Ist. " G. M. Colombini" a.s. 2014/ 15 Programma di Educazione Fisica svolto nella classe 5^SAA Insegnante: prof. Cantarelli Fernando.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ist. " G. M. Colombini" a.s. 2014/ 15 Programma di Educazione Fisica svolto nella classe 5^SAA Insegnante: prof. Cantarelli Fernando."

Transcript

1 Ist. " G. M. Colombini" a.s. 2014/ 15 Programma di Educazione Fisica svolto nella classe 5^SAA Insegnante: prof. Cantarelli Fernando. La classe, composta da alunni da me seguiti per l intero corso di studi, ha evidenziato globalmente capacità e profitto più che discreti. Generalmente positivo l'atteggiamento verso la materia seguita con interesse; partecipazione e impegno abbastanza costanti. Mediamente raggiunti gli obiettivi posti. Contenuti: Preparazione fisica generale - la resistenza generale: la corsa di durata e la frequenza cardiaca; - il potenziamento a carico naturale e con sovraccarico: metodo delle serie e ripetizioni; - l'allungamento muscolare e la mobilità articolare (esercizi vari). Teoria dell allenamento e cultura sportiva: - il Riscaldamento, la Gradualità; - il lavoro per obiettivi: Partecipazione, Miglioramento, rispetto della Regola; - distribuzione dello sforzo; - partecipazione e competizione, valori e priorità; - motricità e benessere psico fisico. Giochi di squadra - Pallavolo: i fondamentali individuali (tecnica esecutiva - esercitazioni), la tattica di squadra ( principi generali), il gioco (aspetto globale) e i campetti ; il Beach Volley. - Calcio a 5: occasioni di gioco. - Pallacanestro: occasioni di gioco - Giochi popolari (cenni). Atletica leggera - corsa campestre, - atletica su pista, esercitazioni e aspetti teorici (corse, salti e lanci): velocità (la partenza, gli ostacoli, 100 mt), resistenza (mt 1000), salto in alto: il Fosbury, (il ventrale = cenni), salto in lungo: tecnica e progressione didattica, prove, getto del peso, lancio del disco (es. preparatori e lancio da fermo); il giro frontale. Ginnastica - l equilibrio statico e dinamico; principi fisiologici (cenni) - esercitazioni al corpo libero: le capovolte e le verticali Principi teorici di anatomo fisiologia legati al movimento; articolazioni e traumi. Corso DAE - presentazione, informazione e dimostrazione. Piacenza, 30 maggio 2015.

2 Docente: Irma Calligaro LICEO STATALE G. M. COLOMBINI PIACENZA Anno scolastico 2014/2015 Classe V Liceo scientifico indirizzo scienze applicate A Scienze naturali Il programma di Scienze naturali è stato affrontato secondo le indicazioni curricolari della riforma, con la costante ricerca di una visione unitaria dei fenomeni naturali e della loro complessità, cercando di fornire strumenti per lo sviluppo di un atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi e un acquisizione di conoscenze, abilità e competenze adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, all inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro,... Le lezioni sono state svolte in modo dialogato e interattivo, utilizzando quali strumenti didattici, oltre ai testi in adozione, anche in formato multimediale, presentazioni in PowerPoint, visione di filmati, schemi e, dove previsto, attività di laboratorio. Conoscenze e competenze sono state verificate con prove sia orali sia scritte, secondo programmazione, in genere con esiti migliori negli orali più che negli scritti, dove più evidenti sono state le carenze a livello di rigore metodologico ed espositivo. La disciplina è stata inoltre inserita nella prima simulazione di terza prova. La continuità di insegnamento dalla classe prima per una parte di studenti e comunque dalla terza per tutti ha favorito lo sviluppo di un discreto percorso didattico educativo, anche se, in generale, caratterizzato da una partecipazione poco propositiva e da scarsa ricerca dell approfondimento. Anche l impegno di studio è stato spesso finalizzato al solo raggiungimento di obiettivi contingenti. Solo alcuni studenti hanno mantenuto un atteggiamento più collaborante e partecipe e la sistematicità nell impegno di studio necessari per acquisire una visione organizzata delle conoscenze e sviluppare capacità di rielaborazione e riflessione personali. Complessivamente, circa metà classe ha raggiunto un profitto da quasi discreto a buono, in un caso ottimo, per il resto della classe l apprendimento dei contenuti, pur acquisiti nelle loro linee fondamentali, risulta superficiale e poco elaborato. Biologia Il DNA e la regolazione * Cromosoma procariote e cromosoma eucariote: somiglianze e differenze * Regolazione genica nei procarioti: il modello dell operone * Regolazione genica negli eucarioti: visione d insieme * Mutazioni e loro effetti Il DNA e le biotecnologie * Trasferimento di geni nei procarioti (coniugazione, trasformazione, trasduzione) * Ricombinazione genetica negli eucarioti (crossing over, trasposoni) * Biotecnologie tradizionali e biotecnologie avanzate * Tecniche del DNA ricombinante (Ingegneria genetica) - enzimi di restrizione, vettori e ospiti, PCR, sonde nucleotidiche, genoteche * Applicazioni e limiti delle biotecnologie - nei vegetali: piante transgeniche, biodiversità, sicurezza biologica - negli animali: animali transgenici, clonazione - in farmacologia e in medicina: impronta genetica, produzione di farmaci, terapia genica * Genomica, proteomica e bioinformatica (cenni) Ecologia * Concetti di popolazione, comunità, ecosistema, bioma

3 - fattori biotici e abiotici * Dinamica delle popolazioni - tassi di natalità e mortalità - potenziale biotico, resistenza ambientale, capacità portante k dell ambiente - modelli di crescita di una popolazione (esponenziale, logistica, ciclica) - fattori di regolazione della crescita di una popolazione - strategie riproduttive (specie r-strateghe e k-strateghe) * Densità, distribuzione spaziale, piramidi delle età * Comunità (habitat e nicchia ecologica) * Interazioni intraspecifiche e interspecifiche - competizione e principio di Gause - predazione e concetto di coevoluzione - simbiosi (parassitismo, mutualismo, cooperazione, commensalismo, amensalismo) * La successione ecologica (primaria e secondaria, organismi pionieri, climax, stabilità, resistenza e resilienza) * Ecosistemi: flusso di energia, piramidi ecologiche, catene e reti alimentari, cicli biogeochimici (cicli dell acqua, del carbonio e dell ossigeno, dell azoto) * La Biosfera: visione d insieme Chimica Chimica organica * Idrocarburi e polimeri derivati: l argomento è stato anticipato in IV per consentire alla classe di partecipare, con la realizzazione del sito Food and Packaging, al progetto Lo spreco alimentare: un paradosso insostenibile in collaborazione con l Università Cattolica di Piacenza: in tale contesto è stato affrontato il tema delle materie plastiche e dei biomateriali, ripreso come ripasso all inizio della classe V * Scissione omolitica ed eterolitica del legame covalente, radicali liberi, reagenti elettrofili e nucleofili * Gruppi funzionali, nomenclatura e principali reazioni di alcoli, fenoli, aldeidi, chetoni, acidi organici, eteri, esteri, ammine Biochimica * Molecole organiche:rappresentazione, stereoisomeria, enantiomeria, chiralità, attività ottica mesocomposti, miscele raceme, diasteroisomeri * Glucidi: generalità, classificazione, nomenclatura, strutture lineare e ciclica, legame glicosidico, reazioni caratteristiche * Lipidi: generalità, classificazione e nomenclatura (gliceridi neutri, fosfolipidi, glicolipidi, lipidi non saponificabili), reazioni caratteristiche * Protidi: generalità, caratteristiche generali degli amminoacidi, concetti di anfoione e punto isoelettrico, legame peptidico, proteine coniugate, lipoproteine, glicoproteine, emoglobina * Enzimi: caratteristiche generali, nomenclatura, funzioni (sito attivo e modelli interpretativi) - fattori che influenzano le reazioni catalizzate da enzimi, costante di Michaelis-Menten - regolazione dell attività enzimatica * Molecole energetiche: caratteristiche generali e funzione di ATP, NAD +, FAD * Metabolismo cellulare: ossidazione del glucosio - descrizione (su schema) dei passaggi chimici di: glicolisi, fermentazione lattica e alcolica, formazione di acetilcoa e ciclo di Krebs, catena respiratoria e fosforilazione ossidativa - bilancio energetico Scienze della Terra Meteorologia: ambiti di studio, tecniche e strumenti * Le perturbazioni atmosferiche (zone cicloniche e anticicloniche, fronti e fenomeni correlati) * Le carte sinottiche e le previsioni del tempo * I cambiamenti climatici (cenni ai cambiamenti climatici del passato, la situazione attuale, le prospettive future)

4 La tettonica globale * L interno della Terra * La tettonica delle placche : fondi oceanici e margini continentali, faglie, fosse, dorsali, archi magmatici, orogenesi * Cenni di storia geologica d Italia, con riferimenti al territorio locale (siti d interesse geologico, il Piacenziano) Laboratorio: saggi di riconoscimento di biomolecole, reazione di saponificazione, estrazione del DNA Libri di testo: Campbell, Reece, Taylor, Simon, Dickey Biologia - biologia molecolare ed evoluzione Linx Pearson - vol. I Stefani Taddei Percorsi di Biochimica - Zanichelli - vol. unico Fantini, Monesi, Piazzini La Terra - Età 4,5 miliardi di anni Bovolenta - vol. unico Piacenza, 29/05/2015 Gli studenti Elia Ciciriello Monica Gardella L insegnante Irma Calligaro

5 Liceo Giulia Molino Colombini Via Beverora, Piacenzatel 0523/ fax Classe 5LSA Programma finale Disegno/Storia dell Arte Storia dell Arte: Il 1700, il Rococò e l Illuminismo. Alessandro Magnasco (Garden Party in Albaro); Architettura: Filippo Juvarra a Torino (Palazzo Madama) e il Casino di Caccia di Stupinigi. Vanvitelli a Caserta. Architettura e natura; dalla scenografia alla urbanistica: Trinità dei Monti e la Fontana di Trevi. L arte e Immanuel Kant. La nascita della archeologia moderna (dagli scavi di Ercolano e Pompei in poi); Il Vedutismo e la camera ottica; il Sublime e le opere di Capar David Freidrich; Il Neoclassico; il bello per Winkelman, le campagne di scavi in Grecia; Foscolo e Canova ( il tema della morte nel monumento privato e pubblico, Amore e Psiche); l eroe Napoleone nelle opere di Canova, nelle pitture di J. David e di Appiani; l architettura neo classica e la riproposizione dell arco di Trionfo; la pittura di J. David; Il Romanticismo in Europa e il Romanticismo Storico in Italia. Gerricault ( Zattera della Medusa e i ritratti), Delacroix ( la Libertà Guida il popolo), Hayez ( il Bacio e i Vespri siciliani); Realismo in Francia (Courbet Gustave - Gli spaccapietre; Honorè Daumier: Vagone di terza classe - ) e Verismo in Italia e il Risorgimento. Millet (L Angelus e il Seminatore, quest ultimo confronto con il Seminatore di Van Gogh); I Macchaioli. Confronto tra le opere di C.D. Freidrich ( il monaco in riva al mare e l uomo su un mare di nebbia) e di Fattori (Tramonto sul mare); Il positivismo e la città borghese, i nuovi materiali; le Esposizioni; Eduard Manet; l Impressionismo e il Neo-Impressionismo; Divisionismo in Italia; Arte e pubblicità; la città nella pittura degli impressionisti; Toulouse Lautrec e la nascita dei manifesti; Degas; Il Liberty o Art Nouveau, arte e stile di vita e di costume europeo; Cezanne, Van Gogh e Gauguin; Eduard Munch e il malessere dell uomo; Le Avanguardie Storiche, l arte dal 1905 al 1929: i movimenti e le varie declinazioni ( Fauves con Matisse, Espressionismo con Ernst Ludwig Kirchner, Cubismo, Futurismo con Boccioni, Dadaismo, Astrattismo); il Costruttivismo con Tatlin e la Terza Internazionale; Architettura espressionista (Erich MENDELSOHN, Einsteinturm, Potsdam); Architettura cubista; L arte tedesca tra le due guerre: Otto Dix e George Grosz. Il Realismo magico con Mario Sironi. L arte di regime; manifesti e comunicazione di Massa; Il Neoplasticismo in architettura; lineamenti dell Architettura razionalista, funzionalista, organica e psicologia ( Le Corbusier, la Bauhaus con Gropius e Mies van Der Rohe, F.L. Wright e Alvar Aalto; Terragni e la Casa del fascio a Como; i Quartieri di Berlino e la Bauhaus; Arte e società: il ruolo dell artista. Arte di regime nel corso dei secoli. Archeologia industriale e riuso. 1

6 Liceo Giulia Molino Colombini Via Beverora, Piacenzatel 0523/ fax Disegno: Prospettiva centrale ed accidentale; metodi: Il metodo dei raggi visuali Il metodo del prolungamento dei lati Il metodo dei punti di distanza Il metodo dei punti misuratori. Prospettiva con il quadro obliquo; Disegno 3D: SketchUp Piacenza, 31/05/14 Docente Prof. Lucia Carella Studenti 2

7 Liceo delle Scienze Applicate Anno scolastico Classe 5^ A Programma di STORIA Il programma di storia è stato inquadrato nella periodizzazione del cosiddetto "secolo lungo" e scandito in tre sequenze cronologiche fondamentali entro le quali sono state proposte alcune unità tematiche utili a fornire essenziali chiavi di lettura degli scenari contemporanei. La verifica è stata condotta con prove sia orali che scritte, strutturate in base alle competenze fondamentali di conoscenza, selezione e contestualizzazione dei fatti, trattazione sintetica di argomenti, ricostruzione di quadri storici e modelli interpretativi. La classe ha risposto agli stimoli didattici impegnandosi in una corretta restituzione dei contenuti; in essa si sono distinti i contributi di studenti molto interessati alla disciplina che hanno approfondito personalmente contribuendo ad animare il dialogo. Nel profilo finale del gruppo, spiccano allievi dotati di buone capacità logiche e comunicative, che concludono il loro percorso di studio con profitto molto buono o ottimo; ad essi si aggiungono coloro il cui profitto, tra il sufficiente e il discreto, risente di un impegno inferiore alle capacità o di una concettualizzazione e articolazione del ragionamento non sempre precisa anche se pertinente. Rimangono alcuni allievi che raggiungono a stento la sufficienza a causa di un'organizzazione del discorso piuttosto debole dal punto di vista logico e concettuale Dall imperialismo alla Grande guerra - Il capitalismo tra crisi e trasformazione: seconda rivoluzione industriale e razionalizzazione produttiva. Unità tematica Dall imperialismo alla decolonizzazione L'imperialismo di fine Ottocento e la politica internazionale: equilibri e contraddizioni dell'ordine europeo; moventi e forme dell'imperialismo; la geografia politica europea ed extraeuropea dopo il congresso di Berlino (1878) e la conferenza di Berlino ( ) Il colonialismo tra le due guerre: la disgregazione dell Impero ottomano il nazionalismo arabo il sionismo la Cina: nazionalisti e comunisti i - il conflitto col Giappone Il 2 dopoguerra Il crollo degli imperi coloniali: scansione cronologica e fattori causali - Verso la società di massa: la trasformazione del sistema politico e dei partiti tradizionali; la Seconda Internazionale; i movimenti cattolici; il nazionalismo. - L'Italia dalla crisi della Destra all'età giolittiana: il trasformismo di Depretis; l'età crispina e il colonialismo; la crisi di fine secolo; l'età giolittiana tra riforme e sviluppo economico; cattolici e socialisti nella vita politica italiana. - Il XX secolo e la Grande Guerra: la fine dell'equilibrio - i caratteri del conflitto - l'italia dalla neutralità all'intervento - le vicende militari - la pace di Parigi - le chiavi di lettura: la guerra come sintesi, compimento, rottura, compendio; guerra e modernità: guerra totale e guerra tecnologica - la morte di massa il mito della Grande Guerra Tra le due guerre: rivoluzioni e regimi totalitari Unità tematica Affermazione e crisi del comunismo La rivoluzione russa: la crisi del regime zarista e le rivoluzioni di febbraio e ottobre; la costruzione dello Stato sovietico e il ruolo del Partito Comunista; il modello economico. 1

8 Lo stalinismo: il socialismo in un solo paese; il totalitarismo sovietico; la liquidazione dei kulaki; la collettivizzazione e i piani quinquennali; le "purghe" degli anni '30;il GuLag e la peculiarità dell'universo concentrazionario sovietico la crisi dei sistemi comunisti la caduta del muro di Berlino; la politica di Gorbaciov e la disgregazione dell URSS Unità tematica Affermazione e crisi del fascismo italiano la crisi dello Stato liberale; dal governo legalitario al regime; l'ideologia; i caratteri dello Stato fascista; la politica economica e la politica estera; le leggi razziali; l antifascismo- le interpretazioni storiografiche - La crisi del 1929: l'america di Roosvelt e il New Deal il keynesismo Unità tematica Il nazismo e la Shoah - La Germania nel primo dopoguerra:la Repubblica di Weimar e le sue contraddizioni; la crisi economica e l'affermazione di Hitler; la costruzione dello Stato totalitario; l'ideologia nazionalsocialista : l'antisemitismo, la mobilitazione delle masse e l'identificazione con il capo; la Shoah: dalle leggi razziali allo sterminio; i paradigmi interpretativi la comparazione tra lager e gulag - La seconda guerra mondiale: il quadro storico: l Europa nella seconda metà degli anni Trenta ( i fronti popolari - la guerra di Spagna la conferenza di Monaco - il patto Ribbentrop - Molotov); moventi e fasi del conflitto; le conferenze di pace e la divisione del mondo secondo sfere di influenza; l Italia in guerra; la questione delle foibe - La Resistenza italiana: la caduta del Fascismo e l'armistizio dell'8 settembre '43; il CLN e il ruolo dei partiti antifascisti; la svolta di Salerno; la guerra partigiana; il 25 aprile e la liberazione; problematiche storiografiche; Il secondo dopoguerra - La "guerra fredda", il Patto Atlantico e il Patto di Varsavia - L'Italia repubblicana: Costituente e Costituzione; dai governi di centro all'esperienza del centro-sinistra; il terrorismo Piacenza, 30 maggio 2015 Per gli studenti La docente 2

9 CLASSE V SAA PROGRAMMA DI MATEMATICA - A.S Prof. Andrea Zavaglia MATEMATICA E stato portato a termine lo studio degli elementi dell analisi matematica e del calcolo delle probabilità. Sono stati poi introdotti alcuni concetti di base di geometria analitica nello spazio. Per quanto riguarda la prima parte del programma, si è cercato di evidenziare la profondità e la potenza dei concetti e dei metodi dell analisi matematica, sia dal punto di vista puramente speculativo che applicativo. Nella seconda si è cercato di introdurre gli allievi all approccio probabilistico ad alcuni problemi tipici. L introduzione del concetto di variabile aleatoria continua e di quello, collegato, di funzione di densità di probabilità ha permesso fra l altro di utilizzare importanti strumenti dell analisi come il calcolo integrale. La parte di geometria analitica nello spazio è stata svolta in inglese. I contenuti sono stati riportati in un libretto allegato scritto in LaTeX. Si è cercato di abituare gli studenti alla precisione nella definizione dei concetti e al rigore dimostrativo, senza peraltro rinunciare all importanza del capire intuitivo, e di dar loro una idea della portata culturale degli argomenti appresi. I temi in programma sono stati trattati per la gran parte in modo approfondito. Su tutti gli argomenti sono stati svolti numerosi esercizi di consolidamento. A complemento, si è fatto cenno a qualche tema di particolare rilevanza epistemologica. Il livello di apprendimento varia anche notevolmente a seconda dell interesse, impegno e attitudine dei singoli allievi. Alcuni hanno una preparazione ancora fragile mentre altri hanno studiato con discreto impegno e interesse, conseguendo un buon profitto. In particolare, un allievo ha evidenziato un notevole interesse e acquisito una preparazione particolarmente ampia e approfondita. Sono state chieste le dimostrazioni dei risultati contrassegnati con l asterisco. ELEMENTI DI CALCOLO DIFFERENZIALE Motivazioni per il calcolo differenziale nel XVII secolo. Derivata di una funzione: definizione, significato geometrico e interpretazione fisica (esempi). Equazione della tangente a una curva di equazione y = f ( x) in un suo punto. Derivata destra e sinistra. Continuità delle funzioni derivabili (*). Prima espressione dell incremento finito per le funzioni derivabili (*). Differenziale di una funzione in un punto e suo significato geometrico. Derivate delle funzioni elementari (*). Derivate di somme (*), prodotti (*), quozienti (*), composte e inverse di funzioni derivabili. Caso in cui esiste il limite della derivata. Punti di massimo e minimo relativo. Teorema di Fermat (*). Teoremi di Rolle (*) e di Lagrange (*). Funzioni crescenti e decrescenti in un intervallo; test di monotonia (*). Problemi di massimo e minimo. Derivate successive. Significato fisico della derivata seconda (esempi). Concavità: concetto globale e puntuale; relazione con il segno della derivata seconda. Punti di flesso. Estremi relativi e derivate successive. Teorema di De L Hopital. Studi di funzione. Confronti grafici e cenno a qualche metodo numerico di risoluzione delle equazioni/disequazioni. ELEMENTI DI CALCOLO INTEGRALE Integrale di una funzione continua (a pezzi) in un intervallo [, ] a b. Significato fisico dell integrale definito (esempi). Proprietà fondamentali dell integrale definito: l integrale è lineare, monotono e si può calcolare a pezzi. Funzione integrale e teorema fondamentale del calcolo. Primitiva di una funzione in un intervallo I. Primitive di funzioni elementari. Integrazioni (quasi) immediate. Integrazione per scomposizione. Integrazione per sostituzione (prima e seconda forma). Integrazione per parti (*). Integrazione per cambio di variabile (*). Integrazione delle funzioni razionali nel caso in cui il denominatore ha grado 2. Teorema del valore medio (*). Volumi dei solidi di rotazione. Integrali di funzioni continue (a pezzi) su intervalli illimitati. Cenno a qualche metodo numerico di calcolo di un integrale.

10 CLASSE V SAA PROGRAMMA DI MATEMATICA - A.S Prof. Andrea Zavaglia COMPLEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA Variabili aleatorie continue: distribuzioni di probabilità, valore medio, varianza e scarto quadratico medio. Funzioni di densità di probabilità e funzioni di ripartizione di una variabile aleatoria continua. Decadimento radioattivo e distribuzione esponenziale (*). La distribuzione normale e normale standard. Approssimazione della distribuzione binomiale con la normale. Cenno alla distribuzione di Poisson. ESEMPI DI EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esempi di equazioni differenziali lineari del primo e del secondo ordine (oscillazioni elettriche e meccaniche, equazione del circuito LR con fem costante). Esempio di equazione differenziale a variabili separabili (decadimento radioattivo). ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA NELLO SPAZIO Rappresentazione di rette, piani e sfere nello spazio cartesiano e risoluzione di semplici problemi relativi. ELEMENTI DI CRITICA DEI PRINCIPI (CENNI) I mutamenti avvenuti nella matematica nel corso del XIX secolo. L aritmetizzazione dell analisi, la teoria degli insiemi transfiniti di Cantor e il riduzionismo insiemistico. Le geometrie non euclidee, i quaternioni di Hamilton e la rivoluzione assiomatica. Rigore e metodo ipotetico-deduttivo. Alcuni paradossi classici. La logica formale e la metamatematica. Linguaggio e metalinguaggio. Verità e dimostrazione. Il programma di Hilbert e il teorema di Gödel. Il neopositivismo e il circolo di Vienna. Testo: Bergamini-Trifone-Barozzi, Manuale blu di Matematica, Conf 5, Zanichelli L insegnante I rappresentanti di classe

11 Ester Capucciati Religione Classe V ESE, 5ESF, 5ASA a.s. 2014/15 Programma svolto La coscienza religiosa dell uomo moderno Premessa: dove c è ignoranza non c è libertà. Realismo: quello chè è precede quello che pensi. Dal soggettivismo al relativismo etico. Cristianesimo, deismo, ateismo. Cristianesimo: dall esperienza alla dottrina. Cristocentrismo e antropocentrismo. L uccisione di Dio e il riemergere della superstizione. Coscienza, autocoscienza e consapevolezza di sé. Razionalismo e ragione, scienza e scientismo, fede e fideismo. Il ruolo della libertà nella dinamica del conoscere. Origine del laicismo: Dio, se c è, non c entra con la vita. Individualismo, solitudine ed omologazione sociale. Excursus: 3 accezioni della parola destino. Protestantizzazione del cristianesimo. Dio, o c è o non c è. La ragione indaga, non decide. La pretesa del Cristianesimo: Dio prende l iniziativa attraverso Cristo. L uomo conosce, giudica, decide. L io al centro. La coscienza religiosa dell uomo mederno: coscienza o incoscienza?

12 LICEO G. M. COLOMBINI PIACENZA anno scolastico 2014/15 PROGRAMMA DI ITALIANO della CLASSE V SA A INSEGNANTE: SIMONETTA CARINI CONTENUTI 1. IL ROMANTICISMO (con recupero del Preromanticismo, della figura di Ugo Foscolo e del carme Dei Sepolcri ) - Il contesto europeo Mittner La sehnsucht Chateaubriand dal René passo antologizzato Holderlin Diotima Novalis - Componenti del dibattito in Italia M.me de Stael Inni alla notte (I) Sulla maniera e l utilità delle traduzioni G. Berchet Lettera semiseria di Grisostomo 2. GIACOMO LEOPARDI: la linea soggettivistica e lirica del Romanticismo italiano dallo Zibaldone dalle Operette morali dai Canti La poetica del vago e dell indefinito Il giardino e la "souffrance" degli esistenti (file) Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere Dialogo di Tristano e di un amico La sera del dì di festa L infinito A Silvia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Le ricordanze (seconda strofa) Canto notturno di un pastore errante dell Asia A se stesso La ginestra (vv ; ) 3. EVOLUZIONE DEL ROMANZO NELL OTTOCENTO - Il romanzo storico I Promessi Sposi di A. Manzoni; passi scelti in relazione alla concezione antieroica, al paesaggio, al viaggio di formazione di Renzo, a giustizia e Provvidenza, al finale senza idillio - Il romanzo verista (caratteri generali del contesto storico-culturale: Positivismo; Naturalismo francese e Verismo italiano; Scapigliatura; impersonalità dell opera d arte; poetica e opera verghiana)

13 Fratelli Goncourt Prefazione a Germinie Lacerteux E. Zola da L Ammazzatoio da Il romanzo sperimentale I.U.Tarchetti da Fosca G. Verga Fantasticheria (parte finale) Dedicatoria a Salvatore Farina Vita dei campi Rosso Malpelo La lupa Novelle rusticane La roba Libertà I Malavoglia Prefazione passi antologizzati Mastro don Gesualdo passi antologizzati 4. DECADENTISMO E SIMBOLISMO (cenni alla polemica Vittorini-Togliatti) - La figura del poeta e la nuova poetica A. Rimbaud Lettera del veggente (file) Vocali G. Pascoli Il fanciullino P. Verlaine Languore Arte poetica C. Baudelaire Corrispondenze L albatro Spleen - L eroe decadente J. K. Huysmans Controcorrente G. D Annunzio Il piacere 5. IL ROMANZO DEL 900: MEMORIA, IDENTITA, COSCIENZA - * L. Pirandello Il fu Mattia Pascal (poetica dell'umorismo; assurdità del vivere e frantumazione dell'identità; relativismo gnoseologico; forma-vita) - I. Svevo La coscienza di Zeno (il contesto mitteleuropeo; la novità delle categorie narratologiche; inettitudine e malattia) * di Pirandello sono state anche lette le novelle: Il treno ha fischiato e Ciàula scopre la luna; è stata inoltre presentata la produzione teatrale in generale e i due atti unici: - La patente - L uomo dal fiore in bocca 6. LA LIRICA MODERNA (con cenni alle avanguardie, in particolare con lettura del Manifesto del Futurismo e del Manifesto tecnico della letteratura futurista) G. Pascoli Myricae Arano Lavandare (file) X agosto Novembre Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno

14 G. D Annunzio Alcyone La pioggia nel pineto Nella belletta La sabbia del tempo Qui giacciono i miei cani (ultima poesia composta) G. Ungaretti da L allegria Il porto sepolto I fiumi Veglia Soldati San Martino del Carso Mattina Commiato E. Montale Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato Meriggiare pallido e assorto Forse un mattino andando U. Saba Città vecchia Amai La capra 7. Presentazione dei seguenti romanzi Pirandello, Uno nessuno centomila Calvino, Il sentiero dei nidi di ragno Vittorini, Uomini e no Fenoglio, Una questione privata Pavese, La casa in collina Levi, Se questo è un uomo Pavese, Paesi tuoi PIACENZA, 30 maggio 2015 l insegnante gli alunni

15 Alunno Poggi Luca DSA ITALIANO. Nel corso degli ultimi due anni, l alunno ha mostrato un graduale miglioramento nell approccio alla letteratura, disciplina inizialmente per lui piuttosto ostica. Dotato di capacità di analisi e sintesi pienamente sufficienti, riesce ora ad orientarsi con maggior sicurezza all interno del panorama letterario, essendo in possesso delle conoscenze di base necessarie. Per ciò che concerne poi le specifiche competenze linguistiche e la produzione scritta, le carenze riguardano essenzialmente l ortografia e la morfosintassi, che risultano ovviamente inficiate dal disturbo di cui lo studente è portatore. A livello di contenuti e riflessione, invece, lo studente è in grado di esporre e argomentare le proprie posizioni in modo generalmente personale. STORIA. Il discorso risulta simile per la disciplina storica; l alunno conosce le fondamentali linee di svolgimento, che sa ripercorrere attraverso gli eventi e i nessi di causa-effetto salienti. L uso del linguaggio evidenzia ancora in parte la difficoltà nel rispetto di registro e lessico adeguati, che risentono talora della tendenza alla genericità. Nel complesso, in entrambe le materie, l alunno ha ottenuto un profitto sufficiente.

16

17 PRESENTAZIONE CLASSE QUINTA SEZIONE A ANNO SCOLASTICO LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE MATERIA : INGLESE DOCENTE: CACCIATORE MARTA La classe è costituita da ventiquattro alunni, diciotto maschi e sei femmine, tutti provenienti dalla classe quarta del precedente anno scolastico e seguiti dalla docente di inglese dalla classe prima. La classe ha rivelato comportamenti e atteggiamenti nei confronti delle attività didattiche proposte, soprattutto nel corso degli anni del triennio, corretti: la maggior parte degli alunni ha dimostrato un discreto interesse per la disciplina e si impegnata abbastanza costantemente nello studio. Dal punto di vista della partecipazione la classe ha però necessitato di stimoli e a volte di richiami, rivelando una certa passività nell accettazione, nel coinvolgimento e nello svolgimento delle attività proposte. Gli studenti hanno evidenziato caratteristiche positive in situazioni scolastiche e non: hanno partecipato in modo diligente alle attività integrative programmate (stage a Malta, lezioni con insegnante madrelingua su argomenti di indirizzo, conferenze in lingua inglese di approfondimento letterario), conseguendo giudizi positivi per la totalità degli studenti, mentre in situazione scolastica ordinaria (attività in classe, studio domestico), pur riconoscendo un comportamento corretto e disciplinato ed una partecipazione complessivamente costante anche se non particolarmente attiva, gli esiti non sono stati così globalmente soddisfacenti. Dal punto di vista delle conoscenze e delle competenze acquisite, la classe, nel complesso, risulta dunque piuttosto eterogenea. Cinque o sei elementi hanno migliorato costantemente il proprio metodo di studio con buoni/ottimi risultati sia nelle attività ordinarie sia in alcune attività della scuola tese alla valorizzazione delle eccellenze (First Certificate, Advanced e Proficiency), dimostrando impegno e serietà nel lavoro individuale, capacità di rielaborazione critica autonoma ed un atteggiamento responsabile che si è rivelato costruttivo per tutta la classe. Altri alunni hanno lavorato regolarmente e con impegno, raggiungendo esiti sufficienti o più che sufficienti, superando così eventuali difficoltà. Un gruppo residuo di alunni (circa un quarto) ha presentato una certa lentezza nell'apprendimento, anche per un livello non ancora adeguato di sistematicità nel lavoro individuale, e in alcuni casi ha avuto un atteggiamento di tipo dilatorio nell'impegno: la loro preparazione risulta perciò complessivamente circoscritta alla materia scolastica, senza la ricerca di un approfondimento personale ( in alcuni casi presenta difficoltà nella produzione scritta, anche a causa di lacune pregresse, e in altri anche incertezze nell uso appropriato della lingua nell esposizione orale degli argomenti letterari e scientifici che sono stati trattati durante l anno). Il clima relazionale all interno della classe si è rivelato positivo, consentendo uno sviluppo dei programmi complessivamente adeguato. La relazione alunni-docente è stata corretta e in generale positiva, particolarmente collaborativa da parte degli elementi più responsabili. I contenuti presenti nella programmazione iniziale sono stati affrontati completamente. Per quanto riguarda la scelta degli argomenti di letteratura si è proceduto per moduli, prediligendo gli autori la cui produzione avesse maggiori attinenze e punti di contatto con l indirizzo scientifico. La metodologia di lavoro è stata diversificata ( lezioni frontali, lavoro a coppie, di gruppo, discussioni e conversazioni, moduli CLIL ), privilegiando le attività di carattere comunicativo, in cui le abilità linguistiche di base sono state usate in

18 una varietà di situazioni adeguate alla realtà degli studenti e in un contesto nel quale si è cercato di rendere la loro partecipazione attiva. Lo studio della letteratura è stato proposto attraverso la lettura e l analisi di alcuni testi significativi, la conoscenza del background storico e sociale e la riflessione sugli autori e la loro produzione. Si è spesso affrontata la lettura e l analisi di brani di argomento tecnico e scientifico a carattere divulgativo, collegati ad altre discipline e tratti da riviste e da testi specialistici ( TIMES, THE GUARDIAN, BBC FOCUS ). Si è così cercato di arricchire la conoscenza del linguaggio tecnico-scientifico in preparazione dell Esame di Stato. Si è inoltre realizzato un modulo CLIL di sei ore che ha visto la presenza di una insegnante specializzata di lingua inglese e che ha trattato diversi argomenti (le biotecnologie, l utilizzo delle cellule staminali nel trattamento di alcune malattie e il dibattito etico, la meteorologia e le problematiche ambientali). Per le verifiche scritte è stata sempre utilizzata la modalità scelta per la terza prova dell esame. La disciplina di inglese è stata inserita in entrambe le simulazioni di terza prova, la correzione e la valutazione sono state realizzate ed assegnate seguendo la griglia di valutazione specifica di materia. Copia dei testi delle prove e della griglia di correzione e valutazione sono state allegate al documento finale. Il testo di letteratura in adozione è stato utilizzato solo in parte e in alcuni casi si è resa necessaria l integrazione con altri testi di letteratura e scientifici, con riviste specializzate e quotidiani (questi materiali sono in possesso degli studenti perché forniti in fotocopia dalla docente ).

19 PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 MATERIA : INGLESE INSEGNANTE : CACCIATORE MARTA CLASSE : 5^ sez. A Liceo Scientifico, indirizzo Scienze Applicate TESTO: C.Medaglia, B.A.Young With Rhymes and Reason - Volumi 1 e 2- Loescher THE ROMANTIC AGE - Historical, cultural and literary background THE ROMANTIC POETRY - William Blake : Songs of Innocence and Songs of Experiences ( The Lamb, The Tyger, The Chimney sweeper / testo e fotocopie) - S.T.Coleridge: The rime of the ancient mariner ( The Killing of the Albatross ) - William Wordsworth : Lyrical Ballads ( The colouring of Imagination, I wandered lonely as a cloud ) THE VICTORIAN AGE - Historical background: the colonial Empire, Queen Victoria - Technological innovations: technological and scientific development - The Victorian compromise: optimism and pessimism THE VICTORIAN NOVEL - The picture of Dorian Gray (lettura e analisi del romanzo) Oscar Wilde and the Aestheticism - Charles Dickens : Hard Times e Oliver Twist (temi e personaggi) COLONIALISM - E. M. Forster ( A passage to India : temi e personaggi) - R. Kipling ( The white man s burden ) - J. Conrad ( Heart of Darkness : temi e personaggi ) THE MITH OF ULYSSES - From Homer to Dante, from Tennyson to Joyce (lavoro svolto in parte sul libro di testo, in parte utilizzando fotocopie tratte da letterature e riviste letterarie) - A.Tennyson: lettura ed analisi di Ulysses

20 - J. Joyce : ( Ulysses : themes and characters / Molly s monologue) THE AGE OF MODERNISM - A time of wars: war poets ( fotocopie) - The modern literature: anxiety and rebellion (the interior monologue) THE DEVELOPMENT OF FICTION -From H. James to J.Joyce : l utilizzo dell interior monologue e stream of consciousness ( Epiphany - Dubliners : Eveline ) THE AGE OF POST-MODERNISM AFTER THE WORLD WARS : UTOPIAS AND DYSTOPIAS - G. Orwell 1984 ( lettura e analisi del romanzo) - R. Bradbury Fahrenheit451 ( lettura e analisi del romanzo) - A. Huxley : Brave new world ( lettura e analisi del romanzo) Per questi autori e romanzi sono state fornite schede critiche in fotocopia. La classe ha svolto un modulo di inglese scientifico di sei ore nel mese di novembre 2014, in compresenza con una insegnante madrelingua, approfondendo i seguenti argomenti: le biotecnologie e la meteorologia. Per questa attività è stato utilizzato materiale fotocopiato da un testo di inglese scientifico edito da Zanichelli, da riviste specializzate e scaricato da Internet (tutti gli studenti ne sono in possesso). Nel mese di marzo 2015 la classe ha assistito alla conferenza 1984, realizzata da esperto madrelingua nell aula Magna dell Isituto. Data La docente Gli studenti

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2015/2016 Classe: II Sez. R INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica Docente : Prof. Roberto Manovella Pag 2 di 7 ANALISI DELLA SITUAZIONE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Sezione associata Liceo scientifico Alberti a. s. 2015-2016 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE V A Sezione / indirizzo Scientifico Scienze Applicate Linguistico docente materia ore settimanali di lezione Gota

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

CLASSE 5 A L.S.A. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA ANNO SCOL: 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI FISICA. Docente: Prof.

CLASSE 5 A L.S.A. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA ANNO SCOL: 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI FISICA. Docente: Prof. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA ANNO SCOL: 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI FISICA CLASSE 5 A L.S.A. Docente: Prof. LINGUA ALDO Libro di testo: CORSO di FISICA: voll. 3 James S. Walker

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014/15 Profssa TERESA VOLGARINO

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI

LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI CLASSE 2^ Sez. F. ORIENTAMENTO: LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATERIA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. RENATO BARIOLI Condizioni iniziali

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

FISICA E LABORATORIO

FISICA E LABORATORIO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2014-2015 Classe V P indirizzo OTTICO Docente Giuseppe CORSINO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2013-2014 Classe V P indirizzo OTTICO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Scienze Naturali CLASSE Quinta SEZIONE C INDIRIZZO Liceo delle Scienze Applicate DOCENTE Virtuoso Assunta ORE DI LEZIONE Cinque OBIETTIVI **************** Spiegare

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev5 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2013/014 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA Composizione della classe Alunni ripetenti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Franca Decolle Materia matematica e fisica N.ro ore settimanali 3+3 N.ro ore complessivamente svolte Classe 3C 1. Presentazione sintetica della classe; L attività didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

Biologia L alimentazione

Biologia L alimentazione Istituto Scolastico Comprensivo Statale Curricolo di istituto a.s 2015/2016 Classe SECONDA Scuola secondaria di primo grado Competenze chiave Competenza di base di scienza e tecnologia

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

STORICO-SOCIALE BRUNETTIN GIORDANO CLASSE E SEZIONE IV B INDIRIZZO ENOGASTRONOMICO

STORICO-SOCIALE BRUNETTIN GIORDANO CLASSE E SEZIONE IV B INDIRIZZO ENOGASTRONOMICO Istituto d Istruzione Superiore Federico Flora Istituto Tecnico per il Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Socio Sanitari Via G. Ferraris Tel.

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO CLASSE IC Classico ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO Gli allievi, in generale, si dedicano allo studio della matematica e della fisica con diligenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli