CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING"

Transcript

1 Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1

2 STRUMENTI DI LAVORO ATTIVITA CONTROLLO MANUALE ATTIVITA SUPPORTATA DA SISTEMA CONTROLLO SUPPORTATO DA SISTEMA ATTIVITA AUTOMATICA ERP ERP ERP 1 ATTIVITA SUPPORTATA EXTRA-SISTEMA CONTROLLO SUPPORTATO EXTRA-SISTEMA ATTIVITA CON REF. IN NOTA INTEGRATIVA INPUT/OUTPUT CARTACEO INPUT/OUTPUT ELETTRONICO EXL EXL EVENTO INIZIALE SNODO LINK PAGINA LINK SI NO 2

3 RICOGNIZIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI Simbolo e Acronimo Nome del sistema (o applicativo) Descrizione OLIAMM SISTEMA AMMINISTRATIVO CONTABILE OLIAMM OLIAMM è la soluzione di Engineering per la gestione amministrativa delle Aziende Sanitarie, pensata per supportare modelli organizzativi di livello aziendale e sovraziendale, quali aree vaste e sistemi informativi regionali. Architettura OLIAMM è un sistema client server, che può essere installato anche su sistemi three tier (Terminal Server, ecc.). Funzionalità OLIAMM si compone di diverse funzioni integrate all interno del processo amministrativo: Bilanci Piano dei conti La struttura del codice del Piano dei conti è libera e definibile dall Ente, solitamente gerarchica, con la possibilità di riclassificazioni di bilancio definibili in forma parametrica. Bilanci e Sistema Autorizzativo 3

4 RICOGNIZIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI Simbolo e Acronimo Nome del sistema (o applicativo) Descrizione DWH Data Werehouse L'acronimo DWH significa Data Werehouse è un sistema informativo integrato con fonti eterogenee, volto a garantire una visione unificatrice del patrimonio di Informazioni esistenti in un Azienda Sanitaria, sviluppando un sistema di supporto al decision maker, mediante tecniche di elaborazione analitica e di dettaglio e mediante produzione istantanea di reportistica multidimensionale. 4

5 MAPPATURA DI CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING (M) GESTIONE BUDGET E REPORTING 5

6 VISIONE DEL CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING M.1 GESTIONE BUDGETING M.2 REPORTING GESTIONALE M.3 GESTIONE BILANCIO 6

7 ORGANO DI INDIRIZZO DIREZIONE AZIENDALE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE PROGRAMMA ANNUALE ANNUALMENTE INVIO DOCUMENTO PROGRAMMATICO PARERE SUL DOCUMENTO PROGRAMMATICO A INVIO DOCUMENTO PROGRAMMATICO ANALISI COERENZA TRA ATTIVITA ASSISTENZIALE E LE NECESSITA DIDATTICHE E DI RICERCA PARERE SUL DOCUMENTO PROGRAMMATICO 7

8 COMITATO DI BUDGET DIREZIONE AZIENDALE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE PROGRAMMA ANNUALE A ANNUALMENTE INVIO COMUNICAZIONE OBIETTIVI E INDIRIZZI DI PROGRAMMAZIONE ANNUALI PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA B A COMUNICAZIONE OBIETTIVI E INDIRIZZI DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE REDAZIONE ED INVIO DEL PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DEGLI OBIETTIVI E DEGLI INDIRIZZI DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ASSEGNAZIONE OBIETTIVI AI SINGOLI CENTRI DI RESPONSABILITA 8

9 COLLEGIO DI DIREZIONE DIREZIONE AZIENDALE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE PROGRAMMA ANNUALE B TRASMISSIONE PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA RECEPIMENTO OSSERVAZIONI E REDAZIONE PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA TRASMISSIONE E INVIO PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA APPROVATO C PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA APPROVATO PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA COMUNICAZIONE OSSERVAZIONI NO VALUTAZIONE DEL PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA OK? SI APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA 9

10 RESPONSABILE CENTRO DI RESPONSABILITA COMITATO DI BUDGET REGIONE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE PROGRAMMA ANNUALE C PROGRAMMA ANNUALE APPROVATO PROGRAMMA ANNUALE APPROVATO D PROGRAMMA ANNUALE APPROVATO 10

11 COMITATO DI BUDGET GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BUDGET DELLA PRODUZIONE D DEFINIZIONE IPOTESI DI REDAZIONE DEI PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) PER SINGOLO CENTRO DI RESPONSABILITA VERIFICA COERENZA IPOTESI DI REDAZIONE DEI PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) CON IL PROGRAMMA ANNUALE NO OK? SI PREDISPOSIZIONE E INVIO PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) E DWH 11

12 COMITATO DI BUDGET /RESPOSNABILE CONTROLLO DI GESTIONE DIRETTORI DI DIPARTIMENTO GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BUDGET DELLA PRODUZIONE E RICEVONO I PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) INVIO PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) REVISIONATI RECEPIMENTO OSSERVAZIONI E REDAZIONE PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) DWH PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) REVISIONATI RICHIESTA MODIFICA REDAZIONE PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) NO VERIFICA COERENZA TRA PROSPETTI CONTABILI (SCHEDE DI BUDGET) E PROGRAMMA ANNUALE OK? SI F 12

13 DIRETTORE GENERALE COMITATO DI BUDGET GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BUDGET DELLA PRODUZIONE F PREDISPOSIZIONE E INVIO DETERMINA DI ADOZIONE DEL BUDGET DELLA PRODUZIONE, DELLE RISORSE, DEI CONSUMI SCHEDE DI BUDGET DELLA PRODUZIONE, DELLE RISORSE, DEI CONSUMI G DETERMINA DI ADOZIONE DELLA SCHEDA DI BUDGET DELLA PRODUZIONE DELLE RISORSE, DEI CONSUMI FIRMA DETERMINA DI ADOZIONE DEL BUDGET DELLA PRODUZIONE, DELLE RISORSE, DEI CONSUMI SCHEDE DI BUDGET DELLA PRODUZIONE, DELLE RISORSE, DEI CONSUMI 13

14 DIREZIONE AZIENDALE COLLEGIO DI DIREZIONE COMITATO DI BUDGET GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BUDGET OPERATIVO AZIENDALE G AGGREGAZIONE DELLE SCHEDE DI BUDGET E PREDISPOSIZIONE E INVIO BUDGET OPERATIVO AZIENDALE COMUNICAZIONE PARERI E OSSERVAZIONI INVIO BUDGET OPERATIVO AZIENDALE E COMUNICAZIONE DEI PARERI E/O OSSERVAZIONI PROPOSTE BUDGET OPERATIVO AZIENDALE ANALISI BUDGET OPERATIVO E FORMULAZIONE PARERI E OSSERVAZIONI COMUNICAZIONE PARERI E OSSERVAZIONI PARERI E OSSERVAZIONI BUDGET OPERATIVO AZIENDALE H 14

15 DIRETTORE GENERALE COMITATIO DI BUDGET DIREZIONE AZIENDALE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BUDGET OPERATIVO AZIENDALE H VERIFICA BUDGET OPERATIVO AZIENDALE OK? SI APPROVAZIONE BUDGET OPERATIVO AZIENDALE NO BUDGET OPERATIVO AZIENDALE INVIO RICHIESTA DI APPORTARE VARIAZIONI AL BUDGET OPERATIVO AZIENDALE PREDISPOSIZIONE ED INVIO BUDGET OPERATIVO AZIENDALE RICHIESTA VARIAZIONI BUDGET OPERATIVO AZIENDALE APPROVATO PREDISPOSIZIONE E FIRMA DELIBERA DI ADOZIONE I 15

16 CENTRI DI RESPONSABILITA COMITATO DI BUDGET GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING ASSEGNAZIONE OBIETTIVI PER CENTRO DI BUDGET I INDIVIDUAZIONE OBIETTIVI DI BUDGET E RELATIIVI INDICATORI DI MONITORAGGIO APPROCCIO TOP-DOWN PURO? NO L SI PREDISPOSIZIONE ED INVIO SCHEDE DI BUDGET SCHEDE DI BUDGET 16

17 CENTRI DI RESPONSABILITA COMITATO DI BUDGET GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING ASSEGNAZIONE OBIETTIVI PER CENTRO DI BUDGET L PREDISPOSIZIONE ED INVIO SCHEDE DI BUDGET VERIFICA AMMISSIBILITA E NEGOZIAZIONE DEGLI OBIETTIVI PROPOSTI OK? NO M SI SCHEDE DI BUDGET INSERIMENTO IN SCHEDE INDICATORI APPROPRIATI PER MONITORAGGIO OBIETTIVI SCHEDE DI BUDGET COMPLETAMENTO SCHEDE DI BUDGET VERIFICA ED INVIO DELLE SCHEDE DI BUDGET SCHEDE DI BUDGET COMPLETE 17

18 RESPONSABILI CENTRI DI RESPONSABILITA DIREZIONE AZIENDALE COMITATO DI BUDGET GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING NEGOZIAZIONE DEGLI OBIETTIVI M DEFINIZIONE CALENDARIO DI NEGOZIAZIONE DEGLI OBIETTIVI DEFINITI CALENDARIO DI NEGOZIAZIONE APPROVATO PREDISPOSIZIONE E INVIO DISPOSIZIONE DI ADOZIONE DEL CALENDARIO DI NEGOZIAZIONE NEGOZIAZIONE DEGLI OBIETTIVI E COMPILAZIONE DEL VERBALE DI RIUNIONE CALENDARIO DI NEGOZIAZIONE DEGLI OBITTIVI DEFINITI ADOZIONE FORMALE DEL CALENDARIO DI NEGOZIAZIONE CALENDARIO DI NEGOZIAZIONE VERBALE DI RIUNIONE DI NEGOZIAZIOE COMPILAZIONE ED INVIO DEL VERBALE DI RIUNIONE DI NEGOZIAZIONE VERBALE DI RIUNIONE DI NEGOZIAZIONE N 18

19 COMITATO DI BUDGET RESPONSABILI CENTRI DI RESPONSABILITA GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING NEGOZIAZIONE DEGLI OBIETTIVI N ESITO POSITIVO? SI SOTTOSCRIZIONE PROVVISORIA SCHEDA DI BUDGET NO DEFINIZIONE E INVIO MOTIVAZIONI DI DISSENSO SU NOTA SCRITTA SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA SCHEDE DI BUDGET O NO MOTIVAZIONI DI DISSENSO VERIFICA MOTIVAZIONI DI DISSENSO OK? SI ANALISI APPROFONDITA SULLE MOTIVAZIONI DI DISSENSO ALLA SCHEDA DI BUDGET 19

20 DIREZIONE AZIENDALE REGIONE COMITATO DI BUDGET GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING CONCORDAMENTO REGIONALE O INVIO BUDGET OPERATIVO AZIENDALE BUDGET OPERATIVO AZIENDALE ANALISI DEI DOCUMENTI DEL BUDGET OPERATIVO AZIENDALE ESITO POSITIVO? SI CONCORDAMENTO REGIONE- AZIENDE SANITARIE P NO INVIO CONVOCAZIONE PER NEGOZIAZIONE NEGOZIAZIONE DEGLI OBIETTIVI INVIO RICHIESTA DI RIFORMULAZIONE PROPOSTA DI BUDGET OPERATIVO AZIENDALE CONVOCAZIONE PER NEGOZIAZIONE CONVOCAZIONE PER NEGOZIAZIONE 20

21 COMITATO DI BUDGET COLLEGIO DI DIREZIONE DIREZIONE AZIENDALE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING APPROVAZIONE BUDGET AZIENDALE P COMUNICAZIONE ESITO DEL CONCORDAMENTO REGIONALE ESITO POSITIVO? SI APPROVAZIONE BUDGET AZIENDALE Q NO RICHIESTA PARERI PER RIMODULAZIONE DELLA PROPOSTA DI BUDGET RICHIESTA PARERI PER RIMODULAZIONE DELLA PROPOSTA DI BUDGET O RICHIESTA PARERI PER RIMODULAZIONE DELLA PROPOSTA DI BUDGET 21

22 UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE COLLEGIO DI DIREZIONE DIREZIONE GENERALE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BILANCIO DI PREVISIONE Q PRESENTAZIONE BUDGET AZIENDALE DEFINITIVO BUDGET AZIENDALE DEFINITIVO INVIO BUDGET AZIENDALE PER PREDISPOSIZIONE BILANCIO DI PREVISIONE BUDGET AZIENDALE DEFINITIVO PREDISPOSIZIONE BILANCIO DI PREVISIONE R 22

23 UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BILANCIO DI PREVISIONE R PREDISPOSIZIONE BILANCIO PLURIENNALE DI PREVISIONE, PIANO PLURIENNALE DEGLI INVESTIMENTI E BUDGET FINANZIARIO INSERIMENTO VALORI BILANCIO DI PREVISIONE PER SINGOLE VOCI DEL PdC CONVALIDA IMPEGNO DI SPESA PER SINGOLE VOCI DI PdC EMISSIONE CODICE DI AUTORIZZAZIONE IMPEGNO DI SPESA OLIAMM OLIAMM OLIAMM 23

24 UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE RESPONSABILI CENTRI DI RESPONSABILITA GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BILANCIO DI PREVISIONE EMISSIONE CONTRATTO/ DELIBERA/ ATTO IN ECONOMIA PREDISPOSIZIONE E INVIO CONTRATTO/ DELIBERA/ ATTO IN ECONOMIA PREDISPOSIZIONE E INVIO RICHIESTA GIROCONTO IMPORTI STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE RICHIESTA GIROCONTO IMPORTI STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE S NO OK? SI T DELIBERA/ CONTRATTO/ ATTO IN ECONOMIA REGISTRAZIONE DELIBERA/ CONTRATTO/ ATTO IN ECONOMIA VERIFICA CAPIENZA IMPEGNO DI SPESA OLIAMM OLIAMM 24

25 DIRETTORE GENERALE RESPONSABILI CENTRI DI RESPONSABILITA RESPONABILE UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING PREDISPOSIZIONE BILANCIO DI PREVISONE S VERIFICA RICHIESTA GIROCONTO IMPORTI STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE OK? SI AUTORIZZAZIONE RICHIESTA GIROCONTO IMPORTI STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE T NO RICHIESTA VARIAZIONE IMPORTI MACRO-VOCE STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE GIROCONTO IMPORTI STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE EMISSIONE SUB- AUTORIZZAZIONE SU IMPEGNO DI SPESA OLIAMM OLIAMM SI RICHIESTA VARIAZIONE IMPORTI MACRO-VOCE STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE VERIFICA RICHIESTA VARIAZIONE IMPORTI MACRO- VOCE STANZIATI DA BILANCIO DI PREVISIONE OK? NO FINE 25

26 GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING 1. Annualmente la Direzione Aziendale predispone il Documento Programmatico e provvede ad inviarlo all Organo di Indirizzo per l analisi di coerenza tra attività assistenziali e le necessità didattiche e di ricerca. L Organo di Indirizzo esprime un parere sulla coerenza tra attività assistenziali e le necessità didattiche e di ricerca e lo invia alla Direzione Aziendale la quale, anche sulla base delle osservazioni raccolte, predispone il Programma Annuale delle attività. 2. Annualmente la Direzione Aziendale invia al Comitato di Budget gli obiettivi e gli indirizzi di programmazione annuali. Il Comitato di Budget analizza gli obiettivi e gli indirizzi di programmazione annuale, assegna gli obiettivi ai singoli Centri di Responsabilità ed invia il Programma Annuale delle Attività alla Direzione Aziendale. 3. Il Programma Annuale viene illustrato dalla Direzione Aziendale ai membri del Collegio di Direzione che esprime una valutazione tecnica sul Piano. In caso di esito negativo il Collegio di Direzione comunica le proprie osservazioni alla Direzione Aziendale. In caso di esito positivo, il Piano è ritrasmesso alla Direzione Aziendale che provvede ad inviarlo alla Regione, al Comitato di Budget ed ai Responsabili dei Centri di Responsabilità: in caso di valutazione negativa la Regione comunica alla direzione Aziendale le proprie osservazioni. Recepite le osservazioni della Regione, la Direzione Aziendale apporta modifiche al Programma Annuale delle Attività e lo ritrasmette alla Regione. In caso di valutazione positiva, la Regione approva il Programma Annuale delle Attività e lo comunica alla Direzione Aziendale. 26

27 GESTIONE BUDGETING SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING 4. Il Comitato di Budget analizza gli obiettivi e gli indirizzi di programmazione annuali trasmessi dalla Direzione Aziendale. Sulla base di queste indicazioni definisce i prospetti contabili (schede di budget) per ogni Centro di Responsabilità e li trasmette ai Direttori di Dipartimento. 5. I Direttori di Dipartimento procedono ad eventuali contro proposte (scheda di budget revisionata) e le trasmettono al Comitato di Budget ed al Responsabile Controllo di Gestione. Questi verificano la coerenza dei prospetti contabili revisionati, proposti dai Direttori di Dipartimento, e il Programma Annuale. In caso di esito negativo richiedono ai Direttori di Dipartimento di apportare modifiche ai prospetti proposti. In caso di esito positivo il Comitato di Budget procede alla predisposizione della determina di adozione del Budget della Produzione, delle Risorse e dei Consumi e all invio della stessa alla Direzione Generale per la firma. 6. Il Comitato di Budget predispone ed invia il Budget Operativo Aziendale, composto dal Budget della Produzione, delle Risorse e dei Consumi, al Collegio di Direzione che esegue un analisi e comunica i propri pareri e osservazioni. Il Comitato di Budget trasmette il Budget Operativo Aziendale, con allegate le osservazioni e i pareri del Collegio di Direzione alla Direzione Aziendale, che dopo aver verificato eventuali anomalie, rilascia la propria approvazione e lo trasmette al Direttore Generale per l adozione. 27

28 INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI CORRELATI SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING 7. Il Comitato di Budget individua gli obiettivi di budget ed i relativi indicatori di monitoraggio e in caso di un approccio top-down puro, predispone ed invia le schede di budget ai vari Centri di Responsabilità. In caso di approccio top-down partecipato, entro 10 giorni lavorativi dalla ricezione, le schede devono essere: compilate dai Centri di Responsabilità, e restituite al Comitato di Budget che ne verifica l ammissibilità e la negoziazione degli obiettivi proposti. Successivamente provvede a selezionare e ad inserire nelle schede gli indicatori più appropriati per il monitoraggio dei singoli obiettivi proposti dai Centri di Responsabilità. Una volta completate, le schede sono trasmesse ai singoli Centri di Responsabilità. 8. Il Comitato di Budget definisce il calendario di negoziazione degli obiettivi definiti, che viene adottato dalla Direzione Aziendale e trasmesso ai Centri di Responsabilità. In seguito alla riunione di negoziazione viene predisposto un apposito verbale che viene trasmesso al Centro di Responsabilità interessato. 9. I Centri di Responsabilità esprimono un parere rispetto gli esiti dell incontro e sottoscrivono le schede di budget. Se gli esiti della negoziazione non sono adeguati alle attese il Responsabile del Centro di Responsabilità deve motivare il proprio dissenso al Comitato di Budget e, eventualmente chiedere un incontro di approfondimento individuale. 28

29 INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI CORRELATI SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING 10. La Regione dopo una prima analisi del Budget Operativo Aziendale trasmesso dal Comitato di Budget, convoca la Direzione Aziendale per la discussione e la negoziazione degli obiettivi. In caso di esito positivo ci sarà il Concordamento tra Regione e Aziende Sanitarie rispetto a volumi, attività e risorse; al contrario, in caso di mancato accordo, la Regione richiederà alle Aziende Sanitarie di riformulare la proposta di Budget e di provvedere sulla base di questa ad una nuova negoziazione. 11. La Direzione Aziendale illustra gli esiti del Concordamento al Collegio di Direzione ed al Comitato di Budget. All interno di tale assemblea la Direzione Aziendale può limitarsi a comunicare l approvazione della proposta di Budget presentata alla Regione e procedere all approvazione definitiva di Budget Aziendale; viceversa può richiedere pareri e proporre indirizzi per la rimodulazione della proposta di Budget qualora l incontro con la Regione abbia invece avuto esito negativo. 12. Nel caso in cui il Concordamento Regionale abbia avuto esito positivo la Direzione Aziendale approva il Budget Aziendale, altrimenti richiede la rimodulazione della proposta di Budget al Collegio di Direzione e al Comitato di Budget. 13. ll Budget Aziendale definitivo viene inviato dalla Direzione Aziendale al Collegio di Direzione che lo trasmette al UOC Gestione Risorse Economico - Finanziarie per la predisposizione del bilancio di previsione. Quest ultimo predispone il bilancio pluriennale di previsione, il piano pluriennale degli investimenti e il budget finanziario, dopodiché inserisce i valori del bilancio di previsione e convalida gli impegni di spesa per le singole voci del piano dei conti nel sistema informativo, emettendo in automatico un codice di autorizzazione per singolo impegno di spesa. 29

30 INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI CORRELATI SOTTO (M.1) GESTIONE BUDGETING 14. Le singole unità operative inviano i singoli contratti, delibere o atti in economia al UOC Gestione Risorse Economico - Finanziarie, che provvede a registrare nel sistema informativo un impegno di spesa mediante l emissione di un codice di sub-autorizzazione, che sarà riportato in delibera, al fine di dettagliare le spese imputate alle singole voci del piano dei conti. Qualora non vi sia capienza dell impegno di spesa, il responsabile dell unità operativa predispone e invia, al Responsabile UOC Gestione Risorse Economico - Finanziarie, la richiesta di giroconto degli impegni di spesa all interno della macro-voce indicata nel bilancio di previsione. In caso di esito positivo, si autorizza il giroconto suddetto. Nel caso in cui sia necessario un incremento dell impegno di spesa definito nel bilancio di previsione, il Responsabile di Struttura Complessa provvede a richiedere autorizzazione al Direttore Generale. 30

31 CONTROLLO DI GESTIONE UNITA OPERATIVE DEI CENTRI DI RESPONSABILITA REPORTING GESTIONALE SOTTO (M.2) REPORTING GESTIONALE QUOTIDIANAMENTE CARICAMENTO DATI GESTIONALI ERP TRIMESTRALMENTE ESTRAZIONE DATI DA CO.AN ELABORAZIONE E CONSOLIDAMENTO DATI PREDISPOSIZIONE REPORT AZIENDALI A DWH DWH DWH 31

32 CENTRI DI RESPONSABILITA DIREZIONE GENERALE CONTROLLO DI GESTIONE REPORTING GESTIONALE SOTTO (M.2) REPORTING GESTIONALE A VERIFICA SCOSTAMENTI TRA BUDGET E CONSUNTIVO OK? SI PREDISPOSIZIONE E INVIO REPORT DI ANALISI NO INVIO RICHIESTA CHIARIMENTI PROVVEDIMENTI DELLE AZIONI CORRETTIVE REPORT DI ANALISI RICHIESTA CHIARIMENTI ANALISI DELLE CAUSE DEGLI SCOSTAMENTI E DELLE RELATIVE RESPONSABILITA DEFINIZIONE E INVIO DELLE AZIONI DA INTRAPRENDERE PER L ALLINEAMENTO TRA OBIETTIVI PROGRAMMATI E RISULTATI CONSEGUITI REPORT DI ANALISI 32

33 INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI CORRELATI SOTTO (M.2) REPORTING GESTIONALE 1. Trimestralmente, il Controllo di Gestione estrae dal sistema informatico i dati gestionali, caricati dai Centri di Responsabilità, e i dati provenienti dalla contabilità analitica. I dati vengono elaborati e sintetizzati in specifici parametri economici e qualitativi, tramite i quali viene effettuata l analisi degli scostamenti rispetto agli obiettivi prefissati. Le risultanze delle analisi confluiscono in un report gestionale redatto dal Controllo di Gestione e trasmesso al Direttore Generale ed ai Centri di Responsabilità. In caso di eventuali scostamenti rispetto agli obiettivi prefissati il Controllo di Gestione trasmette una richiesta di chiarimenti ai Centri di Responsabilità, i quali definiscono i provvedimenti e le azioni correttive da intraprendere. 33

34 RESPONSABILICENTRI DI RESPONSABILITA DIREZIONE GENERALE UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO REDAZIONE BILANCIO CONSUNTIVO ANNUALE INVIO NOTA DI ACQUISIZIONE DATI PER SCRITTURE DI RETTIFICA E CHIUSURA BILANCIO DATI ELABORATI EXTRA- CONTABILMENTE A INVIO COMUNICAZIONE DATE PER CHIUSURA BILANCIO COMUNICAZIONE DATE PER CHIUSURA BILANCIO INSERIMENTO IN CO.GE. DEI DATI RELATIVI AGLI EVENTI DELL ESERCIZIO DEFINIZIONE E TRASMISSIONE DATI ELABORATI EXTRA- CONTABILMENTE OLIAMM EXL 34

35 REGIONE FARMACIA CENTRALIZZATA UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO A EFFETTUAZIONE SCRITTURE ASSESTAMENTO FLUSSI INFORMATIVI DA FILE F INSERIMENTO DATI FLUSSI FILE F B OLIAMM OLIAMM TRASMISSIONE FLUSSI FILE F INVIO FLUSSI INFORMATIVI FILE F OLIAMM FLUSSI INFORMATIVI SU MOBILITA 35

36 RESPONSABILI CENTRI DI RESPONSABILITA UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO B STAMPA BI.VE. CON DATA 31 DICEMBRE VERIFICA ESISTENZA ANOMALIE OK? SI C OLIAMM NO REGISTRAZIONE EVENTUALI RETTIFICHE O RICLASSIFICHE OLIAMM INVIO RICHIESTA CHIARIMENTI COMUNICAZIONE ESITO RICHIESTA CHIARIMENTI CONTROLLO E COMUNICAZIONE ESITO 36

37 CONTROLLO DI GESTIONE UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO C RICLASSIFICAZIONE DATI IN S/P E C/E SECONDO SCHEMA MISTERIALE EXL COMPILAZIONE MODELLI S/P E C/E D NSIS CONTABILITA ANALITICA ESTRAZIONE DATI DI CONTABILITA ANALITICA DWH 37

38 DIRETTORE GENERALE UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO D VERIFICA SCOSTAMENTI CON BILANCIO PREVENTIVO E ESERCIZIO PRECEDENTE REDAZIONE NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE PREDISPOSIZIONE BOZZA FASCICOLO DI BILANCIO INVIO BOZZA FASCICOLO E PREDISPOSIZIONE E INVIO DELIBERA DI ADOZIONE BOZZA FASCICOLO DI BILANCIO E 38

39 UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE / RESPONSABILI CENTRI DI RESPONSABILITA DIRETTORE GENERALE GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO E ANALISI BOZZA FASCICOLO OK? SI FIRMA FASCICOLO E DELIBERA DI ADOZIONE INVIO FASCICOLO E DELIBERA DI ADOZIONE NO ANNOTAZIONE RILIEVI E RICHIESTA MODIFICHE FASCICOLO DEFINITIVO F RICHIESTA MODIFICHE EFFETTUAZIONE MODIFICHE E TRASMISSIONE FASCICOLO DEFINITIVO 39

40 COLLEGIO SINDACALE SEGRETERIA GENERALE, PROTOCOLLO E COORDINAMENTO DELLE RELAZIONI CON GLI ALTRI ORGANI ISTITUZIONALI GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO F FASCICOLO BILANCIO E DELIBERA PUBBLICAZIONE IN ALBO PRETORIO INVIO FASCICOLO E DELIBERA DI ADOZIONE VERBALE FIRMATO G FASCICOLO BILANCIO E DELIBERA ANALISI FASCICOLO, REDAZIONE ED INVIO VERBALE FIRMATO 40

41 REGIONE UOC GESTIONE RISORSE ECONOMICO - FINANZIARIE SEGRETERIA GENERALE, PROTOCOLLO E COORDINAMENTO DELLE RELAZIONI CON GLI ALTRI ORGANI ISTITUZIONALI GESTIONE BILANCIO SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO G INVIO FASCICOLO DEFINITIVO CON DELIBERA E VERBALE COLLEGIO SINDACALE ARCHIVIAZIONE CARTACEA FASCICOLO DEFINITIVO CON DELIBERA E VERBALE ARCHIVIAZIONE CARTACEA FASCICOLO DEFINITIVO CON DELIBERA E VERBALE 41

42 INDIVIDUAZIONE DEI PROCESSI CORRELATI SOTTO (M.3) GESTIONE BILANCIO 1. Il Responsabile del UOC Gestione Risorse Economico - Finanziarie invia alla Direzione Generale la nota di acquisizione dei dati di scritture di rettifica e di chiusura del bilancio annuale. Tale informazione verrà trasmessa in maniera contestuale a tutti i responsabili di struttura complessa perché provvedano ad avviare tutte le attività di contabilizzazione di fine esercizio e trasmissione dati nel rispetto delle tempistiche previste. 2. Il Responsabile del UOC Gestione Risorse Economico - Finanziarie provvede ad inserire i dati ricevuti extra- contabilmente ed a completare le operazioni contabili di fine esercizio mediante l effettuazione delle scritture di assestamento (integrazioni, rettifiche ed ammortamenti) e mediante l inserimento dei dati definitivi da File F. Al termine dell attività viene controllata la correttezza del dati nel sistema e si provvede alla stampa del Bi.ve. alla data del 31 dicembre. Dall analisi del documento e dal confronto dei dati con quelli dell esercizio precedente qualora si riscontrino anomalie si provvede a richiedere chiarimenti alle Unità Operative di riferimento e ad effettuare le dovute rettifiche o riclassificazioni. 3. Ai fini della redazione del fascicolo di bilancio e della presentazione dei documenti alla Regione secondo quanto previsto dalla normativa vigente, l UOC Gestione Risorse Economico - Finanziarie riclassifica i dati in base agli schemi di S/P e C/E ministeriali. Il Responsabile UOC Gestione Risorse Economico - Finanziarie provvede alla verifica degli scostamenti tra i dati dell esercizio in chiusura con quelli del bilancio preventivo e quelli degli esercizi precedenti e conseguentemente redige la Nota Integrativa, la Relazione sulla Gestione ed il Rendiconto Finanziario. Infine, provvede alla trasmissione della bozza del fascicolo completo e dei relativi allegati alla Direzione Generale. 4. Il Direttore Generale, verificato il fascicolo di bilancio, provvede alla firma ed alla delibera di adozione entro il 30 aprile dell esercizio successivo rispetto a quello di chiusura. La trasmissione alla Regione deve avvenire per legge entro i 10 giorni successivi all adozione. Il parere del Collegio Sindacale deve essere trasmesso all azienda ed alla Regione entro la medesima data. 42

CICLO CESPITI. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno DRAFT

CICLO CESPITI. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno DRAFT Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO CESPITI Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO ATTIVITA CONTROLLO MANUALE

Dettagli

CICLO MAGAZZINO. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno

CICLO MAGAZZINO. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO MAGAZZI Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO ATTIVITA CONTROLLO MANUALE

Dettagli

CICLO PERSONALE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno

CICLO PERSONALE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO PERSONALE Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO ATTIVITA CONTROLLO

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità Processo di ing e variazioni di 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 4.

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Processo di budgeting e variazioni di budget

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Processo di budgeting e variazioni di budget Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità Processo di budgeting e variazioni di budget 1. OBIETTIVO...4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA...4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...4 4. AMBITO DI APPLICAZIONE...4

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Allegato 17 Check list quality review

Allegato 17 Check list quality review Allegato 17 Check list quality review Descrizione del lavoro di verifica svolto Si/No/Commenti I- Pianificazione I risultati dell attività di audit pianificata/preliminare sono stati riportati nella Strategia

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE A. ASPETTI GENERALI Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

DECRETO n. 269 del 24/05/2013

DECRETO n. 269 del 24/05/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI. Art.1

Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI. Art.1 Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Il presente regolamento intende disciplinare gli aspetti amministrativi, contabili e gestionali dell Azienda Speciale

Dettagli

Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1

Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1 Prospetto ricognizione provvedimenti amministrativi aziendali Allegato n.1 Denominazione U.O.S. Pianificazione programmazione e controllo Dirigente: Dott.ssa Miriam Piccini Procedimenti amministrativi:

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento:

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento: DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 163 del 07-09-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA

N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA Schede Processo Documento: AZ 0 SP G 08 Data Emissione: 31/05/2002 Revisione: 3 Data revisione: 11/9/2008 Pag. : 1 di 7 Oggetto:AZ 0 SP G 08 AZIENDALE E DEL CONSEGUENTE SISTEMA DI REPORTING Redatta da

Dettagli

CICLO ATTIVO. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno

CICLO ATTIVO. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II. Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO ATTIVO Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO ATTIVITA CONTROLLO MANUALE

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

Relazione di consuntivo dell anno 2014

Relazione di consuntivo dell anno 2014 1 / 10 Relazione di consuntivo dell anno 2014 U.O.S. Pianificazione Programmazione e Controllo REDATTO DA: (Segue l elenco delle persone che hanno contribuito a redigere il presente documento) Silvia Giovannetti

Dettagli

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2 2. Budget: definizione 2 1. Inquadramento I INDICE E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET I compete alle singole strutture operative aziendali. IV) controllo operativo, che si concretizza

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con delibera n. 255 del 1 dicembre 2014 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Denominazioni e oggetto) 1. Ai sensi del presente Regolamento si intendono per: a) Ministro,

Dettagli

PRESUPPOSTO FONDAMENTALE REGOLAMENTO DI BUDGET

PRESUPPOSTO FONDAMENTALE REGOLAMENTO DI BUDGET AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA REGOLAMENTO BUDGET A cura del Servizio Pianificazione e Controllo di Gestione PRESUPPOSTO FONDAMENTALE I processi di programmazione e controllo si possono classificare

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE

REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento di contabilità, adottato in applicazione dell art. 71 terdecies della Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Area rimanenze gestione procedura

Area rimanenze gestione procedura AREA RIMANENZE Gestione procedura Allegato 1 al D.A. n.1 del 9.01.2014 Area rimanenze gestione procedura Il presente documento ha lo scopo di descrivere la procedura di gestione del Ciclo Magazzino valutazione

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale Operatore amministrativo-segretariale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate economiche di riferimento:

Dettagli

Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto

Università della Terza Età - Luigi Imperati Statuto Università della Terza Età - "Luigi Imperati" Statuto Art. 1 Istituzione La Provincia di Foggia istituisce l Università della Terza Età "Luigi Imperati" con sede in Foggia, in Palazzo Dogana, presso l

Dettagli

LINEE GUIDA BUDGET. Premessa. 1) I Soggetti

LINEE GUIDA BUDGET. Premessa. 1) I Soggetti Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA BUDGET Premessa Per processo di Budget o Budgeting si intende un sistema di controllo direzionale basato sulla negoziazione tra i Centri di Responsabilità aziendali ed i livelli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO LINEE-GUIDA PER L AVVIO E L ACCOMPAGNAMENTO DEI PISL MONTAGNA (PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE PER LA MONTAGNA) MODALITA DI PRIMA APPLICAZIONE DELL ART. 5 DELLA L.R. n. 25/2007* (*come modificato

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Ciclo Passivo. Acquisto beni e servizi

Procedura Amministrativo-Contabile di Ciclo Passivo. Acquisto beni e servizi Procedura Amministrativo-Contabile di Ciclo Passivo 1 OBIETTIVO Il presente documento si propone di descrivere le attività amministrativocontabili inerenti il processo di acquisizione di beni e servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente CONTABILITA ATTIVITA /PROCEDIMENTI UFFICIO I - R.E. - CONTABILITA, BILANCIO E SERVIZI A TERZI Area Tipologia Modalità di adempimento Termine iniziale Termine finale Atto conclusivo Responsa bile del procedim

Dettagli

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni ROBERTA SCOLA Staff e Affari Giuridici della Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard della Figura nazionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard della Figura nazionale Operatore amministrativo-segretariale Standard della Figura nazionale 109 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 160 Del 07/07/2014 OGGETTO: MODIFICA DEL PIANO DEGLI INVESTIMENTI AZIENDALE TRIENNO 2014-2016, DEL PROGRAMMA TRIENNALE DEI LAVORI PUBBLICI 2014-2016 E DELL ELENCO

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03

Gestione contabile Scuole di Dottorato. Versione 03 Gestione contabile Scuole di Dottorato Versione 03 Attività Struttura data Elaborazione Divisione Pianificazione Agosto 2009 Approvazione ed emissione il Dirigente della Direzione Pianificazione, Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati 4.1.1.4

Dettagli

COMUNE DI SALUDECIO REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI SALUDECIO REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI SALUDECIO Provincia di Rimini ******************************** REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI ART. 3 D.L.10.10.2012 n.174 convertito nella L. 07.12.2012 n.213 Approvato con delibera

Dettagli

Data Redatto Verificato Approvato Controllato

Data Redatto Verificato Approvato Controllato U.O.C. Segreteria e Affari Generali Procedura Gestione Determinazioni adottate dal Direttore Generale in funzione di Commissario Liquidatore delle gestioni stralcio ex UU.SS.LL. 13, 14, 25 e 26 29/11/2013

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SAP CICLO PASSIVO di PRESTAZIONI e SERVIZI INDICE

ISTRUZIONE TECNICA SAP CICLO PASSIVO di PRESTAZIONI e SERVIZI INDICE ISTRUZIONE TECNICA SAP CICLO PASSIVO di PRESTAZIONI e SERVIZI IT - CP.P.1 : Contabilità Budget Autore : Direzione Economica e di Contabilità Generale Data : 04/01/2010 Rev. : 0 INDICE INTRODUZIONE 1. BUDGET

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Servizio Sanitario Regionale Basilicata Azienda Sanitaria Locale di Potenza NUMERO 2013/00669 DEL 11/11/2013 Collegio Sindacale il 11/11/2013 Controllo preventivo regionale

Dettagli

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMI DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Dicembre, 2014 Il Sistema di misurazione e valutazione della performance... 3 Il Ciclo di gestione della performance... 5 Il Sistema di misurazione e valutazione

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Direzione Finanziaria

Università degli Studi di Cagliari Direzione Finanziaria Allegato d.r. n. 634 del 13.04.2015 Università degli Studi di Cagliari Direzione Finanziaria REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ 1 Regolamento di Ateneo per l amministrazione,

Dettagli

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget Servizio Controllo di Gestione Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo Il processo di budget Il processo ho la scopo di garantire il raggiungimento dei risultati annuali previsti dalla Direzione

Dettagli

"Da oggi dirigente: l'agenda dei primi 100 giorni"

Da oggi dirigente: l'agenda dei primi 100 giorni "Da oggi dirigente: l'agenda dei primi 100 giorni" Abano T. vittorio barsotti ANP Lucca 25-26 Agosto 2008 GdP 1 La gestione amministrativo contabile Fasi della gestione finanziaria: 1 - Programmazione

Dettagli

Regolamento comunale per la disciplina dei controlli interni

Regolamento comunale per la disciplina dei controlli interni Regolamento comunale per la disciplina dei controlli interni TITOLO I PRINCIPI GENERALI art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina organizzazione, strumenti e modalità di svolgimento dei controlli

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO Il presente documento descrive le attività amministrativo-contabili inerenti la gestione dei pagamenti

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI

PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE E GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI SU BANDI COMPETITIVI Venezia, gennaio 2013 Il presente documento definisce i processi di presentazione e gestione dei progetti finanziati

Dettagli

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni ALLEGATO 1 Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni Obiettivo Scopo della Procedura è definire il processo di attivazione e gestione dei

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 27/2012 ADEMPIMENTI DI CUI AL REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE

Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE Settore Ordinamento ed Organizzazione Intersettoriale REGOLAMENTO CONTROLLO DI GESTIONE Sommario Titolo I...3 Disposizioni Generali...3 Ambito di applicazione...3 Oggetto... 3 Organismo esterno preposto

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1329 DEL 02/12/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1329 DEL 02/12/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1329 DEL 02/12/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE OPERATIVE DI SUPPORTO

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale. Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale. Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile 2 referto semestrale attività svolta- anno 2014 Prot.n. 500 del 07 gennaio 2015 Al Presidente

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT

REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA DELLE OT Deliberato dal Consiglio Federale il 30 marzo 2014 R.A.C. OT DELIBERATO DAL CF IL 30 MARZO 2014 1 INDICE CAPO I INTRODUZIONE ART. 1 PRINCIPI GENERALI..

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Con la presente vengono fornite indicazioni ai fini dell autorizzazione all esercizio di detta modalità di gioco.

Con la presente vengono fornite indicazioni ai fini dell autorizzazione all esercizio di detta modalità di gioco. Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i giochi Ufficio 11 - Bingo Roma, 17 giugno 2011 AI CONCESSIONARI DEL GIOCO A DISTANZA

Dettagli

Regolamento di contabilità CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Regolamento di contabilità CAPO I FINALITA E CONTENUTO Regolamento di contabilità Indice CAPO I FINALITA E CONTENUTO Art. 1 CAPO II BILANCIO E PROGRAMMAZIONE CAPO III GESTIONE DEL BILANCIO CAPO IV BILANCIO D ESERCIZIO CAPO V REVISIONE ECONOMICO-FINANZIARIA

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione consiliare n.5 del 16/01/2013 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

REGOLAMENTO SITO INTERNET

REGOLAMENTO SITO INTERNET INDICE 1. Introduzione pag. 2 2. Responsabilità pag. 3 2.1 Amministratore del sito internet e Responsabile dell accessibilità pag. 3 2.2 Referente per la validazione pag. 4 2.3 Referente di Unità Operativa

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale. n. 161 del registro

Deliberazione del Direttore Generale. n. 161 del registro ISTITUTO TUMORI Giovanni Paolo II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO Viale Orazio Flacco, 65 70124 Bari BARI Deliberazione del Direttore Generale n. 161 del registro OGGETTO: BILANCIO

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

Fattura Elettronica. Flusso dati

Fattura Elettronica. Flusso dati Fattura Elettronica Flusso dati Operatori economici * Intermediari SdI Intermediario della P.A. Amministrazione degli operatori economici (Sistema di Interscambio) (Applicativo SICOGE) Fase di emissione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12)

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12) 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Altri documenti preventivi Processo di formazione del preventivo Predisposizione dello schema di bilancio da parte dell esecutivo esecutivo. Processo:

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELL ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI Premessa Questo Regolamento, nell ambito dell autonomia gestionale,

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 654 del Reg. Decreti del 29/10/2014 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Approvazione

Dettagli

ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016

ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016 ADEMPIMENTI PER L ENTRATA A REGIME DELLA RIFORMA CONTABILE PREVISTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 23 GIUGNO 2011, N. 118, NELL ESERCIZIO 2016 1) Introduzione Com è noto, nel corso del 2015, gli enti territoriali,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con DR n. 982 del 30.03.2015 TITOLO I NORME GENERALI 4 CAPO I PRINCIPI E FINALITA 4 Art. 1 Principi generali 4 Art. 2 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto Decreto del Direttore generale nr. 57 del 31/03/2015 Proponente: Cesare Fagotti Pianificazione e Controllo Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito

Dettagli