Videogiochi e formazione. Mariagrazia Silvaroli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Videogiochi e formazione. Mariagrazia Silvaroli"

Transcript

1

2 Indice 1. Giocare Natura del gioco Definizione Struttura del gioco 7 2. Videogiochi Videogiochi e formazione Bibliografia

3 1. Giocare Il predicato italiano giocare è usato comunemente per indicare lo svago, principalmente di bambini o di persone adulte che abbiano del tempo da perdere. Da un analisi etimologica e linguistica ne deriva che una tale assunzione non solo limita la natura del gioco, ma corrompe il senso stesso dell atto che esso denomina. Affinché si possa parlare di gioco è necessario che vi sia un giocatore, ossia qualcuno che abbia in sé un desiderio di giocosità. Si deve decidere di essere giocatori, si deve intenzionalmente assumere tale ruolo e attribuire un significato al proprio agire (dimensione culturale del gioco). L atto del gioco spesso richiede che non vi sia un solo soggetto ( Mario gioca), ma che il raggiungimento dell obiettivo sia determinato da una condizione di interazione ( Mario e Anna giocano ) o di collaborazione ( Mario gioca con Anna ), tra due o più inter-agenti o co-agenti. La proposizione italiana Mario gioca è incompleta. Si può dire Mario gioca con una palla così come Mario gioca a palla. Il significato delle due espressioni non è lo stesso. Nel primo caso, abbiamo definito lo strumento con cui il soggetto compie l atto, nel secondo abbiamo descritto l azione che viene attuata. Posso affermare Mario gioca con una palla così come Mario gioca con una mela. Che tipo di azione sta compiendo? Potrebbe star facendo rotolare la palla/mela su di un tavolo; potrebbe cercare di colpire un birillo che si trova in mezzo alla stanza. Non abbiamo definito un gioco, una struttura narrativa con un proprio contesto spaziale e temporale e con regole sue proprie, abbiamo solo detto dell oggetto con il quale si sta compiendo l azione. Per definire cosa sia un gioco, è necessario affermare a che cosa si sta giocando. Se affermo Mario gioca a baseball con una mazza, un guantone e una palla la proposizione risulta ridondante: lo strumento con il quale si gioca è implicito nella definizione del gioco stesso ( Mario gioca a baseball ). Il fatto che mazza, guantone e palla siano tacitamente intese in baseball significa che vi è un sistema complesso e ben definito alla base delle diverse forme del gioco. Il giocatore, quindi, non solo è colui decide di giocare e nel farlo mette alla prova le proprie abilità tecniche, analitiche e interpretative (dimensione esperienziale o performativa del gioco), ma è fruitore del gioco stesso, è definito da diversi ruoli enunciazionali (cosa egli può essere o fare) originati da posizioni enunciazionali differenti (cosa egli può immaginare di essere o fare) Natura del gioco Parte del fraintendimento relativo alla definizione del gioco dipende dal fatto che il termine italiano deriva etimologicamente dal vocabolo latino iocus, che significa scherzo, burla

4 L aspetto di giocosità, di divertimento che la radice etimologica del termine porta con sé è solo uno degli aspetti che definiscono la natura del gioco. Giocare, infatti, non significa solo portare diletto a qualcuno, ma sottintende anche la necessità di rappresentare qualcosa all interno del sistema complesso che definisce il gioco stesso. L accezione di rappresentazione che caratterizza il gioco è ritrovabile nell altro termine che i latini usavano per indicarlo e da cui, etimologicamente, derivano le parole italiane che mirano a denominare una trattazione seria del gioco. Ludus, infatti, significa rappresentazione, come l assumere la parte di qualcuno, e il predicato che gli corrisponde, ludere, equivale all odierno to play della lingua inglese. Entrambi i predicati vengono usati, oltre che per indicare il gioco, come supporto di attività artistiche e creative (to play the piano), ma anche per ciò che è attinente alla recitazione di una parte (to play in a movie). Possiamo, quindi, identificare una duplice natura del gioco: da una parte una più scherzosa, che porta diletto, dall altra la necessità di rappresentare qualcosa, di assumere un ruolo. Quello che manca da definire è il contesto in cui tutto questo si attua, lo spazio del gioco o, meglio ancora, il gioco stesso intenso come sistema complesso di parti correlate tra loro. Può essere d aiuto, a questo proposito, usare del confronto tra i due termini inglesi che indicano il gioco: play and game. Il play è un territorio aperto, ma, allo stesso tempo, chiuso nel quale sono fattori cruciali il credere di creare qualcosa e il costruire un nuovo mondo: è un atto creativo (aperto) che intende realizzare un mondo nuovo (chiuso). Le regole del play non sono definite a priori: esse vengono negoziate durante lo svolgimento del gioco stesso. Il game, invece, è un area con confini determinati, nella quale vengono provocate l interpretazione e l ottimizzazione di ruoli e strategie di gioco. Il game giudica il realismo del play. La struttura del play e la conseguente distinzione tra un play-world e un non-playworld avviene durante il gioco stesso: è il continuo oscillare tra questi a determinarne il fascino profondo. La realtà delle cose è il luogo del gioco: è l albero del giardino di casa ad essere il regno di folletti e gnomi. Nel game-mode, invece, è presupposta una delimitazione spaziale e temporale che garantisce la struttura del gioco stesso e la protegge dai giocatori: l oscillazione è qui tra uno spazio-strutturato, i livelli del gioco, e uno non-strutturato. Il game non deve essere un play, ma questo non vuol dire che non lo richieda. Mentre nel play, quindi, c è un livello base di trasgressione che riporta al mondo reale, nel game tale livello è duplice: perché esso accada, infatti, si deve aver già accettato il play-world e si è - 4 -

5 stabilito in esso un set di regole e ruoli che delimitano il territorio di gioco e allo stesso tempo definiscono le possibilità di interazione e adattamento. Figura 1 Il primo livello di trasgressione, mostrato nella figura 1, è quello che porta dal play al non-play, e viceversa. Essa, infatti, si realizza non solo con l abbandono del gioco, ma è anche compiuta nel momento in cui si associano a oggetti del mondo reale dei significati che non sono loro propri, come il far diventare la maestra di matematica un mostro crudele da dover combattere. Elemento discriminante diviene, a questo punto, la modalità di definizione delle regole. Nel play esse vengono negoziate nel procedere stesso del gioco, mentre nel game sono forme che rispondono ad una struttura ben definita, nella quale lo spazio aperto è quello della strategia di gioco Definizione Per poter dare una definizione di gioco, prendiamo spunto da quella proposta da Huizinga: (il gioco) è un azione, o un occupazione volontaria, compiuta entro certi limiti definiti di tempo e di spazio, secondo una regola volontariamente assunta, che ha un fine in se stessa, accompagnata da un senso di tensione e di gioia, e dalla coscienza di essere diversi dalla vita ordinaria. Huizinga J., (1978) Homo Ludens, Einaudi, Torino, pag. 35 Il gioco è un azione intenzionale, non può avere origine in un imposizione, né in un comando, ma è un atto libero: ha origine da un desiderio. Sono due i livelli in cui, all interno del gioco, si può definire l intenzionalità: da una parte essa è la spinta da cui si origina l azione che porta il soggetto a giocare, la ragione per cui, dall altra è il motore di quella che, successivamente, definiremo la strategia di gioco. Non è un bisogno fisiologico a determinare il gioco, quanto piuttosto una volontà di rappresentazione. Un bambino che giochi a fare il papà impone al mondo di adattarsi a - 5 -

6 quella che è la sua intenzione, al suo desiderio di personificarsi nel padre e deve intervenire sullo stato di cose del mondo secondo tale volontà. Lo stato del mondo del gioco in cui il giocatore interviene è determinato in luogo e durata propri: ha certi limiti di tempo e di spazio, ha uno svolgimento proprio e un senso in sé. Comincia in un dato momento e in un dato momento finisce: mentre avviene c è un movimento che determina lo stato delle cose, mentre esso è in atto, ma che termina, quando il gioco non ha più luogo. Il concetto di tempo del gioco è molto particolare nella sua strutturazione: un gioco può finire ed essere ripreso da dove lo si era lasciato e può essere continuato dallo stesso soggetto o da un altra persona, ma può anche essere terminato e non essere più ripreso o anche concludere ed essere ricominciato da un dato momento come dall inizio. Ci sono in esso gli elementi della ripresa, del ritornello come del cambio di turno. E questo è valido non solo per la sua dinamica, per le azioni che conducono il gioco, ma anche per la sua struttura. La natura limitata del tempo in un gioco è valida anche per la nozione di spazio: ogni gioco si compie in un suo ambito proprio che è delimitato in anticipo. Il gioco avviene in uno spazio provvisorio entro il mondo ordinario ed è destinato al compimento di azioni chiuse in sé, avviene in un luogo dedicato in cui valgono proprie e speciali regole. Entro lo spazio destinato al gioco domina un ordine proprio e assoluto. In esso si realizza una perfezione temporanea determinata dalle regole che lo delimitano: lo stato del mondo del gioco è un modello del mondo reale con delle regole sue proprie che lo definiscono e dove la verità del modello non è legata al grado di fedeltà della riproduzione, ma alla verità delle azioni e interazioni possibili in esso. Le regole di un gioco sono i garanti di tale ordine e di tale verità di azione. Per questo si può, parlando del gioco, posizionarlo nel dominio del bello, nel dominio dell estetica, dove predominano i concetti di ritmo e armonia. Il gioco vincola e libera; attira l interesse; affascina e incanta; segue un ordine; è scandito ritmicamente da un tempo proprio; si sviluppa in modo armonico secondo regole proprie. L ordine e l armonia che caratterizzano il gioco e la tensione da cui esso è definito determinano le regole del gioco. Un gioco ha un ordine suo proprio dato dal fatto che lo spazio in cui avviene è un modello della vita ordinaria, ma ha anche un ordine definito dalla struttura narrativa del suo svolgimento: in un partita di calcio non può esserci un goal se le due squadre non sono ancora scese in campo. Quest ultima declinazione dell ordine definisce l armonia stessa del gioco, per cui lo svolgimento delle azioni che avvengono in esso si susseguono con un senso. Le regole di un gioco sono ciò che determina il possibile, sono obbligatorie e inconfutabili: se vengono trasgredite, crolla il mondo del gioco. Esse si riferiscono al gioco e non esistono indipendentemente da questo: non è goal una palla tirata in una rete se non si sta giocando a calcio. Le regole, essendo la base su cui si fonda il gioco, sono atti liberi, la loro assunzione è un atto di libertà. La dinamica di intenzionalità e causalità descritta è carica di tensione: vi è un aspettativa, un grado di incertezza determinato dalla possibilità di buona o cattiva riuscita, ma anche dal fatto stesso della presenza della categoria di possibilità nella natura del gioco. Non solo, infatti, il soggetto è caratterizzato dall ansia data dal - 6 -

7 risultare vincitore o sconfitto alla fine di un gioco, ma vi è anche una tensione data dal desiderio di progredire nel gioco, e si può giocare ad un gioco un numero di volte infinite e il suo corso può risultare sempre diverso. Il desiderio di vincere è la volontà di raggiungere lo scopo che ci si era proposti, ma anche il voler riuscirvi meglio di altri nel raggiungere lo scopo: non basta segnare dei goal per essere vincitori in una partita di calcio, è necessario farne più della squadra avversaria. Allo stesso modo non si perde in un gioco solo se non si raggiunge l obiettivo, ma anche quando non si ottiene il risultato migliore. La tensione del gioco non è solo, come già accennato, definita dal desiderio di vittoria che caratterizza chi gioca, ma anche dal dover sottostare all ordine e all armonia. A questo livello si può parlare di un dominio etico nel gioco: il rispetto delle regole. Caratteristica propria del gioco è quella di non essere la vita ordinaria, la vita vera. È, in qualche modo, un allontanamento dalla vita reale per entrare in una sfera spaziotemporale di attività con finalità proprie. Il bambino sa di fare solo per finta, di fare solo per diletto, anche se portando in casa la borsa del papà che torna dall ufficio si arrabbia di fronte al padre che cerca di prendergliela perché troppo pesante per lui: deve portarla lui perché è lui il papà! Il diletto del gioco, quindi, non esclude la serietà con cui esso avviene, ma anzi la implica: il gioco si converte in serietà nel momento in cui ci si muove causalmente sullo stato del mondo. Il carattere del gioco si completa proprio nell essere-diverso, nel travestimento, nell assunzione di un ruolo che permette la rappresentazione nella catena di intenzionalità-causalità trattata. Il travestimento determina quel carattere di lotta che spesso si associa giustamente al gioco: la lotta non è solo l espressione del senso di tensione nei confronti delle cose, non nasce solo dal desiderio di raggiungere l obiettivo ed essere vincitore, per cui il gioco stesso rappresenta una lotta, ma è anche una gara (anche con se stessi) a rappresentare. Il bambino che gioca a fare il papà può provare talmente tanto diletto nel gioco da raggiungere uno stato per cui crede-di-essere: il suo rappresentare è un apparente realizzazione. All interno dello spazio di gioco non si può parlare di imitazione, ma di partecipazione, di un essere presenti, di un essere parte della condizione di un altro: la bambina che siede sul divano con la bambola tra le braccia partecipa dello stato di essere madre Struttura del gioco La struttura di un gioco può essere ricondotta a due semipiani intersecanti tra loro: il piano ludico e il piano narrativo. Dall intersezione di questi due ne deriva un terzo, denominato piano ludonarrativo. Il piano ludico contiene tutti gli elementi del gioco relativi al processo di interattività, ossia di azione del gioco. Le modalità per cui l azione di gioco è in grado di svilupparsi prendono il nome di meccanica di gioco, la cui unità minima è definita unità ludica - 7 -

8 elementare: colpire un bersaglio, tirare una palla, La meccanica di gioco descrive, quindi, le relazioni che intercorrono tra gli elementi del piano ludico, rappresentando un campo di possibilità, una struttura contenente tutte le variabili dell azione potenziale. Tale processo può essere definito in cinque elementi: - Stato iniziale: situazione di gioco di partenza - Stato obiettivo: la situazione di gioco che si vuole raggiungere - Strumenti: gli elementi/azioni a disposizione del giocatore (cosa il giocatore immagina di essere o fare) - Condizioni: le regole del gioco, le reazioni e gli eventi esterni - Pattern: gli elementi/azioni che il giocatore deve usare/eseguire per raggiungere lo stato obiettivo (cosa il giocatore può essere o fare) Gli elementi interni al piano narrativo sono relativi al racconto e sono distinguibili in storia e discorso, ossia il cosa viene narrato e il come. La serie di eventi che ha luogo tra uno stato e l altro sono i punti di evoluzione del racconto. Le fasi che si alternano possono essere distinte in interattive (racconto ludico) e non interattive (racconto). Queste ultime, a loro volta, possono essere divise in dipendenti ed indipendenti dal percorso del giocatore. Nel primo caso, fasi non interattive dipendenti, la narrazione ha luogo grazie alle precedenti azioni del giocatore; mentre, nel secondo caso, fasi non interattive indipendenti, si tratta di eventi che accadono inevitabilmente durante il gioco, a prescindere dalla scelte compiute dal giocatore. Il piano ludonarrativo è dato dall intersezione dei precedenti ed è al suo interno che si svolge il gioco vero e proprio, ovvero la realizzazione concreta dell azione scaturita dal campo di possibilità descritte dalle meccaniche del gioco. Per sintetizzare i processi visti per i tre piani in un'unica struttura di gioco/narrazione introduciamo un nuovo modello, denominato modello PARS, che si svolge in quatto fasi così definite: - Problema: è l evento scatenante del racconto ludico. La situazione di equilibrio iniziale del gioco viene destabilizzata da un evento potenzialmente dannoso per il giocatore - Azione: è la reazione del giocatore al problema - Risoluzione: è l obiettivo dell Azione, la situazione di riequilibrio a cui ambire - Soddisfazione: è la ricompensa che il giocatore riceve per aver risolto il problema Gli elementi che costituiscono questo modello non sono altro che una specificazione di quello che prima abbiamo definito come Pattern

9 Figura 2 2. Videogiochi I videogiochi non sono una nuova forma di gioco, quanto piuttosto una nuova forma di giocare, data dalla possibilità di manipolazione e di interazione che li caratterizza. Il loro valore è quindi quello di una nuova gameness, ossia di un nuova declinazione degli elementi che abbiamo definito come caratterizzanti il gioco. La definizione di che cosa sia un videogioco coincide, quindi, con quella del gameplay, della giocabilità. Il gameplay è il legame che unisce gamer e fun, intendendo quest ultimo come l anima del gioco stesso: è la definizione del grado di coinvolgimento del giocatore. Esso dipende dalle strategie di gioco che sono permesse, dalle regole che determinano e rendono più o meno possibili le diverse azioni. Il gameplay è, paradossalmente, il nemico da combattere: è la sequenza di azioni che il calcolatore esegue in risposta a quelle del gamer. Un elemento determinante per la sua definizione è l equilibrio. Il fatto che debba esistere una situazione di equilibrio perché un gioco sia coinvolgente, non significa che esso debba essere privo di ostacoli o suspance, che vi siano situazioni di pericolo tante quante sono quelle che portano una qualche gratificazione, ma che vi sia coerenza in quella che è la struttura complessiva del gioco. L equilibrio è di tutte le parti che compongono il sistema. Il nostro scopo ora è quello di ridefinire le caratteristiche individuate come elementi base del gioco, avendo come oggetto di studio non più il gioco, ma il videogioco. AZIONE INTENZIONALE Alcuni media rappresentano la realtà in modo statico, altri dinamico, ma anche qualora la rappresentazione dell immagine sia dinamica essa si muove solo in termini temporali e mai spaziali

10 La grande innovazione dell interazione permessa dai videogiochi è la possibilità di mutare la realtà in modo spaziale, di poter muovere le immagini non solo in una condizione temporale, ma di poter interagire con gli oggetti anche nel loro stato spaziale all interno della realtà. Gli oggetti che si trovano nello spazio del gioco non sono come i pezzetti di un puzzle, non hanno un posto fisso loro proprio assegnato fin dall origine: possono essere spostati, usati, messi dove si vuole posizionarli. Non sono nemmeno le scene di una storia, non vi è un ordine prestabilito nel modo in cui interagisco con loro. Nessuno mi obbliga ad una successione precisa di azioni: l interazione è l espressione della libertà del giocatore. Cos è un videogioco prima di essere giocato, prima che un giocatore interagisca con esso? Un insieme di possibilità. Ciò che i videogiochi permettono è di poter determinare attivamente gli outcomes degli eventi sullo schermo. Non si tratta più, come accade per la televisione o il cinema, di un cambiamento a livello solo emozionale, ma di un active control. TEMPO La fruizione videoludica presuppone un utente-giocatore a cui si impone uno sdoppiamento di identità: da una parte, egli rimane nel mondo reale (m1), dall altra, assume un ruolo che gli permette di operare all interno del videogioco (m2). Tale sdoppiamento genera, a sua volta, una doppia temporalità: il tempo del gioco (t1), ossia il tempo dalla fruizione, e il tempo videoludico (t2), ossia la temporalità propria del mondo del gioco. Queste due forme del tempo possono divergere o convergere e ciò che le accomuna è l oggettività, il poter essere entrambe empiricamente misurabili. Il fruitore, temporalmente localizzato nel gioco, crea differenti ordini di temporalità interagendo con le immagini sullo schermo. Negli sparatutto in soggettiva, l identificazione tra il giocatore e il suo alter ego digitale è completa, per cui il tempo videoludico corrisponde a quello reale, t1=t2. In questi giochi, ad ogni azione nel mondo reale corrisponde una reazione diretta nel mondo del gioco: al mio premere un tasto trova riscontro, simultaneamente, lo sparare un proiettile. Questa convergenza non si ha, però, nelle simulazioni, dove il tempo del gioco non è sempre omogeneo al tempo oggettivamente reale. In SimCity, la costruzione di un aeroporto, o meglio, la costruzione dell immagine di un aeroporto sullo schermo, richiede qualche secondo (t2), differentemente dal mondo reale dove sono necessari mesi o anni (t2). Parlando del chronos videoludico, non si può non tenere conto delle cut-scenes: sequenze animate in computer grafica non interattive. La loro collocazione all interno del gioco è variabile. Generalmente, sono poste tra un livello e l altro, in modo da essere dei collanti narrativi che suggellano l esperienza ludica del giocatore con una breve storia. Esse determinano una frantumazione del tempo videoludico. Nella

11 maggior parte dei casi, la loro rilevanza è marginale rispetto ai momenti di interazione tanto che il giocatore può bypassarle con la semplice pressione di un tasto. Ci sono, invece, casi in cui esse sono de facto imposte e presentate come parte integrante dell esperienza di gioco. Un altro aspetto da sottolineare è che il tempo videoludico predilige il presente rispetto al passato e al futuro. Esso si presenta come avente una struttura temporale lineare, saggiamente mascherata dall uso di flashback e flashforward. I game designer, oggi, si sforzano di creare esperienze ludiche il più possibile coerenti e convincenti. I videogiochi offline permettono, poi, di congelare momentaneamente il tempo videoludico: spetta al giocatore decidere quando ricominciare, quando interrompere la pausa. Un altro esempio di alterazione del tempo videoludico da parte del fruitore è quello consentito dal salvataggio che permette al giocatore di fruire del gioco in modo discontinuo. Il giocatore ha la possibilità di conservare la propria progressione in modo da poter ricominciare dal punto raggiunto anziché ripetere l esperienza ex novo a una successiva fruizione. Questa possibilità rende l esperienza videoludica simile a quella della lettura di un libro: salvando è come se il giocatore inserisse un bookmark, che è, allo stesso tempo, un punto di arrivo e un punto di partenza. Nel videogioco, tuttavia, i salvataggi sono continui e frequenti durante le fasi stesse della fruizione. Accanto al tempo di gioco oggettivo esistono, poi, forme di cronologia soggettive. Vi sono tempi morti, nel quale il giocatore deve eseguire delle azioni poco coinvolgenti per poter raggiungere degli obiettivi più importanti. Vi è, infine, una dissonanza cronologica che si verifica quando il giocatore si smarrisce nella dimensione di gioco, per cui si perde la cognizione del tempo e ci si ritrova alla sei del mattino seduti davanti ad un nuovo schema di gioco, con delle enormi borse sotto gli occhi! SPAZIO Lo spazio del gioco ha la massima importanza, paradossalmente, con i primi videogiochi. Pong e Space Invaders non prevedono grandi differenze, le azioni che i giocatori possono compiere sono più o meno le stesse. Vedere un bersaglio. Colpire. Quello che fa la differenza è lo spazio del gioco: è questo a definire la storia, a dare un volto diverso e, quindi, un diverso coinvolgimento al gioco. Un tavolo da ping pong. Lo spazio. Nei primi adventure games lo spazio inizia ad assumere un ruolo diverso: esso è il motore del gioco, il luogo dell azione. Il giocatore deve esplorare lo spazio, deve navigarlo. Esso non può più essere una semplice immagine riprodotta all infinito sullo schermo. Non è più lo sfondo nero stellato di Space Invaders. Esso assume maggiore dignità e realismo, attenzione al particolare. Inizialmente si presenta realizzato in 2D,

12 permettendo uno svolgimento del gioco in due direzioni. Un esempio di questo può essere Super Mario Bros, dove le azioni possibili al protagonista si riducono a un procedere verso la destra o la sinistra dello schermo. Questo implica anche una concezione del gioco particolare: l esplorazione dello spazio è un procedere linearmente nella stessa direzione. Se si prosegue verso destra, infatti, abbiamo la sensazione di star progredendo nel gioco, ma se ci muoviamo verso sinistra, abbiamo l idea di star retrocedendo. È con l avvento della grafica 3D che lo spazio del gioco assume la connotazione di mondo da esplorare e non di strada da percorrere. Vi è sempre linearità, ma questa è ora semplicemente narrativa: lo spazio non impone più un percorso da seguire. La grande differenza tra il cinema è il videogioco è che al cinema il mondo viene proiettato verso lo spettatore, mentre nel videogioco, è il giocatore ad essere proiettato nel mondo. REGOLE Il mondo del videogioco è regolato da leggi proprie ed è sottile il passaggio tra la coerenza e l incoerenza nella loro applicazione. E possibile identificare tre tipi di incoerenza: a livello di causalità, di funzione e di spazio. L incoerenza rispetto alla causalità si realizza, ad esempio, in Prince of Persia: le sabbie del tempo. Il personaggio può saltare tra terrazze lontane tra loro alcune decine di metri, può saltare tra i resti dell antico palazzo, ma non può oltrepassare una semplice panca posta a bloccare il passaggio di una porta. Può solo distruggerla usando la spada. Vi è un incoerenza relativa alla realizzazione, rispetto a ciò che una caratteristiche del personaggio o un oggetto dato in dotazione al giocatore permette di fare. Vi è poi un incoerenza di tipo funzionale. Essa riguarda la restrizione dell applicazione di una regola a casi rarissimi se non unici. In Resident Evil 2, al giocatore è dato in dotazione un accendino che gli sarà utile in un unica circostanza di gioco. Al contrario, in Metal Gear Solid è previsto nell inventario un pacchetto di sigarette. L impiego delle sigarette comporta delle sanzioni negative, per cui se il protagonista comincia a fumare la barra dell energia inizia a scendere di livello, però il fumo della sigaretta può essere usato per rilevare sensori ad infrarossi e, in alcuni casi, consente al giocatore di avere una mira più salda. L ultimo tipo di incoerenza riguarda la gestione dello spazio. In Rage Racer, gioco di corse automobilistiche, non è prevista in alcun modo l uscita dal manto stradale, così come, in Resident Evil, un oggetto non può essere abbandonato ovunque, ma solo essere riposto nel bagagliaio di un automobile. Aprendo il baule di una macchina cinque isolati più avanti si ritrova lo stesso oggetto lasciato prima. Un esempio di coerenza si ha, invece, nella costruzione della città di Vice City, dove al giocatore è sempre noto dove si trova, inizialmente grazie all uso della mappa e, in seguito, per la familiarità con la struttura della città che non muta nel corso del gioco. Bisogna però stare attenti, in una situazione di coerenza,

13 a non cadere nella dominanza. Perché vi sia coinvolgimento, il giocatore deve sempre essere messo alla prova, deve essere scosso e provocato dalle situazioni e deve poter rispondere a queste in modo sempre diverso. Questo non significa che per ogni tipo di ostacolo presente in un gioco debba essere previsto uno strumento sempre diverso che permetta al giocatore di sorpassarlo, ma neanche che il set di possibilità previste sia ridotto a un numero di elementi eccessivamente ristretto. TENSIONE E GIOIA Il conflitto nasce in modo naturale dall interazione. Il giocatore cerca di raggiungere determinati scopi e, mentre fa questo, viene ostacolato continuamente da elementi statici o dinamici presenti nel gioco. È necessaria l intelligenza del giocatore. Il conflitto è fondamentale al gioco: senza una reazione alle scelte del giocatore il game crolla su se stesso. Dove c è un conflitto, c è sempre un pericolo. Il rischio implica un pericolo e il rischio non è mai desiderabile. Il videogioco offre l esperienza psicologica del conflitto e del danno senza però comportare la loro realizzazione fisica. È un modo sicuro per sperimentare la realtà. Il rapporto tra tensione e gioia è ciò che determina il grado di coinvolgimento di un gioco. Il tipo di ricompensa e la frequenza con cui questa viene elargita intervengono in maniera determinante nel definire il gameplay di un videogioco. Se, infatti, il giocatore è premiato per non aver fatto nulla, il gioco diviene presto noioso. La ricompensa deve, quindi, essere elargita nel momento in cui il giocatore è soddisfatto della propria performance e ritiene di aver dato prova delle proprie abilità. Il livello di sfida deve, comunque, essere sempre congruo rispetto alla capacità del giocatore. Il giocatore deve essere invogliato a proseguire lungo un percorso di difficoltà crescenti, di fronte alle quali egli è pronto a osare di più, pur essendo cosciente che il livello di difficoltà sia lievemente più elevato rispetto alle proprie abilità. Egli è stimolato da un coerente sistema di sanzioni e ricompense. Quando si realizza tutto questo, il videogioco diviene mezzo di intrattenimento (inter + tenere), ossia tiene sospeso nel limbo tra realtà e finzione, portando a un abbandono della prima per poter essere agenti nella seconda. LA VITA NON-ORDINARIA In un gioco non vi è una ricreazione oggettivamente reale, fisica della realtà che si vuole rappresentare, ma questa situazione diviene tale grazie al giocatore, attraverso la sua fantasia. Un videogioco è, quindi, un sistema formale chiuso originato da una reale soggettività. Considerando questa caratteristica del gioco, risulta anche evidente la distinzione tra videogioco e simulazione: una simulazione è il tentativo di rappresentare un fenomeno reale in modo oggettivamente vero, mentre un videogioco

14 ne è una semplificazione in modo soggettivamente vero. L accuratezza è la conditio sine qua non della simulazione, la chiarezza la conditio sine qua non dei videogiochi. La simulazione è un azione creativa, attesta la volontà di potenza dell uomo. Essa è la rappresentazione semplificata di un fenomeno per mezzo di uno o più modelli. Si parla, a questo proposito, di giochi di simulazione, ossia di quella categoria di giochi dove è la componente di modellizzazione di una realtà a dominare l interazione. Parlando dei videogiochi bisogna tener presente altri due elementi, oltre alle caratteristiche proprie del gioco ri-analizzate fin qui. NARRATIVITÁ Definendo il gioco abbiamo indicato i diversi piani che lo compongono: quello narrativo, quello ludico e quello ludonarrativo. Abbiamo visto come la storia, l elemento narrativo del gioco, emerga dalla combinazione di questi. Per quanto riguarda i videogames, prima che in essi fossero presenti dei personaggi, non c era bisogno di storie. La trama era molto ridotta: vedo un bersaglio, sparo. Si affidava la possibilità narrativa del gioco a contestualizzazioni differenti. Introdotte figure umane sullo schermo, è stato necessario dare una ragione della loro presenza. Molti game designers hanno scelto di affidare tale giustificazione e, quindi, la struttura narrativa elementare del gioco, alla cut-scene, attribuendo il massimo grado di narratività al puro piano narrativo. Una delle poche eccezioni di questa tendenza è rappresentata da Kojima, padre della saga di Metal Gear, che sfrutta, invece,la totalità dei piani per raccontare la storia. REPLAYABILITY Tra i game designers è opinione comune che i videogiochi migliori siano quelli in grado di intrattenere i giocatori il più a lungo possibile. Per avere successo un videogame deve vendere molte copie e, perché ciò accada, deve soddisfare un requisito che ogni giocatore ritiene fondamentale: la ripetibilità o replayability. Per il giocatore essa si realizza nella possibilità di ripetere tentativi, nella possibilità di variare l esperienza ludica. È la ripetizione a permettere di maturare le competenze che garantiscono al giocatore di condurre a buon fine il gioco. Non si può imparare un gioco se non ci si gioca più volte. Più faccio più scopro. Più scopro più faccio. Dal punto di vista del software, la ripetibilità è, invece, ripetitività, iterazione automatica di sequenze di istruzione/esecuzione sempre identiche. Esso rileva i dati immessi dal giocatore e li elabora secondo la grammatica del proprio database, esegue una decodifica dei caratteri immessi e li ri-codifica in informazione, ossia in dati significanti, strutturati in un formato comprensibile al gamer; restituisce un output

15 all utente. Alla visualizzazione dell output, al gamer è richiesta una nuova scelta, alla quale segue un nuovo ciclo. Chi decide è il giocatore, il software simula di intendere: esso combina i dati in input entro uno schema preconfigurato ed esegue istruzioni di processo già codificate. Qualora il gamer non rispettasse la sintassi del software, esso non comprenderebbe quale sia la sua intenzionalità significante e la comunicazione tra i due diverrebbe assurda Videogiochi e formazione Quando si impara a giocare a un videogioco si apprende una nuova literacy. Intendiamo tale termine non solo in relazione all ambito letterario, un abilità nello scrivere o nel leggere un testo scritto, ma come atto comunicativo in quanto tale, attraverso tutte le forme espressive possibili, dalle parole alle immagini, passando per artefatti e altri simboli visivi. I videogiochi, infatti, sono strumenti multimodali, ossia mezzi comunicativi che hanno il pregio di affidare a più forme espressive contemporaneamente il proprio contenuto. Non solo, però, la comunicazione umana ha a disposizione diverse modalità di espressione del significato, ma, in contesti diversi, lo stesso elemento porta con sé un messaggio differente A questo livello si parla di un dominio semiotico della literacy, il contesto in cui la comunicazione viene attuata. Nel gioco esso è il luogo dell azione. Un dominio semiotico può essere visto secondo due prospettive differenti: si può indagare internamente, definendone il tipo di contenuto, o esternamente, analizzando il coinvolgimento delle persone che ne deriva e che si traduce in pratiche sociali. Spesso, parlando dei videogiochi, se ne è criticata la violenza o, addirittura, si è arrivati a dire che essi non insegnano nulla perché non hanno alcun contenuto educativo da comunicare. Un affermazione come questa deriva dalla concezione per cui è da apprendere solo ciò che viene insegnato a scuola, è contenuto educativo solo ciò che è materia di studio accademico. Non trattando tali temi, i videogiochi vengono, quindi, definiti come incapaci di formare. Il dominio del gioco non è quello delle discipline accademiche e il contenuto che essi comunicano non è, quindi, della stessa natura di quello che possono trasmettere la storia o la fisica. Giocando si impara cosa fare (e cosa non fare) in una determinata situazione. Il contenuto di un videogames è definito dalle regole del gioco, che determinano il campo delle azioni possibili: sono la grammatica del dominio semiotico. Nei giochi tradizionali, normalmente, le regole vengono apprese dai gamer prima di cominciare a giocare. In un videogioco, invece, le regole vengono apprese man mano che si procede in esso: è necessario sbagliare, cadere e alle volte morire per conoscerle. Il gameplay stesso può essere definito come learning to understand the rules code, come afferma Sherry Turale, professore de MIT. I videogiochi non sono un lavoro, il paradigma cybertextuale di un dato filone di studio del fenomeno videoludico è falso. I giocatori amano i videogiochi perché sono tutto tranne che un lavoro. Sono una forma di gioco, nell accezione del termine che

16 abbiamo fin qui indagato. Ciò che va sottolineato è che, a differenza di quanto sostiene certa critica, l immersione che comportano non è un coinvolgimento nello spazio virtuale distaccato dal mondo reale, ma nell attività ludica stessa. Il rapporto che si instaura tra il giocatore e l ambiente del gioco è pari a quello tra l uomo e la realtà. Non vi è una dispersione della persona nel mondo che la circonda, ma un coinvolgimento di essa nell attività, nell esperienza che compie. Questo porta a un abbassamento del livello di distrazione, da cui, erroneamente, ha origine l accusa ai videogiochi di imbambolare chi li usa, ma allo stesso tempo rende l apprendimento più efficace. Perché l apprendimento sia efficace, si ha bisogno non solo di comprendere ciò che si è imparato, ma anche di metterlo in pratica. Non basta, quindi, conoscere il contenuto formativo, ma è necessario saper giudicare tale conoscenza in modo da poterla usare in circostanze in cui valutiamo essere utile. L apprendimento che deriva dai videogiochi è definito da J.P.Gee, studioso del fenomeno videoludico, come active and critical learning. Critical perché si può parlare di compimento di un atto formativo solo nel momento in cui ciò che si è appreso diviene elemento di giudizio; Active perché ciò che domina le dinamiche in atto in un videogioco è l interazione. Giocando impariamo a fare qualcosa. Gradualmente o velocemente, a seconda del tipo di gioco e anche di chi sia il gamer, impariamo le mosse che sono richieste per affrontare l avventura, apprendiamo quali siano i comandi che dobbiamo usare, entriamo a conoscenza di quelle che sono le regole del gioco, di cosa si può o non si può fare all interno del gioco e come tutto questo può o non può essere realizzato. Impariamo a manipolare la realtà virtuale del videogioco. Scopriamo come controllare ciò che accade sullo schermo. Marc Prensky, nei suoi studi sul tema, parla di Pattern Recognition: quando giochiamo a Tetris siamo attaccati da centinaia di pezzi che compaiono sullo schermo sempre più velocemente. Dobbiamo incastrarli in modo da non lasciare punti vuoti nello spazio di gioco. Sviluppiamo e usiamo il modello mentale di spazio che abbiamo acquisito stando nella realtà. Come accade nell apprendimento in aula, i videogiochi strutturano il proprio domino semiotico in differenti livelli che definiscono la difficoltà di gioco e, quindi, di interazione con lo spazio adattandosi a quello che il regime di competenza del giocatore. Così come un insegnante adatta il proprio metodo, il proprio linguaggio rispetto a chi sono i suoi studenti, allo stesso modo un videogioco si adegua al profilo del proprio gamer. La conoscenza è sempre qualcosa di accessibile all uomo: la realtà è fatta per l uomo che la scopre così come un videogioco è fatto per il giocatore che lo gioca. Il giocatore cerca di conoscere un nuovo mondo, si trova ad interagire con un dominio diverso da quello quotidiano, ma che, però, si plasma e si adatta alla sue esigenze, alle sue abilità. Si pensi, ad esempio, alla possibilità di scegliere diversi livelli di gioco e come tale scelta renda visibili alcuni elementi piuttosto che altri, oppure al fatto che è solo ciò con cui noi interagiamo a modificarsi e non tutto lo spazio di gioco. In un videogame gli ostacoli che si incontrano non appaiono mai infattibili: che l esperienza sia fattibile è il requisito minimo perché il videogioco viva

17 Quando a scuola si impara qualcosa, la conoscenza che si è appresa viene testata e valutata. Allo stesso modo, in un videogioco, alla fine di ogni livello di gioco, dopo situazioni particolarmente complicate o pericolose vi è sempre una ricompensa per il giocatore e le conoscenze apprese in quella sessione di gioco sono il requisito per procedere e passare alla seguente. Dalla relazione che si instaura tra il giocatore e il gioco emergono tre identità: la real person, il virtual character e una projective identity. Il virtual character è l identità che la persona assume nel gioco, il personaggio in cui si identifica nel mondo virtuale. Ma, anche mentre si gioca, si mantiene la propria real-word identity. Chi si è non viene meno nel momento in cui si gioca, ma, anzi, incide sulle scelte e sulle decisioni che si prendono durante il gioco stesso. Il terzo livello di identità che è possibile definire è quello della projective identity. Il termine projective va inteso, in questo caso, secondo due diverse prospettive: da una parte esso indica l influenza della real-world identity su la virtual identity, il come io incida sul mio personaggio. Dall altra, esso è da intendere, nel momento in cui il gioco è in atto, come l emergere di desideri e di aspirazioni per quella che è la vita del virtual character. La definizione delle tre identità permette al giocatore di essere attivo e riflessivo rispetto al gioco. Le scelte che sono fatte, le decisioni prese rispetto allo svolgere della storia sono prese da noi, in quanto esterni al gioco, ma sono attuabili solo nel momento in cui è la nostra identità virtuale a compierle, nel rispetto delle regole del gioco. Quando si gioca è necessario che si crei un ponte tra la real-world identity e la virtual identity. Nel momento in cui si apprende qualcosa, la propria identità viene trasformata e coinvolta in uno spazio virtuale il cui dominio semantico è quella del contenuto che si sta acquisendo. Durante un esperimento di scienze, si deve, in qualche modo, sentirsi scienziati, si deve essere coinvolti in una nuova virtual identity. La projective identity è ciò che permette l attuarsi della formazione, ciò che garantisce che le conoscenze apprese non rimangano relegate allo spazio virtuale dell apprendimento. La dimensione performativa o esperienziale del gioco costringe il giocatore a mettere in pratica le proprie conoscenze, a testare le proprie abilità. Non è un dovere imposto l apprendere qualcosa, ma una scoperta e il risultato di una domanda del discente in relazione al formatore. Acquisire una conoscenza non è un atto relativo solo al contesto in cui questo avviene, né è riducibile alla pura razionalità della persona che apprende, ma la coinvolge nella sua totalità. Definito come un giocatore può essere learner, vogliamo ora analizzare come egli sviluppi la propria strategia di gioco, quale sia il modello di apprendimento che egli usa. L agire del giocatore nello spazio del gioco non è una scelta tra una lista di possibilità a lui più o meno note, ma un pattern, un contesto in cui interagire secondo il significato che esso mostra, rispettando la relazione che sussiste tra i suoi elementi. Un pattern è una teoria sperimentale, che si rinnova e perfeziona continuamente

18 nell esperienza, provando e riprovando. Definire una strategia di gioco significa, quindi, strutturare un modello comportamentale. Esso viene definito secondo quattro momenti differenti: - costruzione del modello: a partire da quello che è il nostro background di conoscenze, definiamo un primo modello comportamentale secondo cui interagiamo con lo spazio videoludico - valutazione: il modello viene valutato nell interazione, viene verificata la sua validità continuando l esperienza videoludica - integrazione e revisione: nuove condizioni di gioco, costringono a rivedere il modello fino a quel punto usato e a definire, quindi, una nuova strategia di gioco Ogni giocatore ha la propria strategia di gioco. Si può interagire con lo stesso contesto in modo diversi, secondo le proprie inclinazioni e abilità, l esperienza videoludica è personale. La definizione della strategia di gioco è facilitata da due caratteristiche della struttura stessa del mezzo videoludico. La prima è legata alla semplicità del dominio di gioco: per semplicità non si intende la mancanza di situazioni difficili, dove sia subito chiaro come comportarsi, ma il principio di aderenza alla realtà che abbiamo detto essere l origine del dominio semiotico de gioco. La riproduzione del mondo reale nel dominio del gioco assomiglia molto all idea di campionamento che porta un segnale da analogico a digitale: esso viene analizzato e definito in elementi minimi che permettono un alto grado di fedeltà al messaggio originale nel momento in cui viene riprodotto. Apprendere qualcosa implica che questa sia sperimentata più e più volte, che sia fatta una conoscenza propria e non solo una nozione imparata a memoria. Bisogna spendere del tempo e fare fatica affinché questo accada. Un buon videogioco usa di questo principio nel coinvolgere e nel condurre il giocatore. Quando si gioca per la prima volta, vi è un evidente fatica nel capire come interagire con lo spazio che si ha di fronte e, anche quando si intuisce quali sono le possibilità di azione e come queste siano attuabili, non è immediato il riuscire a portarle a compimento. È necessario provare. Tentare. Riprovare ancora. Non è un caso che, spesso, il primo schema di un videogioco richieda di ripetere gli stessi movimenti, quasi fino alla nausea, se si considera il movimento che si compie come un elemento a sé stante ed indipendente dal contesto di gioco. Uno dei punti forza nella struttura di un buon videogioco è proprio questa sua capacità di mantenere alto il livello di implicazione del giocatore attraverso una struttura iterativa. Così come il mondo reale è un modello per i videogiochi, allo stesso modo, i videogiochi possono essere modelli per altri domini semiotici. Spesso il mondo virtuale di cui essi sono capaci viene usato come spazio di training per le esperienze nel mondo reale. Qualche anno fa, ad esempio, nei laboratori de MIT è stato progettato un

19 tutorial per un programma di grafica, strutturato come un videogioco. Le persone imparavano ad usare il programma giocando con esso. Erano ricreate situazioni in cui veniva richiesto al giocatore di progettare particolari strutture per poter continuare nell esperienza videoludica. Gli edifici venivano costruiti così come sarebbero stati progettati usando il programma. L apprendimento attraverso i videogiochi è quindi attivo e critico non solo relativamente all esperienza ludica in se stessa, ma anche rispetto ad altri domini semiotici. I videogiocatori sono attori attivi del gioco: essi non solo determinano il proprio gioco, ma il suo successo. Giocando, discutendo delle proprie esperienze, essi danno forma ad una grammatica esterna del gioco. Si può parlare di diverse tipologie di videogiochi perché i giocatori stessi le hanno così definite giocando. Sono i giocatori a giudicare il lavoro dei game designer, a ritenere o meno un gioco come accettabile in una determinata categoria fino a influire sulle scelte stesse dei game designer in fase di progettazione. La conoscenza tacita ed esperienziale del giocatore non è definitiva. Il confine tra master e learner è molto sottile. Ci sono giocatori esperti in una data tipologia di giochi, che, agli occhi di altri, potrebbero apparire come maestri del gioco.ma non si smette mai di imparare. Non è che, dato che un preciso schema di gioco si è già fatto, o se ne è portato a termine uno simile, è scontato che si riuscirà a completarlo di nuovo senza problemi, senza fatica e, soprattutto, senza scoprire nulla di nuovo. Così come la realtà supera sempre l uomo e l esperienza che egli ha di questa, allo stesso modo un videogioco non è mai privo di novità e imprevisti anche per il giocatore più esperto. Nell atto formativo, il rapporto che si instaura tra discente e maestro porta ad una crescita, non solo a livello di conoscenza, di entrambi i soggetti. Allo stesso modo, in un videogioco il giocatore, sia che egli sia learner nei confronti del gioco, sia che ne sia master, impara sempre qualcosa! Quello che vogliamo affermare non è che i videogiochi siano buoni, ma che permettono un buon learning. La forza di questi nuovi strumenti videoludici sta proprio nel modo che essi hanno di compiere l atto formativo, di coinvolgere i giocatori. Non è un caso che, molto spesso, i vari tentativi di fare dei giochi educativi siano miseramente falliti. In commercio si trovano molti videogiochi per bambini delle elementari che si ripromettono di insegnare loro a leggere, a scrivere, fare i primi calcoli matematici ( ), ma risultano, il più delle volte, dei tentativi mal riusciti. Non è che essi non raggiungano l obiettivo che si erano prefissati, ma sono noiosi. I bambini stanno facendo tutto tranne che giocare. Non bisogna pensare, allo stesso tempo, che quando un game designer progetta un gioco egli applichi particolari principi formativi. Egli sviluppa un gioco in modo che sia coinvolgente, in modo che sia possibile imparare a giocarvi. Un gioco che non insegni a giocare con se stesso non vende. Obiettivo dei game designers è quello di produrre un gioco che tenga il gamer incollato ad esso molte ore. Ma perché si ottenga questo risultato, non basta che l avventura sia divertente, che affascini il giocatore: è necessario che il gioco sia in grado di spiegare al suo giocatore come procedere, come interagire. Si impara a giocare dal gioco stesso, essendo naturalmente coinvolti in esso

20 Bibliografia I siti consigliati per approfondire l'argomento sono: 1. (unica collana italiana di studio sui videogiochi) 2. (maggior esperto italiano/europeo di videogiochi) 3. (docente americano esperto di videogiochi) 4. (MIT - dipartimento di ricerca sui videogiochi)

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli