il Notiziario dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Rimini ANNO XV, Numero 1, Gennaio/Marzo 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il Notiziario dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Rimini ANNO XV, Numero 1, Gennaio/Marzo 2012"

Transcript

1 il Notiziario dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia ANNO XV, Numero 1, Gennaio/Marzo 2012 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale, D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 2 DCB Rimini Valida dal 05/04/2004. Aut. Tribunale Rimini n. 4/98 del 31/03/1998

2 il Notiziario dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia ANNO XV, Numero 1, Gennaio/Marzo 2012 Direttore responsabile: Dott. Mauro Giovanardi Segretaria di redazione: Valentina Aureli Coordinatori editoriali e di redazione: Dott. Luigi Casadei, Dott.ssa Antonella Chiadini Redazione: Dott. Sergio Arlotti, Dott. Melchisede Bartolomei, Dott. Girolamo Buono, Dott. Giovanni Cananzi, Dott. Luigi Casadei, Dott.ssa Antonella Chiadini, Dott. Stefano De Carolis, Dott. Marco Grassi, Dott. Sergio Grassia, Dott. Saverino La Placa, Dott. Giovanni Morolli, Dott. Maurizio Pallanti, Dott. Emilio Rastelli, Dott. Andrea Santarelli Grafica e stampa a cura di agenzia NFC - Rimini - tel Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Via Flaminia, 185/B - Rimini Tel fax Lunedì e Mercoledì dalle 8.30 alle e dalle alle Martedì, Giovedì e Venerdì dalle 8.30 alle sommario EDITORIALE... pag. 4 Sanità tra cura ed economia VITA DELL ORDINE... pag. 6 A n avrò spalé? Numero zero Sportello per il cittadino SANITà LOCALE... pag. 9 Maurizio Bigi nuovo Direttore U.O. Tutela Salute Famiglia, Donna, Età Evolutiva Riccardo Sabatelli nuovo Direttore U.O. Riabilitazione Psichiatrica L ambulatorio Extra-CEE RUBRICA LEGALE... pag. 12 Colpa grave in caso di difetto del consenso informato MEDICI RIMINESI NEL MONDO... pag. 14 Massimo Migani, Odontoiatra in Zimbabwe CRONACA E ATTUALITÀ... pag. 16 Cara Azienda, avrai il mio corpo, ma non il mio cuore... Sveglia, dottore, la ricreazione è finita MEDICI MA NON SOLO... pag. 19 Tracce di Rinascimento STORIA DELLA MEDICINA... pag. 21 Fiction Iano Planco SCUOLA DI ETICA MEDICA... pag. 23 Scuola di Etica Medica: 1 incontro del Comitato Scientifico Convegno Scuola di Etica Medica - 12 maggio 2012 La professione medica tra etica, bioetica e deontologia RECENSIONI... pag. 26 Teo Bragagna, medico e artista CORSI, CONVEGNI, CONGRESSI, ATTIVITà CULTURALI... pag. 27 Una passeggiata di salute ANNUNCI... pag. 28 Ricordando i colleghi... pag. 29 VAriazioni agli albi... pag. 30 AFORISMA Il tempo è il più scienziato e il più pratico di tutti i medici. C. Dossi 3

3 Editoriale Editoriale SANITà TRA CURA ED ECONOMIA Nella vita quotidiana gran parte delle difficoltà sono dovute al fatto che le risorse disponibili sono limitate mentre i bisogni non sempre lo sono. Quindi la decisione di come utilizzare le risorse è una scelta che coinvolge ognuno di noi, in famiglia come nel lavoro. Tali scelte non sono e non devono essere affidate alla casualità, anche in considerazione del fatto che le risorse, una volta utilizzate, non sono più disponibili. Tutti noi, consciamente o inconsciamente, in famiglia come nella nostra impresa, applichiamo dei principi di economia, intesa questa come disciplina che ottimizza l utilizzo delle risorse. Tutte le volte che una risorsa è limitata, volenti o nolenti, dobbiamo fare economia avendo ben chiaro che è la limitatezza delle risorse che richiede economia e non questa che impone la riduzione dell utilizzo delle risorse. Venendo a noi, medici-professionisti della salute, sempre più spesso siamo chiamati a occuparci di questioni economiche nello svolgimento della nostra professione che ha a che fare con il bene salute. È questo, il bene salute, un elemento così importante che ogni cittadino è spontaneamente portato a rifiutare qualsiasi limitazione posta ai mezzi per salvaguardarlo. In questo contesto, la domanda di servizi sanitari e il conseguente uso di risorse può essere influenzato, ovvero ridimensionato o amplificato, dal medico che entra in contatto con il cittadinopaziente. Il medico deve allora avere la consapevolezza della limitatezza delle risorse (siano economiche che tecnologiche o di spazi) e deve avere altrettanta consapevolezza che la buona pratica medica e i relativi problemi economici non sono sempre in relazione conflittuale. Dal giuramento di Ippocrate al più recente Codice di Deontologia Medica, emerge a chiare lettere la necessità da parte del medico di un impiego razionale delle risorse. L etica medica e la economia quindi non devono essere viste come discipline contrapposte o conflittuali ma come alleate al servizio della salute. Oggi più che mai la pratica medica, guidata da questa alleanza, deve raggiungere un equilibrio tra risorse e valori, tra bisogni e benefici. In tale contesto dobbiamo saper prenderci le nostre responsabilità nelle quotidiane decisioni. Chi ricoverare, chi dimettere, quale protocollo seguire, quanto investire nell aggiornamento professionale, sono tutti momenti decisionali che danno corso ad azioni ed effetti diversi per il nostro paziente e per il sistema sanitario. Questa cultura economica deve essere da noi medici accettata, se non altro per evitare che la nostra professione sia codificata e condotta solo e unicamente dagli economisti. Oggi il medico non può essere esentato da qualsivoglia considerazione riguardo ai costi del suo intervento e del suo operato. È anche dal nostro agire quotidiano se il sistema sanitario potrà mantenere una sostenibilità sociale. Da qui la necessità di un dibattito ampio, di riflessioni più vaste sulla responsabilità circa l utilizzo delle risorse. Se l obiettivo dell attività medica è quello di migliorare lo stato di salute del paziente e in senso lato della popolazione, dobbiamo essere costantemente in grado di verificare la nostra attività di cura in funzione dei risultati per il nostro paziente e l impatto dei relativi costi sul nostro sistema sanitario. In questo scenario, dove l etica medica e la economia sono alleate, lo sforzo del nostro Ordine professionale è quello di migliorare il grado di responsabilità di noi medici verso il razionale utilizzo delle risorse. Ed è per questo che la Scuola di Etica Medica promuoverà un dibattito e un confronto il più ampio possibile, per non lasciare il medico solo di fronte ad un futuro che appare sempre più difficile, tra le richieste sempre più pressanti dei pazienti e la razionalizzazione sempre più estrema delle risorse da parte di un Servizio Sanitario Nazionale sempre più in affanno. Ritengo che l attuale crisi economica richieda a tutti i soggetti coinvolti nella sanità, politici amministratori e professionisti, di progettare INSIEME un nuovo modello di assistenza sanitaria che dica chiaramente in tema di salute che cosa, come e per chi produrre. Noi medici, dopo aver accettato e vinto la sfida tecnologica che ha cambiato radicalmente la nostra professione, dobbiamo accettare la sfida organizzativo-gestionale per rimanere attori principali nel mondo della sanità. Maurizio Grossi 4 5

4 Vita dell Ordine * Traduzione letterale per i numerosi colleghi non di madre lingua romagnola: non avrò esagerato?. Trattasi di espressione tipicamente romagnola a indicare il dubbio di aver fatto il passo più lungo della gamba e, nel caso specifico, di essersi assunti un compito superiore alle proprie capacità. A N AVRÒ SPALÉ? * Vita dell Ordine Cari Colleghi, a partire da questo numero del Notiziario raccolgo il testimone della direzione da Gianni (Giovanni) Morolli che è stato l ottimo Direttore nei precedenti tre anni e che, per decisione personale, ha voluto concludere questa sua esperienza. Dopo la rinuncia di Gianni, il Consiglio Direttivo dell Ordine ha ritenuto che potessi subentrargli e io ho avuto la presunzione di accettare, onorato dalla proposta. Quando all inizio del precedente mandato di consigliere si è trattato di scegliere in quale commissione impegnarmi, non ho avuto dubbi sulla scelta del Notiziario. Perché desideravo uscire dall ambito professionale strettamente tecnico per allargare il mio orizzonte ai temi etici, sociali e comunicativi della professione e ritenevo il Notiziario il mezzo più idoneo allo scopo. L impegno mi ha completamente ripagato: le riunioni del comitato di redazione sono state straordinarie occasioni di confronto, di scambio di idee e di apertura mentale. Gli amici del comitato sono stati in questa esperienza compagni preziosi, competenti e piacevoli, visto che non sono mancati i momenti conviviali che hanno consentito di produrre senza percepire, almeno per quanto mi riguarda, il peso dell impegno. In tutto questo Gianni Morolli ha saputo coordinare e stimolare il nostro lavoro con l autorevolezza di un primus inter pares. In questi tre anni ho apprezzato la sua capacità di proporre argomenti sempre di grande interesse, sia che si trattasse di temi scientifici che di temi di attualità connessi alla nostra professione. È riflettendo su questa sua abilità e sulla mia capacità di esserne all altezza che mi è tornato in mente il commento che ci siamo scambiati con il nostro Presidente al termine del recente convegno sull etica: in quell occasione soddisfatti, ma consapevoli della portata dell impegno che ci eravamo assunti nei confronti degli iscritti e degli autorevoli relatori, io e Maurizio ci siamo guardati in faccia e a me è sfuggito (eloquentemente condiviso dallo sguardo di rimando del Presidente) un commento in puro stile romagnolo: «A n avrem spalé?». Ecco, l augurio che faccio a me stesso nei confronti dei nostri iscritti, del Consiglio e del Comitato di redazione è di non aver spallato. A Gianni un grande ringraziamento per il lavoro svolto e per il metodo che mi ha trasmesso con l esempio, senza la pretesa di insegnarmelo. Mauro Giovanardi Il Presidente Dott. Maurizio Grossi premia il Dott. Gianni Morolli, Direttore uscente de Il Notiziario. NUMERO ZERO Questo numero del Notiziario vi giunge, probabilmente con ritardo rispetto alla normale periodicità, rinnovato nella grafica e con qualche novità, spero gradita, nei contenuti. Vi sono anche cambiamenti nella Redazione: alcuni redattori, per ragioni personali o per assunzione di altri impegni, hanno deciso di interrompere la collaborazione e a loro rivolgo a nome del Consiglio un ringraziamento sincero per l impegno e il lavoro svolto. Altri nuovi Colleghi sono subentrati apportando entusiasmo e idee nuove. L esistenza di una Redazione è necessaria per avere un gruppo che garantisca continuità nei tempi e nei contenuti, ma come sempre è stato, il Notiziario resta aperto al contributo, sotto varie forme, di tutti i Colleghi. La prima riunione di redazione è stato un vero e proprio brain storming di cui un primo risultato è il numero che avete tra le mani. Un numero che noi consideriamo un po Numero Zero, nel quale alcune delle novità pensate hanno già trovato spazio mentre altre, ancora in via di definizione, compariranno nei prossimi numeri. Con la nuova veste grafica abbiamo anche intenzione di proporci a soggetti esterni offrendo spazi pubblicitari con cui recuperare, almeno in parte, i costi di pubblicazione e incidere così il meno possibile sul nostro bilancio. Ci auguriamo che questi cambiamenti siano accolti positivamente, ma siamo pronti e interessati anche alle vostre critiche. In attesa, buon lavoro a noi e buona lettura a voi. 6 7 M. G.

5 Vita dell Ordine Sportello per il Cittadino L Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, in qualità di Ente di Diritto Pubblico ausiliario dello Stato, ha fra i suoi scopi primari l essere garante nei confronti del cittadino della qualità morale e professionale dei propri iscritti. L avvio ufficiale di uno sportello per il cittadino a cura dell Ordine ha il fine di fornire agli utenti un luogo di ascolto, comunicazione e informazione. Questo servizio pubblico non vuole essere un ulteriore strumento di denuncia, al contrario si propone di contribuire a ridurre la conflittualità tra gli operatori sanitari e gli utenti fornendo informazioni qualificate e raccogliendo stimoli e suggerimenti. Riteniamo infatti che molte incomprensioni derivino dalla scarsa conoscenza dei rispettivi diritti e doveri. Lo Sportello per il Cittadino, coordinato dal Dott. Carmelo Palmeri, avrà come locazione la sede dell Ordine, ove il suddetto sarà presente tutti i mercoledì dalle 11,30 alle e si avvarrà anche di una dedicata sezione nel futuro sito informatico dell Ordine. Chiunque, a seconda della propria competenza e professionalità, voglia contribuire a questa iniziativa può comunicarlo al sottoscritto. Fontana dell Arengo - Piazza Cavour Rimini Foto di Girolamo Buono Carmelo Palmeri Maurizio Bigi Nuovo Direttore U.O. Tutela Salute Famiglia, Donna, Età Evolutiva del Dipartimento Cure Primarie dell AUSL Sanità Locale «Fin dalla scuola materna pensavo di fare il medico» mi confessa orgoglioso il Dott. Bigi «Di me bambino, mi è rimasta la voglia di giocare e, nel tempo libero, amo il tennis, lo sci Il tempo per la lettura lo dedico prevalentemente alle riviste scientifiche. Ma ho anche una vera passione per la musica in genere e suono la batteria con la band dei colleghi». Quarantotto anni, sposato con tre figli, Bigi ha sempre creduto nel valore della famiglia di cui difende la riservatezza. Laureato all Università di Bologna e specializzato in Pediatria, Allergologia e Immunologia Pediatrica, si è dedicato, in particolare, alle malattie respiratorie infantili. Considera un talento per un medico quel timore di non sapere mai abbastanza che lo ha sempre accompagnato. Si riconosce determinazione e buona capacità organizzativa innata, forse perché figlio di commercianti, ma proprio quella sua eccesiva determinazione a volte viene presa per testardaggine e arroganza. Dopo Ferrara, Bologna, Modena, dal 1999 è pediatra ospedaliero a Rimini. Nell Ausl riminese è membro del Board Ricerca e Innovazione, del Gruppo Prevenzione Controllo Tbc, referente Qualità Dip.to Materno Infantile, promotore di corsi/seminari specie in allergologia e pneumologia pediatrica. A suo parere, le più grosse lacune in sanità derivano da una non vera presa in carico del paziente e delle situazioni, non sempre per colpa del medico. La medicina basata sull evidenza e l applicazione del governo clinico sono per Bigi le uniche vere modalità di lavoro per un dialogo costruttivo tra clinici e amministratori. Ci tiene ad aggiungere che l U.O. che dirige è parte del Dipartimento Cure Primarie. Cure Primarie è un nome che dà il senso dell importanza del nostro ruolo. A noi non si chiede la superspecializzazione, noi siamo l accoglienza di un bisogno di salute. Siamo quelli che accompagnano il paziente al giusto percorso. Essere bene accolti ed essere presi in carico nella malattia è un diritto di ognuno di noi e un indicatore formidabile di civiltà oltre che di buona sanità. L U.O. Tutela Salute Famiglia, Donna Età Evolutiva del Dipartimento Cure Primarie Comprende tre strutture semplici: Unità Pediatrica Cure Primarie, Assistenza Consultoriale, oncologici femminili, percorso nascita (parte mozione dell allattamento al seno, screening Responsabilità Genitoriale e Tutela Minori con territoriale), collaborazione per adozioni nazionali e internazionali. L Assistenza Consultoriale circa 80 operatori (pediatri, ginecologi, psicologi, ostetriche, infermieri, assistenti sociali e comprende la tutela sanitaria, psicologica e sanitari). L Unità Pediatrica Cure Primarie si sociale della donna, della coppia, famiglia e occupa di integrazione ospedale territorio per giovani. La Responsabilità Genitoriale e Tutela linee guida e prescrizioni farmaceutiche, vaccinazioni e screening, sorveglianza comunità il sostegno a minori, famiglia, coppia o singolo Minori coordina la presa in carico dei minori, infantili, continuità assistenziale e assistenza genitore, la promozione dell affidamento familiare e dell accoglienza, la cultura dell infanzia. domiciliare per patologie croniche infantili, educazione sanitaria e corretti stili di vita, pro- Antonella Chiadini 8 9

6 Sanità Locale Sanità Locale Riccardo Sabatelli Nuovo Direttore U.O. Riabilitazione Psichiatrica del Dipartimento Salute Mentale dell Ausl La malattia mentale nel territorio riminese Il Dottor Sabatelli, 51 anni, laureato all Università di Siena, è specializzato in Neurologia e Psichiatria; ha al suo attivo un training speciale in Psicoterapia Cognitiva e in Sessuologia Clinica. Dopo aver lavorato come responsabile degli Ambulatori di Medicina Generale della provincia di La Spezia e come ufficiale medico in Neuropsichiatria all Ospedale Militare Marittimo B. Falcomatà di La Spezia, dal 1989 Sabatelli è all Ausl. Qui è stato dirigente medico in Psichiatria, responsabile del Modulo di Psichiatria Ospedaliera, responsabile di Struttura Semplice di Riabilitazione poi direttore del Centro Salute Mentale. Si è sempre distinto per l impegno e la fertile attività in progetti innovativi per l integrazione sociale delle persone con patologie psichiatriche e per il contrasto dello stigma, collaborando sia con le famiglie dei malati che con le loro associazioni. Sabatelli coordina il tavolo regionale per le politiche sugli inserimenti lavorativi, è consigliere nazionale della Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale ed è formatore e supervisore nel progetto regionale per diffondere le buone pratiche sull inserimento lavorativo nell ambito dei Dipartimenti di Salute Mentale dell Emilia-Romagna. L U.O. di Riabilitazione Psichiatrica si occupa dei percorsi riabilitativi di persone con problemi di salute mentale. Il lavoro di recupero prevede progetti individualizzati cha vanno da inserimenti in strutture semiresidenziali ai supporti nei luoghi di vita abituali, strutturati su casa, lavoro, tempo libero. Negli ultimi anni, in linea col dato regionale e nazionale, sono cresciuti progressivamente gli utenti dei Centri di Salute Mentale. Dal 2007 al 2010 l incremento di pazienti in carico ai servizi è stato del 21,6% - dai del 2007 ai casi del 2010 con conseguente aumento di prestazioni (quasi 130mila nel 2010). Un trend ascrivibile in primo luogo alla presa in carico dei pazienti dei comuni dell Alta Valmarecchia, prima marchigiani, ma anche alla maggior capacità di intercettazione delle problematiche psichiatriche. È in fase di valutazione se vi sia, contestualmente, un aumento clinico della patologia mentale. In pratica accedono ai Centri di Salute Mentale 165,9 persone ogni 10mila residenti: erano 160,2 nel 2008 e 164,9 nel Le problematiche psichiatriche sono abbastanza trasversali, pur con alcune prevalenze significative. Solo il 31,3 % dei pazienti (dato 2010) è occupato; il 12,4% dei pazienti vive solo, gli altri in struttura o in famiglia (65,5%). Oltre la metà dei pazienti è single (nubile o celibe, divorziata/o, vedova/o). Il 55,6% dei pazienti è di sesso femminile (prevalenza che cresce tra gli stranieri e in alcuni piccoli comuni periferici, fino anche al 70%). Il 4,3% dell utenza ha meno di 24 anni, l 11,8% ha tra 25 e 34 anni, il 20,6% tra 35 e 44 anni, il 22,5% tra 45 e 54 anni, il 18,2% tra 55 e 64 anni, il 13,8% tra 65 e 74 anni e infine l 8,8% oltre 74 anni. In sintesi oltre il 60% dei pazienti ha tra 35 e 64 anni. Gli stranieri sono il 4,7% e provengono prevalentemente dei Paesi dell Est e dal Nord Africa (Marocco, Tunisia). Antonella Chiadini L AMBULATORIO EXTRA-CEE Tre lustri di attività È giunto ormai al suo quindicesimo anno di attività l ambulatorio Extra-cee, rivolto ai cittadini extracomunitari, sorto grazie ad una convenzione stipulata nell anno 1998 tra la Comunità Papa Giovanni XXIII di don Oreste Benzi e l AUSL, nella persona dell allora Direttore Generale Walter Domeniconi. L ambulatorio ha il mandato di rispondere, in ottemperanza ad una normativa nazionale, a esigenze medico-sanitarie di cittadini extracomunitari che, per loro condizione, sarebbero privi di assistenza di base. Ottenuto un documento STP (Straniero Temporaneamente Presente) della durata di sei mesi, il cittadino extracomunitario può ricevere il trattamento per le situazioni urgenti o quello continuativo per patologie persistenti o croniche. L ambulatorio è collocato al 2 piano dell edificio che ospita il Dipartimento per le Cure Primarie in via Circonvallazone Occidentale 57. Con il Dott. Ferdinando Rossi, coordinatore del servizio sin dal suo sorgere, cooperano il Dott. Alberto Arlotti, la Dott.ssa Carolina Cifuni, il Dott. Sergio Grassia, il Dott. Alessandro Piscaglia coadiuvati da una infermiera e da mediatrici culturali per pazienti di lingua cinese, russa e spagnola. I problemi di comunicazione sono molteplici, non solo legati a una conoscenza spesso assai approssimativa della lingua italiana ma, relativamente alla cultura di provenienza, a una diversa percezione della malattia, a un diverso modo di interpretare e comunicare sintomi e situazioni, o ha una storia clinica difficilmente districabile. Il colloquio occupa, in particolare, una posizione nodale nella diagnostica e prevenzione delle malattie infettive diffusive. L ambulatorio è aperto il giovedì e il venerdì. Dalle ore 9 alle ore 10,30 vengono rilasciate le tessere STP agli aventi diritto. Dalle 10,30 alle 12 circa si eseguono le visite. Il mercoledì è attivo l ambulatorio per le malattie polmonari e la prevenzione della tubercolosi dove opera il Dott. Massimo Ermeti. L attività di questo ambulatorio è cruciale nell assistenza agli immigrati, quando si pensi che, in tempi recenti, per due casi di TBC polmonare escavata, è stato possibile impedire ogni contagio dei contatti. Sempre di mercoledì e dalle alle 13 è prevista la ripresa dell ambulatorio per cittadini extra-cee da parte del Dott. Enrico Fonti Gabici. Nel corso del 2011 sono stati eseguite visite e si sono presentati 300 nuovi utenti di varie nazionalità con un considerevole incremento rispetto ai dati dell anno precedente, in parte anche in rapporto all arrivo di profughi dalla Libia. Sergio Grassia 10 11

7 Rubrica Legale Colpa grave in caso di difetto del consenso informato Il medico non deve intraprendere attività diagnostica e/o terapeutica senza l acquisizione del consenso esplicito e informato del paziente. Il consenso, espresso in forma scritta nei casi previsti dalla legge e nei casi in cui per la particolarità delle prestazioni diagnostiche e/o terapeutiche o per le possibili conseguenze delle stesse sulla integrità fisica si renda opportuna una manifestazione documentata della volontà della persona, è integrativo e non sostitutivo del processo informativo di cui all art. 33 del Codice Deontologico (di fornire al paziente la più idonea informazione sulla diagnosi, sulla prognosi, sulle prospettive e le eventuali alternative diagnostico-terapeutiche e sulle prevedibili conseguenze delle scelte operate). Il procedimento diagnostico e/o il trattamento terapeutico che possano comportare grave rischio per l incolumità della persona devono essere intrapresi solo in caso di estrema necessità e previa informazione sulle possibili conseguenze, cui deve far seguito una opportuna documentazione del consenso. In ogni caso, in presenza di documentato rifiuto di persona capace, il medico deve desistere dai conseguenti atti diagnostici e/o curativi, non essendo consentito alcun trattamento medico contro la volontà della persona. Il medico deve intervenire, in scienza e coscienza, nei confronti del paziente incapace, nel rispetto della dignità della persona e della qualità della vita, evitando ogni accanimento terapeutico, tenendo conto delle precedenti volontà del paziente. Il consenso deve essere quindi espresso liberamente e la forma scritta è obbligatoria nei casi di terapia con emoderivati e plasma derivati, espianto di organi, donazione di rene da vivente, sperimentazione clinica, procedimenti diagnostici e terapeutici con grave rischio per la incolumità. È altresì raccomandata la forma scritta del consenso anche in caso di atti chirurgici, procedure invasive terapeutiche o diagnostiche o con mezzi di contrasto, trattamenti oncologici, trattamenti di Luigi Casadei con radiazioni ionizzanti, trattamenti psichiatrici di maggior impegno, terapie con elevata incidenza di reazioni avverse, prescrizione di medicinali al di fuori delle indicazioni ministeriali. L art del Codice civile sancisce l obbligo dell accordo tra le parti per il perfezionamento del contratto, accordo la cui carenza dà luogo a nullità del contratto stesso. Sussiste un obbligo diretto, di natura deontologica, all informazione del paziente, nonché all acquisizione del consenso. Obbligo che, ove non ottemperato, potrebbe dar luogo di per sé, indipendentemente da eventuali danni in capo al paziente, all apertura di procedimento disciplinare a carico del sanitario. Nelle ipotesi in cui il paziente non possa prestare alcun valido consenso, il medico dovrà assumere in prima persona ogni responsabilità e, qualora decidesse di intervenire, non sarà punibile. Sia il codice penale, sia il codice deontologico prevedono che, in situazioni di emergenza, il medico è tenuto a prestare la sua opera per salvaguardare la salute del paziente. Rubrica Legale Come è noto, i medici dipendenti di una struttura pubblica (o anche in regime di convenzione) devono rispondere del proprio operato non soltanto davanti alla giustizia ordinaria (penale o civile) ma anche davanti alla giustizia contabile, in relazione all ipotesi di danno erariale (cosiddetto danno economico) cagionato all ente per condotte dolose o connotate da colpa grave. La fattispecie di responsabilità, consistente nel sottoporre un paziente ad intervento chirurgico produttivo di complicanze, in difetto di consenso informato, è stata esaminata recentemente dalla Cassazione Civile n. 9374/1997, 5444/2006. Il medico dipendente o convenzionato può essere condannato a risarcire i danni anche per le complicanze non dovute a colpa professionale secondo le consuete regole dell imperizia, imprudenza o negligenza o violazione di norme codificate ma per carenza di acquisizione del consenso informato. Naturalmente la Corte di Cassazione ha posto un limite alla risarcibilità di tali situazioni, subordinando il diritto del paziente a percepire un ristoro economico alla dimostrazione che questi, se adeguatamente informato, avrebbe rifiutato di sottoporsi al trattamento. Pertanto il medico deve sempre fornire al paziente una adeguata informazione sulla tipologia dell intervento chirurgico, sulle complicanze post-operatorie e sui rischi specifici del trattamento, evitando la genericità ed incompletezza dei moduli di consenso informato, standardizzati e anonimi. Tale attività, oltre che costituire un imprescindibile dovere etico-professionale, può contribuire a ridurre i rischi di incorrere nel giudizio avverso della magistratura ordinaria a causa della violazione del diritto di autodeterminazione del paziente e di quella contabile. Sergio Arlotti 12 13

8 Medici riminesi nel mondo Massimo migani, odontoiatra in zimbabwe Carissimi Colleghi, ho avuto la fortuna di conoscere Massimo Migani da quando era ragazzino e di condividere con lui la passione per la professione ed un periodo di collaborazione nel mio studio... Massimo è una persona speciale e gli ho chiesto di raccontarci perché un odontoiatra - preparatissimo, intelligente con un background professionale ed umano molto importante, bello, con il lavoro assicurato in due importanti studi della sua città, Rimini, che sarebbero entusiasti di averlo con loro, con un folto gruppo di amici e con un sano amore per la vita e per lo sport... in una parola non un disadattato che cerca affermazione altrove ma, al contrario, un playmaker professionale ed umano - decide di giocare in una squadra di un campionato disagiato lasciando la serie A. È questa la premessa indispensabile per capire il titolo che vorrei dare a questo articolo: Vi ricordate il fuoco che vi illuminava e riscaldava quando pensavate «Sarò un medico»? Quel fuoco può restare acceso! Facciamoci raccontare come dal Dott. Massimo Migani, odontoiatra, missionario in Zimbabwe... Giovanni Cananzi Caro Giovanni, ti chiedo scusa se rispondo alla tua richiesta in zona Cesarini per usare terminologie calcistiche ma le ultime settimane sono state piuttosto impegnative sia sul lato clinico che nel lavoro per così dire di ufficio. Per quanto riguarda la tua domanda sul significato del mio essere Odontoiatra in missione... non posso che iniziare da quanto dettoci nel 2007 dalla mia maestra, la Dott.ssa Marilena Pesaresi (che tra l altro ha festeggiato lo scorso anno i 50 anni di servizio medico); allora mi recavo in missione come volontario usufruendo del mio mese di ferie per coordinare l allestimento del reparto odontoiatrico all interno dell ospedale da lei diretto. Non dimenticherò mai le sue parole dette al termine di una bella cena di gruppo (come spesso accade quando abbiamo ospiti): «Il mio essere medico missionario in Africa - ci disse - non è una carità ma una giustizia e noi non dobbiamo dare come se il nostro fosse un di più ; questi nostri fratelli meritano di essere trattati bene come possiamo esserlo noi». Personalmente non penso che ci siano tante differenze tra il lavoro che Marilena e io siamo chiamati a svolgere e quello che è la professione medica e odontoiatrica in Italia, perché il nostro primo dovere di professionisti dovrebbe essere sempre l essere a servizio delle comunità nelle quali ci troviamo ad operare. Il dono grande che mi è stato dato di sperimentare in prima persona, dalla prima volta che venni a Mutoko, è stato quello di poter provare che c è più gioia nel dare che nel ricevere e questo ha certamente cambiato la Medici riminesi nel mondo mia vita. Tutto cambia allora perché tutto acquista senso, anche le fatiche, le impazienze, i dubbi legittimi che a volte si hanno, il dolore dell impotenza così come la gioia della condivisione di un trattamento terapeutico ben riuscito. Come esseri umani, ancor prima che come professionisti sanitari, siamo chiamati alla missione, al servizio, alla costruzione di un mondo migliore, tutti insieme, ognuno nell esercizio delle proprie qualità e funzioni e ognuno con le proprie responsabilità. Non posso non pensare allora agli amici e colleghi che ora, mentre scrivo, stanno tornando in Italia: il Dott. Antonio Pesaresi (Cardiologo, Coordinatore Medico del progetto Operazione Cuore e fratello di Marilena) e le Dott.sse Francesca Fabbri (Cardiologia - Osp. Ceccarini Riccione) e Sandra Tella (Radiologia - Osp. Infermi Rimini). Sono in viaggio dopo aver dedicato insieme al Dott. Gabriele Bronzetti (Cardiologia - Pol. S. Orsola Bologna) e all Infermiere Massimo Turci (Cardiochirugia - Pol. S. Orsola Bologna) la loro professionalità di altissimo livello ed il loro amore a tanti pazienti che si sono recati in queste settimane di loro permanenza al Luisa Guidotti Hospital provenendo da lontane parti dello Zimbabwe. Con loro c era anche l ex Caposala della Cardiologia Cesarina Marchini (che per nostra gioia si fermerà con noi ancora qualche mese). I dottori stanno accompagnando quattro pazienti cardiopatici che affrontano un viaggio per la vita ; a loro e alle loro famiglie la nostra preghiera e i nostri auguri più cari. A questi nostri colleghi dal cuore grande tutto il nostro affetto e la grande riconoscenza con l augurio di rivederci presto. Massimo Migani Nevone 2012 Foto di Giovanni Cananzi 14 15

9 Cronaca e Attualità CARA AZIENDA, AVRAI IL MIO CORPO, ma non il mio cuore... Ho sposato l AUSL per interesse. Ma amo un altro. Per molti anni ho lavorato - e facevo lo stesso mestiere di oggi - però non era l AUSL a pagarmi. Poi, piano piano il medico è stato inglobato nel Sistema Aziendale delle Unità Sanitarie Locali. E chi mi retribuisce adesso, devo considerarlo - credo - il mio Datore di Lavoro. Io non ho mai avuto in simpatia il termine Azienda, quando associato alla USL. Confesso che ancora mi imbarazza, perché ogni azienda meritevole di questo nome, deve conseguire i suoi obiettivi economici, confrontandosi in un libero mercato. Deve fornire un prodotto (anche un prodotto-servizio) e trarne i giusti profitti. Come si fa a calcolare i profitti di una Azienda come l USL? E soprattutto è davvero libero il mercato in cui opera questa Azienda? Alla prima domanda non voglio rispondere: ognuno può giudicare qual è il vero guadagno di una Istituzione pubblica che tutela la pubblica salute. Alla seconda domanda è facile rispondere che: NO, il mercato della Salute non è (e nemmeno può essere) né libero, né mercato, poiché il diritto alla salute è sancito nella Costituzione e lo Stato deve farsene carico e risponderne di fronte ai Cittadini. La Medicina inoltre è uno degli ultimi baluardi della Democrazia, in una situazione dove è sempre più largo il divario tra chi può permettersi di spendere per costose indagini e terapie e chi, al contrario, non può. Tornando all inizio, mi capita ogni tanto di chiedermi se ho un padrone. E, se ce l ho, chi è? Davvero è l AUSL il mio datore di lavoro? Io sono un medico di medicina generale, ma credo che la stessa domanda potrebbe porsela qualunque medico che operi in una struttura pubblica o privata. Tutti, dunque? A mio parere sì: tutti. Per quanto concerne i MMG (Medici di Medicina Generale), lo stipendio è in realtà un onorario, composto da voci differenti, ma pur sempre devoluto in ragione di una attività ritenuta ancora di tipo liberoprofessionale, sebbene molti pensino che tale attività sia da considerare para-subordinata. Una definizione elegante per dire che abbiamo obblighi simili a un lavoratore dipendente, senza godere invece pari garanzie e diritti. Non intendo innescare una diatriba tra categorie. Al contrario. Cerco di arrivare a un punto di convergenza quasi assoluto, se esiste. Riflettevo dunque su chi sia veramente il mio datore di lavoro. Negli ultimi anni una parte del nostro onorario professionale è stata collegata al perseguimento e al raggiungimento di determinati obiettivi. Alcuni di questi traguardi sono contrattati a livello aziendale. L Azienda perciò ha (come dire?) incrementato la sua quota azionaria nel possesso dei MMG. E pertanto ha visto aumentare il suo peso e la sua influenza sul nostro settore, detenendo porzioni sempre più cospicue della nostra busta paga. L AUSL però, come azienda, ha dei difetti: non produce profitti e guarda il medico con sospetto: più come induttore di spesa, che come dispensatore (necessario e finora non facilmente sostituibile) di salute collettiva. La salute come investimento, come priorità democratica, come obbligo morale e costituzionale, persino come volano per l economia, sono generi desueti, poco di moda. Così, utilizzando criteri di contabilità a breve termine, soprattutto se vestiti col manto virtuoso della cosiddetta lotta agli sprechi, dimenticheremo come siamo diventati uno dei Paesi più longevi al mondo. Un risultato eclatante, raggiunto soprattutto grazie all invenzione del Sistema Sanitario Nazionale e alla diffusione di una sanità capillare e radicata in modo uniforme sul territorio. Cronaca e Attualità I Sistemi Sanitari Regionali sono oggi, al contrario, molto differenti fra loro. Questo comporta: 1 - Livelli di assistenza difformi; 2 - Inestricabili e nocive frammentazioni; 3 - Politiche sanitarie disomogenee. La professione medica viene perciò polverizzata al servizio di una galassia di committenti che operano sulla base di regole, limiti e scopi eterogenei, comunque validi in un ambito molto ristretto e locale. Orizzonti ridotti, difficili da conciliare con l universalità e la dimensione planetaria della nostra disciplina. Perciò ecco la Domanda Finale (quella che consente di portare a casa l intero montepremi): posso ancora esercitare con responsabilità personale, etica e scientifica la mia funzione pubblica, il mio mestiere? Risposta: sì! Ma solo se considero che il mio vero datore di lavoro è il mio paziente. Tutti i pazienti. Tutte le persone. Pubblico, Privato, Convenzionato, non importa: non ho padroni, perché non c è governo che possa obbligarmi nella diagnosi e nella terapia. I miei unici committenti sono quelli che mi hanno scelto come loro medico, anche prima che esistessero le Ausl o le Aziende Ospedaliere. Quelli che, inevitabilmente, continueranno a chiamarmi dottore, quando le Aziende USL non esisteranno più. Luigi Casadei 16 17

10 Cronaca e Attualità Sveglia, dottore, la ricreazione è finita Medici ma non solo Buongiorno, signora, tutto bene? A casa? Sua figlia come va con gli esami? Bene oggi dobbiamo fare un lavoretto molto semplice, una prima classe di 1.6. Faremo un po di anestesia, come al solito, così lavoriamo meglio. Sì, useremo la diga, mi serve, anche se so che le piace poco. Per favore mi prepari carpule e uncino 26 n? Una normale seduta di conservativa, in un normale studio odontoiatrico, operatore un attempato dentista E mentre le mani percorrono, guidate dalla esperienza, gli incroci di un percorso che non richiede GPS, i pensieri si affollano dietro le lenti e sotto il caschetto degli ingranditori Zeiss. E torna in mente il faticoso lusso che ha caratterizzato le serate e le giornate per approfondire, studiare, confrontarsi e imparare perché trattamenti anche complessi diventassero possibili e prevedibili. Solo possibili e prevedibili perché, anche se non cambio valvole cardiache, qualche bella sudata in studio la faccio anche io. E la passione e la gioia di rivedere un paziente sparito per 17 anni e vedere che non ero scarso neanche allora e il progetto, pur datato, funziona. La mano fa movimenti molto piccoli ma ben guidati dall ingranditore 4x e la modellazione - lo so la prima classe è facile - viene proprio bene e come si concilia tutto questo con i tempi da dimezzare, con la scelta economica dei materiali, la costosa assistenza da diminuire, in una parola ottimizzazione della resa del lavoro e pessimizzazione della qualità? Non posso più dire buongiorno ma grugnire e non posso più dimettere il paziente ma devo correre dal prossimo, se c è. Già, se c è! è la crisi fratello, mentre tu allestisci tutto, rendi bello e preciso il tuo lavoro, fai la tracciabilità degli strumenti, tieni il cervello sveglio, devi anche pensare che i tuoi pazienti che ti stimano e apprezzano per quello che fai potrebbero trovarsi nella difficoltà di dovere fare scelte di budget in cui proprio non rientri. Esco dallo studio e mi passa di fianco un autobus da cui occhieggia una bellissima anchorwoman che non si fida di un professionista ma di un franchising in cui la mia testa pelata è sostituita da un dentista foltocrinito e sorridente che promette visita e ortopantomografia gratuita. È gratis, ma nel quadro diagnostico ci vuole sempre una panoramica? Non sarà un esame un po invasivo? Se ve la regalano avete voglia di fare una gastroscopia a prescindere dalla indicazione? Mi è difficile distruggere l amore per il mio lavoro, come è difficile per tutti noi uccidere un amore impossibile e potente: scalcia, si riprende, urla. è un lavoro maledettamente sporco uccidere una passione, non costringeteci a farlo. Giovanni Cananzi TRACCE DI RINASCIMENTO Capitolo primo La strada che dalla Romagna porta fino a Gubbio, l abbiamo percorsa chissà quante volte. Voglio perciò proporvi alcune tappe, per un approccio garbato, eppure spero interessante, all arte e, in particolare, alla pittura. Non sono un esperto, perciò vi chiedo di perdonarmi, se trovate velleitari questi suggerimenti. D altra parte ritengo che non sia necessario avere titoli accademici per godere delle cose belle, così come non occorre la laurea per assaporare del buon cibo, né aver dimestichezza col conservatorio per apprezzare la musica. Il palato estetico, tuttavia, si può affinare col tempo e la frequentazione: così sono cominciate le mie avventure nel Rinascimento. Vi prego allora di seguirmi, alla scoperta di mete meno conosciute e però ricche di storia e di fascino. Intendo fornirvi alcuni punti di repere per costruire insieme una anatomia del territorio, basata come dicevo, prevalentemente sulla pittura. Il primo punto di riferimento è la città di Fano, dove incontriamo, vicine fra loro, e a poca distanza dalla piazza principale, la chiesa di Santa Maria Nuova, la pinacoteca di Sant Agostino e la chiesa di San Tommaso Apostolo. Santa Maria Nuova si annuncia con un armonioso portico cinquecentesco e un magnifico portale di fine Quattrocento. Al suo interno conserva due dipinti del Perugino: L Annunciazione (1498) e Madonna in trono con il Bambino e Santi (1497) che presenta nella lunetta una notevole Pietà. Alla base del dipinto è invece collocata una Predella, ove sono raffigurate le Storie della Vergine: in questi piccoli e preziosi riquadri - un vero e proprio album di figurine di quei tempi - qualcuno ha riconosciuto la mano del giovane Raffaello, che di Pietro Vannucci - detto il Perugino - fu allievo. Peccato per la scarsa illuminazione e per la luce al neon che incombe sulla predella. Un altro notevole dipinto è La Visitazione ( ) di Giovanni Santi, pittore di buona forza, probabilmente famoso soprattutto perché padre di Raffaello. Anche gli stalli intarsiati del coro meritano d essere ammirati: sono stati ricomposti dopo che le truppe tedesche in ritirata, avendo minato e fatto saltare questo, e quasi tutti i campanili di Fano, inflissero danni anche all abside e agli scranni. Alla fine è importante notare che la pausa di chiusu

11 Medici ma son solo ra della chiesa, dura dalle ore 12 alle 16.30, circa. Tornando alla pittura, per conoscere meglio il Perugino, dovrete recarvi almeno al Museo Nazionale dell Umbria o al Collegio del Cambio a Perugia, mete famose e ricche di tesori, cui accenno soltanto, perché lontane dagli scopi di questa breve rassegna dedicata alla scoperta di appartati gioielli. Proseguiamo perciò con una visita alla Pinacoteca di San Domenico che, da qualche anno, grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano, offre al pubblico l occasione di apprezzare pregevoli opere pittoriche, fra le quali un posto di rilievo occupa Lo sposalizio della Vergine di Giovanni Francesco Barbieri, detto il Guercino. L ingresso alla mostra è gratuito, ma l esposizione è aperta solo il sabato pomeriggio e la domenica mattina. Infine, nella chiesetta di San Tommaso Apostolo, troviamo una bella pala di Giuliano Persciutti, autore del Cinquecento che incontreremo di nuovo più avanti, sulla nostra strada. Poco distante sorge un altro piccolo scrigno: la chiesa di San Pietro in Valle che, al momento in cui scrivo, è chiusa per restauri (fino a luglio 2012, secondo il cartello esposto a fianco del portale). La sua nuda facciata in mattoni prospetta sulla via delle tombe Malatestiane, che ci aspettano quindi a pochi metri. Ci rimettiamo in cammino sulla superstrada, raggiungendo in breve tempo Fossombrone, l antica Forum Sempronii. Sabato e domenica, dalle 16 alle 19, si può visitare gratuitamente la chiesa secentesca di San Filippo: qui un tripudio di stucchi e interessanti dipinti di autori locali, come Guerrieri, Ridolfi e Lapis, meritano una sosta piacevole e festosa per gli occhi. Termina così la prima parte del racconto. Ma la strada prosegue senza interruzioni verso altre sorprendenti meraviglie che abitano a pochi passi da casa nostra. Luigi Casadei Pietro Perugino L Annunciazione Chiesa di Santa Maria Nuova, Fano Particolare della predella con storie della Vergine attribuite al giovane Raffaello. Chiesa di Santa Maria Nuova, Fano Storia della Medicina Fiction Iano Planco Inizia con questo numero del rinnovato «Notiziario» una rubrica voluta dal nuovo Direttore responsabile, a cui va l augurio di portare a termine con l entusiasmo che ha subito dimostrato la fatica appena iniziata. Come ormai ben sanno i lettori del «Notiziario», già dal 1993 l Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia è stato intitolato al medico concittadino Giovanni Bianchi ( ), meglio noto con lo pseudonimo di Ianus Plancus. Su di lui chi scrive ha già detto e pubblicato molto; nonostante ciò, molte sono le carte e gli appunti che giacciono incompleti o inediti nei suoi cassetti. È per questo che si è pensato di pubblicare alcuni episodi minori ma ugualmente interessanti che ci svelano un Planco più privato ma forse anche più vero, allineandoli a formare una sorta di fiction che non ha nulla da invidiare a quella televisiva o narrativa. Buon divertimento... 8 luglio 1742: da quasi un anno Giovanni Bianchi si trova in Toscana, a ricoprire la cattedra di anatomia umana all università di Siena, e da più di due settimane è a Firenze, città nella quale si reca assai spesso nei periodi di vacanza accademica per sfuggire all ostile e opprimente ambiente culturale senese. Dopo essere stato a pranzo in Palazzo Vecchio con alcuni gentiluomini fiorentini presso uno dei maggiori esponenti del Granducato, il conte di Richecourt, e dopo aver a lungo discusso con loro su vari argomenti, il medico riminese rientra nella casa in cui era ospitato per schiacciare il consueto sonnellino pomeridiano: «ma scrive il Planco nei suoi diari di viaggio non potei prendere sonno, a cagione dell avere preso la mattina il Cioccolatte, e poi il Caffè, ed anche dall aver io discorso molto, il che tutto mi suole impedire il sonno, il quale anche mi veniva impedito in Casa dal romore che facevano intorno due Giovani che avevano soffocazioni d Utero». Il trambusto causato da una di quelle giovani donne, che Bian

12 Storia della Medicina chi definisce «travagliata da insulti isterici», gli impedisce di dormire anche la notte seguente: evidentemente seccato dall accaduto, ma anche ligio alla sua professione di medico, la mattina successiva fa praticare alla malcapitata non sappiamo se con successo un salasso terapeutico. Non mancando di sottolineare, con il solito sarcasmo, «che i Cirusici di Firenze non sono gran fatto più bravi» di quelli dell odiata Siena. La diagnosi e la singolare terapia prescritta dal medico riminese denotano l arretratezza delle conoscenze mediche ancora in pieno Settecento: il termine isteria risale addirittura a Ippocrate (ca a.c.) e deriva dal vocabolo greco hystera che significa utero. Il grande medico greco credeva infatti che questa malattia tipicamente femminile e caratterizzata da sintomi psichici somatoformi e dissociativi derivasse dalla migrazione dell utero all interno del corpo della donna. L immagine dell utero «vagante» è resa esplicita in un celebre passo del Timeo di Platone: «nelle donne la cosiddetta matrice o utero è in loro come un animale desideroso di fare figli, che, quando rimane sterile per molto tempo dopo la stagione favorevole, soffre dure pene, ed errando per ogni dove per tutto il corpo e ostruendo i passaggi dell aria e impedendo il respiro, getta il corpo nelle più gravi angosce e provoca altre malattie di ogni specie». L utero può quindi spostarsi dalla sua sede verso vari organi o parti del corpo (e talvolta in basso fino a totale fuoriuscita), determinando soffocamento: si credeva infatti che il corpo femminile fosse compreso fra due bocche (stómata), quella dell utero e quella che parla, fra loro collegate da un unico canale attraverso il quale passava l aria. Sempre secondo questa concezione la cavata di sangue o salasso avrebbe dovuto ristabilire l equilibrio degli umori alterato dallo spostamento uterino all interno del corpo. Appartiene allo stesso periodo fiorentino (dal 23 giugno al 23 settembre 1742) una nota manoscritta in cui il Bianchi registra puntigliosamente tutte le spese effettuate. Fra le numerose voci che comprendono gli esborsi per l acquisto di biancheria e capi d abbigliamento, carta da lettere, libri e medaglie ma anche per la lavandaia, il sarto e il calzolaio compaiono anche particolari che rivelano un Planco più intimo, come i pagamenti per la rasatura della barba (effettuata di solito ogni tre o quattro giorni), l acconciatura dei capelli e l acquisto (il 17 settembre) di lenti da vista, indizio questo di una probabile incipiente presbiopia. Stefano De Carolis SCUOLA DI ETICA MEDICA: 1 INCONTRO DEL COMITATO SCIENTIFICO Scuola di Etica Medica SABATO 12 MAGGIO 2012 ore 9.00 CENTRO CONGRESSI SGR Rimini - Via Chiabrera, 34 LA SANITÀ TRA CURA ED ECONOMIA Moderatore Ore 9.00 La prima seduta del Comitato Scientifico della Scuola di Etica Medica si è svolta sabato 3 marzo, presieduta dal Dott. Massimo Montesi. I componenti del Comitato si sono confrontati su organizzazione e programmi della scuola. Accogliendo la proposta del Dott. Montesi si è convenuto, per questo primo anno, di programmare due Convegni - in Maggio e in Ottobre/ Novembre - con relatori autorevoli di livello nazionale, aperti agli iscritti e ai rappresentanti delle associazioni dei cittadini. Tra i due eventi, all inizio dell autunno, si svolgerà un corso vero e proprio di Introduzione alla bioetica articolato presumibilmente in sei sabati. I convegni e il corso comporteranno un impegno di circa 50 ore che assicurerà una quantità importante di crediti ECM. Il numero di partecipanti al corso è fissato in 30. è prevista una quota di iscrizione praticamente simbolica. Verrà data priorità agli iscritti del nostro Ordine secondo la cronologia di arrivo delle domande. Eventuali iscrizioni di Colleghi di altri Ordini verranno accettate in caso di posti non ricoperti da nostri iscritti. Si è inoltre convenuto di valorizzare le competenze locali nella scelta di relatori e docenti per cui i Colleghi che ritengano di possedere tali competenze sono invitati ad inviare il proprio curriculum che verrà sottoposto alla valutazione del Comitato Scientifico. Il 12 Maggio è fissato il primo dei due convegni inseriti nel programma del primo anno della Scuola, sul tema La Sanità tra Cura ed Economia (vedi programma). Dott.ssa EVA ANTONIOTTI, Giornalista QuotidianoSanita.it Saluto ai presenti del Dott. MAURIZIO GROSSI Presidente Omceo Rimini Breve riflessione del Dott. CARLO LUSENTI Assessore alla Sanità Regione Emilia Romagna Le ragioni dell economia e l equità: la percezione dei cittadini Dott.ssa KETTY VACCARO Responsabile Settore Welfare, CENSIS Il Sistema Salute: principi, valori e sostenibilità economica Prof.ssa NERINA DIRINDIN Docente di Economia Sanitaria, Università di Torino Il Medico nella innovazione sostenibile del Sistema Salute Dott. AMEDEO BIANCO Presidente FNOMCeO, Roma Tavola rotonda: Dott. Carlo Lusenti, Dott. Amedeo Bianco, Prof.ssa Nerina Dirindin, Dott. Marcello Tonini, Dott.ssa Ketty Vaccaro, Sig.ra Marta Corti, Dott. Maurizio Grossi Ore Conclusione dei lavori e colazione Ore 9.10 Ore 9.30 Ore Ore Ore 11.30

13 Scuola di Etica Medica Scuola di Etica Medica LA PROFESSIONE MEDICA TRA ETICA, BIOETICA E DEONTOLOGIA L immagine dell isola di Kos e del suo illustre figlio, Ippocrate, hanno aleggiato sulla sala del Centro Congressi SGR di Rimini per l intera mattinata del 3 dicembre u.s., in cui è stata presentata la neocostituita Scuola di Etica Medica, patrocinata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia. Il convegno, moderato dal Dott. Massimo Ferrari, responsabile dell URP dell AUSL, ha visto succedersi nelle relazioni figure mediche di altissimo profilo quali il Dott. Amedeo Bianco, Presidente Nazionale FNOMCeO, il Prof. Sandro Spinsanti, noto ed eccellente bioeticista e il Prof. Sergio Stefoni, Preside della Facoltà di Medicina dell Università di Bologna. Il Presidente dell Ordine, Dott. Maurizio Grossi ha indirizzato il saluto alle autorità presenti, fra cui il Sindaco Andrea Gnassi; ha fatto seguito la presentazione della Scuola di Etica Medica tenuta dal Consigliere dell Ordine, Dott. Melchisede Bartolomei. Il Documento di Kos rappresenta la vera Carta europea dei principi etici in medicina, come ha magistralmente illustrato Amedeo Bianco, il quale ha passato in rassegna i sedici principi che hanno raccolto il corpus delle disposizioni dell etica condivisa e la loro lunga, e spesso non semplice, gestazione normativa. Nella Carta viene rimarcato l obbligo del medico ad agire in scienza e coscienza unicamente per il bene del paziente, senza alcuna discriminazione (art. 1 e 2), il tutto nel rispetto della libertà di scelta e dell autonomia morale e decisionale del malato stesso (art. 9 e 13), passando attraverso l importanza del consenso informato e dell uso di coscienza, dignità ed indipendenza nell esercizio della pratica medica. Alla domanda «Quale etica per il XXI secolo?» ha cercato di fornire una risposta Sandro Spinsanti, con un intervento brillante e ben documentato, partito dalla disamina estetica del noto dipinto del pittore ottocentesco riminese Francesco Brici Medici riminesi, in cui rappresenta sette medici cittadini, omogenei per aspetto e comportamento (etica medica condivisa), a indicare una chiara uniformità estetica e comportamentale. Le regole che definiscono la buona medicina sono cambiate ed evolute con l evoluzione del tempo e della società; e, sostanzialmente, si possono raggruppare in tre grandi tipologie: - leggi (regole giuridiche) - codici deontologici - regole etiche. Le regole dell etica si sono modificate progressivamente e ora sono essenzialmente rivolte alla definizione del rapporto medico/paziente, definendo così un etica sostantiva (bontà o meno della scelta decisionale) e un etica procedurale (a chi compete l onere delle decisioni). Il modello one up/one down che caratterizzava la medicina tradizionale, di tipo paternalistico, senza bisogno di alcun consenso da parte dell ammalato, mentre il medico decideva secondo scienza e coscienza, lascia via via il posto ad una interpretazione maggiormente basata sulla integrità personale del professionista sanitario, scevro il più possibile dalla presenza di conflitti di interesse nei diversi settori della costellazione sanitaria, ma spesso condizionato da valutazioni di ordine economicobudgettistico. I conflitti di interesse possono evidenziarsi sia nella pratica sanitaria routinaria che nell ambito dell educazione sanitaria, giungendo a fenomeni di disease mongering (inventando finti malati) o di epidemiologia creativa (definendo come patologiche situazioni che in realtà non sono tali). La medicina basata esclusivamente al versante economico-finanziario della sanità, unicamente con un ottica budgettistica, è destinata a non fornire una risposta valida ai bisogni di salute dei cittadini, spostando l effetto paternalistico dal rapporto medico/paziente a quello stato/utente, con un approccio similpoliziesco alle problematiche sanitarie. Del resto, anche un ottica di tipo neoliberistico-mercantile, trasformando il ruolo del paziente in cliente, non appare idonea a produrre effetti positivi sulla domanda di salute. Presumibilmente un paternalismo libertario, che preservi la libertà di scelta ed azione dei diversi attori, potrebbe permettere il raggiungimento di obiettivi validi in un ottica di alleanza terapeutica condivisa. Dopo tale panoramica, ampia ed esaustiva, su passato e futuro dell etica medica ha concluso l iter congressuale il Prof. Sergio Stefoni, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Bologna, il quale ha sottolineato la necessità dell approccio etico in medicina onde evitare l autoreferenzialità del comportamento medico e l importanza dell inserimento dell etica nel corso degli studi medici, onde indurre comportamenti adeguati nella pratica quotidiana, nella soluzione dei grandi problemi e nell utilizzo ottimale delle risorse. Ha inoltre rimarcato la complessità delle problematiche coinvolte e la necessità dell insegnamento etico-comportamentale nell iter formativo del medico. Gli interventi di molti dei convenuti, con quesiti e proposte di attualità e interesse, hanno concluso degnamente la mattinata ed hanno rappresentato il migliore viatico per l istituenda Scuola di Formazione di Etica e Deontologia Medica promossa dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Rimini, di certo nata sotto i migliori auspici. Maurizio Della Marchina 24 25

14 Recensioni TEO BRAGAGNA, MEDICO E ARTISTA Avevamo una capanna indiana fatta di canne e di stracci era il sogno americano dei sioux. Eravamo a cavallo e parlavamo il dialetto nelle praterie del Sud Dakota. Il cielo era sempre terso e sembrava non piovere mai qui in piazza del gazometro. Teo Bragagna, medico odontoiatra, poeta e pittore è nato a Cattolica nel 1951 e vive a Tavullia. I suoi versi sono di recente apparsi sull ultimo numero di Almanacco dello specchio , prestigiosa pubblicazione della Mondadori. Qui i versi di Teo sono inseriti accanto a quelli di importanti Autori, alcuni dei quali figurano tra i membri della Accademia di Svezia che selezionano i candidati e assegnano il Nobel per la Letteratura. Nell Almanacco trovano posto tredici suoi componimenti che raccontano il tempo in cui, nel gioco, fantasia e realtà si fondevano fino a trasformare in praterie i campi e il sogno americano, i pellerossa e i cavalli erano evocati parlando in dialetto. E poi il cielo terso che inonda di luce i ricordi, la voglia di fuga, il sussulto dell amore, il ricordo amorevole del padre e della madre in un sottofondo di suoni in cui la cascata d acqua del lavatoio si fonde con l urlo del treno, con lo scalpitio dei cavalli o col suono di un ambulanza che si trasforma in musica di violini diffusa da un vecchio grammofono. Oltre ai versi contenuti nell Almanacco, Teo Bragagna ha pubblicato i volumi: L apprendista Maggioli Editore Rimini 1982; Nel deserto del sogno Editore Cappelli Bologna 1984; Neve e conchiglie Editore Antico Mercato 1989; Amori variabili Editore Antico Mercato 1996; Stelle Indocili Lietocolle Editore La sua produzione artistica non si limita alla letteratura: Teo è anche pittore dal segno deciso e incisivo, ha partecipato a numerose mostre collettive e mostre mercato ed esposto le sue opere in mostre personali in Italia e all estero (Palazzo del Turismo Riccione 1996; Galleria Modigliani Milano 1997; Musei Comunali Bologna Galleria Fiorile 1999; Libreria Luisè Rimini 1999; Galleria Ponte Rosso Milano 2000; Sala degli Archi Rimini 2001; Art Basel eventi collaterali Miami Florida 2005; Caffè Giubbe Rosse Firenze 2008; Galleria La telaccia Roma 2010). Mauro Giovanardi Corsi, convegni, congressi, attività culturali XVII CONGRESSO NAZIONALE FADOI (Federazione Associazioni Dirigenti Ospedalieri Internisti) 5-8 maggio 2012 Palacongressi Per informazioni: Segreteria organizzativa Planning Congressi Srl - tel RISK MANAGEMENT DEL PAZIENTE DIABETICO DI TIPO 2 3 e 31 maggio 2012 Sala Riunioni Ordine dei Medici Per informazioni: Segreteria organizzativa tel LA DISCRIMINAZIONE MASCHILE NELLA SALUTE RIPRODUTTIVA: STRATEGIE DI INTERVENTO 26 maggio 2012 SGR Congressi Per informazioni: Segreteria organizzativa U.O. Urologia Ospedale Infermi Rimini - tel VIII CONGRESSO NAZIONALE SIMEU (Società Italiana Medicina D Emergenza e Urgenza) ottobre 2012 Palacongressi Per informazioni: Segreteria organizzativa tel Presso la Segreteria dell Ordine sono disponibili i programmi degli eventi UNA PASSEGGIATA DI SALUTE Sempre più spesso, la letteratura scientifica evidenzia i numerosi benefici che derivano da uno stile di vita attivo. Diverse prove confermerebbero come l attività fisica rappresenti un fattore in grado sia di migliorare la qualità della vita, che di prevenire molte patologie croniche. Per fare un esempio, è stata riscontrata una notevole riduzione della mortalità derivante da patologie cardiovascolari, legate ad obesità, diabete e osteoporosi. L attività fisica diminuisce il rischio di sviluppare talune neoplasie, come il cancro del colon e della mammella, e mostra di avere effetti positivi anche sulla depressione. I livelli di attività fisica raccomandati variano a seconda di alcuni parametri, quali l età e lo stato di salute. Per un adulto, l OMS raccomanda di praticare almeno trenta minuti di attività fisica moderata al giorno, per cinque volte alla settimana. Detto altrimenti, bisognerebbe percorrere quotidianamente almeno cinquemila passi, ossia circa tre chilometri. Dal marzo 2008, esiste a Rimini La Pedivella, Associazione Sportiva Dilettantistica. Questa organizzazione propone, fra i vari progetti, un iniziativa denominata Camminate!!! Per Piacere, finalizzata a diffondere la cultura del camminare. Tutti i martedì e venerdì, alle nove di sera, un gruppo di persone s incontra per camminare lungo un percorso urbano prestabilito, ciclabile o pedonale. Il punto di ritrovo e l itinerario, ivi incluso il relativo grado di difficoltà, sono sempre rintracciabili sul sito internet Si formano interminabili processioni, composte da decine di persone, sempre allegre, che transitano lungo le vie della città, lungo la ciclabile del Marecchia, nei parchi, a Marina Centro, attraverso paesaggi unici e suggestivi specialmente nelle ore notturne. Camminare è in primo luogo una forma ideale di esercizio fisico, semplice, accessibile e soprattutto economica, in altre parole assolutamente democratica. In breve, camminare fa bene al portafoglio del singolo 26 27

15 Corsi, convegni, congressi e attività culturali e al bilancio del Sistema Sanitario Nazionale. L OMS definisce la salute come completo stato di benessere fisico, psicologico e sociale. Ai medici è quindi affidato il compito non solo di curare, ma anche di prevenire, informare, sensibilizzare, nonché di promuovere comportamenti sani ed orientati al benessere. Far conoscere questa esperienza con ottimistico counseling è un opportunità che ci viene fornita da un gruppo di volontariato, alle cui iniziative hanno partecipato, negli anni passati, numerosi colleghi e amici. In aggiunta a tutto quanto precede, La Pedivella organizza anche camminate con i bastoncini (i.e. il Nordic Walking). Lo slogan è Camminare fa bene, camminare bene fa meglio. Ci si ritrova al Porto, Piazzale Boscovich, il giovedì sera e la domenica mattina. Il Nordic Walking, in costante diffusione in tutto il mondo, è un nuovo modo di praticare lo sport e il movimento. Viene considerato dagli esperti una delle attività sportive più complete in assoluto. È inoltre indicata anche per soggetti in sovrappeso o con problemi fisici alla schiena, poiché costituisce un tipo di Annunci TORNEO DI TENNIS allenamento c.d. non-impact. Ideale quindi per persone non sportive o poco allenate. Da ultimo, l utilizzo di specifici bastoncini abbassa in maniera notevole la percezione della fatica, circostanza che consente di poter effettuare un attività più intensa e prolungata. Sulla scorta dell esperienza appena descritta, si potrebbe proporre al Comune e all Ausl di Rimini di organizzare gruppi di cammino. Un eventuale progetto in questo senso andrebbe a diffondere, a tutti i livelli, una sana abitudine, consoliderebbe un legame più profondo verso la propria città e valorizzerebbe numerose opportunità di socializzazione, rendendole di fatto fruibili. Simpatica provocazione sarebbe quella di suggerire al nostro Direttore Generale un corso di aggiornamento obbligatorio, un sabato mattina, per tutti i medici, in tuta, con o senza bastoncini, per dare l esempio e promuovere la filosofia del camminare, ottima cura per persone sempre più ammalate di pigrizia. A volte, piccole cose possono produrre grandi risultati Tentar non nuoce! Melchisede Bartolomei Domenica 27 maggio 2012 si terrà la dodicesima edizione del torneo di tennis doppio giallo misto Trofeo Esculapio, riservato agli iscritti all Ordine e agli Informatori Scientifici del Farmaco. Appuntamento sui campi del Circolo Tennis Cerri di Cattolica, via Donizetti 111, tel Punzonatura dei concorrenti ore Inizio incontri ore Info e iscrizioni Dott. Giorgio Gerboni (mob ) o Dott. Guido Carlotti (mob ). DOTT. LINO RINALDI (16/12/ /11/2011) Ricordando i colleghi Nato nel piccolo paese francese di Algrange al confine con il Granducato di Lussemburgo, il 16 dicembre del 1921, secondogenito di Egildo Rinaldi e Angela Simoncini, ha vissuto la prima infanzia in anni difficili, poichè il padre era emigrato da Sartiano di Novafeltria per lavorare nelle locali miniere di carbone. Dopo una decina di anni, con il miglioramento delle condizioni di vita in Italia, la famiglia rientrò a Novafeltria. Studiò prima presso il Seminario di Pennabilli e poi a Bologna nel Collegio di San Domenico, svolgendo l attività di tutore per potersi permettere la retta. La seconda guerra mondiale fece da cupo sfondo al corso di laurea in medicina e chirurgia. Dopo la laurea iniziò la carriera di medico condotto a Serravalle di Carda e poi ad Apecchio, piccoli paesi alle falde del Monte Nerone. Ancora oggi, quando visitiamo quelle zone, non è raro incontrare anziani pazienti che ricordano quei lontani anni e quel giovane dottore che, nei primi anni, visitava gli abitanti di quelle lontane e sperdute case a dorso d asino o nei casi fortunati a cavallo; salvo negli ultimi anni scorazzare a bordo di una fiammante Jeep, regalo degli alleati, che quasi sempre finiva impantanata sul greto di qualche torrente o nel fango che allora imperava nei tratturi. A Roma conseguì la specializzazione in odontoiatria e protesi dentaria e in seguito si trasferì a Rimini. Qui aprì il suo studio dentistico dove tuttora, noi figli, continuiamo l attività di dentisti. Nostro padre ha continuato a frequentare giornalmente lo studio fino agli ultimi giorni della sua vita. È stato il padre che noi figli speriamo di poter essere per i nostri e marito affettuoso e devoto. Lascia a tutti quelli che l hanno conosciuto un ricordo di umanità e gentilezza d animo e di grande generosità. Gli ultimi suoi pensieri sono stati rivolti agli amatissimi nipoti Giovanni Maria, Pier Francesco e alla nipotina Giulia, che purtroppo non ha fatto in tempo a vedere perché non ancora nata. Riccardo e Roberto Rinaldi BENVENUTO MATTEO Felicitazioni alla nostra segretaria Elisa, neomamma del piccolo Matteo! 28 29

16 Variazione agli Albi Variazioni agli Albi Delibera Consiglio Direttivo seduta del 27 febbraio 2012 Delibera Consiglio Direttivo seduta del 12 dicembre 2011 Iscrizione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott. PASTORI Massimiliano Cristian trasferimento da Roma Dott.ssa RAFFAELLI Giorgia trasferimento da Forlì Cesena Dott. BELLANTONI Rocco trasferimento da Reggio Calabria Cancellazione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott. BOLOGNINI Mario di Cattolica Dott. RINALDI Lino decesso Dott. SPINA Alessandro Iscrizione ALBO ODONTOIATRI Dott.ssa SERGIO Concetta trasferimento da Reggio Emilia Cancellazione ALBO ODONTOIATRI Dott. RINALDI Lino decesso Dott. SPINA Alessandro Iscritti Albo Medici Chirurghi nr Albo Odontoiatri nr. 345 Delibera Consiglio Direttivo seduta del 23 gennaio 2012 Iscrizione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott.ssa BARZOTTI Eleonora Dott.ssa CERNI Angelica Dott.ssa CORAZZI Valentina Dott.ssa FAZIO Daniela Dott.ssa FORLANI Ludovica Dott. FORLIVESI Stefano Dott.ssa MANCINI Michela Dott.ssa MARCHEGGIANI Michela Dott.ssa MENGHI Viola Dott. ORSINI Emanuele Dott.ssa PAZZAGLIA Laura Dott. PUKA Orion Dott.ssa RASTELLI Claudia Dott. RINGHILESCU Maria Dott.ssa SERRA Eleonora Dott. VANDI Giacomo Nulla osta al trasferimento Dott.ssa CASTIGLIONI Laura Dott. GARGIULO Mauro Cancellazione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott. CAMPIDELLI Orlando Dott.ssa CASTIGLIONI Laura Dott. GARGIULO Mauro Dott. PANTAZOPOULOS Pantazis di Misano Adriatico di Cattolica di Coriano di Riccione di Cattolica di Morciano di Romagna di Riccione di Talamello di San Giovanni in Marignano a Bologna a Bologna decesso trasferimento a Bologna trasferimento a Bologna morosità e irreperibilità Iscrizione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott.ssa CAUSHOLLI Irida Dott. DE ROSSI Ermenegildo Federico trasferimento da Roma Dott.ssa RADASAN Irena trasferimento da Torino Iscrizione ALBO ODONTOIATRI Dott.ssa MARCHI Sofia Dott. PRUCCOLI Andrea Dott. DE ROSSI Ermenegildo Federico trasferimento da Roma Reiscrizione ALBO ODONTOIATRI Dott. D INTINO Luigi di Santarcangelo di Romagna Nulla osta al trasferimento Dott.ssa CANAZZA Lorena a Milano Dott.ssa MAGGIORE Simona a Parma Cancellazione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott. FALCIONI Fulvio Dott. GUALTIERI Andrea di Borgo Maggiore (RSM) Dott.ssa CANAZZA Lorena trasferimento a Milano Cancellazione ALBO ODONTOIATRI Dott. MATASSONI Giorgio Dott. SAMORANI Domenico Iscritti Albo Medici Chirurghi nr Albo Odontoiatri nr Isctitti Albo Medici Chirurghi nr Albo Odontoiatri nr. 347 Delibera Consiglio Direttivo seduta del 26 marzo 2012 Iscrizione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott.ssa BARTOLINI Laura di Cattolica Dott. ssa CAPELLI Susanna Dott. ssa DE LUIGI Nicoletta di San Marino Dott. FANTINI Enrico di Riccione Dott. ssa GIANNINI Giulia di Pennabilli Dott. PAPINI Francesco Dott. PIRETTI Luca di San Giovanni in Marignano Dott. RABITTI Stefano Dott. SANTORO Stefano di Coriano Iscrizione ALBO ODONTOIATRI Dott. GERVASONI Fabio trasferimento da Milano Nulla osta al trasferimento Dott. BARBERINI Francesco trasferimento a Bologna Cancellazione ALBO MEDICI CHIRURGHI Dott. BARBERINI Francesco trasferimento a Bologna Dott.ssa MAGGIORE Simona trasferimento a Parma Iscritti Albo Medici Chirurghi nr Albo Odontoiatri nr

17 Finito di stampare nel mese di aprile 2012

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli