Il trapianto di cornea: attualità e prospettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il trapianto di cornea: attualità e prospettive"

Transcript

1 3/ 2005 RIASSUNTO Lo scopo di questa rassegna è di fornire una panoramica della situazione attuale e delle prospettive del trapianto di cornea in Italia. Il trapianto consiste nella sostituzione della porzione centrale della cornea con un lembo corneale omologo. L intervento è effettuato utilizzando cornee prelevate entro 24 ore dal decesso da donatori selezionati. Le cellule basali dell epitelio del limbus (la periferia corneale) sono le cellule staminali dell epitelio che riveste la cornea. In caso di deficit del limbus, il trapianto di cornea non è una misura sufficiente, perché fornisce solo un sostituto temporaneo dell epitelio del ricevente, senza ricostituire la funzionalità delle cellule staminali. Il successo del trapianto si identifica con la possibilità di restituire all occhio operato una capacità visiva migliore o paragonabile a quella dell occhio controlaterale. La percentuale complessiva di sopravvivenza del trapianto è circa 90% a un anno, 74% a 5 anni, 62% dopo 10 anni. La causa più frequente di fallimento è il rigetto immunologico, seguito dallo scompenso tardivo per esaurimento del lembo. Nessuno studio esteso è mai stato pubblicato sul risultato dei trapianti di cornea in Italia. Il CORneal Transplant Epidemiological Study, che Fondazione Banca degli Occhi sta conducendo da quattro anni, produrrà informazioni sui risultati a medio e lungo termine dei trapianti di cornea in Italia. Il compito di una banca degli occhi è raccogliere, selezionare, conservare e distribuire tessuti oculari per chirurgia elettiva o interventi urgenti. Diego Ponzin 1 Alessandro Galan 2 1 Fondazione Banca degli Occhi, Venezia-Mestre 2 U.O. Oculistica, Ospedale S. Antonio, Padova Parole chiave Trapianto di cornea, cheratoplastica perforante, cheratoplastica lamellare, superficie oculare, banche degli occhi. Corneal transplantation: present and perspectives SUMMARY The aim of this review is to provide an overview of the current status and the future perspectives of corneal transplantation in Italy. Corneal transplantation is performed by replacing the central portion of the recipient cornea with a donor button, retrieved from selected donors within 24 hours from the death. The basal cells of the limbus (the corneal periphery) are the corneal epithelial stem cells. In case of limbal deficiency, the corneal transplantation does not represent a sufficient measure, because it provides only a temporary replacement of the recipient epithelium, and it does not restore the limbal stem cells function. The success of the corneal transplantation can by defined by the possibility to restore in the operated eye a visual acuity better, or at least comparable, to the contra lateral eye. The overall survival rate of the transplanted corneas is about 90% (after 1 year), 74% (5 years), 62% (10 years). The most frequent cause of failure is the immunological rejection, followed by the late failure due to graft exhaustion. Up to now there are not published studies on the outcome of corneal transplantation in Italy. The CORneal Transplant Epidemiological Study, that the Veneto Eye Bank Foundation is performing since four years, will produce information on the intermediate and long term outcome of corneal transplantation in Italy. The aim of an eye bank is to procure, select, store and deliver ocular tissue for elective and urgent surgery. Key words Corneal transplantation, penetrating keratoplasty, lamellar keratoplasty, ocular surface, eye banks. 101

2 Introduzione Il primo tentativo di trapianto di cornea di cui esista documentazione è stato eseguito nel 1838 da Kissam, che trapiantò ad un paziente una cornea di maiale, senza l utilizzo di anestesia 1. Lo xenotrapianto fallì, come una serie di ulteriori tentativi. Tuttavia nel 1905 Edward Konrad Zirm, un oculista di Vienna ( ), eseguì il primo trapianto di cornea su di un paziente dell attuale Repubblica Ceca, Alois Glogar, che nell agosto del 1904 si era provocato una grave ustione da calce agli occhi. Nel 1905, Karl Brauer, un bimbo di 11 anni, ebbe un grave trauma da schegge metalliche in un occhio. Quattro mesi dopo, il piccolo fu portato nella clinica di Zirm a Olomouc, una zona rurale dell Austria. Zirm, non riuscendo a salvare l occhio di Brauer, lo enucleò e ne utilizzò il tessuto corneale per trapiantarlo negli occhi di Glogar. In uno dei due occhi il trapianto rimase funzionante, permettendo a Glogar un certo recupero visivo 2. Il dottor Zirm viene quindi ricordato come il pioniere che ha eseguito con successo il primo trapianto di cornea. Lo scopo di questa rassegna è di fornire una panoramica della situazione attuale e delle prospettive del trapianto di cornea in Italia. Anatomia e fisiopatologia della cornea e del limbus La cornea rappresenta la porzione anteriore del bulbo oculare. Grazie alla sua trasparenza e curvatura essa si comporta come una potente lente, permettendo alla luce di raggiungere le strutture interne dell occhio e stimolare la retina. Il mantenimento della trasparenza e della fisiologica curvatura della cornea, che è priva di vasi sanguigni, è essenziale per la visione 3. La cornea è delimitata esternamente da un epitelio squamoso non cheratinizzato che poggia, mediante una membrana basale, su di uno stroma povero di acqua. Lo strato più interno, a contatto con l umore acqueo della camera anteriore, è costituito da un monostrato di cellule (endotelio), che forma un mosaico regolare di elementi esagonali. L epitelio, che viene costantemente rinnovato, è costituito da 3-4 strati esterni di cellule piatte, 1-3 strati intermedi e uno strato di cellule basali colonnari. Le cellule degli strati esterni ed intermedi sono postmitotiche, e si differenziano progressivamente fino a desquamarsi, mentre lo strato basale, costituito da transient amplifying cells variamente differenziate, rappresenta il comparto mitoticamente attivo. Lo stroma è composto principalmente da collagene, la cui disposizione in fibre di diametro e spaziatura uniformi è essenziale per la trasparenza della cornea; inoltre sono presenti glicoproteine e proteoglicani. L endotelio corneale della specie umana non possiede attività mitotica e il numero di cellule si riduce progressivamente con l età (0,5% per anno a partire dall età adulta). Inoltre, la perdita endoteliale può essere accelerata da patologie o insulti di varia natura. Una lesione dell endotelio provoca un aumento di spessore della cornea, 102

3 che diventa edematosa e perde la trasparenza 4. Il rigonfiamento della cornea è dovuto all ipertonicità dello stroma rispetto al film lacrimale e all umore acqueo. Poiché i fluidi e i soluti entrano continuamente nello stroma, lo spessore e la trasparenza della cornea devono essere mantenuti mediante una costante rimozione dei fluidi. Il meccanismo attraverso il quale l endotelio rimuove i fluidi dallo stroma, noto come pompa endoteliale, è costituito da trasportatori e canali ionici che promuovono un flusso di ioni dallo stroma all umore acqueo (soprattutto Na + e HCO 3- ), seguito da un movimento di acqua. Il limbus è la zona di transizione tra cornea e congiuntiva bulbare. Le cellule basali dell epitelio del limbus sono le cellule staminali dell epitelio corneale. Tali cellule sono scarsamente differenziate, hanno un alto potenziale proliferativo ed una bassa attività mitotica, e producono le transient amplifying cells, che si moltiplicano ma hanno un potenziale proliferativo limitato. La scoperta del ruolo delle cellule del limbus corneale ha contribuito alla definizione della superficie oculare, una unità anatomo-funzionale che comprende il film lacrimale, l epitelio corneale e l epitelio congiuntivale. Le patologie corneali e della superficie oculare Tutte le malattie che provocano una grave alterazione della trasparenza e della curvatura della cornea conducono alla cecità parziale o totale. Se queste malattie sono incurabili, o il danno da esse prodotto è irreversibile, il trapianto di cornea rappresenta l unica possibilità terapeutica. Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), le patologie della cornea, a livello internazionale, sono responsabili del 20% dei casi di cecità, al secondo posto dopo la cataratta. Nei paesi in via di sviluppo prevalgono le patologie corneali secondarie ad infezioni, nei paesi occidentali il trapianto di cornea viene eseguito principalmente per patologie congenite o secondarie a interventi chirurgici. Le malattie che producono alterazioni di curvatura sono rappresentate dal cheratocono, un ectasia congenita che colpisce i giovani, provoca uno sfiancamento della cornea e ne compromette la struttura (tabella I). Le alterazioni della trasparenza comprendono: malattie conge- Indicazione Italia USA PK (%) LK (%) PK (%) LK (%) Cheratocono Ritrapianto Cheratopatia bollosa Cheratite Distrofia Trauma Cicatrice corneale Altro Tabella I. Principali indicazioni cliniche al trapianto di cornea in Italia (dati estratti dal data base di Fondazione Banca Occhi relativi a 2001 cornee distribuite per PK e 118 lenticoli distribuiti per LK) e in USA (Eye Bank Association of America, dati relativi a cornee distribuite per PK e 414 lenticoli distribuiti per LK) nel Il cheratocono si manifesta nei giovani (età media dei pazienti operati con cornee fornite da Fondazione: 36 anni). I soggetti affetti da cheratopatia bollosa sono in genere anziani (età media: 68 anni). Nel caso delle distrofie le conseguenze sulla visione diventano importanti in età adulta (età media: 59 anni). 103

4 nite, le distrofie corneali (figura 1), patologie ereditarie che producono un danno all endotelio, o provocano l accumulo di sostanze anomale nello stroma, con conseguenze sulla visione che diventano importanti in età adulta; malattie infiammatorie, come l infezione prodotta dal virus Herpes; malattie degenerative, come la cheratopatia bollosa, manifestazione clinica della perdita della funzione endoteliale che può rappresentare la complicanza di interventi come l estrazione della cataratta e si verifica negli anziani; malattie traumatiche, come le perforazioni. Infine, un gruppo di pazienti è rappresentato da soggetti sottoposti a ritrapianto, sia come conseguenza di un rigetto, sia per esaurimento della funzionalità del lembo corneale. La superficie oculare può essere compromessa da traumi o patologie che distruggono le cellule staminali dell epitelio, o la congiuntiva. La perdita delle cellule staminali dell epitelio corneale (deficit limbare) determina difetti epiteliali persistenti o recidivanti, ulcere stromali, sostituzione della superficie corneale con epitelio congiuntivale e formazione di un danno neovascolare. Questo predispone alla formazione di leucomi, ulcere settiche o trofiche, melting e rischio di perforazioni corneali. Se in questa situazione si esegue un trapianto di cornea, l intervento è destinato all insuccesso, per problemi di riepitelizzazione. Il trapianto di cornea Il trapianto consiste nella sostituzione della porzione centrale della cornea con un lembo corneale omologo che in genere ha un diametro di 8,0 8,5 mm (cheratoplastica perforante, PK, figura 2). L intervento è effettuato utilizzando cornee prelevate entro 24 ore dal decesso da donatori selezionati, viene condotto in anestesia generale o locale e dura da 30 a 60 minuti. Il tessuto sano viene suturato alla porzione residua della cornea patologica mediante un filo di nylon 10/0, che viene lasciato in situ per mesi. L intervento comporta una degenza di pochi giorni o viene eseguito in day hospital, è seguito da un rapido recupero visivo e non richiede una terapia immunosoppressiva sistemica. I rischi di rigetto sono contenuti, perché la cornea è priva di vasi sanguigni. Se esso si manifesta, può essere controllato mediante una terapia topica a base di cortisonici. Quando si parla di trapianto di cornea, si intende normalmente l intervento di tipo perforante, Figura 1. Cornea di paziente di 51 anni, affetto da distrofia granulare, una patologia congenita, autosomica dominante, che produce un progressivo accumulo di proteina amiloide nello stroma centrale, prevalentemente anteriore, della cornea. In genere l acuità visiva risulta essere compromessa nel corso della quinta decade di vita. Lampada a fessura, 10 X. Archivio Fondazione Banca Occhi. Figura 2. Trapianto di cornea, 6 mesi dopo l intervento. Il lembo è trasparente, la riepitelizzazione è completa. La sutura, di tipo continuo, sarà rimossa dopo mesi dall intervento. Lampada a fessura, 16 X. Archivio dott. A Galan. 104

5 che viene eseguito in condizioni random, senza tipizzazione del donatore e del ricevente. Negli anni Quaranta Louis Paufique ( ), un eminente oculista francese, ha sviluppato la cheratoplastica lamellare (LK), con lo scopo di sostituire solo gli strati patologici superficiali di una cornea alterata, lasciando intatte le strutture sane più profonde. Come la PK, anche la LK può essere distinta in ottica (effettuata per ottenere la riabilitazione visiva dell occhio interessato), tettonica (serve a ristabilire lo spessore o l integrità della cornea) e terapeutica (ha lo scopo di rimuovere una patologia in atto, come una neoplasia o un infezione) 5. La LK tettonica o terapeutica può essere seguita, se necessario, da una cheratoplastica perforante a scopo ottico. In base al tipo di preparazione del tessuto e dell occhio ricevente, distinguiamo una LK manuale (lo stroma corneale viene dissezionato con una spatola smussa), meccanizzata (preparazione con microcheratomo), e con laser ad eccimeri. In base al tipo di tecnica chirurgica la LK può essere superficiale (viene sostituito lo stroma anteriore), a spessori differenziati (una LK superficiale in cui si innesta un lenticolo più spesso dello stroma che è stato asportato), profonda (sostituzione di tutto lo stroma, fino alla membrana di Descemet), posteriore (sostituzione di stroma posteriore, membrana di Descemet ed endotelio) L evoluzione della tecnica chirurgica ha migliorato i risultati visivi, ampliando le indicazioni della LK. L intervento viene condotto in anestesia generale o locale, e può durare fino a 90 minuti. Un lenticolo sano (figura 3) viene suturato al letto residuo della cornea, dalla quale sono stati rimossi gli strati patologici. Il filo di sutura viene lasciato in situ per 3-4 mesi 6. La LK presenta alcuni vantaggi rispetto alla PK. Poiché si tratta di una procedura extraoculare, le potenziali complicanze associate all apertura del bulbo (infezioni intraoculari, cataratta, ipertono, emorragia espulsiva) vengono eliminate. Inoltre l intervento è assai raramente seguito da reazioni di rigetto immunologico. In caso di deficit del limbus corneale, il trapianto di cornea non è una misura sufficiente, perché fornisce solo un sostituto temporaneo dell epitelio del ricevente, senza ricostituire la funzionalità delle cellule staminali; quando le cellule epiteliali del donatore esauriscono la loro capacità mitotica, il trapianto fallisce. Se il limbus è solo parzialmente danneggiato, l applicazione di membrana amniotica può essere sufficiente a stimolare la riepitelizzazione della cornea, evitando interventi più impegnativi 6. La membrana amniotica, lo strato più interno delle membrane fetali, è costituita da uno strato di cellule epiteliali poggianti su di una mem- Figura 3. Lenticolo corneale preparato con microcheratomo, uno strumento che utilizza una lama che, con movimenti ad alta frequenza, taglia lo stroma corneale garantendo una buona regolarità della superficie. L aspetto è simile a quello di una lente a contatto. Generalmente il chirurgo utilizza la stessa tecnica per la preparazione del letto corneale del ricevente, sul quale innesterà il lenticolo. La qualità della superficie è un fattore importante per l acuità visiva dopo l intervento. Microscopio elettronico a scansione, 16 X. Archivio Fondazione Banca degli Occhi. 105

6 brana basale, a sua volta ancorata ad uno stroma avascolare, di natura collagenica. Si tratta di un tessuto non immunogenico (le cellule non esprimono antigeni HLA-A, -B, -C e -DR), dotato di proprietà trofiche, anti-dolorifiche e anti-infiammatorie. Dal 1995 la membrana amniotica viene utilizzata in chirurgia oculare ricostruttiva, nel trattamento di patologie corneali, della superficie oculare e di cheratalgie, nella chirurgia del glaucoma, da sola o in associazione con altre procedure. La ricostituzione della superficie corneale può essere seguita, a distanza di tempo, dalla PK a scopo ottico. I risultati Da quando è stato effettuato per la prima volta, il trapianto di cornea ha subito una costante evoluzione. Il successo del trapianto si identifica quasi sempre con la possibilità di restituire all occhio operato una capacità visiva migliore, o almeno paragonabile, a quella dell occhio controlaterale. Secondo dati di letteratura (gli unici due studi prospettici, multicentrici, disponibili a livello internazionale, che abbiano coinvolto un numero elevato di pazienti, sono quelli dell Australian Corneal Graft Registry e il Corneal Transplant Follow-up Study, eseguito nel Regno Unito), la percentuale complessiva di sopravvivenza della cornea trapiantata (capacità del lembo di rimanere trasparente) è circa 90% a un anno, 74% a 5 anni, 62% dopo 10 anni. Nel caso di occhi ad alto rischio, che presentano neovascolarizzazione corneale, infiammazione, o un deficit del limbus, la percentuale di sopravvivenza del lembo a 10 anni è inferiore al 35% 7. Questi dati sono simili alle percentuali di successo del trapianto di rene, un organo vascolarizzato. La causa più frequente di fallimento della cheratoplastica perforante è il rigetto immunologico, seguito dallo scompenso tardivo per esaurimento del lembo. Ciò induce a ritenere che il concetto di sito immunologicamente privilegiato sia da riconsiderare (la nozione che la cornea sia uno dei siti immunologicamente privilegiati dell organismo, derivata più di 100 anni fa da osservazioni sperimentali, è stata applicata all occhio da Medawar nel 1948, sulla base dell osservazione che tale organo non dispone di un drenaggio linfatico. L esistenza di un atipicità delle reazioni immunologiche che si svolgono nell occhio è stata successivamente confermata sperimentalmente e sviluppata concettualmente). La sopravvivenza del lembo non è il solo parametro che stabilisce il successo dell intervento (un lembo trasparente può non garantire una buona capacità visiva). Inoltre il risultato visivo non deve essere espresso solo come acuità visiva naturale e best corrected visual acuity, ma anche come migliore acuità visiva ottenuta con una correzione tollerabile dal paziente. La risoluzione di un eventuale sintomatologia dolorosa, il ripristino dell anatomia, il risultato estetico, la percezione del paziente relativamente al risultato funzionale 106

7 e all adeguatezza dell intervento sono altri indicatori utili. Inoltre, il giudizio sulla trasparenza corneale va accompagnato da dati come la pachimetria, la densità e la morfologia dell endotelio, lo stato dell epitelio. Infine, anche il monitoraggio di indicatori negativi, come gli eventi avversi e le complicanze, deve essere preso in considerazione. Alcuni fattori prognostici in grado di influenzare l esito di trapianti sono già stati individuati, ma il loro peso relativo rimane da stabilire. Essi comprendono la patologia del ricevente (infiammazione e vascolarizzazione della cornea al momento del trapianto), il grado di deterioramento dell endotelio e la dimensione lembo trapiantato, l esperienza del chirurgo (numero di trapianti eseguiti annualmente), il numero di trapianti subiti in precedenza dallo stesso occhio, l istocompatibilità nel caso di soggetti a rischio di rigetto. In letteratura non sono ancora stati pubblicati studi sufficientemente illustrativi dell esito a lungo termine del trapianto di cornea. Gli studi multicentrici relativi a un elevato numero di pazienti sono basati su un follow-up breve (un anno), e gli studi con follow-up lunghi comprendono pochi pazienti. Nessuno studio esteso è mai stato pubblicato sul risultato dei trapianti di cornea in Italia. Il CORneal Transplant Epidemiological Study, che Fondazione Banca degli Occhi sta conducendo da quattro anni, in collaborazione con l Università di Padova e numerosi centri di trapianto italiani, risponde ai requisiti elencati. Si tratta di uno studio longitudinale (prospettico), multicentrico che produrrà informazioni sui risultati a medio e lungo termine dei trapianti di cornea in Italia. Evento avverso o complicanza % Trasmissione di 0 patologia sistemica (da trentanni non si verificano casi) Trasmissione locale di patologia 0,1-2,0 (conservazione a 4 C) (cheratite, endoftalmite) 0,1 (conservazione in coltura) Fallimento precoce 1,2-2,1 (conservazione a 4 C) (lembo trapiantato diffusamente edematoso al primo giorno post-pk, mancata risoluzione dell edema nei giorni successivi e assenza di cause identificabili per il fallimento) 0,2 (conservazione in coltura) Fallimento tardivo 5 8 (graduale scompenso del trapianto in assenza di cause apparenti, con refrattarietà al trattamento con corticosteroidi e assenza di storia recente di episodi di rigetto) Rigetto 32 Glaucoma 6 Recidiva di patologia 1 Tabella II. Incidenza annuale di alcuni eventi avversi e complicanze nel trapianto di cornea. I dati relativi alla conservazione in coltura confermano che tale tecnica consente di distribuire cornee di qualità più affidabile. Fonte: Fondazione Banca Occhi. Eye Bank Association of America, Wilhelmus KR. Arch Ophtalmol 1995; Bourne WM. Cornea 2001; Ing JJ et al. Ophthalmology 1998; Waldock A, Cook SD. Br J of Ophthalmol 2000; Stechschulte SU, Azar DT. Int Ophthalmol Clin 2000; Australian Corneal Graft Registry 1996; Corneal Transplant Follow-up Study

8 Eventi avversi e complicanze del trapianto Si intende per evento avverso una patologia trasmissibile, correlata e attribuibile alla procedura di trapianto, comprese le infezioni (endoftalmiti, cheratiti e patologie virali sistemiche), oppure un problema relativo alla qualità biologica della cornea trapiantata, come lo scompenso precoce o un lembo con alterazioni distrofiche. Si parla di complicanza in presenza di un evento clinico in grado di compromettere l esito del trapianto. Si parla infine di fallimento quando il trapianto deve essere ripetuto per qualsiasi motivo, indipendentemente dalla trasparenza della cornea. Eventi avversi, complicanze e fallimenti, dal punto di vista clinico, possono essere ulteriormente distinti in precoci e tardivi 8. Gli eventi precoci sono: mancanza di tenuta o altri problemi della sutura, difetti epiteliali persistenti, cheratopatia filamentosa, pressione intraoculare elevata, emorragia della coroide, ipoema, cheratiti, endoftalmiti e scompenso precoce. Gli eventi tardivi comprendono la crescita dell epitelio in camera anteriore, gli errori di refrazione, il rigetto, il glaucoma, la trasmissione di patologie sistemiche e lo scompenso tardivo. Attualmente il trapianto di cornea è gravato da un incidenza molto bassa di eventi avversi, che comprendono lo scompenso precoce, il lembo con alterazioni distrofiche e la trasmissione locale di infezioni, che si verifica in una percentuale inferiore a quella di altri interventi sul segmento anteriore (tabella II). La maggior parte dei fallimenti è attribuibile a complicanze come il rigetto e lo scompenso tardivo. Le banche degli occhi Il compito di una banca degli occhi è raccogliere, selezionare, conservare e distribuire cornee idonee e altri tessuti oculari, per chirurgia elettiva o interventi urgenti 9. La prima banca degli occhi, costituita da Paton a New York nel 1944, ha posto le basi per lo sviluppo di numerose banche, sia negli Stati Uniti che nel resto del mondo. Le banche statunitensi sono riunite nella Eye Bank Association of America, un ente certificatore che associa 79 banche e impone ai suoi affiliati l osservanza di linee-guida. Nel 2004 tali banche hanno raccolto cornee, di cui (52%) sono state distribuite per PK, negli Stati Uniti (32.106), o esportate in altri paesi, anche europei. Le 83 banche degli occhi europee, riunite nella European Eye Bank Association, un organizzazione tecnico-scientifica che chiede agli affiliati di dichiarare i parametri di qualità adottati, nel 2003 hanno raccolto cornee, di cui (52%) distribuite per trapianto. La prima banca degli occhi italiana è stata Fondazione Banca degli Occhi nel Veneto che, dall inizio degli anni Novanta, opera sul territorio nazionale. In seguito sono nate altre strutture e, nel 2003, è stata costituita la Società Italiana Banche degli Occhi (SIBO), con l impegno di approfondire gli aspetti scientifici, elaborare linee-guida e in- 108

9 teragire con le istituzioni che regolano e rappresentano l attività di procurement e trapianto (Società Oftalmologica Italiana, Società Italiana Trapianto di Cornea, Ministero della Salute, Centro Nazionale Trapianti, Centri di Coordinamento Regionali e Interregionali). Grazie all esistenza della SIBO è stato possibile raccogliere i dati relativi all attività di procurement e trapianto di cornea in Italia. Nel 2004, le 14 banche degli occhi italiane hanno raccolto cornee, di cui 5387 (43%) sono state distribuite per PK e LK. Questi dati, negli ultimi quattro anni, sono rimasti stabili (tabella III). Sebbene non si conosca l epidemiologia delle malattie corneali nel nostro paese, è possibile stimare la necessità di trapianto e il fabbisogno di cornee in Italia confrontando la nostra situazione con quella di altre nazioni. I trapianti eseguiti ogni milione di abitanti sono 110 negli Stati Uniti, e 91 in Italia. Il confronto con gli Stati Uniti è interessante perché, nell ultimo decennio, il numero di trapianti/anno si è mantenuto costante, o in leggera flessione. Negli Stati Uniti, quindi, è stata raggiunta una situazione di equilibrio tra il numero dei pazienti che ogni anno necessitano di trapianto e la disponibilità di cornee. È possibile prevedere che il fabbisogno italiano potrà essere soddisfatto qualora sia raggiunto un tasso simile a quello degli Stati Uniti. Di conseguenza, per un tasso di 110 trapianti/ abitanti/anno, il procurement in Italia deve aumentare a cornee/anno, per assicurare la disponibilità, posto come riferimento l attuale percentuale di utilizzo del 43%, di cornee idonee. Alla luce dei miglioramenti organizzativi promossi dal Centro Nazionale Trapianti, dai Coordinamenti Regionali e Locali, e dalle singole banche degli occhi nella promozione della donazione delle cornee per trapianto, tale traguardo appare vicino. Nazione Popolazione Trapianti Tasso (milione di abitanti) (trapianti/milione abitanti/anno) Italia Alcune nazioni UE* Stati Uniti Selezione dei donatori Il successo del trapianto dipende anche dall applicazione di procedure volte a minimizzare il rischio di trasmissione di patologie sistemiche e infezioni oculari dal donatore al ricevente. Il rischio deve essere mantenuto a livelli tali da rendere favorevole il rapporto rischio/beneficio del trapianto di cornea, che non è un intervento salvavita ma ha lo scopo di migliorarne la qualità. Tabella III. Trapianti di cornea in Italia (2004), alcune nazioni della Unione Europea (2003) e Stati Uniti (2004). Fonte: Fondazione Banca Occhi. Eye Bank Association of America, ISTAT, US Census Bureau, * Le nazioni della Unione Europea considerate: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Grecia, Regno Unito, Svezia, Spagna, Olanda (Directory 2005, European Eye Bank Association). 109

10 Gli agenti eziologici che possono essere potenzialmente trasmessi con la cornea comprendono batteri, funghi e protozoi (trasmissione locale), i virus e le cellule neoplastiche (trasmissione locale e sistemica), i prioni (trasmissione sistemica). In realtà i virus per cui esiste una trasmissione documentata sono il virus dell epatite B (due casi antecedenti al 1985, data di inizio dell applicazione dello screening sierologico per HBV) e il virus della rabbia (quattro casi). La possibilità di trasmissione di cellule neoplastiche è limitata al retinoblastoma, un raro tumore del tessuto retinico (un caso in letteratura). Inoltre è stata segnalata la presenza di cellule neoplastiche in cornee prelevate da donatori deceduti per leucemia. Questo, assieme ad una possibile eziologia virale, ha fatto sì che leucemie, linfomi, mielomi, nonché i tumori maligni del segmento anteriore dell occhio costituiscano criteri di esclusione. Tutte le altre neoplasie maligne non costituiscono una controindicazione all utilizzo delle cornee per trapianto e non è mai stato documentato un aumento di incidenza di tumori nei riceventi di cornee provenienti da donatori deceduti per neoplasia. Per quanto riguarda i prioni, sono documentati quattro casi di trasmissione di encefalopatia spongiforme (un solo caso definito, tre probabili), che risalgono agli anni 70, e quattro casi di innesti di tessuti oculari provenienti da un donatore affetto da encefalopatia spongiforme che, fino ad oggi, non hanno dato luogo a conseguenze cliniche. L OMS ha individuato nel 1997 i gruppi a rischio per la possibile trasmissione dell encefalopatia spongiforme, che sono persone affette da encefalopatia spongiforme e loro famigliari, persone che hanno assunto l ormone della crescita dal 1963 al 1985, o che hanno ricevuto innesti di dura madre, e persone affette da malattie neurologiche di eziologia sconosciuta. Il donatore di tessuti oculari viene selezionato attraverso l identificazione (che assicura la rintracciabilità perenne), la documentazione di ora, luogo, circostanze di decesso e prelievo, l intervallo post-mortem, l età (per motivi legati alla qualità dei tessuti oculari), la raccolta dell anamnesi patologica prossima e remota, l ispezione in situ dei tessuti oculari e i test sierologici (ricerca di anti-hiv 1 e 2, anti- HCV, antigene HBs e TPHA). L esistenza di un periodo finestra, durante il quale non è possibile rilevare alcuna risposta sistemica alla presenza del virus, impone la raccolta dell anamnesi sociale e un ispezione fisica, per escludere la presenza di comportamenti a rischio. La fonte delle informazioni deve essere documentata ed è costituita dalla cartella clinica e/o dal medico curante, personale infermieristico, patologo, referto autoptico, medico di famiglia, famigliari o conoscenti vicini al deceduto. Poiché da più di 30 anni non viene documentato un caso di trasmissione di patologia sistemica, si può concludere che, con l applicazione delle attuali linee-guida, il rischio di trasmissione di patologie sistemiche associato al trapianto di cornea è teorico, oppure molto basso. 110

11 La conservazione della cornea La conservazione della cornea ha lo scopo di mantenere inalterate le caratteristiche del tessuto, in particolare il numero e la vitalità delle cellule endoteliali, dal prelievo al trapianto. Il più antico metodo, introdotto da Filatov nel 1935, consiste nella conservazione del bulbo oculare del donatore in una camera umida. Il bulbo viene avvolto in una garza inumidita con soluzione salina sterile e conservato in un contenitore ermetico. Questo metodo è affidabile per 24 ore. Gli svantaggi sono emersi quando, a partire dagli anni Cinquanta, è stata riconosciuta l importanza dell endotelio corneale. Poiché nella camera anteriore dell occhio del cadavere sono presenti enzimi idrolitici e metaboliti tossici, in concentrazione proporzionale alla durata dell intervallo post-mortem, la cornea deve essere al più presto isolata dal bulbo oculare, e conservata in condizioni idonee. Per questi motivi, tale metodo è oggi utilizzato solo in combinazione con altri sistemi di conservazione. Nel 1974, McCarey e Kaufman hanno proposto un liquido per la conservazione a 4 C della cornea. A 4 C il metabolismo delle cellule corneali è ridotto e la funzione della pompa endoteliale è assente. A causa dell ipertonicità dello stroma, una cornea immersa in un liquido di coltura assume acqua e si rigonfia. Tale fenomeno ritarda il ripristino della trasparenza dopo l intervento e può impedire una corretta sutura del lembo. Il liquido di McCarey e Kaufman contiene destrano (peso molecolare KD), che trattiene l acqua e mantiene lo spessore e la trasparenza corneale per ore. Il liquido è stato seguito da altre formulazioni, tutte derivate da esso e costituite da un medium per colture cellulari, antibiotici (gentamicina da sola o in associazione), agenti deturgescenti (destrano e condroitin solfato), substrati metabolici, antiossidanti, fattori di crescita. Poiché le cornee conservate a 4 C vanno incontro a fenomeni degenerativi, esse vengono in genere trapiantate entro 5 giorni anche se, in particolari situazioni, è possibile arrivare fino a 10 giorni di conservazione. Tale tecnica è semplice e la bassa temperatura, assieme agli antibiotici presenti, limita la crescita di eventuali specie microbiche contaminanti. In questo lasso di tempo, tuttavia, non è possibile fare controlli microbiologici e, talvolta, si ha difficoltà a programmare l intervento. Negli anni Settanta è stata introdotta anche la conservazione della cornea in coltura a C. La cornea viene inizialmente mantenuta in un liquido per colture cellulari, contenente antibiotici, un antimicotico, L-glutamina e fattori di crescita. Questa fase può durare anche quattro settimane. Il tessuto si rigonfia e pertanto, prima dell intervento, viene trasferito in un liquido contenente destrano ad alto peso molecolare ( KD) che, in 24 ore, riporta lo spessore corneale a valori paragonabili a quelli primitivi. Il lungo periodo di conservazione consente di programmare gli interventi, avere tessuti disponibili per interventi urgenti, effettuare test di istocompatibilità e controlli microbiologici, che consentono di distribuire tessuti esenti da crescita 111

12 di micororganismi. Un altro aspetto interessante è dato dalla possibilità di fare più controlli dell endotelio. Infine, a questa temperatura la cornea risponde ai fattori di crescita ed esibisce fenomeni riparativi. I tessuti che contengono alterazioni iniziali possono quindi essere recuperati. Gli svantaggi sono attribuibili alla complessità del metodo. Non esistono studi clinici che dimostrino una differenza nell esito a lungo termine del trapianto eseguito con cornee conservate a 4 C o in coltura; entrambi le tecniche, correttamente applicate, sembrano garantire risultati sovrapponibili. In Italia la conservazione in coltura è stata introdotta da Fondazione Banca degli Occhi a partire dal Da allora è stata progressivamente adottata anche dalle altre banche e oggi la maggior parte dei trapianti di cornea italiani viene eseguita con questa metodologia. La selezione della cornea La selezione della cornea si basa sulla ricerca di malattie intrinseche dell occhio, congenite o acquisite, segni di precedente chirurgia intraoculare, e sulla valutazione di densità, vitalità, presenza di alterazioni morfologiche (pleiomorfismo, polimegatismo, distrofie, degenerazioni) dell endotelio corneale. È opinione diffusa che la cornea per trapianto debba avere una densità endoteliale non inferiore a cellule/mm 2. L età non è un parametro affidabile per selezionare la cornea. A partire da 40 anni, un numero significativo di donatori ha una densità endoteliale inferiore a 2000 cellule/mm 2 e può presentare alterazioni distrofiche dell endotelio, mentre donatori di età superiore a 80 anni possono fornire cornee idonee al trapianto. Per questi motivi il limite superiore e inferiore dell età del donatore può variare da centro a centro, e dipende anche da considerazioni di efficienza. La distribuzione Le banche degli occhi devono distribuire i tessuti secondo principi etici (coloro che erogano servizi sanitari hanno il dovere di accertarsi che essi siano di buona qualità e disponibili per tutti coloro che ne hanno bisogno). Il trapianto di cornea rappresenta quasi sempre una procedura elettiva e, nell attuale situazione italiana, il problema dei tempi di attesa è ridimensionato. Nelle regioni che fanno riferimento a banche degli occhi efficienti il tempo di attesa è 1-3 mesi, e viene garantita la disponibilità immediata di tessuti nel caso di situazioni cliniche urgenti (perforazione corneale in atto o imminente, dolore, fallimento di precedente trapianto), o particolari, come l età pediatrica del paziente. Conclusioni e prospettive future Il trapianto di cornea rappresenta il più vecchio, il più comune e forse il più efficace trapianto di tessuto. Se si pensa che il primo intervento è stato eseguito circa trent anni dopo la scoperta dei microbi, e 112

13 trent anni prima dell arrivo degli antibiotici nella pratica clinica, si capisce come la storia del trapianto di cornea comprenda anche qualche grave incidente e numerosi insuccessi. Attualmente, nel mondo, si eseguono più di trapianti di cornea all anno. Si tratta di una procedura sicura, associata ad un basso tasso di morbilità. Le linee-guida internazionali e nazionali garantiscono un riferimento per operare con elevati livelli di qualità e, anche nel nostro paese, le possibilità di trapianto e l attività delle banche degli occhi sono presenti in molte regioni. I trapianti sono pianificati e i tempi di attesa sono diminuiti, anche se ci sono ancora differenze tra le diverse regioni. Il monitoraggio permanente degli esiti dei trapianti rappresenta una tappa obbligata nell evoluzione della chirurgia e delle banche degli occhi italiane, e consentirà un ulteriore miglioramento dell efficacia ed efficienza di tutte le attività. Le sfide che chirurghi e banche degli occhi sono chiamati a raccogliere dipendono dal progresso delle conoscenze. I concetti di patologia della superficie oculare e deficit delle cellule staminali limbari hanno, in alcune situazioni cliniche, trasformato il ruolo del trapianto, passato da procedura con scarse probabilità di successo a momento finale di una serie di interventi (innesto di membrana amniotica o di cellule staminali, trattamento con fattori di crescita) che consentono di curare patologie corneali per le quali, fino a qualche anno fa, non esistevano terapie. La possibilità in futuro di disporre di cellule staminali autologhe della congiuntiva, oltre a quelle del limbus corneale, allargherà le applicazioni di queste tecnologie e consentirà di eseguire il trapianto anche in patologie al momento difficilmente trattabili. La superficie oculare, infine, si presta all applicazione di tecniche di terapia genica; la scoperta che il gene responsabile di alcune distrofie corneali viene espresso dall epitelio offre la possibilità di manipolare il genoma delle cellule staminali della cornea che, una volta innestate, potrebbero arrestare o curare la patologia. BIBLIOGRAFIA 1. Kissam RS. Cheratoplastice in man. NY J Med 1844; 2: Zirm E. Eine erfolgreiche totale Keratoplastik. Graefes Arch Ophthalmol 1906; 64: Gipson IL. Anatomy of the conjunctiva, cornea, and limbus. In: Smolin G, Thoft RA, eds. The cornea. Boston: Little, Brown and Company publisher; 1994: Edelhauser HF. Physiology. In: Smolin G, Thoft RA, eds. The cornea. Boston: Little, Brown and Company publisher; 1994: Terry M. The evolution of lamellar grafting techniques over twenty-five years. Cornea 2000; 19: Rama P, Giannini R, Bruni A, Gatto C, Tiso R, Ponzin D. Further evaluation of amniotic membrane banking for transplantation in ocular surface diseases. Cell Tissue Bank 2001; 2: Waldock A, Cook SD. Corneal transplantation: how successful are we? Br J Ophthalmol 2000; 84: Stechschulte SU, Azar DT. Complications after penetrating keratoplasty. Int Ophthalmol Clin 2000; 40: Ponzin D. Eye banking at the Fondazione Banca degli Occhi del Veneto: present and perspectives. Organs and Tissues 2003; 2:

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA COMPAGNIA ITALIANA OFTALMOLOGICA Piazzale Lunardi, 13/A 43100 Parma Tel. +39 0521 483123 Fax +39 0521 483472 info@cioitalia.com ALTK Automated Lamellar Therapeutic

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto Testata Data Aprile 2015 Sezione La stanza dell esperto EQUA di Camilla Morabito S.R.L. Via del Babuino, 79 00187 Roma T [+39] 06 3236254 F [+39] 06 32110090 www.equa.it - info@equa.it Partita Iva e Codice

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude St. Jude Medical Neurom modulation Divisio on 6901 Pr reston Road Plano, TX 75024 USA Tel 972 309 8000 Fax 972 309 8150 IMPORTANTE INFORMAZIONE SUL DISPOSITIVO MEDICO Eon Mini Codice Prodotto 65-3788 (Stimolatore

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli