovuta in primo luogo alla situazione favorevole che regna sui mercati borsistici, la quale dovrebbe confermarsi e generare un incremento del gettito derivante dalla tassa di negoziazione. Imposta sul tabacco Rispetto alla stima per il 2015 in ambito di imposta sul tabacco è attesa una diminuzione di 44 milioni. Questo è in linea con il calo della domanda degli anni precedenti (ca. -2 %). Dopo la decisione della BNS le entrate sono ancora più influenzate dall andamento del corso dell euro (turismo degli acquisti nei Paesi limitrofi). Ciononostante, il credito iscritto a preventivo per l anno in corso dovrebbe essere appena raggiunto.

6 Entrate Evoluzione delle entrate ordinarie In miliardi e in percento P in mia. CHF (asse di sinistra) C in mia. CHF (asse di sinistra) P in % delle entrate ordinarie (asse di destra) Rispetto al Preventivo 2015 le entrate diminuiscono dell 1,2 per cento. Il tasso di crescita è falsato, poiché le entrate dell anno di base 2015 saranno inferiori ai valori preventivati (-2,1 mia.). In base alla stima del mese di maggio 2015 la crescita delle entrate sarà del 2,0 per cento. Corretta di tutti i fattori straordinari, la crescita media ammonta ancora all 1,2 per cento ed è dunque al di sotto della progressione del PIL nominale (+1,4 %).

7 Uscite Uscite secondo settori di compiti 2016 Quote in percento Rimanenti compiti mio. Agricoltura e alimentazione mio. Relazioni con l estero mio. 5,4 5,4 10,2 33,4 Previdenza sociale mio. Difesa nazionale mio. 7,0 Educazione e ricerca mio. 11,0 13,8 Trasporti mio. 13,9 Finanze e imposte mio. Previdenza sociale: milioni Un terzo delle uscite complessive della Confederazione è destinato alla previdenza sociale, di cui la metà affluisce all assicurazione per la vecchiaia. Nel medio periodo queste uscite sono difficilmente influenzabili, poiché nella maggior parte dei casi sono vincolate da normative. La crescita delle uscite per la previdenza sociale è determinata soprattutto dall evoluzione della popolazione, del rincaro e degli stipendi. Una buona metà interessa l assicurazione per la vecchiaia e un quarto l assicurazione per l invalidità. Altri settori importanti comprendono il contributo federale destinato alla riduzione individuale dei premi e le uscite nel settore della migrazione. Finanze e imposte: milioni Rispetto all anno precedente la quota del settore Finanze e imposte alle uscite ordinarie scende di un punto percentuale al 13,9 per cento. Questo settore non figura tra le priorità in materia di politica budgetaria (ad es. le partecipazioni a entrate della Confederazione sono disciplinate dalla Costituzione federale e dipendono direttamente dal livello delle entrate) ed è soggetto a numerosi fattori esogeni (mercati finanziari, tassi d interesse, fabbisogno di finanziamento). Trasporti: milioni A seguito della nuova impostazione del finanziamento dell infrastruttura ferroviaria, la quota del settore Trasporti alle uscite della Confederazione per il 2016 è fortemente al di sopra del livello dell anno precedente (+0,9 % punti di percento). Nel 2016 circa il 65 per cento delle uscite per i trasporti riguarderà i trasporti pubblici, il 33 per cento circa la circolazione stradale e il 2 per cento la navigazione aerea. Le uscite per i trasporti sono per lo più vincolate a vari scopi e prescrizioni legali. Educazione e ricerca: milioni Le uscite per l educazione e la ricerca rimangono al livello del Il 42 per cento delle uscite complessive riguarda l educazione (formazione professionale, scuole universitarie) e il restante 58 per cento la ricerca. Difesa nazionale: milioni Le uscite del settore di compiti Difesa nazionale aumentano leggermente rispetto all anno precedente. Con il 7,0 per cento, la quota rimane stabile. Per quanto riguarda la difesa nazionale militare, che è il settore di gran lunga più importante, il 69 per cento è impiegato per le uscite d esercizio, ossia uscite per il personale nonché uscite per beni e servizi. Il 31 per cento riguarda uscite per l armamento e gli investimenti.

8 Uscite Relazioni con l estero: milioni Rispetto all anno precedente il settore di compiti Relazioni con l estero cooperazione internazionale registra una contrazione delle uscite del 2,3 per cento. Oltre il 70 per cento delle uscite riguarda la cooperazione allo sviluppo. La rimanente quota concerne essenzialmente le relazioni politiche, vale a dire anche le rappresentanze diplomatiche e consolari svizzere e le spese a favore di organizzazioni internazionali. Agricoltura e alimentazione: milioni Le uscite per l agricoltura e l alimentazione scendono del 2 per cento rispetto all anno precedente. Le uscite per l agricoltura e alimentazione sono gestite tramite tre limiti di spesa (pagamenti diretti, produzione e smercio nonché miglioramento delle basi di produzione e misure sociali) conformemente alle direttive della legge sull agricoltura. Circa tre quarti delle uscite per l agricoltura riguardano i pagamenti diretti. Rimanenti settori di compiti: milioni Rispetto all anno precedente le uscite dei rimanenti sei settori di compiti (Premesse istituzionali e finanziarie, Ordine e sicurezza pubblica, Cultura e tempo libero, Sanità, Protezione dell ambiente e assetto del territorio, Economia) segnano una modesta crescita. Mentre le uscite per i settori Cultura e tempo libero e Sanità crescono sensibilmente, negli altri settori di compiti il fabbisogno di mezzi è pressoché invariato o addirittura in calo (Economia). Rispetto alle uscite totali della Confederazione la quota dei rimanenti settori di compiti resta al 10,2 per cento, come nel 2015.

9 Uscite Variazione delle uscite secondo settori di compiti 2016 In milioni e in percento Uscite ordinarie 18 0,0 Trasporti 689 8,1 Previdenza sociale 75 0,3 Difesa nazionale 23 0,5 Educazione e ricerca Agricoltura e alimentazione ,0 0,0 Relazioni con l estero -86-2,3 Finanze e imposte ,4 Variazione rispetto all anno precedente in mio. Tasso di crescita rispetto all anno precedente in % Crescita del PIL nominale 1,4 % Uscite ordinarie Nel Preventivo 2016 le uscite della Confederazione rimangono ai livelli dell anno precedente, sebbene dal 2016 il versamento dei Cantoni nel Fondo per l infrastruttura ferroviaria (500 mio.) avverrà attraverso il bilancio della Confederazione. A seguito del basso rincaro, dei bassi interessi e delle misure di risparmio del Consiglio federale, ad eccezione del settore di compiti Trasporti, nessun settore registra una crescita dello 0,5 per cento superiore ai valori del Preventivo Trasporti Rispetto all anno precedente le uscite nel settore dei trasporti aumentano di circa 690 milioni (+8,1 %). Questo sensibile aumento è riconducibile alla nuova impostazione del finanziamento dell infrastruttura ferroviaria nel quadro del progetto FAIF. Per il traffico stradale e la navigazione aerea la variazione risulta moderata. Previdenza sociale Rispetto al Preventivo 2015 la crescita è dello 0,3 per cento ed è quindi più bassa della crescita nominale del PIL attesa per il 2016 (+1,4 %). Questo è dovuto al fatto che le uscite per l AVS e l AI dipendono in gran parte dall evoluzione del gettito dell IVA, attualmente ristagnante. Uno sgravio è anche dato dal Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014 (PCon 2014) adottato dal Parlamento. Difesa nazionale Le uscite per la Difesa nazionale aumentano lievemente rispetto all anno precedente (+23 mio. o +0,5 %). All interno di questo settore di compiti avviene un trasferimento dalle uscite d esercizio a quelle per l armamento e gli investimenti. Educazione e ricerca Negli ultimi anni il settore di compiti Educazione e ricerca ha registrato una crescita superiore alla media. Per le uscite totali del Preventivo 2016 questa tendenza non può essere confermata. Infatti, rispetto al Preventivo 2015 rimangono costanti a seguito della correzione del rincaro e della riduzione dei contributi per la ricerca applicata (Programmi di ricerca dell UE).

10 Uscite Agricoltura e alimentazione Le uscite per l agricoltura e l alimentazione diminuiscono del 2 per cento a seguito della correzione del rincaro che si ripercuote in particolare sui pagamenti diretti. Calano inoltre gli assegni familiari per via del cambiamento strutturale agricolo. Relazioni con l estero Le spese per le relazioni con l estero si riducono a seguito delle misure di risparmio per la correzione del preventivo. Dopo che negli anni le spese per l aiuto allo sviluppo sono cresciute annualmente tra il 7,7 e il 10,3 per cento in seguito alla decisione del Parlamento di aumentare la quota APS, l ambito dell aiuto allo sviluppo registra un calo (-3,8 %) dovuto alle misure correttive nel Preventivo Finanze e imposte Il settore di compiti Finanze e imposte è fortemente influenzato dalla diminuzione delle uscite a titolo di raccolta di fondi e dalla gestione del patrimonio e del debito. Al riguardo la Confederazione beneficia del livello molto basso o negativo dei tassi d interesse. Anche le partecipazioni dei Cantoni alle entrate della Confederazione diminuiscono rispetto al Preventivo 2015.

11 Uscite Evoluzione delle uscite ordinarie In miliardi e in percento P in mia. CHF (asse di sinistra) C in mia. CHF (asse di sinistra) P in % delle entrate ordinarie (asse di destra) L evoluzione sfavorevole delle entrate ha un effetto attenuante sulla crescita delle uscite massime ammesse secondo le direttive del freno all indebitamento. Le uscite della Confederazione ristagnano (+0,03 %) e il PIL nominale cresce (+1,4 %). Rispetto al Preventivo 2015 ne risulta un calo della quota delle uscite (P in % del PIL) al 10,2 per cento.

12 Congiunturale Evoluzione del prodotto interno lordo PIL reale (in mia.) e tasso di variazione (in %) 5% 4% 3% 2% 1% 0% -1% -2% -3% Tasso di variazione PIL reale (scala di sinistra) PIL reale (scala di destra) Fonti: : Ufficio federale di statistica (UST) 2014: Segreteria di Stato dell economia (SECO), stima trimestrale del e 2016: Stima del del gruppo di esperti della Confederazione per le previsioni congiunturali (aggiornamento con tasso di crescita) Secondo la previsione congiunturale del gruppo di esperti della Confederazione, per il 2015 è previsto un sensibile indebolimento della crescita economica a causa dell improvviso rafforzamento del franco svizzero. La differenza tra il tasso di crescita reale pronosticato attualmente per il 2015 (+0,8 %) e quello iscritto nel Preventivo 2015 (+2,6 %) è pertanto elevata. Nel 2016 l economia svizzera dovrebbe riprendersi dallo shock del franco anche grazie alla buona congiuntura negli Stati Uniti e nella zona dell euro. Un ritorno alla crescita degli interessi è previsto soltanto dopo il Il calo dei prezzi dovrebbe fermarsi nel 2016.

13 Freno allʼindebitamento Il bilancio della Confederazione dal punto di vista del freno allʼindebitamento In miliardi P Saldo strutturale Saldo congiunturale Risultato ordinario dei finanziamenti 16 P A seguito della debole situazione economica, per il 2016 il freno all indebitamento ammette un deficit di 601 milioni. Nel preventivo è atteso un risultato ordinario dei finanziamenti di -402 milioni. Di conseguenza, il Preventivo 2016 presenta un eccedenza strutturale di 199 milioni. Dal 2006 la direttiva minima del freno all indebitamento, che esige un saldo strutturale equilibrato, è stata superata ogni anno. La crisi dei mercati finanziari e il forte apprezzamento del franco negli anni 2010 e 2011 hanno comportato un sottoutilizzo pluriennale della capacità economica svizzera durata dal 2009 al In questi anni erano ammessi deficit congiunturali che nel risultato ordinario dei finanziamenti non sono però stati realizzati. Secondo l attuale evoluzione, anche per il 2016 è atteso un sottoutilizzo, ragione per cui è nuovamente ammesso un deficit.

14 Debito Debito e tasso dʼindebitamento In miliardi e in percento del PIL S 16 P 0 Debito lordo in mia. (asse di sinistra) Debito netto in mia. (asse di sinistra) Tasso d indebitamento lordo in % del PIL (asse di destra) Tasso d indebitamento netto in % del PIL (asse di destra) Per il 2016 è atteso un calo del debito lordo di circa 200 milioni a 105,9 miliardi. La pianificata riduzione al netto dei prestiti è pressoché compensata dall atteso aumento degli impegni finanziari a breve termine, ciò che spiega la riduzione del debito relativamente esigua. Sebbene negli ultimi anni il debito in termini nominali abbia registrato solo variazioni di lieve entità, i tassi di indebitamento in percento del PIL sono in costante calo per via dell aumento della prestazione dell economia. I tassi per fine 2016 ammontano al 16,1 per cento lordo e all 11,4 per cento netto.

Consuntivo Rapporto sul conto della Confederazione

Consuntivo Rapporto sul conto della Confederazione 1 Consuntivo Rapporto sul conto della Confederazione 2014 Colofone Redazione Amministrazione federale delle finanze Internet: www.efv.admin.ch Distribuzione UFCL, Vendita di pubblicazioni federali, CH-3003

Dettagli

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011 Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 3 settembre 29 Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 211 Nel corso della sua seduta odierna

Dettagli

Finanze federali 2016: è necessario risparmiare dossierpolitica

Finanze federali 2016: è necessario risparmiare dossierpolitica Finanze federali 2016: è necessario risparmiare dossierpolitica 16 novembre 2015 Numero 12 Politica budgetaria La situazione finanziaria della Confederazione è peggiorata. Le spese restano più o meno costanti

Dettagli

Proiezioni 2008: eccedenza più elevata nonostante un evoluzione incerta delle entrate

Proiezioni 2008: eccedenza più elevata nonostante un evoluzione incerta delle entrate Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 6 agosto 2008 Proiezioni 2008: eccedenza più elevata nonostante un evoluzione incerta delle entrate Nel 2008 le entrate della Confederazione

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Rapporto sulle entrate Dicembre 2014

Rapporto sulle entrate Dicembre 2014 Rapporto sulle entrate Dicembre 2014 Le entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-dicembre 2014 mostrano, nel complesso, una diminuzione di 1.471 milioni di euro (-0,2 per cento) rispetto all

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Rapporto sulle entrate Aprile 2014

Rapporto sulle entrate Aprile 2014 Rapporto sulle entrate Aprile 2014 Le entrate tributarie e contributive nel periodo gennaio-aprile 2014 mostrano, nel complesso, una contrazione pari a circa 232 milioni di euro (-0,1 per cento) rispetto

Dettagli

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro Esercizio 1: Domande di controllo sul testo. a. A che età le persone attive sono obbligate a versare i contributi AVS? b. A che età i giovani che NON svolgono alcuna attività professionale devono pagare

Dettagli

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 29.08.2013, 9:15 4 Economia N. 0352-1309-30 Conti economici nazionali della Svizzera nel 2012 Nel 2012

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Risultato influenzato dal difficile contesto di mercato e dagli oneri straordinari

Risultato influenzato dal difficile contesto di mercato e dagli oneri straordinari Fa stato il testo orale Esercizio 2011 Risultato influenzato dal difficile contesto di mercato e dagli oneri straordinari Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Luglio 2012 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 43 Settembre 2012 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

Rapporto sulle entrate Giugno 2013

Rapporto sulle entrate Giugno 2013 Roma, 05/08/2013 Rapporto sulle entrate Giugno 2013 Le entrate tributarie e contributive nel primo semestre 2013 mostrano nel complesso una crescita del 2,2 per cento (+6.767 milioni di euro) rispetto

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

Piano finanziario di legislatura 2013-2015 Allegato al messaggio sul Programma di legislatura 2011 2015

Piano finanziario di legislatura 2013-2015 Allegato al messaggio sul Programma di legislatura 2011 2015 Piano finanziario di legislatura 2013-2015 Allegato al messaggio sul Programma di legislatura 2011 2015 12.008 Messaggio concernente il Programma di legislatura 2013 2015 del 25 gennaio 2012 Allegato 2

Dettagli

Se non diversamente segnalato, i seguenti commenti si riferiscono ai valori totali, incluse le attività cessate in Germania.

Se non diversamente segnalato, i seguenti commenti si riferiscono ai valori totali, incluse le attività cessate in Germania. Esercizio 2010 La relazione orale vale Forte redditività operativa - utile netto inferiore Relazione di Beat Grossenbacher, Direttore Finanze e Servizi, in occasione della conferenza annuale con i media

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero BAKBASEL Previsioni di settore Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile (UPSA) Novembre 2013

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Detenzione rispettosa degli animali e produzione di derrate alimentari sono i temi più importanti

Detenzione rispettosa degli animali e produzione di derrate alimentari sono i temi più importanti 2 3 LÕUOMO < per niente importante molto importante > 1 2 3 4 5 Detenzione rispettosa degli animali Produzione di derrate alimentari Sicurezza alimentare in tempi di crisi Valutazioni della popolazione

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale

12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale Sessione speciale maggio 2015 e-parl 29.05.2015 14:18-1 - 12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale Disegno del Consiglio federale Decisione del Messaggio aggiuntivo

Dettagli

Onere fiscale elevato in Svizzera

Onere fiscale elevato in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 4: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Onere fiscale elevato in Svizzera Nel confronto internazionale, la Svizzera viene regolarmente considerata un paradiso fiscale. Le cifre dell

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Rapporto finanziario sulla gestione. Le FFS nel 2014.

Rapporto finanziario sulla gestione. Le FFS nel 2014. P 30. Le FFS nel 2014. Rispetto all esercizio precedente il risultato consolidato delle FFS è aumentato di CHF 134,7 mio, portandosi a CHF 372,9 mio. Oltre all incremento del ricavo d esercizio, in crescita

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III.1 L INDEBITAMENTO NETTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Le previsioni di finanza pubblica presentate nell Aggiornamento del Programma di Stabilità del 2008

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale (Divergenze)

12.101 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014. Legge federale (Divergenze) Consiglio degli Stati Sessione estiva 205 e-parl 5.06.205 08:25 - - 2.0 n Pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 204. Legge federale (Divergenze) Disegno del Consiglio federale Decisione

Dettagli

Informazione per i media

Informazione per i media Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Informazione per i media Risultato semestrale 2014 della

Dettagli

MCA2 Modello contabile armonizzato 2 per i comuni grigionesi

MCA2 Modello contabile armonizzato 2 per i comuni grigionesi Amt für Gemeinden Graubünden Uffizi da vischnancas dal Grischun Ufficio per i comuni dei Grigioni MCA2 Modello contabile armonizzato 2 per i comuni grigionesi Raccomandazione per la prassi n. 20 Statistica

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

APPENDICI APPENDICI 67

APPENDICI APPENDICI 67 APPENDICI APPENDICI 67 RELAZIONE SUL CONTO CONSOLIDATO DI CASSA DELLE AA.PP. AL 30 GIUGNO 2015 68 APPENDICI Appendice A IL BILANCIO DELLO STATO CONSISTENZA, STRUTTURA E SMALTIMENTO DEI RESIDUI A.1 Situazione

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile UPSA Previsioni di settore BAKBASEL Ottobre 2014

Dettagli

Chiusura semestrale 2014

Chiusura semestrale 2014 Chiusura semestrale 2014 Chiusura al 30.6.2014. L essenziale in breve Utile semestrale CHF 39,56 mio. + 50,7 % Utile lordo CHF 44,60 mio. + 25,3 % Somma di bilancio CHF 15,80 mia. + 5,0 % Crediti ipotecari

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 23 agosto 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Principio dei tre pilastri

Principio dei tre pilastri Dipartimento federale dell interno/ Ufficio federale delle assicurazioni sociali Incontro con i media del 26 maggio 2003 (Ile Saint-Pierre) - Documentazione Garanzia ed evoluzione della previdenza professionale

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015 Da inizio anno 2015: 1,51% 1 trimestre 2015: 1,51% Inizio anno soddisfacente nonostante la performance negativa di gennaio Quota di liquidità

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

Effetti che l accordo bilaterale sui trasporti terrestri ha sul traffico merci stradale e ferroviario in Svizzera

Effetti che l accordo bilaterale sui trasporti terrestri ha sul traffico merci stradale e ferroviario in Svizzera _ Effetti che l accordo bilaterale sui trasporti terrestri ha sul traffico merci stradale e ferroviario in Svizzera Committente: Dienst für Gesamtverkehrsfragen des Eidgenössischen Departementes für Umwelt,

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

Rapporto dei presidenti

Rapporto dei presidenti Rapporto dei presidenti Nonostante le difficili condizioni quadro economiche, nel 2015 il Gruppo Migros ha ottenuto un fatturato pari a CHF 27.4 miliardi, con una crescita dello 0.1 %. Inoltre è riuscita

Dettagli

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.107 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Pro Tassare le eredità milionarie per finanziare la nostra AVS (Riforma dell imposta sulle successioni).

Dettagli

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare.

Argomenti Contro. Dokumentation Documentation Documentazione 13.095. Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare. Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.095 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Contro Imposta sull energia invece dell IVA. Iniziativa popolare Dokumentation Documentation Documentazione

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Ipoteche. Finanziamenti su misura

Ipoteche. Finanziamenti su misura Ipoteche Finanziamenti su misura Verso l acquisto di una casa di proprietà? Il sogno di una casa tutta propria ha inizio con la ricerca di un immobile adeguato. Un analisi accurata delle vostre esigenze

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Incontro ABT con i politici ticinesi

Incontro ABT con i politici ticinesi 1 Incontro ABT con i politici ticinesi C. Genasci, Membro della Direzione generale Vezia, 15 febbraio 2007 2006 in generale 2 Congiuntura! PIL (crescita reale 2006) Mondo: +5% (tasso di crescita superiore

Dettagli

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Per una corretta lettura dei dati di consuntivo 2012 occorre innanzitutto ricordare che esso è stato redatto in base

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

Messaggio concernente la legge federale sul pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014

Messaggio concernente la legge federale sul pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014 12.101 Messaggio concernente la legge federale sul pacchetto di consolidamento e di verifica dei compiti 2014 (LPCon 2014) del 19 dicembre 2012 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente messaggio

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli