Videogiochi e formazione. Mariagrazia Silvaroli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Videogiochi e formazione. Mariagrazia Silvaroli"

Transcript

1

2 Indice 1. Giocare Natura del gioco Definizione Struttura del gioco 7 2. Videogiochi Videogiochi e formazione Bibliografia

3 1. Giocare Il predicato italiano giocare è usato comunemente per indicare lo svago, principalmente di bambini o di persone adulte che abbiano del tempo da perdere. Da un analisi etimologica e linguistica ne deriva che una tale assunzione non solo limita la natura del gioco, ma corrompe il senso stesso dell atto che esso denomina. Affinché si possa parlare di gioco è necessario che vi sia un giocatore, ossia qualcuno che abbia in sé un desiderio di giocosità. Si deve decidere di essere giocatori, si deve intenzionalmente assumere tale ruolo e attribuire un significato al proprio agire (dimensione culturale del gioco). L atto del gioco spesso richiede che non vi sia un solo soggetto ( Mario gioca), ma che il raggiungimento dell obiettivo sia determinato da una condizione di interazione ( Mario e Anna giocano ) o di collaborazione ( Mario gioca con Anna ), tra due o più inter-agenti o co-agenti. La proposizione italiana Mario gioca è incompleta. Si può dire Mario gioca con una palla così come Mario gioca a palla. Il significato delle due espressioni non è lo stesso. Nel primo caso, abbiamo definito lo strumento con cui il soggetto compie l atto, nel secondo abbiamo descritto l azione che viene attuata. Posso affermare Mario gioca con una palla così come Mario gioca con una mela. Che tipo di azione sta compiendo? Potrebbe star facendo rotolare la palla/mela su di un tavolo; potrebbe cercare di colpire un birillo che si trova in mezzo alla stanza. Non abbiamo definito un gioco, una struttura narrativa con un proprio contesto spaziale e temporale e con regole sue proprie, abbiamo solo detto dell oggetto con il quale si sta compiendo l azione. Per definire cosa sia un gioco, è necessario affermare a che cosa si sta giocando. Se affermo Mario gioca a baseball con una mazza, un guantone e una palla la proposizione risulta ridondante: lo strumento con il quale si gioca è implicito nella definizione del gioco stesso ( Mario gioca a baseball ). Il fatto che mazza, guantone e palla siano tacitamente intese in baseball significa che vi è un sistema complesso e ben definito alla base delle diverse forme del gioco. Il giocatore, quindi, non solo è colui decide di giocare e nel farlo mette alla prova le proprie abilità tecniche, analitiche e interpretative (dimensione esperienziale o performativa del gioco), ma è fruitore del gioco stesso, è definito da diversi ruoli enunciazionali (cosa egli può essere o fare) originati da posizioni enunciazionali differenti (cosa egli può immaginare di essere o fare) Natura del gioco Parte del fraintendimento relativo alla definizione del gioco dipende dal fatto che il termine italiano deriva etimologicamente dal vocabolo latino iocus, che significa scherzo, burla

4 L aspetto di giocosità, di divertimento che la radice etimologica del termine porta con sé è solo uno degli aspetti che definiscono la natura del gioco. Giocare, infatti, non significa solo portare diletto a qualcuno, ma sottintende anche la necessità di rappresentare qualcosa all interno del sistema complesso che definisce il gioco stesso. L accezione di rappresentazione che caratterizza il gioco è ritrovabile nell altro termine che i latini usavano per indicarlo e da cui, etimologicamente, derivano le parole italiane che mirano a denominare una trattazione seria del gioco. Ludus, infatti, significa rappresentazione, come l assumere la parte di qualcuno, e il predicato che gli corrisponde, ludere, equivale all odierno to play della lingua inglese. Entrambi i predicati vengono usati, oltre che per indicare il gioco, come supporto di attività artistiche e creative (to play the piano), ma anche per ciò che è attinente alla recitazione di una parte (to play in a movie). Possiamo, quindi, identificare una duplice natura del gioco: da una parte una più scherzosa, che porta diletto, dall altra la necessità di rappresentare qualcosa, di assumere un ruolo. Quello che manca da definire è il contesto in cui tutto questo si attua, lo spazio del gioco o, meglio ancora, il gioco stesso intenso come sistema complesso di parti correlate tra loro. Può essere d aiuto, a questo proposito, usare del confronto tra i due termini inglesi che indicano il gioco: play and game. Il play è un territorio aperto, ma, allo stesso tempo, chiuso nel quale sono fattori cruciali il credere di creare qualcosa e il costruire un nuovo mondo: è un atto creativo (aperto) che intende realizzare un mondo nuovo (chiuso). Le regole del play non sono definite a priori: esse vengono negoziate durante lo svolgimento del gioco stesso. Il game, invece, è un area con confini determinati, nella quale vengono provocate l interpretazione e l ottimizzazione di ruoli e strategie di gioco. Il game giudica il realismo del play. La struttura del play e la conseguente distinzione tra un play-world e un non-playworld avviene durante il gioco stesso: è il continuo oscillare tra questi a determinarne il fascino profondo. La realtà delle cose è il luogo del gioco: è l albero del giardino di casa ad essere il regno di folletti e gnomi. Nel game-mode, invece, è presupposta una delimitazione spaziale e temporale che garantisce la struttura del gioco stesso e la protegge dai giocatori: l oscillazione è qui tra uno spazio-strutturato, i livelli del gioco, e uno non-strutturato. Il game non deve essere un play, ma questo non vuol dire che non lo richieda. Mentre nel play, quindi, c è un livello base di trasgressione che riporta al mondo reale, nel game tale livello è duplice: perché esso accada, infatti, si deve aver già accettato il play-world e si è - 4 -

5 stabilito in esso un set di regole e ruoli che delimitano il territorio di gioco e allo stesso tempo definiscono le possibilità di interazione e adattamento. Figura 1 Il primo livello di trasgressione, mostrato nella figura 1, è quello che porta dal play al non-play, e viceversa. Essa, infatti, si realizza non solo con l abbandono del gioco, ma è anche compiuta nel momento in cui si associano a oggetti del mondo reale dei significati che non sono loro propri, come il far diventare la maestra di matematica un mostro crudele da dover combattere. Elemento discriminante diviene, a questo punto, la modalità di definizione delle regole. Nel play esse vengono negoziate nel procedere stesso del gioco, mentre nel game sono forme che rispondono ad una struttura ben definita, nella quale lo spazio aperto è quello della strategia di gioco Definizione Per poter dare una definizione di gioco, prendiamo spunto da quella proposta da Huizinga: (il gioco) è un azione, o un occupazione volontaria, compiuta entro certi limiti definiti di tempo e di spazio, secondo una regola volontariamente assunta, che ha un fine in se stessa, accompagnata da un senso di tensione e di gioia, e dalla coscienza di essere diversi dalla vita ordinaria. Huizinga J., (1978) Homo Ludens, Einaudi, Torino, pag. 35 Il gioco è un azione intenzionale, non può avere origine in un imposizione, né in un comando, ma è un atto libero: ha origine da un desiderio. Sono due i livelli in cui, all interno del gioco, si può definire l intenzionalità: da una parte essa è la spinta da cui si origina l azione che porta il soggetto a giocare, la ragione per cui, dall altra è il motore di quella che, successivamente, definiremo la strategia di gioco. Non è un bisogno fisiologico a determinare il gioco, quanto piuttosto una volontà di rappresentazione. Un bambino che giochi a fare il papà impone al mondo di adattarsi a - 5 -

6 quella che è la sua intenzione, al suo desiderio di personificarsi nel padre e deve intervenire sullo stato di cose del mondo secondo tale volontà. Lo stato del mondo del gioco in cui il giocatore interviene è determinato in luogo e durata propri: ha certi limiti di tempo e di spazio, ha uno svolgimento proprio e un senso in sé. Comincia in un dato momento e in un dato momento finisce: mentre avviene c è un movimento che determina lo stato delle cose, mentre esso è in atto, ma che termina, quando il gioco non ha più luogo. Il concetto di tempo del gioco è molto particolare nella sua strutturazione: un gioco può finire ed essere ripreso da dove lo si era lasciato e può essere continuato dallo stesso soggetto o da un altra persona, ma può anche essere terminato e non essere più ripreso o anche concludere ed essere ricominciato da un dato momento come dall inizio. Ci sono in esso gli elementi della ripresa, del ritornello come del cambio di turno. E questo è valido non solo per la sua dinamica, per le azioni che conducono il gioco, ma anche per la sua struttura. La natura limitata del tempo in un gioco è valida anche per la nozione di spazio: ogni gioco si compie in un suo ambito proprio che è delimitato in anticipo. Il gioco avviene in uno spazio provvisorio entro il mondo ordinario ed è destinato al compimento di azioni chiuse in sé, avviene in un luogo dedicato in cui valgono proprie e speciali regole. Entro lo spazio destinato al gioco domina un ordine proprio e assoluto. In esso si realizza una perfezione temporanea determinata dalle regole che lo delimitano: lo stato del mondo del gioco è un modello del mondo reale con delle regole sue proprie che lo definiscono e dove la verità del modello non è legata al grado di fedeltà della riproduzione, ma alla verità delle azioni e interazioni possibili in esso. Le regole di un gioco sono i garanti di tale ordine e di tale verità di azione. Per questo si può, parlando del gioco, posizionarlo nel dominio del bello, nel dominio dell estetica, dove predominano i concetti di ritmo e armonia. Il gioco vincola e libera; attira l interesse; affascina e incanta; segue un ordine; è scandito ritmicamente da un tempo proprio; si sviluppa in modo armonico secondo regole proprie. L ordine e l armonia che caratterizzano il gioco e la tensione da cui esso è definito determinano le regole del gioco. Un gioco ha un ordine suo proprio dato dal fatto che lo spazio in cui avviene è un modello della vita ordinaria, ma ha anche un ordine definito dalla struttura narrativa del suo svolgimento: in un partita di calcio non può esserci un goal se le due squadre non sono ancora scese in campo. Quest ultima declinazione dell ordine definisce l armonia stessa del gioco, per cui lo svolgimento delle azioni che avvengono in esso si susseguono con un senso. Le regole di un gioco sono ciò che determina il possibile, sono obbligatorie e inconfutabili: se vengono trasgredite, crolla il mondo del gioco. Esse si riferiscono al gioco e non esistono indipendentemente da questo: non è goal una palla tirata in una rete se non si sta giocando a calcio. Le regole, essendo la base su cui si fonda il gioco, sono atti liberi, la loro assunzione è un atto di libertà. La dinamica di intenzionalità e causalità descritta è carica di tensione: vi è un aspettativa, un grado di incertezza determinato dalla possibilità di buona o cattiva riuscita, ma anche dal fatto stesso della presenza della categoria di possibilità nella natura del gioco. Non solo, infatti, il soggetto è caratterizzato dall ansia data dal - 6 -

7 risultare vincitore o sconfitto alla fine di un gioco, ma vi è anche una tensione data dal desiderio di progredire nel gioco, e si può giocare ad un gioco un numero di volte infinite e il suo corso può risultare sempre diverso. Il desiderio di vincere è la volontà di raggiungere lo scopo che ci si era proposti, ma anche il voler riuscirvi meglio di altri nel raggiungere lo scopo: non basta segnare dei goal per essere vincitori in una partita di calcio, è necessario farne più della squadra avversaria. Allo stesso modo non si perde in un gioco solo se non si raggiunge l obiettivo, ma anche quando non si ottiene il risultato migliore. La tensione del gioco non è solo, come già accennato, definita dal desiderio di vittoria che caratterizza chi gioca, ma anche dal dover sottostare all ordine e all armonia. A questo livello si può parlare di un dominio etico nel gioco: il rispetto delle regole. Caratteristica propria del gioco è quella di non essere la vita ordinaria, la vita vera. È, in qualche modo, un allontanamento dalla vita reale per entrare in una sfera spaziotemporale di attività con finalità proprie. Il bambino sa di fare solo per finta, di fare solo per diletto, anche se portando in casa la borsa del papà che torna dall ufficio si arrabbia di fronte al padre che cerca di prendergliela perché troppo pesante per lui: deve portarla lui perché è lui il papà! Il diletto del gioco, quindi, non esclude la serietà con cui esso avviene, ma anzi la implica: il gioco si converte in serietà nel momento in cui ci si muove causalmente sullo stato del mondo. Il carattere del gioco si completa proprio nell essere-diverso, nel travestimento, nell assunzione di un ruolo che permette la rappresentazione nella catena di intenzionalità-causalità trattata. Il travestimento determina quel carattere di lotta che spesso si associa giustamente al gioco: la lotta non è solo l espressione del senso di tensione nei confronti delle cose, non nasce solo dal desiderio di raggiungere l obiettivo ed essere vincitore, per cui il gioco stesso rappresenta una lotta, ma è anche una gara (anche con se stessi) a rappresentare. Il bambino che gioca a fare il papà può provare talmente tanto diletto nel gioco da raggiungere uno stato per cui crede-di-essere: il suo rappresentare è un apparente realizzazione. All interno dello spazio di gioco non si può parlare di imitazione, ma di partecipazione, di un essere presenti, di un essere parte della condizione di un altro: la bambina che siede sul divano con la bambola tra le braccia partecipa dello stato di essere madre Struttura del gioco La struttura di un gioco può essere ricondotta a due semipiani intersecanti tra loro: il piano ludico e il piano narrativo. Dall intersezione di questi due ne deriva un terzo, denominato piano ludonarrativo. Il piano ludico contiene tutti gli elementi del gioco relativi al processo di interattività, ossia di azione del gioco. Le modalità per cui l azione di gioco è in grado di svilupparsi prendono il nome di meccanica di gioco, la cui unità minima è definita unità ludica - 7 -

8 elementare: colpire un bersaglio, tirare una palla, La meccanica di gioco descrive, quindi, le relazioni che intercorrono tra gli elementi del piano ludico, rappresentando un campo di possibilità, una struttura contenente tutte le variabili dell azione potenziale. Tale processo può essere definito in cinque elementi: - Stato iniziale: situazione di gioco di partenza - Stato obiettivo: la situazione di gioco che si vuole raggiungere - Strumenti: gli elementi/azioni a disposizione del giocatore (cosa il giocatore immagina di essere o fare) - Condizioni: le regole del gioco, le reazioni e gli eventi esterni - Pattern: gli elementi/azioni che il giocatore deve usare/eseguire per raggiungere lo stato obiettivo (cosa il giocatore può essere o fare) Gli elementi interni al piano narrativo sono relativi al racconto e sono distinguibili in storia e discorso, ossia il cosa viene narrato e il come. La serie di eventi che ha luogo tra uno stato e l altro sono i punti di evoluzione del racconto. Le fasi che si alternano possono essere distinte in interattive (racconto ludico) e non interattive (racconto). Queste ultime, a loro volta, possono essere divise in dipendenti ed indipendenti dal percorso del giocatore. Nel primo caso, fasi non interattive dipendenti, la narrazione ha luogo grazie alle precedenti azioni del giocatore; mentre, nel secondo caso, fasi non interattive indipendenti, si tratta di eventi che accadono inevitabilmente durante il gioco, a prescindere dalla scelte compiute dal giocatore. Il piano ludonarrativo è dato dall intersezione dei precedenti ed è al suo interno che si svolge il gioco vero e proprio, ovvero la realizzazione concreta dell azione scaturita dal campo di possibilità descritte dalle meccaniche del gioco. Per sintetizzare i processi visti per i tre piani in un'unica struttura di gioco/narrazione introduciamo un nuovo modello, denominato modello PARS, che si svolge in quatto fasi così definite: - Problema: è l evento scatenante del racconto ludico. La situazione di equilibrio iniziale del gioco viene destabilizzata da un evento potenzialmente dannoso per il giocatore - Azione: è la reazione del giocatore al problema - Risoluzione: è l obiettivo dell Azione, la situazione di riequilibrio a cui ambire - Soddisfazione: è la ricompensa che il giocatore riceve per aver risolto il problema Gli elementi che costituiscono questo modello non sono altro che una specificazione di quello che prima abbiamo definito come Pattern

9 Figura 2 2. Videogiochi I videogiochi non sono una nuova forma di gioco, quanto piuttosto una nuova forma di giocare, data dalla possibilità di manipolazione e di interazione che li caratterizza. Il loro valore è quindi quello di una nuova gameness, ossia di un nuova declinazione degli elementi che abbiamo definito come caratterizzanti il gioco. La definizione di che cosa sia un videogioco coincide, quindi, con quella del gameplay, della giocabilità. Il gameplay è il legame che unisce gamer e fun, intendendo quest ultimo come l anima del gioco stesso: è la definizione del grado di coinvolgimento del giocatore. Esso dipende dalle strategie di gioco che sono permesse, dalle regole che determinano e rendono più o meno possibili le diverse azioni. Il gameplay è, paradossalmente, il nemico da combattere: è la sequenza di azioni che il calcolatore esegue in risposta a quelle del gamer. Un elemento determinante per la sua definizione è l equilibrio. Il fatto che debba esistere una situazione di equilibrio perché un gioco sia coinvolgente, non significa che esso debba essere privo di ostacoli o suspance, che vi siano situazioni di pericolo tante quante sono quelle che portano una qualche gratificazione, ma che vi sia coerenza in quella che è la struttura complessiva del gioco. L equilibrio è di tutte le parti che compongono il sistema. Il nostro scopo ora è quello di ridefinire le caratteristiche individuate come elementi base del gioco, avendo come oggetto di studio non più il gioco, ma il videogioco. AZIONE INTENZIONALE Alcuni media rappresentano la realtà in modo statico, altri dinamico, ma anche qualora la rappresentazione dell immagine sia dinamica essa si muove solo in termini temporali e mai spaziali

10 La grande innovazione dell interazione permessa dai videogiochi è la possibilità di mutare la realtà in modo spaziale, di poter muovere le immagini non solo in una condizione temporale, ma di poter interagire con gli oggetti anche nel loro stato spaziale all interno della realtà. Gli oggetti che si trovano nello spazio del gioco non sono come i pezzetti di un puzzle, non hanno un posto fisso loro proprio assegnato fin dall origine: possono essere spostati, usati, messi dove si vuole posizionarli. Non sono nemmeno le scene di una storia, non vi è un ordine prestabilito nel modo in cui interagisco con loro. Nessuno mi obbliga ad una successione precisa di azioni: l interazione è l espressione della libertà del giocatore. Cos è un videogioco prima di essere giocato, prima che un giocatore interagisca con esso? Un insieme di possibilità. Ciò che i videogiochi permettono è di poter determinare attivamente gli outcomes degli eventi sullo schermo. Non si tratta più, come accade per la televisione o il cinema, di un cambiamento a livello solo emozionale, ma di un active control. TEMPO La fruizione videoludica presuppone un utente-giocatore a cui si impone uno sdoppiamento di identità: da una parte, egli rimane nel mondo reale (m1), dall altra, assume un ruolo che gli permette di operare all interno del videogioco (m2). Tale sdoppiamento genera, a sua volta, una doppia temporalità: il tempo del gioco (t1), ossia il tempo dalla fruizione, e il tempo videoludico (t2), ossia la temporalità propria del mondo del gioco. Queste due forme del tempo possono divergere o convergere e ciò che le accomuna è l oggettività, il poter essere entrambe empiricamente misurabili. Il fruitore, temporalmente localizzato nel gioco, crea differenti ordini di temporalità interagendo con le immagini sullo schermo. Negli sparatutto in soggettiva, l identificazione tra il giocatore e il suo alter ego digitale è completa, per cui il tempo videoludico corrisponde a quello reale, t1=t2. In questi giochi, ad ogni azione nel mondo reale corrisponde una reazione diretta nel mondo del gioco: al mio premere un tasto trova riscontro, simultaneamente, lo sparare un proiettile. Questa convergenza non si ha, però, nelle simulazioni, dove il tempo del gioco non è sempre omogeneo al tempo oggettivamente reale. In SimCity, la costruzione di un aeroporto, o meglio, la costruzione dell immagine di un aeroporto sullo schermo, richiede qualche secondo (t2), differentemente dal mondo reale dove sono necessari mesi o anni (t2). Parlando del chronos videoludico, non si può non tenere conto delle cut-scenes: sequenze animate in computer grafica non interattive. La loro collocazione all interno del gioco è variabile. Generalmente, sono poste tra un livello e l altro, in modo da essere dei collanti narrativi che suggellano l esperienza ludica del giocatore con una breve storia. Esse determinano una frantumazione del tempo videoludico. Nella

11 maggior parte dei casi, la loro rilevanza è marginale rispetto ai momenti di interazione tanto che il giocatore può bypassarle con la semplice pressione di un tasto. Ci sono, invece, casi in cui esse sono de facto imposte e presentate come parte integrante dell esperienza di gioco. Un altro aspetto da sottolineare è che il tempo videoludico predilige il presente rispetto al passato e al futuro. Esso si presenta come avente una struttura temporale lineare, saggiamente mascherata dall uso di flashback e flashforward. I game designer, oggi, si sforzano di creare esperienze ludiche il più possibile coerenti e convincenti. I videogiochi offline permettono, poi, di congelare momentaneamente il tempo videoludico: spetta al giocatore decidere quando ricominciare, quando interrompere la pausa. Un altro esempio di alterazione del tempo videoludico da parte del fruitore è quello consentito dal salvataggio che permette al giocatore di fruire del gioco in modo discontinuo. Il giocatore ha la possibilità di conservare la propria progressione in modo da poter ricominciare dal punto raggiunto anziché ripetere l esperienza ex novo a una successiva fruizione. Questa possibilità rende l esperienza videoludica simile a quella della lettura di un libro: salvando è come se il giocatore inserisse un bookmark, che è, allo stesso tempo, un punto di arrivo e un punto di partenza. Nel videogioco, tuttavia, i salvataggi sono continui e frequenti durante le fasi stesse della fruizione. Accanto al tempo di gioco oggettivo esistono, poi, forme di cronologia soggettive. Vi sono tempi morti, nel quale il giocatore deve eseguire delle azioni poco coinvolgenti per poter raggiungere degli obiettivi più importanti. Vi è, infine, una dissonanza cronologica che si verifica quando il giocatore si smarrisce nella dimensione di gioco, per cui si perde la cognizione del tempo e ci si ritrova alla sei del mattino seduti davanti ad un nuovo schema di gioco, con delle enormi borse sotto gli occhi! SPAZIO Lo spazio del gioco ha la massima importanza, paradossalmente, con i primi videogiochi. Pong e Space Invaders non prevedono grandi differenze, le azioni che i giocatori possono compiere sono più o meno le stesse. Vedere un bersaglio. Colpire. Quello che fa la differenza è lo spazio del gioco: è questo a definire la storia, a dare un volto diverso e, quindi, un diverso coinvolgimento al gioco. Un tavolo da ping pong. Lo spazio. Nei primi adventure games lo spazio inizia ad assumere un ruolo diverso: esso è il motore del gioco, il luogo dell azione. Il giocatore deve esplorare lo spazio, deve navigarlo. Esso non può più essere una semplice immagine riprodotta all infinito sullo schermo. Non è più lo sfondo nero stellato di Space Invaders. Esso assume maggiore dignità e realismo, attenzione al particolare. Inizialmente si presenta realizzato in 2D,

12 permettendo uno svolgimento del gioco in due direzioni. Un esempio di questo può essere Super Mario Bros, dove le azioni possibili al protagonista si riducono a un procedere verso la destra o la sinistra dello schermo. Questo implica anche una concezione del gioco particolare: l esplorazione dello spazio è un procedere linearmente nella stessa direzione. Se si prosegue verso destra, infatti, abbiamo la sensazione di star progredendo nel gioco, ma se ci muoviamo verso sinistra, abbiamo l idea di star retrocedendo. È con l avvento della grafica 3D che lo spazio del gioco assume la connotazione di mondo da esplorare e non di strada da percorrere. Vi è sempre linearità, ma questa è ora semplicemente narrativa: lo spazio non impone più un percorso da seguire. La grande differenza tra il cinema è il videogioco è che al cinema il mondo viene proiettato verso lo spettatore, mentre nel videogioco, è il giocatore ad essere proiettato nel mondo. REGOLE Il mondo del videogioco è regolato da leggi proprie ed è sottile il passaggio tra la coerenza e l incoerenza nella loro applicazione. E possibile identificare tre tipi di incoerenza: a livello di causalità, di funzione e di spazio. L incoerenza rispetto alla causalità si realizza, ad esempio, in Prince of Persia: le sabbie del tempo. Il personaggio può saltare tra terrazze lontane tra loro alcune decine di metri, può saltare tra i resti dell antico palazzo, ma non può oltrepassare una semplice panca posta a bloccare il passaggio di una porta. Può solo distruggerla usando la spada. Vi è un incoerenza relativa alla realizzazione, rispetto a ciò che una caratteristiche del personaggio o un oggetto dato in dotazione al giocatore permette di fare. Vi è poi un incoerenza di tipo funzionale. Essa riguarda la restrizione dell applicazione di una regola a casi rarissimi se non unici. In Resident Evil 2, al giocatore è dato in dotazione un accendino che gli sarà utile in un unica circostanza di gioco. Al contrario, in Metal Gear Solid è previsto nell inventario un pacchetto di sigarette. L impiego delle sigarette comporta delle sanzioni negative, per cui se il protagonista comincia a fumare la barra dell energia inizia a scendere di livello, però il fumo della sigaretta può essere usato per rilevare sensori ad infrarossi e, in alcuni casi, consente al giocatore di avere una mira più salda. L ultimo tipo di incoerenza riguarda la gestione dello spazio. In Rage Racer, gioco di corse automobilistiche, non è prevista in alcun modo l uscita dal manto stradale, così come, in Resident Evil, un oggetto non può essere abbandonato ovunque, ma solo essere riposto nel bagagliaio di un automobile. Aprendo il baule di una macchina cinque isolati più avanti si ritrova lo stesso oggetto lasciato prima. Un esempio di coerenza si ha, invece, nella costruzione della città di Vice City, dove al giocatore è sempre noto dove si trova, inizialmente grazie all uso della mappa e, in seguito, per la familiarità con la struttura della città che non muta nel corso del gioco. Bisogna però stare attenti, in una situazione di coerenza,

13 a non cadere nella dominanza. Perché vi sia coinvolgimento, il giocatore deve sempre essere messo alla prova, deve essere scosso e provocato dalle situazioni e deve poter rispondere a queste in modo sempre diverso. Questo non significa che per ogni tipo di ostacolo presente in un gioco debba essere previsto uno strumento sempre diverso che permetta al giocatore di sorpassarlo, ma neanche che il set di possibilità previste sia ridotto a un numero di elementi eccessivamente ristretto. TENSIONE E GIOIA Il conflitto nasce in modo naturale dall interazione. Il giocatore cerca di raggiungere determinati scopi e, mentre fa questo, viene ostacolato continuamente da elementi statici o dinamici presenti nel gioco. È necessaria l intelligenza del giocatore. Il conflitto è fondamentale al gioco: senza una reazione alle scelte del giocatore il game crolla su se stesso. Dove c è un conflitto, c è sempre un pericolo. Il rischio implica un pericolo e il rischio non è mai desiderabile. Il videogioco offre l esperienza psicologica del conflitto e del danno senza però comportare la loro realizzazione fisica. È un modo sicuro per sperimentare la realtà. Il rapporto tra tensione e gioia è ciò che determina il grado di coinvolgimento di un gioco. Il tipo di ricompensa e la frequenza con cui questa viene elargita intervengono in maniera determinante nel definire il gameplay di un videogioco. Se, infatti, il giocatore è premiato per non aver fatto nulla, il gioco diviene presto noioso. La ricompensa deve, quindi, essere elargita nel momento in cui il giocatore è soddisfatto della propria performance e ritiene di aver dato prova delle proprie abilità. Il livello di sfida deve, comunque, essere sempre congruo rispetto alla capacità del giocatore. Il giocatore deve essere invogliato a proseguire lungo un percorso di difficoltà crescenti, di fronte alle quali egli è pronto a osare di più, pur essendo cosciente che il livello di difficoltà sia lievemente più elevato rispetto alle proprie abilità. Egli è stimolato da un coerente sistema di sanzioni e ricompense. Quando si realizza tutto questo, il videogioco diviene mezzo di intrattenimento (inter + tenere), ossia tiene sospeso nel limbo tra realtà e finzione, portando a un abbandono della prima per poter essere agenti nella seconda. LA VITA NON-ORDINARIA In un gioco non vi è una ricreazione oggettivamente reale, fisica della realtà che si vuole rappresentare, ma questa situazione diviene tale grazie al giocatore, attraverso la sua fantasia. Un videogioco è, quindi, un sistema formale chiuso originato da una reale soggettività. Considerando questa caratteristica del gioco, risulta anche evidente la distinzione tra videogioco e simulazione: una simulazione è il tentativo di rappresentare un fenomeno reale in modo oggettivamente vero, mentre un videogioco

14 ne è una semplificazione in modo soggettivamente vero. L accuratezza è la conditio sine qua non della simulazione, la chiarezza la conditio sine qua non dei videogiochi. La simulazione è un azione creativa, attesta la volontà di potenza dell uomo. Essa è la rappresentazione semplificata di un fenomeno per mezzo di uno o più modelli. Si parla, a questo proposito, di giochi di simulazione, ossia di quella categoria di giochi dove è la componente di modellizzazione di una realtà a dominare l interazione. Parlando dei videogiochi bisogna tener presente altri due elementi, oltre alle caratteristiche proprie del gioco ri-analizzate fin qui. NARRATIVITÁ Definendo il gioco abbiamo indicato i diversi piani che lo compongono: quello narrativo, quello ludico e quello ludonarrativo. Abbiamo visto come la storia, l elemento narrativo del gioco, emerga dalla combinazione di questi. Per quanto riguarda i videogames, prima che in essi fossero presenti dei personaggi, non c era bisogno di storie. La trama era molto ridotta: vedo un bersaglio, sparo. Si affidava la possibilità narrativa del gioco a contestualizzazioni differenti. Introdotte figure umane sullo schermo, è stato necessario dare una ragione della loro presenza. Molti game designers hanno scelto di affidare tale giustificazione e, quindi, la struttura narrativa elementare del gioco, alla cut-scene, attribuendo il massimo grado di narratività al puro piano narrativo. Una delle poche eccezioni di questa tendenza è rappresentata da Kojima, padre della saga di Metal Gear, che sfrutta, invece,la totalità dei piani per raccontare la storia. REPLAYABILITY Tra i game designers è opinione comune che i videogiochi migliori siano quelli in grado di intrattenere i giocatori il più a lungo possibile. Per avere successo un videogame deve vendere molte copie e, perché ciò accada, deve soddisfare un requisito che ogni giocatore ritiene fondamentale: la ripetibilità o replayability. Per il giocatore essa si realizza nella possibilità di ripetere tentativi, nella possibilità di variare l esperienza ludica. È la ripetizione a permettere di maturare le competenze che garantiscono al giocatore di condurre a buon fine il gioco. Non si può imparare un gioco se non ci si gioca più volte. Più faccio più scopro. Più scopro più faccio. Dal punto di vista del software, la ripetibilità è, invece, ripetitività, iterazione automatica di sequenze di istruzione/esecuzione sempre identiche. Esso rileva i dati immessi dal giocatore e li elabora secondo la grammatica del proprio database, esegue una decodifica dei caratteri immessi e li ri-codifica in informazione, ossia in dati significanti, strutturati in un formato comprensibile al gamer; restituisce un output

15 all utente. Alla visualizzazione dell output, al gamer è richiesta una nuova scelta, alla quale segue un nuovo ciclo. Chi decide è il giocatore, il software simula di intendere: esso combina i dati in input entro uno schema preconfigurato ed esegue istruzioni di processo già codificate. Qualora il gamer non rispettasse la sintassi del software, esso non comprenderebbe quale sia la sua intenzionalità significante e la comunicazione tra i due diverrebbe assurda Videogiochi e formazione Quando si impara a giocare a un videogioco si apprende una nuova literacy. Intendiamo tale termine non solo in relazione all ambito letterario, un abilità nello scrivere o nel leggere un testo scritto, ma come atto comunicativo in quanto tale, attraverso tutte le forme espressive possibili, dalle parole alle immagini, passando per artefatti e altri simboli visivi. I videogiochi, infatti, sono strumenti multimodali, ossia mezzi comunicativi che hanno il pregio di affidare a più forme espressive contemporaneamente il proprio contenuto. Non solo, però, la comunicazione umana ha a disposizione diverse modalità di espressione del significato, ma, in contesti diversi, lo stesso elemento porta con sé un messaggio differente A questo livello si parla di un dominio semiotico della literacy, il contesto in cui la comunicazione viene attuata. Nel gioco esso è il luogo dell azione. Un dominio semiotico può essere visto secondo due prospettive differenti: si può indagare internamente, definendone il tipo di contenuto, o esternamente, analizzando il coinvolgimento delle persone che ne deriva e che si traduce in pratiche sociali. Spesso, parlando dei videogiochi, se ne è criticata la violenza o, addirittura, si è arrivati a dire che essi non insegnano nulla perché non hanno alcun contenuto educativo da comunicare. Un affermazione come questa deriva dalla concezione per cui è da apprendere solo ciò che viene insegnato a scuola, è contenuto educativo solo ciò che è materia di studio accademico. Non trattando tali temi, i videogiochi vengono, quindi, definiti come incapaci di formare. Il dominio del gioco non è quello delle discipline accademiche e il contenuto che essi comunicano non è, quindi, della stessa natura di quello che possono trasmettere la storia o la fisica. Giocando si impara cosa fare (e cosa non fare) in una determinata situazione. Il contenuto di un videogames è definito dalle regole del gioco, che determinano il campo delle azioni possibili: sono la grammatica del dominio semiotico. Nei giochi tradizionali, normalmente, le regole vengono apprese dai gamer prima di cominciare a giocare. In un videogioco, invece, le regole vengono apprese man mano che si procede in esso: è necessario sbagliare, cadere e alle volte morire per conoscerle. Il gameplay stesso può essere definito come learning to understand the rules code, come afferma Sherry Turale, professore de MIT. I videogiochi non sono un lavoro, il paradigma cybertextuale di un dato filone di studio del fenomeno videoludico è falso. I giocatori amano i videogiochi perché sono tutto tranne che un lavoro. Sono una forma di gioco, nell accezione del termine che

16 abbiamo fin qui indagato. Ciò che va sottolineato è che, a differenza di quanto sostiene certa critica, l immersione che comportano non è un coinvolgimento nello spazio virtuale distaccato dal mondo reale, ma nell attività ludica stessa. Il rapporto che si instaura tra il giocatore e l ambiente del gioco è pari a quello tra l uomo e la realtà. Non vi è una dispersione della persona nel mondo che la circonda, ma un coinvolgimento di essa nell attività, nell esperienza che compie. Questo porta a un abbassamento del livello di distrazione, da cui, erroneamente, ha origine l accusa ai videogiochi di imbambolare chi li usa, ma allo stesso tempo rende l apprendimento più efficace. Perché l apprendimento sia efficace, si ha bisogno non solo di comprendere ciò che si è imparato, ma anche di metterlo in pratica. Non basta, quindi, conoscere il contenuto formativo, ma è necessario saper giudicare tale conoscenza in modo da poterla usare in circostanze in cui valutiamo essere utile. L apprendimento che deriva dai videogiochi è definito da J.P.Gee, studioso del fenomeno videoludico, come active and critical learning. Critical perché si può parlare di compimento di un atto formativo solo nel momento in cui ciò che si è appreso diviene elemento di giudizio; Active perché ciò che domina le dinamiche in atto in un videogioco è l interazione. Giocando impariamo a fare qualcosa. Gradualmente o velocemente, a seconda del tipo di gioco e anche di chi sia il gamer, impariamo le mosse che sono richieste per affrontare l avventura, apprendiamo quali siano i comandi che dobbiamo usare, entriamo a conoscenza di quelle che sono le regole del gioco, di cosa si può o non si può fare all interno del gioco e come tutto questo può o non può essere realizzato. Impariamo a manipolare la realtà virtuale del videogioco. Scopriamo come controllare ciò che accade sullo schermo. Marc Prensky, nei suoi studi sul tema, parla di Pattern Recognition: quando giochiamo a Tetris siamo attaccati da centinaia di pezzi che compaiono sullo schermo sempre più velocemente. Dobbiamo incastrarli in modo da non lasciare punti vuoti nello spazio di gioco. Sviluppiamo e usiamo il modello mentale di spazio che abbiamo acquisito stando nella realtà. Come accade nell apprendimento in aula, i videogiochi strutturano il proprio domino semiotico in differenti livelli che definiscono la difficoltà di gioco e, quindi, di interazione con lo spazio adattandosi a quello che il regime di competenza del giocatore. Così come un insegnante adatta il proprio metodo, il proprio linguaggio rispetto a chi sono i suoi studenti, allo stesso modo un videogioco si adegua al profilo del proprio gamer. La conoscenza è sempre qualcosa di accessibile all uomo: la realtà è fatta per l uomo che la scopre così come un videogioco è fatto per il giocatore che lo gioca. Il giocatore cerca di conoscere un nuovo mondo, si trova ad interagire con un dominio diverso da quello quotidiano, ma che, però, si plasma e si adatta alla sue esigenze, alle sue abilità. Si pensi, ad esempio, alla possibilità di scegliere diversi livelli di gioco e come tale scelta renda visibili alcuni elementi piuttosto che altri, oppure al fatto che è solo ciò con cui noi interagiamo a modificarsi e non tutto lo spazio di gioco. In un videogame gli ostacoli che si incontrano non appaiono mai infattibili: che l esperienza sia fattibile è il requisito minimo perché il videogioco viva

17 Quando a scuola si impara qualcosa, la conoscenza che si è appresa viene testata e valutata. Allo stesso modo, in un videogioco, alla fine di ogni livello di gioco, dopo situazioni particolarmente complicate o pericolose vi è sempre una ricompensa per il giocatore e le conoscenze apprese in quella sessione di gioco sono il requisito per procedere e passare alla seguente. Dalla relazione che si instaura tra il giocatore e il gioco emergono tre identità: la real person, il virtual character e una projective identity. Il virtual character è l identità che la persona assume nel gioco, il personaggio in cui si identifica nel mondo virtuale. Ma, anche mentre si gioca, si mantiene la propria real-word identity. Chi si è non viene meno nel momento in cui si gioca, ma, anzi, incide sulle scelte e sulle decisioni che si prendono durante il gioco stesso. Il terzo livello di identità che è possibile definire è quello della projective identity. Il termine projective va inteso, in questo caso, secondo due diverse prospettive: da una parte esso indica l influenza della real-world identity su la virtual identity, il come io incida sul mio personaggio. Dall altra, esso è da intendere, nel momento in cui il gioco è in atto, come l emergere di desideri e di aspirazioni per quella che è la vita del virtual character. La definizione delle tre identità permette al giocatore di essere attivo e riflessivo rispetto al gioco. Le scelte che sono fatte, le decisioni prese rispetto allo svolgere della storia sono prese da noi, in quanto esterni al gioco, ma sono attuabili solo nel momento in cui è la nostra identità virtuale a compierle, nel rispetto delle regole del gioco. Quando si gioca è necessario che si crei un ponte tra la real-world identity e la virtual identity. Nel momento in cui si apprende qualcosa, la propria identità viene trasformata e coinvolta in uno spazio virtuale il cui dominio semantico è quella del contenuto che si sta acquisendo. Durante un esperimento di scienze, si deve, in qualche modo, sentirsi scienziati, si deve essere coinvolti in una nuova virtual identity. La projective identity è ciò che permette l attuarsi della formazione, ciò che garantisce che le conoscenze apprese non rimangano relegate allo spazio virtuale dell apprendimento. La dimensione performativa o esperienziale del gioco costringe il giocatore a mettere in pratica le proprie conoscenze, a testare le proprie abilità. Non è un dovere imposto l apprendere qualcosa, ma una scoperta e il risultato di una domanda del discente in relazione al formatore. Acquisire una conoscenza non è un atto relativo solo al contesto in cui questo avviene, né è riducibile alla pura razionalità della persona che apprende, ma la coinvolge nella sua totalità. Definito come un giocatore può essere learner, vogliamo ora analizzare come egli sviluppi la propria strategia di gioco, quale sia il modello di apprendimento che egli usa. L agire del giocatore nello spazio del gioco non è una scelta tra una lista di possibilità a lui più o meno note, ma un pattern, un contesto in cui interagire secondo il significato che esso mostra, rispettando la relazione che sussiste tra i suoi elementi. Un pattern è una teoria sperimentale, che si rinnova e perfeziona continuamente

18 nell esperienza, provando e riprovando. Definire una strategia di gioco significa, quindi, strutturare un modello comportamentale. Esso viene definito secondo quattro momenti differenti: - costruzione del modello: a partire da quello che è il nostro background di conoscenze, definiamo un primo modello comportamentale secondo cui interagiamo con lo spazio videoludico - valutazione: il modello viene valutato nell interazione, viene verificata la sua validità continuando l esperienza videoludica - integrazione e revisione: nuove condizioni di gioco, costringono a rivedere il modello fino a quel punto usato e a definire, quindi, una nuova strategia di gioco Ogni giocatore ha la propria strategia di gioco. Si può interagire con lo stesso contesto in modo diversi, secondo le proprie inclinazioni e abilità, l esperienza videoludica è personale. La definizione della strategia di gioco è facilitata da due caratteristiche della struttura stessa del mezzo videoludico. La prima è legata alla semplicità del dominio di gioco: per semplicità non si intende la mancanza di situazioni difficili, dove sia subito chiaro come comportarsi, ma il principio di aderenza alla realtà che abbiamo detto essere l origine del dominio semiotico de gioco. La riproduzione del mondo reale nel dominio del gioco assomiglia molto all idea di campionamento che porta un segnale da analogico a digitale: esso viene analizzato e definito in elementi minimi che permettono un alto grado di fedeltà al messaggio originale nel momento in cui viene riprodotto. Apprendere qualcosa implica che questa sia sperimentata più e più volte, che sia fatta una conoscenza propria e non solo una nozione imparata a memoria. Bisogna spendere del tempo e fare fatica affinché questo accada. Un buon videogioco usa di questo principio nel coinvolgere e nel condurre il giocatore. Quando si gioca per la prima volta, vi è un evidente fatica nel capire come interagire con lo spazio che si ha di fronte e, anche quando si intuisce quali sono le possibilità di azione e come queste siano attuabili, non è immediato il riuscire a portarle a compimento. È necessario provare. Tentare. Riprovare ancora. Non è un caso che, spesso, il primo schema di un videogioco richieda di ripetere gli stessi movimenti, quasi fino alla nausea, se si considera il movimento che si compie come un elemento a sé stante ed indipendente dal contesto di gioco. Uno dei punti forza nella struttura di un buon videogioco è proprio questa sua capacità di mantenere alto il livello di implicazione del giocatore attraverso una struttura iterativa. Così come il mondo reale è un modello per i videogiochi, allo stesso modo, i videogiochi possono essere modelli per altri domini semiotici. Spesso il mondo virtuale di cui essi sono capaci viene usato come spazio di training per le esperienze nel mondo reale. Qualche anno fa, ad esempio, nei laboratori de MIT è stato progettato un

19 tutorial per un programma di grafica, strutturato come un videogioco. Le persone imparavano ad usare il programma giocando con esso. Erano ricreate situazioni in cui veniva richiesto al giocatore di progettare particolari strutture per poter continuare nell esperienza videoludica. Gli edifici venivano costruiti così come sarebbero stati progettati usando il programma. L apprendimento attraverso i videogiochi è quindi attivo e critico non solo relativamente all esperienza ludica in se stessa, ma anche rispetto ad altri domini semiotici. I videogiocatori sono attori attivi del gioco: essi non solo determinano il proprio gioco, ma il suo successo. Giocando, discutendo delle proprie esperienze, essi danno forma ad una grammatica esterna del gioco. Si può parlare di diverse tipologie di videogiochi perché i giocatori stessi le hanno così definite giocando. Sono i giocatori a giudicare il lavoro dei game designer, a ritenere o meno un gioco come accettabile in una determinata categoria fino a influire sulle scelte stesse dei game designer in fase di progettazione. La conoscenza tacita ed esperienziale del giocatore non è definitiva. Il confine tra master e learner è molto sottile. Ci sono giocatori esperti in una data tipologia di giochi, che, agli occhi di altri, potrebbero apparire come maestri del gioco.ma non si smette mai di imparare. Non è che, dato che un preciso schema di gioco si è già fatto, o se ne è portato a termine uno simile, è scontato che si riuscirà a completarlo di nuovo senza problemi, senza fatica e, soprattutto, senza scoprire nulla di nuovo. Così come la realtà supera sempre l uomo e l esperienza che egli ha di questa, allo stesso modo un videogioco non è mai privo di novità e imprevisti anche per il giocatore più esperto. Nell atto formativo, il rapporto che si instaura tra discente e maestro porta ad una crescita, non solo a livello di conoscenza, di entrambi i soggetti. Allo stesso modo, in un videogioco il giocatore, sia che egli sia learner nei confronti del gioco, sia che ne sia master, impara sempre qualcosa! Quello che vogliamo affermare non è che i videogiochi siano buoni, ma che permettono un buon learning. La forza di questi nuovi strumenti videoludici sta proprio nel modo che essi hanno di compiere l atto formativo, di coinvolgere i giocatori. Non è un caso che, molto spesso, i vari tentativi di fare dei giochi educativi siano miseramente falliti. In commercio si trovano molti videogiochi per bambini delle elementari che si ripromettono di insegnare loro a leggere, a scrivere, fare i primi calcoli matematici ( ), ma risultano, il più delle volte, dei tentativi mal riusciti. Non è che essi non raggiungano l obiettivo che si erano prefissati, ma sono noiosi. I bambini stanno facendo tutto tranne che giocare. Non bisogna pensare, allo stesso tempo, che quando un game designer progetta un gioco egli applichi particolari principi formativi. Egli sviluppa un gioco in modo che sia coinvolgente, in modo che sia possibile imparare a giocarvi. Un gioco che non insegni a giocare con se stesso non vende. Obiettivo dei game designers è quello di produrre un gioco che tenga il gamer incollato ad esso molte ore. Ma perché si ottenga questo risultato, non basta che l avventura sia divertente, che affascini il giocatore: è necessario che il gioco sia in grado di spiegare al suo giocatore come procedere, come interagire. Si impara a giocare dal gioco stesso, essendo naturalmente coinvolti in esso

20 Bibliografia I siti consigliati per approfondire l'argomento sono: 1. (unica collana italiana di studio sui videogiochi) 2. (maggior esperto italiano/europeo di videogiochi) 3. (docente americano esperto di videogiochi) 4. (MIT - dipartimento di ricerca sui videogiochi)

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici

Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici Schemi motori e capacità coordinative : le basi per lo sviluppo dei fondamentali tecnici Di Enrico Mordillo In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra schemi motori di base,

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Programmazione annuale classi prime

Programmazione annuale classi prime DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV CIRCOLO - GELA 1 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSI PRIME PREREQUISITI PREMESSA La programmazione annuale che viene presentata si muove in un ottica

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio obiettivo del corso Informazioni Un altro modo di vedere il calcio Un modo per ri-ordinare le informazioni Un metodo, base per costruire il vostro Motivazioni (vostra e nostra) Il QUADRATO Quanti quadrati

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA a. Ascoltare e parlare 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 2. Prestare attenzione a situazioni comunicative

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago. Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione.

Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago. Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione. Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione.it Le sottoscritte insegnanti dichiarano di aver preso in esame i seguenti

Dettagli

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE PROGRAMMA 10.15 11.30 Teoria del montaggio 11.30 13.00 Cinetecnica: uso di AVS editor 13.00 14.00 Pausa pranzo 14.00 17.30 Laboratorio: montaggio

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

ARBITRARE IL GIOCO. Usare le Relazioni con le Icone. Tirare le Relazioni all Inizio di una Sessione. Scoperta & Sorpresa

ARBITRARE IL GIOCO. Usare le Relazioni con le Icone. Tirare le Relazioni all Inizio di una Sessione. Scoperta & Sorpresa ARBITRARE IL GIOCO Questo documento contiene le istruzioni per i Game Master che vogliono arbitrare il gioco. Usare le Relazioni con le Icone Per le regole base delle relazioni con le icone, vedi Relazioni

Dettagli

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622 Over the rainbow : oltre l arcobaleno per scoprire, inventare, rappresentare, ed imparare attraverso la lingua italiana, le scienze, la lingua inglese e le nuove tecnologie Mavi Ferramosca, Scuola Primaria

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione La presenza dei valori in tutti i campi di vita del bambino implica il dovere da parte dell insegnante e degli

Dettagli

LAMBORGHINI CONTENUTO

LAMBORGHINI CONTENUTO LAMBORGHINI CONTENUTO 1 piano di gioco con due circuiti, 5 miniature Murcielago Lamborghini scala 1:87, 5 carte Automobili, 10 carte Piloti, 39 carte Tecnologia (13 di marca Rossa, 13 di marca Gialla e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

FIB JUNIOR: tutti in gioco QUADERNO GIOCHI

FIB JUNIOR: tutti in gioco QUADERNO GIOCHI FIB JUNIOR: tutti in gioco QUADERNO GIOCHI 1 PREMESSA Il Quaderno che segue si suddivide in due sezioni principali che riguardano rispettivamente le norme comportamentali e le regole dei giochi da svolgere

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 AGENDA La comunicazione Le barriere e i rimedi OBIETTIVO DEL CORSO UNA PERSONA PIU EFFICACE NEL LAVORO E NELLA VITA PERCHE CONTROLLA MEGLIO LA PROPRIA COMUNICAZIONE

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO TRAGUARDI FORMATIVI SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento Tivoli, 2011 Mario Gentili mario.gentili@mariogentili.it Aspetti

Dettagli

Psicologia e videogames

Psicologia e videogames Prof.ssa Michela De Luca Corso Cyberpsicologia-Lumsa Dott. Massimiliano Marzocca Psicologo - Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it wwww.massimilianomarzocca.it Psicologia e videogames CHE COSA

Dettagli

La tavola pitagorica: metodo e attività

La tavola pitagorica: metodo e attività 2 La tavola pitagorica: metodo e attività Nel presente capitolo vengono descritte nel dettaglio le 8 attività proposte nel software, a cui fanno riferimento le schede operative presentate nella seconda

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISOLA DELLE MERAVIGLIE

ISOLA DELLE MERAVIGLIE SFONDO INTEGRATORE: Giramondo è uno strano personaggio, ama divertirsi e conoscere paesi lontani per vedere se e quanto sono diversi dal suo. Propone ai bambini uno scambio: loro guideranno Giramondo alla

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

Il gioco. Sappiamo che gli apprendimenti migliori sono quelli ottenuti attraverso il gioco, le

Il gioco. Sappiamo che gli apprendimenti migliori sono quelli ottenuti attraverso il gioco, le CAPITOLO 1 Il gioco Sappiamo che gli apprendimenti migliori sono quelli ottenuti attraverso il gioco, le attività manipolatorie, la ricerca, la scoperta, l intuizione e tutto ciò che stimoli la curiosità

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA

A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA A SCUOLA CON PLUTO LA FIDUCIA IN SE STESSI CRESCE GIOCANDO CON IL CANE KIRA TROFEO CITTA DI PRATO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRESENTA A SCUOLA CON PLUTO CON MARTINO (OPERATORE TROFEO CITTA DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

TABBY PLAYS ISTRUZIONI

TABBY PLAYS ISTRUZIONI TABBY PLAYS ISTRUZIONI INDEX REQUISITI TECNICI... 2 REGISTRAZIONE... 2 LA TUA STANZA... 3 STATUS... 3 LA CITTA... 4 SOCIAL NETWORK... 4 INTERAZIONI... 6 SFIDE... 6 NEGOZI... 7 ATTI DI BULLISMO... 7 LA

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA

NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA MOTIVAZIONE Molti bambini di oggi vivono in un contesto esperienziale

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI 1 Aspetti generali 1.1 Tematica e contenuto Il presente modulo ha per tema la formazione dei prezzi nei mercati in generale e, più in particolare, nei mercati trasparenti

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

M.Cristina Stradi 2011 1

M.Cristina Stradi 2011 1 M.Cristina Stradi 2011 1 Il gioco riposa e diverte. Evoca un attività non soggetta a costrizioni, ma anche priva di conseguenza per la vita reale. Si contrappone alle serietà di questa e viene perciò considerato

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Aspetto COGNITIVO Aspetto AFFETTIVO EMOTIVO Aspetto RELAZIONALE Capacità motorie Abilità

Dettagli

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica

L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica L uso delle nuove tecnologie nella Scuola Primaria a servizio della didattica Mavi Ferramosca Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti Partigiani s.n., 70126 Bari E-mail: mavi.ferramosca@alice.it Un uso

Dettagli

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA 7.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si basa su un campione del prodotto, precedentemente selezionato

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

I numeri delle macchine

I numeri delle macchine I numeri delle macchine Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Utilizzare in modo consapevole gli strumenti di calcolo automatico. Conoscenze Addizione e moltiplicazione nell insieme dei numeri

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless

CONFLITTO DI RUOLO. Gioco di Ruolo Diceless CONFLITTO DI RUOLO Gioco di Ruolo Diceless Willoworld 2007 1 LE REGOLE DEL GIOCO 1. Intro Un gioco di ruolo diceless è l evoluzione ultima del gioco di ruolo classico, un confronto tra personaggi dove

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA SU E GIÚ... CON CHIP Anno scolastico 2008-09 PREMESSA...Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione,

Dettagli

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO Dopo uno studio e una sperimentazione sul campo durata più di 4 anni, abbiamo realizzato un applicazione per tablet (inizialmente per ipad, ma con progetti futuri di sviluppo

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli