BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DELLE MALATTIE INFETTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DELLE MALATTIE INFETTIVE"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Direttore dr. Domenico Sallese UU.OO. Sanità Pubblica e IAN BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DELLE MALATTIE INFETTIVE edizione ANNO All'interno SPECIALE TETANO elaborazione dati e relazione a cura di Rita Bindi e Fabrizia Verdelli

2 Le notifiche delle malattie infettive nell'azienda Usl8 AR anno Si presentano i dati relativi all andamento delle malattie infettive, sulla base delle notifiche trasmesse dai medici di base, pediatri di famiglia, specialisti e medici ospedalieri. Nel corso del sono pervenute in totale, al Servizio di Sanità Pubblica della AUsl8 Arezzo, n 88 notifiche di Malattia Infettiva, classificate secondo il DM //99, come indicato in tabella. Notifiche ASL AREZZO anno Malattie di classe Malattie di classe 8 Malattie di classe 8 Malattie di classe 8 Malattie di classe 7 TOTALE 88 Tabella Malattie infettive di classe I Le notifiche relative a malattie infettive incluse nella classe I (per cui è previsto un livello di attenzione particolarmente elevato) perventute nel corso del, hanno riguardato esclusivamente casi di Tetano, a cui dedichiamo uno speciale approfondimento. Le notifiche ricevute hanno riguardato soggetti di sesso femminile di età rispettivamente di anni, anni e 7 anni. Il primo dato su cui porre attenzione è che nessuna di queste pazienti era mai stata vaccinata contro il Tetano, come emerso dall'anamnesi e confermato dalle verifiche effettuate sul nostro data base delle vaccinazioni. Le notifiche sono pervenute dalla UO Anestesia e Rianimazione dell'ospedale di Arezzo in quanto tutti e i soggetti sono stati ricoverati in Terapia Intensiva a causa della gravità dei sintomi. Il primo caso, si è verificato nel mese di settembre, donna di anni residente nella Zona Valdichiana, si è procurata una ferita lieve ad una gamba nel cortile di casa, dopo circa una settimana sono cominciati i sintomi classici di malattia, con progressivo peggioramento, che ha portato al ricovero in Terapia Intensiva dell'ospedale di Arezzo dove è stata sottoposta a terapia, curarizzata e tracheostomizzata. E' stato necessario, successivamente, il trasferimento in RRF Neuroriabilitazione per un periodo totale di ospedalizzazione di circa mesi, dimessa con un programma di riabilitazione domiciliare per il recupero della deambulazione.

3 Il secondo caso si è verificato in una donna di anni abitante nella Zona Aretina, i sintomi sono insorti nel mese di ottobre con rigidità del tronco e degli arti che hanno causato ripetute cadute a terra provocando anche traumi cranici. Tale sintomatologia aveva inizialmente indirizzato gli accertamenti diagnostici verso altre patologie. Al momento del ricovero in Terapia Intensiva, curarizzata e tracheostomizzata, veniva ipotizzato il sospetto che la via di penetrazione dell'infezione fosse imputabile ad una ferita da pregresso intervento chirurgico che la paziente aveva subito ad un piede per alluce valgo. Il terzo caso una donna di 7 anni abitante nella Zona Aretina si è procurata una piccola ferita ad una mano con un frammento di legno. I sintomi tipici del Tetano sono insorti in novembre, ricoverata in Terapia Intensiva, successivamente in UO Malattie Infettive e infine in RRF Neuroriabilitazione, dimessa con un programma di riabilitazione domiciliare per il recupero della deambulazione. Dato di rilievo è che l'infezione è avvenuta a seguito di ferite di lieve entità, che si sono verificate in ambito familiare e per le quali non era stato ritenuto necessario il ricorso a Strutture Sanitarie. Si evidenzia che i casi esposti sono in linea con i dati epidemiologici sulla malattia quali la maggior incidenza nella categoria femminile, l'età adulta/anziana e l'assenza di vaccinazione antitetanica pregressa. Come si vede l'andamento della malattia richiede un periodo di ricovero e cura in Reparti di alta specializzazione per circa mesi di media e successivo programma di riabiltazione domiciliare, oltre una sorveglianza degli esiti valutabile solo a lungo termine. Il Tetano nella ASL di Arezzo negli anni 99- Dall'anno 99 al i casi di Tetano notificati nella Azienda USL8 sono stati n., di questi solo 8 (%) hanno colpito soggetti di sesso maschile e ben (8%) soggetti di sesso femminile. Dall'inchiesta epidemiologica è emerso che nessuno aveva mai effettuato la vaccinazione contro il tetano. Si è verificato decesso nell'anno Anno Maschi Femmine totale Totale 8 Tabella

4 Nel grafico sono riportati i casi notificati nella Asl8 dal 99 al suddivisi per sesso,,, Femmine Maschi,, Grafico In tabella sono riportate le età medie dei casi, divisi per sesso. Anno Età media Età media Età media maschi femmine totale 99 9, 8 7, , 77, 997 9, 8 78, , , 79, , , 8, ,7,7 Tabella

5 L'incidenza del Tetano nella AUSL8 di Arezzo è superiore alla incidenza media della Regione Toscana, come emerge dal grafico in cui sono riportati i casi totali che si sono verificati in tutta la Toscana negli anni 997- e il numero dei casi della sola ASL 8 nello stesso periodo. La stessa Regione Toscana è tra le regioni a maggior incidenza, fino al %di tutti i casi che si verificano in Italia. toscana ASL Grafico Al contrario di quanto avviene per le malattie che si trasmettono da persona a persona, per il Tetano il raggiungimento di coperture vaccinali elevate in età pediatrica non consente di ottenere un effetto di protezione indiretta di popolazione (herd immunity). Inoltre, la presenza ubiquitaria nell ambiente delle spore tetaniche rende praticamente impossibile l eliminazione della malattia. Quindi qualunque individuo non adeguatamente vaccinato è potenzialmente a rischio. Nonostante i grandi successi raggiunti, negli anni 9 l incidenza del tetano in Italia è circa volte superiore alla media europea e statunitense (, ). Il fatto che gli ultrasessantaquattrenni rappresentino il 7% dei casi sottolinea chiaramente la necessità di mettere a punto interventi di vaccinazione mirati a questo gruppo di età. Oltre a migliorare l offerta della profilassi post esposizione a tutta la popolazione, è quindi necessario promuovere l offerta della vaccinazione antitetanica agli anziani, ad esempio in occasione delle campagne annuali di vaccinazione antinfluenzale ed in ogni altra occasione di accesso ai Servizi Vaccinali.. Bardenheier B, Prevots DR, Khetsuriani N, et al. MMWR 998; 7 (SS): -.. WHO. Regional Office for Europe. Health for all statistical database. Copenhagen; December 999. Obiettivo Promozione della vaccinazione antitetanica per gli adulti in tutta la Ausl8

6 Malattie Infettive di classe II dall'anno 8 al Si riportano nella tabella le notifiche di Malattia Infettiva pervenute alla AUsl8 AR negli anni 8, 9 e. Le notifiche, già elaborate dalla Regione Toscana, sono suddivise in funzione della Zona dell'azienda Usl8 dove il medico ha segnalato la malattia. I tassi di notifica non sono del tutto omogenei nelle Zone; questo si spiega con il fatto che non sempre la Zona di notifica coincide con quella di residenza del malato, in particolare nei casi che richiedono ricovero ospedaliero o accertamenti diagnostici più complessi. Tuttavia, dall'insieme dei dati, si evidenzia comunque la realtà del fenomeno della sottonotifica per le malattie infettive, più evidente in alcune Zone, piuttosto che un accentramento di diagnosi e cura nelle sedi delle maggiori strutture ospedaliere che sono situate nella Zona Aretina e nella Zona Valdarno. Zona blenorragia brucellosi diarrea infettiva epatite A epatite B epatite C epatite Delta acuta epatite E febbre tifoide legionellosi leishmaniosi cutanea leishmaniosi viscerale leptospirosi listeriosi meningite meningoc. meningo-encefalite v. morbillo parotite epidemica pertosse rickettsiosi rosolia salmonellosi non tifoide scarlattina sifilide tularemia varicella Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno 9 totale Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno totale Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno totale Tabella Nell'anno 8 si è verificato un numero rilevante di casi di Epatite Virale di tipo A, alcuni correlati ai casi verificatisi nel 8 nell'area fiorentina con sospetta modalità di contagio di tipo sessuale. Si è inoltre avuta una epidemia che ha interessato la Zona Valdarno, con molti ricoveri anche presso il Presidio Ospedaliero di Arezzo nel reparto Malattie Infettive; si è trattato di un cluster epidemico di casi, di presumibile origine alimentare, con insorgenza dei sintomi in pazienti concentrata nel breve periodo di 8- giorni. Solo casi sono classificabili come secondari al cluster. L'epidemia ha colpito bambini e adulti di entrambi i sessi ed è iniziata a metà giugno e terminata ad agosto 8. Gli interventi di profilassi e contenimento hanno comportato tra l'altro la vaccinazione di oltre 8 soggetti a rischio di contagio.

7 Casi sentinella di Rosolia in gravidanza Nel 8 si sono avuti casi di Rosolia in donne in gravidanza, due di queste residenti in Valdarno ed una residente ad Arezzo. Entrambi i casi notificati nel Valdarno, riferiti a due donne straniere, ci sono stati comunicati dall'ospedale di Montevarchi al momento del parto. La segnalazione è stata fatta come "sospetto di rosolia contratta in gravidanza" in quanto, pur in assenza di segni clinici, gli accertamenti sierologici effettuati sia precedentemente che al momento del parto (IgM e IgG specifiche) deponevano per una possibile infezione da rosolia nel periodo della gestazione. Le puerpere ed i neonati sono stati sottoposti a sorveglianza seguendo il protocollo previsto dal "Piano Nazionale per l'eliminazione della rosolia congenita" che per i bambini è proseguita fino al compimento di anno di età. Le indagini e gli accertamenti hanno confermato per uno dei due bambini la diagnosi di rosolia congenita. L'altro caso di rosolia in gravidanza è stato confermato dal "Centro per le malattie infettive in gravidanza" dell'ospedale di Careggi e quindi è stato notificato alla Asl e pertanto risulta compreso tra le notifiche della Asl di Firenze, mentre l'indagine epidemiologica e la sorveglianza è stata effettuata dalla nostra Ausl. La donna, italiana di 7 anni insegnante di scuola primaria, non vaccinata contro la rosolia, riteneva di essere stata affetta da rosolia nell'infanzia. Ha contratto la malattia alla settimana di gestazione, ha portato a termine la gravidanza, il neonato è stato sorvegliato seguendo il protocollo previsto dal "Piano" fino all'età di un anno, escludendo di aver contratto l'infezione in utero. La paziente non era mai stata informata della necessità di effettuare il test per la ricerca degli anticorpi contro la rosolia ancor prima di una gravidanza, test indispensabile per qualsiasi donna in età fertile sia nel caso di ricordo anamnestico della malattia o che sia stata effettuata la vaccinazione antirosolia. CRITICITA' Donne in età fertile suscettibili, non indirizzate alla ricerca anticorpale, non informate del rischio e non indirizzate alla vaccinazione Il Sistema di Sorveglianza che prevede la notifica obbligatoria della sindrome e dell infezione da rosolia congenita e della rosolia in gravidanza, è stato introdotto in Italia nel. Il Bollettino epidemiologico nazionale del 9 riporta negli anni -8, ben casi sospetti di rosolia in gravidanza di cui 8 confermati in laboratorio e 7 casi sospetti di rosolia congenita di cui confermati. Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita (PNEMoRc) -, obiettivi: - Ridurre la percentuale di donne in età fertile, suscettibili alla rosolia, a meno del % - Ridurre l incidenza della rosolia congenita a meno di caso per. nati vivi 7

8 Malattie di Classe II notificate nell'anno In tabella si riportano le notifiche dell'anno per tutta l' Azienda. Zona blenorragia brucellosi diarrea infettiva epatite A epatite B epatite C epatite Delta acuta epatite E febbre tifoide legionellosi leishmaniosi cutanea leishmaniosi viscerale leptospirosi listeriosi meningite meningoc. meningo-encefalite v. morbillo parotite epidemica pertosse rickettsiosi rosolia tifoidesalmonellosi non scarlattina sifilide tularemia varicella Aretina Casentino ValdiChiana Val Tiberina Valdarno 8 totale Tabella Si evidenzia rispetto agli anni precedenti una flessione del numero delle notifiche di varicella, presumendo che questo possa già essere dovuto all'effetto della vaccinazione contro la varicella, introdotta per tutti i bambini nel secondo anno di vita dal Calendario Vaccinale della Regione Toscana del 8. Epatite Virale Acuta In riferimento alle Epatiti Virali si può vedere che negli anni dal 8 al si sono avuti casi di epatite di tipo B, casi a trasmissione presumibilmente sessuale in soggetti non vaccinati per la patologia. Inoltre sono stati notificati 8 casi di epatite C, in un caso l'infezione è stata trasmessa a seguito di puntura di ago infetto in uno studente universitario di Scienze Infermieristiche durante l'attività di tirocinio in Ospedale. Da segnalare anche casi di epatite acuta di tipo E insorta in soggetti stranieri al rientro da un viaggio nel loro paese di origine, il Sud Est asiatico, aree dove l'infezione risulta endemica. Queste patologie saranno oggetto di approfondimento in successivi report. 8

9 Morbillo Nell'anno si evidenziano notifiche di Morbillo che confermano come anche nella nostra AUsl si è diffusa l'infezione a conferma delle epidemie segnalate in Italia e in Europa, alcune ancora in corso. I casi segnalati hanno età compresa tra 8 mesi e 7 anni, maschi e femmine, di questi un solo caso risultava vaccinato nell' infanzia con una unica dose di vaccino antimorbillo. Su casi notificati, sono stati ricoverati in Ospedale per la gravità dei sintomi che si sono manifestati principalmente con febbre elevata ( C) ed esantema diffuso; tra questi una donna di 7 anni alla 8 settimana di gravidanza, ricoverata in Malattie Infettive dell'ospedale di Arezzo, che era l'unica ad avere effettuato una vaccinazione contro il morbillo nell'anno 99. Da segnalare un focolaio epidemico di casi che si è verificato in ambito familiare, tra questi una donna di anni non vaccinata e che, nonostante fosse adulta, evidentemente non aveva ancora contratto la malattia; la figlia di 8 mesi non protetta dall'immunità materna e per età non ancora vaccinata; una cugina di anni che non aveva mai effettuato la vaccinazione, tutte residenti nella Zona Valdichiana. Nell aprile 7, in accordo con le indicazioni contenute nel Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita -7, è stato istituito il sistema di sorveglianza speciale del morbillo che prevede la segnalazione alle Asl, da parte del medico, entro ore dal sospetto di un caso, la conduzione di una indagine epidemiologica da parte della Asl, la conferma della diagnosi attraverso appropriate indagini di laboratorio, la compilazione di un modulo standard e la sua trasmissione immediata alla Regione Toscana e da questa al Ministero della Salute e al Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell Istituto Superiore di Sanità. Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita (PNEMoRc) -, obiettivi specifici: obiettivo. Raggiungere una copertura vaccinale >9% per la prima dose di morbillo e rosolia, entro i mesi di vita, a livello nazionale, regionale e di ASL e > 9 % in tutti i distretti. obiettivo. Raggiungere una copertura vaccinale >9% per la seconda dose di MPR entro il compimento del anno di età a livello nazionale, regionale e di ASL e > 9 % in tutti i distretti. 9

10 Malattie Infettive di classe III Le Malattie Infettive comprese nella terza classe del D.M. /99 sono la Lebbra, la Tubercolosi, le Micobatteriosi e la Malaria. Le notifiche di AIDS, incluse in questa classe, seguono un particolare flusso informativo che va dal medico direttamente alla Regione e al Ministero. Malaria Dal al sono stati notificati casi di Malaria, importati da Paesi dove la malattia è endemica. Il dato sull'esito della malattia è noto in tutti i casi, tra questi nel 7 è stato segnalato un decesso. Una disamina più dettagliata relativa alla specie di Plasmodio, Sesso e Nazionalità del caso, oltre al Paese in cui è stata contratta la malattia, verrà elaborata con la presentazione dei prossimi dati. numero casi Dati ASL anni Grafico 7 Confronto con dati regionali casi Toscana casi asl8 numero casi anni Grafico

11 Tubercolosi Le notifiche di tubercolosi dal 998 al sono state. A fronte di un andamento delle notifiche sostanzialmente stabile, se non in lieve flessione, e comunque di bassa endemia tubercolare, si rileva negli ultimi anni, u n a i n v e r s i o n e d i t e n d e n z a c o n un aumento in percentuale nei soggetti stranieri in analogia a quanto evidenziato anche a livello nazionale. I casi di malattia tubercolare segnalati vengono seguiti dal Servizio di Sanità Pubblica per la conferma e la definizione di caso e per la sorveglianza dei contatti, seguendo il Protocollo Regionale, già a partire dall'anno 99. * I dati dell'anno devono essere considerati suscettibili di incremento in quanto in attesa di conferma di casi già segnalati. ANNO Italiani S tranie ri T otale * 9 T O T AL E 89 Tabella Andamento della TB nella ASL8 nel periodo 998- n casi ITALIANI STRANIERI TOTALE anni Grafico

12 Riguardo all'età media dei pazienti questa è nettamente più elevata nei cittadini italiani, oltre anni, rispetto agli stranieri in cui sono maggiormente rappresentate le classi intermedie di età, tra e anni. La casistica è confermata dai dati nazionali sull'andamento della patologia rispetto alla popolazione. Andamento dell'età media nella ASL8 8 7, età (anni) 7 7,,9 7,,9, 8,9 7,,9,7,,,7,7,,,,,,8,,7, 9, ITALIANI STRANIERI anni Grafico Le notifiche trasmesse sono state 89 (%) nei maschi e (%) nelle femmine. Tale dato si discosta leggermente da quello dei cittadini stranieri dove il maggior numero di casi è rappresentato dal sesso femminile. Nella tabella si riportano anno per anno tutti i casi suddivisi tra maschi e femmine. SESSO ANNI MASCHI FEMMINE * 8 Tabella 7

13 A lato si riporta la nazionalità e il numero dei soggetti stranieri nel periodo considerato (di soggetti stranieri non è nota la nazionalità ). Paesi di provenienza Il maggior numero di casi proviene dalla Romania seguita dal Pakistan, India e Marocco. Gli altri casi hanno provenienze da numerosi Paesi dei vari continenti come meglio evidenziato in tabella. NAZIONAL ITA' 998- ALB ANIA ALGE RIA AR GE NTINA BANGLADE S H C ONGO C OS TA D'AVOR IO E C UADOR E TIOP IA F E D. R US S A F ILIP P INE FR ANCIA GUINE A INDIA INDONE S IA JUGOS LAVIA LAOS MACE DONIA MAR OC C O NIGE R IA P AK IS TAN 9 P E R U' P OLONIA R E P. DOMINIC ANA R OMANIA S E NE G AL S LOVAC CHIA S OMALIA 7 S P AG NA THAILANDIA TUNIS IA UGANDA Tabella 8

14 Riguardo alla sede anatomica l'interessamento polmonare costituisce la maggior parte di tutti i casi casi segnalati (77%). Tra le forme extrapolmonari le localizzazioni più frequenti sono state quelle pleuriche con n casi notificati e le linfonodali con n casi, seguono le genito-urinarie, n casi. Altre localizzazioni extrapolmonari sono state quelle ossee, si sono avute anche meningiti tubercolari e localizzazioni cutanee. TBC sede anatomica n casi EXTRAPOLMONARE POLMONARE anni Grafico 7 Il numero di casi di Tb polmonare bacillifera, indicando con questo la presenza di micobatteri tubercolari all' esame microscopico diretto dell'espettoraro, è stato in totale di (%), in maggioranza cittadini italiani rispetto agli stranieri fino all'anno, e con inversione di tendenza negli ultimi anni. L Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ogni anno vi siano oltre nove milioni di nuovi casi di tubercolosi e,7 milioni di decessi. La tubercolosi (TB), spesso ritenuta un flagello del passato, è sempre presente, anche sotto nuove forme, e colpisce non solo i paesi a reddito medio basso ma anche le nazioni ricche.

15 Malattie classe IV Focolai epidemici Nella ^ classe sono inseriti i Focolai epidemici di malattie infettive. Focolaio epidemico anno 8 anno 9 anno anno n. focolai Tigna Infez.Tossinf. alimentare n. casi n. focolai n. casi n. focolai n. casi n. focolai 8 Scabbia 9 Epatite A Morbillo Tabella 9 n. casi In relazione alla sorveglianza dei focolai epidemici delle tossinfezioni alimentari questa si connota come uno degli elementi del sistema nazionale di controllo degli alimenti. L importanza e l obbligo dell investigazione sono riportate nel Decreto Legislativo Aprile N 9 Attuazione della Direttiva /99/CE sulle misure di sorveglianza delle zoonosi e degli agenti zoonotici L'azienda unità sanitaria locale competente per territorio procede ad un'indagine sui focolai di tossinfezione alimentare. L'indagine ha lo scopo di acquisire dati sul profilo epidemiologico, sui prodotti alimentari eventualmente coinvolti e sulle cause potenziali del focolaio. L'indagine comporta inoltre l'esecuzione di idonei studi epidemiologici e microbiologici Lo stesso Decreto definisce quali sono i dati relativi ai focolai di malattie trasmesse da alimenti che devono essere rilevati: a) numero complessivo dei focolai in un anno b) numero di persone morte o colpite da infezione a causa dei focolai c) agenti responsabili dei focolai, e, ove possibile, sierotipo o altra descrizione definitiva di tali agenti. Qualora non sia possibile individuare l'agente responsabile dell'infezione, e' necessario spiegarne le ragioni d) prodotti alimentari implicati nel focolaio d'infezione ed altri veicoli di infezione potenziali e) identificazione della tipologia del luogo produzione /acquisto/ acquisizione e consumo del prodotto alimentare incriminato f) fattori collaterali, per esempio carenze igieniche nella trasformazione dei prodotti alimentari. Gli agenti patogeni responsabili dei focolai epidemici di tossinfezioni alimentari nella Asl8 sono stati: Salmonella, Clostridium Perfrigens e Norovirus.

16 Malattie classe V MALATTIE 8 9 ADENOVIROSI BORRELLIOSI DENGUE DERMATOFITOSI 9 ECHINOCOCCOSI ERISIPELA ERITEMA INFETTIVO EPATITE DA CITOMEGALOVIRUS FARINGITE/TONSILLITE STREPTOCOCCICA HERPES ZOOSTER INFEZIONE DA KLEBSIELLA INFEZIONE DA PNEUMOCOCCO INFEZIONE DA STREPTOCOCCO INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILIS MALATTIA DI LYME MENINGITE BATTERICA d.n.n.d. MENINGITE DA PNEUMOCOCCO MICOSI MONONUCLEOSI 9 9 ORNITOSI /PSITTACOSI PEDICULOSI 9 7 POLMONITE DA COXIELLA QUINTA MALATTIA SCABBIA 7 8 SEPSI MENINGOCOCCICA SINDROME BOCCA MANI PIED TENIASI YERSINIA Della classe V fanno parte tutte le malattie infettive non specificate nelle classi precedenti e le zoonosi indicate dal Regolamento di polizia veterinaria TOTALE 9 7 Tabella

17 Questo bollettino termina qui, possono essere richeste maggiori informazioni per ulteriore approfondimento ai dati ripo rta ti in questo report contattando: Rita Bindi U.F. Sanità Pubblica e IAN Zona Valdarno c/o Ospedale Santa Maria alla Gruccia, Montevarchi (AR) tel..97 centralino Ospedale tel..9 Fabrizia Verdelli U.F. Sanità Pubblica Zona Aretina c/o Ospedale San Donato Via P. Nenni, Arezzo tel. 7.9 centralino Ospedale tel. 7. Si riporta il collegamento alla Regione Toscana dove si possono trovare tutti i report del bollettino epidemiologico pubblicato fino all'anno e le tabelle degli aggiornamenti epidemiologici dal ad oggi: asset.html_ html Un ringraziamento particolare va a tutti i medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta, Specialisti e Medici Ospedalieri, che in questi anni costantemente ci hanno inviato le notifiche di Malattia Infettiva, permettendo l'elaborazione di questi dati e la conoscenza dell'andamento delle patologie infettive nel territorio della nostra Azienda. Si auspica che questa fondamentale collaborazione prosegua anche nel futuro, in modo sempre più ampio e accurato, affinchè questa conoscenza possa essere di aiuto per decisioni da intraprendere nella Sanità. A PRESTO 7

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Circolare n 4 del 13 marzo 1998 Protocollo 400.3/26/1189 MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte

Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Vaccinazioni pediatriche: le domande difficili Autore: Franco Giovanetti Dirigente medico Dipartimento di Prevenzione ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Il contenuto del presente documento può essere liberamente

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

QUADRIFOGLIO DIAPASON

QUADRIFOGLIO DIAPASON QUADRIFOGLIO DIAPASON POLIZZA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA Premessa A) Disciplina del contratto Il contratto è disciplinato dalle: CONDIZIONI GENERALI di assicurazione sulla vita; CONDIZIONI SPECIALI, relative

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c)

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) (a) Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Assessorato Politiche per la Salute Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Aggiornamento al 21 In questo rapporto sono presentati i dati del sistema di sorveglianza dell Emilia-Romagna

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è manifestata una crescente attenzione nei confronti

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 05/01/1959 Qualifica CAROTENUTO ADELE Dirigente Medico Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA

PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA PROTOCOLLO PER LA SORVEGLIANZA NAZIONALE DELLE MALATTIE INVASIVE DA MENINGOCOCCO, PNEUMOCOCCO ED EMOFILO E DELLE MENINGITI BATTERICHE IN ITALIA Versione 19 settembre 2014 1 PROTOCOLLO 2014: IN EVIDENZA

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli