RAPPORTO SUL SETTORE DEL REAL ESTATE NELL AREA DEL MEDITERRANEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO SUL SETTORE DEL REAL ESTATE NELL AREA DEL MEDITERRANEO"

Transcript

1

2 RAPPORTO SUL SETTORE DEL REAL ESTATE NELL AREA DEL MEDITERRANEO

3 Rapporto sul settore del Real Estate nell Area del Mediterraneo a cura di Promos, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Milano per le attività internazionali e Ge.Fi Gestione Fiere I edizione giugno 2010 Il Rapporto è stato redatto nell ambito delle attività previste dal Laboratorio Euro Mediterraneo e dall Osservatorio sul Real Estate nel Mediterraneo Promos - Camera di Commercio di Milano www. milanomediterraneo.org Rapporto predisposto in occasione di EIRE Expo Italia Real Estate Milano, 8-10 giugno 2010 Coordinamento del rapporto: Anna Carrabetta Redazione: Anna Carrabetta e Anna Casaglia Progetto Grafico e impaginazione: Marco Pennisi & C. Milano

4 Executive Summary 1. Il sistema Euro-Mediterraneo L Unione Europea e il Mediterraneo Il partenariato Euro-Mediterraneo L Unione per il Mediterraneo Presentazione dell area 2.1. Definizione dell e aree Tendenze demografiche Profilo socio-economico Il periodo post-crisi: alcuni cenni 34 INDICE 3. Lo sviluppo urbano nella Regione Mediterranea Espansione urbana nell Area Mediterranea Le risposte gestionali 59 BOX: Le recenti trasformazioni delle aree urbane nell Europa Meridionale 61 BOX: Sviluppo urbano e Real Estate in Libano 62 BOX: Le Linee Guida OCSE per la Responsabilità Sociale d Impresa Gli investimenti nell area del Mediterraneo Bilancio settoriale Investimenti Diretti Esteri Tipologie di investitori 78 BOX: I fondi immobiliari Quadro regionale 82 I parametri di riferimento 83 Algeria 87 Egitto 97 Marocco 113 Montenegro 127 Serbia 139 Tunisia 150 Turchia 160 Indice grafici e tabelle 170

5 EXECUTIVE SUMMARY

6 Il Rapporto sul settore del Real Estate nell Area del Mediterraneo a cura di Promos Camera di Commercio di Milano e di Ge.Fi. Gestione Fiere, vuole fornire un contributo informativo e uno strumento valutativo rispetto allo scenario economico dell Area Mediterranea, con uno specifico riferimento al settore del Real Estate e della crescita urbana. Il lavoro fornisce un quadro generale dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, per poi concentrarsi più in profondità sugli scenari di mercato in Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Turchia, Montenegro e Serbia, mercati con potenzialità in termini di investimenti nel settore immobiliare, turistico e delle infrastrutture urbane. Il Rapporto, promosso Promos e da Ge.Fi. si pone come strumento informativo settoriale, in occasione dello svolgimento della Expo Italiana del Real Estate (EIRE) L obiettivo è quello di fornire uno strumento utile a imprenditori, investitori ed esperti di settore che vogliono conoscere da vicino l Area Mediterranea intesa in senso allargato e le sue possibilità di sviluppo nel settore del Real Estate. Come si vedrà la forte crescita in atto nei Paesi chiave analizzati richiede investimenti di capitali stranieri, ma anche e soprattutto l immissione di una expertise che permetta uno sviluppo so- Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 5

7 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 6 stenibile a livello ambientale e sociale. Attraverso l analisi di indicatori economici e di progetti specifici del settore, il lavoro mira a evidenziare alcuni tra gli ambiti di potenziale investimento per le imprese lombarde e italiane, offrendo uno strumento agevole e preciso per accedere allo stato dell arte del settore del Real Estate in considerazione del complesso scenario socio-economico della Regione Mediterranea, anche in relazione all Europa. Il rapido aumento della popolazione, l urbanizzazione e l industrializzazione crescente dei Paesi del Mediterraneo rendono cruciale il settore del Real Estate sia residenziale che commerciale. Inoltre, i grandi investimenti in opere pubbliche miglioramento delle reti stradali e ferroviarie, ampliamento di porti e aeroporti sono affiancati da progetti di rigenerazione urbana e di costruzione di grandi strutture abitative o commerciali. Infine, accanto al settore delle infrastrutture, il turismo risulta essere un propulsore economico di grande importanza per i Paesi presi in considerazione, sia per il miglioramento della performance economica, sia per lo stimolo agli investimenti nel Real Estate. Dopo una presentazione dell Area di riferimento, il lavoro mostra un quadro generale dello sviluppo urbano in alcuni dei Paesi del Mediterraneo, mettendo in luce le specificità che ne hanno caratterizzato l urbanizzazione, fornendo dati statistici sulla crescita urbana e sulla popolazione dei diversi Paesi, e i principali trend di crescita. Alla luce della crisi che ha recentemente messo in difficoltà l economia italiana ed europea, viene quindi presentato l andamento degli investimenti italiani in questi Paesi, con un focus sui settori legati al Real Estate. La presentazione di alcune best practice che mettono in luce i vantaggi e le possibilità offerte nei Paesi presi in esame, dimostra l opportunità di implementare questo tipo di investimenti.

8 Il Rapporto tiene conto della performance relativa a una serie di indici e indicatori chiave (dalla competitività alla libertà economica), che permettono una valutazione delle opportunità di investimento. Per ciascun Paese viene fornita una presentazione della situazione macro-economica, con un focus su alcune strutture pubbliche e private a sostegno di imprese e investimenti esteri, le zone offshore, gli accordi bilaterali con l Italia e altri incentivi allo sviluppo degli investimenti. Il Rapporto fornisce anche informazioni utili su grandi progetti in corso nelle aree di interesse, per poi concentrarsi nello specifico sul mercato del Real Estate. Dati relativi ai tassi di rendita delle locazioni, alle tassazioni degli immobili e ai prezzi delle case al metro quadrato aiutano a fornire un quadro valutativo per gli investimenti e a completare la panoramica. Rispetto al mercato immobiliare, tutti i sette Paesi (Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Turchia, Montenegro e Serbia) si dimostrano essenzialmente competitivi dal punto di vista degli investimenti. La costante crescita della popolazione urbana ha il duplice effetto di aumentare la domanda di alloggi e innalzare i prezzi delle case al metro quadrato nelle città capitali o nei principali Centri urbani, che variano da Paese a Paese, perciò, per ognuno, vengono analizzati nel dettaglio i fattori di crescita o le problematiche presenti. Nell ambito del turismo, che risulta essere un settore in grande espansione nei Paesi presi in esame, vengono presentati progetti specifici in questo settore. Importanti iniziative caratterizzano in particolare il Marocco e l Egitto, entrambi concentrati sull ampliamento dell offerta turistica costiera e la conseguente espansione delle strutture ricettive, la Turchia, dove il settore turistico si è consolidato e continua a offrire grandi opportunità di investimento, e il Montenegro, dove si assiste a un investimento massiccio nell edilizia turistica, grazie alla presenza di parchi naturali, coste e località montane di forte attrazione. Algeria, Serbia e Tunisia, da questo punto di vista, si trovano Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 7

9 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 8 in una fase di minore crescita, ma ancora più interessante per quanto riguarda potenziali investitori, dal momento che i governi locali stanno attuando piani di incentivo allo sviluppo del settore attraverso lo stanziamento di fondi per la creazione di poli turistici e per la formazione del personale da impiegare nelle strutture ricettive. Grandi progetti nel settore delle infrastrutture caratterizzano tutti e sette i Paesi in esame, sia al fine di migliorare strutture preesistenti sia per ovviare alla carenza di trasporti adeguati, conseguenza in casi come la Serbia, del lungo periodo del conflitto. Vengono evidenziati investimenti massicci nell ampliamento delle aree urbane dovuti a una costante crescita della popolazione, il rafforzamento delle connessioni tra i diversi centri del Paese, tra i singoli Paesi e verso l Europa. Un focus sulle Agenzie per lo Sviluppo degli Investimenti Locali, presenti in ogni Paese, fornisce informazioni essenziali sulla capacità dei Paesi di attrarre e accogliere potenziali investitori, e sulle agevolazioni in atto rispetto alle cosiddette free trade zone, gli accordi di scambio commerciale, le convenzioni esistenti con l Italia o altre specifiche normative o disposizioni che facilitano l investimento straniero. I dati specifici sui Paesi presi in esame evidenziano una forte eterogeneità per quanto riguarda il mercato del Real Estate, sia per quanto riguarda i dati sui prezzi al metro quadrato delle abitazioni sia in riferimento agli investimenti locali ed esteri nell Area. Ciò nonostante, è possibile individuare un trend comune alla Regione Mediterranea e in particolare ai Paesi oggetto del Rapporto. L intera Area ha infatti mostrato caratteri di stabilità economica superiori alla media durante la recente crisi limitando le conseguenze a una diminuzione negli investimenti. La crisi ha condizionato maggiormente i Paesi della Sponda Est, ma i dati del Fondo Monetario Internazionale presentano una stima di crescita del Prodotto Interno Lordo positiva e so-

10 stanziale, per i prossimi anni, in quasi tutti gli stati, a eccezione di Turchia, Algeria e Libano. Un altro fattore che accomuna i Paesi presi in esame riguarda il trend di crescita della popolazione urbana, che già da diversi anni caratterizza l Area del Mediterraneo, dove la popolazione urbana è cresciuta da 94 milioni nel 1950 a 274 milioni nel 2000 e le proiezioni per il 2025 presentano dati in costante aumento. In particolare, se le Sponde Europee mostrano un minore trend di espansione, per le Sponde Sud, Est e per il Medio Oriente si prevede un incremento del 2,2% della popolazione urbana. Questo tipo di sviluppo ha come conseguenza diretta l aumento della richiesta di alloggi e anche di adeguate infrastrutture e servizi, fattori che rendono il mercato del Real Estate residenziale e commerciale uno dei settori più importanti nella Regione. In tal senso, in Libano, entro il 2013, si prevede una crescita del 10% nel mercato immobiliare, il Marocco ha investito fino a quasi 3 miliardi di euro in singoli progetti per lo sviluppo di aree urbane in forte crescita e in Montenegro il mercato del Real Estate, specialmente legato alla costruzione di poli turistici, ha visto una crescita di oltre il 50% negli investimenti. Difficoltà riguardanti l instabilità politica o la corruzione presente nei sistemi di governo non rendono ancora possibile una lettura dell Area omogenea e priva di problematiche. Gli alloggi irregolari rappresentano ancora una frequente risposta alla crescente richiesta abitativa (fino al 30% della popolazione adotta questo tipo di soluzione), anche se il dato è in diminuzione. Nel complesso, è infine possibile individuare una compensazione al calo di investimenti esteri nell aumento di partenariati e accordi internazionali che favoriscono una maggiore trasparenza nei mercati locali. Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 9

11 1. IL SISTEMA EURO-MEDITERRANEO

12 1.1 L UNIONE EUROPEA E IL MEDITERRANEO Alla luce della riscoperta della Regione Mediterranea, l analisi degli strumenti geopolitici internazionali identifica oggi nella Regione un interessante prospettiva in termini di capacità d investimento e creazione di nuove opportunità lavorative. Dal punto di vista sociale e culturale l Area Mediterranea si trova di fronte a una sfida probabilmente senza precedenti, in equilibrio tra il mantenimento dei valori tradizionali e i nuovi orientamenti alla competizione internazionale. Traguardo, quest ultimo, che potrebbe rappresentare nel prossimo futuro la chiave di svolta nella moderna rilettura dell inquadramento economico dell area, capace di coniugare mercato e tradizione. Da un lato, quindi, la Sponda Nord del Mar Mediterraneo, strutturata secondo una formula politica e sociale cosiddetta dei Paesi Occidentali, dall altro, la Sponda Sud, caratterizzata da una complessa e articolata tradizione. Tutto ciò in uno scenario di concreto riavvicinamento tra culture e popoli posizionati a nord e sud di un bacino storicamente generativo di identità diversificate e di civiltà avanguardiste. In una logica di reale apertura al mercato e alla competizione, i pro- Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 11

13 cessi di globalizzazione dei mercati hanno indubbiamente evidenziato l importanza e la rilevanza del saper coniugare apparati culturali locali con dinamiche di mercato sempre più transnazionali. È il valore dell identità competitiva che identifica i tratti comuni e caratterizzanti di un sistema Paese. Un discorso che può certamente essere applicato ad ambiti territoriali più ampi, verso sistemi regionali costituiti da un insieme di Paesi. È questa la vera sfida per un territorio vasto come quello del bacino del Mediterraneo, capace di dialogare e aprire canali di interscambio di reciproco interesse per i Paesi coinvolti in una comune logica identitaria che vede nel Mediterraneo un anello di naturale congiunzione sociale e culturale. L accesso all energia e all acqua, il controllo delle migrazioni, Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 12 Obiettivo del presente rapporto è l analisi delle concrete potenzialità di sviluppo delle attività di investimento nel settore del Real Estate, con riferimento alle condizioni territoriali e socio-economiche dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo l implementazione delle relazioni istituzionali, la stabilità politica, rappresentano certamente indicatori molto importanti in termini di valorizzazione degli investimenti. Allo stesso tempo l analisi e lo studio del territorio costituisce un elemento imprescindibile nella verifica delle possibilità di scambio tra nord e sud del Mediterraneo. Sono trascorsi quasi quindici anni da quando il partenariato Euro-Mediterraneo ha assunto un ruolo attivo. La Dichiarazione di Barcellona adottata il 28 novembre 1995 dai quindici ministri degli Affari Esteri dell Unione Europea e da quelli dei dodici

14 partner mediterranei beneficiari, gli allora Paesi MEDA (Algeria, Cipro, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Malta, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia, Territori Palestinesi/ANP) ha definito una volontà comune nel volere avvicinare le reciproche distanze. Un segnale rafforzato nella seconda conferenza ministeriale tenutasi a Malta il 15 e il 16 aprile 1997, nella quale si è sancito un importante passaggio politico tra l UE e i Paesi del Mediterraneo. Questo è stato da molti interpretato come concreto intento di riequilibrare verso Sud l azione dell Europa, che dal 1989 aveva guardato prevalentemente a Est. 1.2 IL PARTENARIATO EURO-MEDITERRANEO Nel 1995 a Barcellona prende forma il Partenariato Euro-Mediterraneo, un alleanza che sarebbe stata successivamente indicata come il Processo di Barcellona. L obiettivo era creare tra l Unione Europea e i partner della Sponda Sud ed Est del Mediterraneo un area di stabilità, di sviluppo e di dialogo. A tal fine sono stati creati strumenti di governance mediante i quali il Partenariato ha dato vita a reti e azioni di cooperazione in materia di sviluppo economico e sociale, avviando dei processi di liberalizzazione negli scambi commerciali e istituzionali. Il Partenariato Euro-Mediterraneo si basa su tre diversi campi di intervento: politico e di sicurezza, economico e finanziario, sociale e culturale. Esso trova dunque manifestazione in una serie di iniziative che coprono settori di applicazione molto ampi. Tra gli obiettivi più rilevanti: riavvicinare le politiche economiche settoriali, in particolare in campo industriale, delle telecomunicazioni, dell energia e dell acqua; implementare le reti di cooperazione euro-mediterranee miranti a facilitare lo scambio di conoscenze; Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 13

15 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 14 rafforzare la cooperazione con la società civile; aumentare la collaborazione nel campo della rilevazione statistica; consolidare e salvaguardare il patrimonio culturale con l obbiettivo di riconoscere le tradizioni reciproche e lo sviluppo del dialogo culturale; favorire la costruzione di un area di pace e stabilità attraverso l identificazione di un certo numero di principi e di obbiettivi comuni. Al fine di agevolare e supportare tali iniziative, nel giugno 1995, il Consiglio Europeo di Cannes dotò il Partenariato di importanti mezzi finanziari, stanziando fondi fino al Questi mezzi comprendevano aiuti finanziari a fondo perduto, provenienti dal bilancio comunitario e un ammontare in prestiti della Banca Europea dedicato agli investimenti. Nell ambito degli aiuti a fondo perduto la parte preponderante si concentrò sul programma MEDA I (sarebbe infatti successivamente seguito un programma MEDA II) e tali aiuti furono gestiti dalla Commissione Europea, in accordo con il Comitato Med, composto dai rappresentanti degli Stati Membri e presieduto da un rappresentante della Commissione. Il programma MEDA nacque principalmente con lo scopo di incoraggiare e sostenere le riforme socio-economiche dei partner Mediterranei, attraverso due canali di intervento: 1 - le Azioni Bilaterali, cui è stato destinato circa il 90% dell importo totale e che prendono l avvio dagli accordi di associazione fra l Unione Europea e ciascun Paese beneficiario. Le Azioni Bilaterali si basano sui programmi indicativi nazionali, che definiscono, in funzione delle linee guida comuni, i settori prioritari a cui è rivolto il sostegno comunitario, iden tificando nel contempo gli importi previsti per ogni settore. I settori principali di intervento sono i seguenti: sostegno alla transizione economica, mediante programmi di aggiustamento strutturale e programmi di sviluppo del settore privato; consolidamento degli equilibri socio- economici; sviluppo della società civile.

16 2 - le Iniziative Regionali ivi compresa la cooperazione decentralizzata in via di parziale rilancio che coinvolgono più Paesi delle Sponde del Mediterraneo. Queste si articolano attraverso incontri, conferenze e programmi tematici e coinvolgono i partner mediterranei e i Paesi europei. Ne emerge una priorità attuativa, concretizzata dallo sforzo finanziario rivolto es senzialmente più che al finanziamento diretto di imprese o società, alla preparazione di quel terreno e di quelle condizioni che ne permettano il loro sviluppo e il loro operare. Ciò è altresì avallato dalla creazione di ECIP (European Community Investment Partners). Con questo strumento operativo l Unione Europea si prefigge di promuovere la costituzione e lo sviluppo di joint-venture tra piccole e medie imprese dei Paesi del Mediterraneo, America Latina, Asia e Sudafrica. Al fine di fornire una panoramica rappresentativa dei principali strumenti di governance del Partenariato Euro-Mediterraneo, si illustra di seguito una serie di programmi attuativi con una breve descrizione: MEDA-Democrazia: è un programma di cooperazione destinato a promuovere i diritti dell uomo e lo sviluppo della democrazia nei Paesi partner mediterranei, creato su iniziativa del Parlamento Europeo nel Il programma accorda delle sovvenzioni ad associazioni senza scopo di lucro, università, centri di ricerca e organismi pubblici, per realizzare dei progetti che mirino all avanzamento della democrazia, della libertà d espressione, di associazione e a proteggere dei gruppi specifici della società, quali le donne, i giovani e le minoranze. Il finanziamento comunitario per questo tipo di progetti può arrivare fino all 80% del costo totale. Life Paesi Terzi: lo scopo è attuare misure di assistenza tecnica e azioni pilota ai Paesi terzi dell Area Mediterranea (oltre che ai Paesi dell area MEDA, Albania, Bosnia ed Erzegovina e Croazia) nei seguenti settori: - assistenza tecnica per la messa in opera delle strutture am- Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 15

17 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 16 ministrative necessarie nel campo dell ambiente e per lo sviluppo di politiche ambientali e programmi d azione; - conservazione o recupero ambientale, di importanti habitat che ospitino flora e fauna minacciate; - azioni pilota di promozione dello sviluppo sostenibile. Il programma ha finanziato, in genere fino al 50%, progetti presentati da amministrazioni pubbliche, organizzazioni non governative, persone fisiche o giuridiche stabilite nei Paesi eleggibili. - FEMIP (Facility for Euro-Mediterranean Investment and Partnership): è lo strumento operativo per eccellenza che la Banca Europea per gli Investimenti adotta a sostegno di chi opera nella Regione Mediterranea. I principali beneficiari del FEMIP sono imprese e organismi del settore pubblico e privato di tutti i Paesi coinvolti nel Partenariato Euro-Mediterraneo che effettuino investimenti nei Paesi MEDA. Le forme di finanziamento offerte agli operatori sono molteplici: - prestiti a lungo termine per progetti di ampia portata (importi superiori a 25 milioni di euro); - linee di credito al settore finanziario e bancario locale qualora destinasse tali risorse alle piccole e medie imprese; - finanziamenti su capitali di rischio per la costituzione di joint-venture, di fondi di investimento o di fondi a partecipazione locale; - fondi per assistenza tecnica, destinati principalmente all identificazione, ideazione e gestione dei progetti, oltre che sostegno dei processi di riforma e di privatizzazione. Nonostante alcuni buoni risultati delle iniziative avviate a Barcellona, la strada da percorrere in termini di stabilizzazione e integrazione tra le due Sponde del Mediterraneo appare ancora piuttosto complessa. Le azioni promosse negli ultimi quindici anni rappresentano tuttavia premesse fondamentali e imprescindibili allo sviluppo comune dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo.

18 1.3 L UNIONE PER IL MEDITERRANEO Il 13 luglio 2008 a Parigi, il Partenariato Euro-Mediterraneo è stato rilanciato attraverso la costituzione dell Unione per il Mediterraneo (UpM). Lo stesso anno, tra il 3 e il 4 novembre a Marsiglia, in occasione del Marseille Meeting of the Euro-Mediterranean Ministers of Foreign Affaire (Conferenza Euro-Mediterranea) furono stabilite le linee d azione congiunta al fine di favorire il rilancio del Partenariato. Oltre a riproporre gli obiettivi del Processo di Barcellona e a sottolineare la comune ambizione strategica di realizzare nell Area Euro-Mediterranea uno spazio di pace e cooperazione, i Paesi convenirono su una serie di innovazioni istituzionali e identificarono le linee per azioni comuni. La firma della Dichiarazione di Marsiglia contempla infatti per la neo UpM una propria struttura di governance condivisa. In tal senso, le priorità sono individuate in relazione ai seguenti temi: disinquinamento del Mediterraneo; costruzione di autostrade di terra e di mare; protezione civile; energie alternative; educazione superiore; supporto alle piccole e medie imprese; lotta contro il terrorismo; gestione delle crisi (crisis management); cooperazione parlamentare. Rilevante è in tal senso il ruolo crescente che il Partenariato Euro-Mediterraneo assume nelle difficili circostanze di cui è teatro il vicino Oriente. Il Processo di Barcellona resta l unico forum regionale dove tutti i Paesi Euro-Mediterranei possono confrontarsi e intraprendere azioni costruttive comuni in termini di sicurezza internazionale. L UpM ha rinnovato i contenuti del Processo di Barcellona in almeno tre punti: tramite il potenziamento del livello politico delle relazioni Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 17

19 Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 18 dell UE con i suoi partner Mediterranei; mediante la previsione di ulteriori co-titolarità nelle relazioni multilaterali; rendendo tali relazioni più concrete e visibili attraverso progetti regionali e sub regionali. La Conferenza Euro-Mediterranea di Marsiglia ha reso operativo il progetto politico dell UpM prevedendo alcune linee operative di carattere gestionale: la creazione di un segretariato autonomo con un proprio statuto e con sede a Barcellona; la designazione di un segretario generale della Sponda Sud del Mediterraneo e di cinque vice segretari (Israele, Territori Palestinesi/ANP, Malta, Italia e Grecia), ciascuno riferito ai sei temi del progetto UpM; l adesione della Lega degli Stati Arabi quale membro effettivo. La città di Barcellona, in quanto sede del segretariato autonomo, rappresenterà il centro decisionale della UpM. Nell antico Palazzo Reale della capitale della Catalogna risiederà il segretario generale, proveniente da un Paese della Sponda Sud, che lavorerà in coordinamento con i vice segretari dei cinque Paesi. Attualmente la presidenza, di durata biennale, è franco-egiziana. Compito dell organo decisionale sarà quello di selezionare i progetti dell UpM, con l obiettivo di promuovere la crescita e l occupazione, la coesione regionale e l integrazione socio-economica, sempre in riferimento ai settori individuati durante l incontro di Parigi del luglio Il segretariato avrà il compito di trovare i fondi necessari alla gestione delle attività e facoltà decisionale in termini di destinazione degli stessi. Dal punto di vista economico è stato annunciato che i fondi per il funzionamento dell UpM arriveranno, oltre che dal budget della Commissione Europea, dai Paesi Membri che provvederanno alla remunerazione dei funzionari del segretariato anche attraverso il versamento di contributi volontari. Sarà comunque facoltà del se-

20 gretariato, sotto approvazione dei ministri, ottenere dei finanziamenti supplementari provenienti, per esempio, dal settore privato, dalle istituzioni finanziarie internazionali, dalla coope razione bilaterale o dai contributi dei partner Mediterranei. Nella dichiarazione finale, a conclusione del vertice, è stata stilata l Agenda Programmatica degli incontri ministeriali Euro Mediterranei per l anno Nell Agenda sono enunciati in modo indicativo i settori di intervento prioritario al fine di agevolare e accelerare il processo di integrazione nella Regione Mediterranea: trasporti, istruzione superiore, commercio, giustizia, sicurezza, economia, finanza, sviluppo sostenibile e potenziamento del ruolo della donna nella società. In linea generale la Conferenza Euro-Mediterranea di Marsiglia ha riscosso un considerevole successo politico e diplomatico. Ciò ha permesso una immediata operatività già attiva dalla fine del Riferimenti e Link Banca Europea per gli Investimenti FEMIP (Facility for Euro-Mediterranean Investment and Partnership) Commissione Europea Fondazione Mediterraneo IPEMED, Institut de Prospective du Monde Méditerranéen Joint Declaration of the Paris Summit for the Mediterranean, Paris, 13 luglio Final Statement Mediterranean Union, Marseille, 3-4 novembre Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 19

21 2. PRESENTAZIONE DELL AREA

22 2.1 DEFINIZIONE DELLE AREE Il presente rapporto si concentra su tre aree principali di sviluppo: la Sponda Sud, la Sponda Est e il Medio Oriente. a) La Sponda Sud Con Sponda Sud si intende tutta l area costiera del Mediterraneo che si estende dall Oceano Atlantico sino al Canale di Suez. In questa definizione territoriale sono compresi i seguenti Paesi: Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Turchia. b) Il Medio Oriente Con Medio Oriente si intende, invece, l area Sud-Est del Mediterraneo. Sono compresi in questa zona: Giordania, Israele, Libano, Siria, Territori Palestinesi (ANP). c) La Sponda Est Con Sponda Est ci si riferisce alla costa adriatica ad est del- Sponda Sud, Sponda Est e Medio Oriente sono le 3 aree della Regione Mediterranea sulle quali si concentra il presente Rapporto Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 21

23 l Italia, ossia l area balcanica che si affaccia sul mare o di poco limitrofa. A quest area appartengono: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Macedonia e Montenegro. 2.2 TENDENZE DEMOGRAFICHE Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 22 Le dinamiche demografiche rappresentano, seppure in modo indiretto, un indicatore significativo dello sviluppo economico di un territorio come quello che comprende le aree trattate. Andamento della popolazione: la popolazione aggiornata all anno 2010 è di più di 301 milioni di abitanti, rispetto agli oltre 400 milioni di abitanti dell Europa Occidentale. I Paesi con uno share di popolazione maggiore sono Egitto (26,7%), Turchia (25,8%), Algeria (11,5%) e Marocco (10,5%). La Tabella 1 mette a confronto i dati sulla popolazione negli ultimi vent anni, con la distribuzione percentuale. In vent anni, la popolazione delle tre aree ha subito un incremento di quasi 100 milioni di abitanti, con aumenti particolarmente significativi registrati in Egitto, Siria, Marocco, Turchia. Occorre comunque precisare che i dati sulla popolazione, sono suscettibili di considerevoli variazioni statistiche a causa delle vicende socio-politiche che contraddistinguono alcuni di questi territori. Sponda Sud Scorporando i dati della popolazione secondo le aree, possiamo Come indicatori dello sviluppo socio-economico delle 3 aree sono stati analizzati per ciascuna le dinamiche demografiche, PIL, PIL Pro-Capite, Indice di Sviluppo (HDI) e Indice di Povertà (HPI)

24 TABELLA 1 EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE Paese Abitanti 1990 (%) 1990 Abitanti 2010 (%) 2010 Algeria ,8% ,5% Egitto ,8% ,7% Libia ,9% ,1% Marocco ,3% ,5% Tunisia ,9% ,5% Turchia ,5% ,8% Giordania ,5% ,1% Israele ,1% ,4% Libano ,6% ,4% Siria ,9% ,4% Territori Palestinesi ,9% ,4% Albania ,5% ,2% Bosnia -Erzegovina ,1% ,5% Croazia ,1% ,5% Macedonia ,9% ,7% Montenegro ,3% ,2% Totale % % Elaborazioni su dati: U.S. Census Bureau evidenziare come nella c.d. Sponda Sud i due Paesi nettamente più popolosi sono Turchia ed Egitto, seguiti da Algeria e Marocco (che con il 13 e 14% presentano una popolazione dimezzata rispetto ai due Paesi capofila, e infine, Libia e Tunisia, sotto il 10% (Figura 2). I fattori geografici e le aree desertiche sicuramente incidono su queste cifre. La popolazione rimane suddivisa in modo costante nell area negli ultimi 20 anni (si veda Figura 1). Medio Oriente Come dimostrano le Figure 3 e 4, la popolazione dell area Medio Oriente è per metà residente in Siria (51%), Paese nettamente più popoloso (e più esteso) rispetto ai Paesi vicini. La Siria è Laboratorio Euro-Mediterraneo Real Estate nell Area del Mediterraneo 23

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 130 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Bilancio

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli