CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Parte Tecnica N.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Parte Tecnica N.1"

Transcript

1 PROCEDURA APERTA PER LA REALIZZAZIONE DELL INFRASTRUTTURA DI CALCOLO PER HIGH PERFORMANCE COMPUTING PRESSO LA SEDE DELLA SISSA DI VIA BEIRUT 2-4 TRIESTE CIG: DE9 - CUP: G93D DOCUMENTO n.4 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Parte Tecnica N.1 Documento illustrativo e capitolato prestazionale dell infrastruttura HPC e dei relativi nodi di calcolo

2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PARTE TECNICA N Introduzione Infrastruttura impiantistica Adeguamento cabine elettriche di media e bassa tensione Adeguamento edilizio spazi destinati alla nuova sala dati Potenza impianto elettrico e distribuzione... 6 Linea da 500 kw... 6 Linea da 300 kw Impianto di condizionamento: criteri generali UPS Impianto di condizionamento: unità esterne ed interne Sistema di controllo accessi Antincendio Sistema a Rack Cluster Architettura del sistema Nodi di calcolo Fattore di forma: Tipologia processori Dotazione di RAM: Alimentatore dei nodi di calcolo: Disco a bordo: Sistema di management remoto dei nodi: Numero di core complessivo del sistema: Nodi con acceleratori grafici (GPU) Nodi di Management Infrastruttura di rete Rete InfiniBand Rete in-band Rete di management Sistema di Storage Software richiesto Sistema di code (LRMS) Sistema di Monitoring e Management Filesystem parallelo

3 7. Punteggi Installazione, verifica e collaudo della fornitura Installazione Verifica e collaudo Garanzia e modalità del servizio di assistenza tecnica e manutenzione

4 1. Introduzione La SISSA ha la necessità di allestire, nella sede di via Beirut n. 2, una nuova sala server da dedicare esclusivamente all'high Performance Computing (HPC) e di costruire un cluster che abbia una potenzialità di calcolo di picco di almeno 100 Teraflops per la parte basata su CPU convenzionali. In questo documento si descrivono le specifiche tecniche per l acquisizione dei sistemi IT (nodi di calcolo, storage e reti) e l allestimento della infrastruttura di sala compresa di condizionamento, UPS e armadi a rack. Inoltre, vengono descritti i necessari adeguamenti per l edilizia e per la cabina elettrica. Tutti i sistemi dovranno essere assemblati, testati e coperti da una garanzia per 3 anni on site Next Business Day (NBD). Nel dettaglio, l attuale appalto è rivolto alla realizzazione delle seguenti voci: 1. Adeguamento cabina elettrica; 2. Adeguamento edilizio spazi destinati a nuova sala server; 3. Infrastruttura impiantistica; 4. Cluster con prestazione di almeno 100TFlops di picco; 5. Infrastruttura di rete; 6. Sistema di Storage; 7. Software di gestione; 8. Collaudo in sito del sistema; 9. Servizi di supporto e manutenzione; Eventuali altre componenti e servizi, anche se non esplicitamente menzionati ma comunque necessari per la gestione, l integrazione e il corretto funzionamento del Sistema (ad es. cavi di collegamento, firmware, ecc.) dovranno anch essi essere compresi nella fornitura. La fornitura, inoltre, dovrà appartenere alla più recente generazione di prodotti rilasciati in commercio ed essere costituita esclusivamente da elementi nuovi di fabbrica. L appalto si intende comprensivo di: - redazione di tutti gli elaborati progettuali di ogni livello fino all esecutivo necessari per la realizzazione dell infrastruttura e per la definizione delle necessarie istanze autorizzatorie; - redazione dei documenti sulla sicurezza del lavoro (PSC, POS, aggiornamenti DUVRI) previsti dall allegato Documento sulla sicurezza DUVRI preliminare; - pianificazione dei lavori ed elaborati finali as built su supporti sia software che cartacei, per tutti gli interventi da effettuare; - evasione di tutte le pratiche autorizzatorie relative alle realizzazioni progettate 4

5 (per es. non esaustivo, DIA e Aut. Paesaggistica, ecc) con riferimento al piano di vincoli del PRG relativo alla zona di ubicazione dell edificio; - trasporti e noli di qualsiasi mezzo (ad esempio gru) necessari alla realizzazione delle opere richieste. Si precisa che la Ditta aggiudicatrice dovrà predisporre l allaccio di tutti gli impianti tecnologici (acqua, luce, gas, ecc.) fino ai relativi vani tecnici esistenti o da predisporre. - adeguamento cabina elettrica; - adeguamento edilizi locali sala dati; - prodotti hardware e software descritti nel capitolato tecnico e dei servizi di installazione e messa in opera; - manutenzione ordinaria; - assistenza post-vendita; Le descrizioni effettuate nel seguito sono da intendersi come riferimento per gli estensori della proposta. Sono state prese in considerazione esclusivamente tecnologie di base, prive quindi di eventuali valori aggiunti derivanti da soluzioni tecnologiche proprietarie. 2. Infrastruttura impiantistica La progettazione della infrastruttura della sala dati prende spunto dalle best practices redatte dall UPTIME Institute considerando i diversi livelli di affidabilità (Tier). La progettazione iniziale sarà ispirata ad un Tier iniziale di livello 2, espandibile in futuro ad un livello superiore. Per questo motivo le strutture devono avere i concetti di scalabilità e modularità intrinseche, consentendo la espansione o riduzione dei componenti utilizzati senza problemi o fermi di servizio. Obiettivo non meno importante, è quello di progettare un data center ad alta efficienza che rispetti i massimi criteri nel contenimento delle inefficienze energetiche e termiche. In particolare è necessaria una maggiore attenzione alle problematiche del raffrescamento e del contenimento dei consumi, mentre in un momento iniziale vi saranno richieste meno stringenti per quel che riguarda la ridondanza degli elementi infrastrutturali. È previsto che l'occupazione della sala cresca nel corso degli anni; pertanto è importante che l'infrastruttura sia scalabile e permetta di supportare in maniera efficiente un piccolo numero di rack per essere in seguito espansa senza necessità di sostituire i componenti già installati. A seconda della tecnologia scelta per il condizionamento, che a esclusivo titolo esemplificativo riassumiamo in 3 possibilità (acqua, acqua/gas, espansione diretta) potrebbero presentarsi scenari implementativi diversi, così come esemplificato nel prossimo paragrafo. 2.1 Adeguamento della cabina elettrica di trasformazione L attuale cabina elettrica di trasformazione MT-BT è dotata di trasformatori capaci di erogare una potenza elettrica di circa 400KW sufficiente per le utenze dell intero edificio. Il presente progetto richiede un adeguamento della cabina elettrica in quanto la potenza 5

6 erogata non è sufficiente ad alimentare le utenze della nuova sala dati. Si richiede il rifacimento della cabina di media tensione con nuovi trasformatori capaci di erogare potenza elettrica pari a 1,2MW di cui 800KW dedicati alla nuova sala dati come descritto in par Si rende altresì necessario adeguare i quadri di BT a valle del trasformatore. Il progetto di adeguamento delle cabine è descritto nel Documento n. 5 CSA Parte Tecnica n Adeguamento edilizio spazi destinati alla nuova sala dati Per realizzare la nuova sala dati è necessario eseguire dei lavori di adeguamento edilizio che prevedono l abbattimento di alcune pareti, la rimozione del pavimento dei controsoffitti e degli impianti elettrici, ed il rifacimento, a regola d arte, di intonaci e pavimentazione, nonché la sostituzione degli infissi come descritto nel Documento n. 6 CSA Parte Tecnica n Potenza impianto elettrico e distribuzione La potenza totale a disposizione per il progetto HPC verrà resa disponibile nella sala a Bassa Tensione (BT) e sarà di 800kW totali. Degli 800kW, 500kW sono da destinarsi alla alimentazione della parte IT del progetto (server, rete, storage ecc) e 300kW agli impianti a corredo (condizionatori, eventuali chiller, antincendio ecc). Devono essere previsti, a questo livello, due quadri separati, uno da 500kW destinato alle apparecchiature informatiche ed uno da 300kW destinato alle apparecchiature ausiliarie. Come già indicato nell Introduzione, le descrizioni effettuate nel seguito sono da intendersi come riferimento per gli estensori della proposta. Sono prese in considerazione esclusivamente tecnologie di base, prive quindi di eventuali valori aggiunti derivanti da soluzioni tecnologiche proprietarie. Linea da 500 kw I 500kW delle attrezzature IT dovranno essere attestati su un gruppo di continuità opportunamente dimensionato, con le caratteristiche successivamente esplicitate. Dopo il passaggio dal gruppo/gruppi di continuità (vedere il punto specifico per i dettagli) i 500kW dovranno essere distribuiti attraverso un quadro di sala come segue: o con un numero di linee, sezionate opportunamente, pari almeno al numero massimo di rack che la sala può ospitare. In offerta dovrà quindi risultare una corrispondenza esatta tra questi due numeri: il numero massimo di rack ospitabili e il numero di linee elettriche previste per l alimentazione in sala. Si richiede, tuttavia, di realizzare l'impianto di alimentazione fino ai rack solo per il numero di rack utilizzati (e forniti). Si ricorda, per chiarezza, che i rack dovranno essere uno in più di quelli necessari per le specifiche di progetto; 6

7 o le singole linee dovranno essere trifase (3P+N+T), e dimensionate in maniera tale da poter alimentare ciascun rack con tre linee da 32 A per avere la possibilità di ospitare apparecchiature per un assorbimento totale di circa 25kW. Linea da 300 kw La linea da 300kW sarà invece destinata a tutto quello che non risulterà protetto dall UPS ed in particolare alla soluzione di condizionamento. Prevediamo di seguito tre possibili scenari: 1. Condizionamento tramite acqua 2. Condizionamento tramite acqua/gas 3. Condizionamento a espansione diretta In entrambi i casi saranno da prevedere 2 diverse linee elettriche: una diretta verso la sala ed una diretta verso la localizzazione prescelta per gli impianti esterni. Il dimensionamento delle due relative linee viene esplicitato a soli scopi esemplificativi, fermo restando che l esatto dimensionamento dovrà essere valutato sulla base delle specifiche degli apparecchi. Sensibili scostamenti da quanto esemplificato in questa sede dovranno però essere dettagliatamente giustificati. Condizionamento tramite acqua o acqua/gas [casi 1,2]: In questo caso la linea diretta verso i chiller e quindi all esterno, dovendo permettere il raffreddamento, a carico completo della sala, di 500kW di potenza impegnata per il calcolo, sarà di circa il 40% dei 500kW e quindi approssimativamente da 200kW. La linea diretta verso la sala e destinata alle unità di condizionamento sarà di circa 50 KW. I restanti circa 50 kw sono a disposizione per gli altri impianti ausiliari. Verrà considerata una miglioria dell impianto la possibilità di collegare la pompa per la circolazione dell acqua refrigerata all UPS di sala. Condizionamento a espansione diretta: In questo caso la linea diretta verso le condensanti e quindi all esterno sarà da circa 50 KW. La linea diretta verso la sala, dovendo permettere il raffreddamento, a carico completo della sala, di 500kW di potenza impegnata per il calcolo, sarà di circa il 40% dei 500 kw e quindi approssimativamente da 200kW. I restanti circa 50 kw sono a disposizione per gli altri impianti ausiliari. In entrambi i casi, le linee dirette verso la sala dovranno essere distribuite attraverso un quadro di sala. La distribuzione deve essere pari al numero di alimentatori degli apparati di condizionamento. Tutti i quadri elettrici dovranno essere opportunamente strumentati, con letture totali e 7

8 sulle singole linee almeno per quanto concerne corrente, tensione e consumo. Le letture dovranno essere a vista sui quadri ed inoltre visionabili da remoto via ethernet. I collegamenti dei vari dispositivi del quadro di distribuzione alla rete ethernet di management (vedi art.4.3) devono essere compresi nella fornitura. 2.4 Impianto di condizionamento: criteri generali L impianto di condizionamento dovrà essere realizzato secondo criteri modulari che garantiscono l ampliamento senza modificare l infrastruttura dell impianto stesso. Le unità di raffreddamento devono essere preferibilmente del tipo in linea con gli armadi a rack, cioè unità che devono alternarsi ai rack di contenimento degli apparati hardware. Non verranno accettate, pena esclusione, soluzioni basate esclusivamente su condizionatori di tipo ambientali. Si richiede, inoltre, un sistema di free-cooling diretto per sfruttare le più basse temperature esterne e contenere i consumi energetici. Nella configurazione iniziale, prevista dal presente bando, l impianto di condizionamento deve essere in grado di coprire un carico termico non inferiore a 250kW e prevedere la possibilità di espansione fino a un massimo di 500kW. L impianto dovrà essere in grado di mantenere la temperatura obiettivo (specificata più avanti) per tutti i sistemi forniti in condizioni di massimo carico di utilizzo. Ogni singolo rack, come esplicitato nell apposito capitolo, non potrà avere un carico elettrico superiore a 25kW, a meno che la soluzione di condizionamento non sia in grado di raffreddare armadi con densità maggiori. L impianto di raffreddamento dovrà essere efficiente, indipendentemente dal tipo di tecnologia utilizzata: raffreddamento con fluido termovettore ad acqua refrigerata o soluzione mista acqua - gas o raffreddamento ad espansione diretta o altro. Nei primi casi, è necessario installare esternamente le unità frigorifere (chiller) e la potenza a loro destinata dovrà essere opportunamente distribuita, con linee dedicate, all esterno della sala. Nel caso di soluzione ad espansione diretta, una parte della potenza dovrà essere veicolata all interno della sala dati, con linee dedicate, per alimentare i compressori delle unità refrigeranti in linea nelle file di rack. I collegamenti tra unità refrigeranti in sala e unità esterne, compreso l impianto di scarico della condensa delle unità interne, indipendentemente dalle soluzioni tecnologiche proposte, sono a carico dell aggiudicatario. Il criterio generale per la scelta dell impianto si basa sul calcolo del cosiddetto Power Usage Effectiveness (PUE) così definito: dove il TFP include la potenza consumata da tutte le apparecchiature coinvolte nel progetto: server, storage, switches, free-cooling, condizionamento e UPS, mentre ITEP include solo la potenza assorbita dagli apparati IT (server, storage e switches). 8

9 Il PUE dichiarato dell impianto deve essere minore di 1.6, pena esclusione. Soluzioni con PUE più alto non verranno prese in considerazione. 2.5 UPS Per quanto riguarda i sistemi IT, dovrà essere garantita la continuità dell alimentazione elettrica tramite UPS dotato di sistema di protezione da sovratensione. In caso di interruzione prolungata dell alimentazione principale è da prevedersi, a livello del software fornito, lo spegnimento (controllato) dell intero sistema. L autonomia richiesta minima è di 10 per i nodi di calcolo, 1 ora per i nodi di servizio e per i sistemi di storage. Il sistema UPS deve essere di tipo modulare, con ridondanza N+1 e deve permettere la sostituzione delle batterie e l espansione della potenza e/o della capacità «a caldo», senza interruzione del servizio. Il progetto deve considerare un carico iniziale di kW pari a quello installato, aumentato del 30%, per la parte di sistemi IT in configurazione di ridondanza N+1, espandibile in fasi successive fino ad un massimo di 500kW complessivi sempre in configurazione di ridondanza N+1. La soluzione proposta dovrà consentire la scalabilità nel tempo senza eseguire inutili sovradimensionamenti iniziali causanti inefficienze di sistema. Oltre ai sistemi IT è necessario prevedere la continuità anche per il sistema di controllo degli accessi e l antincendio. 2.6 Impianto di condizionamento: unità esterne ed interne L impianto di condizionamento, indipendentemente dalla tecnologia scelta, deve essere preferibilmente di tipo in linea. A seconda della tecnologia scelta per il raffreddamento, le unità esterne potranno essere ubicate in posti diversi. Nel caso di raffreddamento ad acqua o acqua-gas potrebbe essere necessario prevedere la collocazione dei chiller nel corridoio esterno del livello 0 come, per esempio, descritto in Fig. 1. Nel caso di impianto ad espansione diretta, le unità condensanti si potranno collocare sul tetto, come, per esempio, in Fig. 2. 9

10 Fig. 1 Fig. 2 Nel caso di soluzione con chiller, si dovrà prevedere un serbatoio di accumulo di acqua refrigerata opportunamente collocato per aumentare l efficienza dell impianto in termini energetici (come indicato in Fig. 1). 10

11 La distribuzione di acqua o gas avverrà attraverso tubazioni isolate installate su apposite canaline aere. Dovrà essere opportunamente installato il sistema di recupero ed evacuazione dell'acqua di condensa. In vista delle successive espansioni dovrà essere possibile collegare nuove unità di raffreddamento senza interrompere il funzionamento di quelle già installate. Vengono accettate soluzioni che prevedono il pavimento tecnico, ma solo nella parte con il soffitto alto. Nel caso di soluzioni con chiller, tutte le tubazioni confluiranno ad un unico distributore che dovrà essere installato all'interno dello stesso locale. Il distributore verrà alimentato da collettori di acqua refrigerata provenienti dai gruppi frigoriferi. L'intero impianto di raffreddamento dovrà essere monitorabile e controllabile via rete (SNMP e via Web). I collegamenti dei vari dispositivi alla rete di management (vedi par. 4.3) devono essere compresi nella fornitura. Per la soluzione proposta dovrà essere espresso il valore di PUE (Power Usage Effectiveness) complessivo e non dovrà essere superiore a 1.6. Il valore del PUE dichiarato deve essere mediato nell arco temporale di un anno, basato sull andamento delle temperature esterne misurate dall ARPA FVG fornite in allegato. Oltre alla media annuale, si richiedono, ai fini di un riscontro in fase di collaudo, le medie del PUE su base mensili nel caso in cui l impianto di raffreddamento facesse uso di un sistema di free cooling. Per qualunque soluzione adottata, le unità interne di condizionamento saranno installate preferibilmente in linea con i rack e dovranno comunque assicurare il raffreddamento di quanto viene fornito attraverso la circolazione di aria refrigerata, cioè di 250kW o altro sistema. Tuttavia, è necessario predisporre gli impianti per espansioni future fino a 500kW assicurando la continuità del servizio in sala. L'aria calda in uscita dovrà essere confinata in un corridoio caldo o in una configurazione ad isola. La capacità di raffreddamento dei singoli condizionatori dovrà essere compatibile con l assorbimento in potenza dei singoli armadi a rack. La distribuzione del flusso d aria o di altro sistema di raffreddamento proprietario fornito deve essere tale da poter garantire una temperatura di ingresso alle apparecchiature informatiche compresa tra i 18 e i 25 C. Il sistema deve essere in grado di calibrarsi automaticamente in base alla temperatura istantanea di sala determinate del consumo del momento, per esempio in termini di: 1. Accensione e spegnimento dei compressori degli eventuali chiller 2. Velocità delle ventole dell unità interne e delle eventuali unità condensatori esterni Nel caso di utilizzo di unità di raffreddamento interna (condizionatori di linea) dovranno avere altezza e profondità identiche a quelle dei rack, la larghezza indicativa dovrà essere di circa 30 cm con l obiettivo di avere una unità per rack. Le file dei rack devono essere in 11

12 ogni caso completate con una unità di raffreddamento. Larghezze indicative di circa 60 cm sono accettate se la loro capacità di raffreddamento è sufficiente a raffreddare due armadi rack. Anche in questo caso, le file degli armadi devono terminare da ambo i lati con una unità di raffreddamento. L impianto di raffreddamento dovrà essere dotato di un sistema di modulazione che permetta di controllare la temperatura delle apparecchiature raffreddate e nello stesso tempo contenere i consumi nelle situazioni di ridotto carico termico. Nel progetto dovranno venir adottati tutti quei sistemi che consentono di ridurre al minimo il consumo energetico e l utilizzo dei compressori, garantendo una scalabilità, anche nella resa frigorifera, consentendo di modulare il funzionamento dell impianto di condizionamento secondo le esigenze informatiche. In Fig. 3 viene descritta una soluzione tipica che è da considerarsi solo indicativa. Soluzioni proprietarie che soddisfino i requisiti di efficienza (vedi valore massimo del PUE), e di management (via SNMP o WEB) richiesti sono egualmente accettate. Fig Sistema di controllo accessi Gli ambienti dell HPC dovranno essere governati da un sistema di controllo accessi analogo a quello della sala macchine principale. Il sistema dovrà essere integrabile con 12

13 quello esistente i cui controlli possano essere fatti convergere in presidio tecnico, sito in via Bonomea, Antincendio Dovrà essere realizzato un impianto di rivelazione e spegnimento incendi. L'impianto deve essere di tipo ambientale per rispettare la normativa che prevede una serie di sorgenti di incendio diverse dalle macchine informatiche. Il sistema di controllo e di allarme dovrà essere integrabile con quello esistente i cui controlli possano essere fatti convergere in presidio tecnico, sito in via Bonomea, Sistema a Rack Lo schema generale di definizione del numero di rack è il seguente: N totale di rack da fornire = numero di rack necessari per i nodi di calcolo (compresi anche i nodi per i servizi) + 1 rack per storage + 1 rack per switch IB (nel caso di switch unico) + 1 rack spare (quest ultimo deve essere in più, quindi vuoto ma se ne deve prevedere la connessione elettrica e di rete come se si trattasse di un rack necessario per il raggiungimento dei valori di progetto). E prevedibile che il numero massimo di rack che potrà ospitare la sala sarà di 24. La configurazione iniziale deve prevedere un numero di rack non superiore a 14 rack (a seconda delle soluzioni) incluso uno che deve essere fornito senza apparecchiature installate, a cui ne verranno aggiunti altri nel corso degli anni fino alla massima occupazione dello spazio disponibile, stimabile in circa 24 rack. I rack devono garantire facilità di montaggio e di accesso ai componenti installati ed avere una larghezza tale da permettere un agevole passaggio dei cavi senza che venga creato ostacolo al flusso d'aria. Indicativamente, i rack dovranno avere le seguenti caratteristiche: standard 19, altezza utile di almeno 42U ad eccezione (unica eccezione ammessa) per 1 o 2 rack da destinare allo storage e/o allo switch infiniband larghezza indicativa tra 700 e 800mm, profondità indicativa compresa tra 1000 e 1200mm parte anteriore e posteriore grigliate per garantire adeguata ventilazione possibilità di installare PDU posteriormente senza occupazione di spazio utile in altezza (0U) dotazione di pannelli ciechi modulari per la chiusura degli spazi non utilizzati. In ogni rack dovranno essere alloggiate apparecchiature informatiche (server, storage, switch di rete) per un assorbimento massimo di 25KW. I limiti sulle dimensioni e sul massimo assorbimento per rack vengono meno se la soluzione di raffreddamento, soddisfacente i requisiti richiesti, è integrata nei rack ed è capace di mantenere la temperatura di ingresso alle apparecchiature informatiche compresa tra i 18 e i 25 C. 13

14 Stabilito che per ogni rack fornito dovrà essere predisposta una singola linea trifase (3P+N+T), dimensionata in maniera tale da poter attestare, attraverso una scatola di derivazione indicativamente top of the rack, tre linee da 32 A, sono prevedibili due possibili scenari per la fornitura di PDU da posizionare sul relativo rack, uno a Bassa densità di porte per PDU ed uno a Alta densità di porte per PDU. Dovranno essere previste 3 prese trifase su ciascuna scatola di derivazione (vedi FIG. 4) ed alle prese dovranno essere connesse 2 o 3 PDU (nel caso di 2 PDU una presa rimarrà libera). Per ogni presa dovrà essere previsto 1 interruttore differenziale ed un magnetotermico opportunamente dimensionati. Le PDU dovranno essere trifase, almeno 16 X 3 A ciascuna ed indicativamente con un numero di porte ciascuna tra 20 e 25 nel caso di bassa densità di porte (caso con 3 PDU), superiore a 25 nell altro caso (cioè con 2 PDU). Le PDU installate sul singolo rack dovranno complessivamente essere in grado di alimentare il massimo carico previsto per il rack. Le PDU dovranno essere monitorabili e controllabili via rete e complete di quanto necessario per queste operazioni (cavi di rete e software in particolare). La soluzione "top of the rack" proposta è solo indicativa. Soluzioni proprietarie che salvaguardino comunque i parametri essenziali verranno accettate e valutate. FIG. 4 14

15 In Fig. 4 viene descritta una soluzione tipica che è da considerarsi solo indicativa. Soluzioni proprietarie che soddisfino i requisiti richiesti sono egualmente accettate. 3. Cluster L obiettivo è quello di realizzare un sistema di High Performance Computing (HPC) basato su sistema operativo Linux. Il cluster sarà formato da N nodi, con una percentuale di questi dotati di GPGPU (vedi sotto). Il numero di nodi non viene fissato a priori in quanto il sistema che si vuole realizzare dovrà avere una capacità di calcolo di picco di almeno 100Tflops. Quindi il numero di nodi sarà determinato dalla scelta della CPU. 3.1 Architettura del sistema L architettura del sistema che s intende realizzare è quella standard di un cluster: nodi di calcolo, nodi di accesso, nodi master e nodi di monitoring/management, sistema di storage, infrastruttura di rete. il tutto connesso da opportune reti, di seguito specificate. 3.2 Nodi di calcolo In questo paragrafo sono descritti i requisiti minimi richiesti per i nodi di calcolo: Fattore di forma: Server da rack con scheda madre biprocessore in una singola unita rack (1U). Saranno accettate altre soluzioni, tipo twin (2 schede madre biprocessore in 1U) o twin square (4 schede madre biprocessore in 2U) o fat twin (8 schede madre biprocessore in 4U). Le soluzioni blade saranno accettate se, oltre ad avere un fattore di forma almeno di densità come quello sopra descritto, abbiano un set di porte di rete (come descritto nel paragrafo relativo alla infrastruttura di rete) dedicate per ciascuna singola lama biprocessore. Per chiarezza specifichiamo che l unità di riferimento, per le porte di rete, è il biprocessore. Per ogni biprocessore devono essere presenti 2 porte ethernet e 1 porta InfiniBand, così come specificato nell apposito paragrafo. 15

16 Tipologia processori SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI Processori multicore x86 a 64bit del tipo: AMD64 Opteron Interlagos o Abu Dhabi o successivi con almeno 16 core e almeno 16 GB di RAM per processore, INTEL Sandy Bridge o Ivy Bridge o successivi, con almeno 8 core e almeno 16 GB di RAM per processore. Dotazione di RAM: Almeno il 10% del totale dei nodi forniti dovrà disporre di un quantitativo di RAM 4 volte superiore a quella indicata (quindi per INTEL 8GB per core, per AMD 4 GB per core). Almeno 8 nodi dovranno disporre di un quantitativo di RAM 8 volte superiore a quella indicata (quindi per INTEL 16GB per core, per AMD 8 GB per core). La tabella seguente mostra la tipologia di nodi in relazione al requisito della memoria: Tipologia nodo MEMORIA PER CORE MEMORIA TOTALE # NODI Memoria standard 2GB (INTEL) 1GB(AMD) 32GB X Alta memoria 8GB(INTEL) 4GB(AMD) 128 GB 10% X Altissima memoria 16GB(INTEL)8GB(AMD) 256GB 8 Alimentatore dei nodi di calcolo: Singolo. Ma saranno accettati server twin o twin square o fat twin con doppio alimentatore. Disco a bordo: Le macchine dovranno essere dotate di un disco di piccole dimensioni per il solo sistema operativo con tecnologia SATA o near-line SAS. Indicativamente è sufficiente un disco da 500 GB per ciascuna unità biprocessore. Sistema di management remoto dei nodi: I nodi dovranno avere integrato un service processor per permettere il management completo del sistema da remoto. Il service processor dovrà dialogare IPMI versione 2.0 e prevedere un sistema di remote console. Numero di core complessivo del sistema: 16

17 Il numero di core TOTALI dipende da come si intende realizzare la prestazione di picco dei 100TFlops. La formula utilizzata per stimare il numero di core è la seguente: , , Per il calcolo delle prestazioni di picco del sistema verrà presa in considerazione esclusivamente la frequenza nominale dei processori, escludendo meccanismi di burst, overclocking o similari. 3.3 Nodi con acceleratori grafici (GPU) 8 sistemi biprocessore dovranno essere equipaggiati con almeno 2 coprocessori esterni per l aumento delle performance. Sarà cura del fornitore decidere/proporre soluzioni basate su GPU e/o altre tipologie quali Intel PHI e/o una soluzione mista. Nel caso si proponga GPU si accetteranno schede di ultima generazione equivalenti alle schede NVIDIA Kepler o modelli successivi con dotazione di memoria pari a 5GB. Le GPU non concorrono al calcolo della potenza di picco del sistema. 3.4 Nodi di Management I nodi di management garantiscono l accesso e il buon funzionamento del cluster. Essi si distinguono in nodi di accesso o di login, nodi master e di monitoraggio. Per tutti i nodi di management si richiede un fattore di forma di 2U completamente ridondate in HW, in particolare: 2 nodi di login e 2 nodi Master con le seguenti caratteristiche minime: Server a rack biprocessore multicore, Minimo Memoria RAM di 64GB Sistema storage con controller raid HW con supporto RAID 0/1/5/6/10 con minimo 4 dischi per una capacità raw di 8 TB. Doppio alimentatore, Schede di rete per connettività ridondata completa verso ogni tipo di rete presente (infiniband/fc/gigabit) 17

18 1 nodo di monitoring con le seguenti caratteristiche minime: Server a rack biprocessore multicore, Memoria RAM di almeno 32GB Sistema storage con controller raid HW con supporto RAID0/1/5/6/10 con minimo 4 dischi per una capacità raw di 8 TB. Doppio alimentatore Schede di rete per connettività ridondata completa verso ogni tipo di rete presente (monitoring e management, infiniband/fc/gigabit) 4. Infrastruttura di rete Il cluster sarà interconnesso tramite reti diverse per scopi diversi. I nodi di calcolo e lo storage devono essere connessi tramite una rete a bassa latenza Infiniband. I master node gestiranno i nodi di calcolo attraverso la rete infiniband e una rete ethernet a 1Gbps dedicata. Infine deve essere predisposta una rete ethernet dedicata al monitoraggio e management. La fornitura dovrà comprendere, per tutte le reti sopra descritte, i relativi apparati di interconnessione e cablaggio, come meglio specificato nei paragrafi successivi. 4.1 Rete InfiniBand La rete InfiniBand (IB), connetterà tutti i server di calcolo, di management e il sistema di storage. La fornitura deve comprendere il cablaggio in rame o fibra dallo/i switch ai singoli nodi. La lunghezza dei cavi deve essere opportunamente dimensionata per consentire il collegamento diretto tra switch e nodi. L interconnessione deve avere i seguenti requisiti minimi: Switch di connessione QDR o versioni successive almeno a livello di backplane e schede sui nodi QDR o versioni successive, oversubscription massima di 2:1, banda passante punto punto non inferiore a 40Gbs, latenza punto punto internodo non superiore a 1.5 microsecondi. 4.2 Rete in-band Rete di connessione interna (in-band) su cui collegare tutti i nodi ai master. La tipologia richiesta è Ethernet con velocità di 1Gbps. Per questo tipo di rete è necessario prevedere uno o più switch Layer 2 stackable con uplink da 10Gbps, con un numero totale di porte sufficienti per collegare tutti i nodi, per uno (o massimo due) armadio a rack collegati ad uno switch core di tipo Layer 3 con un sufficiente numero di porte a 10Gbps, con capacità 18

19 di gestire VLAN e distribuirle automaticamente, con apposito protocollo, verso gli switch di edge. La fornitura deve essere compresa di cablaggio di tipo Cat Rete di management Rete di management esterna (out-of-band) su cui collegare tutti i Service Processor (SP) dei nodi al nodo di management. La tipologia richiesta è Ethernet con velocità almeno di 1Gbps. La fornitura deve prevedere uno o più switch Layer 2 stackable con uplink da 10Gbps, con un numero totale di porte sufficienti per collegare tutti i nodi e i device degli impianti elettrici (quadri e PDU), condizionamento, UPS, per uno (o massimo due) armadio a rack collegati ad uno switch core di tipo Layer 3 con un sufficiente numero di porte a 10Gbps, con capacità di gestire VLAN e distribuirle automaticamente, con apposito protocollo, verso gli switch di edge. La fornitura deve essere compresa di cablaggio di tipo Cat 6. E accettata anche una soluzione in cui la rete di management viene gestita dagli stessi switch della rete in-band purché l offerta preveda un numero sufficiente di porte per entrambi le reti. In questo caso (infrastruttura unica) la soluzione deve prevedere la possibilità di gestione separata delle reti tramite VLAN e la ridondanza a livello di core switch. Viene accettata una soluzione con uno switch di core di backup con porte ad 1Gbps. Gli switch di core devono avere VRRP e STP per la gestione della ridondanza. La fornitura deve essere compresa di cablaggio. 5. Sistema di Storage Il cluster deve essere dotato di un sistema di storage con le seguenti caratteristiche minime: capacità iniziale di almeno 400TB raw, espandibile fino ad almeno 3 PB; performance in scrittura/lettura del sistema di almeno 2GBs (da misurarsi come indicato nella procedura di collaudo); compatibilità con soluzioni di filesystem paralleli (Lustre 2.x e/o GPFS) che parleranno via rete IB con i clients (nodi di calcolo); in particolare il sistema di storage deve essere integrato con fs parallelo per presentare ai client un singolo namespace per tutto il volume disponibile. doppio controller per garantire la massima affidabilità e disponibilità, capaci di gestire configurazioni con dischi hot spare, dischi hot swap; raid6 per i volumi dati, con almeno un disco spare ogni 32 dischi attivi su dischi sata/nearline sas raid 1+0 per il volume metadati, che può risiedere su un sistema separato rispetto a quello dei dati, con 2 dischi spare, al minimo dischi sas 15k. L HW dello storage deve garantire ridondanza piena sui metadati del FS parallelo (ad esempio nel caso Lustre MGS e MDT devono essere garantiti in HA su due 19

20 distinti server): ridondanza 1+1 sul server dei metadati ridondanza almeno n+1 sui server dei dati alimentatori ridondati su ogni singolo componente HW del sistema di storage Il sistema di storage sarà partizionato in un area scratch (maggioritaria) e in una area utenti (/home max 15 TB) entrambi gestiti da un FS parallelo. Come si evince dai paragrafi precedenti, saranno prese in considerazione sia soluzioni di storage con porte IB native, sia con porte FC, nel qual caso dovrà essere previsto un numero congruo di file server e i necessari switch FC comprensivi di licenze sulle porte. 6. Software richiesto 6.1 Sistema di code (LRMS) Software per la gestione delle code che permetta la sottomissione di job paralleli gestendo in maniera ottimale le risorse in termini di allocazione di numeri di core e memoria RAM. Il software verrà fornito dal committente. Tra le migliorie del sistema, verranno valutate le offerte che includeranno un sistema di gestione delle code rispondente alle seguenti caratteristiche minime: - scheduling con priorità dinamiche, gestione dei fair-share a livello di utente, di gruppo e di progetto - scheduling in base alla topologia del cluster - gestione di job ibridi openmp / MPI / GP/coprocessori esterni - accounting completo di tutte le attività, possibilità di ottenere report su base temporale arbitraria per gruppi, utenti e progetti - possibilità di creare e gestire almeno 10 code - possibilità di creare partizioni - possibilità di creare e gestire reservation per utenti, gruppi e progetti Nel caso venga inclusa nell offerta, il sistema di software delle code, deve essere inclusivo di tutte le licenze necessarie per la completa funzionalità dello stesso anche per quelle caratteristiche non elencate sopra. Vanno inoltre specificati i costi di manutenzione e di licenza annui del software proposto. 6.2 Sistema di Monitoring e Management Tutte le componenti HW (switch, PDU, UPS, chiller, qualora forniti, sistemi di condizionamento e quadri elettrici) devono essere monitorabili e facilmente gestibili. Ogni sottosistema idealmente dovrebbe essere in grado di essere scriptabile e/o in grado di avere/definire plugins per sistemi di monitoring come Nagios, per esempio. In particolare 20

SISSA computing project 2012: HPC technical specification

SISSA computing project 2012: HPC technical specification SISSA computing project 2012: HPC technical specification giugno 2012 A.Lanza, P. Calucci: SISSA Trieste S. Cozzini: CNR-IOM DEMOCRITOS Trieste A.Ciampa, S. Arezzini, E. Mazzoni: INFN Pisa 1 INTRODUZIONE

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA IN ECONOMIA PER LA FORNITURA DI UNA INFRASTRUTTURA SERVER BLADE, PER LA NUOVA SEDE DELLA FONDAZIONE RI.MED CUP H71J06000380001 NUMERO GARA 2621445 - CIG 25526018F9 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Capitolato Tecnico Procedura aperta n.1/2011

Capitolato Tecnico Procedura aperta n.1/2011 Capitolato Tecnico Procedura aperta n.1/2011 Procedura aperta per la fornitura di un sistema storage per il consolidamento delle risorse infrastrutturali del CRS4 Codice Identificativo di Gara (CIG) n.2591090b19

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. All. 1 CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. OGGETTO E LUOGO DI CONSEGNA DELLA FORNITURA...4

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

ALLEGATO TECNICO COTTIMO FIDUCIARIO FORNITURE PER IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARCHE NORD

ALLEGATO TECNICO COTTIMO FIDUCIARIO FORNITURE PER IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARCHE NORD ALLEGATO TECNICO COTTIMO FIDUCIARIO FORNITURE PER IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARCHE NORD Il presente allegato tecnico ha per oggetto la fornitura di server e di materiale e servizi di assistenza tecnica

Dettagli

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI PROCEDURA APERTA PER LA REALIZZAZIONE DELL INFRASTRUTTURA DI CALCOLO PER HIGH PERFORMANCE COMPUTING PRESSO LA SEDE DELLA SISSA DI VIA BEIRUT 2-4 TRIESTE CIG: 4732412DE9 - CUP: G93D12000600005 Documento

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso e sul sito www.consip.it.

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso e sul sito www.consip.it. Oggetto: gara a procedura aperta ai sensi del D. Lgs 358/92 e s.m.i., per la fornitura di serventi ed apparati a supporto delle DPSV/CMV del Ministero dell Economia e delle Finanze I chiarimenti della

Dettagli

Domanda n.1 Schema di contratto non Risposta 1 Domanda n.2 Risposta 2 Domanda n.3 Risposta 3 Domanda n.4 Risposta 4

Domanda n.1 Schema di contratto non Risposta 1 Domanda n.2 Risposta 2 Domanda n.3 Risposta 3 Domanda n.4 Risposta 4 Domanda n.1 Disciplinare di Gara ARTICOLO 9 : MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE E DELLE OFFERTE, DI CELEBRAZIONE DELLA GARA ED AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA, lettera a) Busta A Documentazione -Tale

Dettagli

S E R V I Z I A I C I T T A D I N I E A L L E P U B B L I C H E A M M I N I S T R A Z I O N I GARA INFORMALE BANDO E LETTERA DI INVITO

S E R V I Z I A I C I T T A D I N I E A L L E P U B B L I C H E A M M I N I S T R A Z I O N I GARA INFORMALE BANDO E LETTERA DI INVITO S E R V I Z I A I C I T T A D I N I E A L L E P U B B L I C H E A M M I N I S T R A Z I O N I Data di Pubblicazione Frascati, 20/05/2010 GARA INFORMALE BANDO E LETTERA DI INVITO Oggetto: Stabilizzazione

Dettagli

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo Introduzione Per ogni euro speso per alimentare il proprio data center possiamo dire che ci sia una buona percentuale spesa per raffreddarlo,

Dettagli

Soluzione medium cost: Thumper

Soluzione medium cost: Thumper CCR/19/07/P Luglio 2007 Versione 1.1 Infrastrutture di storage per servizi centrali e calcolo di esperimento: soluzioni e costi Gruppo storage di CCR Introduzione Questo documento riassume i dati sulle

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Bando di gara a procedura aperta per la fornitura di hardware

Bando di gara a procedura aperta per la fornitura di hardware Repubblica Italiana P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 Misura 6.3 SITR-EST Supporto agli Enti Locali su Catasto, Territorio e Tributi: Estensione infrastruttura HW/SW del SITR e abilitazione sedi operative Bando

Dettagli

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Povo2 Nuovo Datacenter d Ateneo Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Tutti i sistemi presenti nell attuale sala macchine di Povo 0 verranno traslocati nel nuovo datacenter unico d Ateneo realizzato

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UN SISTEMA DI STORAGE PER IL PROGETTO DI SERVER CONSOLIDATION DI ITALFERR S.P.A.

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UN SISTEMA DI STORAGE PER IL PROGETTO DI SERVER CONSOLIDATION DI ITALFERR S.P.A. CODIFIC 1/10 SEZIONI CPITOLTO TECNICO PER L FORNITUR DI UN SISTEM DI STORGE PER IL PROGETTO DI SERVER CONSOLIDTION DI ITLFERR S.P.. TITOLO Sezione 0 Sezione I Sezione II INTRODUZIONE SOTTOSISTEM DI STORGE

Dettagli

COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati

COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati di sequenziamento Premessa Il presente Capitolato definisce

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1/9 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 140080 RdO Cluster composto da nodo di gestione (master), 4 nodi di calcolo (connessi attraverso rete

Dettagli

Gestione dell energia degli ambienti di calcolo

Gestione dell energia degli ambienti di calcolo Gestione dell energia degli ambienti di calcolo ~ L esperienza del CINECA Arch. Massimo Mauri - 28 febbraio 2011 IL DATACENTER CINECA DATI GENERALI; Superficie utile Totale di SM = 1500m² Potenza Totale

Dettagli

Procedura aperta per la fornitura di beni e servizi per la realizzazione della Server Farm del SIFS

Procedura aperta per la fornitura di beni e servizi per la realizzazione della Server Farm del SIFS SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DELLA FISCALITÀ (SIFS) Progetto del Sotto-Sistema informativo di gestione delle imposte regionali (SIFS-02) Procedura aperta per la fornitura di beni e servizi per la realizzazione

Dettagli

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata

Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Riscontri a richieste di chiarimento/informazioni pervenute alla data del 31 marzo 2011 sulla proceduta di gara sopra indicata Le risposte sono riportate di seguito a ciascun quesito QUESITI RELATIVI AL

Dettagli

CHIARIMENTI. Via Tripolitania, 30 00199 Roma

CHIARIMENTI. Via Tripolitania, 30 00199 Roma CHIARIMENTI eg.p.a. n. 15/2010, svolta in modalità telematica, per la fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.- C.I.G 04487418C7 Con riferimento al

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Chimiche Via F. Marzolo n.1 -- 35131 Padova - ITALIA Gara: Fornitura di un cluster di calcolo ad alte prestazioni, dotato di server multiprocessori,

Dettagli

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER OTTIMO controllo della temperatura, anche con carichi critici, indipendentemente dalle condizioni ambientali bassi consumi di ENERGIA alimentazione

Dettagli

Capitolato Tecnico fornitura SAN per la sede di Roma del Centro Sperimentale di Cinematografia Via Tuscolana, 1524

Capitolato Tecnico fornitura SAN per la sede di Roma del Centro Sperimentale di Cinematografia Via Tuscolana, 1524 Capitolato Tecnico fornitura SAN per la sede di Roma del Sommario 1. Introduzione... 2 2. Requisiti Fornitori... 2 3. Generalità... 3 4. La Soluzione SAN: requisiti richiesti... 4 4.1. Caratteristiche

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER E RELATIVE PERIFERICHE E PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI GARANZIA E ASSISTENZA TECNICA.

ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER E RELATIVE PERIFERICHE E PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI GARANZIA E ASSISTENZA TECNICA. ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER E RELATIVE PERIFERICHE E PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI GARANZIA E ASSTENZA TECNICA. La fornitura delle apparecchiature richieste si compone di: 1. n. 2 armadi rack

Dettagli

SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico

SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico SITR-GS SUAP-04 ARC-SARD-SV Progetto: SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico SUAP-04- Evoluzione del sistema informativo Sardegna SUAP per l erogazione dei servizi in modalità

Dettagli

Sommario. Direzione SISTI. Gestione Sistemi. Pagina 1 di 14

Sommario. Direzione SISTI. Gestione Sistemi. Pagina 1 di 14 Sommario 1 Logistica... 2 1.1 Controllo accesso e Videosorveglianza... 2 1.2 Sistema antincendio... 3 1.3 Sistema antiallagamento... 5 1.4 Condizionamento... 6 1.5 Alimentazione elettrica... 10 1.5.1 Gruppo

Dettagli

EMC AVAMAR DATA STORE

EMC AVAMAR DATA STORE EMC AVAMAR DATA STORE EMC Avamar Data Store rappresenta il modo più facile e veloce per implementare un Avamar server fisico. Si tratta di una soluzione completamente integrata, scalabile e preconfigurata

Dettagli

RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618

RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618 RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618 1. DOMANDA: Con riferimento a quanto riportato alla pag. 20 dell ALLEGATO

Dettagli

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE.

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE. Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE Pagina 1 di 10 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE...3

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

EMC VMAX 10K BLOCK AND FILE

EMC VMAX 10K BLOCK AND FILE EMC VMAX 10K BLOCK AND FILE EMC Symmetrix VMAX 10K File unifica File e Block in un'architettura scale-out multi-controller Tier 1 reale, che garantisce alle aziende consolidamento, high availability ed

Dettagli

Accordo quadro per la fornitura di prodotti hardware e software da definirsi previa gara d appalto, con procedura aperta, suddivisa in due lotti.

Accordo quadro per la fornitura di prodotti hardware e software da definirsi previa gara d appalto, con procedura aperta, suddivisa in due lotti. Accordo quadro per la fornitura di prodotti hardware e software da definirsi previa gara d appalto, con procedura aperta, suddivisa in due lotti. Frequently Asked Questions Ultimo aggiornamento 10/07/2012.

Dettagli

EMC SYMMETRIX VMAX 10K

EMC SYMMETRIX VMAX 10K EMC SYMMETRIX VMAX 10K EMC Symmetrix VMAX 10K con ambiente operativo Enginuity è dotato di un'architettura scale-out multi-controller, che garantisce alle aziende consolidamento ed efficienza. EMC VMAX

Dettagli

Chiarimenti. Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing

Chiarimenti. Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing Funzione Acquisti Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing Chiarimenti Con riferimento alla gara in oggetto ed in relazione alle richieste

Dettagli

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi DESCRIZIONE DEL PROGETTO Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi on-line, al materiale didattico ed a tutti i nuovi servizi per la

Dettagli

26 488/1999 58 388/2000 I

26 488/1999 58 388/2000 I Gara telematica per la fornitura di server (entry e midrange) e dei servizi connessi ed opzionali per le pubbliche amministrazioni ai sensi dell art. 26 legge n. 488/1999 s.m.i. e dell art. 58 legge n.

Dettagli

Capitolato per la fornitura di server e relativi servizi di assistenza hardware in garanzia

Capitolato per la fornitura di server e relativi servizi di assistenza hardware in garanzia AREA ORGANIZZAZIONE, FORMAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI FUNZIONE TECNOLOGIE INFORMATICHE E TELECOMUNICAZIONI Ufficio I AREA ORGANIZZAZIONE, FORMAZIONE E SISTEMI INFORMATIVI Capitolato per la fornitura di

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C COOLS SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE COOLSIDE box INVERTER R410A E C 2 COOLSIDE box INTRODUZIONE COOLSIDE BOX è un sistema split composto da una unità motocondensante

Dettagli

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Domanda n. 1 In riferimento al bando di gara Lotto 2 - Fornitura e posa in opera di switch di campus, datacenter e

Dettagli

Best practice per la progettazione e la gestione dei Data Center

Best practice per la progettazione e la gestione dei Data Center Best practice per la progettazione e la gestione dei Data Center Convegno AEIT Trieste 2 Aprile 2014 Ing. Lino Freschini Curva ITIC (Information Technology Industry Council) Tre zone: 1. al di sopra della

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

Costo unitario della manutenzione mensile

Costo unitario della manutenzione mensile Tipo apparecchiatura: server X86 1 socket nodo singolo (Next Business Day) (2 Next Business Day) 1 di 27 Tipo apparecchiatura: server X86 2 socket nodo singolo (Next Business Day) (2 Next Business Day)

Dettagli

CHIARIMENTI al 27/1/2011

CHIARIMENTI al 27/1/2011 CHIARIMENTI al 27/1/2011 1 QUESITO La certificazione ISO 20000 deve essere rilasciata da organismo accreditato o sono accettate le certificazioni da organismi non accreditati? RISPOSTA 1 No, non è necessario

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME. piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.B. NICCOLINI SAN GIULIANO TERME Piazza Gramsci, 3 050/815311 piic83600a@istruzione.it piic83600a@pec.istruzione.it CUP: D16J15000600007 - CIG: ZB0188D518 Capitolato Tecnico

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova SISTEMI INFORMATIVI, PROT.CIVILE E PUBBL. ISTRUZIONE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 2245/2015 Determina n. 1860 del 20/11/2015 Oggetto: DETERMINA A CONTRARRE PER L'AFFIDAMENTO

Dettagli

Efficient IT : migliorare l'affidabilità e la disponibilità in strutture di data center.

Efficient IT : migliorare l'affidabilità e la disponibilità in strutture di data center. efficient green Efficient IT : migliorare l'affidabilità e la disponibilità in strutture di data center. Iniziative tecnologiche che supportano sempre e ovunque una maggiore efficienza amministrativa,

Dettagli

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità Sistemi Server integrati di cassa MULTIFLEX Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità ASEM PROSERVER MULTI-FLEX integra storage, elaborazione e connettività per rendere più semplice il

Dettagli

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto:

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto: Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto: FORNITURA DI LICENZE SOFTWARE, DI SERVER E DEI RELATIVI SERVIZI DI ASSISTENZA IN GARANZIA PER IL SISTEMA INFORMATIVO INPDAP Chiarimenti pagina 1 di

Dettagli

AREA FUNZIONALE DI COORDINAMENTO SERVIZI TECNICI E TECNOLOGIE SANITARIE

AREA FUNZIONALE DI COORDINAMENTO SERVIZI TECNICI E TECNOLOGIE SANITARIE AREA FUNZIONALE DI COORDINAMENTO SERVIZI TECNICI E TECNOLOGIE SANITARIE Gara comunitaria a procedura aperta, ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e successive modificazioni ed integrazioni, avente ad oggetto l

Dettagli

La tecnologia brevettata da Borri Green Conversion ed il controllo della batteria

La tecnologia brevettata da Borri Green Conversion ed il controllo della batteria Il risparmio energetico è attualmente uno dei temi principali per l industria dei data center, visti i costi dell energia in aumento e i vincoli ambientali sempre più stringenti. Migliorare il proprio

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO POTENZIAMENTO DATACENTER DI ARPA E SERVIZI SISTEMISTICI CONNESSI 1. PREMESSA... 2

DISCIPLINARE TECNICO POTENZIAMENTO DATACENTER DI ARPA E SERVIZI SISTEMISTICI CONNESSI 1. PREMESSA... 2 DISCIPLINARE TECNICO POTENZIAMENTO DATACENTER DI ARPA E SERVIZI SISTEMISTICI CONNESSI Importo complessivo della fornitura euro 42.000,00 (IVA esclusa) oneri per la sicurezza pari ad euro 0,00 INDICE 1.

Dettagli

Breve Descrizione delle Domande del Questionario

Breve Descrizione delle Domande del Questionario GLOSSARIO: Breve Descrizione delle Domande del Questionario Datacenter: è un insieme di strutture, apparati e tecnologie che hanno il compito di tenere on-line server per l erogazione di servizi informatici.

Dettagli

FORNITURA DI LICENZE SOFTWARE, DI SERVER E DEI RELATIVI SERVIZI DI ASSISTENZA IN GARANZIA PER IL SISTEMA INFORMATIVO INPDAP

FORNITURA DI LICENZE SOFTWARE, DI SERVER E DEI RELATIVI SERVIZI DI ASSISTENZA IN GARANZIA PER IL SISTEMA INFORMATIVO INPDAP FORNITURA DI LICENZE SOFTWARE, DI SERVER E DEI RELATIVI SERVIZI DI ASSISTENZA IN GARANZIA PER IL SISTEMA INFORMATIVO INPDAP Pag. 1 di 15 S O M M A R I O 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELLA FORNITURA 3 2.1 HARDWARE:

Dettagli

A) SERVER PREMESSA. Fornitura ed installazione di n.13 configurazioni a rack di: n. 2 PC Server ciascuno con le seguenti caratteristiche:

A) SERVER PREMESSA. Fornitura ed installazione di n.13 configurazioni a rack di: n. 2 PC Server ciascuno con le seguenti caratteristiche: ALLEGATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SERVER, PERSONAL COMPUTER, ALTRE ATTREZZATURE INFORMATICHE E LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI GARANZIA E ASSISTENZA TECNICA. PREMESSA Il Sistema Informativo dell Assessorato

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO CED EX OPP

Dettagli

La server farm e i data center del CSI Piemonte. Stefano Lista Responsabile Area Server Farm e Reti

La server farm e i data center del CSI Piemonte. Stefano Lista Responsabile Area Server Farm e Reti La server farm e i data center del CSI Piemonte Stefano Lista Responsabile Area Server Farm e Reti La strategia ICT in Piemonte Infrastrutture su tutto il territorio per ridurre il digital divide Basi

Dettagli

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA L intervento è da realizzare su un edificio esistente

Dettagli

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità

MULTIFLEX PROFESSIONAL COMPUTERS. Sistemi Server integrati di cassa. Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità Sistemi Server integrati di cassa MULTIFLEX Un sistema semplice e flessibile dalle grandi potenzialità ASEM PROSERVER MULTI-FLEX integra storage, elaborazione e connettività per rendere più semplice il

Dettagli

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con Il Cloud Computing In collaborazione con Cos è Net@VirtualCloud L Offerta Net@VirtualCloud di Netcube Italia, basata su Server Farm certificate* e con sede in Italia, è capace di ospitare tutte le applicazioni

Dettagli

EMC SYMMETRIX VMAX CLOUD EDITION

EMC SYMMETRIX VMAX CLOUD EDITION EMC SYMMETRIX VMAX CLOUD EDITION L'array EMC Symmetrix VMAX Cloud Edition è la prima piattaforma di erogazione di servizi di storage di classe enterprise a offrire l'erogazione automatizzata e multi-tenant

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA CAPITOLATO TECNICO

DISCIPLINARE DI GARA CAPITOLATO TECNICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE C. FERRINI L. FRANZOSINI ISTITUTO TECNICO settore TECNOLOGICO: Costruzioni, Ambiente e Territorio, Tecnologie del Legno nelle Costruzioni, Grafica e Comunicazione

Dettagli

2.2.1 FrontEnd FIREWALL CARATTERISTICHE VALORE RICHIESTO VALORE OFFERTO QTA' 2

2.2.1 FrontEnd FIREWALL CARATTERISTICHE VALORE RICHIESTO VALORE OFFERTO QTA' 2 2.2.1 FrontEnd FIREWALL RICHIESTO QTA' 2 modello throughput 400 Mbps Throughput cifrato (3DES) 200 Mbps VPN Session 700 Connessioni al secondo 7000 RAM 512 Mbyte System flash 64 6 porte per Network Gigabitporte

Dettagli

Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità

Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità CLIMAVENETA AISLE CONTAINMENT SYSTEM Sistemi di compartimentazione per data center ad alta densità Nei moderni data center ad alta densità

Dettagli

SPECIFICHE PER L INSTALLAZIONE DEL SISTEMA AEDOS

SPECIFICHE PER L INSTALLAZIONE DEL SISTEMA AEDOS SPECIFICHE PER L INSTALLAZIONE DEL SISTEMA AEDOS DG Ambiente, Energia e Reti Pagina 1 Indice 1 PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI... 3 3 LA CONFIGURAZIONE HARDWARE... 4 3.1 informazioni generali... 4 3.2 Scelta

Dettagli

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici, ai sensi dell art. 2, comma 225, L. n. 191/2009, sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici per la fornitura di Server Blade, delle relative

Dettagli

L impatto energetico dell ICT in chiave Cloud Computing

L impatto energetico dell ICT in chiave Cloud Computing L impatto energetico dell ICT in chiave Cloud Computing Cosa consuma e con quale efficienza? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Università Roma3, 23 Novembre 2010 Prologo Una notizia

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER IL POTENZIAMENTO TECNOLOGICO DEGLI AMBIENTI DI STORAGE E DI BACKUP DEL III DIPARTIMENTO-SINIT ALLEGATO 6

CAPITOLATO TECNICO PER IL POTENZIAMENTO TECNOLOGICO DEGLI AMBIENTI DI STORAGE E DI BACKUP DEL III DIPARTIMENTO-SINIT ALLEGATO 6 ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISIZIONE DI HARDWARE, SOFTWARE, E SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO TECNOLOGICO DEGLI AMBIENTI DI STORAGE AREA NETWORK E SUPPORTI DI BACKUP PER IL III DIPARTIMENTO-SINIT

Dettagli

Installazione della turbina TURBEC T100 presso la piattaforma ZECOMIX. M. Nobili, A. Assettati, G. Messina, L. Pagliari. Report RdS/PAR2013/267

Installazione della turbina TURBEC T100 presso la piattaforma ZECOMIX. M. Nobili, A. Assettati, G. Messina, L. Pagliari. Report RdS/PAR2013/267 c Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Installazione della turbina TURBEC T100 presso la piattaforma ZECOMIX M. Nobili,

Dettagli

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977.

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. L Azienda È una azienda specializzata nella vendita e assistenza di hardware, software e servizi informatici composta da un organico di circa settanta

Dettagli

Eni Green Data Center scheda tecnica

Eni Green Data Center scheda tecnica Eni Green Data Center scheda tecnica Il Green IT Adeguarsi ai principi dello sviluppo sostenibile è entrato ormai tra le mission principali dell'informatica. Il 2% della CO 2 emessa nel mondo proviene,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER L ADEGUAMENTO DEL DATA CENTER DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

CAPITOLATO TECNICO PER L ADEGUAMENTO DEL DATA CENTER DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA CAPITOLATO TECNICO PER L ADEGUAMENTO DEL DATA CENTER DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA 1 Sommario 2 Introduzione...3 2.1 Descrizione generale...3 3 Server presenti in Azienda...4 3.1 Tab. 1 - Server

Dettagli

Nr. QUESITO RISPOSTA QUESITI INFRASTRUTTURA HARDWARE. La fornitura della connettività ADSL non è oggetto della presente gara.

Nr. QUESITO RISPOSTA QUESITI INFRASTRUTTURA HARDWARE. La fornitura della connettività ADSL non è oggetto della presente gara. 1 QUESITI INFRASTRUTTURA HARDWARE a) Rif. Pag. 9 Capitolato Tecnico Si richiede di esplicitare se i costi di connettività per n. 300 linee Adsl sperimentali, siano a carico della Ditta aggiudicataria e

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

DELL SOLUZIONI DI BACKUP

DELL SOLUZIONI DI BACKUP DELL SOLUZIONI DI BACKUP Appliance DELL Appliance di backup e ripristino Dell DL1000 1TB Appliance di backup e ripristino Dell DL1000 2TB Appliance di backup e ripristino Dell DL1000 3TB/2VM Appliance

Dettagli

CONSORZIO IRPINIANET SCARL

CONSORZIO IRPINIANET SCARL CONSORZIO IRPINIANET SCARL PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA APPLICATIVA PER LA GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI DENOMINATA DOC.AREA CIG: 3944511971

Dettagli

IBM Svizzera Offerte Express Edizione dicembre 2011

IBM Svizzera Offerte Express Edizione dicembre 2011 IBM Svizzera Offerte Express Edizione dicembre 2011 Novità Novità: System x3100 M4 CHF 699. * Edizione dicembre 2011 Pagina 2 Il nuovo server IBM System x M4 Per avere un idea dei nostri prezzi vantaggiosi,

Dettagli

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Resoconto commissionato da EMC Corporation Introduzione In breve EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione

Dettagli

5^ SEDUTA - data 22 ottobre 2010 (Riservata)

5^ SEDUTA - data 22 ottobre 2010 (Riservata) VERBALE DI GARA PER L APPALTO DEI LAVORI DI FORNITURA E POSA DI SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IP COMPLETO DI APPARATI DI TRASMISSIONE E DI SUPPORTO, COMPONENTI HARDWARE E SOFTWARE TRAMITE UTILIZZO DI PUNTI

Dettagli

Allegato II Schede Offerta parte impiantistica

Allegato II Schede Offerta parte impiantistica NOTE GENERALI ALLA COMPILAZIONE: Allegato II Schede Offerta parte impiantistica L Allegato II comprende tutte le Schede Offerta relative alle parti impiantistiche, che dovranno essere compilate. Di seguito

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Decreto Dirigenziale n. 460 del 17 ottobre 2005 Giunta Regionale della Campania Programma tetti fotovoltaici. Approvazione ed emanazione del secondo bando regionale. Affidamento dell'attuazione alle amministrazioni

Dettagli

Soluzioni per il raffreddamento di rack ad alta densità, da 10 a 75 kw

Soluzioni per il raffreddamento di rack ad alta densità, da 10 a 75 kw Soluzioni per il raffreddamento di rack ad alta densità, da 10 a 75 Massima efficienza, affidabilità del sistema e bassi consumi Moderni Data Center sono caratterizzati da esigenze di funzionamento costante

Dettagli

Appliance di protezione gestite via cloud

Appliance di protezione gestite via cloud Scheda Tecnica MX Serie Appliance di protezione gestite via cloud Panoramica Meraki MX è una soluzione completa che racchiude firewall e gateway di filiale di ultima generazione, concepita per fare in

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. 2. Un apparato di lettura/scrittura DVD IBM 7226-1U3 completa di DVD ram.

CAPITOLATO TECNICO. 2. Un apparato di lettura/scrittura DVD IBM 7226-1U3 completa di DVD ram. CAPITOLATO TECNICO Il presente appalto ha ad oggetto il noleggio operativo per un periodo di cinque anni di un elaboratore atto a gestire il sistema informativo della Stazione appaltante. Il noleggio deve

Dettagli

Caratteristiche tecniche per la realizzazione di un aula multimediale

Caratteristiche tecniche per la realizzazione di un aula multimediale Allegato A- Parte C Caratteristiche tecniche per la realizzazione di un aula multimediale Parte C: Impianti Via Torino, 137 96100 INDICE OGGETTO DELLA FORNITURA... 3 REGOLAMENTO... 3 DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA ED ATTIVAZIONE DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA HARDWARE E SOFTWARE A SUPPORTO DELLE PROCEDURE APPLICATIVE DEL CENTRO BIBLIOTECHE E DOCUMENTAZIONE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO 1 - PREMESSA Il Centro

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Oggetto: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Sede Motorizzazione Civile di Roma Nord Sede M.C.T.C. Roma Nord - Via

Dettagli

CHIARIMENTI DEL 19/9/2011. CHIARIMENTI COMUNI AI LOTTI n. 1-2 e 3

CHIARIMENTI DEL 19/9/2011. CHIARIMENTI COMUNI AI LOTTI n. 1-2 e 3 ACQUISIZIONE DI UN ACCELERATORE LINEARE, DI UNA CT DEDICATA ALLA SIMULAZIONE VIRTUALE ED UN SISTEMA DI ELABORAZIONE DEI PIANI DI TRATTAMENTO RADIOTERAPICI DA DESTINARE ALLA ASL TERAMO - CHIARIMENTI CHIARIMENTI

Dettagli

Workshop CCR-INFNGRID 2010. Survey MPI. Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma. Catania, 18 Maggio 2010

Workshop CCR-INFNGRID 2010. Survey MPI. Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma. Catania, 18 Maggio 2010 Workshop CCR-INFNGRID 2010 Survey MPI Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma Catania, 18 Maggio 2010 1 Sommario - Survey sull uso di MPI - Stato dei cluster che supportano MPI

Dettagli

FORNITURA HARDWARE DI : N. 1 DATABASE SERVER, N. 1 APPLICATION SERVER, N. 1 NAS, N. 1 RACK, N. 2 SWITCH, N. 2 AD SERVER, N.

FORNITURA HARDWARE DI : N. 1 DATABASE SERVER, N. 1 APPLICATION SERVER, N. 1 NAS, N. 1 RACK, N. 2 SWITCH, N. 2 AD SERVER, N. FORNITURA HARDWARE DI : N. 1 DATABASE SERVER, N. 1 APPLICATION SERVER, N. 1 NAS, N. 1 RACK, N. 2 SWITCH, N. 2 AD SERVER, N. 1 SCANNER SPECIFICHE TECNICHE C.E.D. Centro Elaborazione Dati Il Responsabile

Dettagli

Specifica Tecnica. Ezylog. Sistema di Monitoraggio. Impianto Fotovoltaico

Specifica Tecnica. Ezylog. Sistema di Monitoraggio. Impianto Fotovoltaico SOLUZIONI PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI Specifica Tecnica Ezylog Sistema di Monitoraggio Impianto Fotovoltaico Pag. 1 /12 1.1. PRESCRIZIONI GENERALI 1. SCOPO La presente specifica ha lo scopo di definire i

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli