RAPPORTO SUL SETTORE DEL REAL ESTATE NELL AREA DEL MEDITERRANEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO SUL SETTORE DEL REAL ESTATE NELL AREA DEL MEDITERRANEO"

Transcript

1

2 RAPPORTO SUL SETTORE DEL REAL ESTATE NELL AREA DEL MEDITERRANEO

3 Rapporto sul settore del Real Estate nell Area del Mediterraneo a cura di Promos, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Milano per le attività internazionali e Ge.Fi Gestione Fiere I edizione giugno 2010 Il Rapporto è stato redatto nell ambito delle attività previste dal Laboratorio Euro Mediterraneo e dall Osservatorio sul Real Estate nel Mediterraneo Promos - Camera di Commercio di Milano www. milanomediterraneo.org Rapporto predisposto in occasione di EIRE Expo Italia Real Estate Milano, 8-10 giugno 2010 Coordinamento del rapporto: Anna Carrabetta Redazione: Anna Carrabetta e Anna Casaglia Progetto Grafico e impaginazione: Marco Pennisi & C. Milano

4 Executive Summary 1. Il sistema Euro-Mediterraneo L Unione Europea e il Mediterraneo Il partenariato Euro-Mediterraneo L Unione per il Mediterraneo Presentazione dell area 2.1. Definizione dell e aree Tendenze demografiche Profilo socio-economico Il periodo post-crisi: alcuni cenni 34 INDICE 3. Lo sviluppo urbano nella Regione Mediterranea Espansione urbana nell Area Mediterranea Le risposte gestionali 59 BOX: Le recenti trasformazioni delle aree urbane nell Europa Meridionale 61 BOX: Sviluppo urbano e Real Estate in Libano 62 BOX: Le Linee Guida OCSE per la Responsabilità Sociale d Impresa Gli investimenti nell area del Mediterraneo Bilancio settoriale Investimenti Diretti Esteri Tipologie di investitori 78 BOX: I fondi immobiliari Quadro regionale 82 I parametri di riferimento 83 Algeria 87 Egitto 97 Marocco 113 Montenegro 127 Serbia 139 Tunisia 150 Turchia 160 Indice grafici e tabelle 170

5 EXECUTIVE SUMMARY

6 Il Rapporto sul settore del Real Estate nell Area del Mediterraneo a cura di Promos Camera di Commercio di Milano e di Ge.Fi. Gestione Fiere, vuole fornire un contributo informativo e uno strumento valutativo rispetto allo scenario economico dell Area Mediterranea, con uno specifico riferimento al settore del Real Estate e della crescita urbana. Il lavoro fornisce un quadro generale dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, per poi concentrarsi più in profondità sugli scenari di mercato in Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Turchia, Montenegro e Serbia, mercati con potenzialità in termini di investimenti nel settore immobiliare, turistico e delle infrastrutture urbane. Il Rapporto, promosso Promos e da Ge.Fi. si pone come strumento informativo settoriale, in occasione dello svolgimento della Expo Italiana del Real Estate (EIRE) L obiettivo è quello di fornire uno strumento utile a imprenditori, investitori ed esperti di settore che vogliono conoscere da vicino l Area Mediterranea intesa in senso allargato e le sue possibilità di sviluppo nel settore del Real Estate. Come si vedrà la forte crescita in atto nei Paesi chiave analizzati richiede investimenti di capitali stranieri, ma anche e soprattutto l immissione di una expertise che permetta uno sviluppo so- Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 5

7 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 6 stenibile a livello ambientale e sociale. Attraverso l analisi di indicatori economici e di progetti specifici del settore, il lavoro mira a evidenziare alcuni tra gli ambiti di potenziale investimento per le imprese lombarde e italiane, offrendo uno strumento agevole e preciso per accedere allo stato dell arte del settore del Real Estate in considerazione del complesso scenario socio-economico della Regione Mediterranea, anche in relazione all Europa. Il rapido aumento della popolazione, l urbanizzazione e l industrializzazione crescente dei Paesi del Mediterraneo rendono cruciale il settore del Real Estate sia residenziale che commerciale. Inoltre, i grandi investimenti in opere pubbliche miglioramento delle reti stradali e ferroviarie, ampliamento di porti e aeroporti sono affiancati da progetti di rigenerazione urbana e di costruzione di grandi strutture abitative o commerciali. Infine, accanto al settore delle infrastrutture, il turismo risulta essere un propulsore economico di grande importanza per i Paesi presi in considerazione, sia per il miglioramento della performance economica, sia per lo stimolo agli investimenti nel Real Estate. Dopo una presentazione dell Area di riferimento, il lavoro mostra un quadro generale dello sviluppo urbano in alcuni dei Paesi del Mediterraneo, mettendo in luce le specificità che ne hanno caratterizzato l urbanizzazione, fornendo dati statistici sulla crescita urbana e sulla popolazione dei diversi Paesi, e i principali trend di crescita. Alla luce della crisi che ha recentemente messo in difficoltà l economia italiana ed europea, viene quindi presentato l andamento degli investimenti italiani in questi Paesi, con un focus sui settori legati al Real Estate. La presentazione di alcune best practice che mettono in luce i vantaggi e le possibilità offerte nei Paesi presi in esame, dimostra l opportunità di implementare questo tipo di investimenti.

8 Il Rapporto tiene conto della performance relativa a una serie di indici e indicatori chiave (dalla competitività alla libertà economica), che permettono una valutazione delle opportunità di investimento. Per ciascun Paese viene fornita una presentazione della situazione macro-economica, con un focus su alcune strutture pubbliche e private a sostegno di imprese e investimenti esteri, le zone offshore, gli accordi bilaterali con l Italia e altri incentivi allo sviluppo degli investimenti. Il Rapporto fornisce anche informazioni utili su grandi progetti in corso nelle aree di interesse, per poi concentrarsi nello specifico sul mercato del Real Estate. Dati relativi ai tassi di rendita delle locazioni, alle tassazioni degli immobili e ai prezzi delle case al metro quadrato aiutano a fornire un quadro valutativo per gli investimenti e a completare la panoramica. Rispetto al mercato immobiliare, tutti i sette Paesi (Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Turchia, Montenegro e Serbia) si dimostrano essenzialmente competitivi dal punto di vista degli investimenti. La costante crescita della popolazione urbana ha il duplice effetto di aumentare la domanda di alloggi e innalzare i prezzi delle case al metro quadrato nelle città capitali o nei principali Centri urbani, che variano da Paese a Paese, perciò, per ognuno, vengono analizzati nel dettaglio i fattori di crescita o le problematiche presenti. Nell ambito del turismo, che risulta essere un settore in grande espansione nei Paesi presi in esame, vengono presentati progetti specifici in questo settore. Importanti iniziative caratterizzano in particolare il Marocco e l Egitto, entrambi concentrati sull ampliamento dell offerta turistica costiera e la conseguente espansione delle strutture ricettive, la Turchia, dove il settore turistico si è consolidato e continua a offrire grandi opportunità di investimento, e il Montenegro, dove si assiste a un investimento massiccio nell edilizia turistica, grazie alla presenza di parchi naturali, coste e località montane di forte attrazione. Algeria, Serbia e Tunisia, da questo punto di vista, si trovano Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 7

9 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 8 in una fase di minore crescita, ma ancora più interessante per quanto riguarda potenziali investitori, dal momento che i governi locali stanno attuando piani di incentivo allo sviluppo del settore attraverso lo stanziamento di fondi per la creazione di poli turistici e per la formazione del personale da impiegare nelle strutture ricettive. Grandi progetti nel settore delle infrastrutture caratterizzano tutti e sette i Paesi in esame, sia al fine di migliorare strutture preesistenti sia per ovviare alla carenza di trasporti adeguati, conseguenza in casi come la Serbia, del lungo periodo del conflitto. Vengono evidenziati investimenti massicci nell ampliamento delle aree urbane dovuti a una costante crescita della popolazione, il rafforzamento delle connessioni tra i diversi centri del Paese, tra i singoli Paesi e verso l Europa. Un focus sulle Agenzie per lo Sviluppo degli Investimenti Locali, presenti in ogni Paese, fornisce informazioni essenziali sulla capacità dei Paesi di attrarre e accogliere potenziali investitori, e sulle agevolazioni in atto rispetto alle cosiddette free trade zone, gli accordi di scambio commerciale, le convenzioni esistenti con l Italia o altre specifiche normative o disposizioni che facilitano l investimento straniero. I dati specifici sui Paesi presi in esame evidenziano una forte eterogeneità per quanto riguarda il mercato del Real Estate, sia per quanto riguarda i dati sui prezzi al metro quadrato delle abitazioni sia in riferimento agli investimenti locali ed esteri nell Area. Ciò nonostante, è possibile individuare un trend comune alla Regione Mediterranea e in particolare ai Paesi oggetto del Rapporto. L intera Area ha infatti mostrato caratteri di stabilità economica superiori alla media durante la recente crisi limitando le conseguenze a una diminuzione negli investimenti. La crisi ha condizionato maggiormente i Paesi della Sponda Est, ma i dati del Fondo Monetario Internazionale presentano una stima di crescita del Prodotto Interno Lordo positiva e so-

10 stanziale, per i prossimi anni, in quasi tutti gli stati, a eccezione di Turchia, Algeria e Libano. Un altro fattore che accomuna i Paesi presi in esame riguarda il trend di crescita della popolazione urbana, che già da diversi anni caratterizza l Area del Mediterraneo, dove la popolazione urbana è cresciuta da 94 milioni nel 1950 a 274 milioni nel 2000 e le proiezioni per il 2025 presentano dati in costante aumento. In particolare, se le Sponde Europee mostrano un minore trend di espansione, per le Sponde Sud, Est e per il Medio Oriente si prevede un incremento del 2,2% della popolazione urbana. Questo tipo di sviluppo ha come conseguenza diretta l aumento della richiesta di alloggi e anche di adeguate infrastrutture e servizi, fattori che rendono il mercato del Real Estate residenziale e commerciale uno dei settori più importanti nella Regione. In tal senso, in Libano, entro il 2013, si prevede una crescita del 10% nel mercato immobiliare, il Marocco ha investito fino a quasi 3 miliardi di euro in singoli progetti per lo sviluppo di aree urbane in forte crescita e in Montenegro il mercato del Real Estate, specialmente legato alla costruzione di poli turistici, ha visto una crescita di oltre il 50% negli investimenti. Difficoltà riguardanti l instabilità politica o la corruzione presente nei sistemi di governo non rendono ancora possibile una lettura dell Area omogenea e priva di problematiche. Gli alloggi irregolari rappresentano ancora una frequente risposta alla crescente richiesta abitativa (fino al 30% della popolazione adotta questo tipo di soluzione), anche se il dato è in diminuzione. Nel complesso, è infine possibile individuare una compensazione al calo di investimenti esteri nell aumento di partenariati e accordi internazionali che favoriscono una maggiore trasparenza nei mercati locali. Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 9

11 1. IL SISTEMA EURO-MEDITERRANEO

12 1.1 L UNIONE EUROPEA E IL MEDITERRANEO Alla luce della riscoperta della Regione Mediterranea, l analisi degli strumenti geopolitici internazionali identifica oggi nella Regione un interessante prospettiva in termini di capacità d investimento e creazione di nuove opportunità lavorative. Dal punto di vista sociale e culturale l Area Mediterranea si trova di fronte a una sfida probabilmente senza precedenti, in equilibrio tra il mantenimento dei valori tradizionali e i nuovi orientamenti alla competizione internazionale. Traguardo, quest ultimo, che potrebbe rappresentare nel prossimo futuro la chiave di svolta nella moderna rilettura dell inquadramento economico dell area, capace di coniugare mercato e tradizione. Da un lato, quindi, la Sponda Nord del Mar Mediterraneo, strutturata secondo una formula politica e sociale cosiddetta dei Paesi Occidentali, dall altro, la Sponda Sud, caratterizzata da una complessa e articolata tradizione. Tutto ciò in uno scenario di concreto riavvicinamento tra culture e popoli posizionati a nord e sud di un bacino storicamente generativo di identità diversificate e di civiltà avanguardiste. In una logica di reale apertura al mercato e alla competizione, i pro- Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 11

13 cessi di globalizzazione dei mercati hanno indubbiamente evidenziato l importanza e la rilevanza del saper coniugare apparati culturali locali con dinamiche di mercato sempre più transnazionali. È il valore dell identità competitiva che identifica i tratti comuni e caratterizzanti di un sistema Paese. Un discorso che può certamente essere applicato ad ambiti territoriali più ampi, verso sistemi regionali costituiti da un insieme di Paesi. È questa la vera sfida per un territorio vasto come quello del bacino del Mediterraneo, capace di dialogare e aprire canali di interscambio di reciproco interesse per i Paesi coinvolti in una comune logica identitaria che vede nel Mediterraneo un anello di naturale congiunzione sociale e culturale. L accesso all energia e all acqua, il controllo delle migrazioni, Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 12 Obiettivo del presente rapporto è l analisi delle concrete potenzialità di sviluppo delle attività di investimento nel settore del Real Estate, con riferimento alle condizioni territoriali e socio-economiche dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo l implementazione delle relazioni istituzionali, la stabilità politica, rappresentano certamente indicatori molto importanti in termini di valorizzazione degli investimenti. Allo stesso tempo l analisi e lo studio del territorio costituisce un elemento imprescindibile nella verifica delle possibilità di scambio tra nord e sud del Mediterraneo. Sono trascorsi quasi quindici anni da quando il partenariato Euro-Mediterraneo ha assunto un ruolo attivo. La Dichiarazione di Barcellona adottata il 28 novembre 1995 dai quindici ministri degli Affari Esteri dell Unione Europea e da quelli dei dodici

14 partner mediterranei beneficiari, gli allora Paesi MEDA (Algeria, Cipro, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Malta, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia, Territori Palestinesi/ANP) ha definito una volontà comune nel volere avvicinare le reciproche distanze. Un segnale rafforzato nella seconda conferenza ministeriale tenutasi a Malta il 15 e il 16 aprile 1997, nella quale si è sancito un importante passaggio politico tra l UE e i Paesi del Mediterraneo. Questo è stato da molti interpretato come concreto intento di riequilibrare verso Sud l azione dell Europa, che dal 1989 aveva guardato prevalentemente a Est. 1.2 IL PARTENARIATO EURO-MEDITERRANEO Nel 1995 a Barcellona prende forma il Partenariato Euro-Mediterraneo, un alleanza che sarebbe stata successivamente indicata come il Processo di Barcellona. L obiettivo era creare tra l Unione Europea e i partner della Sponda Sud ed Est del Mediterraneo un area di stabilità, di sviluppo e di dialogo. A tal fine sono stati creati strumenti di governance mediante i quali il Partenariato ha dato vita a reti e azioni di cooperazione in materia di sviluppo economico e sociale, avviando dei processi di liberalizzazione negli scambi commerciali e istituzionali. Il Partenariato Euro-Mediterraneo si basa su tre diversi campi di intervento: politico e di sicurezza, economico e finanziario, sociale e culturale. Esso trova dunque manifestazione in una serie di iniziative che coprono settori di applicazione molto ampi. Tra gli obiettivi più rilevanti: riavvicinare le politiche economiche settoriali, in particolare in campo industriale, delle telecomunicazioni, dell energia e dell acqua; implementare le reti di cooperazione euro-mediterranee miranti a facilitare lo scambio di conoscenze; Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 13

15 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 14 rafforzare la cooperazione con la società civile; aumentare la collaborazione nel campo della rilevazione statistica; consolidare e salvaguardare il patrimonio culturale con l obbiettivo di riconoscere le tradizioni reciproche e lo sviluppo del dialogo culturale; favorire la costruzione di un area di pace e stabilità attraverso l identificazione di un certo numero di principi e di obbiettivi comuni. Al fine di agevolare e supportare tali iniziative, nel giugno 1995, il Consiglio Europeo di Cannes dotò il Partenariato di importanti mezzi finanziari, stanziando fondi fino al Questi mezzi comprendevano aiuti finanziari a fondo perduto, provenienti dal bilancio comunitario e un ammontare in prestiti della Banca Europea dedicato agli investimenti. Nell ambito degli aiuti a fondo perduto la parte preponderante si concentrò sul programma MEDA I (sarebbe infatti successivamente seguito un programma MEDA II) e tali aiuti furono gestiti dalla Commissione Europea, in accordo con il Comitato Med, composto dai rappresentanti degli Stati Membri e presieduto da un rappresentante della Commissione. Il programma MEDA nacque principalmente con lo scopo di incoraggiare e sostenere le riforme socio-economiche dei partner Mediterranei, attraverso due canali di intervento: 1 - le Azioni Bilaterali, cui è stato destinato circa il 90% dell importo totale e che prendono l avvio dagli accordi di associazione fra l Unione Europea e ciascun Paese beneficiario. Le Azioni Bilaterali si basano sui programmi indicativi nazionali, che definiscono, in funzione delle linee guida comuni, i settori prioritari a cui è rivolto il sostegno comunitario, iden tificando nel contempo gli importi previsti per ogni settore. I settori principali di intervento sono i seguenti: sostegno alla transizione economica, mediante programmi di aggiustamento strutturale e programmi di sviluppo del settore privato; consolidamento degli equilibri socio- economici; sviluppo della società civile.

16 2 - le Iniziative Regionali ivi compresa la cooperazione decentralizzata in via di parziale rilancio che coinvolgono più Paesi delle Sponde del Mediterraneo. Queste si articolano attraverso incontri, conferenze e programmi tematici e coinvolgono i partner mediterranei e i Paesi europei. Ne emerge una priorità attuativa, concretizzata dallo sforzo finanziario rivolto es senzialmente più che al finanziamento diretto di imprese o società, alla preparazione di quel terreno e di quelle condizioni che ne permettano il loro sviluppo e il loro operare. Ciò è altresì avallato dalla creazione di ECIP (European Community Investment Partners). Con questo strumento operativo l Unione Europea si prefigge di promuovere la costituzione e lo sviluppo di joint-venture tra piccole e medie imprese dei Paesi del Mediterraneo, America Latina, Asia e Sudafrica. Al fine di fornire una panoramica rappresentativa dei principali strumenti di governance del Partenariato Euro-Mediterraneo, si illustra di seguito una serie di programmi attuativi con una breve descrizione: MEDA-Democrazia: è un programma di cooperazione destinato a promuovere i diritti dell uomo e lo sviluppo della democrazia nei Paesi partner mediterranei, creato su iniziativa del Parlamento Europeo nel Il programma accorda delle sovvenzioni ad associazioni senza scopo di lucro, università, centri di ricerca e organismi pubblici, per realizzare dei progetti che mirino all avanzamento della democrazia, della libertà d espressione, di associazione e a proteggere dei gruppi specifici della società, quali le donne, i giovani e le minoranze. Il finanziamento comunitario per questo tipo di progetti può arrivare fino all 80% del costo totale. Life Paesi Terzi: lo scopo è attuare misure di assistenza tecnica e azioni pilota ai Paesi terzi dell Area Mediterranea (oltre che ai Paesi dell area MEDA, Albania, Bosnia ed Erzegovina e Croazia) nei seguenti settori: - assistenza tecnica per la messa in opera delle strutture am- Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 15

17 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 16 ministrative necessarie nel campo dell ambiente e per lo sviluppo di politiche ambientali e programmi d azione; - conservazione o recupero ambientale, di importanti habitat che ospitino flora e fauna minacciate; - azioni pilota di promozione dello sviluppo sostenibile. Il programma ha finanziato, in genere fino al 50%, progetti presentati da amministrazioni pubbliche, organizzazioni non governative, persone fisiche o giuridiche stabilite nei Paesi eleggibili. - FEMIP (Facility for Euro-Mediterranean Investment and Partnership): è lo strumento operativo per eccellenza che la Banca Europea per gli Investimenti adotta a sostegno di chi opera nella Regione Mediterranea. I principali beneficiari del FEMIP sono imprese e organismi del settore pubblico e privato di tutti i Paesi coinvolti nel Partenariato Euro-Mediterraneo che effettuino investimenti nei Paesi MEDA. Le forme di finanziamento offerte agli operatori sono molteplici: - prestiti a lungo termine per progetti di ampia portata (importi superiori a 25 milioni di euro); - linee di credito al settore finanziario e bancario locale qualora destinasse tali risorse alle piccole e medie imprese; - finanziamenti su capitali di rischio per la costituzione di joint-venture, di fondi di investimento o di fondi a partecipazione locale; - fondi per assistenza tecnica, destinati principalmente all identificazione, ideazione e gestione dei progetti, oltre che sostegno dei processi di riforma e di privatizzazione. Nonostante alcuni buoni risultati delle iniziative avviate a Barcellona, la strada da percorrere in termini di stabilizzazione e integrazione tra le due Sponde del Mediterraneo appare ancora piuttosto complessa. Le azioni promosse negli ultimi quindici anni rappresentano tuttavia premesse fondamentali e imprescindibili allo sviluppo comune dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo.

18 1.3 L UNIONE PER IL MEDITERRANEO Il 13 luglio 2008 a Parigi, il Partenariato Euro-Mediterraneo è stato rilanciato attraverso la costituzione dell Unione per il Mediterraneo (UpM). Lo stesso anno, tra il 3 e il 4 novembre a Marsiglia, in occasione del Marseille Meeting of the Euro-Mediterranean Ministers of Foreign Affaire (Conferenza Euro-Mediterranea) furono stabilite le linee d azione congiunta al fine di favorire il rilancio del Partenariato. Oltre a riproporre gli obiettivi del Processo di Barcellona e a sottolineare la comune ambizione strategica di realizzare nell Area Euro-Mediterranea uno spazio di pace e cooperazione, i Paesi convenirono su una serie di innovazioni istituzionali e identificarono le linee per azioni comuni. La firma della Dichiarazione di Marsiglia contempla infatti per la neo UpM una propria struttura di governance condivisa. In tal senso, le priorità sono individuate in relazione ai seguenti temi: disinquinamento del Mediterraneo; costruzione di autostrade di terra e di mare; protezione civile; energie alternative; educazione superiore; supporto alle piccole e medie imprese; lotta contro il terrorismo; gestione delle crisi (crisis management); cooperazione parlamentare. Rilevante è in tal senso il ruolo crescente che il Partenariato Euro-Mediterraneo assume nelle difficili circostanze di cui è teatro il vicino Oriente. Il Processo di Barcellona resta l unico forum regionale dove tutti i Paesi Euro-Mediterranei possono confrontarsi e intraprendere azioni costruttive comuni in termini di sicurezza internazionale. L UpM ha rinnovato i contenuti del Processo di Barcellona in almeno tre punti: tramite il potenziamento del livello politico delle relazioni Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 17

19 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 18 dell UE con i suoi partner Mediterranei; mediante la previsione di ulteriori co-titolarità nelle relazioni multilaterali; rendendo tali relazioni più concrete e visibili attraverso progetti regionali e sub regionali. La Conferenza Euro-Mediterranea di Marsiglia ha reso operativo il progetto politico dell UpM prevedendo alcune linee operative di carattere gestionale: la creazione di un segretariato autonomo con un proprio statuto e con sede a Barcellona; la designazione di un segretario generale della Sponda Sud del Mediterraneo e di cinque vice segretari (Israele, Territori Palestinesi/ANP, Malta, Italia e Grecia), ciascuno riferito ai sei temi del progetto UpM; l adesione della Lega degli Stati Arabi quale membro effettivo. La città di Barcellona, in quanto sede del segretariato autonomo, rappresenterà il centro decisionale della UpM. Nell antico Palazzo Reale della capitale della Catalogna risiederà il segretario generale, proveniente da un Paese della Sponda Sud, che lavorerà in coordinamento con i vice segretari dei cinque Paesi. Attualmente la presidenza, di durata biennale, è franco-egiziana. Compito dell organo decisionale sarà quello di selezionare i progetti dell UpM, con l obiettivo di promuovere la crescita e l occupazione, la coesione regionale e l integrazione socio-economica, sempre in riferimento ai settori individuati durante l incontro di Parigi del luglio Il segretariato avrà il compito di trovare i fondi necessari alla gestione delle attività e facoltà decisionale in termini di destinazione degli stessi. Dal punto di vista economico è stato annunciato che i fondi per il funzionamento dell UpM arriveranno, oltre che dal budget della Commissione Europea, dai Paesi Membri che provvederanno alla remunerazione dei funzionari del segretariato anche attraverso il versamento di contributi volontari. Sarà comunque facoltà del se-

20 gretariato, sotto approvazione dei ministri, ottenere dei finanziamenti supplementari provenienti, per esempio, dal settore privato, dalle istituzioni finanziarie internazionali, dalla coope razione bilaterale o dai contributi dei partner Mediterranei. Nella dichiarazione finale, a conclusione del vertice, è stata stilata l Agenda Programmatica degli incontri ministeriali Euro Mediterranei per l anno Nell Agenda sono enunciati in modo indicativo i settori di intervento prioritario al fine di agevolare e accelerare il processo di integrazione nella Regione Mediterranea: trasporti, istruzione superiore, commercio, giustizia, sicurezza, economia, finanza, sviluppo sostenibile e potenziamento del ruolo della donna nella società. In linea generale la Conferenza Euro-Mediterranea di Marsiglia ha riscosso un considerevole successo politico e diplomatico. Ciò ha permesso una immediata operatività già attiva dalla fine del Riferimenti e Link Banca Europea per gli Investimenti FEMIP (Facility for Euro-Mediterranean Investment and Partnership) Commissione Europea Fondazione Mediterraneo IPEMED, Institut de Prospective du Monde Méditerranéen Joint Declaration of the Paris Summit for the Mediterranean, Paris, 13 luglio Final Statement Mediterranean Union, Marseille, 3-4 novembre Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 19

21 2. PRESENTAZIONE DELL AREA

22 2.1 DEFINIZIONE DELLE AREE Il presente rapporto si concentra su tre aree principali di sviluppo: la Sponda Sud, la Sponda Est e il Medio Oriente. a) La Sponda Sud Con Sponda Sud si intende tutta l area costiera del Mediterraneo che si estende dall Oceano Atlantico sino al Canale di Suez. In questa definizione territoriale sono compresi i seguenti Paesi: Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Turchia. b) Il Medio Oriente Con Medio Oriente si intende, invece, l area Sud-Est del Mediterraneo. Sono compresi in questa zona: Giordania, Israele, Libano, Siria, Territori Palestinesi (ANP). c) La Sponda Est Con Sponda Est ci si riferisce alla costa adriatica ad est del- Sponda Sud, Sponda Est e Medio Oriente sono le 3 aree della Regione Mediterranea sulle quali si concentra il presente Rapporto Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 21

23 l Italia, ossia l area balcanica che si affaccia sul mare o di poco limitrofa. A quest area appartengono: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Macedonia e Montenegro. 2.2 TENDENZE DEMOGRAFICHE Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 22 Le dinamiche demografiche rappresentano, seppure in modo indiretto, un indicatore significativo dello sviluppo economico di un territorio come quello che comprende le aree trattate. Andamento della popolazione: la popolazione aggiornata all anno 2010 è di più di 301 milioni di abitanti, rispetto agli oltre 400 milioni di abitanti dell Europa Occidentale. I Paesi con uno share di popolazione maggiore sono Egitto (26,7%), Turchia (25,8%), Algeria (11,5%) e Marocco (10,5%). La Tabella 1 mette a confronto i dati sulla popolazione negli ultimi vent anni, con la distribuzione percentuale. In vent anni, la popolazione delle tre aree ha subito un incremento di quasi 100 milioni di abitanti, con aumenti particolarmente significativi registrati in Egitto, Siria, Marocco, Turchia. Occorre comunque precisare che i dati sulla popolazione, sono suscettibili di considerevoli variazioni statistiche a causa delle vicende socio-politiche che contraddistinguono alcuni di questi territori. Sponda Sud Scorporando i dati della popolazione secondo le aree, possiamo Come indicatori dello sviluppo socio-economico delle 3 aree sono stati analizzati per ciascuna le dinamiche demografiche, PIL, PIL Pro-Capite, Indice di Sviluppo (HDI) e Indice di Povertà (HPI)

24 TABELLA 1 EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE Paese Abitanti 1990 (%) 1990 Abitanti 2010 (%) 2010 Algeria ,8% ,5% Egitto ,8% ,7% Libia ,9% ,1% Marocco ,3% ,5% Tunisia ,9% ,5% Turchia ,5% ,8% Giordania ,5% ,1% Israele ,1% ,4% Libano ,6% ,4% Siria ,9% ,4% Territori Palestinesi ,9% ,4% Albania ,5% ,2% Bosnia -Erzegovina ,1% ,5% Croazia ,1% ,5% Macedonia ,9% ,7% Montenegro ,3% ,2% Totale % % Elaborazioni su dati: U.S. Census Bureau evidenziare come nella c.d. Sponda Sud i due Paesi nettamente più popolosi sono Turchia ed Egitto, seguiti da Algeria e Marocco (che con il 13 e 14% presentano una popolazione dimezzata rispetto ai due Paesi capofila, e infine, Libia e Tunisia, sotto il 10% (Figura 2). I fattori geografici e le aree desertiche sicuramente incidono su queste cifre. La popolazione rimane suddivisa in modo costante nell area negli ultimi 20 anni (si veda Figura 1). Medio Oriente Come dimostrano le Figure 3 e 4, la popolazione dell area Medio Oriente è per metà residente in Siria (51%), Paese nettamente più popoloso (e più esteso) rispetto ai Paesi vicini. La Siria è Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 23

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero Gloria Targetti Dipartimento Promozione e Marketing Varese, 8 maggio 2009 Chi è SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 In un mondo oramai globalizzato le PMI devono essere in grado di affrontare la sempre più crescente concorrenza

Dettagli

TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO"

TURISMO, BRAMBILLA: 400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO" "Per la prima volta in Italia, il governo dispone un concreto e significativo

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ RASSEGNA STAMPA - 16 aprile 2010 Tratto da San Marino Notizie www.sanmarinonotizie.com A San Marino la prima Unione Mondiale delle Piccole e Medie Imprese 14/04/10 17:29 [c.s.] San Marino ospita la prima

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

The PURPLE revolution?

The PURPLE revolution? La nuova disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo Legge n.25 del 4 agosto 204 Legge agosto 204, n. 25. The PURPLE revolution? B www.bolodewo.com 2 Una riforma lunga 30 anni

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Euro P.A. Turismo cercasi dati L ANNUARIO del TURISMO e della CULTURA 2009 Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Fabrizio Lucci, Centro Studi Rimini, 2 aprile 2009 INDICE DELL ANNUARIO

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli