B6-2. Valutazione e gestione delle lavoratrici madri a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "B6-2. Valutazione e gestione delle lavoratrici madri a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03"

Transcript

1 Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Valutazione e gestione delle lavoratrici madri a scuola MODULO B Unità didattica B6-2 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03

2 COMPITI DEL SPP VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI 1. VALUTAZIONE DEI RISCHI 2. DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE 3. INFORMAZIONE DEL PERSONALE

3 VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI VALUTAZIONE DEI RISCHI referenti di plesso, MC, RLS CONDIVIDERE, con tutte le figure interessate, i criteri di valutazione ESPLICITARE nel DVR le mansioni incompatibili con lo stato di gravidanza e quelle compatibili, eventualmente con l esclusione di alcune operazioni

4 Situazioni che motivano l astensione anticipata dal lavoro in gravidanza Postazione eretta: per più di metà dell orario di lavoro Uso di scale a pioli VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI Movimentazione carichi: se indice di rischio > 0,85 (con costante di peso 15 kg) Agenti biologici: citomegalovirus, attraverso urine e saliva soprattutto nella fascia di età 0-3 anni virus della rosolia e della varicella: rischio,nelle prime 20 settimane di gestazione, in assenza di copertura immunitaria o in caso di epidemia (in Veneto copertura vaccinale dei bambini alla rosolia)

5 VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI Situazioni che motivano l astensione anticipata dal lavoro in gravidanza utilizzo professionale di mezzi di trasporto: se la guida rientra nella mansione e per una significativa quota dell orario di lavoro traumatismi: limitatamente all assistenza di disabili psichiatrici rumore: se Lep uguale o superiore a 80 db(a) esposizione a sostanze chimiche: nel caso in cui il rischio comporti la sorveglianza sanitaria (superiore a rischio irrilevante per la salute )

6 VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI Situazioni che motivano l astensione dal lavoro in puerperio spostamento e sollevamento carichi: se prevista la sorveglianza sanitaria ovvero se indice di rischio > 1 (con costante di peso 15 kg) esposizione a sostanze chimiche: nel caso in cui il rischio comporti la sorveglianza sanitaria (superiore a rischio irrilevante per la salute ) traumatismi: limitatamente all assistenza di disabili psichiatrici

7 FATTORI E OPERAZIONI A RISCHIO INCOMPATIBILI CON LO STATO DI GRAVIDANZA Nido educatrici Rischio infettivo (citomegalovirus) Sollevamento carichi con indice di rischio 0,85 stazione eretta personale di assistenza Rischio infettivo (citomegalovirus) Sollevamento carichi con indice di rischio 0,85 stazione eretta cuoca e aiuto cuoca Sollevamento carichi con indice di rischio 0,85 Stazione eretta

8 FATTORI E OPERAZIONI A RISCHIO INCOMPATIBILI CON LO STATO DI GRAVIDANZA Scuola dell infanzia insegnanti 3-4 anni Sollevamento carichi Stazione eretta o posture incongrue Rischio infettivo (varicella se mancata copertura immunitaria) 4-5 anni Rischio infettivo (varicella se mancata copertura immunitaria) collaboratrici scolastiche Stazione eretta Sollevamento carichi con indice di rischio 0,85 Utilizzo di scale cuoca e aiuto cuoca Sollevamento carichi con indice di rischio 0,85 Stazione eretta

9 FATTORI E OPERAZIONI A RISCHIO INCOMPATIBILI CON LO STATO DI GRAVIDANZA Primaria Insegnanti Rischio infettivo (varicella se mancata copertura immunitaria) insegnanti di sostegno Traumatismi (in relazione alla disabilità degli allievi assistiti e alla presenza di assistenti polivalenti) Rischio infettivo (varicella se mancata copertura immunitaria) collaboratrici scolastiche mansione compatibile (evitando lavoro su scale a pioli, movimentazione carichi con indice di rischio 0,85) personale amministrativo mansione compatibile (eventualmente modificando le condizioni o l orario)

10 FATTORI E OPERAZIONI A RISCHIO INCOMPATIBILI CON LO STATO DI GRAVIDANZA Secondaria di 1 grado insegnanti mansione compatibile insegnanti di educazione fisica mansione compatibile (evitando la stazione eretta prolungata, attività di assistenza, Lep rumore 80 db(a) insegnanti di sostegno Traumatismi (in relazione alla disabilità degli allievi assistiti e alla presenza di assistenti polivalenti) collaboratrici scolastiche mansione compatibile (evitando lavoro su scale a pioli, movimentazione carichi con indice di rischio 0,85) personale amministrativo mansione compatibile (eventualmente modificando le condizioni o l orario)

11 FATTORI E OPERAZIONI A RISCHIO INCOMPATIBILI CON LO STATO DI GRAVIDANZA Secondaria di 2 grado insegnanti mansione compatibile insegnanti di educazione fisica mansione compatibile (evitando la stazione eretta prolungata, attività di assistenza, Lep rumore 80 db(a) insegnanti di sostegno Traumatismi (in relazione alla disabilità degli allievi assistiti e alla presenza di assistenti polivalenti) I.T.P e assistenti tecnici di laboratorio in base alla V.R del laboratorio di appartenenza collaboratrici scolastiche mansione compatibile (evitando lavoro su scale a pioli, movimentazione carichi con indice di rischio 0,85) personale amministrativo mansione compatibile (eventualmente modificando le condizioni o l orario)

12 VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE DI GESTIONE DSGA PREDISPORRE procedure di gestione, con il coinvolgimento del RLS e del DSGA che sovraintende l iter procedurale dell astensione e garantire i contatti con la DTL RLS

13 Procedure VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI lavoratrice certificato medico DS SPP cfr. valutazione richiesta posticipazione astensione obbligatoria DS INPS mansione idonea esonero operazioni a rischio/ cambio mansione mansione non idonea allontanamento + richiesta astensione anticipata DS DTL

14 Richiesta astensione anticipata e prolungamento post-partum VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI Certificazioni a cura del DS Richiesta posticipazione astensione obbligatoria cf gravidanza/parto + richiesta DS + estratto DVR Dichiarazione di mansione incompatibile e impossibilità allo spostamento Dichiarazione di mansione non a rischio + + cf ginecologo + domanda redatta dalla lavoratrice DTL INPS

15 VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI D.Lgs. 151/01 art. 17 comma 2 a) Astensione anticipata per problemi legati alla gravidanza L iter di richiesta è a cura solo della lavoratrice, non coinvolge la scuola Certificato ginecologo ASL

16 VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI INFORMAZIONE DEL PERSONALE RLS DEFINIRE, con il RLS, la modalità di diffusione delle informazioni delle lavoratrici e studentesse su esito valutazione e procedure REALIZZARE l informazione

17 VALUTAZIONE E GESTIONE LAVORATRICI MADRI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE PROCEDURE Check-list E stato interpellato il RSPP per tutti i casi di gravidanza? Per tutti i casi di gravidanza è stata trovata una corrispondenza nel DVR? Il DTL ha richiesto precisazioni e ha respinto le eventuali richieste di astensione anticipata inoltrate?

5.1b. Le lavoratrici madri CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

5.1b. Le lavoratrici madri CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Le lavoratrici madri CORSO DI FORMAZIONE PER 5.1b DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI SORVEGLIANZA SANITARIA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI. Egr. Sig. Lavoratori...

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI. Egr. Sig. Lavoratori... NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI Egr. Sig. Lavoratori... Oggetto: 1. Obblighi lavoratori ex artt. 20 e 44 D.Lgs. 81/2008. 2. Lavoratrici madri. 3.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI Egr. Sig. Lavoratori... Oggetto: 1. Obblighi lavoratori ex artt. 20 e 44 D.Lgs. 81/2008. 2. Lavoratrici madri. 3.

Dettagli

DOCUMENTI FORMAZIONE - INFORMAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA D.lgs. TESTO UNICO 81/2008

DOCUMENTI FORMAZIONE - INFORMAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA D.lgs. TESTO UNICO 81/2008 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo G. Diotti Casalmaggiore (Cremona) DOCUMENTI FORMAZIONE - INFORMAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA D.lgs. TESTO UNICO 81/2008 anno

Dettagli

ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA

ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA ATTIVITA E FATTORI DI RISCHIO INCOMPATIBILI CON LA GRAVIDANZA RISCHI LEGATI A CONDIZIONI PERSONALI In caso di disturbi, questi devono essere segnalati, perché possano essere presi gli opportuni provvedimenti.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE LAVORATRICI MADRI ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 6 Via dell Armonia, 77 06132 PERUGIA Tel. 075 774129 Fa 075 774688 e mail: pgic867009@istruzione.it Codice Fiscale 94152400548 Codice Meccanografico: PGIC867009 VALUTAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO TUTELA LAVORATRICI MADRI

INFORMATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO TUTELA LAVORATRICI MADRI INFORMATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO TUTELA LAVORATRICI MADRI ISTITUTO COMPRENSIVO GIORGIO GABER..VIA TRIESTE N.85 LIDO DI CAMAIORE (LU). DATA AGGIORNAMENTO: FEBBRAIO 2014 DIRIGENTE

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MATERNITÀ E PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA

VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MATERNITÀ E PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MATERNITÀ E PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA INDICE 1 SCOPO 2 2 APPLICABILITA E DECORRENZA.. 2 3 ANALISI DEI RISCHI... 3 4 SINTESI DEI RISCHI 3 5 DOCUMENTAZIONE 7 Pagina

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli

Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli Ist. Comprensivo di San Daniele" del Friuli VALUTAZIONE LAVORATRICI MADRI Rev 01 del 01/09/2012 Pagina 1 di 7 Istituto Comprensivo Statale di San Daniele del Friuli Sede Legale - Via Kennedy, 11-33038

Dettagli

estesa a 7 mesi dopo il parto ).

estesa a 7 mesi dopo il parto ). 4.2 L ASTENSIONE DAL LAVORO PRIMA DEL PARTO O ESTESA A 7 MESI DOPO IL PARTO PER MANSIONI O CONDIZIONI DI LAVORO A RISCHIO (SPOSTAMENTO AD ALTRE MANSIONI: ADEMPIMENTI IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E

Dettagli

Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS

Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS Circolare interna personale docente n. 92 Torino, 26/11/2014 Alle docenti al personale ATA al RLS OGGETTO: informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLAGIO OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA, PUERPERIO OD ALLATTAMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLAGIO OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA, PUERPERIO OD ALLATTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI BELLAGIO Via Vitali, 9 22021 Bellagio (CO) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LE LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA, PUERPERIO OD ALLATTAMENTO Ai Sensi del D. Lgs. 26 marzo 2001, n 151 Testo

Dettagli

Oggetto: Informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento D.L.vo n. 151/2001, D.L.vo n. 81/2008.

Oggetto: Informativa relativa alla sicurezza delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento D.L.vo n. 151/2001, D.L.vo n. 81/2008. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TRESCORE B.RIO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Via Lorenzo Lotto, 15-24069 TRESCORE BALNEARIO (BG) Tel 035/940086 Fax 035/945451 www.ictrescorebalneario.it

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

Servizio Prevenzione e Protezione. v.innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191

Servizio Prevenzione e Protezione. v.innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 1. SCOPO... 1 2. RIFERIMENTI... 1 3. DESTINATARI... 2 4. MODALITA OPERATIVE... 2 5. ALLEGATI... 4 1. SCOPO Lo scopo della presente Procedura è definire le modalità e le fasi di lavoro per l invio a Sorveglianza

Dettagli

DVR Appendice DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. 1 ISTITUTO COMPRENSIVO V. Veneto Comune di Lentini Prov. di Siracusa

DVR Appendice DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. 1 ISTITUTO COMPRENSIVO V. Veneto Comune di Lentini Prov. di Siracusa Rev. 01 27agosto 2014 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO V. Veneto Comune di Lentini Prov. di Siracusa DVR Appendice Relazione sulla valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza

Dettagli

PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI

PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI PROCEDURA TUTELA LAVORATRICI MADRI E GESTANTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 02/12/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 10/12/2009 Tutte le copie cartacee

Dettagli

Sistema gestione sicurezza. Istituto comprensivo di Cencenighe Anno sc. 2010-2011

Sistema gestione sicurezza. Istituto comprensivo di Cencenighe Anno sc. 2010-2011 Sistema gestione sicurezza Istituto comprensivo di Cencenighe Anno sc. 2010-2011 OCCUPARSI DI SICUREZZA = Pensare alla incolumità propria e degli altri Cioè a conservare in salute SALUTE : stato di benessere

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01)

Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DEL D.Lgs. 81/08 Documento di valutazione di rischi per la maternità (D.lgs 151/01) LAVORATRICI GESTANTI, PUERPEREO IN PERIODO DI ALLATTAMENTO Scopo

Dettagli

Alle docenti e non docenti interessate

Alle docenti e non docenti interessate ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVELLARA Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado Oggetto: Valutazione del rischio per la gravidanza ed il puerperio Premessa Alle docenti e non docenti interessate

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 28 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151

VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 28 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151 Rev. 0 Pag. 1 di 1 VALUTAZIONE DEL RISCHIO ai sensi dell art. 8 comma 1 del D. Lgs 81/08 ed in conformità al D.Lgs. 6 marzo 001, n. 151 TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE IN MATERIA DI TUTELA E

Dettagli

Punto 1 Introduzione. Punto 2 Oggetto e definizioni

Punto 1 Introduzione. Punto 2 Oggetto e definizioni LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE DI COMPORTAMENTO PER LA CORRETTA GESTIONE DELLA GRAVIDANZA, DEL PUERPERIO E DELL ALLATTAMENTO FINO A 7 MESI DOPO IL PARTO Punto

Dettagli

GESTIONE DELLA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO DELLE LAVORATRICI GESTANTI, PUERPERE O IN PERIODO DI ALLATTAMENTO In conformità a

GESTIONE DELLA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO DELLE LAVORATRICI GESTANTI, PUERPERE O IN PERIODO DI ALLATTAMENTO In conformità a GESTIONE DELLA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO DELLE LAVORATRICI GESTANTI, PUERPERE O IN PERIODO DI ALLATTAMENTO In conformità a quanto disposto dal D. Lgs. 26/03/2001 n 151 "Testo unico

Dettagli

Dr.ssa Carra Gabriella

Dr.ssa Carra Gabriella Dr.ssa Carra Gabriella Dipartimento della Prevenzione USL1 Massa Carrara UF PISLL 06-09-201 Scuola Don Milani Ronchi Marina di Massa Prodotto dall Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto in collaborazione

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI AI SENSI DEL DLGS 151/2001 E DLGS 81/2008 ISTITUTO COMPRENSIVO PIERACCINI FIRENZE- SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ISTITUTO PREMESSA La gravidanza

Dettagli

La sicurezza a scuola

La sicurezza a scuola La sicurezza a scuola dal dglv 626/94 al Dglv 81/08 Testo unico salute e sicurezza La valutazione dei rischi I principali fattori di rischio nell ambiente scolastico Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA E dopo il parto

LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA E dopo il parto PREVENZIONE E TUTELA LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE IN GRAVIDANZA E dopo il parto TUTELA DELLA MATERNITà D.Lgs. 151/2001 VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 81/2008 3 Premessa IL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione

Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione 1 2 Il dlgs 81/08 affida al medico competente una duplice funzione: 1 preventiva e collaborativa, da svolgere insieme al dl, il servizio di prevenzione protezione,rls e lavoratori, consistente nello svolgimento

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA

DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA Sommario SOMMARIO Presentazione... XIII Nota sull autore... XV Capitolo I DISPOSIZIONI GENERALI SULLA MATERNITA 1. Le fonti... 1 2. Le direttive comunitarie... 2 3. Soggetti tutelati, ambito di applicazione

Dettagli

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE

TECNICHE DI COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE FORMAZIONE TECNICHE DI personale scolastico (RISCHIO MEDIO) COMUNICAZIONE E METODOLOGIE DI EROGAZIONE DELLA INFORMAZIONE/FORMAZIONE Ex Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

MATERNITA E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

MATERNITA E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO MATERNITA E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO La tutela della salute delle lavoratici madri e del nascituro è un procedimento ampiamente applicato all interno delle Istituzioni scolastiche, frequentemente

Dettagli

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010 1/9 Azienda : (D.lgs 151/01) Il presente documento è finalizzato ad identificare la presenza di fattori di rischio per le lavoratrici madri e per individuare le misure di prevenzione e le procedure necessarie

Dettagli

INFORTUNI E PREVENZIONE

INFORTUNI E PREVENZIONE Analisi degli infortuni in ambito scolastico 3.3 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Analisi del fenomeno infortunistico INFORTUNI E PREVENZIONE

Dettagli

4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico

4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico 4.1 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Linee di indirizzo per

Dettagli

Dal citato documento risulta che, relativamente alle mansioni svolte dalla Sig.ra e precisamente (dettagliare mansioni svolte e orario giornaliero)

Dal citato documento risulta che, relativamente alle mansioni svolte dalla Sig.ra e precisamente (dettagliare mansioni svolte e orario giornaliero) Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà ai fini della richiesta di astensione anticipata di maternità o di post partum per mansioni e condizioni di lavoro a rischio ai sensi dell art. 17, lett.

Dettagli

Oggetto: NOTA INFORMATIVA PER LA TUTELA DELLA LAVORATRICE MADRE

Oggetto: NOTA INFORMATIVA PER LA TUTELA DELLA LAVORATRICE MADRE Dott.ssa laura Marcellini Medico Chirurgo Specialista in Medicina del Lavoro Via Franco Becci 14, 00139-Roma Cel. 347886499 Alla cortese attenzione di: Datore di Lavoro Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE II CIRCOLO TREZZANO SUL NAVIGLIO SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ALLEGATO 0. Data Per condivisione Elaborato da

DIREZIONE DIDATTICA STATALE II CIRCOLO TREZZANO SUL NAVIGLIO SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ALLEGATO 0. Data Per condivisione Elaborato da DIREZIONE DIDATTICA STATALE II CIRCOLO TREZZANO SUL NAVIGLIO SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ALLEGATO 0 Data Per condivisione Elaborato da R.L.S. REFERENTE SICUREZZA R.S.P.P. 29.09.2008 V. Verga Dirigente

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DELLE LAVORATRICI IN GRAVIDANZA E PUERPERIO Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027

Dettagli

LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE

LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE D I S P E N S A M O N O G R A F I C A Sommario 1. Fonti normative 2. Tutela delle lavoratrici madri in genere 3. Divieto di adibire le lavoratrici a lavori gravosi o pregiudizievoli

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

37.ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

37.ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO 01. Il lavoro implica la realizzazione di mansioni brevi e ripetitive 01.01. La durata del ciclo di lavoro è superiore a 15 minuti 01.02. Le mansioni sono sufficientemente variegate e prevedono un ciclo

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE DELLE LAVORATRICI MADRI LINEE DI INDIRIZZO PER L APPLICAZIONE DEL D. LGS. 151/01 ARTT. 7-8-11 e 12

TUTELA DELLA SALUTE DELLE LAVORATRICI MADRI LINEE DI INDIRIZZO PER L APPLICAZIONE DEL D. LGS. 151/01 ARTT. 7-8-11 e 12 TUTELA DELLA SALUTE DELLE LAVORATRICI MADRI LINEE DI INDIRIZZO PER L APPLICAZIONE DEL D. LGS. 151/01 ARTT. 7-8-11 e 12 Aggiornamento Maggio 2012 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE

Dettagli

Valutazione dei rischi a tutela della maternità

Valutazione dei rischi a tutela della maternità integrazione del documento di valutazione dei rischi redatto ai sensi del D.lgs. 81/2008 con le disposizioni dettate dal D.lgs. 151/2001 Istituto Comprensivo Statale Via Correggio 80 Busto Garolfo (Mi)

Dettagli

LA TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI

LA TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI Dipartimento di Sanità Pubblica Servizi Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro LA TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI NEGLI STUDI ODONTOIATRICI Il Parlamento italiano ha approvato il Decreto Legislativo

Dettagli

ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA TORRE DEL GRECO NA

ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA TORRE DEL GRECO NA ISTITUTO COLOMBO LAVORATRICI IN STATO DI GRAVIDANZA (redatto ai sensi del D.Lgs 81/2008 ) TORRE DEL GRECO NA Riferimenti normativi D. Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001: Testo unico delle disposizioni legislative

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO. Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO. Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014 La normativa vigente D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. -Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010

WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010 WOMEN IN CHANGE Modena, 27 marzo 2010 LEGISLAZIONE E NORMATIVE IN MATERIA DI TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DEL LAVORO AUSL di Bologna e Imola Dipartimento

Dettagli

PREMESSA METODO E CRITERI UTILIZZATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PREMESSA METODO E CRITERI UTILIZZATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PREMESSA In ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs. 151 del 26 Marzo 2001 testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno alla maternità e della paternità, a norma dell art.

Dettagli

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE In questa unità didattica approfondiremo la conoscenza di alcune figure, già viste in precedenza e che sono presenti anche nel nostro Istituto In particolare parleremo di: datore di lavoro: Dirigente Scolastico;

Dettagli

Modalità)applica,ve)del)D.Lgs)81/08)e)s.m.i.) nelle)scuole) )

Modalità)applica,ve)del)D.Lgs)81/08)e)s.m.i.) nelle)scuole) ) CONVEGNO'10'aprile'2014 'Applicazioni'pratiche'per'la' gestione'della'sicurezza'nell ambito'scolastico Modalitàapplica,vedelD.Lgs81/08es.m.i. nellescuole Relatore: Andrea'Costantino HSE'Senior'Consultant'Ecosafe'S.r.l.'

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 Obblighi in capo al DS/DL (art. 18 del D.Lgs. 81/08) Si possono così riassumere:

Dettagli

DA UNA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE AD UNA GESTIONE CONDIVISA DEL RISCHIO. Dott. Giuseppe Sergi AUSL Piacenza

DA UNA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE AD UNA GESTIONE CONDIVISA DEL RISCHIO. Dott. Giuseppe Sergi AUSL Piacenza DA UNA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE AD UNA GESTIONE CONDIVISA DEL RISCHIO Dott. Giuseppe Sergi AUSL Piacenza DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE Donna di 40 anni, peso 56 kg, altezza 164 cm Mansione

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51 RISCHIO BIOLOGICO Igiene : per garantire la salubrità ambientale è necessario che i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati; le pareti ed i soffitti non devono ravvisare la

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Viale Carlo Alberto dalla Chiesa, 1 Tel. 011/9882714 - fax 9829280- e-mail: toee17500q@istruzione.it 10088 VOLPIANO (TO)

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Viale Carlo Alberto dalla Chiesa, 1 Tel. 011/9882714 - fax 9829280- e-mail: toee17500q@istruzione.it 10088 VOLPIANO (TO) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Viale Carlo Alberto dalla Chiesa, 1 Tel. 011/9882714 - fax 9829280- e-mail: toee17500q@istruzione.it 10088 VOLPIANO (TO) Prot. n. 2484 Volpiano, 02.09.2013 Circ.n. 5 Agli insegnanti

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE COMUNE DI SANTA MARIA HOE Provincia di Lecco Piazza Mercato n. 2 23889 Santa Maria Hoè C.F. 85001330134 P. Iva 00666180138 Tel. 039.57316 Fax 039.57295 e-mail: protocollo@comune.santamariahoe.lc.it DOCUMENTO

Dettagli

1 PREMESSA... 3 2 SCOPO... 4 3 FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA... 4 4 FONTE NORMATIVA... 5 5 PROCEDURE ADOTTATE... 5 6. ATTIVITÀ SVOLTA...

1 PREMESSA... 3 2 SCOPO... 4 3 FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA... 4 4 FONTE NORMATIVA... 5 5 PROCEDURE ADOTTATE... 5 6. ATTIVITÀ SVOLTA... Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO NORI DE NOBILI Viale Umberto I n.18, Loc. Ripe, 60012 TRECASTELLI (AN) Tel. e Fax 071 795 9120 Codice Fiscale: 92015350421

Dettagli

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione.

AFP Linee guida SGSL. Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. AFP Linee guida SGSL Scuola sicura La scuola può e deve diventare il luogo primo e prioritario in cui si insegna e si attua la prevenzione. Argomenti I rischi legati al luogo di lavoro DRONERO Emergenza

Dettagli

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e

Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e 1 Per tutelare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è necessaria la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori finalizzata ad individuare le adeguate

Dettagli

GESTIONE DEL SISTEMA SICUREZZA E CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA

GESTIONE DEL SISTEMA SICUREZZA E CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA GESTIONE DEL SISTEMA SICUREZZA E CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA Edizione 2013 a cura di L. Bellina - A. Cesco Frare - S. Garzi - D. Marcolina Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nella

Dettagli

La direzione generale informa. La sorveglianza sanitaria in azienda

La direzione generale informa. La sorveglianza sanitaria in azienda La direzione generale informa La sorveglianza sanitaria in azienda 27/05/2015 Unità di Staff Ufficio del Medico Competente Resp. Dott. Nunzio Lo Cascio La sorveglianza sanitaria nell AOUP La sorveglianza

Dettagli

ASPETTI SANITARI E VIGILANZA

ASPETTI SANITARI E VIGILANZA ASPETTI SANITARI E VIGILANZA Ne consegue che la tutela della salute del lavoratore e fondamentale nel ns ordinamento giuridico; ma come si tutela la salute del lavoratore? 1)assicurando ambienti di lavoro

Dettagli

Compiti e obblighi del Medico Competente

Compiti e obblighi del Medico Competente DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA AREA DIPARTIMENTALE MONTAGNA U.O.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Il ruolo degli RLS nella prevenzione dei rischi di natura ergonomica e da sovraccarico

Dettagli

LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs.n 81 Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 Indicazioni

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE MADRE

TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE MADRE TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE MADRE La tutela della sicurezza e della salute della lavoratrice madre è governata dal D. Lgs. n. 81/2008 (Testo Unico della sicurezza sul lavoro)

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive IL NUOVO TESTO UNICO sulla SICUREZZA del LAVORO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI nelle industrie estrattive G. Luzzana - S. Piazzolla E. Arsuffi A. Angeretti SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI

Dettagli

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole Richiedente: Coordinatore Rete Autori risposta: Alessio Bruscagli (RSPP ISIS L. da Vinci - Firenze), Mario Romagnoli (RSPP IIS Elsa Morante - Firenze) Data validazione Coordinamento: 09/07/2012 Versione:

Dettagli

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info

ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info DATORE DI LAVORO LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA FORMAZIONE E INFORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI MEDICO COMPETENTE DIRIGENTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ANNO 2014 PROGRAMMA INTERVENTI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA OGGETTO: D. LGS. 81/08 E S.M.I. SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L impostazione del programma aziendale per

Dettagli

SICUREZZA DEL PERSONALE SCOLASTICO

SICUREZZA DEL PERSONALE SCOLASTICO LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEL PERSONALE SCOLASTICO Il D.lvo 81/2008 e le novità introdotte dagli Accordi Stato-Regione del 21 dicembre 2011 Accordo Stato- Regioni Attuazione delle disposizioni del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA. Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA. Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione LA GESTIONE DEL RISCHIO DA SOVRACCARICO BIOMECCANICO IN UNA AZIENDA SANITARIA Ing. Emiliano Bazzan Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione PREMESSA LA PROBLEMATICA IN DISCUSSIONE NELL INCONTRO E

Dettagli

I.C.S. di Almenno S. Salvatore "GIOVANNI XXIII " Viale Europa, 3 24031 ALMENNO S. SALVATORE (BG)

I.C.S. di Almenno S. Salvatore GIOVANNI XXIII  Viale Europa, 3 24031 ALMENNO S. SALVATORE (BG) I.C.S. di Almenno S. Salvatore "GIOVANNI XXIII " Viale Europa, 3 24031 ALMEN S. SALVATORE (BG) D V R G G PER DOCUMENTO di VALUTAZIONE dei RISCHI LE LAVORATRICI GESTANTI, PUERPERE ED IN ALLATTAMENTO FI

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

la sicurezza della provincia di Treviso)

la sicurezza della provincia di Treviso) RETE DI SCUOLE RES BEINASCO (TO) La formazione sulla sicurezza: da mero adempimento ad opportunità didattica SEMINARIO STO BENE A SCUOLA Beinasco, 11 dicembre 2013 Prof. Alberto Cesco-Frare (coordinatore

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA Gli obblighi e le opportunità per il datore di lavoro

MATERNITA E PATERNITA Gli obblighi e le opportunità per il datore di lavoro MATERNITA E PATERNITA Gli obblighi e le opportunità per il datore di lavoro Pubblicazione a cura di Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Venezia Direzione Territoriale del Lavoro di Venezia

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SULLA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO CON PROCEDURE STANDARDIZZATE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SULLA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO CON PROCEDURE STANDARDIZZATE Revisione 00 del Pag. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08 Realizzato secondo le procedure standardizzate

Dettagli

BOZZA a cura della Cisl Scuola

BOZZA a cura della Cisl Scuola BOZZA a cura della Cisl Scuola IPOTESI DI CONTRATTO INTEGRATIVO D'ISTITUTO Attuazione normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (CCNL art. 6 comma 2 lettera k) Istituto/Circolo - a.s./.. L'anno

Dettagli

Il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro e la valutazione dei rischi come processo condiviso e dinamico

Il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro e la valutazione dei rischi come processo condiviso e dinamico ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Area Ambiente e Sicurezza Il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro e la valutazione dei rischi come processo condiviso e dinamico Gestione della sicurezza e valutazione

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 L attività si è sviluppata attraverso tre linee di lavoro: 1. costituzione di reti provinciali e di un

Dettagli

C O M U N E d i C I R I E Provincia di Torino

C O M U N E d i C I R I E Provincia di Torino C O M U N E d i C I R I E Provincia di Torino ISTITUTO COMPRENSIVO CIRIE II VIA ROMA, 42 10073 CIRIE (TO) 011 9210031 011 9210168 Codice fiscale: 92047220014 - Codice Meccanografico: TOIC8AL00D TOIC8AL00D@istruzione.it

Dettagli

Sicurezza sul lavoro

Sicurezza sul lavoro AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 4 Personal Dienststelle für Arbeitsschutz PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 4 Personale Servizio di prevenzione e protezione Sicurezza

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

In riferimento alla nomina del Medico competente, di seguito sono disponibili

In riferimento alla nomina del Medico competente, di seguito sono disponibili In riferimento alla nomina del Medico competente, di seguito sono disponibili a) Fac - simile di lettera d invito per eventuale nomina b) Fac simile di lettera di conferimento incarico per Medico Competente

Dettagli

Testo commentato dell accordo Stato-Regioni sulla formazione ex art. 37 del D.Lgs. 81/08

Testo commentato dell accordo Stato-Regioni sulla formazione ex art. 37 del D.Lgs. 81/08 INDICE Presentazione Cap. I Introduzione e quadro normativo Cap. II Il progetto di monitoraggio Cap. III Presentazione e analisi dei risultati Cap. IV Note tecniche Cap. V Monitoraggio, panorama attuale

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

I.C. E.COMPARONI BAGNOLO IN PIANO

I.C. E.COMPARONI BAGNOLO IN PIANO I.C. E.COMPARONI BAGNOLO IN PIANO VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER LE LAVORATRICI GESTANTI, PUERPERE O IN ALLATTAMENTO DECRETO LEGISLATIVO 151/01 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prot. N 5138/A39 del 23/10/2014 1

Dettagli

LA SICUREZZA A SCUOLA Guida informativa per il personale docente, non docente, alunni e genitori

LA SICUREZZA A SCUOLA Guida informativa per il personale docente, non docente, alunni e genitori LA SICUREZZA A SCUOLA Guida informativa per il personale docente, non docente, alunni e genitori A cura del: Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione Pagina 1 di 28 0.

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

Dalla osservazione degli infortuni e incidenti alla cultura della prevenzione: l esperienza della Regione Piemonte

Dalla osservazione degli infortuni e incidenti alla cultura della prevenzione: l esperienza della Regione Piemonte Dalla osservazione degli infortuni e incidenti alla cultura della prevenzione: l esperienza della Regione Piemonte Antonella Bena Servizio di Epidemiologia ASL Torino 3 Milano, 10 dicembre 2014 Il contesto

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli