Fondazione Istituto Andrea Devoto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Istituto Andrea Devoto"

Transcript

1 Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e n, dello Statuto vigente della Fondazione, al Consiglio di Amministrazione spetta, se necessario, l emanazione di regolamenti che integrino le disposizioni statutarie. Al momento, il Consiglio ha individuato tre aree da regolamentare che sono: a) Modalità di adesione e condivisione dei principi della Fondazione, riportati nel documento definito come Carta Etico-politica ; b) Costituzione e modalità di funzionamento del Comitato Tecnico Scientifico, CTS, e c) Modalità di costituzione e funzionamento delle Sezioni, intese quali luoghi di svolgimento delle attività di ricerca scientifica e sviluppo dei Progetti nell ambito delle aree di intervento via via individuate. Vengono qui di seguito riportati i tre regolamenti approvati. * * * * * Regolamento sulle Modalità di adesione ai principi della Fondazione 1. Coloro i quali, sia persone fisiche/giuridiche che Enti e Istituzioni, condividono i principi cui si ispira l attività della Fondazione Istituto Andrea Devoto possono, in relazione a quanto previsto all articolo 7 dello Statuto, chiedere di essere riconosciuti dal Consiglio di Amministrazione quali soggetti

2 che sostengono e appoggiano le attività della Fondazione stessa. Il sostegno e l appoggio può concretizzarsi in varie forme quali erogazioni liberali nei confronti della Fondazione, messa a disposizione della Fondazione di strutture logistiche e di strumenti operativi, patrocinio di manifestazioni, eventi e convegni, pubblicazioni, partecipazione alle attività della Fondazione mediante, ad esempio, la partecipazione al CTS e alle Sezioni, così come definito nei regolamenti di questi due organi interni della Fondazione. 2. La domanda di adesione presentata da parte di enti o persone giuridiche, pubbliche e private, predisposta in forma libera dovrà pervenire, sottoscritta dal legale rappresentante, al Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione pro tempore, ed in copia conoscenza al Presidente Onorario, e dovrà essere corredata da idonea documentazione attestante la condivisione dei principi e degli scopi della Fondazione. Il Presidente del Consiglio di Amministrazione è tenuto a portare la domanda di adesione all esame del Consiglio alla prima riunione successiva alla data di ricevimento della stessa, e in quella sede il Consiglio valuterà la documentazione a supporto presentata. In ogni caso, il CdA, salvo che non ritenga opportuno richiedere ulteriore documentazione, è tenuto a esprimere il proprio parere, deliberando in senso positivo o negativo; la delibera è assunta a maggioranza di voti dei suoi membri presenti, in caso di parità prevale il voto del Presidente del Consiglio di Amministrazione come regolamentato dall articolo 11 dello Statuto.

3 Il Presidente del CdA provvede a comunicare al soggetto interessato l esito del voto del CdA. 3. La domanda di adesione di persone fisiche, di cui agli artt. 7 dello Statuto, predisposta in forma libera, dovrà pervenire al Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione pro tempore, ed in copia conoscenza al Presidente Onorario, e dovrà essere corredata da curriculum che attesti la condivisione dei principi e degli scopi della Fondazione. Il Presidente del Consiglio di Amministrazione è tenuto a portare la domanda di adesione all esame del Consiglio alla prima riunione successiva alla data di ricevimento della stessa, e in quella sede il Consiglio valuterà la documentazione a supporto presentata. In ogni caso, il CdA, salvo che non ritenga opportuno richiedere ulteriore documentazione, è tenuto a esprimere il proprio parere, deliberando in senso positivo o negativo; la delibera è assunta a maggioranza di voti dei presenti, ed in caso di parità, prevale il voto del Presidente del Consiglio di Amministrazione come regolamentato dall articolo 11 dello Statuto. Il Presidente del CdA provvede a comunicare all interessato l esito del voto del CdA. 4. I sostenitori dei principi e degli scopi della Fondazione, ammessi con delibera del CdA, che, per motivi propri, non intendano più essere considerati come tali, devono notificare la propria volontà al Presidente del CdA, e per conoscenza al Presidente Onorario, con qualsiasi mezzo che provi l avvenuta ricezione della comunicazione stessa. Il Presidente del CdA, preso atto della comunicazione, ne dà comunicazione al CdA nella prima adunanza successiva alla data di ricevimento della comunicazione.

4 5. Nel caso in cui giungano a conoscenza del Consiglio di Amministrazione della Fondazione informazioni sui sostenitori di cui a precedenti delibere, tali da rendere incompatibile il mantenimento dell adesione a suo tempo manifestata, e ratificata dal CdA, ai principi e agli scopi della Fondazione, il Consiglio, su proposta motivata di almeno tre membri dello stesso, esamina la documentazione a supporto e provvede a votare sulla proposta di esclusione presentata. L esclusione viene deliberata dal CdA a maggioranza di voti dei presenti, ed in caso di parità, prevale il voto del Presidente del Consiglio di Amministrazione come regolamentato dall articolo 11 dello Statuto. La delibera assunta viene comunicata all interessato; egli può produrre, nei quindici giorni successivi alla ricezione della comunicazione di esclusione, eventuale ulteriore documentazione, confutando le motivazioni addotte nella delibera di esclusione. In tal caso il CdA valuterà la documentazione prodotta e nella prima riunione utile assumerà la delibera definitiva, che verrà comunicata con le stesse modalità sopra indicate. * * * * * Regolamento sulla costituzione e modalità operative del Comitato Tecnico Scientifico 1. Istituzione del Comitato Tecnico-Scientifico Il Comitato Tecnico-Scientifico (di seguito CTS), previsto dall art. 16 dello Statuto della Fondazione, viene istituito su delibera del CdA. Nella stessa delibera, il CdA provvede ad indicare il Presidente del CTS che potrà essere scelto liberamente, anche al di fuori dei componenti dello stesso Consiglio, tra persone che rispondano ai requisiti richiesti e

5 che condividano i principi e gli scopi della Fondazione riportati nella Carta Etica politica approvata dal CdA. I componenti, anche in rappresentanza di enti e istituzioni, nominati a far parte del CTS, sono persone di spiccato e riconosciuto spessore culturale, proposti da almeno due membri del CdA. La proposta dovrà essere corredata di adeguata documentazione attestante la qualificazione tecnicoscientifica dell interessato. Il CdA, alla prima riunione successiva alla proposta così formulata, delibera sulla stessa a maggioranza di voti dei suoi membri presenti, ed in caso di parità prevale il voto del Presidente del Consiglio di Amministrazione. Il Presidente del CdA provvede a comunicare all interessato la nomina richiedendone l accettazione. Le stesse modalità di nomina si applicano anche nei casi di dimissioni e decadenza dal CTS, di cui al successivo punto 4 del presente regolamento, se il CdA riterrà opportuno reintegrare il numero dei componenti il CTS. Il numero massimo di componenti del CTS è pari a 10. Tutti i membri nominati a far parte del CTS durano in carica, per il periodo di tempo indicato nella delibera di nomina; in ogni caso, tale periodo non potrà prevedere la scadenza successiva alla data di scadenza del Consiglio di Amministrazione che ha provveduto alla nomina stessa. Quindi alla scadenza del Consiglio di Amministrazione, il nuovo CdA subentrante, durante l adunanza di insediamento, dovrà provvedere al rinnovo, in tutto o in parte, del CTS uscente. Il CdA delibera sul rinnovo del CTS a maggioranza di voti dei suoi membri presenti, una volta verificata la persistenza delle condizioni oggettive di cui alla nomina originaria, ed in caso

6 di parità di voti prevale il voto del Presidente del Consiglio di Amministrazione pro-tempore. 2. Riunioni del Comitato Tecnico-Scientifico Il CTS si riunisce almeno 3 volte all anno su convocazione del Presidente del CTS, o in caso di inattività, dal Presidente del CdA, anche su richiesta di un componente del Consiglio di Amministrazione o del CTS. L avviso di convocazione deve contenere l ordine del giorno, la data, l ora e il luogo da comunicarsi a ciascun componente almeno 15 giorni prima dell'adunanza con qualsiasi mezzo che dimostri il ricevimento della convocazione. 3. Funzioni del Comitato Tecnico-Scientifico Il CTS: - svolge funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico al Consiglio di Amministrazione e alle Sezioni in merito alle attività della Fondazione. Elabora, in stretta collaborazione con il Consiglio di Amministrazione e con le Sezioni, programmi, anche pluriennali, di ricerca e intervento sociale; - propone al CdA progetti di collaborazione scientifica con organismi nazionali e internazionali anche al fine di favorire l inserimento della Fondazione nell ambito di reti di ricerca e intervento sociale; - propone al CdA la costituzione di eventuali Sezioni, con la specificazione dell area di intervento, per meglio realizzare gli scopi statutari della Fondazione; - propone al CdA, di concerto con le Sezioni, attività di fundraising per il finanziamento di progetti di ricerca e di intervento sociale; - se il Consiglio di Amministrazione, richiede il parere su nuovi progetti, il CTS ne valuta gli aspetti scientifici e

7 considera gli aspetti etici degli stessi, in considerazione dei principi e degli scopi della Fondazione - due volte l anno il CTS riceve le relazioni predisposte dalle sezioni sulle attività svolte e su quelle da svolgere, che provvede a trasmettere al Consiglio di Amministrazione con eventuali commenti e proposte e esprimendo il giudizio tecnico-scientifico sui risultati raggiunti. 4. Decadenza dal CTS I componenti del CTS che intendano dimettersi dal CTS, devono notificare la propria decisione al Presidente del CdA pro tempore in forma scritta. Il Presidente del CdA rende le dimissioni immediatamente esecutive e ne dà comunicazione al CdA nella prima adunanza successiva alle dimissioni che provvederà se ritenuto opportuno alla nomina di un nuovo componente del CTS in sostituzione del dimissionario. I componenti del CTS possono essere anche esclusi con motivata delibera del CdA. La proposta di esclusione deve essere proposta dal 25% del CdA in carica e deve contenere le motivazioni di tale richiesta. Prima di portare in Consiglio la richiesta ricevuta, il Presidente, se ritiene insufficienti le motivazioni contenute nella proposta di esclusione può richiedere i chiarimenti necessari. Il CdA, nella prima adunanza successiva alla richiesta formalmente trasmessa al Presidente della Fondazione, delibera a maggioranza, ed in caso di parità prevale il voto del Presidente. L esclusione deve essere comunicata all interessato, unitamente alle motivazioni; l escluso può produrre eventuale documentazione per confutare le motivazioni. In tal caso il CdA ne prenderà atto nella prima adunanza e esprimerà la propria definitiva decisione circa l esclusione o meno dal CTS.

8 5. Rimborsi spese per adunanze Ai membri del CTS spetta, se stanziato dal Consiglio di Amministrazione un capitolo di spesa specifico, dietro presentazione di adeguati giustificativi, il rimborso delle spese vive per eventuali trasferte connesse alla partecipazione alle adunanze del CTS. Il CdA della Fondazione si riserva di formalizzare metodologie e procedura operative sui costi da sostenere per eventuali attività legate alla carica di componente del CTS che verrà messo a disposizione del CTS e dei singoli componenti al momento della loro nomina. * * * * * Regolamento sulle modalità di costituzione e funzionamento delle Sezioni 1. Ruolo delle Sezioni La Fondazione svolge le sue attività attraverso le Sezioni; queste hanno il compito specifico, con la loro attività scientifica e di ricerca, di perseguire e realizzare gli scopi statutari della Fondazione e realizzare gli indirizzi eticopolitici via via individuati dal Consiglio. Le Sezioni, quindi, in base alle indicazioni ricevute al momento della loro creazione dal CdA e dal CTS, si adopereranno per portare avanti le attività di ricerca e sviluppo dei progetti nelle singole aree di intervento loro assegnate. 2. Costituzione delle Sezioni La Sezioni vengono istituite dal Consiglio di Amministrazione su propria iniziativa; i componenti del CdA possono proporre la costituzione di nuove Sezioni, così come i componenti il

9 CTS. Nel caso degli amministratori, la proposta deve essere sottoscritta da almeno due consiglieri; nel caso del CTS, la proposta motivata deve essere sottoscritta da almeno tre di questi. Le persone nominate all interno delle Sezioni devono ovviamente essere persone che hanno richiesto di aderire alla Fondazione e che tale richiesta è stata accettata dal CdA secondo quanto previsto nell apposito Regolamento. 3. Funzionamento e organi delle Sezioni Ciascuna Sezione è composta da un Coordinatore responsabile, un eventuale vice-coordinatore e dai componenti. Tutte queste figure sono nominate dal CdA per un periodo di tempo che viene indicato al momento della nomina e che comunque non potrà andare oltre la data di scadenza del mandato del CdA che procede alla nomina. Per le figure di Coordinatore responsabile e vice-coordinatore non esiste incompatibilità con l eventuale appartenenza al CdA e/o al CTS. Le figure del Coordinatore e del vice Coordinatore, se nominato, decadono alla data indicata nella nomina o se questa non è indicata alla data di scadenza naturale del CdA che li ha nominati. Quindi alla scadenza del Consiglio di Amministrazione, il nuovo CdA subentrante, durante l adunanza di insediamento, dovrà provvedere al rinnovo, in tutto o in parte, dei componenti delle Sezioni. Il CdA delibera sul rinnovo delle Sezioni a maggioranza di voti dei presenti, una volta verificata la persistenza delle condizioni oggettive di cui alla nomina originaria, ed in caso di parità di voti prevale il voto del Presidente del Consiglio di Amministrazione pro-tempore.

10 La Sezioni nello svolgimento delle attività loro assegnate devono attenersi allo Statuto e al Regolamento della Fondazione e non hanno autonomia finanziaria. Il CdA nell ambito delle sue attività di pianificazione delle disponibilità finanziarie della Fondazione procederà ad assegnare, se e in quanto possibile, alle Sezioni delle disponibilità per i progetti approvati dal CdA; l utilizzo e la gestione di tali disponibilità sono affidate al Coordinatore, con le procedure e nei limiti stabiliti dal CdA. Il Coordinatore responsabile del Sezioni deve inviare al CdA e per conoscenza al CTS, almeno due volte l anno, una relazione sull attività svolta e sui programmi di attività per l anno successivo, indicando anche l utilizzo delle risorse assegnate alla Sezione e, se del caso, anche le nuove necessità finanziarie connesse allo svolgimento del programma e delle attività di ricerca. Per il perseguimento delle finalità della Fondazione, le Sezioni saranno costituite e organizzate secondo i seguenti punti: a) il numero dei componenti è variabile in base alle necessità derivanti dalle attività attribuite ad ogni singola Sezione. La nomina dei componenti delle Sezioni, spetta al CdA sia su iniziativa propria che su richiesta motivata dei coordinatori delle sezioni; b) le sezioni opereranno nelle forme ritenute più appropriate dai coordinatori anche con l individuazione di gruppi di lavori specifici, che potranno avvalersi della collaborazione e del supporto di organismi scientifici e figure tecnicoprofessionali esterne alla Fondazione; la eventuale costituzione di tali gruppi di lavoro dovrà essere illustrata

11 tramite una relazione scritta da parte del Coordinatore che la trasmetterà al CdA, per la ratifica; c) i risultati delle attività delle Sezioni (e dei gruppi) devono essere formalizzati mensilmente, secondo delle modalità definite autonomamente tra i componenti delle sezioni, pur nel rispetto delle forme di massima che verranno definite dal CTS, e ratificate dal CdA, in modo tale da rappresentare il supporto alle relazioni semestrali indicate in altro punto del presente regolamento; d) ogni eventuale spesa da sostenere nell ambito delle attività delle sezioni, se esistono risorse finanziarie attribuite alle singole sezioni dal CdA devono essere comunicate preventivamente, tramite il coordinatore, al CdA stesso che preso atto della richiesta e valutate le situazioni finanziarie della Fondazione ne autorizza il sostenimento e dispone il pagamento delle stesse.

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI Articolo 1 Costituzione, sede, Fondatori 1.1 È costituita una fondazione denominata "Torino Musei", con sede in Torino, via Magenta, 31 presso la Galleria Civica d Arte

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009.

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009. Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009 Statuto Art.1 DENOMINAZIONE E costituita una associazione avente le caratteristiche

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228.

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita una Associazione denominata: COMUNITA OKLAHOMA ONLUS Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. Articolo 3 Scopo L Associazione

Dettagli

AIPi Associazione Italiana Progettisti d interni interior designers

AIPi Associazione Italiana Progettisti d interni interior designers STATUTO ASSOCIAZIONE ARTICOLO 1 La già costituita AIPi Associazione Italiana Progettisti di Interni interior designers riunisce coloro che svolgono l attività professionale nella progettazione degli interni.

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI.

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. STATUTO Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. 2) Il Comitato non ha fini di lucro. 3) La sede è in Torino, Corso

Dettagli

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D.

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D. ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BUONI AMICI STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita l Associazione di Volontariato BUONI AMICI. L Associazione ha sede in Favria, Via

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

STATUTO dell ASSOCIAZIONE CANTARE SUONANDO TRENTO. Associazione Cantare Suonando - Onlus

STATUTO dell ASSOCIAZIONE CANTARE SUONANDO TRENTO. Associazione Cantare Suonando - Onlus STATUTO dell ASSOCIAZIONE CANTARE SUONANDO TRENTO Approvato il 08.01.1997 Prima modifica: 23.06.1998 Seconda modifica: 23.06.2001 Terza modifica: 01.05.2005 Associazione Cantare Suonando - Onlus Articolo

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA (versione 3.7.2015)

STATUTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA (versione 3.7.2015) STATUTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA (versione 3.7.2015) Costituzione, denominazione e sede Art. 1 E costituita l associazione denominata: Società Italiana di Economia

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 $662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 Costituzione e sede I signori comparenti convengono di costituire tra loro un associazione culturale di volontariato ONLUS sotto la denominazione E.F.A. (Etica,

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ISI ISTITUTO PER L INTERSCAMBIO SCIENTIFICO VI ALASSIO, 11/C 10126 TORINO. Titolo I

STATUTO DELLA FONDAZIONE ISI ISTITUTO PER L INTERSCAMBIO SCIENTIFICO VI ALASSIO, 11/C 10126 TORINO. Titolo I STATUTO DELLA FONDAZIONE ISI ISTITUTO PER L INTERSCAMBIO SCIENTIFICO VI ALASSIO, 11/C 10126 TORINO Titolo I DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO DURATA Art. 1 Su iniziativa della Regione Piemonte, della Provincia

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

ALLEGATO "A" AL N. 35401 DI FASCICOLO STATUTO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Fondazione il Bene. Art. 1 Denominazione, sede e durata

ALLEGATO A AL N. 35401 DI FASCICOLO STATUTO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Fondazione il Bene. Art. 1 Denominazione, sede e durata ALLEGATO "A" AL N. 35401 DI FASCICOLO STATUTO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Fondazione il Bene Art. 1 Denominazione, sede e durata E costituita la fondazione denominata Fondazione il Bene, di seguito

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

EBN ITALIA. Associazione senza fini di lucro per la diffusione del birdwatching. Regolamento dei Nodi della Associazione EBN Italia

EBN ITALIA. Associazione senza fini di lucro per la diffusione del birdwatching. Regolamento dei Nodi della Associazione EBN Italia Regolamento dei Nodi della Approvato dal Consiglio Direttivo il 31/01/2012 Premessa L stabilisce con il presente Regolamento i criteri, le modalità e le procedure per la costituzione dei Nodi, cioè i gruppi

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore:

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: - RE DONATELLA, nata ad Arezzo il10/04/1970 e residente a M.Montemarciano

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1) E costituita in San Giorgio di Piano l Associazione denominata Riolo Associazione Volontari

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

Statuto associativo di Libera Uscita

Statuto associativo di Libera Uscita Statuto associativo di Libera Uscita Articolo 1 Denominazione, natura, sede 1. È costituita l Associazione nazionale di volontariato denominata Libera Uscita che si riconosce in quanto previsto dalla L.

Dettagli

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il «Fondo Assistenza Sanitaria» (FAS) assicura l assistenza

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI ALL. A) PROVINCIA DELL OGLIASTRA ASSESSORATO Lavoro Politiche Giovanili e Femminili e Formazione Professionale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

Dettagli

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri ART. l - COSTITUZIONE È costituita un'associazione non riconosciuta, ai sensi e per gli effetti degli artt.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ART. 1 Denominazione. E costituita un associazione di volontariato avente le caratteristiche di Organizzazione Non Governativa (ONG) e le caratteristiche di Organizzazione Non

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA

STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA STATUTO DELLA FONDAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA Articolo 1. Denominazione e sede. Su iniziativa dell Associazione R.E TE. Imprese Italia è costituita la Fondazione R.E TE. Imprese Italia, con sede in Roma.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE E FUNZIONI Art. 1 Ambito di applicazione 1.

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione)

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) Art. 1 Composizione, elezione e durata in carica del Collegio Il Collegio dei Probiviri

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

STATUTO. Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali.

STATUTO. Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali. STATUTO Art.1) E costituita un Associazione animalista senza scopo di lucro denominata: VITA DA CANI - Associazione a tutela dei diritti animali. Art.2) La sede dell Associazione è in Arese (Mi), Via Mazzini

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012)

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) (approvato dalla Direzione Nazionale il 23 giugno 2012) Visto il comma 1 dell art. 22 di cui al CAPO IV G.I.S. GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO,

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

BHALOBASA ONLUS STATUTO

BHALOBASA ONLUS STATUTO Associazione BHALOBASA ONLUS STATUTO 2 Titolo I Definizione, finalità, durata ART. 1 E costituita una Associazione denominata Associazione Bhalobasa ONLUS. ART. 2 L Associazione ha sede in Lari (PI), via

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS

STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS STATUTO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS Art. 1 Denominazione e sede E costituita una fondazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus) sotto

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) Federazione Logopedisti Italiani F.L.I.

REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) Federazione Logopedisti Italiani F.L.I. 2015 REGOLAMENTO NAZIONALE GRUPPI DI INTERESSE SPECIALISTICO (G.I.S.) www.fli.it info@fli.it visto l art. 5 comma e) dello Statuto F.L.I. che definisce tra gli scopi della federazione.. promuovere la formazione

Dettagli

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1) Denominazione È costituita l Associazione denominata Associazione Veneti a Milano O.N.L.U.S. Art. 2) Sede L Associazione

Dettagli

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI di B A R I REGOLAMENTO DEL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO per l Attività Formativa Professionale Continua degli Iscritti all Ordine Consigliatura

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

Federazione Sindacale Italiana Osteopati

Federazione Sindacale Italiana Osteopati Fe.S.I.Os. FEDERAZIONE SINDACALE ITALIANA OSTEOPATI Associazione no profit STATUTO ART.1- DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Federazione Sindacale - con la sigla Fe.S.I.Os.. Essa è

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o

Assonautica Provinciale di Imperia. S t a t u t o Assonautica Provinciale di Imperia S t a t u t o Art. 1 Denominazione e natura giuridica L Associazione provinciale per la nautica da diporto di Imperia, denominata Assonautica provinciale di Imperia,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA ANZIANI Approvato in data con deliberazione consiliare n. 1. E istituita la Consulta Anziani. Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Associazione Universitaria Studentesca DISMI_cREw COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Reggio Emilia, via Amendola

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER IL PAESAGGIO (art. 81 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 e art. 148 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 D.G.R. n. VIII/7977 del 6 agosto 2008 e D.G.R. n. VIII/8139 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF PREMESSA Il Presente Regolamento si applica a tutti i soci e deve essere accettato contestualmente alla richiesta di associazione; L accettazione

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

Comune di Montagnareale Provincia di Messina

Comune di Montagnareale Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA NOMINA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PER L ESAME DELLE NORME REGOLAMENTARI DELL ENTE INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento- definizioni. Art. 2 - Composizione,

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO 1. COSTITUZIONE. In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - promuovere le politiche di

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

STATUTO dell' Associazione Culturale " Mondo Mediazione "

STATUTO dell' Associazione Culturale  Mondo Mediazione STATUTO dell' Associazione Culturale " Mondo Mediazione " Articolo 1 Costituzione. E' costituita con SEDE in BERGAMO prov. (BG) via 4 NOVEMBRE N 14, CAP 24128, una Associazione Culturale denominata " MondoMediazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI SULLE PARCELLE PROFESSIONALI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA EMISSIONE DEI PARERI

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE (STATUTO art. 51: Il consiglio comunale può avvalersi di consulte di settore su tematiche specifiche: giovani, cultura,solidarietà

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1 STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri Art. 1 È costituita una associazione denominata Marta per gli altri, organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). L'associazione assume nella

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

Aggiornato: 7 aprile 2013 STATUTO

Aggiornato: 7 aprile 2013 STATUTO Aggiornato: 7 aprile 2013 STATUTO 1. NOME E SCOPO Art. 1 Nome Sotto la denominazione MUSICA UNIONE NOVAZZANO è costituita un Associazione a tempo indeterminato, ai sensi degli artt. 60 e seguenti del Codice

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LIGURE THALASSEMICI

STATUTO ASSOCIAZIONE LIGURE THALASSEMICI STATUTO ASSOCIAZIONE LIGURE THALASSEMICI ART. 1 E costituita un Associazione denominata Associazione Ligure Thalassemici, organizzazione di volontariato ai sensi e nel rispetto della L. 266/91 e delle

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Caorle STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA VITA: GIOIA DI VIVERE Michela Dorigo 1 ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato,

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli