6. ELETTROMAGNETISMO. Linee elettriche e cabine di trasformazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. ELETTROMAGNETISMO. Linee elettriche e cabine di trasformazione"

Transcript

1 185

2 6. ELETTROMAGNETISMO Il concetto di elettromagnetismo e di onde ad esso associato è molto più familiare di quanto non si creda: basti pensare alla luce solare, forma di energia elettromagnetica fondamentale a tutte le forme di vita, ai campi elettromagnetici generati dai fulmini, oppure al campo magnetico terrestre. Sulla terra è infatti da sempre presente un fondo elettromagnetico naturale, le cui sorgenti principali sono proprio la terra stessa, il sole e l atmosfera. A questo naturale livello di fondo si sono però aggiunti, come conseguenza del progresso tecnologico, i campi prodotti dalle sorgenti legate all attività dell uomo. Negli ultimi anni, infatti, abbiamo assistito ad un aumento senza precedenti del numero e delle varietà di sorgenti di campi elettrici e magnetici o elettromagnetici, utilizzati per scopi personali, sanitari, industriali e commerciali. Tra queste sorgenti sono compresi elettrodotti, stazioni e sottostazioni elettriche, rete elettrica casalinga, antenne radio e TV, computer, telefoni cellulari, radar e tutte le apparecchiature di uso quotidiano che utilizzano la rete elettrica. Tutte queste tecnologie hanno arricchito e semplificato la nostra vita, ma allo stesso tempo hanno indotto preoccupazione circa i possibili rischi associati ai campi elettromagnetici che esse emettono. Tali preoccupazioni sono state sollevate soprattutto in merito alla sicurezza dei telefoni cellulari e relative stazioni radio base e in merito alle linee elettriche. Il problema dei possibili effetti sulla salute umana ha assunto negli ultimi anni una rilevanza sempre crescente, tanto da essere considerato dall Organizzazione Mondiale della Sanità una delle quattro emergenze del prossimo futuro. L Italia, nell attuale situazione di incertezza, sta tendendo ad una graduale riduzione delle esposizioni, seguendo il principio cautelativo volto a tutelare la popolazione dagli eventuali effetti a lungo termine. I campi elettromagnetici si propagano come onde di diversa frequenza. Quelli che interessano le telecomunicazioni ed il trasporto di energia hanno frequenze comprese tra 0 Hz e 300 GHz e precisamente: i sistemi di produzione, distribuzione ed utilizzo dell energia elettrica interessano l intervallo di frequenza da 0 Hz a 3 KHz e sono comunemente chiamati ELF (campi a frequenza estremamente bassa); gli impianti per le teleradiocomunicazioni interessano invece l intervallo di frequenza tra 3 KHz e 300 GHz e sono detti RF (campi a radiofrequenza). Linee elettriche e cabine di trasformazione Quando si parla di sorgenti di campi elettrici e magnetici a bassa frequenza ci si riferisce principalmente agli elettrodotti per il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica oppure alle cabine di trasformazione, date le elevate tensioni e correnti in gioco e le notevoli intensità dei campi elettrici e magnetici prodotti. A partire dalle centrali di produzione dell energia elettrica fino ad arrivare agli utenti, vengono utilizzate linee con diverse tensioni e correnti. Fino alle stazioni di trasformazione, la rete di trasporto è costituita da linee ad alta tensione, di 186

3 220 kv o 380 kv percorse da correnti di circa 1.5 ka, che costituiscono lo standard europeo. Nelle stazioni primarie di trasformazione si passa dalla tensione di trasporto a quella di distribuzione, di 132 kv o 150 kv. La rete di distribuzione primaria ad alta tensione, oltre ad alimentare le grandi utenze, quali grossi centri abitati o complessi industriali di notevoli dimensioni, alimenta le cabine primarie, che trasformano l energia dall alta tensione alla media tensione di distribuzione (20 kv o 30 kv), la quale a sua volta alimenta le cabine secondarie e le medie utenze industriali. Nelle cabine secondarie l energia è trasformata dalla media tensione alla tensione di utilizzazione, che viene fornita, tramite la rete di distribuzione a bassa tensione, alle abitazioni, dove si preleva una tensione monofase di 230 V. In bassa frequenza, in particolare a 50 Hz, le componenti del campo elettrico e di quello magnetico possono essere considerate come entità distinte. Il campo elettrico è legato in maniera diretta alla tensione della linea e si attenua con l aumentare della distanza dai conduttori. Contrariamente alle correnti la tensione della linea non varia in modo apprezzabile nel tempo, per cui l intensità del campo elettrico è praticamente costante. Il campo magnetico, essendo invece direttamente legato alla intensità della corrente sulle linee, non è costante durante la giornata, ma negli andamenti temporali è possibile individuare dei valori minimi, in genere nelle ore notturne, e dei valori massimi, in corrispondenza delle ore di maggior carico, oltre ad una periodicità giorno/notte e settimanale. Apparati per radiotelecomunicazione Sono gli apparati per le telecomunicazioni e le radiolocalizzazioni e sono generalmente disposti in posizioni dominanti quali alture o tralicci. La finalità di questi impianti è quella di irradiare nello spazio onde elettromagnetiche per trasferire, tramite opportune codificazioni, informazioni ai vari sistemi riceventi. Ripetitori radiotelevisivi Sono impianti che hanno spesso potenze superiori al kw e che a seconda della loro quota di installazione coprono bacini di utenza che interessano anche più province. Sono pertanto facilmente individuabili nell ambiente per l imponenza dei tralicci metallici che li sostengono. Fino ai primi anni 90, l evoluzione dell emittenza radiotelevisiva è stata caratterizzata da una totale assenza di qualsiasi criterio di programmazione e regolamentazione e da una occupazione selvaggia delle frequenze disponibili. La mancanza pressoché totale di controlli sulle frequenze occupate e sugli apparati utilizzati per la diffusione ha determinato una proliferazione incontrollata delle emittenti e delle relative antenne, con un pericoloso innalzamento delle potenze. I più recenti provvedimenti legislativi sia nazionali che regionali stanno tentando faticosamente di riportare ordine nel settore, sia in termini di frequenze utilizzate, sia in termini di localizzazione degli impianti. La Provincia di Modena, a questo proposito, ed in ottemperanza ai disposti della L.R. 30/2000 e sua direttiva applicativa, 187

4 approvata con DGR n 197/2001, si è recentemente dotata del Piano di Localizzazione per l Emittenza RadioTelevisiva (PLERT). Stazioni Radio Base per telefonia mobile Costituiscono la stazione fissa di ricevimento trasformazione e trasmissione del segnale da e per l apparecchio radiomobile, impiegando potenze di poche decine di Watt ed interessando aree di qualche Km. Vengono di norma installate su torri/pali indipendenti o sui tetti di immobili e devono essere distribuite in numero tanto elevato quanto maggiore è l utenza da servire. Sono dimensionate in modo tale da avere una perdita massima del 2% nell ora di massimo traffico, per cui l utente ha il 98% di probabilità di trovare un canale libero quando tenta di accedere alla rete, e quindi la probabilità che tutti i canali di una cella siano contemporaneamente attivi, anche nell ora di massimo traffico è molto bassa. Il traffico telefonico nelle ore non di punta della giornata è percentualmente molto basso, tendente a zero nelle ore notturne e solo il 25% dei canali di una portante completamente impegnata emettono contemporaneamente segnale. Per queste ragioni il campo generato da una SRB è molto inferiore a quello prodotto dai trasmettitori radiofonici e televisivi caratterizzati invece da emissioni di potenza pressoché continua nel tempo, sempre allo stesso livello a cui è regolato il trasmettitore. SIGLE, ABBREVIAZIONI, SIMBOLI CEM ELF AAT AT MT bt SRB RTV Campi elettromagnetici Extremely Low Frequency Campi elettromagnetici a bassa frequenza Linee elettriche ad Altissima Tensione: 380kV Linee elettriche ad Alta Tensione: 220kV / 132kV Linee elettriche a Media Tensione: 15kV Linee elettriche a bassa tensione: 380V 220V Stazioni Radio Base Impianti Radio Televisivi Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) INDICATORI DI STATO/IMPATTO (S/I) INDICATORI DI RISPOSTA (R) Linee elettriche AAT, AT, MT Cabine di trasformazione AT/MT, MT/bt Impianti radiotelevisivi Impianti Stazioni Radio Base Elettrodotti: rispetto limiti di legge Impianti di radiotelecomunicazione: rispetto limiti di legge Definizione fasce di rispetto per gli elettrodotti AAT/ AT Pareri preventivi emessi e interventi di controllo 188

5 LINEE ELETTRICHE AAT, AT, MT Obiettivi dell indicatore: Quantificare una delle fonti principali di pressione sull ambiente per quanto riguarda i campi elettromagnetici a bassa frequenza Unita e definizioni Km per kv per ambiti territoriali, Km/Kmq Metodi di misura Conteggio dei Km di linee ad altissima, alta e media tensione Metodi di elaborazione Aggregazione dati Serie di dati Aggiornati al 2003 Fonte dei dati ENEL s.p.a Documenti di riferimento Scheda dell indicatore Catasto ENEL s.p.a. Riferimento normativo L.36/2001, L.R. 30/2000, DGR 197/2001 Comuni Linea (n ) Tensione (kv) Denominazione Finale Emilia -San Felice Camposanto -Mirandola Martignone - Sermide Medolla Cavezzo S.Prospero S.Possidonio Concordia -Mirandola Ostiglia - Colunga San Felice -Finale Emilia - Mirandola Mirandola - Bondeno Camposanto Medolla - Mirandola Mirandola - Crevalcore Finale Emilia CP Finale Emilia Bondeno Mirandola 666/ Villa Poma Mirandola - Crevalcore San Prospero 873/ Derivazione CP San Prospero San Felice Camposanto - Mirandola BO Ostiglia Crevalcore Tabella Elettrodotti di AAT/AT ( 380/220/132 kv) che attraversano i Comuni dell Area Nord -Aggiornamento al

6 Figura Elettrodotti di AAT/AT e relative fasce di rispetto, cabine/stazioni di trasformazione primarie Aggiornamento al

7 Tensione Lunghezza (Km) Altissima Tensione 380 kv 15,75 Alta Tensione 220 kv 19, kv 66,41 Media Tensione Linea aerea in cavi nudi 449,48 Linea in cavo aereo 0,49 Linea in cavo interrato 221,28 Tabella Lunghezza lineare delle linee elettriche di AAT, AT e MT Aggiornamento al 2003 Km Camposanto Cavezzo Concordia Finale E. Medolla Mirandola S. Felice S. Possidonio S. Prospero 15 kv 132 kv 220 kv 380 kv Figura Lunghezza in Km delle linee elettriche diversificate per tensione nei comuni dell Area Nord -Aggiornamento al

8 380 kv 2% 220 kv 2% 132 kv 9% Totale Unione 15% 15 kv 87% Resto Provincia 85% Figura Linee elettriche diversificate per tensione nei comuni dell Area Nord Figura Km linee elettriche. Contributo dell Unione al totale provinciale La lunghezza delle linee elettriche ad altissima, alta e media tensione nei Comuni dell Unione è di circa 780 Km, pari al 15% di quella Provinciale; la loro densità sul territorio è dello stesso ordine di grandezza di quello Provinciale. Km/Kmq 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 Camposanto Cavezzo Concordia Finale E. Medolla Mirandola S. Felice S. Possidonio S. Prospero Totale Unione Resto Provincia 1,6 2,2 1,7 1,4 2,3 1,7 1,7 1,4 1,7 1,7 1,9 Figura 6. 5 Densità delle linee elettriche ad altissima, alta e media tensione. 192

9 CABINE DI TRASFORMAZIONE AT/MT, MT/bt Obiettivi dell indicatore: Quantificare una delle fonti principali di pressione sull ambiente per quanto riguarda i campi elettromagnetici a bassa frequenza Unita e definizioni N Cabine per ambiti territoriali, N Cabine/Kmq Metodi di misura Conteggio cabine Metodi di elaborazione Aggregazione dati Serie di dati Aggiornamento al 2003 Fonte dati ENEL s.p.a. Documenti di riferimento Scheda dell indicatore Catasto ENEL.s.p.a. Riferimento normativo L.36/2001, L.R. 30/2000, DGR 197/2001 Nei comuni di Mirandola, Finale Emilia e San Prospero, sono presenti 3 cabine primarie di trasformazione 132/15 kv in gestione a ENEL S.p.A. Distretto Territoriale Emilia Romagna e Marche. Il numero invece di cabine MT/bt presenti sull intero territorio dell Unione è di circa 998 unità. n Camposanto Cavezzo Concordia Finale E. Medolla Mirandola S. Felice S. Possidonio S. Prospero Figura 6.6 Numero delle stazioni/cabine elettriche MT/bt nei comuni dell Area Nord Aggiornamento al

10 Totale Unione 12% Resto Prov. MO 88% Figura Numero delle stazioni /cabine elettriche MT/bt n /Kmq 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 Camposanto Cavezzo Concordia Finale E. Medolla Mirandola S. Felice S. Possidonio S. Prospero Totale Unione Resto Provincia 2,03 2,53 2,40 1,80 2,98 2,04 2,27 2,29 2,32 2,15 3,29 Figura 6. 8 Densità delle stazioni / cabine elettriche MT/bt La densità delle cabine/stazioni di trasformazione sul territorio dell Unione è di circa 215 unità ogni 100 chilometri quadrati. 194

11 IMPIANTI RADIOTELEVISIVI Obiettivi dell indicatore: Quantificare le fonti di pressione sul territorio per i campi a radiofrequenza (RF) Unita e definizioni N emittenti Metodi di misura Conteggio emittenti Metodi di elaborazione Aggregazione dati Serie di dati Aggiornamento al 2003 Fonte dati Arpa Documenti di riferimento Archivio Ministero Telecomunicazioni, Piano di Localizzazione Provinciale Emittenza RTV (PLERT) Riferimento normativo L.36/2001, Dlgs 259/2003, L.R. 30/2000 s.m.., DGR 197/2001 Scheda dell indicatore Sul territorio sono presenti 11 impianti di collegamento in ponte radio e 2 impianti di radiodiffusione sonora. I due impianti di trasmissione radio, che in passato erano localizzati in Comune di Mirandola, località Cividale via Borghetto, a ridosso di alcune abitazioni, sono stati delocalizzati nel sito di via Serafina in località San Giacomo Roncole, sempre in Comune di Mirandola (sito confermato anche dal PLERT). Comune Sito Emittenti Ponti Radio (n ) Mirandola S. Giacomo Roncole Via Serafina Radio Pico Rete 23 Mirandola Tramuschio 6 Mirandola Via Agnini 5 Tabella Impianti per radiodiffusione 195

12 IMPIANTI STAZIONI RADIO BASE Obiettivi dell indicatore: Quantificare le fonti di pressione sul territorio per i campi a radiofrequenza (RF) Unita e definizioni N Stazioni Radio Base per ambiti territoriali, N SRB/Kmq Metodi di misura Conteggio delle Stazioni Radio Base Metodi di elaborazione Elaborazioni GIS -Aggregazione dati Serie di dati Fonte dati Arpa Documenti di riferimento Scheda dell indicatore Catasto Gestori Riferimento normativo DM 381/1998, L.36/2001, Dlgs 259/2003, L.R. 30/2000, DGR 197/2001 Comune Numero SRB Installate Camposanto 3 Cavezzo 2 Concordia 3 Finale Emilia 6 Medolla 0 Mirandola 10 San Felice s/p 4 San Possidonio 1 San Prospero 4 Tabella Numero Stazioni Radio Base installate Aggiornamento al

13 Il rapido sviluppo della telefonia mobile ha determinato nel corso degli anni un consistente aumento, anche per l Area Nord, del numero di stazioni radio base per telefonia cellulare. Il maggior incremento, pari al 54% dell anno precedente si è registrato nel n Camposanto Cavezzo Concordia Finale E. Medolla Mirandola S.Felice S.Possidonio S.Prospero Figura 6.9 Numero di stazioni installate a partire dal 1999 Aggiornamento al 2003 La densità degli impianti per telefonia cellulare nell area in esame è significativamente inferiore a quella provinciale (0,07 SRB/Kmq contro lo 0,12 SRB/kmq provinciale), inoltre gli impianti non sono uniformemente distribuiti tra i vari Comuni: si passa infatti dai 10 impianti attivi a Mirandola nel 2003 a zero nel comune di Medolla. L area in esame, totalmente pianeggiante, è caratterizzata dalla presenza di piccoli centri urbani e da vaste estensioni di terreno ad uso agricolo e le SRB sono per lo più concentrate all interno e intorno a questi centri abitati in maniera proporzionale all entità dell utenza. Camposanto 9% Cavezzo 6% S.Prospero 12% S.Possidonio 3% S.Felice 12% Totale Unione 10% Concordia 9% Finale E. 18% Medolla 0% Mirandola 31% Resto Prov. MO 90% Figura 6.10 N SRB installate. Contributo di ciascun comune sul totale dell Unione Figura 6.11 N SRB installate. Contributo dell Unione al totale provinciale 197

14 Figura Stazioni Radio Base differenziate per gestore - Aggiornamento al

15 ELETTRODOTTI RISPETTO LIMITI DI LEGGE Obiettivi dell indicatore: Verificare la presenza di situazioni di non conformità relativamente ai campi elettromagnetici generati da impianti di trasferimento e distribuzione dell energia elettrica Unita e definizioni N superamenti Metodi di misura Analisi previsionali e misure in loco Metodi di elaborazione Aggregazione dati Serie di dati Fonte dati Arpa Documenti di riferimento Archivio Arpa Riferimento normativo D.P.C.M , D.P.C.M , L.36/2001, DPCM 8 luglio 2003, L.R. 30/2000 Scheda dell indicatore Il DPCM 8 luglio 2003 Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici e magnetici alla frequenza di rete (50Hz) generati dagli elettrodotti abrogando, in quanto incompatibili le disposizioni previste dai DPCM 23/04/92 e 28/09/95, fissa il valore limite per l intensità di induzione magnetica in 100 µt e prevede, a titolo di misura di cautela per la protezione da possibili effetti a lungo termine, il valore di attenzione di 10 µt, da rispettarsi nelle aree gioco per l'infanzia, in ambienti abitativi, in ambienti scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere. La Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici n 36/2001 prevede la presentazione alle amministrazioni di competenza di piani di risanamento da parte dei gestori, allo scopo di adeguare le strutture al rispetto dei limiti e dei criteri fissati dal citato DPCM. Con apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri verranno determinati i criteri di elaborazione dei suddetti Piani di risanamento. Nel corso delle misure realizzate, a partire già dai primi anni 90, non sono state evidenziate situazioni di non conformità rispetto ai limiti fissati dalla normativa di riferimento, per le linee elettriche e per le cabine di trasformazione. 199

16 IMPIANTI RADIO/TV/SRB RISPETTO LIMITI DI LEGGE Obiettivi dell indicatore: Verificare la presenza di situazioni di non conformità relativamente ai campi elettromagnetici generati da impianti radiotelevisivi e stazioni radiobase per la telefonia cellulare Unita e definizioni N superamenti Metodi di misura Analisi previsionali e misure in loco Metodi di elaborazione Aggregazione dati Serie di dati Fonte dati Arpa Documenti di riferimento Archivio Arpa Riferimento normativo DM 381/1998, L.36/2001, DPCM 8 luglio 2003, L.R. 30/2000, DGR 197/2001 Scheda dell indicatore Il DM 381/98 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana fissa limiti di esposizione ai campi elettromagnetici nell intervallo di radiofrequenze e microonde pari a 20 V/m per il campo elettrico, da rispettare in qualunque situazione e valori di cautela pari a 6 V/m, da rispettare nei luoghi in cui si prevede una permanenza superiore alle quattro ore (es. abitazioni, scuole, uffici ). Valori sostanzialmente confermati dal DPCM 8 luglio 2003 Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettro magnetici generati a frequenze comprese tra 100kHz e 300 GHz, recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in ottemperanza a quanto previsto dalla Legge n 36/2001 sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. La suddetta Legge prevede che a seguito dell emanazione del previsto DPCM sui limiti, le Regioni, su proposta dei soggetti gestori, sentiti i Comuni interessati, adottino piani di risanamento al fine di rispettare i limiti di legge. Dalle misure realizzate a partire dal 1996, e dalle stime effettuate nel corso dei procedimenti istruttori propedeutici al rilascio delle autorizzazioni ai sensi degli Artt. 6, 7, 8 della L.R , non si sono riscontrati superamenti dei limiti e/o dei valori di cautela e di attenzione fissati dalla normativa di riferimento. 200

17 DEFINIZIONE FASCE DI RISPETTO per elettrodotti ad AAT/AT Obiettivi dell indicatore: Intervento cautelativo a garanzia del perseguimento dell obiettivo di qualità di 0,2 µt ai ricettori Unita e definizioni Georeferenziazione della fascia di rispetto, la cui dimensione, determinata cautelativamente per il perseguimento dell obiettivo di qualità di 0,2 µt, è correlata alla tipologia e tensione d esercizio dell elettrodotto. Metodi di misura Metodi di elaborazione Rappresentazione grafica mediante Arcview delle fasce di rispetto di 0,2 µt, dopo posizionamento grafico definito da ENEL s.p.a. e TERNA s.p.a. delle reti AAT/AT ed in base alle indicazioni normative. Serie di dati 2003 Fonte dati ENEL s.p.a.; TERNA s.p.a. Scheda dell indicatore Documenti di riferimento Archivio Gestori Reti Energia Elettrica Riferimento normativo L.R. 30/2000, DGR 197/2001 In base a quanto disposto dalla Legge Regionale n 30/2000 Norme per la tutela della salute e la salvaguardia dell ambiente dall inquinamento elettromagnetico all art. 13, i Comuni devono definire, negli strumenti urbanistici ed in coerenza con quanto previsto dal PTCP, specifici corridoi per la localizzazione delle linee ed impianti elettrici con tensione uguale o superiore a 15 kv. Per le linee e gli impianti in esercizio e per quelli già autorizzati i Comuni devono invece adeguare la pianificazione urbanistica individuando le fasce di rispetto ovverosia la striscia di terreno le cui dimensioni, determinate in via cautelativa, sono correlate alla tipologia e alla tensione d esercizio della linea al fine di garantire il perseguimento dell obiettivo di qualità di 0,2 µt di induzione magnetica. Per alcune situazioni territoriali, che prevedano la presenza di aree di sviluppo, l obiettivo di qualità minimo da perseguire può essere rappresentato da un valore meno restrittivo pari a 0,5 µt di induzione magnetica. 201

18 Linee AAT/AT kv Terna singola Doppia Terna Ottimizzata Doppia Terna non Ottimizzata Obiettivo di qualità di 0,2 µt Obiettivo di qualità di 0,5 µt Tabella 6. 5 Dimensione in metri della fascia laterale di rispetto per il perseguimento dell obiettivo di qualità di 0,2 µt e 0,5 µt al ricettore. Sulla base del posizionamento grafico, definito da ENEL s.p.a. e da TERNA s.p.a., delle reti di AAT e AT si sono individuate le fasce di rispetto per il perseguimento dell obiettivo di qualità di 0,2 µt al ricettore, secondo i termini di legge. Nella precedente Figura 6.1 sono rappresentate tali fasce per le linee elettriche ad AAT ed AT che attraversano il territorio dell Unione. 202

19 PARERI PREVENTIVI EMESSI E INTERVENTI DI CONTROLLO Obiettivi dell indicatore: Quantificare la risposta in termini di pareri preventivi ed interventi di controllo relativamente ai campi elettromagnetici generati da impianti a bassa frequenza ed a radiofrequenza Unita e definizioni N pareri / anno; N interventi / anno Metodi di misura Conteggio dei pareri e degli interventi di misura Metodi di elaborazione Aggregazione dati per tipologia di impianti Serie di dati Fonte dati Arpa Documenti di riferimento Pareri espressi da Arpa ; relazioni indagini Riferimento normativo DPCM 23/04/1992, DPCM 28/09/95, DM 381/1998, Linee Guida applicative 09/99, L.36/2001, DPCM 8 luglio 2003, LR. 10/93 e successive modifiche, DGR 1965/99, L.R. 30/2000 e successive modifiche, DGR 197/2001 e successive modifiche Scheda dell indicatore TIPOLOGIA Pareri ELF L.R. 10/ Pareri ELF L.R. 30/ Pareri SRB Pareri RTV Misure ELF Misure RF Totale Tabella Numero di pareri preventivi emessi e numero di interventi di misura realizzati dal 1999 al 2003, distinti per tipologia di impianto. L attività di controllo, sia in fase preventiva sia in fase di esercizio, è finalizzata alla verifica del rispetto dei valori di riferimento previsti dalla normativa per i campi elettrici e magnetici. 203

20 Le valutazioni preventive sono per lo più funzionali allo svolgimento di istruttorie tecniche, volte all espressione di pareri nell ambito di procedimenti autorizzativi relativi a richieste di costruzione ed esercizio di nuovi impianti. n Camposanto Cavezzo Concordia Finale E. Medolla Mirandola S.Felice S.Possidonio S.Prospero Figura Numero pareri preventivi emessi per linee elettriche, infrastrutture elettriche, stazioni radio base, impianti radiotelevisivi dal 1999 al 2003, distinti per ambiti territoriali. Camposanto 6% Cavezzo 8% S.Prospero 10% S.Possidonio 5% S.Felice 8% Totale Unione 9% Mirandola Concordia 7% Finale E. 14% Medolla 9% 33% Resto Provincia 91% Figura Numero pareri preventivi emessi. Contributo di ciascun comune sul totale dell Unione Figura Numero pareri preventivi emessi. Contributo dell Unione al totale provinciale La consistenza del numero di pareri preventivi rilasciati evidenzia l intensa attività a livello di prevenzione in questo campo, particolarmente delicato ed in continua evoluzione. Per quanto riguarda le Stazioni Radio Base l aumento è stato particolarmente significativo soprattutto a partire dall anno 2000, con un picco nel 2002, per poi diminuire drasticamente nel

21 Questo andamento, molto simile a quello che a scala più ampia si è potuto osservare a livello provinciale, è riconducibile alla necessità da parte di alcuni gestori ( TIM - OMNITEL ), presenti sul territorio già dagli anni 90, di consolidare le reti esistenti potenziandole e rinnovandole dal punto di vista tecnologico ( nuovi sistemi di trasmissione UMTS ). Si è inoltre assistito in questi ultimi anni alla nascita ed allo sviluppo di nuove reti per la telefonia mobile conseguentemente all ingresso sul mercato dei due nuovi gestori WIND ed H3G Totale Unione Resto Prov. MO Figura Numero pareri preventivi emessi per stazioni radio base dal 1999 al Confronto tra il totale dell Unione ed il Resto della Provincia Gli interventi di misura consistono nello svolgimento di ispezioni e nell effettuazione di rilievi strumentali di campo elettromagnetico e possono derivare o da una programmazione di attività o da richieste specifiche di Enti o di privati per situazioni particolari. n RF ELF Figura Numero misure di campo elettromagnetico realizzate dal 1999 al 2003 nel territorio dell Unione Il grafico mostra le misure effettuate negli ultimi cinque anni, nei comuni dell Unione, relative sia a sorgenti di campo elettromagnetico a bassa frequenza (ELF) sia a Stazioni Radio Base per telefonia mobile (SRB). 205

22 Le misure relative alle SRB sono comprensive dei quattro monitoraggi in continuo, realizzati nel 2003, nei comuni di Mirandola e di Finale Emilia caratterizzati dalla più alta concentrazione di impianti per telefonia mobile di tutto il territorio dell Unione. Sempre relativamente all ultimo anno, il numero di misure rapportato al numero di SRB esistenti (0,8) risulta essere il doppio rispetto al dato provinciale (0,4). S.Possidonio 0% S. Prospero 0% S. Felice 4% Mirandola 54% Totale Unione 6% Camposanto 6% Cavezzo 9% Concordia 0% Finale E. 27% Medolla 0% Resto Prov. MO 94% Figura Numero misure per SRB. Contributo di ciascun comune sul totale provinciale Figura Numero misure per SRB. Contributo dell Unione al totale Provinciale Sintesi Sulla base delle informazioni raccolte per il popolamento degli indicatori individuati è possibile fare le seguenti considerazioni: La Pressione esercitata sul territorio dell Unione dalla rete di distribuzione e trasmissione dell energia elettrica è consistente ed il numero di elettrodotti e cabine di trasformazione rapportato alla superficie territoriale è pari a quello del resto della Provincia. Tale condizione non presenta comunque, attualmente, particolari criticità soprattutto in considerazione del fatto che non sono state evidenziate situazioni di mancata conformità ai limiti di esposizione ai campi elettromagnetici previsti dalla normativa vigente. Peraltro l obiettivo di qualità, previsto dalla L.R. 30/2000, da attuare attraverso gli strumenti urbanistici, con l individuazione di specifici corridoi, consentirà ai Comuni un ulteriore e maggior governo della problematica, a tutela della salute. Gli impianti radiotelevisivi sono in numero modesto (2) e la loro nuova localizzazione è decisamente migliorativa dal punto di vista ambientale, così come del resto confermato dal Piano di Localizzazione dell Emittenza Radio Televisiva, recentemente adottato dalla Provincia di Modena. Le Stazioni Radio Base sono in continuo aumento anche se con le potenze e le tecnologie attualmente impiegate rispettano ovunque i limiti previsti dalla normativa. Gli impianti non sono uniformemente distribuiti sul territorio pertanto è presumibile che nei prossimi 206

23 anni, soprattutto in alcuni Comuni, si possa assistere ad un incremento di tali installazioni. Per favorire una distribuzione razionale di questi impianti risulta pertanto estremamente importante la funzione di pianificazione annuale svolta da alcuni Comuni, che ai sensi della Legge 36/2001 si sono dotati di un proprio Regolamento Comunale specifico: vedi Finale Emilia. Nei primi anni del duemila, in particolare sotto la spinta della normativa regionale, è considerevolmente aumentata l attività di controllo e vigilanza da parte di Arpa, in termini sia di pareri preventivi rilasciati sia di controlli effettuati. La diminuzione del numero dei pareri emessi, registrata nel 2003 è da attribuirsi ad una drastica riduzione delle richieste di costruzione ed esercizio di nuovi impianti, da parte dei gestori sia della telefonia che di distribuzione dell energia elettrica. Questo dato in calo è stato comunque in parte compensato dal sensibile aumento del numero di misure a radiofrequenza effettuate. Sono infatti oggi a disposizione degli Enti di controllo nuovi strumenti che consentono di realizzare monitoraggi più frequenti e renderanno pertanto possibile anche in futuro un controllo costante, relativamente ai campi elettromagnetici. Indicatore Condizione Andamento attuale temporale Linee elettriche AAT, AT, MT Cabine di trasformazione AA/AT/MT Impianti radiotelevisivi Impianti Stazioni Radio Base Elettrodotti: rispetto limiti di legge Impianti di radiotelecomunicazione: rispetto limiti di legge Definizione fasce di rispetto per gli elettrodotti AAT/ AT Pareri preventivi emessi e interventi di controllo = Sviluppi positivi nello stato o diminuzione della pressione = Sviluppi negativi nello stato o aumento della pressione = Nessun sviluppo positivo nello stato o nella pressione = Andamento temporale crescente = Andamento temporale decrescente = Andamento temporale stazionario 207

24 208

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

Ambiente, salute e qualità della vita. Campi elettromagnetici

Ambiente, salute e qualità della vita. Campi elettromagnetici Campi elettromagnetici QUALITÀ CAMPI ELETTROMAGNETICI DELL ARIA Ambiente, salute e qualità della vita PRESENTAZIONE Il progresso tecnologico ha favorito negli ultimi decenni il proliferare sul territorio

Dettagli

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Programma Regionale I.N.F.E.A. Informazione Formazione ed Educazione Ambientale PROGETTO GEO Sensibilizzazione alla sostenibilità ambientale INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Dott. A.Zari - Dipartimento A.R.P.A.T.

Dettagli

Il ruolo delle Agenzie in Italia

Il ruolo delle Agenzie in Italia Il ruolo delle Agenzie in Italia Salvatore Curcuruto ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Riferimenti normativi LQ n.36/2001 ( Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni

Dettagli

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati 31 GENNAIO 2013 NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati ARPA Sezione Provinciale di Bologna Direttore Sezione - Dott.ssa M.Adelaide

Dettagli

Premessa e fonte dati

Premessa e fonte dati Premessa e fonte dati L'interesse verso i campi elettromagnetici ha assunto negli ultimi anni un'importanza crescente legata al contemporaneo frenetico sviluppo di nuovi sistemi di telecomunicazione, i

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA Report Campagna di misura Abitazione Privata Via Mincio 243/1 Savignano sul Panaro 6 Settembre 16 Ottobre 2013 Le principali sorgenti di campo elettromagnetico ad alta frequenza presenti in questo sito

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 11. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO 11.1. Inquadramento Le radiazioni elettromagnetiche sono presenti in natura sotto forma di emissioni solari, terrestri, delle galassie ed in generale vengono emesse da

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA FASCIA DI RISPETTO PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DALLE CABINE ELETTRICHE A SERVIZIO DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA

DETERMINAZIONE DELLA FASCIA DI RISPETTO PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DALLE CABINE ELETTRICHE A SERVIZIO DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA RELAZIONE TECNICA DETERMINAZIONE DELLA FASCIA DI RISPETTO PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DALLE CABINE ELETTRICHE A SERVIZIO DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 933.60kW DA REALIZZARSI PRESSO L AEROPORTO

Dettagli

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO CAVOUR Dott.ssa Cristina Volta Dott. Daniele Bontempelli P.i. Simone Colantonio

Dettagli

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano).

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano). Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Milano Via Filippo Juvara, 22 20129 MILANO Tel. 0274872260/61 Fax 0270124857 U.O. Agenti Fisici Milano Prot. N. Da citare nella risposta Class. 3.3.5 Pratica

Dettagli

Maria Logorelli - ISPRA

Maria Logorelli - ISPRA Catasto nazionale delle sorgenti fisse e mobili dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici: sviluppi normativi in attuazione dell art.4, comma 1, lettera c della Legge Quadro n. 36/2001 Maria Logorelli

Dettagli

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG)

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) RELAZIONE DI VALUTAZIONE PREVISIONALE CAMPO ELETTRICO E MAGNETICO

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

si intende il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della

si intende il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della 1 2 si intende il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della salute da effetti acuti, che non deve essere superato

Dettagli

1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 3. DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI 2 3.1 LINEA MT 2

1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 3. DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI 2 3.1 LINEA MT 2 Sommario 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 3. DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI 2 3.1 LINEA MT 2 4. MISURE ADOTTATE CONTRO L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO 2 4.1 PREMESSA 2 4.1.1

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007 CENTRO REGIONALE PER LE RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI Struttura Semplice 21.03 Radiazioni Non Ionizzanti Misura di campi elettrici e magnetici ELF Cabina elettrica di trasformazione MT/BT Via

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DELLA PROVINCIA DI ANCONA RAPPORTO ANNO 2004 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di PORTICI (NA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA LARGA 5 COPIA DEI CERTIFICATI

Dettagli

1 PREMESSA... 3 3 RIEPILOGO DEI RISULTATI... 8 4 CONCLUSIONI... 10

1 PREMESSA... 3 3 RIEPILOGO DEI RISULTATI... 8 4 CONCLUSIONI... 10 Firmato digitalmente da Hermann Kohlloffel O = non presente C = IT 1 PREMESSA... 3 2 EFFETTI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM) SUGLI ESSERI UMANI... 4 2.1 Riferimenti legislativi... 4 2.2 Metodologia di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA)

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA STRETTA 5 MISURE

Dettagli

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Il fenomeno elettromagnetico ad oggi è prodotto dai grandi conduttori di energia elettrica, dai trasmettitori

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

proposta di legge n. 105

proposta di legge n. 105 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 105 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 31 gennaio 2002 TUTELA DELLA SALUTE E SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE DALL INQUINAMENTO

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Calcolo dei valori previsionali del campo elettrico del campo elettromagnetico e valutazione delle DPA delle cabine elettriche e dei cavidotti

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

Rapporto sulle criticità ambientali. relative. ai campi elettromagnetici

Rapporto sulle criticità ambientali. relative. ai campi elettromagnetici Rapporto sulle criticità ambientali relative ai campi elettromagnetici Salvatore Curcuruto Maria Logorelli ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Obiettivi Redatto dall Istituto

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL ATTUAZIONIONE DELLA LEGGE QUADRO N. 36 DEL 22 FEBBRAIO 2001

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

CAMPI ELETTROMAGNETICI. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali CAMPI ELETTROMAGNETICI 209 CAMPI ELETTROMAGNETICI La crescente domanda di accesso in mobilità al mondo delle informazioni e dell intrattenimento sta comportando l aumento del numero di impianti per la

Dettagli

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI capitolo 16 CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI 16. CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON 16.1 Stazioni radiobase (SRB)...250 16.2 Impianti radiotelevisivi (RTV)...251 16.3 Le reti di trasmissione

Dettagli

RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRASFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014...

RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRASFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014... RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRAFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014... I N D I C E 1. OGGETTO... 2 1.1. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 1.2. DEFINIZIONI...

Dettagli

EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico"

EDILIZIA, descrizione del servizio Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" Il servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" (detto anche analisi di impatto magnetico o elettromagnetico)

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità

Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità Salvatore Curcuruto ISPRA Romualdo Amodio ISPRA Problemi aperti Essenzialmente legati all attuazione di alcune disposizioni della legge

Dettagli

Radiazioni. non ionizzanti. capitolo 6B

Radiazioni. non ionizzanti. capitolo 6B Radiazioni non ionizzanti capitolo 6B INDICE Introduzione Messaggio chiave.................................. p. 584 Sintesi..........................................» 584 Quadro generale..................................»

Dettagli

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 1 CAPITOLO 12 RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Maria LOGORELLI 1 Coordinatore statistico: Matteo SALOMONE 1 Coordinatore tematico: Salvatore CURCURUTO 1 1) ISPRA 2 Introduzione

Dettagli

Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto

Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto Coordinatore Dott. Carlo Di Giovanni Responsabile Scientifico Prof. Rita Massa Collaboratori Sig. Roberto Cuccaro Ing. Loreto Di Donato

Dettagli

Introduzione al catasto

Introduzione al catasto Introduzione al catasto Angela Alberici ARPA Lombardia CASTEL Catasto Informatizzato degli Impianti di Telecomunicazione e Radiotelevisione Sala Riunioni 1 - XXVI piano Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO 2 RUE ALLEGATO 6 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO Parte I - FINALITA... 4 Art. 1 - Obiettivi 4 Parte II MODALITA DI RILASCIO DELLE

Dettagli

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 3 Inquinamento elettromagnetico

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 3 Inquinamento elettromagnetico Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano Scheda 3 Inquinamento elettromagnetico Indice 1. Basse frequenze... 79 2. RadioFrequenze e MicroOnde... 84 3. Attività ARPAT nel Distretto, Pareri SRB...

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione

Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione LEGISLAZIONE Legge Quadro n. 36/01 sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI .REGIUNE DEL~ t&fwia Consiglio Regionale VII LEGISLATURA ATTO N. 520 P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI Norme per la prevenzione e la tutela sanìtarìa dall%@namento elettromagnetico

Dettagli

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME Oggetto: SRB c/o stadio Richiedente: Comune di Monsummano Terme (PT) Scandicci, 30 novembre 2012 Il Tecnico

Dettagli

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m)

In tabella 2 si riportano alcuni parametri statistici del campo elettrico (E) misurato, suddivisi per anno. Valore del Campo Elettrico E (V/m) Report campagne di misura CEM per il sito: Hotel Londra Comune: Cervia Località: Milano Marittima - Periodo: 2003 2008 1. PARAMETRI IDENTIFICATIVI DELLA CAMPAGNA DI MISURA - Luogo dei rilievi: Hotel Londra

Dettagli

SEZIONE A GENERALITA 2

SEZIONE A GENERALITA 2 Ed. 4.0 - A1/6 SEZIONE A GENERALITA 2 A.1 OGGETTO 2 A.2 AMBITO DI APPLICAZIONE 2 A.3 RIFERIMENTI 2 A.4 DEFINIZIONI 5 Ed. 4.0 - A2/6 SEZIONE A GENERALITA A.1 OGGETTO Il presente documento costituisce la

Dettagli

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico )

Anno 1. ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Anno 1 ELETTROSMOG ( Inquinamento elettromagnetico ) Dispense preparate da : Tiziano Guerzoni In collaborazione con Sergio Berti ORGANIZZAZIONE DELLE DISPENSE Basi propedeutiche Effetti 1 BASI PROPEDEUTICHE

Dettagli

L esperienza del Friuli Venezia Giulia

L esperienza del Friuli Venezia Giulia L esperienza del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente CATASTO REGIONALE DELLE SORGENTI FISSE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI E RADIOTELEVISIVI, CON

Dettagli

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE 2011 Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco Dicembre 2011 INDICE Art.1 Finalità del

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Radioprotezione in siti critici

Radioprotezione in siti critici Radioprotezione in siti critici 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Legge quadro, 36/2001 2 Il quadro di riferimento italiano in materia di esposizione

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

Relazione tecnica n. 07_190_ELF del 21.11.2007

Relazione tecnica n. 07_190_ELF del 21.11.2007 CENTRO REGIONALE PER LE RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI Struttura Semplice 21.03 Radiazioni Non Ionizzanti Misure di campo elettrico e magnetico a frequenze estremamente basse (ELF) Cabina ENEL

Dettagli

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro Regolamento per l installazione, la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

STUDIO d INGEGNERIA Dr. Ing. ANTONIO VELE via Campizze. 37-83017 - Rotondi AV

STUDIO d INGEGNERIA Dr. Ing. ANTONIO VELE via Campizze. 37-83017 - Rotondi AV STUDIO d INGEGNERIA Dr. Ing. ANTONIO VELE via Campizze. 37-83017 - Rotondi AV COMUNE DI SCAMPITELLA E VALLATA (AVELLINO) PROGETTO DI UN CAMPO EOLICO DA 48 MW VALUTAZIONE DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI

Dettagli

Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti. C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico

Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti. C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti C.2.1 Quadro conoscitivo

Dettagli

Linea Guida per l applicazione del 5.1.3 dell Allegato al DM 29.05.08 Distanza di prima approssimazione (DPA) da linee e cabine elettriche

Linea Guida per l applicazione del 5.1.3 dell Allegato al DM 29.05.08 Distanza di prima approssimazione (DPA) da linee e cabine elettriche Linea Guida per l applicazione del 5.1.3 dell Allegato al DM 29.05.08 Distanza di prima approssimazione (DPA) da linee e cabine elettriche Enel Distribuzione SpA - Società con socio unico - Sede Legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

Misure di prevenzione Misure di prevenzione. o Aumento distanza dalla fonte.

Misure di prevenzione Misure di prevenzione. o Aumento distanza dalla fonte. LEZIONE 11 Le radiazioni ionizzanti i rischi Particolarità o La loro rilevazione risulta complessa o Necessaria in contesti chimici, sanitari e nucleari. I rischi per la salute dei lavoratori o Apparato

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO 06

ELETTROMAGNETISMO 06 ELETTROMAGNETISMO 06 6. ELETTROMAGNETISMO Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) INDICATORI DI STATO/IMPATTO (S/I) INDICATORI DI RISPOSTA (R) Linee elettriche AAT, AT, MT Cabine

Dettagli

Negli ultimi decenni i possibili effetti nocivi dell esposizione ai campi elettromagnetici sulla salute umana hanno costituito un importante area di

Negli ultimi decenni i possibili effetti nocivi dell esposizione ai campi elettromagnetici sulla salute umana hanno costituito un importante area di Negli ultimi decenni i possibili effetti nocivi dell esposizione ai campi elettromagnetici sulla salute umana hanno costituito un importante area di ricerca. PARTE PRIMA 10. RADIAZIONI 10. Radiazioni Contenuti

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MALBORGHETTO VALBRUNA PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) ELABORATO

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Sorgenti di inquinamento (P) - Livelli di inquinamento elettromagnetico rilevati (S/R) - Popolazione potenzialmente esposta a inquinamento elettromagnetico (S) 1 SORGENTI DI

Dettagli

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Argomento Focus È stata focalizzata l attenzione su un tema molto attuale che riguarda

Dettagli

DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DELLA PROVINCIA DI RIMINI INFRASTRUTTURE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA (Settembre ) C:\Documents and Settings\capacci\Impostazioni locali\temporary Internet Files\Content.IE5\SJQZMNOD\PTCP

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE ANTENNE E APPARATI ANNESSI PER TELEFONIA

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CORRETTO INSEDIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E PIANO DI LOCALIZZAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.59 del 05/10/2012 Il Segretario Comunale Il

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 11. LE RADIAZIONI

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 11. LE RADIAZIONI 11. LE RADIAZIONI 11.1. Premessa Le radiazioni si distinguono in radiazioni ionizzanti e radiazioni non ionizzanti. Con il termine radiazioni ionizzanti si intendono le radiazioni in grado di rimuovere

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane

SOMMARIO GENERALE. Capitolo 3: Normative sui campi elettromagnetici, Luisa Biazzi Le raccomandazioni internazionali ed europee, le leggi italiane SOMMARIO GENERALE INDICE SPECIFICO 2-4 Introduzione generale, Giovanni Bellenda, Rino Pavanello 5-48 Capitolo 1: Principi fisici-interazioni-effetti, Luisa Biazzi Premessa: quale elettrosmog?, fisica dei

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI

INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI INDICE 1 SCOPO 2 RIFERIMENTI 3 CALCOLO DELL INDUZIONE MAGNETICA 4 CONCLUSIONI 1 SCOPO Nell ambito della progettazione preliminare del nuovo elettrodotto a doppia terna in cavo 132kV per l alimentazione

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Campi elettromagnetici Elektromagnetische Felder

Campi elettromagnetici Elektromagnetische Felder Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica Campi elettromagnetici Elektromagnetische

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

TAVOLO TECNICO PER LO STUDIO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE E TRASMISSIONE DI ENERGIA ELETTRICA

TAVOLO TECNICO PER LO STUDIO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE E TRASMISSIONE DI ENERGIA ELETTRICA Provincia di Bologna TAVOLO TECNICO PER LO STUDIO DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE E TRASMISSIONE DI ENERGIA ELETTRICA E DI STAZIONI DI TELEFONIA MOBILE Marzo 2007 1. INTRODUZIONE 3 1.1 Finalità e contenuti

Dettagli

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana ASSESSORATO ALL'AMBIENTE XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA CHE PRODUCONO INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO come modificato con delibera

Dettagli

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni AMBITO DI APPLICAZIONE La L. 36/01 1 ha per oggetto gli

Dettagli

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici www.webalice.it/s.pollini 2 www.webalice.it/s.pollini 3 Componenti

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda sessione: DATI E INFORMAZIONI INERENTI I FATTORI DI PRESSIONI SULL AMBIENTE La banca dati impianti radio-telecomunicazioni ARPA Piemonte

Dettagli

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Bozzoni, F., Chiovaro, S., Piro, L., Violanti, S. Arpa Emilia Romagna Sezione di Piacenza,

Dettagli

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI

5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 1 5. SCENARI PER LA DELOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ESISTENTI 5.1 Premessa In questo capitolo si studierà la possibilità di inserire gli impianti radio FM da delocalizzare in alcuni siti sul territorio

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

Indice. 1 Premessa...3. 2 Effetti epidemiologici...3. 2.1 Campi a bassa frequenza (50 Hz)... 3

Indice. 1 Premessa...3. 2 Effetti epidemiologici...3. 2.1 Campi a bassa frequenza (50 Hz)... 3 Indice 1 Premessa...3 2 Effetti epidemiologici...3 2.1 Campi a bassa frequenza (50 Hz)... 3 2.2 Campi a radiofrequenza e microonnde (telefonia cellulare)... 5 3 Inquinamento elettromagnetico...8 4 Sintesi

Dettagli

GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI

GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI A. Bampo, M. Battistutta, S. Caschi, L. Fragiacomo, C. Montefusco, M. Moretuzzo, M. Telesca,

Dettagli