BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DELLE MALATTIE INFETTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DELLE MALATTIE INFETTIVE"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Direttore dr. Domenico Sallese UU.OO. Sanità Pubblica e IAN BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DELLE MALATTIE INFETTIVE edizione ANNO All'interno SPECIALE TETANO elaborazione dati e relazione a cura di Rita Bindi e Fabrizia Verdelli

2 Le notifiche delle malattie infettive nell'azienda Usl8 AR anno Si presentano i dati relativi all andamento delle malattie infettive, sulla base delle notifiche trasmesse dai medici di base, pediatri di famiglia, specialisti e medici ospedalieri. Nel corso del sono pervenute in totale, al Servizio di Sanità Pubblica della AUsl8 Arezzo, n 88 notifiche di Malattia Infettiva, classificate secondo il DM //99, come indicato in tabella. Notifiche ASL AREZZO anno Malattie di classe Malattie di classe 8 Malattie di classe 8 Malattie di classe 8 Malattie di classe 7 TOTALE 88 Tabella Malattie infettive di classe I Le notifiche relative a malattie infettive incluse nella classe I (per cui è previsto un livello di attenzione particolarmente elevato) perventute nel corso del, hanno riguardato esclusivamente casi di Tetano, a cui dedichiamo uno speciale approfondimento. Le notifiche ricevute hanno riguardato soggetti di sesso femminile di età rispettivamente di anni, anni e 7 anni. Il primo dato su cui porre attenzione è che nessuna di queste pazienti era mai stata vaccinata contro il Tetano, come emerso dall'anamnesi e confermato dalle verifiche effettuate sul nostro data base delle vaccinazioni. Le notifiche sono pervenute dalla UO Anestesia e Rianimazione dell'ospedale di Arezzo in quanto tutti e i soggetti sono stati ricoverati in Terapia Intensiva a causa della gravità dei sintomi. Il primo caso, si è verificato nel mese di settembre, donna di anni residente nella Zona Valdichiana, si è procurata una ferita lieve ad una gamba nel cortile di casa, dopo circa una settimana sono cominciati i sintomi classici di malattia, con progressivo peggioramento, che ha portato al ricovero in Terapia Intensiva dell'ospedale di Arezzo dove è stata sottoposta a terapia, curarizzata e tracheostomizzata. E' stato necessario, successivamente, il trasferimento in RRF Neuroriabilitazione per un periodo totale di ospedalizzazione di circa mesi, dimessa con un programma di riabilitazione domiciliare per il recupero della deambulazione.

3 Il secondo caso si è verificato in una donna di anni abitante nella Zona Aretina, i sintomi sono insorti nel mese di ottobre con rigidità del tronco e degli arti che hanno causato ripetute cadute a terra provocando anche traumi cranici. Tale sintomatologia aveva inizialmente indirizzato gli accertamenti diagnostici verso altre patologie. Al momento del ricovero in Terapia Intensiva, curarizzata e tracheostomizzata, veniva ipotizzato il sospetto che la via di penetrazione dell'infezione fosse imputabile ad una ferita da pregresso intervento chirurgico che la paziente aveva subito ad un piede per alluce valgo. Il terzo caso una donna di 7 anni abitante nella Zona Aretina si è procurata una piccola ferita ad una mano con un frammento di legno. I sintomi tipici del Tetano sono insorti in novembre, ricoverata in Terapia Intensiva, successivamente in UO Malattie Infettive e infine in RRF Neuroriabilitazione, dimessa con un programma di riabilitazione domiciliare per il recupero della deambulazione. Dato di rilievo è che l'infezione è avvenuta a seguito di ferite di lieve entità, che si sono verificate in ambito familiare e per le quali non era stato ritenuto necessario il ricorso a Strutture Sanitarie. Si evidenzia che i casi esposti sono in linea con i dati epidemiologici sulla malattia quali la maggior incidenza nella categoria femminile, l'età adulta/anziana e l'assenza di vaccinazione antitetanica pregressa. Come si vede l'andamento della malattia richiede un periodo di ricovero e cura in Reparti di alta specializzazione per circa mesi di media e successivo programma di riabiltazione domiciliare, oltre una sorveglianza degli esiti valutabile solo a lungo termine. Il Tetano nella ASL di Arezzo negli anni 99- Dall'anno 99 al i casi di Tetano notificati nella Azienda USL8 sono stati n., di questi solo 8 (%) hanno colpito soggetti di sesso maschile e ben (8%) soggetti di sesso femminile. Dall'inchiesta epidemiologica è emerso che nessuno aveva mai effettuato la vaccinazione contro il tetano. Si è verificato decesso nell'anno Anno Maschi Femmine totale Totale 8 Tabella

4 Nel grafico sono riportati i casi notificati nella Asl8 dal 99 al suddivisi per sesso,,, Femmine Maschi,, Grafico In tabella sono riportate le età medie dei casi, divisi per sesso. Anno Età media Età media Età media maschi femmine totale 99 9, 8 7, , 77, 997 9, 8 78, , , 79, , , 8, ,7,7 Tabella

5 L'incidenza del Tetano nella AUSL8 di Arezzo è superiore alla incidenza media della Regione Toscana, come emerge dal grafico in cui sono riportati i casi totali che si sono verificati in tutta la Toscana negli anni 997- e il numero dei casi della sola ASL 8 nello stesso periodo. La stessa Regione Toscana è tra le regioni a maggior incidenza, fino al %di tutti i casi che si verificano in Italia. toscana ASL Grafico Al contrario di quanto avviene per le malattie che si trasmettono da persona a persona, per il Tetano il raggiungimento di coperture vaccinali elevate in età pediatrica non consente di ottenere un effetto di protezione indiretta di popolazione (herd immunity). Inoltre, la presenza ubiquitaria nell ambiente delle spore tetaniche rende praticamente impossibile l eliminazione della malattia. Quindi qualunque individuo non adeguatamente vaccinato è potenzialmente a rischio. Nonostante i grandi successi raggiunti, negli anni 9 l incidenza del tetano in Italia è circa volte superiore alla media europea e statunitense (, ). Il fatto che gli ultrasessantaquattrenni rappresentino il 7% dei casi sottolinea chiaramente la necessità di mettere a punto interventi di vaccinazione mirati a questo gruppo di età. Oltre a migliorare l offerta della profilassi post esposizione a tutta la popolazione, è quindi necessario promuovere l offerta della vaccinazione antitetanica agli anziani, ad esempio in occasione delle campagne annuali di vaccinazione antinfluenzale ed in ogni altra occasione di accesso ai Servizi Vaccinali.. Bardenheier B, Prevots DR, Khetsuriani N, et al. MMWR 998; 7 (SS): -.. WHO. Regional Office for Europe. Health for all statistical database. Copenhagen; December 999. Obiettivo Promozione della vaccinazione antitetanica per gli adulti in tutta la Ausl8

6 Malattie Infettive di classe II dall'anno 8 al Si riportano nella tabella le notifiche di Malattia Infettiva pervenute alla AUsl8 AR negli anni 8, 9 e. Le notifiche, già elaborate dalla Regione Toscana, sono suddivise in funzione della Zona dell'azienda Usl8 dove il medico ha segnalato la malattia. I tassi di notifica non sono del tutto omogenei nelle Zone; questo si spiega con il fatto che non sempre la Zona di notifica coincide con quella di residenza del malato, in particolare nei casi che richiedono ricovero ospedaliero o accertamenti diagnostici più complessi. Tuttavia, dall'insieme dei dati, si evidenzia comunque la realtà del fenomeno della sottonotifica per le malattie infettive, più evidente in alcune Zone, piuttosto che un accentramento di diagnosi e cura nelle sedi delle maggiori strutture ospedaliere che sono situate nella Zona Aretina e nella Zona Valdarno. Zona blenorragia brucellosi diarrea infettiva epatite A epatite B epatite C epatite Delta acuta epatite E febbre tifoide legionellosi leishmaniosi cutanea leishmaniosi viscerale leptospirosi listeriosi meningite meningoc. meningo-encefalite v. morbillo parotite epidemica pertosse rickettsiosi rosolia salmonellosi non tifoide scarlattina sifilide tularemia varicella Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno 9 totale Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno totale Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno totale Tabella Nell'anno 8 si è verificato un numero rilevante di casi di Epatite Virale di tipo A, alcuni correlati ai casi verificatisi nel 8 nell'area fiorentina con sospetta modalità di contagio di tipo sessuale. Si è inoltre avuta una epidemia che ha interessato la Zona Valdarno, con molti ricoveri anche presso il Presidio Ospedaliero di Arezzo nel reparto Malattie Infettive; si è trattato di un cluster epidemico di casi, di presumibile origine alimentare, con insorgenza dei sintomi in pazienti concentrata nel breve periodo di 8- giorni. Solo casi sono classificabili come secondari al cluster. L'epidemia ha colpito bambini e adulti di entrambi i sessi ed è iniziata a metà giugno e terminata ad agosto 8. Gli interventi di profilassi e contenimento hanno comportato tra l'altro la vaccinazione di oltre 8 soggetti a rischio di contagio.

7 Casi sentinella di Rosolia in gravidanza Nel 8 si sono avuti casi di Rosolia in donne in gravidanza, due di queste residenti in Valdarno ed una residente ad Arezzo. Entrambi i casi notificati nel Valdarno, riferiti a due donne straniere, ci sono stati comunicati dall'ospedale di Montevarchi al momento del parto. La segnalazione è stata fatta come "sospetto di rosolia contratta in gravidanza" in quanto, pur in assenza di segni clinici, gli accertamenti sierologici effettuati sia precedentemente che al momento del parto (IgM e IgG specifiche) deponevano per una possibile infezione da rosolia nel periodo della gestazione. Le puerpere ed i neonati sono stati sottoposti a sorveglianza seguendo il protocollo previsto dal "Piano Nazionale per l'eliminazione della rosolia congenita" che per i bambini è proseguita fino al compimento di anno di età. Le indagini e gli accertamenti hanno confermato per uno dei due bambini la diagnosi di rosolia congenita. L'altro caso di rosolia in gravidanza è stato confermato dal "Centro per le malattie infettive in gravidanza" dell'ospedale di Careggi e quindi è stato notificato alla Asl e pertanto risulta compreso tra le notifiche della Asl di Firenze, mentre l'indagine epidemiologica e la sorveglianza è stata effettuata dalla nostra Ausl. La donna, italiana di 7 anni insegnante di scuola primaria, non vaccinata contro la rosolia, riteneva di essere stata affetta da rosolia nell'infanzia. Ha contratto la malattia alla settimana di gestazione, ha portato a termine la gravidanza, il neonato è stato sorvegliato seguendo il protocollo previsto dal "Piano" fino all'età di un anno, escludendo di aver contratto l'infezione in utero. La paziente non era mai stata informata della necessità di effettuare il test per la ricerca degli anticorpi contro la rosolia ancor prima di una gravidanza, test indispensabile per qualsiasi donna in età fertile sia nel caso di ricordo anamnestico della malattia o che sia stata effettuata la vaccinazione antirosolia. CRITICITA' Donne in età fertile suscettibili, non indirizzate alla ricerca anticorpale, non informate del rischio e non indirizzate alla vaccinazione Il Sistema di Sorveglianza che prevede la notifica obbligatoria della sindrome e dell infezione da rosolia congenita e della rosolia in gravidanza, è stato introdotto in Italia nel. Il Bollettino epidemiologico nazionale del 9 riporta negli anni -8, ben casi sospetti di rosolia in gravidanza di cui 8 confermati in laboratorio e 7 casi sospetti di rosolia congenita di cui confermati. Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita (PNEMoRc) -, obiettivi: - Ridurre la percentuale di donne in età fertile, suscettibili alla rosolia, a meno del % - Ridurre l incidenza della rosolia congenita a meno di caso per. nati vivi 7

8 Malattie di Classe II notificate nell'anno In tabella si riportano le notifiche dell'anno per tutta l' Azienda. Zona blenorragia brucellosi diarrea infettiva epatite A epatite B epatite C epatite Delta acuta epatite E febbre tifoide legionellosi leishmaniosi cutanea leishmaniosi viscerale leptospirosi listeriosi meningite meningoc. meningo-encefalite v. morbillo parotite epidemica pertosse rickettsiosi rosolia tifoidesalmonellosi non scarlattina sifilide tularemia varicella Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno 8 totale Tabella Si evidenzia rispetto agli anni precedenti una flessione del numero delle notifiche di varicella, presumendo che questo possa già essere dovuto all'effetto della vaccinazione contro la varicella, introdotta per tutti i bambini nel secondo anno di vita dal Calendario Vaccinale della Regione Toscana del 8. Epatite Virale Acuta In riferimento alle Epatiti Virali si può vedere che negli anni dal 8 al si sono avuti casi di epatite di tipo B, casi a trasmissione presumibilmente sessuale in soggetti non vaccinati per la patologia. Inoltre sono stati notificati 8 casi di epatite C, in un caso l'infezione è stata trasmessa a seguito di puntura di ago infetto in uno studente universitario di Scienze Infermieristiche durante l'attività di tirocinio in Ospedale. Da segnalare anche casi di epatite acuta di tipo E insorta in soggetti stranieri al rientro da un viaggio nel loro paese di origine, il Sud Est asiatico, aree dove l'infezione risulta endemica. Queste patologie saranno oggetto di approfondimento in successivi report. 8

9 Morbillo Nell'anno si evidenziano notifiche di Morbillo che confermano come anche nella nostra AUsl si è diffusa l'infezione a conferma delle epidemie segnalate in Italia e in Europa, alcune ancora in corso. I casi segnalati hanno età compresa tra 8 mesi e 7 anni, maschi e femmine, di questi un solo caso risultava vaccinato nell' infanzia con una unica dose di vaccino antimorbillo. Su casi notificati, sono stati ricoverati in Ospedale per la gravità dei sintomi che si sono manifestati principalmente con febbre elevata ( C) ed esantema diffuso; tra questi una donna di 7 anni alla 8 settimana di gravidanza, ricoverata in Malattie Infettive dell'ospedale di Arezzo, che era l'unica ad avere effettuato una vaccinazione contro il morbillo nell'anno 99. Da segnalare un focolaio epidemico di casi che si è verificato in ambito familiare, tra questi una donna di anni non vaccinata e che, nonostante fosse adulta, evidentemente non aveva ancora contratto la malattia; la figlia di 8 mesi non protetta dall'immunità materna e per età non ancora vaccinata; una cugina di anni che non aveva mai effettuato la vaccinazione, tutte residenti nella Zona Valdichiana. Nell aprile 7, in accordo con le indicazioni contenute nel Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita -7, è stato istituito il sistema di sorveglianza speciale del morbillo che prevede la segnalazione alle Asl, da parte del medico, entro ore dal sospetto di un caso, la conduzione di una indagine epidemiologica da parte della Asl, la conferma della diagnosi attraverso appropriate indagini di laboratorio, la compilazione di un modulo standard e la sua trasmissione immediata alla Regione Toscana e da questa al Ministero della Salute e al Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell Istituto Superiore di Sanità. Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita (PNEMoRc) -, obiettivi specifici: obiettivo. Raggiungere una copertura vaccinale >9% per la prima dose di morbillo e rosolia, entro i mesi di vita, a livello nazionale, regionale e di ASL e > 9 % in tutti i distretti. obiettivo. Raggiungere una copertura vaccinale >9% per la seconda dose di MPR entro il compimento del anno di età a livello nazionale, regionale e di ASL e > 9 % in tutti i distretti. 9

10 Malattie Infettive di classe III Le Malattie Infettive comprese nella terza classe del D.M. /99 sono la Lebbra, la Tubercolosi, le Micobatteriosi e la Malaria. Le notifiche di AIDS, incluse in questa classe, seguono un particolare flusso informativo che va dal medico direttamente alla Regione e al Ministero. Malaria Dal al sono stati notificati casi di Malaria, importati da Paesi dove la malattia è endemica. Il dato sull'esito della malattia è noto in tutti i casi, tra questi nel 7 è stato segnalato un decesso. Una disamina più dettagliata relativa alla specie di Plasmodio, Sesso e Nazionalità del caso, oltre al Paese in cui è stata contratta la malattia, verrà elaborata con la presentazione dei prossimi dati. numero casi Dati ASL anni Grafico 7 Confronto con dati regionali casi Toscana casi asl8 numero casi anni Grafico

11 Tubercolosi Le notifiche di tubercolosi dal 998 al sono state. A fronte di un andamento delle notifiche sostanzialmente stabile, se non in lieve flessione, e comunque di bassa endemia tubercolare, si rileva negli ultimi anni, u n a i n v e r s i o n e d i t e n d e n z a c o n un aumento in percentuale nei soggetti stranieri in analogia a quanto evidenziato anche a livello nazionale. I casi di malattia tubercolare segnalati vengono seguiti dal Servizio di Sanità Pubblica per la conferma e la definizione di caso e per la sorveglianza dei contatti, seguendo il Protocollo Regionale, già a partire dall'anno 99. * I dati dell'anno devono essere considerati suscettibili di incremento in quanto in attesa di conferma di casi già segnalati. ANNO Italiani S tranie ri T otale * 9 T O T AL E 89 Tabella Andamento della TB nella ASL8 nel periodo 998- n casi ITALIANI STRANIERI TOTALE anni Grafico

12 Riguardo all'età media dei pazienti questa è nettamente più elevata nei cittadini italiani, oltre anni, rispetto agli stranieri in cui sono maggiormente rappresentate le classi intermedie di età, tra e anni. La casistica è confermata dai dati nazionali sull'andamento della patologia rispetto alla popolazione. Andamento dell'età media nella ASL8 8 7, età (anni) 7 7,,9 7,,9, 8,9 7,,9,7,,,7,7,,,,,,8,,7, 9, ITALIANI STRANIERI anni Grafico Le notifiche trasmesse sono state 89 (%) nei maschi e (%) nelle femmine. Tale dato si discosta leggermente da quello dei cittadini stranieri dove il maggior numero di casi è rappresentato dal sesso femminile. Nella tabella si riportano anno per anno tutti i casi suddivisi tra maschi e femmine. SESSO ANNI MASCHI FEMMINE * 8 Tabella 7

13 A lato si riporta la nazionalità e il numero dei soggetti stranieri nel periodo considerato (di soggetti stranieri non è nota la nazionalità ). Paesi di provenienza Il maggior numero di casi proviene dalla Romania seguita dal Pakistan, India e Marocco. Gli altri casi hanno provenienze da numerosi Paesi dei vari continenti come meglio evidenziato in tabella. NAZIONAL ITA' 998- ALB ANIA ALGE RIA AR GE NTINA BANGLADE S H C ONGO C OS TA D'AVOR IO E C UADOR E TIOP IA F E D. R US S A F ILIP P INE FR ANCIA GUINE A INDIA INDONE S IA JUGOS LAVIA LAOS MACE DONIA MAR OC C O NIGE R IA P AK IS TAN 9 P E R U' P OLONIA R E P. DOMINIC ANA R OMANIA S E NE G AL S LOVAC CHIA S OMALIA 7 S P AG NA THAILANDIA TUNIS IA UGANDA Tabella 8

14 Riguardo alla sede anatomica l'interessamento polmonare costituisce la maggior parte di tutti i casi casi segnalati (77%). Tra le forme extrapolmonari le localizzazioni più frequenti sono state quelle pleuriche con n casi notificati e le linfonodali con n casi, seguono le genito-urinarie, n casi. Altre localizzazioni extrapolmonari sono state quelle ossee, si sono avute anche meningiti tubercolari e localizzazioni cutanee. TBC sede anatomica n casi EXTRAPOLMONARE POLMONARE anni Grafico 7 Il numero di casi di Tb polmonare bacillifera, indicando con questo la presenza di micobatteri tubercolari all' esame microscopico diretto dell'espettoraro, è stato in totale di (%), in maggioranza cittadini italiani rispetto agli stranieri fino all'anno, e con inversione di tendenza negli ultimi anni. L Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ogni anno vi siano oltre nove milioni di nuovi casi di tubercolosi e,7 milioni di decessi. La tubercolosi (TB), spesso ritenuta un flagello del passato, è sempre presente, anche sotto nuove forme, e colpisce non solo i paesi a reddito medio basso ma anche le nazioni ricche.

15 Malattie classe IV Focolai epidemici Nella ^ classe sono inseriti i Focolai epidemici di malattie infettive. Focolaio epidemico anno 8 anno 9 anno anno n. focolai Tigna Infez.Tossinf. alimentare n. casi n. focolai n. casi n. focolai n. casi n. focolai 8 Scabbia 9 Epatite A Morbillo Tabella 9 n. casi In relazione alla sorveglianza dei focolai epidemici delle tossinfezioni alimentari questa si connota come uno degli elementi del sistema nazionale di controllo degli alimenti. L importanza e l obbligo dell investigazione sono riportate nel Decreto Legislativo Aprile N 9 Attuazione della Direttiva /99/CE sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici L'azienda unità sanitaria locale competente per territorio procede ad un'indagine sui focolai di tossinfezione alimentare. L'indagine ha lo scopo di acquisire dati sul profilo epidemiologico, sui prodotti alimentari eventualmente coinvolti e sulle cause potenziali del focolaio. L'indagine comporta inoltre l'esecuzione di idonei studi epidemiologici e microbiologici Lo stesso Decreto definisce quali sono i dati relativi ai focolai di malattie trasmesse da alimenti che devono essere rilevati: a) numero complessivo dei focolai in un anno b) numero di persone morte o colpite da infezione a causa dei focolai c) agenti responsabili dei focolai, e, ove possibile, sierotipo o altra descrizione definitiva di tali agenti. Qualora non sia possibile individuare l'agente responsabile dell'infezione, e' necessario spiegarne le ragioni d) prodotti alimentari implicati nel focolaio d'infezione ed altri veicoli di infezione potenziali e) identificazione della tipologia del luogo produzione /acquisto/ acquisizione e consumo del prodotto alimentare incriminato f) fattori collaterali, per esempio carenze igieniche nella trasformazione dei prodotti alimentari. Gli agenti patogeni responsabili dei focolai epidemici di tossinfezioni alimentari nella Asl8 sono stati: Salmonella, Clostridium Perfrigens e Norovirus.

16 Malattie classe V MALATTIE 8 9 ADENOVIROSI BORRELLIOSI DENGUE DERMATOFITOSI 9 ECHINOCOCCOSI ERISIPELA ERITEMA INFETTIVO EPATITE DA CITOMEGALOVIRUS FARINGITE/TONSILLITE STREPTOCOCCICA HERPES ZOOSTER INFEZIONE DA KLEBSIELLA INFEZIONE DA PNEUMOCOCCO INFEZIONE DA STREPTOCOCCO INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILIS MALATTIA DI LYME MENINGITE BATTERICA d.n.n.d. MENINGITE DA PNEUMOCOCCO MICOSI MONONUCLEOSI 9 9 ORNITOSI /PSITTACOSI PEDICULOSI 9 7 POLMONITE DA COXIELLA QUINTA MALATTIA SCABBIA 7 8 SEPSI MENINGOCOCCICA SINDROME BOCCA MANI PIED TENIASI YERSINIA Della classe V fanno parte tutte le malattie infettive non specificate nelle classi precedenti e le zoonosi indicate dal Regolamento di polizia veterinaria TOTALE 9 7 Tabella

17 Questo bollettino termina qui, possono essere richeste maggiori informazioni per ulteriore approfondimento ai dati ripo rta ti in questo report contattando: Rita Bindi U.F. Sanità Pubblica e IAN Zona Valdarno c/o Ospedale Santa Maria alla Gruccia, Montevarchi (AR) tel..97 centralino Ospedale tel..9 Fabrizia Verdelli U.F. Sanità Pubblica Zona Aretina c/o Ospedale San Donato Via P. Nenni, Arezzo tel. 7.9 centralino Ospedale tel. 7. Si riporta il collegamento alla Regione Toscana dove si possono trovare tutti i report del bollettino epidemiologico pubblicato fino all'anno e le tabelle degli aggiornamenti epidemiologici dal ad oggi: asset.html_ html Un ringraziamento particolare va a tutti i medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta, Specialisti e Medici Ospedalieri, che in questi anni costantemente ci hanno inviato le notifiche di Malattia Infettiva, permettendo l'elaborazione di questi dati e la conoscenza dell'andamento delle patologie infettive nel territorio della nostra Azienda. Si auspica che questa fondamentale collaborazione prosegua anche nel futuro, in modo sempre più ampio e accurato, affinchè questa conoscenza possa essere di aiuto per decisioni da intraprendere nella Sanità. A PRESTO 7

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati I casi notificati di malattia infettiva sono in diminuzione. Sono in costante decremento nella popolazione generale i casi di tubercolosi; gli aumenti sono confinati a gruppi ad alto rischio; occorre consolidare,

Dettagli

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009 NUOVA INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 Le ultime settimane hanno visti impegnati molti operatori del SSR nella pandemia da nuovo virus influenzale A H1N1 : ciò ha consentito di verificare i percorsi e attuare

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA Segnalazioni e distribuzione della casistica nel 28 (dati definitivi) e Casistica (provvisoria) a tutto settembre 29 Premessa La sorveglianza sanitaria nei confronti

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Relazione Sanitaria 2000 Rapporto n. 6 Epidemiologia delle malattie infettive Riassunto Le misure di frequenza delle malattie infettive risentono in maniera importante del fenomeno della sottonotifica.

Dettagli

Report statistico delle segnalazioni di malattie infettive in provincia di Modena

Report statistico delle segnalazioni di malattie infettive in provincia di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica Controllo Rischi Biologici MIF NEWSLETTER ANNO 2009 Le malattie infettive nella provincia di Modena Report statistico delle segnalazioni di malattie

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO DIRETTORE GENERALE Ing. Sergio Florio Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Indicatori di performance e di risultati nei programmi di controllo della diffusione delle malattie infettive Regione Veneto G. Napoletano Padova 04.11.2011

Dettagli

REPORT SINTETICO dei casi di MALATTIA INFETTIVA notificati nell Asl Roma C nel 2010

REPORT SINTETICO dei casi di MALATTIA INFETTIVA notificati nell Asl Roma C nel 2010 REPORT SINTETICO dei casi di MALATTIA INFETTIVA notificati nell Asl Roma C nel 2 Il presente rapporto sintetico deriva dall elaborazione dei dati relativi alle notifiche di malattia infettiva pervenute

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE IN TOSCANA 2012

MALATTIE INFETTIVE IN TOSCANA 2012 MALATTIE INFETTIVE IN TOSCANA 2012 serie In cifre - N. 5 L opuscolo può essere scaricato gratuitamente dal sito dell Agenzia regionale di sanità della Toscana: www.ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità

Dettagli

REGIONE CAMPANIA Direzione Generale per la tutela della salute ed il coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Ce.Rif.A.R.C.

REGIONE CAMPANIA Direzione Generale per la tutela della salute ed il coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Ce.Rif.A.R.C. REGIONE CAMPANIA Direzione Generale per la tutela della salute ed il coordinamento del Sistema Sanitario Regionale Ce.Rif.A.R.C. CORSO DI FORMAZIONE AIDS PER DIRIGENTI MEDICI - XII ANNUALITA' - 2014 Migliorare

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

Malattie infettive. Malattie infettive di I classe. Fonti informative:

Malattie infettive. Malattie infettive di I classe. Fonti informative: Malattie infettive Le malattie infettive non costituiscono oggi una causa di morte di grande rilievo, ma mantengono tuttavia un grande interesse per almeno due motivi: 1 l emergenza di alcune patologie

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO CHE DISCIPLINA IL SISTEMA DI SEGNALAZIONE

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO

REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO REPORT 2011 RELATIVO A MALATTIE INFETTIVE NOTIFICATE, VACCINAZIONI EFFETTUATE E ATTIVITA DELLA MEDICINA DEI VIAGGI DELLA AUSL12 DI VIAREGGIO A cura del personale della UFC Igiene e Sanità Pubblica: Dr.

Dettagli

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Vaccinazione antimorbillo in Italia Introduzione della vaccinazione Vaccinazione universale Disponibile dal 1976 Raccomandato dal Ministero della Salute dal 1979 Fino

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN LOMBARDIA: ANNO 2014

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN LOMBARDIA: ANNO 2014 SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN LOMBARDIA: ANNO 2014 Giugno 2015 Il presente report aggiorna il quadro della malattie infettive soggette a notifica relativo all anno 2014 e fornisce alcuni approfondimenti

Dettagli

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE...3 OGGETTO E SCOPO...3 OGGETTO...3 SCOPO...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 RESPONSABILITA COINVOLTE...4 DEFINIZIONI...5 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...7 CONTENUTO...8 SEGNALAZIONE

Dettagli

LE DENUNCE SANITARIE

LE DENUNCE SANITARIE LE DENUNCE SANITARIE DENUNCIA SANITARIA E l atto con cui il medico informa una pubblica Autorità di fatti o notizie appresi nell esercizio della professione, di cui è obbligato a riferire per disposizione

Dettagli

VISTO il D.L.vo 30 dicembre 1992 n. 502 e il D.L.vo 7 dicembre 1993 n. 517, in particolare l art. 7;

VISTO il D.L.vo 30 dicembre 1992 n. 502 e il D.L.vo 7 dicembre 1993 n. 517, in particolare l art. 7; DELIBERAZIONE N. VII/18853 del 30.9.2004 Oggetto: Sorveglianza, notifica, controllo delle malattie infettive: revisione e riordino degli interventi di prevenzione in Regione Lombardia LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

MILANO - MARTEDÌ, 19 OTTOBRE 2004. Sommario

MILANO - MARTEDÌ, 19 OTTOBRE 2004. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - MARTEDÌ, 19 OTTOBRE 2004 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XIV - N. 246 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 : vaccini Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 34-38 Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 A cura della Commissione Vaccini della SIAIP

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI

OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI OBBLIGO E MODALITA' DI NOTIFICA DELLE MALATTIE INFETTIVE: LINEE-GUIDA SCHEDE DI NOTIFICA MALATTIE INFETTIVE OPUSCOLI INFORMATIVI A CURA DI: dr.ssa Giuseppina Bartolomei Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 1 N. Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale DGPREV.V/19262/P/I.4.c.a.9

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA).

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Le malattie veicolate da alimenti continuano ad essere anche nei paesi industrializzati un rilevante problema

Dettagli

L a t u b e r c o l o s i n e l l a A S L 1 0 ( r e p o r t 2 0 1 4 )

L a t u b e r c o l o s i n e l l a A S L 1 0 ( r e p o r t 2 0 1 4 ) n e l l a A S L 1 0 Il testo è stato curato da P. Naldoni (a,c), S. Baretti (b), O. Baroncini (b), M.G. Santini (b) (a) S.O.S. Epidemiologia ASL 10 Firenze (b) U.F.C. Igiene e Sanità Pubblica Setting Firenze

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

Le notifiche di malattie infettive in Italia

Le notifiche di malattie infettive in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settore Sanità e previdenza Le notifiche di malattie infettive in Italia Anno 2002 Informazioni n. 2-2005 I settori AMBIENTE E TERRITORIO

Dettagli

UNIFORMARE LE MODALITA DI SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN RELAZIONE ALLE INDICAZIONI NAZIONALI

UNIFORMARE LE MODALITA DI SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN RELAZIONE ALLE INDICAZIONI NAZIONALI AZIENDA SANITARIA LOCALE LANCIANO VASTO - CHIETI CORSO DI AGGIORNAMENTO REGIONALE PER MEDICI DI CONTINUITA ASSISTENZIALE ANNO 2015 UNIFORMARE LE MODALITA DI SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE IN RELAZIONE

Dettagli

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA MENU INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA Malattia infettiva : Insieme di manifestazioni anatomo-funzionali,

Dettagli

Le malattie infettive

Le malattie infettive Le malattie infettive Le malattie infettive continuano a rappresentare un rilevante problema sanitario, nonostante la disponibilità, per molte di esse, di efficaci interventi di prevenzione e di cura.

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE in Lombardia

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE in Lombardia SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE in Lombardia 1 Regolamento interno per i ricoverati del Sanatorio Morelli di Sondalo (Anni 50) Report - Luglio 2014 Il presente report descrive il quadro della malattie

Dettagli

POPOLAZIONE E SALUTE

POPOLAZIONE E SALUTE POPOLAZIONE E SALUTE Popolazione e salute 43 1. POPOLAZIONE La Provincia Autonoma di Bolzano si estende su 7.400,4 Kmq di territorio interamente montano, ed è suddivisa in 116 comuni. L altitudine media

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 La legionellosi nel territorio dell ASL Provincia di Milano n. 1 Rapporto 2000-2005 Introduzione La legionellosi in Italia è una malattia soggetta

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

INFEZIONE DA HIV e AIDS

INFEZIONE DA HIV e AIDS Dipartimento di Prevenzione Medica Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive INFEZIONE DA HIV e AIDS (elaborazione dati dal programma informatizzato Regione Lombardia Mainf e portale

Dettagli

2.3. MORBOSITA' 2.3.1. Patologie infettive

2.3. MORBOSITA' 2.3.1. Patologie infettive 2.3. MORBOSITA' 2.3.1. Patologie infettive L analisi della diffusione della patologia infettiva è stata condotta, come di consueto, sulla base delle informazioni contenute nei moduli di "notifica di malattia

Dettagli

Circolare n. 6 del 20 aprile 2000. Soggiorni di vacanza per minori: misure sanitarie per l ammissione

Circolare n. 6 del 20 aprile 2000. Soggiorni di vacanza per minori: misure sanitarie per l ammissione Circolare n. 6 del 20 aprile 2000 Soggiorni di vacanza per minori: misure sanitarie per l ammissione La situazione epidemiologica corrente ed alcune modifiche intervenute di recente nel quadro normativo

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 2006-2011

Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 2006-2011 Epidemiologia delle infezioni da hiv nella regione Abruzzo negli anni 26-211 Claudio Turchi Servizio Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica ASL Lanciano-Vasto-Chieti novembre 212 Riassunto La Regione

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita Dipartimento di Prevenzione E&P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 98 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - 0824 308286-9 Fax 0824-308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Rosolia: perché rischiare?

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

ODG: RICHIESTA DI UN IMPEGNO STRAORDINARIO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PER CAMPAGNE INFORMATIVE DI PREVENZIONE/INFORMAZIONE CONTRO L HIV/AIDS

ODG: RICHIESTA DI UN IMPEGNO STRAORDINARIO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PER CAMPAGNE INFORMATIVE DI PREVENZIONE/INFORMAZIONE CONTRO L HIV/AIDS ODG: RICHIESTA DI UN IMPEGNO STRAORDINARIO DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PER CAMPAGNE INFORMATIVE DI PREVENZIONE/INFORMAZIONE CONTRO L HIV/AIDS SALUTE A 360 Educare le persone sin dalla prima infanzia

Dettagli

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria

Dettagli

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive ALLEGATO B Insegnamento: Malattie Infettive Settore Scientifico-Disciplinare: MED/17, MED/07; MED/46 CFU Tot.: 6 Ore di studio per ogni ora di: ADF (attività didattica ADI (attività didattica AFP (attività

Dettagli

La risposta al bisogno e alla domanda di salute

La risposta al bisogno e alla domanda di salute La risposta al bisogno e alla domanda di salute Giuliano Angotzi Direttore Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. Viareggio Conferenza dei servizi 30/3/2005 traumatismi ed avvelenamenti 6% Principali

Dettagli

norme sanitarie da osservare nei Nidi d Infanzia Anno scolastico 2011-2012 Comune di Parma insieme si cresce

norme sanitarie da osservare nei Nidi d Infanzia Anno scolastico 2011-2012 Comune di Parma insieme si cresce Comune di Parma Assessorato alle Politiche per l Infanzia e per la Scuola insieme si cresce norme sanitarie da osservare nei Nidi d Infanzia Anno scolastico 2011-2012 Testi Coordinamento Pedagogico Nidi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E DATI PERSONALI Nome Indirizzo Borgotti Maria Cristina Telefono 026590037 Piazza XXV Aprile,7 Milano Fax 026590037 E-mail Nazionalità

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 Repertorio Atti n. 1857 del 13 novembre 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di sul documento recante

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Dirigente - Settore dipartimentale Profilassi malattie Infettive e diffusive

Dirigente - Settore dipartimentale Profilassi malattie Infettive e diffusive INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alfieri Rosa Data di nascita 28/11/1960 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione ASL NAPOLI 2 NORD (EX ASL 2 e 3) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Meningite Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio L'obiettivo di questo opuscolo è di fornire informazioni semplici ai cittadini su alcune malattie infettive, su

Dettagli

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI Primo firmatario: Consigliere Marotta Venezia e altre specificità Emendamento n.1 3.2.1 La rete ospedaliera su due livelli (Pag. 44) Dopo le parole: Inoltre

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Rosolia congenita e in gravidanza. Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza

Rosolia congenita e in gravidanza. Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza Rosolia congenita e in gravidanza News Rapporto sulla sorveglianza della Rosolia congenita e in gravidanza Il Piano Nazionale di Eliminazione del Morbillo e della Rosolia (PNEMoRc) 00-05 include tra i

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

10. SALUTE E AMBIENTE

10. SALUTE E AMBIENTE 10. SALUTE E AMBIENTE Introduzione Lo sviluppo sostenibile è definito normalmente come Lo sviluppo che è in grado di soddisfare i bisogni della generazione presente, senza compromettere la possibilità

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012

Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 Convegno HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia sotto controllo? Firenze, 29 novembre 2012 SORVEGLIANZA DELL HIV IN TOSCANA: DATI EPIDEMIOLOGICI Monia Puglia Osservatorio di Epidemiologia, Agenzia Regionale

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Italo Guido Ricagni MMG S.I.M.P.eS.V. (Soc. It. di Med.di Prevenzione e Stili di Vita) La prevenzione come stile di vita VACCINAZIONI IMPORTANTI ECONOMICHE

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA 1 SOMMARIO 1. Epidemiologia di Morbillo, Rosolia e Parotite

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori.

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori. West Nile Disease e altre malattie a trasmissione vettoriale nel territorio regionale. I compiti del Dipartimento di Sanità Pubblica Venerdì 15 aprile 2011 Sala Galloni I compiti del Servizio Igiene Pubblica

Dettagli

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento

SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA. Primo invio Aggiornamento SCHEDA DI NOTIFICA DI CASO DI INFEZIONE DA VIRUS DELLA ROSOLIA IN GRAVIDANZA (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Primo invio Aggiornamento Regione Provincia Comune ASL Sezione 1

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale Comitato Tecnico Scientifico

Osservatorio Epidemiologico Regionale Comitato Tecnico Scientifico PROGRAMMA PLURIENNALE APPROVATO DALLA G.R. CON DELIBERA N. 4472 DEL 22/7/1997 STATO DI REALIZZAZIONE DEI PROGETTI In merito ai progetti proposti nel Programma Operativo dell Osservatorio Epidemiologico

Dettagli

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso.

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso. NOTA OPERATIVA GORES : indicazioni per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattia da Virus Ebola (MVE) collegati con l epidemia in Africa Occidentale L epidemia

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

da Ellis Island ai giorni nostri

da Ellis Island ai giorni nostri Flussi migratori e controllo delle malattie infettive da Ellis Island ai giorni nostri Giovanni Rezza Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Il termine migrazione descrive movimenti

Dettagli

TAVOLA ROTONDA: Realtà ed esperienze a confronto in ambito sanitario

TAVOLA ROTONDA: Realtà ed esperienze a confronto in ambito sanitario Genova, 11 aprile 2016 TAVOLA ROTONDA: Realtà ed esperienze a confronto in ambito sanitario Paolo Durando Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro Dipartimento Scienze della Salute Scuola di Scienze

Dettagli

Notifica obbligatoria della infezione da rosolia in gravidanza e della sindrome/infezione da rosolia congenita.

Notifica obbligatoria della infezione da rosolia in gravidanza e della sindrome/infezione da rosolia congenita. MINISTERO DELLA SALUTE CIRCOLARE 5 agosto 2005, n.2 Notifica obbligatoria della infezione da rosolia in gravidanza e della sindrome/infezione da rosolia congenita. Agli Assessorati alla sanita' delle regioni

Dettagli

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti 2015 MOTORE SANITÀ STATI GENERALI DELLA SANITÀ REGIONE DEL VENETO 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Prevenzione in Sanità:

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

3. LO STATO DI SALUTE

3. LO STATO DI SALUTE 3. LO STATO DI SALUTE Per valutare in maniera sintetica lo stato di salute della popolazione vengono utilizzati alcuni indicatori ampiamente riconosciuti a livello internazionale. La nostra azienda mostra

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli