Comune. Siamo in 5000! Bilancio. Gruppi di cammino. Poeti calchesi CALCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune. Siamo in 5000! Bilancio. Gruppi di cammino. Poeti calchesi CALCO"

Transcript

1 CALCO in Comune In Comune - Notiziario periodico del Comune di Calco - Anno III, n. 1 - Maggio 2009 Siamo in 5000! Bilancio Gruppi di cammino Poeti calchesi

2 Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo. (Primo Levi) e così siamo arrivati al Patto di stabilità! Stiamo parlando del vincolo per il contenimento della spesa pubblica noto appunto come Patto di stabilità a cui devono sottostare i comuni al di sopra dei 5000 abitanti. Patto con il quale anche il nostro comune dovrà fare i conti, avendo da poco superato la fatidica soglia. La legge italiana infatti sancisce regole diverse per i comuni con più di 5000 abitanti e le varie finanziarie ne tengono conto in modo pesante quando non addirittura opprimente. Il meccanismo stabilisce limiti di spesa con riferimento ai bilanci di qualche anno prima e, anche avendo soldi da investire, non consente di spendere se non in modo dilazionato. Da qui si dovrebbero capire al volo le difficoltà nella programmazione di opere e servizi. Per capire meglio cosa vuol dire essere in tanti vi rimando all articolo che troverete più avanti. Per chi invece segue le faccende della cronaca e della politica italiana questa parola non dovrebbe suonare nuova: difatti qualche mese fa, a seguito di uno sforamento clamoroso del patto di stabilità da parte di una grossa città italiana, un noto esponente politico della Lega Nord ha invitato i sindaci del proprio partito a far lo stesso. Alla fine lo Stato, per ripianare il buco di bilancio ed evitare il rischio di fallimento, ha fatto si che 140 milioni di euro prendessero (pare in modo quasi miracoloso ) la via di Catania facendo ingoiare più di un rospo ai federalisti compagni di coalizione padani. Perché funzioni, il patto, non ha solo bisogno di amministrazioni virtuose nel fare quadrare i conti. Serve soprattutto rigore, coerenza e lealtà nei confronti dello Stato centrale, nella consapevolezza che ciò significa assumersi un pezzo di responsabilità importante nel risanamento dei conti pubblici. Proprio per questo ho voluto citare il caso di Catania, dove sicuramente sono venute a mancare le prerogative necessarie al patto per funzionare, dimostrando il paradosso e l incongruenza della politica italiana. Ecco perché ho firmato la 5000ma carta d identità con qualche benevola preoccupazione, nella convinzione che da parte nostra non mancherà mai l impegno necessario per fronteggiare le nuove sfide. Grazie a tutti Voi. Ciao Calco!! Il Sindaco Gilberto Fumagalli Scrivetemi, contattatemi Tel (selezionare 6 - Segreteria) 2 incomune - maggio 2009

3 ...e con questo son 5000! Martedì 10 Marzo l ufficio anagrafe del nostro Comune ha fornito il documento di identità al 5000 abitante di Calco. Probabilmente la cosa può sembrare di poco conto ma questa è la diretta conseguenza della politica edilizia voluta dalla passata amministrazione, che forse non ha tenuto conto che per costruire un paese non basta costruire case. Sulla utilità di martoriare il territorio con case che restano ancora vuote abbiamo già detto; a noi ora interessa fissare l attenzione su ben altre questioni. In altre circostanze essere in tanti può costituire un vantaggio ma nel nostro caso, oltre a farci entrare nel Patto di Stabilità, ci farà anche perdere il contributo statale per la percentuale di bambini presenti (provvedimenti che comunque non avranno effetto immediato). Essere in tanti in un paese che si è fermato ai servizi di quando si era in 3000 non può che diventare un problema e per evitare che qualcuno ci prenda per catastrofici scomoderemo dei documenti ufficiali per fare alcuni esempi. Dal documento programmatico per la redazione del PGT (Piano di Governo del Territorio) leggiamo: Calco è carente per quanto riguarda gli edifici scolastici (di tutti i livelli e gradi) per circa mq. A questo proposito è stato necessario ampliare la mensa, sistemare l aula computer, rivedere il sistema di trasporto alunni, rifare le facciate e parte del tetto e a breve la messa a norma degli impianti. Ricordiamo che nostro malgrado la scuola di Arlate è attualmente indisponibile (fino al 2013) perché sotto contratto d affitto con un ente privato mentre alcune attività scolastiche vengono svolte in spazi angusti e limitati. Sempre dal PGT: risulta una carenza in materia di aree standard (parcheggi, aree verdi e parchi giochi) per circa mq. Un altro documento ufficiale, l analisi preliminare per la redazione della VAS (Valutazione Ambientale Strategica), strumento di supporto al PGT e che serve per fare emergere le criticità all interno del Sistema Paese, ci rivela altre magagne. Infatti viene ribadito che, prima di pensare a costruire ancora, sarebbe necessario risolvere il problema dell approvvigionamento idrico considerato che abbiamo una rete non più adeguata con una dispersione che si aggira attorno al 40%. A tal proposito, qualcuno ricorda interventi significativi negli ultimi 20 anni? Senza contare che qualche anno fa Calco alta è rimasta a secco! Non c è invece da scomodare nessun documento per capire che solamente due grossi complessi residenziali, il Piano con circa 130 appartamenti e Calco Alta con altri 80, riverseranno sulle nostre strade qualcosa come 400 auto circa! Strade che purtroppo restano quelle di quando avevamo le braghe corte e che non sono più in grado di sostenere questo volume di traffico. Strette, con strozzature. In un solo caso è stato risolto il problema con l abbattimento di alcune case per costruirne poi delle altre! Anche per questo è stato necessario regolamentare l accesso ad alcune vie, introdurre sensi unici e dotarle di dossi e passaggi pedonali rialzati. Essere in tanti vuole dire anche un sistema fognario adeguato. Forse non tutti sanno che alcune zone del nostro paese non sono ancora collegate ai depuratori consortili con sversamenti nell Adda e con grave danno per l ambiente. Senza un intervento d urgenza e non disponendo più di loculi al cimitero di Arlate, si è corso il rischio che nella frazione non si potesse nemmeno morire! Ricordando che ormai il furore edilizio è in via di risoluzione così come i proventi derivati dagli oneri di urbanizzazione e che è stata tolta anche l unica tassa davvero federalista come l ICI, nel futuro sarà davvero difficile garantire la fornitura di servizi a una popolazione in continuo aumento. Tutto questo, naturalmente, non vuole essere un atto di accusa verso i nuovi cittadini arrivati. Tutt altro. Auspichiamo che essere in tanti possa rappresentare per il nostro paese una nuova stagione di confronto, di partecipazione, di rinnovamento e di crescita. incomune - maggio

4 Palazzetto dello Sport: lo stato dell arte Alle ormai note vicende (vedi i numeri precedenti di In Comune ) nei mesi scorsi si è aggiunto il fallimento della ditta appaltatrice dei lavori che ha inevitabilmente comportato ulteriori lungaggini burocratiche e altri tempi morti. Per sbloccare la situazione è stato necessario incaricare un tecnico per la redazione di una perizia che attestasse lo stato dell arte dei lavori. La perizia ha permesso di scoprire che parte dei lavori del vecchio capitolato non sono stati realizzati, mentre una parte di quelli finiti risultano da rifare perché eseguiti male: il sottofondo della pavimentazione si è già sollevato, una scala di accesso alle tribune deve essere modificata, i canestri da basket, montati su rotelle, sono anacronistici, poco funzionali e, soprattutto, pericolosi; al loro posto verranno installati quelli sospesi, come avviene in tutte le palestre degne di questo nome. Oltre a ciò occorre sottolineare che sul progetto originario pesano altre ombre. Infatti si è riscontrata una carenza nel numero delle uscite di sicurezza previste per legge: per rimediare sarà necessario sacrificare alcuni posti in tribuna. Altre carenze riguardano il numero degli spogliatoi: quelli previsti dal progetto iniziale sono infatti solo due e non si deve fare molta fatica per capire che in quel Palazzetto non si disputerà mai un Quadrangolare! OPERE PUBBLICHE La perizia ha permesso di dare anche i NUMERI: euro: è la cifra che il comune di Calco dovrà ancora sborsare per completare l opera. Per coprire la spesa si è ricorso a: euro per i lavori non ancora eseguiti, previsti dal vecchio capitolato euro attinti dagli oneri di urbanizzazione e da altre entrate. I restanti euro saranno coperti da fondi dell Amministrazione reperiti dopo un'accurata pulizia dei bilanci dal 2001 ad oggi riguardante stanziamenti Collegamento fognario con il depuratore consortile Adda acque A seguito della firma della convenzione tra Esselunga e Comune di Calco per la definizione delle opere che l azienda dovrà erogare all interno degli oneri di urbanizzazione, Esselunga ha versato i euro necessari per realizzare il collegamento fognario tra il depuratore di via dei Mulini e quello consortile di Adda Acque del Toffo (vedi numero di maggio 2008 di InComune). Tale opera entra nel consolidato meccanismo della compensazione ed essendo di iniziativa privata ha potuto sfuggire alle lungaggini amministrative e burocratiche tipiche della macchina pubblica. Infatti la nota marca per la grande distribuzione ha affidato i lavori a un azienda di Calco che li sta eseguendo sotto la stretta sorveglianza dell ufficio tecnico del parco Adda Nord. Una volta completati i tratti di via Nuova Provinciale sarà possibile collegare al depuratore l intera frazione di Arlate ed eliminare gli attuali anti-etici ed anti-economici scarichi (costano ogni anno al Comune multe per diverse migliaia di euro!) in uno dei tratti più belli del nostro fiume. Le casse comunali, la salute e l ambiente ringraziano! Aggiornamento Via Italia Prosegue l iter amministrativo e burocratico del progetto di riqualificazione e di messa in sicurezza di Via Italia. Il 19 Gennaio è stato approvato dalla Giunta il progetto preliminare a cui, come nel caso del Palazzetto dello Sport, seguirà l approvazione di quello definitivo e di quello esecutivo. La nostra amministrazione si sta impegnando a fondo affinché sia possibile ridurre al minimo i tempi tra le varie approvazioni dopo di che, passati i 60 gg. fissati dalla legge, sarà possibile indire il bando di gara pubblico per l assegnazione dei lavori. Lavori che, è il caso di ricordare, comportano la spesa di euro interamente finanziati dal Comune. Approfittiamo per ricordare come quest opera venga ritenuta prioritaria dalla nostra amministrazione e non certo per- 4 incomune - maggio 2009

5 per spese in conto capitale mai utilizzati. L ironia della sorte vuole che nei euro non siano previsti i lavori per finire le aree circostanti alla struttura. Parcheggi, accessi, arredi e aree verdi verranno sistemati sommariamente al solo scopo di rendere fruibile la struttura in attesa di tempi migliori. Il bando di concorso per assegnare ad un professionista la redazione di un nuovo progetto è stato vinto dall arch. Todeschini di Bergamo. Il 13 Gennaio è stato approvato in giunta il progetto preliminare a cui seguirà a breve l approvazione, in tempi diversi, di quello definitivo e di quello esecutivo. Ultimo passo di questa lunga e travagliata trafila è l indizione del bando di gara, in corso di definizione proprio mentre si va in stampa, per l assegnazione dei lavori. Vi terremo aggiornati. ché voglia celebrare se stessa con un opera da lasciare ai posteri. I motivi sono altri e più volte ribaditi. Via Italia mette in relazione tra loro parecchi edifici, servizi e strutture di pubblica utilità (scuole, palestra, biblioteca, ambulatori medici, municipio) e altri servizi di prima necessità come negozi e attività commerciali. Non bisogna poi dimenticare la grande funzione di anello di collegamento tra varie parti del paese. Di conseguenza è inevitabile e sotto gli occhi di tutti che la concentrazione di così numerose attività finisca col creare un grande e intenso incrocio tra chi la percorre a piedi o in auto con conseguenti rischi a danno della sicurezza di tutti. E con queste convinzioni che la nostra amministrazione intende portare a termine quest opera che forse sarebbe stata meno necessaria se si fosse verificata un edificazione più a misura d uomo e più rispettosa dell'ambiente. Gruppi di cammino Con la prima camminata di giovedì 6 Novembre 08 anche Calco rientra tra i paesi che hanno aderito all iniziativa denominata Gruppi di cammino. L'iniziativa è promossa dall ASL di Lecco per favorire l attività fisica al fine di prevenire stili di vita negativi come la sedentarietà. Il progetto è partito dopo una serata di presentazione alla popolazione dove alcuni medici hanno insistito sui benefici di tale attività. Infatti, hanno spiegato che camminare regolarmente contribuisce in modo determinante a contenere e prevenire le seguenti patologie: - Ipertensione - Diabete - Malattie cardiovascolari - Previene cadute e fratture di femore - Tumori al colon e altri tumori maligni E non da ultimo stimola la socializzazione, accresce l autostima e il benessere psico-fisico. Senza dimenticare il fatto che camminare è un attività economica e dunque per tutti: solo abbigliamento e scarpe comode. Per condurre questo tipo di attività è necessario trovare un Walking leader (colui che guida il gruppo, ma anche figura di riferimento, oltre che gestore materiale dell attività individuando percorsi, tempi e frequenza). Nel nostro caso non è stato difficile grazie all adesione dei responsabili della locale sezione del CAI presenti anche loro, non a caso, alla serata di presentazione. Al momento i gruppi di cammino si trovano regolarmente due volte la settimana: Il martedì mattina alle ore e Il giovedì pomeriggio alle ore con ritrovo presso le scuole di Calco con frequenze che vanno tra 2/3 uomini e 4/5 donne il martedì e 3/4 uomini e 12/13 donne il giovedì. I percorsi sono tra i più vari e di norma sono quasi sempre ad anello del tipo: Calco - Calco sup. Grugana Riva di Munt Calco oppure Calco Morti del Foppone - Olgiate M. - Calco. Vengono decisi di volta in volta in base alle condizioni meteo e ai partecipanti con l intenzione, con l arrivo della bella stagione, di allungare il percorso almeno al giovedì. Grazie a questo progetto è stato possibile consolidare il rapporto tra la nostra amministrazione e una associazione presente nel nostro comune e da sempre attenta a queste tematiche. Al punto di arrivare a siglare un accordo per la pulizia ed il ripristino della vecchia strada che collega Calco ad Arlate, per rendere di nuovo fruibile un pezzo importante del nostro patrimonio culturale. Attività che hanno visto il loro inizio con due giornate di Pulizia sentieri l 8 Marzo e il 5 aprile. Dall edizione di Settembre/Dicembre 2008 di Sanità InForma della Regione Lombardia leggiamo che al momento la popolazione dei comuni che hanno aderito al progetto sarebbe il 40% dei residenti della provincia di Lecco consentendoci di essere al vertice in regione per la promozione dell attività fisica. Per saperne di più: - Cai Club Alpino Italiano, il martedì e venerdì sera presso la sede in via San Carlo; Comune di Calco, Ass. ai Servizi Sociali incomune - maggio

6 SPAZIO ASSOCIAZIONI Circolo Culturale Don Carlo B Il Circolo Culturale don Carlo Borghi è un associazione costituita il 5 marzo 1991 per iniziativa dell allora Parroco don Marino Rossi. Lo scopo principale del Circolo è sancito dall art 4 dello Statuto che recita: Il Circolo ha lo scopo di riunire intorno a sé tutti coloro che sono intenzionati a promuovere e avere cultura attraverso manifestazioni, attività ed esperienze di socialità atte a soddisfare e orientare le esigenze culturali dei sostenitori nell ambito di una cultura cristiana. Alla data odierna sono iscritti al Circolo 126 soci più gli allievi della scuola di musica (85). L adesione al circolo è aperta a tutti coloro che ne condividono le finalità e inoltrano domanda al Consiglio direttivo. La quota sociale è fissata in Euro 6,00. L attività del Circolo Culturale si esplica attraverso progetti a carattere continuativo e iniziative di interesse più generale aperte a tutta la popolazione: - La scuola di musica, che ha sede presso il Centro Parrocchiale, funziona ormai da 15 anni ed è andata sempre più affermandosi non solo in ambito locale ma anche nei paesi limitrofi, prova ne è che degli 85 iscritti, 1/3 sono di Calco e due terzi pro- vengono da Olgiate, Brivio, Merate, Rovagnate, Airuno e da altri paesi. Si possono frequentare corsi di pianoforte, violino, violoncello, chitarra classica ed elettrica, flauto, clarinetto, fisarmonica, batteria, sassofono e canto. L approccio diretto allo strumento, l elasticità degli orari, la capacità e la passione degli insegnanti costituiscono sicuramente elementi di stimolo per gli allievi, specie i più giovani e fanno della nostra scuola una delle più frequentate e apprezzate del territorio. Altro elemento importante è la formazione dei due ensemble da camera: uno con gli allievi più grandi e uno riservati ai AUSER Volontariato Olgiate Molgora - La carta dei valori Auser L Auser è una Associazione di progetto tesa alla valorizzazione delle persone e delle loro relazioni, ispirata a principi di equità sociale, di rispetto e valorizzazione delle differenze, di tutela dei diritti, di sviluppo delle opportunità e dei beni comuni. L Auser si propone i seguenti valoriobiettivo: 1. Sviluppare il volontariato, le attività di promozione sociale, l educazione degli adulti, la solidarietà internazionale, con particolare riferimento alle persone anziane e ai rapporti intergenerazionali. 2. Sostenere le persone, migliorarne la qualità della vita e delle relazioni, orientarle all esercizio della solidarietà. 3. Difendere e sviluppare le capacità conoscitive e attive, anche residue, delle persone. 4. Promuovere sul territorio reti associative e strutture di servizio a sostegno delle responsabilità familiari e di prossimità (buon vicinato) in sinergia con le istituzioni pubbliche. 5. Promuovere la cittadinanza attiva favorendo la partecipazione responsabile delle persone alla vita e ai servizi della comunità locale, alla tutela, valorizzazione ed estensione dei beni comuni culturali e ambientali, alla difesa ed ulteriore sviluppo dei diritti di tutti. 6. Rinsaldare e rinnovare le comunità locali come realtà solidali aperte, plurali, inclusive. Presentazione di Auser Olgiate Molgora - Calco La nostra Associazione AUSER VOLONTARIATO OLGIATE MOL- GORA CALCO - ONLUS ha iniziato la sua attività il 2 maggio L attività è iniziata come affiliata della struttura di Paderno d Adda utilizzando gli automezzi in dotazione alla organizzazione. L Associazione si è poi avviata su iniziativa del sindaco di Olgiate Molgora e di otto volontari residenti. Inizialmente si utilizzavano degli automezzi forniti dalla amministrazione di Olgiate e lo scopo era di sostituire le attività lasciate dagli obiettori di coscienza. Il precedente presidente, Enzo Narcotini, ha sostenuto tutte le attività, riuscendo a coinvolgre sempre un maggior numero di volontari soprattutto pensionati. Oggi contiamo 210 soci di cui 45 volontari operativi (10 residenti in Calco). Attività svolta dall associazione In convenzione con i Comuni di Olgiate Molgora, Calco e Milano, effettua il trasporto protetto di persone parzialmente abili in otto centri diurni Socio Educativi della Brianza ed effettua la sorveglianza sugli scuolabus per scuole dell infanzia e scuola primaria. L Associazione effettua servizi di trasporto di anziani, non in grado di muoversi in autonomia, presso ospedali e strutture sanitarie della zona o di accompagnamento in altre varie località a secondo della disponibilità dei mezzi. Ai privati viene richiesto un minimo libero contri- 6 incomune - maggio 2009

7 Borghi giovani allievi (11/12 anni) che provano tutte le settimane sotto la direzione del maestro Damiano Cricrì, che è anche il direttore della scuola, e che già hanno avuto modo di dimostrare le loro qualità con esibizioni in pubblico. - La rassegna del teatro dialettale, giunta alla 18 edizione, rappresenta un altro impegnativo appuntamento per gli appassionati di questo genere. - La rassegna del cinema e del teatro in lingua italiana, giunta alla 5a edizione, mira a soddisfare le richieste di quanti Calco Onlus buto a copertura dei costi di gestione dei mezzi. Servizi effettuati annualmente Nel 2008 sono stati effettuati circa 4000 servizi per un totale di km circa percorsi dai nostri mezzi, con un impegno dei volontari di oltre ore. Per questa attività l Associazione dispone di 1 autovettura e 4 pulmini da 8 e 5 posti, di cui uno attrezzato con pedana di sollevamento carrozzina disabili. Il parco automezzi si è recentemente rinnovato grazie alla Fondazione della Provincia di Lecco, ai Comuni di Olgiate e Calco, ad un privato cittadino ed a due istituti bancari locali. Impegno dei volontari I nostri Volontari dedicano, secondo le proprie possibilità, diverse ore del loro tempo alle attività dell Associazione senza percepire alcun compenso. CONTATTI: Auser Volontariato Olgiate Molgora Calco - ONLUS Via Canova Olgiate Molgora (LC) Tel/fax: Cell amano la commedia classica del teatro italiano, mentre il cineforum propone una programmazione adatta anche ai giovani. - Il presepe nei rioni, giunto alla terza edizione, nasce dall idea di animare la vigilia di Natale con un evento che, rifacendosi e rivalutando la tradizione del presepe, possa costituire un momento di incontro, di collaborazione e di conoscenza fra gli abitanti dei rioni vecchi e nuovi. L attività del Circolo include anche diverse proposte sempre nell ambito della cultura e dell arte, tra cui: il Concerto d organo in occasione della Il Movimento Terza Età è un associazione ricreativa non a scopo di lucro, nata ufficialmente all inizio degli anni 90, ha sede in via Europa n. 1 in uno stabile di proprietà della Parrocchia, costruito negli anni 60 inizialmente per farne una casa di riposo grazie al lascito di Ernesta Riva. Conta 81 iscritti ed è gestito da volontari, il gruppo è nato per proporre un luogo d incontro e svago a chi nutre il desiderio ed il piacere di ritrovarsi per stare assieme. È aperto da martedì a domenica dalle alle 18, ed è proprio di Martedì che vengono solitamente organizzate le attività: tombolate, gare di carte, incontri che spaziano dalla catechesi alla medicina divulgativa, questi ultimi sempre per approfondire la tematica della salute nell anziano. festa patronale di San Vigilio, il concerto per la festa della Madonna della Cintura, i concerti di Pasqua e di Natale, l annuale mostra a tema di artisti e collezionisti calchesi in collaborazione con l Assessorato alla Cultura, la partecipazione ad alcuni spettacoli (balletto e opera) al Teatro alla Scala e le visite organizzate ai siti cluniacensi in Lombardia. La presenza del Circolo Culturale nella nostra comunità riesce ad esprimersi con questa serie di iniziative che sono portate avanti grazie soprattutto alla preziosa collaborazione dei consiglieri, di alcuni volonterosi soci e alla sensibilità e attenzione dell amministrazione Comunale. La sede del Circolo Culturale è presso il Centro Parrocchiale, Viale della Chiesa 4. Movimento Terza Età Ecco il calendario delle attività dei mesi di MAGGIO e GIUGNO: 5 maggio Catechesi 12 maggio Attività di svago 19 maggio Gara di briscola 26 maggio Gita pomeridiana 2 giugno Attività di svago 9 giugno Tombolata 23 giugno Attività di svago 30 giugno Attività di svago (le attività potrebbero subire cambiamenti) Nei mesi di LUGLIO e AGOSTO tutti i martedì ci troviamo per trascorrere il pomeriggio in compagnia incomune - maggio

8 PARLIAMO DI... In questa rubrica affrontiamo, di volta in volta, il lavoro degli assessorati. Oggi parliamo di Bilancio Commercio e Affari Generali con l assessore Aldo Terenghi. D. Parliamo di Lei. Da quali esperienze lavorative proviene? R. La mia attività si è sempre svolta nell ambito delle Aziende private. Dopo i primi anni di lavoro tipicamente amministrativo, ho conseguito una buona esperienza nel coordinamento dell attività del recupero crediti verso Aziende e privati su tutto il territorio per poi specializzarmi nel campo delle politiche di erogazione del credito. D. Come si è trovato nel settore pubblico? R. Non nascondo che l impatto (o meglio l urto) è stato consistente. Tuttavia grazie alla collaborazione del Personale dell Amministrazione comunale, sono riuscito a smussare le mie impetuosità tipiche dell ambito privato non applicabili nel settore pubblico. Le realtà tra pubblico e privato sono completamente diverse nei tempi di attuazione, ma identiche nelle finalità. La lunghezza dei tempi nel settore pubblico risponde ad esigenze di chiarezza, controllo, economicità, equità nelle scelte dei soggetti a cui affidare i compiti e controllo sulla corretta attuazione di quanto deliberato. Nel caso del nostro Comune le risorse umane di cui si dispone sono insufficienti e conseguentemente ciò non aiuta certamente a dare speditezza alle varie aree operative. D. Questa Amministrazione aveva promesso, tra altre cose: non introdurremo tasse e invece R. Il ricorso a maggiori tassazioni non avviene in funzione di mancate promesse, ma semplicemente quale conseguenza di realtà che obbligano ad assumerci le responsabilità che il mandato della cittadinanza ci ha affidato per far fronte a spese che altrimenti non si riescono a coprire. Le leggi finanziarie che si sono succedute negli ultimi anni e che hanno prodotto minori trasferimenti ai Comuni hanno avuto il loro peso nelle decisioni che ogni Comune ha dovuto prendere. Leggendo il commento al Bilancio di previsione 2009 ci si può fare un idea dei vari aspetti che incidono inevitabilmente sulle scelte da farsi. D. Questa Amministrazione vuole portare a termine i lavori per il Palazzetto dello Sport. Quest opera peserà sulle casse dell Amministrazione comunale ulteriormente per spese di manutenzione e gestione? Aldo Terenghi, Assessore al Bilancio Commercio e Affari Generali R. Se fossi incosciente direi che tutto fa intravedere un futuro positivo, ma sarebbe come fare violenza a me stesso. Bisognerà valutare se e quali oneri dovranno essere a carico del Comune. Questa Amministrazione si sta muovendo per trovare le soluzioni migliori che possano garantire il miglior utilizzo della struttura per le Associazioni sportive del Comune a costi accettabili al fine di soddisfare le aspettative che quest opera ha fatto sorgere nella popolazione. E prematuro in questo momento parlare di cifre, ma è pensabile che su una certa parte dei costi l Amministrazione comunale non potrà essere insensibile. D. Quale futuro vede per i Comuni le cui dimensioni si avvicinano a Calco? R. La logica mi porta a pensare che ci si debba orientare perché alcune attività abbiano una trattazione sovracomunale per ottenere economie di scala e di costi, purché sia garantita l efficienza e la continuità dei servizi offerti alla cittadinanza. Certe scelte dipenderanno dalle volontà politiche che il Parlamento vorrà darsi. D. Assessore, i conti del Comune di Calco sono in buone condizioni? R. Oggi posso dire di sì. Ma solo dopo che abbiamo analizzato ogni aspetto contabile e finanziario partendo da bilanci anche molto vecchi ( ). Abbiamo messo ordine, recuperato importi stanziati e non utilizzati, e imposte pregresse. Il risultato è un bilancio pulito e più aderente alla situazione reale. Maggiori informazioni/dettagli sul sito 8 incomune - maggio 2009

9 Bilancio di previsione 2009 La drammatica crisi mondiale che ha investito il mercato finanziario internazionale si sta riflettendo sull economia reale, anche nella nostra Regione e nel nostra realtà ambientale. La disoccupazione, malgrado le misure che il Governo si appresta a varare, potrebbe crescere con effetti negativi sulle famiglie che si vedranno costrette a ridurre i consumi e ad aumentare il loro indebitamento. A fronte di questa grave situazione economica il Comune, che è il livello istituzionale più vicino al cittadino e quindi viene percepito come il primo e principale interlocutore, dovrebbe essere messo nelle condizioni migliori per far fronte all emergenza e per rispondere ai nuovi bisogni. Invece il contesto economicofinanziario in cui operano gli Enti locali, già precario, si aggrava rispetto agli scorsi anni. In materia di finanza e fiscalità locale, occorre che vi sia la necessità di attuare un vero principio di perequazione attraverso un nuovo trasferimento di risorse in base alla capacità reddituali dei residenti sul territorio. Il tanto sbandierato Federalismo fiscale, per ora, fatica a farsi strada. Nel frattempo i Comuni vengono sempre più sacrificati dal Governo. Occorre infatti sottolineare che il Governo, insieme all abolizione dell Ici, ha di fatto congelato le entrate tributarie per il prossimo triennio, con esclusione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti, causando il blocco sostanziale delle entrate comunali ed il contenimento della spesa pubblica locale, con pesanti effetti sul livello delle prestazioni dei servizi essenziali In questi anni lo Stato, anziché riformarsi, ha scaricato una parte dei suoi costi e delle sue inefficienze sugli Enti locali. In questo contesto fatto di delusione, incomprensione, ridotte risorse e con una popolazione che negli ultimi anni è cresciuta in maniera esponenziale diventa sempre più arduo garantire servizi adeguati. Aspetti nuovi rispetto al passato Calco è stato fra i paesi virtuosi che sono riusciti a stilare il bilancio di Previsione 2009 entro Dicembre Per la prima volta non è stato necessario attendere la fine di Marzo. Al 1 Gennaio 2009 abbiamo raggiunto il numero di 4960 residenti. La crescita della popolazione rispetto al 1/1/2003 supera il 20%. Nel corso del 2009 supereremo i residenti. Tale superamento comporterà l assoggettamento del Comune al Patto di stabilità con maggiori vincoli in termini di spese a partire dal Bilancio di previsione Le difficoltà previsionali per il Sono costituite principalmente da: l abolizione dell I.C.I. sulla 1^ casa e relative pertinenze (es. box e le concessioni in uso gratuito) con un minor introito di circa un trasferimento da parte dello Stato stimato in per il 2009, inferiore rispetto agli anni precedenti. A questo si aggiunge un importo di circa riconosciutoci per la presenza di minori di età inferiori a 5 anni. Da notare però che questo riconoscimento decadrà nel momento in cui si supereranno i 5000 abitanti. Analisi dei dati di bilancio Analizziamo le cifre del Bilancio 2009 per la parte corrente e per la parte capitale: ENTRATE E SPESE CORRENTI TABELLA 1 ENTRATE CORRENTI SPESE CORRENTI Tributarie (vedi tab. 2) Generali di Amministrazione Contributi e Trasfer. correnti Territorio e ambiente Extratributarie Settore sociale Manutenz. Patrimonio Istruzione e scuole Viabilità e trasporti Polizia locale Cultura Sport e tempo libero Giustizia Sviluppo economico Quote capitale su Mutui TOTALI TOTALI Entrate correnti: sono le entrate destinate al finanziamento delle spese correnti. Ci sono tre categorie di entrate: Entrate Tributarie: sono la voce più consistente, costituite dalle tasse e dalle imposte che ogni cittadino paga come l ICI (Imposta Comunale sugli Immobili), la TARSU (Tassa rifiuti) la TOSAP (Tassa occupazione spazi e aree pubbliche), l imposta pubblicità e l Addizionale Comunale IRPEF. Trasferimenti: costituiti dalle contribuzioni che il Comune riceve dallo Stato per (di cui le più rilevanti sono come contributo ordinario e per rimborso mancato gettito ICI 2008), dalla Regione e da altri Enti per la gestione dei vari servizi. Entrate extra-tributarie: derivanti dai servizi pagati direttamente dagli utenti (mense scolastiche, tariffe servizi sportivi, ecc.), dalla gestione del patrimonio (affitti), dalle contravvenzioni al codice stradale. incomune - maggio

10 TABELLA 2 ENTRATE TRIBUTARIE ICI anno ICI anni pregressi Addizionale IRPEF Compartecipazione IRPEF Addiz. su consumo energia elettrica Imposta comunale pubblicità Smaltimento rifiuti solidi urbani Addizionale erariale su Tarsu Recupero Tarsu anni pregressi Occupazione aree pubbliche Diritti affissioni TABELLA 3 TRASFERIMENTI DALLO STATO Bilancio Previsione Trasferimenti in Euro Numero di abitanti (al 1 gennaio) Nov 2008 Importo per abitante ( 66) * * Al netto del contributo minori 5 anni. Nel 2005 abbiamo percepito 120 a persona. Agli stessi valori dovremmo percepire Spese correnti: costituiscono le spese che si presentano ogni anno per la gestione ordinaria del Comune. I comuni sono delle aziende particolari che forniscono servizi ai cittadini sostenendo costi ad essi direttamente riconducibili e costi generali relativi alla struttura interna (personale dipendente, acquisto di beni e/o servizi, ecc.). Nell ambito dei costi generali figurano le spese del personale dipendente (separatamente per Funzione di appartenenza), per le utenze (luce, gas, telefoni), per il funzionamento degli uffici (beni di consumo), per l espletamento dei vari servizi e per lo svolgimento delle varie attività giornaliere. Vale la pena di evidenziare un aspetto significativo nella formulazione del Bilancio di previsione 2009: l aver mantenuto inalterata la pressione fiscale a carico della cittadinanza. Per contro continua lo sforzo nel mantenere il livello dei servizi essenziali e sociali (tabella 4) malgrado nel frattempo la popolazione sia aumentata sensibilmente. TABELLA 4 DETTAGLI SU FATTORI DI CRITICITÀ Bilancio Previsione 2009 Garantire il livello servizi essenziali e sociali Rette istituti per minori Contributo a famiglie affidatarie Spese frequenza CSE Spese trasporto CSE Contrib a sostegno handicaps Assegnaz. eliminazione barriere architettoniche Sostegno educativo scuole e ADM Progetti vari F.do Regione acc. abitaz. indigenti FSA Contributi per servizi sociali Contrib. Comune f.do sost. affitto Deleghe (Retesalute) Servizio cimiteriale Rette ricovero anziani Stip. e varie minori ENTRATE E SPESE IN CONTO CAPITALE TABELLA 5 DESCRIZIONE PREVISIONE 2009 Contributo Stati funzioni trasferite D.Lgs. n. 112/ Oneri di Urbanizzazione e costo di costruzione Monetizzazione aree a standards ENTRATE TITOLO IV Devoluzione mutuo per scuola elementare - Mutuo per completamento palaz. Sport - CDP ENTRATE TITOLO V - ACCENSIONE DI MUTUI OO.UU. PER MAN. PATRIMONIO TOTALE ENTRATE PER SPESE CAPITALE Entrate in conto capitale: nella realtà del nostro Comune, sono rappresentate in grande parte dagli Oneri di urbanizzazione, costi di costruzione e concessioni cimiteriali (vendita di cappelle). Spese in conto capitale: sono le spese destinate ad investimenti, come ad esempio: i tronchi fognari, interventi sulle strade, abbattimenti barriere architettoniche, interventi sui semafori, attraversamenti pedonali, ecc. 10 incomune - maggio 2009

11 Alcune notizie importanti Palazzetto dello sport Quest anno l Amministrazione ha dovuto reperire le risorse per poter portare a termine il Palazzetto dello Sport, il cui impegno restante a carico della comunità ammonta a circa Di questi ben sono stati reperiti utilizzando una parte degli Oneri di Urbanizzazione previsti per l anno in corso, mentre per l Amministrazione ricorrerà ad un mutuo della durata di 20 anni con un esborso di rate annue di ,22. Gli interessi che graveranno ammontano a Per la vicenda Palazzetto dello Sport ogni cittadino può approfondire a pagina 4 di questo numero. Nella tabella successiva riportiamo le opere pubbliche che l Amministrazione intende realizzare in convenzione con i privati. TABELLA 6 STATO OPERE PUBBLICHE DA AVVIARE (in convenzione con Privati) Bilancio Previsione 2009 Fognatura Arlate > Tratto da semaforo Via Nuova Provinciale all incrocio Via Adda > Tratto Via Adda all incrocio Via dei Mulini > Tratto da Depuratore Via Dei Mulini al depuratore del Toffo (Esselunga deve terminarlo entro 1 anno ed in fase di approvazione da Parco Adda) Piazzale Chiesa Calco > Sistemazione strada e ripiantumazione alberi (Esselunga non ha ancora avviato i lavori ) NB Esselunga ha la facoltà di avviare i lavori e terminarli entro 3 anni TABELLA 7 SPESA PER INVESTIMENTI 2009 Bilancio Previsione 2009 Illuminaz.parcheggio, certificato Prev.Incendi/ locale servers/carta identità Attrezz varie uffici comunali Fondo edifici di culto Arredi ed attrezzature scuola elementare Manutenzione straordinaria scuola media Installazione pannelli fotovoltaici scuola media Arredi ed attrezzature scuola media Completam. struttura palaz. dello sport Completam. struttura palaz. dello sport - mutuo cdp Interventi su semafori, attraversamenti pedonali e altro Convenzione Enel Sole - attività di riqualificazione Manutenz. Straord.imm.li di edilizia residenziale pubblica Manutenz. straord. verde Abbattimento barriere architettoniche TABELLA 8 SPESA PER INVESTIMENTI 2010 Bilancio Previsione 2009 Illuminaz.parcheggio, certificato Prev.Incendi/ locale servers/carta identità Manutenz straordinaria beni demaniali e patrimoniali Fondo edifici di culto Arredi ed attrezzature scuola elementare Arredi ed attrezzature scuola media Rotatoria Via Nuova Provinciale Convenzione Enel Sole - attività di riqualificazione Abbattimento barriere architettoniche Il completamento della fognatura di Arlate è di basilare importanza al fine di adeguare Arlate ad uno smaltimento delle acque reflue secondo le norme ambientali vigenti. Le altre opere per le quali l Amministrazione prevede l attuazione negli anni successivi sono riportate nella colonna a fianco. NB - Al momento di andare in stampa, ci viene segnalato dall'assessore al Bilancio che, in sostituzione del mutuo per per il Palazzetto, verrà utilizzato parte dell'avanzo di Bilancio 2008 per pari importo. TABELLA 9 SPESA PER INVESTIMENTI 2011 Bilancio Previsione 2009 Illuminaz.parcheggio, certificato Prev.Incendi/ locale servers/carta identità Manutenzione straordinaria scuola media Fondo edifici di culto Messa in sicurezza scuole Arredi ed attrezzature scuola elementare Arredi ed attrezzature scuola media Riasfaltatura varie strade comunali Convenzione Enel Sole - attività di riqualificazione Abbattimento barriere architettoniche incomune - maggio

12 SPAZIO SCUOLE L asilo Origo La scuola dell infanzia Origo accoglie bambini da 3 a 6 anni suddivisi in quattro sezioni eterogenee e da una omogenea con 16 bambini, con la presenza di una seconda insegnante. In ogni sezione un insegnante è presente dalle 9.00 alle 16.00, con la possibilità di usufruire del servizio di prescuola e dopo scuola. Il Progetto Educativo nasce come risposta ai bisogni dei destinatari e ai fini dell educazione. Si prendono in esame le Nuove Indicazioni per il Curricolo per la scuola dell Infanzia del D.M e le motivazioni dell azione educativa presenti nel contesto socio-culturale. Inoltre ci si impegna a far si che la nostra scuola evidenzi la sua identità ispirata ai valori umani, cristiani e costituzionali. L identità della scuola La nostra scuola si caratterizza per la sua identità cattolica ispirata ai valori evangelici e vissuta attraverso momenti in cui si richiamano le ricorrenze più significative che il percorso della Chiesa ci propone. L inserimento L entrata nella scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa di grande importanza, che determina la buona riuscita e la serenità del bambino all ingresso nella sua prima comunità. Durante la prima settimana di settembre avviene l inserimento dei nuovi iscritti con la presenza iniziale dei genitori, in modo di aiutarli a conoscere l ambiente con gradualità e permettere una reciproca relazione amichevole fra bambini e insegnanti.. Tenendo conto che in questa età l inserimento in un altro ambito diverso dalla famiglia d origine è un momento estremamente delicato e ricco di implicazioni emotive. Le insegnanti hanno cura di creare un clima accogliente, gioioso e rassicurante dove vengono intraprese attività prevalentemente ludico-espressive, finalizzate alla socializzazione, alla conoscenza del nuovo ambiente ed ad instaurare un rapporto sereno fin dal primo giorno. L azione educativa e didattica della scuola riguarda il raggiungimento degli obiettivi relativi alla progressiva conquista da parte dei bambini della propria identità, dell autonomia personale e di una competenza sempre più articolata relativa al sapere, al saper fare e al saper essere. Dal nostro progetto : Un viaggio inizia con un passo! Sono un topo, ho 5 anni vivo da sempre in una casa sotto terra con mamma e papà La mia casa è così piccola che non c è spazio per giocare e il topo decide di costruire una camera tutta per sé. Mamma e papà dicono: ottima idea ce la puoi fare da solo, se è troppo difficile possiamo aiutarti (dal libro Come il topo piglia un sasso sulla testa e scopre il mondo di E. Delessert). È l inizio dell avventura del nostro protagonista che quest anno ci accompagna alla scoperta del mondo. In questo modo il bambino è consapevole delle sue capacità, della sua autonomia e della presenza rassicurante dell adulto. Immedesimandosi nel personaggio il bambino si accosta alla realtà, prende coscienza di sé stesso, del mondo intorno a lui e delle proprie emozioni, così nel percorso parallelo alla storia potrà sentirsi soggetto attivo delle esperienze avendo la possibilità di esplorare, sperimentare. manipolare e progettare, Possiamo sviluppare gli obiettivi propri della scuola dell infanzia: maturazione dell identità, conquista dell autonomia, sviluppo delle competenze ed educazione alla cittadinanza, calati nei campi di esperienza proposti dalle nuove indicazioni ministeriali. Campi d esperienza Il sé e l altro: grandi domande, il senso morale, il vivere insieme I discorsi e le parole: comunicazione, lingua, cultura Linguaggi, creatività, espressione: gestualità, arte e musica La conoscenza del mondo: ordine spazio, tempo, natura LABORATORI PROGETTUALI DI INTERSEZIONE Durante l anno scolastico si realizzano laboratori di attività complementari, programmati e organizzati in gruppi di 12 o 14 bambini di età omogenea indipendentemente dalla sezione di appartenenza. Essi sono: Laboratorio di musica e canto: Progetto finanziato dall Amministrazione Comunale e guidato da un esperto che utilizza il metodo Orff. Laboratorio di informatica: Il laboratorio sarà coordinato e seguito da un insegnante del nostro team. Si utilizza il software aperto (Paint, Word) e il software mirato con programmi didattici. Laboratorio di lingua inglese: Tenuto da un insegnante di madre lingua inglese Laboratorio di psicomotricità: L attività è proposta da un esperta esterna laureata in scienze motorie. Laboratorio delle emozioni: Proposto da una Psicologa per tutte le fasce d età. I bambini scoprono diverse emozioni quali rabbia - gioia - paura - sorpresa e gradualmente imparano a tenere le emozione positive e allontanare quelle che fanno stare male. Laboratorio linguistico e logico-matematico: Questo laboratorio viene attuato con i bambini di 5 anni, ha come finalità principale quella di sviluppare sfera linguistica. Successivamente si propone un attività di pre-grafismo.per sensibilizzare i bambini al piacere della lettura si propone il weekend del libro (un libro per il fine settimana ) 12 incomune - maggio 2009

13 L aspetto logico: viene stimolato con esperienze pratiche sulle quantità, classificazioni e seriazioni e su avvenimenti temporali. Educazione Religiosa: Viene preso in considerazione il percorso presentato per l IRC nella scuola dell infanzia. Continua senza sosta l impegno dell amministrazione comunale sui temi dell ambiente e del territorio con importanti iniziative rivolte ai cittadini e in particolare ai giovani. E infatti in fase di realizzazione il progetto promosso dall assessorato ecologia territorio ambiente che coinvolge tutte le Scuole di Calco, materna elementare e media, per una migliore gestione della raccolta differenziata dei rifiuti. Il progetto affidato alla coop eco 86, che ha già operato negli scorsi anni con le Scuole, prevede dei momenti diversi di apprendimento che variano dal ludico al pratico. Sono previste attività interattive per fare comprendere al meglio sia le regole della raccolta differenziata sia le opportunità che offre il riciclo dei materiali. Progetto continuità: Questo progetto viene realizzato con l asilo nido e la scuola primaria per avvicinare il bambino a realtà diverse e affrontare nuove relazioni. Multiculturalità e Integrazione: La scuola è aperta ad accogliere bambini di varie nazionalità aiutandoli ad inserirsi Settimana dello Sviluppo Sostenibile Il riuso dei materiali oltre a migliorare il modo di vivere in generale, consente di ridurre l utilizzo delle materie prime come il petrolio ed i suoi derivati e di conseguenza di contenere le immissioni nocive nell atmosfera. Tutte queste considerazioni saranno condivise da alunni e studenti in varie fasi che a seconda della situazione saranno svolte in classe o in momenti condivisi dai genitori. Ne è un esempio la giornata di chiusura della settimana dello sviluppo sostenibile. L obbiettivo è sviluppare nei giovani una coscienza sensibile all ambiente e creare i presupposti perché possano loro stessi farsi promotori di comportamenti eco-sostenibili nelle rispettive famiglie. nella nostra realtà, ma rispettandone la loro cultura e le loro tradizioni. I bambini diversamente abili vengono inseriti nelle sezioni e supportati da educatori, le insegnanti durante l anno si confrontano con esperti della Nostra Famiglia di Bosisio Parini. RAPPORTO CON LE FAMIGLIE L open day offre l opportunità ai genitori e ai futuri iscritti di conoscere la realtà della nostra scuola. Durante le Assemblee generali si presenta il Piano dell Offerta Formativa e si illustra il progetto annuale in modo dettagliato. Colloqui individuali: Possibilità di un confronto privato fra genitore-docente Sportello genitori e incontri di formazione per genitori sono proposti presso la scuola con la consulenza della Psicologa dott.ssa Cagliani. AMPLIAMENTO Nel corso degli anni la nostra scuola materna ha richiesto numerosi interventi sia per l ampliamento che per l ammodernamento, come si può ricavare dalla sua lunga storia illustrata sul sito del Comune. Attualmente sono in corso i lavori di ampliamento, iniziati nel 2008, e che una volta ultimati consentiranno di ospitare fino a 150 bambini suddivisi in sei classi. La spesa complessiva prevista è di 700 mila euro. Tale cifra, grazie ad un cospicuo finanziamento dell Amministrazione comunale, alle generose donazioni di un gruppo di privati cittadini e di aziende locali e alla sottoscrizione di un mutuo ventennale di 350 mila euro, è per il momento coperta per il 90%. Il Consiglio di Amministrazione ringrazia sentitamente coloro che già hanno contribuito e si augura di poter contare sulla sentita partecipazione di molti altri calchesi. A tal fine sta predisponendo una libera sottoscrizione che sarà resa operativa quanto prima. incomune - maggio

14 Arlate, la sua chiesa e il millennio Dopo i festeggiamenti in attesa del millennio della fondazione dell abbazia dei SS. Gottardo e Colombano, la parrocchia di Arlate, in collaborazione con l associazione ArteLab, l oratorio, il gruppo sportivo Arlate 85 e l assessorato alla Cultura ha proposto nuovi momenti di grande interesse. Il primo è stata la conferenza di padre Giovanni Spinelli, monaco di Pontida e apprezzato storico sul tema Il monastero di Arlate nel quadro della storia del monachesimo. ll secondo è stata una mostra di miniature in sasso delle chiese Romaniche in Lombardia all interno della quale è stata proposta una ricostruzione della chiesa di Arlate prima degli interventi del Quest ultima particolarmente riuscita ed apprezzata, oltre che per la bellezza del plastico, soprattutto per l operazione che ha permesso di arrivare ad una fedele ricostruzione della nostra chiesa attraverso contatti, ricerche e contributi di molte persone che a vario titolo sono stati testimoni degli eventi che hanno cambiato il volto della chiesa di Arlate. A correlare la ricostruzione, infatti alcuni pannelli mostravano foto d epoca di come si presentava la chiesa e tutto il complesso monastico prima, ma anche durante i lavori. Un concerto dell orchestra sinfonica di Lecco ha preceduto la visita dell arcivescovo di Milano Tettamanzi con la quale si sono conclusi i festeggiamenti. Calco e i suoi poeti L annuale incontro con i poeti calchesi è ormai diventato un appuntamento particolarmente atteso e sentito, in grado di richiamare autori e spettatori anche dai paesi limitrofi. Testimoniano la riuscita della manifestazione, il numero sempre crescente di poeti che hanno voluto intervenire e il folto pubblico che ha letteralmente gremito la sala civica. L attesa non è andata delusa. Gli autori hanno saputo evocare con la forza della parola, sentimenti intensi e suggestioni profonde che i presenti hanno avuto la possibilità di scoprire e rivivere. Hanno così preso vita i componimenti recitati dagli autori stessi: Ferdinado Angeleri, Antonio Colombo, Franca Oberti, Wilma Redaelli, Milena Bonfanti, Orazio Caliandro, Giancarlo Sala. A rendere ancor più suggestiva l atmosfera ha provveduto il maestro Danilo Marzorati che, con straordianria bravura, ha accompagnato la recita delle poesie con le delicate melodie della sua arpa celtica. L assessore alla cultura, promotore, con la biblioteca civica, dell iniziativa, ha dato appuntamento alla prossima edizione. Loeuch d invernu Campo d inverno (G. Sala) La brina nel loeuch L èra un tapee E ül prèm suu Sberlusiva tra l erba Urmai regunduda a fee. Ul fià e l faceva foeum E i mòn gelà Sugnavèn l està. Prisüneri del giàzz E de la brina I piont restàven in surdina Senza foj de fa cantà. Statui de gèss A guardia del prà. La brina nel campo Era un tappeto E il primo sole Brillava tra l erba Ormai ridotta a fieno. Il fiato era fumo E le mani gelate Sognavano l estate. Prigioniere del ghiaccio E della brina Le piante restavano mute Senza foglie da far cantare. Statue di gesso A guardia del prato. 14 incomune - maggio 2009

15 NOTIZIE FLASH FESTA DEL VOLONTARIO CALCHESE Valorizzare il volontariato. Dare ad esso visibilità. Metterne in risalto la qualità e il lavoro svolto dai volontari calchesi riuniti nelle diverse associazioni che animano la vita sociale del nostro Paese. E' con questo spirito che l'amministrazione Comunale ha voluto organizzare una giornata denominata Festa del volontario calchese, una festa interamente dedicata alle diverse associazioni e gruppi di volontariato attivi nel nostro paese nei più disparati campi: dall'assistenza ai più bisognosi, alla promozione di eventi comunitari, dall'associazionismo sportivo a quello culturale. L'iniziativa ha avuto luogo domenica 26 ottobre 2008 presso l'area S. Vigilio, arricchita per l'occasione con l'allestimento di stand e banchetti in rappresentanza di ciascuna realtà associativa. Il pomeriggio è stato animato dagli alpini della locale sezione Calco-Olgiate che hanno offerto castagne e vin brulè. Nel corso della giornata l'amministrazione Comunale ha inaugurato la Fontana di Gaeta (via S. Carlo) che è stata ripristinata nei mesi scorsi. STORIA DEL TERRITORIO Ancora una volta ha riscosso notevole successo il ciclo di conferenze riservate agli Aspetti di storia del territorio, promosso dall Assessorato alla Cultura. Nel corso di tre serate, il Prof. Claudio Ponzoni ha trattato aspetti e temi legati alla presenza di Leonardo da Vinci in Brianza e ha illustrato le tristi condizioni e le travagliate vicende del nostro territorio al tempo delle dominazioni francese e spagnola. flash_notizie_flash_notizie_flash_notizie_notizie_flash_notizie_flash_ PULIZIA DEL FOSSO CALENDONE Grazie alla convenzione in atto con i Volontari della Protezione Civile è stato effettuato il primo intervento di pulizia del Fosso Calendone. A memoria d uomo la roggia non è mai stata fatta oggetto di conservazione risultando in condizioni di incuria e degrado. Oltre che offrire una vista tutt altro che piacevole, recava non pochi disagi agli abitanti delle zone limitrofe. L intervento rientra nel programma provinciale Fiumi Sicuri che riguarda i corsi minori, vede interessati anche i paesi Olgiate e Merate dove scorre il Calendone e, per l Amministrazione Comunale, rappresenta il primo passo di un intervento di riqualificazione che dovrebbe continuare nei prossimi anni per favorire il normale deflusso del corso d acqua. CULTURA E ISTRUZIONE: EVENTI DI MAGGIO Sabato 16 maggio mattina presso l Auditorium San Luigi si è svolta la consegna delle borse di studio Cerca l ottimo e la premiazione del concorso Oltre il racconto rivolto agli studenti delle scuole medie. Il giorno 17 Maggio è stata la Giornata delle biblioteche aperte del sistema bibliotecario meratese. L Open Day di quest anno, ha visto coinvolti i bambini con animazioni e gli adulti con un aperitivo e la lettura di poesie. SERVIZI CIMITERIALI Da qualche tempo ad occuparsi dei cimiteri di Calco ed Arlate è la cooperativa Il Ponte di Albiate (MI). Il cambiamento, come spesso accade in queste occasioni, ha provocato qualche disguido, complice anche la neve caduta in quei giorni. Di questo ci scusiamo, con la convinzione che ormai i problemi sono stati risolti garantendo così il migliore servizio possibile. Oltre alla gestione dei due cimiteri, (e della loro pulizia) la cooperativa si occuperà anche della manutenzio- flash_notizie_flash_notizie_flash_notizie_notizie_flash_notizie_flash_ ne delle aree verdi pubbliche comunali. In tal modo si pensa di ottimizzare il carico di lavoro dei nostri operatori ecologici, che così potranno tornare on the road. PASSAGGI PEDONALI ILLUMINATI Continuano gli interventi per rendere più sicuri gli attraversamenti delle nostre strade. Tre passaggi pedonali già esistenti, due ad Arlate lungo via Nuova Provinciale e uno a Calco lungo via Nazionale, sono stati illuminati in modo da renderli ben visibili a chi transita in auto. In copertina: Arlate in uno scatto degli anni 30. Per gent ile concessione del Signor Fausto Pirovano In Comune Notiziario periodico del Comune di Calco Anno III, num. 1, Maggio 2009 Direttore Responsabile Gilberto Fumagalli Editore Comune di Calco Stampa AD Print - Osnago (LC) Tiratura di questo numero n copie Registrazione n. 484/2007 del 28/3/ Tribunale di Lecco incomune - maggio

16 Orari di apertura del Municipio CALCO - via C. Cantù 1 - Tel Fax Uffici Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Assistente Sociale Segreteria Ragioneria Anagrafe Protocollo Tributi Ufficio Tecnico Polizia Locale Difensore Civico ricevimento anche in questo giorno ma solo su appuntamento Orari di ricevimento del Sindaco e degli Assessori Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Sindaco (Ass. Sicurezza e Comunicazione) Gilberto Fumagalli Vicesindaco (Urbanistica e Opere Pubbliche) Anselmo Brambilla Istruzione e Cultura Renato Leone Politiche Giovanili, Sport e Tempo libero Enrico Cesare Valtolina Bilancio, Commercio e Affari Generali Aldo Terenghi Servizi Sociali Massimo Fanuli Ambiente e Ecologia Silvano Pirovano Legenda presenza dell Assessore in Municipio ricevimento in questo orario ma su appuntamento ricevimento anche in questo giorno ma solo su appuntamento Per fissare un appuntamento: Signora Comini - Tel Biblioteca Comunale CALCO - via A. Volta - Tel Orari di apertura Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato al pubblico CHIUSO * * * * * Orari sperimentali in vigore dall all

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE Vorremmo provare a spiegare come funziona il bilancio della nostra scuola, quali servizi vengono offerti e come sono finanziati. Per chiarezza e trasparenza.

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 La facciata ristrutturata Comune di Castiglione d Adda Via Roma 130, 26823 - Castiglione d Adda Tel. 0377/900403 Fax.

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI)

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI VALERA FRATTA (LODI) COMUNE DI VALERA FRATTA PROVINCIA DI LODI P.zza Vittoria, 6 Tel. 0371.99000 Fax 0371.99348 c.a.p. 26859 E-mail: comunevalerafratta@virgilio.it RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 DEL COMUNE DI

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI RENDICONTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ANNO 2010 Con l approvazione del Rendiconto di gestione anno 2010 l Amministrazione Comunale vuole

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA

BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA PARTE I - ENTRATA avanzo di amministrazione di cui : Avanzo di amministrazione di cui : I TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 24.852,2 0,00 0 Categoria ª - imposte imposta

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE 1 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE VIA DON BOSCO,57-57124 - LIVORNO TEL.0586444269 Email fmacolline@gmail.com 2 L anno scolastico 2014/2015 prevede un percorso formativo che vuole aiutare

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO PROVENTI CONCESSIONI EDILIZIE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO MONETIZZAZIONI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: ALIENAZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

La gestione finanziaria 1

La gestione finanziaria 1 CAPITOLO 6 BILANCIO COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La gestione finanziaria 1 Le risultanze finali del conto di bilancio dell esercizio finanziario 2007 sono riportate nella Tavola

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Sez. 3: SERVIZI DI INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO

Sez. 3: SERVIZI DI INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PRESENTAZIONE BILANCIO PREVISIONALE 2013

COMUNE DI SERDIANA PRESENTAZIONE BILANCIO PREVISIONALE 2013 PRESENTAZIONE PRESENTA IL SINDACO ROBERTO MELONI Il bilancio di previsione annuale, è il più importante strumento di pianificazione annuale dell attività dell Ente, che attua la programmazione definita

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Via Nigoline, 16 25030 ADRO (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI NOVAGGIO. Che accompagna la richiesta di approvazione del preventivo del comune di Novaggio per l anno 2014

COMUNE DI NOVAGGIO. Che accompagna la richiesta di approvazione del preventivo del comune di Novaggio per l anno 2014 Messaggio Municipale No. 11-2013 Che accompagna la richiesta di approvazione del preventivo del comune di Novaggio per l anno 2014 Ris.Mun 9330 Data 11.11.13 Dicastero Finanze Per esame della commissione

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13

IL CASO DI MISANO GERA D ADDA. venerdì 25 ottobre 13 IL CASO DI MISANO GERA D ADDA CHE COS E IL BILANCIO COMUNALE Strumento di pianificazione e gestione economica e finanziaria dei Comuni. In esso vengono dettagliate tutte le entrate e le spese dell'ente

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A.Gramsci Via Motrassino, 10 Scuola dell Infanzia H.C.Andersen Via Buozzi di fronte al Liceo Juvarra Scuola dell Infanzia G.Rodari via

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI Dirigente Scolastico: Dott. Fulvia Cantone Scuola dell Infanzia MOTTA DE CONTI A.S. 2015-2016 2016 CRESCERE INSIEME. PER ESSERE CITTADINI DEL MONDO: promuovere

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola La scuola inizia alle 7.50. Noi bambini ci ritroviamo nel cortile

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

L Assessore Sara Grigis

L Assessore Sara Grigis RELAZIONE AL PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 I comuni sono chiamati a svolgere una funzione sempre più importante nell ambito dell Istruzione e della Formazione, elementi universalmente

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA La scuola dell infanzia per bambini dai 3 ai 6 anni di età non è obbligatoria, ma è di fondamentale importanza per la promozione di competenze essenziali, quali:

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Cari saluti a tutti. Carlo Salsa

Cari saluti a tutti. Carlo Salsa Ormai nel lontano 2004, l allora parroco di Trissino Don Giuseppe Nicolin mi chiese di entrare nel CDA del nuovo Ente, Fondazione Casa della Gioventù. Successivamente, i componenti dello stesso organo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

C O M U N E D I V I L L A D A L M E

C O M U N E D I V I L L A D A L M E C O M U N E D I V I L L A D A L M E (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER I RAPPORTI DI COLLABORAZIONE CON SINGOLI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA SOLIDARISTICHE Pagina 1 di 7 Art. 1 1. Il Comune,

Dettagli

AMBIENTE, SPORT E CULTURA SUL FIUME TEVERE, NEL CUORE DI ROMA CAPITALE Apprendere in Rafting alla scuola del Fiume

AMBIENTE, SPORT E CULTURA SUL FIUME TEVERE, NEL CUORE DI ROMA CAPITALE Apprendere in Rafting alla scuola del Fiume AMBIENTE, SPORT E CULTURA SUL FIUME TEVERE, NEL CUORE DI ROMA CAPITALE Apprendere in Rafting alla scuola del Fiume Proposta per uscite Didattiche, Giochi Studenteschi regionali Corsi di formazione per

Dettagli

Istituto Scolastico MICHELANGELO BUONARROTI Ponte A Egola - San Miniato www.istitutocomprensivobuonarroti.it

Istituto Scolastico MICHELANGELO BUONARROTI Ponte A Egola - San Miniato www.istitutocomprensivobuonarroti.it Istituto Scolastico MICHELANGELO BUONARROTI Ponte A Egola - San Miniato www.istitutocomprensivobuonarroti.it SCUOLA dell INFANZIA 2016 2017 L ISTITUTO COMPRENSIVO è un Istituto Scolastico che raggruppa

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Assemblea Associazione Arché Venerdì 13 aprile 2012 Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Si inizia con la video presentazione della mission e dello spot 5xmille Cari Soci, Volontari,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Allegato A Adottato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 2 marzo 2011 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015

Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 Scuola dell infanzia S.Smerilli Relazione finale anno scolastico 2014/2015 L anno scolastico si e concluso,ed è giunto il momento di fare una verifica sul lavoro svolto e sui risultati conseguiti. Il percorso

Dettagli