Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto"

Transcript

1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE E PER L'AMBIENTE ED IL TERRITORIO ESAME DI TOPOGRAFIA E GEOMATICA mod. II Tema d'anno: Uso del suolo della zona di Massafra in provincia di Taranto Relazione telerilevamento Docenti: Prof. Ing. D. Costantino Prof. ing. M. Angelini Studenti: Annamaria Tappari Antonio Rodio ANNO ACCADEMICO 2012/2013

2 INDICE 1.Introduzione l telerilevamento 1.1 TELERILEVAMENTO...pag SPETTRO ELETTROMAGNETICO E FIRMA SPETTRALE...pag I SATELLITI...pag I SENSORI...pag I SENSORI AD ALTA RISOLUZIONE...pag I SENSORI A MEDIA RISOLUZIONE...pag 6 2. Uso del suolo di Massafra in provincia di Taranto 2.1 QUICKBIRD...pag TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI...pag Ricampionamento delle Immagini...pag Creare il file Envi Meta...pag Georeferenziazione...pag Classificazione...pag Maximum likelihood...pag Conclusioni...pag 22

3 1. INTRODUZIONE L oggetto del tema d anno consiste nella determinazione della Caratterizzazione ed uso del suolo determinazione delle caratteristiche che descrivono come il suolo è usato dall uomo del comprensorio di Massafra e Palagiano (TA); il tutto attraverso le tecniche del telerilevamento. 1.1 TELERILEVAMENTO Il telerilevamento è l insieme di tecniche, strumenti e mezzi interpretativi che permettono l acquisizione e la misura di dati/informazioni relativi a proprietà di oggetti o materie, attraverso uno strumento di registrazione non in stretto contatto fisico con l oggetto stesso. Il veicolo d informazione nel telerilevamento è l energia elettromagnetica, e di fondamentale importanza sono le sue diverse proprietà come emissione, riflessione, e diffusione. Le informazioni qualitative e quantitative raccolte tramite opportuni sensori, sono relative agli spettri elettromagnetici associati ai diversi oggetti presenti sulla superficie terrestre. L interpretazione di quest ultimi permette di avere informazioni utili relativi alle caratteristiche fisiche dell oggetto studiato. Le informazioni sono registrate mediante strumenti che misurano l energia riflessa o emessa dagli oggetti ed in seguito sono trasmesse a terra per eseguire operazioni di elaborazione analisi e applicazione delle informazioni acquisite. Le radiazioni utilizzate in questo campo sono quelle appartenenti: alla banda del visibile, dell infrarosso, e delle microonde. I dati possono essere acquisiti da aereo o da terra (proximal sensing) ovvero a distanze di qualche metro fra sensore e oggetto o tramite ripresa satellitare (remote sensing) a distanze di migliaia di chilometri. I dati telerilevati sono utilizzati in diversi campi applicativi come: monitoraggio delle zone a rischio idrologico, progettazione, realizzazione e gestione dei sistemi di trasporto, nonché delle reti di telecomunicazione, uso del suolo, ecc. Nell ambito dell analisi, della gestione del territorio e della progettazione di strutture tecnologiche, i telerilevamenti forniscono dati accurati, puntuali e georiferiti che sono integrabili in sistemi GIS (Sistema di Informazione Geografica, impiegati per il controllo e la pianificazione territoriale). Il telerilevamento permette di ottenere: - una visione globale del sistema: riesce a rilevare aree inaccessibili con altri sistemi, come nel caso di zone boreali e/o desertiche; - una copertura frequente: si ottengono immagini in modo ripetitivo per la maggior parte della superficie terrestre grazie al numero di satelliti che sono in orbita; osservazioni a diversa scala: si riesce a passare facilmente da una visione d insieme alla visione particolareggiata di un oggetto telerilevato; - omogeneità nelle acquisizioni: si ha una visione panoramica della superficie senza punti di discontinuità, cosa che diversamente si otterrebbe con un mosaico di fotografie aeree; - rilevazioni di regioni dello spettro elettromagnetico non visibili; -un formato digitale delle informazioni acquisite. 1.2 SPETTRO ELETTROMAGNETICO E FIRMA SPETTRALE Lo spettro elettromagnetico rappresenta la distribuzione monodimensionale e continua dell energia elettromagnetica in funzione della lunghezza d onda (o della frequenza) sempre positive e diverse da zero. Si osserva che maggiore è la lunghezza d onda, minore 2

4 è l energia coinvolta. Esso è suddiviso convenzionalmente in regioni chiamate bande, a loro volta suddivise in sottobande. Fra queste possono ricordarsi i raggi x, gli ultravioletti o le onde radio. Le bande adottate nel telerilevamento sono: - Visibile: (VIS) - Infrarosso: - (NIR,infrarosso vicino) - (SWIR, infrarosso medio) - (TIR, infrarosso termico) - Microonde Un corpo è in grado di riflettere l energia incidente, proveniente da una sorgente esterna, in funzione delle proprie caratteristiche geometriche e dalla propria natura. Esso è inoltre in grado di emettere energia, questa volta in funzione della propria temperatura. Pertanto, nota la sorgente della radiazione incidente, le misure di riflessione ed emissione delle radiazioni provenienti dal corpo in esame in funzione di una o più bande spettrali definisce la firma spettrale. Essa permette di risalire alla natura dell oggetto studiato. Dato che la quantità di radiazione elettromagnetica riflessa, assorbita, o trasmessa, varia in funzione della lunghezza d onda, è possibile identificare le diverse sostanze attraverso la loro firma. Tuttavia l energia elettromagnetica proveniente dal sensore attivo o direttamente dal sole, è soggetta nel percorso dalla fonte all oggetto, e successivamente dall oggetto al sensore, all interazione con l atmosfera. Essa ne influenza la trasmissione a causa dei processi di diffusione (la radiazione elettromagnetica è dispersa in tutte le direzioni senza subire cambiamento di lunghezza d onda) e assorbimento ad opera delle particelle e delle molecole di gas ivi presenti (che assorbono diversamente la radiazione in funzione della lunghezza d onda). Tali fenomeni costituiscono un disturbo per l analisi dei dati acquisiti. Per esempio la presenza di copertura nuvolosa causa l assorbimento delle radiazioni corrispondenti alla banda del visibile, comportando la perdita completa dei dati, mentre tale fenomeno è meno incisivo nella banda delle microonde. La trasmissività atmosferica della radiazione incidente in funzione della lunghezza d onda è un indicatore di quanto la radiazione stessa sia assorbita da parte dell atmosfera. Le finestre atmosferiche sono quelle regioni spettrali in cui si registra una perdita minima o nulla della radiazione dovuta all assorbimento. In tali regioni operano i sensori che pertanto sono impostati su tali frequenze. 1.3 I SATELLITI Esistono diverse tipologie di satelliti che servono per la rilevazione delle immagini telerilevate. Il satellite percorre una traiettoria denominata orbita, scelta in base alla quota rispetto alla superficie terrestre, la velocità di rotazione e all inclinazione rispetto al piano equatoriale, e all uso per cui il satellite è destinato. Inoltre, funzione della quota sono la risoluzione (direttamente proporzionale) e la copertura dello strumento (AVOF). 1.4 I SENSORI Durante il moto del satellite, il sensore registra dati relativi ad una specifica porzione 3

5 della superficie terrestre, detta traccia a terra dello strumento, mentre l ampiezza della scansione è chiamata swath. I sensori utilizzati nel telerilevamento possono fornire delle misure (radiometri, spettofotometri), o delle immagini (macchine fotografiche, termo camere), in entrambe i casi possiamo distinguerli in: passivi e attivi. I sensori passivi servono a rilevare la radiazione elettromagnetica riflessa o emessa da fonti naturali, come ad esempio il sole. Per quanto riguarda l energia riflessa, ciò può avvenire solo quando il sole illumina l'oggetto in osservazione. L'energia emessa, come l'infrarosso termico, può essere invece misurata sia di giorno che di notte. I sensori attivi rilevano la risposta riflessa da un oggetto irradiato da una fonte di energia generata artificialmente da loro stessi. Per questo motivo essi devono essere in grado di emettere una considerevole quantità di energia, in ogni caso sufficiente ad illuminare il bersaglio. La radiazione emessa raggiunge l'oggetto in osservazione e la sua frazione riflessa viene rilevata e misurata dal sensore. Tra i vantaggi dei sensori attivi vi è la possibilità di effettuare misure ad ogni ora del giorno e della notte e, nel caso dei radar, anche in ogni condizione meteorologica. Le proprietà che caratterizzano un sensore sono: - Risoluzione spaziale: minima area sul terreno vista dallo strumento, fissata l altezza e il tempo, e coincide con la minima distanza entro la quale due oggetti appaiono distinti nell immagine. - Risoluzione radiometrica: minima differenza di intensità che un sensore può rilevare tra due valori di energia raggiante, pertanto migliore è la risoluzione radiometrica più è sensibile nel registrare piccole differenze nell energia riflessa ed emessa. - Risoluzione spettrale: ampiezza delle bande spettrali risolte dal sensore, ossia il minimo intervallo tra le lunghezze d onda medie di due bande spettrali che un sensore può superare. I sensori multispettrali registrano l energia di intervalli separati di lunghezza d onda a diverse risoluzioni spettrali. I sensori iperspettrali registrano centinaia di bande spettrali nel visibile, infrarosso vicino e medio. L alta risoluzione permette di discriminare differenti oggetti sulla base della loro risposta spettrale in tali bande. - Risoluzione temporale: è l intervallo di tempo che intercorre tra acquisizioni successive della stessa area. In base all intervallo di lunghezza d onda in cui operano i vari sensori, essi sono classificati come: - Sensori ottici: operano nelle bande del visibile e dell infrarosso e si possono suddividere in:. Sensori pancromatici: muniti di un solo rilevatore e forniscono un segnale proporzionale alla radiazione complessiva nella banda del visibile e del vicino infrarosso;. Sensori multispettrali (MSS): distinguono varie bande nel visibile e nell infrarosso;. Sensori iperspettrali: suddividono la radiazione in un elevato numero di canali spettrali a bande molto strette.. Sensori a microonde: operano nella banda delle microonde attraversando l atmosfera senza significative interferenze. 4

6 Di seguito si vogliono riportare i diversi tipi di sensori attualmente in orbita, evidenziandone le diverse risoluzioni e le bande in cui essi operano. 1.5 SENSORI AD ALTA RISOLUZIONE Il sensore ASTER (Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer): in orbita dal 1999, ha fra gli obiettivi principali la acquisizione di immagini prive di copertura nuvolosa allo scopo di ottenere mappe dettagliate della temperatura superficiale e controllare l uso e la copertura del territorio. Esso acquisisce immagini in quattordici canali spettrali (3 nel VNIR, 6 nello SWIR, 5nel TIR). Inoltre possiede un elevata risoluzione spaziale, radiometrica e spettrale. La risoluzione spaziale varia con la lunghezza d onda di 15m nel VNIR, 30m nel SWIR, 90m nel TIR. Le immagini ASTER inoltre coprono vaste aree di dimensioni 60x60 Km. Il satellite QUICKBIRD è stato lanciato in orbita il 18 Ottobre nel 2001 ed è in fase operativa dalla primavera del E il satellite commerciale con più alta risoluzione spaziale disponibile, poiché è dotato di un sensore pancromatico con risoluzione spettrale di 0,61 m e di un sensore multispettrale a 4 bande con risoluzione di 2,44 m. La risoluzione radiometrica è di 11 bit. Il sensore consente una copertura di 16,5 Km2 ma è anche possibile acquisire delle sotto immagini di 5Km2. Il satellite IKONOS lanciato nel 1999 acquisisce in contemporanea immagini pancromatiche con risoluzione spaziale di 1 m e immagini multi spettrali a 4 bande con risoluzione spaziale di 4 m. Entrambe i sensori presentano una risoluzione radiometrica di 11 bit. Il progetto EROS prevede il lancio di due differenti tipi di satellite: EROS A ( orbita ad una quota di 480 Km ) ed EROS B1/B6 (orbitano ad una quota di 600 Km. Il satellite EROS A è dotato di uno scanner elettronico a CCD operante in modalità pancromatica, con risoluzione spaziale di 1,8 m e la strisciata è larga 12,5 Km. 10 I satelliti EROS B sono dotati di uno scanner elettronico a CCD/TDI con risoluzione spaziale di 0,82 m in grado di produrre immagini nitide anche in condizioni di scarsa luminosità. Mentre EROS B1 acquisisce una banda pancromatica con risoluzione radiometrica di 8 bit, i satelliti B2/B6 acquisiscono con risoluzione radiometrica di 10 bit. Il RADAR opera con lunghezze d onda comprese tra 0,8cm e 1 m. Esso è un sensore attivo in grado di rilevare la superficie terrestre anche in presenza di copertura nuvolosa (l attenuazione dell atmosfera è nulla per lunghezze d onda superiori a 3 cm). Di conseguenza le immagini si possono acquisire sia di giorno che di notte indipendentemente dall illuminazione solare. Il RADAR è costituito da un trasmettitore e da un ricevitore rispettivamente per emettere un fascio di onde elettromagnetiche e misurare l intensità della radiazione di ritorno diffusa dai corpi e dalla terra. Una volta che il radar ha emesso un segnale a microonde, si misura l energia con cui un oggetto riflette tale segnale. Questo procedimento è definito backscattering o retrodiffusione. La risposta della superficie allo stimolo elettromagnetico è funzione: - energia incidente: in termini di frequenza, ampiezza,polarizzazione e fase, direzione di propagazione del fascio; -dalla superficie investigata: in funzione dell umidità, rugosità, costante dielettrica, natura e giacitura del corpo. 5

7 1.6 SENSORI A MEDIA RISOLUZIONE Fra i satelliti a media risoluzione vi è il satellite SPOT, la cui caratteristica peculiare è di non avere l asse di visione fisso, ma rotante rispetto alla superficie terrestre. Tale proprietà permette di acquisire dati laterali alla traccia al suolo sotto un angolo massimo di 27 e ciò permette un incremento della risoluzione temporale del sistema. I sensori implementati sul satellite SPOT sono due e sono denominati HRV (High Resolution Visibile) e operano rispettivamente nello NIR e nel VIS. Il sensore HRVIR implementato sullo SPOT 4 presenta in aggiunta la possibilità di operare in una banda dello SWIR e può operare sia nel pancromatico che nel multispettrale; la sua risoluzione spaziale è di 10m nel pancromatico e di 20 nel multispettrale. Lo SPOT 5 monta un sensore denominato HRG che acquisisce tre bande nel VIS e nel NIR con una risoluzione spaziale di 10 m e una banda pancromatica con risoluzione di 2,5m. Fra i satelliti a media risoluzione vi sono poi i satelliti LANDSAT: LANDSAT 1 è dotato di due sensori : l RBV che acquisisce nelle tre bande del VIS e del NIR, e l MSS che acquisisce nelle tre bande del VIS NIR e TIR. La loro risoluzione temporale è di 18 giorni. I LANDSAT 4 e 5 sono dotati di un sensore multi spettrale denominato Thematic Mapper operante nel VIS e nell infrarosso, con risoluzione temporale di 14 giorni. 2. USO DEL SUOLO DI MASSAFRA IN PROVINCIA DI TARANTO 2.1 QUICKBIRD Il dato in input del presente tema d anno consiste in un immagine satellitare Quickbird, scattata dall omonimo satellite, realizzato dalla Digital Globe Incorporated TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI Il trattamento delle immagini è stato effettuato attraverso l utilizzo del software ENVI 4.7 il quale è la soluzione software principale usata per processare e analizzare immagini geospaziali. Il software ENVI unisce le tecnologie per l analisi spettrale e l image processing, con un interfaccia intuitiva e user friendly attraverso la quale riusciamo ad ottenere informazione significativa delle immagini. Per il nostro tema d anno ci è stata assegnata l'immagine Quickbird (figura1). Come precedentemente accennato nel paragrafo 1.5, l immagine Quickbird è costituita da un immagine in pancromatico e da un immagine in multispettrale. L immagine in pancromatico ha una risoluzione a terra pari a 0.6 metri e presenta un unica banda dello spettro elettromagnetico corrispondente al visibile ed al vicino infrarosso ( m); l immagine in multispettrale ha una risoluzione a terra pari a 2.4 metri e presenta quattro bande spettrali: - Banda 1 (Blu) m - Banda 2 (Verde) m - Banda 3 (Rosso) m - Banda 4 (Vicino Infrarosso) m Dato che la risoluzione relativa alla banda del pancromatico è differente rispetto alla risoluzione relativa alle bande del multispettrale è stato necessario convertire le bande del multispettrale alla risoluzione di 0.6 metri. Tale procedura, che consiste nel cambiare le 6

8 Figura 1 Figura 2: Caratteristiche del multispettrale Figura 3: Caratteristiche del pancromatico 7

9 dimensioni in pixel e quindi le dimensioni di visualizzazione di un immagine, è detta Ricampionamento delle immagini Ricampionamento delle immagini Attraverso la funzione Basic Tools, utilizzando il comando Resize Data è stato possibile effettuare un Resize Data Parameters ovvero si selezionano le bande del multispettrale che presentano una dimensione del pixel di 2.4 metri e si imposta la dimensione dei pixel in output pari a 0.6 metri. Figura 4: Ricampionamento delle immagini Una volta creati i files ricampionati bisogna effettuare il salvataggio in un unico file ENVI Meta Creare il file ENVI Meta Sono stati aperti il file del multispettrale ricampionato a 0.6 metri e il file del pancromatico; abbiamo cliccato su File successivamente su Save File As e infine su ENVI Meta: Sono stati importati il file corrispondente al ricampionamento del multispettrale e il file del pancromatico. Si osserva che l immagine ENVI Meta presenta per tutte le bande la dimensione di 0.6 metri, pertanto lo scopo del ricampionamento è stato raggiunto: Figura 5: Ricampionamento delle immagini 8

10 2.2.3 Georeferenziazione Successivamente a tale operazione è stato possibile passare all effettiva fase di georeferenziazione. Ovviamente per l'attuazione della procedura di georeferenziazione è necessaria la conoscenza del Datum, ovvero il sistema di riferimento che permette di esprimere in termini matematici la posizione dei punti sulla superficie fisica della Terra o prossimi ad essa. Esistono differenti metodologie per effettuare la georeferenziazione di un'immagine: a) IMAGE TO MAP: prevede la conoscenza delle coordinate dei GCPs in modo tale da stabilire una relazione matematico-statistica tra le coordinate dei pixel sull'immagine e la cartografia di riferimento; b) IMAGE TO IMAGE: questa modalità prevede l'individuazione di punti omologhi tra due immagini, di cui una è georiferita in relazione al Datum prescelto. Si tratta di una procedura che semplifica notevolmente il lavoro di scelta dei GCPs. Quando si scelgono i GCPs è necessario che essi siano facilmente identificabili sia sull'immagine che sulla cartografia e devono essere quanto più omogenei e con posizione costante nel tempo all'interno dell'immagine. Operativamente la scelta dei punti sia sull immagine georeferita che su quella da georeferire, si effettua facendo riferimento ad elementi della superficie fisica, in modo da essere facilmente identificabili, distribuiti nel modo più omogeneo possibile e con posizione costante nel tempo. L immagine georeferita utilizzata, è stata realizzata effettuando il mosaico, a partire dalle ortofoto con estensione.ecw, scaricate dal sito della regione Puglia (sit.puglia.it) già georeferite nel datum WGS84. Le ortofoto utilizzate a tal fine, sono state solo quelle relative all area in esame. Per ricostruire il mosaico ci si è avvalsi del comando mosaicking, presente nella sezione Basic Tools del menu. Quindi sono state importate le ortofoto della zona di interesse e cliccando su File, Save Template è stato possibile salvare il mosaico con estensione.mos. Figura 6: Mosaicking 9

11 La georeferenziazione è stata condotta attraverso la modalità Image to Image. E necessario aprire nella stessa sessione di ENVI due differenti display, selezionando come base image l immagine già georeferita e come warp image quella da georeferire: Figura 7 Successivamente si ottiene la finestra di dialogo per la selezione dei ground control points, creando un file con estensione.pts che va salvato scegliendo il comando SAVE GCPS TO ASCII. Nella pagina seguente si riporta la tabella dei GCPS. L accuratezza con la quale sono stati inseriti i GCPs è stata valutata tramite il valore dell RMS (Root Mean Square) ovvero il valore di scarto tra i punti rilevati su entrambe le immagini. Il miglior risultato ottenuto è stato il valore di RMS pari a Di seguito si riporta la fase di individuazione e selezione dei GCPs. La georeferenziazione è stata eseguita con i diversi metodi che si avevano a disposizione:. Metodo Polinomiale dal I al IV grado;. Triangolazione;. RST. Successivamente dalla finestra Ground Control Points Selection dal menu Options abbiamo cliccato su Warp File e dalla finestra Input Warp Image è stato selezionato il file Envi Meta e sono stati avviati i metodi di georeferenziazione sopra elencati. Si riportano di seguito i risultati ottenuti: 10

12 Figura 8: Individuazione dei GCPS Figura 9: Tabella dei GCPS 11

13 Figura 10: Polynomiale Degree 1 Figura 11: Polynomiale Degree 2 Figura 12: Polynomiale Degree 3 Figura 13: Polynomiale Degree 4 Figura 14: Triangulation Figura 15: RST 12

14 La nostra scelta è ricaduta sulla georeferenziazione ottenuta con il metodo Polinomiale di III grado. È stato scartato a priori il metodo di georeferenziazione Triangulation perché viene tagliata parte dell immagine e il metodo RST in quanto procurava deformazioni all immagine. Per meglio comprendere quale grado di Polinomiale scegliere, è opportuno osservare i rispettivi valori dell RMS. Riportiamo qui di seguito rispettivamente i valori dell RMS della Polinomiale di I, II, III e IV grado: RMS Polinomiale I: RMS Polinomiale II: RMS Polinomiale III: RMS Polinomiale IV: Dai dati risulta che il processo di georeferenziazione ottenuto con il metodo del III grado è quello che ha riscontrato maggiore successo. 13

15 2.2.4 Classificazione Alla fase di georeferenziazione è seguita la classificazione (individuazione delle diverse tipologie di copertura del terreno). La classificazione è condotta dal programma, attribuendo ad una stessa classe i pixel di una immagine se i loro valori spettrali, nelle diverse bande, sono simili. Tuttavia per stabilire una corrispondenza fra le classi identificate e le categorie di copertura del suolo, bisogna disporre di dati esterni all immagine, ottenibili mediante sopralluoghi in campo o utilizzando carte sull uso del suolo, riferite allo stesso periodo di acquisizione dell immagine, come quelle scaricabili dal sito sit.puglia.it. Esistono due possibili modalità di classificazione: - non supervisionata; - supervisionata; a seconda che si disponga dei dati di taratura dopo o prima della stessa. Nel presente lavoro si è scelto di condurre dapprima la classificazione in maniera non supervisionata ovvero supponendo di non conoscere a priori la natura delle coperture ed il loro numero esatto. Ciò consente di formare cluster di pixel in base ad un criterio di prossimità reciproca. Pertanto ogni cluster è formato da pixel probabilmente appartenenti alla stessa classe perché spettralmente simili. Solo successivamente si assegna il tipo di copertura sulla base dei dati di taratura successivamente raccolti. Tale metodo può essere realizzato tramite due approcci differenti a seconda degli algoritmi considerati, ciascuno di essi infatti prevede un differente tipo di assegnazione dei pixel alle classi. Nel caso di studio è stato scelto di applicare entrambe le procedure al fine di poter selezionare il risultato migliore. Quest ultimo servirà come dato di partenza, contemporaneamente alla carta sull uso del suolo, per la realizzazione della classificazione supervisionata. Gli algoritmi che è possibile utilizzare sono: - K- MEANS: il quale inizia con la scelta delle K classi da parte dell operatore, successivamente, l algoritmo prevede l individuazione di K pixel considerati rappresentativi delle medie delle classi. Esso procede iterativamente e termina solo quando le medie sono ormai fissate, consentendo quest ultime il corretto raggruppamento dei cluster. Si è eseguita la classificazione imponendo un numero di classi pari a 10 (K=10). Operativamente dal menu classification è stata selezionata la voce unsupervised ; successivamente compare la finestra di dialogo che permette di selezionare il numero di classi (che è stato impostato a 10) e di scegliere un numero di iterazioni (in questo caso pari ad 1). Figura 16 14

16 Figura 17: Classificazione con il metodo K - MEANS - ISODATA: come il metodo K-MEANS, permette di assegnare ogni pixel al cluster con centro più vicino e consente inoltre di ricalcolare le posizioni dei centri dopo l assegnazione. Tale algoritmo differisce rispetto all algoritmo K-MEANS, in quanto non è necessario fissare a priori il numero di cluster nel momento in cui si effettuano le iterazioni, ma tale numero è variabile in relazione a tre processi fondamentali: eliminazione di cluster(se hanno un numero piccolo di pixel), unificazione di cluster(se sono molto vicini), divisione di cluster( se sono dispersi). Come si osserva dall immagine di seguito riportata, in questo caso si imposta il numero minimo e massimo di classi. Figura 18 15

17 Figura 19: Classificazione con il metodo ISODATA Successivamente è stata eseguita la classificazione supervisionata, ove si è fatto affidamento alle conoscenze del territorio interessato, attraverso l individuazione delle ROI, ovvero Region of interest. Infatti in questo caso conoscevamo a priori le classi presenti nella zona investigata, per un numero sufficientemente significativo di pixel, definiti appunto pixel campione, quelli restanti vengono classificati a seconda della somiglianza con il campione. Le tecniche di classificazione supervisionata sono:. Parallelepiped;. Minimum Distance;. Mahalanobis Distance;. Maximum Likelihood;. Spectral angle mapper (SAM);. Spectral Information Divergence. La scelta dei pixel rappresentativi di ogni classe è stata effettuata attraverso l individuazione delle cosiddette Regions of Interest (ROI). Nell area individuata sono state considerate le seguenti ROI. 16

18 Figura 20: Tabella delle ROI Nel tracciamento delle ROI sono state selezionate più zone che presentavano caratteristiche simili dal punto di vista territoriale, e si è fatto in modo che appartenessero alla stessa ROI, consapevoli del fatto che il software operi durante la classificazione supervisionata una media spettrale tra le diverse regioni assegnate per la stessa ROI. Di seguito si riportano le immagini relative alla fase di delimitazione delle ROI: Figura 21: Fase di delimitazione delle ROI 17

19 Una volta selezionato il file di input e quello in cui si sono assegnate le ROI con estensione.roi sono stati applicati tutti i metodi di classificazione supervisionata sopraccitati. Overall Accuracy: % Kappa Coefficient: Figura 22: Parallelepiped Overall Accuracy: % Kappa Coefficient: Figura 23: Minimum Distance Overall Accuracy: % Kappa Coefficient: Figura 24: Mahalanobis Distance Overall Accuracy: % Kappa Coefficient: Figura 25: Maximum Likelihood 18

20 Overall Accuracy: % Kappa Coefficient: Figura 26: SAM Overall Accuracy: % Kappa Coefficient: Figura 27: Spectral information divergence 19

21 Si è quindi valutata l accuratezza dell immagine attraverso la matrice di confusione, ottenendo risultati soddisfacenti. Il calcolatore può valutare l accuratezza, tramite diversi metodi, tra cui : - l Overall accuracy, che rapporta il numero di pixel classificati correttamente rispetto al numero totale di pixel. Quelli corretti sono riportati lungo la diagonale della matrice di confusione, mentre per pixel totali si intende la somma dei pixel di tutte le classi; - Kappa coefficient, che è calcolato moltiplicando il numero di pixel totali, per la somma delle diagonali della matrice di confusione, e sottraendo la somma di tutti i pixel appartenenti alla classe considerata (commission) e dividendo per il quadrato del numero totale di pixel a meno il termine precedente. Tale coefficiente è pari a uno in caso di assenza di errore nella classificazione. - Matrice di confusione, è calcolata confrontando la posizione nonché la classe di ogni pixel dell area reale con quelli dell immagine classificata. Le colonne della matrice indicano le classi. - Errore di commissione, rappresenta i pixel che nonostante appartengano ad una classe, vengono assegnati ad una classe differente. Questi errori sono indicati nelle righe della matrice di confusione. - Errore di omissione,rappresentano pixel che provengono da classe di superficie vera, ma che la tecnica di classificazione ha sbagliato a classificare nella propria classe. - Producer accuracy, indica la probabilità del classificatore di registrare un pixel nella corretta classe d appartenenza. - User accuracy,indica la probabilità che un pixel appartenga realmente alla classe a cui è stato assegnato. L algoritmo che ha fornito i migliori risultati è stato quello del Maximum likelihood, il quale opera attraverso la conoscenza di dati al suolo, identificando le regioni di spazio delle bande in cui sono localizzati i pixel appartenenti alle classi che si vogliono individuare nell immagine. 20

22 2.2.5 Maximum likelihood Questo algoritmo opera attraverso l ausilio di dati al suolo per definire i valori tipici dei pixel delle classi da identificare. Questo equivale ad identificare le regioni dello spazio delle bande in cui sono localizzati i pixel appartenenti alle classi che si vuole identificare nell immagine. I pixel vengono poi assegnati alle classi confrontando i valori digitali con quelli tipici di ogni classe. Figura 28: Maximum Likelihood La matrice di confusione della Maximum Likelihood è la seguente: 21

23 Figura 27: Matrice di confusione 3. CONCLUSIONI L autenticità e la validità della classificazione sono state valutate mediante un confronto visivo con la carta tematica per Uso del Suolo proposta e scaricabile dal sito Confrontando le due immagini è stato possibile notare come l elaborato abbia restituito una classificazione dell uso del suolo coerente con quella del SIT Puglia. Figura 29 22

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Piranometri first & second class. Manuale utente

Piranometri first & second class. Manuale utente Piranometri first & second class Manuale utente LSI LASTEM SRL INSTUM_01389 (MW6022) Aggiornamento: 28 marzo 2014 Sommario 1 Note su questo manuale... 3 2 Caratteristiche tecniche... 3 3 Taratura... 7

Dettagli

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca (Ivan Corazza) INDICE Misura intervalli RR battito-a-battito (Giorgio Barletta) Misura della variabilità

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SCEGLIERE UNO SCANNER

SCEGLIERE UNO SCANNER Tecnologie informatiche SCEGLIERE UNO SCANNER Con l utilizzo di uno scanner si può digitalizzare un documento in formato cartaceo, rendendolo così disponibile in formato elettronico. In questo approfondimento

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli